Sei sulla pagina 1di 4

LA PREGHIERA DEL ROSARIO E' PIU' FORTE DELLA BOMBA ATOMICA

Padre Hubert Schiffer aveva 30 anni e lavorava nella parrocchia dell’Assunzione di Maria, a
Hiroshima. Ha dato la sua testimonianza davanti a decine di migliaia di persone:
“Attorno a me c’era soltanto una luce abbagliante. Tutto a un tratto, tutto si riempì istantaneamente
da una esplosione terribile. Sono stato scaraventato nell’aria. Poi si è fatto tutto buio, silenzio,
niente. Mi sono trovato su una trave di legno spaccata, con la faccia verso il basso. Il sangue
scorreva sulla guancia. Non ho visto niente, non ho sentito niente. Ho creduto di essere morto. Poi
ho sentito la mia propria voce.
Questo è stato il più terribile di tutti quegli eventi. Mi ha fatto capire che ero ancora vivo e ho
cominciato a rendermi conto che c’era stata una terribile catastrofe! Per un giorno intero i miei tre
confratelli ed io siamo stati in questo inferno di fuoco, di fumo e radiazioni, finché siamo stati
trovati ed aiutati da soccorritori. Tutti eravamo feriti, ma con la grazia di Dio siamo sopravvissuti”.
Nessuno sa spiegare con logica umana, perché questi quattro padri gesuiti furono i soli
sopravvissuti entro un raggio di 1.500 metri. Per tutti gli esperti rimane un enigma, perché nessuno
dei quattro padri è rimasto contaminato dalla radiazione atomica, e perché la loro casa, la casa
parrocchiale, era ancora in piedi, mentre tutte le altre case intorno erano state distrutte e bruciate.
Anche i 200 medici americani e giapponesi che, secondo le loro stesse testimonianze, hanno
esaminato padre Schiffer, non hanno trovato nessuna spiegazione a perché mai, dopo 33 anni dallo
scoppio, il padre non soffriva nessuna conseguenza dell’esplosione atomica e continuava a vivere in
buona salute.
Perplessi, hanno avuto tutti sempre la stessa risposta alle tante loro domande: “Come missionari
abbiamo voluto vivere nel nostro paese il messaggio della Madonna di Fatima e perciò abbiamo
pregato tutti i giorni il Rosario.” Ecco il messaggio pieno di speranza di Hiroshima: La preghiera
del Rosario è più forte della bomba atomica! Oggi, nel centro della città ricostruita di Hiroshima, si
trova una chiesa dedicata alla Madonna. Le 15 vetrate mostrano i 15 misteri del Rosario, che si
prega in questa chiesa giorno e notte.
Un altro racconto di padre Schiffer aggiunge che avevano appena finito di dire Messa, e si erano
recati a fare colazione, quando la bomba cadde:
“Improvvisamente, una terrificante esplosione riempì l’aria come di una tempesta di fuoco. Una
forza invisibile mi tolse dalla sedia, mi scagliò attraverso l’aria, mi sbalzò, mi buttò, mi fece
volteggiare come una foglia in una raffica di vento d’autunno.”
Quando riaprì gli occhi, egli, guardandosi intorno, vide che non vi erano più edifici in piedi, fatta
eccezione per la casa parrocchiale. Tutti gli altri in un raggio di circa 1,5 chilometri, si racconta,
morirono immediatamente, e quelli più distanti morirono in pochi giorni per le radiazioni gamma.
Tuttavia, il solo danno fisico che padre Schiffer accusò, fu quello di sentire alcuni pezzi di vetro
dietro il collo. Dopo la resa del Giappone, i medici dell’esercito americano gli spiegarono che il suo
corpo avrebbe potuto iniziare a deteriorarsi a causa delle radiazioni. Con stupore dei medici, il
corpo di padre Schiffer sembrava non contenere radiazioni o effetti dannosi della bomba.
In realtà, egli visse per altri 33 anni in buona salute, e partecipò al Congresso Eucaristico tenutosi a
Philadelphia nel 1976. In quella data, tutti gli otto membri della comunità dei Gesuiti di Hiroshima
erano ancora in vita.
Questi sono i nomi degli altri sacerdoti gesuiti che sopravvissero all’esplosione: Fr. Hugo Lassalle,
Fr. Kleinsorge, Fr. Cieslik.
Un miracolo simile avvenne anche a Nagasaki, dove un convento francescano – “Mugenzai no
Sono” (“Giardino dell’Immacolata”) – fondato da San Massimiliano Kolbe rimase illeso come a
Hiroshima. Dal giorno in cui le bombe caddero, i gesuiti superstiti furono esaminati più di 200 volte
dagli scienziati senza giungere ad alcuna conclusione, se non che la sopravvivenza degli otto gesuiti
all’esplosione fu un evento inspiegabile per la scienza umana.
Fonte: fermenticattolicivivi
DON GABRILE AMORTH: IL ROSARIO, POTENTE ARMA CONTRO IL MALIGNO
Oggi più che Mai il mondo ha bisogno di pregare e meditare. Prima di tutto di pregare, perché gli
uomini si sono dimenticati di Dio e senza Dio sono sull'orlo di un baratro tremendo; da qui la
continua insistenza della Madonna, sulla preghiera. Senza l'aiuto di Dio si dà a satana partita vinta.
E c'è bisogno di meditazione, perché se si dimenticano le grandi verità cristiane negli animi resta il
vuoto; un vuoto che il nemico sa bene come riempire.
Ecco allora il diffondersi della superstizione e dell'occultismo, soprattutto in quelle tre forme oggi
così in voga: magia, sedute spiritiche, satanismo. L'uomo d'oggi ha più che mai bisogno di pause di
silenzio e di riflessione. In questo mondo fracassone c'è necessità di un silenzio orante. Anche di
fronte agli incombenti pericoli di guerra, se crediamo alla potenza della preghiera, siamo convinti
che il Rosario è più forte della bomba atomica.
È vero, è una preghiera che impegna, che richiede un certo tempo. Noi invece siamo abituati a fare
le cose in fretta, specie con Dio… Forse il Rosario ci mette in guardia da quel rischio che Gesù
segnalava a Marta, sorella di Lazzaro: "Ti affanni di tante cose, ma una sola cosa è necessaria".
Anche noi corriamo lo stesso pericolo: ci affanniamo e ci preoccupiamo di tante cose contingenti,
spesso anche dannose per l'anima, e dimentichiamo che l'unica cosa necessaria è vivere con Dio.
[...]
Qual è oggi il più evidente pericolo per la società? È lo sfacelo della famiglia. Il ritmo della vita
attuale ha spezzato l'unità della famiglia: si sta poco insieme e talvolta, anche quei pochi minuti,
neppure ci si parla perché a parlare ci pensa il televisore. Dove sono le famiglie che alla sera
recitano il Rosario? Già Pio XII insisteva su questo: "Se recitate il Rosario tutti uniti gusterete la
pace nelle vostre famiglie, avrete la concordia degli animi nelle vostre case". "La famiglia che prega
unita", ripeteva in tutte le contrade de mondo l'americano P. Peyton, l'infaticabile apostolo del
Rosario in famiglia. [...] Il Rosario è l'arma capace di dare la pace alla società, al mondo intero,
perché è una preghiera e meditazione capace di trasformare i cuori e di vincere le armi del nemico
dell'uomo.
don Gabriele Amorth, tratto da "eco di Maria" nr.168
PREGHIERA: TU SEI MIA MADRE
Ricordati e rammentati, o dolcissima Vergine,
che Tu sei mia Madre e che io sono Tuo figlio;
che Tu sei potente
e che io sono poverissimo, timido e debole.
Io Ti supplico, dolcissima Madre,
di guidarmi in tutte le mie vie,
in tutte le mie azioni.
Non dirmi, Madre stupenda, che Tu non puoi,
poiché il Tuo amatissimo Figlio
Ti ha dato ogni potere, sia in cielo che in terra.
Non dirmi che Tu non sei tenuta a farlo,
poiché Tu sei la Mamma di tutti gli uomini
e, particolarmente, la mia Mamma.
Se Tu non potessi ascoltare,
io Ti scuserei dicendo :
“è vero che è mia Mamma e che mi ama come Suo figlio,
ma non ha mezzi e possibilità per aiutarmi”.
Se Tu non fossi la mia Mamma,
io avrei pazienza e direi :
“ha tutte le possibilità di aiutarmi,
ma, ahimé, non è mia Madre
e, quindi, non mi ama”.
Ma invece no, o dolcissima Vergine,
Tu sei la mia Mamma
e per di più sei potentissima.
Come potrei scusarti se Tu non mi aiutassi
e non mi porgessi soccorso e assistenza?
Vedi bene, o Mamma,
che sei costretta ad ascoltare
tutte le mie richieste.
Per l’onore e per la gloria del Tuo Gesù,
accettami come Tuo bimbo
senza badare alle mie miserie
e ai miei peccati.
Libera la mia anima e il mio corpo
da ogni male e dammi tutte le Tue virtù,
soprattutto l’umiltà.
Fammi regalo di tutti i doni, di tutti i beni e
di tutte le grazie che piacciono
alla SS. Trinità, Padre, Figlio e Spirito Santo
(San Francesco di Sales)

03.05.2022 ORE 15,15


40Tu e altri 39
Condivisioni: 22

Potrebbero piacerti anche