Sei sulla pagina 1di 1

LAZIO ASCI

Negli anni Sessanta comparve la versione su nastro


giallo e quindi in plastica su feltro.
All’inizio degli anni Settanta infine venne prodotta la
nuova versione su nastro grigio, del colore delle
nuove uniformi che durò per tutto il decennio
venendo utilizzato anche nei primi anni dell’AGESCI.
Il distintivo regionale del Lazio fu nella prima ASCI una
spiga ricamata direttamente sulle contro spalline del
camiciotto o in alternativa applicata su esse.
La spiga di grano ricamata simbolicamente la
vocazione agricola della regione ed in particolare le
sue coltivazioni appunto di grano e frumento. Nel
1949, all’ indomani della modifica delle Norme Direttive, il distintivo fu modificato e
portato come scudetto sulla manica destra soltanto.
Il distintivo da manica è uno scudo ogivale tagliato diagonalmente e sormontato
dalla scritta Lazio.
Sulla parte superiore sinistra è raffigurata la lupa capitolina che allatta i gemelli,
posta sopra un capitello, simbolo di Roma; sulla parte inferiore destra invece è
ripreso il motivo delle spighe laziali. Il distintivo fin da subito fu giallo e rosso scuro,
colori della città eterna. Il distintivo fu inizialmente prodotto su nastro kaki chiaro
orizzontale, con lo scudo tutto vuoto e la sola scritta su fondo rosso.

Potrebbero piacerti anche