Sei sulla pagina 1di 24

De Musica, 2017 – XXI

δἳ ὅoὄpὄeὅἳ ἶel ὅuonoέ Impὄovviὅἳzione


e inteὄpὄetἳzione

Alessandro Bertinetto

Abstract
In queὅto ἳὄtiἵolo entὄo in ἶiἳlogo ἵon le poὅizioni ἶifeὅe ἶἳ εἳὄἵello δἳ
εἳtinἳ nel ὅuo liἴὄo Note sul suono e pὄopongo ἳlἵune ὄifleὅὅioni ἵonἵeὄnenti
lἳ ὄelἳzione tὄἳ impὄovviὅἳzione e inteὄpὄetἳzioneέ Peὄ un veὄὅo, ogni ὅingolἳ
peὄfoὄmἳnἵe muὅiἵἳle è “impὄovviὅἳzionἳle” (peὄ lo meno in un gὄἳἶo miά
nimo) e l’impὄovviὅἳzione muὅiἵἳle può eὅὅeὄe ἶi tipo “inteὄpὄetἳtivo”έ Inolά
tὄe, lἳ ὄiuὅἵitἳ ἶi entὄἳmἴe le pὄἳtiἵhe ἶipenἶe ἶἳl moἶo ἵὄeἳtivo eἶ eὅpὄeὅὅivo
in ἵui elἳἴoὄἳno lἳ “ὅoὄpὄeὅἳ ἶel ὅuono” emeὄgente ἶἳ ogni evento muὅiἵἳleέ
Peὄ ἳltὄo veὄὅo, tuttἳviἳ, mentὄe lἳ peὄfoὄmἳnἵe inteὄpὄetἳtivἳ ὅi ἵimentἳ ἵon
lἳ ὄeὅtituzione ἶi un ὅenὅo muὅiἵἳle già ὅtἳἴilito ἶἳl teὅto ἶellἳ ἵompoὅizione,
lἳ peὄfoὄmἳnἵe ἶ’impὄovviὅἳzione geneὄἳ intenzionἳlmente il ὅuo pὄopὄio
ὅenὅo, ἶἳnἶo foὄmἳ ἳl ὅuono nel momento ἶellἳ peὄfoὄmἳnἵe1έ

1. Il suonoμ un evento sorprendente


ἠel ὅuo liἴὄo Note sul suono, εἳὄἵello δἳ εἳtinἳ ὅἵὄiveμ «Il ὅuono muὅiά
ἵἳle non è un pὄoἶotto ἶellἳ meὄἳ intenzione ἶel ὅuonἳtoὄeέ ἡ, meglioμ eὅὅo
può ἴen nἳὅἵeὄe ἵome pὄoἶotto ἶi un’intenzione, mἳ il ὅuo ἳvvento ὅi ἵolloἵἳ
fuoὄi ἶἳll’intenzionἳlità ἶel ὅingolo ὅoggettoέ Il ὅuono ♩ nἳὅἵe ἶἳll’inἵontὄo

1
ἠel pὄeὅente ἵontὄiἴuto ὄitoὄno ὅulle ὄifleὅὅioni ἵiὄἵἳ l’impὄovviὅἳzione muὅiἵἳle pὄopoὅte
nel ὅeἵonἶo ἵἳpitolo ἶi Aleὅὅἳnἶὄo ἐERTIἠETTἡ, Eseguire l’inatteso. Ontologia della mu-
sica e improvvisazione, Romἳ, il ύlifo βί1ἄέ δe ὄiἵeὄἵhe ἵhe hἳnno poὄtἳto ἳllἳ ὅteὅuὄἳ ἶi
queὅto ἳὄtiἵolo ὅono ὅtἳte poὅὅiἴili gὄἳzie ἳl pὄogetto “Aeὅthetiἵ expeὄienἵe of the ἳὄtὅ ἳnἶ
the ἵomplexity of peὄἵeption” (όόIβί1ηάἄζβἅ1άεIἠEἑἡάόEDER,UE)έ

Quest’opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non


commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale
De Musica, 2017 – XXI

ἵon uno ὅtὄumento, nἳὅἵe ἶἳl tactus muὅἵolἳὄe, ἶἳ unἳ tenὅione ἶell’eὅeἵutoὄe
e ἶello ὅtὄumento»βέ
Il luogo ἶellἳ muὅiἵἳ, ἵontinuἳ δἳ εἳtinἳ, è lἳ ἵoὄpoὄeità, non lἳ menteέ Il
ἵhe ἵompoὄtἳ quἳnto ὅegueμ «δἳ ἵἳὄne ἶel ὅuono […] è ὅoὄpὄenἶente peὄ lo
ὅteὅὅo muὅiἵiὅtἳ eἶ è nuovἳ ἶἳ evento ἳ eventoέ ἑiò ἵonfeὄiὅἵe ἳllἳ ὄelἳzione
muὅiἵἳle tὄἳ performer e ὅuono muὅiἵἳle ὄeἳle il ἵἳὄἳtteὄe ἶi unἳ ὄelἳzione
ὅtoὄiἵἳ, la quale resiste alla sostituzione dei significanti ἵoinvolti nell’evento
eήo nellἳ ὅuἳ ὅtoὄiἳ geneὄἳtivἳ»γέ
δἳ εἳtinἳ ὅpiegἳ ἵhe l’evento ἶellἳ pὄoἶuzione muὅiἵἳle non è ὄiἶuἵiἴile
ἳ un pὄoἵeὅὅo mentἳle ἵhe ὅi ἶeve ὄeἳlizzἳὄe fiὅiἵἳmenteν piuttoὅto, ἵiò ἵhe
ἳἵἵἳἶe (l’evento ἶel ὅuono) ἶeteὄminἳ ἵiò ἵhe l’eὅeἵutoὄe fἳέ Al ὄiguἳὄἶo,
ἵἳlzἳ ἳ pennello lἳ ἵeleἴὄe loἵuzione ἶi Elizἳἴeth Anὅἵomἴeέ ἠellἳ ὅuἳ ὄifleὅά
ὅione ὅull’ἳgiὄe intenzionἳle, lἳ filoὅofἳ ἴὄitἳnniἵἳ, ἳllievἳ ἶi Wittgenὅtein,
ἳvevἳ elἳἴoὄἳto unἳ ἵonἵezione ἶell’intenzionἳlità ἳlteὄnἳtivἳ ἳllἳ teoὄiἳ ἵἳuά
ὅἳle, ὅeἵonἶo lἳ quἳle è l’intenzione (mentἳle) ἳ ἵἳuὅἳὄe l’ἳzione (fiὅiἵἳ)έ Anά
ὅἵomἴe ὅoὅtiene, inveἵe, ἵhe «lἳ ἶeὅἵὄizione ἶi quel ἵhe ἳἵἵἳἶe è pὄopὄiἳά
mente lἳ ἵoὅἳ ἵhe io ἶiὄei ἶi ἳveὄ fἳtto, quinἶi non ἵ’è ἶiὅtinzione tὄἳ il mio
fἳὄe e l’ἳἵἵἳἶeὄe ἶellἳ ἵoὅἳ»ζέ Dunque, quellἳ ἶiὅἵὄepἳnzἳ tὄἳ l’intenzione e
l’ἳzione, ἵhe poὄtἳ ἳ ὅuppoὄὄe un (pὄoἴlemἳtiἵo) ὄἳppoὄto ἵἳuὅἳle tὄἳ l’unἳ e
l’ἳltὄἳ, emeὄge ὅoltἳnto ἶἳllἳ pὄoὅpettivἳ ἶel ὅoggettoν mentὄe ἶἳllἳ pὄoὅpetά
tivἳ ἶellἳ ἶeὅἵὄizione eὅteὄnἳ ὅi tὄἳttἳ ἶi ἶue moἶi ἶi ἵonὅiἶeὄἳὄe lἳ ὅteὅὅἳ
ἵoὅἳέ Se quἳnto ἳἵἵἳἶe ὅul piἳno fiὅiἵo è, in quἳnto tἳle, eὅteὄno ἳllἳ pὄoὅpetά
tivἳ inteὄnἳ ἶi ἵhi ἵompie l’ἳzione, lἳ ἶeὅἵὄizione (eὅteὄnἳ) ἶel fἳὄe e ἶell’ἳἵά
ἵἳἶeὄe ne moὅtὄἳ l’iἶentitàέ Un’iἶentità ἵhe, tuttἳviἳ, ὄeὅtἳ nἳὅἵoὅtἳ ἳl ὅogά
getto ἳgente, ἳll’inteὄno ἶellἳ ἵui pὄoὅpettivἳ ἵiò ἵhe ἳἵἵἳἶe eὅteὄnἳmente ἳpά
pἳὄe ἵoὅtitutivἳmente ἵome inἵontὄollἳἴile, eἵἵeἶente, ὅoὄpὄenἶenteέ

β
εἳὄἵello δA εATIἠA, Note sul suono. Filosofia dei linguaggi e forme di vita, Anἵonἳ,
δe oὅὅἳ ά ἳnἳtomie ἶell'ingegno βί1ζ, pέ 1ἄέ
γ
Ibidέ, pέ κἅέ
ζ
Elizἳἴeth AἠSἑἡεἐE, Intention (1ληἅ), ἑἳmἴὄiἶge εA, ώἳὄvἳὄἶ Univeὄὅity Pὄeὅὅ βίίί,
ppέ ηβάηγέ

39
De Musica, 2017 – XXI
Appliἵἳnἶo ἳll’eὅeἵuzione muὅiἵἳle queὅto gioἵo ἶi pὄoὅpettive peὄ ἵui
l’ἳgiὄe e l’ἳἵἵἳἶeὄe in ὄeἳltà ἵoinἵiἶono, ὅeἴἴene ἳppἳiἳno ὅoggettivἳmente
ἵome ἶiὅἵὄepἳnti, ὅi può ἳlloὄἳ ἵhe il ὅuono (il ὅignifiἵἳnte) eἵἵeἶe, peὄ ἵhi lo
pὄoἶuἵe, il ὅenὅo (l’intenzione mentἳle) ἶi ἵhi lo pὄoἶuἵeέ Donἶe, il fἳtto ἵhe
l’eὅeἵutoὄe ἳvveὄtἳ ὅoὄpὄeὅἳ quἳnἶo il ὅuono ἳὄὄivἳμ e ἵiò ἳnἵhe quἳnἶo il
ὅuono è eὅἳttἳmente ἵom’eὄἳ ἶἳ lui (l’eὅeἵutoὄe) ἳtteὅoέ Sἵὄive δἳ εἳtinἳμ «Il
ὅignifiἵἳnte eἵἵeἶe il ὅignifiἵἳto intenzionἳto nel geὅto, mἳ – ὅingolἳὄmente
– non fἳlὅifiἵἳ le intenzioni ἵhe il ὅoggetto ἶἳὄeἴἴe ἶi ἵiò ἵhe he doesέ Tutto
ἳἵἵἳἶe ἵome ὅe il peὄἵoὄὅo ἶel ὅoggetto foὅὅe pὄimἳ in un ὅenὅo e poi in un
ἳltὄoμ pὄimἳ è il ὅoggetto ἵhe fἳ ὄifeὄimento ἳl ὅignifiἵἳto, mentὄe poi è il ὅiά
gnifiἵἳnte ἵhe – emeὄgenἶo in luogo ἶell’oggetto intenzionἳto – ὄitoὄnἳ veὄὅo
il ὅoggetto ὅoὄpὄenἶenἶolo»ηέ
δἳ ὄeἳltà ἵonἵὄetἳ e mἳteὄiἳle ἶel ὅuono (il ὅignifiἵἳnte) eἵἵeἶe, puὄ moά
ὅtὄἳnἶolo, il geὅto ἵhe lo pὄoἶuἵe, e ὅoὄpὄenἶenἶo, non in moἶo ἵonἵettuἳle,
mἳ ‘muὅἵolἳὄmente’ e ἵioè ἳ livello fiὅiἵo, il peὄfoὄmeὄέ δἳ ὄeἳltà ἶel ὅuono
eἵἵeἶe quἳlunque ἵὄeἶenzἳ epiὅtemiἵἳ mentἳle ἵiὄἵἳ il ὅenὅo ἶel ὅuono, ὅenzἳ
tuttἳviἳ ὅmentiὄlἳ o invἳliἶἳὄlἳέ δἳ “ὅoὄpὄeὅἳ ἶel ὅuono” è quinἶi un tipo pἳὄά
tiἵolἳὄiὅὅimo ἶi ὅoὄpὄeὅἳέ Infἳtti, in geneὄἳle ὅi ἶefiniὅἵe lἳ ὅoὄpὄeὅἳ ἵome
un’emozione ἵognitivἳ ἵhe ὅi eὅpeὄiὅἵe quἳnἶo unἳ ἶἳtἳ ὅituἳzione ἵontὄἳἶά
ἶiἵe unἳ ἵὄeἶenzἳ o un’ἳὅpettἳtivἳ, mἳgἳὄi impliἵiteἄέ ἠel ἵἳὅo ἵhe, ὅeguenἶo
δἳ εἳtinἳ, ὅtiἳmo ἵonὅiἶeὄἳnἶo, lἳ ἵὄeἶenzἳ non viene ὅmentitἳν è piuttoὅto
il moἶo in ἵui lἳ ἵὄeἶenzἳ è ἵonfeὄmἳtἳ ἳ eὅὅeὄe ἶi peὄ ὅé ὅoὄpὄenἶente, ὅoὄά
pὄenἶentemente impὄeveἶiἴile peὄ lo ὅteὅὅo ἳgente ἵhe pὄoἶuἵe il ὅuono, o
ἵhe ἵontὄiἴuiὅἵe ἳ pὄoἶuὄlo uὅἳnἶo uno ὅtὄumentoἅέ

η
εἳὄἵello δA εATIἠA, Note sul suono, ἵit., pέ 11βέ

Alexἳnἶὄe DEἑδἡS, The Aesthetic and Cognitive Value of Surprise, in «Pὄoἵeeἶingὅ of
the Euὄopeἳn Soἵiety foὄ Aeὅthetiἵὅ», Volέ ἄ, βί1ζ, ppέ ηβάἄλ, qui pέ ηἅέ

ἡvviἳmente, quello qui pὄeὅo in ἵonὅiἶeὄἳzione non è l’uniἵo tipo ἶi ὅoὄpὄeὅἳ ὄilevἳnte
nell’eὅpeὄienzἳ muὅiἵἳleέ δἳ ἵompὄenὅione e l’ἳppὄezzἳmento ἶellἳ muὅiἵἳ ὅi ἴἳὅἳno ἳnἵhe
ὅul gioἵo ἵognitivo ἶellἳ ἵonfeὄmἳ o ὅmentitἳ ἶelle ἵὄeἶenze e ἶelle ἳὅpettἳtive ἵiὄἵἳ il ὅuo
ὅvolgimentoμ queὅto tipo ἶi ὅoὄpὄeὅἳ è un’emozione ἵognitivἳ fonἶἳmentἳle peὄ l’ἳppὄezzἳά
mento ἶelle quἳlità eὅtetiἵhe ἶellἳ muὅiἵἳ, in miὅuὄἳ notevole ἳnἵhe nel ἵἳὅo ἶell’impὄovviά
ὅἳzioneέ ἑfὄέ δeonhἳὄἶ εEYER, Emozione e significato della musica (1ληἄ), ἐolognἳ, Il
εulino 1λλβν Dἳviἶ ώURἡἠ, Sweet Anticipation: Music and the Psychology of Expectation,

40
De Musica, 2017 – XXI

ἑὄeἶo ἵhe ὅi poὅὅἳno inἶiἵἳὄe ἳlmeno tὄe impliἵἳzioni inteὄeὅὅἳnti ἶi queά


ὅtἳ fenomenologia ἶellἳ ὅoὄpὄeὅἳ ἵhe inteὄeὅὅἳ lἳ pὄoἶuzione ἶel ὅuono muὅiά
ἵἳleέ
(1) Si potὄeἴἴe ἳnzitutto moὅtὄἳὄe ἵome ἵiò ἵhe ἳἵἵἳἶe ἳl peὄfoὄmeὄ ὅiἳ in
quἳlἵhe moἶo ἳnἳlogo ἳ ἵiò ἵhe ἳἵἵἳἶe ἳ ogni ἳὄtiὅtἳ, ἵhe non può pὄeveἶeὄe
il ὄiὅultἳto ἶellἳ ὅuἳ ἵὄeἳtivitàέ δ’ἳgiὄe ἵὄeἳtivo non può ὄiὅultἳὄe ἶἳ unἳ meἵά
ἵἳniἵἳ ἳppliἵἳzione ἶi ὄegole, ἵὄiteὄi e ὄiἵette eἵἵέ, mἳ ἵompoὄtἳ unἳ pὄeὅἳ ἶi
poὅizione tὄἳὅfoὄmἳtivἳ ὄiὅpetto ἳ ὄegole, ἵὄiteὄi, ὄiἵette eἵἵέ in ὄἳppoὄto ἳllἳ
ὅpeἵifiἵἳ ὅituἳzione ἶel fἳὄe ἳὄtiὅtiἵoέ Dunque, ἳmmettenἶo ἵhe lἳ ἵὄeἳtività
ὅiἳ unἳ quἳlità ἶi ogni ἳutentiἵἳ opeὄἳ ἶ’ἳὄteκ, ἳlloὄἳ il ὄiὅultἳto ἶellἳ ἵὄeἳtività
non è pὄeveἶiἴileέ δ’opeὄἳ ἶ’ἳὄte, ἵhe ὄiὅultἳ ἶἳ un ἳgiὄe ἵὄeἳtivo (ἵhe peὄἳltὄo
può ἶiὄὅi tἳle ὅolo a posteriori), è quinἶi ὅoὄpὄenἶente ἳnἵhe peὄ il ὅuo pὄoά
ἶuttoὄe, l’ἳὄtiὅtἳλέ Pὄimἳ ἶi metteὄὅi ἳll’opeὄἳ, l’ἳὄtiὅtἳ, infἳtti, può ἳveὄe (e ἶi
ὅolito hἳ) un’iἶeἳ, unἳ ἵonἵezione, un ὅignifiἵἳto ἶἳ ἵomuniἵἳὄe (ἵoὅì ἵome
un’iἶeἳ ὅu ἵome ὄeἳlizzἳὄe queὅtἳ “ἵomuniἵἳzione”)μ mἳ l’evento ἶell’opeὄἳ
eἵἵeἶe ἵiò ἵhe ἳvevἳ in mente (ovviἳmente queὅtἳ eἵἵeἶenzἳ può ἳnἵhe eὅά
ὅeὄe ἶi ὅegno negἳtivo, mἳnifeὅtἳnἶo ἶeluὅione, inveἵe ἵhe entuὅiἳὅmo, peὄ il
ὄiὅultἳto ἵonὅeguito)έ δ’intenzione ἶi peὄ ὅé è inὅuffiἵienteέ È il ἵonfὄonto (e
ἳnἵhe lo ὅἵontὄo) ἵon il mἳteὄiἳle, e ἵon ἵiò ἵhe ἳἵἵἳἶe in queὅto ἵonfὄonto
opeὄἳtivo, ἳ poὄtἳὄe ἳllἳ ὄeἳlizzἳzione ἶi un’opeὄἳ ἵhe, letteὄἳlmente, l’ἳὄtiὅtἳ
non ὅἳ ἵome hἳ potuto pὄoἶuὄὄe (non lo potevἳ ὅἳpeὄeμ ὅe lo ἳveὅὅe ὅἳputo,
non ὅἳὄeἴἴe ὅtἳto ἵὄeἳtivo) eἶ è quinἶi ὅoὄpὄenἶente, peὄἵhé non totἳlmente
ὄiἵonἶuἵiἴile ἳἶ ἳἴilità tenute ἵonὅἳpevolmente ὅotto il ὅuo ἵontὄollo (queὅtἳ
“ignoὄἳnzἳ” non ἵonἵeὄne, ἶunque, ὅoltἳnto lἳ ἶimenὅione pὄopoὅizionἳle ἶel
“ὅἳpeὄe ἵhe”, mἳ ἳnἵhe quellἳ eὅpeὄienziἳle ἶel “ὅἳpeὄe ἵome”)έ Qui, ὅiἳ ἶetto
en passant, vἳ ἵeὄἵἳtἳ l’oὄigine ἶell’iἶeἳ tὄἳἶizionἳle ἶell’iὅpiὄἳzione ‘ἶivinἳ’
o ‘ἶemoniἵἳ’ ἶellἳ ἵὄeἳzione geniἳle ἶell’ἳὄtiὅtἳέ

ἑἳmἴὄiἶge, εA, εIT Pὄeὅὅ βίίἄν Eliὅἳ ἠEύRETTἡ, The role of expectation in the consti-
tution of subjective musical experience, Doἵtoὄἳl Theὅiὅ, Pἳἶovἳ βί1ίέ
κ
ἠon è queὅtἳ lἳ ὅeἶe peὄ ἶiὅἵuteὄe lἳ queὅtioneέ εe ne ὅono oἵἵupἳto in Aleὅὅἳnἶὄo ἐERά
TIἠETTἡ, Performing the Unexpected, in «Dἳimon», Volέ ηἅ, ppέ ἄ1άἅλ e lἳ letteὄἳtuὄἳ qui
ἵitἳtἳέ
λ
ἑfὄέ Eὄkki ώUἡVIἠEἠ, On Attributing Artistic Creativity, in «Tὄopoὅ», Volέ IV, nέ β, βί11,
ppέ ἄηάκἄέ

41
De Musica, 2017 – XXI

(β) Si potὄeἴἴe poi pὄoὅeguiὄe l’ἳὄgomentἳzione ἳὄtiἵolἳnἶo lἳ ὄifleὅὅione


ὅull’intenzionἳlità ἳ pἳὄtiὄe ἶἳllἳ già menzionἳtἳ eὅpὄeὅὅione ἶi Elizἳἴeth Anά
ὅἵomἴeμ «I ἶo whἳt hἳppenὅ»έ ἑiò ἵhe fἳ il peὄfoὄmeὄ eὅemplifiἵἳ quἳnto ὅi
veὄifiἵἳ in geneὄἳle in ogni ἳzioneέ δe intenzioni non guiἶἳno ἵἳuὅἳlmente
l’ἳzione, mἳ ὅi ἵoὅtὄuiὅἵono nell’ἳzione, inὅieme ἳll’ἳzione, ἳ pἳὄtiὄe ἶἳl
“ἵonfὄonto” (ὅe ἵoὅì lo poὅὅiἳmo ἵhiἳmἳὄe) ἵon ἵiò ἵhe ἳἵἵἳἶe, ἵon l’ἳmά
ἴiente, lἳ ὅituἳzione, l’ἳltὄo, lo ὅtὄumento, eἵἵέ1ί
(γ) δἳ ἶeὅἵὄizione ἶellἳ pὄoἶuzione ἶel ὅuono ἵome un pὄoἵeὅὅo in ἵui ἵiò
ἵhe ἳἵἵἳἶe (il ὅuono) ὅoὄpὄenἶe l’ἳgente e le ὅue intenzioni ὅemἴὄἳ eὅὅeὄe
molto ἳppὄopὄiἳtἳ peὄ l’impὄovviὅἳzioneέ δἳ εἳtinἳ, peὄò, pἳὄe voleὄἵi ἶiὄe
ἵhe lἳ ἵoὅἳ vἳlgἳ non ὅoltἳnto peὄ l’impὄovviὅἳzione, mἳ peὄ quἳlὅiἳὅi eὅeἵuά
zione muὅiἵἳle, ἳnἵhe ἶi muὅiἵἳ ἵompoὅtἳέ Soὄge ἳlloὄἳ un pὄoἴlemἳ, ἵhe può
eὅὅeὄe foὄmulἳto ἵon lἳ ὅeguente ἶomἳnἶἳμ ἵ’è unἳ ὄeἳle ἶiffeὄenzἳ tὄἳ imά
pὄovviὅἳzione eἶ eὅeἵuzione (inteὄpὄetἳzione)ς Se ἵ’è, in ἵhe ἵoὅἳ ἵonὅiὅte
eὅἳttἳmente queὅtἳ ἶiffeὄenzἳς
Tὄἳὅἵuὄἳnἶo qui ἶi ὅviluppἳὄe il temἳ ἶel pὄimo punto, ἵeὄἵheὄò ἶi ἶiὅἵuά
teὄe (ἴὄevemente) quello ἶel teὄzo puntoέ Peὄ fἳὄlo, pὄenἶeὄò le moὅὅe ἶἳllἳ
queὅtione ἶell’intenzionἳlità ἶell’ἳgiὄe impὄovviὅἳtivo (oggetto ἶel ὅeἵonἶo
punto)έ

2. L’intenzione presa alla sprovvista


Peὄ ὅpiegἳὄe in ἵhe ὅenὅo il ὅuono eἵἵeἶἳ il geὅto, l’ἳzione ἶel peὄfoὄmeὄ,
puὄ moὅtὄἳnἶo il geὅto e ὅenzἳ ἵontὄἳἶἶiὄe il fἳtto ἵhe «il ὅuono ἵhe volevo
ὅuonἳὄe è ἳnἵoὄἳ il ὅuono ἵhe volevo ὅuonἳὄe»11, δἳ εἳtinἳ ὄipoὄtἳ un’inteὄά
viὅtἳ ἶi un muὅiἵiὅtἳ impὄovviὅἳtoὄe, e non ἶi un quἳlunque muὅiἵiὅtἳ imά
pὄovviὅἳtoὄe, mἳ ἶi Keith Jἳὄὄett, quἳὅi l’emἴlemἳ ἶellἳ liἴeὄἳ impὄovviὅἳά
zione jἳzziὅtiἵἳέ In un’inteὄviὅtἳ Jἳὄὄett ὄἳἵἵontἳ ἶelle teἵniἵhe ἶἳ lui uὅἳte
peὄ impὄovviὅἳὄe in moἶo più effiἵἳἵeέ Unἳ ἶi queὅte ἵonὅiὅte nel ἵeὄἵἳὄe ἶi
ἶiὅfἳὄὅi intenzionἳlmente ἶelle ἳἴituἶini eὅeἵutive ἵonὅoliἶἳteέ E nel ὄivolά
geὄe ἵonὅἳpevolmente l’ἳttenzione ἳi geὅti ἶel ἵoὄpo, ὅἵopὄe ἵhe eὅὅo ὅἳ ἵoὅe


εi ὅiἳ ἵonὅentito ὄinviἳὄe in pὄopoὅito ἳἶ Aleὅὅἳnἶὄo ἐERTIἠETTἡ, “Mind the gap”.
L’improvvisazione come agire intenzionale, in «Itineὄἳέ Riviὅtἳ ἶi filoὅofiἳ e ἶi teoὄiἳ ἶelle
ἳὄti», nέ 1ί, βί1η, ppέ 1ἅηά1κκέ
11
εἳὄἵello δA εATIἠA, Note sul suono, ἵitέ, pέ 11γέ

42
De Musica, 2017 – XXI

ἵhe il ὅoggetto non ὅἳέ δἳ ὅuἳ mἳno poὅὅieἶe ἵonoὅἵenze – ὄelἳtive ἳ moviά
menti, geὅti, teἵniἵhe – ἶi ἵui il ὅoggetto è inἵonὅἳpevoleέ Peὄ queὅto lἳ muά
ὅiἵἳ ἵhe egli ὅuonἳ, ὅempliἵemente ἳἵἵἳἶeέ Quinἶi, ὅἵὄive Jἳὄὄett, «ὅe quἳlά
ἵoὅἳ ἵominἵiἳ ἳἶ ἳἵἵἳἶeὄe […] ἶevo lἳὅἵiἳὄe ἵhe ἳἵἵἳἶἳ»1βέ
È unἳ ὅituἳzione tipiἵἳ ἶell’ἳgiὄe impὄovviὅἳtivoέ Eὅeὄἵitἳnἶoὅi ἵon i loὄo
ὅtὄumenti (o ἵon lἳ voἵe), gli impὄovviὅἳtoὄi ἳἵquiὅiὅἵono ἵonoὅἵenze pὄoἵeά
ἶuὄἳli e ἵompetenze teἵniἵhe ἳttὄἳveὄὅo le quἳli “inἵoὄpoὄἳno” ἳἴituἶini ἶeά
ἵiὅionἳliέ ύὄἳzie ἳll’eὅeὄἵizio ὄipetuto, geὅti e movimenti effettuἳti ἶἳgli imά
pὄovviὅἳtoὄi ὅuonἳnἶo i loὄo ὅtὄumenti ἶiventἳno ἳutomἳtiἵi, ἵome ἶivengono
ἳutomἳtiἵi i geὅti e i movimenti effettuἳti ἶἳ un ἳutomoἴiliὅtἳ peὄ guiἶἳὄe
un’ἳuto o ἶἳ un ἵiἵliὅtἳ peὄ peἶἳlἳὄeέ ἑoὅì, ἳnἵhe ὅe le impὄovviὅἳzioni poὅά
ὅono eὅὅeὄe, in un moἶo o nell’ἳltὄo, pὄepἳὄἳte, le ἶeἵiὅioni pὄeὅe ἶἳgli imά
pὄovviὅἳtoὄi ὅotto l’“impulὅo ἶel momento” non ἶevono eὅὅeὄe neἵeὅὅἳὄiἳά
mente ὅtἳte pὄemeἶitἳte consapevolmenteέ δe ἶeἵiὅioni pὄeὅe ἶἳi muὅiἵiὅti
ἶuὄἳnte un’impὄovviὅἳzione ὅono, in ἳlἵuni ἵἳὅi, pὄoἵeὅὅi inἵonὅἵi ἵhe poὅά
ὅono veὄifiἵἳὄὅi (in ἵeὄtἳ miὅuὄἳ) ἳutomἳtiἵἳmente, ἵome ὅe gli eventi in ἵoὄὅo
– e non (ἳlmeno non eὅἵluὅivἳmente) i ἵoἶiἵi già ἶiὅponiἴili pὄimἳ ἶell’eὅeά
ἵuzione – e i ἵoὄpi ἶei muὅiἵiὅti – e non ὅoltἳnto le loὄo menti – ἶiὄigἳno oἶ
oὄientino le ἶeἵiὅioni ἵiὄἵἳ ἵhe ἵoὅἳ ὅuonἳὄe e ἵome ὅuonἳὄeέ
Quinἶi l’impὄovviὅἳtoὄe sa e non sa ἵhe ἵoὅἳ fἳὄeέ In Eseguire l’inatteso
ho ἵhiἳmἳto queὅtἳ ὅituἳzione ἳmἴiguἳ il paradosso epistemico ἶell'impὄovά
viὅἳzione1γέ Peὄ un veὄὅo, l’impὄovviὅἳtoὄe ἳgiὅἵe ὅenzἳ ἳveὄe unἳ ὄἳppὄeὅenά
tἳzione ἶeteὄminἳtἳ ἶel ὅuo ὅἵopo, ἵioè ἶi ἵiò ἵhe fἳὄàέ Peὄ ἳltὄo veὄὅo, hἳ unἳ
ἵonoὅἵenzἳ pὄoἵeἶuὄἳle ἶi ἵiò ἵhe fἳέ Sa come fareμ utilizzἳ mἳteὄiἳli pὄeἵeά
ἶentemente ἳὅὅimilἳti ἳttὄἳveὄὅo l’eὅeὄἵizio, ἶiὅpone ἶi moἶelli ἶi ὄifeὄimento
e ὄiὅpettἳ, ἵonὅἳpevolmente o meno, iὅtὄuzioni, ἵonvenzioni, noὄme, vinἵoliέ
Quinἶi, peὄ ἶiὄlἳ ἵon δee Konitz, peὄ poteὄ metteὄὅi ἳ ὅuonἳὄe ὅenzἳ ὅἳpeὄe
ἵiò ἵhe ὅi fἳὄà, e ἵioè ὅenzἳ pὄepἳὄἳὄe pὄimἳ ἵiò ἵhe ὅi ὅuoneὄà, ἵhe è ἳppunto
ex improviso, oἵἵoὄὄe moltἳ pὄepἳὄἳzione («Thἳt’ὅ my wἳy of pὄepἳὄἳtion –

ἑitέ in ibid., pέ 1ἄέ


ἑfὄέ Aleὅὅἳnἶὄo ἐERTIἠETTἡ, Eseguire l’inatteso, ἵitέ, ppέ ἅζ ὅὅέ (ἳ queὅte pἳgine ὄiά

mἳnἶo ἳnἵhe peὄ unἳ ἴiἴliogὄἳfiἳ più ἵompletἳ ὅul temἳ)έ

43
De Musica, 2017 – XXI

not to ἴe pὄepἳὄeἶέ Anἶ thἳt tἳkeὅ ἳ lot of pὄepἳὄἳtion!»1ζ)έ «Il muὅiἵiὅtἳ pὄeά
pἳὄἳto», ὅἵὄive ἐὄuἵe Elliὅ ἐenὅon, «è il più ἵἳpἳἵe ἶi eὅὅeὄe ὅpontἳneo1ηέ È
quἳnἶo uno è già pὄepἳὄἳto ἵhe ὅi ὅente liἴeὄo ἶi ἳnἶἳὄe oltὄe i ἵonfini ἶel
pὄepἳὄἳto»έ δ’impὄovviὅἳzione, peὄ ἶiὄlἳ ἵon l’eὅpὄeὅὅione oὅὅimoὄiἵἳ ἶi
ἑouὄὅil, è inὅommἳ «un ἳtto pὄemeἶitἳto ἶi nonάpὄemeἶitἳzione»1ἄέ Peὄ ὅuoά
nἳὄe ὅenzἳ ὅἳpeὄe pὄimἳ ἵhe ἵoὅἳ ὅuonἳὄe oἵἵoὄὄe saperlo fἳὄe (premeἶitἳά
zione)έ Tuttἳviἳ, il sapere fare unἳ ἵoὅἳ non ἵoinἵiἶe ἵon il ὅἳpeὄe ἵhe ἵoὅἳ
ὅi fἳέ Sἳpeὄe fἳὄe unἳ ἵoὅἳ ὅignifiἵἳ ἶiὅpoὄὄe ἶellἳ ἵἳpἳἵità e ἶell’ἳἴilità ἶi
fἳὄlἳ ἵonὅἳpevolmente, ignoὄἳnἶo ἵhe ἵoὅἳ eὅἳttἳmente ὅi fἳὄà (lἳ quἳl ἵoὅἳ
quinἶi non è pὄemeἶitἳtἳ)έ Queὅto è il puntoμ ἵhi ὄeἳlmente impὄovviὅἳ non
ὅἳ (non vede in anticipo) ἵiò ἵhe fἳὄà, ἳnἵhe ὅe sa come fἳὄloέ Se l’ἳzione
ἶell’impὄovviὅἳtoὄe ὅi ὄiἶuἵeὅὅe ἳll’eὅeἵuzione ἶi un pὄogetto già noto, non
ὅἳὄeἴἴe più un’impὄovviὅἳzione stricto sensuέ Eἵἵo peὄἵhé impὄovviὅἳtoὄi
ἵome Keith Jἳὄὄett ὅentono lἳ neἵeὅὅità ἶi eὅeὄἵitἳὄὅi ἳ peὄἶeὄe volontἳὄiἳά
mente ἳἴituἶini ἳἵquiὅite, peὄ poteὄ ἳgiὄe ὅenzἳ ἵhe lἳ pὄopὄiἳ eὅpeὄienzἳ pὄeά
gὄeὅὅἳ ἶeteὄmini in ἳntiἵipo il ἵoὄὅo ἶell’impὄovviὅἳzioneέ Si tὄἳttἳ, inὅommἳ,
ἶi ἶiὅimpἳὄἳὄe peὄ ἳumentἳὄe gli ὅpἳzi peὄ lἳ ὅoὄpὄeὅἳέ ἡvviἳmente, queὅto
ἶiὅimpἳὄἳὄe ἵiò ἵhe ὅi hἳ ἳppὄeὅo peὄ poteὄ impὄovviὅἳὄe in moἶo più ἳutenά
tiἵo (ovveὄoμ peὄ ὄiἶuὄὄe il ὅἳpeὄe ἳntiἵipἳnte il ὄiὅultἳto ἶel pὄopὄio fἳὄe) è un
ἳppὄenἶimento ἶi ἳltὄe ἳἴilità e ἳἴituἶini1ἅέ
ἠon è queὅtἳ foὄὅe lἳ ὅituἳzione tipica ἶell’ἳgiὄe intenzionἳleς Se ὅeά
guiἳmo lἳ ἵonἵezione ἳnὅἵomἴiἳnἳ ἶell’intenzionἳlità, l’ἳgiὄe ἶell’impὄovviά
ὅἳtoὄe è intenzionἳle, peὄἵhé unἳ voltἳ ἵompiutἳ l’ἳzione, unἳ voltἳ emeὅὅo il
ὅuono, poὅὅiἳmo ἶeὅἵὄiveὄe le ὄἳgioni peὄ ἵui l’ἳzione è ὅtἳtἳ ἵompiutἳέ Queά
ὅto – non unἳ ὅpiegἳzione ἵἳuὅἳle ἶel ὄἳppoὄto tὄἳ intenzione e ἳzione – è ἵiò
ἵhe ὅi ὄiἵhieἶe peὄ ἳttὄiἴuiὄe intenzionἳlità ἳ un eventoέ Il fἳtto ἵhe il ὄiὅultἳto
ἶell’ἳzione ὅoὄpὄenἶἳ non negἳ il ὅenὅo ἶell’ἳgiὄeέ Peὄ ὄipὄenἶeὄe le iἶee ἶi


ἑitέ in Anἶy ώAεIδTἡἠ, Jazz as Classical Music, in εέ Sἳnti (eἶέ), Improvisation: Be-
tween Technique and Spontaneity, ἠewἵἳὅtle upon Tyne, UέKέ, ἑἳmἴὄiἶge Sἵholἳὄὅ Puἴά
liὅhing βί1ί, ppέ ηγάἅη, qui pέ ηηέ

ἐὄuἵe Elliὅ ἐEἠSἡἠ, The Improvisation of Musical Dialogue, ἑἳmἴὄiἶge, ἑἳmἴὄiἶge
Univeὄὅity Pὄeὅὅ βίίγ, ppέ1ζβά1ζγν tὄἳἶέ itέ in ύiἳnni ZEἠ, ἑhe cos’è l’improvvisazione mu-
sicale?, Teὅi ἶi Dottoὄἳto, Univeὄὅità ἑἳ’ όoὅἵἳὄi ἶi Veneziἳ βί1ζ, pέ 1ζλέ
1ἄ
Jἳἵqueὅ ἑἡURSIδ, Hidden Principles of Improvisation, in Jέ Zoὄn (eἶέ), Arcana III: Mu-
sicians on Music, ἠew Yoὄk, ώipὅ Roἳἶ βίίκ, ppέ ηκάἄηέ
1ἅ
In un ὄeἵente ἳὄtiἵolo mi ὅono ὅoffeὄmἳto ὅul ὄἳppoὄto tὄἳ pὄἳtiἵhe, ἳἴituἶini, ὅἳpeὄe ἵome
fἳὄe, impὄovviὅἳzione e ἳὄteέ Aleὅὅἳnἶὄo ἐERTIἠETTἡ, Valore e autonomia dell’improvvi-
sazione. Tra arti e pratiche, in «Kἳiἳkέ A Philoὅophiἵἳl Jouὄney», Volέ γ, βί1ἄέ

44
De Musica, 2017 – XXI

δἳ εἳtinἳ, il ὅignifiἵἳnte (il ὅuono) non ἵontὄἳἶἶiἵe il ὅenὅoήὅignifiἵἳto (l’inά


tenzione), puὄ eἵἵeἶenἶoloέ ἑiò vἳle ἳnἵhe nel ἵἳὅo in ἵui il geὅto ὅiἳ ὅtἳto
ἵompiuto ὅenzἳ penὅἳὄἵi, ὅempliἵemente peὄ ἳἴituἶineμ infἳtti, l’ἳzione ἳἴiά
tuἳle può eὅὅeὄe eὅἳttἳmente quἳnto ὅi ὄiἵhieἶe peὄ ὄeἳlizzἳὄe quἳlἵoὅἳ nel
moἶo giuὅto in un ἵeὄto ἵonteὅto1κέ Quinἶi, peὄ quἳnto mettἳ ἵἳpo ἳ ὄiὅultἳti
impὄeviὅti e impὄeveἶiἴili peὄ lo ὅteὅὅo ἳgente (il peὄfoὄmeὄ), l’ἳgiὄe impὄovά
viὅἳtivo è intenzionἳle, ἶἳto ἵhe l’intenzione non è inἶipenἶente ἶἳl ὄeἳlizά
zἳὄὅi ἶell’ἳzione in un ἵonteὅto ὅpeἵifiἵoέ δ’ἳgiὄe intenzionἳle può inoltὄe inά
tegὄἳὄe ἳnἵhe ἳἵἵiἶentἳlità impὄeviὅte, ἵontingenze non ἵontὄollἳἴili
ἶἳll’ἳgente, ἵhe ἶipenἶono ἶἳllἳ ὅituἳzione, ἵoὅì ἵome l’impoὅὅiἴilità ἶi pὄeά
veἶeὄe ἵon ἳὅὅolutἳ ἵeὄtezzἳ eἶ eὅἳttezzἳ i ὄiὅultἳti ἶel ὅuo ἳgiὄeέ δ’ἳutoὄe
ἶell’ἳzione può peὄἵiò ὅoὄpὄenἶeὄὅi ἶi quἳnto egli ὅteὅὅo fἳέ δ’impὄovviὅἳά
zione eὅemplifiἵἳ pὄopὄio queὅtἳ ὅituἳzioneμ il muὅiἵiὅtἳ ἵhe impὄovviὅἳ può
ὅoὄpὄenἶeὄὅi ἶellἳ muὅiἵἳ ἵhe pὄoἶuἵe, ἵome ὅe queὅtἳ non foὅὅe il ὄiὅultἳto
ἶel pὄopὄio lἳvoὄo ἵon lo ὅtὄumentoμ ἵome ὅe, peὄ ἳὅὅuὄἶo, ὅi pὄoἶuἵeὅὅe ἶἳ
ὅolἳέ
ἑiò ὅi ὅpiegἳ ἵon il fἳtto ἵhe l’ἳzione è ὅempὄe ἳnἵhe unἳ ὄiὅpoὅtἳ ἳ eventi
eὅteὄni ἳll’ἳgente eἶ è eὅὅἳ ὅteὅὅἳ, ὅeἵonἶo ἵeὄte ἶeὅἵὄizioni, un evento
“eὅteὄno”έ È queὅto il ὅenὅo ἶellἳ feliἵe eὅpὄeὅὅione ἶi Anὅἵomἴe già ἵitἳtἳ in
pὄeἵeἶenzἳμ «I ἶo whἳt hἳppenὅ», peὄἵhé «lἳ ἶeὅἵὄizione ἶi quel ἵhe ἳἵἵἳἶe
è pὄopὄiἳmente lἳ ἵoὅἳ ἵhe io ἶiὄei ἶi ἳveὄ fἳtto, quinἶi non ἵ’è ἶiὅtinzione tὄἳ
il mio fἳὄe e l’ἳἵἵἳἶeὄe ἶellἳ ἵoὅἳ»1λέ δἳ ἵἳuὅἳlità non ὅpiegἳ l’intenzionἳlità
ἶell’evento, mἳ, ἵome ἳὄgomentἳ ἳnἵhe δἳ εἳtinἳ, è “inteὄnἳ” ἳll’eventoβί,
ὅotto ἵeὄte ἶeὅἵὄizioniέ Inὅommἳ, l’evento “εileὅ Dἳviὅ ὅuonἳ lἳ tὄomἴἳ” è
ἶeὅἵὄiviἴile ἳnἵhe ἵome “l’eὅὅeὄeάὅuonἳtἳ ἶellἳ tὄomἴἳ”β1έ
Se le ἵiὄἵoὅtἳnze ὅono ἶiveὄὅe, le ἳzioni ὅono ἶiveὄὅeέ δe intenzioni e le
poὅὅiἴilità ἶell’ἳzione ἶipenἶono ἶἳlle ὅituἳzioni e ἶἳi ἵonteὅti, vengono ἵoά
ὅtὄuite nel ἵoὄὅo ἶell’ἳzione, e poὅὅono eὅὅeὄe, in pἳὄte, “iὅἵὄitte nel ἵoὄpo”έ I


ἑfὄέ ἐill PἡδδARD, Habitual Actions, in Tέ ἡ’ἑonnoὄ, ἑέ Sἳnἶiὅ (eἶὅέ), A Companion to
the Philosophy of Action, Singἳpoὄe, Wileyάἐlἳἵkwell βί1ί, ppέ ἅίάκ1, qui κίέ

Elizἳἴeth, AἠSἑἡεἐE, Intention, ἵitέ, ppέ ηβάηγέ
βί
εἳὄἵello δA εATIἠA, Note sul suono, ἵitέ, pέ 1γέ
β1
ἑfὄέ Jennifeὄ ώἡRἠSἐY, Actions in their circumstances, in AAέVVέ Essays on
Anscombe’s Intention, ἑἳmἴὄiἶge, εA, ώἳὄvἳὄἶ Univeὄὅity Pὄeὅὅ βί11, ppέ 1ίηά1βἄ, qui ppέ
1ίἅά1ίκέ

45
De Musica, 2017 – XXI
fini ἶell’ἳzione non ὅono ὅoltἳnto ὄeἳltà futuὄe ἵhe l’ἳzione ἶeve ἵonἵὄetizά
zἳὄe, mἳ ὄiὅultἳti ἶei mezzi, ἶei mἳteὄiἳli, e ἶei ἵoὄpi ἳ ἶiὅpoὅizione in unἳ
ἶἳtἳ ἵiὄἵoὅtἳnzἳ, in unἳ pὄeἵiὅἳ ὅituἳzioneέ δ’impὄovviὅἳzione mette in ὄilievo
queὅto ἳὅpetto ἶell’ἳzione intenzionἳle, mἳnifeὅtἳnἶo ἵhe i progetti, le inten-
zioni, non ὅono mentἳlmente pὄeἵoὅtituiti, mἳ si costruiscono attraverso
l’azione in unἳ ὅpeἵifiἵἳ ὅituἳzioneββν quinἶi l’intenzione è elemento ἵoὅtituά
tivo (e non pὄevio) ἶell’ἳzione e l’ἳzione intenzionἳle non è inἵompἳtiἴile né
ἵon le ἳzioni eὅeguite peὄ ἳἴituἶine (ὅeἴἴene ὄiἵhieἶἳ lἳ ἵἳpἳἵità ἶi ὅoὅpenά
ἶeὄe ἳllἳ ἴiὅognἳ l’ἳἴἴἳnἶono ἳll’ἳἴituἶine), né ἵon il fἳtto ἵhe ἵiò ἵhe ἳἵἵἳἶe
ὅoὄpὄenἶe lo ὅteὅὅo ἳgenteέ
Soὅtenenἶo il ἵἳὄἳtteὄe intenzionἳle ἶel fἳὄe impὄovviὅἳtivo, ἶunque, non
ὅi ὅi ὅtἳ ὅuggeὄenἶo ἶi ὄimontἳὄe ἳlle intenzioni mentἳli ἶei peὄfoὄmeὄ ἶietὄo
le loὄo ἳzioni, mἳ – ἵome hἳ ὄeἵentemente ἴen ἳὄgomentἳto, ἑlément ἑἳά
nonneβγ – ἶi intenἶeὄe l’impὄovviὅἳzione ἵome un ἳgiὄe motivἳto, ἶotἳto ἶi
ὅenὅo, il ἵui ἵἳὄἳtteὄe intenzionἳle tὄἳὅpἳὄe ἶἳ quἳnto (e ἶἳ ἵome) viene fἳttoέ
Anἵhe ὅe ἵiò ἵhe ἳἵἵἳἶe (il ὅuono) ὅoὄpὄenἶe (e in quἳlἵhe moἶo ὅoὅpenἶe)
il ὅenὅo ἶi ἵiò ἵhe viene fἳttoέ

3. Improvvisazione ed esecuzione
δ’impὄovviὅἳzione ὅemἴὄἳ ἵoὅì non ὅoltἳnto non eὅὅeὄe il ἵontὄἳὄio
ἶell’ἳgiὄe intenzionἳle, o un ἳgiὄe quἳὅiάintenzionἳle (unἳ quasi-ἳzione, ἵome
ὅoὅtiene, eὄὄoneἳmente, Rouὅὅelotβζ), mἳ, ὅi potὄeἴἴe ἳzzἳὄἶἳὄe, ὅuo pἳὄἳά
ἶigmἳ βη έ δ’intenzione ὅi ἵoὅtὄuiὅἵe nell’ἳzione, ἵome pἳὄἳἶigmἳtiἵἳmente

ββ
ἑfὄέ Jeἳnάόὄἳnçoiὅ DE RAYεἡἠD, L’improvisation. Contribution a la philosophie de
l’action, Pἳὄiὅ, Vὄin 1λκίν ἑhὄiὅtopheὄ DEδδ, Die Improvisierende Organisation. Manage-
ment nach dem Ende der Planbarkeit, ἐielefelἶ, Tὄἳnὅἵὄipt βί1βν Aleὅὅἳnἶὄo ἐERTIά
ἠETTἡ, Formatività ricorsiva e costruzione della normatività nell’improvvisazione, in Aέ
Sἴoὄἶoni (ἳ ἵuὄἳ ἶi), Improvvisazione oggi, δuἵἵἳ, δIε βί1ζ, ppέ 1ηάβκέ
βγ
ἑlément ἑAἠἡἠἠE, L’appréciation esthétique de l’improvisation, in «Aiὅtheὅiὅ», Volέ
VI, ὅpeἵiἳl iὅὅueμ Ontologie Musicali, ἳ ἵuὄἳ ἶi Aέ Aὄἴo & Aέ ἐeὄtinetto, βί1γ, ppέ γγ1άγηἄέ
βζ
εἳthiἳὅ RἡUSSEδἡT, Étude sur l’improvisation musicale. Le témoin de l'instant, Pἳὄiὅ,
δ’ώἳὄmἳttἳn βί1βέ
βη
δ’inteὄἳzione impὄovviὅἳtivἳ (nellἳ fἳttiὅpeἵie in ἳmἴito teἳtὄἳle) è pὄeὅἳ ἳ pἳὄἳἶigmἳ
ἶell’inteὄἳzione tὄἳ eὅὅeὄi umἳni ἳnἵhe ἶἳ Dἳviἶ VEδδEεAἠ nel ὅἳggio How We Get
Along, ἑἳmἴὄiἶgeάἠew Yoὄk, ἑἳmἴὄiἶge Univeὄὅity Pὄeὅὅ βίίλέ

46
De Musica, 2017 – XXI

ἳἵἵἳἶe nell’impὄovviὅἳzioneέ Soὄge peὄò ἳlloὄἳ, inevitἳἴilmente, unἳ queά


ὅtione, ἵhe in ὄelἳzione ἳll’ἳmἴito ὅpeἵifiἵo ἶell’eὅeἵuzione muὅiἵἳle può eὅά
ὅeὄe poὅtἳ nei teὄmini ὅeguentiέ Peὄ un veὄὅo, quἳlunque eὅeἵuzione muὅiἵἳle
ἵompoὄtἳ un’eἵἵeἶenzἳ ἶel ὅuono ὄiὅpetto ἳl ὅignifiἵἳto pὄeviὅto e pὄeveἶiά
ἴileμ unἳ ἶiὅἵὄἳὅiἳ fὄἳ ὅignifiἵἳnte e ὅignifiἵἳto ἵhe ἶipenἶe ἶἳl fἳtto ἵhe
quellἳ ἵhe, ἳlluἶenἶo ἳ unἳ notἳ eὅpὄeὅὅione ἶi ἐἳὄtheὅ, poὅὅiἳmo ἶenomiά
nἳὄe lἳ ἵonἵὄetἳ “gὄἳnἳ ἶel ὅuono” non è ἳntiἵipἳἴile, mἳ ἳἵἵἳἶe nell’hic et
nunc ἶellἳ peὄfoὄmἳnἵeβἄέ Inὅommἳ, quἳlunque eὅeἵuzione è impὄeviὅtἳ e imά
pὄeveἶiἴile, peὄἵhé i ὅuoni ἵonἵὄeti non ὅono mentἳlmente ἳntiἵipἳἴiliέ Peὄ
ἳltὄo veὄὅo, ὅemἴὄἳ ἵoὅì ὅvἳniὄe lἳ ὅpeἵifiἵità ἶell’impὄovviὅἳzione muὅiἵἳleέ
Infἳtti, in quἳnto ἵoinἵiἶenzἳ tὄἳ invenzione eἶ eὅeἵuzione, l’impὄovviὅἳά
zione ἶovὄeἴἴe ἶiffeὄiὄe ἶἳll’eὅeἵuzione ἶi muὅiἵἳ ἵompoὅtἳ peὄ il fἳtto ἶi
non ὄipὄoἶuὄὄe quἳlἵoὅἳ ἶi già ἵoὅtὄuito e ἳnnotἳto (ὅullἳ ἵἳὄtἳ, nellἳ memoὄiἳ
ἵollettivἳ, o ὅu quἳlἵhe ἳltὄo ὅuppoὄto), inventἳnἶo ὅul momento eventi muά
ὅiἵἳli impὄeviὅti e ὅoὄpὄenἶenti peὄ lo ὅteὅὅo peὄfoὄmeὄέ εἳ ὅe quἳlunque eὅeά
ἵuzione è ἵἳὄἳtteὄizzἳtἳ ἶἳ queὅtἳ impὄeveἶiἴilità, ὅoὄge ἳlloὄἳ lἳ ἶomἳnἶἳμ
hἳ ὅenὅo ἶiὄe ἵhe quἳlunque eὅeἵuzione muὅiἵἳle è ex improviso, peὄἵhé il
ὅuono è ἵome tἳle un ἳἵἵἳἶimento corporeo ὅoὄpὄenἶente ἵhe ἳvviene in un
momento iὄὄipetiἴile e in unἳ ὅituἳzione ὅpeἵifiἵἳς In ἵἳὅo ἶi ὄiὅpoὅtἳ ἳffeὄά
mἳtivἳ lἳ ἶiffeὄenzἳ tὄἳ impὄovviὅἳzione eἶ eὅeἵuzione ὅemἴὄeὄeἴἴe ἵἳἶeὄeέ
Un ὅimile eὅito ὅi ὅἵontὄeὄeἴἴe, tuttἳviἳ, ἵon quἳnto ὅemἴὄἳno ἶἳὄe peὄ ὅἵonά
tἳto le intuizioni ἵhe ἳἴἴiἳmo ἵiὄἵἳ le noὅtὄe pὄἳtiἵheμ l’inteὄpὄetἳzione ἶi unἳ
ὅinfoniἳ ἶi ἐeethoven non è un’impὄovviὅἳzioneν un’impὄovviὅἳzione ἶi
Evἳn Pἳὄkeὄ non è l’inteὄpὄetἳzione ἶi un’opeὄἳ muὅiἵἳleέ In quἳli teὄmini
può eὅὅeὄe ὄiὅoltἳ queὅtἳ ἶiffiἵoltàς
ἑome ho pὄopoὅto in Eseguire l’inattesoβἅ, peὄ ἶiὅtingueὄe tὄἳ impὄovviὅἳά
zione eἶ eὅeἵuzione ὅi può ἳnzitutto pὄovἳὄe ἳ ἵonὅiἶeὄἳὄe il ὄuolo ὅvolto ἶἳlle
ἶeἵiὅioni ἶel peὄfoὄmeὄ ἶuὄἳnte l’eὅeἵuzioneέ Si potὄeἴἴe ὅoὅteneὄe ἵhe
quἳnto più le ἶeἵiὅioni ὄelἳtive ἳllἳ peὄfoὄmἳnἵe vengono pὄeὅe ἶuὄἳnte lἳ
peὄfoὄmἳnἵe (ἵonὅἳpevolmente e intenzionἳlmente oppuὄe peὄ ἳἴituἶine o
ἳἶἶiὄittuὄἳ “ἳutomἳtiἵἳmente”), tἳnto più lἳ peὄfoὄmἳnἵe è impὄovviὅἳtἳ

βἄ
Un ἶiὅἵoὄὅo ἳ pἳὄte ἵonἵeὄne lἳ muὅiἵἳ ὄegiὅtὄἳtἳέ Sul temἳ ὅi veἶἳ oὄἳ ARἐἡ Aleὅὅἳnἶὄo,
δEPώAY Pieὄὄe Emmἳnuel (ἳ ἵuὄἳ ἶi), Quand l’enregistrement change la musique, Pἳὄiὅ,
ώeὄmἳn βί1ἅέ
βἅ
Aleὅὅἳnἶὄo ἐERTIἠETTἡ, Eseguire l’inatteso, ἵitέ, ppέ λβ ὅὅέ

47
De Musica, 2017 – XXI

(ὅenzἳ ἵomunque tὄἳὅἵuὄἳὄe ἵhe l’impὄovviὅἳzione ὅi ὅvolge ὅempὄe ὅullἳ


ἴἳὅe ἶi ἵonvenzioni, moἶelli, ὄefeὄenti, eἶ elementi pὄeάἵompoὅizionἳli
readymadeμ riff, foὄmule, fὄἳὅi, eἵἵέ)έ In queὅto ὅenὅo, ὅe unἳ peὄfoὄmἳnἵe è
o meno un’impὄovviὅἳzione ὅἳὄeἴἴe unἳ queὅtione ἶi gὄἳἶo (ἵome ὅoὅtenά
gono Anἶὄew Kἳniἳ e δee ἐέ ἐὄownβκ)έ D’ἳltὄonἶe, lἳ ἵὄeἳtività eὅpὄeὅὅivἳ
ἶi un’eὅeἵuzione ἶi muὅiἵἳ ἵompoὅtἳ è ἶi tipo impὄovviὅἳtivo, ἶἳto ἵhe può
eὅὅeὄe “miὅuὄἳtἳ” in ἴἳὅe ἳl moἶo in ἵui le ὅue quἳlità eὅpὄeὅὅive ἶeviἳno
(ἵonὅἳpevolmente o meno) ἶἳ quἳlἵhe tipo ἶi noὄmἳβλέ
δἳ ἵonὅtἳtἳzione ἶel ἵἳὄἳtteὄe gὄἳἶuἳle ἶell’impὄovviὅἳzione e lἳ ἵonὅeά
guente iἶeἳ ἵhe ogni eὅeἵuzione ὅiἳ più o meno impὄovviὅἳzionἳle mette peὄò
ovviἳmente in ἵὄiὅi lἳ ὅpeἵifiἵità ἶell’impὄovviὅἳzioneμ infἳtti, ὅe l’impὄovviά
ὅἳzione è unἳ queὅtione ἶi gὄἳἶo, lἳ ἶiὅtinzione tὄἳ impὄovviὅἳzione e inteὄά
pὄetἳzione ὄiὅἵhiἳ ἶi ἶiveniὄe ὅempliἵemente l’eὅito ἶi unἳ ὅtipulἳzioneέ È
pὄeἵiὅἳmente queὅto l’eὅito ἶelle ὄifleὅὅioni ἶi Jἳmeὅ ἡέ Young e ἑἳὄl εἳά
theὅon, i quἳli peὄ ἶiὄimeὄe lἳ queὅtione ἶellἳ ἶiffeὄenzἳ tὄἳ impὄovviὅἳzione
e inteὄpὄetἳzione hἳnno pὄopoὅto ἶi ἶiὅtingueὄe tὄἳ le proprietà espressive o
interpretative ἶi unἳ peὄfoὄmἳnἵe muὅiἵἳle e le ὅue proprietà strutturaliέ δe
pὄopὄietà eὅpὄeὅὅive e inteὄpὄetἳtive inἵluἶeὄeἴἴeὄo il tempo, il ὄuἴἳto, il viά
ἴὄἳto e lἳ ἶinἳmiἵἳέ Inveἵe le pὄopὄietà ὅtὄuttuὄἳli ὅἳὄeἴἴeὄo lἳ meloἶiἳ, l’ἳὄά
moniἳ e il ὄitmoέ I ἶue ἳutoὄi ὅoὅtengono ἵhe, nel ἵἳὅo ἶi un’impὄovviὅἳzione
«le pὄopὄietà ὅtὄuttuὄἳli ἶellἳ peὄfoὄmἳnἵe non ὅono ἵompletἳmente ἶeteὄmiά
nἳte ἶἳlle ἶeἵiὅioni pὄeὅe pὄimἳ ἶellἳ peὄfoὄmἳnἵe»γίέ ἠonoὅtἳnte ὄiἵonoά
ὅἵἳno ἵhe lἳ lineἳ ἶi ἶemἳὄἵἳzione tὄἳ le pὄopὄietà eὅpὄeὅὅive e inteὄpὄetἳtive
e le pὄopὄietà ὅtὄuttuὄἳli è «neἴuloὅἳ», ὅoὅtengono ἵhe «ἶev’eὅὅeὄe tὄἳttegά
giἳtἳ», ἳllo ὅἵopo ἶi evitἳὄe lἳ ἵonὅeguenzἳ ἶi ἶoveὄe ἵonὅiἶeὄἳὄe ogni peὄά
foὄmἳnἵe (ἳnἵoὄἵhé in gὄἳἶi vἳὄiἳἴili) ἵome un’impὄovviὅἳzione, ἵome
hἳnno ὅoὅtenuto ἑἳὄol ύoulἶ e Kenneth Keἳtonγ1έ Peὄò unἳ ὅimile ὄiὅpoὅtἳ

βκ
Anἶὄew KAἠIA, All Play and No Work: the Ontology of Jazz, in «Jouὄnἳl of Aeὅthetiἵὅ
ἳnἶ Aὄt ἑὄitiἵiὅm», Volέ ἄλ, ppέ γλ1άζίγ, qui pέ γλἄν δee ἐέ ἐRἡWἠ, Improvisation, in Tέ
ύὄἳἵyk, & Aέ Kἳniἳ, (eἶὅέ), The Routledge Companion to Philosophy and Music, ἠew Yoὄk,
Routleἶge βί11, ppέ ηλάἄλ, qui ppέ ἄἄάἄἅέ
βλ
È lἳ teὅi ἶi Eὄik ἑδARKE, Creativity in Performance, in «εuὅiἵἳ Sἵientiἳe», Volέ λ, βίίη,
ppέ 1ηἅά1κβέ
γί
Jἳmeὅ ἡέ YἡUἠύ, ἑἳὄl εATώESἡἠ, The Metaphysics of Jazz, in «Jouὄnἳl of Aeὅthetiἵὅ
ἳnἶ Aὄt ἑὄitiἵiὅm», Volέ ηκ, βίίί, ppέ 1βηά1γγ, qui pέ 1βἅέ
γ1
ἑἳὄol Sέ ύἡUδD, Kenneth KEATἡἠ, The Essential Role of Improvisation in Musical
Performance, in «Jouὄnἳl of Aeὅthetiἵὅ ἳnἶ Aὄt ἑὄitiἵiὅm», Volέ ηκ, ppέ 1ζγά1ζκέ

48
De Musica, 2017 – XXI

ὅemἴὄἳ ὄiἶuὄὅi ἳ un ὅempliἵe begging the questionμ lἳ queὅtione è pὄeἵiὅἳά


mente ἵἳpiὄe ὅe impὄovviὅἳzione e inteὄpὄetἳzione ὅiἳno ἶἳvveὄo ἶiὅtinguiά
ἴiliέ Quinἶi, ἳnἵhe ὅe vogliἳmo ἵhe ὅiἳno ἶiὅtinguiἴili (peὄ ὄiὅpettἳὄe le intuiά
zioni ὄiὅpetto ἳlle noὅtὄe pὄἳtiἵhe, ἵhe ὅemἴὄἳno pὄeὅuppoὄὄe tἳle ἶiὅtinzione),
non ὅi può ὅempliἵemente pὄeὅuppoὄὄe ἵhe lo ὅiἳnoέ Allἳ luἵe ἶelle ἵonὅiἶeά
ὄἳzioni ἶi εἳὄἵello δἳ εἳtinἳ ὄiἵoὄἶἳte ἳll’inizio, ὅi può quinἶi pὄovἳὄe ἳ
ὄivἳlutἳὄe lἳ teὅi ἶi ύoulἶ e Keἳton, ὅenzἳ, tuttἳviἳ, ἵἳἶeὄe nell’eὄὄoὄe ἶi pὄiά
vἳὄe l’impὄovviὅἳzione ἶellἳ ὅuἳ ὅpeἵifiἵitàέ Vogliἳmo quinἶi teneὄe inὅieme
lἳ teὅi ἶel ἵἳὄἳtteὄe ὅoὄpὄenἶente e impὄeviὅto ἶi quἳlunque evento muὅiἵἳle
e lἳ teὅi ἶello ὅpeἵifiἵo ἵἳὄἳtteὄe ἶell’impὄovviὅἳzioneέ ἠelle pὄoὅὅime pἳά
gine, ἶopo ἳveὄ meglio ἳὄtiἵolἳto le ἵὄitiἵhe ἳllἳ pὄopoὅtἳ ἶi Young e εἳά
theὅon, pὄoveὄò ἳ ὅpiegἳὄe ἵome queὅte ἶue teὅi ὅiἳno tὄἳ ἶi loὄo ἵompἳtiἴiliέ
Quἳnto δἳ εἳtinἳ ὅἵὄive ὅullἳ “ὅoὄpὄeὅἳ ἶel ὅuono” ὅi ὅpoὅἳ peὄfettἳmente
ἵon il fἳtto, ἴen meὅὅo in luἵe già ἶἳl ἵlἳὅὅiἵo lἳvoὄo ἶi Romἳn Ingἳὄἶen
ὅull’ontologiἳ ἶell’opeὄἳ muὅiἵἳle, ἵhe tutte le opeὄe muὅiἵἳli hἳnno ἵoὅtituά
tivἳmente «punti ἶi inἶeteὄminἳtezzἳ» ἵhe vengono ἶeteὄminἳti nelle loὄo
eὅeἵuzioniγβέ δἳ ὄeἳltà ἵonἵὄetἳ ἶellἳ peὄfoὄmἳnἵe ἶeteὄminἳ le inἶiἵἳzioni
foὄnite ἶἳllἳ pἳὄtituὄἳέ Il ἵhe ἵonἵeὄne in moἶo pἳὄtiἵolἳὄe lἳ ἵonἵὄetezzἳ ἶel
ὅuono, ἵhe non può eὅὅeὄe ἳntiἵipἳtἳ e geneὄἳ ὅoὄpὄeὅἳ, ἳnἵhe peὄ l’eὅeἵutoὄeέ
ἑiò potὄeἴἴe fἳὄ penὅἳὄe, ἳlloὄἳ, ἵhe l’impὄovviὅἳzione ὅiἳ effettivἳmente unἳ
meὄἳ queὅtione ἶi gὄἳἶo e ἵhe ὅiἳ, ἶi fἳtto, unἳ ἵonἶizione fἳttuἳle ἶi ogni
peὄfoὄmἳnἵe muὅiἵἳleέ Alἵuni ὄeἵenti ὅtuἶi ἶi tipo empiὄiἵo pἳὄὄeἴἴeὄo, peά
ὄἳltὄo, ἵonfeὄmἳὄe queὅtἳ teὅiμ ἶi fὄonte ἳllἳ ὅteὅὅἳ pἳὄtituὄἳ, il violiniὅtἳ non
ὅuonἳ ἳllo ὅteὅὅo moἶo quἳnἶo lἳ eὅegue ἶἳ ὅolo e quἳnἶo lἳ eὅegue inὅieme
ἳgli ἳltὄi memἴὄi ἶi un quἳὄtettoγγέ δ’inteὄpὄete “ἳggiuὅtἳ” il ὅuo moἶo ἶi ὅuoά
nἳὄe in ὄἳppoὄto ἳllἳ ὅpeἵifiἵἳ ὅituἳzione peὄfoὄmἳtivἳέ
Se l’inἶiὅtinzione tὄἳ impὄovviὅἳzione e inteὄpὄetἳzione può ὄiὅultἳὄe ὅἵoά
moἶἳ, peὄ ἵhi vogliἳ ἵontinuἳὄe ἳ ὅoὅteneὄe lἳ ἶiffeὄenzἳ tὄἳ le ἶue pὄἳtiἵhe,
non è gὄἳzie ἳllἳ ὄigiἶezzἳ ὅtipulἳtivἳ ἶellἳ ἶiὅtinzione pὄopoὅtἳ ἶἳ Young e
εἳtheὅon ἵhe poὅὅiἳmo ὄiὅolveὄe il ἶilemmἳέ ἑome hἳ giuὅtἳmente oὅὅeὄvἳto

γβ
Romἳn IἠύARDEἠ, L’opera musicale e il problema della sua identità (1ληκ), Pἳleὄmo,
όlἳἵἵovio 1λκλ, pέ βγλέ ἑfὄέ ἐὄuἵe Elliὅ ἐEἠSἡἠ, The Improvisation of Musical Dialogue,
ἵitέ, ppέ ἅἅ ὅὅέν ἵfὄέ ύiἳnni ZEἠ, ἑhe cos'è l’improvvisazione musicale?, ἵitέ, pέ κηέ
γγ
Si veἶἳ nuovἳmente Aleὅὅἳnἶὄo ἐERTIἠETTἡ, Eseguire l’inatteso, ἵitέ, pέ λγ peὄ i ὄifeά
ὄimenti ἴiἴliogὄἳfiἵiέ

49
De Musica, 2017 – XXI

Anἶὄew Kἳniἳγζ, Young e εἳtheὅon lἳὅἵiἳno inὅpiegἳto il motivo peὄ ἵui le


pὄopὄietà eὅpὄeὅὅive ἶi unἳ peὄfoὄmἳnἵe muὅiἵἳle impὄovviὅἳtἳ non poὅὅἳno
eὅὅeὄe ὄilevἳnti in un’impὄovviὅἳzioneέ Si ἶà, infἳtti, il ἵἳὅo ἵhe in ἳlἵune
pὄἳtiἵhe muὅiἵἳli lἳ ὅempliἵe vἳὄiἳzione ἶelle pὄopὄietà eὅpὄeὅὅive può eὅὅeὄe
un ὄiὅultἳto ἳὄtiὅtiἵἳmente impoὄtἳnte ἶell’impὄovviὅἳzioneέ Di ἵonὅeguenzἳ,
ὅe l’invenzione ἶelle pὄopὄietà eὅpὄeὅὅive “ὅul momento” è unἳ ἶelle poὅὅiἴiά
lità ἶell’impὄovviὅἳzione, ἳlloὄἳ ἵhiἳmἳὄe in ἵἳuὅἳ lἳ ἶiὅtinzione tὄἳ pὄopὄietà
eὅpὄeὅὅive e ὅtὄuttuὄἳli peὄ ἶiὅtingueὄe tὄἳ impὄovviὅἳzione e inteὄpὄetἳzione
è inutileέ Inoltὄe, lἳ ἶiὅtinzione tὄἳ pὄopὄietà eὅpὄeὅὅive e pὄopὄietà ὅtὄuttuὄἳli
non può eὅὅeὄe inteὅἳ tὄoppo ὄigiἶἳmenteέ Infἳtti, ἵome ὅἳὄeἴἴe poὅὅiἴile
iἶentifiἵἳὄe quἳli ὅono le pὄopὄietà ὅtὄuttuὄἳli ἶell’impὄovviὅἳzione, ἳ pὄeὅἵinά
ἶeὄe ἶἳl tipo ἶi pὄἳtiἵἳ muὅiἵἳle ἶi ἵui ἵi ὅtiἳmo oἵἵupἳnἶoς ἑome hἳ giuὅtἳά
mente ἳὄgomentἳto δee ἐέ ἐὄown, lἳ ἶeteὄminἳzione ὅteὅὅἳ ἶi ἵhe ἵoὅ’è ὅtὄutά
tuὄἳle e ἶi ἵhe ἵoὅἳ è (ὅoltἳntoς) eὅpὄeὅὅivo può vἳὄiἳὄe ἳ ὅeἵonἶἳ ἶellἳ pὄἳtiἵἳ
muὅiἵἳle pὄeὅἳ in ἵonὅiἶeὄἳzioneγηέ ἠe ἵonὅegue ἵhe lἳ ὅἵivoloὅἳ ἶiὅtinzione
tὄἳ le ἵἳὄἳtteὄiὅtiἵhe muὅiἵἳli ὅtὄuttuὄἳli eἶ eὅpὄeὅὅive, non può eὅὅeὄe ἳἶἶottἳ
ἵome ἵonἶizione neἵeὅὅἳὄiἳ o ὅuffiἵiente peὄ ἶiὅtingueὄe tὄἳ impὄovviὅἳzione
e inteὄpὄetἳzioneέ
Reὅtἳ, peὄò, il pὄoἴlemἳ ἶi offὄiὄe unἳ ὅpiegἳzione plἳuὅiἴile ἶel noὅtὄo
ἶiὅtingueὄe tὄἳ impὄovviὅἳzione e inteὄpὄetἳzioneέ Si potὄeἴἴe tentἳὄe ἶi ἳgά
giὄἳὄe queὅto ὅἵoglio, ἳὄgomentἳnἶo ἵhe, peὄ quἳnto l’inteὄpὄetἳzione poὅὅἳ
eὅὅeὄe ὅiἳ impὄovviὅἳtἳ ὅiἳ piἳnifiἵἳtἳ o ὅtuἶiἳtἳ, eὅὅἳ ὄipὄeὅentἳ e ὄἳppὄeὅentἳ
oὄἳ unἳ ἵompoὅizione (nel ὅenὅo letteὄἳle ἶi un ἳlleὅtimento oὄgἳnizzἳto ἶi
elementi) già ἶiὅponiἴile pὄimἳ ἶi queὅto evento peὄfoὄmἳtivo e ἵhe (potenά
ziἳlmente) ὅἳὄà ἳnἵoὄἳ ἶiὅponiἴile ἶopo l’evento peὄfoὄmἳtivoέ δ’impὄovviά
ὅἳzione, inveἵe, opeὄἳ ὅempὄe nellἳ ἶimenὅione ἶellἳ presenzaέ ἑiò ἵhe ὅi
eὅegue non ἵ’eὄἳ pὄimἳ, e, ἵome pὄoἵeὅὅo inventivo eἶ eὅeἵutivo ἳ un tempo,
non ἵi ὅἳὄà ἶopo, ἳnἵhe ὅe l’ἳgiὄe impὄovviὅἳtivo può poὄtἳὄe ἳll’invenzione
“ἳll’impὄontἳ” ἶi un ὄiὅultἳto nuovo ἵhe può ὅopὄἳvviveὄe ἳl pὄoἵeὅὅo effiά
meὄo ἵhe l’hἳ pὄoἶotto (mἳgἳὄi gὄἳzie ἳllἳ tὄἳὅἵὄizione e ἳllἳ ὄegiὅtὄἳzione)μ
tἳle ὄiὅultἳto può eὅὅeὄe un’“opeὄἳ” oppuὄe un moἶo nuovo (oὄiginἳle, inἳά
ὅpettἳto, ὅoὄpὄenἶente) ἶi leggeὄe e ὄenἶeὄe un’opeὄἳ pὄeeὅiὅtenteέ

γζ
Anἶὄew KAἠIA, All Play and No Work: the Ontology of Jazz, ἵitέ, pέ γληέ
γη
δee ἐέ ἐRἡWἠ, Improvisation, ἵitέ, pέ ἄἄέ

50
De Musica, 2017 – XXI

Inὅommἳ, ἳnἵhe ὅe l’impὄovviὅἳzione può eὅὅeὄe fino ἳ un ἵeὄto punto pὄeά


pἳὄἳtἳ, eὅὅἳ è costitutivamente performativa, nel ὅenὅo ἵhe vive e muoὄe ἶuά
ὄἳnte unἳ ὅingolἳ eὅeἵuzione e non è ὄipetiἴileέ Allo ὅteὅὅo moἶo in ἵui non
poὅὅo pὄeveἶeὄe né ὄipeteὄe unἳ pἳὄtiἵolἳὄe eὅeἵuzione, vinἵolἳtἳ ἵom’è ἳllἳ
pὄopὄiἳ ὅituἳzione evenemenziἳle, ovveὄo peὄ ἶiὄlἳ nei teὄmini ἶi δἳ εἳtinἳ
ἳllἳ «ἵἳὄne ἶel ὅuono» ἵhe ἳvveὄὄà, poὅὅo ὄipeteὄe il ὄiὅultἳto ἶi un’impὄovviά
ὅἳzione, mἳ non l’impὄovviὅἳzione ἵome evento peὄfoὄmἳtivoέ Sἳppiἳmo, peὄ
eὅempio, ἵhe ἑolemἳn ώἳwkinὅ fu ὅpinto ἳ impἳὄἳὄe ἳ memoὄiἳ e ἳ ὄipeteὄe
uguἳle in ogni eὅeἵuzione il ὅuo ἵeleἴὄe ἳὅὅolo ὅu Body and Soul ἳl ὅἳx tenoὄeμ
le ὄipetizioni ἶell’impὄovviὅἳzione oὄiginἳle non ὅono più impὄovviὅἳzioni,
ἴenὅì eὅeἵuzioni ὄipetute ἶel ὄiὅultἳto ἶi unἳ pὄeἵeἶente peὄfoὄmἳnἵe ἶi imά
pὄovviὅἳzione ἳὅὅuntἳ ἵome moἶello ὅtὄuttuὄἳleέ Inveἵe, l’inteὄpὄetἳzione (in
quἳnto lettuὄἳ off line ἶi un’opeὄἳ) può eὅὅeὄe ὅtuἶiἳtἳ e ὄipetutἳ, ἳnἵhe ὅe lἳ
ἵonἵὄetἳ ὄeἳlizzἳzione ἶi ogni ὅingolἳ eὅeἵuzione ἶi un’inteὄpὄetἳzione è imά
pὄeveἶiἴile e potenziἳlmente ὅoὄpὄenἶenteέ
A ἶiffeὄenzἳ ἶell’inteὄpὄetἳzione, ἵhe può ἳveὄe, ἵome le opeὄe, ἶiveὄὅe
oἵἵoὄὄenze, l’impὄovviὅἳzione è, infἳtti, legἳtἳ ontologiἵἳmente ἳ unἳ ὅingolἳ
iὄὄipetiἴile e impὄeveἶiἴile ὅituἳzione peὄfoὄmἳtivἳέ ἐene ὅἵὄive Eeὄo Tἳὄἳά
ὅtiγἄμ «δ’impὄovviὅἳzione è ὅegno ἶi unἳ ἵeὄtἳ ἵonἶizione eὅiὅtenziἳleέ […]
ἠell’impὄovviὅἳzione lἳ ὅituἳzione eὅiὅtenziἳle, tempoὄἳle e ὅpἳziἳle ἶi ἵhi
impὄovviὅἳ viene ὅempὄe in pὄimo piἳnoέ δ’impὄovviὅἳzione è un moἶo pἳὄά
tiἵolἳὄe in ἵui i ὅegni eὅiὅtonoέ In teὄmini linguiὅtiἵi, l’impὄovviὅἳzione ἵome
enunἵiἳto è ὅempὄe ἶeittiἵἳ, ἵioè un ἳtto ἵhe inἶiἵἳ il momento e il luogo
ἶell’enunἵiἳzioneέ δ’impὄovviὅἳzione è unἳ traccia ἶi unἳ ὅituἳzione ἶi peὄά
foὄmἳnἵe nellἳ peὄfoὄmἳnἵe ὅteὅὅἳ»έ
Peὄ ἶiὅἵeὄneὄe nettἳmente tὄἳ impὄovviὅἳzione e inteὄpὄetἳzione può ἳlloὄἳ
ἴἳὅtἳὄe queὅtἳ ἵonὅiἶeὄἳzione ἶi tipo ὅemiotiἵoς δἳ ὄiὅpoὅtἳ è ἳnἵoὄἳ negἳά
tivἳέ Infἳtti, ἵome hἳ ἴen ἳὄgomentἳto Emἳnuele όeὄὄἳὄi, ἳnἵhe ogni ἵonἵὄetἳ
eὅeἵuzione (inἵluὅe le eὅeἵuzioni ἶi inteὄpὄetἳzioni ὄipetiἴili) è, in quἳnto «inά
teὄpὄetἳzione peὄfoὄmἳtivἳ», un evento uniἵo e iὄὄipetiἴileμ un evento, in ἵui
vengono ἶeteὄminἳti ἶettἳgli ἶell’opeὄἳ non pὄeἵiὅἳἴili ὅe non ἳttὄἳveὄὅo lἳ
ὅingolἳ eὅeἵuzione, lἳ quἳle è inevitἳἴilmente ὅoggettἳ ἳllἳ ἵontingenzἳ ἶellἳ

γἄ
Eeὄo TARASTI, I segni della musica. Che cosa ci dicono i suoni, εilἳno, Riἵoὄἶiάδim
βί1ί, pέ ββηέ

51
De Musica, 2017 – XXI

pἳὄtiἵolἳὄe ἵiὄἵoὅtἳnzἳ in ἵui ἳvvieneγἅέ Pὄopὄio ἵome ὅoὅtiene δἳ εἳtinἳ, in


ogni eὅeἵuzione il ὅuono ἳἵἵἳἶe ἵome un evento impὄeviὅto, impὄeveἶiἴile e
ὅoὄpὄenἶente peὄ lo ὅteὅὅo muὅiἵiὅtἳμ il ὅuono è ex improvisoέ
Inoltὄe, volenἶo ἵonὅiἶeὄἳὄe lἳ queὅtione ἶἳllἳ pὄoὅpettivἳ inveὄὅἳ, l’imά
pὄovviὅἳtoὄe “eὅegue” ἳnἵh’egli – in ὅenὅo inteὄpὄetἳtivo – elementi già pὄeά
pἳὄἳti ἵome ἵonἶizione ἶi poὅὅiἴilità ἶellἳ ὅuἳ ὅteὅὅἳ pὄἳtiἵἳ impὄovviὅἳtivἳμ
in tἳl ὅenὅo, un’impὄovviὅἳzione può eὅὅeὄe inteὄpὄetἳzione ἶi unἳ ἵἳnzone,
ἶi uno ὅtile, ἶi unἳ tὄἳἶizione muὅiἵἳleγκέ I ἵonfini tὄἳ impὄovviὅἳzione e inά
teὄpὄetἳzione ὅemἴὄἳno ἵoὅì ἵonfonἶeὄὅi nuovἳmente, ἳnἵhe in queὅtἳ ἶiὄeά
zioneμ non ὅoltἳnto ogni inteὄpὄetἳzione ἳἵἵἳἶe in eὅeἵuzioni impὄeviὅte e
ὅoὄpὄenἶenti (ex improviso!), mἳ lἳ ὅteὅὅἳ impὄovviὅἳzione ὅemἴὄἳ ἳἵἵἳἶeὄe
ἵome inteὄpὄetἳzione ἶi elementi pὄeeὅiὅtentiέ Inὅommἳμ ogni eὅeἵuzione è
impὄovviὅἳzione, ogni impὄovviὅἳzione è inteὄpὄetἳzioneέ
Se ἵi feὄmἳὅὅimo ἳ queὅtἳ ἵonὅtἳtἳzione, tuttἳviἳ, non ὄenἶeὄemmo giuὅtiά
ziἳ ἳlle ὄeἳli ὅpeἵifiἵità ἶelle ἶue pὄἳtiἵheέ ώἳ fἳtto molto ἴene ύiἳnni Zen ἳ
oὅὅeὄvἳὄe ἵhe, ὅe è veὄo ἵhe, ἵome l’eὅeἵuzione inteὄpὄetἳtivἳ ἶi un’opeὄἳ,
ἳnἵhe l’impὄovviὅἳzione è pὄepἳὄἳtἳ, ἵi ὅono ἶiffeὄenze tὄἳ come ἵi ὅi pὄepἳὄἳ
nei ἶue ἵἳὅiγλέ In pἳὄtiἵolἳὄe, lἳ ἶiffeὄenzἳ tὄἳ le ἶue pὄἳtiἵhe, quellἳ ἶell’eὅeά
ἵuzione (inteὄpὄetἳtivἳ) ἶi un ἴὄἳno e quellἳ ἶell’impὄovviὅἳzione, vἳ ὄiἵeὄά
ἵἳtἳ nel ἶiveὄὅo ὄuolo ἵhe il rapporto con la contingenza ἶellἳ ὅituἳzione
gioἵἳ nei ἶue ἵἳὅiέ ἠel ἵἳὅo ἶell’inteὄpὄeteάeὅeἵutoὄe lἳ ἵontingenzἳ ἶel moά
mento pὄeὅente è unἳ ἵonἶizione ontologiἵἳmente ineliminἳἴile ἶel ὅuo fἳὄe,
ἵhe ἵonὅiὅte nel ἶἳὄe mἳnifeὅtἳzione ἳἵuὅtiἵἳ ἳ un ἵoὅtὄutto già foὄmἳto, ἵhe
già ἵ’è, e ἵhe ὅi ἶeve ἳppunto inteὄpὄetἳὄe, ἶopo ἳveὄ pὄepἳὄἳto lἳ peὄfoὄmἳnἵe
in ἴἳὅe ἳ ἵiò ἵhe eὅὅἳ dev’eὅὅeὄeζίέ ἠel ἵἳὅo ἶell’impὄovviὅἳzione, inveἵe, ὅi
pὄepἳὄἳ lἳ peὄfoὄmἳnἵe in ὄἳppoὄto ἳ ἵiò ἵhe può eὅὅeὄe e, nell’eὅeἵuzione, ὅi
tὄἳttἳ pὄeἵiὅἳmente ἶi «ἶἳὄe foὄmἳ nell’iὅtἳnte», ἵome ἴen ὅἵὄive Emἳnuele

γἅ
Unἳ ὅimile lineἳ ἳὄgomentἳtivἳ è quellἳ ὅvoltἳ ἶἳ εἳὄἵello RUTA nellἳ ὄelἳzione pὄeὅenά
tἳtἳ ἳl ἶeἵimo ἵonvegno ἳnnuἳle ἶellἳ European Society for Aesthetics (ἐeὄlino, βί1ἅ), Ho-
rowitz does not Repeat Either! Some Considerations About Free Improvisation, Repeatabi-
lity and Normativity (in ἵoὄὅo ἶi puἴἴliἵἳzione nei Proceedings ἶel ἵonvegno)έ
γκ
ἐὄuἵe Elliὅ ἐEἠSἡἠ, The Improvisation of Musical Dialogue, ἵitέ, pέ 1ζγν ύiἳnni ZEἠ,
Che cos'è l'improvvisazione musicale?, ἵitέ, pέ γίέ
γλ
Ibid., pέ 11γέ
ζί
ἑfὄέ ἐὄuἵe Elliὅ ἐEἠSἡἠ, The Improvisation of Musical Dialogue, ἵitέ, pέ 1ηζέ

52
De Musica, 2017 – XXI

όeὄὄἳὄiζ1έ In ἳltὄe pἳὄole, nell’impὄovviὅἳzione lἳ foὄmἳ e il ὅenὅo ἶi ἵiò ἵhe


ὅi ὅuonἳ non pὄeeὅiὅtono ἳl ὅuonoμ piuttoὅto, il ὄἳppoὄto intenzionἳle e ἳttenά
zionἳle ἵon lἳ ὅituἳzione pὄeὅente (impὄeviὅtἳ, emeὄgente) – in ὄelἳzione ὅiἳ
ἳllἳ tὄἳἶizione ἵultuὄἳle ὅpeἵifiἵἳ ἶellἳ peὄfoὄmἳnἵe in queὅtione (ἴἳὄoἵἵo,
jἳzz, muὅiἵἳ ἵoltἳ, eἵἵέ), ὅiἳ ἳlle fἳὅi ἶel pὄoἵeὅὅo peὄfoὄmἳtivo in fieri – ἶiά
ventἳ ὅoὄgente foὄmἳtivἳ ἶi ὅenὅoμ un ὅenὅo ἵhe è tἳle ἳnἵhe peὄἵhé è unἳ
ἶiὄezione (o più ἶiὄezioni) ἵhe ὅi ἳὄtiἵolἳ(no) hic et nunc, ἵome in unἳ ἵonά
veὄὅἳzioneν un ὅenὅo ἵhe il peὄfoὄmeὄ, ἵoὅì ogni ἳltὄo ἳὅἵoltἳtoὄe, ὅἵopὄe menά
tὄe ὅuonἳ (ovveὄo, mentὄe lo ἵoὅtὄuiὅἵe e lo peὄἵoὄὄe)ζβέ
ἠon ὅi toὄnἳ ἳlloὄἳ ἵoὅì ἳll’iἶeἳ ἶel ὅuono ἵhe ὅoὄpὄenἶe il peὄfoὄmeὄ, ogni
peὄfoὄmeὄ, ἳnἵhe l’eὅeἵutoὄe ἶi unἳ ἵompoὅizioneς Sì e noέ Sì, quἳloὄἳ ὅ’inά
tenἶἳ ἵhe, in geneὄἳle, il ὅuono non è pὄeveἶiἴile eἶ eἵἵeἶe, ὅempὄe, il ὅenὅoν
no, ὅe ὅi ἵonὅiἶeὄἳ ἵhe nell’impὄovviὅἳzione il modo in cui il suono eccede il
senso è costitutivo di sensoμ ὅenὅo muὅiἵἳleέ δ’eἵἵeἶenzἳ ἶel ὅignifiἵἳnte ὄiά
ὅpetto ἳl ὅignifiἵἳto è qui ἵoὅtὄuzione, in fieri eἶ effimera, ἶi ὅignifiἵἳtoέ
È quello ἵhe ἳἵἵἳἶe in pἳὄtiἵolἳὄe nelle muὅiἵhe guiἶἳte ἶἳ quello ἵhe
Vinἵenzo ἑἳpoὄἳletti hἳ ἵhiἳmἳto il principio audiotattileμ muὅiἵhe, ἵome il
jἳzz, il ὄoἵk e lἳ worldmusic, vinἵolἳte non ἳllἳ meἶiἳzione viὅivἳ ἶellἳ notἳά
zione ὅἵὄittἳ, mἳ ἳ quellἳ ἶel ὅiὅtemἳ pὅiἵoὅenὅoὄiἳle ἶel muὅiἵiὅtἳ e ἳllἳ «moά
ἶulἳzione fiὅiἵoάgeὅtuἳle ἶi eneὄgie ὅonoὄe» ἵhe ὅtὄuttuὄἳ un teὅto muὅiἵἳle
ὅempὄe peὄὅonἳle, in quἳnto ἵoἶifiἵἳto ἶἳlle nuances ἵome “mἳὄἵἳtuὄe
eὅpὄeὅὅive inἶiviἶuἳli”ζγέ Qui il ὅenὅo ἶellἳ muὅiἵἳ (ἳnἵoὄἵhé ἵonneὅὅo, mἳ
ἶinἳmiἵἳmente e tὄἳὅfoὄmἳtivἳmente, ἳllἳ tὄἳἶizione ἶi un geneὄe o ἳ uno ὅtile
peὄὅonἳle) «non pὄeeὅiὅte ἳll’eὅeἵuzione»μ poiἵhé qui il geὅto pὄevἳle ὅul teά
ὅto, il ὅenὅo ἶellἳ muὅiἵἳ ἶipenἶe ἶἳll’«immἳnenzἳ fenomenologiἵἳ ἶel
pleὅὅo ὅineὄgiἵo ἵoὅtituito ἶἳ ἵhi eὅegue e ἶἳ ἵiò ἵhe viene eὅeguito»ζζέ
Inὅommἳ, l’impὄovviὅἳzione ὅi ἳlimentἳ ἶellἳ ἵἳpἳἵità ἶi ὅfὄuttἳὄe ἵὄeἳtiά
vἳmente nell’uὄgenzἳ ἶell’iὅtἳnte lἳ ἵontingenzἳ inἳtteὅἳ ἶelle ἵiὄἵoὅtἳnze

ζ1
Emἳnuele όERRARI, Esecuzione musicale e improvvisazione, in όέ ἑἳppἳ ά ἑέ ἠegὄo (ἳ
ἵuὄἳ ἶi), Il senso nell'istante. Improvvisazione e formazione, εilἳno, ύueὄini βίίἄ, ppέ 11λά
1γἄ, qui pέ 1βηέ
ζβ
Jἳἵqueὅ ἑἡURSIδ, Hidden Principles of Improvisation, ἵitέ
ζγ
ἑfὄέ Vinἵenzo ἑAPἡRAδETTI, Swing e Grooveέ Sui fondamenti estetici delle musiche
audiotattili, δuἵἵἳ, δIε βί1ζ, ppέ βίβάβ1λέ
ζζ
Ibid., pέ βίβέ

53
De Musica, 2017 – XXI

ἶellἳ peὄfoὄmἳnἵeμ il ἵoὄpo e lἳ mente ἶi ἵhi ὅuonἳ, lἳ location, lἳ ἵompoὅiά


zione e l’ἳtteggiἳmento ἶel puἴἴliἵo, l’ἳtmoὅfeὄἳ emozionἳle ἶi unἳ ἶἳtἳ ὅeά
ὄἳtἳ, e tutto ἵiò ἵhe ἳἵἵἳἶe mentὄe ὅi ἵoὅtὄuiὅἵe lἳ muὅiἵἳέ ύὄἳn pἳὄte ἶel pὄeά
gio ἶellἳ peὄfoὄmἳnἵe ἵonὅiὅte nellἳ ὄiuὅἵitἳ ἶellἳ ὄiὅpoὅtἳ ἳ emeὄgenze imά
pὄeviὅte (in primis l’emeὄgenzἳ ἶel ὅuono), ἵhe è ἶovutἳ non ὅempliἵemente
ἳllἳ ὄiἶuzione o ἳllἳ negἳzione ἶellἳ ἵontingenzἳ, mἳ ἳllἳ ὅuἳ ἵὄeἳtivἳ vἳloά
ὄizzἳzioneέ δἳ ὅituἳzione peὄfoὄmἳtivἳ ἶiviene pἳὄte ἶel ὅenὅo ἶellἳ muὅiἵἳ,
peὄἵhé (1) lἳ foὄmἳ ἶell’oggetto muὅiἵἳle ὅi ἵoὅtὄuiὅἵe (in moἶo ὄilevἳnte)
“nell’iὅtἳnte”, (β) lἳ muὅiἵἳ è ὅegno ἶellἳ pὄopὄiἳ ὅituἳzione peὄfoὄmἳtivἳ, (γ)
è ἵonneὅὅἳ ὅtὄettἳmente ἳl ὅiὅtemἳ pὅiἵofiὅiἵo ἶell’eὅeἵutoὄe, ἳnἵhe ὄiὅpetto
ἳl ὅuo ἵἳὄἳtteὄe eὅpὄeὅὅivo, e (ζ) ἵiò ὄilevἳ peὄ lἳ quἳlità eὅtetiἵἳ ἶell’“ogά
getto” muὅiἵἳle peὄἵepito ἶἳll’ἳὅἵoltἳtoὄeζηέ ἠell’impὄovviὅἳzione, ἶunque,
il ἵonfὄonto ἵon l’impὄeviὅto, ἵon lἳ ὅituἳzione, ἵon lἳ ὅoggettività pὅiἵoάfiά
ὅiἵἳ ἶel peὄfoὄmeὄ ἳἵquiὅiὅἵe ἵἳὄἳtteὄe foὄmἳtivo, e tἳle ἵonfὄonto può ἵonά
ἶuὄὄe ἳll’invenzione ἶi ὅoluzioni ἵὄeἳtive ἳὄtiὅtiἵἳmente vἳliἶe ἵhe eἵἵeἶἳno
unἳ ὄoutine potenziἳlmente peὄiἵoloὅἳ, peὄ eὅέ peὄἵhé noioὅἳμ lἳ ὅoὅpenὅione
ἶi ἵeὄte ἳἴituἶini e ἳnἵhe, in ἵeὄti ἵἳὅi, lἳ violἳzione ἶi ὄegole e ἵonvenzioni,
peὄ fἳὄ fὄonte ἳllἳ ἵontingenzἳ, può peὄἵiò eὅὅeὄe lἳ ἵhiἳve ἶel ὅuἵἵeὅὅo (mἳ,
ovviἳmente, non è ἶetto ἵhe lo ὅiἳ)έ
Se le ἵoὅe ὅtἳnno ἵoὅì, è peὄtἳnto poὅὅiἴile ἶiὅtingueὄe il ἵἳmpo ἶell’inteὄά
pὄetἳzione ἶἳ quello ἶell’impὄovviὅἳzioneέ Si tὄἳttἳ ἶi ἶue pὄἳtiἵhe ἴἳὅἳte ὅu
un ἶiveὄὅo moἶo ἶi geneὄἳὄe ὅenὅo ἳὄtiὅtiἵoέ ἠell’impὄovviὅἳzione ὅi ἶà, inά
tenzionἳlmente, foὄmἳ ἳllἳ muὅiἵἳ nell’iὅtἳnte, peὄἵhé il geὅto fἳ ἳggio ὅul
teὅtoν nell’inteὄpὄetἳzione pὄevἳle il teὅto ἶi unἳ foὄmἳ pὄeeὅiὅtente ἵhe oἵά
ἵoὄὄe ἳppunto eὅeguiὄe e inteὄpὄetἳὄeέ ἑiononoὅtἳnte, è veὄo ἵhe non è ὅempὄe
fἳἵile ἶeteὄminἳὄe in mἳnieὄἳ nettἳ lἳ ἶiffeὄenzἳ tὄἳ impὄovviὅἳzione e inteὄά
pὄetἳzione ἳ livello empiὄiἵo, quἳloὄἳ non ὅi ὅἳppiἳ peὄ vie ἶiveὄὅe ἶἳ quelle
ἶel ὅempliἵe ἳὅἵolto ὅe lἳ peὄfoὄmἳnἵe ὅiἳ ἶἳvveὄo impὄovviὅἳtἳζἄέ Tuttἳviἳ,

ζη
ἑfὄέ Aleὅὅἳnἶὄo ἐERTIἠETTἡ, Performing Imagination: the Aesthetics of Improvisation,
in «Kleὅiὅ», Volέ βκ, βί1γ, ppέ ἄβάλἄν Aleὅὅἳnἶὄo ἐERTIἠETTἡ, Formatività ricorsiva e
costruzione della normatività nell’improvvisazione, ἵitέν ἑlément ἑAἠἡἠἠE, L’apprécia-
tion esthétique de l’improvisation, ἵitέ, ppέ γγηάγγἅέ
ζἄ
Sullἳ queὅtione ἶell’inἶiὅἵeὄniἴilità ἶell’impὄovviὅἳzione, mi ὅiἳ ἵonὅentito il ὄinvio ἳ ἵfὄέ
Aleὅὅἳnἶὄo ἐERTIἠETTἡ, La paradoja de los indiscernibles y la improvisación artística,
in Sέ ἑἳὅtὄo, όέ Peὄez ἑἳὄὄeño, Arthur Danto and the Philosophy of Art, εuὄἵiἳ, eἶitum βί1ἄ,
ppέ 1κγάβί1έ

54
De Musica, 2017 – XXI

ὄitengo ὅiἳ poὅὅiἴile ὅpeἵifiἵἳὄe quἳlἵhe “ὅintomo” ἶell'impὄovviὅἳzioneέ Qui


ne inἶiviἶuo ἶue, ὅtὄettἳmente inteὄἵonneὅὅiέ
(1) Il pὄimo è il ὅenὅo ἶi presenzaέ Queὅtἳ è lἳ mἳὄἵἳ ἶiὅtintivἳ ἶell’imά
pὄovviὅἳzioneέ ύli impὄovviὅἳtoὄi ὄeἳgiὅἵono ἳll’iὅtἳnte ἳ ἵiò ἵhe ἳἵἵἳἶe
nellἳ ὅituἳzione ἳttuἳle, ἳ ἵiò ἵhe ὅtἳ ἳἵἵἳἶenἶo qui e ora, e il puἴἴliἵo ἶeve
eὅὅeὄe presente ἳl momento ἶellἳ peὄfoὄmἳnἵe peὄ ἵoglieὄe ἵiò ἵhe ἳvviene
in questa impὄovviὅἳzioneζἅέ ἑeὄtἳmente, ogni peὄfoὄmἳnἵe muὅiἵἳle ἳvviene
ἶi peὄ ὅé in un pὄeὅente iὄὄipetiἴile, mἳ ἳ ἶiffeὄenzἳ ἶell’impὄovviὅἳzione, nel
ἵἳὅo ἶell’inteὄpὄetἳzione ἶi un’opeὄἳ ἵompoὅtἳ un teὅto ἵoὅtὄuito nel pἳὅὅἳto,
pὄeάὅἵὄitto, è il ὄifeὄimento ἵhe vinἵolἳ il geὅto ἳttuἳle ἶell’inteὄpὄeteέ
ἠell’impὄovviὅἳzione, inveἵe, lἳ pὄeὅenzἳ, il ἵonfὄonto peὄfoὄmἳtivo ἵon lἳ
ὅituἳzione ἳttuἳle, è lἳ ἵonἶizione ἳlteὄnἳtivἳ ἳllἳ ὄἳpάpὄeὅentἳzione ovveὄo
ἳllἳ ὄiάpὄeὅentἳzione ἶi un’opeὄἳ già ἵoὅtὄuitἳζκέ ἠell’impὄovviὅἳzione, peὄ
ἶiὄlἳ ἵon l’effiἵἳἵe loἵuzione ἶi Jἳἵqueὅ ἑouὄὅil, «ὅi ἶeve inventἳὄe un
evento, ἵioè ἵὄeἳὄe l’ἳvvento ἶel pὄeὅente»ζλέ Rimoἶellἳnἶo lἳ foὄmulἳzione
ἶi Anὅἵomἴe ὄipὄeὅἳ ἶἳ δἳ εἳtinἳ, ὅi potὄeἴἴe ἳlloὄἳ ἶiὄeμ mentὄe in quἳlὅiἳὅi
peὄfoὄmἳnἵe l’inteὄpὄete fἳ ἵiò ἵhe ἳἵἵἳἶe (il ὅuono), nell’impὄovviὅἳzione
egli deve fare (l’)accadere. δ’impὄovviὅἳzione muὅiἵἳle intenzionἳle è ἶunά
que un ἵompito ἶi foὄmἳzione ἶi ὅenὅo muὅiἵἳle ἵhe l’inteὄpὄete ὅi ἳὅὅume e
ἵhe è tenuto ἳ ὅvolgeὄe qui e oὄἳέ
(β) Tἳle foὄmἳzione ἶi ὅenὅo muὅiἵἳle qui e oὄἳ ἵompoὄtἳ il ὅeἵonἶo “ὅinά
tomo” ἶell’impὄovviὅἳzioneμ il ἵiὄἵuito ἶi ὄetὄoάἳlimentἳzione (feedback
loop) tὄἳ i pὄoἵeὅὅi ἶeἵiὅionἳli ἶel muὅiἵiὅtἳ nel ἵoὄὅo ἶellἳ peὄfoὄmἳnἵe e
quἳnto ἳἵἵἳἶe nellἳ peὄfoὄmἳnἵe, ovveὄo tὄἳ vἳlutἳzione e pὄoἶuzione, tὄἳ
ὅenὅo e ὅuono)ηίέ Il fare (l’)accadere hἳ unἳ ὅtὄuttuὄἳ ὄiἵoὄὅivἳέ Quello ἵhe i
muὅiἵiὅti fἳnno quἳnἶo ὅuonἳno ἶἳ ὅoli e in moἶo ἶeἵiὅἳmente più eviἶente
quἳnἶo inteὄἳgiὅἵono ἵon ἳltὄi muὅiἵiὅti influenzἳ le ἶeἵiὅioni ὅu ἵome ἵonά
tinuἳὄe lἳ peὄfoὄmἳnἵeν e viἵeveὄὅἳ, gli effetti ἶi tἳli ἶeἵiὅioni ἳ poὅteὄioὄi

ζἅ
ἑfὄέ δee ἐέ ἐRἡWἠ, Musical Works, Improvisation, and the Principle of Continuity, in
«Jouὄnἳl of Aeὅthetiἵὅ ἳnἶ Aὄt ἑὄitiἵiὅm», Volέ ηζ, 1λλἄ, ppέ γηγάγἄλ, qui ppέ γηἄ e γἄηέ
ζκ
εἳthiἳὅ εASἑώAT, Performativität und zeitgenössische Improvisation, in «Auἶitive
Peὄὅpektiven», Volέ β, βί1βέ
ζλ
Jἳἵqueὅ ἑἡURSIδ, Hidden Principles of Improvisation, ἵitέ
ηί
Stephἳn ἠAἑώεAἠἡVITἑώ, Free play. Improvisation in Life and Art, ἠew Yoὄk, Penά
guin 1λλίέ
Aἳὄon ἐERKἡWITZ, The Improvising Mind, ἠew Yoὄk, ἡxfoὄἶ Univeὄὅity Pὄeὅὅ βί1ίν
Aleὅὅἳnἶὄo ἐERTIἠETTἡ, Performing the Unexpected, ἵitέν Aleὅὅἳnἶὄo ἐERTIἠETTἡ,
Formatività ricorsiva e costruzione della normatività nell’improvvisazione, ἵit.

55
De Musica, 2017 – XXI

ὅoὄpὄenἶono e ὄetὄoἳttivἳmente ἶeteὄminἳno il “ὅenὅo” ἶi quἳnto è ὅtἳto fἳtto


pὄimἳέ δἳ vἳlutἳzione influiὅἵe ὅul pὄoἵeὅὅo peὄfoὄmἳtivo e può ἵontὄiἴuiὄe ἳ
moἶifiἵἳὄe o ἳ ὄeinἶiὄizzἳὄe il ἵoὄὅo ἶellἳ peὄfoὄmἳnἵeέ Il monitoὄἳggio e lἳ
vἳlutἳzione, ἶἳ pἳὄte ἶei muὅiἵiὅti, ἶellἳ loὄo pὄoἶuzione muὅiἵἳle nel ἵoὄὅo
ἶellἳ peὄfoὄmἳnἵe fἳ pἳὄte ἶellἳ peὄfoὄmἳnἵeέ δe vἳlutἳzioni ἵhe influiὅἵono
ὅullἳ peὄfoὄmἳnἵe ὅono ὄeἳlizzἳte (ἳ) ἶἳl muὅiἵiὅtἳ ὅteὅὅo (ἵhe nelle ὅuἵἵeὅά
ὅive fἳὅi ἶell’impὄovviὅἳzione mἳnifeὅtἳ ἵome vἳlutἳ quello ἵhe hἳ ἳppenἳ
ὅuonἳto), (ἴ) nel ἵἳὅo ἶi un’impὄovviὅἳzione ἶi gὄuppo ἳnἵhe ἶἳgli ἳltὄi muά
ὅiἵiὅti (ἵhe nei loὄo geὅti e nellἳ muὅiἵἳ pὄoἶottἳ eὅpὄimono ἳppὄezzἳmento o
ἶiὅἳἵἵoὄἶo ἵiὄἵἳ quello ἵhe ἳltὄi muὅiἵiὅti ὅtἳnno fἳἵenἶo o hἳnno ἳppenἳ
fἳtto), e (ἵ) ἳnἵhe ἶἳl puἴἴliἵo (ἵhe, in moἶi ἶiveὄὅi ἳ ὅeἵonἶἳ ἶelle ἶiveὄὅe
ὅituἳzioni muὅiἵἳli, può ἵomuniἵἳὄe ἳi muὅiἵiὅti lἳ ὅuἳ vἳlutἳzione ἶi quἳnto
ὅtἳ ἳὅἵoltἳnἶo)έ
ἠe ἵonὅegue ἵhe l’impὄovviὅἳzione ἵompoὄtἳ (ἳlmeno pἳὄziἳlmente, ἶἳto
ἵhe lἳ peὄfoὄmἳnἵe ὅi ὅviluppἳ ὅu e ἳ pἳὄtiὄe ἶἳ un background ἶi ὄifeὄimento)
l’ἳutofoὄmἳzione ἶel ἵonteὅto in ἵui eὅὅἳ ὅi ὅvolge nel ἵoὄὅo ἶello ὅteὅὅo pὄoά
ἵeὅὅo peὄfoὄmἳtivoμ nel ἵoὄὅo ἶei pὄoἵeὅὅi impὄovviὅἳtivi ὅi veὄifiἵἳno feed-
back loops, gὄἳzie ἳ ἵui ἵiò ἵhe pὄeἵeἶe ἶiventἳ ἵoὄniἵe noὄmἳtivἳ ἶi ὄifeὄiά
mento ἶi ἵiò ἵhe ὅegue e ἵiò ἵhe ὅegue ἵontὄiἴuiὅἵe ἳ ἶeteὄminἳὄe il ὅenὅo ἶi
ἵiò ἵhe pὄeἵeἶeέ È un pὄoἵeὅὅo ἶi tipo oὄgἳniἵo ἶi ὄeἵipὄoἵἳ ἶeteὄminἳzione
tὄἳ ὅenὅo e ὅuonoέ ἠell’impὄovviὅἳzione ἵollettivἳ o ἶi gὄuppo tἳle oὄgἳniἵità
ἳἵquiὅiὅἵe unἳ ἶimenὅione inteὄἳttivἳμ l’inteὄἳzione tὄἳ peὄfoὄmeὄ è pἳὄte inά
tegὄἳnte ἶel ὅenὅo ἶellἳ muὅiἵἳ, peὄἵhé il moἶo in ἵui i peὄfoὄmeὄ ἳἵἵolgono
muὅiἵἳlmente quἳnto ὅtἳnno fἳἵenἶo i ἵompἳgni ἵontὄiἴuiὅἵe ἳ geneὄἳὄe il
ὅenὅo geneὄἳle ἶellἳ peὄfoὄmἳnἵeη1έ
δe vἳlutἳzioni inteὄἳttiveάpeὄfoὄmἳtive “ὅul momento” e il ὅenὅo ἶi pὄeά
ὅenzἳ hἳnno ἵeὄtἳmente un peὅo ἳnἵhe nel ἵἳὅo ἶi eὅeἵuzioni ἶi ἵompoὅizioni
muὅiἵἳliέ Tuttἳviἳ, lo hἳnno in moἶo ἶiveὄὅoμ in queὅto ἵἳὅo, il ὅenὅo ἶi ogni
pἳὅὅἳggio muὅiἵἳle è già in gὄἳn pἳὄte ἶeteὄminἳto ἶἳl ἵonteὅto ἵompleὅὅivo
pὄefiὅὅἳto ἶellἳ ἵompoὅizione muὅiἵἳle e l’inteὄἳzione, peὄ quἳnto effettivἳ e

η1
Sullἳ queὅtione ἵfὄέ Dἳviἶ ἐoὄgo, Emergent Qualities of Collectively Improvised Perfor-
mance, in «Pἳἵifiἵ Review of Ethnomuὅiἵology», Volέ κ, nέ I, 1λλἄήἅ, ppέ βγάζίν ύeoὄg ἐERά
TRAε, Improvisation und Normativität, in ύέ ἐὄἳnἶὅtetteὄ, ώέάόέ ἐoὄmἳnn, Aέ εἳtzke
(ώὄὅgέ), Improvisieren, ἐielefelἶ, Tὄἳnὅἵὄipt βί1ί, ppέ β1άζίν ἑlément ἑAἠἡἠἠE, Focal
Points in Collective Free Improvisation, in «Peὄὅpeἵtiveὅ of ἠew εuὅiἵ», Volέ η1, nέ 1, βί1γ,
ppέ ζίάηηέ

56
De Musica, 2017 – XXI

impoὄtἳnte, ὅi limitἳ ἳ quel ἵooὄἶinἳmento (mἳgἳὄi guiἶἳto ἶἳ un ἶiὄettoὄe


ἶ’oὄἵheὅtὄἳ) ἵhe è neἵeὅὅἳὄio peὄ eὅeguiὄe inὅieme, ἳ tempo e ἵon unἳ ἵoeά
ὄente intenzione eὅpὄeὅὅivἳ, unἳ pἳὄte già pὄontἳέ Quἳloὄἳ, inveἵe, il ἵontὄiά
ἴuto ἶelle vἳlutἳzioni “ὅul momento” ἳllἳ ἵoὅtὄuzione ἶell’oὄgἳnizzἳzione
muὅiἵἳle e il ὅenὅo ἶi pὄeὅenzἳ ὅiἳno elevἳti, l’eὅeἵuzione ἳἵquiὅteὄà pὄoἴἳά
ἴilmente unἳ ἵonnotἳzione impὄovviὅἳtivἳέ

4. Conclusioniμ il primato della performance e la carne del


suono
ἠonoὅtἳnte ὅiἳ poὅὅiἴile, ἵome ho ἵeὄἵἳto ἶi moὅtὄἳὄe, ὅtἳἴiliὄe, ἳlmeno
teoὄiἵἳmente, unἳ ἶiffeὄenzἳ tὄἳ impὄovviὅἳzione e inteὄpὄetἳzione, l’impὄovά
viὅἳzione mette in pὄimo piἳno quello ἵhe poὅὅiἳmo ἵhiἳmἳὄe il “pὄimἳto
ἶellἳ peὄfoὄmἳnἵe” in muὅiἵἳμ l’iὄὄiἶuἵiἴilità, in ogni peὄfoὄmἳnἵe muὅiἵἳle,
ἶi queὅto ὅingolo ὅuono eὅeguito qui e oὄἳ ἳ un ὅenὅo muὅiἵἳle pὄeἵoὅtituito
(pὄeά[i]ὅἵὄitto)έ Poiἵhé (1) lἳ muὅiἵἳ, in quἳnto ἳὄte peὄfoὄmἳtivἳ, hἳ ἴiὅogno
ἶi eὅὅeὄe eὅeguitἳ e poiἵhé (β) l’eὅeἵuzione ἳvviene ὅempὄe in un ἵonteὅto
ὅpἳzioάtempoὄἳle ὅpeἵifiἵo e ἵoinvolge (nonoὅtἳnte i pὄoἵeὅὅi ἶi ὄἳzionἳlizά
zἳzione e ἶi ἵontὄollo impoὅtiὅi nellἳ tὄἳἶizione muὅiἵἳle oἵἵiἶentἳleηβ ὅu ἵui
ὅi ἴἳὅἳ il mainstream ἶell’ontologiἳ ἳnἳlitiἵἳ ἶellἳ muὅiἵἳ) lἳ ἵoὄpoὄeità ἳfά
fettivἳ ἶei muὅiἵiὅti (ἳlmeno nel ἵἳὅo ἶi muὅiἵἳ pὄoἶottἳ ἶἳ ὅtὄumenti ἳἵuά
ὅtiἵi), ἳnἵhe l’eὅeἵuzione ἶi muὅiἵἳ ἵompoὅtἳ è ὅempὄe in ἵeὄtἳ miὅuὄἳ inἳtά
teὅἳ e ὅoὄpὄenἶenteέ δἳ «ἵἳὄne ἶel ὅuono» è ὅempὄe nuovἳ, in ogni evento
peὄfoὄmἳtivoέ δἳ ἶiffeὄenzἳ tὄἳ impὄovviὅἳzione (in ὅenὅo pὄopὄio) eἶ eὅeἵuά
zione ἵonὅiὅte ἳlloὄἳ fonἶἳmentἳlmente nel fἳtto ἵhe lἳ pὄimἳ è intenzionἳle,
poiἵhé, ἳὅὅumenἶoὅi ἵome ἵompito il fare (l’)accadere, volutἳmente ἳffiἶἳ
ἳll’inἵontὄo ἵon lἳ ἵontingenzἳ vἳloὄe (tὄἳὅ)foὄmἳtivo (e, poὅὅiἳmo ἳggiunά
geὄe, mette in ὅἵenἳ queὅtἳ ὅpeἵifiἵἳ intenzionἳlità, ἳnἵhe ἳttὄἳveὄὅo elementi
ἵonteὅtuἳli e ὄituἳli), mentὄe l’“impὄovviὅἳzione” ἵui è ἶeὅtinἳtἳ ogni oἵἵἳά
ὅione peὄfoὄmἳtivἳ è l’eἵἵeἶenzἳ non intenzionἳle ἶellἳ ἵonἵὄetezzἳ ἶi un
evento ὄiὅpetto ἳl ὅuo ὅignifiἵἳto pὄeviὅto (potὄemmo ἶiὄeμ è lἳ ἵomponente
non intenzionἳle ἶi un ἳgiὄe ἵomunque imputἳἴile intenzionἳlmente ἳl peὄά
foὄmeὄ, ὅe lo voleὅὅimo ἶeὅἵὄiveὄe)έ δ’impὄovviὅἳzione pὄopὄiἳmente ἶettἳ

ηβ
ἑfὄέ Eὄneὅt Tέ όERAἠD, Die Improvisation in der Musik, Zuὄiἵh, RheinάVeὄlἳg 1λγκέ

57
De Musica, 2017 – XXI

eὅemplifiἵἳ, ἵoὅì, un ἵἳὄἳtteὄe eὅὅenziἳle ἶi ogni pὄἳtiἵἳ muὅiἵἳle – il ὅuo ἵἳά


ὄἳtteὄe ἶi peὄfoὄmἳnἵe, ἶi ἳzione ὄeἳle, ἵhe ἳἵἵἳἶe in unἳ ὅituἳzione ἵonἵὄetἳ
e uniἵἳέ Unἳ ὅituἳzione ἵhe, ἳnἵhe quἳloὄἳ ὅiἳ ἶel tutto ἳtteὅἳ (ἵome nel ἵἳὅo
ἶell’eὅeἵuzione ἶi unἳ notἳ ἵompoὅizione), è, ἵome giuὅtἳmente oὅὅeὄvἳ εἳὄά
ἵello δἳ εἳtinἳ, iὄὄiἶuἵiἴile ἳl ἵontὄollo ἶi un ὅoggetto mentἳle ἳὅtὄἳtto ἶἳllἳ
ὅuἳ ἵoὄpoὄeitàέ Peὄἵiò è ἶi peὄ ὅé ὅoὄpὄenἶenteέ
Su e ἵon queὅtἳ ὅoὄpὄeὅἳ ἶel ὅuono (unἳ ὅoὄpὄeὅἳ ἶἳ intenἶeὄὅi non ὅoltἳnto
in teὄmini ὅoggettivi, mἳ ἳnἵhe e piuttoὅto in quelli ἶi ἳttivἳ e oggettivἳ eἵἵeά
ἶenzἳμ Überraschung), l’impὄovviὅἳzione ὅi ἳὅὅume il ἵompito ἶi ἵoὅtὄuiὄe il
ὅuo ὅenὅoέ In ἵiò ἵonὅiὅte lἳ ὅuἳ ὅpeἵifiἵitàέ

Bibliografia
AἠSἑἡεἐE Elizἳἴeth, Intention (1ληἅ), ἑἳmἴὄiἶge εA, ώἳὄvἳὄἶ Univeὄά
ὅity Pὄeὅὅ βίίίβέ
ARἐἡ Aleὅὅἳnἶὄo, δEPώAY PieὄὄeάEmmἳnuel (ἳ ἵuὄἳ ἶi), Quand l'enregi-
strement change la musique, Pἳὄiὅ, ώeὄmἳn βί1ἅέ
ἐEἠSἡἠ ἐὄuἵe Elliὅ, The Improvisation of Musical Dialogue, ἑἳmἴὄiἶge,
ἑἳmἴὄiἶge Univeὄὅity Pὄeὅὅ βίίγέ
ἐERKἡWITZ Aἳὄon, The Improvising Mind, ἠew Yoὄk, ἡxfoὄἶ Univeὄὅity
Pὄeὅὅ βί1ίέ
ἐERTIἠETTἡ Aleὅὅἳnἶὄo, Performing the Unexpected, in «Dἳimon», Volέ
ηἅ, βί1β, ppέ ἄ1άἅλέ
ἐERTIἠETTἡ Aleὅὅἳnἶὄo, Performing Imagination: the Aesthetics of Im-
provisation, in «Kleὅiὅ», Volέ βκ, ppέ ἄβάλἄ, βί1γέ
ἐERTIἠETTἡ Aleὅὅἳnἶὄo, Formatività ricorsiva e costruzione della norma-
tività nell’improvvisazione, in Aέ Sἴoὄἶoni (ἳ ἵuὄἳ ἶi), Improvvisazione oggi,
δuἵἵἳ, δIε βί1ζ, ppέ 1ηάβκέ
ἐERTIἠETTἡ Aleὅὅἳnἶὄo, “Mind the gap”. L’improvvisazione come agire
intenzionale, in «Itineὄἳέ Riviὅtἳ ἶi filoὅofiἳ e ἶi teoὄiἳ ἶelle ἳὄti», nέ 1ί, βί1η,
ppέ 1ἅηά1κκέ
ἐERTIἠETTἡ Aleὅὅἳnἶὄo, La paradoja de los indiscernibles y la improvi-
sación artística, in Sέ ἑἳὅtὄo, όέ Peὄez ἑἳὄὄeño, Arthur Danto and the Philo-
sophy of Art, εuὄἵiἳ, eἶitum βί1ἄ, ppέ 1κγάβί1έ

58
De Musica, 2017 – XXI

Eseguire l’inatteso. Ontologia della musica e improvvisazione, Romἳ, il


ύlifo βί1ἄέ
ἐERTIἠETTἡ Aleὅὅἳnἶὄo, Valore e autonomia dell’improvvisazione. Tra
arti e pratiche, in «Kἳiἳkέ A Philoὅophiἵἳl Jouὄney», Volέ γ, βί1ἄέ
ἐERTRAε ύeoὄg, Improvisation und Normativität, in ύέ ἐὄἳnἶὅtetteὄ, ώέά
όέ ἐoὄmἳnn, Aέ εἳtzke (ώὄὅgέ), Improvisieren, ἐielefelἶ, Tὄἳnὅἵὄipt βί1ί,
ppέ β1άζίέ
ἐἡRύἡ Dἳviἶ, Emergent Qualities of Collectively Improvised Performance,
in «Pἳἵifiἵ Review of Ethnomuὅiἵology», Volέ κ, nέ I, 1λλἄήἅ, ppέ βγάζίέ
ἐRἡWἠ δee ἐέ Musical Works, Improvisation, and the Principle of Conti-
nuity, in «Jouὄnἳl of Aeὅthetiἵὅ ἳnἶ Aὄt ἑὄitiἵiὅm», Volέ ηζ, 1λλἄ, ppέ γηγά
γἄλέ
ἐRἡWἠ δee ἐ, Improvisation, in Tέ ύὄἳἵyk, & Aέ Kἳniἳ, Aέ (eἶὅέ), The
Routledge Companion to Philosophy and Music, ἠew Yoὄk, Routleἶge βί11,
ppέ ηλάἄλέ
ἑAἠἡἠἠE ἑlément, L’appréciation esthétique de l’improvisation, in «Aiά
ὅtheὅiὅ», Volέ VI, ὅpeἵiἳl iὅὅueμ Ontologie εuὅiἵἳli, ἳ ἵuὄἳ ἶi Aέ Aὄἴo Aέ &
Aέ ἐeὄtinetto Aέ, βί1γ, ppέ γγ1άγηἄέ
ἑAἠἡἠἠE ἑlément, Focal Points in Collective Free Improvisation, in «Peὄά
ὅpeἵtiveὅ of ἠew εuὅiἵ», Volέ η1, nέ 1, βί1γ, ppέ ζίάηηέ
ἑAPἡRAδETTI Vinἵenzo, Swing e Grooveέ Sui fondamenti estetici delle
musiche audiotattili, δuἵἵἳ, δIε, βί1ζέ
ἑδARKE Eὄik, Creativity in Performance, in «εuὅiἵἳ Sἵientiἳe», Volέ λ,
βίίη, ppέ 1ηἅά1κβ
ἑἡURSIδ Jἳἵqueὅ, Hidden Principles of Improvisation, in Jέ Zoὄn (eἶέ), Ar-
cana III: Musicians on Music, ἠew Yoὄk, ώipὅ Roἳἶ βίίκ, ppέ ηκάἄηέ
DEἑδἡS Alexἳnἶὄe, The Aesthetic and Cognitive Value of Surprise, in «Pὄoά
ἵeeἶingὅ of the Euὄopeἳn Soἵiety foὄ Aeὅthetiἵὅ», Volέ ἄ, βί1ζ, ppέ ηβάἄλέ
DEδδ ἑhὄiὅtopheὄ, Die Improvisierende Organisation. Management nach
dem Ende der Planbarkeit, ἐielefelἶ, Tὄἳnὅἵὄipt βί1βέ
DE RAYεἡἠD Jeἳnάόὄἳnçoiὅ, L’improvisation. Contribution a la philoso-
phie de l’action, Pἳὄiὅ, Vὄin 1λκίέ
όERAἠD, Eὄneὅt Tέ, Die Improvisation in der Musik, Zuὄiἵh, RheinάVeὄlἳg
1λγκέ

59
De Musica, 2017 – XXI

όERRARI Emἳnuele, Esecuzione musicale e improvvisazione, in όέ ἑἳppἳ ά


ἑέ ἠegὄo (ἳ ἵuὄἳ ἶi), Il senso nell'istante. Improvvisazione e formazione, εiά
lἳno, ύueὄini βίίἄ, ppέ 11λά1γἄέ
ύἡUδD ἑἳὄol Sέ – KEATἡἠ Kenneth, The Essential Role of Improvisation
in Musical Performance, in «Jouὄnἳl of Aeὅthetiἵὅ ἳnἶ Aὄt ἑὄitiἵiὅm», Volέ
ηκ, βίίί, ppέ 1ζγά1ζκέ
ώAεIδTἡἠ Anἶy, Jazz as Classical Music, in εέ Sἳnti (eἶέ), Improvisa-
tion: Between Technique and Spontaneity, ἠewἵἳὅtle upon Tyne, UέKέ, ἑἳmά
ἴὄiἶge Sἵholἳὄὅ Puἴliὅhing βί1ί, ppέ ηγάἅηέ
ώἡRἠSἐY Jennifeὄ Actions in their circumstances, in AAέVVέ, Essays on
Anscombe’s Intention, ἑἳmἴὄiἶge, εA, ώἳὄvἳὄἶ Univeὄὅity Pὄeὅὅ βί11, ppέ
1ίηά1βἄέ
ώURἡἠ Dἳviἶ, Sweet Anticipation: Music and the Psychology of Expecta-
tion, ἑἳmἴὄiἶge, εA, εIT Pὄeὅὅ βίίἄέ
IἠύARDEἠ Romἳn, L'opera musicale e il problema della sua identità
(1958), Pἳleὄmo, όlἳἵἵovio 1λκλέ
KAἠIA Anἶὄew, All Play and No Work: the Ontology of Jazz, in «Jouὄnἳl of
Aeὅthetiἵὅ ἳnἶ Aὄt ἑὄitiἵiὅm», Volέ ἄλ, βί11, ppέ γλ1άζίγέ
δA εATIἠA εἳὄἵello, Note sul suono. Filosofia dei linguaggi e forme di
vita, Anἵonἳ, δe oὅὅἳ ά ἳnἳtomie ἶell’ingegno βίίζέ
εASἑώAT εἳthiἳὅ, Performativität und zeitgenössische Improvisation, in
«Auἶitive Peὄὅpektiven», Volέ β, βί1βέ
εEYER δeonhἳὄἶ, Emozione e significato della musica (1ληἄ), ἐolognἳ, Il
εulino 1λλβέ
ἠAἑώεAἠἡVITἑώ Stephἳn, Free play. Improvisation in Life and Art,
ἠew Yoὄk, Penguin 1λλίέ
ἠEύRETTἡ Eliὅἳ, The role of expectation in the constitution of subjective
musical experience, Doἵtoὄἳl Theὅiὅ, Pἳἶovἳ βί1ίέ
PἡδδARD ἐill, Habitual Actions, in Tέ ἡ’ἑonnoὄ, ἑέ Sἳnἶiὅ (eἶὅέ), A Com-
panion to the Philosophy of Action, Singἳpoὄe, Wileyάἐlἳἵkwell βί1ί, ppέ
ἅίάκ1έ
RἡUSSEδἡT εἳthiἳὅ, Étude sur l'improvisation musicale. Le témoin de l'in-
stant, Pἳὄiὅ, δ’ώἳὄmἳttἳn βί1βέ

60
De Musica, 2017 – XXI

RUTA εἳὄἵello, Horowitz does not Repeat Either! Some Considerations


About Free Improvisation, Repeatability and Normativity, in «Pὄoἵeeἶingὅ of
the Euὄopeἳn Soἵiety foὄ Aeὅhtetiἵὅ» βί1ἅ (in ἵoὄὅo ἶi puἴἴliἵἳzione)έ
TARASTI Eeὄo, I segni della musica. Che cosa ci dicono i suoni, εilἳno,
Riἵoὄἶiάδim βί1ίέ
VEδδEεAἠ Dἳviἶ, How We Get Along, ἑἳmἴὄiἶgeάἠew Yoὄk, ἑἳmἴὄiἶge
Univeὄὅity Pὄeὅὅ βίίλέ
YἡUἠύ Jἳmeὅ ἡέ – εATώESἡἠ ἑἳὄl, The Metaphysics of Jazz, in «Jouὄnἳl
of Aeὅthetiἵὅ ἳnἶ Aὄt ἑὄitiἵiὅm», Volέ ηκ, βίίί, ppέ 1βηά1γγέ
ZEἠ ύiἳnni, ἑhe cos'è l'improvvisazione musicale?, Teὅi ἶi Dottoὄἳto, Uniά
veὄὅità ἑἳ' όoὅἵἳὄi ἶi Veneziἳ βί1ζέ

61

Potrebbero piacerti anche