Sei sulla pagina 1di 1

mercoled 15 giugno 2011 _ 3

Online www.ilpiccolo.net

In Primo Piano
Referendum n1 Referendum n2 Referendum n3 Referendum n4 ALESSANDRIA
Affluenza: 53,90% SI: 93,97% No: 6,03% Affluenza: 53,90% SI: 94,43% No: 5,57% Affluenza: 53,84% SI: 92,68% No: 7,32% Affluenza: 53,84% SI: 93,54% No: 6,46%

VALENZA
Quesiti: i primi due hanno riguardato lacqua pubblica, il terzo lenergia nucleare e il quarto il legittimo impedimento

Affluenza: 51,41% SI: 93,92% No: 6,08%

Affluenza: 51,41% SI: 94,58% No: 5,42%

Affluenza: 51,51% SI: 92,80% No: 7,20%

Affluenza: 51,39% SI: 93,19% No: 6,81%

Riscoprire la politica con quattro domande


l Il

CASALE
Affluenza: 53,20% SI: 93,60% No: 6,40% Affluenza: 53,01% SI: 93,95% No: 6,05% Affluenza: 52,97% SI: 91,71% No: 8,29% Affluenza: 52,97 SI: 92,77% No: 7,23%

TORTONA
Affluenza: 52,86% SI: 93,92% No: 6,08% Affluenza: 52,85% SI: 94,73% No: 5,27% Affluenza: 52,81% SI: 92,50% No: 7,50% Affluenza: 52,83% SI: 93,07% No: 6,93%

voto in provincia e il dato trasversale: il ritorno della partecipazione, innanzitutto quella giovanile
do festosamente la gioia per il risultato. Significative le parole di soddisfazione di Mauro Buzzi, coordinatore del Comitato per lacqua pubblica: I cittadini non hanno votato in base alle loro convinzioni politiche, impensabile che oltre il 57 per cento degli italiani sia di sinistra. Gli italiani hanno capito limportanza di questi quesiti referendari e hanno espresso la loro opinione aldil delle linee dettate dai loro partiti. Mi auguro comunque che questo risultato possa essere letto anche in chiave politica, come un chiaro segnale nei confronti del governo. E una giovane attivista del Comitato ha aggiunto: Abbiamo brindato in mezzo alla gente, perch dalla gente che viene questa vittoria, da tutte le centinaia di migliaia di persone che hanno avuto la voglia e la pazienza di informarsi, informare, diffondere, partecipare. prevalso il senso civico Ovviamente dal mondo ufficiale della politica non mancano le reazioni. In tutti noi ha prevalso il buon senso, lo spirito civico, la consapevolezza di essere protagonisti del proprio futuro. Non una vittoria da ascrivere ai partiti, ma esclusivamente alla saggezza, al senso del dovere collettivo: cos Giovanni Barosini dellUdc di Alessandria. Il rischio della precarizzazione Il Circolo di Rifondazione Comunista di Alessandria (Federazione della Sinistra) e Giorgio Barberis (consigliere comunale indipendente del Prc) prendono spunto dal risultato per guardare alla realt ales-

Alessandria
_ I numeri della consultazione referendaria parlano da soli (tabella a destra). Le analisi politiche non mancano, ma forse la sintesi pi efficace non tanto rispetto ai risultati quanto al modo con cui stato raggiunto arriva da Prossima Fermata Alessandria. I responsabili alessandrini parlano della grande partecipazione dei giovani di cui si parla troppo spesso in termini problematici, anche con una certa ipocrisia, per esempio lamentando lesclusione sociale, ma per il cui coinvolgimento poco si fatto, in concreto, finora. E citano la cena della settimana scorsa organizzata a sostegno dei quattro s: Sono stati i giovani e i giovanissimi a prendere la parola, e a spiegare perch era necessario andare a votare e votare s. Quello che anche nellAlessandrino, dati alla mano, si verificato un ritorno a una politica popolare, fatta per la strada e nelle piazze con i metodi tradizionali, ma soprattutto, viene da dire, con un lutilizzo intelligente dei social network come strumenti dellazione politica. Le parole sono ancora di Prossima Fermata Alessandria che proprio attraverso il web ha costruito il risultato della manifestazione ospitata laltro mese nel capoluogo. Reazioni e manifestazione Nel pomeriggio di luned i rappresentanti dei Comitati che primi si sono mobilitati nella lunga e complicata campagna referendaria si sono ritrovati in piazzetta della Lega, ad Alessandria. Hanno brindato ovviamente con acqua, manifestan-

sandrina: La nostra visione di governo futuro della citt non potr non mettere in discussione la tendenza a far dipendere sempre di pi il finanziamento degli investimenti in infrastrutture e servizi pubblici da capitali privati in una logica strettamente finanziaria e speculativa. Quindici e pi anni di politiche di aziendalizzazione, liberalizzazione, privatizzazione dei servizi di pubblica utilit, hanno dimostrato nei fatti di non mantenere le promesse: peggiorata la qualit dei servizi, aumentata la precarizzazione del lavoro e sono aumentate le tariffe. Contro le privatizzazioni LUsb (Unione sindacale di base) doppiamente soddisfatta perch vede pienamente confermata la linea sindacale di opposizione a tutte le privatizzazioni dei servizi pubblici e del servizio idrico in corso nel Paese che in questi anni hanno prodotto peggioramento dei servizi, aumenti delle tariffe, licenziamenti e precariet tra gli addetti ed enormi profitti per gli speculatori privati. Rispettare la volont popolare Per Federico Fornaro, vicesegretario regionale Pd e capogruppo Pd alla Provincia di Alessandria, sui temi oggetto dei quesiti referendari da domani in Parlamento dovr iniziare un confronto per lapprovazione di norme coerenti con la volont espressa dai cittadini. E Daniele Borioli, segretario provinciale del Pd, aggiunge: Ha vinto la voglia di partecipare, con la quale i cittadini si sono riappropriati del potere di decidere su questioni fondamentali: il futuro energetico del nostro paese, la tutela dellacqua come bene comune, luguaglianza davanti alla legge. Enrico Sozzetti

NOVI
Affluenza: 56,25% SI: 93,95% No: 6,05% Affluenza: 56,26% SI: 94,21% No: 5,79% Affluenza: 56,26% SI: 92,93% No: 7,07 Affluenza: 56,23% SI: 94,01% No: 5,99%

ACQUI TERME
Affluenza: 55,89% SI: 94,73% No: 5,27% Affluenza: 55,90% SI: 95,37% No: 4,63% Affluenza: 55,90% SI: 95,37% No: 4,63% Affluenza: 55,87% SI: 94,30% No: 5,70%

OVADA
Affluenza: 61,69% SI: 94,57% No: 5,43% Affluenza: 61,73% SI: 95,26% No: 4,74% Affluenza: 61,76% SI: 93,45% No: 6,55% Affluenza: 61,73% SI: 94,93% No: 5,07%

A Bosco laffluenza sfiora il 58%


Nel paese del nucleare il quorum pi alto riguarda per lacqua
l

Bosco Marengo
_ Nel paese del nucleare laffluenza alle urne sfiora il 58 per cento. C soddisfazione immensa per i risultati che hanno superato ogni aspettativa anche qui - dice Giulio Armano, ambientalista sostenitore del s e consigliere capogruppo di opposizione Bosco Solidale - da tempo non si assisteva ad un afflusso cos massiccio di elettori, significa che i cittadini non si sono lasciati influenzare dai contributi, che il Comune sito nu-

cleare riceve dal Cipe a titolo di compensazione e investe in opere. Andremo avanti, aspettando il nuovo piano energetico nazionale senza centrali, per vigilare sul destino del deposito di Bosco e degli altri siti. Il s deciso e trasversale la risposta egregia di un paese che rimasto scottato dal nucleare commenta il sindaco Angela Lamborizio- Va sottolineato che il referendum abrogativo non riguardava direttamente Bosco perch lex sito Fn gi stato bonificato e sta nascendo un centro di eccellenza per la ricerca sulle energie rinnovabili. In ogni caso Bosco era gi escluso a priori dalla nuova lista dei siti nu-

cleari per vincoli idrogeologici e di incompatibilit territoriale. La priorit di Bosco e dei comuni ex sito resta lindividuazione di un deposito unico nazionale, che canceller il deposito temporaneo di sicurezza. Il quorum pi alto non riguarda latomo, bens i due referendum sullacqua, che registrano una percentuale votanti del 57,9 per cento con 1056 e 1055 votanti, che si sono espressi con il s rispettivamente al 92.6 ed al 92, 3 per cento. Hanno ritirato la scheda relativa al nucleare 1050 votanti per una percentuale di s del 91.1%, inferiore anche ai s espressi sul legittimo impedimento, che su 1046 votanti

realizza il 92.2%. Acqua privata, bolletta salata, sostiene Armano. C stata strumentalizzazione - dice il sindaco lacqua gi bene pubblico. Ora senza norme correttive, i piccoli comuni saranno costretti a centuplicare le bollette per mantenere gli stessi servizi. I no salgono timidamente da 39 a 41 sullacqua, raddoppiano fino a 89 sul legittimo impedimento e passano a 103 sul nucleare. Lesperienza del nucleare ha fatto maturare nuove consapevolezze. Io non sono per il nucleare - conclude il sindaco, gi del Comitato - ma servono alternative valide. Daniela Terragni