Sei sulla pagina 1di 1

LA LIBERAZIONE DALLA VOLONTÀ

gli fomirà una coscienza ed intuizione corrette, cosi come Ia stessa


conoscenza in sé. Posso addirittura affermare che il vizio ed il
cattivo sentimento vanno sempre insieme.
Esistono due modi ben distinti di usare 1’ intelletto: 1.) dali’
alto in basso (dalle idee alia realtà), dando adito a immaginazione
e fantasia, cercando di soddisfare la curiosità; questo atteggia-
mento è realizzato dagli individui senza etica, che nutrono un
grande interesse per la televisione, giomali, riviste e radio; 2. )
di sotto in su (dalla realtà verso le idee) tipica delle persone equi-
librate (etiche), che desiderano davvero arrivare alia conoscenza.
La prima condotta è di imposizione delia própria teomania e nar­
cisismo, mentre la seconda è di umiltà, all’ accettare la realtà
(buona, corretta e graziosa).
Posso affermare che 1’ eliminazione delia base etica nella fi­
losofia è stata realizzata dalla matematica introdotta principal­
mente da Pitagora, quando ha sostituto la realtà con illusioni —
ed il numero costituisce il maggior inganno deli’ umanità. Qual-
siasi scienza che si occupa di numeri è destinata al fallimento, come
attualmente 1’ economia, che non riesce neppure a capire i conti
che realizza!
La verità è che 1’ essere umano resiste ad accettare quel che
è piu importante per lui: i suoi problemi etici — il che gli im-
pedisce alio stesso tempo di raggiungere la visione di tutta la ma-
gnificenza che esiste nell’ universo creato e non creato. Quando
c’ è un’ informazione falsa sulla conoscenza, possiamo essere si-
curi che si basa su di una condotta anteriore antietica; anche quando
si fa una previsione sbagliata, o si accetta un’ idea falsa, è perché
1’ indivíduo ha permesso che predomini la sua disonestà.
Non ci sono dubi che lo studio piu importante fra tutti riguarda
la condotta umana, base e centro di tutto ciò che accade a questo
mondo, a tal punto che Rousseau ha affermato, all’ inizio deli’
Emilicr. «tutto è bene quando esce dalle mani deli’ Autore delle
cose, tutto degenera fra le mani deli’ uomo». Dal canto suo, Ber-
nard Le Bovier de Fontenelle (1657-1757) nel suo libro Oeuvres,
II, pag. 35, dice: «La Storia è il domínio delle passioni umane
—- la física segue e rivela le linee deli’ intelligenza e sapienza in­
finita che tutto ha prodoto, mentre la Storia ha per oggetto gli
effetti delle passioni e dei capricci deli’ uomo». Da quel che ve-
diamo, la Storia deli’ Umanità è abbastanza «pródiga» in avve-
nimenti antietici.

174

Potrebbero piacerti anche