Sei sulla pagina 1di 21

Guida alla progettazione: esempio di progetto degli impianti elettrici in un ambulatorio di fisiokinesiterapia (seconda parte)

Guida alla progettazione: Esempio di progetto degli impianti elettrici in un ambulatorio di fisiokinesiterapia
(seconda parte)
Pubblicato il: 17/04/2007 Aggiornato al: 17/04/2007

di Gianluigi Saveri Gianfranco Ceresini

1. Progettazione ed installazione degli impianti elettrici in un ambulatorio medico


Per gli ambulatori medici, normalmente alimentati con sistema TT data la non elevatissima potenza richiesta, le normative principali da considerare e da rispettare sono la sezione 710 della norma CEI 64-8, che riguarda i locali ad uso medico e la guida CEI 64-56 Guida per l'integrazione degli impianti elettrici utilizzatori e per la predisposizione di impianti ausiliari, telefonici e di trasmissione dati negli edifici. Criteri particolari per locali ad uso medico. Poich un ambulatorio rientra allinterno dei locali ad uso medico, il suo impianto elettrico sempre soggetto a progettazione (art, 4 comma c del DPR 447/91) anche se dovesse avere solo locali di gruppo 0. A sua volta linstallazione deve essere affidata ad una impresa abilitata alla realizzazione degli impianti di cui allart. 1 comma 1a) della legge 46/90 e iscritta nellalbo provinciale delle imprese artigiane. Al termine dei lavori tale impresa deve rilasciare la Dichiarazione di Conformit come richiesto dallart. 9 della legge 46/90. Un ambulatorio medico pu essere un locale a se stante, oppure essere inserito all'interno di una struttura pi grande, come un albergo, un centro polisportivo, un villaggio turistico o una fabbrica

Classificazione dei locali


Fra i locali considerati a maggior rischio elettrico, e quindi soggetti a specifiche prescrizioni, rientrano i locali adibiti ad uso medico. Gli impianti installati in questi locali, come gi detto, devono, quando la potenza impegnata superiore a 1,5 kW, essere sempre progettati da un tecnico abilitato e necessitano di alcuni accorgimenti specifici. Le ragioni che inducono a porre tanta cura a questi particolari ambienti risiedono nel fatto che i pazienti che frequentano questi locali sono solitamente in precarie condizioni fisiche, tali da rendere pericolose anche scariche elettriche di modesta entit (microshock), principalmente nei locali di chirurgia, anestesia e rianimazione. Non tutti gli ambienti medici per sono pericolosi allo stesso modo quindi si rende necessaria, in funzione del rischio elettrico presunto, un'attenta classificazione dei locali. Una delle difficolt maggiori che solitamente incontra il professionista nella stesura del progetto proprio la classificazione dei locali che sempre bene effettuare in collaborazione col direttore sanitario o con il medico titolare. Trascurando per il momento gli impianti negli ambienti medici delle strutture ospedaliere, ed in particolare i locali del gruppo 2 destinati ad essere utilizzati per operazioni chirurgiche, cui si rimanda ad altra trattazione, si vuole concentrare l'attenzione sui pi diffusi ambulatori medici alimentati in bassa tensione direttamente dallimpresa distributrice con sistema TT.

1
Le informazioni contenute nel presente documento sono tutelate dal diritto dautore e possono essere usate solo in conformit alle norme vigenti. In particolare Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico si riserva tutti i diritti sulla scheda e su tutti i relativi contenuti. Il materiale e i contenuti presentati nel documento sono stati attentamente vagliati e analizzati, e sono stati elaborati con la massima cura. In ogni caso errori, inesattezze e omissioni sono possibili. Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico declina qualsiasi responsabilit per errori ed omissioni eventualmente presenti nel sito.

Guida alla progettazione: esempio di progetto degli impianti elettrici in un ambulatorio di fisiokinesiterapia (seconda parte)

evidente che gli ambulatori non sono tutti uguali (l'ambulatorio del medico di base non uguale a quello di un odontoiatra o di un medico veterinario che svolge attivit chirurgiche, il negozio di una parrucchiera non uguale dal punto di vista impiantistico a quello di un'estetista dove si applicano apparecchiature elettriche per uso estetico direttamente sulle persone) ed per questo motivo che la Norma classifica gli ambulatori in locali di gruppo 0 e di gruppo 1.

Locale di gruppo 1
Sono da considerare locali di gruppo 1 tutti gli ambulatori in cui sono impiegati apparecchi elettromedicali con parti applicate al paziente esternamente o anche invasivamente entro qualsiasi parte del corpo, ad eccezione della zona cardiaca (ambulatorio odontoiatrico, trattamenti fisioterapici dove si impiegano macchine per magnetoterapia, per trattamenti con ultrasuoni, etc.). Pu essere utile a questo punto riportare la definizione che le Norme forniscono di apparecchio elettromedicale: Apparecchio elettrico munito di non pi di una connessione ad una particolare rete di alimentazione destinato alla diagnosi, al trattamento o alla sorveglianza del paziente sotto la supervisione di un medico, e che entra in contatto fisico o elettrico col paziente e/o trasferisce energia verso o dal paziente e/o rivela un determinato trasferimento di energia verso o dal paziente (Norma CEI 62-5). Diverse, rispetto a quelli del gruppo 0, sono le attenzioni da dedicare a questo tipo di ambulatori in cui risulta necessario adottare alcuni accorgimenti impiantistici particolari. Solitamente si tratta di locali inseriti all'interno di strutture con destinazioni d'uso anche diverse da quelle di uso medico (ad esempio un appartamento di civile abitazione in cui sono ricavati alcuni locali adibiti ad ambulatorio medico); in questi casi bene ricordare che tutta l'unit immobiliare che ospita questi locali soggetta all'obbligo di progetto (DPR 447/91 art. 4) anche se non tutti i locali sono del gruppo 0 o 1 (ad esempio una sala d'attesa da considerare ambiente ordinario).

Continuit del servizio


Assume in questo caso una discreta importanza la continuit del servizio, perci si consiglia di realizzare la selettivit di intervento, sia verticale sia orizzontale, degli interruttori differenziali. Detta selettivit si pu ritenere ottenuta se il rapporto fra la corrente differenziale nominale del dispositivo a monte di almeno tre volte superiore a quella del dispositivo a valle con tempi di intervento via via decrescenti per i dispositivi installati a valle. L'eventuale presenza di uno o pi apparecchi che potrebbero generare una componente continua di scarica a terra consigliano inoltre, come espressamente richiesto dalla norma, l'impiego di interruttori differenziali di tipo A anzich di tipo AC (se necessario di tipo B). Pi difficile ottenere la selettivit verticale sul cortocircuito perch impiegando interruttori modulari sia a monte che a valle esiste sempre la possibilit che in caso di corto circuito possa intervenire l'interruttore generale o addirittura quello dellImpresa distributrice.

Protezione contro i contatti indiretti


Il sistema di protezione pi frequentemente utilizzato in questi casi quello con interruzione automatica del circuito mediante l'impiego di interruttori differenziali con Idn non superiore a 30 mA

2
Le informazioni contenute nel presente documento sono tutelate dal diritto dautore e possono essere usate solo in conformit alle norme vigenti. In particolare Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico si riserva tutti i diritti sulla scheda e su tutti i relativi contenuti. Il materiale e i contenuti presentati nel documento sono stati attentamente vagliati e analizzati, e sono stati elaborati con la massima cura. In ogni caso errori, inesattezze e omissioni sono possibili. Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico declina qualsiasi responsabilit per errori ed omissioni eventualmente presenti nel sito.

Guida alla progettazione: esempio di progetto degli impianti elettrici in un ambulatorio di fisiokinesiterapia (seconda parte)

opportunamente coordinati secondo la Norma CEI 64-8, considerando come tensione limite UL 25 V anzich 50 V come negli ambienti ordinari:

R A I dn 25
Dove: RA la somma delle resistenze del dispersore dell'impianto di terra e dei conduttori di protezione delle masse in ohm; Idn la corrente che provoca l'intervento del dispositivo differenziale. Negli edifici di nuova costruzione non esistono normalmente problemi ad ottenere un corretto coordinamento ma qualche problema potrebbe sorgere se l'impianto di messa a terra, che in genere quello condominiale, installato in vecchi edifici. In questi casi sar bene verificare frequentemente e con regolarit il buono stato dei collegamenti. Per ridurre a valori non pericolosi la corrente che potrebbe attraversare il corpo del paziente si rende inoltre necessaria l'equalizzazione del potenziale effettuando un collegamento a bassa resistenza tra le masse e/o masse estranee. Con la norma 64-8/710 viene introdotta la cosiddetta zona paziente: "qualsiasi volume in cui un paziente con parti applicate pu venire in contatto intenzionale, o non intenzionale, con altri apparecchi elettromedicali o con masse estranee, direttamente o per mezzo di altre persone in contatto con tali elementi". Solo le masse estranee e le masse che si trovano all'interno della zona paziente devono essere collegate ad un nodo equipotenziale comune. Sono da considerare interne alla zona paziente le masse e le masse estranee che si trovano in verticale ad una quota inferiore a 2,5 m dal pavimento (figura 3) o, in orizzontale, ad una distanza inferiore a 1,5 m dal paziente (figura 4) considerando anche le eventuali diverse posizioni che il paziente, quando in contatto con apparecchi alimentati dalla rete, potrebbe assumere se fosse spostato dal posto originario.

Figura 3 - La zona paziente in verticale

3
Le informazioni contenute nel presente documento sono tutelate dal diritto dautore e possono essere usate solo in conformit alle norme vigenti. In particolare Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico si riserva tutti i diritti sulla scheda e su tutti i relativi contenuti. Il materiale e i contenuti presentati nel documento sono stati attentamente vagliati e analizzati, e sono stati elaborati con la massima cura. In ogni caso errori, inesattezze e omissioni sono possibili. Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico declina qualsiasi responsabilit per errori ed omissioni eventualmente presenti nel sito.

Guida alla progettazione: esempio di progetto degli impianti elettrici in un ambulatorio di fisiokinesiterapia (seconda parte)

Figura 4 - La zona paziente in orizzontale

Da ricordare inoltre che la norma introduce l'obbligo dell'interruttore differenziale con Idn inferiore o uguale a 30 mA a protezione dei circuiti che alimentano prese di corrente fino a 32 A (figura 5).

Figura 5 - Nei locali di gruppo 1 richiesta la protezione differenziale ( interruttori differenziali di tipo A o B) con Idn inferiore o uguale a 30 mA su tutti i circuiti che alimentano prese di corrente fino a 32 A

4
Le informazioni contenute nel presente documento sono tutelate dal diritto dautore e possono essere usate solo in conformit alle norme vigenti. In particolare Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico si riserva tutti i diritti sulla scheda e su tutti i relativi contenuti. Il materiale e i contenuti presentati nel documento sono stati attentamente vagliati e analizzati, e sono stati elaborati con la massima cura. In ogni caso errori, inesattezze e omissioni sono possibili. Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico declina qualsiasi responsabilit per errori ed omissioni eventualmente presenti nel sito.

Guida alla progettazione: esempio di progetto degli impianti elettrici in un ambulatorio di fisiokinesiterapia (seconda parte)

Rispetto alla vecchia norma CEI 64-4 non pi ammesso l'anello equipotenziale ed richiesto il collegamento anche delle masse al nodo. Le masse degli apparecchi fissi e le masse estranee poste al di fuori della zona paziente non quindi pi necessario che siano collegate al nodo equipotenziale mentre devono essere collegati al nodo i conduttori di protezione delle prese a spina che alimentano apparecchi che potrebbero entrare nella zona paziente. Masse estranee, se di metallo, sono solitamente le tubazioni dell'impianto idrico, termico e del gas, mentre gli infissi delle finestre e delle vetrine in metallo si considerano masse estranee se risultano in comune con locali di altri condomini oppure, se di esclusivo uso personale, solo se presentano una resistenza verso terra inferiore a 200 ohm (figura 6).

Figura 6 Collegamenti al nodo equipotenziale delle masse estranee

Per collegare le masse estranee al nodo o all'anello equipotenziale dovranno essere impiegati conduttori in rame con sezione non inferiore a 6 mm2, numerati ai due capi per permetterne una pi facile individuazione durante le misure periodiche. Il nodo equipotenziale non necessariamente deve servire un unico ambulatorio ma pu essere in comune a pi locali contigui e sar realizzato in modo da facilitare l'esecuzione delle misure prescritte. Il nodo equipotenziale sar infine collegato all'impianto di terra mediante un conduttore di sezione non inferiore a quella del conduttore equipotenziale di maggior sezione connesso al nodo equipotenziale. Non ammessa la connessione delle masse estranee in cascata mediante ponticello ad eccezione delle tubazioni metalliche (acqua calda e fredda, scarichi se di metallo ecc..) per le quali si dovranno utilizzare per i collegamenti conduttori di sezione non inferiore a 6 mm2 facenti capo ad appositi collari dotati di vite per la connessione dei conduttori con capocorda a compressione (figura 7). Il limite di resistenza di tutti i collegamenti, tenuto conto della resistenza di contatto delle connessioni, con la vecchia norma non doveva essere superiore a 0,15 ohm. Impiegando un conduttore di rame di 6 mm2 e considerando che un metro di conduttore di 6 mm2 di sezione presenta una resistenza di

5
Le informazioni contenute nel presente documento sono tutelate dal diritto dautore e possono essere usate solo in conformit alle norme vigenti. In particolare Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico si riserva tutti i diritti sulla scheda e su tutti i relativi contenuti. Il materiale e i contenuti presentati nel documento sono stati attentamente vagliati e analizzati, e sono stati elaborati con la massima cura. In ogni caso errori, inesattezze e omissioni sono possibili. Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico declina qualsiasi responsabilit per errori ed omissioni eventualmente presenti nel sito.

Guida alla progettazione: esempio di progetto degli impianti elettrici in un ambulatorio di fisiokinesiterapia (seconda parte)

circa 0,03 ohm si potevano ottenere, con le connessioni eseguite a regola d'arte, questi valori di resistenza con una discreta facilit per lunghezze inferiori ai 50 metri. Ora il valore limite di resistenza stato aumentato a 0,2 ohm e viene applicato solo ai locali del gruppo 2 e non pi ai locali del gruppo 1 dove non pi richiesta la misura della resistenza dei collegamenti equipotenziali ma la sola prova di continuit.

Figura 7 Non ammessa la connessione in cascata delle masse estranee ad eccezione delle tubazioni metalliche

Ambulatori di gruppo 0
Sono classificati come ambulatori di gruppo 0 quegli ambienti in cui non sono impiegati apparecchi elettromedicali con parti applicate al paziente (ad esempio l'ambulatorio del medico di base dove la visita non comporta l'impiego di nessuna apparecchiatura elettrica applicata al paziente). Non esistono per gli impianti installati in questi ambienti particolari accorgimenti da adottare; si applicano le norme elettriche generali e non vige pi l'obbligo di proteggere i circuiti mediante interruttore differenziale con Idn non superiore a 30 mA o realizzare il collegamento equipotenziale principale. Come per gli ambulatori di gruppo 1 se si tratta di locali inseriti all'interno di strutture con destinazioni d'uso diverse da quelle di uso medico la struttura che ospita questi locali soggetta all'obbligo di progetto.

Altre prescrizioni
Il grado di protezione minimo degli involucri deve essere IP4X. Il tipo di posa delle condutture pu essere generalmente in tubo incassata o entro canale, anche se non sono vietati altri tipi di posa. I cavi utilizzabili possono essere N07V-K (CEI 20-20), FROR 450/750V (CEI 20-20).

6
Le informazioni contenute nel presente documento sono tutelate dal diritto dautore e possono essere usate solo in conformit alle norme vigenti. In particolare Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico si riserva tutti i diritti sulla scheda e su tutti i relativi contenuti. Il materiale e i contenuti presentati nel documento sono stati attentamente vagliati e analizzati, e sono stati elaborati con la massima cura. In ogni caso errori, inesattezze e omissioni sono possibili. Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico declina qualsiasi responsabilit per errori ed omissioni eventualmente presenti nel sito.

Guida alla progettazione: esempio di progetto degli impianti elettrici in un ambulatorio di fisiokinesiterapia (seconda parte)

Il quadro elettrico pu essere del tipo ad uso domestico e similare, rispondente alla norma CEI 23-51, se la corrente nominale in entrata Inq non superiore ai 125 A, la tensione nominale non superiore ai 440 V e la corrente di cortocircuito presunta nel punto di installazione non supera i 10 kA oppure i 15kA quando il quadro protetto mediante dispositivo limitatore. Se queste condizioni non sono verificate occorre realizzare un quadro rispondente alla norma CEI 17-13/1. Il livello di illuminamento medio richiesto stabilito dalla norma UNI EN 12464-1, che dal 1 luglio 2003 ha sostituito la norma UNI 10380. Tale nuova norma stabilisce un illuminamento medio sopra larea dove, per lavoro, occorre svolgere un determinato compito visivo (larea pu essere orizzontale, inclinata o anche verticale). Questo illuminamento medio non deve scendere al di sotto dei valori indicati dalla norma indipendentemente dagli anni e dalle condizioni di installazione. Nei vari locali presenti negli ambulatori medici lilluminamento medio deve essere di 200 lx nelle reception, nei bagni e nei corridoi, 300 lx nelle sale di terapia. Poich lambulatorio classificato come locale ad uso medico necessario installare l'illuminazione di sicurezza. Se il locale classificato di gruppo 0 vanno illuminati solo alcuni locali, se classificato di gruppo 1 occorre un apparecchio di illuminazione alimentato da una sorgente di sicurezza in ciascun locale. L'illuminazione di sicurezza pu essere realizzata mediante apparecchi autonomi con un tempo di commutazione non superiore a 15 s, che garantiscano almeno 10 lx ad un metro dal piano di calpestio.

Consegna e messa in funzione dellimpianto e verifiche


Prima della messa in funzione dell'impianto, l'installatore deve procedere alle misure e alle verifiche atte a stabilirne la corrispondenza normativa. Le verifiche iniziali dellimpianto devono essere effettuate da una persona esperta, competente in lavori di verifica, anche se non necessaria nessuna particolare qualifica. bene che i risultati delle verifiche iniziali, qui di seguito elencate, siano riportate su un apposito registro: Esame a vista Verifica della continuit dei conduttori di protezione e dei collegamenti equipotenziali principali e supplementari Misura della resistenza di isolamento dellimpianto elettrico Verifica della protezione per separazione nel caso di circuiti SELV o PELV e nel caso di separazione elettrica Verifica della protezione mediante interruzione automatica dellalimentazione Prove di polarit Prove di funzionamento Misura della resistenza dellimpianto di terra Misura della resistenza verso terra delle masse estranee (per individuare se una parte metallica una massa estranea, per i locali di gruppo 1 lo se ha resistenza verso terra inferiore a 200 ohm)

7
Le informazioni contenute nel presente documento sono tutelate dal diritto dautore e possono essere usate solo in conformit alle norme vigenti. In particolare Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico si riserva tutti i diritti sulla scheda e su tutti i relativi contenuti. Il materiale e i contenuti presentati nel documento sono stati attentamente vagliati e analizzati, e sono stati elaborati con la massima cura. In ogni caso errori, inesattezze e omissioni sono possibili. Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico declina qualsiasi responsabilit per errori ed omissioni eventualmente presenti nel sito.

Guida alla progettazione: esempio di progetto degli impianti elettrici in un ambulatorio di fisiokinesiterapia (seconda parte)

Le verifiche periodiche, atte ad accertare il mantenimento dei requisiti tecnici iniziali dellimpianto, devono essere effettuate da una persona esperta, competente in lavori di verifica, anche se non necessaria nessuna particolare qualifica. bene che i risultati delle verifiche periodiche effettuate ad intervalli di tempo tali da non compromettere la sicurezza d'uso dell'impianto, qui di seguito elencate, siano riportate su un apposito registro: Se il locale classificato di gruppo 0: o o o o Esame a vista Misura della resistenza di isolamento Prova della continuit dei conduttori di protezione Prove per la protezione contro i contatti indiretti, incluse le prove di funzionamento dei dispositivi differenziali

Se il locale classificato di gruppo 1: o Esame a vista o Misura della resistenza di isolamento o Prova della continuit dei conduttori di protezione o Prove per la protezione contro i contatti indiretti o Ogni 3 anni Verifica della continuit dei collegamenti equipotenziali supplementari o Ogni anno Prova di intervento a Idn dei dispositivi differenziali

Se nellambulatorio medico lavorano dei dipendenti, occorre anche far effettuare anche una verifica, ogni 2 anni, dellimpianto di messa a terra. Questa verifica prevista dal DPR 462/01 e va effettuata, a cura di ASL/ARPA o di un Organismo Abilitato. Il verificatore dovr rilasciare un regolare verbale che deve essere custodito dal titolare ed esibito a richiesta agli organi di vigilanza. Occorre anche effettuare, ogni 2 anni, la verifica degli eventuali dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche nei rarissimi casi nei quali sono verificate queste due condizioni: la struttura non autoprotetta e nell'azienda sono occupati contemporaneamente in un unico edificio a pi di un piano oltre 500 addetti. Gli interventi di manutenzione e le eventuali modifiche che l'impianto dovesse subire nel corso degli anni dovranno essere regolarmente documentate integrando eventualmente il progetto quando necessario. Il tecnico in sede di verifica richieder tali documenti provvedendo eventualmente all'aggiornamento dei dati.

8
Le informazioni contenute nel presente documento sono tutelate dal diritto dautore e possono essere usate solo in conformit alle norme vigenti. In particolare Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico si riserva tutti i diritti sulla scheda e su tutti i relativi contenuti. Il materiale e i contenuti presentati nel documento sono stati attentamente vagliati e analizzati, e sono stati elaborati con la massima cura. In ogni caso errori, inesattezze e omissioni sono possibili. Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico declina qualsiasi responsabilit per errori ed omissioni eventualmente presenti nel sito.

Guida alla progettazione: esempio di progetto degli impianti elettrici in un ambulatorio di fisiokinesiterapia (seconda parte)

2. Progetto di un ambulatorio di fisiokinesiterapia (esempio)

PROVINCIA DI
LOCALITA: INDIRIZZO:

COMUNE DI .

DESTINAZIONE DUSO: AMBULATORIO MEDICO

AMBULATORIO DI FISIOKINESITERAPIA (FKT) ..

PROGETTO DEFINITIVO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE TECNICA

.. 2005

9
Le informazioni contenute nel presente documento sono tutelate dal diritto dautore e possono essere usate solo in conformit alle norme vigenti. In particolare Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico si riserva tutti i diritti sulla scheda e su tutti i relativi contenuti. Il materiale e i contenuti presentati nel documento sono stati attentamente vagliati e analizzati, e sono stati elaborati con la massima cura. In ogni caso errori, inesattezze e omissioni sono possibili. Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico declina qualsiasi responsabilit per errori ed omissioni eventualmente presenti nel sito.

Guida alla progettazione: esempio di progetto degli impianti elettrici in un ambulatorio di fisiokinesiterapia (seconda parte)

GENERALIT
Il presente elaborato parte integrante del progetto definitivo per la messa a norma degli impianti elettrici dellambulatorio FKT ., con sede in , via .. Sono esclusi dal progetto gli impianti a monte del punto di consegna dellenergia elettrica da parte dellente distributore e gli apparecchi utilizzatori collegati allimpianto mediante prese a spina (apparecchi trasportabili e portatili) e/o fissi (centralini automatismi, quadri e impianti bordo macchina, ecc.). Sono altres esclusi dal presente progetto eventuali impianti gi realizzati e non modificati anche se di pertinenza dellambulatorio e/o appartenenti allo stesso proprietario e/o alimentati dallo stesso contatore di energia elettrica.

RISPETTO DEI CAPITOLATI E DEL PROGETTO


Laddove per le opere richieste esistano specifiche tecniche riguardanti le forme circuitali, il tipo o la qualit dei materiali, ecc., la ditta esecutrice tenuta al rispetto integrale di quanto prescritto. Eventuali modifiche al progetto dovranno in ogni caso essere preventivamente presentate ed approvate dalla direzione lavori sia sotto laspetto tecnico sia sotto leventuale aspetto economico. Sar cura dellimpresa installatrice assumere in loco, sotto la sua completa ed esclusiva responsabilit, le necessarie autorizzazioni presso le sedi locali ed i competenti uffici dellAUSL, VVF e ente fornitore di energia elettrica competenti per territorio e di prendere con loro ogni necessario accordo inerente alla realizzazione ed alleventuale collaudo degli impianti.

NORME DI RIFERIMENTO

Norma It. CEI 0-2 - Classif. CEI 0-2 - CT 0 - Anno 2002 - Fascicolo 6578 Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici Norma It. CEI 0-11 - Classif. CEI 0-11 - CT 0 - Anno 2002 - Fascicolo 6613 Guida alla gestione in qualit delle misure per la verifica degli impianti elettrici ai fini della sicurezza Norma It. CEI 11-17 - Classif. CEI 11-17 - CT 11 - Anno 1997 - Fascicolo 3407 R Impianti di produzione, trasmissione e distribuzione di energia elettrica - Linee in cavo Norma It. CEI 11-17;V1 - Classif. CEI 11-17;V1 - CT 11 - Anno 2003 - Fascicolo 6834 Impianti di produzione, trasmissione e distribuzione di energia elettrica - Linee in cavo Norma It. CEI-UNEL 35024/2 - Classif. CEI 20 - CT 20 - Anno 1997 - Fascicolo 3517 Cavi elettrici ad isolamento minerale per tensioni nominali non superiori a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua Portate di corrente in regime permanente per posa in aria Norma It. CEI-UNEL 35024/1 - Classif. CEI 20 - CT 20 - Anno 1997 - Fascicolo 3516 Cavi elettrici isolati con materiale elastomerico o termoplastico per tensioni nominali non superiori a 1000 V in corrente alternata e 1500 V in corrente continua Portate di corrente in regime permanente per posa in aria

10
Le informazioni contenute nel presente documento sono tutelate dal diritto dautore e possono essere usate solo in conformit alle norme vigenti. In particolare Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico si riserva tutti i diritti sulla scheda e su tutti i relativi contenuti. Il materiale e i contenuti presentati nel documento sono stati attentamente vagliati e analizzati, e sono stati elaborati con la massima cura. In ogni caso errori, inesattezze e omissioni sono possibili. Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico declina qualsiasi responsabilit per errori ed omissioni eventualmente presenti nel sito.

Guida alla progettazione: esempio di progetto degli impianti elettrici in un ambulatorio di fisiokinesiterapia (seconda parte)

Norma It. CEI-UNEL 35024/1;Ec - Classif. CEI 20 - CT 20 - Anno 1998 - Fascicolo 4610 Cavi elettrici isolati con materiale elastomerico o termoplastico per tensioni nominali non superiori a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua Portate di corrente in regime permanente per posa in aria Norma It. CEI 20-65 - Classif. CEI 20-65 - CT 20 - Anno 2000 - Fascicolo 5836 Cavi elettrici isolati con materiale elastomerico, termoplastico e isolante minerale per tensioni nominali non superiori a 1000 V in corrente alternata e 1500 V in corrente continua. Metodi di verifica termica (portata) per cavi raggruppati in fascio contenente conduttori di sezione differente. Norma It. CEI 23-51 - Classif. CEI 23-51 - CT 23 - Anno 1996 - Fascicolo 2731 Prescrizioni per la realizzazione, le verifiche e le prove dei quadri di distribuzione per installazioni fisse per uso domestico e similare Norma It. CEI 23-51;V1 - Classif. CEI 23-51;V1 - CT 23 - Anno 1998 - Fascicolo 4306 Prescrizioni per la realizzazione, le verifiche e le prove dei quadri di distribuzione per installazioni fisse per uso domestico e similare Norma It. CEI 23-51;V3 - Classif. CEI 23-51;V3 - CT 23 - Anno 2001 - Fascicolo 6330 Prescrizioni per la realizzazione, le verifiche e le prove dei quadri di distribuzione per installazioni fisse per uso domestico e similare Norma It. CEI 23-51;V4 - Classif. CEI 23-51;V4 - CT 23 - Anno 2003 - Fascicolo 6937 Prescrizioni per la realizzazione, le verifiche e le prove dei quadri di distribuzione per installazioni fisse per uso domestico e similare Norma It. CEI 64-8/1 - Classif. CEI 64-8/1 - CT 64 - Anno 2003 - Fascicolo 6869 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua Parte 1: Oggetto, scopo e principi fondamentali Norma It. CEI 64-8/2 - Classif. CEI 64-8/2 - CT 64 - Anno 2003 - Fascicolo 6870 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua Parte 2: Definizioni Norma It. CEI 64-8/3 - Classif. CEI 64-8/3 - CT 64 - Anno 2003 - Fascicolo 6871 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua Parte 3: Caratteristiche generali Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza Norma It. CEI 64-8/5 - Classif. CEI 64-8/5 - CT 64 - Anno 2003 - Fascicolo 6873 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici Norma It. CEI 64-8/6 - Classif. CEI 64-8/6 - CT 64 - Anno 2003 - Fascicolo 6874 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua Parte 6: Verifiche

11
Le informazioni contenute nel presente documento sono tutelate dal diritto dautore e possono essere usate solo in conformit alle norme vigenti. In particolare Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico si riserva tutti i diritti sulla scheda e su tutti i relativi contenuti. Il materiale e i contenuti presentati nel documento sono stati attentamente vagliati e analizzati, e sono stati elaborati con la massima cura. In ogni caso errori, inesattezze e omissioni sono possibili. Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico declina qualsiasi responsabilit per errori ed omissioni eventualmente presenti nel sito.

Guida alla progettazione: esempio di progetto degli impianti elettrici in un ambulatorio di fisiokinesiterapia (seconda parte)

Norma It. CEI 64-8/7 - Classif. CEI 64-8/7 - CT 64 - Anno 2003 - Fascicolo 6875 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua Parte 7: Ambienti ed applicazioni particolari Norma It. CEI 64-12 - Classif. CEI 64-12 - CT 64 - Anno 1998 - Fascicolo 3666 R Guida per l'esecuzione dell'impianto di terra negli edifici per uso residenziale e terziario Norma It. CEI 64-12;V1 - Classif. CEI 64-12;V1 - CT 64 - Anno 2003 - Fascicolo 6950 Guida per l'esecuzione dell'impianto di terra negli edifici per uso residenziale e terziario Norma It. CEI 64-14 - Classif. CEI 64-14 - CT 64 - Anno 1996 - Fascicolo 2930 Guida alle verifiche degli impianti elettrici utilizzatori Norma It. CEI 64-14;V1 - Classif. CEI 64-14;V1 - CT 64 - Anno 2000 - Fascicolo 5779 Guida alle verifiche degli impianti elettrici utilizzatori Norma It. CEI 64-50 - Classif. CEI 64-50 - CT 64 - Anno 2001 - Fascicolo 5901 Edilizia residenziale. Guida per l'esecuzione nell'edificio degli impianti elettrici utilizzatori e per la predisposizione per impianti ausiliari, telefonici e di trasmissione dati. Criteri generali Norma It. CEI 64-56 - Classif. CEI 64-56 - CT 64 - Anno 2003 - Fascicolo 6824 Edilizia ad uso residenziale e terziario Guida per l'integrazione degli impianti elettrici utilizzatori e per la predisposizione di impianti ausiliari, telefonici e di trasmissione dati negli edifici Criteri particolari per locali ad uso medico Norma It. CEI 81-1 - Classif. CEI 81-1 - CT 81 - Anno 1998 - Fascicolo 3681 C Protezione delle strutture contro i fulmini Norma It. CEI 81-3 - Classif. CEI 81-3 - CT 81 - Anno 1999 - Fascicolo 5180 Valori medi del numero dei fulmini a terra per anno e per chilometro quadrato dei Comuni dItalia, in ordine alfabetico Norma It. CEI 81-4 - Classif. CEI 81-4 - CT 81 - Anno 1996 - Fascicolo 2924 Protezione delle strutture contro i fulmini Valutazione del rischio dovuto al fulmine Norma It. CEI 81-4;V1 - Classif. CEI 81-4;V1 - CT 81 - Anno 1998 - Fascicolo 4814 Protezione delle strutture contro i fulmini Valutazione del rischio dovuto al fulmine Norma It. CEI 81-8 - Classif. CEI 81-8 - CT 81 - Anno 2002 - Fascicolo 6364 Guida d'applicazione all'utilizzo di limitatori di sovratensioni sugli impianti elettrici utilizzatori di bassa tensione Norma It. CEI 306-2 - Classif. CEI 306-2 - CT 306 - Anno 2003 - Fascicolo 6779 Guida per il cablaggio per telecomunicazioni e distribuzione multimediale negli edifici residenziali DM 18/09/2002 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e lesercizio delle strutture sanitarie pubbliche e private.

12
Le informazioni contenute nel presente documento sono tutelate dal diritto dautore e possono essere usate solo in conformit alle norme vigenti. In particolare Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico si riserva tutti i diritti sulla scheda e su tutti i relativi contenuti. Il materiale e i contenuti presentati nel documento sono stati attentamente vagliati e analizzati, e sono stati elaborati con la massima cura. In ogni caso errori, inesattezze e omissioni sono possibili. Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico declina qualsiasi responsabilit per errori ed omissioni eventualmente presenti nel sito.

Guida alla progettazione: esempio di progetto degli impianti elettrici in un ambulatorio di fisiokinesiterapia (seconda parte)

DESTINAZIONE DUSO
La destinazione duso dei locali riportata negli elaborati grafici. Come si vede i locali saranno adibiti ad ambulatori di fisiocinesiterapia con relativi locali di servizio (WC, sale di attesa, reception).

CLASSIFICAZIONE DEI LOCALI


Secondo quanto riferito dalla committenza (vedi dichiarazione allegata) gli ambulatori (o i box) in cui vengono eseguite le terapie sono da classificarsi Locali ad uso medico di gruppo 1. La classificazione dei locali, approvata e firmata dal Direttore Sanitario, parte integrante del presente progetto, in quanto ne costituisce parte fondamentale dei dati di ingresso. In mancanza della suddetta classificazione, gli impianti previsti dal presente progetto non debbono essere realizzati. Allinterno dei locali non saranno presenti materiali combustibili in quantit tale da far assumere al compartimento una classe uguale o superiore a 30 e non sussistono particolari problemi dovuti ad una notevole presenza di persone. Ad eccezione dei locali medici gli altri ambienti vengono quindi a classificarsi ambienti ordinari.

CARATTERISTICHE DELL'ALIMENTAZIONE
L'alimentazione dell'impianto elettrico avverr direttamente in BT dallente distributore. I principali dati del sistema sono i seguenti: Tensione nominale Sistema di distribuzione Frequenza Neutro Corrente di corto circuito nel punto di consegna (dati ente distributore) Fattore di potenza Caduta di tensione massima ammessa Potenza nominale Un= 400V 3F+N TT 50 Hz Distribuito Icco <= 6 kA Cos >= 0,9 U% <= 4% 6 Kw

LIMITI DI BATTERIA
L'impianto elettrico in oggetto ha i seguenti limiti di batteria: a monte i morsetti di uscita del limitatore di propriet dellente distributore. a valle gli utilizzatori allacciati all'impianto in modo fisso o tramite prese a spina e i quadri di comando degli automatismi.

13
Le informazioni contenute nel presente documento sono tutelate dal diritto dautore e possono essere usate solo in conformit alle norme vigenti. In particolare Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico si riserva tutti i diritti sulla scheda e su tutti i relativi contenuti. Il materiale e i contenuti presentati nel documento sono stati attentamente vagliati e analizzati, e sono stati elaborati con la massima cura. In ogni caso errori, inesattezze e omissioni sono possibili. Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico declina qualsiasi responsabilit per errori ed omissioni eventualmente presenti nel sito.

Guida alla progettazione: esempio di progetto degli impianti elettrici in un ambulatorio di fisiokinesiterapia (seconda parte)

DESCRIZIONE DEGLI IMPIANTI

Lintervento consiste nella messa a norma degli impianti gi realizzati in modo da renderli conformi a quanto previsto dalle Norme CEI per gli ambienti ad uso medico. Nellatrio di ingresso si installer un quadro generale che conterr tutte le protezione delle linee elettriche a servizio dei locali di servizio (ingresso, WC, corridoi) e della linea principale (in cavo N07VK di sezione minima pari a 6mmq) che alimenter i quadretti posti in ogni singolo ambulatorio. Le calate dalla linea principale ai singoli quadretti avverranno con cavi N07V-K di sez. non inferiore a 4 mm2. In ogni ambulatorio (od in ogni stanza box) si installeranno ulteriori quadretti che saranno alimentati dalla linea principale ed ai quali faranno capo le linee di dorsale (costituite da conduttori N07V-K di sez. pari a 2,5 mm2), del singolo ambulatorio (o della stanza box). La distribuzione avverr principalmente con tubi PVC posati a parete mentre per alcuni tratti si utilizzeranno le preesistenti condutture incassate. Lalimentazione delle singole utenze dovr avvenire con limpiego di conduttori N07V-K aventi le seguenti sezioni minime Alimentazione punti luce e circuiti luce 1,5 mm2; Alimentazione prese o gruppi presa interbloccate e non 2,5 mm2;

Allinterno dei locali classificati Locali ad uso medico di gruppo 1 si dovr inoltre provvedere allegualizzazione del potenziale secondo i criteri riportati nellapposito paragrafo.

ILLUMINAZIONE E ILLUMINAZIONE DI EMERGENZA


Lilluminazione ordinaria stata realizzata con plafoniere al neon di diversa tipologia. Il livello di illuminamento ora presente stato dichiarato idoneo in base allentit del compito visivo. Lilluminazione di emergenza nei singoli locali e lungo le vie di fuga sar realizzata con plafoniere al neon autoalimentate aventi unautonomia non inferiore a 1h dopo 12 ore di ricarica.

IMPIANTI DI FM
prevista linstallazione di prese a spina 230V 10/16A nei vari locali. Negli ambulatori sar prevista anche linstallazione di una presa 230 V 16 A di tipo interbloccato. Nella stanza del laser le prese dove questo sar collegato saranno comandate da un interruttore bipolare che accender contemporaneamente un segnale luminoso da posizionarsi fuori dalla stanza. Il laser presenter anche un sistema di sicurezza che prevede limmediato arresto della macchina nel caso in cui venga aperta la porta di accesso alla stanza.

14
Le informazioni contenute nel presente documento sono tutelate dal diritto dautore e possono essere usate solo in conformit alle norme vigenti. In particolare Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico si riserva tutti i diritti sulla scheda e su tutti i relativi contenuti. Il materiale e i contenuti presentati nel documento sono stati attentamente vagliati e analizzati, e sono stati elaborati con la massima cura. In ogni caso errori, inesattezze e omissioni sono possibili. Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico declina qualsiasi responsabilit per errori ed omissioni eventualmente presenti nel sito.

Guida alla progettazione: esempio di progetto degli impianti elettrici in un ambulatorio di fisiokinesiterapia (seconda parte)

IMPIANTI DI TERRA
Limpianto di terra far capo ad un dispersore (esistente) posto allesterno in prossimit della zona di installazione della caldaia. Il dispersore sar collegato allimpianto mediante un conduttore di terra di sezione pari a 16mm2 posato in tubo PVC. In prossimit della caldaia si realizzeranno, mediante conduttori N07V-K G/V di sez. pari a 6mm2, i collegamenti equipotenziali principali sulle condutture del gas e della mandata e ritorno del riscaldamento. La dorsale principale di terra verr distribuita lungo i percorsi della linea che alimenter i quadretti negli ambulatori ed avr una sezione non inferiore a 6 mm2 (o una sezione pari a quella del conduttore di fase nei tratti in cui la sezione della dorsale maggiore) e da questa si deriveranno i conduttori di protezione dei singoli circuiti che avranno una sezione non inferiore a quella del conduttore di fase corrispondente. I conduttori che collegano la dorsale di terra ai nodi equipotenziali posti negli ambulatori dovranno avere comunque una sezione non inferiore alla sezione del conduttore di sezione maggiore collegato al nodo equipotenziale stesso. Per quanto riguarda gli impianti di terra da eseguirsi allinterno dei locali ad uso medico si fa riferimento alla Tav. 03 che contiene gli schemi dei nodi equipotenziali da installarsi in ciascun locale, ed al paragrafo successivo.

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER I LOCALI AD USO MEDICO


Negli ambulatori medici (tutti di gruppo 1 in base alla classificazione fatta dalla Direzione Sanitaria) si provveder a proteggere i circuiti che alimentano le prese a spina dellintero locale mediante interruttore differenziale ad alta sensibilit di classe A. La zona paziente nella quale limpianto elettrico deve possedere requisiti particolari stabilita dalle norme fino ad una distanza da 1,5 m dal paziente per unaltezza di 2,5 m dal pavimento. Lestensione delle varie zone paziente riportata nellapposita tavola planimetrica. In corrispondenza di ciascun ambulatorio (o box) si provveder a realizzare un nodo equipotenziale supplementare al quale saranno collegati tutti i conduttori di protezione delle masse situate in zona paziente (sezione del PE pari a quella del corrispondente conduttore di fase), il conduttore di protezione delle prese a spina del locale (sezione del PE pari a quella del corrispondente conduttore di fase) e le masse estranee (sezione del conduttore EQS 6mmq). I nodi equipotenziali saranno collegati allimpianto di dispersione mediante cavi di sezione non inferiore a quella del conduttore di sezione maggiore che si deriva dal nodo stesso. Non necessit nessun nodo per i locali ad uso medico che presentano una sola presa a spina e nei quali non vi sono masse estranee in zona paziente. Allinterno della zona paziente sono da considerarsi masse estranee (e pertanto da collegarsi al nodo) le parti metalliche che presentano verso terra una resistenza inferiore a 200 ohm. Se possibile si dovr collegare anche i ferri del cemento armato.

15
Le informazioni contenute nel presente documento sono tutelate dal diritto dautore e possono essere usate solo in conformit alle norme vigenti. In particolare Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico si riserva tutti i diritti sulla scheda e su tutti i relativi contenuti. Il materiale e i contenuti presentati nel documento sono stati attentamente vagliati e analizzati, e sono stati elaborati con la massima cura. In ogni caso errori, inesattezze e omissioni sono possibili. Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico declina qualsiasi responsabilit per errori ed omissioni eventualmente presenti nel sito.

Guida alla progettazione: esempio di progetto degli impianti elettrici in un ambulatorio di fisiokinesiterapia (seconda parte)

Se una parte metallica entra ed esce dalla zona paziente questa dovr essere collegata al nodo sia allingresso che alluscita. In caso di dubbio per stabilire se una parte metallica allinterno della zona paziente una massa estranea si dovr quindi misurare, ai fini della sicurezza, la resistenza di terra nei confronti del nodo equipotenziale. Le parti metalliche entranti in zona paziente sono comunque sempre da considerarsi masse estranee e pertanto andranno sempre collegate al nodo. Nella realizzazione dei collegamenti equipotenziali possibile solo un sub-nodo tra masse e/o massa estranea e nodo equipotenziale locale. Tutti i conduttori facenti capo al nodo equipotenziale dovranno essere staccabili singolarmente e identificabili mediante appositi cartellini segnafili. Nessun requisito particolare necessario per gli impianti e le masse estranee posti fuori dalla zona paziente.

PROTEZIONE CONTRO I CONTATTI DIRETTI E INDIRETTI

La protezione contro i contatti diretti sar realizzata utilizzando cavi aventi isolamento rimovibile solo mediante distruzione. Le parti attive dei componenti elettrici saranno racchiuse in involucri avente grado di protezione minimo IP XXD (o IP 4X) per tutte le superfici orizzontali a portata di mano e IP XXB (o IP 2X) negli altri casi. In particolare si utilizzeranno apparecchiature con grado di protezione non inferiore a IP21. Gli involucri dei componenti attivi rispetteranno la Sezione 412 della norma CEI 64-8. La protezione contro i contatti indiretti sar realizzata mediante linterruzione automatica dei circuiti. Il coordinamento fra l'impianto di terra ed i dispositivi di protezione sar realizzato in modo da ottenere tensioni di contatto limite non superiori a 25V. Tutti i circuiti terminali saranno protetti con interruttore magnetotermico differenziale avente corrente di intervento pari a 30 mA. Gli interruttori magnetotermici differenziali a protezione delle linee che alimentano circuiti dei locali ad uso medico saranno di tipo A.

PROTEZIONE CONTRO LE SOVRACORRENTI


Tutti i conduttori, ad eccezione delle calate che andranno ad alimentare i quadretti negli ambulatori (quadri QS1, QS2 e QTA) saranno protetti contro i sovraccarichi ed i cortocircuiti mediante limpiego di interruttori magnetotermici avente corrente nominale non superiore alla portata del cavo e potere di interruzione non inferiore alla corrente di cortocircuito prevista nel punto di installazione. Le calate dalla linea di dorsale ai quadri degli ambulatori saranno protetti contro i cortocircuiti dallinterruttore magnetotermico posto nel quadro QGD, mentre la protezione contro i sovraccarichi sar ottenuta mediante interruttori magnetotermici installati nei quadro stessi.

16
Le informazioni contenute nel presente documento sono tutelate dal diritto dautore e possono essere usate solo in conformit alle norme vigenti. In particolare Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico si riserva tutti i diritti sulla scheda e su tutti i relativi contenuti. Il materiale e i contenuti presentati nel documento sono stati attentamente vagliati e analizzati, e sono stati elaborati con la massima cura. In ogni caso errori, inesattezze e omissioni sono possibili. Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico declina qualsiasi responsabilit per errori ed omissioni eventualmente presenti nel sito.

Guida alla progettazione: esempio di progetto degli impianti elettrici in un ambulatorio di fisiokinesiterapia (seconda parte)

Le portate dei cavi sono state calcolate secondo le tabelle CEI-UNEL 35024/1, in base alle condizioni di posa e al tipo di isolante dei conduttori.

IMPIANTO DI PROTEZIONE CONTRO LE SCARICHE ATMOSFERICHE


Dalla valutazione del rischio, effettuata secondo la Norma CEI 81-1, gli ambulatori risultano autoprotetti contro le scariche atmosferiche dirette ed indirette. In base a quanto dichiarato dalla committenza non si proceduto alla verifica della convenienza economica della protezione contro le scariche atmosferiche. Si fa presente infatti che linstallazione di dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche facoltativa e derivante da pure considerazioni economiche se linstallazione deriva esclusivamente dallavere un rischio di perdite economiche mentre tutti gli altri rischi considerati (perdite di vite umane, perdite inaccettabili di servizi pubblici essenziali, perdite di patrimonio culturale insostituibile) sono, come in questo caso, al di sotto dei valori massimi tollerabili ammessi dalla norma.

COMPONENTI UTILIZZATI
CAVI I cavi utilizzati saranno del tipo non propagante l'incendio ed a bassa emissione di fumi tossici e gas corrosivi. In particolare si utilizzeranno i seguenti tipi di cavi: NO7V-K per i circuiti posati in tubazioni in PVC esterne od incassate. TUBI PROTETTIVI E CANALI Posa incassata o a parete Per la posa incassata si dovranno utilizzare tubi in PVC flessibile pesante con un diametro interno non inferiore a 10,7 mm e comunque almeno uguale ad 1,3 volte il diametro del cerchio circoscritto al fascio dei cavi in esso contenuto. Nelle tubazioni non potranno coesistere circuiti appartenenti a sistemi diversi a meno che tutti i conduttori presentino un livello di isolamento idoneo a quella del sistema a tensione maggiore. Non ammessa la posa dei tubi in diagonale. Se non diversamente specificato, i tubi a parete dovranno essere raccordati con manicotti aventi grado di protezione non inferiore a IP40 CASSETTE DI DERIVAZIONE Le cassette di derivazione dovranno essere dimensionate in modo che, le giunzioni ed i cavi in esse contenute non occupino uno spazio superiore al 50% del volume interno della cassetta stessa. Si utilizzeranno i seguenti tipi di cassette di derivazione: in materiale plastico autoestinguente IP44 se installate in vista in poliestere da incasso con fissaggio del coperchio a vite IP 40 se installate incassate a parete.

QUOTE DI INSTALLAZIONE Linstallazione dei componenti elettrici, anche al fine delleliminazione delle barriere architettoniche, dovr avvenire orientativamente alle seguenti quote riferite al pavimento: Comandi luce 90 cm Prese e cassette di derivazione > 17,5 cm Prese interbloccate circa 150 cm

17
Le informazioni contenute nel presente documento sono tutelate dal diritto dautore e possono essere usate solo in conformit alle norme vigenti. In particolare Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico si riserva tutti i diritti sulla scheda e su tutti i relativi contenuti. Il materiale e i contenuti presentati nel documento sono stati attentamente vagliati e analizzati, e sono stati elaborati con la massima cura. In ogni caso errori, inesattezze e omissioni sono possibili. Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico declina qualsiasi responsabilit per errori ed omissioni eventualmente presenti nel sito.

Guida alla progettazione: esempio di progetto degli impianti elettrici in un ambulatorio di fisiokinesiterapia (seconda parte)

CONSEGNA ELABORATI
La ditta esecutrice dei lavori tenuta, subito dopo la conclusione dei lavori e comunque entro 30 giorni dalla consegna degli impianti, alla consegna alla committenza della dichiarazione di conformit completa dei seguenti allegati: Relazione con le tipologie dei materiali utilizzati; Verbale delle verifiche effettuate in conformit alle norme CEI; Il presente progetto; Fotocopia del certificato di riconoscimento dei requisiti tecnico-professionali.

VERIFICHE PERIODICHE
Per il regolare funzionamento degli impianti e lefficienza dei componenti di protezione si dovranno eseguire le seguenti verifiche: a) Mensilmente: controllo del funzionamento dellinterruttore differenziale mediante tasto di prova b) Ogni 6 mesi: verifica del corretto funzionamento delle lampade di emergenza c) Ogni anno: prova strumentale dellinterruttore differenziale d) Ogni tre anni Misura della resistenza di terra e dei conduttori equipotenziali (periodicit attualmente allo studio) Misura di isolamento dei circuiti (periodicit attualmente allo studio). Le verifiche dovranno essere registrate su apposito registro e quelle eseguite da un personale competente. Eventuali variazioni e modifiche allimpianto devono essere immediatamente riportate sugli schemi disponibili presso limpianto stesso. Si fa presente inoltre che nel caso di cambiamento di destinazione duso o modifiche e/o potenziamento dellimpianto si ci dovr rivolgere, prima di iniziare i lavori, a questo o altro studio tecnico per le verifiche del caso.

18
Le informazioni contenute nel presente documento sono tutelate dal diritto dautore e possono essere usate solo in conformit alle norme vigenti. In particolare Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico si riserva tutti i diritti sulla scheda e su tutti i relativi contenuti. Il materiale e i contenuti presentati nel documento sono stati attentamente vagliati e analizzati, e sono stati elaborati con la massima cura. In ogni caso errori, inesattezze e omissioni sono possibili. Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico declina qualsiasi responsabilit per errori ed omissioni eventualmente presenti nel sito.

Guida alla progettazione: esempio di progetto degli impianti elettrici in un ambulatorio di fisiokinesiterapia (seconda parte)

PRESCRIZIONI PER IL DATORE DI LAVORO


Nel caso in cui siano impegnati lavoratori dipendenti (o equiparati) in base al DPR547/77 e al DPR 462/01 il datore di lavoro, entro 30 giorni dalla messa in esercizio dellimpianto, deve inviare copia della dichiarazione di conformit allISPESL e allASL competenti per territorio. Le suddette dichiarazioni, nel caso sia stato attivato nel comune di appartenenza, devono essere inviate tramite lo sportello unico. Il datore di lavoro inoltre tenuto a mantenere in perfetta efficienza limpianto elettrico ed i dispositivi di protezione mediante idonea manutenzione. Ogni due anni dovr far sottoporre limpianto a verifica da parte dei tecnici ASL oppure rivolgendosi a organismi individuati dal ministero delle attivit produttive.

. Giugno 2005

19
Le informazioni contenute nel presente documento sono tutelate dal diritto dautore e possono essere usate solo in conformit alle norme vigenti. In particolare Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico si riserva tutti i diritti sulla scheda e su tutti i relativi contenuti. Il materiale e i contenuti presentati nel documento sono stati attentamente vagliati e analizzati, e sono stati elaborati con la massima cura. In ogni caso errori, inesattezze e omissioni sono possibili. Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico declina qualsiasi responsabilit per errori ed omissioni eventualmente presenti nel sito.

Guida alla progettazione: esempio di progetto degli impianti elettrici in un ambulatorio di fisiokinesiterapia (seconda parte)

CLASSIFICAZIONE LOCALI
Spett. Studio Tecnico .. Oggetto: Classificazione dei locali ad uso medico Il sottoscritto , in qualit di Direttore Sanitario dellambulatorio .. con sede in - DICHIARA di essere stato informato che gli impianti elettrici nei locali ad uso medico vengono classificati dalle Norme CEI 64-8 Cap. 710 e dalla Guida CEI 64-56 in base alle prestazioni mediche che si intendono eseguire nel locale. Per la precisione le suddette Norme definiscono i seguenti locali ad uso medico: Locali di gruppo 0 Locale ad uso medico nel quale non si utilizzano apparecchi elettromedicali con parti applicate; Locale di gruppo 1 Locale ad uso medico nel quale le parti applicate sono destinate ad essere utilizzate esternamente o invasivamente centro qualsiasi parte del corpo ad eccezione della zona cardiaca. Locali di gruppo 2 Locale ad uso medico nel quale le parti applicate sono destinate ad essere utilizzate in applicazioni quali interventi intracardiaci, o il paziente sottoposto a trattamenti vitali dove la mancanza di alimentazione elettrica pu comportare pericolo di vita. Secondo la Guida CEI 64-56 per stabilire il gruppo del locale ad uso medico occorre verificare se: un locale dove si eseguono interventi intracardiaci od altre operazioni chirurgiche con pericolo di microschock; un locale dove esiste la possibilit che la mancanza di alimentazione elettrica comporti pericolo di vita per il paziente, per esempio, anestesia generale; un locale dove si eseguono le attivit di preparazione alle operazioni, ingessature chirurgiche, risveglio postoperatorio e viene praticata lanestesia generale. Se nessuna delle condizioni sopra elencate verificata il locale medico deve essere classificato di gruppo 1, altrimenti di gruppo 2. In riferimento allambulatorio suddetto il sottoscritto dichiara, sotto la sua personale responsabilit, quanto segue: TUTTI gli ambulatori ed i box di terapia sono da classificarsi LOCALI MEDICI di GRUPPO 1; non si impiegano apparecchi elettromedicali che richiedano alimentazione di sicurezza e da considerarsi vitali. allinterno della struttura non sono previsti materiali combustibili e/o infiammabili tali da far assumere al compartimento antincendio una classe pari o superiore a 30; non si utilizzeranno gas anestetici infiammabili; non sono previste elevate densit di affollamento e/o elevati tempi di sfollamento degli ambienti; non sussistono particolari condizioni di danno economico in caso di caduta fulmini che giustifichino la messa in opera di dispositivi di protezione dalle scariche atmosferiche e dalle extratensioni. di essere stato informato che gli impianti elettrici sono stati progettati in base alla distribuzione dei locali ed alla classificazione effettuata e che eventuali cambiamenti potrebbero comportare varianti allimpianto elettrico; di essere stato informato che nella relazione tecnica sono riportati gli adempimenti di burocratici e le verifiche da effettuarsi sugli impianti elettrici stessi.

.. l..................... Timbro e firma

20
Le informazioni contenute nel presente documento sono tutelate dal diritto dautore e possono essere usate solo in conformit alle norme vigenti. In particolare Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico si riserva tutti i diritti sulla scheda e su tutti i relativi contenuti. Il materiale e i contenuti presentati nel documento sono stati attentamente vagliati e analizzati, e sono stati elaborati con la massima cura. In ogni caso errori, inesattezze e omissioni sono possibili. Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico declina qualsiasi responsabilit per errori ed omissioni eventualmente presenti nel sito.

Guida alla progettazione: esempio di progetto degli impianti elettrici in un ambulatorio di fisiokinesiterapia (seconda parte)

ELENCO ELABORATI PROGETTUALI


Il presente progetto esecutivo e definitivo degli impianti elettrici dellambulatorio di FKT .., costituito dalle seguenti parti inscindibili: Parte 1 di 4 Relazione tecnica Relazione tecnica

Parte 2 di 4 Tavole planimetriche Tav. 01 Classificazione e destinazione dei locali Tav. 02 Impianto elettrico

Parte 3 di 4 Quadri elettrici Schema quadro elettrico QGD; Schema quadro elettrico QS1; Schema quadro elettrico QS2; Schema quadro elettrico QTA

Parte 4 di 4 Varie Tav. 03 Schema dei nodi equipotenziali dei locali ad uso medico

Il presente progetto deve intendersi non completo, e quindi non eseguibile, se mancante di una o pi parti sopra specificate

giugno 2005

Il Tecnico

21
Le informazioni contenute nel presente documento sono tutelate dal diritto dautore e possono essere usate solo in conformit alle norme vigenti. In particolare Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico si riserva tutti i diritti sulla scheda e su tutti i relativi contenuti. Il materiale e i contenuti presentati nel documento sono stati attentamente vagliati e analizzati, e sono stati elaborati con la massima cura. In ogni caso errori, inesattezze e omissioni sono possibili. Voltimum Italia s.r.l. a socio Unico declina qualsiasi responsabilit per errori ed omissioni eventualmente presenti nel sito.