Sei sulla pagina 1di 6

Fiscal News

La circolare di aggiornamento professionale

01.10.2013
N. 255
Unico: tardiva trasmissione da parte
degli intermediari
Sanzioni previste e ravvedimento
Categoria: Dichiarazione dei redditi
Sottocategoria: Sanzioni

Il modello Unico può essere presentato telematicamente sia dal contribuente che da un intermediario
abilitato. In questo secondo caso, l’intermediario, una volta accettato l’incarico di trasmettere la
dichiarazione, dovrà provvedere entro i termini previsti dalla legge.
Qualora i termini non vengano rispettati è passibile di sanzione, la quale potrà eventualmente essere
ravveduta.

Premessa Il modello Unico può essere presentato:

- in via telematica, direttamente dal contribuente. In tal caso il


contribuente dovrà essere abilitato al servizio Fisconline (se non è
tenuto a presentare la dichiarazione dei sostituti d’imposta o è tenuto a
presentarla nei confronti di un numero di soggetti inferiore a 20) o
Entratel;
- in via telematica, tramite un intermediario abilitato;
- a un ufficio locale dell’Agenzia delle Entrate, abilitato a prestare
assistenza per la compilazione, che ne cura anche l’invio telematico
(ma solo se il contribuente non è obbligato alla tenuta delle scritture
contabili);
- agli uffici postali, consegnando materialmente la dichiarazione firmata
dal contribuente. In tal caso i termini vanno dal 1° maggio al 30 giugno
dell’anno successivo a quello in cui i redditi si riferiscono. Possono
ricorrere a tale modalità di presentazione della dichiarazione solo i

1
Informat srl
Via Alemanni 1 - 88040 Pianopoli (CZ)
Tel. 0968.425805 - Fax 0968.425756 - E-mail: info@fiscal-focus.it
P. Iva 03046150797 www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info
contribuenti che non hanno la possibilità di utilizzare il modello 730
perché privi di sostituto d’imposta.

Qualora si scelga di trasmettere la dichiarazione in via telematica tramite un


intermediario abilitato la dichiarazione dovrà essere consegnata allo stesso in
tempo utile per il rispetto dei termini previsti: in caso contrario, l’intermediario
potrà rifiutarsi di firmare l’incarico a trasmettere la dichiarazione predisposta
dal contribuente. È invece, in ogni caso, obbligato a trasmettere le
dichiarazione da lui predisposte.

Le sanzioni in Nel caso di tardiva od omessa presentazione da parte dei soggetti abilitati alla
capo trasmissione telematica è prevista una sanzione che va dai 516,00 ai 5.164,00
all’intermediario euro.

Dichiarativo Sanzione
Dichiarazione dei redditi
Dichiarazione Irap Da € 516,00 a € 5.164,00
Dichiarazione annuale Iva
Modello 770

Si sottolinea, tuttavia, che con l’espressione “tardiva presentazione” da parte


dell’intermediario ci si riferisce anche al caso in cui l’intermediario effettui la
trasmissione oltre un mese dall’assunzione dell’impegno, nel caso in cui
l’impegno stesso sia stato assunto dopo la scadenza del termine per la
presentazione delle dichiarazioni.

Come chiarisce infatti la Circolare AE n.11/E del 2008, allorquando si stabilisce


che le dichiarazioni presentate con un ritardo superiore a novanta giorni si
considerano omesse va considerato che tale previsione si riferisce
esclusivamente al contribuente e non anche all’intermediario.
Pertanto vi sarà omessa trasmissione telematica da parte dell’intermediario
soltanto nei casi di trasmissione non effettuata affatto o non andata a buon
fine.

Per converso, vi sarà tardiva trasmissione telematica se questa viene effettuata


oltre il termine per la presentazione delle dichiarazione, benché l’impegno alla
trasmissione sia stato assunto prima della scadenza del suddetto termine.

2
Informat srl
Via Alemanni 1 - 88040 Pianopoli (CZ)
Tel. 0968.425805 - Fax 0968.425756 - E-mail: info@fiscal-focus.it
P. Iva 03046150797 www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info
CASI QUALIFICA
Trasmissione telematica effettuata
oltre il termine per la
presentazione delle dichiarazione, Tardiva presentazione della
ma impegno alla trasmissione dichiarazione
assunto prima della scadenza del
suddetto termine.

Trasmissione telematica effettuata


oltre un mese dall’assunzione
dell’impegno, nel caso in cui
Tardiva presentazione della
l’impegno stesso sia stato assunto
dichiarazione
dopo la scadenza del termine per
la presentazione delle
dichiarazioni

Trasmissione telematica non


effettuata affatto o non andata a Omessa trasmissione telematica
buon fine.

Si ricorda, in ogni caso, che, così come chiarito dalla Circolare 52/E del 2007,
qualora sia irrogata la sanzione per tardiva trasmissione telematica della
dichiarazione in capo all'intermediario, ciò non esclude che la sanzione per
tardiva presentazione possa essere irrogata in capo al contribuente, in quanto
il contribuente stesso è responsabile della verifica di tale adempimento.
Tuttavia, anche il contribuente potrà ricorrere al ravvedimento operoso,
definendo in misura ridotta la propria sanzione per la tardiva presentazione
della dichiarazione.

I modelli presentati in via telematica entro i termini di legge, ma scartati dal


sistema si considerano tempestivi a condizione che siano di nuovo trasmessi in
modo corretto entro 5 giorni dalla data della comunicazione avente a oggetto
l’avvenuto scarto.

Irrogazione Le sanzioni per tardiva od omessa presentazione della dichiarazione da parte


delle sanzioni dei soggetti abilitati alla trasmissione sono irrogate dalla direzione regionale
dell'Agenzia delle Entrate competente in ragione del domicilio fiscale del
trasgressore, anche sulla base delle segnalazioni inviate dagli uffici locali.
Così come chiarito dalla Risoluzione n. 105/2004 dell’Agenzia delle Entrate, la
sanzione amministrativa prevista si applica nei confronti di ogni dichiarazione,
anche se le dichiarazioni ricomprese in un unico file sono più di una.
In tal caso, infatti, non trova applicazione l’istituto del cumulo giuridico di cui
all'art. 12 del suddetto D.Lgs. 472/97.

3
Informat srl
Via Alemanni 1 - 88040 Pianopoli (CZ)
Tel. 0968.425805 - Fax 0968.425756 - E-mail: info@fiscal-focus.it
P. Iva 03046150797 www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info
Può però essere applicato il cumulo giuridico previsto dall’art. 8 della L. 689/81,
per cui può essere irrogata un’unica sanzione pari a quella prevista per la
violazione più grave, aumentata sino al triplo.
Tuttavia, qualora vengano inviati in tempi diversi più file, contenenti ciascuno
più dichiarazioni, saranno applicate tante sanzioni quanti sono i file, ciascuna
delle quali sarà calcolata tenendo conto del cumulo giuridico di cui sopra.

Per il versamento della sanzione per tardiva od omessa trasmissione


telematica delle dichiarazioni, a seguito di atti di contestazione e irrogazione è
previsto l’apposito codice tributo “9590”.
Si ricorda che è comunque ammessa la definizione agevolata con il pagamento
del quarto della sanzione irrogata, entro sessanta giorni dalla notificazione del
provvedimento.

È inoltre previsto:
- che gli atti di irrogazione delle sanzioni siano trasmessi agli Ordini o Collegi
professionali di appartenenza degli intermediari, per l'eventuale adozione di
ulteriori provvedimenti di natura disciplinare (a decorrere dall’1.1.2007);
- che vi possa essere la revoca dell'abilitazione alla trasmissione telematica in
caso di:
1. gravi o ripetute irregolarità nello svolgimento dell'attività di
trasmissione delle dichiarazioni;
2. adozione di provvedimenti di sospensione da parte dell'Ordine o del
Collegio di appartenenza del professionista;
3. revoca dell'autorizzazione allo svolgimento dell'attività di assistenza
fiscale da parte dei CAF.

Ravvedimento Anche con riferimento alla sanzione per omessa o tardiva trasmissione
operoso telematica da parte dell'intermediario è applicabile l’istituto del ravvedimento
operoso.
Ovviamente, per poter ricorrere al ravvedimento operoso è necessario che vi
sia una dichiarazione valida, sebbene tardivamente presentata.
Sono infatti considerate valide soltanto le dichiarazioni presentate entro
novanta giorni dalla scadenza del termine, mentre le dichiarazioni presentate
con ritardo superiore a novanta giorni si considerano omesse, ma costituiscono,
comunque, titolo per la riscossione delle imposte dovute in base agli imponibili
in esse indicati e delle ritenute indicate dai sostituti d’imposta.

Cumulo delle Può accadere che un’unica omissione comporti più violazioni.
sanzioni nel Si pensi ai seguenti casi:
ravvedimento - tardiva presentazione di un file contenente più dichiarazioni;

4
Informat srl
Via Alemanni 1 - 88040 Pianopoli (CZ)
Tel. 0968.425805 - Fax 0968.425756 - E-mail: info@fiscal-focus.it
P. Iva 03046150797 www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info
- tardiva presentazione del modello Unico che contiene varie
dichiarazioni (IVA – Redditi).

Qualora l’intermediario volesse rimediare con un ravvedimento operoso, come


dovrebbe agire?

CASI IMPORTI DA RAVVEDERE


L’intermediario dovrà fare riferimento
alle sanzioni applicabili per ciascuna
dichiarazione omessa o tardiva. Infatti,
File contenente più dichiarazioni ai fini del ravvedimento le singole
violazioni non possono essere
cumulate giuridicamente, ma devono
essere definite singolarmente.
L’intermediario potrà ravvedere
versando un’unica volta la sanzione
Modello Unico contenente diversi
ridotta, così come chiarito nella
dichiarativi
Circolare dell’Agenzia delle entrate n.
11/E del 2008.

Casi pratici ESEMPIO A

Il 19.07.2013 l’intermediario ha ricevuto dal contribuente il modello UnicoPF,


firmando, alla stessa data, l’impegno a trasmettere.
Nel modello sono comprese la dichiarazione dei redditi e la dichiarazione Iva.
Il 30.09.2013 non ha trasmesso il modello.
Il modello Unico è stato inviato il 18.10.2013 (indicando il 19.07.2013 quale
data di impegno alla trasmissione)
Per poter correttamente ravvedere sarà necessario versare:
– 50 euro con codice tributo 8911 (pari a 25 euro moltiplicato per 2
dichiarazioni), al fine di poter regolarizzare la situazione in capo al
contribuente;
– versare la sanzione ridotta pari a € 51 (ovvero 1/10 di euro 516,00), con il
codice tributo “8924”, per la tardiva presentazione telematica da parte
dell’intermediario.

5
Informat srl
Via Alemanni 1 - 88040 Pianopoli (CZ)
Tel. 0968.425805 - Fax 0968.425756 - E-mail: info@fiscal-focus.it
P. Iva 03046150797 www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info
ESEMPIO B

Il 7.10.2013 un contribuente si rivolge all’intermediario per la trasmissione del


modello UnicoPF (redditi e Iva)
L’intermediario accetta di ricevere il modello e firma l’impegno alla
trasmissione alla data del 7.10.2013.
L’intermediario trasmette telematicamente il modello Unico13 PF in data
24.10.2013 (entro un mese dal giorno 7.10.2013).

In tal caso sarà necessario versare soltanto:


- 50 euro con codice tributo 8911 (pari a 25 euro moltiplicato per 2
dichiarazioni), al fine di poter regolarizzare la situazione in capo al
contribuente.

L’intermediario non è invece sanzionabile, in quanto ha trasmesso la


dichiarazione entro un mese dalla data di impegno a trasmettere.

- Riproduzione riservata -

6
Informat srl
Via Alemanni 1 - 88040 Pianopoli (CZ)
Tel. 0968.425805 - Fax 0968.425756 - E-mail: info@fiscal-focus.it
P. Iva 03046150797 www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info

Potrebbero piacerti anche