Sei sulla pagina 1di 3

ANNO 2- NUMERO 1

ESTATE 2008

Periodico ufficiale del Centro di Salute Mentale Gargano Sud di S. Marco in Lamis
Direttore responsabile: dott. Michele Grana- Direzione e redazione: Via Sannicandro n. 28- S. Marco in Lamis (FG)- tel/fax: 0882 816547

Salute Mentale & Territorio

Non i soli...
Bologna. ll Centro di

ATTESTATO DI MERITO PER IL CSM GARGANO SUD ALLINTERNAZIONALE EXPOSANITADI BOLOGNA


Unica struttura in Puglia a presentare un progetto riabilitativo atipico e creativo
Lquipe infermieristica del CSM Gargano Sud che ha partecipato al progetto: Un presepe per un sorriso.
lAttacco dell8 Giugno u.s. intitola:

LASL e le istituzioni locali li ignorano, a S. Marco non si sa chi siano, eppure...

LITALIACE LI INVIDIA

Salute Mentale Gargano Sud stato lunico ente in Puglia a presentare un progetto riabilitativo atipico e creativo correlato al contesto territoriale nellambito dei processi riabilitativi istituzionali. Questo il lodevole riconoscimento attenuto dallequipe

Bologna dove, nellambito dei festeggiamenti per il trentennale della Legge 180 (Legge Basaglia), ha ricevuto l importante attestato di merito dal Dipartimento di Salute Mentale di Bologna con la seguente

motivazione: ...aver saputo coniugare lavit riabilitavo-

LA MOTIVAZIONE: ...PER AVER SAPUTO CONIUGARE LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE PSICHIATRICA CON I VALORI DI ALTA RELIGIOSITA DEL TERRITORIO DI COMPETENZA.

Lingresso della biennale EXPOSANITA di Bologna dove stata invitata lquipe del CSM Gargano Sud di S. Marco in Lamis (FG)

DOLORE AL CSM PER LA PERDITA DI Una nuova stella apparsa in Cielo


PAG 3

CIRO DAUGELLO

medicoinfermieristica e di volontari guidata dal dottor Michele Grana, responsabile della struttura, che sabato 31 maggio 2008 stato invitato a l l E X P O S A N I TA , Internazionale Biennale di

psichiatrica con i valori di alta religiosit presen nel territorio di competenza. Riconoscimento che
continua a pag 2

giunge in un momento particolare della vita del

TUTTI AL MARE

I LAVORI DEI NOSTRI AMICI INSERTO SPECIALE ALLINTERNO

30 ANNI DALLA 180

Volontari del CSM in piazza a Foggia


PAG 4

PAG 4

Salute Mentale & Territorio

Non i soli...

...dalla prima

paginadue

Salute Mentale & Territorio

Non i soli...

paginatre
...continua da pag 2 essere presi in carico dal Manager dirigente e non pi dal proprio medico di fiducia e non hanno pi nemmeno il diritto di poter lenire la propria sofferenza per il tempo adeguatamente necessario, come sarebbe pi opportuno. Spesso vengono dimessi nelle stesse condizioni in cui sono stati accettati nei reparti psichiatrici, in virt di una distorta logica economica ( i famosi DRG) che ha messo la cura della malattia in secondo piano rispetto ai bisogni di bilancio dell Azienda che cura. Sono, a nostro avviso, logiche distorte dai bisogni di mercato che stanno completamente snaturando lagire medico nei confronti della patologia psichiatrica. Qualsiasi psichiatra sa bene che in una settimana, quella fatidica del Trattamento Sanitario Obbligatorio, non si mai risolto nessun tipo di problema psichiatrico, per c una legge, quella cui accennavamo, che obbliga gli psichiatri a non trattenere per un periodo prolungato il paziente in ospedale, in virt di una presupposta limitazione della libert personale ed a scapito comunque dei bisogni di cura. La malattia mentale generata dalla rigidit degli schemi di pensiero e paradossalmente, gli operatori psichiatrici devono combattere anche contro la rigidit delle pastoie legali e burocratiche nel momento in cui dovrebbero confrontarsi solo con quella del disturbo psichico. Non sono stati costruiti alloggi e strutture intermedie come alternativa alle poche comunit a 24 ore, per cui i percorsi assistenziali non sono stati bilanciati rispetto al livello di patologia e si raggiunto lassurdo che il malcapitato che va incontro ad un banale episodio depressivo non abbia altre alternative, per esser curato, che gli inadeguati Servizi Psichiatrici di Diagnosi e Cura, insieme alle schizofrenie e ad altre gravi patologie. Le famiglie sono state sovraccaricate del peso della sofferenza dei propri congiunti e lasciate sole e abbandonate senza quel supporto morale, psicologico ed economico ai quali per la loro estrema sofferenza forse avrebbero diritto. In tutto questo sfacelo andiamo, infine, ad accennare a quei pochi casi di buona sanit basata sul sacrificio personale di pochi. Da qualche parte la Sanit italiana stata paragonata ad una nave in difficolt in un mare in tempesta. Ma in quella nave che sta per affondare riusciamo a scorgere pochi marinai che disperatamente si prodigano a portare acqua con le mani nude perch non hanno idrovore n altri adeguati strumenti; e lo fanno con affanno ma con la consapevolezza che forse qualcosa si pu ancora salvare. Sono quei pochi medici, infermieri, volontari , tirocinanti che al di l di tagli di bilanci, pastoie burocratiche, ridimensionamenti degli organici, continuano a tirare acqua con le mani nude mantenendo alto il livello qualitativo dellassistenza sanitaria psichiatrica, quellassistenza di qualit che le Istituzioni, distratte come sono dalle loro stesse pastoie burocratiche, non ancora riescono a far diventare sistema. Quando le azioni di questi marinai diventeranno Sistema Sanit? Quando le nostre ASL si accorgeranno di loro?...continua a pag 4

Sala Convegni EXPOSANITA 2008

Stigma e pregiudizio a trentanni dalla chiusura dei manicomi operata dalla legge 180

EDITORIALE IL DOLORE DISABITATO

di Michele GRANA Metafora stupenda nella sua concisione letteraria, se ci chiediamo di quale dolore si tratta e perch disabitato. Stiamo parlando del dolore psichico, di per s inclinazione allautoemarginazione come rifiuto della realt e rifugio nella propria interiorit. A questo meccanismo autoescludente si aggiungono le bizzarrie comportamentali che il disturbo psichico reca con s e che fanno in modo che lesclusione dal reale avvenga anche ad opera dellambiente circostante.
Ancora oggi a 30 anni dalla Legge180 molti dei pazienti con disturbi psichici gravi passano il tempo sulle panchine del paese.

Centro in quanto, questanno rappresenta il lustro di una attivit riabilitativa iniziata sommessamente cinque anni addietro e che non stata mai incoraggiata, n dallASL, n dalle Istituzioni locali, qualche volta persino ostacolata. Sembra avverarsi questanno il popolare detto nemo propheta in patria, tant che il riconoscimento del lavoro svolto e dagli ospiti e dagli operatori arrivata da fuori regione. La fiera Internazionale

biennale EXPOSANITA di Bologna, nellambito delle manifestazioni dedicate al trentennale della Legge 180 (Legge Basaglia), attraverso il Dipartimento di Salute Mentale di Bologna ,ha voluto riconoscere, la costanza, limpegno, la creativit, latipicit della cornice riabilitativa utilizzata in ambito istituzionale.

Ancora eccessiva enfasi data alla farmacoterapia delle psicosi Intervista al dottor Michele Grana sullesperienza di Bologna
Redazione: Dottor Grana, cosa scientifica? ha detto di nuovo il premio Risposta: Attualmente ci sono Gulliver allExposanit di due posizioni. La prima, con cui Bologna in termini di assistenza personalmente non sono daccordo, al paziente psichiatrico? tende ad dare ai nuovi farmaci Risposta: A differenza dei soliti in circolazione un importanza convegni, ho potuto notare una eccessiva. Ogni volta che esce notevole propensione al fare un nuovo farmaco si tende ad anzich al dire. Molto belli alcuni esaltarlo e ad esagerare i suoi dei progetti riabilitativi fra cui effetti terapeutici dalle campagne quello che pi mi ha colpito, di marketing attuate dalle case oltre al nostro, stato un progetto farmaceutiche. chiamato ladri di biciclette in cui a Pesaro, dove c la cultura del trasporto di biciclette, stata creata una cooperativa di pazienti che fittano e riparano biciclette dismesse dai depositi Psicofarmaci: il guadagno delle multinazionali comunali. E un ottimo esempio Personalmente sono convinto di contestualizzazione dei processi invece che la psichiatria, derivando riabilitativi che dovrebbero essere da psich = anima, in greco anche cuciti su misura del territorio vento, nulla (quindi scienza servito. Daltra parte quello che del nulla) debba privilegiare noi abbiamo fatto e stiamo facendo sempre e comunque la relazione nel momento in cui, operando con terapeutica medico- paziente la riabilitazione, abbiamo tenuto rispetto a quella farmacologica, conto del valore simbolico della comunque necessaria in taluni nativit intesa come famiglia e casi. dellalta religiosit del territorio. Al Csm sconforto e tristezza Si pensi un attimo a S. Pio, a S. Michele al convento di S. Matteo tutte realt presenti e sentite Ci mancherai per i tuoi rari sorrisi nel contesto in cui operiamo. Questa propensione al fare si Gli amici lo discosta notevolmente dagli usi e ricordano costumi della comunit scientifica come un nazionale pi che altro tesa a uomo buono mostrarsi nei congressi e poco E venuto a mancare in questo periodo un incline a lavorare sul campo.

EXPOSANITA: DA BOLOGNA UNA SPINTA AL FARE

La comunit scientifica protesa al dire anzich al fare

Stiamo cercando di far s che ci non accada pi

Nellattuale societ del capitalismo avanzato, il meccanismo razionale della tarda modernit lavora per ottimizzare il prodotto, la societ diviene il villaggio del consumo, chi non si adegua viene espulso e allontanato dai circuiti di un paradiso in realt solo fittizio. La globalizzazione esclude, nel suo movimento coinvolgente, quelli che sono stati definiti, a torto, come diversi, coloro che non possono avere udienza nel mercato, coloro che rappresentano una voce a perdere. Ritornando al dolore psichico che il diverso sente, ci chiediamo anche: perch disabitato e da chi? Chi avrebbe il dovere di entrare in questo tipo di sofferenza e non lo fa? E forse il caso di cominciare a parlare di famiglie escludenti, di Istituzioni assenti, di Sanit che funziona male, di legislazione non adeguata e di un paziente psichiatrico non pi tale ma divenuto utente e lasciato completamente disabitato come tanti altri del Servizio Sanitario Nazionale. Eppure quest ultimo viene decantato da alcuni come il migliore dEuropa. A trentanni dalla chiusura dei manicomi, operata con la Legge Basaglia, oltre a constatare con disappunto la incompleta realizzazione, a macchia di leopardo, di quelle che avrebbero dovuto essere le misure alternative al manicomio e delle quali le Istituzioni avrebbero dovuto occuparsi pragmaticamente e non solo teoricamente, vogliamo soffermarci sullo stigma, il pregiudizio nei confronti della malattia mentale. Questi sfortunati pazienti, cui il Signore ha tolto il ben dellintelletto oggi, oltre al carico di dolore dovuto alla patologia, devono anche sentirsi chiamare Utenti per via dellaziendalizzazione selvaggia di questa societ globalizzante, devono... ...continua a pag 2

...Un lustro di attivita, routinarie e riabilitative mai incoraggiate e sostenute da ASL ed ISTITUZIONI locali, ma rese possibili dalla caparbia volonta di quegli instancabili marinai che continuano a tirare acqua a mani nude in questa sanita che affonda...

il dott. Grana al Premio Gulliver tenutosi allEXPOSANITA di Bologna

Arrivederci Ciro

COSE LINTERNAZIONALE EXPOSANITA


Exposanit: Mostra Internazionale al servizio della sanit e della salute 21/5/2008 Legge 180: un premio di un anniversario Exposanit rappresenta leventoper riferimento per il settore sanit, anche in virt della lunga e consolidata tradizione che lo ha reso appuntamento di successo per tutti gli operatori del comparto. Exposanit da vita ad una vera e propria rassegna di saloni, ognuno con una specificit propria, allinterno del comune contenitore sanit: Salone delle tecnologie e prodotti per ospedali, Salone delle apparecchiature e prodotti per la diagnosi, Salone dellinformatica sanitaria e della telemedicina, Salone dellemergenza sanitaria, Handicap, Ortopedia, Riabilitazione, Umanizzazione Sanitaria, Rassegna dei progetti e delle realizzazioni per la qualit del Servizio Sanitario, Idee, prodotti e servizi per la terza et, Organizzazione, tecnologie, Medical Innovation & Technology. Prodotti, tecnologie e soluzioni per la salute mentale. Grazie alla suddivisione in saloni tematici, Exposanit garantisce una vetrina espositiva altamente qualificata e specializzata, dove trovare i prodotti e le tecnologie pi innovative applicate ai vari settori della sanit.I visitatori di Exposanit sono numerosi ad ogni edizione, tanto da raggiungere le 25 mila unit, con una importante presenza di realt straniere. Exposanit organizzato a cadenza biennale grazie alla collaborazione di Senaf, Bologna.

esempio di arteterapia

Redazione: Cosa emerso di nuovo nella cura farmacologica e qual al momento la posizione ufficiale della comunit

nostro gradito amico frequentatore del Centro. Grande stato il dolore per la sua dipartita e vogliamo spendere due parole in sua voce, per dar voce a chi non ha mai avuto voce. Ciro DAugello, meccanico di S. Marco in Lamis. Se ne andato in silenzio cos come vissuto: un esistenza triste racchiusa in un dolore disabitato conclusasi con una tragica fine per arresto cardiaco. Lascia il ricordo del suo affetto e dei suoi pochi sorrisi soprattutto negli amici di sventura conosciuti al Centro i quali lo ricordano come un buon uomo. Al di l delle scempiaggini burocratiche e alle parole spese non possiamo che tacere dinanzi al mistero di una vita spezzata e racchiusa in un dolore al quale noi del Centro di Salute Mentale ci inchiniamo impotenti nella speranza che finalmente la sua anima trovi pace dopo una vita cos segnata dalla sofferenza.

Salute Mentale & Territorio


...continua da pag 3 Quando smetteranno di chiedere loro di giocare a poker con le carte da briscola?Ma andiamo oltre e, utilizzando la metafora del nemo profeta in patria, facciamo un salto alla Fiera Internazionale biennale EXPOSANITA di Bologna. Indovinate chi ci ritroviamo? Il Centro di Salute Mentale Gargano Sud di S. Marco in Lamis, unica struttura istituzionale in Puglia a presentare un progetto riabilitativo, nellambito dei programmi istituzionali, creativo ed al contempo atipico, che ha saputo coniugare riabilitazione psichiatrica e contestualit territoriale, utilizzando come cornice riabilitativa un laboratorio di presepistica artigianale dove, grazie allinsito simbolismo, alla possibilit di intrinseca variabile creativit, i pazienti del Centro sono aiutati, da circa un lustro di tempo, a migliorare nella loro patologia. Il tutto in totale autogestione economica e in un silenzio umile, non colto o apprezzato dalle Istituzioni locali e dalla stessa ASL di appartenza. Parlavamo prima dello stigma che circonda il mondo della psichiatria e, al di l degli allarmi che si verificano a seguito di fatti di cronaca al di l delle pi note campagne antistigma del Ministero della Salute, crediamo che questo tipo di pregiudizio non risparmi, in loco, nemmeno gli operatori di questo Centro di Salute Mentale, visto che, dopo oltre ventanni di esistenza sul territorio, non ha nemmeno uninsegna che ne indichi lesistenza. E pensare che nel vicino pronto soccorso locale, oltre alle molteplici insegne: Pronto Soccorso, in italiano, come se non bastasse, ne stata creata affianco, a caratteri cubitali, unaltra che in maniera esterofila recita: EMERGENCY in un contesto in cui forse la comprensione del termine non proprio da tutti.

Non i soli...

paginaquattro
I disturbi mentali si possono curare
Anche il CSM Gargano sud scende in campo contro lo stigma

L11 maggio si svolta a Foggia la manifestazione lUtopia Possibile

Il maestro di presepistica Antonio Marcheggiano impegnato nella vendita dei manufatti allo stand.

Foto di gruppo dei volontari AVO, Antonio Cruciano, Pina Luciano e la psicologa volontaria Francesca Bocola

Foggia. L11 maggio 2008 in occasione del trentennale della Legge 180 (Basaglia)si svolta una manifestazione nellisola pedonale della citt di Foggia intitolata LUtopia Possibileed organizzata dal CSM 3 di Troia. Si trattato di una mostra di stand dedicati ai manufatti realizzati dai pazienti dei vari Centri di Salute Mentale della Puglia. Anche il CSM Gargano Sud di S. Marco in Lamis stato presente in piazza con i suoi volontari a cui va un sentito ringraziamento attraverso le pagine di questo giornale. Lo scopo dello stand stato quello di esportare, insieme alle statuine da presepe realizzate dai pazienti, la trasmissione dei valori legati alla lotta ai pregiudizi, al reinserimento sociale dei pazienti, alluscita dal loro isolamento e per stabilire contatti con le istituzioni al fine di migliorare le politiche di sostegno per questa categoria di persone. Limpegno del CSM alla valorizzazione, umanizzazione e conoscenza delle problematiche della salute mentale si rivolto alle centinaia di visitatori che hanno affollato lo stand. 30 anni fa iniziava liter di applicazione della Legge 180, nota come Legge Basaglia, che chiudeva i manicomi e avviava un lungo e complicato processo per lassistenza del malato psichiatrico nel territorio. Il CSMGargano Sud si dedicato alla costruzione di un articolato processo assistenziale dellutente psichiatrico, affrontando un percorso straordinario e difficilissimo: garantire quotidianamente una risposta a chi non riesce pi a distinguere tra sogno e realt, a chi cancella drammaticamente i legami della sua vita sociale e con essi affetti e relazioni, a chi si sente un alieno in un mondo che non riconosce, a chi ha perso completamente il senso di s e non sa usare le parole per comunicare un terrore profondo. Cos si dato corpo a unidea di assistenza territoriale basata sullimpegno di persone (volontari) che hanno cercato di ritagliare uno spazio nella vita quotidiana a qualcuno che in quella vita non riusciva pi a riconoscersi, persone votate allassistenza, che rappresentano una realt misconosciuta in Italia, ma che sono una ricchezza unica nel mondo perch con impegno, coraggio, dedizione hanno accettato una sfida spesso molto superiore alle proprie forze.

Il significato della Legge Basaglia

Come trascorrono le vacanze i pazienti del CSM?


Gite a Torre Mileto in mattinata organizzate dallequipe
un bel bagno. Verso le ore 13 ci si preparava per il rientro tutti felici e contenti. Leonardo, altro frequentatore del Centro, ha preferito alro genere di vacanza, la gita turistica e ci racconta la sua vacanza passata in citt: stato molto bello andare a passare un breve periodo in un altro posto dove ho potuto apprezzare le attrattive del posto come: monumenti, giardini, piazze, sagre, opere darte. Tutto ci ha contribuito a rivolgere la mia attenzione su altre attivit ugualmente gradite. Il tempo volato in fretta tra le partite degli europei, le passeggiate e le brevi chiacchierate con gente del posto.

Inizi di luglio, il bel tempo si fa sentire anche al CSM

...Brevi interviste agli operatori di altre specialit dello stesso Ospedale locale hanno evidenziato che nemmeno sanno cos e dov il Centro di Salute Mentale.
Quei marinai di cui parlavamo prima, ovvero quegli operatori sanitari che, a dispetto di questa inconcludente sanit, estremamente disumanizzata dalle nuove tecnologie, rendono pi umani ed accoglienti i luoghi di sofferenza, dovrebbero avere il nostro plauso ed un sincero ad maiora, visto che sulla propria pelle, sparsi in tutta italia rendono pi a misura duomo un Sistema sanitario buracrotizzato ed inumano e vanno ad abitare quella particolare sofferenza caricandosi di quel dolore disabitato cos difficile da attenuare.

Al rientro tutti felici e contenti per la bella esperienza

Lquipe infermieristica ha coordinato delle uscite a Torre Mileto con gli utenti del Centro. I nostri ragazzi si davano appuntamento in via Sannicandro e si organizzava la giornata per recarsi al mare. Erano molto contenti e felici. Giocavano sulla spiaggia con il pallone, alla bandierina, a pallavolo, si cantava. A met giornata si faceva un piccolo spuntino, si raccontavano barzellette, qualcuno prendeva la tintarella, qualche altro preferiva

Salute Mentale & Territorio Periodico del Centro di Salute Mentale


Anno 2 - N2
Gargano Sud di S. Marco in Lamis

Non i soli...

CHI SIAMO

Estate 2008

Direttore Responsabile: dott. Michele Grana Redazione: Via Sannicandro N 28 tel/Fax: 0881 816457 e-mail: csmgarganosud@libero.it CAP 71014- S. Marco in Lamis (FG) Grafica e impaginazione: Prof. Alessandro Maddalena

STAMPATO IN PROPRIO
LA COLLABORAZIONE E VOLONTARIA E GRATUITA