Sei sulla pagina 1di 32

IT

CaIdaia muraIe a gas a condensazione


Manuale per l'uso destinato all'utente ed all'installatore
0085
7103534.01 2
U
t
e
n
t
e

&


I
n
s
t
a
I
I
a
t
o
r
e


(
I
T
)

Gentile Cliente,
la nostra Azienda ritiene che la Sua nuova caldaia soddisfer tutte le Sue esigenze. L'acquisto di un prodotto BAXI garantisce
quanto Lei si aspetta: un buon funzionamento ed un uso semplice e razionale.
Quello che Le chiediamo di non mettere da parte queste istruzioni senza averle prima lette: esse contengono informazioni utili
per una corretta ed effciente gestione della Sua caldaia.
BAXI dichiara che questi modelli di caldaie sono dotati di marcatura conformemente ai requisiti essenziali delle seguenti
Direttive:
- Direttiva gas 2009/142/CE
- Direttiva Rendimenti 92/42/CEE
- Direttiva Compatibilit Elettromagnetica 2004/108/CE
- Direttiva bassa tensione 2006/95/CE
6RPPDULR
DESCRZONE SMBOL ............................................................................................................................................................. 3
AVVERTENZE D SCUREZZA .................................................................................................................................................... 3
AVVERTENZE GENERAL ........................................................................................................................................................... 4
CONSGL PER L RSPARMO ENERGETCO .......................................................................................................................... 4
1. MESSA N FUNZONE DELLA CALDAA........................................................................................................5
PANNELLO D CONTROLLO ....................................................................................................................................................... 5
1.1 IMPOSTAZIONI DI BASE DEL PANNELLO DI CONTROLLO ....................................................................................5
2. ACCESSO AI MENU DI CONFIGURAZIONE DEI PARAMETRI ...................................................................6
2.1 MENU NFORMAZON ................................................................................................................................................6
2.2 MENU MPOSTAZONE ORA E DATA ..........................................................................................................................6
2.3 MODFCARE LA LNGUA (menu Unit di comando) ...............................................................................................6
2.4 REGOLAZIONE DELLA TEMPERATURA ...................................................................................................................6
3. FUNZIONI ASSOCIATE AL TASTO EASY MENU (menu rapido ).................................................7
4. MOD D FUNZONAMENTO ..........................................................................................................................7
4.1 RSCALDAMENTO .......................................................................................................................................................7
4.2 PROGRAMMA VACANZE ............................................................................................................................................8
5. PROGRAMMAZIONE ORARIA ......................................................................................................................8
5.1 GRUPP D GORN ......................................................................................................................................................8
5.2 GORN SNGOL ..........................................................................................................................................................8
5.3 PROCEDURA D MODFCA DELLA PROGRAMMAZONE ORARA (riscaldamento / sanitario) ...............................8
5.4 FUNZIONE DI BLOCCO DEL PANNELLO DI CONTROLLO .....................................................................................10
6. SPEGNMENTO DELLA CALDAA ................................................................................................................10
7. ANOMALE ......................................................................................................................................................10
7.1 RPRSTNO DELLE ANOMALE ..................................................................................................................................10
8. REMPMENTO MPANTO .............................................................................................................................11
9. CAMBO GAS ..................................................................................................................................................11
10. ARRESTO PROLUNGATO DELL'MPANTO. PROTEZONE ANTGELO ( ) ...........................................11
11. STRUZON PER L'ORDNARA MANUTENZONE ......................................................................................11
AVVERTENZE PRMA DELL'NSTALLAZONE ........................................................................................................................... 12
12. INSTALLAZIONE DELLA CALDAIA ..............................................................................................................12
12.1 DOTAZIONI PRESENTI NELL'IMBALLO ....................................................................................................................12
13. NSTALLAZONE DE CONDOTT ..................................................................................................................12
13.2 CONDOTT SEPARAT ................................................................................................................................................13
14. COLLEGAMENT ELETTRC .........................................................................................................................13
14.1 COLLEGAMENTO TERMOSTATO AMBIENTE ..........................................................................................................14
14.2 NSTALLAZONE A PARETE DEL PANNELLO D CONTROLLO ................................................................................14
14.3 COLLEGAMENTO AD UN IMPIANTO A ZONE ...........................................................................................................16
14.4 ACCESSOR NON NCLUS NELLA DOTAZONE .......................................................................................................16
15. FUNZIONI SPECIALI ......................................................................................................................................17
15.1 FUNZONE DEGASAMENTO MPANTO .....................................................................................................................17
16. MODALTA D CAMBO GAS ..........................................................................................................................17
16.1 TARATURA DELLA VALVOLA GAS ..............................................................................................................................18
17. PARAMETR D COMBUSTONE ...................................................................................................................18
18. DSPOSTV D REGOLAZONE E SCUREZZA ...........................................................................................18
19. CARATTERSTCHE PORTATA/PREVALENZA ALLA PLACCA .....................................................................19
20. MANUTENZONE ANNUALE ..........................................................................................................................19
20.1 POSIZIONAMENTO ELETTRODI ..................................................................................................................19
21. CARATTERSTCHE TECNCHE ....................................................................................................................20
7103534.01 3
U
t
e
n
t
e

&


I
n
s
t
a
I
I
a
t
o
r
e


(
I
T
)

DESCRIZIONE SIMBOLI
AVVERTENZA
Rischio di danno o di malfunzionamento dell'apparecchio. Prestare particolare attenzione alle avvertenze
di pericolo che riguardano possibili danni alle persone.
PERICOLO SCOTTATURE
Attendere che l'apparecchio si raffreddi prima di agire sulle parti esposte al calore.
PERICOLO ALTA TENSIONE
Parti elettriche in tensioni, pericolo di shock elettrico.
PERICOLO GELO
Probabile formazione di ghiaccio perch la temperatura pu essere particolarmente bassa.
INFORMAZIONI IMPORTANTI
nformazioni da leggere con particolare attenzione perch utili al corretto funzionamento della caldaia.
DIVIETO GENERICO
Vietato effettuare/utilizzare quanto specifcato a fanco del simbolo.


SIMBOLOGIA RIFERITA AL PANNELLO DI CONTROLLO (capitoIo 1)
Ruotare la manopola B Visualizzazione display
Premere la manopola B Premere insieme il tasto A e la manopola B
Premere il tasto A o C Premere insieme i tasti A e C
AVVERTENZE DI SICUREZZA

ODORE DI GAS
Spegnere la caldaia.
Non azionare alcun dispositivo elettrico (come accendere la luce).
Spegnere eventuali famme libere e aprire le fnestre.
Chiamare il centro di Assistenza Tecnico Autorizzato.
ODORE DI COMBUSTIONE
Spegnere la caldaia.
Aerare il locale aprendo porte e fnestre.
Chiamare il Centro di Assistenza Tecnica Autorizzato.
MATERIALE INFIAMMABILE
Non utilizzare e/o depositare materiali facilmente infammabili (diluenti, carta, ecc.) nelle vicinanze della caldaia.

MANUTENZIONE E PULIZIA CALDAIA
Togliere l'alimentazione elettrica alla caldaia prima di effettuare un qualsiasi intervento.

L'apparecchio non destinato a essere usato da persone (bambini compresi) Ie cui capacit siche, sensoriaIi o mentaIi
siano ridotte, oppure con mancanza di esperienza o di conoscenza, a meno che esse abbiano potuto beneciare, attraver-
so I'intermediazione di una persona responsabiIe deIIa Ioro sicurezza, di una sorvegIianza o di istruzioni riguardanti I'uso
deII'apparecchio.

7103534.01 4
U
t
e
n
t
e

&


I
n
s
t
a
I
I
a
t
o
r
e


(
I
T
)

AVVERTENZE GENERALI
Questa caldaia serve a riscaldare l'acqua ad una temperatura inferiore a quella di ebollizione a pressione atmosferica. Essa deve
essere allacciata ad un impianto di riscaldamento e ad una rete di distribuzione di acqua calda sanitaria, compatibilmente alle sue
prestazioni ed alla sua potenza. Prima di far allacciare la caldaia da personale professionalmente qualifcato, secondo il DM n
37 del 22.01.08, far effettuare:

Una verifca che la caldaia sia predisposta per il funzionamento con il tipo di gas disponibile. Questo rilevabile dalla scritta
sull'imballo e dalla targa presente sull'apparecchio.
Un controllo che il camino abbia un tiraggio adeguato, non presenti strozzature e non siano inseriti nella canna fumaria scari-
chi di altri apparecchi, salvo che questa non sia realizzata per servire pi utenze secondo le specifche Norme e prescrizioni
vigenti.
Un controllo che, nel caso di raccordi su canne fumarie preesistenti, queste siano state perfettamente pulite poich le scorie,
staccandosi dalle pareti durante il funzionamento, potrebbero occludere il passaggio dei fumi.
Risulta inoltre indispensabile, al fne di preservare il corretto funzionamento e la garanzia dell'apparecchio, seguire le precau-
zioni di seguito riportate.

1. Circuito sanitario
1.1 Se la durezza dell'acqua supera il valore di 20 F (1 F = 10 mg di carbonato di calcio per litro d'acqua) si prescrive l'installa-
zione di un dosatore di polifosfati o di un sistema di pari effetto rispondente alle normative vigenti.
1.2 E' necessario effettuare un lavaggio accu rato dell'impianto dopo l'installazione dell'apparecchio e prima del suo utilizzo.
1.3 materiali utilizzati per il circuito acqua sanitaria sono conformi alla Direttiva 98/83/CE.

2. Circuito di riscaIdamento
2.1 Impianto nuovo: Prima di procedere all'installazione della caldaia l'impianto deve essere opportunamente pulito allo scopo
di eliminare residui di flettature, saldature ed eventuali solventi utilizzando prodotti idonei disponibili sul mercato non acidi e non
alcalini, che non attacchino i metalli, le parti in plastica e gomma. Per la protezione dell'impianto dall'incrostazioni necessario
l'utilizzo di prodotti inibitori quali SENTNEL X100 e FERNOX protettivo per impianti di riscaldamento. Per l'utilizzo di questi pro-
dotti seguire attentamente le istruzioni fornite con i prodotti stessi.

2.2 Impianto esistente: Prima di procedere all'installazione della caldaia l'impianto deve essere completamente svuotato ed op-
portunamente pulito da fanghi e contaminanti utilizzando prodotti idonei disponibili sul mercato citati al punto precedente. prodotti
raccomandati per la pulizia sono: SENTNEL X300 o X400 e FERNOX rigeneratore per impianti di riscaldamento. Per l'utilizzo di
questi prodotti seguire attentamente le istruzioni fornite con i prodotti stessi. Ricordiamo che la presenza di depositi nell'impianto
di riscaldamento comporta dei problemi funzionali alla caldaia (es. surriscaldamento e rumorosit dello scambiatore)

La prima accensione deve essere effettuata dal Servizio di Assistenza Tecnica autorizzato che dovr verifcare:

Che i dati di targa siano rispondenti a quelli delle reti di alimentazione (elettrica, idrica, gas).
Che l'installazione sia conforme alle normative vigenti, in particolare: UN-CG 7129, 7131, Regolamento di Attuazione della
Legge n 10 del 9.01.991 ed in specie i Regolamenti Comunali)
Che sia stato effettuato regolarmente il collegamento elettrico alla rete pi terra.
La mancata osservazione di queste avvertenze comporta il decadimento della garanzia dell'apparecchio. I nominativi dei
Centri di Assistenza Tecnica autorizzati sono rilevabili dal foglio allegato. Prima della messa in funzione togliere il hlm protet-
tivo della caldaia. Non utilizzare per lo scopo utensili o materiali abrasivi perch potrebbero danneggiare le parti verniciate.
Le parti deII'imbaIIo (sacchetti in pIastica, poIistiroIo ecc.) non devono essere Iasciate aIIa portata dei bambini in quanto
potenziaIi fonti di pericoIo.

CONSIGLI PER IL RISPARMIO ENERGETICO
RegoIazione deI riscaIdamento

Regolare la temperatura di mandata caldaia in funzione del tipo di impianto. Per impianti con termosifoni, si consiglia di impostare
una temperatura massima di mandata dell'acqua di riscaldamento di circa 60C, aumentare tale valore qualora non si dovesse
raggiungere il comfort ambiente richiesto. Nel caso di impianto con pannelli radianti a pavimento, non superare la temperatura
prevista dal progettista dell'impianto. consigliabile l'utilizzo della Sonda Esterna e/o del Pannello di Controllo per adattare au-
tomaticamente la temperatura di mandata in funzione delle condizioni atmosferiche o della temperatura interna. n questo modo
non viene prodotto pi calore di quello che effettivamente necessario. Regolare la temperatura ambiente senza surriscaldare i
locali. Ogni grado in eccesso signifca un consumo energetico maggiore, pari a circa 6%. Adeguare la temperatura ambiente an-
che in funzione del tipo di utilizzo dei locali. Ad esempio, la camera da letto o le stanze meno usate possono essere riscaldate ad
una temperatura inferiore. Utilizzare la programmazione oraria ed impostare la temperatura ambiente nelle ore notturne inferiore
a quella nelle ore diurne di circa 5C. Un abbassamento superiore non conviene in termini di risparmio economico. Solo in caso
di assenza prolungata, come ad esempio una vacanza, abbassare ulteriormente il set di temperatura. Non coprire i radiatori per
evitare la corretta circolazione dell'aria. Non lasciare le fnestre socchiuse per aerare i locali, ma aprirele completamente per un
breve periodo.

Acqua caIda sanitaria

Un buon risparmio si ottiene impostando la temperatura sanitaria dell'acqua desiderata evitando di miscelarla con l'acqua fredda.
Ogni ulteriore riscaldamento causa uno spreco di energia e una maggiore creazione del calcare.
BAXI tra i leader in Europa nella produzione di caldaie e sistemi per il riscaldamento ad alta
tecnologia, certifcata da CSQ per i sistemi di gestione per la qualit (SO 9001) per l'ambiente
(SO 14001) e per la salute e sicurezza (OHSAS 18001). Questo attesta che BAX S.p.A. riconosce
come propri obiettivi strategici la salvaguardia dell'ambiente, l'affdabilit e la qualit dei propri
prodotti, la salute e sicurezza dei propri dipendenti.
L'azienda attraverso la propria organizzazione costantemente impegnata a implementare e
migliorare tali aspetti a favore della soddisfazione dei propri clienti.
7103534.01 5
S
e
z
i
o
n
e

U
T
E
N
T
E


(
I
T
)

1. MESSA IN FUNZIONE DELLA CALDAIA
Procedere come di seguito descritto per le corrette operazioni di accensione:

Aprire il rubinetto del gas (di colore giallo, normalmente posizionato sotto alla caldaia);
Verifcare che la pressione idraulica dell'impianto sia quella prescritta (capitolo 7);
Alimentare elettricamente la caldaia;

l panneIIo di controIIo della caldaia pu essere installato a parete per gestire la temperatura del locale da riscaldare.
In fase di prima accensione, nch non viene scaricata I'aria contenuta neIIa tubazione deI gas, si pu vericare Ia non ac-
censione deI bruciatore ed iI conseguente bIocco deIIa caIdaia. Per riavviare Ia caIdaia vedere iI capitoIo 4.

PANNELLO DI CONTROLLO
Legenda SIMBOLI
Bruciatore acceso
(Potenza %: 1<70% - 2>70%)
Modo di funzionamento: temperatura ambiente di
comfort
Modo di funzionamento: temperatura ambiente
ridotta (solo se installato in ambiente )
Modo di funzionamento in riscaldamento :
1 = zona 1 2 = zona 2 3 = zona 3
Modo di funzionamento: sanitario abilitato
Modo di funzionamento: AUTOMATCO
Modo di funzionamento: MANUALE
Temperatura ambiente (C)
Temperatura esterna (C) Presenza anomalia
Spento: riscaldamento e sanitario disabilitati
( attiva solo la protezione antigelo di caldaia)
Anomalia che impedisce l'accensione del bruciatore
Funzione spazzacamino attiva Richiesto intervento Assistenza Tecnica
Funzione programma vacanze attivo Pressione acqua caldaia/impianto bassa
Trasmissione dati
(solo se connesso il dispositivo WRELESS)
Unit di misura impostate (S/US)
1.1 IMPOSTAZIONI DI BASE DEL PANNELLO DI CONTROLLO
PROCEDURA DI CONFIGURAZIONE DI PRIMA ACCENSIONE

Alla prima accensione della caldaia necessario effettuare la seguente procedura (il testo in lingua INGLESE fno a quando
sar chiesto di impostare la propria lingua come illustrato nella sequenza A-B-C della fgura riportata sotto):

B per 5 secondi ;
sul Pannello di Controllo visualizzato un valore percentuale crescente da 1 a 100. L'operazione di sincronizzazione dei dati
richiede alcuni minuti di attesa;
impostare la lingua, la data e l'ora.

C
G
_
2
2
2
5
A B C
7103534.01 6
S
e
z
i
o
n
e

U
T
E
N
T
E


(
I
T
)

2. ACCESSO AI MENU DI CONFIGURAZIONE DEI PARAMETRI
LEGENDA DISPLAY (vedere gura a Iato)
a Data : giorno, mese, anno
b Giorno della settimana
c Pressione caldaia / circuito di riscaldamento
d Orologio: ora e minuti
Per accedere alla lista dei menu di confgurazione, la procedura da seguire
la seguente (fare riferimento al capitolo Descrizione Simboli):

C B per scegliere il menu desiderato; B per confermare op-
pure C per uscire senza salvare.

La lista dei menu di confgurazione la seguente:

nformazione (capitolo 2.1)
Ora e data (capitolo 2.2)
Unit di comando (capitolo 2.3)
Programma orario riscald. (1,2 - capitolo 5)
Programma orario riscald.3 (capitolo 5)
Programma orario sanitario (capitolo 6)
Programma orario aux
Vacanze Riscaldamento (1,2,3 - capitolo 4.2)
Circuito Riscaldamento (1,2,3 - capitolo 4.1.1)
Circuito sanitario
Scaldatore istant ACS (non utilizzato per questo tipo di caldaia)
Errore (capitolo 7)
Parametri diagnostica

2.1 MENU INFORMAZIONI
In presenza di anomalia, il primo dato visualizzato il codice dell'anomalia stessa.

Per visualizzare le informazioni di caldaia selezionare la voce Informazione seguendo la procedura del capitolo 2.

Temperatura caIdaia C Temperatura di mandata della caldaia
Temperatura esterna C Temperatura esterna
Temperatura esterna min. C Minimo valore memorizzato della temperatura esterna (con Sonda Esterna collegata)
Temperatura esterna max. C Massimo valore memorizzato della temperatura esterna (con Sonda Esterna collegata)
Temperatura sanitario 1 C Temperatura sanitaria (valore letto dalla sonda del circuito sanitario della caldaia)
Stato circ.riscaIdamento 1 (On/Off) Stato della pompa del circuito primario di riscaldamento
Stato circ.riscaIdamento 2 (On/Off) Stato della pompa del secondo circuito di riscaldamento
Stato circuito sanitario Carico Stato del circuito sanitario
Stato caIdaia (On/Off) Stato della caldaia
TeIefono servizio cIienti n xxxxxxxxxx
2.2 MENU IMPOSTAZIONE ORA E DATA
Per impostare l'ora e la data seguire la procedura del capitolo 2 e agire nel modo seguente:

Accedere al menu Ora e Data B 1 (Ora/minuti) B (l'ora lampeggia)
B per modifcare l'ora B per confermare (i minuti lampeggiano) B per modifcare B per confermare.
B per modifcare 2 (Giorno / mese) e 3 (Anno) eseguendo la stessa procedura sopraccitata.
C per ritornare al menu p recedente.
2.3 MODIFICARE LA LINGUA (menu Unit di comando)
Per impostare la lingua seguire la procedura del capitolo 2 e agire nel modo seguente:
accedere al menu Unit di comando B per selezionare la riga di programma 20 (Cambia Lingua);
B per scegliere la propria lingua B per salvare.
C per ritornare al menu precedente.
2.4 REGOLAZIONE DELLA TEMPERATURA
La regolazione della temperatura si effettua ruotando la manopola B rispettivamente verso destra per aumentare il valore e
verso sinistra per diminuirlo. La temperatura da regolare pu essere:

Temperatura di mandata: se il Pannello di Controllo istallato in caldaia.

Temperatura ambiente: se il Pannello di Controllo installato a parete.
zo21
Vened
14:1
23b

b c
d
A B C
7103534.01 7
S
e
z
i
o
n
e

U
T
E
N
T
E


(
I
T
)

3. FUNZIONI ASSOCIATE AL TASTO EASY MENU (menu rapido )
Premere il tasto A e B per scorrere le seguenti funzioni quindi B per attivare la funzione scelta:

Standby/funzionamento
Funz. Sanitario forzato
Modo. funzion. Circ. Risc.
Temp.comfort. Circ.Riscal.
Modo funzion Sanitario
Setpoint nominale Sanitario

Standby/funzionamento
Attivando questa funzione sul display appare il simbolo e viene disabilitato il funzionamento della caldaia in sanitario e in ri-
scaldamento ( attiva la funzione antigelo). Per ripristinare il funzionamento della caldaia ripetere la procedura descritta sopra.

Funz. Sanitario forzato
Questa funzione permette di eseguire una messa in temperatura del bollitore, se presente, fno al raggiungimento della tempera-
tura impostata, indipendentemente dalla fascia oraria impostata.

Modo. funzion. Circ. Risc.
All'interno di questo menu possibile scegliere il modo di funzionamento della caldaia come spiegato al capitolo 4.

Temp.comfort. Circ.RiscaI.
Selezionare questo menu per modifcare il valore della temperatura ambiente comfort.

Modo funzion Sanitario
Selezionare questo menu per abilitare On o disabilitare Off il funzionamento del sanitario. La funzione eco non utilizzata
per questo modello di caldaia.

Setpoint nominaIe Sanitario
Selezionare questo menu per modifcare il valore massimo della temperatura sanitaria.
Quando il sanitario disabilitato, sul display il simbolo scompare.

4. MODI DI FUNZIONAMENTO
4.1 RISCALDAMENTO
Ci sono 4 modi di funzionamento della caldaia in riscaldamento: Comfort - Ridotto - Automatico - Protezione Antigelo Ambiente.
Per impostare uno dei modi di funzionamento la procedura la seguente:

Dal menu principale A B Modo funzionamento CR1 B per confermare.
B (senso antiorario) Comfort - Ridotto - Automatico - Protezione antigeIo B per confermare oppure C
per uscire senza salvare.

CASO 1 : iI PanneIIo di ControIIo instaIIato in caIdaia

Ruotando la manopola B si regola la temperatura di mandata caldaia.


DESCRIZIONE DEI MODI DI FUNZIONAMENTO

1. Comfort : il riscaldamento sempre attivo (simboli visualizzati ).
2. Ridotto : il riscaldamento disabilitato (simboli visualizzati );
3. Automatico : il riscaldamento dipende dalla fascia oraria impostata (simboli visualizzati );
4. Protezione antigeIo ambiente : il riscaldamento disabilitato.



CASO 2 : iI PanneIIo di ControIIo instaIIato a parete

Ruotando la manopola B si regola la temperatura ambiente del locale da riscaldare.



DESCRIZIONE DEI MODI DI FUNZIONAMENTO

1. Comfort : la temperatura del locale da riscaldare quella di comfort, il valore di fabbrica 20C (simboli );
2. Ridotto : la temperatura del locale da riscaldare quella ridotta, il valore di fabbrica 16C (simboli visualizzati );
3. Automatico : la temperatura del locale da riscaldare dipende dalla fascia oraria impostata (simboli visualizzati );
4. Protezione antigeIo ambiente : la caldaia si accende quando la temperatura dell'ambiente scende sotto i 6C.

Durante il funzionamento della caldaia nella modalit AUTOMATCO , ruotando la manopola B si effettua una regolazione
temporanea della temperatura. Questa modihca rimane valida hno al successivo cambio di fascia oraria.

L'antigeIo di caIdaia sempre attivo, Ia caIdaia si accende quando Ia temperatura di mandata deII'acqua di riscaIdamento
scende sotto i 5C. La funzione operativa se I'apparecchio aIimentato eIettricamente e c' gas.


7103534.01 8
S
e
z
i
o
n
e

U
T
E
N
T
E


(
I
T
)

4.1.1 REGOLAZIONE DELLA TEMPERATURA AMBIENTE RIDOTTA DI RISCALDAMENTO
Per impostare la temperatura ambiente Ridotta , agire nel modo seguente:

C B "Circuito riscaIdamento 1" B .
B la riga di programma 712 (Temperatura ridotta) quindi B (il valore di temperatura inizia a lampeggiare) ;
B per modifcare la temperatura e B per confermare.
C per ritornare al menu precedente.

La regolazione della temperatura ambiente di comfort pu essere effettuata, oltre che dal tasto A del capitolo 3, modifcando il
parametro 710 come descritto sopra.

4.2 PROGRAMMA VACANZE
Questa funzione consente all'utente di scegliere quale valore di temperatura ambiente impostare durante la propria assenza (per
esempio durante una vacanza). Si pu impostare la temperatura minima di antigeIo o la temperatura ridotta (riga di programma
648 ). Alla riga di programma 641 (Preselezione) sono disponibili 8 livelli di programmazione chiamati Periodo (quindi 8 giorni da
programmare in accensione e spegnimento ). Quando la funzione attiva sul display visualizzato il simbolo .

La procedura da seguire per attivare la funzione e programmare le fasce orarie la seguente:

C Vacanze RiscaIdamento 1
B riga di programma 641 (Preselezione) B Periodo (lampeggia) B e scegliere quale impostare (da 1 a
8) quindi B riga di programa 642 .
B per impostare il periodo di inizio ( 642 ) B B per impostare il mese B e B per impostare il giorno
B per confermare.
Ripetere la stessa sequenza di istruzioni per impostare anche la riga di programma 643 (fne periodo, la caldaia ritorner ope-
rativa il giorno seguente).
Terminata la programmazione di inizio e fne del periodo B la riga di programma 648 B B per impostare la
temperatura minima di funzionamento se antigeIo o ridotta e B per confermare.
Ripetere questi tre punti per impostare altri periodi oppure C per ritornare al menu precedente.
5. PROGRAMMAZIONE ORARIA
Prima di procedere alla programmazione necessario attivare il modo di funzionamento AUTOMATICO (capitolo 4).

La programmazione oraria in riscaldamento ( Programma orario riscaId. ) e in sanitario ( Programma orario sanitario ) con-
sentono d'impostare il funzionamento automatico della caldaia in determinate fasce orarie giornaliere e in determinati giorni
della settimana. L'esempio riportato nella fgura sotto riferito alla fascia oraria giornaliera 1 (di cui sotto) dove a il periodo di
funzionamento alla temperatura di comfort e b il periodo di funzionamento nel modo ridotto (capitolo 4). Le impostazioni di
funzionamento della caldaia possono essere fatte per gruppi di giorni oppure per giorni singoIi (tutti i giorni dal Lu alla Do).
INTERVALLI SETTIMANALI PREIMPOSTATI

(Riga di programma 500 per iI riscaIdamento e 560 per iI sanitario)

Lu - Do (gruppi di giorni)
Lu - Ve (gruppi di giorni)
Sa - Do (gruppi di giorni)
Lu - Ma - Me - Gio - Ve - Sa - Do (giorni singoli)

FASCE ORARIE GIORNALIERE PREIMPOSTATE

(Riga di programma 514 per iI riscaIdamento e 574 per iI sanitario)

1. 06:00-08:00 .. 11:00-13:00 .. 17:00-23:00 (esempio nella fgura a lato)
2. 06:00-08:00 .. 17:00-23:00
3. 06:00-23:00
5.1 GRUPPI DI GIORNI
Questa funzione consente di impostare uno dei 3 intervalli settimanali disponibili, ciascuno con tre fasce orarie giornaliere di ac-
censione e spegnimento della caldaia preimpostate ma modifcabili dall'utente - righe di programma 501...506 . Gli intervalli sono
i seguenti:

Lu - Do (valore di fabbrica) / Lu - Ve / Sa - Do .
Se l'impianto suddiviso in zone ciascuna controllata dal proprio Pannello di Controllo/Unit ambiente, la programmazione
di ogni singola zona deve essere impostata singolarmente su ciascun dispositivo.

5.2 GIORNI SINGOLI
Le fasi giornaliere di accensione e spegnimento della caldaia possono essere tutte modifcate dall'utente. Per ogni singolo giorno
selezionato sono disponibili le 3 fasce orarie preimpostate, come riportato nella tabella riassuntiva alla fne di questo capitolo.

5.3 PROCEDURA DI MODIFICA DELLA PROGRAMMAZIONE ORARIA (riscaIdamento / sanitario)
Dopo avere effettuato la programmazione oraria utilizzando i programmi preimpostati, comunque possibile modifcare i periodi
delle tre fascie orarie - righe di programma 501...506 per il riscaldamento e 561...566 per il sanitario come di seguito descritto.

7103534.01 9
S
e
z
i
o
n
e

U
T
E
N
T
E


(
I
T
)

PROCEDURA DI MODIFICA DELLA PROGRAMMAZIONE DEL CIRCUITO DI RISCALDAMENTO

C B "Programma orario riscaId.1" B riga di programma 500 (Preselezione giorni).
B e il campo gruppi di giorni (capitolo 4.1) inizia a lampeggiare B per scorrere i giorni (Gruppi di giorni o Giorni
singoli) B per confermare.
B riga di programma 514 (Programma preimpostato?) B e B per selezionare uno dei 3 programmi preim-
postati della programmazione oraria Gruppi di giorni (capitolo 5.1) oppure B di uno scatto in senso orario per passare
alla programmazione manuale: righe di programma 501....506 .

PROCEDURA DI MODIFICA DELLA PROGRAMMAZIONE DEL CIRCUITO SANITARIO

La procedura per abilitare la programmazione oraria dell' acqua calda sanitaria la stessa della programmazione oraria prevista
per il riscaldamento. La differenza solo nel nome del menu Programma orario sanitario e nelle righe di programma da impo-
stare 560 (Preselezione giorni). Per disabilitare questa funzione necessario seguire la procedura sotto desctitta al capitoletto
Ripristinare la Programmazione Originale di Fabbrica.

TABELLA RIASSUNTIVA
GRUPPI DI GIORNI RIGA DI PROGRAMMA 514 (riscaIdamento) / 574 (sanitario)
ntervallo settimanale
Programmi preimpostati
Accensione1 Spegnimento1 Accensione2 Spegnimento2 Accensione3 Spegnimento3
LU - DO 06:00 08:00 11:00 13:00 17:00 23:00
LU - VE 06:00 08:00 17:00 23:00
SA - DO 06:00 23:00
GIORNI SINGOLI RIGHE DI PROGRAMMA 501 502 503 504 505 506 (riscaIdamento) / 561 562 563 564 565 566 (sanitario)
ntervallo giorni
Programmi preimpostati
Accensione1 Spegnimento1 Accensione2 Spegnimento2 Accensione3 Spegnimento3
Lu-Ma-Me-Gio-Ve-Sa-Do 06:00 08:00 11:00 13:00 17:00 23:00
Per agevolare la programmazione possibile copiare i programmi esistenti su altri giorni della settimana. La procedura la
seguente.

COPIARE UN PROGRAMMA SU UN ALTRO GIORNO

Dopo avere programmato la fascia oraria di un determinato giorno, possibile copiarla su uno o pi giorni della settimana.

Il parametro tra parentesi " ( ) " si riferisce alla programmazione oraria in SANTARO

Dalla riga di programma 514 (574) (se stata utilizzata una delle 3 fasce orarie preimpostate) oppure dalla riga di programma
501 (561) (se stato eseguita la programmazione manuale) ruotare la manopola verso destra fno alla riga di programma 515
(575).
Sul display appare la scritta Copia? .
B Copia su e il giorno della settimana lampeggia.
B per scorrere i giorni della settimana, scegliere su quale copiare il programma e B per confermare.
Ripetere il punto sopra se si vuole copiare lo stesso programma giornaliero su altri giorni.
C per ritorn are al menu precedente.

RIPRISTINARE LA PROGRAMMAZIONE ORIGINALE (DI FABBRICA)
E' possibile cancellare la programmazione settimanale effettuata, abilitando sempre il riscaldamento in comfort (il valore che viene
impostato 00-24 uguale per tutti i giorni della settimana).

C B Programma orario riscaId. B la riga di programma 500 (Programma orario riscald. 1) o 560 (Pro-
gramma orario sanitairo).
B di una posizione in senso antiorario, la riga di programma 516 (Valori preimpostati) per il riscaldamento e la riga di
programma 576 per il sanitario.
B di una posizione fno alla scritta si B per confermare.
C per ritornare al menu precedente.

Terminata la procedura, visualizzando il menu principale si nota che la barra di programmazione giornaliera cambiata. Il
riscaldamento risulta sempre attivo nelle 24h. Per riprogrammare la caldaia necessario ripetere la procedura descritta al
capitolo 5.


7103534.01 10
S
e
z
i
o
n
e

U
T
E
N
T
E


(
I
T
)

5.4 FUNZIONE DI BLOCCO DEL PANNELLO DI CONTROLLO
Allo scopo di salvaguardare la programmazione impostata da persone non autorizzate, possibile bloccare tutte le funzioni as-
sociate al tasto C .

Procedura di BLOCCO

C B Unit di comando B premere per confermare.
B riga di programma 27 (Blocco programmazione) B per confermare.
B On B per abilitare la funzione di blocco.

Procedura di SBLOCCO

C A e B (mantenere premuti circa 6 secondi) Programmazione BIocco temporaneamente Off .

Questa fase di sblocco temporanea e ha la durata di 1 minuto al termine del quale il blocco si ripristina automaticamente. Per
sbloccare in modo permanente la funzione, attivare la procedura di sblocco temporanea quindi B su Off alla riga di program-
ma 27 (Blocco programmazione) e B per confermare lo sblocco.

6. SPEGNIMENTO DELLA CALDAIA
Per lo spegnimento della caldaia occorre togliere l'alimentazione elettrica dell'apparecchio mediante l'interruttore bipolare. Nel
modo di funzionamento SPENTO la caldaia rimane spenta ma i circuiti elettrici restano in tensione ed attiva la funzione
antigelo.

7. ANOMALIE
A Codice di anomalia principale (vedere tabella)
B Codice di anomalia secondario
C Descrizione anomalia
Le anomalie visualizzate sul display sono identifcate dal simbolo , le informazioni visualizzate sul display sono:

Un codice di anomalia ( A )
Un codice di anomalia secondario ( B )
Una breve descrizione dell'anomalia ( C );
Sul display potrebbero apparire i seguenti simboli: il cui signifcato spiegato al capitolo 7.1.

n presenza di anomalia, per visualizzare il menu principale, C . l simbolo rimane presente sul display ad indicare che
l'apparecchio comunque in anomalia, dopo un minuto il display ritorna a visualizzare la schermata dell'anomalia come illustrato
nella fgura.

7.1 RIPRISTINO DELLE ANOMALIE
l ripristino dell'anomalia pu essere di tipo AUTOMATCO, MANUALE oppure SERVCE (cio che richiede l'intervento dell'Assi-
stenza Tecnica Autorizzata). Vediamo le singole voci nel dettaglio:

AUTOMATICO

Se sul display appare il simbolo lampeggiante , l'anomalia verr ripristinata automaticamente (anomalia temporanea) appena
termina la causa che l'ha generata.
Spesso le anomalie di questo tipo sono generate dalle temperature troppo elevate di mandata e/o ritorno dell'acqua in caldaia,
quindi si resettano automaticamente appena la temperatura scende sotto al valore critico. Se la stessa anomalia si ripete con una
certa frequenza e/o non viene resettata automaticamente dalla caldaia, contattare il SERVCE.

MANUALE

Per resettare manualmente l'anomalia, quando appare il codice di anomalia B B Si B per confermare. Dopo
qualche secondo il codice di anomalia scompare.

RICHIESTA INTERVENTO DEL SERVICE (Assistenza Tecnica Autorizzata)

Se il display visualizza il simbolo insieme al simbolo , necessario contattare il SERVICE . Prima di effettuare la chiamata,
si consiglia di annotare il/i codice/i di anomalia/e ed il breve testo che accompagna l'anomalia stessa.
QuaIora dovesse essere visuaIizzato un codice di anomaIia diverso da queIIi presenti neIIa Iista o neI caso in cui una de-
terminata anomaIia si presentasse con una certa frequenza, si consigIia di rivoIgersi aI SERVICE (Servizio di Assistenza
Tecnica Autorizzato).

7103534.01 11
S
e
z
i
o
n
e

U
T
E
N
T
E


(
I
T
)

TABELLA DELLE ANOMALIE

Descrizione anomaIia Descrizione anomaIia
10 Sensore sonda esterna 118 Pressione circuito idraulico troppo bassa
20 Sensore NTC di mandata 125
ntervento di sicurezza per mancanza di circolazione.
(controllo effettuato tramite un sensore di temperatura)
28 Sensore NTC fumi 128 Perdita di famma
40 Sensore NTC di ritorno 130 ntervento sonda NTC fumi per sovratemperatura
50 Sensore NTC sanitario 133 Mancata accensione (N4 tentativi)
83
Problema di comunicazione tra scheda caldaia e
unit comando. Probabile corto circuito sul cablaggio.
151 Anomalia interna scheda caldaia
84
Confitto d'indirizzo tra pi unit di comando
(anomalia interna)
152 Errore generico di parametrizzazione
109 Presenza d'aria nel circuito di caldaia (anomalia temporanea) 160 Anomalia funzionamento ventilatore
110
ntervento termostato di sicurezza per sovratemperatura.
(pompa bloccata o aria nel circuito di riscaldamento)
384 Fiamma parassita (anomalia interna)
111 ntervento elettronico di sicurezza per sovratemperatura. 385 Tensione di alimentazione troppo bassa
117 Pressione circuito idraulico troppo alta 386 Soglia velocit ventilatore non raggiunta
8. RIEMPIMENTO IMPIANTO
Verifcare periodicamente che la pressione, letta sul manome-
tro D , ad impianto freddo, sia di 1 - 1,5 bar. n caso di pressio-
ne bassa, agire sul rubinetto A di caricamento della caldaia
(fgura a lato). E' consigliabile che l'apertura di tale rubinetto
sia effettuata molto lentamente in modo da facilitare lo sfato
dell'aria.

A Rubinetto di caricamento caldaia
B Rubinetto di scarico bollitore
C Rubinetto di scarico caldaia
D Manometro
La caIdaia dotata di un pressostato idrauIico che, in
caso di mancanza d'acqua, non consente iI funzionamento deIIa caIdaia.

Se si dovessero verihcare frequenti diminuzioni di pressione chiedere l'intervento del SERVICE.


9. CAMBIO GAS
Le caldaie possono funzionare sia a gas metano (G20) che a gas GPL (G31) . Nel caso in cui si renda necessaria la trasforma-
zione ci si dovr rivolgere al SERVCE.
10. ARRESTO PROLUNGATO DELL'IMPIANTO. PROTEZIONE ANTIGELO ( )
E' buona norma evitare lo svuotamento dell'intero impianto di riscaldamento poich ricambi d'acqua portano anche ad inutili e
dannosi depositi di calcare all'interno della caldaia e dei corpi scaldanti. Se durante l'inverno l'impianto termico non dovesse
essere utilizzato, nel caso di pericolo di gelo, consigliabile miscelare l'acqua dell'impianto con idonee soluzioni anticongelanti
destinate a tale uso specifco (es. glicole propilenico associato ad inibitori di incrostazioni e corrosioni).La gestione elettronica
della caldaia provvista di una funzione antigelo in riscaldamento che con temperatura di mandata impianto inferiore ai 5 C fa
funzionare il bruciatore fno al raggiungimento in mandata di un valore pari a 30 C.
La funzione operativa se: la caldaia alimentata elettricamente, c' gas, la pressione dell'impianto quella prescritta e la
caldaia non in blocco.




11. ISTRUZIONI PER L'ORDINARIA MANUTENZIONE
Per garantire alla caldaia una perfetta effcienza funzionale e di sicurezza necessario, alla fne di ogni stagione, far ispezionare
la caldaia dal Servizio di Assistenza Tecnica autorizzato.
Una manutenzione accurata sempre motivo di risparmio nella gestione dell'impianto.


B C D
A
C
G
_
2
2
5
3
1 3
4 0
2
bar
7103534.01 12
S
e
z
i
o
n
e

I
N
S
T
A
L
L
A
T
O
R
E


(
I
T
)

AVVERTENZE PRIMA DELL'INSTALLAZIONE
Le note ed istruzioni tecniche che seguono sono rivolte agli installatori per dar loro la possibilit di effettuare una perfetta installa-
zione. Le istruzioni riguardanti l'accensione e l'utilizzo della caldaia sono contenute nella parte destinata all'utente. L'installazione
deve rispondere alle prescrizione delle norme UN e CE, delle leggi e della normativa tecnica locale. n particolare devono essere
rispettate:
Norme UN-CG 7129-7131 e CE 64-8 e 64-9;
Legge 9 gennaio 1991 n 10 e relativo Regolamento d'Attuazione (DPR 412/93, modifcato dal DPR 551/99);
Disposizioni dei Vigili del Fuoco, dell'Azienda del gas ed in specie i Regolamenti Comunali.
noltre, il tecnico installatore dev'essere abilitato all'installazione degli apparecchi per riscaldamento secondo il DM n.37 del
22.01.08. Oltre a ci va tenuto presente che:
La caldaia pu essere utilizzata con qualunque tipo di piastra convettrice, radiatore, termoconvettore, alimentati a due tubi o
monotubo. Le sezioni del circuito saranno, in ogni caso, calcolate secondo i normali metodi, tenendo conto della caratteristica
portata-prevalenza disponibile alla placca (vedere la sezione APPENDX E alla fne del manuale).
La prima accensione deve essere effettuata dal Servizio di Assistenza Tecnica autorizzato, rilevabile dal foglio allegato.

AVVERTENZA POMPA SUPPLEMENTARE : in caso di utilizzo di una pompa supplementare si consiglia di inserire un disgiuntore
idraulico, opportunamente dimensionato, sull'impianto di riscaldamento. Questo al fne di permettere il corretto funzionamento del
pressostato acqua presente in caldaia.

AVVERTENZA IM PIANTO SOLARE : in caso di collegamento della caldaia istantanea (mista) ad un impianto con pannelli solari,
la temperatura massima dell'acqua sanitaria all'entrata della caldaia non deve essere superiore a 60C.

REGOLAZIONE TEMPERATURA SU IMPIANTO DI RISCALDAMENTO IN ALTA TEMPERATURA : allo scopo di evitare fre-
quenti accensioni e spegnimenti, si raccomanda di alzare il setpoint minimo di temperatura della caldaia in riscaldamento modif-
cando, come descritto al capitolo 14.2.1, il paramentro 740 ad un valore non inferiore a 45C.

REGOLAZIONE TEMPERATURA SU IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A BASSA TEMPERATURA : per un impianto a bassa
temperatura (come ad esempio un impianto a pavimento), si raccomanda di abbassare il setpoint massimo di temperatura della
caldaia in riscaldamento impostando il parametro 741 ad un valore non superiore a 45C.

La mancata osservazione di queste avvertenze comporta il decadimento della garanzia dell'apparecchio.
Le parti deII'imbaIIo (sacchetti in pIastica, poIistiroIo ecc.) non devono essere Iasciate aIIa portata dei bambini in quanto
potenziaIi fonti di pericoIo.

12. INSTALLAZIONE DELLA CALDAIA
La fgura della dima disponibile alla fne del manuale alla voce " APPENDIX C ".

Determinata l'esatta ubicazione della caldaia fssare la dima alla parete.Eseguire la posa in opera dell'impianto partendo dalla
posizione degli attacchi idrici e gas presenti nella traversa inferiore della dima stessa. E' consigliabile installare, sul circuito di
riscaldamento, due rubinetti d'intercettazione (mandata e ritorno) G3/4, disponibili a richiesta, che permettono, in caso d'interventi
importanti, di operare senza dover svuotare tutto l'impianto di riscaldamento. Nel caso di impianti gi esistenti e nel caso di so-
stituzioni consigliabile, oltre a quanto citato, prevedere sul ritorno alla caldaia ed in basso un vaso di decantazione destinato a
raccogliere i depositi o scorie presenti anche dopo il lavaggio e che nel tempo possono essere messi in circolazione. Fissata la
caldaia alla parete effettuare il collegamento ai condotti di scarico e aspirazione, forniti come accessori, come descritto nei suc-
cessivi capitoli. Collegare il sifone ad un pozzetto di scarico assicurando una pendenza continua. Sono da evitare tratti orizzontali.
Serrare con cauteIa gIi attacchi idrici deIIa caIdaia (coppia massima 30 Nm).

12.1 DOTAZIONI PRESENTI NELL'IMBALLO
Dima (vedere fgura APPENDX C alla fne del manuale)
Rubinetto gas con raccordo
Rubinetto entrata acqua con raccordo
N 2 Raccordi 3/4 + n1 raccordo 1/2 + set di guarnizioni
Tasselli 10 mm e cancani

ACCESSORI forniti su richiesta: - rubinetti di mandata/ritorno riscaldamento e giunti telescopici.

13. INSTALLAZIONE DEI CONDOTTI
L'installazione della caldaia pu essere effettuata con facilit e fessibilit grazie agli
accessori forniti e dei quali successivamente riportata una descrizione.La caldaia ,
all'origine, predisposta per il collegamento ad un condotto di scarico - aspirazione di tipo
coassiale, verticale o orizzontale. La caldaia pu essere utilizzata anche con condotti
separati utilizzando l'accessorio sdoppiatore.
AVVERTENZE

C13, C33 terminali per lo scarico sdoppiato devono essere previsti all'interno di un
quadrato di 50 cm di lato. struzioni dettagliate sono presenti assieme ai singoli acces-
sori.

C53 terminali per l'aspirazione dell'aria comburente e per l'evacuazione dei prodotti
della combustione non devono essere previsti su muri opposti dell'edifcio.

C63 La massima perdita di carico dei condotti non deve superare i 100 Pa . condotti
devono essere certifcati per l'uso specifco e per una temperatura superiore ai 100C. l
terminale camino utilizzato deve essere certifcato secondo la Norma EN 1856-1.

C43, C83 l camino o canna fumaria utilizzata deve essere idonea all'uso.
7103534.01 13
S
e
z
i
o
n
e

I
N
S
T
A
L
L
A
T
O
R
E


(
I
T
)

Per una migliore installazione, si consiglia di utilizzare gli accessori forniti dal costruttore.

AI ne di garantire una maggior sicurezza di funzionamento necessario che i condotti di scarico fumi siano ben ssati aI
muro mediante apposite staffe di ssaggio.

Questo tipo di condotto permette lo scarico dei combusti e
l'aspirazione dell'aria comburente sia all'esterno dell'edifcio,
sia in canne fumarie di tipo LAS. La curva coassiale a 90 per-
mette di collegare la caldaia ai condotti di scarico-aspirazione
in qualsiasi direzione grazie alla possibilit di rotazione a 360.
Essa pu essere utilizzata anche come curva supplementare
in abbinamento al condotto coassiale o alla curva a 45

n caso di scarico all'esterno il condotto scarico-aspirazione
deve fuoriuscire dalla parete per almeno 18 mm per permette-
re il posizionamento del rosone in alluminio e la sua sigillatura
onde evitare le infltrazioni d'acqua.

L'inserimento di una curva a 90 riduce Ia Iunghezza totaIe deI condotto di 1 metro.
L'inserimento di una curva a 45 riduce Ia Iunghezza totaIe deI condotto di 0,5 metri.
La prima curva 90 non rientra neI caIcoIo deIIa Iunghezza massima disponibiIe.
La pendenza minima, verso Ia caIdaia, deI condotto di scarico deve essere di 1 cm per metro di Iunghezza.
ALCUNI ESEMPI D'INSTALLAZIONE DEI CONDOTTI DI SCARICO, E LE RELATIVE LUNGHEZZE AMMESSE, SONO DISPONI-
BILI ALLA FINE DEL MANUALE NELLA SEZIONE APPENDIX D .

13.2 CONDOTTI SEPARATI
Questo tipo di condotto permette lo scarico dei combusti sia
all'esterno dell'edifcio, sia in canne fumarie singole. L'aspira-
zione dell'aria comburente pu essere effettuata in zone di-
verse rispetto a quelle dello scarico. L'accessorio sdoppiatore,
fornito come accessorio, costituito da un raccordo riduzione
scarico 100/80 ( B ) e da un raccordo aspirazione aria ( A ). La
guarnizione e le viti del raccordo aspirazione aria da utilizzare
sono quelle tolte in precedenza dal tappo.
La curva a 90 permette di collegare la caldaia ai condotti di
scarico e di aspirazione adattandolo alle diverse esigenze. Es-
sa pu essere utilizzata anche come curva supplementare in
abbinamento al condotto o alla curva a 45.

L'inserimento di una curva a 90 riduce Ia Iunghezza totaIe deI condotto di 0,5 metri.
L'inserimento di una curva a 45 riduce Ia Iunghezza totaIe deI condotto di 0,25 metri.
La prima curva 90 non rientra neI caIcoIo deIIa Iunghezza massima disponibiIe.

KIT SDOPPIATORE SINGOLO
(ACCESSORIO ALTERNATIVO)

Per installazioni particolari dei condotti di scarico/aspirazione
dei fumi, possibile utilizzare l'accessorio sdoppiatore singo-
lo ( C ) fornito come accessorio. Questo accessorio, infatti,
consente di orientare lo scarico e l'aspirazione in qualsiasi di-
rezione grazie alla possibilit di rotazione a 360. Questo tipo
di condotto permette lo scarico dei fumi sia all'esterno dell'edi-
fcio, sia in canne fumarie singole. L'aspirazione dell'aria com-
burente pu essere effettuata in zone diverse rispetto a quelle
dello scarico. l kit sdoppiatore fssato sulla torretta (100/60
mm) della caldaia e consente all'aria comburente e ai fumi di scarico di entrare/uscire da due condotti (80 mm) separati. Per mag-
giori informazioni leggere le istruzioni di montaggio che accompagnano l'accessorio stesso.
ALCUNI ESEMPI D'INSTALLAZIONE DEI CONDOTTI DI SCARICO, E LE RELATIVE LUNGHEZZE AMMESSE, SONO DISPONI-
BILI ALLA FINE DEL MANUALE NELLA SEZIONE APPENDIX D .

14. COLLEGAMENTI ELETTRICI
La sicurezza elettrica dell'apparecchio raggiunta soltanto quando lo stesso correttamente collegato ad un effcace impianto
di messa a terra, eseguito come previsto dalle vigenti Norme di sicurezza sugli impianti (DM n.37 del 22.01.08). La caldaia va
collegata elettricamente ad una rete di alimentazione 230 V monofase + terra mediante il cavo a tre fli in dotazione rispettando
la polarit Linea-Neutro.
181 156,5
600 466
C
G
_
2
2
5
4
1
7
1
1
1
9
466
600
191 94 181 110 89 110
156,5
1
4
8
C
G
_
2
2
5
4
181 110120 110
466 600
1
8
8
C
G
_
2
2
5
4
7103534.01 14
S
e
z
i
o
n
e

I
N
S
T
A
L
L
A
T
O
R
E


(
I
T
)

L'aIIacciamento dev'essere effettuato tramite un interruttore bipoIare con apertura dei contatti di aImeno 3 mm.
n casi di sostituzione del cavo di alimentazione deve essere utilizzato un cavo armonizzato HAR H05 VV-F 3x0,75 mm2 con
diametro massimo di 8 mm. fusibili, del tipo rapido da 2A, sono incorporati nella morsettiera di alimentazione (estrarre il porta-
fusibile di colore nero per il controllo e/o la sostituzione).
Ruotare verso il basso la scatola comandi ed accedere alle morsettiere M1 e M2 destinate ai collegamenti elettrici togliendo il
coperchio di protezione.
La morsettiera M1 in aIta tensione. Prima di procedere aI coIIegamento assicurarsi che I'apparecchio non sia aIimentato
eIettricamente.
MORSETTIERA M1 (rispettare la polarit L - N)
(L) = Linea (marrone) - - (N) = Neutro (celeste).

= Messa a Terra (giallo-verde).

(1) (2) = contatto per Termostato Ambiente .

MORSETTIERA M2
Morsetto 8 : non utilizzato.
Morsetti 9-10 : collegamento rel multifunzionale (esempio
impianto a zone)
Morsetti 7 - 5 (comune) : 1 Sonda Ausiliaria (sonde impianto
solare, di cascata, a zone, etc).
Morsetti 6 - 5 ( comune ) : 2 Sonda Ausiliaria (sonde impian-
to solare, di cascata, a zone, etc).
Morsetti 4 - 5 (comune) : collegamento Sonda Esterna (for-
nita come accessorio).
Morsetti 1(retroiIIuminazione ) - 2(massa) - 3(+12V ) : colle-
gamento Pannello di Controllo (bassa tensione).
14.1 COLLEGAMENTO TERMOSTATO AMBIENTE
Per collegare il Termostato Ambiente alla caldaia, agire come di seguito descritto:

togliere l'alimentazione elettrica alla caldaia;
accedere alla morsettiera M1 ;
rimuovere il ponticello ai capi dei contatti 1-2 e collegare i cavetti del Termostato Ambiente;
alimentare elettricamente la caldaia ed assicurarsi che il Termostato Ambiente funzioni correttamente.
Si rende necessario ripristinare il ponticello sui morsetti 1-2 della morsettiera M1 di caldaia nel caso in cui non venga uti-
lizzato il termostato ambiente oppure nel caso in cui venga installato il Pannello di Controllo a parete (capitolo 14.2).

14.2 INSTALLAZIONE A PARETE DEL PANNELLO DI CONTROLLO
Per il funzionamento della caldaia, con Pannello di Controllo installato a parete, necessario l'acquisto dell'accessorio B fornito
con la base B1 , che deve essere posizionato in caldaia come da fgura. Vedere anche le istruzioni fornite con il kit B per le cor-
rette operazioni di montaggio ed utilizzo. La procedura da seguire la seguente:

Togliere l'alimentazione elettrica alla caldaia.
Far passare i tre cavetti, provenienti dalla morsettiera M2 di caldaia, nel foro della base B1 da applicare al muro.
Collegare i cavetti 1-2-3 della morsettiera di caldaia M2 rispettivamente ai morsetti (1)-(2)-(3) della morsettiera della base B1 .
Fissare la base B1 al muro mediante i tasselli e le viti forniti in dotazione all'accessorio.
Applicare il Pannello di Controllo A sulla base fssata a muro avendo cura di non esercitare una forza eccessiva.
Posizionare l'accessorio 5 led B sul pannello frontale della caldaia.
Alimentare elettricamente la caldaia assicurandosi che il Pannello di Controllo si accenda.
LEGENDA COLLEGAMENTO PANNELLO D CONTROLLO A PARETE
A Pannello di Controllo B Accessorio interfaccia a led B1 Base per Pannello di Controllo a parete
(1) Retroilluminazione del display +12V (2) Collegamento di massa (3) Alimentazione/Segnale +12V
1
9
8
7
6
5
4
3
2
10
1
2
N
L
M2
M1
7103534.01 15
S
e
z
i
o
n
e

I
N
S
T
A
L
L
A
T
O
R
E


(
I
T
)

II cavetto (1) proveniente daIIa morsettiera M2 di caIdaia I'aIimentazione eIettrica (12 V) per Ia retroiIIuminazione deI di-
spIay . II coIIegamento di questo cavetto non necessario per iI funzionamento deI PanneIIo di ControIIo a parete.
Per il corretto funzionamento del Pannello di Controllo a parete necessario conhgurarlo (abilitazione della sonda ambiente
e della temperatura di mandata modulante).

14.2.1 IMPOSTAZIONE PARAMETRI
SI CONSIGLIA DI ANNOTARE, NELLA TABELLA AL
TERMINE DI QUESTO MANUALE ISTRUZIONI, TUTTI I
PARAMETRI MODIFICATI.

LEGENDA MENU D FGURA
1 UTENTE FNALE 3 SPECALSTA
2 MESSA N SERVZO 4 OEM
La procedura per accedere ai quattro menu che consentono
la programmazione della scheda di caldaia e/o del Pannello di
Controllo la seguente:

dal menu principale C .
A e C (mantenere premuti circa 6 secondi)
menu 1 - 2 - 3 - 4 (vedere la fgura a lato e la legenda).
C ripetutamente per ritornare indietro di un menu alla volta fno al menu principale.
Quando il Pannello di Controllo installato a parete necessario abilitare la sonda ambiente e la moduIazione deIIa tempera-
tura di mandata , la procedura da seguire la seguente:

SONDA AMBIENTE

Accedere al menu 2 .
B Unit di comando B per confermare.
B riga di programma 40 (mpiego come) B .
B (in senso antiorario) Unit ambiente 1 B per confermare (la sonda ambiente adesso attiva).

MODULAZIONE DELLA TEMPERATURA DI MANDATA

Per impostare la temperature di mandata modulante, necessario disabilitare il parametro 742 (HC1). La procedura da seguire
la seguente:

Accedere al menu 2 .
B Circuito riscaIdamento 1 B per confermare B 742 (Setp mandata termost.amb) B per con-
fermare.
B (in senso antiorario) --- quindi B per confermare.
Se, ruotando la manopola B dal menu principale, il display visualizza la temperatura di mandata caldaia anzich quella am-
biente, signihca che il parametro 742 non stato impostato correttamente.

14.2.2 IMPOSTAZIONI GENERALI
Al termine di ogni confgurazione dell'impianto (esempio abbinamento solare, collegamento unit bollitore esterno, ecc) eseguire
la seguente procedura per aggiornare la scheda di caldaia alla nuova confgurazione:

Accedere al menu 2 come descritto all'inizio di questo capitolo.
B Congurazione B B riga di programma 6200 quindi B.
B Si quindi B per confermare.

B



7103534.01 16
S
e
z
i
o
n
e

I
N
S
T
A
L
L
A
T
O
R
E


(
I
T
)

14.3 COLLEGAMENTO AD UN IMPIANTO A ZONE
Z Zona (1..n) EV Elettrovalvola di zona
R Rel RT Termostato Ambiente
COLLEGAMENTI IMPIANTO

Collegare la valvola/pompa della zona 1 ai morsetti 9-10
della morsettiera M2 di caldaia oppure, per modelli di calda-
ie solo riscaldamento, ai morsetti 1-2 della morsettiera M3
come descritto al capitolo 14.
Collegare il contatto del Termostato Ambiente delle altre zo-
ne ai morsetti 1-2 della morsettiera M1 .

CONFIGURAZIONE PARAMETRI

mpostare il Pannello di Controllo come Unit ambiente 1 , con
questa confgurazione il Pannello di Controllo gestisce la zona
di riscaldamento 1 e le funzioni del sanitario.

Accedere al menu 2 come descritto al capitolo 14.2.1.
B Unit di comando B B riga di pro-
gramma 42 B per confermare.
B (in senso antiorario) Circuito di riscaIdamento 1
B per confermare.
C per ritornare al menu precedente quindi B Congurazione B .
B la riga di programma 5715 (Circuito riscaldamento 2) B su On (il circuito della seconda zona adesso abilitato).
B la riga di programma 5977 (Funzione input H5) quindi B per confermare.
B Termostato amb. CR2 B (il termostato della seconda zona adesso abilitato).

14.4 ACCESSORI NON INCLUSI NELLA DOTAZIONE
14.4.1 COLLEGAMENTO DELLA SONDA ESTERNA
La Sonda Esterna, fornita come accessorio, pu essere col-
legata alla caldaia come illustrato nella fgura a lato. Nella
procedura che segue possibile impostare un parametro,
chiamato inuenza ambiente , con il quale si determina l'im-
portanza della temperatura ambiente rispetto alla temperatura
esterna e viceversa (il valore di fabbrica 50%-50%).

Esempio : se si imposta il valore dell'infuenza ambiente pari
a 60%, l'infuenza della Sonda Esterna sar di conseguenza
pari al 40% (tanto maggiore il valore impostato dell'infuenza
ambiente, tanto minore sar, in proporzione, il valore dell'in-
fuenza della Sonda Esterna e viceversa).

La procedura per impostare l'infueza ambiente la seguente:

C quindi A e C (circa 6 secondi) Utente fnale Messa in servizio - Specialista - OEM .
B " Messa in servizio " B per confermare.
B " Circuito Risc.1 " B per confermare.
B riga di programma 750 (Infuenza ambiente) B per confermare.
B e scegliere il valore % da assegnare al parametro che determina quanto l'ambiente infuenza il sistema quindi B
per confermare.
C per ritornare al menu precedente.

IMPOSTAZIONE DELLA CURVA CLIMATICA Kt

Per impostare la curva climatica Kt, accedere al menu 2 come descritto al capitolo 14.2.1 e procedere nel modo seguente:
.
B 720 (Ripidit curva caratteristica) B per confermare
B ( da 0,10 a 4 ) B per confermare.

Selezionare la curva climatica scegliendola tra quelle disponibili, vedere il grafco delle curve alla fne del manuale nella sezione
APPENDIX E (la curva preimpostata la 1,5).
LEGENDA GRAFCO CURVE Kt - APPENDX E
Temperatura di mandata Temperatura esterna
CG_2170
Z - 2
EV.n EV.3 EV.2
M M M M
RT
N 3 2
R.2 R.3 R.n
M2
M1
EV.1
Z - 3 Z - N
N
L
1
10
1
2
L
N
RT RT
Z - 1
7103534.01 17
S
e
z
i
o
n
e

I
N
S
T
A
L
L
A
T
O
R
E


(
I
T
)

15. FUNZIONI SPECIALI
Le funzioni disponibili sono:

MANUALE (riga di programma 301 ) - Opzioni: 25 - 90 (C) Attivando questa funzione la caldaia funziona in riscaldamento al
valore di temperatura di setpoint impostato.
SPAZZACAMINO (riga di programma 303 ) - Opzioni: Pieno carico (massima potenza termica della caldaia) , Carico parziale
(potenza termica ridotta), Pieno carico riscaldamento (massima potenza termica in riscaldamento).
TARATURA (riga di programma 304 ) - Opzioni: da 100% (massima potenza termica) a 0% (potenza termica ridotta). Attivare
questa funzione per agevolare le operazioni di taratura della valvola del gas.
DEAREAZIONE (DEGASAMENTO) (riga di programma 312 ) - Opzioni: On (attivazione funzione) - Off (uscita funzione).
Vedere il capitolo 15.1 Funzione degasamento impianto.
La procedura da seguire per attivare queste funzioni la se-
guente:

Dal menu principale A e C (tenere premuti circa
6 secondi) nomi delle FUNZON (vedere fgura a lato:
301 - 303 - 304 - 312)
B per scegliere la FUNZONE B per ATTVARE
la funzione scelta quindi B menu della FUN-
ZONE B per modifcare (vedere esempio sotto).

Esempio: ruotare la manopola B per attivare la funzione TA-
RATURA (riga di programma 304 ), premere l a manopola B, la
funzione adesso attiva e preimpostata al 100% (la caldaia si
porta alla massima potenza termica). Premere la manopola e
ruotarla per regolare il livello di potenza percentuale desiderato
(0% corrisponde alla potenza termica ridotta).

Per interrompere manualmente la funzione, ripetere la procedura descritta sopra, quando la funzione disabilitata il display
visualizza la scritta ' off ".


15.1 FUNZIONE DEGASAMENTO IMPIANTO
Questa funzione consente di agevolare l'eliminazione dell'aria all'interno del circuito di riscaldamento quando viene installata
la caldaia in utenza oppure a seguito di manutenzione con svuotamento dell'acqua del circuito primario. La scheda elettronica
attiver un ciclo di accensione/spegnimento della pompa della durata di 10 minuti. La funzione si fermer automaticamente alla
fne del ciclo.

Per interrompere manualmente la funzione, ripetere la procedura descritta sopra, quando la funzione disabilitata il display
visualizza la scritta ' off ".


16. MODALITA DI CAMBIO GAS
Solo un Servizio di Assistenza Tecnica autorizzato pu adattare la caldaia al funzionamento da gas
G20 a G31 o viceversa. Per eseguire la taratura (e l'ugello da utilizzare), vedere la TABELLA 1 e
seguire quanto riportato:

Sostituire l'ugello della valvola gas, fornito come kit, come illustrato nella fgura a lato;
mpostare i parametri di scheda, ndi giri del ventilatore (rpm);
Attivare la funzione taratura (vedere capitolo precedente);
Tarare la valvola gas come descritto al capitolo 16.1 punti 1 e 2 .

Per accedere ai paramentri riportati nella tabeIIa 1 , vedere la procedura descritta al capitolo 14.2.1:

Accedere al menu 2 e ruotare la manopola fno al sottomenu CaIdaia quindi premere la mano-
pola per confermare.
B 2441 B per modifcare il valore quindi B per confermare.
C per ritornare al menu precedente ControIIo amma .
9512 - 9529 - 9524 B per confermare.
B per modifcare il valore quindi B per confermare.

TABELLA 1: PARAMETRI VELOCITA VENTILATORE, (%) E UGELLO GAS
PARAMETR - Ndi giri/min (rpm)
UGELLO GAS
(mm)
CO
2
Min (%)
CO
2
Max
(%)
9524 2441 9529 9512
Modello
caldaia
Potenza min
Pmax
riscaldamento
Pmax sanitario
Potenza
accensione
G20 G31 G20 G31 G20 G31 G20 G31 G20 G31 G20 G31 G20 G31
24 1400 1400 5100 4900 6100 5800 3000 3000 5 3,8
8,4 10 8,7 10,2
33 1600 1500 5500 5200 6500 6100 3000 2500 6 4,6
A B C
B
A C
301 302 304 303
C
G
_
2
2
2
3
7103534.01 18
S
e
z
i
o
n
e

I
N
S
T
A
L
L
A
T
O
R
E


(
I
T
)

16.1 TARATURA DELLA VALVOLA GAS
Per eseguire la taratura della valvola del gas attivare la funzione taratura come descritto al
capitolo 15 ed eseguire le operazioni di seguito riportate:

1) Taratura deIIa portata termica MASSIMA
Verifcare che la misurata sul condotto di scarico, con caldaia funzionante alla massi-
ma portata termica, sia quella riportata nella tabella 1. n caso contrario agire sulla vite di
regolazione ( V ) presente sulla valvola gas. Ruotare la vite in senso antiorario per diminuire
il tenore di ed in senso orario per aumentarlo.

2) Taratura deIIa portata termica RIDOTTA
Verifcare che la misurata sul condotto di scarico, con caldaia funzionante alla minima
portata termica, sia quella riportata nella tabella 1. n caso contrario agire sulla vite di re-
golazione ( K ) presente sulla valvola gas. Ruotare la vite in senso orario per aumentare il
tenore di ed in senso antiorario per diminuirlo.
Pi Presa pressione alimentazione gas PI Segnale pressione camera stagna
Pout Presa pressione gas bruciatore V Vite regolazione portata gas
P Presa pressione misura OFFSET K Vite regolazione OFFSET
17. PARAMETRI DI COMBUSTIONE
Per la misura in opera del rendimento di combustione e dell'igienicit dei prodotti di combustione,
la caldaia dotata di due prese destinate a tale uso specifco. Una presa collegata al circuito sca-
rico dei fumi ( A ) mediante la quale possibile rilevare l'igienicit dei prodotti della combustione
ed il rendimento di combustione. L'altra collegata al circuito di aspirazione dell'aria comburente
( B ) nella quale possibile verifcare l'eventuale ricircolo dei prodotti della combustione nel caso
di condotti coassiali. Nella presa collegata al circuito dei fumi possono essere rilevati i seguenti
parametri:

temperatura dei prodotti della combustione;
concentrazione di ossigeno ( ) od in alternativa di anidride carbonica ( );
concentrazione di ossido di carbonio ( ).

La temperatura dell'aria comburente deve essere rilevata nella presa collegata al circuito di aspirazione dell'aria ( B ), inserendo
la sonda di misura per circa 8 cm ( C ).
Per attivare la funzione ' SPAZZACAMINO ' fare riferimento al capitolo 15.




18. DISPOSITIVI DI REGOLAZIONE E SICUREZZA
La caldaia costruita per soddisfare tutte le prescrizioni delle Normative europee di riferimento, in particolare dotata di:

Termostato di sicurezza
Questo dispositivo, il cui sensore posizionato sulla mandata del riscaldamento, interrompe l'affusso del gas al bruciatore in caso
di surriscaldamento dell'acqua contenuta nel circuito primario.



E' vietato mettere fuori servizio questo dispositivo di sicurezza.


Sonda NTC fumi Questo dispositivo posizionato sullo scambiatore acqua fumi. La scheda elettronica blocca l'affusso di gas
al bruciatore in caso di sovratemperatura.



L'operazione di ripristino, di cui sopra, possibile solo se la temperatura < 90C.



E' vietato mettere fuori servizio questo dispositivo di sicurezza


RiIevatore a ionizzazione di amma
L'elettrodo di rilevazione garantisce la sicurezza in caso di mancanza gas o interaccensione incompleta del bruciatore principale.
n queste condizioni la caldaia va in blocco.

Pressostato idrauIico Questo dispositivo permette l'accensione del bruciatore principale solamente se la pressione dell'im-
pianto superiore a 0, 5 bar.

PostcircoIazione pompa La postcircolazione della pompa, ottenuta elettronicamente, ha una durata di 3 minuti e viene at-
tivata, nella funzione riscaldamento, dopo lo spegnimento del bruciatore principale per l'intervento del termostato ambiente.

Dispositivo antigeIo La gestione elettronica della caldaia provvista di una funzione antigelo in riscaldamento ed in sani-
tario che con temperatura di mandata impianto inferiore ai 5 C fa funzionare il bruciatore fno al raggiungimento in mandata
di un valore pari a 30 C. Tale funzione operativa se la caldaia alimentata elettricamente, se c' gas e se la pressione
dell'impianto quella prescritta.

AntibIoccaggio pompa n caso di mancanza di richiesta di calore, in riscaldamento e/o in sanitario, per un tempo di 24 ore
consecutive la pompa si mette in funzione automaticamente per 10 secondi.

CG_2097
+
1
2
4
5
+
OUT1
N
OUT
P
Pi
K
Pl
Pout
V
7103534.01 19
S
e
z
i
o
n
e

I
N
S
T
A
L
L
A
T
O
R
E


(
I
T
)

AntibIoccaggio vaIvoIa a tre vie n caso di mancanza di richiesta calore in riscaldamento per un tempo di 24 ore la valvola a
tre vie effettua una commutazione completa.

VaIvoIa di sicurezza idrauIi ca (circuito di riscaIdamento) Questo dispositivo, tarato a 3 bar, a servizio del circuito di
riscaldamento. E' consigliabile raccordare la valvola di sicurezza ad uno scarico sifonato. E' vietato utilizzarla come mezzo di
svuotamento del circuito di riscaldamento.

Pre-circoIazione deIIa pompa di riscaIdamento
n caso di richiesta di funzionamento in riscaldamento, l'apparecchio pu effettuare una precircolazione della pompa prima di
effettuare l'accensione del bruciatore. La durata di tale precircolazione dipende dalla temperatura di funzionamento e dalle condi-
zioni d'installazione e varia da pochi secondi ad alcuni minuti.



Le funzioni relative ai dispositivi di regolazione e sicurezza sono operative se la caldaia alimentata elettricamente.


19. CARATTERISTICHE PORTATA/PREVALENZA ALLA PLACCA
La pompa utilizzata di tipo moduIante ad alta prevalenza (sul grafco nell'APPENDX E riportato il range di modulazione dal
valore minimo al valore massimo) adatta all'uso su qualsiasi tipo di impianto di riscaldamento mono o a due tubi. La valvola auto-
matica sfogo aria incorporata nel corpo della pompa permette una rapida disaerazione dell'impianto di riscaldamento.

LEGENDA GRAFC POMPA - APPENDX E
Q PORTATA MIN Velocit di modulazione minima
H PREVALENZA MAX Velocit di modulazione massima



20. MANUTENZIONE ANNUALE
Se Ia caIdaia era in funzione, attendere iI raffreddamento deIIa camera di combustione e deIIe tubature.
Prima di effettuare un quaIsiasi intervento, assicurarsi che Ia caIdaia non sia aIimentata eIettricamente. Terminate Ie opera-
zioni di manutenzione reimpostare, se modicati, i parametri di funzionamento deIIa caIdaia originaIi.
La puIizia deII'apparecchio non deve essere fatta con sostanze abrasive, aggressive e/o faciImente inammabiIi (come per
esempio benzina, acetone, ecc).

Allo scopo di assicurare un'effcienza ottimale della caldaia necessario effettuare annualmente i seguenti controlli:

Verifca dell'aspetto e della tenuta delle guarnizioni del circuito gas e del circuito di combustione;
Verifca dello stato e della corretta posizione degli elettrodi di accensione e rilevazione di famma;
Verifca dello stato del bruciatore ed il suo corretto fssaggio;
Verifca delle eventuali impurit presenti all'interno della camera di combustione. Utilizzare allo scopo un aspirapolvere per la
pulizia;
Verifca della corretta taratura della valvola gas;
Verifca della pressione dell'impianto di riscaldamento;
Verifca della pressione del vaso espansione;
Verifca che il ventilatore funzioni correttamente;
Verifca che i condotti di scarico e aspirazione non siano ostruiti;
Verifca delle eventuali impurit presenti all'interno del sifone (per caldaie a condensazione);
Verifca dell' integrit dell'anodo di magnesio, dove presente, per le caldaie dotate di bollitore.
20.1 POSIZIONAMENTO ELETTRODI
7
,
5

1
4

0
,
5
10 1
7103534.01 20
S
e
z
i
o
n
e

I
N
S
T
A
L
L
A
T
O
R
E


(
I
T
)

21. CARATTERISTICHE TECNICHE
ModeIIo: NUVOLA PLATINUM 24 33
Cat. 2H3P
Tipo di gas - G20 - G31
Portata termica nominale sanitario kW 24,7 34
Portata termica nominale riscaldamento kW 20,6 28,9
Portata termica ridotta kW 4,1 5,7
Potenza termica nominale sanitario kW 24 33
Potenza termica nominale 80/60C kW 20 28
Potenza termica nominale 50/30 C kW 21,8 30,6
Potenza termica ridotta 80/60 C kW 4,0 5,5
Potenza termica ridotta 50/30 C kW 4,3 6,0
Rendimento nominale 80/60 C 97,7 97,7
Rendimento nominale 50/30 C 105,8 105,8
Rendimento 30% Pn 107,6 107,7
Pressione massima acqua circuito di riscaldamento bar 3
Pressione minima acqua circuito di riscaldamento bar 0,5
Capacit accumulo bollitore l 45
Capacit acqua vaso di espansione riscaldamento l 7,5
Pressione minima vaso di espansione riscaldamento bar 0,8
Pressione massima acqua circuito sanitario bar 8,0
Capacit acqua vaso di espansione sanitario l 2
Pressione minima vaso di espansione sanitario bar 2,5
Produzione di acqua sanitaria con AT = 25 C l/min 13,8 18,9
Produzione di acqua sanitaria con AT = 35 C l/min 9,8 13,5
Portata specifca D (EN 625) l/min 16,6 19,5
Range temperature circuito di riscaldamento C 2580
Range temperature circuito sanitario C 3560
Tipologia scarichi - C13 - C33 - C43 - C53 - C63 - C83 - B23
Diametro scarico concentrico mm 60/100
Diametro scarichi separati mm 80/80
Portata massica fumi massima kg/s 0,012 0,016
Portata massica fumi minima kg/s 0,002 0,003
Massima temperatura fumi C 80
Classe NOx - 5
Pressione di alimentazione gas naturale 2H mbar 20
Pressione di alimentazione gas propano 3P mbar 37
Tensione elettrica di alimentazione V 230
Frequenza elettrica di alimentazione Hz 50
Potenza elettrica nominale W 121 123
Peso netto kg 62 64
Dimensioni - altezza mm 950
- larghezza mm 600
- profondit mm 466
Grado di protezione contro l'umidit (EN 60529) - PX5D
CONSUMI PORTATA TERMICA Qmax e Qmin
Qmax (G20) - 2H m
3
/h 2,61 3,60
Qmin (G20) - 2H m
3
/h 0,43 0,60
Qmax (G31) - 3P kg/h 1,92 2,64
Qmin (G31) - 3P kg/h 0,32 0,44
7103534.01 21
A
P
P
E
N
D
I
X

$33(1',;
7103534.01 22
A
P
P
E
N
D
I
X


A

NUVOLA PLATINUM 24 - 33

C G _ 2 2 3 3
F
M
E
D
B
A
C
1
2
3
4
5
8
6
9
7
1
0
1
1
1
2
1
3
1
6
2
5
1
5
1
4
1
7
1
8
1
9
2
0
2
1
2
2
2
3
2
6
2
7
2
8
2
9
3
0
3
1
2
4
2
5
7103534.01 23
A
P
P
E
N
D
I
X


A

I
T
1
V
a
l
v
o
l
a

g
a
s
2
M
a
n
o
m
e
t
r
o
3
B
y
-
p
a
s
s

a
u
t
o
m
a
t
i
c
o
4
F
i
l
t
r
o

r
i
t
o
r
n
o

r
i
s
c
a
l
d
a
m
e
n
t
o
5
P
o
m
p
a

c
o
n

s
e
p
a
r
a
t
o
r
e

d
'
a
r
i
a
6
V
a
s
o

d
i

e
s
p
a
n
s
i
o
n
e

s
a
n
i
t
a
r
i
o
7
V
a
l
v
o
l
a

d
i

s
i
c
u
r
e
z
z
a

s
a
n
i
t
a
r
i
o

(
8

b
a
r
)
8
R
e
g
o
l
a
t
o
r
e

d
i

f
u
s
s
o
9
R
u
b
i
n
e
t
t
o

d
i

s
c
a
r
i
c
o

b
o
l
l
i
t
o
r
e
1
0
S
o
n
d
a

b
o
l
l
i
t
o
r
e

s
a
n
i
t
a
r
i
o
1
1
B
o
l
l
i
t
o
r
e

(
4
5

l
i
t
r
i
)
1
2
S
c
a
m
b
i
a
t
o
r
e

s
a
n
i
t
a
r
i
o

b
o
l
l
i
t
o
r
e
1
3
A
n
o
d
o

s
a
c
r
i
f
c
a
l
e

b
o
l
l
i
t
o
r
e
1
4
R
u
b
i
n
e
t
t
o

d
i

c
a
r
i
c
a
m
e
n
t
o

c
a
l
d
a
i
a
1
5
V
a
l
v
o
l
a

d
i

n
o
n

r
i
t
o
r
n
o
1
6
V
a
s
o

d
i

e
s
p
a
n
s
i
o
n
e
1
7
S
o
n
d
a

N
T
C

f
u
m
i
1
8
R
a
c
c
o
r
d
o

c
o
a
s
s
i
a
l
e
1
9
S
c
a
m
b
i
a
t
o
r
e

a
c
q
u
a
-
f
u
m
i
2
0
E
l
e
t
t
r
o
d
o

d
i

a
c
c
e
n
s
i
o
n
e
2
1
B
r
u
c
i
a
t
o
r
e
2
2
C
o
l
l
e
t
t
o
r
e

m
i
s
c
e
l
a

a
r
i
a
-
g
a
s
2
3
E
l
e
t
t
r
o
d
o

d
i

r
i
l
e
v
a
z
i
o
n
e

d
i

f
a
m
m
a
2
4
T
e
r
m
o
s
t
a
t
o

d
i

s
i
c
u
r
e
z
z
a
2
5
S
o
n
d
a

N
T
C

r
i
s
c
a
l
d
a
m
e
n
t
o

(
m
a
n
d
/
r
i
t
o
r
)
2
6
V
e
n
t
i
l
a
t
o
r
e
2
7
V
e
n
t
u
r
i

a
r
i
a
/
g
a
s
2
8
P
r
e
s
s
o
s
t
a
t
o

i
d
r
a
u
l
i
c
o
2
9
V
a
l
v
o
l
a

s
i
c
u
r
e
z
z
a

r
i
s
c
a
l
d
a
m
e
n
t
o

(
3

b
a
r
)
3
0
V
a
l
v
o
l
a

3

v
i
e

m
o
t
o
r
i
z
z
a
t
a
3
1
R
u
b
i
n
e
t
t
o

d
i

s
c
a
r
i
c
o

c
a
l
d
a
i
a
A
U
s
c
i
t
a

a
c
q
u
a

c
a
l
d
a

s
a
n
i
t
a
r
i
a
/
B
o
l
l
i
t
o
r
e
B
R
u
b
i
n
e
t
t
o

i
n
g
r
e
s
s
o

a
c
q
u
a

f
r
e
d
d
a

s
a
n
i
t
a
r
i
a
C
S
i
f
o
n
e

c
o
n

s
c
a
r
i
c
o

c
o
n
d
e
n
s
a
D
R
u
b
i
n
e
t
t
o

r
i
t
o
r
n
o

a
c
q
u
a

r
i
s
c
a
l
d
a
m
e
n
t
o
E
R
u
b
i
n
e
t
t
o

m
a
n
d
a
t
a

a
c
q
u
a

r
i
s
c
a
l
d
a
m
e
n
t
o
F
R
u
b
i
n
e
t
t
o

i
n
g
r
e
s
s
o

G
A
S
7103534.01 24
A
P
P
E
N
D
I
X


B

NUVOLA PLATINUM 24 - 33

CG_2235
M

3
2

4
5
6
7
2

8
2
0
2

2
2

0
8
X

0
X

2
X

3
X

4
X

X
2
X
2
3
X
7
0
X
6
0
X
2
2
X
5
0
X
4
2
X
4

X
4
0
X
3
0
X
2

X
2
0
B
N
R
M
C
C
C
V
N
R
V
V
R
R
C
C
V
R
N
V
V
R
R
V
V
M
N
C
M
V
N
C
M
V
N
C
C
C
C
b
a
M
C
M C
M
C
G
/
V
G
/
V
G
/
V
G
/
V
G
/
V
G
/
V
G
/
V
G
/
V
G
/
V
G
/
V
G
/
V

5
G
/
V
G
/
V
G
/
V
Y
P
P Y
F
U
S

L N
2
F
U
S

M C
G
/
V
G
/
V
M
C
M
C M
V N
V
N
V V
G
/
V
R
B
N
M
C
M
C
M N
M
N
N M
C
M
B R N
C
M
M

0 9 8 7 6 5 4 3 2
9
7103534.01 25
A
P
P
E
N
D
I
X


B

I
T
E
N
1
F
u
s
i
b
i
l
i
F
u
s
e
s
2
A
l
i
m
e
n
t
a
z
i
o
n
e

e
l
e
t
t
r
i
c
a

2
3
0

V
2
3
0

V

P
o
w
e
r

S
u
p
p
l
y
3
T
e
r
m
o
s
t
a
t
o

A
m
b
i
e
n
t
e

(
T
A
)
R
o
o
m

T
h
e
r
m
o
s
t
a
t

(
R
T
)
4
S
o
n
d
a

m
a
n
d
a
t
a

r
i
s
c
a
l
d
a
m
e
n
t
o
H
e
a
t
i
n
g

f
o
w

s
e
n
s
o
r
5
S
o
n
d
a

r
i
t
o
r
n
o

r
i
s
c
a
l
d
a
m
e
n
t
o
H
e
a
t
i
n
g

r
e
t
u
r
n

s
e
n
s
o
r
6
P
r
e
s
s
o
s
t
a
t
o

i
d
r
a
u
l
i
c
o
W
a
t
e
r

p
r
e
s
s
u
r
e

s
w
i
t
c
h
7
S
o
n
d
a

f
u
m
i
F
u
m
e
s

s
e
n
s
o
r
8
R
e
l


m
u
l
t
i
f
u
n
z
i
o
n
e
M
u
l
t
i
f
u
n
c
t
i
o
n

r
e
l
a
y
9
S
o
n
d
a

a
u
s
i
l
i
a
r
i
a

1
A
u
x
i
l
i
a
r
y

S
e
n
s
o
r

1
1
0
S
o
n
d
a

a
u
s
i
l
i
a
r
i
a

2
A
u
x
i
l
i
a
r
y

S
e
n
s
o
r

2
1
1
S
o
n
d
a

e
s
t
e
r
n
a
O
u
t
d
o
o
r

s
e
n
s
o
r
1
2
P
a
n
n
e
l
l
o

d
i

C
o
n
t
r
o
l
l
o

(
a

p
a
r
e
t
e
)
C
o
n
t
r
o
l

P
a
n
e
l

(
w
a
l
l

m
o
u
n
t
e
d
)
1
3
S
o
n
d
a

N
T
C

s
a
n
i
t
a
r
i
a
N
T
C

D
H
W

s
e
n
s
o
r
1
4

n
t
e
r
f
a
c
c
i
a

P
C
B
B
r
i
d
g
e

P
C
B
1
5
P
o
m
p
a
P
u
m
p
1
6
E
l
e
t
t
r
o
d
o

d
i

r
i
v
e
l
a
z
i
o
n
e

f
a
m
m
a
F
l
a
m
e

s
e
n
s
o
r

e
l
e
c
t
r
o
d
e
1
7
E
l
e
t
t
r
o
d
o

d
i

a
c
c
e
n
s
i
o
n
e

g
n
i
t
i
o
n

e
l
e
c
t
r
o
d
e
1
8
A
c
c
e
n
d
i
t
o
r
e

g
n
i
t
e
r
1
9
V
a
l
v
o
l
a

g
a
s
G
a
s

v
a
l
v
e
2
0
T
e
r
m
o
s
t
a
t
o

d
i

s
i
c
u
r
e
z
z
a

1
0
5

C
S
a
f
e
t
y

T
h
e
r
m
o
s
t
a
t

1
0
5

C
2
1
V
a
l
v
o
l
a

3
-
v
i
e

m
o
t
o
r
i
z
z
a
t
a
D
i
v
e
r
t
e
r

v
a
l
v
e

m
o
t
o
r
2
2
V
e
n
t
i
l
a
t
o
r
e
F
a
n
7103534.01 26
A
P
P
E
N
D
I
X


C

600
9
5
0
12
12
63,5 36,5
G 1/2
G 1/2 G 3/4 G 3/4 G 3/4
60/100
117,5 100 110 100 110 62,5
9
5
0
1
8
1
1
5
6
,
5
6
0
0
4
6
6
C
G
_
2
2
5
0
156,5
O
O
7103534.01 27
A
P
P
E
N
D
I
X


D

A B
Lmax = 10 m - 60/100 mm
Lmax = 25 m - 80/125 mm
C D
Lmax = 9 m - 60/100 mm
Lmax = 24 m - 80/125 mm
E
Lmax = 10 m - 60/100 mm
Lmax = 25 m - 80/125 mm
F G
Lmax = 10 m - 60/100 mm
Lmax = 25 m - 80/125 mm
H
Lmax = 8 m - 60/100 mm
Lmax = 23 m - 80/125 mm
I
Lmax = 9 m - 60/100 mm
Lmax = 24 m - 80/125 mm
L (L1+L2) max = 80 m - 80 mm
M L max = 15 m
N L max = 15 m
O L max = 14 m
7103534.01 28
A
P
P
E
N
D
I
X


E
















7103534.01 29
LISTA PARAMETRI MODIFICATI
N PARAMETRO VALORE NOTE
7103534.01 30
7103534.01 31
7103534.01



36061 Bassano del Grappa (VI) ITALIA
Via Trozzetti, 20
Tel. 0424-517111 - Telefax 0424-38089
www.baxi.it
Baxi S.p.A., nella costante azione di miglioramento dei prodotti, si riserva la possibilit di modifcare i dati espressi in questa
documentazione in qualsiasi momento e senza preavviso. La presente documentazione un supporto informativo e non
considerabile come contratto nei confronti di terzi.
Ed. 1-06/10