Sei sulla pagina 1di 78

LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO

“ANTONIO VALLONE”
ESAME DI STATO 2021

Liceo Scientifico con Opzione Scienze Applicate

Candidato: Francesco Torsello


Classe: 4
Sezione: C

Traccia dell’elaborato:
1- Relativamente
“Nessuna conclusione è certa: ogni asserto umano, quale che sia la sua struttura, è
provvisorio e suscettibile di controversie. Relativismo? Certamente. Solo gli dei
promulgano verità non negoziabili. Gli umani, invece, fabbricano teorie per meglio
adattarsi al loro ambiente.” (Enrico Bellone, storico della scienza e divulgatore scientifico).
Alla luce di questo assunto, dopo aver illustrato le differenze tra le trasformazioni di Galileo
e quelle di Lorenz, la nuova idea di spazio e di tempo, descritto il legame tra massa ed
energia e studiato l’espressione dell’energia cinetica relativistica di un elettrone in funzione
della velocità, il candidato verifichi se tale funzione è integrabile in senso improprio.
Integri inoltre l’elaborato con contributi personali desunti dalle esperienze di P.C.T.O., ove
possibile, e ricerchi collegamenti pluridisciplinari coerenti con la traccia assegnata.
Indice
1 Introduzione ................................................................................................................ 1
La relatività galileiana................................................................................................ 3
L’esperimento di Michelson-Morley ......................................................................... 6
Trasformazioni di Lorentz ......................................................................................... 8
La relatività ristretta .................................................................................................. 9
Il concetto di simultaneità ................................................................................... 12
La dilatazione dei tempi ...................................................................................... 14
La contrazione delle lunghezze ........................................................................... 16
Massa relativistica .............................................................................................. 18
Studio dell’energia cinetica relativistica ................................................................. 22
Dominio della funzione ....................................................................................... 22
Punti di intersezione con gli assi......................................................................... 22
Calcolo degli asintoti .......................................................................................... 24
Calcolo della derivata prima .............................................................................. 25
Studio del segno della derivata prima................................................................. 26
Calcolo della derivata seconda ........................................................................... 27
Studio del segno della derivata seconda ............................................................. 28
Integrabilità della funzione ................................................................................. 30
Evidenze sperimentali della relatività..................................................................... 32
Il caso dei muoni ................................................................................................. 32
La camera a nebbia .................................................................................................. 34
L’apparato sperimentale ..................................................................................... 34
I raggi cosmici ..................................................................................................... 35
Esempi di rilevamenti............................................................................................... 37
Costruzione dell’apparato ....................................................................................... 41
Rilevamenti .......................................................................................................... 42
10.1.1 Tracce Muoniche ......................................................................................... 42
10.1.2 Tracce di particelle alfa ............................................................................... 43
Il relativismo conoscitivo in I. Svevo e L. Pirandello ............................................ 46
Il tempo misto ne “La coscienza di Zeno” – Italo Svevo .................................... 46
Il relativismo pirandelliano................................................................................. 48
Il tempo come durata – Henri Bergson .................................................................. 50
Lettera di Einstein a Roosevelt – La bomba atomica e la guerra fredda ............ 52
L’assetto politico del dopoguerra ....................................................................... 53
Le radiazioni ionizzanti – Le mutazioni ................................................................. 54
Cause delle mutazioni ......................................................................................... 54
Gli effetti delle radiazioni ionizzati - I tumori..................................................... 55
La quarta dimensione nell’arte di Picasso ............................................................. 56
Les Demoiselles d’Avignon ................................................................................. 56
Guernica .............................................................................................................. 57
Algoritmi, le risorse spazio e tempo ........................................................................ 58
La stampa 3D ...................................................................................................... 59
L’istruzione e la salute – Agenda 2030 ................................................................... 60
Appendici................................................................................................................... 63
Fattore di Lorentz................................................................................................ 63
Integrale improprio – Metodo alternativo .......................................................... 64
Progetti della camera a nebbia – Raffreddamento a celle Peltier ...................... 65
Riferimenti bibliografici e sitografia....................................................................... 70
Sitografia delle figure ............................................................................................... 71
Indice delle figure
Figura 2.1 - Sistemi di riferimento in moto fra loro secondo le trasformazioni di Galileo . 3
Figura 2.2 - Automobile in moto verso un osservatore ...................................................... 5
Figura 3.1 - Schema dell'interferometro di Michelson ........................................................ 6
Figura 4.1 - Sistemi di riferimento in moto fra loro secondo le trasformazioni di Lorentz. 8
Figura 4.2 - Grafico del fattore di Lorentz ........................................................................... 8
Figura 5.1 - Diagramma di Minkowski.............................................................................. 10
Figura 5.2 - Cono di Luce .................................................................................................. 10
Figura 5.3 - Illustrazione del concetto di simultaneità ....................................................... 12
Figura 5.4 - Illustrazione del concetto di simultaneità ....................................................... 13
Figura 5.5- Due orologi sincronizzati ................................................................................ 13
Figura 5.6 - Orologio a luce ............................................................................................... 14
Figura 5.7 - Orologio a luce in movimento rispetto all’osservatore .................................. 14
Figura 5.8 - Navicella in moto nello spazio interplanetario ............................................... 16
Figura 5.9 - Illustrazione del concetto di contrazione delle lunghezze.............................. 17
Figura 6.1 - Grafico della quantità di moto relativistica .................................................... 29
Figura 6.2 - Grafico dell'energia cinetica relativistica ....................................................... 29
Figura 8.1 - Schema della camera a nebbia ....................................................................... 34
Figura 8.2 - Esempio di camera a nebbia ........................................................................... 35
Figura 8.3 - Possibili particelle generate dall'arrivo di un raggio cosmico nell'atmosfera 36
Figura 9.1 - Fotografia di rilevamenti con camera a bolle - Brookhaven National Lab .... 37
Figura 9.2 - Ingrandimento su una traccia di elettrone ...................................................... 37
Figura 9.3 - Scoperta del positrone .................................................................................... 38
Figura 9.4 - Interazione di un raggio cosmico con un atomo ............................................ 38
Figura 9.5 - Evidenza sperimentale del neutrino ............................................................... 39
Figura 9.6 - Generazione di una coppia elettrone/positrone .............................................. 40
Figura 10.1 - Schema della camera a nebbia realizzata ..................................................... 41
Figura 10.2 - Primo setup della camera a nebbia ............................................................... 41
Figura 10.3 - Traccia lasciata da un muone ....................................................................... 42
Figura 10.4 - Traccia lasciata da un muone ....................................................................... 42
Figura 10.5 - Traccia lasciata da un muone ....................................................................... 43
Figura 10.6 - Ingrandimento su un rilevamento di un elettrone ........................................ 43
Figura 10.7 - Tracce di particelle alfa ................................................................................ 44
Figura 10.8 - Tracce di particelle alfa e rilevamento di un elettrone ................................. 44
Figura 10.9 - Tracce di particelle alfa ................................................................................ 45
Figura 11.1 - Italo Svevo ................................................................................................... 46
Figura 11.2 - Luigi Pirandello ............................................................................................ 48
Figura 12.1 - Henri Bergson .............................................................................................. 50
Figura 13.1 - Esplosione atomiche su Hiroshima e Nagasaki ........................................... 52
Figura 13.2 - Spartizione della Germania in seguito alla conferenza di Potsdam ............. 53
Figura 14.1 - Tipi di radiazione e la loro capacità di attraversare i materiali .................... 54
Figura 14.2 - Le 23 coppie di cromosomi umani, si noti la mutazione sulla 21° coppia .. 55
Figura 15.1 - Les demoiselles D'Avignon ......................................................................... 56
Figura 15.2 - Guernica ....................................................................................................... 57
Figura 16.1 - Schema di una stampante 3D ....................................................................... 59
Figura 17.1 – Visiere realizzate dall’associazione ............................................................. 60
Figura 17.2 – Visiere spedite all’ospedale Sant’Orsola di Bologna .................................. 60
Figura 17.3 – Supporti per visiere realizzati in PLA e PLA misto legno .......................... 61
Figura 17.5 - Articolo da "bari.repubblica.it" .................................................................... 62
Figura 18.1- Primo schema della camera a nebbia ............................................................ 65
Figura 18.2 - Rendering Versione 1 realizzato in Blender 2.90, motore grafico Cycles ... 66
Figura 18.3 – Fase di costruzione, Versione 1 ................................................................... 66
Figura 18.4 - Screenshot durante la fase di progettazione ................................................. 67
Figura 18.5 - Rendering Versione 2, realizzato in Blender 2.90, motore grafico Cycles .. 67
Figura 18.6 - La camera di osservazione della Versione 2 ............................................... 68
Figura 18.7 - Fase di costruzione Versione 2, dissipatore a liquido sul fronte .................. 68
Figura 18.8 - Prima osservazione di particella alfa, camera e nebbia con celle Peltier ..... 69

Tabella dei simboli


Simbolo Significato

𝑐 Velocità della luce nel vuoto


1
𝛾 Fattore dei Lorentz: 𝛾 = 2
√1−𝑣2
𝑐
𝑣
𝛽 𝛽=
𝑐
1 Introduzione
“Cosa accadrebbe se potessi dividere una briciola di torta sempre a metà, creando delle
briciole sempre più piccole? “

È questa la domanda che mi ponevo spesso da piccolo. Immaginavo di divedere questa


briciola in parti più piccole, sempre di più, per poi non capire dove e quando dovessi
fermarmi. È il primo ricordo che ho del mio interesse per il mondo della fisica. Anche se
ancora non ne ero consapevole, mi stavo interrogando su ciò che non è possibile osservare
nella realtà quotidiana, l’infinitamente piccolo e l’infinitamente grande, ciò che ancora oggi
più mi stimola.
Il fascino che il mondo subatomico, la cosmologia e l’astronomia suscitano in me, mi ha
portato a scegliere di intraprendere un percorso di studi improntato sullo studio delle
discipline scientifiche.

Nella storia della conoscenza della realtà, la formulazione di ogni nuova teoria nel tentativo
di fornire una spiegazione dei fenomeni ha sempre rappresentato un momento di crisi, un
passaggio tra vecchie e nuove “verità”, fecondo di creatività. Tuttavia l’aspetto più
rilevante, secondo me, è che le nuove teorie nate “per adattarsi al loro ambiente” nella
maggior parte dei casi non rappresentano un punto di rottura con quelle precedenti, bensì
ampliano a nuovi orizzonti che, a una conoscenza approfondita, non risultano in
contraddizione con le teorie precedenti, bensì le integrano in esse: basti pensare al dualismo
onda-corpuscolo, alla teoria della relatività stessa. Quest’ultima teoria, in particolare, è
spesso oggetto di interpretazioni errate nel linguaggio comune.

Premettendo che, da pieno sostenitore del principio di falsicabilità popperiano, ogni verità
umana è provvisoria e sottoposta a mutamenti, revisioni e falsificazioni (proprio come nella
citazione di Bellone), trovo che l’espressione “tutto è relativo” sia frequentemente
utilizzata in modo piuttosto improprio. È certamente vero che la percezione dello spazio e
del tempo è intrinseca al moto relativo di un osservatore rispetto ad un altro; tuttavia, è
altrettanto vero che l’insieme delle leggi fisiche che regolano l’esistenza dell’universo sono
le stesse per tutti gli osservatori.
È questo l’aspetto rivoluzionario e innovativo della teoria della relatività che Einstein
postulò dapprima per i sistemi di riferimento inerziali nella relatività ristretta e
successivamente con la relatività generale estese a tutti gli osservatori.

1
Nonostante la comune etimologia, le teorie della relatività speciale e generale si discostano
radicalmente dal relativismo; rappresentano più propriamente un insieme di leggi totali,
universali e condivise, capaci di descrivere il funzionamento più profondo della natura,
mettendone in discussione la nostra percezione sommaria.
Non a caso il fisico Richard Feynman derideva i filosofi “da salotto” che, in seguito alla
pubblicazione della relatività di Einstein, credevano che il suo contenuto fosse
sintetizzabile in affermazioni come: “I fenomeni fisici dipendono dal sistema di
riferimento” e “Tutto è relativo”.[1]

Secondo me la difficoltà nella comprensione di un fenomeno o nell’accettazione di una


nuova teoria risiede nel bisogno innato dell’uomo di sperimentare, di toccare con mano
quanto postulato. E forse, per la teoria della relatività, questo è l’aspetto più difficile nella
realtà quotidiana. Per questo motivo tra le varie esperienze di PCTO che ho svolto durante
il mio percorso di studi, la “Masterclass di Fisica delle Particelle” è quella che ha
maggiormente suscitato il mio interesse, consentendomi di approfondire le mie conoscenze
nel campo dei rilevamenti di bosoni e leptoni negli acceleratori di particelle. A tal
proposito, proprio nella ricerca dell’infinitamente piccolo, ho progettato e costruito una
camera a nebbia (capitolo 8), un apparato sperimentale mediante il quale si possono
osservare particelle il cui rilevamento non sarebbe possibile mediante le leggi della fisica
classica, toccando così con mano le conseguenze della relatività ristretta

2
La relatività galileiana

La relatività galileiana
“Fate muovere la nave con quanta si voglia velocità; ché voi non riconoscerete una minima
mutazione in tutti li nominati effetti; né da alcuno di quelli potrete comprendere se la nave
cammina, o pure sta ferma.”

(Salviati, Giornata seconda)

Nel suo Discorso sui massimi sistemi del mondo, Galileo introdusse per la prima volta nella
storia registrata un esempio del principio di relatività. Un osservatore in un sistema di
riferimento 𝑆 assegna a un evento 𝑃 tre coordinate spaziali 𝑥, 𝑦, 𝑧 e una coordinata
temporale 𝑡. Egli pertanto individua l’evento con quattro numeri 𝑥, 𝑦, 𝑧, 𝑡 che chiamiamo
coordinate spazio-temporali. Un secondo osservatore, solidale al sistema S’, in moto
rettilineo uniforme rispetto a S, caratterizza lo stesso evento con le coordinate 𝑥’, 𝑦’, 𝑧’, 𝑡’.
Le relazioni tra le coordinate spazio-temporali di uno stesso evento nei due sistemi di
riferimento sono note, nella loro formulazione classica, come trasformazioni galileiane.
Il campo di applicabilità si limita alla fisica classica, dove si ammette di poter ritenere il
tempo assoluto, cioè di poter definire il tempo indipendentemente dal sistema di
riferimento. Si assume infatti che due orologi identici, sincronizzati nel sistema S,
continuino ad essere sincronizzati anche quando uno dei due inizia a muoversi di moto
rettilineo uniforme rispetto all’altro, garantendo così misure di tempo uguali, cioè 𝑡 = 𝑡’,
in entrambi i sistemi. [2]

Per individuare le relazioni tra le coordinate dei due sistemi supponiamo che, in un dato
istante 𝑡 = 0, i due sistemi di coordinate 𝑂𝑥𝑦𝑧 e 𝑂’𝑥’𝑦’𝑧’, assieme ai rispettivi osservatori,
coincidano e che il secondo sistema si muova con velocità costante v secondo la direzione
comune degli assi 𝑥 e 𝑥’. [2]

𝑧 𝑧′

𝑡 𝑡′

𝑧 𝑧′

𝑟Ԧ
𝑟Ԧ′
𝑟𝑡
ሬሬԦ 𝑥′
𝑂 𝑂′
𝑥
𝑥 ≡ 𝑥′

𝑦 𝑣𝑡 𝑦′ 𝑥′
𝑦

Figura 2.1 - Sistemi di riferimento in moto fra loro secondo le trasformazioni di Galileo

3
La relatività galileiana

𝑥 ′ = 𝑥 − 𝑣𝑡
𝑦′ = 𝑦
{
𝑧′ = 𝑧
𝑡′ = 𝑡
Osservando la figura si ricava:
𝑟Ԧ = 𝑟Ԧ′ + ሬሬԦ
𝑟𝑡
𝑟Ԧ ′ = 𝑟Ԧ − ሬሬԦ
𝑟𝑡

Nella loro forma generale le equazioni delle trasformazioni galileiane sono:

𝑥 ′ = 𝑥 − 𝑣𝑥 𝑡
𝑦 ′ = 𝑦 − 𝑣𝑦 𝑡
{ ′ dove 𝑣Ԧ = {𝑣𝑥 , 𝑣𝑦 , 𝑣𝑧 }
𝑧 = 𝑧 − 𝑣𝑧 𝑡
𝑡′ = 𝑡

Le grandezze meccaniche dipendono dalle coordinate spaziali e dal tempo, per cui gli
osservatori solidali rispettivamente ai sistemi di riferimento inerziali 𝑆 ed 𝑆’, misurano
grandezze di valore diverso. Le grandezze che assumono invece lo stesso valore, per
entrambi gli osservatori inerziali, sono chiamate invarianti. Più precisamente, quando tali
grandezze sono ottenute tramite le trasformazioni di Galileo, si dicono invarianti per
trasformazioni galileiane. [2]

Verso la fine del XIX secolo la maggior parte della comunità scientifica era ormai convinta
che tutte le leggi fondamentali della fisica fossero state scoperte. La meccanica newtoniana
spiegava con successo il moto degli oggetti sulla Terra e nei cieli.
L’interpretazione dei fenomeni fisici legati all’elettromagnetismo era stata completata da
Maxwell, che con le sue leggi aveva permesso di identificare la natura elettromagnetica
della luce.

La contraddizione risiedeva però nel fatto che mentre la meccanica newtoniana impone una
manifestazione istantanea del fenomeno, nelle equazioni di Maxwell i campi
elettromagnetici si propagano con una velocità finita, corrispondente alla velocità della
luce.

Ecco che secondo il principio di relatività classica, tutti i sistemi di riferimento inerziali
sono equivalenti per descrivere i fenomeni fisici; non esiste alcun esperimento che possa
mettere in evidenza l’esistenza di un sistema privilegiato, cioè un sistema in quiete assoluta
rispetto a tutti gli altri sistemi di riferimento inerziali.

4
La relatività galileiana

Si riteneva che le leggi della relatività galileiana fossero applicabili anche a fenomeni di
elettromagnetismo.
Questo presupposto si rivelerà, già a partire dall’esperimento di Michelson-Morley,
completamente errato.

Secondo la meccanica classica, nell’esempio seguente l’osservatore P dovrebbe misurare


una velocità della luce pari data dalla formula:

𝑐Ԧ′ = 𝑐Ԧ + 𝑣Ԧ

𝑃
𝑣Ԧ
𝑐Ԧ

Figura 2.2 - Automobile in moto verso un osservatore

Si ipotizzava che, la luce, in analogia all’onda meccanica avesse bisogno di un mezzo


materiale attraverso il quale propagarsi, denominato etere. Una sostanza dalle proprietà
contraddittorie poiché dovrebbe essere così impalpabile e rarefatto da essere trasparente al
passaggio dei copri, ma al tempo stesso estremamente rigido per consentire l’alta velocità
delle onde elettromagnetiche (si pensi per analogia alla velocità del suono nell’aria e
nell’acciaio). Se supponiamo dunque che esista questo mare di etere nel quale è immerso
l’universo e che l’etere sia fermo, com’è ipotizzabile, rispetto al Sole, la Terra si muove
rispetto a esso con la stessa velocità con la quale si muove rispetto al Sole, cioè 30 𝑘𝑚/𝑠.
Questo movimento darebbe luogo a un vento d’etere che dovrebbe dunque influenzare la
velocità della luce misurata nel sistema di riferimento terrestre. La velocità dovrebbe quindi
risultare:

𝑐′ = 𝑐 − 𝑣 Quando la luce si propaga nel verso del moto terrestre

𝑐′ = 𝑐 + 𝑣 Quando la luce si propaga nel verso opposto al movimento terrestre, cioè


“controvento”

5
L’esperimento di Michelson-Morley
Tra il 1881 e il 1887 Albert A. Michelson, con la collaborazione di Edward W. Morley,
intraprese una serie di misure della velocità della luce rispetto alla Terra, proprio con lo
scopo di determinare la velocità della Terra rispetto all’etere.

L’apparato sperimentale che venne


𝑀2
utilizzato è un interferometro nel
quale un fascio di luce
𝑑2 monocromatica viene diviso in due
fasci attraverso un beam splitter i
𝑆
𝑀 𝑑1 𝑀1
quali percorrono due cammini
perpendicolari prima di
ricombinarsi su uno schermo, dando
luogo a una figura di interferenza
Nella figura destra è possibile
visualizzare una rappresentazione
𝑠𝑐ℎ𝑒𝑟𝑚𝑜 schematica dell’interferometro di
Figura 3.1 - Schema dell'interferometro di Michelson Michelson.

I due scienziati intendevano verificare che nell’ipotesi che la Terra si muovesse con velocità
𝑣Ԧ rispetto all’etere, e che la velocita della luce si componesse vettorialmente con 𝑣Ԧ, la
differenza ∆𝑡 fra i tempi impiegati dalla luce a percorrere i due bracci dovesse dipendere
dalla direzione dei bracci rispetto a 𝑣Ԧ, con una conseguente differenza di fase.

Per rendere apprezzabile la differenza fra i tempi necessari alla luce per propagarsi fra i due
bracci venne realizzato un sistema di specchi tale da simulare un percorso di 1,5 𝑚 per otto
volte.
Per aumentare la sensibilità dello strumento e ridurre le vibrazioni, gli specchi vennero fatti
galleggiare su del mercurio liquido; questo permise di mantenere la lastra su cui era
montato l’intero apparato perfettamente orizzontale e farla ruotare senza attrito.
L’esperimento venne eseguito di notte e venne bloccato il traffico stradale per l’occasione.
Questa differenza nelle figure di interferenza, nonostante gli innumerevoli tentativi di
ridurre gli errori sistematici dell’apparato, non venne osservata.

6
Ciononostante, la comunità scientifica si rifiutò di accettare l’inesistenza dell’etere, si
trattava ormai di un’idea profondamente radicata. Per ovviare alle discordanze dovute
all’invariabilità della velocità della luce nel 1904 Hendrick A. Lorentz elaborò delle nuove
equazioni di trasformazione fra sistemi di riferimento in modo relativo uniforme, note come
trasformazioni di Loretnz, basate unicamente su ipotesi matematiche e non suffragate da
evidenze sperimentali.

7
Trasformazioni di Lorentz

Analogamente al caso precedente, consideriamo due sistemi in movimento relativo fra loro
lungo la retta comune agli assi 𝑥 e 𝑥’ e un evento P osservato dai due osservatori solidali
rispettivamente ad 𝑆 e 𝑆’. Rispetto alle trasformazioni galileiane, in questo caso
consideriamo diverse le coordinate 𝑡 e 𝑡’.[2]

Le relazioni fra le coordinate spaziali e temporali dei due sistemi sono riportate di seguito:
𝑧 𝑧′

𝑡 𝑡′
𝑥 ′ = 𝛾(𝑥 − 𝑣𝑡)
𝑧 𝑧′
𝑦′ = 𝑦
𝑧′ = 𝑧
𝑃 𝑣𝑥
𝑡 ′ = 𝛾(𝑡 − 𝑐 2 )
𝑟Ԧ 𝑟Ԧ′
{
𝑟𝑡
ሬሬԦ 𝑥′
𝑂 𝑂′
𝑥
𝑥 ≡ 𝑥′

𝑦 𝑣𝑡 𝑥′
𝑦′
𝑦

Figura 4.1 - Sistemi di riferimento in moto fra loro secondo le trasformazioni di Lorentz

1
Dove 𝛾, detto fattore di Lorentz, è 𝛾 = 2
√1−𝑣2
𝑐

Come si osserva dal grafico, se 𝑣 ≪ 𝑐 allora il fattore 𝛾 diventa prossimo a 1, facendo sì


che le trasformazioni di Lorentz si riconducano alle trasformazioni galileiane. (Appendice 18.1)

Questo spiega perché la


fisica classica continua ad
essere valida nella realtà
quotidiana e nella nostra
esperienza. La maggior
parte dei fenomeni che
osserviamo avviene infatti
con velocità diversi ordini
di grandezza inferiori a
quelle della luce.
1 2 3 4
𝑐 𝑐 𝑐 𝑐
5 5 5 5

Figura 4.2 - Grafico del fattore di Lorentz

8
La relatività ristretta

La relatività ristretta
Le contradizioni tra meccanica classica e elettromagnetismo furono eliminate quando, nel
1905, Einstein pubblicò la teoria della relatività ristretta, o speciale; basata su 2 postulati.

1) Il principio di relatività:
Le leggi della fisica sono le stesse in tutti i sistemi di riferimento inerziali

2) La luca si propaga nel vuoto con velocità costante c per tutti i sistemi di riferimento
inerziali, indipendente dal moto della sorgente e dell’osservatore.

Il primo postulato rappresenta l’estensione del principio di relatività Galileiana.


Il secondo invece elimina la necessità dell’etere luminifero, dando il giusto significato
all’esperimento di Michelson-Morley. È perfettamente coerente con il primo: le equazioni
di Maxwell non potrebbero avere la stessa forma in tutti i sistemi inerziali se la velocità
della luce non fosse una costante universale.

Nel mondo relativistico lo spazio e il tempo sono grandezze incredibilmente correlate. Si


ha a che fare dunque con una realtà a quattro dimensioni. In essa un evento è un punto dello
spazio-tempo, individuato dall’insieme di coordinate 𝑥, 𝑦, 𝑧, 𝑡.

Lo spazio-tempo può essere rappresentato in un piano mediante un sistema di assi


ortogonali, in cui l’asse delle ascisse rappresenta una delle coordinate spaziali nel suo
scorrere verso il futuro. Per mettere in relazione le misure di lunghezza con quelle temporali
ed esprimere queste ultime nelle stesse unità di misura delle distanze spaziali, si deve
utilizzare la velocità della luce nel vuoto e considerare un secondo come l’equivalente di
3 ∙ 108 𝑚. Questo vuol dire che la scala dell’asse dei tempi deve essere espressa mediante
il prodotto c t.

Fu Minkowski a dare una formulazione geometrica della relatività ristretta, nella quale
spazio e tempo sono concepiti come un unico continuo quadrimensionale.
La riduzione del tempo ad asse cartesiano in uno spazio a quattro dimensioni fu espressa
da Minkowski anche in forma matematica. Fece osservare che, per ottenere il quadrato
della distanza di un punto dello spazio-tempo dall’origine degli assi invece di aggiungere

9
La relatività ristretta

il quadrato della quarta dimensione, occorreva sottrarlo. L’espressione 𝑥 2 + 𝑦 2 + 𝑧 2 −


(𝑐𝑡)2 è invariante per trasformazioni di Lorentz.

Il punto di universo o punto cronotipico, rappresenta


𝑐𝑡
un evento nel diagramma spazio-tempo. La retta a
rappresenta l’insieme linea d’universo di un oggetto
𝑎 𝑏
fermo. La retta b invece quella di un oggetto in moto
𝑐
con 𝑣 < 𝑐. Infine, la retta 𝑐, incliunata a 45°,
𝑥
rappresenta la linea d’universo di un raggio di luce.
Figura 5.1 - Diagramma di Minkowski

Visto che un oggetto si muove sempre con velocità minore di 𝑐, allora l’angolo fra la sua
linea e l’asse 𝑐𝑡, sarà sicuramente minore di 45°.[5.0]

A partire dalla rappresentazione bidimensionale è possibile ottenere un cono indefinito


ruotando la retta c attorno all’asse delle ordinate. Ribaltiamo poi il cono ottenuto rispetto
all’asse delle ascisse ottenendo così una figura particolare.

Figura 5.2 - Cono di Luce

10
La relatività ristretta

Si tratta del “cono di luce”, una rappresentazione tridimensionale di uno spazio tempo che
è in realtà quadrimensionale.
A partire dal punto O, che coincide con l’osservatore, si sviluppano due coni indefiniti.
L’uno, verso il basso, rappresenta tutti gli eventi passati che l’osservatore è in grado di
osservare e che possono aver generato gli eventi racchiusi dal secondo cono, il cono del
futuro.

Secondo la teoria della relatività ristretta, visto che nulla dotato di massa può viaggiare più
velocemente della luce, nessun evento che avviene al di fuori del cono può esser causa di
un evento che si trova all’interno del cono, cioè un evento riscontrabile dall’osservatore.

In realtà, fenomeni come l’entanglement quantistico, violano i principi e i limiti della


relatività speciale e generale.

Per esempio, due elettroni possono essere legati da entanglement quantistico nel caso in
cui avessero spin opposto. Una volta posti a una distanza qualsiasi fra loro, si troverebbero
in uno stato di sovrapposizione fino a quando non verranno osservati.
Conoscere lo stato di una delle due particelle però comporterebbe anche conoscere
immediatamente lo stato della seconda particella. Questa trasmissione di informazioni
immediata viola principi della relatività einsteiniana. Tant’è che Einstein vi si riferì con il
termine di: “Spooky action at a distance”.

11
La relatività ristretta

Il concetto di simultaneità

Secondo Newton “il tempo assoluto per sua stessa natura scorre uniformemente senza
alcuna relazione ad alcunché esterno”. L’universalità della scala temporale era una verità
assiomatica; il concetto di simultaneità sembrava essere evidente e immediato: se due
eventi avvengono contemporaneamente per un osservatore, avverranno
contemporaneamente anche per un altro osservatore in moto relativamente al primo. [5.1]

Quest’affermazione risulterebbe esatta solo se la luce si propagasse con velocità infinita, e


giungesse in ogni luogo nello stesso istante per tutti gli osservatori.
Illustriamo dunque, uno degli esperimenti mentali utilizzati dallo stesso Einstein per
discutere eventi concettualmente possibili, ma praticamente irrealizzabili.

Immaginiamo un vagone ferroviario che si muove a velocità v costante rispetto al suolo.


Un uomo, l’osservatore O’, al centro del vagone, accenda una sorgente, e la luce inizia a
propagarsi con velocità c in tutte le direzioni. Agli estremi del vagone, si trovano due
orologi sincronizzati, collegati a dispositivi capaci di registrare l’istante in cui i raggi di
luce ivi giungono. Poiché, nel sistema di riferimento dell’osservatore O’, i percorsi
compiuti dalla luce sono uguali, il tempo misurato dai due orologi sarà lo stesso.

Nel sistema di riferimento di un osservatore 𝑂, solidale con il terreno, la situazione si


presenta in modo ben diverso. Sebbene anche per lui la velocità della luce sia c, per il
secondo postulato della relatività ristretta, mentre il treno è in moto la testa del vagone si
allontana, nella direzione del moto, dalla luce emessa dalla sorgente; la coda del vagone
invece, vi si avvicina. Viene naturale quindi comprendere che se anche O avesse due
orologi sincronizzati solidali con il sistema del terreno, questi orologi registrerebbero due
istanti diversi, corrispondenti ai due momenti diversi nel sistema di 𝑂 in cui sono stati
investiti dalla luce emessa dalla sorgente in movimento.

𝑂′ 𝑣Ԧ 𝑣Ԧ
𝐴 𝐵

𝑂
Figura 5.3 - Illustrazione del concetto di simultaneità

Il concetto di simultaneità è relativo: dati due sistemi di riferimento inerziali, relativamente


in moto fra loro, due eventi simultanei in un sistema di rifermento non lo sono nell’altro

12
La relatività ristretta

Più propriamente, due eventi 𝐸1 e 𝐸2 che avvengono in due punti 𝑃1 e 𝑃2 sono simultanei
se i segnali luminosi da esse prodotti giungono nello stesso istante in un punto O
equidistante da 𝑃1 e 𝑃2 .

𝑑 𝑑

𝐸1 𝐸2
𝑂
Figura 5.4 - Illustrazione del concetto di simultaneità

Relativamente alla sincronizzazione degli orologi, si definisce quanto segue:


due orologi, relativamente fermi tra loro e posti a una distanza 𝐷 fra loro, sono sincronizzati
fra loro unicamente se l’uno, quando riceve il segnale luminoso emesso nell’istante 𝑡0
𝐷
dall’altro, segna un tempo 𝑡 = 𝑡0 + 𝑐 .

Figura 5.5- Due orologi sincronizzati

Questo è in accordo con la definizione operativa di simultaneità discussa precedentemente.


Infatti, quando un segnale luminoso emesso da un orologio giunge a metà strada tra gli
orologi, entrambi segnano lo stesso orario.

13
La relatività ristretta

La dilatazione dei tempi

Dato che il tempo non è assoluto, non può scorrere allo stesso modo in tutti i sistemi di
riferimento. Per comprendere la legge che lega il tempo in due sistemi di riferimento
relativamente in moto fra loro, ricorriamo ancora una volta all’espediente di un esperimento
mentale. 𝐵

Immaginiamo di avere a nostra disposizione un dispositivo ideale, che


chiamiamo orologio a luce.

Il suo funzionamento è alquanto semplice: uno specchio piano 𝐵 e una
superficie perfettamente parallela sono posti a una distanza ℎ tale che il
𝑎 𝑐
tempo impiegato dalla luce per percorrere due volte il tragitto sia pari a
000
1 𝑛𝑎𝑛𝑜𝑠𝑒𝑐𝑜𝑛𝑑𝑜 (per un osservatore solidale al sistema di riferimento
dell’orologio). Figura 5.6 -
Orologio a luce

Una sorgente, posta in 𝑎, emette un segnale luminoso, che una volta riflesso
sullo specchio superiore 𝐵, viene ricevuto da un rilevatore posto in 𝑐. Ogni volta che la luce
viene captata dal sensore, il numero sul display aumenta di 1. Per semplificare la
dimostrazione, supponiamo che la sorgente e il rilevatore possano trovarsi nello stesso
punto sullo del piano inferiore.
Dal punto di vista dell’osservatore solidale al sistema di riferimento dell’orologio, la luce
compie un tragitto verticale. Analizziamo quindi cosa accade nel caso in cui l’orologio sia
in moto rispetto a all’osservatore.
Nella figura seguente, osserviamo l’orologio
𝑎 𝑏 𝑐
in tre istanti diversi. Nell’istante a la sorgente
emette il segnale luminoso. Nell’istante 𝑏 il
segnale è riflesso dallo specchio e infine,
𝑑 ℎ
nell’istante c, il segnale viene ricevuto e un
altro ne viene emesso.
𝑡
𝑙=𝑣
2
Quindi, dal punto di vista dell’osservatore
000 000 001
non solidale all’orologio, ma che pur sempre
𝑣Ԧ 𝑣Ԧ 𝑣Ԧ si muove di moto rettilineo uniforme, la luce
Figura 5.7 - Orologio a luce in movimento rispetto compie una traiettoria obliqua.
all’osservatore

14
La relatività ristretta

Chiamiamo rispettivamente 𝑡0 𝑒 𝑡 ′ il tempo misurato dall’osservatore solidale al sistema di


riferimento dell’orologio e dall’osservatore in moto.

Per ricavare la relazione che intercorre tra le due grandezze procediamo come segue.

Definiamo tempo proprio il tempo misurato dall’osservatore solidale al sistema di


riferimento dell’evento.

Calcoliamo lo spazio percorso dalla luce dal punto di vista dell’osservatore in movimento
in funzione dell’altezza e della distanza percorsa dall’orologio ed eguagliamolo allo spazio
calcolato con la classica formula 𝑠 ′ = 𝑡′𝑐

𝑠 ′ = 𝑡′𝑐
2
{ ′ 𝑡′
𝑠 = 2 √(𝑣 ) + ℎ2
2

Eguagliandole otteniamo:

2 2
𝑡′ 𝑡′𝑐 𝑡′
𝑡′𝑐 = 2√(𝑣 ) + ℎ2 ⇒ = √(𝑣 ) + ℎ2
2 2 2

Essendo il radicando una somma di quadrati, pertanto quantità positiva:

2 2
𝑡′𝑐 𝑣𝑡 ′
( ) = ( ) + ℎ2
2 2

𝑠
Ma ℎ = 20, quindi:

2 2
𝑡′𝑐 𝑣𝑡 ′ 𝑐𝑡0 2
( ) =( ) +( ) ⇒ (𝑡 ′ 𝑐)2 = (𝑣 𝑡 ′ )2 + (𝑐𝑡0 )2
2 2 2

2 𝑣 2 2
𝑡 ′ = ( ) 𝑡 ′ + 𝑡0 2
𝑐

2 𝑡0 2 𝑡0
𝑡′ = ⇒ 𝑡′ =
𝑣 2 2
1 − (𝑐 ) √1 − (𝑣)
𝑐

15
La relatività ristretta

Assistiamo a un fenomeno detto dilatazione temporale.

Tali trasformazioni sono state confermate tramite l’esperimento di Hafele-Keating nel


1971. Tre orologi atomici vennero sincronizzati, due furono messi a bordo di un aereo e un
altro venne lasciato a terra. La precisione nell’ordine di nanosecondi degli orologi permise
di verificare non solo gli effetti della relatività ristretta, ma anche quelli della relatività
generale.

La contrazione delle lunghezze

Analogamente al tempo, anche lo spazio è una grandezza relativa al sistema di riferimento.


Nel seguente esempio è illustrato l’effetto della velocità sullo spazio misurato.
Immaginiamo che dal punto di vista di un osservatore a terra (𝐴) vi sia un’astronave in
viaggio verso un altro pianeta, collocato a distanza fissa dalla Terra; per il principio di
relatività l’astronauta a bordo della navicella potrebbe ugualmente affermare che sono i
pianeti ad essere in moto rispetto a lui (𝐵).

𝑣Ԧ 𝑎

𝑣Ԧ 𝑣Ԧ 𝑏

Figura 5.8 - Navicella in moto nello spazio interplanetario

Analizziamo quindi i due punti di vista.


Per entrambi gli osservatori, la distanza fra i due pianeti sarà data dalla formula:

𝑙 = 𝑣∆𝑡

Tuttavia, essendo i due osservatori relativamente in moto fra loro, per dimostrazione
precedente, dal punto di vista dell’osservatore B avremo:

∆𝑡 ′ = ∆𝑡√1 − 𝑣 2 /𝑐 2

16
La relatività ristretta

𝑙 ′ = 𝑣∆𝑡 ′ = 𝑣∆𝑡√1 − 𝑣 2 /𝑐 2

Di conseguenza, anche le lunghezze misurate dai due osservatori saranno differenti:

𝑙 ′ = 𝑙√1 − 𝑣 2 /𝑐 2

Questo fenomeno, detto contrazione delle lunghezze, si verifica unicamente nella


direzione del moto.

L’effetto descritto, proprio come la dilatazione temporale, è valido per entrambi gli
osservatori ed è simmetrico per due osservatori posti in sistemi di riferimento inerziali
relativamente in moto fra loro. La navicella in moto, transitando vicino ai pianeti, li vedrà
contratti nella direzione del moto. Dal punto di vista dell’osservatore a terra invece, sarà
l’astronave a contrarsi.

𝑣Ԧ 𝑎

𝑣Ԧ 𝑣Ԧ 𝑏

Figura 5.9 - Illustrazione del concetto di contrazione delle lunghezze

17
La relatività ristretta

Massa relativistica

Avendo visto come lo spazio e il tempo misurati da due osservatori inerziali dipendano dal
loro moto relativo, consideriamo una simile condizione per la terza grandezza
fondamentale: la massa. Analizziamo quindi le conseguenze della relatività ristretta
sull’energia cinetica.

Partiamo dalla definizione di lavoro come prodotto scalare del vettore forza e del vettore
spostamento. Scriviamo l’equazione per un lavoro infinitesimo 𝑑𝐿.

𝑑𝐿 = 𝐹Ԧ ∙ 𝑑𝑠Ԧ [5.4.1]

Per il secondo principio della dinamica abbiamo che:

𝑑𝑝Ԧ 𝑑(𝑚𝑣Ԧ)
𝐹Ԧ = 𝑚𝑎Ԧ = =
𝑑𝑡 𝑑𝑡

La massa dipende dalla velocità, infatti, in qualunque sistema di riferimento la massa di un


corpo risulta essere pari a:

𝑚0
𝑚= = 𝛾𝑚0
2
√1 − 𝑣2
𝑐

Dove 𝑚0 è la massa della particella rispetto a un sistema di riferimento in cui essa è ferma.
Dalla formula precedente ricaviamo per sostituzione nella [5.4.1]:

𝑑(𝛾𝑚0 𝑣Ԧ)
𝐹Ԧ =
𝑑𝑡

Si differenzia la definizione ottenuta di quantità di moto: [3]

𝑑(𝛾𝑚0 𝑣) = 𝛾𝑚0 𝑑𝑣 + 𝑚0 𝑣𝑑𝛾

Dividendo per 𝑝:

𝑑(𝛾𝑚0 𝑣) 𝛾𝑚0 𝑑𝑣 𝑚0 𝑣𝑑𝛾


= +
𝑝 𝑝 𝑝

𝑑𝑝 𝑑𝑣 𝑑𝛾
= +
𝑝 𝑣 𝑦

[5.4.2]

18
La relatività ristretta

𝑑𝛾
𝑑𝑝 𝑑𝑣 (𝛾)
= (1+ )
𝑝 𝑣 𝑑𝑣
(𝑣)

Si isola e si differenzia il fattore di Lorentz:

1 3
− −
1 𝑣2 2 1 𝑣2 2 2𝑣
𝑑𝛾 = 𝑑 = 𝑑 (1 − 2 ) = − (1 − 2 ) (− ) 𝑑𝑣 =
2 𝑐 2 𝑐 𝑐2
√1 − 𝑣2
𝑐

1 𝑣 𝑣
= 3 ∙ 2
𝑑𝑣 = 2 𝛾 3 𝑑𝑣
𝑐 𝑐
𝑣2 2
(1 − )
𝑐2

Moltiplicando e dividendo per 𝑣 e poi dividendo entrambi i membri per 𝛾:

𝑣 2 3 𝑑𝑣
𝑑𝛾 = 𝛾
𝑐2 𝑣

𝑑𝛾 𝑣 2 2 𝑑𝑣
= 2𝛾 [5.4.3]
𝛾 𝑐 𝑣

Si sostituisca il risultato ottenuto all’interno dell’equazione [5.4.2]:

𝑣 2 2 𝑑𝑣
𝑑𝑝 𝑑𝑣 2𝛾 𝑣 𝑑𝑝 𝑑𝑣 𝑣2
= (1 + 𝑐 ) ⇒ = (1 + 2 𝛾 2 ) [5.4.4]
𝑝 𝑣 𝑑𝑣 𝑝 𝑣 𝑐
𝑣

E si isoli il valore all’interno delle parentesi:

𝑣2 2 𝑣2 1 𝑣2 1 𝑣2
1+ 𝛾 = 1 + ∙ = 1+ ∙ = 1 +
𝑐2 𝑐2 𝑣2 𝑐2 𝑐2 − 𝑣2 𝑐2 − 𝑣2
1−
𝑐2 𝑐2

𝑐2 − 𝑣2 + 𝑣2 𝑐2
= = = 𝛾2
𝑐2 − 𝑣2 𝑣2
𝑐 2 (1 − 2 )
𝑐

19
La relatività ristretta

Ritornando alla [5.4.4]:

𝑑𝑣
𝑑𝑝 = 𝛾 2
𝑣

Invertendo l’equazione:

𝑑𝑣 1 𝑑𝑝 [5.4.5]
= 2
𝑣 𝛾 𝑝
Tornando alla formula [5.4.1]:
𝑑𝑝Ԧ
𝑑𝐿 = 𝐹Ԧ ∙ 𝑑𝑠Ԧ = ∙ 𝑑𝑠Ԧ = 𝑑𝑝Ԧ ∙ 𝑣Ԧ
𝑑𝑡
Si inserisce la formula [5.4.5] nella forma:
𝑑𝑣Ԧ
𝑑𝑝Ԧ = 𝑝𝛾 2
𝑣
Ottenendo:
𝑑𝑣Ԧ
𝑑𝐿 = 𝑝𝛾 2 ∙ 𝑣Ԧ
𝑣
Esplicitando 𝑝 = 𝑚0 𝛾𝑣
𝑑𝑣Ԧ
𝑑𝐿 = 𝑚0 𝑣𝛾 3 ∙ 𝑣Ԧ
𝑣

Poichè 𝑑(𝑥 2 ) = 2𝑥 ∙ 𝑑𝑥, otteniamo:


1
𝑑𝐿 = 𝑚0 𝛾 3 𝑑(𝑣 2 )
2

Per la regola della derivata di una potenza:


1
𝑑𝐿 = 𝑚0 𝛾 3 𝑣𝑑𝑣
2

𝑐 2 𝑑𝛾
Dalla [5.4.3] si ottiene 𝑑𝑣 = e sostituendola nella precedente:
𝑣 𝛾3

𝑑𝐿 = 𝑚0 𝑐 2 𝑑𝛾

Avendo trovato il lavoro infinitesimo, calcoliamo il lavoro necessario per portare un corpo
da una velocità nulla (𝑦 = 1) ad una velocità 𝑣:

20
La relatività ristretta

𝑣 𝑣
𝐿 = ∫ 𝑚0 𝑐 2 𝑑𝛾 = 𝑚0 𝑐 2 ∫ 𝑑𝛾 = 𝑚0 𝑐 2 (𝛾 − 1)
1 1

Nella sua forma finale: [4]

𝐸𝑐 = 𝑚0 𝑐 2 (𝛾 − 1) [5.4.6]

Conoscendo la massa a riposo dell’elettrone, pari a 𝑚0 ≈ 9,11 ∙ 10−31 𝑘𝑔, possiamo


calcolare l’energia cinetica per questa particolare particella in funzione della velocità.

𝐸𝑐 = 𝑚0 𝑐 2 (𝛾 − 1)

𝑚 2 𝑚2
𝐸𝑐 = 9,11 ∙ 10−31 𝑘𝑔 ∙ (3 ∙ 108 ) (𝛾 − 1) = 8,19 ∙ 10−14 (𝛾 − 1) 𝑘𝑔 2 =
𝑠 𝑠

= 8,2 ∙ 10−14 (𝛾 − 1)𝑁 𝑚2

21
Studio dell’energia cinetica relativistica

Studio dell’energia cinetica relativistica

Dominio della funzione

1
𝐸𝑐 = 𝑚0 𝑐 2 (𝛾 − 1) = 𝑚0 𝑐 2 −1
2
√1 − 𝑣2
( 𝑐 )

𝑣 2
2 2 −𝑐 < 𝑣 < 𝑐
{1 − 𝑐 2 > 0 ⟹ {−𝑣 > −𝑐 ⟹ { ⟹ 𝐷𝑜𝑚(𝛾) = [0, 𝑐[ [6.1.1]
𝑣≥0 𝑣≥0 𝑣≥0

Il vincolo imposto 𝑣 ≥ 0 è dovuto al fatto che 𝑣 rappresenta il modulo del vettore velocità.

Punti di intersezione con gli assi

Considerando che l’asse delle ascisse rappresenta la velocità, e quello delle ordinate
l’energia cinetica in funzione della velocità, individuiamo i punti di intersezione della
funzione con gli assi cartesiani.

Per determinare i punti di intersezione con l’asse delle ascisse, risolviamo il sistema:

1
𝐸𝑐 = 𝑚0 𝑐 2 −1
2
√1 − 𝑣2
( 𝑐 )
{ 𝑣=0

1
𝐸𝑐 = 𝑚0 𝑐 2 −1 =0
√ 0
( 1 − 𝑐2 )

22
Studio dell’energia cinetica relativistica

Per ottenere i punti di intersezione con l’asse delle ordinate invece:

1
𝐸𝑐 = 𝑚0 𝑐 2 −1
2
√1 − 𝑣 2
( 𝑐 )
{ 𝐸𝑐 = 0

1
0 = 𝑚0 𝑐 2 −1
2
√1 − 𝑣2
( 𝑐 )

𝑣2
1 − √1 −
𝑐2
0 = 𝑚0 𝑐 2
2
√1 − 𝑣 2
( 𝑐 )

Da cui:

𝑣2
1 − √1 − =0
𝑐2

𝑣2
√1 − = −1 ⇒ ∄ 𝑣 ∈ 𝐷 | 𝛾 −1 = −1
𝑐2

L’unico punto di intersezione con gli assi è il punto 𝑃(0, 0)

23
Studio dell’energia cinetica relativistica

Calcolo degli asintoti

Si calcolano ora i limiti agli estremi del dominio ricordando che, essendo la funzione
definita in un intervallo limitato, non esistono asintoti orizzontali alla funzione.

Per eventuali asintoti verticali a sinistra del dominio:

1
lim+ 𝑚0 𝑐 2 −1 =0
𝑣→0 2
√1 − 𝑣2
( 𝑐 )

Non esiste alcun asintoto verticale a sinistra del dominio.


Nel caso dell’estremo destro invece calcoliamo:

1 1
lim− 𝑚0 𝑐 2 −1 = 𝑚0 𝑐 2 −1 =
𝑣→𝑐 2 2
√1 − 𝑣2 √1 − 𝑐 2
( 𝑐 ) ( 𝑐 )
1
𝑚0 𝑐 2 ( − 1) = +∞ [6.3.1]
√1 − 1

L’unico asintoto della funzione è la retta 𝑥 = 𝑐 e rappresenta un asintoto verticale.

24
Studio dell’energia cinetica relativistica

Calcolo della derivata prima

Si calcola la derivata prima in funzione di 𝑣:

1 1
𝑑 𝑚0 𝑐 2 −1 𝑑 −1
𝑣2 2
(
√1 −
𝑐2 ) √1 − 𝑣2
( ) = 𝑚 𝑐2 ( 𝑐 )
0 =
𝑑𝑣 𝑑𝑣

1
𝑑 −
1
2
√1 − 𝑣2 𝑣2 2
𝑑 (1 − 2 )
( 𝑐 ) 𝑐
= 𝑚0 𝑐 2 = 𝑚0 𝑐 2
𝑑𝑣 𝑑𝑣

Ricordando che:
𝛼
𝑑 𝑓(𝑥)
= 𝛼 𝑓(𝑥)𝛼−1
𝑑𝑥

Si calcola:

3 𝑣2
2 𝑑 (1 − )
2 −
1 𝑣 𝑐2
= −𝑚0 𝑐 2 (1 − 2 ) =
2 𝑐 𝑑𝑣

3

2
1 𝑣2 2 1 𝑑(𝑣 2 )
= −𝑚0 𝑐 (1 − 2 ) =
2 𝑐 𝑐 2 𝑑𝑣

3 𝑣2
2 𝑑 ( 2)
2 −
1 𝑣 𝑐
= −𝑚0 𝑐 2 (1 − 2 ) =
2 𝑐 𝑑𝑣

3

1 𝑣2 2 2𝑣
= −𝑚0 𝑐 2 (1 − 2 ) (− )=
2 𝑐 𝑐2

3

𝑣2 2
= 𝑚0 𝑣 (1 − 2 ) [6.4.1]
𝑐

25
Studio dell’energia cinetica relativistica

Studio del segno della derivata prima

3

𝑣2 2
𝑚0 𝑣 (1 − 2 ) >0
𝑐

Essendo la massa una grandezza mai negativa, studiamo il segno della derivata in funzione
della velocità:

3

𝑣2 2 𝑣 𝑣
𝑣 (1 − 2 ) >0 ⇒ >0 ⇒ >0
𝑐 3 𝑣2 𝑣2
√(1 − 𝑣2 (1 − 2 ) √1 − 2
) 𝑐 𝑐
𝑐2

𝑣
>0
𝑐 2 − 𝑣 2 √𝑐 2 − 𝑣 2
( )
𝑐2 𝑐2

Considerando il dominio della funzione, la variabile 𝑣 è sempre positiva o nulla, pertanto


è possibile, nell’estrazione di radice, non riportare il valore assoluto.

Si studiano i segni del numeratore e del denominatore:

𝐷>0

2
2 2 2 2 2
𝑐 −𝑣 𝑐2 − 𝑣2 𝑐 −𝑣 𝑐2 − 𝑣2 𝑐2 − 𝑣2 𝑐2 − 𝑣2
√ >0 ⇒ ( √ ) >0 ⇒ ( ) >0
𝑐2 𝑐2 𝑐2 𝑐2 𝑐2 𝑐2

Del denominatore si considera solamente il secondo fattore, in quanto il primo rappresenta


una quantità mai negativa.

𝑐2 − 𝑣2
> 0 ⇒ 𝑐2 − 𝑣2 > 0 ⇒ 𝑣 < 𝑐
𝑐2

Sapendo che il dominio è 𝐷𝑜𝑚(𝐸𝑐 ) = [0, 𝑐[ , si studia il segno del denominatore


limitatamente al dominio, pertanto 𝐷 > 0 per 𝑣 ∈ [0, 𝑐[
Considerando il numeratore si ottiene:

𝑁 ≥ 0 𝑝𝑒𝑟 𝑣 ≥ 0

Anche in questo caso, tenendo conto del dominio, la soluzione per cui 𝑁 ≥ 0 è:

0≤𝑣<𝑐

26
Studio dell’energia cinetica relativistica

Si studiano le due soluzioni ottenute:


0 𝑐
𝑁≥0 ⟺𝑣≥0 0≤𝑣<𝑐
𝑣2 𝑣2
𝐷 > 0 ⟺ (1 − 𝑐 2 ) √1 − 𝑐 2 > 0 0<𝑣<𝑐

La funzione 𝐸𝑐 è derivabile in tutto il suo dominio e la sua derivata, per ogni punto del
dominio, assume valori maggiori di 0. Pertanto 𝐸𝑐 è strettamente crescente in tutto il suo
dominio.

Calcolo della derivata seconda

3 3
− −
𝑣2 2 𝑣2 2
𝑑 ( 𝑚0 𝑣 (1 − 2 ) ) 𝑑 [𝑣 (1 − 2 ) ]
𝑐 𝑐
= 𝑚0 =
𝑑𝑣 𝑑𝑣

5 3
− −
3 𝑣2 2 2𝑣 𝑣2 2
= 𝑚0 {[(− ) (1 − 2 ) (− 2 )] 𝑣 + (1 − 2 ) } =
2 𝑐 𝑐 𝑐

5 3
− −
𝑣2 2 𝑣 𝑣2 2
= 𝑚0 {[3 (1 − 2 ) ( 2 )] 𝑣 + (1 − 2 ) } =
𝑐 𝑐 𝑐

3
− −1
𝑣2 2 𝑣2 𝑣2
= 𝑚0 {(1 − 2 ) [3 (1 − 2 ) ( 2 ) + 1]} =
𝑐 𝑐 𝑐

3𝑣 2 𝑣2
2 +1− 2
= 𝑚0 𝑐 𝑐 =
2 2 2
𝑣 𝑣
(1 − 2 ) √1 − 2
𝑐 𝑐
2𝑣 2
1+
= 𝑚0 𝑐2
2 [6.6.1]
𝑣2 𝑣2
(1 − 2 ) √1 − 2
𝑐 𝑐

27
Studio dell’energia cinetica relativistica

Studio del segno della derivata seconda

2𝑣 2
1+
𝑚0 𝑐2 >0
2
𝑣2 𝑣2
(1 − 2 ) √1 − 2
𝑐 𝑐

Analogamente allo studio della derivata prima, per studiare il segno in funzione della
velocità, dividiamo entrambi i membri per 𝑚0 , una quantità mai negativa, conservando il
verso della disequazione.

2𝑣 2
1+
𝑐2 >0
2
𝑣2 𝑣2
(1 − 2 ) √1 − 2
𝑐 𝑐

Si studiano separatamente numeratore e denominatore

2𝑣 2 2𝑣 2 2 2 2
𝑐2
𝑁: 1+ 2 >0 ⇒ > −1 ⇒ 2𝑣 > −𝑐 ⇒ 𝑣 > −
𝑐 𝑐2 2

∀𝑣 ∈𝐷

2
𝑣2 𝑣2
𝐷: (1 − 2 ) √1 − 2 > 0
𝑐 𝑐

Il primo fattore rappresenta una quantità sempre positiva, pertanto:

𝑣2 𝑣2 𝑣2
√1 − > 0 ⇒ 1 − 2 > 0 ⇒ − 2 > −1 ⇒ 𝑣 2 < 𝑐 2 ⇒ 0 ≤ 𝑣 < 𝑐
𝑐2 𝑐 𝑐

2𝑣 2 𝑐
𝑁)1 + ≥0 ∀𝑣 ∈ 𝐷 0
𝑐2

𝑣2
𝐷)√1 − >0 ∀𝑣 ∈ 𝐷
𝑐2

28
Studio dell’energia cinetica relativistica

La funzione 𝐸𝑐 è convessa perché la derivata seconda della funzione è maggiore di 0 per


ogni 𝑣 ∈ 𝐷
Nei grafici seguenti è riportata, in alto, la quantità di moto relativistica (in verde) a confronto
con la retta (in rosso) che rappresenta la quantità di moto nella fisica classica 𝑞 = 𝑚𝑣,
analogamente, a destra l’energia cinetica relativistica a confronto con la classica 𝐾 =
1
𝑚𝑣 2 .
2

10 𝒎𝟎 𝒄
Come indicato all’inizio del
9
capitolo, lo studio di 𝐸𝑐 è stato
8
effettuato nell’intervallo [0, 𝑐[ in
7 funzione del modulo della
6 velocità.
5 Nel caso in cui si consideri il

4
vettore velocità e si tenga conto

3
anche del segno, si può studiare la
funzione nel dominio:
2
𝐷𝑜𝑚 = ] − 𝑐, 𝑐[. In tal caso la
1
𝒗 funzione, essendo pari, è
0 1 2 3 4 𝑐 rappresentata mediante un grafico
𝑐 𝑐 𝑐 𝑐
5 5 5 5

Figura 6.1 - Grafico della quantità di moto relativistica


simmetrico rispetto all’asse
delle 𝑦.
10 𝒎𝟎 𝒄
Dal punto di vista fisico, il segno
9
negativo della velocità è una
8 conseguenza del primo postulato
7 della relatività ristretta, pertanto in

6
tal caso si ha una lettura completa

5
e simmetrica fra i due sistemi di
riferimento.
4

2
𝑐
1
𝒗
0 1 2 3 4 𝑐
𝑐 𝑐 𝑐 𝑐
5 5 5 5

Figura 6.2 - Grafico dell'energia cinetica relativistica

29
Studio dell’energia cinetica relativistica

Integrabilità della funzione

Verifichiamo ora l’integrabilità della funzione in senso improprio.

Come dimostrato nell’equazione [6.3.1]:

1
lim− 𝑚0 𝑐 2 −1 =+∞
𝑣→𝑐 2
√1 − 𝑣2
( 𝑐 )

La funzione è illimitata nel suo dominio dell’estremo del dominio 𝐷𝑜𝑚 = [0, 𝑐[
Considerata una funzione 𝑓 continua in [𝑎, 𝑏[ ,ma non in 𝑥 = 𝑏, se esiste ed è finito il
limite:

𝑏 𝑡
∫ 𝑓(𝑥)𝑑𝑥 = lim− ∫ 𝑓(𝑥)𝑑𝑥
𝑎 𝑡→𝑏 𝑎

𝑏
allora si dice che 𝑓 è integrabile in senso improprio in [𝑎, 𝑏] e che l’integrale ∫𝑎 𝑓(𝑥)𝑑𝑥 è
convergente. Se il limite è + ∞ oppure − ∞ l’integrale si dice divergente. Se infinite il
limite non esiste, allora si dice che l’integrale non esiste.

Si calcola l’integrale improprio della funzione 𝐸𝑐 (𝑣) come segue:


𝑐−𝜀 𝑐−𝜀
lim ∫ 𝐸𝑐 (𝑣)𝑑𝑣 = lim+ ∫ 𝑚0 𝑐 2 (𝛾(𝑣) − 1)𝑑𝑣 =
𝜀→0+ 0 𝜀→0 0

𝑐−𝜀
= 𝑚0 𝑐 2 lim+ ∫ (𝛾(𝑣) − 1)𝑑𝑣 =
𝜀→0 0

𝑐−𝜀 𝑐−𝜀
= 𝑚0 𝑐 2 ( lim+ ∫ 𝛾(𝑣) 𝑑𝑣 − lim+ ∫ 𝑑𝑣 ) =
𝜀→0 0 𝜀→0 0

𝑐−𝜀
2
= 𝑚0 𝑐 ( lim+ ∫ 𝛾(𝑣) 𝑑𝑣 − lim+(𝑐 − 𝜀) ) =
𝜀→0 0 𝜀→0

𝑐−𝜀
2
= 𝑚0 𝑐 ( lim+ ∫ 𝛾(𝑣) 𝑑𝑣 − 𝑐 ) =
𝜀→0 0

𝑐−𝜀
2
[6.8.1]
= 𝑚0 𝑐 ( lim+ ∫ 𝛾(𝑣) 𝑑𝑣 ) − 𝑚0 𝑐 3
𝜀→0 0

30
Studio dell’energia cinetica relativistica

Si isola l’integrale
𝑐−𝜀
1
∫ 𝑑𝑣
2
0
√1 − 𝑣2
𝑐

𝑣
Applicando il metodo di integrazione per sostituzione, si pone 𝛽 = 𝑐 e si differenzia 𝛽:

𝑣
𝑑 (𝑐 ) 1 𝑑(𝑣) 𝑑𝑣
𝑑𝛽 = 𝑑𝑣 ⇒ 𝑑𝛽 = 𝑑𝑣 ⇒ 𝑑𝛽 =
𝑑𝑣 𝑐 𝑑𝑣 𝑐

Pertanto:

𝑑𝑣 = 𝑐 𝑑𝛽

Si sostituisce il differenziale

1−𝜀
1
𝑐∫ 𝑑𝛽 = 𝑐 [arcsin 𝛽 ]1−𝜀
0
0 √1 − 𝛽2

Ritornando alle [6.8.1]:

𝑚0 𝑐 2 ( lim+ 𝑐[arcsin 𝛽 ]1−𝜀 3


0 ) − 𝑚0 𝑐 =
𝜀→0

𝜋
= 𝑚0 𝑐 3 [ lim+ [arcsin 𝛽 ]1−𝜀
0 − 1] = 𝑚0 𝑐 3 ( − 1) [6.8.2]
𝜀→0 2

Per l’interpretazione geometrica dell’integrale, essendo questa una funzione illimitata per
𝑥 = 𝑐 l’integrale corrisponde al limite per 𝑣 → 𝑐 − dell’area del trapezoide sotteso alla
curva.

È possibile calcolare l’integrale della funzione anche in modo differente. (Appendice 2)

Calcoliamo l’integrale della funzione nel caso dell’elettrone utilizzando la massa a riposo
pari a 𝑚0 ≈ 9,11 ∙ 10−31 𝑘𝑔 :
𝑐−𝜀
𝑚 3 𝜋
lim+ ∫ 𝐸𝑐 (𝑣)𝑑𝑣 = 9,11 ∙ 10−31 𝑘𝑔 ∙ (3 ∙ 108 ) ( − 1) =
𝜀→0 0 𝑠 2

𝜋 𝑚3 𝑚2
= 2,45 ∙ 10−5 ( − 1) 𝑘𝑔 3 = 1,40 ∙ 10−5 𝑁
2 𝑠 𝑠

31
Evidenze sperimentali della relatività

Il caso dei muoni

Il 𝑚𝑢𝑜𝑛𝑒 è una particella elementare instabile con carica negativa il cui tempo di vita
medio corrisponde, se misurato in un sistema in cui la particella è ferma, a 2,2 ∙ 10−6 𝑠.
Qualora un muone potesse muoversi a velocità prossime a quella della luce, potrebbe
percorrere al massimo 𝑠 = 2,2 ∙ 10−6 ∙ 2,99 ∙ 108 ≈ 660 𝑚

Tuttavia notiamo che un altissimo numero di queste particelle investe la terra ogni secondo,
provenendo dallo spazio esterno. I muoni sono prodotti nell’alta atmosfera in seguito
all’impatto di un raggio cosmico con l’atmosfera stessa e il successivo decadimento dei
pioni; avendo queste particelle una velocità prossima a quella della luce il tempo per esse
scorre diversamente rispetto al sistema di riferimento dell’osservatore a terra.

Essendo instabili possono decadere in due particelle di massa minore. La maggior parte dei
muoni e degli antimuoni decade rispettivamente in un elettrone, un antineutrino elettronico
e un neutrino muonico, e in un positrone (o antielettrone), un neutrino elettronico e un
antineutrino muonico.

𝜇 − → 𝑒 − + 𝑣̅𝑒 + 𝑣𝜇

𝜇̅ → 𝑒 + + 𝑣𝑒 + 𝑣̅𝜇

Un decadimento più raro è invece:

𝜇̅ → 𝑒 + + 𝑒 − + 𝛾

Data la formula per l’energia totale di una particella in moto, i fisici Rossi e Hall
calcolarono la velocità delle particelle.

𝐸 = 𝐸0 + 𝐸𝑐 = 𝑚0 𝑐 2 + 𝑚0 𝑐 2 (𝛾 − 1) = 𝛾𝑚0 𝑐 2

Partendo da rilevamenti con energia di 𝐸 = 700 𝑀𝑒𝑉/𝑐 2 e conoscendo la massa


invariante del muone 𝑚0 = 107 𝑀𝑒𝑉/𝑐 2

𝐸
𝛾= = 6,54 ⇒ 𝑣 = 0,988241 𝑐
𝑚0

32
1
Per un muone che viaggia a 𝑣 = 0,988241 𝑐 : 𝑡 ′ = 𝑡0 2
≈ 1,43 ∙ 10−5 𝑠
√1− 𝑣2
𝑐

Dal punto di vista dell’osservatore a terra, il muone ha un tempo di vita 𝑡 ′ = 1,5 ∙ 10−5 𝑠,
permettendo alla particella di percorrere uno spazio di 𝑙 ′ = 1,43 ∙ 10−5 𝑠 ∙ 0,988241 ∙ 3 ∙
108 = 4,3 ∙ 104 𝑚
Cioè ben 43 𝑘𝑚.

Come possiamo notare la dilatazione temporale ci permette di rilevare i muoni che


altrimenti non raggiungerebbero nemmeno la superficie terrestre. [5]

33
Costruzione di una camera nebbia

La camera a nebbia

L’apparato sperimentale

La camera a nebbia è un apparato


sperimentale realizzato da Charles
Thomson Rees Wilson che permette
di rilevare il passaggio di particelle
cariche.
Figura 8.1 - Schema della camera a nebbia

L’intero apparato è progettato con lo scopo di creare uno strato di un vapore alcoolico
super-saturo per far sì che l’ingresso di una particella elettricamente carica nella camera
generi la condensazione delle goccioline di vapore sospese, rendendo visibile una scia detta
“scia di condensazione”. [5]

Nelle camere a nebbia a diffusione questo stato fisico dell’alcool è raggiunto per
raffreddamento del piano inferiore della camera. Il gradiente termico necessario a generare
lo strato di sovrasaturazione è generalmente superiore a 80° 𝐶, richiedendo quindi che, a
temperatura ambiente, il piano inferiore venga portato a una temperatura di almeno −50°𝐶.

Il ghiaccio secco, che ricordiamo essere anidride carbonica allo stato solido, è una sostanza
relativamente semplice da reperire e che sublima a una temperatura di −78° 𝐶, permettendo
quindi di raffreddare il piano inferiore della camera. È facile intuire che l’utilizzo del
ghiaccio secco limita il tempo operativo della camera, pertanto il mio progetto originario
prevedeva l’impego di celle Peltier per il raffreddamento del piano inferiore. Tuttavia,
nonostante i numerosi tentativi, in seguito a una serie di problematiche e agli scarsi risultati
ottenuti, l’impiego del ghiaccio secco si è rivelato la soluzione migliore. (Appendice 3)

A seconda del tipo di traccia individuata è possibile risalire alla particella elementare che
la ha causata. Infatti, un buon numero di particelle elementari è stato rilevato grazie alla
costruzione di apparati sempre più precisi e alle successive implementazioni di camere a
bolle.

34
Costruzione di una camera nebbia

Figura 8.2 - Esempio di camera a nebbia

I raggi cosmici

Quando un fotone ad alta energia interagisce con un nucleo atomico presente nell’atmosfera
possono essere generate diverse particelle che decadono a loro volta in altre particelle con
minore energia. Ovviamente, all’aumentare dell’altitudine il numero di particelle
provenienti dai raggi cosmici incidenti per unità di superficie sarà più rilevante. [7]
I raggi cosmici vengono catalogati in:

- Raggi cosmici primari:

▪ Protoni
▪ Particelle alfa (Nuclei di Elio)
▪ Elettroni, neutrini e antiparticelle

- Raggi cosmici secondari:

▪ Kaoni
▪ Muoni
▪ Pioni

35
Costruzione di una camera nebbia

Figura 8.3 - Possibili particelle generate dall'arrivo di un raggio cosmico nell'atmosfera

36
Costruzione di una camera nebbia

Esempi di rilevamenti
Analizziamo ora degli esempi di tracce lasciate da raggi cosmici per comprendere al
meglio l’impatto di questa strumentazione nella ricerca del modello standard. [8]

Figura 9.1 - Fotografia di rilevamenti con camera a bolle - Brookhaven National Lab

La traccia curva evidenziata nella figura 9.1 è stata lasciata da una particella carica,
all’interno di una camera a bolle con un campo magnetico attivo.
Grazie alla forza di Lorentz, è possibile
individuare la carica e la velocità di
una particella transitante nella regione
in cui vi è un campo magnetico non
nullo entrante al piano, analizzando la
curvatura della traccia

ሬሬሬԦ ሬԦ
𝐹𝐿 = 𝑞𝑣Ԧ × 𝐵
ሬሬሬሬԦ𝐿
𝐹
𝑣 = 𝑟𝐵𝑒/𝑚

𝑣Ԧ
Visto che la particella curva in senso
Figura 9.2 - Ingrandimento su una traccia di elettrone
orario, sappiamo che la carica della

37
Costruzione di una camera nebbia

particella deve essere negativa, si tratta infatti di un elettrone. Le tre spirali uscenti dalla
traccia sono dovute all’interazione dell’elettrone con altri tre elettroni precedentemente
collocati sugli orbitali esterni di atomi presenti nell’aria all’interno della camera. Questi
elettroni sono stati espulsi dall’elettrone in moto per via della sua alta energia cinetica
relativistica.

Figura 9.3 - Scoperta del positrone

Nella figura 9.3, è riportata la prima immagine della traccia lasciata da un’antiparticella.
La curvatura dovuta al campo magnetico ha permesso a Carl David Anderson nel 1932 di
confermare l’esistenza del positrone, già ipotizzato negli anni precedenti.

𝑣̅𝑒
𝑣𝑢
?
𝜋+ +
𝜋 𝑙𝑒𝑝𝑡𝑜𝑛
Figura 9.4 - Interazione di un raggio cosmico con un atomo

38
Costruzione di una camera nebbia

Nella figura 9.4 un fotone ad alta energia interagisce ancora una volta con nucleo,
generando una coppia di particelle: la traccia più definita è quella di un muone, la seconda
traccia invece rappresenta una delle prime osservazioni di un pione. Dopo poco tempo il
muone è decaduto in una delle forme precedentemente analizzate. L’elettrone prodotto
spiralizza per via del campo magnetico, mentre i 2 leptoni, un neutrino muonico e un
neutrino elettronico, non lasciano alcuna traccia perché non hanno carica elettrica. È bene
evidenziare che i neutrini raramente interagiscono con la materia, viaggiano a velocità
prossime a c e hanno una massa un milione di volte più piccola quella dell’elettrone.

Nonostante la loro piccola massa però, viaggiando a velocità che differiscono da c di


appena 20 parti per milione, possiedono un’elevata energia cinetica relativistica e pertanto,
quando interagiscono con la materia, possono dar luogo a decadimenti di diverso tipo. Nella
figura 9.5 un neutrino ad alta velocità impatta contro un nucleo atomico, dando luogo
all’espulsione di neutrone dal nucleo atomico e al decadimento in un protone, un muone e
un pione.

Figura 9.5 - Evidenza sperimentale del neutrino

Nella figura 9.6, un fotone ad alta energia, impattando con un nucleo atomico, genera una
coppia elettrone/positrone ed espelle un elettrone dagli orbitali dell’atomo. Com’è possibile
vedere dalla figura, le due particelle con carica opposta curvano in senso opposto.
Conoscendo la massa delle due particelle generate, l’energia di ionizzazione degli orbitali
esterni dell’atomo e la velocità dell’elettrone espulso, è possibile risalire all’energia del
fotone.

39
Costruzione di una camera nebbia

Figura 9.6 - Generazione di una coppia elettrone/positrone

40
Costruzione di una camera nebbia

Costruzione dell’apparato
L’apparato sperimentale da me realizzato è costituito da una semplice vasca in materiale
plastico all’interno della quale viene collocato uno strato di ghiaccio secco.

Una lastra di alluminio rivestita con fogli di vinile nero è adagiata sul ghiaccio secco e al
di sopra viene posizionata la camera di vetro alta circa 30 centimetri e larga 18, contenente
dei panni imbevuti di alcool isopropilico. Nonostante la semplicità rudimentalità
dell’apparato, in pochi minuti è possibile osservare alcune tracce dovute alla presenza di
raggi cosmici, anche se non sempre è possibile individuare le particelle responsabili.

Spugna imbevuta di alcool


isopropilico

Ghiaccio secco

Figura 10.1 - Schema della camera a nebbia realizzata

Figura 10.2 - Primo setup della camera a nebbia

41
Costruzione di una camera nebbia

Rilevamenti

Di seguito riporto i risultati sperimentali ottenuti utilizzando la camera descritta


precedentemente. Le fotografie riportate sono il frutto di una lunga serie di osservazioni e
campionamenti effettuati in tempi diversi. L’apparato è stato di volta in volta modificato
per ottimizzare il contrasto di luce necessario a rendere visibili le scie di condensazione,
riducendo tutte le possibili fonti di errori sistematici e casuali. Il sistema è stato inoltre
testato utilizzando un emettitore di particelle alfa.

10.1.1 Tracce Muoniche

Le tracce seguenti sono dovute al passaggio di muoni nella camera. I muoni lasciano una
traccia lunga e ben definita, facilmente distinguibile da quella delle altre particelle.

Figura 10.4 - Traccia lasciata da un muone

Figura 10.3 - Traccia lasciata da un muone

42
Costruzione di una camera nebbia

Figura 10.5 - Traccia lasciata da un muone

10.1.2 Tracce di particelle alfa

In queste foto una sorgente di particelle alfa è posta all’interno di un campo magnetico.
Non è però possibile affermare con certezza se la curva osservata in alcune tracce sia dovuta
alla forza di Loretnz o semplicemente a moti convettivi dovuti alla scarsa tenuta ermetica.
Nella figura 10.7 è possibile notare delle tracce di elettroni a sinistra della sorgente: queste
particelle avendo una massa molto piccola cambiano direzione urtando le molecole l’aria,
per questo motivo la traccia non è dritta e definita come quella del muone.alla forza di
Loretnz o semplicemente a moti convettivi dovuti alla scarsa tenuta ermetica.
Nella figura 10.7 è possibile notare delle tracce di elettroni a sinistra della sorgente
(ingrandimento nella figura 10.6), queste particelle avendo una massa molto piccola
cambiano direzione urtando le molecole l’aria, ecco perché la traccia non è dritta e definita
come quella del muone.

Figura 10.6 - Ingrandimento su un rilevamento di


un elettrone

43
Costruzione di una camera nebbia

Figura 10.8 - Tracce di particelle alfa e rilevamento di un elettrone

Figura 10.7 - Tracce di particelle alfa

44
Figura 10.9 - Tracce di particelle alfa

45
Il relativismo conoscitivo in I. Svevo e L.
Pirandello

Il tempo misto ne “La coscienza di Zeno” – Italo


Svevo

Lo scrittore Italo Svevo, pseudonimo


di Ettore Schmitz, sviluppa nei suoi
romanzi una concezione temporale
detta del “tempo misto”. [9]

Il tempo misto non è altro che il tempo


della memoria, non è né presente né
passato; risulta essere invece
l’intreccio tra passato, presente e
avvenire, attraverso la ricostruzione
Figura 11.1 - Italo Svevo della coscienza.

Ne “La coscienza di Zeno”, dopo la prefazione del Dottor S., la trama si articola attorno
alle vicende fondamentali per lo sviluppo dello stato di coscienza finale del protagonista.
Il vizio del fumo, lo schiaffo sul letto di morte del padre, il matrimonio fallito, così come
l’impresa commerciale del cognato.

Gli avvenimenti, con la propria durata più o meno lunga nel tempo, si intrecciano fra loro
e vengono narrati fuori da ogni ordine cronologico.
Moltissime frasi del romanzo sono formulate all’imperfetto, rendendo difficile
comprendere se siano affermate dalla coscienza del passato o da quella attuale del
protagonista. I ricordi di Zeno sono modificati dalla sua stessa coscienza, la sua inettitudine
si rispecchia nella ricostruzione fasulla degli avvenimenti, in cerca di scuse che possano
giustificare il suo comportamento. Tutto ciò non fa altro che mostrarci la sua debolezza, la
sua inettitudine, di cui lui è consapevole e che si ripercuote sul suo stesso stato mentale.

Secondo Svevo l’uomo non vive in un tempo puro, non può sopprimere il ricordo del
passato e l’attesa del futuro. La coscienza attuale è frutto dell’accostamento delle vicende

46
vissute, indipendentemente dal reale ordine cronologico dei fatti accaduti. (Riprendendo il
concetto di tempo nella filosofia di Bergson).

La conseguenza di quest’intreccio tra i tre ordini temporali è l’inconsistenza della realtà,


che risulta puramente frammentaria e ridotta a istanti destinati ad essere rivissuti dalla
coscienza.

Per questo motivo la realtà esteriore non ha senso, tuttavia lo acquista quando i suoi eventi
vengono rimescolati nel flusso indeterminato della coscienza.
Questo continuo divenire dell’individuo si contrappone alla figura dei presunti “sani”,
ovvero colore che, dotati di rigore e imperturbabilità assoluta, non vivono il senso di
inadeguatezza tipico degli inetti, dei “malati”.

Così facendo Svevo ribalta la figura dell’inetto delineata nei suoi precedenti romanzi e
critica la volontà di Freud di curare coloro che, sapendo di essere “malati”, in realtà sono
dotati di una ricchezza ineguagliabile: “l’intimo io”.
L’esistenza dei “malati” è dovuta al progresso, alla cancellazione della legge darwiniana
della selezione naturale, la sopravvivenza dei deboli porta con sé le malattie dell’uomo.

Secondo Svevo la vera malattia sarà espiata dal mondo quando un uomo più malato di altri
“ruberà tale esplosivo e s’arrampicherà al centro della terra per porlo nel punto ove il suo
effetto potrà essere il massimo. Ci sarà un’esplosione enorme che nessuno udrà e la terra
ritornata alla forma di nebulosa errerà nei cieli priva di parassiti e di malattie”.

In queste righe pare che Svevo anticipi l’avvento della bomba atomica, l’ordigno più
potente mai costruito dall’uomo, con un potere distruttivo enorme e prolungate
ripercussioni nel tempo.

47
Il relativismo pirandelliano

Per Pirandello l’essere umano non è


caratterizzato da una personalità unica e
immutabile, ciascun individuo ne
possiede infatti molteplici. La vita
dell’uomo è permeata dalla costante
“frantumazione dell’io”, ognuno viene
percepito diversamente dall’altro, sia in
base al proprio background culturale,
che in base al contesto in cui si trova.

Da ciò scaturisce il dualismo tra ciò che


si crede di essere realmente e ciò che si
è in relazione alle diverse situazioni e i
limiti imposti dalla società. Ne consegue
uno dei temi più celebri della letteratura
pirandelliana, la “maschera”. In “Il fu
Figura 11.2 - Luigi Pirandello

Mattia Pascal” l’autore fa vedere come per liberarsi della maschera, l’individuo dovrebbe
rifiutare la stessa società, diventando un fantasma: irriconoscibile e privo di identità.

Dietro la maschera si nascondono le personalità più svariate e molteplici. La componente


“comica” di un racconta per Pirandello è proprio la percezione istintiva del divario tra
apparenza e realtà profonda; si tratta dell’avvertimento del contrario.

Dietro la vecchia imbellettata si cela una personalità affranta che cerca di trattenere a sé il
marito più giovane, nascondendo i segni dell’età. Ecco che si coglie l’umorismo e il
relativismo pirandelliano. La riflessione e l’analisi più profonda della realtà portano al
sentimento del contrario.

Uno dei capolavori che più esalta la frantumazione dell’io è il romanzo “Uno, nessuno,
centomila”.
L’opera inizia con l’osservazione da parte della moglie del protagonista sul fatto che il

48
marito abbia il naso leggermente pendente a destra. Da lì il protagonista, che non aveva
mai notato questo suo difetto, inizia a interrogarsi sulla percezione altrui di sé stesso;
arrivando alla conclusione di non essere ciò che aveva sempre pensato di essere, ma un
altro uomo, o meglio, tanti altri uomini, tanti quanti sono le persone che lo conoscono.

Secondo Pirandello la personalità è una “forma” in cui l’identità si cristallizza. Ogni


individuo vede sé stesso secondo la propria prospettiva e costruisce immagini ideali, ma
fittizie, di sé.
Vitangelo Moscarda credeva di essere Uno, si accorge di essere Centomila e di
conseguenza, non esistendo un’idea di lui che fosse universale e condivisa, lui non è
Nessuno. [9]

49
Il tempo come durata – Henri Bergson
Nel suo “Saggio sui dati immediati della
coscienza”, Bergson identifica due concezioni
fondamentalmente diverse del tempo. La prima,
quella del senso comune e della scienza, è
caratterizzata da una visione unitaria del tempo.
La seconda è la visione del tempo come durata,
cioè il tempo vissuto dalla coscienza.

Secondo Bergson la durata è il tempo nella sua


forma originaria, descritto come una successione
di stati che si fondono fra loro.

Figura 12.1 - Henri Bergson

Per illustrare questa nuova concezione temporale Bergson utilizza l’esempio della melodia.
La melodia è costituita da un susseguirsi di note che devono obbligatoriamente essere viste
nel loro insieme. Allo stesso modo la durata può essere scomposta, ma questa operazione
non riesce a descrivere la sua unità qualitativa.

Per Bergson la realtà materiale è spazialità, cioè esteriorità senza successione; l’instante
corrente non conserva nulla. Al contrario la coscienza è durata, momenti che si susseguono
ma non possono essere distinti. Per il filosofo il tempo, nel suo senso originario, non esiste
al di fuori della coscienza.
Il tempo misurato nella realtà non è altro che un processo di suddivisione e linearizzazione
della coscienza.

Dopo la pubblicazione della relatività ristretta e l’evidente disaccordo tra la nuova


concezione scientifica del tempo e l’interpretazione filosofica di Bergson, ci fu un
confronto in Francia il 6 aprile del 1922 tra l’emergente figura di Einstein e l’ormai famoso
filosofo il quale mosse critiche anche molto dure alla teoria della relatività.

50
In “Durata e simultaneità” Bergson sostiene che il tempo non è una retta di tanti punti
contigui, ma un istante che cresce su sé stesso sovrapponendosi agli altri.

Secondo Bergson la teoria della relatività era contro intuitiva, ignorava la percezione e la
vita reale, togliendo ogni importanza all’intuizione, che egli considerava uno strumento di
conoscenza vera. Proprio per questo il filosofo definì l’intero lavoro di Einstein una “pura
finzione matematica”.

Per Bergson il tempo non può essere spazializzato come avviene nella scienza; se per
Einstein il tempo è oggettivo, per il filosofo il tempo è pura soggettività. Einstein definì
questa concezione del tempo una psicologia che ha la pretesa di essere una verità. Una
psicologia che essendo relativa alla sensazione del singolo, non può rappresentare un
modello conoscitivo. [10]

In seguito a questo scontro le scienze umanistiche e le scienze fisiche si separano


definitivamente, avviando il declino di Bergson e supportando la crescente fama di
Einstein. [11]

51
Lettera di Einstein a Roosevelt – La
bomba atomica e la guerra fredda
Il 2 agosto del 1939 Einstein firma una lettera, scritta in collaborazione con Leò Szilàrd e i
fisici ungheresi Teller e Wigner, indirizzata a Roosevelt nella quale informa il presidente
delle possibili applicazioni belliche della fissione nucleare, delle competenze tedesche nel
campo e dall’embargo posto dalla Germania sull’uranio proveniente dalla Cecoslovacchia,
suggerendo: “l'opportunità di stabilire un collegamento permanente tra il governo e il
gruppo di fisici che, in America, lavorano alla reazione a catena”.

Pur essendo un pacifista, la paura per la minaccia nazista e la consapevolezza della portata
inaudita delle recenti scoperte scientifiche nel campo della fisica nucleare portarono
Einstein a scrivere quella lettera. Come egli stesso scriverà nel 1952: “La mia parte nella
realizzazione della bomba atomica è consistita in un unico atto: firmai una lettera per il
presidente Roosevelt […]. Ero pienamente consapevole dei danni terribili che sarebbero
stati arrecati all’umanità in caso di successo. Ma la possibilità che i tedeschi stessero
lavorando al medesimo problema con qualche probabilità di successo mi obbligò a
compiere questo passo. Non potevo fare altro, sebbene fossi un convinto pacifista”.

Roosevelt ricevette la lettera l’11 ottobre e istituì immediatamente nei due giorni successivi
il Comitato consultivo sull’uranio proponendo ad Einstein di entrarne a far parte.
Il fisico rifiutò con un’altra lettera, datata
25 aprile 1940, segnando da allora in poi
la fine di ogni suo rapporto con le attività
che portarono alla bomba americana. Non
partecipò, infatti, al progetto Manhattan
istituito nella più assoluta segretezza dal
governo americano, al quale aderirono una
comunità di fisici di altissimo livello tra i
quali, Enrico Fermi, Leo Szilard e Robert
Oppenheimer. [12] Figura 13.1 - Un manifesto del 1943, esorta gli abitanti di Oak
Ridge a mantenere riservati i loro lavori sul progetto di
Manhattan.

52
L’assetto politico del dopoguerra

Nonostante Russia e Stati Uniti fossero entrambi vincitori della seconda guerra mondiale,
solo quest’ultimi uscirono rafforzati dal conflitto. La Russia aveva subito pesantissime
perdite economiche, civili e militari (circa 8 milioni di morti), mentre gli investimenti
economici degli USA in ambito militare avevano permesso una rapida ripresa dalla crisi
del ’29, aumentando l’occupazione e il Pil della nazione.

Nel 1946 Winston Churchill pronunciò un discorso, accolto in tutta l’Europa occidentale,
nel quale propose alle varie nazioni di contenere il dilagare del comunismo tramite una
“cortina di ferro” sociale e politica.

Nel 1945, alla Conferenza di Potsdam, le


potenze vincitrici suddivisero le Germania
in quattro zone di occupazione militare.
Negli anni seguenti nacquero, a Ovest, nella
zona controllata dai Francesi, dagli Inglesi e
dagli Americani, la Repubblica Federale
Tedesca, uno stato democratico, a Est, nella
zona occupata dall’Armata Rossa, la
Repubblica Democratica Tedesca. Figura 13.2 - Spartizione della Germania in seguito alla
conferenza di Potsdam
I tre Stati occidentali proposero l’utilizzo di una nuova moneta, un “nuovo marco”,
introdotto con lo scopo di ridurre l’inflazione. Il politico sovietico Stalin vide l’introduzione
di una nuova moneta come una violazione dei trattati del dopoguerra, procedendo alla
costruzione di un blocco terrestre a Berlino al quale gli Stati Uniti risposero con un
imponente ponte aereo.
Dopo l’elezione a presidente degli Stati Uniti di Harry Truman i rapporti fra le due potenze
si fecero sempre più problematici. Secondo la dottrina di Truman i partiti comunisti
acquistavano forza laddove il popolo avesse perso la speranza in una vita migliore,
occorreva pertanto che gli Stati Uniti favorissero al contempo la ripresa economica e i
partiti anticomunisti, con lo scopo di contenere l’espansione del comunismo.

Sebbene l’opinione degli storici sia divisa sull’esatta data di inizio della guerra fredda,
molti concordano che il 1947 rappresentò l’anno della rottura definitiva tra le due
superpotenze, già prima dell’elezione del presidente Truman (avvenuta nel 1948). [13]

53
Le radiazioni ionizzanti – Le mutazioni

Cause delle mutazioni


Le radiazioni ionizzanti sono onde
elettromagnetiche (raggi X, raggi
gamma) o particelle (alfa, beta,
neutroni) dotate di un’energia
sufficiente per liberare gli elettroni
dagli atomi del materiale con cui
interagiscono. Perdendo un elettrone
gli atomi diventano degli ioni e
possono indurre un cambiamento
Figura 14.1 - Tipi di radiazione e la loro capacità di attraversare i
materiali nelle reazioni chimiche coinvolte
nella duplicazione o trascrizione del DNA, causando un errore nella sequenza nucleotidica.
Nonostante il genoma venga spesso riparato dai sistemi di controllo intriseci alla cellula
stessa, alcuni errori possono sfuggire costringendo la cellula a intraprendere l’apoptosi,
cioè la morte cellulare programmata. [14]
Se la cellula non va incontro a questo meccanismo e continua il suo ciclo vitale,
continuando a riprodursi, è possibile che sia avvenuta una mutazione. Questo tipo di
mutazione, dovuta a un agente esterno, è detta mutazione indotta.

Le mutazioni del DNA possono essere distinte in[15]:

Mutazioni Puntiformi
Tali mutazioni sono delle variazioni che interessano una
sequenza di uno o pochi nucleotidi (fino a 50).
Molte di queste mutazioni sono prive di alcuna
conseguenza fenotipica, in quanto non tutto il DNA ha
un ruolo attivo nella codifica dei prodotti proteici, o in
alternativa, data la ridondanza del nostro codice
genetico, può capitare che una tripletta di geni che abbia
subito una mutazione continui a codificare per uno
stesso amminoacido. In questi due casi si parla di
mutazione silente.

54
Mutazioni Cromosomiche

Si parla di mutazioni cromosomiche quando è la struttura stessa del cromosoma ad essere


alterata. Ne esistono di diversi tipi. Ad esempio le delezioni e le duplicazioni avvengono
per errori dovuti al processo di crossing-over durante la meiosi.

Mutazioni Genomiche

Si parla di mutazioni genomiche


quando un organismo presenta dei
cromosomi in più o in meno rispetto al
numero normale della specie.
Nell’uomo le mutazioni genomiche più
frequenti sono la monosomia (mancanza
di un cromosoma da una coppia) e la
trisomia (eccesso di un cromosoma in Figura 14.2 - Fotografia delle 23 coppie di cromosomi umani,
si noti la mutazione sulla 21° coppia
una coppia).

Gli effetti delle radiazioni ionizzati - I tumori

La mutazione della sequenza nucleotidica può provocare un malfunzionamento dei sistemi


che servono a riparare il Dna che, in concomitanza con l’impossibilità della cellula di
attivare il processo di apoptosi per via dell’inattivazione dei geni soppressori, può dar luogo
a una cellula con un ritmo di duplicazione superiore al normale.
Se ciò avviene si ha l’insorgenza di un tumore, cioè una massa del tessuto che cresce in
modo incontrollato rispetto ai tessuti normali.
Circa il 10% delle neoplasie maligne sono causate dall’esposizione a radiazioni ionizzati;
nel caso di tumori alla pelle, la mutazione può avvenire anche a causa dell’esposizione a
radiazione ultravioletta. Si parla, anche in questo caso, di mutazioni indotte.Si stima che
nei cinque anni successivi all’incidente di Chernobyl ci siano stati tra le 5.000 e le 10.000
morti in più rispetto alla normale incidenza delle morti per tumore, in particolar modo per
tumore tiroideo.[16]

55
La quarta dimensione nell’arte di Picasso

Les Demoiselles d’Avignon

Pablo Picasso nasce nel 1881 a Malaga, in Spagna; prodigio già dall’età di quattordici anni
divenne, nel corso della sua carriera, uno dei maggiori esponenti del Cubismo. Il suo primo
quadro cubista, “Les demoiselles d’Avignon”, un’opera dalle dimensioni di 2,45 per 2,38
metri, venne realizzato a partire dall’autunno del 1906 richiedendo più di un anno per essere
completato. Questa tela appartiene al cosiddetto “periodo rosa” dell’artista.
Picasso stravolge l’ordinaria concezione della realtà, proponendone un’interpretazione
alquanto suggestiva. Le geometrie dei corpi delle cinque prostitute vengono semplificate al
minimo, così come lo spazio circostante. I soggetti, la natura morta in basso e la stanza
vengono scomposti fino a sembrar costituite quasi della stessa materia. Dei volti delle
cinque donne, completamente compenetrate nello spazio, i due a destra risentono di una
chiara ispirazione all’arte africana, di cui Picasso era collezionista; nella realizzazione degli
altri tre volti invece, l’artista si ispira alla scultura iberica.
Il senso di prospettiva è stravolto, così come il senso comune, che supporrebbe un unico
punto di osservazione.
Lo scopo di Picasso è
quello di rappresentare
la realtà nella sua
interezza, non solo ciò
che è visibile, in un
fondersi di prospettive e
apparenti incongruenze
spaziali. [17]

Figura 15.1 - Les demoiselles


D'Avignon

56
Guernica

Nel 1937, in piena guerra civile spagnola, Picasso realizza in appena due mesi un’enorme
tela intitolata “Guernica”.

Lo scopo dell’opera è rappresentare le atrocità della guerra civile, secondo un forte ideale
democratico e antifascista, tanto che in Germania molte delle sue opere vennero bruciate
pubblicamente con l’accusa di essere “arte degenerata”.

Il drammatico momento del bombardamento, proprio della città di Guiernica, è raffigurato


con toni grigi e azzurri che, su uno sfondo antracite, si contrappongono ai colori sgargianti
comunemente associati alla vita e alla spensieratezza.
Le figure, molte delle quali degli spettri urlanti illuminati dai bagliori delle esplosioni, sono
solo apparentemente disposte in modo caotico: l’opera è suddivisibile in tre sezioni verticali
nelle quali l’ambientazione è contemporaneamente interna (al centro del dipinto e sulla
destra) e esterna (all’estrema destra). Proprio come nel “Les demoiselles D'Avignon”,
Picasso intende rappresentare la realtà nella sua interezza, in uno spazio quasi
quadrimensionale. Uomini, donne e animali fuggono urlando, condividendo dolore e paure;
all’estrema sinistra una madre stringe, straziata dal dolore, il cadavere di suo figlio.
Il cavallo ferito, che nitrisce dolorosamente al centro del dipinto, raffigura la ferita inflitta
dalla guerra al laborioso e onesto popolo spagnolo. Sul fondo della scena centrale, un fiore
intatto raffigura la ragionevolezza e la vita che alla fine l’avranno vinta sulle atrocità della
guerra. [17]

Figura 15.2 - Guernica

57
Algoritmi, le risorse spazio e tempo
Con risorsa spazio in informatica si indica l’area della memoria occupata da un processo
durante la sua esecuzione intendendo al contempo sia la memoria Ram che la memoria di
massa necessaria all’archiviazione delle strutture dei dati, del codice, e dei dati recepiti in
input, così come dei dati intermedi prodotti nella risoluzione delle operazioni richieste. [17]
Sebbene lo spazio in informatica sia una grandezza assoluta e invariante anche fra diversi
sistemi informatici, lo stesso non si può dire della risorsa tempo.
Il tempo necessario all’esecuzione di un algoritmo dipende, infatti, dalla capacità
computazionale dell’elaboratore, che, come ben sappiamo, è in costante crescita grazie alle
innovazioni nel settore tecnologico. Occorre pertanto procedere ad un’analisi qualitativa
degli algoritmi, analizzandone la complessità e individuando il numero di operazioni
necessarie all’algoritmo per risolvere il problema, definendo così il concetto di costo
dell’algoritmo.
Introduciamo una serie di regole di valutazione, con lo scopo di calcolare il costo delle
istruzioni in un algoritmo [18] :

Le istruzioni semplici, come ad esempio la lettura e la scrittura hanno un costo pari ad uno;

𝐶𝑜𝑠𝑡𝑜 = 1

- I costrutti iterativi come MENTRE/FINEMENTRE, RIPETI/FINCHÉ hanno un


costo pari alla somma dei costi del corpo del ciclo e del test di confronto. Essendo
un’istruzione semplice il costo del confronto sarà pari a 1, avendo in totale:

𝐶𝑜𝑠𝑡𝑜 = 𝐶𝑜𝑠𝑡𝑜𝑇𝑒𝑠𝑡 ∙ (𝐾 + 1) + 𝐶𝑜𝑠𝑡𝑜𝐶𝑜𝑟𝑝𝑜 ∙ 𝐾

Dove K è il numero di volte che il ciclo viene eseguito.

- I costrutti iterativi come PER/ESEGUI hanno un costo pari alla somma del costo di
inizializzazione della variabile del ciclo, il costo della condizione del ciclo, il costo
del corpo e il costo dell’incremento della variabile.

𝐶𝑜𝑠𝑡𝑜 = 1 + 𝐶𝑜𝑠𝑡𝑜𝑇𝑒𝑠𝑡 ∙ (𝐾 + 1) + 𝐶𝑜𝑠𝑡𝐼𝑛𝑐𝑟𝑒𝑚𝑒𝑛𝑡𝑜 ∙ 𝐾 + 𝐶𝑜𝑠𝑡𝑜𝐶𝑜𝑟𝑝𝑜 ∙ 𝐾

58
- Il costrutto di selezione SE/ALLORA/ALTRIMENTI ha un costo pari alla somma
dei costi del test più quello delle singole istruzioni contenute nei due rami.

𝐶𝑜𝑠𝑡𝑜 = 1 + 𝑀𝐴𝑋(𝐶𝑜𝑠𝑡𝑜𝑅𝑎𝑚𝑜𝐴𝐿𝐿𝑂𝑅𝐴, 𝐶𝑜𝑠𝑡𝑜𝑅𝑎𝑚𝑜𝐴𝐿𝑇𝑅𝐼𝑀𝐸𝑁𝑇𝐼)

- L’istruzione di chiamata di un sottoprogramma ha un costo pari a:

𝐶𝑜𝑠𝑡𝑜 = 1 + 𝐶𝑜𝑠𝑡𝑜𝑆𝑜𝑡𝑡𝑜𝑝𝑟𝑜𝑔𝑟𝑎𝑚𝑚𝑎

- L’istruzione composta ha costo pari alla somma dei costi delle singole istruzioni
semplici.
𝑛

𝐶𝑜𝑠𝑡𝑜 = ∑ 𝐶𝑜𝑠𝑡𝑜𝐼𝑠𝑡𝑟𝑢𝑧𝑖𝑜𝑛𝑖𝑆𝑒𝑚𝑝𝑙𝑖𝑐𝑖𝑖
𝑖=1

La stampa 3D

Particolare importanza assume la risorsa tempo


in stampa 3D, dove il tempo di esecuzione
dell’algoritmo GCODE corrisponde al tempo
necessario per completare il processo di stampa
di un oggetto. Il limite nell’esecuzione
dell’algoritmo non risiede nella potenza
computazionale, bensì in fattori di tipo
meccanico.
Figura 16.1 - Schema di una stampante 3D
Il codice GCODE è costituito da righe di
istruzioni che indicano all’estrusore della stampante la posizione in cui spostarsi, grazie a
degli attuatori, e la quantità di materiale da estrudere; dunque è la qualità delle componenti
utilizzate a determinare la precisione e la velocità di stampa. La versatilità di questa
tecnologia permette di realizzare oggetti che possono soddisfare potenzialmente ogni tipo
di necessità.

59
L’istruzione e la salute – Agenda 2030
“Un’istruzione di qualità è la base per migliorare la vita delle persone e raggiungere lo
sviluppo sostenibile”
- Obbiettivo 4, Agenda 2030
Le competenze acquisite nella stampa 3D mi
hanno fornito gli strumenti necessari per
esercitare la cittadinanza attiva,
permettendomi di aderire ad una vasta
iniziativa per la produzione di dispositivi di
protezione individuale per gli operatori
sanitari.

Figura 17.1 – Visiere realizzate dall’associazione


Nel primo periodo di diffusione dell’epidemia
da Covid-19, marzo e aprile 2020, le strutture
sanitarie si sono trovate impreparate ad
affrontare l’emergenza, anche in termini di
carenza di attrezzature essenziali a proteggere
l’individuo, per questo motivo ho risposto
subito all’appello dell’associazione Francesco
Marco Attanasi per la stampa dei supporti in
PLA delle visiere protettive destinate al Figura 17.2 – Visiere spedite all’ospedale Sant’Orsola
di Bologna
personale medico-sanitario del territorio
salentino.
È stata una vera corsa contro il tempo che ha portato alla produzione di visiere destinate
inizialmente a soddisfare solo le richieste locali e in seguito inviate anche presso alcuni
ospedali lombardi e romagnoli, duramente provati dalla pandemia. L’iniziativa è stata
riportata sia sui quotidiani locali, sia nazionali.
La mia esperienza è esemplificativa dei traguardi promossi dall’ Obiettivo 4 dell’Agenda
2030: “Fornire un’educazione di qualità, equa ed inclusiva, e opportunità di
apprendimento per tutti”. [19]
Con il Traguardo 4.7 “Entro il 2030, assicurarsi che tutti i discenti acquisiscano le
conoscenze e le competenze necessarie per promuovere lo sviluppo sostenibile attraverso,

60
tra l’altro, l'educazione per lo sviluppo sostenibile e stili di vita sostenibili, i diritti umani,
l'uguaglianza di genere, la promozione di una cultura di pace e di non violenza, la
cittadinanza globale e la valorizzazione della diversità culturale e del contributo della
cultura allo sviluppo sostenibile” è stata riconosciuta l’importanza dell’educazione allo
sviluppo sostenibile e alla cittadinanza globale.
La stampa 3D, con le sue innumerevoli applicazioni, rappresenta inoltre un importante
strumento per concorrere alla realizzazione dell’Obiettivo 3: “Assicurare la salute e il
benessere per tutti e per tutte le età” [20]
. L’utilizzo delle tecniche di stampa 3D con
materiali diversi, anche biocompatibili, consente di realizzare impianti e protesi
personalizzati per i singoli pazienti. Si prevede che l’uso standardizzato di questa
tecnologia consentirà anche di abbattere i costi per molte applicazioni, ad oggi ancora alti

Figura 17.3 – Supporti per visiere realizzati in materiale plastico PLA e PLA misto legno

61
Figura 17.4 - Articolo da "bari.repubblica.it"

62
Appendici

Fattore di Lorentz

1
Data la funzione 𝛾 = 2
√1−𝑣2
𝑐

Il suo dominio è:

𝑣2
1− ≥ 0 ⇒ 𝑣2 ≤ 𝑐2
𝑐2
−𝑐 ≤ 𝑣 ≤ 𝑐

Considerando il modulo
della velocità otteniamo che
0≤𝑣≤𝑐

1 2 3 4
𝑐 𝑐 𝑐 𝑐
5 5 5 5

Analizziamo ora il suo andamento al variare di 𝑣 agli estremi del dominio.

Ricordando che 𝐷𝑜𝑚 = [0, 𝑐[ :


Per l’estremo sinistro:
1 1
lim+ = =1
𝑣→0 2 √1 − 0
√1 − 𝑣2
𝑐
Per l’estremo destro:
1 1
lim− = = +∞
𝑣→𝑐 2 √1 − 1
√1 − 𝑣2
𝑐

63
Integrale improprio – Metodo alternativo

𝑐−𝜀 𝑐−𝜀
1 1
lim+ ∫ 𝑚0 𝑐 2 −1 𝑑𝑣 = lim+ ∫ 𝑚0 𝑐 2 −1 𝑑𝑣 =
𝜀→0 2 𝜀→0 2 2
0
√1 − 𝑣 2 0
√𝑐 −2 𝑣
[ ( 𝑐 )] [ ( 𝑐 )]
𝑐−𝜀
𝑐
= 𝑚0 𝑐 2 lim+ ∫ [( − 1)] 𝑑𝑣 =
𝜀→0 0 √𝑐 2 − 𝑣 2
𝑐−𝜀 𝑐−𝜀
3
𝑑𝑣
= 𝑚0 𝑐 lim+ (∫ −∫ 𝑑𝑣) =
𝜀→0 0 √𝑐 2 − 𝑣 2 0

𝑐−𝜀
𝑑𝑣
3
= 𝑚0 𝑐 lim+ (∫ − [𝑣]𝑐−𝜀
0 )=
𝜀→0 0 √𝑐 2 − 𝑣 2
𝑐−𝜀
𝑑𝑣
3
= 𝑚0 𝑐 [ lim+ (∫ ) − lim+[𝑣]𝑐−𝜀
0 ]=
𝜀→0 0 √𝑐 2 − 𝑣2 𝜀→0

𝑐−𝜀
𝑑𝑣
= 𝑚0 𝑐 3 lim+ (∫ ) − 𝑚0 𝑐 3
𝜀→0 0 √𝑐 2 − 𝑣2

Utilizzando l’integrale notevole:

1 𝑥
∫ 𝑑𝑥 = arcsin + 𝑐
√𝑘 2 − 𝑥 2 𝑘

Si calcola:

𝑣 𝑐−𝜀
𝑚0 𝑐 3 ( lim+ [arcsin ] − 1) =
𝜀→0 𝑐 0

𝑣 𝑐−𝜀 𝑐−𝜀 0
= 𝑚0 𝑐 3 ( lim+ [arcsin ] − 1) = 𝑚0 𝑐 3 ( lim+ [arcsin − arcsin ] − 1) =
𝜀→0 𝑐 0 𝜀→0 𝑐 𝑐

𝜋
= 𝑚0 𝑐 3 ( − 1)
2

64
Progetti della camera a nebbia – Raffreddamento a celle
Peltier

In questa appendice si schematizzano gli step seguiti nella progettazione e realizzazione


dell’apparato sperimentale, evidenziando come si sia passati da un’iniziale configurazione
a celle Peltier all’impego del ghiaccio secco. Le motivazioni che hanno portato a
implementare questa struttura sono state esposte nel capitolo 10.

Prima versione, celle Peltier con raffreddamento ad aria

Figura 18.1- Primo schema della camera a nebbia

65
Figura 18.2 - Rendering Versione 1 realizzato in Blender 2.90, motore grafico Cycles

Figura 18.3 – Fase di costruzione, sulla sinistra i due alimentatori per alimentare i due stadi di celle Peltier;
sulla destra un dissipatore Noctua per processori ad alte prestazioni per dissipare il calore prodotto

66
Seconda versione, celle Peltier, dissipatore ad acqua

Figura 18.5 - Rendering Versione 2, realizzato in Blender 2.90, motore grafico Cycles

Figura 18.4 - Screenshot durante la fase di progettazione

67
Figura 18.6 - La camera di osservazione della Versione 2

Figura 18.7 - Fase di costruzione Versione 2, dissipatore a liquido sul fronte

68
Figura 18.8 - Prima osservazione di particella alfa, camera e nebbia con celle Peltier

Per la versione con il ghiaccio secco si rimanda al Capitolo 10 – Costruzione dell’apparato

69
Riferimenti bibliografici e sitografia
[1] https://st.ilsole24ore.com/art/cultura/2015-12-26/relativita-solo-nome-
144135.shtml?uuid=ACZR1VxB

[2] Fisica 3, Antonio Caforio e Aldo Ferilli, Mondadori Education, 2005

[3] https://www.youmath.it/lezioni/fisica/teoria-della-relativita-ristretta/3409-
quantita-di-moto- relativistica.html

[4] https://www.youmath.it/lezioni/fisica/teoria-della-relativita-ristretta/3407-energia-
cinetica-relativistica.html

[5] https://www.astroparticelle.it/muon-time-relativity.asp

[6] https://it.wikipedia.org/wiki/Camera_a_nebbia

[7] https://it.wikipedia.org/wiki/Raggi_cosmici

[8] https://www.youtube.com/watch?v=wAsceiIMY2I

[9] Sandro Maxia - Il tempo misto nella coscienza di Zeno

[10] Vivere la letteratura 3 - Dal secondo Ottocento a oggi, Beatrice Panebianco, Mario
Gineprini, Simona Seminara, Zanichelli, 2012

[11] Filosofia - La ricerca della conoscenza 3B, Riccardo Chiaradonna, Paolo Pecere,
Mondatori Education, 2018
[12] h https://www.prismamagazine.it/2019/07/31/albert-einstein-e-lestate-del-39/

[13] Millenium Focus 3 - Corso di storia per il secondo biennio e il quinto anno, Gianni
Gentile, Luigi Ronga, Anna Rossi, Editrice la Scuola, 2017

[14] https://it.wikipedia.org/wiki/Riparazione_del_DNA

[15] https://www.collegiovolta.org/images/renna_13_2016.pdf

70
[16] https://www.who.int/ionizing_radiation/chernobyl/who_chernobyl_report_2006.
pdf

[17] Il Cricco Di Teodoro – Itinerario nell’arte 4, Giorgio Cricco Francesco Paolo Di


Teodoro, Terza Edizione, Zanichelli, 2012

[18] Informatica App – 5° Anno, Piero Gallo, Pasquale Sirsi, Mondadori Education,
2018

[19] https://unric.org/it/obiettivo-4-fornire-uneducazione-di-qualita-equa-ed-inclusiva-
e-opportunita-di-apprendimento-per-tutti/

[20] https://unric.org/it/obiettivo-3-assicurare-la-salute-e-il-benessere-per-tutti-e-per-
tutte-le-eta

Sitografia delle figure


2.2 https://www.flaticon.com/authors/dinosoftlabs
https://www.flaticon.com/authors/good-ware

5.2 https://it.wikipedia.org/wiki/Spaziotempo_di_Minkowski

5.3 https://www.flaticon.com/authors/iconixar
https://www.freepik.com

5.6/5.7 https://www.flaticon.com/authors/dinosoftlabs
https://www.flaticon.com/authors/turkkub

8.1 https://www.nuledo.com/it/

8.3 http://didawiki.cli.di.unipi.it/lib/exe/fetch.php/rhs/raggicosmici.pdf

9.1-9.6 https://www.youtube.com/watch?v=wAsceiIMY2I

11.1 https://www.corriere.it/cultura/21_aprile_03/scoperta-lettera-italo-svevo-

71
coscienza-zeno-b473ffb4-949c-11eb-baed-430cc8195593.shtml

11.2 https://www.pirandelloweb.com/pirandello-biografia/

12.1 https://it.wikipedia.org/wiki/Henri_Bergson

13.1 https://www.focus.it/cultura/storia/le-origini-top-secret-del-progetto-
manhattan-bomba-atomica

13.2 https://it.wikipedia.org/wiki/Confine_tra_Germania_Est_e_Germania
_Ovest

14.1 https://www.esperimentanda.com/come-schermare-le-radiazioni-ionizzanti
-raggi-particelle-alfa-beta-gamma-x-neutroni/

14.2 https://tumorepancreas.codiceviola.org/mutazioni-tumore-pancreas/

14.3 https://it.wikipedia.org/wiki/Sindrome_di_Down

14.4 https://www.keblog.it/chernobyl-disastro-foto-rare

15.1 https://www.analisidellopera.it/pablo-picasso-les-demoiselles-d-avignon/

15.2 https://www.analisidellopera.it/guernica-di-pablo-picasso/

16.1 https://www.make-shape.com/come-funziona-una-stampante-3d/

17.3 https://bari.repubblica.it/cronaca/2020/04/03/news/coronavirus_liceali_
salentini_producono_700_visiere_per_gli_ospedali-253009292/

72

Potrebbero piacerti anche