Sei sulla pagina 1di 10

1 Le relazioni tra due insiemi

DEFINIZIONE. Quando tra due insiemi A e B si individua una proprietà che associa agli elementi di A
gli elementi di B, tra i due insiemi si stabilisce una corrispondenza; la proprietà che associa gli
elementi appartenenti all’insieme A con gli elementi appartenenti all’insieme B si chiama relazione R.

Mettiamo in corrispondenza gli elementi dell’insieme A = {BG, MI, TO, Roma} con gli elementi
dell’insieme B = {Lombardia, Piemonte, Lazio} considerando la caratteristica : <<… appartiene alla
regione …>> e rappresentiamo tale corrispondenza in forma sagittale con il diagramma di Eulero-Venn.

Gli elementi di B in cui arriva una freccia si dicono immagini: gli elementi di A da cui parte una freccia
si dicono controimmagini.

Area 2 - Capitolo 2 - PAG. 294 1


1 Le relazioni tra due insiemi

È possibile rappresentare la relazione precedente anche mediante:

 L’elenco delle coppie che si formano:

C  BG, Lombardia ; MI, Lombardia ; TO, Piemonte ; Roma, Lazio

Un diagramma cartesiano

Una tabella a doppia entrata

R Lombardia Piemonte Lazio

BG x

MI x

TO x

Roma x

Area 2 - Capitolo 2 - PAG. 294 2


1 Le relazioni tra due insiemi
Consideriamo ora gli insiemi A = {Roma; Londra; Atene; Oslo; Vienna; Varsavia} e B = {Italia; Francia;
Gran Bretagna; Grecia; Austria; Portogallo} e la relazione R da A verso B individuata dalla frase <<… è
capitale di …>>. Rappresentiamo la relazione in forma sagittale.

Il sottoinsieme di A raggruppa gli elementi da cui parte almeno una freccia.


Il sottoinsieme di B raggruppa gli elementi sui quali arriva almeno una freccia.

DEFINIZIONE.

 Il dominio di una relazione è l’insieme degli elementi aA che hanno almeno una immagine in B.

 Il codominio di una relazione è l’insieme degli elementi bB che hanno almeno una contro-
immagine in A.

Area 2 - Capitolo 2 - PAG. 295


 3
1 Relazioni particolari

DEFINIZIONE. Una corrispondenza tra due insiemi A e B si dice biunivoca se associa ad ogni
elemento di A uno e un solo elemento di B e viceversa.

DEFINIZIONE. Due insiemi in corrispondenza biunivoca si dicono anche equipotenti.

Area 2 - Capitolo 2 - PAG. 296 4


1 Relazioni particolari

DEFINIZIONE. Una corrispondenza tra due insiemi A e B si dice univoca se associa a ogni
elemento di A uno e un solo elemento di B ma non viceversa.

Area 2 - Capitolo 2 - PAG. 297 5


2 Le relazioni in un insieme

DEFINIZIONE. Si chiama relazione R in un insieme A la proprietà che


associa gli elementi di A con gli elementi di A stesso.

Anche in questo caso è possibile rappresentare la relazione attraverso:

• una rappresentazione sagittale

• una tabella a doppia entrata

• una rappresentazione cartesiana

Area 2 - Capitolo 2 - PAG. 298 6


3 Le proprietà di una relazione in un insieme

La proprietà riflessiva

PROPRIETÀ. Una relazione R in un insieme A si dice riflessiva


quando ogni elemento x appartenente ad A è in relazione con se
stesso. In simboli si scrive:

x  A x R x

La
proprietà antiriflessiva

PROPRIETÀ. Una relazione R in un insieme A si dice


antiriflessiva se nessun elemento x appartenente ad A è in
relazione con se stesso. In simboli si scrive:

x  A x R x


Area 2 - Capitolo 2 - PAG. 300 7
3 Le proprietà di una relazione in un insieme

La proprietà simmetrica

PROPRIETÀ. Una relazione R in un insieme A si dice simmetrica


quando considerati due qualsiasi elementi x e y appartenenti ad A
ogni volta che x è in relazione con y, allora anche y è in relazione
con x. In simboli:

x, y  A se x R y y R x

La proprietà transitiva
 PROPRIETÀ. Una relazione R in un insieme A si dice transitiva quando
considerati tre qualsiasi elementi x, y e z appartenenti ad A, ogni volta che x
è in relazione con y e y è in relazione con z, anche x è in relazione con z. In
simboli si scrive:

x, y, z  A se x R y e y R z x R z

Area 2 - Capitolo 2 - PAG. 301 8


3 Le proprietà di una relazione in un insieme

La proprietà antisimmetrica

PROPRIETÀ. Una relazione R in un insieme A si dice


antisimmetrica quando, considerati due qualsiasi elementi x e y
appartenenti ad A, possono sussistere contemporaneamente x R y
e y R x solo se x = y. In simboli:

x, y  A se x R y e y R x x=y

Area 2 - Capitolo 2 - PAG. 302 9


4 Le relazioni di equivalenza e di ordine

La relazione di equivalenza

DEFINIZIONE. Una relazione R definita in un insieme A si dice di equivalenza quando gode


contemporaneamente delle proprietà riflessiva, simmetrica e transitiva.

La relazione di ordine

DEFINIZIONE. Una relazione R definita in un insieme A si dice di ordine quando gode


contemporaneamente delle proprietà transitiva e antisimmetrica. Inoltre si dice:

 di ordine largo se R gode anche della proprietà riflessiva;

 di ordine stretto se R gode anche della proprietà antiriflessiva.

Area 2 - Capitolo 2 - PAG. 304 10

Potrebbero piacerti anche