Sei sulla pagina 1di 3

Il progetto Manhattan e l'invenzione della bomba atomica

Il progetto
Il progetto Manhattan prende il nome dal Manhattan, New York, sede della Columbia University, uno dei primi siti di
studio atomico negli Stati Uniti. Sebbene la ricerca si sia svolta in diversi siti segreti negli Stati Uniti, la maggior parte di
essa, compresi i primi test atomici, è avvenuta vicino a Los Alamos, nel New Mexico.
Per il progetto, le forze armate statunitensi hanno collaborato con le migliori menti della comunità scientifica. Le
operazioni militari erano guidate da Brig. Il generale Leslie R. Groves e il fisico J. Robert Oppenheimer sono stati il
direttore scientifico, supervisionando il progetto dal concetto alla realtà. Il progetto Manhattan è costato agli Stati
Uniti oltre 2 miliardi di dollari in soli quattro anni.

Concorso tedesco
Nel 1938, gli scienziati tedeschi avevano scoperto la fissione, che si verifica quando il nucleo di un atomo si rompe in
due parti uguali. Questa reazione rilascia neutroni che rompono più atomi, provocando una reazione a catena. Poiché
un'energia significativa viene rilasciata in soli milionesimi di secondo, si pensava che la fissione potesse causare una
reazione a catena esplosiva di notevole forza all'interno di una bomba all'uranio.
A partire dalla fine degli anni '30, un certo numero di scienziati, molti in fuga dai regimi fascisti in Europa, emigrarono
negli Stati Uniti, portando con sé la notizia di questa scoperta. Nel 1939, il fisico Leo Szilard e altri scienziati americani
e recentemente immigrati cercarono di avvertire il governo degli Stati Uniti di questo nuovo pericolo, ma non
ottennero risposta. Così Szilard contattò Albert Einstein , uno degli scienziati più noti dell'epoca.
Einstein, un devoto pacifista, all'inizio era riluttante a contattare il governo. Sapeva che avrebbe chiesto loro di
lavorare per creare un'arma che potrebbe potenzialmente uccidere milioni di persone. Alla fine Einstein fu influenzato
dalla preoccupazione che la Germania nazista avrebbe sviluppato per prima l'arma.

Il governo degli Stati Uniti viene coinvolto


Il 2 agosto 1939, Einstein scrisse una lettera ormai famosa al presidente Franklin D. Roosevelt , delineando i potenziali
usi di una bomba atomica e modi per aiutare a sostenere gli scienziati americani nella loro ricerca. In risposta,
Roosevelt creò il Comitato consultivo sull'uranio l'ottobre successivo.
Sulla base delle raccomandazioni del comitato, il governo ha offerto un compenso di 6.000 dollari per acquistare
grafite e ossido di uranio per la ricerca. Gli scienziati credevano che la grafite potesse essere in grado di rallentare una
reazione a catena, mantenendo in qualche modo sotto controllo l'energia della bomba. Il progetto era in corso, ma i
progressi furono lenti finché un evento fatale portò la realtà della guerra sulle coste americane.

Sviluppo della bomba


Il 7 dicembre 1941, l'esercito giapponese bombardò Pearl Harbor , nelle Hawaii, il quartier generale della flotta del
Pacifico degli Stati Uniti. In risposta, gli Stati Uniti dichiararono guerra al Giappone il giorno successivo ed entrarono
ufficialmente nella seconda guerra mondiale.
Con il paese in guerra e la consapevolezza che gli Stati Uniti erano tre anni indietro rispetto alla Germania nazista,
Roosevelt era pronto a sostenere seriamente gli sforzi degli Stati Uniti per creare una bomba atomica.
Costosi esperimenti iniziarono all'Università di Chicago, all'Università della California a Berkeley e alla Columbia.
Reattori, dispositivi progettati per avviare e controllare reazioni nucleari a catena, sono stati costruiti a Hanford,
Washington, e Oak Ridge, nel Tennessee. Oak Ridge, conosciuta come "The Secret City", era anche il sito di un
imponente laboratorio e impianto di arricchimento dell'uranio per produrre il combustibile nucleare.

I ricercatori hanno lavorato contemporaneamente in tutti i siti per ideare modi per produrre il carburante. Il chimico
fisico Harold Urey ei suoi colleghi della Columbia hanno costruito un sistema di estrazione basato sulla diffusione
gassosa. A Berkeley, l'inventore del ciclotrone , Ernest Lawrence, ha usato le sue conoscenze e abilità per ideare un
processo per separare magneticamente il carburante: gli isotopi dell'uranio-235 e del plutonio-239 .
La ricerca prese una marcia in più nel 1942. Il 2 dicembre, all'Università di Chicago, Enrico Fermi creò la prima
reazione a catena di successo in cui gli atomi furono divisi in un ambiente controllato, rinnovando la speranza che una
bomba atomica fosse possibile.
Consolidamento del sito
Un'altra priorità per il Progetto Manhattan divenne presto chiara: stava diventando troppo pericoloso e difficile
sviluppare armi nucleari in queste università e città sparse. Gli scienziati avevano bisogno di un laboratorio isolato
lontano dalla popolazione.
Nel 1942 Oppenheimer suggerì la remota area di Los Alamos, nel New Mexico. Groves approvò il sito e la costruzione
iniziò alla fine di quell'anno. Oppenheimer divenne il direttore del Los Alamos Laboratory, che sarebbe stato
conosciuto come "Progetto Y".
Gli scienziati continuarono a lavorare diligentemente, ma ci volle fino al 1945 per produrre la prima bomba nucleare.

Trinity Test
Quando Roosevelt morì il 12 aprile 1945, il vicepresidente Harry S. Truman divenne il trentatreesimo presidente degli
Stati Uniti. Fino ad allora, Truman non era stato informato del Progetto Manhattan, ma fu subito informato sullo
sviluppo della bomba atomica.
Quell'estate, una bomba sperimentale dal nome in codice "The Gadget" fu portata in un luogo nel deserto del New
Mexico noto come Jornada del Muerto, in spagnolo "Journey of the Dead Man". Oppenheimer ha chiamato il test
"Trinity", un riferimento a una poesia di John Donne.

Tutti erano ansiosi: nulla di simile era stato testato prima. Nessuno sapeva cosa aspettarsi. Mentre alcuni scienziati
temevano un disastro, altri temevano la fine del mondo.
Alle 5:30 del mattino del 16 luglio 1945, scienziati, personale dell'esercito e tecnici indossarono occhiali speciali per
assistere all'inizio dell'era atomica. La bomba è stata sganciata.
Ci fu un forte lampo, un'ondata di calore, una stupenda onda d'urto e un fungo atomico che si estendeva per 40.000
piedi nell'atmosfera. La torre dalla quale fu sganciata la bomba si disintegrò e migliaia di metri di sabbia del deserto
circostante furono trasformati in un brillante vetro radioattivo verde giada.
La bomba è stata un successo.

Reazioni
Quella mattina, la luce brillante del test Trinity risaltò nella mente di tutti coloro che si trovavano nel raggio di
centinaia di miglia dal sito. I residenti in quartieri lontani hanno detto che il sole è sorto due volte quel giorno. Una
ragazza cieca a 120 miglia dal sito ha detto di aver visto il flash.
Gli uomini che hanno creato la bomba sono rimasti sbalorditi. Il fisico Isidor Rabi ha espresso la preoccupazione che
l'umanità fosse diventata una minaccia per sconvolgere l'equilibrio della natura. Il test portò alla mente di
Oppenheimer una frase della Bhagavad Gita: "Ora sono diventato la morte, il distruttore di mondi". Il fisico Ken
Bainbridge, il direttore del test, ha detto a Oppenheimer: "Ora siamo tutti figli di puttana".

Il disagio di molti testimoni ha portato alcuni a firmare petizioni sostenendo che questa cosa terribile che avevano
creato non poteva essere lasciata libera nel mondo. Le loro proteste furono ignorate.

2 bombe atomiche mettono fine alla seconda guerra mondiale


La Germania si arrese l'8 maggio 1945, due mesi prima della prova della Trinità. Il Giappone ha rifiutato di arrendersi,
nonostante le minacce di Truman che il terrore sarebbe caduto dal cielo.
La guerra era durata sei anni e aveva coinvolto la maggior parte del globo, provocando la morte di 61 milioni di
persone e lo sfollamento di innumerevoli altri. L'ultima cosa che gli Stati Uniti volevano era una guerra di terra con il
Giappone, quindi fu presa la decisione di sganciare una bomba atomica.
Il 6 agosto 1945, una bomba chiamata "Little Boy" per le sue dimensioni relativamente piccole fu lanciata su
Hiroshima, in Giappone, dall'Enola Gay. Robert Lewis, co-pilota del bombardiere B-29, ha scritto nel suo diario pochi
istanti dopo: "Mio Dio, cosa abbiamo fatto?"

L'obiettivo di Little Boy era il ponte Aioi, che attraversava il fiume Ota. Alle 8:15 di quella mattina la bomba fu
sganciata e alle 8:16 oltre 66.000 persone vicino a Ground Zero erano morte. Altri 69.000 furono feriti, la maggior
parte ustionati o affetti da malattie da radiazioni, da cui molti sarebbero poi morti.
Questa singola bomba atomica ha prodotto devastazione assoluta. Ha lasciato una zona di "vaporizzazione totale" di
mezzo miglio di diametro. L'area di "distruzione totale" si estendeva per un miglio, mentre l'impatto di una "forte
esplosione" è stato avvertito per due miglia. Qualunque cosa infiammabile entro due miglia e mezzo è stata bruciata e
sono stati visti inferni in fiamme fino a tre miglia di distanza.
Il 9 agosto, dopo che il Giappone si rifiutava ancora di arrendersi, fu lanciata una seconda bomba, una bomba al
plutonio chiamata "Fat Man" per la sua forma rotonda. L'obiettivo della bomba era la città di Nagasaki, in Giappone.
Oltre 39.000 persone sono state uccise e 25.000 ferite.
Il Giappone si arrese il 14 agosto 1945, ponendo fine alla seconda guerra mondiale.

Potrebbero piacerti anche