Sei sulla pagina 1di 6

I PIANETI TERRESTRI

• SONO I PIANETI PIÙ CALDI E VICINI A SOLE, COMPOSTI


SOPRATTUTTO DA ROCCIA E METALLO;
• IL TERMINE “ TERRESTRI “ DERIVA DAL NOME DEL
NOSTRO PIANETA, ADOTTATO PER INDICARE I PIANETI INTERNI;
• FINO AL 2006 PLUTONE ERA CONSIDERATO TERRESTRE, DI
LI IN POI VENNE CONSIDERATO NANO;

Struttura
HANNO UNA STRUTTURA MOLTO SIMILE:
UN NUCLEO CENTRALE METALLICO;
UN MANTELLO DI SILICATI;
UNA CROSTA FORMATA DA OSSIDI;

La Terra

• È il terzo pianeta del sistema solare, è il più grande tra i pianeti, sulla
super cie si trova l’acqua, in tutti gli stati di aggregazione. L’atmosfera è
composta da azoto e ossigeno che protegge dalle radiazioni solari. La terra
possiede un satellite naturale, la luna. È l’unico luogo dove c’è vita.
La sua formazione avvenne circa 4,54 miliardi di anni fa. L’asse di rotazione
terrestre è inclinato rispetto alla perpendicolare al piano dell’eclittica:
Quest’inclinazione causa l’alternativa delle stagioni.

• Circa il 71% della super cie è coperta da oceani e 29% da continenti e isole.
La super cie è suddivisa in placche tettoniche che si spostano lungo la
super cie, l’interno è formato da un mantello e un nucleo dove si genera il
campo magnetico. La luna genera il fenomeno delle maree e ha lentamente
modi cato la lunghezza del periodo della rotazione della terra rallentandolo.
fi
fi
fi
fi

fi


Marte
• Marte è il quarto pianeta del sistema solare per distanza dal sole ed è l’ultimo dei pianeti
terrestri, prende il nome dalla divinità romana. Presenta una temperatura tra -120°C e
-14°C, ha un’atmosfera quasi assente, ma è comunque il più simile alla terra. Sulla sua
super cie sono presenti formazioni vulcaniche, valli e deserti sabbiosi e ci sono due grandi
formazioni geologiche: l’Olimpus Mons, vulcano più alto del sistema solare (27km) e le
Valles Marineris.
• Ha l’inclinazione dell’asse di rotazione e la durata del giorno simili alla terra, è però assente
l’attività tettonica delle placche. Con l’atmosfera assente non riesce a bloccare le meteore
che spesso colpiscono il pianeta. Attorno al pianeta orbitano due satelliti naturali, Phobos e
Deimos, con forma irregolare e piccole dimensioni.
fi


Venere
• È il secondo pianeta per distanza dal sole ed è il più brillante dopo il sole e la luna. È
avvolto da una nube che oscura la super cie e rende impossibile determinare il periodo di
rotazione sulla base dell’osservazione, però con le tecniche radar è possibile studiarne il
moto. La temperatura del suolo è moto alta ( 446°C / 482°C ) che lo rende inospitale. È
occupato maggiormente da pianure desertiche, regioni montuose e vulcani che possono
ancora essere in attività,infatti gran parte di venere è coperta da lava solidi cata, tuttavia
non si osservano crateri.
• La sua massa è 4.869 x 10 alla 27sima e il suo diametro è 12.13 km. La sua distanza media
dal sole è 108,2 M di km.
• Quando viene osservata dalla terra, la super cie appare in tre fasi: totalmente illuminata,
parzialmente illuminata, totalmente scura in base alla osizione terra-sole-venere.
• Venere e le nubi ruotano in senso retrogrado ( in senso inverso rispetto agli altri pianeti ).

fi
fi
fi


Mercurio
• Mercurio è il più vicino al sole. Presenta la maggior escursione termica tra tutti i pianeti
andando da -173°C della notte a 427°C del giorno. Non ha un’atmosfera e ha una
super cie piena di crateri.
• Mercurio è visibile per 6 periodi l’anno, con 3 apparizioni la mattina e 3 la sera. È il piu
piccolo del sistema solare e ha un’orbita più eccentrica, meno circolare, che è 15 volte
superiore alla terra.
• Non ha un’atmosfera ma se l’avesse svolgerebbe un ruolo nella ridistribuzione del calore.
In ne Mercurio è geologicamente inattivo da miliardi di anni.
fi
fi


GRAZIE
DELL’ATTENZIONE!
Valentina Puglisi, Adele Consoli,
Manuel Lamari, Antonio Leoncu

Potrebbero piacerti anche