Sei sulla pagina 1di 74

Manuale CENED - Vers. 1.0.

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

PREMESSA
Il presente manuale duso, curato da CESTEC SPA, uno strumento di supporto alluso + del software CENED . Tale manuale, che pure affronta la completa implementazione dei dati nel programma di calcolo, sar oggetto di ulteriori modifiche ed integrazioni, anche attraverso le segnalazioni che perverranno dai professionisti coinvolti nel processo di certificazione energetica degli edifici.

Questa pubblicazione, o parte di essa, non pu essere riprodotta, se non per uso privato, in nessuna forma, in alcun modo e per nessuno scopo, senza autorizzazione scritta di Cestec S.p.A. Questo manuale, o parte di esso, non pu essere pubblicato in nessuna forma e tramite alcun mezzo, senza autorizzazione scritta di CESTEC SPA. CESTEC SPA si riserva il diritto di apportare, ogni qualvolta lo ritenga necessario, modifiche ed integrazioni al presente manuale.

CESTEC SPA AREA EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA


Viale Francesco Restelli 5/A, 20124 Milano, (Italy)

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Indice

Obiettivi ................................................................................................................. 11 1.1 Approccio metodologico ................................................................................ 11

GUIDA ALLINSTALLAZIONE ................................................................................... 12 2.1 2.2 2.3 Requisiti minimi di sistema ............................................................................ 12 Visualizzazione ............................................................................................... 12 Installazione del software .............................................................................. 12

FUNZIONI DEL SOFTWARE ..................................................................................... 14 3.1 Schermata tipo ............................................................................................... 15 Barra dei men ......................................................................................... 16 File ............................................................................................................ 16 Nuovo XML ...................................................................................... 17 Importa XML .................................................................................... 18 Esporta XML..................................................................................... 19 Importa DB utente ........................................................................... 20 Esporta DB utente ........................................................................... 21 Esporta Log ...................................................................................... 22 Esci ................................................................................................... 22

3.1.1 3.1.2

3.1.2.1 3.1.2.2 3.1.2.3 3.1.2.4 3.1.2.5 3.1.2.6 3.1.2.7 3.1.3

Visualizza .................................................................................................. 23 Gestione subalterni ......................................................................... 23 Interventi migliorativi ...................................................................... 24 Inserisci intervento migliorativo ................................................. 24

3.1.3.1 3.1.3.2 3.1.3.2.1

3.1.3.2.1.1
3.1.3.2.2 3.1.3.2.3 3.1.3.3 3.1.3.4 3.1.3.5 3.1.3.6 3.1.4

Intervento migliorativo ............................................ 25

Elimina intervento migliorativo................................................... 31 Modifica intervento migliorativo ................................................ 31 Impostazioni metodi di calcolo........................................................ 32 Gestione strutture ........................................................................... 32 Definizione ambienti ....................................................................... 32 Note del certificatore ...................................................................... 33
+

? ................................................................................................................ 33 Informazioni su CENED ................................................................... 34

3.1.4.1 3.2 3.3

Barra di selezione dei moduli e sottomoduli.................................................. 34 Area del soggetto certificatore ...................................................................... 35

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

3.4 3.5 3.6 3.7

Area di inserimento dati................................................................................. 35 Suggerimenti .................................................................................................. 36 Subalterni ....................................................................................................... 36 Altre funzioni .................................................................................................. 42 Segnalazione errore ................................................................................. 42 Pulsanti ..................................................................................................... 43 Salvataggio dati ........................................................................................ 44 Valori numerici ......................................................................................... 44
+

3.7.1 3.7.2 3.7.3 3.7.4 4

INTEGRAZIONE CATASTO ENERGETICO E SOFTWARE CENED .............................. 46 4.1 Modalit di redazione dellACE ...................................................................... 46

DATI GENERALI E CLIMATICI .................................................................................. 47 5.1 Dati catasto energetico .................................................................................. 47 Edificio ...................................................................................................... 48 Proprietario e responsabile dellimpianto................................................ 50 Codice certificatore .................................................................................. 51

5.1.1 5.1.2 5.1.3 5.2

Dati generali ................................................................................................... 52 Richiesta ................................................................................................... 53 Professionisti ............................................................................................ 54 Edificio ...................................................................................................... 55 Impostazioni metodi di calcolo ................................................................ 59 Fattore correttivo FT ................................................................................. 60 Subalterno ................................................................................................ 63 Inserisci subalterno ......................................................................... 64 Zone termiche ............................................................................. 66

5.2.1 5.2.2 5.2.3 5.2.4 5.2.5 5.2.6

5.2.6.1 5.2.6.1.1

5.2.6.1.1.1 5.2.6.1.1.2
5.2.6.2 5.2.6.3 6

Inserisci zona termica ............................................... 67 Elimina zona termica ................................................ 68

Elimina subalterno ........................................................................... 69 Modifica subalterno ........................................................................ 70

ENERGIA NETTA ..................................................................................................... 75 6.1 Zona termica .................................................................................................. 75 Dati zona termica ..................................................................................... 75 Dati subalterno ................................................................................ 76 Tipo di struttura............................................................................... 78 Ambienti riscaldati........................................................................... 81

6.1.1

6.1.1.1 6.1.1.2 6.1.1.3

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

6.1.1.4 6.1.2

Ambienti raffrescati ......................................................................... 83

Carichi interni/ ventilazione ..................................................................... 83 Carichi interni .................................................................................. 83 Ventilazione ..................................................................................... 84 Ventilazione naturale, aerazione ed infiltrazioni ........................ 85 Ventilazione meccanica a semplice flusso .................................. 86 Ventilazione meccanica a doppio flusso ..................................... 88

6.1.2.1 6.1.2.2 6.1.2.2.1 6.1.2.2.2 6.1.2.2.3 6.2

Involucro ........................................................................................................ 92 Elementi disperdenti ................................................................................ 92 Inserisci elemento ........................................................................... 93 Nuovo elemento opaco ............................................................... 94

6.2.1

6.2.1.1 6.2.1.1.1

6.2.1.1.1.1 6.2.1.1.1.2 6.2.1.1.1.3 6.2.1.1.1.4 6.2.1.1.1.5 6.2.1.1.1.6 6.2.1.1.1.7 CENED

Struttura da archivio (elemento opaco) ................... 96 Archivio strutture ..................................................... 98 Archivio strutture CENED ......................................... 98 Archivio strutture PERSONALE ............................... 102 Archivio strutture PERSONALE: Nuova struttura opaca 103 Archivio strutture PERSONALE: Archivio materiali. 105 Archivio strutture PERSONALE: Archivio materiali 106

6.2.1.1.1.8 Archivio strutture PERSONALE: Archivio materiali PERSONALE 109 6.2.1.1.1.9 Nuovo materiale da scheda tecnica ....................... 111

6.2.1.1.1.10 Struttura da scheda tecnica (elemento opaco) .... 116


6.2.1.1.2 Nuovo elemento trasparente .................................................... 118

6.2.1.1.2.1 6.2.1.1.2.2
6.2.1.2 6.2.1.3 6.2.2

Struttura da archivio (elemento trasparente)........ 119 Struttura da scheda tecnica (elemento trasparente) 126

Elimina elemento........................................................................... 131 Modifica elemento ........................................................................ 132

Superfici di involucro .............................................................................. 133 Inserisci superficie opaca/trasparente .......................................... 135 Nuova superficie opaca ............................................................. 136

6.2.2.1 6.2.2.1.1

6.2.2.1.1.1
6.2.2.1.2

Ponti termici ........................................................... 149

Nuova superficie trasparente.................................................... 154

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

6.2.2.2 6.2.2.3 6.2.3

Elimina superficie .......................................................................... 165 Modifica superficie ........................................................................ 166

Superfici serra ........................................................................................ 167 Inserisci superficie opaca/trasparente .......................................... 170 Nuova superficie opaca ............................................................. 171 Nuova superficie trasparente.................................................... 177 Elimina superficie .......................................................................... 186 Modifica superficie ........................................................................ 187

6.2.3.1 6.2.3.1.1 6.2.3.1.2 6.2.3.2 6.2.3.3 6.3

Umidit ......................................................................................................... 188 Vapore dacqua ...................................................................................... 188

6.3.1 6.4

ACS (Acqua Calda Sanitaria) ......................................................................... 191 Fabbisogno ACS ...................................................................................... 191

6.4.1 6.5

Illuminazione ................................................................................................ 194 Illuminazione naturale ........................................................................... 194 Inserisci ambiente .................................................................................. 195 Nuovo ambiente ..................................................................................... 195 Inserisci propriet luminose .......................................................... 198 Superficie trasparente ............................................................... 198 Elimina propriet luminosa ........................................................... 199

6.5.1 6.5.2 6.5.3

6.5.3.1 6.5.3.1.1 6.5.3.2 6.5.4 6.5.5 6.5.6 7

Elimina ambiente ................................................................................... 200 Modifica ambiente ................................................................................. 201 Sistemi di controllo................................................................................. 202

ENERGIA PRIMARIA ............................................................................................. 206 7.1 7.2 Potenze termiche ed elettriche .................................................................... 206 Centrali termiche.......................................................................................... 206 Inserisci centrali termiche ...................................................................... 208 Nuova centrale termica ................................................................. 209 Sottosistema di accumulo ......................................................... 213

7.2.1

7.2.1.1 7.2.1.1.1

7.2.1.1.1.1 Sottosistema di accumulo (installazione prima del 20 luglio 2007) 214 7.2.1.1.1.2 Sottosistema di accumulo (installazione prima del 20 luglio 2007, calcolo analitico) ...................................................... 215 7.2.1.1.1.3 Sottosistema di accumulo (installazione prima del 20 luglio 2007, calcolo forfettario) ................................................... 219

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

7.2.1.1.1.4 Sottosistema di accumulo (installazione dopo il 20 luglio 2007) 220 7.2.1.1.1.5


7.2.1.1.2

Ausiliari elettrici ..................................................... 224

Sottosistema di generazione ..................................................... 226

7.2.1.1.2.1

Nuovo sottosistema di generazione....................... 230

7.2.1.1.2.2 Caratteristiche del generatore (riscaldamento/ climatizzazione invernale o generazione combinata per riscaldamento e produzione di ACS) ........................................... 233 7.2.1.1.2.3 7.2.1.1.2.4 Generatore tradizionale ......................................... 234 Generatore multistadio o modulante .................... 243

7.2.1.1.2.5 Caratteristiche del generatore _ Generatore condensazione ............................................................................. 252 7.2.1.1.2.6 Generatore modulante 262 7.2.1.1.2.7 7.2.1.1.2.8 7.2.1.1.2.9 a condensazione multistadio o

Generatore ad aria calda ........................................ 272 Pompa di calore...................................................... 277 Teleriscaldamento .................................................. 280

7.2.1.1.2.10 Cogenerazione...................................................... 285 7.2.1.1.2.11 Nuovo sottosistema di generazione (solo produzione di ACS) 286 7.2.1.1.2.12 Elimina sottosistema di generazione ................... 295 7.2.1.1.2.13 Modifica sottosistema di generazione ................. 296 7.2.1.1.2.14 Sposta sottosistema di generazione .................... 297
7.2.1.1.3 7.2.1.2 7.2.1.3 7.3 Ripartizione potenze termiche ed elettriche ............................ 299 Elimina centrale termica ................................................................ 300 Modifica centrale termica ............................................................. 301

Sistemi impiantistici ..................................................................................... 302 Inserisci sistema impiantistico ............................................................... 303 Nuovo sistema impiantistico ......................................................... 304 Riscaldamento e climatizzazione invernale............................... 306

7.3.1

7.3.1.1 7.3.1.1.1

7.3.1.1.1.1 7.3.1.1.1.2 7.3.1.1.1.3

Sottosistema di emissione ..................................... 306 Sottosistema di distribuzione ................................. 311 Sottosistema di accumulo ...................................... 315

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

7.3.1.1.1.4 Sottosistema di accumulo (installazione prima del 20 luglio 2007) 316 7.3.1.1.1.5 Sottosistema di accumulo (installazione prima del 20 luglio 2007, calcolo analitico) ...................................................... 317 7.3.1.1.1.6 Sottosistema di accumulo (installazione prima del 20 luglio 2007, calcolo forfettario) ................................................... 321 7.3.1.1.1.7 Sottosistema di accumulo (installazione dopo il 20 luglio 2007) 322
7.3.1.1.2 Ventilazione meccanica ............................................................. 326

7.3.1.1.2.1 7.3.1.1.2.2 7.3.1.1.2.3 7.3.1.1.2.4 7.3.1.1.2.5 7.3.1.1.2.6


7.3.1.1.3

Sottosistema di emissione ..................................... 326 Sottosistema di distribuzione Av ............................ 327 Sottosistema di distribuzione Dv............................ 328 Nuovo tratto di rete ............................................... 330 Elimina tratto di rete .............................................. 334 Modifica tratto di rete ............................................ 334

Acqua calda sanitaria ................................................................ 335

7.3.1.1.3.1 7.3.1.1.3.2 7.3.1.1.3.3 7.3.1.1.3.4 7.3.1.1.3.5 7.3.1.1.3.6 7.3.1.1.3.7 7.3.1.1.3.8


7.3.2 7.3.3 7.4

Sottosistema di erogazione .................................... 335 Sottosistema di distribuzione ................................. 336 Sottosistema di distribuzione (sistema Senza ricircolo) 337 Nuovo tratto di rete ............................................... 340 Sottosistema di distribuzione (sistema Con ricircolo) 341 Nuovo tratto di rete ............................................... 341 Elimina tratto di rete .............................................. 344 Modifica tratto di rete ............................................ 345

Elimina sistema impiantistico ................................................................. 346 Modifica sistema impiantistico .............................................................. 347

Ramificazioni del Sistema Impiantistico ....................................................... 348 Inserisci ramificazione SI ........................................................................ 349 Nuova ramificazione ...................................................................... 350 Riscaldamento e climatizzazione invernale............................... 352

7.4.1

7.4.1.1 7.4.1.1.1

7.4.1.1.1.1 7.4.1.1.1.2

Sottosistema di emissione ..................................... 352 Sottosistema di distribuzione ................................. 355

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

7.4.1.1.1.3
7.4.1.1.2

Sottosistema di accumulo ...................................... 357

Ventilazione meccanica ............................................................. 359

7.4.1.1.2.1 7.4.1.1.2.2 7.4.1.1.2.3 7.4.1.1.2.4


7.4.1.1.3

Sottosistema di emissione ..................................... 359 Sottosistema di distribuzione Av ............................ 360 Sottosistema trattamento aria ............................... 361 Sottosistema di distribuzione Dv............................ 362

Acqua calda sanitaria ................................................................ 363

7.4.1.1.3.1 7.4.1.1.3.2
7.4.2 7.4.3 7.5

Sottosistema di erogazione .................................... 363 Sottosistema di distribuzione ................................. 364

Elimina ramificazione SI ......................................................................... 365 Modifica ramificazione SI ....................................................................... 366

Associazioni zone termiche .......................................................................... 367 Inserisci associazione zona termica ........................................................ 368 Nuova associazione zona termica ................................................. 369

7.5.1

7.5.1.1 7.5.2 7.5.3 7.6

Elimina associazione zona termica ......................................................... 374 Modifica associazione zona termica ...................................................... 375

Solare termico e fotovoltaico ....................................................................... 376 Solare termico ........................................................................................ 376 Inserisci solare termico .................................................................. 377 Nuovo solare termico ................................................................ 378

7.6.1

7.6.1.1 7.6.1.1.1

7.6.1.1.1.1 7.6.1.1.1.2

Collettore e circuito................................................ 379 Accumulo................................................................ 385

7.6.1.1.1.3 Nuovo solare termico _ Accumulo (a preriscaldamento solare) ............................................................ 385 7.6.1.1.1.4
7.6.1.2 7.6.1.3 7.6.2

Accumulo (con riscaldatore ausiliario) ................... 387

Elimina solare termico ................................................................... 392 Modifica solare termico ................................................................ 393

Solare fotovoltaico ................................................................................. 395 Inserisci solare fotovoltaico ........................................................... 396 Nuovo solare fotovoltaico ......................................................... 397 Elimina solare fotovoltaico ............................................................ 404 Modifica solare fotovoltaico.......................................................... 404

7.6.2.1 7.6.2.1.1 7.6.2.2 7.6.2.3 7.7 8

Calcolo .......................................................................................................... 405

INDICATORI.......................................................................................................... 407

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

8.1 8.2 9

Energia termica ............................................................................................ 407 Energia primaria ........................................................................................... 408

COMPILAZIONE RELAZIONE TECNICA EX LEGGE 10 ............................................ 410 9.1 Legge 10 ....................................................................................................... 410 Creazione legge 10 ................................................................................. 410

9.1.1

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

10

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

1 OBIETTIVI
Il presente manuale si propone come guida duso e supporto nellimplementazione dei + dati nel software CENED . La struttura del presente manuale pensata per consentire sia una consultazione sequenziale dei capitoli secondo lordine previsto, sia una consultazione puntuale mirata alla sezione oggetto di interesse.

1.1 Approccio metodologico


Il software CENED implementa gli algoritmi contenuti nel Decreto Direttore Generale 11 Giugno 2009, n. 5796. Tale metodologia di calcolo assume come principali riferimenti le norme UNI/TS 11300- 1- 2- 4 (pr) e le normative riportate al punto E.5 del D.d.g. n. 5796. Ai fini della spiegazione dei dati imputati nel software e del reperimento di parametri di riferimento, il presente manuale rimanda spesso al D.d.g. n. 5796, a cui, da qui in poi, ci si riferir come procedura di calcolo.
+

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

11

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

2 GUIDA ALLINSTALLAZIONE
2.1 Requisiti minimi di sistema
Per un corretto funzionamento del software necessario aver installato i seguenti prodotti: Java
TM

Requisiti minimi richiesti

Version 6 Update 16;

Adobe Acrobat Reader.

2.2 Visualizzazione
Per una corretta visualizzazione a monitor del software necessaria unarea dello schermo minima pari a 1280 x 1024 pixel. Nel caso di unarea inferiore, se consentito, possibile modificarla nelle Impostazioni schermo (Figura 2.), accedendo alla maschera relativa da Pannello di controllo oppure direttamente dal desktop mediante il tasto destro del mouse selezionando lopzione Personalizza.

Ottimizzare la visualizzazione

Figura 2.1 Impostazioni schermo

2.3 Installazione del software


Il software CENED disponibile sul sito www.cened.it ed possibile scaricarlo dallarea Download del sito stesso dopo aver eseguito lautenticazione come soggetto certificatore. Il software viene scaricato ed installato automaticamente.
+

Download CENED+

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

12

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Allavvio il sistema cercher di aggiornare o di caricare JAVA versione 6 o successive. Nel caso JAVA non sia gi installato nel sistema, o qualora laggiornamento non venga eseguito in automatico, si consiglia di verificare la versione installata attraverso il sito: http://www.java.com/it/download/installed.jsp In alternativa, si consiglia di procedere allinstallazione manuale di Java attraverso il link sotto riportato (sistemi operativi Windows): http://www.java.com/it/download/index.jsp Una volta installato, lapplicativo avviabile tramite le icone presenti sul desktop oppure dal men programmi. Per rimuovere l'installazione di CENED dal computer occorre aprire il pannello di controllo, cliccare il tasto JAVA, selezionare la voce Visualizza nei File temporanei + Internet, selezionare CENED e cliccare elimina.
+

Una volta installato, il software CENED non viene visualizzato tra le applicazioni in Pannello di controllo. Nel caso in cui le icone non venissero create occorre cliccare su Start, aprire il Pannello di controllo e passare alla Visualizzazione classica. Il software funziona sulla Java Machine come programma stand-alone. Con questa modalit di funzionamento il programma non deve essere n aggiornato n disinstallato in caso di problemi, ma sufficiente collegarsi al sito www.cened.it, autenticarsi come soggetto certificatore e dare lautorizzazione per il download degli aggiornamenti. possibile avere sempre a disposizione lultima versione disponibile del software e i database completi ed aggiornati. Per la corretta redazione dellAttestato di Certificazione Energetica necessario + mantenere aggiornato il software CENED . Allautenticazione sul sito www.cened.it del soggetto certificatore il sistema informativo propone allutente il download degli aggiornamenti disponibili.

ATTENZIONE: Download aggiornamenti

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

13

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

3 FUNZIONI DEL SOFTWARE


Lo strumento CENED finalizzato alla Certificazione ENergetica degli EDifici. Il software basato sulla procedura di calcolo approvata da Regione Lombardia con decreto dirigenziale n. 5736, 11/06/2009. Il programma CENED consente di determinare, ai fini della valutazione delle prestazioni energetiche degli edifici oggetto di certificazione, alcuni indicatori significativi presentati di seguito: 1. il fabbisogno annuale specifico di energia termica per il riscaldamento o per la 2 3 climatizzazione invernale, ETH, espresso in kWh/m anno o kWh/m anno a seconda della destinazione duso delledificio; il fabbisogno annuale di energia termica per il raffrescamento o per la 2 3 climatizzazione estiva, ETC, espresso in kWh/m anno o kWh/m anno a seconda della destinazione duso delledificio; il fabbisogno annuale specifico di energia termica per la produzione di acqua 2 3 calda sanitaria, ETW, espresso in kWh/m anno o kWh/m anno a seconda della destinazione duso delledificio; il fabbisogno annuale di energia primaria per il riscaldamento o per la 2 3 climatizzazione invernale, EPH, espresso in kWh/m anno o kWh/m anno a seconda della destinazione duso delledificio; il fabbisogno annuale di energia primaria per la produzione di acqua calda 2 3 sanitaria, EPW, espresso in kWh/m anno o kWh/m anno a seconda della destinazione duso delledificio; il fabbisogno annuale di energia primaria totale per usi termici, EPT, espresso 2 3 in kWh/m anno o kWh/m anno a seconda della destinazione duso delledificio; il fabbisogno annuale di energia primaria per lilluminazione, EPL, espresso in 2 3 kWh/m anno o kWh/m anno a seconda della destinazione duso delledificio; il contributo annuale di energia prodotta da un impianto solare termico per il riscaldamento o per la climatizzazione invernale, EST,H, espresso in 2 3 kWh/m anno o kWh/m anno a seconda della destinazione duso delledificio; il contributo annuale di energia prodotta da un impianto solare termico per la 2 produzione di acqua calda sanitaria, EST,W, espresso in kWh/m anno o 3 kWh/m anno a seconda della destinazione duso delledificio;
+ +

Indicatori di prestazione energetica

2.

3.

4.

5.

6.

7.

8.

9.

10. il contributo annuale di energia elettrica prodotta da un impianto solare 2 3 fotovoltaico, EFV, espresso in kWh/m anno o kWh/m anno a seconda della destinazione duso delledificio;

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

14

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

11. lefficienza globale media annuale dellimpianto termico per il servizio di riscaldamento o climatizzazione invernale, gH,yr; 12. lefficienza globale media annuale dellimpianto termico per il servizio di produzione acqua calda sanitaria, gW,yr; 13. lefficienza globale media annuale dellimpianto termico per il servizio di riscaldamento o climatizzazione invernale e produzione acqua calda sanitaria, gHW,yr. 14. la quantit di emissioni di gas effetto serra, CO2eq, espressa in kg 2 3 CO2eq/m anno o kgCO2eq/m anno a seconda della destinazione duso delledificio, se residenziale o meno. Dopo aver scaricato il software secondo le istruzioni riportate, allavvio del programma + CENED apparir la schermata rappresentata in Figura 3.1
Figura 3.1 Schermata di benvenuto CENED+

3.1 Schermata tipo


Allapertura del software la schermata-tipo (Figura 3.2) si presenta composta dalle seguenti aree: A. Barra dei men B. Barra di selezione dei moduli e dei sottomoduli; C. Area del soggetto certificatore; D. Area di inserimento dati; E. Finestra dei suggerimenti; F. Finestra dei subalterni.

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

15

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

A B C

Figura 3.2 Schermata tipo CENED+

E D F

3.1.1 Barra dei men


La struttura della barra dei men risulta cos organizzata: File Visualizza ?

3.1.2 File
La struttura del men File risulta organizzata come di seguito: Nuovo XML; Importa XML; Esporta XML; Esporta Log; Esci.

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

16

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 3.3 Men File

3.1.2.1

Nuovo XML Creare un file XML

La funzione Nuovo XML consente di creare un nuovo file di interscambio *.xml. Se tale opzione viene scelta mentre il software ha gi caricato un altro file, compare la finestra pop-up Attenzione che chiede se si intende salvare il file .xml corrente, prima di aprirne uno nuovo.

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

17

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 3.4 Finestra pop-up Attenzione

3.1.2.2

Importa XML Aprire un file XML

La funzione Importa XML consente di importare ed aprire un file di interscambio *.xml, contenente i dati di input precedentemente inseriti. Dopo aver selezionato dalla Barra dei men lopzione File Importa XML, si apre la finestra pop-up Apri, si sceglie il percorso relativo al file che si intende caricare, si seleziona tale file e, cliccando sul pulsante Apri, il software importa i dati relativi.

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

18

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 3.5 Importazione di un file .xml

3.1.2.3

Esporta XML Salvare un file XML

La funzione Esporta XML consente, in ogni momento durante la compilazione del software, il salvataggio e lesportazione di un file di interscambio contenente i dati di input e di output della certificazione nel percorso desiderato. Per esportare un file necessario sezionare dalla Barra dei men lopzione File Esporta XML, individuare nella finestra Salva il percorso di destinazione dove si intende archiviare il file e cliccare sul pulsante Salva.

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

19

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 3.6 Esportazione di un file .xml

3.1.2.4

Importa DB utente

Per caricare un file .xml creato da un utente A, utilizzando strutture personali da archivio, sul computer di un utente B necessario importare il DB dellutente A al momento dellutilizzo sul computer dellutente B. La funzione Importa DB utente consente di importare ed aprire un file contenente i dati relativi a strutture da archivio, strutture da scheda tecnica e materiali da scheda tecnica creati dallutente stesso. Dopo aver selezionato dalla Barra dei men lopzione File Importa DB utente, si apre la finestra pop-up Apri, si sceglie il percorso relativo al file che si intende caricare, si seleziona tale file e, cliccando sul pulsante Apri, il software importa i dati relativi.

Caricare un database utente

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

20

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 3.7 Importazione di un file .xml

3.1.2.5

Esporta DB utente Salvare un database utente

La funzione Esporta DB utente consente il salvataggio e lesportazione, nel percorso desiderato, di un file contenente i dati relativi a strutture personali da archivio. Per esportare un database necessario sezionare dalla Barra dei men lopzione File Esporta DB utente, individuare nella finestra Salva il percorso di destinazione dove si intende archiviare il file e cliccare sul pulsante Salva.

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

21

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 3.8 Esportazione DB utente

3.1.2.6

Esporta Log

La funzione Esporta Log consente, successivamente allesecuzione del calcolo, il salvataggio e lesportazione di un file .log contenente i risultati dei calcoli effettuati. Per esportare il file .log necessario sezionare dalla Barra dei men lopzione File Esporta Log, individuare nella finestra Salva il percorso di destinazione dove si intende archiviare il file e cliccare sul pulsante Salva.

3.1.2.7

Esci

La funzione Esci consente di uscire dal programma. Una volta cliccato sul comando Esci il software chiede se si intende salvare il file .xml compilato.

Prima di cliccare sul comando Esci, per rendere effettive le modifiche apportate ad un file e salvare i dati inseriti durante lultima sessione di lavoro, necessario esportare il file *.xml. In ogni momento, quindi, possibile salvare ed archiviare il file in oggetto ed importarlo in un secondo momento. Se si esce dal programma senza aver esportato il file *.xml contenente i dati inseriti, questi andranno persi e non risulteranno pi recuperabili.

Importante

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

22

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

3.1.3 Visualizza
La struttura del men Visualizza risulta organizzata come di seguito: Gestione subalterni; Interventi migliorativi; Impostazioni metodi di calcolo; Gestione strutture; Definizione ambienti; Note del certificatore.
Figura 3.9 Men Visualizza

3.1.3.1

Gestione subalterni

La funzione Gestione subalterni permette, una volta definiti, di aggiungere o eliminare subalterni e zone termiche oggetto dellanalisi.

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

23

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

3.1.3.2

Interventi migliorativi

La funzione Interventi migliorativi consente, al termine della redazione dellACE, di fornire indicazioni riguardanti il miglioramento della prestazione energetica del sistema edificio- impianto. Nella finestra Interventi migliorativi sono presenti i tre pulsanti (Inserisci, Elimina, Modifica) che consentono di gestire le stringhe relative agli elementi disperdenti.
Figura 3.10 Finestra intervento migliorativo

3.1.3.2.1

Inserisci intervento migliorativo

Il pulsante Inserisci consente di inserire le specifiche relative ai dati di input ed output dellintervento in oggetto.

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

24

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 3.11 Inserisci intervento migliorativo

3.1.3.2.1.1

Intervento migliorativo

Una volta premuto il pulsante Inserisci, si apre la relativa finestra pop-up Intervento migliorativo. Il campo Destinazione intervento richiede di selezionare lambito a cui lintervento in oggetto afferisce, tra le opzioni proposte: Involucro; Impianto; FER.

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

25

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 3.12 Finestra intervento migliorativo, selezione Destinazione intervento

Ad ogni categoria possibile associare uno specifico intervento selezionando dallelenco a discesa Intervento migliorativo una tra le opzioni previste: Involucro: Coibentazione delle strutture opache verticali rivolte verso lesterno; Coibentazione delle strutture opache verticali rivolte verso ambienti non riscaldati; Coibentazione delle strutture opache orizzontali rivolte verso lesterno; Coibentazione delle strutture opache orizzontali rivolte verso ambienti non riscaldati; Coibentazione della copertura; Sostituzione delle chiusure trasparenti comprensive di infissi rivolte verso lesterno.

Impianto: Sostituzione di generatore; Sostituzione/ adeguamento del sistema di distribuzione; Sostituzione del sistema di emissione.

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

26

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

FER: Installazione impianto solare termico; Installazione impianto solare fotovoltaico.


Figura 3.13 Finestra intervento migliorativo, selezione intervento migliorativo

Successivamente necessario indicare: nella casella Superficie interessata [m ], attiva solo per interventi riguardanti linvolucro o le FER, larea interessata dalloperazione di miglioramento (ad esempio: area della parete oggetto di coibentazione, area di pannelli solari installati, etc.); nella casella Prestazioni, il valore di trasmittanza termica della parete in 2 oggetto [W/m K] o il valore del rendimento del generatore o del pannello solare termico o del pannello solare fotovoltaico; nella casella Risparmio EPH [%], il valore percentuale di risparmio energetico in termini di EPH rispetto allo stato di fatto e conseguente allintervento migliorativo effettuato.
2

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

27

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 3.14 Finestra intervento migliorativo

Nel men a tendina Priorit intervento necessario associare un grado di importanza allintervento in via di definizione, scegliendo tra quanto proposto: Bassa; Media; Alta.

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

28

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 3.15 Finestra intervento migliorativo, selezione Priorit intervento

Nel men a tendina Classe energetica raggiunta necessario indicare la classe energetica assunta dalledificio nellipotesi di realizzare lintervento in oggetto: A+; A; B; C; D; E; F; G.

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

29

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 3.16 Finestra intervento migliorativo, selezione Classe energetica raggiunta

Nella casella Riduzione CO2 [%] occorre indicare il valore percentuale di risparmio energetico in termini di emissioni di gas climalteranti rispetto allo stato di fatto e conseguente allintervento migliorativo effettuato.
Figura 3.17 Finestra intervento migliorativo, Riduzione CO2

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

30

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

3.1.3.2.2

Elimina intervento migliorativo

Nella finestra Intervento migliorativo possibile visualizzare tutti gli interventi precedentemente inseriti. Per cancellare un intervento migliorativo dallelenco necessario selezionare la riga di riferimento e cliccare il pulsante Elimina, .
Figura 3.18 Elimina intervento migliorativo

3.1.3.2.3

Modifica intervento migliorativo

Per apportare variazioni alla definizione del intervento migliorativo necessario selezionare la riga relativa allelemento da cambiare e premere il pulsante Modifica, , e procedere con la modalit prevista per linserimento di un nuovo intervento migliorativo.

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

31

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 3.19 Modifica intervento migliorativo

3.1.3.3

Impostazioni metodi di calcolo

La funzione Impostazioni metodi di calcolo permette, una volta definiti, di visualizzare le modalit di calcolo, impostate come forfettaria o puntuale, per il computo dellapporto dei ponti termici, del fattore correttivo FT e della capacit termica areica.

3.1.3.4

Gestione strutture

La funzione Gestione strutture permette di visualizzare le strutture presenti nel + database del software CENED e nel database personale dellutente.

3.1.3.5

Definizione ambienti

La funzione Definizione ambienti permette di visualizzare gli ambienti non climatizzati o non mantenuti a temperatura controllata confinanti con gli ambienti climatizzati o mantenuti a temperatura controllata precedentemente definiti. Tale funzione attiva solo nel caso in cui il calcolo del fattore correttivo FT sia stato impostato in modalit puntuale.

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

32

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

3.1.3.6

Note del certificatore

La funzione Note del certificatore consente di inserire considerazioni, precisioni, approfondimenti e motivazioni fornite dal soggetto certificatore in merito a tre categorie di intervento: Involucro; Impianti; Fonti rinnovabili.

Tali note non saranno stampate, ma saranno consultabili in qualsiasi momento e risulteranno sempre a corredo del file salvato. Nel campo Specifiche da visualizzare sullattestato di certificazione, contenente un numero limitato di caratteri, possibile inserire tutte quelle informazioni che si desidera vengano stampate nella seconda pagina dellAttestato di Certificazione Energetica.
Figura 3.20 Note del certificatore

3.1.4 ?
La struttura del men ? risulta organizzata come di seguito: Informazioni su CENED

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

33

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

3.1.4.1

Informazioni su CENED+

La funzione Informazioni su CENED consente di visualizzare le informazioni relative alla + versione del software CENED in uso.
Figura 3.21 Informazioni su + CENED

3.2 Barra di selezione dei moduli e sottomoduli


In questa area viene evidenziato il modulo ed il relativo sottomodulo correntemente attivo; cos viene visualizzata la posizione allinterno del percorso di certificazione + energetica. In CENED sono previsti quattro moduli i cui contenuti saranno dettagliati nei prossimi capitoli: Dati generali e climatici; Energia netta; Energia primaria; Indicatori.

Moduli

Allinterno di questarea possibile accedere ai diversi moduli e sottomoduli, mediante la selezione dei relativi folder e delle corrispondenti icone.

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

34

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 3.22 Barra di selezione dei moduli e sottomoduli

Non data la possibilit di procedere se non si provveduto prima ad inserire i relativi dati obbligatori nel modulo, sottomodulo o finestra di input corrente. Si voluto, infatti, creare per lutente un percorso obbligato al fine di aumentare la sua consapevolezza relativamente allarticolazione del processo che sta alla base della certificazione energetica di un edificio. possibile muoversi liberamente nella navigazione se i moduli ed i sottomoduli in oggetto sono stati correttamente compilati. nte

3.3 Area del soggetto certificatore


La sezione per laccesso allarea riservata risulter attiva al momento dellavvenuta + integrazione tra software CENED e catasto energetico energetico.
Figura 3.23 Area del soggetto certificatore

3.4 Area di inserimento dati


In questa area il certificatore inserisce i valori in input dei rispettivi moduli e sottomoduli. Per rendere effettivo ogni inserimento o modifica dei dati di input necessario cliccare sul pulsante Salva .

ATTENZIONE: Salvare i dati inseriti

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it Restelli

35

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

3.5 Suggerimenti
In ogni schermata ed in ogni finestra sono forniti agli utenti indicazioni sintetiche ed immediate in merito allinserimento dei dati allinterno delle finestre di input ed al significato fisico associato alle relative caselle. La casella in alto, che contiene informazioni di carattere generale, viene visualizzata in ogni momento della compilazione; la casella sottostante, invece, che contiene indicazioni specifiche della sezione in cui ci trova, cambia in funzione della finestra o schermata che si sta compilando.
Figura 3.24 Finestra dei suggerimenti

3.6 Subalterni
Nella presente finestra, attiva solo nel sottomodulo Energia netta, possibile visualizzare e gestire lalbero di navigazione. Lalbero di navigazione rappresenta la struttura di cui costituito ledificio in oggetto in un diagramma contenente i subalterni inseriti e le relative zone termiche associate. Il bollino rosso e verde, posti vicino al codice del subalterno o della zona termica, stanno ad indicare che la compilazione dei dati per il corrispondente subalterno o zona termica rispettivamente incompleta o completa.

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

36

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 3.25 Finestra Subalterni

Per potersi spostare nella compilazione del software sufficiente selezionare con un doppio clic del mouse il codice relativo alla zona termica desiderata. sempre possibile visualizzare la propria posizione nella compilazione del software nelle caselle in alto a destra in corso di analisi il subalterno n e Zona termica.

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

37

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 3.26 in corso di analisi il subalterno n e Zona termica

Per poter copiare i dati da una zona termica, Z1, ad una Z2, necessario selezionare la zona termica in via di definizione (Z2), posizionare il mouse in corrispondenza della zona di cui si intendono copiare i dati (Z1), premere il pulsante destro del mouse e scegliere lopzione Copia zona termica.

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

38

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 3.27 Copia zona termica

Una finestra di dialogo informer che tutti i dati relativi alla zona selezionata, Z2, andranno persi; qualora si confermi lazione, tali dati verranno sostituiti con i relativi valori della zona termica Z1.

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

39

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 3.28 Attenzione

possibile applicare la medesima procedura per copiare i dati di un intero subalterno 1 nel subalterno 2. Selezionare il subalterno in via di definizione (2), posizionare il mouse in corrispondenza del subalterno di cui si intendono copiare i dati (1), premere il pulsante destro del mouse e scegliere lopzione Copia subalterno.

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

40

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 3.29 Copia subalterno

Una finestra di dialogo informer che tutti i dati relativi al subalterno 2 andranno persi; qualora si confermi lazione, tali dati verranno sostituiti con i relativi valori dl subalterno 1.

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

41

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 3.30 Attenzione

3.7 Altre funzioni


3.7.1 Segnalazione errore
Ogni qualvolta lutente omette di compilare una casella relativa ad un dato obbligatorio o inserisce un valore incompatibile con il range previsto per quel campo, il software guida il soggetto certificatore nellindividuazione dellerrore evidenziando in arancione il relativo riquadro e visualizzando in basso a destra la dicitura riferita allerrore specificio.

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

42

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 3.31 Segnalazione errore, mancata compilazione di un campo obbligatorio ed errata compilazione di un campo

3.7.2 Pulsanti
Nellarchitettura del software CENED stata adottata la scelta di utilizzare, nelle diverse sezioni, gli stessi pulsanti per la gestione degli elementi presenti nelle diverse finestre, al fine di agevolare lutente ed abituarlo ad un linguaggio e ad una simbologia comune e coerente. I pulsanti presenti nel software vengono qui riportati con il loro significato principale, che verr di seguito meglio definito in funzione della sezione in cui si trovano impiegati:
+

Inserisci, crea un nuovo elemento;

Elimina, cancella un elemento;

Modifica, apporta cambiamenti alla definizione di un elemento;

Sposta verso lesterno, modifica lordine nel senso indicato;

Sposta verso linterno, modifica lordine nel senso indicato;

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

43

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

successiva; -

Salva, memorizza i dati e/o consente di accedere alla schermata alva,

, Radio button, pulsante per selezionare unopzione alternativa alle altre proposte nel medesimo elenco.

3.7.3 Salvataggio dati


In ogni schermata o finestra allinterno del software, allo scopo di rendere effettivo ogni inserimento o modifica dei dati di input sempre necessario premere sul pulsante Salva .

ATTENZIONE

Se viene premuto il pulsante Chiudi prima di aver provveduto al salvataggio dei dati mediante il bottone Salva, tutti i valori inseriti andranno persi. Per procedere al salvataggio dei dati necessario seguire le istruzioni per lesportazione del file .XML ( 3.1.2.3 Esporta XML).

3.7.4 Valori numerici


Nellinserimento dei dati in formato numerico possibile utilizzare come separatore decimale in alternativa il punto . o la virgola ,. Nel digitare i valori numerici non si deve inserire alcun segno di separazione delle n migliaia.

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it Restelli

44

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 3.32 Separatore decimale e separatore migliaia

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

45

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

4 INTEGRAZIONE CATASTO SOFTWARE CENED+


+

ENERGETICO

La concezione del software CENED prevede una stretta integrazione con il sistema del Catasto Energetico coordinato dallOrganismo Regionale di accreditamento gestito da Cestec SpA. I due sistemi, infatti, sono stati progettati per dialogare tra loro ed mantenere un proficuo interscambio aggiornato di dati ed informazioni, mediante processi di download e di upload. Per la gestione delle pratiche nel catasto energetico si rimanda allo specifico manuale.

4.1 Modalit di redazione dellACE


Nellapprestarsi a redigere lAttestato di Certificazione Energetica necessario procedere con le modalit previste dallOrganismo Regionale di accreditamento. Dopo aver provveduto ad aprire una nuova pratica presso il Catasto Energetico, + possibile avviare CENED e richiamare i dati inseriti relativi al numero della pratica in oggetto. Per ottenere il download dei dati, il soggetto certificatore deve essere collegato al sito www.cened.it nello stato di autenticazione effettuata (log-in eseguita). Si ricorda che comunque possibile compilare il software CENED nello stato off-line e solo successivamente effettuare la log-in al Catasto Energetico, aprire una nuova pratica ed importare i dati relativi alla certificazione in oggetto. In questo caso, per, nel corso della compilazione del software vengono temporaneamente affidati numeri progressivi ai subalterni da certificare e solo al momento della connessione al Catasto Energetico il certificatore deve aver cura di associare il valore corretto ad ogni subalterno oggetto di certificazione. Al fine di evitare errori e/o confusioni nella assegnazione dei subalterni si consiglia di utilizzare sempre la prima procedura citata che sar descritta con maggior dettaglio nel capitolo seguente.
+

Apertura nuova pratica

Si omettono, in questa sede, le indicazioni riguardanti la gestione delle pratiche presso il catasto energetico, in quanto meglio dettagliate nel relativo manuale.

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

46

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

5 DATI GENERALI E CLIMATICI


Una volta selezionata dalla Barra dei men lopzione File prima schermata riguardante i dati generali e climatici. Nuovo XML, appare la

Il modulo relativo ai Dati generali e climatici contiene al suo interno i seguenti sottomoduli: Dati catasto energetico; Dati generali.
Figura 5.1 Modulo relativo ai Dati generali e climatici e relativi sottomoduli

5.1 Dati catasto energetico


Il sottomodulo relativo ai Dati catasto energetico suddiviso in due differenti campi: Edificio; Proprietario e responsabile dellimpianto.

Figura 5.2 Sottomodulo Dati catasto energetico

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

47

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

5.1.1 Edificio
Nel campo Edificio richiesto di indicare se esiste gi un numero di protocollo per ledificio oggetto di certificazione. Se, come gi precedentemente consigliato, si precedentemente provveduto ad aprire la relativa pratica presso il Catasto Energetico necessario selezionare il radio button S. Essendo connesso al sito www.cened.it ed autenticato come soggetto certificatore, lutente vede comparire nel men a tendina Richiama n protocollo tutti i protocolli relativi alle pratiche ancora aperte. possibile, a questo punto, scegliere dallelenco a discesa il numero di protocollo corrispondente alla pratica riferita alledificio oggetto di certificazione. Una volta selezionato il numero di protocollo, il sistema informativo invia i dati al software compilando le caselle relative a: Provincia; Comune; Indirizzo e n; Sezione amministrativa; Sezione urbana; Foglio; Particella.

Associazione del numero di protocollo On-line

In caso di utilizzo del software off-line, nel campo Esiste gi un numero di protocollo per questo edificio?, necessario selezionare il radio button No e procedere allinserimento dei dati relativi alle caselle successive. Se si sceglie tale procedura, viene richiesto di localizzare ledificio oggetto di certificazione indicando il Comune, la Provincia (selezionabili mediante il men a tendina); le caselle Indirizzo e n ubicato non sono compilabili in quanto tali dati vengono indicati al momento dellapertura della pratica. In automatico, il programma carica i valori di temperatura esterna media mensile, i valori di irradianza solare giornaliera media mensile per ciascun orientamento, i valori di zona climatica e dei gradi giorno. Successivamente amministrativa. necessario compilare la casella relativa alla Sezione

Off-line

Le successive caselle riportate di seguito non risultano editabili in quanto i relativi dati vengono inseriti al momento dellapertura della pratica:

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

48

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Sezione urbana; Foglio; Particella;


Figura 5.3 Campo Edificio

Per quanto riguarda i dati catastali si precisa quanto di seguito. Sezione amministrativa (per il solo catasto fabbricati), rappresenta la suddivisione, presente solo in alcuni contesti territoriali, del territorio del comune, viene identificata da una lettera o da una denominazione. Il dato obbligatorio se presente nellidentificativo catastale dellimmobile in oggetto, in caso contrario possibile non compilare la casella. Sezione urbana (per il solo catasto fabbricati), rappresenta unulteriore suddivisione del territorio comunale, presente solo in alcuni contesti. Il dato obbligatorio se presente nellidentificativo catastale dellimmobile in oggetto, in caso contrario possibile non compilare la casella. Foglio, la porzione di territorio comunale che il catasto rappresenta nelle proprie mappe cartografiche. Il dato sempre obbligatorio. Particella (mappale o numero di mappa), rappresenta, allinterno del foglio, una porzione di terreno o il fabbricato e leventuale area di pertinenza, viene contrassegnata, salvo rare eccezioni, da un numero. Il dato sempre obbligatorio.

Dati catastali

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

49

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Subalterno, per il catasto fabbricati, dove presente, identifica un bene immobile. Lunit immobiliare urbana lelemento minimo inventariabile che ha autonomia reddituale e funzionale. In generale, nellipotesi di un intero fabbricato, ciascuna unit immobiliare identificata da un proprio subalterno. Qualora il fabbricato si costituito da ununica unit immobiliare il subalterno potrebbe essere assente. Il dato, qualora esista, funzionale per lunivoca identificazione della singola unit immobiliare.

5.1.2 Proprietario e responsabile dellimpianto


In caso di utilizzo del software on-line, nel campo Proprietario e responsabile dellimpianto il sistema informativo carica i dati (nome e cognome o ragione sociale) del proprietario dellimmobile al momento della redazione della certificazione. Se si scelto di compilare il software prima di aver aperto la pratica nel Catasto Energetico, il campo Proprietario e responsabile dellimpianto non risulta editabile in quanto i relativi dati vengono inseriti al momento dellapertura della pratica presso il catasto energetico. necessario, inoltre, inserire nome e cognome del soggetto responsabile dellimpianto (nel caso in cui per tale mansione non esista una figura specifica, questa coincide con loccupante dellimmobile).

On-line

Off-line

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

50

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 5.4 Campo Proprietario e Responsabile dellimpianto

5.1.3 Codice certificatore


Dopo aver cliccato sul pulsante Salva compare la finestra pop-up Codice portafoglio. Se lutente risulta connesso ad autenticato sul sito www.cened.it nella finestra compare gi il relativo codice portafoglio. Il dato in tale casella non risulta modificabile in quanto individua in modo univoco il soggetto certificatore. Se lutente sta utilizzando il software off-line, gli viene richiesto di introdurre le 18 cifre del proprio codice portafoglio. Tale codice diventer il prefisso delle strutture personali create dallutente, al fine di creare un database personale individuabile in modo univoco proprio tramite lapposizione di tale codice.

On-line

Off-line

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

51

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 5.5 Finestra per linserimento del Codice portafoglio del certificatore

Per procedere nella compilazione del programma necessario confermare il numero relativo al codice portafoglio inserito precedentemente, premendo il pulsante Salva.

5.2 Dati generali


Il sottomodulo relativo ai Dati generali suddiviso in tre differenti campi: Richiesta; Professionisti; Edificio.

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

52

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 5.6 Sottomodulo Dati generali

5.2.1 Richiesta
Nel campo Richiesta necessario indicare la motivazione che porta alla redazione dellACE. Nel men a tendina ACE relativo a sono disponibili le seguenti opzioni: Nuova costruzione; Demolizione e ricostruzione in ristrutturazione; Ristrutturazione edilizia sopra il 25%; Ampliamento volumetrico sopra il 20%; Recupero sottotetto; Nuova installazione di impianto termico; Ristrutturazione di impianto termico; Sostituzione di generatore sopra 100 kW; Incentivi fiscali; Trasferimento a titolo oneroso; Contratto servizio energia o servizio energia plus;

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

53

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

ACE volontario; Contratto di locazione; Altro.

necessario selezionare unopzione tra quelle proposte e passare alla compilazione del campo successivo. Una volta selezionata la motivazione per cui viene redatto lACE e premuto il pulsante Salva non pi possibile modificare la selezione effettuata nel men a tendina ACE relativo a.
Figura 5.7 Campo Richiesta

5.2.2 Professionisti
Nel campo Professionisti necessario indicare i nominativi (nome e cognome), ove disponibili, relativi alle figure coinvolte nella fase di costruzione delledificio: Progettista architettonico; Progettista dellimpianto di climatizzazione; Direttore lavori; Costruttore.

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

54

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 5.8 Campo Professionisti

Qualora tali dati non risultino in possesso del soggetto certificatore possibile lasciare lindicazione N.D. (Non Disponibile) proposta di default dal software.

5.2.3 Edificio
Nel campo Edificio viene richiesto di indicare: Anno di costruzione; Interventi di miglioramento della prestazione energetica dopo il 1976; Numero di piani climatizzati.

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

55

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 5.9 Campo Edificio

Mediante i relativi radio button, rispettivamente Intervallo temporale ed Anno, possibile selezionare linserimento di tale dato, o sottoforma di intervallo annuale selezionabile dal men a tendina, o come digitazione delle quattro cifre relative allanno esatto di costruzione delledificio.
Figura 5.10 Selezione dellintervallo temporale relativo allanno di costruzione

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

56

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 5.11 Inserimento dellanno di costruzione

Nel caso in cui siano stati effettuati interventi di miglioramento della prestazione energetica dopo il 1976 necessario, vicino alla domanda stessa, cliccare il radio button, a cui segue lapertura di una finestra pop-up in cui viene proposta una serie di operazioni suddivise per oggetto di intervento (involucro, impianto di riscaldamento, fonti rinnovabili). Per selezionare la tipologia di intervento eseguita sufficiente inserire lanno relativo di esecuzione. Le caselle riguardanti interventi non effettuati non devono essere compilate. Si ricorda che non possibile inserire un anno antecedente al 1976, data di entrata in vigore della Legge 30 aprile 1976, n. 373 Norme per il contenimento del consumo energetico per usi termici negli edifici, primo riferimento in materia di contenimento del consumo energetico in edilizia per quanto riguarda involucro ed impianto termico.

ATTENZIONE

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

57

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 5.12 Finestra Interventi di miglioramento della prestazione energetica

Dopo aver inserito i dati relativi agli interventi di miglioramento della prestazione energetica sempre possibile visualizzare e modificare i valori riferiti a tale finestra, cliccando sul pulsante Apri posto vicino al radio button S nella schermata Dati generali. Nella casella Numero di piani climatizzati necessario inserire il numero di piani climatizzati dallimpianto oggetto di certificazione. Il dato inerente al numero di piani climatizzati influisce sul dato di capacit termica areica, nel caso di calcolo forfettario, e sul valore del rendimento relativo al sottosistema di distribuzione: necessario, perci, indicare il numero totale di piani attraversati dal sottosistema stesso. Il numero di piani climatizzati corrisponder al numero di piani che dividono il sistema di generazione dal livello climatizzato pi distante, vale a dire il numero di piani attraversati dal sottosistema di distribuzione.

Si sta certificando un appartamento disposto su un solo livello e posto al terzo piano di un edificio composto di quattro piani: se lappartamento dotato impianto termico autonomo, nella casella Numero di piani climatizzati necessario inserire 1; se lappartamento dotato impianto termico centralizzato, nella casella Numero di piani climatizzati necessario inserire 4.

Esempio

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

58

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

5.2.4 Impostazioni metodi di calcolo


Una volta cliccato sul pulsante Salva al fine di memorizzare i dati relativi al sottomodulo Dati generali, compare la finestra pop-up Impostazioni metodi di calcolo in cui viene richiesto, ove ne viene data possibilit, di selezionare la modalit Puntuale o Forfettaria per il calcolo: dellincidenza dei ponti termici nelle dispersioni per trasmissione; del fattore correttivo, FT, relativo ad ambienti adiacenti a quelli riscaldati; della capacit termica areica.

Nel caso di edifici di nuova costruzione il calcolo dei ponti termici, del fattore correttivo e della capacit termica areica impostato di default sulla modalit puntuale come previsto dalla normativa.
Figura 5.13 Finestra Impostazioni metodi di calcolo per edifici di nuova costruzione

Nel caso di edifici esistenti per il calcolo sia dei ponti termici, sia del fattore correttivo sia della capacit termica areica possibile selezionare la modalit puntuale o forfettaria.

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

59

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 5.14 Finestra Impostazioni metodi di calcolo per edifici esistenti

Dopo aver scelto le impostazioni riferite ai metodi di calcolo necessario cliccare il pulsante Salva al fine di memorizzare i dati.

5.2.5 Fattore correttivo FT


Se nelle impostazioni metodi di calcolo stato selezionato il calcolo puntuale del fattore correttivo, FT, cliccando il pulsante Salva per memorizzare i dati relativi alla finestra Impostazioni metodi di calcolo, compare la finestra pop-up Fattore correttivo (FT).

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

60

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 5.15 Finestra fattore correttivo

La finestra Fattore correttivo (FT) richiede la definizione delle zone circostanti lambiente climatizzato o mantenuto a temperatura controllata al fine di determinare il fattore correttivo da applicare a tali ambienti. In questa finestra necessario descrivere i soli ambienti circostanti, diversi dallambiente esterno, che presentano una temperatura differente da quella interna.

Il pulsante Inserisci consente di definire un ambiente circostante compilando i campi relativi alle temperature dellambiente considerato in ogni mese dellanno e di associare a tale ambiente una descrizione.

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

61

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 5.16 Finestra di definizione delle temperature relative ad una zona circostante

A solo titolo di esempio si citano alcuni esempi circostanti: terreno; garage; cavedii; vani scala; altri ambienti non riscaldati; ambienti mantenuti a temperatura differente da quella stabilita per le zone termiche in oggetto.

Sono ricompresi nellultima categoria le zone termiche che appartengono a categorie per cui la procedura di calcolo al punto E.3 prevede temperature interne differenti. Ad esempio nel caso in cui si stia certificando un ufficio (E.2) che confina mediante una parete con una palestra (E.6 (2)) necessario definire un ambiente circostante con le temperature previste dal punto E.3 della procedura di calcolo per la categoria E.6 (2). Per rendere effettivo linserimento dei dati di cui sopra necessario cliccare sul pulsante Salva. Una volta selezionata una riga nella finestra Fattore correttivo (FT), il bottone Elimina consente di cancellare i dati relativi alla zona in oggetto.

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

62

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 5.17 Eliminazione di una zona

sempre possibile visualizzare, creare o eliminare ambienti in oggetto selezionando dalla Barra dei men la funzione Definizione ambienti. Se non esiste la necessit di inserire alcuna zona circostante diversa dallambiente esterno, sufficiente non compilare alcun campo e chiudere la finestra di dialogo.

5.2.6 Subalterno
Al termine della compilazione del modulo in oggetto compare la finestra pop-up Subalterno. In questa finestra necessario definire i subalterni oggetto dellanalisi e le zone termiche che li compongono. Nella finestra in oggetto sono presenti i tre pulsanti (Inserisci, Elimina, Modifica) che consentono di gestire le stringhe relative ai subalterni.

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

63

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 5.18 Finestra subalterno

5.2.6.1

Inserisci subalterno

Il pulsante Inserisci

consente di inserire le specifiche di un nuovo subalterno.


Figura 5.19 Inserisci subalterno

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

64

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Nella finestra pop-up Subalterno necessario selezionare il radio button riferito alla modalit di inserimento dei subalterni in via di definizione: Singolo, indicare il numero di subalterno in oggetto; Multiplo, indicare gli estremi della serie di subalterni in oggetto.

Per procedere allinserimento dei dati necessario premere il pulsante Salva.


Figura 5.20 Subalterno singolo

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

65

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 5.21 Subalterno multiplo

5.2.6.1.1

Zone termiche

Una volta premuto il pulsante Salva compare la finestra Zone termiche, in cui occorre indicare tutte le zone termiche di cui sono composti il/ i subalterni precedentemente inseriti. Il software propone di default una zona termica per ogni subalterno; comunque possibile inserire altre zone termiche per il/ i subalterni precedentemente inseriti.

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

66

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 5.22 Finestra Zone termiche

5.2.6.1.1.1

Inserisci zona termica

Nella finestra pop-up Zone termiche necessario premere il pulsante Inserisci e compilare la casella Descrizione zona termica con una breve descrizione al fine di renderla facilmente individuabile successivamente. Per rendere effettivi i dati inseriti nella finestra Descrizione zona termica necessario premere il pulsante Salva. Tutte le zone termiche definite in questa finestra saranno associate a tutti i subalterni precedentemente inseriti.

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

67

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 5.23 Finestra Descrizione zona termica

5.2.6.1.1.2

Elimina zona termica

Nella finestra Zone termiche possibile visualizzare tutte le zone precedentemente definite. Per cancellare una zona termica dallelenco necessario selezionare la riga di riferimento e cliccare il pulsante Elimina, .

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

68

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 5.24 Elimina zona termica

Per rendere effettivi i dati inseriti nella finestra Zone termiche necessario premere il pulsante Salva.

5.2.6.2

Elimina subalterno

Nella finestra Subalterno possibile visualizzare tutti i subalterni precedentemente inseriti. Per cancellare un subalterno dallelenco necessario selezionare la riga di riferimento e cliccare il pulsante Elimina, .

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

69

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 5.25 Elimina subalterno

5.2.6.3

Modifica subalterno

Per apportare variazioni alla definizione del subalterno necessario selezionare la riga relativa allelemento da cambiare e premere il pulsante Modifica, con la modalit prevista per linserimento di un nuovo subalterno. , e procedere

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

70

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 5.26 Modifica subalterno

Allo scopo di rendere effettiva la definizione dellelenco dei subalterni necessario cliccare sul pulsante Salva ed accedere al modulo Energia netta. Di qui si proceder a compilare il seguente modulo per ogni zona termica di ogni subalterno inserito.

Come riportato nella procedura di calcolo, ai fini della determinazione del fabbisogno annuale di energia termica di un edificio, questultimo viene suddiviso in zone termiche omogenee. La zona termica definita come una parte delledificio, cio un insieme di ambienti a temperatura controllata o climatizzati, che abbia una sufficiente uniformit spaziale nella temperatura (ed eventualmente nellumidit) dellaria e per la quale si ha un unico e comune valore prefissato della grandezza controllata (temperatura e, eventualmente, umidit di set-point), si abbia la stessa tipologia di occupazione e destinazione duso, e che sia servito allo scopo da ununica tipologia di sistema impiantistico, ovvero da due tipologie tra loro complementari, purch facenti parte dello stesso impianto termico. Nel caso in cui unit immobiliare (un subalterno) presenti due aree con differente sistema di emissione e/o regolazione e/o ventilazione necessario definire 2 zone termiche in funzione delle suddette caratteristiche. Il fabbisogno annuale di energia termica di un edificio viene quindi determinato sommando il fabbisogno energetico delle sue zone termiche.

Zona termica

Esempio

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it

71

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

\Nel seguente approfondimento si prendono in considerazione solo casi in cui Nel limpianto al servizio delle unit immobiliari di tipo centralizzato, risulta chiaro, infatti, che in presenza di impianto termico autonomo si rende necessaria la redazione di un ACE per ogni unit. Caso 1: per un edificio costituito da due subalterni (S1 e S2), ciascuno composto da una sola zona termica e rispettivamente con dest ivamente destinazione duso D1 eD2 necessario procedere alla redazione di due ACE distinti e due relative pratiche presso il catasto energetico. Caso 2: per un edificio costituito da due subalterni (S1 e S2), ciascuno composto da una sola zona termica entrambe con dest destinazione duso D1 e con il medesimo proprietario, possibile procedere alla redazione di un solo ACE e di una relativa pratica presso il catasto energetico con indicazione dei subalterni in oggetto. o Caso 3: per un edificio costituito da un subalterno (S1), composto da due zone : termiche (Z1 e Z2) rispettivamente con destinazione duso D1 e D2, necessario procedere alla redazione di due ACE e di due relative pratiche presso il catasto energetico. Caso 4: per un edificio costituito da un subalterno (S1), da due zone termiche (Z1 e Z2) : entrambe con destinazione duso D1 e con il medesimo proprietario, possibile procedere alla redazione di un solo ACE ed di una relativa pratica presso il catasto energetico. Nel seguente approfondimento si prendono in considerazione solo casi in cui ledificicio servito, per ciasun utilizzo, dalla medesima centarale termica. , Caso 1: ununit immobiliare a destinazione duso residenziale per cui sono previsti gli unit utilizzi di riscaldamento e produzione di ACS risulta cos servita: nella zona giorno e notte previsto il riscaldamento degli ambienti mediante pannelli radianti (SI1) e la produzione di ACS (SI3); nei bagni previsto il riscaldamento degli ambienti mediante pannelli radianti (SI2) integrati con radiatori (SI2) e la produzione di ACS (SI3).

Quanti ACE?

Quante Zone termiche? ATTENZIONE

Il caso sopradescritto viene schematizzato come segue al fine d della determinazione delle zone termiche e dei relativi sistemi impiantistici.
SI1 ZT1 SI2 SI3 ZT1

Figura 5.27 Caso 1

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it Restelli

72

Manuale CENED - Vers. 1.0.2

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Caso 2: ununit immobiliare a destinazione duso non residenziale per cui sono : previsti gli utilizzi di riscaldamento e produzione di ACS risulta cos servita: nella zona giorno e notte previsto il riscaldamento degli ambienti mediante pannelli radianti (SI1) e la produzione di ACS (SI3); nei bagni previsto il riscaldamento degli ambienti mediante pannelli radianti (SI2) integrati con radiatori (SI2) e la produzione di ACS (SI3).

Il caso sopradescritto viene schematizzato come segue al fine della determinazione pradescritto delle zone termiche e dei relativi sistemi impiantistici.
SI1 ZT1 ZT2 SI3 SI1 ZT2 ZT1 SI2 SI3

Figura 5.28 Caso 2

Caso 3: ununit immobiliare a destinazione duso non residenziale per cui sono : previsti gli utilizzi di riscaldamento e produzione di ACS risulta cos servita: nella zona giorno e notte previsto il riscaldamento degli ambienti mediante pannelli radianti (SI1) e la produzione di ACS (SI3); nei bagni previsto il riscaldamento degli ambienti mediante radiatori (SI2) e la produzione di ACS (SI3).

Il caso sopradescritto viene schematizzato come segue al fine della determinazione delle zone termiche e dei relativi sistemi impiantistici.
SI1 ZT1 ZT2 ZT2 ZT1 SI3 SI3 SI2

Figura 5.29 Caso 3

Caso 4: ununit immobiliare a destinazione duso commerciale risulta asservita agli : utilizzi di riscaldamento mediante pannelli radianti (SI1), produzione di ACS (SI3) e ventilazione meccanica (SI2). Il caso sopradescritto viene schematizzato come segue al fine della determinazione delle zone termiche e dei relativi sistemi impiantistici.

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it Restelli

73

Manuale CENED - Vers. 1.0.2


SI1 ZT1 SI2 SI3 ZT1

Aggiornato al 26/ 10/ 2009

Figura 5.30 Caso 4

Viale F.Restelli 5/A, 20124 Milano www.cened.it Restelli

74