Sei sulla pagina 1di 3

LA NOVELLA

LA PAROLA “NOVELLA” INDICA UNA NOVITA’. IN AMBITO LETTERARIO INDICA UNA BREVE
NARRAZIONE IN PROSA DI UN FATTO REALE O IMMAGINARIO IN SE’ CONCLUSA. SI PENSA SIA
NATA IN ORIENTE NELLA TRADIZIONE ORALE, PER POI DIFFONDERSI IN OCCIDENTE NEL XII
SECOLO.
LO SCOPO DI QUESTO TESTO E’ QUELLO DI INTERESSARE E DIVERTIRE IL LETTORE, SPESSO DIETRO
A SITUAZIONI COMICHE VI E’ UN’ACUTA RIFLESSIONE SULLA CONDIZIONE UMANA.
LA NOVELLA SI SVILUPPA IN ITALIA DURANTE IL MEDIOEVO, RAGGIUNGE ALTUI LIVELLI LETTERARI
CON GIOVANNI BOCCACCIO.
AUTORI PIU’ IMPORTANTI
PRIMA PARTE DELL’OTTOCENTO

 EDMONDO DE AMICIS
 COLLODI (CARLO LORENZINI)
META’ DELL’OTTOCENTO SI DIFFONDE UN TIPO DI NOVELLA INTENSA

 GIOVANNI VERGA
 GRAZIA DELEDDA
TRA LA FINE DELL’OTTOCANTO E L’INIZIO DEL NOVECENTO

 GABRIELE D’ANNUNZIO
 LUIGI PIRANDELLO
NELLA LETTERATURA DEL NOVECENTO LA NOVELLA E’ CHIAMATA PIU’ COMUNEMENTE
RACCONTO, NON VI SONO DIFFERENZE NELLO STILE TRA QUESTI DUE TIPI DI RACCONTI
CIO’ CHE DISTINGUE LA NOVELLA DA ALTRI GENERI NERRATIVI E’ LA LUNGHEZZA, UINFATTI UNA
NOVELLA DURA POCHE PAGINE E RACCONTA SITUZIONI INDIMENTICABILI E CON POCHI TRATTI
PERSONAGGI MOLTO INCISIVI. LE PRINCIPALI DIFFERENZE SI POSSONO NOTARE CON UN
ROMANZO.
L’AMBIENTE
I CAMBIAMENTI DI SCENA SONO MENO FREQUENTI RISPETTO AD UN ROMANZO

 LUOGHI: POSSONO REALI, VEROSIMILI O IMMAGINARI


 TEMPO: PUO’ ESSERE RECENTE O PASSATO, CONTEMPORANEO O MENO ALL’AUTORE,
ESPRESSO IN ORDINE CRONOLOGICO OPPURE PER MEZZZO DI ANTICIPAZIONI O FLASHBACK
I PERSONAGGI
I PERSONAGGI SONO POCHI, PUO’ ESSERNE PRESENTE ANCHE SOLO UNO
LA CARATTERIZZAZIONE DEI PERSONAGGI PUO’ AVVENIRE IN DIVERSI MODI:
 DESCRIZIONE DEL NARRATORE
 DESCRIZIONE DA PARTE DI UN ALTRO PERSONAGGIO
 LE AZIONI DEI PERSONAGGI STESSI
 I LORO DISCORSI O RIFLESSIONI
PUO’ TRATTARSI DI UN PERSONAGGIO NORMALE O ECCEZIONALE
LA TRAMA
L’INTRECCIO DEI FATTI E’ SEMPLICE. LE VICENDE RUOTANO ATTORNO AD UNA SOLA TRAMA O
SITUAZIONE.
VI E’ POCA AZIONE, INFATTI L’AUTORE SI CONCENTRA PRINCIPALMENTE SULLA DESCRIZIONE
DEGLI AMBIENTI E DEI PERSONAGGI.
L’ANDAMENTO DELLA TRAMA E’ COMUNE:

 SITUAZIONE INIZIALE
 SVOLGIMENTO
 CONCLUSIONE
LE TECNICHE NARRATIVE
SITUAZIONE INIZIALE
LA NOVELLA PUO’ AVERE INIZIO CON:

 PRESENTAZIONE DI UNA SITUAZIONE DRAMMATICA


 DESCRIZIONE DEL PROTAGONISTA O DELL’AMBIENTE
 DIALOGO CHE CONDUCE IL LETTORE ALL’INTERNO DELLA SITUAZIONE
 EVENTO IN APPARENZA NON SIGNIFICATIVO ALL’INIZIO, MA DEL QUALE POI IL LETTORE NE
COMPRENDERE IL SENSO
SVILUPPO
LO SVOLGIMENTO DEVE ESSERE VIVACE E AVVINCENTE COSI’ DA CATTURARE L’ATTENZIONE DEL
LETTORE
CONCLUSIONE

 TROVATA A EFFETTO
 SORPRESA
 EVENTO DRAMMATICO
 DELUSIONE
 PUNIZIONE DEL CATTIVO
 RITORNO ALLA NORMALITA’
 LIETO FINE
 FINALE APERTO
IL NARRATORE

 NARRATORE ESTERNO O IMPERSONALE: RACCONTA LE VICENDE IN MODO OGGETTIVO


 NARRATORE ONNISCENTE: CONOSCE I PERSONAGGI E SA QUELLO CHE FANNO E PENSANO
 NARRATORE INTERNO: RACCONTATO DAL PROTAGONISTA, DA UN PERSONAGGIO
SECONDARIO O DA QUALCUNO CHE HA ASSISTITO AI FATTI

ALL’INTERNO DELLA STESSA NOVELLA IL NARRATORE CAMBIA, E QUINDI ANCHE IL PUNTO DI


VISTA DEI FATTI

Potrebbero piacerti anche