Sei sulla pagina 1di 8

Risposte commentate Esercitazione 1 Fondamenti teorici dell’ICT 1

Risposte commentate
Livello base
1) B. Attraverso questo tipo di formato è possibile ottenere file audio di dimensioni
ridotte, grazie ad un particolare algoritmo di compressione basato sulla riduzione di
informazioni necessarie per codificare quel determinato file audio, escludendo i bit
che rappresentano le frequenze audio che l’uomo non riuscirebbe a percepire.

2) A. La stampante è un dispositivo di output in quanto trasferisce su carta il risul-


tato delle elaborazioni. Mouse e touchpad sono dispositivi di puntamento di input.
La tastiera è altresì un dispositivo di input in quanto consente l’immissione di dati
attraverso la pressione dei tasti.

3) C. Poiché il risultato dell’elaborazione di un programma di videoscrittura, finché


non viene salvato su una memoria di massa, risiede nella memoria RAM, una me-
moria volatile, che quindi perde irrimediabilmente il proprio contenuto in caso di
black-out.

4) A. L’alimentatore ha la funzione di trasformare la corrente alternata della rete


elettrica a 220V in corrente continua utile al funzionamento delle varie componenti
di un PC. Il modem, il mouse e il plotter sono periferiche non indispensabili al fun-
zionamento del PC.

5) D. L’unità centrale di elaborazione, in inglese indicata dall’acronimo CPU e nota


anche come microprocessore (o processore), è un insieme di circuiti elettronici in
grado di effettuare ad una velocità molto elevata operazioni con i numeri. È consi-
derata il cervello del computer in quanto tutto il funzionamento di un calcolatore
elettronico si basa su di essa.

6) B. Si tratta di una memoria di massa che oggi ha enormi capacità in termini di
byte memorizzabili, i cui tempi di accesso e velocità di scrittura dipendono molto dal-
la tecnologia utilizzata. In particolare un disco fisso (o hard disk) è costituito da una
scatola metallica contenente i supporti su cui avviene la scrittura e la lettura dei dati.

7) D. Le reti di computer rappresentano un collegamento effettuato attraverso mez-


zi fisici quali cavi o connessioni via etere, al fine di realizzare lo scambio di informazio-
ni e la condivisione di periferiche. In base all’estensione della rete distinguiamo reti
LAN (presenti di solito nelle aziende), reti MAN (reti più estese delle precedenti) e
reti WAN (il cui classico esempio è Internet).

8) C. La CPU (Central Processing Unit) è considerata il cervello di un calcolatore


elettronico; la RAM (Random Access Memory) è la memoria centrale di un compu-
ter; con ROM (Read Only Memory) si indica un tipo di memoria persistente su cui di
solito è memorizzato il BIOS.

www.edises.it
2 Parte Seconda Esercitazioni

9) A. La scheda video ha il compito di tradurre in immagini, una volta collegata ad


un monitor, il risultato delle elaborazioni; senza di essa il monitor non potrebbe svol-
gere il suo compito rendendo impossibile l’uso del PC. La webcam consente invece di
catturare immagini in tempo reale, grazie ad una sorta di telecamera, per trasferirle
attraverso Internet. La scheda audio traduce in suoni il risultato delle elaborazioni e
la stampante, infine, è un dispositivo di output che consente di stampare su carta il
risultato delle elaborazioni di diversi tipi di software.

10) C. Il toner consente ad una stampante laser di scrivere su un foglio di carta. È


costituito da una sorta di polvere sottile termosensibile, in grado di aderire al foglio
di carta. Le stampanti inkJet invece sono provviste di una cartuccia con inchiostro
liquido. Le stampanti ad aghi si avvalgono di un nastro imbevuto di inchiostro.

11) D. Il floppy disk è una memoria dalla capacità estremamente ridotta, ormai ca-
duta in disuso anche per i tempi di accesso notevolmente più lunghi rispetto alle altre
memorie presenti oggi sul mercato. Non è un disco di sola lettura perché consente
anche la memorizzazione dei dati, ma può essere protetto da scrittura. Un tempo
era molto utilizzato, ma le moderne memorie di massa, di dimensioni ridotte ma di
capienza notevolmente più elevata, lo hanno reso poco conveniente.

12) B. Una scheda audio consente di ascoltare suoni, file audio e quant’altro. Senza
di essa, però, è comunque possibile l’utilizzo del PC se non strettamente correlato ad
elaborazioni audio. Durante l’uso di un programma di videoscrittura, ad esempio, la
scheda audio è pressoché superflua.

13) B. In caso di avaria di componenti hardware, come le memorie di massa, è molto


probabile la perdita di file memorizzati su di esse. Per evitare problemi di questo tipo
è, tra le altre cose, necessario effettuare periodicamente copie di backup (di riserva)
di file importanti o utilizzare sistemi particolari di memorie di massa, quali per esem-
pio i sistemi RAID, che hanno una maggiore tolleranza ai guasti.

14) C. Un software è un insieme di istruzioni che la CPU elabora per svolgere un de-
terminato compito. I software sono scritti da tecnici specializzati chiamati «program-
matori» attraverso un linguaggio di programmazione, una sorta di codice noto al
programmatore che viene successivamente tradotto in linguaggio macchina, la lingua
della CPU, che può quindi eseguire le istruzioni del programma secondo le direttive
del programmatore.

15) A. RAM sta per Random Access Memory, ovvero memoria ad accesso casuale,
definita anche memoria principale. Il nome deriva dal fatto che la CPU può accedervi
in un punto a caso e prelevare o depositare un dato elaborato o ancora da elaborare.
Fisicamente è costituita da una serie di «cellette», ciascuna delle quali può contenere
un byte (8 bit) e ha un proprio indirizzo, così da poter essere identificata in maniera
univoca e permettere la giusta lettura o scrittura del dato in essa contenuto.

16) D. La tastiera permette l’inserimento di caratteri qualora il software lo richieda.


Essa è formata da: tasti alfanumerici, che consentono di immettere numeri e lettere;

www.edises.it
Risposte commentate Esercitazione 1 Fondamenti teorici dell’ICT 3

tasti funzionali, allineati nella parte superiore, che permettono di svolgere particolari
funzioni; tasti cursore, che servono per muovere il cursore nell’area dello schermo.
Poiché non tutte le lingue internazionali utilizzano le stesse lettere e gli stessi simboli
di punteggiatura, esistono diversi tipi di tastiere con differenti tipi di layout (disposi-
zione dei tasti).

17) B. La RAM è definita anche memoria centrale. Durante l’elaborazione i dati


vengono temporaneamente immessi in essa e poiché perde il suo contenuto una
volta che il PC viene spento o riavviato, viene definita memoria volatile. Il disco fisso
invece conserva i dati su di esso memorizzati anche dopo lo spegnimento o il riavvio
del PC.

18) C. La ventola ha proprio la funzione di dissipare il calore. Spesso sono montate


diverse ventole all’interno di un PC, poiché in esso sono presenti vari componenti che
si surriscaldano, quali la CPU, il processore della scheda video, l’hard disk. È possibile
anche fare uso di ventole più grandi con lo scopo di creare un flusso d’aria all’interno
del case del PC e disperdere ancora meglio il calore.

19) A. Si tratta di un piccolo dispositivo dalla forma più o meno ovale il cui movimen-
to da parte dell’utente viene trasferito al puntatore, un elemento grafico presente nei
software più moderni. Il mouse invia dati al calcolatore che li elabora a seconda del
software in uso in quel momento. È dunque un dispositivo di input, mentre monitor,
stampanti e casse acustiche sono dispositivi di output.

20) D. Un lettore Cd-Rom non ha la tecnologia adatta a leggere i più sofisticati Dvd,
per i quali è indispensabile avere un lettore apposito. Un lettore di Dvd, al contrario,
consente di leggere anche i Cd-Rom, pertanto, oggi i lettori Cd-Rom non sono più
presenti sul mercato.

21) A. Oltre al fatto che la luce non debba provocare riflessi sullo schermo, il moni-
tor deve garantire un’immagine chiara, nitida ed essere posto ad una distanza di circa
50-70 cm se ci si trova seduti. La tastiera deve avere i caratteri nitidi e sulla scrivania
occorre che ci sia spazio a sufficienza in modo da permettere l’appoggio degli avam-
bracci durante la digitazione. Il mouse deve essere disposto sullo stesso piano della
tastiera e con spazio adeguato per il suo corretto utilizzo. Anche i software, infine, de-
vono avere caratteristiche tali da risultare adeguati alla mansione svolta dal lavoratore.

22) B. Nell’unità base di un computer sono di solito contenuti scheda madre, schede


di memoria Ram, hard disk, microprocessore ed adattatore grafico. La tastiera è un
dispositivo di input posto al di fuori dell’unità centrale per consentirne l’utilizzo da
parte dell’utente.

23) A. L’Umts (Universal Mobile Telecommunications System) è una modalità di ac-


cesso radio ai servizi radiomobili, capace di garantire una velocità addirittura maggio-
re per la trasmissione dati (fino ad un massimo di 384 Kbit/s) nonché la possibilità di
effettuare videochiamate.

www.edises.it
4 Parte Seconda Esercitazioni

24) D. L’e-learning rappresenta un modo particolare di somministrazione didattica


per l’apprendimento a distanza, senza presenza fisica di personale docente. Le lezioni
sono di solito somministrate attraverso un particolare software, generalmente funzio-
nante attraverso la rete Internet, chiamato «piattaforma di formazione a distanza».

25) C. La stampante ha il compito di trasferire su carta i dati elaborati dai software. A


seconda della tecnologia utilizzata si possono avere: stampanti laser, che garantiscono
risultati di eccellente qualità sfruttando un raggio laser ad una certa lunghezza d’on-
da; stampanti a getto d’inchiostro, in cui le testine di stampa sono fissate su un carrel-
lo che si muove per tutta la lunghezza del foglio spruzzando microgocce di inchiostro;
e, infine, stampanti a sublimazione, che utilizzano alte temperature.

RISPOSTE CORRETTE • Livello base


 26) B  47) A  68) D  89) D 110) A 131) A
 27) D  48) D  69) A  90) B 111) B 132) B
 28) C  49) B  70) B  91) D 112) B 133) D
 29) C  50) A  71) C  92) A 113) C 134) C
 30) A  51) B  72) B  93) B 114) B 135) D
 31) B  52) C  73) C  94) D 115) A 136) A
 32) C  53) D  74) C  95) A 116) D 137) B
 33) D  54) A  75) A  96) C 117) D 138) A
 34) B  55) B  76) B  97) C 118) A 139) C
 35) D  56) D  77) D  98) A 119) B 140) B
 36) A  57) D  78) D  99) D 120) A
141) A
 37) D  58) B  79) A 100) B 121) D
142) D
 38) C  59) C  80) B 101) A 122) B
143) D
 39) C  60) A  81) B 102) D 123) D
144) B
 40) B  61) B  82) A 103) C 124) A
 41) B  62) D  83) C 104) A 125) C 145) C
 42) C  63) B  84) B 105) B 126) A 146) A
 43) D  64) A  85) D 106) A 127) D 147) A
 44) D  65) C  86) A 107) D 128) C 148) A
 45) A  66) C  87) A 108) C 129) D 149) B
 46) C  67) B  88) C 109) A 130) B 150) A

www.edises.it
Risposte commentate Esercitazione 1 Fondamenti teorici dell’ICT 5

Risposte commentate
Livello avanzato
151) C. Android è un sistema operativo, basato su Linux, ma finanziato da Google,
per l’impiego su dispositivi mobili quali smartphone e tablet, realizzato inizialmente
nell’anno 2008 ed ancora oggi molto utilizzato sui telefonini di ultima generazione.
Altri sistemi operativi molto usati sugli smartphone sono: IOS, Windows Mobile 8. Un
altro sistema operativo per dispositivi portatili, molto utilizzato soprattutto in passato,
è Symbian.

152) B. Al momento dell’accensione, la CPU deve poter disporre delle istruzioni


necessarie per le operazioni preliminari, prima di passare il controllo al sistema ope-
rativo. Pertanto il BIOS, contenuto nella memoria ROM, ha proprio la funzione di
istruire la CPU sulle operazioni preliminari, fino al completo caricamento del softwa-
re di sistema (operazioni di bootstrap).

153) A. Tra la rete elettrica e l’alimentatore di un PC è possibile interporre un dispo-


sitivo provvisto di batteria, allo scopo di impedire interruzioni nell’alimentazione, evi-
tando così la perdita di dati per l’improvviso spegnimento del PC in seguito a black-
out. Il gruppo di continuità consente altresì di erogare una corrente senza sbalzi di
tensione che potrebbero danneggiare alcune componenti del computer.

154) D. La principale funzione del processore è quella di effettuare continui calcoli


matematici e la ALU consente proprio queste operazioni, ricevendo come input gli
operandi e restituendo come output i risultati delle operazioni che possono essere
anche logiche quali OR, XOR (OR esclusivo), AND ecc.

155) B. Le trasmissioni dei dati, nelle reti di computer, possono avvenire anche at-
traverso le trasmissioni radio ad una determinata frequenza secondo le specifiche
IEEE 802.11. Grazie a questa tecnica, talvolta indicata anche col termine Wi-Fi, non
è necessario nessun collegamento via cavo tra due o più dispositivi connessi in rete,
in quanto lo scambio di dati avviene secondo dei protocolli ben definiti attraverso
trasmissioni in radiofrequenza.

156) A. Un virus è un piccolo frammento di codice in grado di autoreplicarsi e di


infettare, di solito, altri programmi non indesiderati. Nel caso del virus di boot, questo
frammento di codice è presente nel settore di avvio del disco e quindi viene eseguito
ogni qual volta si avvia un dispositivo a disco quali floppy, hard disk, ecc.

157) C. Due dispositivi, per lo scambio di dati, necessitano di «stabilire» una serie


di parametri comuni affinché tale scambio avvenga in maniera corretta. Attraverso
l’handshake (o handshaking) i due dispositivi è come se si «accordassero» su come
scambiare i dati tra loro.

www.edises.it
6 Parte Seconda Esercitazioni

158) C. Collegare o scollegare una periferica, senza dover riavviare il sistema o spe-


gnere il PC, è di fondamentale importanza al fine di evitare interruzioni di servizi
dovuti al riavvio di sistemi che possono essere anche complessi. Un classico collega-
mento «a caldo» può avvenire attraverso la porta Usb che, qualora il sistema operativo
lo consenta, permette di collegare dispositivi che immediatamente possono essere
utilizzati.

159) D. In caso di guasti un sistema complesso potrebbe smettere di funzionare con


relativi inconvenienti legati a questa interruzione. Attraverso un sistema progettato
per essere tollerante ai guasti (fault-tolerant), il sistema non smette di funzionare av-
valendosi di dispositivi in grado di intervenire in «aiuto» degli altri qualora dovessero
guastarsi.

160) B. L’acronimo BIT sta per Binary digIT ed è costituito da un valore binario. Il


BIT è l’unità più piccola dell’informazione che un processore può gestire. Per questo
motivo esso è anche «l’unità di misura» della quantità d’informazione. Ogni concetto
che abbia senso per l’uomo deve essere codificato in bit affinché abbia senso anche
per una CPU.

161) B. Come suggerisce il prefisso spy, uno spyware è un software in grado di rac-


cogliere dati sul computer di un utente ignaro e inviarli, di solito via Internet, ad un
server remoto a scopi pubblicitari, statistici o anche loschi.

162) A. Di solito una periferica per ricevere i dati chiede l’intervento della CPU at-
traverso una serie di meccanismi legati al concetto di «interrupt» (interruzione). Que-
sta procedura comporta un enorme carico di lavoro per la CPU stessa. Attraverso il
DMA, le periferiche accedono ai dati in memoria direttamente, senza «costringere»
il processore ad essere parte in causa di tutto il processo, consentendogli quindi di
svolgere altri compiti.

163) C. Scrivere un programma comporta la risoluzione di una serie di piccoli pro-


blemi, attraverso una sequenza finita di istruzioni, univocamente interpretabili e che
portino ad un risultato in un tempo finito. Questa sequenza finita di istruzioni prende
il nome di «algoritmo», uno dei fondamenti su cui si basa la programmazione.

164) B. Linux è un sistema operativo, o più precisamente, una famiglia di sistemi


operativi basati su un kernel (nucleo) sviluppato da uno studente finlandese (Linus
Torvalds) nei primi anni ’90. Caratteristica di questo sistema operativo è la licenza
software con cui viene distribuito (GPL), che consente a chiunque di apportarvi mo-
difiche o miglioramenti.

165) D. OCR è un acronimo che sta per Optical Character Recognition, ovvero rico-
noscimento ottico dei caratteri. Con software del genere è possibile, attraverso uno
scanner, effettuare la scansione di un foglio con testo (non scritto a mano) al fine
di renderlo riconoscibile da un software di videoscrittura e poterlo successivamente
modificare.

www.edises.it
Risposte commentate Esercitazione 1 Fondamenti teorici dell’ICT 7

166) D. I software prevedono licenze di diversi tipi, alcune che consentono l’uso
gratuito del software ed altre che richiedono il pagamento per l’acquisto della licenza
d’uso. Per indicare un software che non prevede pagamento per l’uso si usa generica-
mente il termine «freeware».

167) A. A causa dell’elevata disparità di periferiche che possono essere collegate ad


un computer è necessario che un sistema operativo possa avvalersi di un driver per
poter dialogare con esse. Un driver è proprio un software che consente al sistema
operativo di «pilotare» (da qui il termine «driver») quel determinato dispositivo.

168) B. Le macro sono delle procedure utilizzate per automatizzare delle operazioni
nei software applicativi del pacchetto Office. Purtroppo possono essere anche modifi-
cate ad hoc per effettuare operazioni indesiderate sul computer del malcapitato.

169) A. L’efficienza di un sistema è spesso dipendente proprio dal tempo di latenza,


che più è breve più il sistema risponde velocemente in termini di elaborazione. Il con-
cetto di tempo di latenza può essere ad esempio relativo all’hard disk di un sistema o
comunque ad una qualsiasi memoria di massa.

170) C. I caratteri alfanumerici necessitano di essere codificati in bit secondo uno


standard universale e ben definito affinché ogni volta che si gestiscono (come nel
caso di immissione attraverso la tastiera) ciascuno di essi possa essere individuato da
una serie di bit univoca e comune in tutto il mondo. Il sistema ASCII (American Stan-
dard Code for Information Interchange) ha proprio questa funzione.

171) B. La CPU è in grado di eseguire le diverse procedure attraverso un linguaggio


caratteristico, il linguaggio macchina. Essendo questo linguaggio lontano dal modo
di ragionare dell’uomo, il programmatore si avvale di linguaggi più consoni (come
ad esempio il C++, il Pascal ecc.), che vengono poi tradotti da un apposito software
(compilatore) in linguaggio macchina.

172) D. I linguaggi di programmazione di alto livello sono indipendenti dal tipo di


processore su cui si sta lavorando, in quanto vengono successivamente tradotti da un
software apposito chiamato compilatore (o interprete per alcuni linguaggi), che si
occupa di rendere eseguibile il programma nel linguaggio macchina adatto al tipo di
CPU. L’interprete, in particolare, si occupa di tradurre in tempo reale il codice di un
linguaggio cosiddetto «interpretato».

173) A. Tra i linguaggi di basso livello il più noto è l’Assembly, talvolta chiamato


anche Assembler, tanto complesso quanto potente, che dipende dalle caratteristiche
di fabbrica del processore, in quanto le istruzioni cambiano in base al produttore del
processore.

174) B. Javascript è un linguaggio interpretato di scripting sviluppato da Netscape


negli anni ’90. È molto utilizzato come supporto nel design delle pagine web e delle
web application, in genere per superare i limiti dell’Html, rendendo il contenuto
delle pagine web più dinamico.

www.edises.it
8 Parte Seconda Esercitazioni

175) B. Per evitare accessi indesiderati esistono diversi sistemi di protezione, alcuni


forniti direttamente dai software che si occupano della condivisione delle risorse in
rete, come le password, vere e proprie parole d’ordine che vengono richieste quan-
do si vuole accedere ad un determinato sistema. Esistono anche dei software o dei
componenti hardware, chiamati «firewall», che si occupano di filtrare le connessioni
in entrata e in uscita da una rete, secondo regole prestabilite dall’utente. In questo
modo si può rendere la vita difficile ad un eventuale hacker che tenti di accedere ad
un computer attraverso una rete.

RISPOSTE CORRETTE • Livello avanzato


176) A 207) D 238) B 269) B 300) B 331) C
177) B 208) C 239) A 270) B 301) B 332) B
178) D 209) A 240) A 271) C 302) A 333) A
179) C 210) B 241) C 272) D 303) C 334) A
180) D 211) B 242) B 273) A 304) B 335) D
181) A 212) A 243) D 274) B 305) D 336) C
182) C 213) D 244) C 275) A 306) A 337) B
183) C 214) B 245) A 276) D 307) D 338) D
184) B 215) C 246) D 277) B 308) B 339) C
185) D 216) B 247) B 278) D 309) C 340) A
186) A 217) B 248) A 279) A 310) C 341) A
187) C 218) D 249) B 280) B 311) B 342) C
188) B 219) A 250) C 281) C 312) B 343) B
189) D 220) A 251) A 282) B 313) D 344) B
190) B 221) C 252) C 283) A 314) C 345) B
191) C 222) B 253) A 284) C 315) A 346) D
192) A 223) C 254) D 285) C 316) C 347) D
193) B 224) A 255) A 286) D 317) C 348) A
194) D 225) B 256) B 287) A 318) B 349) B
195) B 226) C 257) D 288) B 319) B 350) C
196) A 227) D 258) A 289) C 320) A 351) A
197) D 228) D 259) B 290) A 321) B 352) A
198) C 229) B 260) C 291) C 322) A 353) D
199) C 230) C 261) B 292) B 323) D 354) B
200) B 231) D 262) C 293) D 324) B 355) B
201) A 232) B 263) D 294) A 325) D 356) C
202) B 233) A 264) B 295) C 326) A 357) C
203) C 234) B 265) A 296) C 327) A 358) C
204) A 235) D 266) A 297) A 328) C
205) C 236) B 267) D 298) B 329) B
206) B 237) C 268) B 299) D 330) C

www.edises.it

Potrebbero piacerti anche