Sei sulla pagina 1di 6

Cronologia

1644 – 1912: Dinastia Qing


• 1660 – 1722: Imperatore Kangxi
Trattato di Nerčinsk (1689)
• 1723 – 1735: Imperatore Yongzheng
• 1736 – 1796: Imperatore Qianlong
1793: Ambasceria di Lord McCartney in Cina
’800 cinese
• 1839 – 1842: Prima Guerra dell’oppio (CH – UK)
• 1842: Trattato di Nanchino (1° dei trattati ineguali)
• 1853 – 1864: Rivolta dei Taiping
• 1856 – 1860: Seconda Guerra dell’oppio
1858: Trattato di Tianjin
1860: Convenzione di Pechino
• 1866: Nascita di Sun Yat-Sen
• 1868: Robert Hart (spedizioni in Cina)
• 1877: Nascita di Chiang Kai-Shek
• 1893: Nascita di Mao Zedong
• 1894 – 1895: Prima Guerra Sino-Giapponese
• 1895: Trattato di Shimonoseki (rinuncia cinese a Corea e Taiwan + indennità)
• 1898: Movimento di riforma dei Cento Giorni
• 1899 – 1901: Rivolta dei Boxer
• 1901: Protocollo dei Boxer (legalizzazione presenza militare a difesa di interessi
stranieri + indennità)
Primo ’900
• 1904 – 1905: Guerra Russo-Giapponese per la Manciuria meridionale
• 1905: Abolizione del sistema degli esami imperiali
Fondazione della Lega Giurata a Tokyo
Trattato di Portsmouth (RU – JP)
• 1906: Nascita di Puyi
• 1910: Corea diventa una colonia giapponese
• 1911: Rivolta di Wuchang, Hubei (Rivoluzione ‘doppio dieci’ che ha Yuan Shikai
come leader) → Rivoluzione antimancese
• 1912: Abdicazione dei Qing
Rivoluzione di Xin’hai
Inizio del governo di Yuan Shikai
• 1913: Il Partito Nazionalista (Guomindang) vince le elezioni
Song Jiaoren viene assassinato
Inizia la dittatura militare di Yuan Shikai
• 1914: Inizio Prima Guerra Mondiale
Il Giappone occupa lo Shandong
• 1915: Ventuno domande da parte del Giappone
Fondazione del Movimento di Nuova Cultura
Fondazione della rivista Xin Qingnian (Nuova Gioventù) di Chen Duxiu
• 1916: Morte di Yuan Shikai
• 1917: Rottura della neutralità cinese con la dichiarazione di guerra alla Germania
Movimento del Quattro Maggio
• 1919: Trattato di Versailles e fine della Prima Guerra Mondiale

Gli anni ’20


• 1921: Nascita del Partito Comunista Cinese (PCC) a Shanghai
Conferenza di Washington (Trattato delle nove potenze + Accordo Sino-
Giapponese)
• 1922 – 1924: Scontri tra warlords
• 1924: Congresso di riorganizzazione del Partito nazionalista cinese
• 1924 – 1927: Primo Fronte Unito (PNC + PCC)
• 1925: Morte di Sun Yat-Sen
• 1926 – 1928: Spedizione verso il nord per fermare i warlords
Capitale: Wuhan
• 1927 – 1928: Repressione anticomunista
Inizio della costruzione delle basi sovietiche rurali
Nascita del governo nazionalista con base a Nanchino
Anni ’30 e Grande Depressione
• 1930 – 1934: Cinque Campagne di annientamento contro le basi comuniste da
parte di Chiang Kai-shek
• 1931: Incidente di Mudken (Morte di Zhang Zuoli)
Inizio dell’aggressione giapponese in Manciuria
Creazione della Reubblica Sovietica del Jiangxi
• 1932: Creazione dello stato fantoccio del Manzhouguo
• 1932 – 1938: Camicie azzurre
• 1934: Movimento Nuova Vita
• 1934 – 1936: Lunga Marcia
Ritirata dal Jiangxi a Yan’an
• 1936: Incidente di Xi’an
• 1937: Incidente del ponte Marco Polo
Massacro di Nanchino
• 1937 – 1946: Secondo Fronte Unito
• 1937 – 1945: Guerra di resistenza contro il Giappone (2° guerra sino-giapponese)
Capitale: Chongqing
• 1939 – 1945: Seconda Guerra Mondiale
• 1940 – 1945: Governo riformato di Wang Jingwei a Nanchino
• 1941: Pearl Harbour
• 1945: Resa del Giappone
Missione Marshall
Fine del Manzhouguo
• 1946 – 1949: Guerra civile → vittoria comunista
1949 – 1976: Il periodo Maoista
• 1949: Fondazione della Repubblica Popolare Cinese
• 1950: Trattato sino-sovietico di alleanza
Fondazione della Repubblica di Cina a Taiwan
• 1950 – 1953: Guerra di Corea
Legge sul matrimonio
Riforma agraria
• 1951 – 1953: Campagna contro i controrivoluzionari (ex-nazionalisti)
Campagna dei “3 contro”
Campagna dei “5 contro”
• 1953 – 1957: Primo Piano Quinquennale
Industrializzazione pesante secondo il modello URSS
Abolizione proprietà privata
Cooperazione contadina
• 1954: Promulgazione della Costituzione
Partecipazione alla Conferenza di Ginevra
• 1955: Conferenza di Bandung
• 1956 – 1957: Movimento dei 100 fiori
• 1957: Campagna contro la Destra
• 1958 – 1962: Secondo Piano Quinquennale
Grande balzo in avanti
Politica del “camminare su 2 gambe”
Comuni popolari → comune, brigata, squadra
• 1959: Crisi di Lushan (Lettera di Peng Dehuai)
Crisi tibetana
• 1960: Rottura dei rapporti URSS – Cina
• 1962: Guerra di confine con l’India
Crisi dei missili a Cuba
• 1963: Accordo sui test nucleari tra USA, UK e URSS
• 1964: Prima bomba nucleare cinese
• 1966 – 1969: La Grande Rivoluzione Culturale Proletaria
Guardie Rosse → smobilitate nel ’68
• 1968: Patto di Varsavia
• 1970: Ripresa dei rapporti sino-americani
• 1971: Tentato colpo di stato di Lin Biao contro Mao (operazione 571)
Amissione della Cina nell’ONU
• 1972: Visita di Nixon a Pechino
Comunicato di Shanghai
• 1975: Morte di Chiang Kai-shek
Successore: Jiang Jingguo (figlio di Chiang)
• 1976: Morte di Mao Zedong
Morte di Zhou Enlai
Periodo delle riforme
• 1976 – 1980: Governo di transizione di Hua Guofeng
• 1978 – 1984: Ritorno di Deng Xiaoping
Quattro modernizzazioni (Maoismo, leadership del PCC, socialismo,
dittatura del proletariato)
Zone economiche speciali
Politica del figlio unico (1979)
• 1982: Nuova costituzione
• 1983: Abolizione delle comuni
• 1986: Partito democratico progressista a Taiwan
• 1989: Primavera di Pechino
Morte di Hu Yaobang
Crisi di Tian’anmen
• 1997: Morte di Deng Xiaoping
Hong Kong restituita alla Cina
• 1999: Macao restituita alla Cina
• 2001: Ingresso di Pechino nella World Trade Organization
La Guerra Civile tra Partito Comunista e Partito Nazionalista

Fase Data Descrizione


Il primo Fronte Unito 1924 – 1927 Alleanza tra il PCC e il PNC nata dell’urgenza di
sconfiggere i “signori della guerra” che avevano il
controllo della Cina settentrionale. Sun Yat-sen
mirava alla riunificazione della Cina da anni e
aveva bisogno di supporto per raggiungere il suo
scopo. Sun aveva buoni rapporti con la Russia:
aveva stretto un accordo con Ioffe (manifesto
Sun-Ioffe) e uno con Borodin, assicurandosi la
collaborazione sovietica.

La Spedizione al Nord 1926 – 1928 Spedizione di liberazione e riunificazione della


Cina contro i “signori della guerra”. Il leader è
Chiang Kai-shek, successore di Sun Yat-sen, che
porta a termine la missione con successo. La
capitale, che era stata spostata a Wuhan, è ora
Nanchino, per volere nazionalista di Sun Yat-sen.
La quinta Campagna di 1934 Chiang Kai-shek attacca la base soviet di Rujin
Accerchiamento nel Jiangxi, costringendo i comunisti alla ritirata.
La lunga Marcia 1934 – 1936 Il PNC, guidato da Mao, marcia da Rujin a
Yan’an, dove stabilisce il suo nuovo governo.
Il secondo Fronte Unito 1937 – 1946 A causa dell’incombente minaccia giapponese, i
due partiti collaborano di nuovo. L’alleanza dura
per tuta la guerra di resistenza al giappone
(guerra sino-giapponese).
Guerra di resistenza al 1937 – 1945 Wang Jingwei tradisce la patria e forma un
Giappone governo collaborazionista a Nanchino con i
giapponesi. La capitale è spostata a Chongqing.
Il dopoguerra 1945 – 1946 Yan’an è la capitale rossa die comunisti,
Nanchino quella bianca dei nazionalisti, Shanghai
resta occupata dai giapponesi.
Lo scontro finale 1946 – 1950 I comunisti vincono lo scontro, fondando la
Repubblica Popolare Cinese, ancora in vigore.
Chiang Kai-shek scappa a Taiwan dove fonda la
Repubblica di Cina nel 1950.
I Trattati Ineguali
Una serie di trattati che si è protratta dal 1842 al 1915 (pratica ufficialmente abolita nel
1943, previa l’entrata della Cina nell’ONU). Trattati che la Cina è stata costretta ad
accettare a causa della sua posizione di inferiorità, nonostante le condizioni talvolta
oltraggiose.

Trattato Anno Descrizione


Trattato di Nanchino 1842 Il primo dei Trattati Ineguali.
Pone fine alla Prima Guerra dell’oppio fra Cina e
Gran Bretagna. Esso determina la fine del sistema
Canton, l’istituzione di tariffe doganali accordate
con la Gran Bretagna, la resa di Hong Kong in una
colonia britannica, il diritto di extraterritorialità e la
clausola della “nazione più favorita”.
Extraterritorialità: gli stranieri che godono di
questo diritto non sono soggetti alle leggi cinesi,
ma a quelle dei paesi di appartenenza. Interi
quartieri nella Concessione Internazionale e la
Concessione Francese erano giuridicamente
autonomi → i cinesi erano considerati come
stranieri in quei luoghi
Convenzione di Pechino 1860 Pone fine alla Seconda Guerra dell’Oppio.
Prima volta in cui si trovano dei rappresentanti
esteri nella capitale. Cedimenti all’impero
britannico, francese e russo.
Trattato di Shimonoseki 1895 Pone fine alla Prima Guerra Sino-Giapponese.
Comporta la rinuncia totale agli interessi in Corea
e al cedimento del Taiwan al Giappone. In più, il
Giappone richiede un’ingente indennità di guerra
che causerà un lungo debito.
Protocollo dei Boxer 1901 Pone fine alla Rivolta dei Boxer a seguito della
spedizione militare delle 8 potenze (Germania,
Prussia, Austria, Gran Bretagna, USA, Francia,
Giappone, Italia).
Enorme indennità di guerra, permesso presenza
armata straniera in territorio cinese, le persone nei
distretti della rivolta non possono sostenere gli
esami per diventare funzionari.
Ventuno Domande 1915 Ventuno richieste avanzate da parte del
Giappone. Lo scopo era di rafforzare la sua
posizione in Cina, in modo da farla diventare un
protettorato del Giappone. Quest’ultimo punto
viene rifiutato, ma i consiglieri giapponesi vengono
affiancati a quelli cinesi. Il 9 maggio 1915 è da
ricordarsi come la “Giornata dell’umiliazione
nazionale”.

Potrebbero piacerti anche