Sei sulla pagina 1di 7

E

Naturam expellas furca, tamen usque recurret

DECALOGO PER LE MADRI

GUIDA ALLALLEVAMENTO DEI FIGLI ALLA LUCE DELLEVOLUZIONE Magis consiliarius est, quam auxiliarius 27 Novembre 2012

DECALOGO PER LE MADRI

I Comandamenti

1 NON DARAI MAI A TUO FIGLIO DA BERE LATTE CHE NON SIA LATTE UMANO
Non solo il latte di mucca o di altri animali pu causare miopia, diabete ed innumerevoli allergie, ma il tuo latte necessario per lo sviluppo del suo sistema immunitario. Pi a lungo si allatta al seno, pi forte sar il sistema immunitario di tuo glio quando sar grande. Quando nir lo svezzamento non avrai bisogno di dargli latte di mucca, poich le migliori fonti di calcio sono la carne fresca e le verdure a foglia verde.

2 NON TI SEPARERAI MAI DAL TUO PICCOLO NEL PRIMO ANNO, NEANCHE DI NOTTE
I bambini hanno bisogno di avere sempre vicino la mamma, poich spontaneamente devono poter raggiungere il seno e nutrirsi ogni 3 ore circa, anche di notte e senza neanche svegliare la mamma. Se si fa dormire il piccolo in un letto separato, questo pianger tutta la notte e svilupper insicurezze che si porter per tutta la vita. Inoltre senza la stimolazione continua e costante della saliva e del risucchio del piccolo sul tuo capezzolo, il latte non viene prodotto dal tuo seno. Non dovrai usare mai ciucci, succhiotti o pacicatori come surrogati del seno, perch questi distruggono il link empatico e chimico con il bambino, oltre a costringerlo ad aogarsi di latte quando nalmente accede al capezzolo, per poi vomitare leccesso. Solo se il bambino succhia il latte in piccole dosi costanti h24 da un seno che sa essere sempre disponibile a pochi cm dal suo viso, si nutrir in modo corretto, altrimenti manger troppo per lo stress e la paura e star male, crescendo insicuro e obeso.

3 PORTERAI IL TUO PICCOLO CON TE IN BRACCIO E AL SENO OVUNQUE TU VADA


Non usare mai carrozzine, ma al massimo fasce porta beb, seppure tenendole ben larghe e facendogli cambiare posizione spesso, altrimenti la circolazione delle sue gambe ne risentir. Il cervello del piccolo ha bisogno di tre cose: il tuo seno, sentire il ritmo della tua camminata e vedere le facce delle persone che incontri. Deve essere in grado di girarsi verso avanti ma deve essere in grado di allattarsi al tuo seno voltandosi indietro verso di te quando vuole. Quando sar in grado di camminare a quattro zampe, lo dovrai lasciar muovere da solo sul pavimento di casa e nei giardinetti il pi possibile.

4 NON LO MANTERRAI IN UNA IGIENE INNATURALE


I bambini sviluppano nei primi anni il loro sistema immunitario attraverso lincontro con batteri, virus, parassiti e allergeni. Per questo istintivamente portano alla bocca quello che trovano in terra. Se lo si lava troppo spesso, o se la culla o lambiente di casa sono troppo puliti, il poppatoio sterilizzato, o gli si impedisce di giocare liberamente con le cose sul pavimento, nel giardino, nel fango o con gli animali domestici, il suo sistema immunitario rester atrozzato e quando da adulto incontrer agenti estranei reagir attivando risposte sistemiche di emergenza come rinite o asma.

5 DARAI MAI DA MANGIARE A TUO FIGLIO SOLO PRODOTTI FRESCHI


Omogeneizzati, pappe o biscottini sono innaturali e causano innumerevoli allergie. Quasi tutti contengono latte di mucca o suoi derivati, come i formaggini, o zuccheri in quantit innaturale. Il tuo piccolo deve mangiare solo CARNE FRESCA BOLLITA E TRITATA FINEMENTE DA TE, mescolandoci insieme poche verdure e frutta fresca omogeneizzata da te.

6 NON DARAI DA MANGIARE A TUO FIGLIO VERDURE SE NON IN PICCOLE QUANTITA

DECALOGO PER LE MADRI La ragione per cui i bambini riutano le verdure non per fare capricci, ma perch le verdure contengono sostanze teratogene prodotte per uccidere i parassiti, sostanze che se ingerite interferiscono con lo sviluppo degli organi del bambino durante i primi anni di vita. Le verdure dovranno essere sempre date al piccolo in piccole quantit, mescolandone di molti tipi diversi per minimizzare le tossine di ciascuna variet, iniziando da dosi minuscole tritate insieme alla carne, aumentando la dose progressivamente, no a quando dopo i 13 anni potr arrivare a mangiarne una porzione normale.

7 NON FARAI VEDERE LA TELEVISIONE A TUO FIGLIO ALMENO FINO A 18 ANNI


Nella fase dello sviluppo del cervello pre-adolescenziale e adolescenziale i ritmi articialmente eccitati della tv producono gravissimi danni cognitivi, tra cui una assuefazione agli stimoli supernaturali che alla lunga produce anedonia, dicolt nello studio e nella concentrazione, noia, tristezza, disinteresse, insoddisfazione, ansia e in taluni individui predisposti depressione. Niente accesso ai video neanche via internet come YouTube o a clip musicali. Se proprio dovrai gli farai vedere al massimo un lm al mese insieme a voi, che i piccoli ameranno vedere e rivedere ogni mese molte volte, sar preferibile la registrazione di opere teatrali dal vivo, che non hanno montaggio e quindi hanno tempi e stimoli pi vicini alla realt e quindi compatibili con la mente umana. Solo cos avrai salvaguardato la felicit futura di tuo glio.

8 LEGGERAI DEI LIBRI A TUO FIGLIO OGNI SERA A LETTO PRIMA DI DORMIRE
Lo sviluppo del cervello del bambino e la sua futura passione per la lettura dipendono esclusivamente da quanto lui sente la tua voce leggergli qualcosa nei primi anni di vita. Inizia subito a leggergli, anche a 6 mesi, perch anche se non capisce, impara a decodicare il ritmo delle frasi, specie se le leggi con espressione e drammatizzando le voci dei personaggi. Non dimenticare di leggergli non solo favole e romanzi, ma anche saggi e libri con immagini di animali e piante.

9 INSEGNERAI A TUO FIGLIO LA MATEMATICA GIA A 4 ANNI Il periodo in cui il cervello apprende
meglio la matematica quello dei primi anni, in cui come per il linguaggio forma le connessioni e le associazioni automatiche che gli permetteranno di comprenderla facilmente da grande. Se non si esercita ogni giorno n da 4 anni a fare una decina di calcoli al giorno, non svilupper tale linguaggio e la matematica diverr per lui ostica per sempre. Per amare una materia di studio bisogna essere gi bravi, oppure il bambino trovando dicolt odier la materia, qualunque essa sia. Non dovrai mai farlo confrontare con un compito a cui non sucientemente preparato o troppo dicile, altrimenti il suo cervello attiver un meccanismo per evitare di investire il suo tempo in quel genere di compiti etichettandoli come non fruttuosi, e nessuno potr pi forzarlo a cambiare.

10 INSEGNERAI A TUO FIGLIO CON LESEMPIO E LA PRATICA, NON CON LA TEORIA


I bambini non apprendono quando gli spieghi le cose, per quanto chiaro tu possa essere. Il loro cervello progettato per apprendere guardando unaltra persona che fa una cosa ed esercitandosi ad imitarlo. Dalla matematica al saper cucinare, le parole stanno a zero: mostragli come fai tu, e lui a forza di provare ad imitarti ci riuscir. Se tu non sai qualcosa, ada tuo glio ad un mentore abile in quella cosa, in modo che lui possa guardarlo. Non darti delle scuole, insegna tu a tuo glio o fagli fare lezione da un fratello o un cugino maggiore. Fagli fare sempre i compiti con degli amici, mai da solo, in modo che possano imparare gli uni dagli altri e creare un legame duraturo no alluniversit e oltre.

11 CONDIVIDERAI LA CURA DEL TUO PICCOLO CON MADRI, SORELLE E ZIE


Un bambino ha bisogno di sentire che ci sono oltre alla mamma anche una rete di donne imparentate che si curano di lui. Tale rete di donne la vera culla che gli fornir la sicurezza psicologica di cui ha bisogno. Se percepisce che sei sola ad occuparti di lui, svilupper ansie e paure. Se non hai parenti femmine, non adare i tuoi gli alla cura del padre o di parenti uomini, poich gli uomini mancano degli istinti e dellempatia che le donne hanno per gestire i bambini. Se proprio devi, assumi una ragazza a fargli da baby-sitter. Ricorda che tutte le donne possono aiutarti ad allattare, per milioni di anni sono state le sorelle maggiori ad aiu-

DECALOGO PER LE MADRI tare la mamma ad allattare i fratellini, poich anche a 12 anni e anche senza aver mai partorito basta la stimolazione di una settimana del risucchio del bambino al seno per far produrre il latte. Persino le donne anziane, al bisogno, possono produrre latte se sucientemente stimolate, e maggiore la variet di balie bagnate, maggiore sar la forza del suo sistema immunitario. Gli uomini possono al massimo mostrare e far imitare ai gli le loro abilit sul lavoro, stimolandoli con la competizione, ma a causa della loro scarsa empatia in generale meglio non lasciarli mai soli con i bambini.

12 FARAI ALMENO 3-4 FIGLI DI SESSI DIVERSI


Non lasciare tuo glio come glio unico, poich i bambini hanno bisogno dei fratelli maggiori per apprendere indirettamente dalle loro esperienze e per imparare a competere per le risorse di casa senza per odiarsi. Inoltre continua a fare gli nch non avrai un equilibrio tra il numero di maschi e quello delle femmine, in quanto in una famiglia di soli gli maschi o sole glie femmine queste avranno enormi dicolt di comunicazione e comprensione con laltro sesso quando cresceranno.

13 NON GLI FARAI MAI MANGIARE CARBOIDRATI


Lorganismo umano non adatto a nutrirsi di carboidrati come grano, cerali, patate, mais, zuccheri e dolci vari. I soli carboidrati che luomo ingeriva, oltre a quei pochi contenuti nelle verdure e nella frutta secca, venivano dalla frutta fresca, e comunque anche questa non era mai disponibile in grandi quantit. Insegna a tuo glio che cibi ricchi di carboidrati, come pane, pizza, legumi, patate, zucchero, cereali, farinacei, torte, cioccolata e gelati sono un veleno per lorganismo e causano inevitabilmente sovrappeso, obesit, ipertensione e diabete. Il latte di mucca e i suoi derivati causano oltre ai suddetti anche miopia, allergie, acne ed osteoporosi. Nessun limite invece per carne fresca (evitare solo la carne insaccata o stagionata, e quella di volatili dalle carni scure) e pesce fresco (tranne pesce azzurro o crostacei, che possono dare intolleranze essendo originario di mari profondi o mari del nord a cui l'homo sapiens non aveva accesso). Verdure (purch prevalentemente composti da bre e polisaccaridi a catena lunga) e frutta devono invece essere sempre disponibili a tavola, seppure questi ultimi essendo comunque ricchi di carboidrati non vanno mai consumati in dose eccessiva (in particolare bandire succhi di frutta o bibite dolci che creano una pericolosa overdose di fruttosio, uno zucchero che nel pleistocene esisteva ma che era comunque scarso, e che nelle dosi moderne causa obesit e malattie come la gotta).

14 CONTROBILANCERAI LOLIO CHE USI PER CUCINARE CON OMEGA-3


I grassi non fanno male, a dierenza di quanto si credeva un tempo. Ma possono essere sbilanciati. Lolio doliva o di semi che sono usati per cucinare contengono troppo Omega-6 e pochissimo Omega-3. Il metabolismo dei piccoli, specie delle femmine, ha bisogno di introdurre un rapporto uguale di dosi di Omega-6 ed Omega- 3, altrimenti lo sbilanciamento produce problemi. Lolio di Lino migliore ma deperisce in fretta e va conservato in frigorifero. Lolio del gamberetto Krill ricchissimo di Omega-3 ed un integratore dietetico ideale da prendere in pillole, specie se si usano oli vegetali nella cottura.

15 FARAI IN MODO CHE A CASA TUA CI SIA SEMPRE DELLA MUSICA ALLEGRA DI SOTTOFONDO Canzoni e musica classica si imparano ad apprezzare da piccoli, e forniscono a tuo glio lenergia e la gioia necessaria a sopportare le dicolt che incontrer. Fai scegliere a loro la playlist della giornata ogni mattina. Insegnagli a capire linglese facendogli seguire i testi delle canzoni che gli porti. Insegnagli a ballare e seguire il ritmo con il corpo il prima possibile, il ballo il miglior tipo di esercizio sico. Un bambino che balla la Salsa n da piccolo sviluppa una coordinazione motoria superiore persino ai ginnasti.

16 GLI INSEGNERAI A CURARE IL PROPRIO ASPETTO PRIMA DI OGNI ALTRA COSA


Gli spiegherai che lattenzione allestetica, alligiene quotidiana, alluso di profumi, al vestire o truccarsi secondo la moda, sono una forma di rispetto nei confronti degli altri, non di se stessi. Gli spiegherai che, giu-

DECALOGO PER LE MADRI sto o sbagliato che sia, nel mondo umano lestetica pi importante di ogni altra cosa, poich per gli istinti di cui siamo dotati chi si mantiene il pi possibile bello e curato nell'aspetto e nel vestire risulta piacevole per gli altri e gli si perdona tutto, mentre chi non lo fa risulta una presenza fastidiosa e manda un messaggio di egoismo e indierenza per la sensibilit altrui. E' inoltre un fatto triste ma dimostrato scienticamente che i belli e gli eleganti trovano pi facilmente lavoro e fanno carriera pi in fretta, poich i giudizi di dirigenti o clienti, sia uomini che donne, sono inconsciamente inuenzati dall'aspetto estetico. Essendo luomo un animale estetico prima che razionale, la felicit umana quotidiana deriva in gran parte dalla soddisfazione di sentirsi belli allo specchio o agli occhi degli altri, mentre lessere cortesi o intelligenti ha importanza solo per la pratica della sopravvivenza e per la pratica di civilt, non per la felicit. Non far mai mancare uno specchio grande nella stanza di tuo glio, e invitalo a guardarsi e piacersi ogni volta prima di uscire.

17 NON DARAI A TUO FIGLIO ANTIBIOTICI A MENO CHE NON ABBIA UNA INFEZIONE
Gli antibiotici servono ad uccidere i batteri (non i virus), e sono molto utili nelle infezioni di ogni genere, ma oltre ad uccidere i batteri cattivi uccidono anche i batteri buoni, che vivono nel nostro intestino. La morte di questi batteri causa danni spesso irreparabili allo sviluppo dellintestino, e lindebolimento generale del sistema immunitario. E quindi necessario usare gli antibiotici il meno possibile. Se la febbre non dipende da batteri, ad esempio in caso di una inuenza (di solito virale), non serve aatto dare antibiotici, perch lorganismo riesce in una settimana a produrre gli anticorpi specici per il virus e a spazzarlo via. Molti medici li danno ugualmente in quanto riducendo i batteri presenti nel corpo riducono il carico del sistema immunitario, e quindi la febbre, ma in un bambino che sta sviluppando il sistema immunitario questo provoca un sottosviluppo dello stesso ed un indebolimento ulteriore. Ricordate che il sistema immunitario ha bisogno di fare esercizio, esattamente come un muscolo. I vaccini servono infatti proprio a questo. I bambini che invece usano cortisonici (che spengono il sistema immunitario) o antibiotici (che eliminano i batteri prima che lorganismo possa apprendere a difendersi da essi) nel primo anno di vita, tendono ad avere una salute molto fragile in et adulta, ammalandosi pi spesso e pi a lungo degli altri e sviluppando complicazioni.

18 VIVRAI IN UNA CASA DOVE I TUOI FIGLI AVRANNO UN GIARDINO PER GIOCARE CON GLI
AMICI La cosa pi importante nello sviluppo cerebrale di un bambino la creazione di legami di gruppo attraverso giochi allaperto, scalare gli alberi, o inseguire animali. Ogni bambino tende a integrarsi con un gruppo assorbendo il loro sistema di valori, e al contempo a cercare di dierenziarsi con delle abilit speciali per divenire insostituibile per i suoi amici. I gruppi competono tra loro in modo naturale, mentre i membri di ogni gruppo al loro interno competono per salire di status nella gerarchia mostrando una loro abilit specica, nch non si stabilizzano in una posizione. Tecnicamente questo processo si chiama Integrazione e Dierenziazione. Cerca sempre di favorire e consentire a tuo glio di sviluppare queste dinamiche al meglio delle sue capacit. I migliori risultati si ottengono quando il gruppo con cui studia lo stesso con cui gioca. Considera l'Home Schooling di gruppo come alternativa molto migliore della scuola, poich gli studi confermano che tale pratica produce bambini pi preparati e studiosi della scuola pubblica.

19 RISPETTERAI LE DIFFERENZE GENETICHE TRA MASCHI E FEMMINE


Bambini e bambine hanno cervelli diversi, forgiati dalla natura per avere dierenti istinti e gusti. Le femmine sono in media pi empatiche e amano giocare con i bambini piccoli, prendersene cura ed imitare le mamme e le nonne nelle faccende relative ad alimentazione ed aspetto sico, mentre non amano tecnologia e lavori con oggetti inanimati. Quindi coinvolgi le tue bambine nelle attivit femminili e dagli piccoli lavoretti con cui guadagnarsi la cena. Al contrario i maschi sono meno empatici, amano la competizione ed amano giocare con oggetti inanimati e appuntiti, usabili come armi contro obiettivi vivi. I suoi istinti violenti da cacciatore non possono essere eliminati, ma possibile farli scaricare su attivit innocue che fungono da surrogato, come sport competitivi di gruppo, videogiochi di caccia o guerra o attivit all'aperto come la caccia fotograca agli animali dei boschi o ai pesci delle barriere coralline. Non sempre comunque una donna ha un cervello femminile, o un uomo un cervello maschile, in quanto questo orientamento dato dall'esposizione al testosterone durante la gravidanza. Esegui prima possibile dei test psicologici sui tuoi piccoli per sapere quale tipo di cervello hanno, e asseconda le loro tendenze senza per esacerbarle.

DECALOGO PER LE MADRI

20 FARAI FARE AI TUOI BAMBINI I LAVORI DI CASA


I Bambini nella fase della crescita sono iperattivi e tendono ad emulare i genitori. Questi istinti servono perch la loro mente apprende facendo, e hanno da piccoli una enorme quantit di energie proprio per fare e imparare. Devono sentirsi utili alla casa il pi possibile, e quindi appena sono abbastanza grandi, gi a 3 anni, insegnagli a fare le faccende domestiche. Prima tienilo vicino a te per guardarti mentre le fai, e poi quando vedi che muore dalla voglia di imitarti, inizia ad assegnargli dei piccoli compiti, in numero sempre maggiore, dallo spingere il carrello della spesa al supermercato al lavare i pavimenti e rifare i letti, senza bisogno di premiarlo se non con un bravo. Appena possibile adagli responsabilit di casa anche grosse, in modo che si senta protagonista dei cicli quotidiani nella gestione della casa e della famiglia. Non imporglierlo, ma lascia che imiti spontaneamente, anche nel fare lavori pesanti e faticosi, e vedrai che se lo avrai abituato n da piccolo imparer a sostituirti in quasi tutto, lasciandoti modo di pensare al tuo lavoro, e che questo lo render felice. Se hai pi di un glio, evita di adare lo stesso compito a pi bambini o di fargli fare una volta un compito ad uno e un altro giorno ad un altro, ma crea delle specializzazioni in base alle preferenze iniziali che vedi nei bambini, in modo che alla ne ogni giorno ogni bambino avr il suo lavoro specico senza interferenze da parte degli altri e solo nellambito dove diventato abile e nel compito che sa fare ormai con facilit e di cui responsabile e orgoglioso di fronte alla famiglia. Non dimenticare mai che la felicit deriva dallorgoglio di ci che si fatto.

Riferimenti Bibliograci:

1998 - Meredith F. Small, Our Babies, Ourselves; How Biology and Culture Shape the Way we Parent. Anchor Books (Doubleday). 2001 - Meredith F. Small, Kids: How Biology and Culture Shape the Way We Raise Our Children. Doubleday. 1998 - Judith Rich Harris, The nurture assumption: Why children turn out the way they do. Free Press. 2006 - Judith Rich Harris, No Two Alike: Human Nature and Human Individuality. W.W. Norton. 1997 - Steven Pinker, How the Mind Works, Norton & Company, New York-London. 2010 - Loren Cordain, The Paleo Diet: Lose Weight and Get Healthy by Eating the Food You Were Designed to Eat, Revised Edition, Wiley Press. 2008 - Gary Taubes, Good Calories, Bad Calories: Fats, Carbs, and the Controversial Science of Diet and Health, Anchor Press. 2009 - Ue Ravnskov, Fat and Cholesterol are Good for You, GB Publishing. 2002 - Peter S. Ungar & Mark F. Teaford, Human Diet: Its Origin and Evolution, Praeger. 2001 - Craig B. Stanford, Meat-Eating and Human Evolution, Oxford University Press. 2009 - Joseph SB Morse, Holly Petty, The Evolution Diet: All-Natural and Allergy Free, CoDe Publishing. 2011 - David Buss, Evolutionary Psychology: The New Science of the Mind (4th Edition), Prentice Hall 2010 - David Buss, The Evolution of Personality and Individual Dierences, Oxford University Press. 2003 - Simon Baron-Cohen, The essential dierence: men, women and the extreme male brain, Penguin/Basic Books.

DECALOGO PER LE MADRI


2009 - Sarah Blaer Hrdy, Mothers and Others: The Evolutionary Origins of Mutual Understanding. Cambridge: Harvard University Press. 1999 - Sarah Blaer Hrdy, Mother Nature: A history of mothers, infants and Natural Selection. New York: Pantheon. 2006 - David Buss, The Murderer Next Door: Why the Mind Is Designed to Kill, Penguin Press. 2009 - Lierre Keith, The Vegetarian Myth - Food, Justice & Sustainability, PM Press. 2002 - James Braly and Ron Hoggan, Dangerous Grains, Why Gluten Cereal Grains May Be Hazardous to Your Health, Avery. 1997 - Robert Cohen, Brian Vigorita, Milk - The Deadly Poison, Argus Publishing. 2009 - Staan Lindeberg - Food and Western Disease: Health and nutrition from an evolutionary perspective, John Wiley & Sons