Sei sulla pagina 1di 4

Apprendi come gestire la prossemica

— di Massimo Carrozza, © 2004 —

Tutti noi, intorno al nostro corpo abbiamo uno spazio, una distanza che ci avvolge, ci separa e ci
protegge dal resto del mondo.

Lo spazio che sussiste tra noi e gli altri non è neutro, se infatti una persona si avvicina ”troppo” a
noi, cominciamo a sperimentare particolari stati psico-fisici o variazioni emotive come ad esempio
“fastidio” o “imbarazzo” e reagiamo di conseguenza ripristinando le “giuste” distanze, così come,
se si allontana “troppo” da noi.

Il più delle volte comunichiamo, agiamo e reagiamo, mettiamo e ripristiniamo distanze, senza
esserne consapevoli.

Lo spazio che ci separa dagli altri è uno spazio mentale che esiste nella nostra mappa del mondo ed
è chiamato spazio prossemico o bolla prossemica perché si sviluppa tutta intorno a noi.

Se ad esempio chiamate una persona e questa per rispondervi vi si avvicina, si fermerà da voi ad
una particolare distanza, questa distanza è il suo spazio prossemico, ossia quella particolare distanza
mentale e relazionale che desidera avere da voi. Se provate ad avvicinarvi ancora, ad invadere cioè
il suo spazio, questa probabilmente farà passi indietro ripristinando la distanza che desidera,
inconsciamente senza esserne cioè consapevole. Se, al contrario, vi allontanate, abbandonate cioè il
suo spazio relazionale, questi si avvicinerà ripristinando la distanza. Se poi, questa persona, per
qualche ragione non riesce a ripristinare il proprio spazio relazionale, sperimenterà
consapevolmente particolari stati psicofisici come il fastidio e cercherà di sottrarsi in qualche modo
alla distanza e quindi al rapporto.

Da questo piccolo esperimento capiamo quanto la distanza tra noi e gli altri sia importane e quanto
queste distanze siano diverse da persona a persona.

Con i nostri amici le distanze sono molto ridotte, con il nostro partner si riducono fino al contatto
fisico, con gli estranei, sono molto grandi.

Possiamo facilmente verificare quindi come le distanze e le reazioni siano diverse quando ci
facciamo avvicinare o ci avviciniamo ad un uomo o ad una donna, conoscente, estraneo, amico,
partner ed ancora da davanti, di lato o da dietro.

Costruite la vostra bolla prossemica con l’obiettivo di dare delle misure precise agli spazi che
intercorrono tra voi e gli altri, mettetevi fermi in un punto del pavimento e fatevi avvicinare da una
persona (Partner, amico, estraneo), da davanti, di lato e da dietro, a partire da una distanza di tre
metri. Sperimentate tutte le sensazioni e gli stati, quando sentite fastidio bloccate la persona e
scrivete su un foglio la distanza corrispondente. Prima da davanti, poi di lato ed infine da dietro.
Avrete costruito il vostro spazio relazionale, o bolla prossemica, con quella particolare persona, e
potrete sperimentare come quelle siano proprio le distanze che “normalmente” tenete con quella
persona e verificate poi come quegli spazi siano dipendenti dal rapporto che avete con quella
persona, ad esempio se siete in sintonia, le distanze tenderanno a diminuire, viceversa ad aumentare.

Ma ancora più interessante è rendersi conto che un istante prima di avvertire consapevolmente
variazioni emotive, alle variazioni di distanza, in noi o negli altri, per le invasioni o abbandoni della
bolla prossemica, il nostro corpo e/o quello degli altri, le comunica attraverso modificazioni non-
verbali, come irrigidimenti muscolari, modificazioni di postura, variazione della respirazione e
altre.
Ripetete l’esercizio avvicinandovi voi questa volta, partendo da una distanza di tre metri, ad una
persona ferma in un punto del pavimento, ed osservate micro-modificazioni non verbali nell’altro,
e… con un po’ di pratica sarete in grado di determinare, un istante prima che l’altro ne sia
consapevole, quale sia la distanza giusta e critica, oltre la quale diventate troppo vicini o troppo
lontani.

Secondo gli studi, iniziati sugli animali, e poi condotti sull’uomo, le distanze relazionali possono
essere condensate in tre gruppi, intime da 0 a circa 30 cm, amicali fino a circa 1 metro, fino ai 3
metri sociali, oltre questo limite non si registra influenza.

Le applicazioni pratiche sono molteplici, pensiamo a quanto, per entrare in rapporto con una
persona, sia importante rispettare le sue distanze: se ci avviciniamo troppo, o troppo poco, potrà
pensare ad esempio che “a pelle” non gli siamo simpatici.

Possiamo imparare, inoltre, non solo a rispettare, ma ad invadere consapevolmente le “bolle” degli
altri, l’obiettivo in questo caso potrebbe essere ad esempio quello di produrre un cambiamento di
stato psico-fisico.

Un insegnante di scuola può ad esempio imparare a gestire, invadere o abbandonare, la bolla


prossemica dei suoi allievi per accentuare un comportamento od inibirlo. Tra partner si può
imparare a gestire, invadere o abbandonare, la bolla prossemica per produrre emozioni nell’altro.

Pensate, inoltre, come normalmente e inconsapevolmente invadiamo le bolle degli altri, ad esempio
per intimidire…!!!
Etimologia [modifica]
Il termine è stato introdotto e coniato dall'antropologo Edward T. Hall nel 1963 per indicare lo
studio delle relazioni di vicinanza nella comunicazione.

Specifiche [modifica]

Hall ha osservato che la distanza tra le persone è correlata con la distanza fisica, ha definito e
misurato quindi quattro "zone" interpersonali:

• La distanza intima (0-45 cm).


• La distanza personale (45-120 cm) per l'interazione tra amici.
• La distanza sociale (1,2-3,5 metri) per la comunicazione tra conoscenti o il rapporto
insegnante-allievo.
• La distanza pubblica (oltre i 3,5 metri) per le pubbliche relazioni.

Nel libro "La dimensione nascosta", Hall osservò che la distanza alla quale ci si sente a proprio agio
con le altre persone vicine dipende dalla propria cultura: i sauditi, i norvegesi, gli italiani e i
giapponesi hanno infatti diverse concezioni di vicinanza.
Gli arabi preferiscono stare molto vicini tra loro, quasi gomito a gomito, gli europei e gli asiatici si
tengono invece fuori dal raggio di azione del braccio. In alcune regioni meridionali dell’India, dove
la distanza che gli appartenenti alle diverse caste devono mantenere fra di loro è rigidamente
stabilita, quando gli individui della casta più bassa (paria) incontrano i bramini, la casta più elevata,
debbono tenersi a una distanza di 39 metri.

Altra differenza è quella tra i sessi, i maschi si trovano più a loro agio a lato di una persona, invece
le femmine di fronte.

Particolare rilevanza ha acquistato anche la prossemica dell'ascensore: ad esempio gli europei in


ascensore si pongono a cerchio con la schiena appoggiata alle pareti, mentre gli americani si
pongono in fila con la faccia rivolta alla porta.

Potrebbero piacerti anche