Sei sulla pagina 1di 4

Misure di resistività di alcuni metalli, in funzione della sezione e della

lunghezza del filo


R.Zagheno a
a
studente di scienze dei materiali presso l'università di Milano Bicocca

misure di resistività con ponte Wheatstone

l'obiettivo dell'esperienza è quello di misurare la resistività di alcuni fili metallici in base alla loro lunghezza e al loro diametro.
Montare il ponte wheatstone (come in figura 1.1 ). collegare come Rx i fili di cui va determinata la resistività, e spostare il contatto
strisciante in modo che l'amperometro non misuri passaggio di corrente
ripetendo il procedimento si estrapola che la resistenza diminuisce all'aumentare della sezione del filo ed aumenta all'aumentare della
lunghezza del filo.
I risultati ottenuti sono I seguenti:

Keywords: (ponte, whiston, resistezza, legge, hom)

1. Introduzione
Rx=R0 l1/l2 [5]
La resistività è la grandezza fisica che misura he si oppone
al passaggio di elettroni attraverso il materiale. (se l'apparato sperimentale è come in figura 1).
Numericamente la resistività ρ è l'inverso della conducività
elettrica, e minore è la resistività del conduttore maggiore è
la densità di corrente che si avrà a parità di campo elettrico
dato che

E=ρj. [1]
C
(dove E è il campo elettrico, ρ è la resistività e j è la C
densità di corrente)
Quando il conduttore è sottoposto a una differenza di
potenziale costante

V=Eh=(ρ l i)/S [2] fig.1 ponte wheastone, dove R0 è la scatola delle resistenze, e Rx è la
resistenza incognita, e C è il contatto strisciante
(V è il potenziale elettrostatico)
il termine
Ma come mai questo circuito prende il nome di Wheatstone
ρl/S [3] e non di Christie?
La pubblicazione di Christie è stata effettivamente
si chiama resistenza, quindi precedente rispetto a quella di Wheanston, tuttavia non
conoscendo la legge di hom il suo articolo risultò di
R=ρl/S [4] difficile comprensione, inoltre il suo apparato sperimentale
lavorava in corrente alternata.
dove l è la lunghezza del filo e S è la sua sezione. Il lavoro di Wheaston invece fu molto più chiaro, anche
Per fare misurare una resistenza incognita avendone già una perchè lui conosceva la legge di hom,(conseguentemente
tarata si può usare il metodo del ponte Weastone. anche i concetti di tensione corrente e resistenza erano più
Questo metodo è stato messo a punto da Samuel Hunter chiari) ed inoltre essendo più famoso del suo concorrente il
Christie e successivamente perfezionato da Charls suo articolo ebbe una risonanza più ampia.
Wheastone nella prima metà dell'ottocento, e permette di Ciononostante Wheaston nella sua pubblicazione citò il
calcolare la resistenza incognita Rx con la semplice formula lavoro fatto precedentemente da Christie, ma poi nelle varie
traduzioni questo contributo venno omesso, lasciandogli 2 2
σR   σ l   σ l2
2
tutto il merito. 
L' obiettivo dell'esperienza è misurare la resistività di fili
σ RX = Rx  0  +   +   [6]
reme, nichel, chromonichel in funzione della lunghezza e
 R0   l   l2 
dello stagno in funzione del diametro del filo.

dove Rx è la resistenza incognita, R0 è la resistenza nota, l è


2. Experimental la lunghezza del filo e l2 è un ramo della resistenza a filo.

la strumentazione che è stata usata durante l'esperimento Così si calcola l'errore sulla resistenza, che è rappresentata
consiste di un amperometro dall'incertezza di 0,01mA, un graficamente in nei grafici. per ottenere l'errore sul
metro dalla sensibilità di 1 mm, una cassetta delle coefficiente angolare bisogna fare un interpolazione lineare
resistenze dall'incertezza del 1%, un alimentatore di dei punti con la seguente relazione,
corrente continua, un micrometro dalla sensibilità di
0,01mm. y=y0+αx [7]

dove y0 è l'intercetta con l'asse delle y e α è il coefficiente


angolare della retta. Così si è calcolato l'errore sul
coefficiente angolare, che considero uguale all'errore sulla
3. risultati / discussione resistività nel caso del chromonichel, del nichel e del rame,
dato che il diametro è indicato sul rocchetto e lo considero
La procedura sperimentale con cui ho conseguito questi come una misura esatta, mentro nel caso dello stagno
risultati è la seguente: l'errore sul coefficiente angolare va sommato all'errore sulla
collegare la strumentazione come in figura 1, ed alimentare lunghezza del filo che è stata misurata durante l'esperienza
il circuito con una corrente di qualche decina di mA. ed ha un errore stimato di 1 cm.
(meglio usare l'intensità di corrente più bassa possibile che
permette di fare delle misurazioni, in questo modo verrà Nel caso dello stagno è necessario calcolare anche l'errore
minimizzato il riscaldamento del campione per effetto jule). sull'inverso del diametro del filo, dato che viene misurato
La resistenza incognita sarà il filo di lunghezza o diameto durante l'esperienza con l'ausilio del micrometro. L'errore è
variabili. stato calcolato con la seguente formula:
Variare il valore della cassetta di resistenze calibrato per
minimizzare l'intensità di corrente passante 1  σd 
dall'amperometro, dopodiché muovendo il contatto σ1 = ⋅2 
S
S  d 
strisciante si azzera il passaggio di corrente (muovendo il
contatto stisciante si divide il filo in due parti l1 e l2 di
lunghezze diverse ma aventi entrambi un errore stimato di dove S è la sezione del filo e d è il diametro.
0,5 cm)
determinare la resistenza di rame nichel chromonichel Il valore delle resistività calcolate utilizzando fili di
variando la lunghezza del filo da un minimo di 1 m a 2 m lunghezze diverse è stata trovata interpolando le rette
con intervalli di 20 cm per lo stagno misurare la resistenza (fig 2,3,4) con la seguente formula:
in base alla sezione del filo tenendo la lunghezza costante a
50 cm. l
Per I rocchetti di stagno è stato utilizzato il micrometro per
Rx = ρ + R0 [8]
S
determinare il diametro dei fili e l'errore su queste misure è
di 0,01mm. dove R0 rappresenta le altre resistenze del circuito che non
Invece per I fili di rame nichel e chromonichel la lunghezza ho considerato e fanno discostare il circuito da quello
è stata misurata con un metro dalla sensibilità di 1 mm ideale, l è la lunghezza del filo di cui si vuole misurare la
tuttavia l'errore stimato su questa misura è di 1 cm dato che resistività, S è la sua sezione Rx è la resistenza del filo e ρ
il filo non era perfettamente rettilineo e presentava delle ne è la sezione.
imperfezioni che ne rendevano difficoltosa la misura.
Facendo un grafico R vs l il coefficiente angolare risulta
Gli errori sulla resistenza sono stati calcolati nel seguente
ρ
modo: α= [9]
S

dove α è il coefficiente angolare della retta, S è la sezione


del filo e ρ è la resistività.
Sono state omesse le barre di errore sulle lunghezze nei
grafici in fig.2,3,4 poichè erano tutte uguali a 1 cm.Il valore
delle resistività calcolate utilizzando fili di diametro
diverso è stata trovata interpolando la retta (fig 5) con la
formula [8]e facendo un grafico R vs 1/S il coefficiente
angolare risulta

a= ρl [10]

dove a è il coefficiente angolare e l è la lunghezza del filo.

Il grafico in fig. 5 ci mostra visivamente che la resistenza è


inversamente proporzionale alla sezione del filo.

r e s is t e n z a d e l n ic h e l in f u n z io n e d e lla lu n g h e z z a d e l f ilo

2 , 8
r e s is t e n z a d e l r a m e in f u n z io n e d e lla

2 , 6

2 , 4
0 , 5 5 5 7

2 , 2
0 , 4 8 5 5
R (o h m )

2 , 0
0 , 4 3 5 4
R (o h m )

1 , 8

0 , 3 9 6 8
1 , 6

1 , 4 0 , 3 1 9 9

1 , 2 0 , 2 8 5 1
0 , 8 1 , 0 1 , 2 1 , 4 1 , 6 1 , 8 2 , 0 2 , 2

l ( m )
R v s l 0 , 8 1 , 0 1 , 2 1 , 4 1 , 6 1 , 8 2 , 0 2 , 2
P l o t 1 R e g r
Fig. 2 resistenza di un filo di nichel in funzione della sua l ( m )
lunghezza R v s l
P l o t 1 R e g r

Fig. 3 resistenza di un filo di rame in funzione della sua lunghezza

r e s is t e n z a d e l f ilo d i c h r o m o n ic h e l in f u n z io n e d e lla lu n g h e z z a

2 9 , 2 8 9

2 6 , 2 3 4 3

2 3 , 3 5 9 3
R (o h m )

2 0 , 4 8 4 3

1 7 , 8 0 9 3

1 4 , 7 3 8 8

Si è effettuata la misurazione della resistività dei seguenti


1 1 , 2 1 , 4 1 , 6 1 , 8 2
materiali in funzione del diametro conseguendo I seguenti
l ( m )
risultati: stagno 12,0±0,1 μΩ*cm
R v s l
P lo t 1 R e g r invece I risultati in funzione della lunghezza del filo sono I
seguenti: nichel 8,7±0,2 μΩ*cm, rame 1,91±0,2 μΩ*cm ,
chromonichel 100±10 μΩ*cm.
[2] Engeneering science and educational journal, february 2001 The
genesis of Wheaston bridge, p.37.
[3]http://www.docente.unicas.it/useruploads/000427/files/9._ponte_di_w
heatstone.pdf

4. conclusione

In questa tipologia di esperimento la fonte di errore più


grande e meno facilmente valutabile è quella sulla
lunghezza dei fili, dato che anche se disposiamo di un
metro con la sensibilità del millimetro, la struttura
imperfetta del filo e gli errosi sistemtici effettuati dallo
sperimentatore, diminuiscono l'accuratezza e la precisione
della misura.
Nonostante questo i valori di resistività da noi ottenuti
sono compatibili con i valori tabulati,entro i limiti
sperimentali.

Bibliografia:

[1] libro di fisica 2 , Mazzoldi, Nigro; Voci.