Sei sulla pagina 1di 11

TURISMO INCOMING

BILANCIO ANNUALE

2010
Gabriele Lotto Ugo Arrigo

www.rtbicocca.it

Visitatori stranieri in Italia (milioni)

Fonte: elaborazioni RTBicocca su dati Banca dItalia

Turisti stranieri per mese (milioni)

Fonte: elaborazioni RTBicocca su dati Banca dItalia

I TURISTI STRANIERI NEL 2010 Nellanno trascorso i turisti stranieri che hanno pernottato in Italia sono stati, secondo la Banca dItalia, 44 milioni, in debole crescita rispetto al 2009 (+0,9%). Nonostante si tratti del secondo anno di moderato incremento negli arrivi non ancora stato ancora raggiunto il livello pre recessione di 44,2 milioni, realizzato nel 2007. La spesa media giornaliera dei turisti stata di 88,6 euro (+3%) per un soggiorno medio di 7 pernottamenti (-2,5%). La spesa pro capite si quindi attestata a 623,3 euro (+0,5%) mentre la spesa totale stata di 27,4 mld., con un incremento dell1,4% il quale, risultando inferiore alla crescita dei prezzi al consumo, segnala una riduzione in termini reali dei consumi dei turisti stranieri. A livello mensile gli arrivi sono risultati superiori rispetto al 2009 nella prima met dellanno, in primavera in particolare, mentre nel trimestre estivo e sino a ottobre vi stata una riduzione consistente. Solo in novembre e dicembre si ritornati a tassi positivi. Un primo confronto internazionale pu essere realizzato col mercato spagnolo, principale competitore del nostro paese. Nel 2010 gli arrivi internazionali in Spagna sono cresciuti dell1% rispetto al 2009 e la spesa totale del 2%, tassi poco maggiori di quelli italiani. Le differenze nei livelli delle variabili sono tuttavia notevoli: gli arrivi internazionali in Spagna nel 2010 sono stati 52,7 milioni (+20% rispetto allItalia), la spesa totale 48,9 miliardi (+78%), la spesa pro capite 932 euro (+50%), quella giornaliera 98 euro (+11%). Spesa dei turisti stranieri (2010)

Turisti stranieri per area visitata (2010)

Spesa media giornaliera X 88,6 euro (+3%) Spesa media per turista 623,3 euro (+0,5%)

Soggiorno medio 7,0 gg. (-2,5%)

44,0 milioni di turisti (+0,9%)

=
Fonte: elaborazioni RTBicocca su dati Banca dItalia

Spesa totale 27,4 mld. euro (+1,4%)

Fonte: elaborazioni RTBicocca su dati Banca dItalia

I TURISTI STRANIERI PER AREA E REGIONE VISITATA Nel 2010 solo le regioni del Nord Ovest, con un +3%, hanno realizzato un incremento dei turisti stranieri superiore a quello medio nazionale. Nel Nord Est e nel Centro laumento stato inferiore all1% mentre nel Sud e Isole gli arrivi si sono ridotti del 5%. Il turismo internazionale appare molto debole nelle regioni meridionali , con una quota degli arrivi sul totale nazionale pari solo all11% mentre le altre tre aree si ripartiscono in misura equilibrata il restante quasi 90%. Per quanto riguarda le singole regioni, le prime quattro per arrivi internazionali (Veneto, Lombardia, Lazio e Toscana) assorbono il 60% dei turisti totali mentre, se rapportiamo gli arrivi internazionali agli abitanti, evidenziamo valori elevati per Valle dAosta e Trentino Alto Adige in aggiunta a Veneto, Toscana e Lazio. Nel 2010 gli incremento maggiori negli arrivi internazionali hanno riguardato Piemonte e Friuli, le riduzioni pi consistenti Sicilia e Sardegna. Turisti stranieri per regione visitata (2010)

Turisti stranieri per area visitata (milioni)

Fonte: elaborazioni RTBicocca su dati Banca dItalia

Turisti stranieri ogni 100 abitanti (2010)

Fonte: elaborazioni RTBicocca su dati Banca dItalia

Fonte: elaborazioni RTBicocca su dati Banca dItalia

Turisti stranieri per regione visitata (2010)


Arrivi (migliaia) VENETO LOMBARDIA LAZIO TOSCANA EMILIA ROMAGNA TRENTINO ALTO ADIGE PIEMONTE LIGURIA CAMPANIA FRIULI VENEZIA GIULIA SICILIA PUGLIA SARDEGNA MARCHE VALLE D'AOSTA UMBRIA ABRUZZI CALABRIA BASILICATA MOLISE 11.043 9.360 8.930 6.855 3.738 2.967 2.875 2.540 2.400 2.031 1.475 1.190 841 825 710 554 385 244 94 64 In % del totale Italia 18,3 15,5 14,8 11,4 6,2 4,9 4,8 4,2 4,0 3,4 2,4 2,0 1,4 1,4 1,2 0,9 0,6 0,4 0,2 0,1 Variaz % 2010/09 3,2 -1,4 3,2 -1,6 4,2 -15,2 19,5 4,2 0,3 12,5 -11,6 -1,4 -11,8 -3,4 0,0 -2,3 -5,6 -8,3 11,9 4,9

Turisti stranieri per provenienza (milioni)

N.B.: I turisti che pernottano in pi regioni sono conteggiati in ognuna. Fonte: elaborazioni RTBicocca su dati Banca dItalia

Fonte: elaborazioni RTBicocca su dati Banca dItalia

I TURISTI STRANIERI PER PROVENIENZA Nel 2010 i turisti che hanno soggiornato in Italia sono cresciuti dello 0,9% ma tale incremento deriva da dinamiche molto differenziate tra i paesi di provenienza. Tranne la Svizzera (+8%), i tradizionali e principali paesi europei hanno infatti realizzato tassi negativi: Francia e Austria -2% circa, Germania e Regno Unito 6%, Olanda -17%. Solo in relazione a Germania, UK e Olanda si perso complessivamente nellanno oltre un milione di turisti. Queste riduzioni sono state compensate dalla crescita soprattutto dei restanti paesi europei (+11%) e degli altri continenti (+12%, dato che non include le Americhe). Per quanto riguarda il peso negli arrivi dei diversi paesi di provenienza, un quinto del totale rappresentato dalla sola Germania, mentre i primi cinque paesi (oltre alla Germania sono la Francia, Austria, Svizzera e Regno Unito) apportano quasi il 60% degli arrivi totali. LEuropa pesa per l88%, gli Usa e altre Americhe per l8%, il Resto del Mondo per il 4%.

Turisti stranieri per provenienza (2010)

Fonte: elaborazioni RTBicocca su dati Banca dItalia

Visitatori stranieri per motivazione (milioni) (*)

Turisti stranieri per provenienza


Dato 2010 (migliaia) GERMANIA FRANCIA AUSTRIA SVIZZERA REGNO UNITO SPAGNA STATI UNITI OLANDA 9.015 4.871 3.371 3.198 3.180 2.506 2.335 1.601 1.116 599 562 550 479 473 447 405 352 7.494 612 850 44.015 In % del totale Italia 20,5 11,1 7,7 7,3 7,2 5,7 5,3 3,6 2,5 1,4 1,3 1,2 1,1 1,1 1,0 0,9 0,8 17,0 1,4 1,9 100 Variaz % 2010/09 -6,1 -1,8 -1,5 7,7 -5,7 1,3 2,8 -16,9 -0,6 37,7 9,8 4,2 7,6 3,5 3,5 42,1 9,7 13,0 -2,1 3,9 0,9

(*) Comprendono turisti ed escursionisti Fonte: elaborazioni RTBicocca su dati Banca dItalia

BELGIO RUSSIA CANADA

Visitatori stranieri per motivi personali (milioni) (*)

AUSTRALIA GRECIA DANIMARCA SVEZIA CROAZIA GIAPPONE RESTO EUROPA RESTO AMERICHE RESTO MONDO TOTALE

Fonte: elaborazioni RTBicocca su dati Banca dItalia (*) Comprendono turisti ed escursionisti Fonte: elaborazioni RTBicocca su dati Banca dItalia

Visitatori stranieri per motivazione (2010) (*)

(*) Comprendono turisti ed escursionisti Fonte: elaborazioni RTBicocca su dati Banca dItalia

I VISITATORI STRANIERI PER MOTIVO DEL VIAGGIO Nel 2010 secondo le statistiche della Banca dItalia sono pervenuti in Italia 74,1 milioni di cittadini non residenti nel nostro paese, il 2,2% in pi rispetto al 2009. Di essi 30,1 milioni (+4% rispetto al 2009) erano escursionisti transfrontalieri che non hanno pernottato in Italia, mentre 44 milioni (+0,9%) erano turisti con almeno un pernottamento. La motivazione della vacanza allorigine di 37,1 milioni di arrivi, la met esatta di quelli totali; ragioni lavorative spiegano 14,4 milioni di arrivi e motivazioni personali di diverso tipo i restanti 22,5 milioni (di essi 8,3 per far visita a parenti o amici e 10,6 per acquisti, che una tipica motivazione degli escursionisti). Rispetto agli anni precedenti risultano in crescita gli arrivi per motivi personali (4,3 milioni in pi rispetto al 2006) e quelli per lavoro (2,5 milioni in pi) mentre gli arrivi per vacanza permangono circa 3 milioni al di sotto del livello massimo raggiunto nel 2007, prima dellinizio della recessione.

Turisti stranieri per tipo di alloggio utilizzato (2010)


Turisti (migliaia) In % del totale Italia 51,7 17,2 11,2 6,2 3,2 2,5 8,0 100 Var. % 2010/09

Visitatori stranieri per modalit di arrivo (*) (milioni)

Albergo, villaggio turistico Ospite di parenti, amici Casa in affitto Tenda, roulotte, camper, nave Casa di propriet Comunit, ostello Altre tipologie TOTALE

22.764 7.569 4.945 2.710 1.412 1.094 3.521 44.015

2,6 -4,7 6,0 -4,4 1,3 6,5 -0,9 0,9


(*) Comprendono turisti ed escursionisti Fonte: elaborazioni RTBicocca su dati Banca dItalia

Fonte: elaborazioni RTBicocca su dati Banca dItalia

Informazioni interessanti si possono ricavare dallanalisi delle motivazioni per paese di provenienza: se le ragioni lavorative spiegano circa un quinto degli arrivi totali, esse assumono un peso maggiore nel caso di Germania, Regno Unito, paesi extraeuropei (tranne Usa) e, soprattutto, paesi UE minori, presumibilmente dellEst, ed europei non UE. Le motivazioni di carattere personale, invece, sono particolarmente presenti per i paesi limitrofi (Svizzera e Francia in particolare) e per i paesi UE minori (presumibilmente per visita a parenti e amici che lavorano stabilmente in Italia). I VISITATORI STRANIERI PER MODALITA DI ARRIVO Nel 2010 due visitatori su tre sono pervenuti attraverso frontiere stradali, quindi in auto o altro veicolo di trasporto su gomma; la quota % della modalit stradale risultata inoltre in continua crescita negli ultimi anni, mentre laereo, poco al di sotto del 30% degli arrivi, non ha ancora recuperato i livelli precrisi di trasportato e sembra aver risentito tanto della recessione quanto della rilevante crisi e ridimensionamento negli scorsi anni del vettore di bandiera. Linsufficiente crescita del trasporto aereo rappresenta un limite per lo sviluppo turistico delle regioni pi distanti dai confini terrestri e tra esse in particolare di quelle meridionali. In Spagna, al contrario, tutta la crescita negli arrivi internazionali tra il 2000 e linizio della recessione stata realizzata dallo sviluppo del trasporto aereo da parte dei vettori low cost. Si segnala inoltre in Italia il continuo declino della modalit ferroviaria e il simmetrico sviluppo del trasporto navale che ha ormai quasi doppiato il treno per numero di arrivi.

Visitatori stranieri per modalit di arrivo (*) (2010)

(*) Comprendono turisti ed escursionisti Fonte: elaborazioni RTBicocca su dati Banca dItalia

Turisti stranieri per tipo di alloggio utilizzato (milioni)

Fonte: elaborazioni RTBicocca su dati Banca dItalia

Turisti in alloggio non alberghiero (milioni)

Turisti stranieri per tipo di alloggio (2010)

Fonte: elaborazioni RTBicocca su dati Banca dItalia

Fonte: elaborazioni RTBicocca su dati Banca dItalia

Turisti stranieri per tipo di alloggio

Fonte: elaborazioni RTBicocca su dati Banca dItalia

Turisti stranieri per tipo di alloggio (2010)

Fonte: elaborazioni RTBicocca su dati Banca dItalia

I TURISTI STRANIERI PER TIPOLOGIA DI ALLOGGIO Nello scorso anno 52 turisti su 100 hanno pernottato in strutture alberghiere o assimilabili, quali villaggi turistici; 17 in case di parenti o amici, 11 in case in affitto, 3 in propriet, 6 in camping, tenda o roulotte e 10 in comunit, ostelli o altre tipologie. Rispetto al 2009 risale la modalit alberghiera (+2,6%) ma recupera solo un quarto dei 2,3 milioni di turisti persi con la recessione. Le diverse modalit non alberghiere risultano stazionarie nellultimo quinquennio con due rilevanti eccezioni: le case in affitto, che crescono di un terzo in cinque anni (da 3,7 a 4,9 milioni di persone), e linsieme delle modalit minori che non sono tuttavia distinguibili. La modalit alberghiera sembra aver fermato nel 2010 il declino della sua quota che perdurava ormai da diversi anni. Per quanto riguarda le diverse aree geografiche, la modalit alberghiera registra una quota di arrivi sensibilmente maggiore della media nazionale solo nelle regioni del Centro (presumibilmente per leffetto della capitale) e inferiore alla media nel Sud e Isole (presumibilmente per leffetto del rientro per vacanza di italiani emigrati che sono residenti allestero). In relazione invece ai paesi di provenienza, la modalit alberghiera detiene una quota sensibilmente superiore alla media per i paesi distanti (extra Europa, con gli Usa in particolare, e UK), sensibilmente inferiore per gli altri paesi UE ed Europa non UE (per leffetto presumibile di chi viene a trovare gli immigrati in Italia).

La spesa dei turisti stranieri (2010)


Spesa totale (milioni di euro) GERMANIA STATI UNITI FRANCIA REGNO UNITO SVIZZERA AUSTRIA SPAGNA OLANDA RUSSIA AUSTRALIA BELGIO CANADA GIAPPONE SVEZIA BRASILE DANIMARCA GRECIA RESTO EUROPA RESTO AMERICHE RESTO MONDO TOTALE 4.512 2.953 2.427 2.047 1.427 1.406 1.375 926 828 685 672 601 539 303 295 290 285 3.825 382 1.658 27.436 Turisti (migliaia) Spesa pro capite (euro)

Spesa media dei turisti stranieri (euro 2010)

9.016 2.335 4.872 3.180 3.198 3.370 2.505 1.601 599 550 1.116 562 352 447 232 473 479 7.301 380 1.448 44.015

500 1.265 498 644 446 417 549 578 1.382 1.245 602 1.069 1.531 678 1.272 613 595 524 1.005 1.145 623,3

Fonte: elaborazioni RTBicocca su dati Banca dItalia

Fonte: elaborazioni RTBicocca su dati Banca dItalia

Contributo alla spesa totale (2010) LA SPESA DEI TURISTI STRANIERI Nellanno 2010 la spesa complessiva dei turisti stranieri in Italia si attestata a 27,4 miliardi di euro, con una crescita limitata, pari all1,4%, rispetto al 2009. I principali contributi alla spesa complessiva sono pervenuti dai turisti tedeschi, col 16% del totale, seguiti dagli statunitensi con l11%, dai francesi col 9% e dai britannici col 7%. I paesi europei hanno complessivamente pesato per il 73% e tra essi i primi sette per la met della spesa totale; i paesi non europei per il 27%. La spesa per turista stata nel 2010 di 623,3 euro, maggiore dello 0,5% rispetto al 2009. Tale dato la media di valori molto diversi: pi bassi per i turisti che provengono dai paesi confinanti con lItalia o vicini, maggiori per i paesi europei pi distanti e con i valori pi elevati raggiunti dai paesi extraeuropei (sino al dato massimo del Giappone con oltre 1500 euro pro capite).

Fonte: elaborazioni RTBicocca su dati Banca dItalia

Spesa media per pernottamento (2010, dati in euro)

Spesa media dei turisti stranieri (2010)


Spesa per turista (euro) RUSSIA GIAPPONE AUSTRALIA STATI UNITI CANADA BRASILE REGNO UNITO AUSTRIA DANIMARCA BELGIO GRECIA SVIZZERA SVEZIA SPAGNA GERMANIA FRANCIA OLANDA RESTO EUROPA RESTO AMERICHE RESTO MONDO TOTALE 1.382 1.531 1.245 1.265 1.069 1.272 644 417 613 602 595 446 678 549 500 498 578 524 1.005 1.145 623 Pernott. medio (notti) 7,2 10,1 10,1 11,0 9,9 12,4 6,8 4,6 6,7 6,6 6,7 5,1 7,8 6,7 6,3 6,4 7,7 6,3 10,3 10,2 7,0 Spesa per pernott. (euro) 192,7 151,1 123,4 114,8 108,0 102,4 95,1 91,6 91,2 90,9 89,2 87,6 86,5 82,1 79,5 78,2 75,5 82,5 97,2 112,6 88,6

Fonte: elaborazioni RTBicocca su dati Banca dItalia

Fonte: elaborazioni RTBicocca su dati Banca dItalia

Spesa dei turisti stranieri per mese (mld. di euro)

Fonte: elaborazioni RTBicocca su dati Banca dItalia

La spesa media per turista di 623 euro deriva a sua volta da una spesa media per pernottamento di 88,6 euro, in crescita del 3% rispetto al 2009, moltiplicata per un durata media del soggiorno di 7 notti esatte, in riduzione del 2,5% rispetto allanno precedente. I soggiorni medi pi brevi hanno riguardato i turisti dei paesi limitrofi (Austria e Svizzera attorno a 5 notti), quelli pi lunghi i paesi extraeuropei: Canada, Australia e Giappone attorno a 10 notti, Stati Uniti 11, Brasile 12. La spesa media per pernottamento dei turisti europei ha oscillato nel 2010 tra un minimo di 75 euro per gli olandesi e un massimo di 95 euro per i britannici, quella dei turisti extraeuropei da circa 100 euro per brasiliani e altri sud e centro americani (115 euro gli statunitensi) sino ai valori massimi di giapponesi (150 euro) e russi (oltre 190 euro). Nel corso del 2010 la spesa dei turisti stranieri risultata stabile rispetto al 2009 nel trimestre invernale, in riduzione in estate, in crescita in primavera e negli ultimi due mesi dellanno.

Spesa totale e media per regione (2010)


Spesa totale (mil. euro) LAZIO VENETO LOMBARDIA TOSCANA EMILIA ROMAGNA CAMPANIA TRENTINO ALTO ADIGE PIEMONTE LIGURIA SICILIA FRIULI VENEZIA GIULIA PUGLIA SARDEGNA MARCHE VALLE D'AOSTA UMBRIA ABRUZZI CALABRIA BASILICATA MOLISE ITALIA CENTRO NORD EST NORD OVEST SUD E ISOLE 5.140 4.274 4.117 3.333 1.653 1.231 1.185 1.068 975 798 655 580 578 332 305 246 201 157 49 33 27.436 9.050 7.767 6.465 3.627 Spesa per turista (euro) 576 387 440 486 442 513 399 371 384 541 323 487 687 402 430 444 522 643 521 516 455 527 393 417 542 Pernott. medio (giorni) Spesa per pernott. (euro) 118,6 86,2 97,9 89,0 78,1 89,3 80,4 76,6 83,4 65,5 66,5 64,8 98,6 56,4 89,0 74,7 58,3 50,6 70,8 58,9 88,6 100,6 81,5 90,9 74,7

Variazione % spesa totale per paese di origine e area geografica visitata (2010/09)

4,9 4,5 4,5 5,5 5,7 5,7 5,0 4,9 4,6 8,3 4,9 7,5 7,0 7,1 4,8 5,9 9,0 12,7 7,4 8,8 5,1 5,2 4,8 4,6 7,3

Fonte: elaborazioni RTBicocca su dati Banca dItalia

N.B.: I turisti che visitano pi regioni sono conteggiati in ognuna. Fonte: elaborazioni RTBicocca su dati Banca dItalia

Spesa per area geografica visitata (2010)

Nel 2010 aumentata a tassi rilevanti (8%) la spesa complessiva dei turisti provenienti da paesi extraeuropei (tranne le Americhe) ed europei, diversi tuttavia da quelli principali di provenienza. I maggiori mercati di origine dei turisti che visitano lItalia sono invece risultati in contrazione (Germania, Regno Unito, Francia, Olanda). Per quanto riguarda le aree italiane visitate, nellintero anno un incremento di un certo rilievo ha riguardato solo la spesa nelle regioni del Centro (+4%) mentre nel Nord Ovest e nel Sud e Isole risultata in riduzione. Inoltre, se al Centro Italia andato un terzo della spesa totale annua, solo poco pi del 13% ha invece beneficiato il Sud e le Isole, a dimostrazione dello scarso sviluppo del turismo internazionale incoming in queste aree.

Fonte: elaborazioni RTBicocca su dati Banca dItalia

un terzo in meno della spesa media quotidiana di chi effettua pernottamenti. La spesa media per turista evidenzia un certa variabilit per area geografica e per regione, dovuta sia alla differente durata del soggiorno medio, sia alla differente spesa media per pernottamento effettuato. Al Nord, ad esempio, il soggiorno tende a essere di durata relativamente breve: 4,6 pernottamenti medi nel Nord Ovest e 4,8 nel Nord Est; raggiunge invece i 5,2 giorni al Centro e i 7,3 nel Sud e Isole, presumibilmente per effetto della maggiore distanza dai paesi di origine dei turisti e della prevalenza del turismo balneare. Occorre ricordare che la durata media nazionale del soggiorno, calcolata su base regionale di soli 5,2 pernottamenti, inferiori rispetto ai 7 pernottamenti rilevati nella media nazionale per effetto dei turisti che soggiornano in pi regioni. In sostanza il turista che si comporta come la media trascorre 7 notti in Italia, di cui 5 nella regione principale visitata e 2 in altra/e regioni. Le differenze in relazione alla durata media del soggiorno si riflettono in una spesa media per turista pi elevata nel Sud e Isole (col valore maggiore registrato in Sardegna), intermedia al Centro, e pi bassa nelle due aree del Nord. In termini di spesa media per pernottamento i valori tendono ad essere minori al Sud ma con le rilevanti eccezioni di Sardegna e Campania, rispettivamente al secondo e quarto posto tra le regioni a maggior spesa. La spesa media per pernottamento varia tra il minimo di 51 euro in Calabria e il massimo di 119 euro nel Lazio, presumibilmente dovuti al gran numero di turisti extraeuropei con elevata capacit di spesa che visitano la capitale. Si evidenziano inoltre differenze interessanti di comportamento anche in relazione alla tipologia di alloggio utilizzato: la spesa pro capite pi elevata, pari a 830 euro, riguarda chi alloggia in casa in affitto; considerando tuttavia un soggiorno medio di quasi due settimana, la spesa pro capite scende a 62 euro, il 30% in meno del dato medio di 623 euro. La spesa per pernottamento pi elevata riguarda invece chi alloggia in albergo o villaggio turistico: 145 euro, il 60% pi della media, per una durata che sfiora i 5 pernottamenti. Chi ospite di parenti o amici spende invece mediamente 56 euro per 9 pernottamenti e chi utilizza altre tipologie 53 euro per poco pi di 7 pernottamenti. Infine la spesa pro capite di chi effettua escursioni transfrontaliere senza pernottare in Italia di 58 euro, Spesa media per pernottamento (2010, dati in euro)

Fonte: elaborazioni RTBicocca su dati Banca dItalia

Spesa totale e media per tipo di alloggio (2010)


Spesa totale (mil. euro) Albergo, villaggio tur. Casa in affitto Ospite di parenti, amici Altre tipologie TOTALE Escursionisti senza pernottamento 16.172 4.102 3.806 3.357 27.436 1.734 Spesa pro capite (euro) 710 830 503 384 623 57,6 Pernott. medio (giorni) Spesa per pernott. (euro) 144,7 61,9 55,6 53,2 88,6

4,9 13,4 9,0 7,2 7,0

Fonte: elaborazioni RTBicocca su dati Banca dItalia