Sei sulla pagina 1di 20

Edizioni = Magna Charta

Anno Scolastico 2008 - 2009 n2 Liceo Scientifico Statale I. Nievo Padova

In questo numero:
Speciale intervista

Il Neo Presidente U.S.A. :


barack obama Intercultura

Dizionario Inglese-Veneto A Grande Richiesta Ritorna:


chuck norris

Magna Charta

Editoriale

Anno 2008-2009 numero 2

Dopo la trionfante uscita del primo numero della MC ( Magna Charta ) dellanno 2008/2009 [boato di sottofondo], la R.U. (Redazione Unita) vi propone il secondo numero. Non stiamo qui a spiegarvi che siamo sempre meno e che tra un po il giornalino morir, perch queste lamentele non attaccano. Quindi, ci limiteremo ad invitarvi alle riunioni che si tengono tutti i mercoled alla sesta ora nella biblioteca (che, per chi non lo sapesse, quel loculo pieno di cose chiamate LIBRI ), in sede centrale. Ci troverete sempre immersi in discorsi filosofici e in correzione bozze e articoli. Rinnoviamo inoltre linvito allinvio (perdonate il gioco di parole) di materiale di qualsiasi tipo (esclusi i virus, grazie) allindirizzo del giornalino: giornalino_nievo@yahoo.it. Passando allanalisi dettagliata di questo numero, abbiamo deciso allunanimit di affrontare argomenti pi leggeri e piacevoli: il dossier dedicato alle multinazionali dellalimentazione, Coca-Cola e Mc Donald. Una delegazione della R.U. ha svolto unattenta ricerca di catalogazione dei prodotti in loco (= siamo andati a mangiare al Mcahahaha). Da sottolineare il lavoro compiuto dai veterani della redazione sul tema dellarte moderna ed in particolare sui graffiti metropolitani. Inoltre non mancher la sezione dedicata alla vita della scuola e alle perle dei prof e controperle di noi studenti. Una novit notevole che la R.U. fiera di presentarvi riguarda i due concorsi che abbiamo deciso di indire: uno sar dedicato alla selezione della band del Nievo, mentre il secondo cercher di portare alla luce registi in erba (non quella che si fuma ...) per la realizzazione di un videoclip. Invitiamo, chi fosse interessato, a farsi vivo per laudizione o le informazioni sulla storyboard per il video. Troviamo doveroso spendere due parole di ringraziamento per tutti coloro che si sono prodigati per la realizzazione del giornalino: tutta la R.U. (Cappe, Cisk, Martino, la Ceci, lAnnis, la Sov, Jacopo, Gigi, la Gaia, la Linda, llaria e la prof Zucchi); tutti quelli che ci hanno inviato materiale; Alex 5C per averci lasciato le linee giuda per limpaginazione dei numeri di questanno; la preziosa collaborazione dei Rappresentanti dIstituto, sperando nella loro continua fiducia e nel loro sostegno; un grazie speciale a chi ha avuto gli attributi di venirci a dire che il giornalino fa piet, sfidando le ire della R.U. Vi rendo partecipi della sfida che le altre scuole di Padova ci hanno lanciato: gara al giornalino migliore. Spero in un moto dorgoglio da parte di biennio e triennio. Detto questo, vi saluto e vi annuncio che in questo numero non ci sar un racconto deprimente. Per la gioia di molti. Alla prossima!

La Redazione

Martino Bicciato V D Alberto Cappellaro V D Francesco Carpanese V D Cecilia Fusco V D

Linda Montin IV D Jacopo Palumbo IV E Gaia Pasqualotto V E Anna Silvia Pianalto II E

Caterina Simone IV C Anna Soave IV C Ilaria Tibaldi IV D

Magna Charta

Anno 2008-2009 numero 2

2 Editoriale 4-6 Dossier - Pronto in tavola 7 Lo sponsor

14 Dallaltra parte delle sbarre 15 Dizionario Inglese-Veneto; Chuck Norris 16-17 Nievo Rock your mind!

8-9 Paradossi - Io mento sempre 18 -19 Perle 10 -11 Intervista ad Obama 20 Giochi 12 -13 Street Art, toni su grigio

La redazione invita tutti i lettori di Magna Charta ad inviare disegni, perle o articoli al nostro indirizzo, il materiale sar poi pubblicato!

SCHEMA PER LA RISOLUZIONE DI OGNI PROBLEMA!

Magna Charta

Dossier

Anno 2008-09 numero 2

Come e cosa mangiamo nellera della globalizzazione

Viaggio nellalimentazione,nella ristorazione e commercio del XXI secolo Stiamo assistendo negli ultimi anni a significativi cambiamenti nelle strategie industriali di numerose multinazionali alimentari, e alla conseguente riduzione del consumo dei produttori nazionali. Successivamente occorre analizzare come stiano cambiando i metodi di commercializzazione dei prodotti alimentari, che avvengono sempre pi spesso attraverso la concessione di royalties (centri di distribuzione che pagano alla casa madre una quota sul profitto) e franchising (vendita del marchio). Questo il caso della McDonalds, un esempio sul quale dobbligo soffermarsi. Simbolo del cosiddetto sogno americano, nata nel 1937 come chiosco di hot dog e diventata unazienda con 390000 dipendenti, un utile netto di 2,9351 miliardi di dollari lanno e 31500 ristoranti in 190 Paesi diversi. Un colosso. Ma con molte ombre. Ad iniziare dallimpatto sulla salute che i cibi McDonalds hanno. Documentato, anche se certamente non in maniera prettamente scientifica, dallattore e produttore Morgan Spurlock attraverso il film Super Size Me, nel quale interpretava se stesso nei panni di una cavia umana, e per 30 giorni, 3 volte al giorno, ha mangiato pasti McDonalds. Risultati: da un fisico di 1,88 cm per 84 Kg, ha aumentato la sua massa corporea del 13% ed ingrassato di 11Kg, che riuscir a perdere solo dopo 5 mesi. Lazienda potrebbe rispondere che sicuramente non incita a consumare pranzi McDonalds ogni giorno. Ma ci cozza con la sua reclamizzazione di consumazioni nutrienti, con le statistiche secondo le quali ogni giorno 1 milione di francesi mangia McDonalds e ogni mese 9 ragazzi americani mangiano in uno di questi fast food e con il fatto che questa multinazionale occorsa 10 volte in pratiche dubbie di pubblicit e marketing (fonte:Transnationale.org) E non sono le uniche accuse mosse nei confronti della societ. Tra le quali quella di sfruttare i propri dipendenti (comprovata dal processo McLibel del 1997), non pagando gli straordinari. O limpensabile inquinamento di cui sono origine i suoi ristoranti, poich i prodotti comprendono confezioni di vari tipi (specialmente di carta, i packaging, con una permanenza sulle tavole di circa 1 minuto). Ne un esempio la Gran Bretagna dove, secondo uninchiesta, il 29% dei rifiuti del Paese sarebbe prodotto proprio dalla McDonalds (fonte: Corriere della Sera.it). Lazienda controbatte sostenendo, nel proprio sito,

Da una recente indagine della Scuola di Salute Pubblica di Baltimora, emerge che tra 30 anni l86% degli americani sar obeso. E sulla loro scia ci sono italiani, britannici e tedeschi. Da ci risulta evidente come sia rilevante porre laccento sullinfluenza che la globalizzazione ha provocato sul nostro modo di alimentarci, internazionalizzando le nostre tavole e ci che i nostri palati hanno il piacere ed il dovere di subire. Innanzitutto bisogna concentrarsi sulle pi recenti strategie di marketing. Come messo in risalto nel libro No Logo di Naomi Klein, gli alimentari sono beni di largo consumo e necessitano, per la loro commercializzazione, di idee e strategie che facilitino il consumatore a riporre fiducia nel loro brand (la loro marca). Ci ha 2 conseguenze, entrambe nefaste ed entrambe evitabili. In primis il fenomeno delle strategie imitative: basti pensare alla biopirateria, ovvero la brevettazione di materiale genetico (i prodotti dellindustria alimentare) che in realt derivato da piante tipiche di diverse zone del globo. E cos Paesi come USA e Australia hanno potuto invadere il mondo di falsi Chianti, Grana Padano e San Daniele. In secundis, lo spreco, soprattutto a causa delle confezioni (gli italiani gettano nella spazzatura il 2% del Pil).

Magna Charta

Dossier

Anno 2008-09 numero 2

di dare alle piante la giusta dose di elementi nutritivi al momento giusto, in funzione dei loro fabbisogni e della disponibilit del suolo, di non utilizzare antibiotici per la crescita e farine animali, di

dipendenti, un fatturato di 5,1 miliardi. Anche se proprio dal rapporto tra impiegati e guadagni emergono i primi lati oscuri dellazienda. Non si spiega infatti, il perch sia stato necessario aver licenziato il 15% dei dipendenti, dal 1998, quando gli utili da quellanno al 2008, sono stati di 34miliardi di dollari. Lasciano forti dubbi anche altre politiche lavorative, riguardanti lattivit della Coca Cola in Sudamerica. Tra cui laccusa di aver trovato nel gruppo paramilitare Le aquile nere un alleato per soppiantare ogni velleit sindacale dei lavoratori Coca Cola in Colombia. Secondo Nigrizia, i sindacalisti uccisi fino al 2008 sono stati 22, e altri hanno subito minacce. La questione raggiunse una risonanza mondiale nel 2004, quando la New York FactFinding Delegation on Colombia prov quanto asserito dai lavoratori. Il processo in corso. Sotto accusa sono finite anche le quantit dacqua utilizzate per produrre la bibita: secondo la ditta il rapporto tra un litro di acqua e di Coca Cola sarebbe (secondo lultimo rapporto dellazienda, risalente al 2005) di 2,6 a 1, ma secondo altre fonti raggiungerebbe i 9 a 1. Percentuali rilevanti, soprattutto se gli stabilimenti si trovano in luoghi con grande scarsezza dacqua. Per non parlare delle conseguenze sulla salute. Infatti, tra gli ingredienti della Coca Cola, figurano caffeina (34,5 mg), zuccheri semplici (quali il caramello, che le conferisce il tipico colore scuro) e una buona dose di calorie. Nella versione senza zucchero, al suo posto viene usato come dolcificante laspartame che, secondo alcuni studi, sarebbe potenzialmente tossico o cancerogeno. Inoltre la miscela di questo componente con lacido fosforico ritenuta fonte di effetti dannosi sul sistema nervoso. Oltretutto lalta concentrazione (325mg per l) di acido conferisce alla Coca Cola una forte corrosivit, avendo un valore di pH molto elevato (2,4, contro l1,5 dellacido gastrico). Fanno da contraltare a questi fatti le varie opere di beneficenza compiute dalla Coca Cola Company, tra cui i 5 milioni di dollari donati per trovare trattamenti contro lAIDS, 10 milioni per il soccorso degli sfollati dopo lo tsunami e 12 milioni per gli sforzi di soccorso dopo il disastro delle Torri Gemelle. E la distribuzione alimentare su scala locale? Cerca di ribattere, spalleggiata anche da varie organizzazioni, tra le quali la pi celebre risulta essere Slow Food. Si tratta di unassociazione no profit fondata nel 1986 dal sociologo piemontese Carlo Petrini. Coinvolge 40000 persone in Italia e pi di

ispezionare i panini con le telecamere e fare prelievi sulle patate ogni 30 minuti. Lasciando sospeso il giudizio sulla McDonalds, non si pu per non rilevare come sia risultata un marchio vincente, come testimonia una recente indagine di Forbes, secondo cui, in pieno periodo di crisi, le azioni dellazienda sono salite dell11,5% (85 cents) e la produzione sia calata solo del 3,4%, contro una media del 31,9%. Dati che fanno sicuramente riflettere. Nellanalizzare il rapporto tra globalizzazione e alimentazione non pu mancare un riferimento alla bibita che pi di tutte si pone ad emblema dellinternazionalizzazione dei sapori: la Coca Cola. La sua storia nota a tutti. Essa nacque ad Atlanta nel 1886, come variazione del cosiddetto vino di coca, una miscela di vino e foglie di coca. Il suo scopritore, John Pemberton, sostitu allalcool le noci di cola. Ora la Coca Cola, la cui direzione guadagna 1241 volte di pi del salario medio americano (32000 dollari, fonte transnationale.org) unazienda che vende 1,2 miliardi di lattine al giorno (1 ogni 5 abitanti), ha lanciato 20000 spot pubblicitari negli ultimi 50 anni (1 al giorno) ha 55000

Magna Charta

Dossier

Anno 2008-09 numero 2

caso le strade sembrano essere molteplici: innanzitutto laumento dei controlli e della legiferazione in materia di alimentazione, come gi fatto ad esempio in Danimarca, dove, essendo vietato luso di oli e grassi vegetali idrogenati, per la frittura delle patatine e dei Chicken McNuggets (crocchette di pollo), la McDonalds cucina pietanze con solo l1% di grassi trans ( che aumentano del 25% le patologie vascolari), mentre in Italia ne utilizza 6g e negli USA addirittura 10. Inoltre deve essere sviluppato un modo diverso di internazionalizzazione della produzione alimentare, che passa attraverso quelle che il giornalista del Sole 24 Ore Daniele Marini chiama piccole multinazionali tascabili, e cio imprese che portino nei Paesi in cui dirigono la propria produzione una nuova cultura imprenditoriale, aperta alla cooperazione nei sistemi locali, agli investimenti nella formazione delle risorse umane e nellinnovazione tecnologica. Supportate ovviamente da interventi strutturali nei confronti del territorio in cui sono inserite (purch ovviamente non vadano ad intaccare negativamente lambiente).

80000 allestero, in 130 Paesi diversi. Si occupa di studiare, difendere e divulgare tradizione agricole ed enogastronomiche. Tra i principali obiettivi figurano promuovere i prodotti alimentari legati ad un ben preciso territorio, a difesa della biodiversit, e la pratica di una diversa qualit della vita, nel rispetto dei tempi naturali, dellambiente e della salute, e recuperare e salvaguardare le piccole produzioni deccellenza. La condotta alimentare pubblicizzata da Slow Food mostra per una pecca: non sempre alla qualit corrisponde un costo accessibile alle tasche di tanti italiani, soprattutto in In definitiva, dobbiamo renderci conto che le nostre periodi di vacche magre come questo. scelte alimentari non influiranno solo su di noi, ma A questo problema le soluzioni possono essere anche sullevoluzione della nostra societ come diverse, tra le quali labbattimento dei costi di filie- testimonia lincidenza che hanno sul commercio ra, attraverso i cosiddetti Farmers Market, ovvero i elementi quali pubblicit e sicurezza, assumendo il progetti che fanno dei luoghi di produzione veri e ruolo di consumatori critici ed informati, non solo di propri luoghi di commercio (la Coldiretti ne stima semplici cavie umane stile Super Size Me. pi di 57000 in Italia). O attraverso il Last Minute Martino Bicciato Market, un sistema che permette di recuperare a livello locale, in totale sicurezza e senza costi aggiuntivi, prodotti agricoli., alimenti e cibo rimasti invenduti per destinarli al consumo. Il principio su cui si basa questa formula di commercio proprio quello della localizzazione, un principio che riuscito a farsi strada anche in una realt difficile come quella dei supermercati. Come nel caso Wal Mart di Los Angeles, che in 3800 negozi, al fine di rassicurare i produttori e di ridurre lincidenza sul prezzo dei prodotti del costo della benzina (arrivato anche a 4 dollari al gallone), ha deciso di esporre la parola local sui propri scaffali. Largo alle specialit di casa nostra, quindi. Per quanto riguarda i cibi globalizzati, astenersene sarebbe un peccato e anche un errore. In questo

La cosa pi bella di Tokio McDonald's. La cosa pi bella di Stoccolma McDonald's. La cosa pi bella di Firenze McDonald's. Pechino e Mosca non hanno ancora nulla di bello.
Andy Warhol
6

Magna Charta

Lo sponsor

Anno 2008-09 numero 2

Magna Charta

Paradossi

Anno 2008-09 numero 2

Ragioniamo: A. se il titolo vero 1. 2. non dovreste credere a ci che dico dovreste crederci perch la frase 1 da ritenersi falsa per il titolo stesso

B. se il titolo falso significa che ci che dico vero, il che impossibile, visto che nel titolo ho affermato di mentire sempre. un paradosso, una frase che riusc a creare confusione tra filosofi e matematici, da Epimenide ai giorni nostri. Cos questo principio confondente? Semplicemente un qualcosa che va contro (para) lopinione pubblica ( doxa ). Se ne riconoscono tre diverse tipologie: a. logico o negativo, se riduce allassurdo le premesse su cui si basa. Nellantica Grecia vagava uno strano tipo che affermava la vittoria della tartaruga su Achille in una eventuale gara podistica, se la tartaruga fosse partita con un vantaggio, seppur minimo. Pazzo agli occhi di tutti, dimostrava laffermazione sostenendo che Achille, prima di superare la tartaruga, doveva raggiungerla, ma per farlo doveva prima compiere la met della distanza del vantaggio. Nel frattempo la tartaruga sarebbe avanzata, seppur di pochissimo, e Achille avrebbe dovuto compiere lulteriore met del nuovo vantaggio. Cos, proseguendo allinfinito, per il pi veloce sarebbe stato impossibile raggiungere lavversario. Naturalmente tutti ritennero assurdo, o meglio paradossale, il ragionamento ma si dovette aspettare il 1647 per confutarlo. Razionalizzando il processo, Zenone (il pazzo appunto), riteneva impossibile che la somma infinita di numeri razionali fratti , legati dalla legge del dimezzamento (i vari pezzi del segmento che separano Achille dalla tartaruga ), potesse dare un numero intero (il segmento totale della distanza del vantaggio). Purtroppo per lui questo venne dimostrato da Gregorio di San Vincenzo nella sua Opus geometricum, andando contro, paradossalmente, al paradosso stesso. b. paradosso retorico, o nullo , si limita a esibire la sottigliezza di un ragionamento, o a esaltare labilit di chi lo produce. Cesare ,un ragazzo in gamba che lavora in una fonderia.Durante un turno di notte, guardando una siviera (un grande contenitore refrattario) piena di alluminio fuso disse: questo metallo allo stato liquido. Mi hanno sempre insegnato che dove c del liquido c della vita. In questa siviera, non so in quale forma, ma c della vita. c. ontologico, o positivo se attraverso un ragionamento rafforza le conclusioni a cui arriva. Pi semplicemente Schopenhauer lo defin cos: la verit nasce come paradosso e muore come ovviet cio, secondo O. Quine, la verit per alcuni contraddittoria, per altri diventa paradossale, ed infine, per altri ancora, risulter banale. Unarma a doppio taglio questa che ha portato a dimostrare verit a partire da paradossi, come nel caso di Gregorio, o ,talvolta, a giustificarle. Criticava cosi Montesquieu nel suo romanzo epistolare Lettres persanes : C un altro mago (il primo era il re di Francia) ancora pi forte di lui, che padrone dellanima altrui quanto della sua.

Magna Charta

Paradossi

Anno 2008-09 numero 2

Questo mago si chiama il Papa. Poich riesce a far credere che tre non son che uno, che il pane che si mangia non pane, o il vino che si beve non affatto vino, e mille altre cose di questo genere. Arrivati a questo punto, catalogati questi principi confondenti, non ho dato spiegazione, eccezion fatta per Zenone, di come risolverli. Perch ? Vi domanderete. Perch il testo stesso stato ispirato da un paradosso irrisolto : fissato lappuntamento con una ragazza, non lho trovata, avendo ritardato dal parrucchiere per rendermi presentabile. Prendetene e ridetene tutti, ma ricordatevi, tralasciando il titolo, cercate di non imitarmi. Francesco Carpanese

Vuoi saperne di pi?


P. Odifreddi: Cera una volta un paradosso, Einaudi, 2001 N. Falletta: Il libro dei paradossi, Tea, 2001 Antologia di paradossi:http:// experimenta.altervista.org/page81.htm Immagini paradossali: http:// www.giochiperlamente.it/paradossi.htm Una ricerca accurata: http://www2.polito.it/ didattica/polymath/htmlS/Studenti/Ricerche/ Asteggiano/APPUNTI.HTM

Ho poche idee, ma confuse.


Ennio Flaiano
9

Magna Charta

Intervista

Anno 2008-09 numero 2

Sono passati pochi giorni dall'insediamento del nuovo presidente degli Stati Uniti d'America, Barack Obama, alla Casa Bianca, eppure siamo gi tutti entrati nella storia. In un mondo appesantito dalla pericolosissima situazione economica e dalle guerre di arricchimento -come quella in Iraq che coinvolge proprio gli USA- sale alla presidenza del paese pi potente del mondo un uomo di colore. Mossa azzardata dei cittadini americani? O forse Obama pu davvero risolvere il problema e far tornare il mondo all'et dell'oro? G: Buongiorno, signor Presidente. Torniamo a due mesi fa, cosa ha provato alla notizia di essere stato eletto? O: Buongiorno a lei. Ho provato una sensazione incredibile; non riuscivo a capacitarmi del fatto di essere stato scelto da milioni di concittadini americani, i quali mi hanno dato fiducia e pensano che io sia l'uomo adatto a governare il paese! Quando ci ripenso, poi, mi sento quasi schiacciato dal peso dell'onore e delle responsabilit che mi attendono, ma sono sicuro che, grazie all'aiuto del mio paese, riuscir a fare un buon lavoro. Almeno, me lo auguro!

fondo, due teste sono meglio di una! G: Concordiamo con lei. Cosa vuol dire, per lei, essere il quarantaquattresimo presidente degli USA? O: Vuol dire che ho una grossa responsabilit, ma che posso guardarmi alle spalle e trovare esempi da seguire e da non seguire. Posso dire che sono molto agevolato, rispetto a Washington, perch sento di non essere solo. G: E questa una cosa molto importante. Yes, we can stato il vostro motto durante tutta la campagna elettorale; potete davvero? O: Di solito in campagna elettorale si tende a esagerare un poco, ma io penso davvero di farcela a creare un'America migliore, perch ho l'appoggio di tanti. G: Tutti i precedenti presidenti sono stati WASP (white, anglo-saxon, protestant), tutti tranne Kennedy -che era cattolico- che fu assassinato; cosa ne pensa? O: Penso che l'uccisione di Kennedy sia opera di un pazzo o di un gruppo di pazzi a cui non interessava il bene del paese. Ma oggi siamo diversi e forse venuto il tempo che l'America superi i pregiudizi, le discriminazioni e si apra al mondo nuovo che ci viene incontro.

G: E glielo auguriamo anche noi! Secondo lei, perch ha vinto? Forse perch gli americani erano stanchi di un potere repubblicano? O: No, non penso che l'operato di George W. Bush abbia inciso sulla loro scelta. Sinceramente non saprei che pensare. Forse il popolo necessitava di avere come Presidente qualcuno che fosse pi vicino G: E non ha paura di attacchi terroristici nei suoi a loro, sia fisicamente che come ceto sociale. confronti? O: La paura c' e deve esserci; solo cos possono scattare quei meccanismi di autodifesa come la G: Cosa vorrebbe dire al suo rivale, Mc Cain? O: Solo che stato un degno avversario, che lo scorta, la prevenzione e altri. L'uccisione di un stimo e che vorrei collaborasse con me e con il mio presidente un fatto molto grave, al di l del suo staff nel governo del paese. Mi aspetto da lui non colore di pelle, del suo credo religioso e solo un appoggio, ma anche critiche costruttive. In dell'appartenenza a un qualsiasi partito.

Andando con lo zoppo..lho fatto camminare dritto.


Barak Obama
10

Magna Charta

Intervista

Anno 2008-09 numero 2

G: Ci auguriamo che un fatto del genere non succeda mai. A suo parere, tutti possono diventare presidenti americani? O: S, chiunque rincorra un sogno che volge al bene della nazione pu diventare presidente. Non esiste e non deve esistere alcuna forma di discriminazione. Io stesso provengo da una famiglia umile che potrebbe essere riconosciuta come la discendente di una delle tante famiglie schiave. G: A proposito di schiavit e sogni: avverte di essere il sogno realizzato di Martin Luther King? O: S, sento che la popolazione nera ha raggiunto un livello di quasi totale parit con la popolazione bianca e questo anche grazie a me. Il fatto che la mia candidatura sia stata accettata e che ora sia qui in veste di Presidente, fa capire che l'America che uscita vincente dalla rivoluzione, ha vinto un'altra volta. Le pi forti barriere di discriminazione sono state abbattute. E ora si cammina verso un altro sogno, che la definitiva soluzione dei problemi presenti in questo mondo e che riguardano gli USA in primo piano: la guerra in Iraq e il crollo delle borse e dell'economia.

di stato, affinch tutti prendiamo la stessa decisione per bloccare le perdite che influiscono solo sui poveri cittadini che a malapena arrivano alla fine del mese. Vorrei creare un clima di collaborazione universale, perch un problema di tutti; risolverlo vorrebbe dire saper vivere meglio. G: Un'ultima domanda. Diamo uno sguardo alla storia: quale grande personaggio dell'antichit vorrebbe emulare? O: Come lei ha ben detto in apertura, ormai la storia siamo noi. Voglio emulare solo e soltanto Barack Obama, primo Presidente di colore della storia degli USA. Non mi importa riuscire nelle imprese di Cesare o di Napoleone, n di Lincoln o di Washington, perch l'unica storia che ci deve interessare il presente. Voglio essere me stesso, perch la storia la creano gli uomini, i quali partono dallo stesso livello e poi diventano grandi uomini (o donne!). La storia siamo noi, lo sono anche io. Il mio unico interesse fare in modo che i nostri figli e i nostri nipoti ricordino la nostra storia perch siamo riusciti a fare del bene. Voglio costruire la storia per il futuro.

G: E noi le auguriamo con tutto il cuore di G: E quindi cosa ha deciso di fare per risolvere riuscirci! Buona fortuna e grazie per la questi problemi? disponibilit. O: Per quanto riguarda la guerra in Iraq, ora che le O: Grazie a lei. famiglie si riuniscano e che i soldati tornino a casa, a riabbracciare i loro cari. Non prima di essere sicuri Anna Soave che non si verifichi un altro 11 Settembre e questo dipende anche da noi, dal nostro comportamento nei confronti dei paesei islamici. Quindi voglio rendere governabile, autonomo e soprattutto pacifico lIraq. O meglio, aiutarlo a diventare un paese moderno. Per l'economia, invece, intendo mettermi in contatto con i migliori economisti del mondo e con gli altri capi

In America niente impossibile.


Barak Obama
11

Magna Charta

Attualit

Anno 2008-09 numero 2

Per molti questa notizia sar passata del tutto inosservata: in uno slancio anti-degrado, quanto mai giusto, ci mancherebbe, il comune di Padova ha stanziato un milione di euro per riqualificare la zone della stazione. Che c di strano, si chiederanno in molti. Finalmente, dir pure qualcuno. E in effetti nulla di strano, ben vengano illuminazione e tavolini allaperto, ma trovo difficile da contestualizzare lidea di coprire con delle edere la rampa del tram che si immette sul cavalcavia di Borgomagno. Coprendo in tal modo i graffiti che rallegrano il grigiore metropolitano di Padova, citt con poco verde, citt poco giovane, citt sempre meno colorata. Certamente non si intende discutere sullevidente e increscioso strazio che i muri di ogni citt subiscono vedendosi ricoperti delle scritte pi disparate, da quelle a sfondo politico, a quelle un po pi goliardiche che non carino riportare in questa sede. Nessuno vuole giustificare questi teppisti. Ma occorrono pi spazi perch i migliori writers, che pi corretto chiamare artisti, possano esprimersi in tutta libert, evitando di infrangere leggi comunque gi molto restrittive per dare libero sfogo al loro modo desprimersi. Credo sia venuta lora di sdoganare appieno la street art, di riconoscere il suo valore, e la possibilit che essa offre di farci osservare le unit architettoniche secondo unottica diversa, alternativa, come appunto la street art alternativa ad altre forme darte. E credo che il cavalcavia padovano possa esserne lesempio. Ma i writers semi-anonimi che dipingono i loro personaggi, le loro provocazioni, si riappropriano della citt, ribadiscono insomma in un certo modo la superiorit delluomo sulla citt, hanno precedenti antichi: come dimenticare il leggendario Keith Haring, e i suoi omuncoli stilizzati, i radiant boys, in cui la dimensione quasi fumettistica riesce a far convivere limmediatezza di una espressione quasi primitiva e allo stesso tempo le contraddizioni delluomo moderno? Altro grande nome della street art, di questa cultura alternativa che circola ancora, forse per sua stessa natura, lontana dalle luci della ribalta, Dave the Chimp. Egli forse lesempio migliore, insieme al milanese Blu, di una giovane generazione di artisti che voglia riappropriarsi dello spazio urbano, farlo loro, evitare che sia un qualcosa di distante, freddo, asettico Dave un artista dissacrante, dal segno netto, sicuro, preciso, che spesso spiazza losservatore disattento con immagini anche disturbanti. La sua ultima mostra alla Biokip Gallery parte da una frase che una

12

Magna Charta

Attualit

Anno 2008-09 numero 2

una feroce critica a quel fedele da divano, che non si alza dal divano ed esce di casa perch ha paura di perdere il momento clue del suo sceneggiato preferito: If television is your God, is Jesus the remote control? (Se la televisione il tuo dio, Ges il telecomando?). Quindi immagini che provocano e restituiscono uno spaccato polemico della nostra societ, fatto di uomini pigri e passivi che davanti al televisore assorbono passivamente idee preconfezionate anzich farsene di proprie. E allora non stupiamoci di vedere Ges in skateboard, dei robotici, angeli e demoni urbani, quasi che, camminando per le vie delle citt, un passante non possa che pensare: Le opere di un fanatico cattolico? o Forse Dio ci osserva per davvero Oppure addirittura telecomandi giganteschi a forma di croce, oppure Ges che intinge un biscotto in una tazza di caff. Immagini forse insolite, disturbanti, che non presentano mai ununica chiave di lettura, ma spingono sempre alla riflessione. Blu invece, giovane artista milanese, preferisce lavorare di rullo e pennello, strumenti alternativi rispetto alle solite bombolette, e solitamente su grandi superfici di stabili dismessi e in rovina. Ritorna il motivo del giovane artista che fa di nuovo sua la citt, stabilendo con essa un legame di tipo artistico. Artista che tenta anche di rivalutare certi angoli dimenticati delle nostre citt. Angoli di degrado, in cui sembra essere il luogo stesso ad incombere minacciosamente su di noi, mentre lartista lasciando traccia di essi, vuole sottolineare sia il problema, sia cercare di arginare con la sua stessa opera lassoluta assenza di umanit da questi luoghi. E spiace notare come i nostri pi bravi artisti, come Blu, trovino le loro migliori commissioni allestero. Ed triste notare come li si tratti indiscriminatamente come dei delinquenti, senza fare distinzioni tra semplici imbrattatori, e invece veri artisti. Ma si sa, in Italia vige a volte un certo moralismo ipocrita che fa pi morti di quante coscienze riesca a salvare: preferiamo citt grigie, svuotate, asettiche, ma ci lamentiamo, invochiamo allo sfregio quando i writers hanno il coraggio di far loro muri di stabili abbandonati, di stabilimenti industriali, muri squallidi, ma che noi sembriamo preferire restino anonimi. Forse perch noi stessi abbiamo dato in affitto le nostre coscienze, il nostro pensiero critico, accettando una morale che, forse, bada pi allapparenza che alla sostanza, una morale che non Per vedere altre immagini: tollera imprevisti o messe in discussione. Una mohttp://www.flickr.com/photos/16855420@N05/2304065877/ rale che crea le periferie abbandonate a se stesse, le vie Anelli di cui ci vergogniamo: problemi che la http://www.aerosolart.it/?tag=padova street art, con le sue modalit certo alternative, mette sempre a nudo "Asfalt art": graffiti d'asfalto al Portello http:// Alberto Cappellaro www.padovanet.it/dettaglio.jsp?
tastpo=C&tassidpadre=0&tassid=1663&id=10057

Ama larte, fra tutte le menzogne quella che mente di meno.


Gustave Flaubert
13

Magna Charta

Attualit

Anno 2008-09 numero 2

LItalia nel bel mezzo di una tragica emergenza in fatto di sicurezza. O Cos ci dicono almeno. Servono leggi speciali, provvedimenti severi, serve il bastone, bisogna essere cattivi contro le bande di predoni che imperversano per le vie delle nostre citt ed insidiano le nostre donne. Sempre cos ci dicono. E servono stangate contro spacciatori, anche contro chi consuma, perche bisogna dare lesempio. Per non parlare di quelli che uccidono qualcuno ed escono subito, scontando pochissimi anni rispetto a ci che spetterebbe a delinquenti del genere. Cos ci dicono almeno. E in effetti sembra difficile non essere daccordo con tutto ci, stando anche alle atrocit che quotidianamente i mass media non ci risparmiano, dimostrando anche un certo gusto dellorrido. Ma forse ci che non abbiamo mai fatto stato provare a porci dei dubbi su tutto questo. Che non sia solo una grande montatura mediatica, un ammasso di pregiudizi, un indirizzare lopinione pubblica su un problema che forse non cos poi grande? E soprattutto, non dimentichiamo un po troppo spesso che parliamo sempre di persone,

che potrebbe capitare a noi di trovarci dallaltra parte delle sbarre? Queste sono le riflessione che sono sorte dopo lincontro con due carcerati ed un ex carcerata, incontro svoltosi in aula magna gioved 18 dicembre e che ha visto coinvolte diverse classi quarte e quinte. Le storie di Paola, Andrea, e [], le loro esperienze, difficili in primis per loro da raccontare, sicuramente hanno scosso molte coscienze. E fortunatamente non si limitato ad un semplice sterile focalizzarsi sui loro errori, i loro crimini, ma la riflessione andata oltre, toccando i temi di cui sopra. E sono venute fuori storie simili a molte altre. E abbiamo potuto benissimo ascoltare come Paola, Andrea, , venissero da famiglie normalissime, che i loro reati, ed brutto usare questa parola, sorgano in situazioni, contesti sociali, assolutamente normali. Ed questo che dovrebbe farci capire che il passo dalluna allaltra parte delle sbarre spesso molto breve. Alberto Cappellaro

I dati smentiscono lo stereotipo secondo il quale la violenza sulle donne un fenomeno che avviene per strada e commesso da stranieri: sette casi di violenza su 10 avvengono tra le mura domestiche per opera del partner o dellex partner. Solo l1% di questi alla fine viene condannato; le denunce sono appena il 7%. Lestraneo autore del 6% degli stupri. La violenza dello straniero che assale la vittima per strada non rappresenta dunque la maggioranza dei casi e d del fenomeno unimmagine distorta.

Siamo schiavi delle leggi per poter essere liberi


Cicerone
14

Magna Charta

Ridere

Anno 2008-09 numero 2

The fight

Pig and out = Porco e fora. You're out like a balcony = Ti xi fora come un balcon. Are you behind joking? = Ti xi drio schersar? You're locked. = Ti xi ciav. I'm full of shadows. = So pien de ombre. You'll take it on the teeth. = Te tea ciapi sui denti. Im taken with the bombs. = So ciap co e bombe. It's at one rifle shot! = Xe a un tiro de sciopo! My father of yes. = Me pare de s. Go to know! = Va saver! Its not finger = No xe dito.

Don't stay touching me! = No stame tocar! And excuse me if it's few. = E scusime se x poco. Touch balls / touch iron = Toca bae / toca fro. Shes not her mother good = No x so mare bona. Hip mass! = Anca massa! Look sometimes = Ara dee volte! In a ear, dont hold a pot. = Paroe in recia no val na tecia. I call me out = me ciamo fora. If isn't a soup, it's a wet-bread = Se no x supa, x pan bagn. Ill come cakes= Vegno torte.

Quando su msn Chuck Norris si mette " invisibile", lui, il pc, il pick-up, il suo ranch e mezzo Texas scompaiono veramente. Chuck Norris pu sedersi sulla turca. Quando Chuck Norris si lava i denti, tiene fermo lo spazzolino e fa vibrare la testa 10.000 volte al minuto. Ogni volta che gli capita un imprevisto nella vita, Chuck Norris pesca un cartoncino arancione che glielo comunica in anticipo. Chuck Norris pu fare testa o croce con una banconota. Da 4 euro. Pitagora nell'antichit risolveva i problemi matematici con il Teorema di Chuck Norris L'ombra di Chuck Norris a colori.

I coccodrilli costruiscono castelli circondati da un fossato in cui nuota Chuck Norris. La classe di Chuck Norris non acqua. E birra. Ghiacciata. Al posto della ruota di scorta, nel bagagliaio del pick-up di Chuck Norris, c' un altro pick-up. Molto pi grande. Le calotte polari si stanno sciogliendo. Nel Martini di Chuck Norris. Chuck Norris ha fatto finta di andare a pesca, e i pesci hanno abboccato. Chuck Norris ha fatto scendere l'acqua alta a Venezia semplicemente togliendo il tappo alla sua vasca da bagno. Chuck Norris pu svuotare la luna piena.

15

Magna Charta

Anno 2008-09 numero 2

La musica lunico conforto per i vostri cervelli diceva Shakespeare in una delle sue ultime commedie, La Tempesta. Oggi forse per completare questa massima dovremmo aggiungere un genere musicale: il rock. E lo sanno bene quei piccoli talenti rockettari, che abbiamo scoperto tra i banchi impolverati del nostro liceo. Vi avvertiamo per che vogliamo trovarne ancora altri, quindi se appartenete alla categoria, non esitate a scrivere alla nostra redazione Angels over the sunset il quartetto pi giovane che si sottoposto con verve e spirito alle nostre domande. Loro sono Enrico, alias Sinaa (con una o due a a scelta) alla chitarra, Stefano detto Tappo al basso, che confessa di sentirsi in realt pi un ladro dautoradio, Arthur o BivY batterista e percussionista di tutti i tavoli che si trova davanti e Davide, detto Garbo, alla chitarra, accompagnato dalla sua guardia del corpo Antonio. Lorigine del nome del gruppo viene dalla suggestiva foto immaginata e non ancora scattata, rappresentante un tramonto, che sar la copertina del loro futuro album. Gli Angels over the sunset si sono formati lo scorso aprile (chi dice il 27, chi il 30sono un po indecisi!), suonano covers dei Blink 182, Red Hot Chili Peppers e canzoni ideate soprattutto da Tappo e da BivY. La pi bella tra queste stata creata a scuola durante lora di religione. Allinterno della band i gusti sono molto eterogenei: da High School Musical a Camp Rock, anche se gli artisti preferiti sono quelli di cui suonano le covers. I loro concerti passati si sono tenuti presso uno studio di Canale Italia, attuale sede delle loro prove. Alla domanda riguardante i progetti futuri, le risposte sono state molto curiose: per Garbo il progetto di scienze da consegnare il 23 marzo, per BivY invece necessario migliorare musicalmente (la prima cosa sensata detta in tutta lintervista!) e continuare a provare, dati i generali problemi legati alle pagelle. Infine abbiamo scoperto che, come delle vere rock stars a volte esagerano con lalcool, visto il loro racconto sullubriacatura di Garbo prima di un concerto. Se siete curiosi di questa band di artisti di 2 e di 2 visitate il loro sito: www.netlog.it/Angels_Over_The_Sunset E D I secondi artisti in ordine di et da noi rintracciati sono invece Federico Vassallo e Leonardo Costa di 3 F. Il primo, detto Vass, il bassista (ma anche sassofonista) degli Ever Grage, il cui nome deriva dallomonimo videogioco al quale tutti i componenti giocavano prima di unirsi nel gruppo. Lord (voce), Fil (batteria), Andrea (chitarra), Sgu (tastiera) e Vass iniziano a suonare nella primavera del 2008 e oggi il loro repertorio vanta sia covers di Sum 41 e Linkin Park che canzoni che nascono da loro jam sessions strumentali o brain storming, come specifica Federico, nei quali scrivono insieme i testi. Rock, alternative e ska sono i generi che gli Ever Grage preferiscono e ascoltano sempre. Il loro concerto pi importante si tenuto al Jamaican Club, dove Vass ricorda ridendo lepisodio in cui alcuni suoi fans e amici presero di peso il cantante e lo portarono a pogare con loro, durante una sua esibizione. Di gusti pi eavy metal invece Leonardo Costa, alias Leo, tastierista di unaltra band che risponde al nome di The Attic Project (www.myspace.com/theattikproject), formatasi solo durante le scorse vacanze natalizie. Leo, Jeff (batteria), Ricky (chitarra), Zac (chitarra ritmica), Fabio (bassista) e Tiz (voce) sono i pochi a suonare brani composti esclusivamente da loro, la cui parte strumentale nasce al pianoforte e alla chitarra dal genio artistico del tastierista, a cui si aggiungono successivamente i testi del chi-

Senza musica, la vita sarebbe un errore.


Friedrich Nietzsche
16

Magna Charta

Anno 2008-09 numero 2

tarrista. I generi muse ispiratrici dei The Attic Project sono il metal, il trash metal e il progressive, mentre il gruppo che fa illuminare gli occhi a Leo quando lo nomina sono i Metallica. Se vi venuta voglia di sentirli dal vivo, purtroppo dovrete pazientare, perch nonostante qualche ritrovo conviviale a base di pasta allaglio nella taverna di Zac, i nostri metallari Attic Project stanno ancora lavorando ai prossimi brani, che siamo tutti curiosi di ascoltare. Sono le note di Knocking on Heavens Door, celeberrimo successo dei Guns N Roses e cover del leggendario Bob Dylan, a fare da colonna sonora alla nascita e allo sviluppo di un altro gruppo: gli Heavens Door, chiamati cos proprio in onore del pezzo che impararono a suonare tutti assieme allinizio della loro carriera. E nel luglio del 2007 che finalmente, esortato dallamico chitarrista e cantante di 3 Alessandro A Faggiani, detto il Faggio, Andrea acquista la sua prima batteria. Al duetto si aggiungeranno poi Pierandrea o Bric alla chitarra e Giulio al basso: nasce cos una band che in breve tempo aprir il proprio repertorio con i pi grandi pezzi dei Guns (da Dont cry a Paradise city), Metallica, Velvet Revolver e Skid Row. Accanto a questi, grazie alla sua sensibilit un po rock e un po malinconica, il Faggio compone anche molti testi su diversi argomenti: sui rapporti odio-amore, su Kurt Cobain, sulla condizione dei bambini in guerra (come in Son of a gun) e anche una sulla sua ragazza; mentre le musiche nascono da riff casuali di un musicista, al quale poi si aggiungono gli altri strumenti. Tra i loro numerosi concerti, quello che ricordano pi volentieri si tenuto durante lautogestione dellIstituto L.B Alberti di Abano, dove i ragazzi, essendo ancora un gruppo sconosciuto, erano stati posti a suonare in mezzo ad un corridoio. In poco tempo si sono ritrovati tutta la scuola davanti: gente che scattava foto, ragazze che chiedevano autografi, bis, interviste, cos da farli sentire delle vere rock stars! Per quanto riguarda i progetti futuri, gli Heavens Door suoneranno in un locale situato vicino al ristorante brasiliano Vaca e boi e incideranno presto un demo. Per altre informazioni consultate www.myspace.com/heavensdoorsrock. Se siete giunti a leggere fino a questo punto e avete ancora sete di artisti emergenti, ci congratuliamo con voi, cari lettori, perch nel prossimo numero della Magna Charta vi attendono altri grandi rockettari che potrebbero essere di vostro interesse.

Cecilia Fusco, Anna Silvia Pianalto

17

Magna Charta

Perle

Anno 2008-09 numero 2

LO SCALZO: Perch ascoltate musica out? ( intendeva dire house ... ) BAGNO: Lanno scorso facevamo i grafichi...

ROBERTO (riferendosi allo scambio organizzato dal comune per la lotta antimafia): Prof, non costa un po poco lhotel per tutto quel periodo?? BERTOLA: Sar della camorra!

nia) Che geni che siete, voi non siete come quei comuni poveracci che si studiano duramente i teoremi NO voi ve li INVENTATE! BRUNETTO: (piuttosto furiosa per i risultati dei compiti in classe) Ho visto di tutto sui vostri compiti; in particolare un sacco di segni attaccati come - oppure + oppure : - su questultimo bastava solo che ci aggiungeste una parentesi ed era perfetto :-) BRUNETTO: Cosa stai facendo? Non starai mica leggendo un libro sotto al banco? ALUNNO: Chi io? No prof lo giuro! BRUNETTO: No tranquillo..so che non stavi leggendo durante la mia lezione....Veramente, non ho dubbi che tu non stessi leggendo durante la mia lezione perch tanto so che non sai leggere! CESPA: Sto pensando a un film che potrei farvi vedere quando vi far supplenza. Qualcosa in inglese che possiate capiretipo i Teletubbies!

CERA: Quindi, Anna, sei andata CERA: A che flusso mi riferisco? vicino a Roberto perch tanto ora Non di certo a quello che arriva single?? alle ragazze ogni 28 giorni! VERBANI: Mercuzio capace di CERA: Gli elettroni sono come parlare di niente, un po come voi ospiti di un albergo: per risparquando siete interrogati...! miare sul riscaldamento mettete due signori sullo stesso letto! PILLEPICH guardando un disegno: E il morto dov?? ( si riferi- CERA: Non andate a dire che va ad un letto particolarmente Cera vi dice che esistono le orbisomigliante ad una bara ) te a pera! ALUNNO: Forse lui che si fa LEONARDO: Marco Antonio si una pera! vendetta! ALUNNO 1: Quand che viene CACCO: Vengo alla lavagna Einstein? prof ... ALUNNO 2: La settimana prossiAMBROSIN: No non serve, tanto ma, portate 20 euro per farlo rielo so che non lo sai ...! sumare! PASSERI: Hai sbagliato! Dai scorreggiti! BELLOMO: Mia figlia del 92.. TOMMY: Anche io sono del 92!! Si potrebbe combinare qualcosa! CERASI: Noi abbiamo questidea BELLOMO: Mia figlia una radi divinit fatta di angioletti defigazza intelligente..! cienti... drammatico! ZAMARIN:Difficile che Marco CERASI: Sei proprio sicura che il sappia di essere interrogato, non tuo cognome si legga cos? sa neanche di essere al mondo! CERASI: Se qualcuno di voi vuole, pu andare in pellegrinaggio a Roccasecca per visitare la tomba di Tommaso dAquino o quella di mio nonno, a scelta! BERTOLA: Stai leggendo latino, non ugrofinnico!

CESPA: Secondo questa vignetta e la storia che avete letto James Bond contento di vedere Mary? MARZOLO: Ho tolto un punto a ALUNNI (prevalentemente machi ha tradotto questo verbo con schi): Si certo prof! desiderare perch se io traduco CESPA: Branco di maschilisti dicendo che: anche il marito, i cultori della donna oggetto! Solo figli, le figlie, ma anche il padrone perch qui nella vignetta Mary desiderava la fattoressa allora voi rappresentata con un bel fisico vi fate un quadro un non vuol dire che James Bond poinquietante se poi la fatto- sia contento di vederla!! ressa pure morta..! ALUNNI (prevalentemente maBRUNETTO: (con una certa iro- schi):!!!

18

Magna Charta
CESPA: Questa parola si pronuncia con la sssss come bissia che strissia sullerba lissia!

Perle
PIGNATELLI:Ah Cappellaro esci unora prima, divertiti! KAPPE: Prof veramente vado a un funerale... PIGNATELLI: Ah scusa!!

Anno 2008-09 numero 2


CERA: Non ho voglia di controllare la giustificazione, far quello della prima ora di domani! Ah ah FEDERICO: prof, non volevo dirglielo, ma... domani c lei alla prima ora CERA: Doh!! (alla Homer Simpson) SPADAVECCHIA: Com il linguaggio di Leopardi nei canti pisano recanatesi? CAZZOLA: E il linguaggio del Pellegrino! SPADAVECCHIA: Caso mai un linguaggio peregrino, cosa dici? SPADAVECCHIA: Come mai Leopardi sceglie un pastore errante dellAsia e non un contadino di Bojon?? PIGNATELLI: Perch noi astrofisici osserviamo sempre le galassie e ogni tanto ne troviamo una di nuova.. FILIPPO: Allora esiste la stella Pignatelli??? (Morelli richiama ripetutamente Marco) MARCO:Ma prof non colpa mia se ho la voce grossa e mi sente appena apro la bocca! Mi far castrare cos non mi sentir pi!! CERA:Ma ragazzi non lavete gi fatto in fisica?? CLASSE: Si si labbiamo fatto con la prof. Bagno! CERA: Bagno doccet!

GOBBO: Chi stato quello che ha sbicilotato sul registro forse voi non lo sapete ma il registro MORELLI:Parli francese con un non mica una tovaglia!! ottimo accento inglese! BRUNETTO: Il 6 Gennaio la befana e il 7 la troverete qui in classe!

CERASI: C una fortunata coincidenza tra quello che ho detto in classe e quello che c scritto sul CERA: (Soffiando in un palloncilibro.. no bucato) Caspita, ho forato luniverso!! VERBANI: Perch in questa classe molta gente se ne va? Vi siete CARRIERI: Il quadro quadra e il fatti una domanda? tondo tonda! TOMMY: Si, posso rispondere? VERBANI:No! ( L operatrice scolastica entra con il palmare per segnare le asALUNNO:Prof, ha avuto lonore senze ) Chi assente oggi??? di conoscere la nuova prof di sto- FISTAROL: Scarpis, Schievano ria e filosofia? e... una diavola grazie! PIGNATELLI:A dir la verit no, non ancora.. MARZOLO: Vediamo un po. ALUNNO:Mizzega! ah s un esempio di eufemismo PIGNATELLI: E per caso mia pu essere vado di corpo! conterronea??? MARZOLO: Io sto un pomale CERA:Enea si portava il padre quindi se per caso durante il Achille sulle spalle.. compito mi vedete diventare MARCO: No prof, veramente bianco e afflosciarmi perch la Anchise! mia spina dorsale non mi regge CERA: Ah s giusto, Anchise si pi voi continuate pure a scriveportava il padre Enea sulle spal- re. le! CERA:Meno parlo, meno ! CERA (per giustificarsi dopo averne sparata una delle sue): Su (Alessandra interrogata a sorpreragazzi, sapete com, al luned sa) ALESSANDRA: Eh prof, tutta mattina.. ieri ho studiato inglese e dopo ho CLASSE:Prof, oggi gioved!! dato una letta veloce anche a italiano....ma ormai ero gi piena ALUNNO: Professore come fa a di contenuti!! prendere tutto quel sole senza lampade?? CERA: Faccio il muraro!! ZAMARIN:Cosa dice una prugna sotto la doccia?? So bromba!!!!

CERA: Marchesin perch non prendi appunti?? Pensi che il compito sar nel mese del poi nel giorno del mai e campa cavallo che lerba cresce?!

19

Magna Charta

Giochi

Anno 2008-09 numero 2

ORIZZONTALI: 1) Lamico Marco di Sanremo 4) Si pratica quello con larco 5) Gi ai tempi dei romani 9) Organizzazione benefica presente in tutto il mondo 10) ....of the pops! 12) La moglie di Giove 15) I tre al potere 16) Famoso quello siciliano 18) Il cantante Stewart 19) Si trova nella bandiera canadese 20) Pesce pregiato 22) Qui, qua e.. 23) Laughing out loud 24) Era chiara quella di Vasco

VERTICALI: 2) Peccato capitale 3) Lultima nota 4) Li vincono gli sportivi 6) Parte della mano 7) Legge, regola 8) Predominanza su altri 11) Capitale del Per 13) Lamico di Step 14) Uno sport invernale 17) Spontaneo 19) Ha come capitale La Valletta 21) Ragusa in breve 22) Soqquadro ne ha due

1 8 2 9 3 8 4 1 9 2 6 1 3 5 4 7 8 3 2 7 5

6 4
Livello: Difficile In casi disperati rivolgersi a

un prof di matematica un ragazzo/a appartenente alla sezione


A-F

un operatore scolastico desideroso di


aiutarvi .... Buon Divertimento!

1
20