Sei sulla pagina 1di 7

Alfredo Maria Santoro

Circolazione monetaria ed economia


a Salerno nei secoli XIII e XIV

All’Insegna del Giglio


Alle mie famiglie:
Clarisse e Luca
Angela, Ugo e Luca
Antonina e Antonino
Dipartimento di Scienze del Patrimonio Saggi, articoli, note, libri da recensire e altri
Culturale materiali vanno inviati a:
Università degli Studi di Salerno Direzione di
Direzione Prof. Mauro Menichetti Medioevo Scavato – Schola Salernitana
via Ponte Don Melillo – 84084 Fisciano Dipartimento di Scienze del Patrimonio Culturale
via Ponte Don Melillo – 84084 Fisciano

Direttore responsabile Medioevo scavato – Schola Salernitana


Paolo Peduto si stampa con il contributo
ppeduto@unisa.it dell’Università degli Studi di Salerno

Comitato scientifico
Rosa Fiorillo Questo numero è stampato con il contributo della
Chiara Lambert Società Fotogrammetrica Meridionale (S.F.M.) e
dell’Università degli Studi di Salerno.
Segreteria di redazione
Angela Corolla
Alfredo M. Santoro

Foto
Salvo diversa indicazione, le foto sono
dell’Autore

In copertina: Federico II, tarì (1197-1220), zecca di Palermo o Messina.

ISSN 2035-5386
ISBN 978-88-7814-515-3
© 2011 All’Insegna del Giglio s.a.s.

Edizioni All’Insegna del Giglio s.a.s


via della Fangosa, 38; 50032 Borgo S. Lorenzo (FI)
tel. +39 055 8450 216; fax +39 055 8453 188
e-mail redazione@edigiglio.it; ordini@edigiglio.it
sito web www.edigiglio.it

Stampato a Firenze nel novembre 2011


Filograf Litografia srl
Indice

Presentazione, di Paolo Peduto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7


Abbreviazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9

I. Connotazioni, forme e struttura della città di Salerno dei secc. XIII e XIV 13
L’ambiente fisico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
Le difese cittadine: il castello e la cinta muraria . . . . . . . . . . . . . . 14
I “quartieri” medievali sino al secolo XIII . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
Le Partes cittadine nei secoli XIII e XIV . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
Le strutture portuali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23

II. Alcune considerazioni su zecche, zecchieri e menzioni monetarie . . . . . . 25


Zecche e zecchieri in Italia meridionale fra la fine del XII e il XIV secolo . 26
La zecca di Salerno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... ... . 26
Le zecche di Manfredonia e Brindisi . . . . . . . . . . . . ... ... . 27
La zecca di Barletta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... ... . 29
Le zecche di Messina e Palermo . . . . . . . . . . . . . . ... ... . 29
La zecca di Napoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... ... . . 29
Le menzioni monetarie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39

III. Formazione e commento di un campione monetale


per la Salerno dei secc. XIII e XIV . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
I reperti del Museo Archeologico Provinciale di Salerno e i reperti da scavo 44
Le emissioni sveve . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
Le emissioni angioine. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
Le emissioni straniere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
Alcune brevi riflessioni conclusive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57

IV. Catalogo delle monete del Museo Archeologico Provinciale di Salerno . . 59


Monete locali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
Emissioni locali incerte e illeggibili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
Monete straniere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97

Bibliografia. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 107
Indice analitico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
Presentazione

Le vicende di Salerno altomedievale sono piuttosto note fra gli storici, poiché la
città divenne, a partire dal secolo VIII, uno dei centri più vitali e prosperi del Medi-
terraneo, e la ricchezza, si sa, produce numerosi favorevoli testimoni. Con i Normanni,
unificata l’Italia meridionale longobardo-bizantina e la Sicilia araba, Palermo assunse
quel ruolo cardine che nessuna altra città del Mediterraneo avrebbe più potuto toglier-
le fino all’avvento degli Angioini. Questi ultimi, arroccandosi per così dire in Terrafer-
ma, preferirono stabilire la loro capitale a Napoli, dove risedette il re e la sua corte,
mentre a Salerno fu assegnato l’emblema principesco dell’erede al trono. Nonostante
ciò la città non riprese quel ruolo avuto con i Longobardi ed i primi Normanni. Al
tempo di Manfredi, con la costruzione di un nuovo porto e l’istituzione di una fiera
interregionale vi fu una rinata attenzione da parte del potere centrale verso la città, ma
poi con gli Angioini furono realizzati a Salerno soltanto dei ridotti interventi limitati
alla ristrutturazione del castello principale che da quel periodo accrebbe la funzione
residenziale, fu poi rinnovata qualche strada e piazza, come l’odierna via dei Mercanti
e costruito qualche nuovo monastero, come S. Domenico. La guerra dei Vespri che
infuriò nella regione a sud di Salerno ebbe un costo elevato per la città poiché la isolò
dalla sua provincia più produttiva, mentre le infrastrutture necessarie alla guerra,
come l’arsenale, giù alla marina – capace al tempo degli ultimi Svevi di realizzare un
adeguato numero di navi – aveva necessità di restauri continui. Gli artigiani dovettero
sopportare pesanti oneri. Nonostante tutto la loro presenza e le loro attività risultano
ancora ben consistenti e tali da caratterizzare intere strade e quartieri. Non solo, an-
cora a distanza di circa un secolo dalla soppressione della zecca cittadina, gli zecchieri
salernitani sono chiamati a prestare la loro opera nella capitale. È il chiaro segno della
conservazione e della trasmissione in città del sapere tecnico all’interno di artigiani
organizzati e molto attivi.
Il sintomo, tuttavia, di un’economia in difficoltà è, probabilmente, dato dall’alta
percentuale di permute in natura e di scambi misti, fatti solo in parte in moneta, anche
se la circolazione di moneta straniera, che appare rilevante, sembra contraddire tale
ipotesi.
Il quadro della ricerca si basa sull’assetto complessivo delle zecche dell’Italia meri-
dionale che di volta in volta assunsero maggiore o minore importanza sulla base delle
politiche locali sviluppate dal potere centrale ed in particolare per la fase del regno
angioino. Si è dovuto tener conto dell’influenza di quelle zecche “straniere” sottoposte
allo stesso potere negli stati crociati dove si produceva una moneta migliore per la
maggiore quantità di fino presente nei tondelli. Un altro sintomo della volubilità del-
l’economia di quei tempi potrebbe essere individuato nell’urgenza dell’alta percentuale
di circolante immesso nei mercati da Carlo I, da Carlo II e da Roberto d’Angiò e dal
suo rapido precipitare con Giovanna I.
Questo lavoro, nell’apportare nuovi dati e riflessioni su un periodo difficile per le
popolazioni del Mezzogiorno, permette di comprendere meglio le condizioni in cui esse
si ritrovarono nel trapasso dal Medioevo verso la Modernità.
PAOLO PEDUTO

Potrebbero piacerti anche