Sei sulla pagina 1di 2

LIRICA PATRIOTTICA DI MANZONI

Egli trattò spesso questo tema nelle sue opere perché era condizionato dal
periodo storico in cui ha vissuto. L’obiettivo della lirica patriottica di Manzoni
sono due: primo motivo perché ovviamente vivono in prima persona questi
episodi e quindi si sentono motivati a trattare questi temi, secondo motivo
perché molti autori utilizzano la lirica, la poesia, le opere, i romanzi per
spronare il popolo alla rivolta quindi per mandare un messaggio al popolo. le
opere dove Manzoni tratta in modo particolare questo tema sono catalogati
come opere patriottiche. le odi patriottiche famosissime sono il 5 maggio
Marzo 1821. Marzo 1821 fa riferimento ai moti che ci sono stati in Italia tra il
1820 e il 1821, mentre il 5 Maggio è dedicata a Napoleone. Nelle odi
patriottiche Manzoni non tralascia un altro tema importante e cioè il tema
religioso, soprattutto in Marzo 1821 Manzoni in un certo modo dice che Dio
autorizza i popoli a difendersi qualora siano minacciati.

LE TRAGEDIE

le due tragedie che Manzoni scrive, ispirandosi a Shakespeare ma anche a


Goethe, sono il Conte di Carmagnola e l'adelchi

Manzoni apporta delle novità alle tragedie e cioè: la tragedia storica e


quindi così come abbiamo visto per i romanzi ambienta in un diverso contesto
storico per evitare la censura, per evitare che l'opera non venga apprezzata
dal pubblico. Poi il rifiuto delle unità aristoteliche e quindi evitare il falso
del tempo, secondo Manzoni una tragedia non può essere raccontata
nell'arco di 24 ma deve avere un tempo prolingato o indefinito. Il coro
(PARTE DA RICORDARE E DA SPIEGARE) che ovviamente è la novità più
importante legata alle tragedie di Manzoni. il coro di Manzoni viene definito
da Manzoni stesso cantuccio perché esso ha il ruolo di contenere il vero
pensiero dell’autore in merito ad una vicenda storica senza esporsi.
Il conte di Carmagnola

Si narra la vicenda di un valoroso capitano, uomo onesto, nobile e sincero, che dopo
essere stato l’artefice della fortuna di Filippo Visconti, duca di Milano, il Conte di
Carmagnola entra in contrasto con il suo signore e passa al servizio del suo nemico, la
Repubblica di Venezia. Il conte di Carmagnola viene accusato ingiustamente di tradimento
e condannato a morte. Così Manzoni denuncia la sconfitta della nobiltà morale di fronte al
calcolo politico.
L’Adelchi

Viene rappresentata la fase conclusiva dello scontro tra Franchi e


Longobardi. Papa Adriano chiede l’aiuto al re dei Franchi, Carlo, per costringere Desiderio,
re dei Longobardi, a restituirgli i territori da lui occupati. Carlo ripudia la figlia di Desiderio,
mettendo da parte i propri sentimenti, e si prepara a scavalcare le Alpi per battersi con il
nemico. Tuttavia il ritrovamento di un passaggio inatteso permetterà ai Franchi di cogliere
alle spalle i Longobardi: il tradimento di alcuni duchi di Desiderio favorirà Carlo Magno,
Desiderio è fatto prigioniero dal re nemico, e il figlio Adelchi viene ferito a morte sul campo
di battaglia.
Gli avvenimenti storici fanno da cornice alle drammatiche storie personali di Adelchi,
contrario a questa guerra, obbedisce al padre e muore per lui e per Ermengarda, la quale
morirà per amore.

Potrebbero piacerti anche