Sei sulla pagina 1di 24

D. Lgs.

152/2006 – emissioni di COV


attività coinvolte
Data di entrata in vigore in 12 marzo 2004
Italia del recepimento F (entrata in vigore del D.M. 44/2004, sostituito dal D.Lgs.
della Direttiva 1999/13/CE 152/06)
Finalità Prevenzione e riduzione degli effetti diretti e indiretti delle
emissioni di composti organici volatili
Attività coinvolte • stampa offset, • impregnazione legno
caratterizzate da soglie rotocalcografica, flessografica • rivestimento di cuoio
minime di consumo di ecc. • fabbricazione calzature
solvente indicate in Allegato • pulizia di superfici • stratificazione legno e
III, parte II • rivestimento di autoveicoli plastica
• verniciatura in continuo (coil • rivestimenti adesivi
coating) • fabbricazione vernici,
• rivestimento di metalli, adesivi, inchiostri
plastica, tessuti, film, carta • conversione della gomma
• rivestimento di filo • estrazione olio vegetale
• pulitura a secco • fabbricazione prodotti
• rivestimento legno farmaceutici

giugno 2008 IBS Analysis 1


D. Lgs. 152/2006 – emissioni di COV
campo di applicazione

Attività Soglia consumo Attività Soglia consumo


solvente t/anno solvente t/anno
Rivestimento adesivo > 5 t/anno Fabbricazione calzature > 5 t/anno

Rivestimento auto nuove, > 0.5 t/anno Fabbricazione vernici, > 100 t/anno
autocarri, rimorchi, ecc. inchiostri, adesivi, ecc.

Rivestimento metalli, > 5 t/anno Fabbricazione prodotti > 50 t/anno


plastica farmaceutici

Rivestimento legno > 15 t/anno Stampa flessografica > 15 t/anno

Rivestimento tessuti e > 5 t/anno Stampa offset, laminazione > 15 t/anno


film di carta e stampa

Rivestimento di cuoio > 10 t/anno Rotocalcografica per > 25 t/anno


riviste, opuscoli, ecc.
Coil coating > 25 t/anno Rotocalcografica > 15 t/anno
Pulitura a secco - Offset da rotolo > 30 t/anno

giugno 2008 IBS Analysis 2


D. Lgs. 152/2006 – emissioni di COV
campo di applicazione
Attività Soglia consumo Attività Soglia consumo
solvente t/anno solvente t/anno
Laccatura materiale > 15 t/anno Finitura autoveicoli 0.5 t /anno
flessibile carrozzeria ritocco • •
Conversione gomma > 15 t/anno Rivestimento di filo > 5 t/anno

Pulizia superfici > 1 t/anno Impregnazione legno > 25 t /anno


solventi R 45,46,49,
60, 61 - R 40, 68
Pulizia superfici con > 2 t/anno Stratificazione legno e > 5 t /anno
Altri solventi plastica
Estrazione olio > 10 t /anno
vegetale
• attività ora disciplinata dal D.Lgs. 161/2006 (recepimento Direttiva 2004/42/CE)

giugno 2008 IBS Analysis 3


D. Lgs. 152/2006 – emissioni di COV

adempimenti per impianti che determinano


emissioni di COV
Nuovi impianti, Tutti i nuovi impianti devono:
modifiche • essere autorizzati (art. 269 e 275 D.Lgs. 152/06)
Sostanziali Tutti i nuovi impianti si devono conformare:
• Ai valori limite di emissione al camino (All. III parte III)
• Ai valori limite di emissione diffuse (All. III parte III)
• oppure ai valori limite di emissione totale (individuati in
All. III, parte III e IV)
Impianti esistenti Tutti gli impianti esistenti devono:
• rispettare le limitazioni previste entro il 31.10.2007
• nel caso di adozione del piano di riduzione di cui all’All. III
parte IV conformarsi all’adeguamento intermedio entro il
31.10.2005
Fper gli impianti esistenti alla data del 12 marzo 2004 doveva essere presentata, entro il 12
marzo 2005, una relazione tecnica descrittiva dell’attività, delle emissioni, delle tecniche di
riduzione, nonché un eventuale progetto di adeguamento delle emissioni stesse

giugno 2008 IBS Analysis 4


D. Lgs. 152/2006 – emissioni di COV

adempimenti per impianti che determinano


emissioni di COV

Impianti esistenti (al 12 marzo 2004)

Contenuto della relazione tecnica da presentarsi entro il 12.3.2005


§ descrizione dell’attività
§ descrizione delle tecnologie per prevenire l’inquinamento
§ descrizione della qualità e della quantità delle emissioni con riferimento alle
limitazioni stabilite
§ descrizione dell’eventuale progetto di riduzione delle emissioni da adottarsi al fine di
poter rispettare le limitazioni previste.
F Il gestore attua il progetto di adeguamento con
le modalità indicate nel progetto stesso
F Attività effettuate esclusivamente da macchinari e sistemi non fissi o da
operazioni manuali, in esercizio prima del D.Lgs. 152/06 – parte quinta – devono
richiedere specifica autorizzazione entro il 29.10.2006 e comunque adeguare le
emissioni di COV entro il 31.10.2007.

giugno 2008 IBS Analysis 5


D. Lgs. 152/2006 – emissioni di COV

emissioni di COV

Attività di ridotte dimensioni


§ Collocate nella fascia di soglia di consumo più bassa dei punti 1, 3, 4, 5,
8, 10, 13, 16, 17 dell’Allegato III;
§ per gli altri punti dell’Allegato III attività con consumo di solvente inferiore
10 t /anno.

Modifica sostanziale
§ per attività di ridotte dimensioni : una modifica del consumo massimo
teorico di solventi che comporti un aumento delle emissioni di composti
organici volatili > 25 %

• per tutte le altre attività : una modifica del consumo massimo teorico di
solventi che comporti un aumento delle emissioni di composti organici volatili
> 10 %.

giugno 2008 IBS Analysis 6


D. Lgs. 152/2006
Classificazione dei composti organici volatili

D.Lgs. 152/06 – Allegato I parte II D.Lgs. 152/06 – Allegato III parte I e III
(ex D.M. 12.7.90 – Allegato 1) (ex D.M. 44/2004)
Classe Flusso di Limite a Flusso di massa Limite al camino
massa camino
Tab A 1 cancerogene R 45, R 46, R 49, R 60, R 61

Classe I ≥ 0.5 g/h 0.1 mg/Nm3


Classe II ≥ 5 g/h 1 mg/Nm3 ≥10 g/h 2 mg/Nm3
Classe III ≥ 25 g/h 5 mg/Nm3

Tab. D
Classe I ≥25 g/h 5 mg/Nm3 20 – 150 mg C /Nm3

Classe II ≥ 100 g/h 20 mg/Nm3 ≥ 100 g/h 20 mg/Nm3


R 40 – R 68 R 40 – R 68
Classe III ≥ 2 kg/h 150 mg/Nm3
Classe IV ≥ 3 kg/h 300 mg/Nm3 20 – 150 mg C /Nm3
Classe V ≥ 4 kg/h 600 mg/Nm3

giugno 2008 IBS Analysis 7


D. Lgs. 152/2006
Richiamo significato frasi di rischio
• R 45 – può provocare il cancro

• R 46 – può provocare alterazioni genetiche ereditarie

• R 49 – può provocare il cancro per inalazione

• R 60 - può ridurre la fertilità

• R 61 – può danneggiare i bambini non ancora nati

• R 40 – possibilità effetti cancerogeni, prove insufficienti

• R 68 – possibilità effetti irreversibili

giugno 2008 IBS Analysis 8


D. Lgs. 152/2006
definizioni utili

• Composto organico volatile (COV): composto organico che


abbia a 293,15 °K una pressione di vapore = 0,01 kPa, o una
volatilità corrispondente in particolari condizioni d’uso.
• Emissione: qualsiasi sostanza solida, liquida, gassosa
introdotta nell’atmosfera che possa causare inquinamento
atmosferico.
• Emissione convogliata: emissione di un effluente gassoso
effettuata attraverso uno o più appositi punti.
• Emissione diffusa: emissione diversa dall’emissione
convogliata.
• Emissione tecnicamente convogliabile: emissione diffusa
che deve essere convogliata sulla base delle migliori tecniche
disponibili.
• Emissione totale: somma delle emissioni diffuse e convogliate.

giugno 2008 IBS Analysis 9


D. Lgs. 152/2006
tipologia limiti di emissione
• Limite in concentrazione: rapporto tra la massa di sostanza
inquinante emessa e il volume dell’effluente gassoso (es.
mg/Nm3)
• Flusso di massa: massa di sostanza inquinante emessa per
unità di tempo (es: g/h)
• Percentuale: rapporto tra massa di sostanza inquinante emessa
e massa della stessa sostanza inquinante utilizzata (riferito a
100)
• Fattore di emissione: rapporto tra la massa di sostanza
inquinante emessa e misura specifica di prodotto (es: g COV / m2
superficie verniciata)
• Soglia di rilevanza dell’emissione: flusso di massa, per singolo
inquinante, misurato a monte di eventuali impianti di
abbattimento, al di sotto del quale non si applicano i valori limite
di emissione.

giugno 2008 IBS Analysis 10


D. Lgs. 152/2006 parte quinta
Allegato III parte III : esempi di soglie di consumo
e limiti di emissione
Attività Soglia di Limite Emissione Emissione Disposizioni speciali
(consumo consumo emissione a diffusa totale
solvente t/anno) solvente camino (% su input di
t/anno mg C /Nm3 solvente)

Stampa offset = 25 § 100 30 • L’eventuale • il residuo dii solvente nel


valore di prodotto finito non va
> 15 > 25 20 30 • emissione totale considerato parte delle
si determina emissioni diffuse
secondo la
procedura
indicata nella
parte IV

Verniciatura in - 50 • 5‚ L’eventuale • per gli impianti che


valore di riutilizzano il solvente
continuo (coil recuperato il limite è di 150 mg
emissione totale
coating) C /Nm 3
si determina
> 25 secondo la ‚ per attività in esercizio al
procedura 29.4.2006 il valore limite è del
indicata nella 10 %
parte IV

§ - attività di ridotte dimensioni

giugno 2008 IBS Analysis 11


D. Lgs. 152/2006 parte quinta
Allegato III parte III : esempi di soglie di consumo
e limiti di emissione

Attività Soglia di Limite Emissione diffusa Emissione Disposizioni speciali


(consumo consumo emissione a (% su input di totale
solvente t/anno) solvente camino solvente)
t/anno mg C /Nm3

Rivestimento = 15 § 100 • „ 25 „ L’eventuale • applicazione ed


metalli, plastica valore di essiccamento del
> 15 50 / 75 20 „ emissione totale rivestimento in condizioni di
(comprese ‚ƒ„ si determina confinamento
superfici di secondo la ‚ il primo valore concerne i
aeroplani, navi, procedura processi di essiccazione, il
treni) indicata nella secondo quelli di
parte IV applicazione del
tessuti, film e
rivestimento
carta
>5
ƒ per gli impianti di rivestimento di tessili che consentono di riutilizzare i solventi recuperati il limite di emissione applicato ai processi di
applicazione ed essiccazione, considerati insieme, è di 150 mg/Nm3
„ le attività di rivestimento che non possono essere svolte in condizioni di confinamento (costruzione navi, verniciatura aerei) possono essere
esonerate da questi valori
… l ‘offset da rotolo su tessili è compresa nel punto della stampa (punto 3.2)

§ - attività di ridotte dimensioni

giugno 2008 IBS Analysis 12


D. Lgs. 152/2006 parte quinta
Allegato III parte III : esempi di soglie di consumo
e limiti di emissione
Attività Soglia di Limite emissione Emissione Emissione Disposizioni
(consumo consumo a camino diffusa totale speciali
solvente mg C /Nm3 (% su input di
solvente
t/anno) t/anno solvente)

Fabbricazione di = 1000 § 150 5 5 % input di Il valore di emissione


vernici, solvente diffusa non comprende
il solvente venduto,
inchiostri, come parte integrante
adesivi 3 % input di
del preparato per
> 1000 150 3 solvente
> 100 rivestimenti, in un
contenitore sigillato

Pulizia di =5§ 20 ‚ 15 L’eventuale valore • qualora siano


superfici • di emissione utilizzati composti R45,
totale si determina R46, R49, R60, R61 –
>1 >5 20 ‚ 10 secondo la R40, R68
procedura ‚ il limite si riferisce
indicata nella alla massa del singolo
parte IV composto, e non al C

Altri tipi di = 10 § 75 • 20 • L’eventuale valore • limiti non applicati se


pulizia superfici di emissione si dimostra che il tenore
totale si determina medio di solvente
>2 > 10 75 • 15 • secondo la organico non supera il
procedura 30% in peso
indicata nella
parte IV
§ - attività di ridotte dimensioni

giugno 2008 IBS Analysis 13


D. Lgs. 152/2006 parte quinta
Allegato III parte III – appendice 1: esempi di soglie di consumo e
limiti di emissione per attività rivestimento autoveicoli
Attività Soglia di produzione Emissione totale Emissione totale
(consumo solvente (produzione annuale Espresso come fattore di Per attività art. 275
in t /anno) prodotto rivestito) emissione commi 8 e 9 •

Rivestimento autovetture > 5000 45 g/m2 o 60 g/m2 o


nuove 1,3 kg / carrozzeria + 33 g/m2 1,9 kg / carrozzeria + 41 g/m2
> 15
= 5000 monoscocche o 90 g/m2 o 90 g/m2 o
> 3500 telai 1,5 kg/ carrozzeria + 70 g/m2 1,5 kg/ carrozzeria + 70 g/m2

Rivestimento cabine = 5000 65 g/m2 85 g/m2


autocarri nuovi
> 15 55 g/m2 75 g/m2
> 5000

• comma 8 – impianti autorizzati prima del 13 marzo 2004


comma 9 – attività effettute esclusivamente da macchinari e sistemi non fissi

Impianti con soglie di consumo < ai valori in tabella devono rispettare i limiti indicati in Tab. 1, parte III, Allegato III

giugno 2008 IBS Analysis 14


D. Lgs. 152/2006 - parte quinta
Classificazione dei composti organici volatili

Meriti della classificazione


• Identifica a livello generale (nazionale, europeo) un comune giudizio
di pericolosità e, di conseguenza, limiti alle emissioni più o meno
restrittivi
• Orienta le scelte del mondo industriale verso sostanze meno
pericolose

F Con l’eccezione delle sostanze caratterizzate dalle frasi di


rischio R45, R46, R49, R60, R61, R40, R68, sono messe sullo
stesso piano tutte le sostanze organiche volatili usualmente
utilizzate nei prodotti vernicianti, negli adesivi, negli inchiostri,
nei diluenti, ecc.

giugno 2008 IBS Analysis 15


D. Lgs. 152/2006 - parte quinta
Classificazione dei composti organici volatili

Tre parametri non considerati dalla Direttiva VOC e dal D.Lgs. 152/06 ma che
sono importanti per la valutazione di un composto organico volatile

• ODP – potenziale di impoverimento dell’ozono stratosferico

• POCP – potenziale di reattività al suolo

• GWP – potenziale di riscaldamento dell’atmosfera

F L’ ODP è ripreso nella normativa europea sulle sostanze lesive l’ozono


stratosferico;

F POCP e GWP non sono al momento presi in considerazione dalla normativa


ambientale

giugno 2008 IBS Analysis 16


D. Lgs. 152/2006 - parte quinta
Controllo di COV ai camini di emissione

• Per le sostanze o i preparati cui sono assegnate le frasi di rischio


R45, R46, R49, R60, R61, R 40, R 68 il valore limite di emissione
è riferito alla somma delle masse dei singoli composti (vedi
metodo UNI EN 13649).

• Per tutte le altre sostanze organiche volatili i limiti ai camini di


emissione sono espressi in mg di C/Nm3 (vedi metodi UNI EN
12619 e UNI EN 13526).

giugno 2008 IBS Analysis 17


D. Lgs. 152/2006 - parte quinta
Controllo di COV ai camini di emissioni

• UNI 10169 – determinazione della velocità e della portata di flussi


gassosi convogliati per mezzo del tubo di Pitot.

• UNI EN 13649 – determinazione della concentrazione in massa di


singoli composti organici in forma gassosa (adsorbimento su carbone
attivo,desorbimento con solvente e determinazone gas-
cromatografica).

• UNI EN 12619 – determinazione della concentrazione in massa del


carbonio organico totale in forma gassosa a basse concentrazioni
(< 20 mg/Nm 3) – metodo in continuo con rilevatore a ionizzazione di
fiamma.

• UNI EN 13526 – determinazione della concentrazione in massa del


carbonio organico totale in forma gassosa in effluenti gassosi
provenienti da processi che utilizzano solventi (concentrazioni > 20
mg/Nm 3) – metodo in continuo con rilevatore a ionizzazione di
fiamma.

giugno 2008 IBS Analysis 18


D. Lgs. 152/2006 - parte quinta
applicazione Allegato III parte IV
piano di riduzione delle emissioni di COV
- prescrizioni alternative alla parte III -

Modalità per di calcolo

Massa totale solida annua X fattore tipico del settore


=
Emissione annua di riferimento

Emissione annua di riferimento X valore emissione diffusa + 15 (o + 5)


=
Emissione bersaglio
(quantità max annua di cov da conseguire entro il 31.10.2007)

Emissione bersaglio X 1,5


(quantità max annua di cov da conseguire entro il 31.10.2005)

giugno 2008 IBS Analysis 19


D. Lgs. 152/2006 - parte quinta
applicazione Allegato III parte IV
piano di riduzione delle emissioni di COV

Attività Fattore
moltiplicazione
Rotocalcografica, flessografica
Laminazione associata ad attività di stampa
Laccatura associata attività di stampa 4
Rivestimento legno; rivestimento tessili, tessuti o
carta rivestimento adesivo
Verniciatura in continuo (coil coating); finitura di 3
autoveicoli

Rivestimenti a contatto con prodotti alimentari; 2,33


rivestimenti aerospaziali

Altri rivestimenti 1,5

giugno 2008 IBS Analysis 20


D. Lgs. 152/2006 - parte quinta
applicazione Allegato III parte IV
piano di riduzione delle emissioni di COV
- prescrizioni alternative alla parte III -

Verniciatura metallo

Consumo vernici 60 t/anno


Massa solida (45 %) 27 t/anno
Cov (compresi diluenti e solventi lavaggio) 33 t/anno

Emissione annua di riferimento


27 x 1.5 = 40.5

Emissione bersaglio
40.5 x 0.25 = 10.13 t/anno di sov (entro il 31.10.2007)

Emissione intermedia
10.13 x 1,5 = 15.19 t/anno sov (al 31.10.2005)

Riduzione Cov (33 - 10.13) / 33 X 100 = 69 %

Rapporto COV / PV a regime = 17 %

giugno 2008 IBS Analysis 21


D. Lgs. 152/2006 - parte quinta
applicazione Allegato III parte V
piano di gestione dei solventi

Input di solventi organici:


• I1 quantità di solventi (o preparati) immessi nel processo nell’unità
temporale di riferimento;
• I2 quantità i solventi (o preparati) reimmessi come solvente nel
processo nell’unità temporale di riferimento.

Output di solventi organici:


• O1 solventi presenti nei camini di emissione
• O2 solventi scaricati in acqua
• O3 solventi che rimangono come contaminanti nei prodotti
• O4 solventi che caratterizzano emissioni diffuse in ambiente di lavoro
• O5 solventi persi a causa di reazioni chimiche o fisiche
(es:trattamento per combustione)
• O6 solventi contenuti nei rifiuti
• O7 solventi venduti (da soli o come preparati)
• O8 solventi recuperati ma non per il riutilizzo nello stesso processo
• O9 solventi scaricati in altro modo

F Il piano di gestione del solvente serve a verificare la conformità :


• dell’emissione totale annua
• delle emissioni diffuse

giugno 2008 IBS Analysis 22


D. Lgs. 152/2006 - parte quinta
applicazione Allegato III parte V
calcolo delle emissioni diffuse F

F = I 1 – O1 – O5 – O6 – O7 - O8

• I1 solventi nuovi (o recuperati) immessi nel processo


• O1 solventi scaricati al camino
• O5 solventi e/o composti organici persi per cause di reazioni
chimiche (es: quelli distrutti per incenerimento, catturati per
adsorbimento, nel trattamento delle acque reflue, ecc.)
• O6 solventi contenuti nei rifiuti
• O7 solventi contenuti nei preparati venduti come prodotti
commerciali
• O8 solventi recuperati ma non reimmessi nel processo stesso

giugno 2008 IBS Analysis 23


D. Lgs. 152/2006 - parte quinta
applicazione Allegato III parte V

Schematizzazione del piano di gestione dei solventi


O1 – scarico a camino
O4 – solventi in ambiente di O5 – solventi persi per reazioni
lavoro

O6 – solventi nei rifiuti


I1 – input solventi
Impianto o O7 – solventi venduti
apparecchiatura

I2 - solventi O2 – solventi in acqua


reimmessi
O3 –solventi nei prodotti

O8 – solventi recuperati ma
non riutilizzati nel processo
Emissione diffusa F

F = I1 – O1 – O5 – O6 – O7 – O8 oppure F = O2 + O3 + O4

giugno 2008 IBS Analysis 24

Potrebbero piacerti anche