Sei sulla pagina 1di 3

CAPITOLO 13

Sintesi:2 o + atotomi o mol reagiscono0 per dare un unico composto (metallo+nn met=sale
Sostituzione semplice:1 atomo, 1 ione o 1 gruppo poliatomico di un composto viene sostituito da 1
altro atomo, ione o gruppo poliatomico.(A+BC-->AC+B)
Doppio scambio:vi è uno scambio di atomi, ioni o gruppi poliatomici tra 2 composti (AB+CD--
>AD+CB). Avvengono princ. Tra 2 sali e se da reagenti solubili si forma un composto insolubile si
dice precipitato.
Decomposizione:da 1 unico composto si ottengono 2 o più composti o elementi(inverso alla
sintesi:AB-->A+B)
Neutralizzazione:1 acido e 1 idrossido formano un sale e l'acqua (HX+YOH-->XY+H2O)
Dissociazione ionica:sali,acidi o bai si scompongono negli ioni corrispondenti
Combustione:composti organici, costituiti da carbonio,idrogeno e ossigeno bruciano con l'ossigeno
gassoso e formano diossido di carbonio e acqua.
Ossidoriduzione:una specie chimica trasferisce elettroni al un altra specie chimica

Legge di Hess: la quantità di calore messa in gioco in una reazione chimica dipende dall'enegia
interna dei reagenti e dei prodotti e non dall'cammino effettivamente percorso dalla reazione.

Entalpia:funzione di stato con la quale è espresso il calore scambiato da un sistema a pressione


costante (ΔH=H reazione-H reagenti). Una reazione che avviene con produzione di calore è
chiamata reazione esotermica(ΔH<0). Se consuma calore è endotermica (ΔH>0). Nelle reazioni
esotermiche l'energia chimica contenuta nelle molecole si trasforma in energia termica, in quelle
endotermiche si ha trasformazione di energia termica in energia chimica.
Ogni sistema evolve spontaneamente verso lo stato di massima entropia (disordine), che
corrisponde alla condizione di massima probabilità. L'energia libera (di gibbs) è una funzione di
stato uguale a:ΔG=ΔH-T*ΔS
Se G diminuisce la reazione è spontanea.

Cinetica chimica:branca di chimica che studia la velocità delle reazioni e i fattori che la
influenzano. La velocità di reazione indica il numero di moli di reagente che si trasforma o il
numero delle moli di prodotto che si forma nell'unità di tempo. Non è costante ma tende a diminuire
nel tempo (decomposizione). È direttamente proporzionale al prodotto delle concentrazioni dei
reagenti ognuna elevata a potenza avente esponente un coefficiente determinato sperimentalmente.
(v= [a]n [b ]n k) A parità di altri fattori la velocità di una reazione è inversamente proporzionale al
numero degli atomi e delle molecole dei reagenti. La velocità aumenta all'aumentare della
temperatura. Fattore sterico: probabilità che le particelle urtino nel punto giusto in modo che la
reazione avvenga.

Energia di attivazione:quantità minima di energia che deve essere fornita ai reagenti perchè la
reazione possa avvenire. Complesso attivato:stato di maggior energia da passare per avviare una
reazione.

Sintesi:una reazione chimica avviene se c'è diminuzione di energia libera, se le molecole si urtano
nel punto giusto con adatta energia, se è fornita l'energia di attivazione. La velocità di reazione
aumenta all'aumentare della temperatura, della suddivisione e della concentrazione dei reagenti;
questi diminuiscono nel corso della reazione per cui la velocità tende a diminuire.
CAPITOLO 15
La dissociazione elettronica è un processo in cui un solvente separa ioni di carica opposta e si lega
ad essi, circondandoli.
Le sostanze che in soluzione sono buone conduttrici di elettricità sono definite elettroliti forti, se
non sono buono conduttori sono deboli. Un elettrolita forte è una sostanza che in soluzione si
dissocia completamente, per il 100%, uno debole si dissocia parzialmente. Grado di dissociazione:
tendenza di ogni elettrolita a dissociarsi ed esprime il rapporto tra il numero di molecole dissociate e
il numero iniziale.

Il prodotto K*[H2O]=[H+]*[OH-] (idrogenione, ione idrossido) è uguale alla costante Kw chiamata


prodotto ionico dell'acqua.
Il prodotto delle concentrazione degli idrogeni e degli ioni idrossido in acqua ha il valore costante di
10^-14 a 25°C. Nell'acqua la concentrazione idrogenionica è uguale a quella ossidrilionica ed è 10^-
7.
Le concentrazioni dei 2 ioni sono tra loro inversamente proporzionali essendo il loro prodotto una
costante il Kw.

CAPITOLO 14

Nelle reazioni reversibili avvengono contemporaneamente la reazione diretta, da sinistra verso


destra, e la reazione inversa, da destra a sinistra.
Un sistema chimico è all'equilibrio chimico quando la velocità della reazione diretta è uguale alla
velocità della reazione inversa. Nella condizione di equilibrio le concentrazioni di tutte le specie
chimiche restano costanti nel tempo. Le dure reazioni continuano sempre ma con la stessa velocità.
L'equilibrio chimico è detto dinamico poiché è necessario che il sistema sia isolato e può essere
raggiunto in tempi più o meno lunghi.
Legge di azione della massa (guldemberg e wagge):in una reazione chimica all'equilibrio, il
rapporto tra il prodotto delle concentrazioni dei prodotti e il prodotto delle concentrazioni dei
reagenti è costante. K=costante di equilibrio Nei gas anche come rapporto tra pressioni
Le reazioni in cui è favorita la formazioni dei prodotti hanno K>1(eq destra). Se la costante di
equilibrio ha valori elevati buona parte dei reagenti si consuma per dare prodotti, se invece la
costante ha valori bassi solo una piccola parte dei reagenti si trasforma in prodotti.
Il quoziente di reazione esprime il rapporto tra il prodotto delle concentrazioni dei prodotti e
quello delle concentrazioni dei reagenti, ciascuna elevata al proprio coefficiente stechiometrico
come compare nella reazione bilanciata, quando la reazione non si trova in condizioni di equilibrio.
Se Q<K il sistema non è all'equilibrio per cui parte dei reagenti non si trasformano in prodotti; se
Q>K parte dei prodotti si trasformerà in reagenti; Q=K il sistema è in equilibrio.
Gli equilibri che presentano diverse fasi sono detti eterogenei e l'espressione della costante di
equilibrio non tiene conto delle concentrazioni dei solidi e dei liquidi puri presenti CaCO3-
>CO2+CaO K=[CO2]
Principio dell'equilibrio mobile (la chatalier):un sistema all'equilibrio reagisce alle variazioni
effettuate sui suoi componenti in modo da ridurne gli effetti.+reag dx +pr sx v aum
L' equilibrio chimico può essere spostato variando le concentrazioni dei reagenti o dei prodotti;
variando la pressione esercitata sul sistema, se il numero delle molecole allo stato gassoso dei
reagenti è diverso da quello dei prodotti, variando la temperatura, se la reazione è esotermica o
endotermica. P> n<
In una reazione irreversibile l'equilibrio chimico è tutto spostato verso destra così da trasformare
completamente i reagenti in prodotti.
CAPITOLO 16
Le basi sono composti che reagiscono con gli acidi formando soluzioni neutre di sali e acqua. Gli
acidi sono sostanze capaci di rilasciare in acqua idrogenioni H+, le basi liberano ioni idrossido OH-
Un acido secondo Arrhenius è una sostanza che incrementa la concentrazione di ioni H3O+ in
acqua, una base è una sostanza che incrementa la concentrazione di ioni OH-.
Un acido è una specie chimica (donatore) capace di cedere un idrogenione a una base (accettore).
Una soluzione neutra ha la concentrazione degli ioni ossonio uguale a quella degli ioni idrossido.
Una soluzione acida contiene ioni ossonio in concentrazione superiore agli ioni idrossido cioè
[H3O+] maggiore di 10^-7.
Il pH è:-log[H3O+]. Una soluzione è acida se ha pH<7 basica se pH<7.
La soluzione dell'acido ha reso neutra, cioè ha neutralizzato, la soluzione della base, e viceversa:la
reazione acido-base è una reazione di neutralizzazione. In una reazione di neutralizzazione una
soluzione di una base aggiunta a una quantità equimolare di un acido di soluzione o viceversa
produce una soluzione di un sale in acqua.
Si chiama indicatore di pH un acido debole, le cui molecole hanno colore diverso da quello degli
ioni, dal cui colore è possibile risalire al pH della soluzione.
Si chiama titolo di una soluzione il valore della sua concentrazione
Si chiama titolazione acido-base la determinazione della concentrazione di un acido mediante
aggiunta di una base a titolo noto o viceversa