Sei sulla pagina 1di 9

Confronto scultura:

Romana - Etrusca - Greca


Jordan Medina e Francesco Clementi
SCULTURA ETRUSCA
- La scultura etrusca si ispira a quella greca, per via di scambi commerciali nelle loro colonie in Italia centro
settentrionale
- per gli Etruschi infatti aveva solo due scopi: religioso e funerario.
-Si divide principalmente in tre periodi:
-Periodo arcaico: VI-metà del V secolo a.C: sculture principalmente in terracotta (materiale
preferito);rappresentazioni di banchetti; sarcofagi e canopi (vasi funebri)
Principali caratteristiche: stilizzazione e tipizzazione
-Periodo classico: metà del V-IV secolo a.C: comincia ad essere usato molto il bronzo tramite la fusione e
rappresentazioni anche animalistici.
Principali caratteristiche: forte espressività e trasfigurazione della realtà

-Periodo ellenistico: III-89 a.C : fusione tra cultura romana ed etrusca creando un unico stile. Periodo in cui viene
utilizzato esclusivamente il bronzo
ESEMPI

Lupa Capitolina:

Risalente verso il V secolo a.C ,quindi all’epoca


classica, fu un chiaro esempio di rappresentazione, in
bronzo, non solo di persone ma anche di animali, con un
significato anche astratto.

Inoltre in seguito poi diventerà un simbolo per i


Romani.
la chimera di Arezzo:

Risalente circa alla fine del V secolo, la chimera di


Arezzo è una scultura bronzea che rappresenta un
leone in una posizione di aggressività, con al posto
della coda che morde il corno della capra, posta
sulla schiena. Posizione e espressione
caratteristica.
SCULTURA GRECA
Durante le varie fasi della scultura greca le sculture sono in continuo mutamento ed evoluzione.
Con il passare del tempo quindi subiscono cambiamenti nella struttura, nel contesto e a livello estetico.
Raffigurazioni principalmente di umani e divinità.

La scultura greca nasce intorno al VII sec. A.C.


e finisce nel 31 A.C,
si divide a sua volta in 4 periodi:

- PERIODO ARCAICO (VI secolo a.C- 480 a.C) -PERIODO CLASSICO ( V secolo- 323 a.C)
le statue avevano posizioni statiche pose dinamiche e caratterizzanti.
e un’anatomia semplificata. Massima importanza alla perfezione anatomica
e alla postura.

- PERIODO SEVERO ( 480- 450 a.C) -PERIODO ELLENICO (323- 146 a.C)
viene data importanza principalmente Estremo dinamismo e movimento
all’anatomia; pose più specifiche e dinamiche. che raccontano scene.
Raffigurati uomini famosi; vestiti e anatomia
realistici.
ESEMPI
Il Moscoforo:

uno dei più chiari esempi delle prime statue greche di


età arcaica, che rappresenta chiaramente un uomo
portando sulle spalle un vitello, che probabilmente è
sacrificio per gli dei, avendo quindi significato
religioso.

chiaramente la statua ha una posizione stabile e molto


standard. posto frontalmente e col tipico “ sorriso
arcaico “.
Il Laocoonte:

Questa statua invece è un chiaro esempi tra le statue


del periodo ellenico, il picco della evoluzione della
scultura greca. notiamo come nelle statue non sono
più statiche nè costruite secondo uno schema.
estremo dinamismo e massima espressività per
raggiungere la perfezione e farla sembrare come
nella realtà
SCULTURA ROMANA
La scultura romana deriva principalmente da quella Etrusca. Era costituita da elementi architettonici di
tipo strutturale, come colonne o archi, che venivano poi trasformati in vere e proprie opere d’arte di tipo
politico, celebrativo e propagandistico. infatti i principali scopi erano politici e trionfali( archi di
trionfo o colonne).
si può dividere il tutto in 3 periodi:
-Periodo monarchico (753- 509 a.C): in questo periodo l’arte oscilla fra la corrente etrusca e quella
greca culturalmente
-Periodo repubblicano (509- 31 a.C)
-Periodo imperiale (31- 313 d.C)
ESEMPI
Augusto di prima porta:

rappresenta l’imperatore Augusto nel suo


grande splendore, costruito in marmo
bianco costruito nel I sec d.C.

Potrebbero piacerti anche