Sei sulla pagina 1di 4

1

Analisi di un testo
Il Barone rampante
Silvestri Caterina
La storia
Divisione in sequenze.
1. Cosimo Piovasco di Rondò decide di ribellarsi ai suoi familiari. Il ragazzo si rifugia sugli
alberi e sentenzia che non sarebbe sceso più a terra.
2. Nelle sue prime esplorazioni in alto arriva nel giardino dei vicini di casa, i d’Ondariva. Lì
conosce una ragazzina che si chiama Viola .
3. Alla sera racconta al fratellino ciò che ha visto e scoperto. Non cede alle insistenze dei
genitori di scendere e assiste alla cena guardando da fuori arrampicato su di un ramo.
4. Cosimo incontra la compagnia dei ladri di frutta e diventano amici e pensa alla ragazzina
bionda chiamata dai ladri Sinforosa.
5. La madre, reduce dall’educazione militare si prende un cannocchiale per seguirlo come su
un campo di battaglia. Sinforosa sul cavallino bianco incontra i ragazzi.
6. Il Cavalier Avvocato Enea Silvio Carrega, lo zio naturale dei ragazzi, va nel giardino degli
d’Ondariva con uomini e scale per prendere il ragazzo e riportarlo a casa ma inutilmente.
Cosimo affronta un gatto selvatico e si fa un berretto di pelo che porterà per sempre.
7. Battista tenta di catturare Cosimo ma i suoi tentativi furono inutili.
8. Il barone Arminio, padre di Cosimo, incontra il figlio arrampicato sugli alberi. Comincia la
pioggia e Biagio, il fratello, gli porta un ombrello e una bottiglia di sciroppo caldo; parlano
un po’ stando riparati nella stanzetta improvvisata da Cosimo.
9. Dagli alberi Cosimo guarda i contadini e li aiuta. I conti d’Estomac diretti in Francia fanno
visita ai Rondò. Il barone Arminio presenta la famiglia ,ma cerca di tenere nascoste le
imprese di Cosimo, che scoperte fanno una così bella impressione al conte in visita che
Battista si fidanzerà col contino d’Estomac.
10. Cosimo andando a caccia si fece un nuovo amico, un cane bassotto che chiamò Ottimo
Massimo.
11. Lo zio ha come passione l’apicoltura. Un’altra passione dell’avvocato era l’idraulica.
Vedere la fontana di Cosimo lo entusiasmo così tanto da cominciare a progettare un intero
acquedotto pensile utile ai contadini della zona. Però dopo una settimana tutto era un ricordo
lontano. Enea Silvio Carrega aveva tante idee ma la sua irresolutezza lo impediva di
metterle in pratica
12. Cosimo si interessa particolarmente di Gian dei Brughi, un brigante temuto in tutta la
regione e vuole vederlo ad ogni costo. Un pomeriggio Cosimo salva il brigante dagli sbirri
che lo stavano inseguendo, poi si misero a parlare. Al brigante gli prese una frenesia di
leggere che lasciò tutti i suoi compagni ladri e la sua fama si stava spegnendo. Gian dei
Brughi. fu catturato e impiccato.
13. Con le conoscenze ampliate dal leggere Cosimo andava sempre dall’abate per chiarire i suoi
dubbi e discutere le teorie dei filosofi. I gesuiti vennero a sapere che a Ombrosa c’era un
prete che leggeva delle opere proibite dall’inquisizione. Lo presero e lo portarono in carcere
dove mori poco dopo senza capire in che cosa credesse mai. Cosimo costruisce una
biblioteca pensile per i libri e cerca di applicare le sue conoscenze offrendosi a potare i
frutteti per i contadini.
14. Cosimo ha dei nemici, dei malviventi che lo ritenevano responsabile della morte di Gian dei
Brughi. Questi hanno cercato di appiccare il fuoco nel bosco. Cosimo riesce a mobilitare
dei contadini in una ‘guardia dei spegnitori e così salvaguardare gli alberi, che erano una
ricchezza di tutti. Il Cavalier Avvocato ricomincia a fare dei piani e dei calcoli per come
strutturare dighe e acquedotti.
15. Cosimo si accorge che suo zio di notte esce per incontrarsi con dei turchi per indicare le
partenze e gli arrivi delle navi e per nascondere il bottino di quei pirati in una grotta. Cosimo
2

chiede l’aiuto dei bergamaschi e loro accorrono contenti per impossessarsi del bottino. Il
Cavaliere Avvocato cerca di andare verso la nave dei turchi ma poco dopo Cosimo lo vede
in acqua e ordina al suo cane di tirarlo su, il cane lo prende per la barba, era solo la testa.
16. Il ragazzo raccontò diverse versioni dell’accaduto. Il padre prese a curare lui le api, così per
rispetto della memoria, ma fu punto da uno sciame e dopo la convalescenza morì. Il nuovo
barone era Cosimo e venne a sapere che in un paesino vicino c’era tutta un gruppo di
spagnoli che viveva sugli alberi.
17. Gli spagnoli erano un gruppo di esiliati e per un decreto in atto non potevano mettere piede
in quella terra. Così stavano sugli alberi e Cosimo andò a visitarli e rimase con loro
insegnando un po’ della propria esperienza.
18. Conobbe Ursula, una ragazza a cui si interesso particolarmente. Tra gli spagnoli c’era anche
El Conde, un vecchio che soffriva di più l’esilio. Una notte il prete lo volle giustiziare in
nome dell’Inquisizione, ma lo salvò Cosimo. L’esilio finì e gli spagnoli ritornarono in patria.
A Cosimo fu offerto di andare con loro, però lui non volle scendere dagli alberi e quindi non
se ne andò.
19. Il barone era bello ,giovane e la gente cominciò a parlare delle sue amanti. Cosimo aveva
una fitta corrispondenza con i grandi letterati dell’epoca, però le lettere non furono mai
trovate perché nascoste in tronchi degli alberi.
20. Biagio va a Parigi per motivo d’affari ma purtroppo deve ritornare perché la madre e
gravemente ammalata e Cosimo si prendeva cura di lei dagli alberi, però la malattia ha il
sopravvento. Biagio si sposa e va ad abitare al vecchio castello dei Rondò. Ottimo Massimo
scappa e Cosimo viene a sapere che il duca era morto e che la vedova era venuta lì scopre
anche il cane era andato da lei.
21. Cosimo aspettava il ritorno del bassotto quando vede una donna a cavallo tagliare per il
prato: era Viola andò ad aspettare nel giardino dei d’Ondariva. Era lei la vedova del Duca
Tolemaico. Si incontrarono ,si raccontarono quello che avevano fatto fin lì e diedero sfogo
al loro amore.
22. Il nome dato da Viola al bassotto era Turcaret. I due si incontravano spesso sugli alberi.
Qualche volta Viola si arrabbiava e allora scappava via sul cavallo bianco, ma ritornava
sempre con grande sollievo per il ragazzo.
23. Quando la Marchesa d’Ondariva era via ,Cosimo riprendeva le vecchie abitudini. Biagio fa
un nuovo viaggio a Parigi e incontra Viola in un salone molto elegante. Lei splendeva e tanti
uomini ruotavano intorno a lei. Questo fece Cosimo geloso, ma a lei la gelosia di lui faceva
piacere. A Ombrosa due ammiragli di marina, uno inglese e l’altro napoletano fanno la corte
a Viola. Gli ammiragli erano pronti a tutto per lei. Viola invece chiedeva tutto questo da
Cosimo. Fu un fraintendimento e si separarono per sempre. Viola sposò un lord inglese e
arrivò a vivere a Calcutta. Lui soffrì e uscì da questa sofferenza cambiato tanto da sembrare
un matto.
24. Si avvicinò al mondo degli uccelli. Era in una brutta decadenza. Ci fu l’invasione dei lupi e
lui si mobilitò e incominciò a cacciare; organizzò gli ombrosotti e con un’idea brillante e
riuscì ad uccidere un numero impressionante di lupi.
25. Cosimo entra nella Massoneria e gli capita un fatto strano. Seguendo due massoni spagnoli
arrivati a Ombrosa smaschera Don Suplicio, il prete gesuita del gruppo di spagnoli esuli. In
duello riuscì a sconfiggerlo.
26. Imitando la Rivoluzione francese Cosimo propose di scrivere anche a Ombrosa i ‘ quaderni
di doglianza ’ , che però non ebbero alcun seguito. Alla vendemmia Cosimo organizzò gli
ombrosotti in una rivolta di non pagare più i tributi, fu la sua rivoluzione ma dovette
rifugiarsi nel bosco per scappare le conseguenze.
27. Nei boschi c’erano gli Austrosardi e le truppe francesi che combattevano. Lui volle aiutare
i francesi e così aiutò l’avamposto del tenente Agrippa Papillon, volontario nell’Armata
3

Repubblicana e anche poeta. Le sue armi erano gli animali come i cinghiali, i porcospini e
tutto il bosco.
28. Cosimo, per riconoscenza ,fu nominato nella giunta provvisoria di Ombrosa. Nella sua visita
in Italia, Napoleone passò anche per Ombrosa dove vide Cosimo come una rarità o
monumento. L’incontro fu predisposto dal comitato municipale ‘ dei festeggiamenti per la
bella figura ’.
29. La Rivoluzione era passata ma Cosimo sembrava che stesse aspettando nuovi sviluppi della
storia. Dall’alto vide tre militari francesi ,gli unici superstiti del Terzo Regimento degli
Usseri. Poco dopo passò un drappello di soldati russi a cavallo. Mentre Cosimo parlava con
il loro comandante in francese i cosacchi tornarono con le teste tagliate dei tre usseri.
30. Era passato tanto tempo da quando Cosimo era sugli alberi, sessantacinque anni. Si ammalò
e si vedeva che soffriva ,ma si ostinava a rimanere tra i rami. Un giorno tutti lo videro a
cavalcioni d’un ramo altissimo, mezzo rigido. Cosimo diceva di stare bene. Nell’attesa
inquietante ecco che nel cielo compare una mongolfiera con degli inglesi che facevano
esperienze di volo. Il pallone fu preso da una girata d’aria e girava come una trottola;
buttarono l’ancora che passo vicinissimo a Cosimo. Lui si aggrappò alla corda e si alzò in
aria. Quando la mongolfiera scese a terra lui non c’era più. Cosimo non fu mai trovato. Da
allora anche i boschi d’Ombrosa si diradarono e tutto è cambiato.

Fabula e intreccio:
Le sequenze si susseguono in ordine cronologico anche se nel brano sono presenti delle analessi
come quando Biagio rievocava i tempi passati con suo fratello sugli alberi da bambini ma ci sono
anche delle prolessi per esempio quando il narratore dice che Cosimo non sarebbe più sceso dagli
alberi.

Struttura di base del testo narrativo:


Esposizione Battista prepara uno dei suoi strani pranzi, quel girono era a base di lumache.
Esordio Cosimo si rifiuta di mangiare e si rifugia sugli alberi con l’intenzione di non scendere
mai più.
Spannung uno dei momenti di massima attenzione è quando Cosimo si accorge che suo zio di
notte esce per incontrarsi con dei turchi per indicare le partenze e gli arrivi delle navi
Scioglimento Cosimo si attacca alla mongolfiere e quando il pallone arriva a terra Cosimo non
c’è più. Il suo corpo non fu più ritrovato.

Ritmo narrativo
Le sequenze prevalenti sono narrative e dialogate, questo fa si che il romanzo sia abbastanza veloce.

I personaggi
Gerarchia:
principali
Cosimo Piovasco di Rondò. È un ragazzo figlio di un barone e una generalessa. Secondo le
situazioni dimostra di essere tenace nel portare avanti i suoi ideali, non influenzabile, risoluto. Sale
sugli alberi all’età di dodici anni e vi rimane fino a sessantacinque anni, età in cui sparisce.
Il Cavalier avvocato Enea Silvio Carrega, zio di Cosimo, amministratore e idraulico dei poderi,
fratello illegittimo di Arminio; omino calvo con la barba nera sbigottito, taciturno e timido. Sul suo
conto se ne dicono tante: che abbia ricoperto cariche importanti, gran dignitario del sultano, che una
congiura di palazzo o una gelosia di donne o un debito di gioco l’abbia fatto cadere in disgrazia e
vendere per schiavo. Si sa che è stato trovato incatenato a remare tra gli schiavi in una galera
ottomana presa dai Veneziani che lo liberarono. A Venezia, forse per una rissa, è finito di nuovo in
ceppi. È stato riscattato dal barone Arminio.
4

L’abate Fauchelafleur un vecchietto secco e grinzoso, ha fame di giansenista, scappato dalla sua
terra natale per scampare a un processo dell’Inquisizione. In lui lodano il carattere rigoroso.
Violante la figlia dei D’Ondariva, vicini-nemici dei genitori di Cosimo. condivide alcune avventure
con Cosimo.
Secondari:
Arminio Piovasco di Rondò, padre di Cosimo. è definito uomo noioso perché la sua vita è dominata
da pensieri stonati, si interessa a successioni e rivalità, alleanze con i potenti vicini e lontani. Cerca
più volte di persuadere suo figlio a scendere dagli alberi.
La generalessa Corradina di Rondò, moglie del barone e madre di Cosimo. È figlia del generale
Konrad von Kurtewitz che aveva occupato le loro terre. È una donna con la pelle rosata e il naso in
su e ha una paterna passione militare; si dimostra comprensiva ed è forse l’unica che approva il
comportamento di Cosimo.
Biagio il fratello di Cosimo minore di quattro anni.
Battista la sorella di Cosimo; è definita la monaca della casa e molto abile nel cucinare.
Comparse:
il conte D’Estomac, marito di Battista. Gian dei Brughi, brigante temuto da tutti; la sua passione è
leggere che trasmette anche a Cosimo quando si incontrano sopra gli alberi. Padre Sulpicio de
Guadalete, don Calisto e don Fulgencio gesuiti spagnoli. Don Frederico Alonso Sanchez anch’egli
spagnolo. Ursula, figlia di don Frederico, ragazza con occhi di bellissimo color pervinca e
carnagione profumata. Sir Osbert Castlefight ufficiale di una nave inglese, corteggiatore di Viola.
Salvatore di San Cataldo ufficiale napoletano, corteggiatore di Viola. Agrippa Papillon di Rouen,
tenente, poeta, volontario nell’armata repubblicana.

Ruoli e funzioni:
Protagonista: Cosimo
Antagonista: gli antagonisti sono molti, dal padre che lo vuole obbligare a mangiare le lumache e in
seguito a scendere dagli alberi, agli ufficiali che corteggiano Viola.
Aiutante: Biagio

Presentazione dei personaggi


La presentazione dei personaggi è mista.

Caratterizzazione dei personaggi


La caratterizzazione è sia fisica che sociale che psicologica.

Luoghi
I luoghi sono semplicemente indicati ma non sono reali, i posti in cui viene narato il romanzo sono
Ombrosa, Olivabassa e i campi e boschi circostanti.

Arco cronologico
L’autore non segue la durata reale degli avvenimenti ma da uno spazio di tempo scelto da lui a ogni
personaggio.

Narratore
Il narratore è interno ed è Biagio il fratello minore di Cosimo