Sei sulla pagina 1di 8

2.

YAMAHA TF-1

12
LEGENDA SWITCH

BYPASS EFFETTI:

EFFETTO ACCESO

EFFETTO SPENTO

PRE/POST FADER:
POST FADER

PRE FADER

13
PATCH BAY I/O
Per effettuare l’assegnazione iniziale dei canali accede alla schermata principale dove
vengono mostrati i vari canali del banco e aprire il gain del primo canale.

Una volt aperto nella schermata selezionare la voce SLOT 1 e poi, successvamente, la
voce in basso a destra 1-16 ALL SLOT per estendere la scelta a tutti i 16 canali oppure
manualmente sui singoli canali.

14
DEFINIZIONE MATRIX
Per definire i matrix, innanzittutto accediamo alla schermata delle impostazioni e
selezioniamo la voce Bus Setup e scorriamo fino in fondo dove troviamo la possibilità
di decidere come impostare tra Stereo e Mono le 4 Matrix a disposizione.

Successivamente accediamo al fader bank output dal quale


possiamo vedere i master fader delle matrix

Una volta selezionata la matrix interessata, selezionare send from e alzare i fader del
master a 0 dB (nel caso delle matrix mono a -6.00 dB).

15
DEFINIZIONE VCA
Per definire i VCA, innanzi tutto accediamo al
layer GROUP del banco di fader tramite la
pressione contemporanea dei tasti INPUT 1 e
INPUT 2.
Scegliamo uno dei VCA indicati come DCA da 1 a 8 e sul touchscreen e semplicemente
selezioniamo i canali e/o effetti (solamente i predisposti dal banco) che vogliamo
assegnare.

DEFINIZIONE GRUPPI
Per definire dei gruppi sfruttiamo le Aux Mono o Stereo che il banco mette a
disposizione. Nel caso di un Gruppo batteria prendiamo una Aux Stereo e per prima
cosa la impostiamo Post Fader tramite il tasto All Post oppure manualmente tramite i
singoli tasti PRE.

16
Alziamo i fader interessati, in questo caso quelli della batteria, a 0 dB. Disassegniamo
i singoli canali dal Master e assegniamo la nostra Aux (ora Gruppo) al Master.

DEFINIZIONE RACK FX
Per definire gli effetti disponiamo di due
sezioni fisiche sul pannello del banco FX 1
ed FX 2.
Premere il tasto ON per accendere l’effetto
e successivamente il tasto EDIT per avere
l’esploso delle sue funzioni sul
touchscreen dal quale è possibile cambiarne la tipologia, il ritorno effetto è regolato
dall’encoder indicato come LEVEL.
Per effettuare la mandata effetto selezioniamo la channel strip del canale interessato
tramite il tasto SEL.
Successivamente nella sezione Send son Fader a destra del Master selezioniamo uno
dei due FX che inizierà a lampeggiare, alzando il fader del canale interessato
effettueremo la mandata verso l’effetto.
Per aggiungere effetti ai monitoraggi selezioniamo l’Aux corrispondente all’ascolto
interessato e apriamo l’encoder LEVEL di ritorno nella sezione effetti dell’effetto
interessato.

17
DEFINIZIONE EFFETTO ADDIZIONALE
Per definire un’ulteriore effetto oltre i due normalmente predisposti, selezioniamo
una Aux stereofonica libera che imposteremo come Post fader tramite il tasto All Post
oppure manualmente le singole mandate interessate tramite il tasto PRE.

Procediamo aggiungendo in insert il processore di effetto interessato che andrà


acceso e successivamente con la modalità Sends on Fader assegneremo i canali

ACCENSIONE
CAMBIO EFFETTO

l’effetto infine andrà assegnato al master.

18
ASCOLTI
Per definire gli ascolti è necessario selezionare nell’area Sends on Fader a destra del
Master Fader uno dei tasti Aux 1-8 per degli ascolti Mono (Wedge) oppure i tasti Aux
9-10 a 19-20 per degli ascolti Stereo (IEM).
Successivamente effettuare un mix alzando i fader dei canali interessati all’interno
dell’Aux selezionata.

19

Potrebbero piacerti anche