Sei sulla pagina 1di 2

Piano industriale: cos'è, come si fa,

differenze col business plan


Pianificare i risultati aziendali, per un’impresa che popola il contesto attuale, è molto importante:
da questa attività, dipende l’effettivo raggiungimento degli obiettivi.

Il piano industriale è un documento cruciale per il presente e per il futuro dell’azienda, e per
consentirle di avere una visione chiara su quali strategie adottare per conseguire i risultati.
Vediamo insieme cos’è, e soprattutto quali sono le differenze che intercorrono tra un piano
industriale e un business plan.

Che cos’è il piano industriale: definizione e significato


In un’azienda, spesso, si parla di raggiungere gli obiettivi senza sapere realmente come farlo.
Un piano industriale è un documento che fa al caso di tutte le organizzazioni,
indipendentemente dalle loro dimensioni o dal settore in cui operano. Come accennavamo in
precedenza, si tratta di un documento molto importante, che definisce i risultati da raggiungere,
pianificando la strategia di business prevista per un determinato periodo di tempo per conseguire
i medesimi obiettivi.

Per dare una definizione formale, potremmo descriverlo come quel documento che illustra le
intenzioni strategiche del management relative alle strategie competitive dell’azienda, le azioni che
saranno realizzate per il raggiungimento degli obiettivi strategici, l’evoluzione dei key value driver e
dei risultati attesi.

Un piano industriale descrive i piani dell’impresa, ed evidenzia come questi piani possono essere
implementati, e come possono essere raggiunti i risultati desiderati. Nello stesso documento sono
contenute dimostrazioni che i risultati previsti soddisfano le aspettative della stessa azienda.

Piano industriale e business plan, quali sono le differenze


Nonostante, in maniera erronea, vengano utilizzati come sinonimi, piano industriale e business
plan sono separati da alcune differenze. Innanzitutto, terminologiche: se il termine ‘business
plan’ viene utilizzato generalmente per start-up e nuove imprese, per le imprese già esistenti è più
corretto usare il termine ‘piano industriale’.

Trattando di un’azienda già presente, nel piano industriale non abbiamo una descrizione di un
progetto imprenditoriale ma dello status aziendale, con uno ‘storico’ di quanto avvenuto in
precedenza, e la constatazione della situazione attuale. L’approccio di un piano industriale mira a
spiegare la situazione attuale, la situazione futura, con una logica di fondo simile, ma diversa nei
dettagli a seconda dei casi.
Come si fa un piano industriale?
Un piano industriale efficace deve essere utile per formalizzare le idee di gestione dell’impresa,
valutare le performance dell’impresa in un determinato arco temporale, supportare la ricerca e
l’ottenimento dei finanziamenti. Questo comporta che questo strumento debba seguire delle
regole ben precise, dettate dall’esperienza nell’ambito.

Potrebbero piacerti anche