Sei sulla pagina 1di 40

RAPPORTO GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA: BILANCIOEPROPOSTE

Edizioni Erickson
PresentanoilRapporto: AttilioOliva VittorioNozza AndreaGavosto Intervengono: ValentinaAprea MariaLetiziaDeTorre

presidenteAssociazioneTreellle direttoreCaritasItaliana direttoreFondazioneGiovanniAgnelli

presidenteCommissioneCultura,ScienzaeIstruzionedellaCamera segretarioCommissioneCultura,ScienzaeIstruzionedellaCamera

Roma, 14 giugno 2011

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

PRINCIPI

Laviaitaliana allintegrazione: versoparadigmisemprepi inclusivi


lItalia:traiprimiPaesiadattuarelintegrazionedegli alunnicondisabilit inscuoleeclassiregolari

iprincipi,gliorientamentielepratichepedagogichedel modelloitalianosisonoprogressivamenteaffermatia livellointernazionaleinaltrisistemiscolastici

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

PRINCIPI

Laviaitaliana allintegrazione: versoparadigmisemprepi inclusivi


primadeglianni60: dallesclusioneallamedicalizzazione anni60met anni70: dallamedicalizzazioneallinserimento met anni70anni90: dallinserimentoallintegrazione (RelazioneFalcucci 1975,legge517/1977,legge104/1992) dopoglianni90: dallintegrazioneallinclusione
3

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

PRINCIPI

Laviaitaliana allintegrazione: lefinalit (I)


socializzazione,partecipazioneericonoscimentosociale apprendimentodicompetenze massimaautonomiapossibile,comportamentalee psicologica identit,autostima,personalit competenzelavorativeedipartecipazionesocialeestesa
4

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

PRINCIPI

Laviaitaliana allintegrazione: lefinalit (II)


arricchimentorelazionale,umanoecognitivo pertuttiglialunni collaborazioneesostegnoallafamiglia dellalunnocondisabilit sviluppoprofessionaledellefigurecheoperanonella scuolaemiglioramentodeiprocessiorganizzativi crescitaculturalediffusa:rispettoperledifferenze
5

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

PRINCIPI

Nontuttosigiocaascuola: volontariatoecomunit civile


Esisteungaptrailmondodellascuolaeilrestodella societ edellavitaquotidiana allinternodellascuola,specieinquellaprimaria,i ragazzicondisabilit trovanospessounmondo accoglienteeinclusivo allesterno,permangonoproblemiebarriereche limitanolintegrazionesocialeeilsoddisfacimentodei bisogni,personaliefamiliari
6

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

PRINCIPI

Nontuttosigiocaascuola: volontariatoecomunit civile


questogap sirifletteanchenelmondodelvolontariatoe dellimpegnosociale luniversodelladisabilit presoincaricodal volontariato,manonsempretaleimpegnoriescea varcareiconfinidellascuola,perch
scarsacollaborazioneecoordinamentotralerealt di volontariatoediterzosettoredentroefuorilascuola sullastessafamigliaintervengonosoggettidiversi,chenon dialoganotraloro
7

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

PRINCIPI

Integraredentroefuorilascuola: unanecessit strategica


glialunnicondisabilit sonospessoglistessiragazzi chelaCaritasealtrientidisolidariet incontranonel territorio,neicentridiascolto,nellerealt parrocchiali,neicentridiassistenza,ecc. necessit diunapresaincaricocomplessivae integrata deiragazzicondisabilit,ingradodi coordinareiltempodivita eiltempodellascuola

Loscenariointernazionale: lacrescitadeiBisogniEducativiSpeciali(BES), laconvergenzadegliorientamenti

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

SCENARIO

GlialunniconBISOGNIEDUCATIVISPECIALI(BES): laclassificazionedellOCSE
ALUNNICONDISABILIT (CATEGORIAA) disabilit odeficitdefinibiliinterminimedicosanitari,chederivanoda carenzeorganicofunzionali attribuibiliamenomazionie/opatologie organiche(deficitsensoriali,motorioneurologici) INITALIALECERTIFICAZIONI(L.104/1992)RIGUARDANOQUESTA CATEGORIA ALUNNICONDIFFICOLT (CATEGORIAB) difficolt emotiveecomportamentaliospecifichedifficolt di apprendimento(DSA,comedislessia).IlBESscaturiscedaproblemidi interazionetralostudenteeilcontestoeducativo INITALIANUOVAL.170/2010RIGUARDAIDSA ALUNNICONSVANTAGGI(CATEGORIAC) problemidovutiallambientesocioeconomico,culturaleesociolinguistico diprovenienza 10

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

SCENARIO

Unascuolasemprepi inclusiva: iBESeilmodelloICF


inclusione:unasceltairrinunciabileperrispondere adeguatamenteaicrescentiBESdiunascuolapertutti (disabilit,difficolt,svantaggi) laprogressivainclusionedeiBES coerentecon laffermazionealivellointernazionaledelmodelloICF dellOMS(OrganizzazioneMondialeSanit) ICF(InternationalClassificationofFunctioning,Disabilityand Health):unmodello che guarda alla saluteealbenessere di tutti gli individui,comeesito di uninterazione complessa di molteplici fattori,inunampia prospettiva biopsicosociale
11

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

SCENARIO

GliorientamentiprevalentioggiinEuropa
INCLUSIONE(inrafforzamento)
(quasi)tuttiglialunnidisabilioconBESnelsistemascolasticoordinario ITALIA SPAGNA

DISTINZIONE(indiminuzione)
duesistemidiistruzioneseparati.GlialunniconBESdisolito inseritiin scuolespecialioclassispeciali GERMANIA PAESIBASSI

MISTO(prevalente)
compresenzadimoltepliciapproccieservizi:glialunniconBES possono essereinseritisianellascuolaordinariasianellescuolespeciali,conmixdi soluzionidiverse GRANBRETAGNA FRANCIA FINLANDIA
12

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

SCENARIO

Dovestudianoglialunnicondisabilit ogginelmondo
CategoriaA OCSE

13

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

SCENARIO

Convergenzeinternazionalineiprincipienellepratiche
buonapreparazionedibaseinpedagogiaedidattica specialepertutti gliinsegnanti(nonsoloquellidi sostegnoeBES) formazionediinsegnantispecialisti inBES approcciosistemico:politichediinclusionescolastica correlateallepolitichedisostegnoallafamiglia,di abolizionedellebarrierearchitettoniche,di inserimentolavorativo
14

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

OBIETTIVO

LobiettivodelRapporto
Aoltre30annidallasceltacoraggiosacompiuta dallItalia doverosounbilancio ampioedocumentato inchemisurahaeffettivamentefunzionato? lapratica statacoerenteaiprincipi? lefinalit sonostateraggiunte? conqualerapportocosti/benefici?

15

Ilquadroitaliano: unafotografiaaggiornata

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

DATI

Lacrescitadeglialunnicondisabilit nelsistemascolasticoitaliano

Fonte:Miur

17

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

DATI

Lacrescitadeglialunnicondisabilit nelsistemascolasticoitaliano
3,3 SECONDARIAIGRADO 2,6 PRIMARIA 2,1 1,59 SECONDARIAIIGRADO 0,8 TOTALE 2,6 2,24 1,8

Fonte:Miur

Incidenzadeglialunnicondisabilit perordinediscuola

18

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

DATI

Alunnicondisabilit pertipodidisabilit

Datidisaggregatiperil200910indicanounaforteincidenza(40%)deiritardi mentalifraidisabili,seguitidadisturbidellapprendimento(30%), dellattenzione(25%),affettivi(22%)ecomportamentali(18%)


Fonte:Miur,Istat
19

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

DATI

Docentidisostegnoealunnicondisabilit nella scuolastatale

Ilrapportoalunni/docentedisostegno oggicirca2,1alNord, 2,2alCentroe1,9alSudeIsole


FonteMiur
20

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

DATI

Icostiperlintegrazionescolastica:unastima
laspesaannualetotalestimabile intornoa4miliardidi Euro,allinternodellaquale icompensierogatiagliattualica.95.000insegnantidi sostegno icompensierogatidaglientilocaliaglioperatoriea figureesterneallascuola(circa25.000addetti) inpresenzadialunnicondisabilit previstalariduzione deitettimassimidistudentiperclasse,chedeterminano almenodeiure laformazionedinuoveclassie conseguenteampliamentodiorganico
21

Ilquadroitaliano: nodicritici

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

NODICRITICI

Cosa segnalano idati?


ilmodelloitalianodiintegrazione: buoniprincipi,mapocotrasparenteepocointelligente pocotrasparente: incorsounallargamentostrisciante rispettoaquantoprevistodallaLegge104/92. Lacertificazionedidisabilit talvoltariconosciutaanchead alunnichearigoredisabilinonsono,machepresentanoaltri tipididifficolt osvantaggi pocointelligente: tuttofondatosulrigidobinomio ALUNNOCONDISABILIT CERTIFICATA+INSEGNANTEDI SOSTEGNO
23

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

NODICRITICI

Inodicritici: certificazioneeprocedureformali
approccioprevalentementemedico mancanzadistandardedeccessivadiscrezionalit separazionetrachidecidelecertificazioni(ASL)echi decidelassegnazionedegliinsegnantidisostegno (Amministrazionescolastica) rigidit eautomatismidellesoluzioni: lacertificazionesirisolvesemprenellassegnazionedi orediuninsegnantedisostegno
24

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

NODICRITICI

Inodicritici: insegnantidisostegnoeinsegnanticurricolari
eccessivamobilit degliinsegnantidisostegno: il43%degliallievicondisabilit nellaprimariaesecondariadi 1 gradocambiainsegnantedisostegnounaopi volteallanno postodisostegnocomepercorsoprivilegiatoperentrarepi rapidamenteinruolo:madopo5annisihadirittoatornaresu postonormale inadeguataformazioneespecializzazionedegliinsegnantidi sostegno:il32%dellescuoledelprimociclononhaalcun insegnanteconspecializzazioneperilsostegno insegnanticurricolarinoncoinvoltinelprocessodintegrazionee prividiunaformazionedibasenelladidatticaspeciale
25

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

NODICRITICI

Inodicritici: lefamiglie
lefamigliedeiragazzicondisabilit nonsonoguidatenelle praticheburocratiche(apartiredallacertificazione):spessofanno das fortesensodiisolamento.Soprattuttoperlefamiglie appartenentiagruppisocialisvantaggiati,privedirisorse,reti relazionalieassistenziali(es.famigliestraniereconfiglidisabili) lefamigliedeiragazzicondisabilit nonsonoformatee corresponsabilizzatenellelaborazionedelprogettodivitadeifigli necessariopromuovereintutte lefamiglielacultura dellintegrazioneeilrispettodelladiversit

26

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

NODICRITICI

Inodicritici: iservizisanitariesociali
differentifilosofiesocialieoperativedeivarienti fallimentodegliaccordidiprogrammatrascuolaeservizi sanitariesociali diconseguenza,assenzadicoordinamentoedi responsabilit chiare

27

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

NODICRITICI

Inodicritici: dopoeoltrelascuola
scollamentotrascuolaemondodellavoro quasiinesistentiesperienzedistageetirociniinazienda edialternanzascuolalavoro inItalianel2003(datiOCSE)soloil7%deidisabili adultieraoccupatocontrounamediaeuropeadel17% gliexallievisonoriconsegnatiallafamigliasenza garanziadicontinuit equalit delsostegno
28

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

NODICRITICI

Inodicritici: dopoeoltrelascuola
troppicasidiabbandonodellascuolasenzaalcuna qualificazione labbandonoriguardasituazionidifferenti:
famigliesvantaggiate,privedirisorserelazionalied economiche famiglieallontanatedalcomportamentopocoaccoglientedi alcunerealt scolastiche famigliestraniere,chedevonosuperaredoppiebarrieredi inclusione famigliesfiduciate,allequalilascuolanonappareutileperil futurodeiproprifigli casididisabilit moltograve
29

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

NODICRITICI

Inodicritici: leresistenzealcambiamento(I)
TUTTIINTERESSILEGITTIMI,MAINGRANPARTEESTERNI ALLINTEGRAZIONEDI QUALIT DEGLIALUNNICONDISABILIT:

lafamiglia trovanelsostegnolapossibilit disoddisfare molteesigenzedelfigliocondisabilit lascuola conlaumentodeglistudentidisabilipuottenere uncalodelnumerodiallieviperclasseedunqueunaumento delnumerodelleclassiedelsuoorganico pergliinsegnanti ilpostodisostegno unpercorso privilegiatoperentrarepi rapidamenteinruoloegli insegnantidisostegno dopo5annidiservizioinruolo possonopassareauninsegnamentonormale
30

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

NODICRITICI

Inodicritici: leresistenzealcambiamento(II)
gliinsegnanti curricolari nonsicorresponsabilizzanoe tendonoadelegareallinsegnantedisostegno lAmministrazione utilizzalopportunit diuna dotazioneorganicaaggiuntivaperabbassarelatensione delprecariatoopersoddisfarerichiestedimobilit iservizi esterni consideranolascuolacome responsabileunicodellintegrazioneenonsene assumonolacorresponsabilit
31

Seiproposte peraprireundibattito

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

PROPOSTE

Lineeguidadiriforma(I)
sulpianodeiprincipi: lasfidadellintegrazione/inclusione un progettoeducativoe dicivilt irrinunciabiledaestendere(disabili+BES)eda renderepi trasparente eintelligente ilprogettoeducativodeveesserefunzionaleallediverse tipologiediBES,prevedendoancheinsegnantiepersonalead altaspecializzazione sulpianodellerisorsefinanziarie: mantenerelattualelivellodirisorseconnuovemodalit di utilizzazione (risorseumane,tecnologie,servizivari,tempi extrascolastici)
33

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

PROPOSTE

Lineeguidadiriforma(II)
sulpianooperativo:
valutaresistematicamenteefficacia edefficienza delleprassidi integrazionescolasticaedeirisultatiperglialunnicondisabilit abbandonarelerigideprocedurecheriduconolintegrazioneauna meccanicisticaattribuzionediinsegnante/oredisostegno garantire lapienacorresponsabilizzazione dituttiidocenti:la qualit dellintegrazionesifaconladidatticaindividualizzata quotidianadaparteditutti gliinsegnanti,nonconladelega allinsegnantedisostegno valorizzarelautonomiagestionaleeorganizzativadellescuole renderepossibileunaefficacecollaborazionescuola,famiglia, servizisocialiesanitari,comunit locale
34

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

PROPOSTE

PROPOSTA1:attivazionealivelloterritorialedi nuoviCentriRisorseperlIntegrazione(CRI)
ilCRI unanuovastruttura,alivelloprovincialeosubprovinciale, dotatadipersonalit giuridicaeautonomiaamministrativa direttodaundirigenteresponsabile,disponediinsegnantiedi personaleadaltaspecializzazione,inunafasetransitoriadegliattuali insegnantidisostegno(cfr.Proposta2),edipersonaleATAselezionato perassistenzaallintegrazione esaminaiprogettipresentatidallescuoleeinconcertazioneconle stesse,iserviziesternielefamiglie,definisceeassegnatuttelerisorse finanziarieeprofessionalietecnologichedestinateallescuole per lintegrazione svolgeunserviziodisportellounico perglialunnicondisabilit ele lorofamiglie,assistendolineivarimomentidivitaeintegrazione attivaunsistemadipolitichepremialiafavoredellescuoleche realizzanopratichediintegrazionepi efficaciedefficienti, caratterizzatedainnovativit eriproducibilit

35

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

PROPOSTE

PROPOSTA2:evoluzionedellafigura degliinsegnanticurricolariedisostegno
inlineacongranpartedeipaesieuropei,preparazionedibasein pedagogiaedidatticaspecialenellaformazionedituttigli insegnanti inizialeoinitinere epertuttiigradiscolastici (nonprevistadallattualepercorsoformativoperlascuola secondaria) passaggiogradualedegliinsegnantidisostegnoallorganico normaledellescuole:assegnatisullabasedellaletturadeibisogni dellescuolestesseedellaconcertazioneterritorialeconilCRI contemporaneacreazionediuncongruonumerodiinsegnantie personaleadaltaspecializzazione:stabilinellororuolo,atempo pieno,senzaimpegnidilavorodidatticodiretto,cheoperano pressoiCRIsvolgendoconsulenzatecnicaeformazionepervarie scuoledelterritorio (conleconseguentirevisioninormativeecontrattualichesi rendesseronecessarie)
36

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

PROPOSTE

PROPOSTA3:abolizionedeglieffettiscolasticidella certificazioneenuovemodalit diattivazionedelle risorseumaneefinanziarie


passaredaunapprocciomedicoaunopedagogico lacertificazioneASLmantienelasuaefficaciaperleprovvidenze (agevolazioni,sussidi,assistenzaecc.),manonperisuoieffetti scolastici.LaASLprovvedeaunProfilodifunzionamento costruitosuunabasebiopsicosociale (ICFdellOMS) laletturadeibisognidiintegrazioneelaprogettazionedi interventi(Pianoeducativoindividualizzato Progettodivita) sonofattedallescuoleautonomeinconcertazioneconilCRI,non pi dalleASL
37

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

PROPOSTE

PROPOSTA4:istituzionediformedivalutazione dellaqualit dellintegrazione


valutarecostantementelaqualit deipercorsidiintegrazioneei suoirisultatitramiteunpattoistituzionalizzatotraCRI,singola scuolaefamiglie definireelementiminimivincolantiinterministrutturalie processualidellaqualit delsistema(ades.tipodi documentazione,numeroemodalit diincontriscuolafamiglia, ecc.)eicriteridisoddisfazionedellefamiglieedivalutazionedei risultatidapartedeidocenti ridefinireinogniscuolailnucleo/dipartimentoper lintegrazione performulareprogetti,dialogareconilCRIeper lautovalutazione prevederemonitoraggioevalutazioneesternaacuradelCRIsul concretooperaredellescuole
38

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

PROPOSTE

PROPOSTA5:attivazionediuncoordinamentoedi unmonitoraggioalivellonazionale
direzionestrategica iltemadellintegrazione interdisciplinare:necessit diun comitatointerministeriale(Miur,Sanit,Welfare)conun ministerocapofila ilMiur dovrebbedotarsidiunanuovaaltadirezioneadhoc datieinformazioni istituireunsistemaintegrato difontiinformativesuiBES, oggiquasiinesistente,perprogrammareloffertaevalutarela qualit eirisultatidelleiniziative programmidiricerca iscrivereiBESnellastrategianazionalediricercaperfavorire approcciinterdisciplinaritrascienzeingegneristiche,scienze biomediche,scienzeumaneesociali
39

GLIALUNNICONDISABILIT NELLASCUOLAITALIANA:BILANCIOEPROPOSTE

PROPOSTE

PROPOSTA6: sperimentazionesupiccolascala
alla luce della natura innovativa delle precedenti proposte edella complessit ecriticit di una fase di transizione tutta da elaborare necessario avviare prioritariamente una sperimentazione alivello territoriale su piccola scala

40