Sei sulla pagina 1di 6

Geologica Romana 41 (2008), 19-24

PROGETTO DI GEOCONSERVAZIONE DEL SITO A BRACHIOPODI


DEL PLIOCENE INFERIORE DI CAPRIGLIO (ASTI)

Giulio Pavia, Marta Zunino

Dipartimento di Scienze della Terra, Università degli Studi di Torino. Via Valperga Caluso 35. 10125 Torino (Italy).
giulio.pavia@unito.it; marta.zunino@unito.it

RIASSUNTO - Nel presente lavoro viene descritto il progetto di geoconservazione ideato per il geosito paleon-
tologico di Capriglio. Localizzato nel Bacino pliocenico astigiano, l’affioramento di Sabbie di Capriglio mostra
una particolare associazione fossile a brachiopodi e bivalvi che merita di essere protetta e valorizzata. Gli inter-
venti proposti sono legati alla messa in sicurezza dell’affioramento, alla sua ripulitura e all’allestimento di adegua-
te strutture per la fruizione turistica. Data la vicinanza di un altro geosito, la Fontana Carabina, viene proposto un
percorso che unisca queste due peculiarità del territorio in questione.

PAROLE CHIAVE: Sabbie a Brachiopodi, Pliocene, tutela, geositi.

ABSTRACT - The geoconservation project on Pliocene Sabbie a Brachiopodi of Capriglio is decribed here. The
outcrop of Capriglio, located in Pliocenic sediments of Asti Basin, is characterized by particolar brachiopod and
bivalve assemblages that needed protection and valorisation. What we propose is linked to the safe-keeping of the
site, to its cleaning and to making it useful to a tourist exploitation.

KEY WORD: Sabbie a Brachiopodi, Pliocene, conservation, protection, geosites.

INTRODUZIONE come la posa di cartelloni esplicativi, staccionate di pro-


tezione, tettoie in legno, panchine e tavoli nelle aree di
Da alcuni anni è nata una collaborazione tra il
sosta.
Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università degli
Studi di Torino e l’Ente di Gestione dei Parchi e delle
Riserve Naturali Astigiani finalizzata a un progetto di
INQUADRAMENTO
censimento dei siti di interesse geologico; nella prima
GEOLOGICO-STRATIGRAFICO
fase di tale collaborazione è stato realizzato un program-
ma di ricerca dal titolo “Censimento dei geositi del set- L’affioramento di Capriglio è ubicato a lato della stra-
tore regionale Collina di Torino e Monferrato”, i cui da comunale che dalla provinciale Villafranca d’Asti -
risultati sono stati pubblicati in un Quaderno Scientifico Gallareto, al bivio del Molino del Vernetto, si dirige a
della Regione Piemonte (Pavia et al., 2005). Attualmente Ovest verso Capriglio; è riferibile ai depositi pliocenici
il progetto prosegue con una estensione dell’attività di del Bacino Astigiano, la cui successione sedimentaria
censimento al settore sud-occidentale del Piemonte inizia con la Formazione delle Argille Azzurre che costi-
(Langhe), e con una contemporanea attività di progetta- tuiscono una facies argillosa di piattaforma riferita allo
zione di interventi di geoconservazione sui geositi già Zancleano (Polino & Clari, 2003) (Fig. 1). La parte basa-
individuati e selezionati. le della successione è rappresentata da silts grigio-azzur-
Il presente progetto, in particolare, riguarda opere e ri, massicci, localmente con corpi canalizzati sabbioso-
interventi finalizzati alla valorizzazione, alla tutela e ghiaiosi, mentre la parte alta è costituita dall’alternanza
soprattutto alla fruizione turistica del geosito paleontolo- di livelli siltosi e sabbie fini interpretati come tempestiti
gico di Capriglio (Asti). La scelta di questo geosito è (Boano & Violanti, 2002; Ferrero & Pavia, 1996). Le
stata dettata principalmente dalla sua rilevanza scientifi- associazioni a molluschi sono confrontabili con i popo-
ca, che ne rende urgente la valorizzazione e tutela, e dai lamenti attuali dei Fanghi Terrigeni Costieri di Pérès &
conseguenti ricchi spunti divulgativi, che meritano sicu- Picard (1964) e permettono di riferire l’ambiente di sedi-
ramente un’ampia fruizione turistica e culturale. mentazione alla parte superiore del piano circalitorale
Nelle vicinanze del geosito paleontologico di (Ferrero & Pavia, 1996). Alle Argille Azzurre si sovrap-
Capriglio è presente un idrogeosito, la Fontana Carabina, pongono i depositi detritici della Formazione delle
che viene inserito nel presente progetto con lo scopo di Sabbie di Asti di età Zancleano-Piacenziana.
creare un percorso didattico-naturalistico multidiscipli- La base delle Sabbie di Asti è costituita da affioramen-
nare. Per entrambi i geositi sono necessari lavori di puli- ti di estensione limitata di calcareniti bioclastiche
tura dalla vegetazione, di messa in sicurezza e di riquali- medio-grossolane alternate a livelli siltosi e argillosi. A
ficazione; a questi si uniscono le indispensabili opere per queste si sovrappongono, con maggiore estensione in
permettere la fruizione degli stessi da parte dei visitatori affioramento, delle sabbie gialle medio-fini, localmente
20 Geologica Romana 41 (2008), 19-24 PAVIA & ZUNINO

Fig. 1 - A. Schema strutturale dell’Italia nordoccidentale (modificato da Clari et al., 1994). B. Localizzazione della figura 1A.
- A. Structural sketch map of northwestern Italy (modified after Clari et al., 1994). BTP: Tertiary Piedmont Basin; CT: Turin Hill; MO: Monferrato
hills; ZDRF: Rio Freddo Deformation Zone; ZSV: Sestri Voltaggio Zone. B. Location of figure 1A.
cementate. La Formazione delle Sabbie di Asti è nota per stione. Il livello inferiore è costituito da una comunità a
le ricche associazioni a macrofossili, soprattutto mollu- brachiopodi riferibile alla specie Terebratula ampulla
schi. La parte medio-bassa della formazione è caratteriz- mentre il livello superiore è costituito da ostreidi appar-
zata da due distinti orizzonti fossiliferi. L’associazione tenenti alla specie Neopycnodonte cochlear.
fossile dell’orizzonte inferiore è dominata dal pelecipo-
de arcoide Glycymeris insubrica, i fossili sono per la
maggior parte autoctoni e rappresentano una paleocomu- LE SABBIE A BRACHIOPODI
nità sviluppata su fondali sabbioso-fangosi a bassa pro- L’affioramento di sabbie di Capriglio espone una suc-
fondità (20-25 m) (Ferrero & Pavia, 1996). L’orizzonte cessione spessa circa 12 metri di sabbie medio-fini,
superiore, esteso per buona parte del territorio astigiano, bruno-grigiastre, fossilifere. Le sabbie sono organizzate
è caratterizzato dall’elevata frequenza dello pterioide in strati mal distinti con giacitura suborizzontale; la stra-
Isognomon maxillatus che, assieme ai restanti taxa della tificazione è riconoscibile per la presenza di allineamen-
paleocomunità, permette di ricostruire un ambiente di ti di gallerie di bioturbazione con riempimento sabbioso
sedimentazione ad una profondità di una decina di metri cementato per diagenesi tardiva. Due strati, di spessore
in regime idrodinamico non elevato (Ferrero & Pavia, tra 60 e 80 cm, sono resi evidenti dalla concentrazione di
1996). Le Sabbie di Asti, nella porzione superiore, pur conchiglie di brachiopodi e molluschi; i loro limiti, inde-
essendo ancora francamente marine, presentano litofa- finiti per mancanza di variazioni litologiche o tessiturali
cies che anticipano l’emersione e il passaggio ai deposi- peculiari, sono segnati dall’aumento del contenuto fossi-
ti continentali villafranchiani, noti per i resti di mammi- lifero.
feri continentali. Lo strato inferiore è posto a 5 metri dalla base dell’af-
I tipici orizzonti fossiliferi astigiani non sono visibili fioramento. Esso contiene un’associazione fossile com-
nel sito di Capriglio in quanto questo affioramento occu- posta per la massima parte da un brachiopode Terebra-
pa una posizione inferiore rispetto al livello a G. insubri- tulidae di grandi dimensioni, con conchiglia di forma
ca, al passaggio tra le formazioni delle Argille Azzurre e pentagonale e commisura sulciplicata, che forma grandi
delle Sabbie di Asti. A Capriglio sono invece presenti ammassi di individui (Fig. 2). Tale forma è riferibile alla
due livelli contenenti peculiari associazioni fossili carat- specie Terebratula ampulla descritta da Taddei Ruggiero
terizzate da un’alta concentrazione di bivalvi e brachio- et al. (2008) per il Pliocene medio-superiore di Valle
podi rintracciabili in Piemonte solo nel settore di Botto (Asti) che sembra essere legata filogeneticamente
Capriglio-Montafia. Questi livelli sono molto utili nella alla specie Terebratula scillae conosciuta per il
ricostruzione degli ambienti marini del Pliocene sud-pie- Pleistocene dell’Italia meridionale (D’Alessandro &
montese e rappresentano la particolarità del sito in que- Palmentola, 1978; Taddei Ruggiero, 1994; García
PROGETTO DI GEOCONSERVAZIONE DEL SITO A... Geologica Romana 41 (2008), 19-24 21

Ramos, 2006). L’associazione fossile mescola compo- ossigenate. La densità di individui in una popolazione è
nenti tafonomiche autoctone e alloctone. È autoctona la direttamente legata alla velocità delle correnti sul fondo:
maggior parte dei gusci del brachiopode Terebratula all’aumentare della velocità della corrente aumenta il
ampulla: i frequentissimi esemplari con valve in connes- numero di individui al metro quadrato (Emig, 1989).
sione e la presenza di tutti gli stadi ontogenetici, dagli Tuttavia, considerando l’apparente monospecificità del-
individui giovanili di pochi millimetri di diametro agli l’associazione fossile di Capriglio, non avendo a dispo-
adulti centimetrici, indicano infatti che i resti sono rima- sizione dati certi sull’ambiente di vita di Terebratula
sti nello stesso areale di produzione tafogenica, dopo la ampulla (Taddei Ruggiero, comm. pers.) e considerata
morte dell’organismo e prima del seppellimento; la giu- l’ampia tolleranza alle variazioni di profondità delle spe-
stapposizione di alcuni gusci sostiene l’interpretazione cie di brachiopodi attuali (Logan et al., 2004), non è pos-
che si tratti di fossili demici, fossilizzati nello stesso sibile trarre conclusioni paleobatimetriche sicure.
luogo di vita dell’organismo. Altri fossili del brachiopo- Nell’associazione fossile sembrano mancare infatti altre
de terebratulide sono rappresentati da valve singole, componenti paleobiocenotiche quali brachiopodi e mol-
indizio di azioni di correnti agenti sul fondale di sedi- luschi conosciuti nelle associazioni attuali; tuttavia sem-
mentazione con sufficiente energia da spostare e disarti- bra possibile riferire la paleocomunità alla biocenosi del
colare i gusci originari. Ad azioni energetiche più inten- Detritico Costiero “DC” di Pérès & Picard (1964). Per
se è invece da ricondurre la componente alloctona del- altro questo livello fossilifero a brachiopodi del Pliocene
l’associazione fossile, costituita da valve isolate dei mol- astigiano non è mai stato oggetto di studio; a parte le
luschi pectinidi Aequipecten opercularis e A. seniensis; brevi descrizioni riportate da Selli (1967) e da Pavia
tali fossili rappresentano elementi tafonomici derivanti (1984), la località di Capriglio non trova infatti riscontro
da resti di organismi trasportati nell’ambiente di sedi- in letteratura, neppure nella classica monografia regiona-
mentazione da biotopi adiacenti. L’associazione fossile le di Sacco (1889-90) sul “Bacino Terziario del Pie-
documenta quindi una paleocomunità a Terebratula monte e della Liguria”.
ampulla, sviluppata in un biotopo marino influenzato da Lo strato superiore presenta caratteristiche analoghe al
sporadiche correnti di fondo che importavano resti bio- precedente. In questo caso però la componente tafonomi-
genici estranei allo stesso. ca dominante è rappresentata dall’ostreide Neopycno-
Dal punto di vista della densità di individui, le Sabbie donte cochlear, che forma insiemi coalescenti con esem-
a Brachiopodi di Capriglio presentano forti analogie con plari cementati gli uni sugli altri in chiara posizione di
i popolamenti dei fondali attuali a Gryphus vitreus. La vita. A tale frazione autoctona e demica si associano fos-
biocenosi a Gryphus vitreus forma nell’attuale Mediter- sili alloctoni dati dai pectinidi Aequipecten seniensis e
raneo una cintura più o meno ampia lungo il margine Manupecten pesfelis. Sebbene gli ostreidi non siano a
continentale su fondali detrici da grossolani a medio- priori dei buoni indicatori paleombientali, l’analisi di
fini; viene considerata una specie euribata che si svilup- comunità messiniane della Spagna sud orientale ha
pa da circa 100-200 metri di profondità, nell’ambito messo in evidenza come alcune specie siano dipendenti
delle biocenosi circalitorali, fino a 160-250 metri lungo da particolari condizioni ambientali (Videt & Néraudeau,
la scarpata continentale (biocenosi dei fanghi batiali), in 2002). La specie in esame viene riferita al piano circali-
funzione del gradiente della scarpata stessa (Pérès & torale dove troverebbe le condizioni ottimali di sviluppo.
Picard, 1964; Benigni & Robba, 1988; Emig, 1989; Anche se non è specificata la profondità di vita, viene
Logan et al., 2004). La sua distribuzione è anche influen- segnalato come gli esemplari attuali di Neopycnodonte
zata dalla presenza di cibo in sospensione in acque ben cochlear vivano tra gli 80 e i 400 m di profondità (Videt
& Néraudeau, 2002). Tuttavia, dal punto di vista paleo-
ambientale lo strato a Neopycnodonte cochlear di
Capriglio risulta pertinente con le biocenosi che Pérès &
Picard (1964) hanno definito in Mediterraneo come
Fanghi Detritici Costieri (VTC) e Detritico Costiero
(DC), sui fondali della parte alta del Piano Circalitorale al
passaggio con l’Infralitorale. Infatti, le paleocomunità a
Neopycnodonte cochlear del Pliocene piemontese sono
state studiate in altre località dell’Astigiano come ad
esempio Montemarzo, Rocca d’Arazzo e Valle Botto; in
questi livelli la specie Neopycnodonte cochlear viene
considerata come indicativa del piano Circalitorale e più
in particolare riconducibile alla facies di transizione che
segna il passaggio graduale dalla facies piacenziana più
argillosa a quella astiana con sedimenti sabbiosi di
ambiente Infralitorale (Caretto, 1963; Damarco, 1983). In
Fig. 2 - Blocco di Sabbie a Brachiopodi (Terebratula ampulla) prove- particolare a Valle Botto la facies di transizione segna il
niente dal sito pliocenico di Capriglio.
- Block of Brachiopods (Terebratula ampulla) bearing sandstone from passaggio tra le paleocomunità della biocenosi delle
Capriglio (Pliocene). Sabbie Fini ben Calibrate “SFBC” con il Detritico
22 Geologica Romana 41 (2008), 19-24 PAVIA & ZUNINO

Infangato “DL” (Baroncelli, 1997). La situazione è ana-


loga per le associazioni a Brachiopodi; infatti Terebratula
ampulla è presente nelle località sopra citate e in partico-
lare in Valle Botto (Taddei Ruggiero et al., 2008) ed è
quindi riferibile anch’essa alla facies di transizione tra le
Argille Azzurre e le Sabbie di Asti. Viste queste analogie
si renderà necessario un confronto diretto tra le associa-
zioni di Capriglio con le restanti associazioni astigiane
per cercare di evidenziare caratteristiche paleoambientali
a scala regionale.
Il quadro stratigrafico dell’affioramento di Capriglio è
completato dalle caratteristiche dei livelli sabbiosi imme-
diatamente sottostanti ai due strati fossiliferi. Le sabbie
dei livelli basali contengono sporadici fossili alloctoni di
pectinidi (Flabellipecten flabelliformis) con valve esclu-
sivamente sinistre a convessità rivolta verso l’alto, in una Fig. 3 - Stato attuale dell’affioramento di Capriglio.
posizione di maggiore resistenza agli impulsi idrodinami- - Present day view of Capriglio outcrop.
ci delle correnti di fondo. Le sabbie dei livelli intermedi L’attività che si intende svolgere sul sito fossilifero di
sono a tratti grossolane e contengono brachiopodi e pele- Capriglio riguarda essenzialmente la messa in sicurezza
cipodi alloctoni spesso in frammenti e comunque dispo- dell’affioramento e l’allestimento di cartellonistica ed è
sti in modo irregolare nel sedimento. la seguente:
In conclusione, dal punto di vista paleoambientale, la - Operazioni di pulizia dei vegetali infestanti; creazione
deposizione delle sabbie fossilifere affioranti a Capriglio di una fascia libera da vegetazione di circa 2-3 metri
si può collocare a diverse decine di metri di profondità di larghezza dal bordo della sommità dell’affiora-
sotto il controllo di correnti di fondo sia sufficientemen- mento.
te attive da alimentare brachiopodi e ostreidi con - Pulitura della parete con eliminazione delle parti peri-
nutrienti in sospensione, sia sporadicamente forti da colanti. Data l’estensione del sito sono stati scelti
importare detrito più grossolano e resti biogenici da due punti dello stesso su cui intervenire in modo più
ambienti adiacenti. radicale per metterne in maggior rilievo le caratteri-
stiche. Nel primo punto, adiacente alla piazzola
attrezzata, la parete sarà preparata con idropulitrice
IL PROGETTO DI GEOCONSERVAZIONE
o sabbiatrice evidenziando i livelli fossiliferi. Nel
L’affioramento fossilifero di Capriglio ha un’impor- secondo punto, localizzato lungo la strada a lato
tanza regionale legata alla presenza in questo settore del- della piazzola attrezzata, verrà aperta una “finestra”
l’unità ecostratigrafica delle Sabbie a Brachiopodi, con- con pulitura della vegetazione e dell’affioramento
tenente un’associazione fossilifera praticamente scono- per una larghezza di circa 2 metri e un’altezza tale
sciuta e che non trova corrispondenza in altri livelli fos- da poter mostrare entrambi i livelli fossiliferi che
siliferi del Pliocene piemontese. L’affioramento è rap- caratterizzano il sito. La parte intermedia dell’affio-
presentato da una parete naturale al di sotto del rilievo ramento che costeggia la strada, verrà lasciata natu-
collinare di Cotto modificato nel tempo per il passaggio rale e verrà solo regolata la coltre vegetale che ade-
e l’allargamento della strada comunale. I livelli in esame, risce al substrato. Anche la parte a valle dell’affiora-
per l’unicità del loro contenuto, meritano interventi di mento non verrà modificata sostanzialmente, fatta
valorizzazione e tutela; il pericolo immediato cui è sog- eccezione per le necessarie opere di disboscamento
getto il sito è rappresentato dall’azione degli agenti e di messa in sicurezza.
atmosferici con la conseguente sfarinatura delle sabbie - Asportazione parziale o integrale, per tutta l’estensione
poco litificate, ma anche dagli smottamenti naturali e dal del sito, del detrito alla base della parete in modo da
passaggio di automezzi che possono causare la caduta di regolarne il livello.
blocchi e quindi determinare l’alterazione della parete - Ripristino dell’area attrezzata con manutenzione delle
(Fig. 3). panchine già posizionate e messa in posto di almeno
Attualmente il sito si presenta come un rilievo separa- un tavolo in legno.
to dalla morfologia collinare principale e in parte coper- - Le attrezzature che sono previste per la fruizione del
to da vegetazione, con alberi anche di grandi dimensio- sito da parte del pubblico sono le seguenti (Fig. 4):
ni. Alcune porzioni della parete sono pericolanti e i livel- - Recinzione in legno lungo tutto l’affioramento analoga
li fossiliferi sono poco evidenti in quanto parzialmente a quella già esistente nella piccola area attrezzata;
ricoperti da detrito e da colluvium; è da segnalare la pre- tale recinzione sarà posta ad una distanza variabile
senza, nel settore a monte dell’affioramento, di una piaz- dalla parete affiorante in modo da impedire l’acces-
zola con un’area attrezzata consistente in alcune panchi- so diretto al sito da parte dei visitatori.
ne di legno. - Posizionamento di due tettoie in legno di protezione
PROGETTO DI GEOCONSERVAZIONE DEL SITO A... Geologica Romana 41 (2008), 19-24 23

Fig. 4 - Localizzazione dei geositi del territorio di Capriglio e principali interventi previsti nel progetto di geoconservazione. 1. Geosito di Capriglio;
2. Geosito della Fontana Carabina.
- Ubication of geosites in Capriglio area indicating main forgeted interventions in geoconservation project. 1. Capriglio; 2. Fontana Carabina.

per limitare il degrado dei livelli fossiliferi e della rareccia che si snoda per poche centinaia di metri attra-
parete causata dalle precipitazioni atmosferiche. Le verso un tratto boschivo, un’area umida e infine un viale
tettoie saranno poste nel sito dove verrà aperta la costeggiato da grandi querce. La fontana è costituita da
finestra di osservazione e nel settore a valle dell’af- una semplice opera in presa immersa nel verde; la fami-
fioramento. La parte adiacente la piazzola di sosta glia idrochimica a cui appartiene la fontana è quella delle
non necessita di tale protezione. acque bicarbonato-calciche e magnesiache (Pavia et al.,
- Posizionamento di tre cartelloni esplicativi in cui, con 2005). Anche nel caso della Fontana Carabina sarebbero
un linguaggio semplice e diretto e attraverso l’utiliz- auspicabili alcuni interventi di ripristino e valorizzazio-
zo di schemi e disegni, verranno spiegate le valenze ne come la messa in posto di una tettoia in legno, di un
geo-paleontologiche del sito. I testi saranno infatti cartellone esplicativo ed eventualmente di un panchina
rivolti a tutte le tipologie di pubblico con differenti in legno. È dunque possibile, vista la vicinanza dei due
gradi di approfondimento. Il primi due cartelloni ver- geositi realizzare un percorso didattico-naturalistico mul-
ranno posizionati nell’area attrezzata, e comprende- tidisciplinare attraverso l’utilizzo di adeguata cartelloni-
ranno sia una descrizione generale dell’area e delle stica prevedendo anche il posizionamento lungo la strada
tematiche geologiche, sia una più dettagliata descri- principale di indicazioni. Inoltre, il comune di Capriglio
zione dell’affioramento e di ciò che il visitatore potrà ha già progettato alcuni percorsi didattico-culturali alla
osservare nell’apposita finestra adiacente alla piazzo- scoperta sia del patrimonio naturale che di quello sacro,
la. Il terzo, più di dettaglio sui livelli visibili in pare- molto radicato sul territorio (Peira, 2002; Milanesio &
te, verrà posizionato nel settore a valle del sito. Peira, 2003; Candelo & Occhiena, 2006) e sarebbe quin-
Il sito fossilifero di Capriglio può essere collegato ad di auspicabile avvalersi di questa esperienza per la stesu-
un altro punto di interesse nell’area: la Fontana Carabina ra di un nuovo percorso in cui inserire questi due punti di
che si trova a ovest della strada che da Montafia porta a interesse, con la produzione di un pieghevole descrittivo.
Gallareto a poca distanza dal sito precedente. La sorgen-
te si trova nel fondovalle di Rio Vernetto ad una quota di
circa 200 m s.l.m.; per raggiungerla si percorre una car-
24 Geologica Romana 41 (2008), 19-24 PAVIA & ZUNINO

CONCLUSIONI Comune è da segnalare quello alla scoperta delle fonti e


dei corsi d’acqua denominato la “Via Azzurra” in cui è
Come più volte ricordato nel presente lavoro, l’impor-
compresa anche la Fontana Carabina. Anche questa ric-
tanza del sito paleontologico di Capriglio risiede nell’ec-
chezza del territorio di Capriglio andrebbe valorizzata
cezionale associazione fossile che vi si può ritrovare.
con opportuni interventi di tutela e con l’allestimento di
Questo, se da una parte arricchisce il patrimonio scienti-
cartellonistica per una migliore fruizione delle emergen-
fico del Pliocene piemontese, dall’altra permette di otte-
ze idrogeologiche.
nere notevoli spunti divulgativi per la fruizione turistica
del sito. Il progetto che viene qui descritto si propone
quindi di attuare una protezione del sito e del suo conte- RINGRAZIAMENTI - Gli autori intendono ringraziare il
nuto paleontologico e di attrezzarlo per la divulgazione Comune di Capriglio nella persona del Sindaco Giovanni
scientifica. Inoltre, data la disponibilità del Comune di Barberis e del sig. Bruno Oggiero per la disponibilità dimostra-
Capriglio e l’interesse dimostrato per i problemi di valo- ta, l’Ente Parchi e Riserve Naturali Astigiani, in particolare il
rizzazione del territorio, questo progetto potrebbe essere Direttore Paolo Capello e dr. Piero Damarco. Il dr. Carlo
l’inizio di una collaborazione per altri progetti di geo- Bertok del Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università
conservazione. Ad esempio, tra i percorsi ideati dal di Torino e il dr. Alessio Tisi per la consulenza botanica.

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

Baroncelli M.A. (1997). Analisi paleoecologica delle associa- neógenos del sureste español. Boletin de la Asociación
zioni a Petaloconchus glomeratus (L.) (Vermetidae) del Cultural Paleontológica Marciana, 5: 23-83.
Pliocene della valle Botto (AT). Tesi laurea inedita, Milanesio C. & Peira G. (2003). Valorizziamo le nostre colline
Università degli Studi di Torino, 173 pp. e i nostri boschi. Gruppo Simpatia di Capriglio d’Asti ed.,
Benigni C. & Robba E. (1988). A Pliocene micromorph bra- 174 pp.
chiopod-pectinid community. Atti IV Simp. Ecol. e Logan A., Bianchi C.N., Morri C. & Zibrowius H. (2004). the
Paleoecol. Com. Bentoniche, Museo Reg. Sc. Naturali present-day Mediterranean brachiopod fauna: diversità,
Torino: 341-356. life habitus, biogeography and paleobiogeography.
Boano P. & Violanti D. (2002). La successione marina plioce- Scientia Marina, 68 (1): 163-170.
nica del Monferrato centro-occidentale:nuovi dati strati- Pavia G. (1984). Qualche appunto per l’escursione sul Pliocene
grafici e micropaleontologici. - 81a Riunione estiva Soc. piemontese. Gruppo Ricerca CNR Paleobenthos, 9 pp.,
Geol. It., riass.: 54-55. Torino.
Candelo L. & Occhiena D. (2006). I sentieri di Mamma Pavia G., Bortolami G. & Damarco P. (2005). Censimento dei
Margherita. Passeggiate a Capriglio: alla scoperta dei pilo- geositi nel settore regionale Collina di Torino e
ni e dei luoghi sacri nell’Alto Artigiano. San Giorgio Ed., Monferrato.Piemonte Parchi. Quaderni scientifici, 5, 146 pp.
94 pp. Peira G. (2002). Caratteristiche di alcune fonti situate nel terri-
Caretto P.G. (1963). Nuovi dati sull’estensione della formazio- torio nella zona dell’Alto Artigiano. Tesi di laurea inedita.
ne a facies piacenziana a ovest della città di Asti. Atti Soc. Università di Urbino, 107 pp.
It. Sc. Nat. e del Museo Civ. St. Nat. di Milano, 52: 1-33. Pérès J.M. & Picard J., 1964. Nouveau manuel de bionomie
Clari P., Dela Pierre F., Novaretti A. & Timpanelli M. (1994). benthique de la Mer Méditerranée. Rec. Trav. St. Mar.
La successione Oligo-miocenica del Monferrato Endoume, 31, 137 pp.
Occidentale: confronti e relazioni con il Monferrato Polino R. & Clari P.A. (Eds.) (2003). Carta Geologica d’Italia
Orientale e la Collina di Torino. Atti Tic. Sc. Terra, s.s. 1: alla scala 1.50000 Foglio 157 Trino. - Apat Dipart. Dif.
191-203. Suolo.
D’Alessandro A. & Palmentola G. (1978). Sabbie a Sacco F. (1889-90). Il bacino terziario e quaternario del
Brachiopodi, una nuova unità del salento leccese (aspetti Piemonte. Bernardoni di Rebeschini, 940 pp., Milano.
litostratigrafici e paleoambientali). Riv. Ital. Paleont. e Selli R., Ed. (1967). Guida alle escursioni. IV Congresso del
Strat., 84 (4): 1083-1120. Comitato del Neogene Mediterraneo, 172 pp., Bologna.
Damarco P. (1983). II Pliocene nel bacino di Asti: analisi Taddei Ruggiero E. (1994). Neogene Salento brachiopod
paleoecologica delle associazioni a molluschi della facies paleocommunities. Boll. Soc. Paleont. Ital., 33 (2): 197-
piacenziana e della facies di «Transizione». Tesi laurea ine- 213.
dita, Università degli Studi di Torino, 189 pp. Taddei Ruggiero E., Raia P. & Buono G. (2008). Geometric
Emig C.C. (1989). Distributional pattern along the mediterra- morphometrics species discrimination within the genus
nean continental margin (upper bathyal) using Gryphus Terebratula from the Late Cenozoic of Italy. Fossils and
vitreus (Brachiopoda) densities. Palaeogeography, Strata, 54: 209-217.
Palaeoclimatology, Palaeoecology, 71: 253-256. Videt B. & Néraudeau D. (2002). Distribution paléoenvironne-
Ferrero E. & Pavia G. (1996). La revisione. La successione mentale des huîtres dans le Messinien du bassin de Sorbas
marina pre-villafranchiana. In Carraro F. (ed.), Revisione (Andalousie, SE Espagne). Annales de Paléontologie, 88:
del Villafranchiano nell’area-tipo di Villafranca d’Asti. Il 147-166.
Quaternario, 9: 36-38.
García Ramos D.A. (2006). Nota sobre Terebratulinae del Accettato per la stampa: Ottobre 2008
Terziario de Europa y su relación con los rapresentantes

Potrebbero piacerti anche