Sei sulla pagina 1di 185

Software professionale in versione Windows

Claudio Ciavattini

IN PARETI PORTANTI
IN ZONA SISMICA
PROGETTO DEGLI INTERVENTI
DI RINFORZO E CONSOLIDAMENTO
* Progetto degli interventi locali
* Calcolo rigidezza e resistenza ultima di una parete
* Dimensionamento delle cerchiature dei vani
con telaio metallico
* Verifica agli SLU del telaio metallico e dei collegamenti
* Verifica agli SLU delle architravi metalliche
* Redazione della relazione tecnica e di calcolo

QUARTA EDIZIONE
Aggiornata alla Circolare 2 febbraio 2009, n. 617
Claudio Ciavattini
APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

ISBN 13 978-88-8207-415-9
EAN 9 788882 074159

Software, 54
Quarta edizione, gennaio 2011
Prima ristampa, aprile 2011

© GRAFILL S.r.l.
Via Principe di Palagonia, 87/91 – 90145 Palermo
Telefono 091/6823069 – Fax 091/6823313
Internet http://www.grafill.it – E-Mail grafill@grafill.it
Finito di stampare nel mese di aprile 2011
presso Officine Tipografiche Aiello & Provenzano S.r.l. Via del Cavaliere, 93 – 90011 Bagheria (PA)
Tutti i diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica e di riproduzione sono riservati. Nessuna parte di questa
pubblicazione può essere riprodotta in alcuna forma, compresi i microfilm e le copie fotostatiche, né memorizzata tramite
alcun mezzo, senza il permesso scritto dell’Editore. Ogni riproduzione non autorizzata sarà perseguita a norma di legge.
Nomi e marchi citati sono generalmente depositati o registrati dalle rispettive case produttrici.
 Software
SOMMARIO

1. INTRODUZIONE ................................................................................................................ p. 5
1.1. Aspetti normativi ........................................................................................................ ˝ 5
1.2. Percezione dell’indebolimento strutturale .................................................................... ˝ 7
1.3. Evoluzione della normativa.......................................................................................... ˝ 12

2. COMPORTAMENTO DI PARETI IN MURATURA .............................................................. ˝ 15


2.1. Calcolo della rigidezza................................................................................................ ˝ 15
2.1.1. Caso di parete con aperture ............................................................................ ˝ 17
2.2. Calcolo della resistenza ............................................................................................ ˝ 20
2.2.1. Fascia di piano................................................................................................ ˝ 22
2.2.2. Maschi murari ................................................................................................ ˝ 23
2.3. Identificazione del livello di conoscenza .................................................................... ˝ 28
2.3.1. La geometria .................................................................................................. ˝ 28
2.3.2. I dettagli costruttivi .......................................................................................... ˝ 29
2.3.3. Le proprietà dei materiali ................................................................................ ˝ 29
2.4. Livelli di conoscenza e caratteristiche dei materiali .................................................... ˝ 33
2.5. Comportamento dei maschi murari ............................................................................ ˝ 36
Esempio 1 ................................................................................................................ ˝ 38
Esempio 2 ................................................................................................................ ˝ 41

3. REALIZZAZIONE DI NUOVE APERTURE .......................................................................... ˝ 49


Esempio 3 ................................................................................................................ ˝ 50
3.1. Verifica della rigidezza ................................................................................................ ˝ 52
Esempio 4 ................................................................................................................ ˝ 53
3.1.1. Dimensionamento della cerchiatura metallica .................................................. ˝ 55
Esempio 5 ................................................................................................................ ˝ 57
3.2. Verifica della resistenza .............................................................................................. ˝ 59
Esempio 6 ................................................................................................................ ˝ 61
3.3. Posizione dell’apertura nella parete ............................................................................ ˝ 65
3.4. Rinforzo dei maschi murari con FRP .......................................................................... ˝ 68
Esempio 7 ................................................................................................................ ˝ 75
3.5. Rinforzo dei maschi murari con tecniche tradizionali .................................................. ˝ 77

4. VERIFICA DEL TELAIO METALLICO DI CERCHIATURA E DELL’ARCHITRAVE .............. ˝ 81


4.1. Classificazione delle sezioni ...................................................................................... ˝ 82

3 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

4.2. Verifica del telaio ...................................................................................................... p. 84


4.2.1. Verifica di resistenza agli SLU dei piedritti e del traverso ................................ ˝ 88
4.2.2. Verifica di deformabilità del traverso superiore (SLE) ...................................... ˝ 89
4.2.3. Verifica delle unioni e dei giunti...................................................................... ˝ 90
4.3. Verifica dell’architrave ................................................................................................ ˝ 98
4.3.1. Verifica di resistenza allo SLU – collasso per formazione di cerniera plastica .. ˝ 99
4.3.2. Verifica di deformabilità (SLE) ........................................................................ ˝ 101
4.3.3. Verifica della muratura per carichi concentrati ................................................ ˝ 101

5. ESEMPI APPLICATIVI ...................................................................................................... ˝ 105


5.1. Modifica delle aperture senza necessità di opere di rinforzo/consolidamento .............. ˝ 106
5.2. Modifica di aperture con inserimento di telaio metallico ............................................ ˝ 122

 APPENDICE LEGISLATIVA................................................................................................ ˝ 143


Decreto del Ministero delle Infrastrutture 14 gennaio 2008
Approvazione delle nuove norme tecniche per le costruzioni (stralcio) ................................ ˝ 145
Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti 14 settembre 2005
Norme tecniche per le costruzioni (stralcio) ........................................................................ ˝ 153
Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti 16 gennaio 1996
Norme tecniche per le costruzioni in zone sismiche (stralcio).............................................. ˝ 157
Circolare Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti 2 febbraio 2009, n. 617
Istruzioni per l’applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al Decreto
Ministeriale 14 gennaio 2008 (stralcio) .............................................................................. ˝ 165
Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri 20 marzo 2003, n. 3274
Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio
nazionale e di normative tecniche per le costruzioni in zona sismica.................................... ˝ 168

 GUIDA ALL’INSTALLAZIONE ED ALL’UTILIZZO DEL SOFTWARE .................................. ˝ 171


Contenuti del CD-ROM........................................................................................................ ˝ 171
Requisiti minimi hardware e software .................................................................................. ˝ 172
Procedura per la richiesta della password utente.................................................................. ˝ 172
Procedura per l’installazione del software .......................................................................... ˝ 172
Primo avvio e registrazione del software .............................................................................. ˝ 173
Guida all’utilizzo del software .............................................................................................. ˝ 174

 BIBLIOGRAFIA .................................................................................................................. ˝ 179

 LICENZA D’USO ................................................................................................................ ˝ 183

 SCHEDA DI REGISTRAZIONE .......................................................................................... ˝ 184

Software 4
 Software
Capitolo 1
Introduzione

1.1. Aspetti normativi


Gli interventi sugli edifici esistenti sono regolamentati dal punto 8 delle Norme Tecniche sulle
Costruzioni (d’ora in avanti NTC) emanate con decreto ministeriale 14 gennaio 2008 e dalla Cir-
colare n. 617/CSLLPP del 2 febbraio 2009 contenente le “Istruzioni per l’applicazione delle nuove
norme tecniche per le costruzioni” pubblicata sulla G.U.R.I. 26-02-2009, n. 47 – s.o..
Gli interventi vengono distinti in:
– interventi di adeguamento atti a conseguire i livelli di sicurezza previsti dalle norme;
– interventi di miglioramento atti ad aumentare la sicurezza strutturale esistente, pur senza
necessariamente raggiungere i livelli richiesti dalle norme;
– riparazioni o interventi locali che interessino elementi isolati, e che comunque comportino
un miglioramento delle condizioni di sicurezza preesistenti.

Tale classificazione era già presente nelle precedenti norme tecniche (decreto ministeriale 16
gennaio 1996, punto C9 – decreto ministeriale 14 settembre 2005, capitolo 9); tuttavia le defini-
zioni date per i sopraelencati interventi nelle varie norme tecniche che si sono succedute nel corso
degli anni non sono esattamente corrispondenti fra di loro.

Intervento di adeguamento
Costituisce obbligo di procedere alla valutazione della sicurezza e, qualora necessario, all’a-
deguamento della costruzione, quando si prevede di:
a) sopraelevare la costruzione;
b) ampliare la costruzione mediante opere strutturalmente connesse alla costruzione;
c) apportare variazioni di classe e/o di destinazione d’uso che comportino incrementi dei
carichi globali in fondazione superiori al 10%; resta comunque fermo l’obbligo di proce-
dere alla verifica locale delle singole parti e/o elementi della struttura, anche se interes-
sano porzioni limitate della costruzione;
d) effettuare interventi strutturali volti a trasformare la costruzione mediante un insieme siste-
matico di opere che portino ad un organismo edilizio diverso dal precedente.

Intervento di miglioramento
Rientrano negli interventi di miglioramento tutti gli interventi che siano comunque finalizzati
ad accrescere la capacità di resistenza delle strutture esistenti alle azioni considerate.
È possibile eseguire interventi di miglioramento nei casi in cui non ricorrano le condizioni che
rendono obbligatorio l’intervento di adeguamento.
Il progetto e la valutazione della sicurezza dovranno essere estesi a tutte le parti della strut-
tura potenzialmente interessate da modifiche di comportamento, nonché alla struttura nel suo
insieme.

5 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Riparazione o intervento locale


In generale, gli interventi di questo tipo riguarderanno singole parti e/o elementi della strut-
tura e interesseranno porzioni limitate della costruzione. Il progetto e la valutazione della sicu-
rezza potranno essere riferiti alle sole parti e/o elementi interessati e documentare che, rispetto
alla configurazione precedente al danno, al degrado o alla variante, non siano prodotte sostan-
ziali modifiche al comportamento delle altre parti della struttura nel suo insieme e che gli inter-
venti comportino un miglioramento delle condizioni di sicurezza preesistenti.
Il progetto di interventi su edifici esistenti dovrà comunque, di norma, comprendere le se-
guenti attività:
1. Rilievo plano-altimetrico della costruzione;
2. Rilievo strutturale, comprese le strutture di fondazione;
3. Rilievo dello stato fessurativo e/o distorsivo della struttura;
4. Analisi dell’evoluzione storica-costruttiva della costruzione;
5. Studio geologico e analisi geotecnica, ove necessario;
6. Indagine sismica del sito, ove necessario;
7. Indagini sui terreni sulle strutture di fondazione, ove necessario;
8. Indagini sui materiali e valutazione dello stato di conservazione e di resistenza residua,
da definire con prove sperimentali;
9. Rilievo dei dissesti, cause, entità;
10. Valutazione delle condizioni di sicurezza della struttura nello stato ante-intervento;
11. Relazione motivata dell’intervento di miglioramento previsto;
12. Verifica della sicurezza della struttura consolidata nello stato di post-intervento e nel
corso delle fasi esecutive; giudizio di incremento della sicurezza.

Nelle analisi e verifiche strutturali si dovranno prevedere adeguati “fattori di confidenza” che
modificano i parametri meccanici in funzione dei “livelli di conoscenza” raggiunti nella fase di
indagine pre-progettuale in riferimento a: indagine storica; rilievi geometrici; dettagli costruttivi;
caratterizzazione dei materiali (si veda punto 2.3).
La tipologia d’intervento da prendere in considerazione nel caso dell’apertura di nuovi vani in
pareti portanti (o la modifica di quelli esistenti) è certamente quella della “riparazione o interven-
to locale”.
Questo è confermato anche dalla Circolare n. 617/CSLLPP del 2 febbraio 2009 contenente le
"Istruzioni per l’applicazione delle nuove norme tecniche per le costruzioni" dove al punto C8.4.3
recita: “Infine, interventi di variazione della configurazione di un elemento strutturale, attraver-
so la sua sostituzione o un rafforzamento localizzato (ad esempio l’apertura di un vano in una
parete muraria, accompagnata da opportuni rinforzi) possono rientrare in questa categoria (ripa-
razione o intervento locale) solo a condizione che si dimostri che la rigidezza dell’elemento varia-
to non cambi significativamente e che la resistenza e la capacità di deformazione, anche in campo
plastico, non peggiorino ai fini del comportamento rispetto alle azioni orizzontali”.
Tuttavia, in funzione dell’entità dell’intervento, potrà essere considerato, l’intervento di
“miglioramento sismico” o addirittura (per casi particolari) quello di “adeguamento sismico”.
A maggior ragione si considera l’intervento di miglioramento nel caso in cui l’edificio faccia par-
te del patrimonio culturale vincolato ai sensi del Codice dei Beni Culturali (D.L. n. 42/2004) dove
all’articolo 29 si legge: “… nel caso di beni immobili situati nelle zone dichiarate a rischio sismico
in base alla normativa vigente, il restauro comprende l’intervento di miglioramento strutturale”.

Software 6
1. Introduzione  Software
1.2. Percezione dell’indebolimento strutturale
In sostanza, intervenendo su parti limitate di strutture murarie, non si modifica il comporta-
mento d’insieme della fabbrica a meno che, per una sfortunata e/o sconsiderata sommatoria di
interventi parziali non coordinati si danneggi fortemente la struttura muraria privandola dei requi-
siti essenziali ad assolvere la funzione statica e sismoresistente. Infatti, spesso nelle ristrutturazio-
ni di singoli appartamenti, non si tiene conto delle modificazioni complessive che l’edificio
subisce a causa dei singoli interventi realizzati dai vari proprietari.
Per esemplificare meglio tale concetto si riporta l’esempio seguente.
Si tratta di un edificio in muratura composto da piano terra, piano primo e piano secondo con
tre committenti diversi (uno per piano) che decidono, in tempi successivi, di intraprendere lavori
di ristrutturazione interna prevedendo modifiche nelle aperture nei muri portanti.
Si ipotizza di individuare tre fasi distinte, nel corso delle quali si compiono i lavori ai vari
appartamenti:
– Fase 1: al tempo t1 vengono realizzati i lavori di ristrutturazione dell’appartamento posto al
piano terra;
– Fase 2: al tempo t2 vengono realizzati i lavori di ristrutturazione dell’appartamento posto al
piano secondo;
– Fase 3: al tempo t3 vengono realizzati i lavori di ristrutturazione dell’appartamento posto al
piano primo.

L’edificio in oggetto è rappresentato, in sezione, nella figura 1.1 che di seguito si riporta.

Fig. 1.1 Fig. 1.2

Per ciascuna fase sono state calcolate, ai vari piani, le aree resistenti della parete considerata,
tenendo conto che, quelle sismoresistenti devono avere continuità fino al suolo.
È possibile individuare una Fase 0 corrispondente allo stato iniziale dell’edificio, ossia la sua
conformazione strutturale originaria, al momento della sua progettazione.
Le porzioni di muratura tratteggiate (fig. 1.2) indicano i maschi murari sismoresistenti, ossia
quelli che hanno continuità strutturale fino alle fondazioni.
Supponendo uno spessore dei muri pari a 30 cm si ha che l’area resistente ad ogni piano equi-
vale a 2,7 m2 come meglio si evince dalla seguente tabella.

7 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Fase 0
Lunghezze maschi murari (m)
p. terra, 0,87 2,63 3 0,87 1,63
primo, L tot (m) 9
secondo Spess (m) 0,3
Area (m2) 2,7

Fase 1
Sono stati eseguiti lavori di ristrutturazione del piano terra, che hanno portato alla realizzazio-
ne di una nuova apertura nella maglia centrale e lo spostamento verso destra dell’apertura già pre-
sente nella maglia di sinistra (fig. 1.3). Il nuovo assetto strutturale pertanto risulta essere variato.
Di seguito si riportano le aree resistenti ad ogni piano e la riduzione percentuale di queste
rispetto allo stato originario.
P. T.: A = 2,44 m2 riduzione del 10%
P. 1.: A = 2,08 m2 riduzione del 23%
P. 2.: A = 2,08 m2 riduzione del 23%

Fig. 1.3

Si riassumono di seguito, le caratteristiche geometriche della muratura sismoresistente, per


ogni piano, relativamente alla fase considerata.

Fase 1
Lunghezze maschi murari (m)
0,87 1,45 0,87 1,23 0,87 1,63
p. secondo L tot (m) 6,92
Spess (m) 0,3 Area/Area iniziale Riduzione di area %
Area (m2) 2,08 0,77 23
Lunghezze maschi murari (m)
0,87 1,45 0,87 1,23 0,87 1,63
p. primo L tot (m) 6,92
Spess (m) 0,3 Area/Area iniziale Riduzione di area %
Area (m2) 2,8 0,77 23

Software 8
1. Introduzione  Software
Lunghezze maschi murari (m)
2,07 1,45 0,87 1,23 0,87 1,63
p. terra L tot (m) 8,12
Spess (m) 0,3 Area/Area iniziale Riduzione di area %
Area (m2) 2,44 0,9 10

Fase 2
Sono stati eseguiti lavori di ristrutturazione del secondo e ultimo piano, che hanno portato alla
spostamento verso destra dell’apertura già presente nella maglia di sinistra e all’ampliamento e
spostamento della porta nella maglia di destra (fig. 1.4). Il nuovo assetto strutturale pertanto risul-
ta essere variato.
Di seguito si riportano le aree resistenti ad ogni piano e la riduzione percentuale di queste
rispetto allo stato originario.
P. T.: A = 2,44 m2 riduzione del 10%
P. 1.: A = 2,08 m2 riduzione del 23%
P. 2.: A = 1,48 m2 riduzione del 45%

Fig. 1.4

Si riassumono di seguito, le caratteristiche geometriche della muratura sismoresistente, per


ogni piano, relativamente alla fase considerata.

Fase 2
Lunghezze maschi murari (m)
0,87 0,55 0,87 1,23 0,87 1,63
p. secondo L tot (m) 4,92
Spess (m) 0,3 Area/Area iniziale Riduzione di area %
Area (m2) 1,48 0,55 45
Lunghezze maschi murari (m)
2,07 1,45 0,87 1,23 0,87 1,63
p. primo L tot (m) 6,92
Spess (m) 0,3 Area/Area iniziale Riduzione di area %
Area (m2) 2,08 0,77 23

9 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Lunghezze maschi murari (m)


2,07 1,45 0,87 1,23 0,87 1,63
p. terra L tot (m) 8,12
Spess (m) 0,3 Area/Area iniziale Riduzione di area %
Area (m2) 2,44 0,9 10

Fase 3
Sono stati eseguiti lavori di ristrutturazione al piano primo, consistenti nell’ampliamento
delle porte nelle maglie di sinistra e destra, e la realizzazione di una nuova porta nella maglia cen-
trale (fig. 1.5).
Il nuovo assetto strutturale pertanto risulta essere ulteriormente variato.
Di seguito si riportano le aree resistenti ad ogni piano e la riduzione percentuale di queste
rispetto allo stato originario.
P. T.: A = 2,44 m2 riduzione del 10%
P. 1.: A = 1,57 m2 riduzione del 42%
P. 2.: A = 0,97 m2 riduzione del 64%

Fig. 1.5

Si riassumono di seguito, le caratteristiche geometriche della muratura sismoresistente, per


ogni piano, relativamente alla fase considerata.

Fase 3
Lunghezze maschi murari (m)
0,47 0,55 0,87 0,35 0,47 0,53
p. secondo L tot (m) 3,24
Spess (m) 0,3 Area/Area iniziale Riduzione di area %
Area (m2) 0,97 0,36 64
Lunghezze maschi murari (m)
0,47 1,45 0,87 0,35 0,47 1,63
p. primo L tot (m) 5,24
Spess (m) 0,3 Area/Area iniziale Riduzione di area %
Area (m2) 1,57 0,58 42

Software 10
1. Introduzione  Software
Lunghezze maschi murari (m)
2,07 1,45 0,87 1,23 0,87 1,63
p. terra L tot (m) 8,12
Spess (m) 0,3 Area/Area iniziale Riduzione di area %
Area (m2) 2,44 0,9 10

Come si evince da questo semplice esempio, la sommatoria di interventi parziali, porta ad un


notevole indebolimento del piano secondo che vede la superficie resistente diventare il 36% di
quella iniziale al tempo t0, quindi una riduzione di capacità sismoresistente di circa 2/3 (senza inol-
tre tener conto dell’ulteriore indebolimento per effetto della creazione di maschi murari eccessi-
vamente snelli, che non rispettano il canonico rapporto 1:3 tra base ed altezza).
Intervenendo però singolarmente ai vari piani, in maniera non coordinata ed in epoche diver-
se, si corre il rischio di fare poi valutazioni errate circa l’indebolimento che si va a creare a quel
piano, per effetto delle modifiche alle aperture.
Risulta dall’esempio che l’indebolimento percepito ad ogni singolo piano per effetto dei lavo-
ri a quel piano, è sottostimato rispetto all’indebolimento effettivo, che dipende anche dalle modi-
ficazioni intervenute per effetto dei lavori eseguiti negli altri piani.
Infatti, prendendo a riferimento il piano secondo, la percezione dell’indebolimento che ci si
appresta a conferire all’intera parete, valutato senza considerare che già al piano terra sono state
variate le geometrie delle pareti e delle aperture, risulta essere minimo, ossia una riduzione del-
l’area resistente dei maschi murari pari al 6% (fig. 1.6) rispetto a quella originaria, mentre in effet-
ti, considerando che al piano terra sono già variate le condizioni rispetto allo stato originario, la
riduzione dell’area resistente risulta essere del 45% rispetto a quella originaria (fase 2 – fig. 1.4).

Fig. 1.6
(percezione dell’indebolimento al piano secondo)

Percezione piano secondo


Lunghezze maschi murari (m)
2,95 0,55 3 1,47 0,53
p. secondo L tot (m) 8,5
Spess (m) 0,3 Area/Area iniziale Riduzione di area %
Area (m2) 2,55 0,94 6

11 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Valutare l’indebolimento della parete senza preoccuparsi di analizzare l’intero edificio porta
quindi a risultati notevolmente sottostimati.
Questo inconveniente potrebbe essere eliminato adottando, per ciascun fabbricato, l’ormai
noto “fascicolo del fabbricato” visto che una grossa percentuale di edifici nei quali viviamo è
costituita da strutture portanti in muratura e che sempre più spesso si intraprendono lavori di
ristrutturazione interna per adeguare l’immobile alle esigenze di ciascuna famiglia, spesso senza
considerare le modificazioni complessive che subisce la struttura del fabbricato.
Il fascicolo consentirebbe quindi di:
1. registrare le modificazioni che si susseguono nel tempo;
2. stabilire la fattibilità degli interventi in tempi successivi;
3. certificare in ogni momento lo stato strutturale.

1.3. Evoluzione della normativa


In materia di riparazione e rinforzo strutturale degli edifici, le prime norme che definivano in
maniera puntuale i modi di valutazione delle resistenze e delle rigidezze delle pareti, si ebbero nel
1980 con il DT2 (Documento Tecnico n. 2) emanato dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giu-
lia per dar seguito alla legge regionale 20 giugno 1977, n. 30.
Il DT2, dal titolo “Raccomandazioni per la riparazione strutturale degli edifici in muratura”
prevedeva, per la verifica sismica dell’edificio, il metodo di calcolo denominato P.O.R.
La circolare del Ministero dei lavori pubblici 30 luglio 1981, n. 21745 dal titolo “Istruzioni rela-
tive alla normativa tecnica per la riparazione ed il rafforzamento degli edifici in muratura danneg-
giati dal sisma” ha ripreso le indicazioni del DT2 ed è stata, per oltre un ventennio, il principale
riferimento normativo per tutti gli interventi di rinforzo e consolidamento degli edifici in muratura.
Nella circolare venivano suggeriti (tab. 1.1), in assenza di validi dati sperimentali, i valori mas-
simi di resistenza a taglio e compressione per le varie murature da adottare nelle verifiche sismiche.

Tab. 1.1
τκ σκ
TIPO DI MURATURA
(t/m2) (t/m2)
Mattoni pieni 12 300
Malta bastarda
Blocco modulare (con caratteristiche rispondenti alle prescrizio-
ni decreto ministeriale 3 marzo 1975)
(29 x 19 x 19 cm) 8 250
Malta bastarda
MURATURE Blocco in argilla espanza o calcestruzzo
18 300
NON CONSOLIDATE Malta bastarda
NON LESIONATE
Muratura in pietra (in presenza di ricorsi di mattoni estesi a tutto
lo spessore del muro, il valore rappresentativo di tκ può essere
incrementato del 30%)
2 50
a) pietrame in cattive condizioni
7 200
b) pietrame grossolanamente squadrato e ben organizzato
4 150
c) a sacco in buone condizioni
Blocchi di tufo di buona qualità 10 250

Software 12
1. Introduzione  Software
τκ σκ
TIPO DI MURATURA
(t/m2) (t/m2)
Mattoni «pieni» con fori circolari
Malta cementizia 20 500
Rm’ ≥ 1450 t/m2
MURATURE NUOVE
Forati doppio UNI rapp. vuoto/pieno = 40%
Malta cementizia 24 500
Rm ≥ 1450 t/m2
Mattoni pieni, pietrame squadrato, consolidate con 2 lastre di cal-
cestruzzo armato da cm 3 (minimo) 18 500
MURATURE
CONSOLIDATE Pietrame iniettato 11 500
Murature di pietra a secco consolidate con due lastre in cis arma-
to da cm 3 (minimo) 11 300

Per il calcolo della resistenza a taglio della parete si proponeva il criterio di resistenza di
Tursek e Cacovic. Veniva considerata essenzialmente, per il pannello in muratura, la crisi a
taglio per trazione.
Successivamente il quadro normativo viene completato con l’emanazione delle Norme Tecni-
che sulle Costruzioni di cui al decreto ministeriale 14 settembre 2005, che fanno riferimento, quale
referenza tecnica essenziale, alla O.P.C.M. n. 3274/2003 successivamente aggiornata dalla
O.P.C.M. n. 3431/2005.
L’O.P.C.M. n. 3274, all’allegato 11.E. tratta in particolare dei criteri per il consolidamento
degli edifici in muratura. Viene posta l’attenzione sull’esecuzione di interventi su porzioni limita-
te di struttura, che devono essere opportunamente valutati in termini di rigidezza e di resistenza.
Si impone quindi una valutazione analitica che dimostri, nel caso del miglioramento sismi-
co, un aumento del coefficiente di sicurezza, in particolare nei confronti delle azioni orizzonta-
li; ciò non si ottiene sempre perseguendo il fine del massimo rinforzo. Infatti, un eccessivo au-
mento della rigidezza di alcune pareti rispetto ad altre (ad esempio per effetto di rinforzo me-
diante lastre di placcaggio in c.a.), può provocare, in maniera sostanziale, una variazione del
comportamento globale del piano e quindi dell’edificio, con conseguente nascita di azioni im-
previste (ad esempio effetti torcenti a causa dell’allontanamento del baricentro delle masse da
quello delle rigidezze).
Si arriva infine all’aggiornamento delle norme del 2005 attraverso il decreto ministeriale 14
gennaio 2008 e la successiva Circolare n. 617/CSLLPP del 2 febbraio 2009 contenente le “Istru-
zioni per l’applicazione delle nuove norme tecniche per le costruzioni” pubblicata sulla G.U.R.I.
26-02-2009, n. 47 – s.o..

13 Software
 Software
Capitolo 2
Comportamento di pareti in muratura

2.1. Calcolo della rigidezza


Una parete in muratura senza aperture, può essere analizzata considerando il pannello
(maschio murario) vincolato con incastro fisso alla base e incastro scorrevole in sommità, dove
agisce la forza di taglio F (comportamento alla “Grinter”):

Fig. 2.1

La parete può dunque assimilarsi ad un’asta verticale incastrata ai due estremi.

Fig. 2.2

15 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Per effetto della forza F, l’estremo superiore subisce uno spostamento δ, somma di due contri-
buti, quello dovuto alla flessione δF e quello dovuto al taglio δT:

contributo flessionale: da cui

contributo tagliante: da cui

Lo spostamento totale sarà dato da:

da cui: (2.1.1)

indicando con K la rigidezza (forza necessaria per ottenere lo spostamento unitario) si ha:
K = F/δ
e quindi si determina la formula per il calcolo della rigidezza di una parete soggetta ad azione
tagliante orizzontale in sommità, nell’ipotesi di traversi rigidi a flessione (shear type). In questo
caso il contributo tagliante non è trascurabile, specie quando siamo in presenza di pareti tozze:

(2.1.2)

dove:
δ = spostamento;
h = altezza del maschio murario;
l = lunghezza del maschio murario;
A = area della sezione orizzontale del maschio murario;
J = momento d’inerzia della sezione;
E = modulo di elasticità normale;
G = modulo di elasticità tangenziale (tab. 2.1);
χ = fattore di taglio.

Tenuto conto che, per pareti a sezione rettangolare, risulta:

Software 16
2. Comportamento di pareti in muratura  Software

sostituendo si ottiene:

(2.1.3)

da cui:

GAEl 2
K (2.1.4)
((h 3 ) G 1, 2 hEl 2 )

Nel caso in cui le strutture orizzontali di piano (fasce di piano) non siano in grado di impedire
le rotazioni flessionali alle estremità delle pareti, quest’ultime avranno un comportamento a men-
sola incastrata alla base, comportamento sicuramente più gravoso rispetto a quello tipo shear type.
In questo caso la rigidezza, tenendo sempre conto del contributo tagliante, diventa:

(2.1.5)

2.1.1. Caso di parete con aperture


In questo caso occorre valutare attentamente la geometria della parete per individuare corret-
tamente i maschi murari da considerare nel calcolo della rigidezza. In pratica i pannelli di mura-
tura compresi tra le aperture contigue vengono a costituire i ritti della struttura (maschi murari),
che sarà poi completata dai traversi orizzontali (fasce di piano), supposti al solito infinitamente
rigidi (comportamento tipo shear type).
Nel caso di pareti portanti interne (fig. 2.3), le aperture sono normalmente costituite dalle porte
cosicché l’altezza dei maschi murari adiacenti coincide con quella della porta (da pavimento ad
architrave).

17 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Fig. 2.3

L’ipotesi di traverso infinitamente rigido consente di affermare che ciascun maschio murario
subisce il medesimo spostamento δ, corrispondente quindi a quello di piano.
I due maschi murari possono essere assimilati a due molle in parallelo, di costanti elastiche
rispettivamente K1 e K2. La rigidezza totale della parete sarà data da:

K = K1 + K2

Nel caso di pareti esterne (di facciata) occorre distinguere tra aperture costituite da vani porta
(balconi) e da vani finestra. Per queste ultime poi, occorre valutare la geometria del parapetto,
ossia se il parapetto ha lo stesso spessore della fascia oppure se, come spesso accade, ha uno spes-
sore ridotto (ad esempio per far posto ad un radiatore).
Nel primo caso, cioè con parapetto di spessore e tipologia di apparecchiatura muraria uguale a
quella della fascia di piano, l’altezza del maschio murario sarà uguale a quella della finestra adia-

Software 18
2. Comportamento di pareti in muratura  Software
cente ossia quella compresa tra l’architrave del vano e l’estradosso della fascia sottostante (fig. 2.4
– caso di parete con porta/balcone e finestre).

Fig. 2.4

Nel caso invece che il parapetto presenti una sensibile riduzione di spessore tale da far deca-
dere l’ipotesi di fascia di piano rigida, allora l’altezza del maschio murario dovrà considerarsi este-
sa fino al pavimento (fig. 2.5), considerando quindi il parapetto come una struttura portata, senza
funzioni statiche.

19 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Fig. 2.5

In ogni caso la rigidezza della parete sarà data da:

Ktot = K1 + K2 + K3 = ΣΚi (2.1.1.1)

2.2. Calcolo della resistenza


Il calcolo della resistenza alle azioni orizzontali di una parete, passa attraverso la discretizza-
zione della stessa in maschi murari e fascia di piano (come visto per la rigidezza) e conseguente
calcolo della resistenza di ciascun maschio murario.
Le ipotesi che di solito vengono formulate sono:
1. il comportamento della parete nel suo insieme sia quello “shear type” ossia a telaio con ritti
costituiti dai maschi murari e traversi infinitamente rigidi costituiti dalle fasce orizzontali
d’interpiano;
2. la rottura dei maschi murari avvenga a taglio e nella loro resistenza possano trascurarsi le
aliquote di sforzo normale indotte dalle forze orizzontali (per effetto del comportamento a
telaio).
La seconda ipotesi può considerarsi verificata quando si è in presenza di maschi murari toz-
zi, ossia con rapporto h/l tra altezza e lunghezza non troppo elevato (minore di 1,5); in queste
condizioni infatti la rottura per taglio da trazione precede quella per pressoflessione (tipica dei

Software 20
2. Comportamento di pareti in muratura  Software
pannelli snelli) ed è possibile trascurare la variazione di sforzo normale nel maschio murario per
effetto delle azioni orizzontali applicate (in aggiunta a quelle di compressione provocate dai ca-
richi verticali).
La prima ipotesi può essere verificata controllando la resistenza delle fasce di piano, che devo-
no avere una resistenza maggiore di quella dei maschi murari per poter garantire il trasferimento
dei carichi dall’impalcato ai maschi murari stessi.
Questa verifica può essere condotta, in maniera semplificata, calcolando le sollecitazioni di
taglio e flessione sul telaio ideale considerato (fig. 2.6) e controllando che tali sollecitazioni siano
inferiori alle resistenze di progetto.
Per la resistenza a taglio Vt della fascia di piano, in presenza di un cordolo di piano o di un’ar-
chitrave resistente a flessione, si ha:

Vt = h1 · t · fvd0

dove:
h1 e t sono rispettivamente l’altezza e lo spessore della fascia;
fvd0 = fvk0/γM è la resistenza di calcolo a taglio in assenza di compressione.

Per quanto riguarda la resistenza a flessione Mu della fascia di piano, sempre in presenza di ele-
menti orizzontali resistenti a trazione in grado di equilibrare la compressione orizzontale nella
fascia di piano si ha:

– lc · t · 0,85 · fhd = N → lc = N / (t · 0,85 · fhd)

– lc = h1 – 2 · e → e = (h1 – lc)/2

– Mu = N · e = N · (h1 – lc)/2 = N/2 · [h1 – N/(t · 0,85 · fhd)]

Di conseguenza:
Mu = N · h1 / 2 · [1 – N / (t · h1 · 0,85 · fhd)]

dove:

21 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

N = minimo valore tra la resistenza a trazione dell’elemento teso orizzontale (cordolo, catena, ar-
chitrave) ed il valore 0,4 · fhd · h1 · t;
fhd = fhk/γM è la resistenza di calcolo a compressione della muratura in direzione orizzontale (nel
piano della parete).

La resistenza a taglio della fascia di piano, associata al meccanismo di rottura per pressofles-
sione si può calcolare con:

Vpf = 2 · Mu / ai

dove ai e h1 sono rispettivamente lunghezza e altezza della fascia di piano.


Pertanto occorrerà verificare che:

Ti ≤ Vt = h1 · t · fvd0

Mi ≤ Mu = N · h / 2 · [1 – N / (0,85 · fhd · h1 · t)]

Fig. 2.6

2.2.1. Fascia di piano


Le sollecitazioni nella fascia possono essere calcolate considerando il telaio ideale tracciato
lungo gli assi baricentrici dei maschi murari (ritti) e della fascia di piano (traverso). Ogni pannel-
lo di fascia è delimitato da due ritti: uno a destra e uno a sinistra.
Ogni ritto trasmette alla fascia (attraverso il pannello di nodo) un momento flettente pari a:

M = V · (h + h1/2)/2

dove V è il taglio che compete al ritto considerato.

Imponendo l’equilibrio alla rotazione del generico pannello di fascia, si ricava la sollecitazio-
ne di taglio Ti come rapporto tra la somma dei momenti di estremità trasmessi dai due ritti conse-
cutivi (momento a destra MD e momento a sinistra MS) e la lunghezza del traverso:

Software 22
2. Comportamento di pareti in muratura  Software
Ti = (αD · MD + αS · MS) / (ai + lD/2 + lS/2)

dove:
il coefficiente α assume il valore di 0,5 per i ritti di estremità, 1 per i ritti intermedi;
lD e lS sono le lunghezza dei maschi murari a destra e a sinistra.

Il momento Mi nel generico pannello di fascia si calcola con:

Mi = Ti · ai/2

Spesso la verifica della resistenza della fascia viene trascurata; ciò può essere lecito se la fascia
ha una sufficiente consistenza oppure se è rinforzata per la presenza di un cordolo di c.a. o per la
presenza di catene o ancora se si prevede di consolidarla e rinforzarla con adeguati interventi.
Inoltre, come si vedrà più avanti, ciò che a noi interessa è una valutazione comparativa della
resistenza, non tanto quindi in termini assoluti quanto invece in termini di differenza tra la resi-
stenza della parete prima e dopo dell’intervento di modifica di aperture o di realizzazione di
nuove. In sostanza la valutazione differenziale della resistenza della parete fa si che la resistenza
della fascia si annulli, a meno che non si modifichi in modo essenziale la geometria e la meccani-
ca della parete.

2.2.2. Maschi murari


I meccanismi di crisi per pannelli di muratura presi in considerazione dalla ordinanza del Pre-
sidente del Consiglio dei Ministri 20 marzo 2003, n. 3274 sono essenzialmente riconducibili a:
– crisi per pressoflessione;
– crisi per taglio da scorrimento;
– crisi per taglio da trazione.
Per edifici esistenti, l’ordinanza richiede la verifica a taglio per trazione (caratterizzato dalle
tipiche lesioni a 45° nel pannello murario dovute al raggiungimento del limite di resistenza a tra-
zione), in quanto meglio rappresenta il reale comportamento di edifici “datati” caratterizzati da
una muratura più incerta, spesso priva di letti orizzontali di malta estesi per tutta la lunghezza del
pannello (sui quali possa innescarsi invece il meccanismo di rottura a taglio per scorrimento) e di
solito non snelle (dove possono innescarsi invece meccanismi di rottura per pressoflessione).
Un’altra semplificazione concessa per gli edifici esistenti (punto 11.5.8.1.), prevede, per il cal-
colo della resistenza a taglio per azioni nel piano del pannello in muratura, di non considerare la
parzializzazione della sezione (come per i nuovi edifici) ma di considerare reagente l’intera sezio-
ne geometrica del pannello, pervenendo quindi alla seguente formula, riportata anche al punto
C8.7.1.5 della Circolare 617/CSLLPP del 2 febbraio 2009:

= (2.2.1)

dove:
l è la lunghezza del pannello;
t è lo spessore del pannello;

23 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

σ0 è la tensione normale media, riferita all’area totale della sezione (σ0 = P/lt, con P forza assia-
le agente positiva se di compressione);
ftd resistenza di calcolo a trazione per fessurazione diagonale della muratura ftd = 1,5τ0d;
τ0d resistenza a taglio di riferimento della muratura (ft = 1.5 τ0); nel caso in cui tale parametro
sia desunto da prove di compressione diagonale, la resistenza a trazione per fessurazione dia-
gonale ft si assume pari al carico diagonale di rottura diviso per due volte la sezione media
del pannello sperimentato valutata come t(l+h)/2, con t, l e h rispettivamente spessore, base,
altezza del pannello.
b è un coefficiente correttivo legato alla distribuzione delle tensioni tangenziali sulla sezione,
dipendente dalla snellezza della parete. Si può assumere b = h/l, comunque non superiore a
1,5 e non inferiore a 1, dove h è l’altezza del pannello.

1,5

1 1,5
h/l

La formula (2.2.1) risulta leggermente diversa da quella classica riportata in letteratura da auto-
revoli testi ad esempio in [1] dove si trova ftd = b · τod per il fatto che, nella normativa è stato posto
ftd = 1,5 · τod ossia è stato univocamente determinato il coefficiente “b” pari a 1,5 corrispondente
a quello valido per pannelli snelli.
La conseguenza è che per pannelli tozzi (b = 1) la resistenza al taglio (da normativa) è mag-
giorata di circa il 25% rispetto a quella derivante con l’applicazione della formula classica.
Per pannelli snelli (b = 1,5) si ritrova, per la 2.2.1, la formula di Cacovic (1977).

Nel caso di pannelli snelli, la rottura a pressoflessione potrebbe precedere quella per taglio da
fessurazione diagonale (taglio per trazione).
Per valutare l’entità del taglio che produce la rottura per pressoflessione, in analogia a quanto
già visto per la fascia di piano, si ha:

lc · t · 0,85 · fd = N → lc = N / (t · 0,85 · fd)

lc = l – 2 · e → e = (l – lc) / 2

Mu = Rc · e = N · (l – lc) / 2 = N / 2 · [l – N / (t · 0,85 · fd)]

Software 24
2. Comportamento di pareti in muratura  Software
ponendo:
σ0 = N / (l · t) = tensione media verticale

e quindi:
N = σ0 · l · t

si ha:
Mu = σ0 · l · t / 2 · [l – (σ0 · l · t) / (t · 0,85 · fd)]

che può essere scritto:


Mu = σ0 · l2 · t / 2 · [1 – σ0 / (0,85 · fd)]

dove fd è la resistenza a compressione di calcolo della muratura che potrà essere assunta pari al
valore medio tra quelli riportati in tabella 2.1 diviso il fattore di confidenza.

Pertanto, l’azione tagliante che produce la rottura per pressoflessione, è:

Vpf = 2 · Mu/h

Quindi la resistenza al taglio ultima del maschio murario potrà essere assunta quale valore
minimo tra il taglio che produce rottura per fessurazione diagonale e quello che produce rottura
per pressoflessione:

Vu = min (Vt ; Vpf)

I parametri meccanici della muratura da inserire nella formula (2.2.1) per il calcolo della resi-
stenza al taglio, si deducono tabella C8A.2.1 della Circolare 617/CSLLPP del 2 febbraio 2009 (che
ha modificato la precedente tabella 11.D.1. dell’ordinanza n. 3274) di seguito riportata, dove:

25 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

fm = resistenza media a compressione della muratura;


τ0 = resistenza media a taglio della muratura;
E = valore medio del modulo di elasticità normale;
G = valore medio del modulo di elasticità tangenziale;
w = peso specifico medio della muratura.

fm τ0 E G
(N/cm2) (N/cm2) (N/mm2) (N/mm2) W
Tipologia di muratura
(kN/m3)
min-max min-max min-max min-max
Muratura in pietrame disordinata (ciottoli, pietre 100 2,0 690 230
19
erratiche e irregolari) 180 3,2 1050 350
Muratura a cocci sbozzati, con paramento di 200 3,5 1020 340
20
limitato spessore e nucleo interno 300 5,1 1440 480
260 5,6 1500 500
Muratura in pietre a spacco con buona tessitura 21
380 7,4 1980 660
Muratura a conci di pietra tenera (tufo, calcare- 140 2,8 900 300
16
nite, ecc.) 240 4,2 1260 420
600 9,0 2400 780
Muratura a blocchi lapidei squadrati 22
800 12,0 3200 940
240 6,0 1200 400
Muratura in mattoni pieni e malta di calce 18
400 9,2 1800 600
Muratura in mattoni semipieni con malta cemen- 500 24 3500 875
15
tizia (es.: doppio UNI foratura ≤ 40%) 800 32 5600 1400
Muratura in blocchi laterizi semipieni (perc. 400 30,0 3600 1080
12
foratura < 45%) 600 40,0 5400 1620
Muratura in blocchi laterizi semipieni con giunti 300 10,0 2700 810
11
verticali a secco (perc. foratura < 45%) 400 13,0 3600 1080
Muratura in blocchi di calcestruzzo o argilla 150 9,5 1200 300
12
espansa (perc. foratura tra 45% e 65%) 200 12,5 1600 400
Muratura in blocchi di calcestruzzo semipieni 300 18,0 2400 600
14
(foratura < 45%) 440 24,0 3520 880

Tab. 2.1

I valori dei parametri meccanici da utilizzare nei calcoli dipendono dal livello di conoscenza
acquisito sull’edificio.
Il livello di conoscenza (LC) viene definito in base al grado di approfondimento delle cono-
scenze possedute sull’edificio, relativamente all’aspetto geometrico-morfologico, a quello storico
e a quello meccanico-fisico. In particolare per gli aspetti meccanici e per quelli riguardanti le pro-
prietà dei materiali si può far uso di prove in sito quale quella con martinetto piatto doppio e prove
di caratterizzazione delle malte (punto 2.3).
Per calcolare la tensione media verticale σ0 agente sul piano medio orizzontale del maschio
murario, occorre eseguire un’analisi dei carichi sovrastanti la parete da verificare, considerando

Software 26
2. Comportamento di pareti in muratura  Software
sia i solai che si appoggiano sulla parete (fino a quello di copertura) sia il peso della parete stessa
(sempre fino alla copertura).
Ai fini della scelta della combinazione delle azioni più opportuna per i calcoli di verifica da
effettuare, occorre rilevare che utilizzando la combinazione fondamentale (generalmente impiega-
ta per la verifica agli SLU) con i coefficienti parziali per le azioni di tipo sfavorevoli per la sicu-
rezza si ottiene ovviamente un valore del carico verticale agente sulla parete superiore a quello che
si otterrebbe impiegando i coefficienti parziali per le azioni di tipo favorevoli alla sicurezza.
Nel primo caso però (coefficienti parziali sfavorevoli) il valore della resistenza al taglio della
parete è senz’altro superiore a quello che verrebbe dal calcolo se si adoperassero, per la combina-
zione dei carichi, i coefficienti sfavorevoli alla sicurezza (in quanto σ0 è maggiore nel primo caso
che non nel secondo – si veda formula 2.2.1).
In sostanza ciò che viene definito come sfavorevole per la sicurezza in realtà è favorevole (la
resistenza al taglio della parete aumenta con il valore nello sforzo normale di compressione).
Tuttavia si tratta di un falso problema in quanto, alla fine, come si vedrà in seguito, dovendo
fare una valutazione differenziale della resistenza della parete (resistenza finale – resistenza ini-
ziale), vengono annullati i benefici (o i deficit) assoluti di una maggiore o minore resistenza al
taglio legata alla scelta dei coefficienti della combinazione.

Esempio di analisi dei carichi sul solaio

Solaio in latero-cemento

Elementi strutturali (G1) KN/m2


peso proprio (travetti, pignatte, soletta) 2,50
G1 = 2,50

Elementi non strutturali (G2) KN/m2


pavimento 0,40
isolamento termico e impermeabilizzazione 0,20
intonaco 0,30
incidenza tramezzi 0,80
G2 = 1,70

Carichi variabili (Q) KN/m2


carico di esercizio (qk) 2,00
qk = 2,00

(favorevole) (sfavorevole)
Coefficienti parziali ( F) per le azioni (verifica SLU) G1 = 1 1,30
G2 = 1 1,50
Q = 0 1,50

27 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Combinazione fondamentale (SLU) q 1 = G 1x G1 + G2x G2 + q kx Q

(favorevole) (sfavorevole)
G1 x G1 = 2,500 3,25 KN/m2
G2 x G2 = 1,700 2,55 KN/m2
qk x Q = 0,000 3,00 KN/m2
q1 = 4,200 8,80 KN/m2

Cosa diversa è invece quando occorre fare la verifica di resistenza o di deformabilità del telaio
o dell’architrave: in tal caso, per la combinazione dei carichi, occorre senz’altro fare riferimento
ai coefficienti sfavorevoli per la sicurezza.

2.3. Identificazione del livello di conoscenza


La conoscenza dell’edificio in muratura oggetto della verifica risulta di fondamentale impor-
tanza ai fini di una adeguata analisi, e può essere conseguita con diversi livelli di approfondimen-
to, in funzione dell’accuratezza delle operazioni di rilievo, delle ricerche storiche, e delle indagini
sperimentali.
Tali operazioni saranno funzione degli obiettivi preposti ed andranno ad interessare tutto o in
parte l’edificio, a seconda della ampiezza e della rilevanza dell’intervento previsto.
Il piano delle indagini fa comunque parte sia della fase diagnostica che del progetto vero e pro-
prio, e dovrà essere predisposto nell’ambito di un quadro generale volto a mostrare le motivazio-
ni e gli obiettivi delle indagini stesse.

2.3.1. La geometria
La conoscenza della geometria strutturale di edifici esistenti in muratura deriva di regola da
operazioni di rilievo.
Tali operazioni comprendono il rilievo, piano per piano, di tutti gli elementi in muratura, inclu-
se eventuali nicchie, cavità, canne fumarie, il rilievo delle volte (spessore e profilo), dei solai e
della copertura (tipologia e orditura), delle scale (tipologia strutturale), la individuazione dei cari-
chi gravanti su ogni elemento di parete e la tipologia delle fondazioni. La rappresentazione dei
risultati del rilievo viene effettuata attraverso piante, alzati e sezioni.
Dovrà inoltre essere rilevato e rappresentato l’eventuale quadro fessurativo (fig. 2.7), classifi-
cando ciascuna lesione secondo la tipologia (distacco, rotazione, scorrimento, spostamenti fuori
del piano, ...), e deformativo (evidenti fuori piombo, rigonfiamenti, depressioni nelle volte, ...). La
finalità è di consentire, nella successiva fase diagnostica, l’individuazione dell’origine e delle pos-
sibili evoluzioni delle problematiche strutturali dell’edificio.
Il rilievo del quadro fessurativo si esegue agevolmente mediante rilievo topografico tridimen-
sionale di alta precisione con successiva elaborazione che consente il raddrizzamento fotografico
della facciata.

Software 28
2. Comportamento di pareti in muratura  Software

Fig. 2.7 – Rilievo del quadro fessurativo

2.3.2. I dettagli costruttivi


I dettagli costruttivi da esaminare sono relativi ai seguenti elementi:
a) qualità del collegamento tra pareti verticali;
b) qualità del collegamento tra orizzontamenti e pareti ed eventuale presenza di cordoli di
piano o di altri dispositivi di collegamento;
c) esistenza di architravi strutturalmente efficienti al di sopra delle aperture;
d) presenza di elementi strutturalmente efficienti atti ad eliminare le spinte eventualmente
presenti;
e) presenza di elementi, anche non strutturali, ad elevata vulnerabilità;
f) tipologia della muratura (a un paramento, a due o più paramenti, con o senza collegamen-
ti trasversali) e sue caratteristiche costruttive (eseguita in mattoni o in pietra, regolare, irre-
golare, ...).

2.3.3. Le proprietà dei materiali


Particolare attenzione dovrà essere riservata alla valutazione della qualità muraria, con riferi-
mento agli aspetti legati al rispetto o meno della “regola dell’arte”.
L’esame della qualità muraria e l’eventuale valutazione sperimentale delle caratteristiche mec-
caniche hanno come finalità principale quella di stabilire se la muratura in esame è capace di un
comportamento strutturale idoneo a sostenere le azioni statiche e dinamiche prevedibili per l’edi-
ficio in oggetto.
Di rilievo risulta anche la caratterizzazione di malte (tipo di legante, tipo di aggregato, rapporto
legante/aggregato, livello di carbonatazione), e di pietre e/o mattoni (caratteristiche fisiche e mec-
caniche) mediante prove sperimentali.
Si distinguono: indagini in-situ limitate, estese, esaustive in base al livello di approfondimen-
to raggiunto.

29 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Per indagini approfondite (estese o esaustive) sono raccomandate prove con martinetto piatto
doppio e prove di caratterizzazione della malta (prelievo di campioni e prove chimico-fisiche di
laboratorio). Metodi di prova non distruttivi (prove soniche, sclerometriche, penetrometriche per
la malta, …) possono essere impiegati a complemento delle prove richieste.

Indagini con martinetto piatto doppio


Tale tecnica serve per determinare il valore del modulo elastico e della resistenza a compres-
sione della muratura in sito. In sostanza si esegue una prova a compressione su una porzione di
muratura parzialmente isolata dal resto del muro.
I martinetti sono speciali dispositivi costituiti da un involucro in lamierino dove all’interno si pom-
pa olio in modo da generare un carico distribuito applicato alle facce a contatto con il martinetto.

Rettangolare 240 x 120 mm Semicircolare 320 x 120 mm

Fig. 2.8 – Tipologie di martinetti

Utilizzando un solo martinetto (martinetto semplice), è possibile ricavare solo lo stato tensio-
nale nella muratura esaminata, mentre, utilizzando due martinetti (martinetti doppi) allora si pos-
sono ottenere informazioni anche sullo stato deformativo e di resistenza della muratura.
La tecnica prevede quindi l’esecuzione di due tagli (di pochi millimetri di spessore) orizzon-
tali paralleli nella muratura da analizzare, preferibilmente previa rimozione di eventuali strati di
intonaco o rivestimento; il “concio” così isolato è sottoposto a cicli modulati di pressione monoas-
siale normale al piano dei tagli, il carico è fornito da due martinetti che sono stati inseriti nei tagli;
le misure di deformazione sono rese possibili tramite basi di misura verticali e orizzontali per com-
paratore, fissate sulla faccia libera del concio murario.

Fig. 2.9 – Schema della prova

Software 30
2. Comportamento di pareti in muratura  Software
Attraverso tale prova si possono determinare le caratteristiche di deformabilità e resistenza
della muratura. Il modulo di elasticità è calcolato per intervalli di pressione, secondo la legge di
Hooke, considerando la deformazione unitaria desumibile dalle misure micrometriche lette in sito.
La prova può fornire anche una stima della resistenza a compressione della muratura, poten-
dosi avvicinare al limite di rottura con l’aumento progressivo del carico.

Fig. 2.10 – Esecuzione della prova

Le misure di deformazione sono rese possibili tramite l’applicazione di basi di misura verti-
cali ed orizzontali per la predisposizione di un estensimetro rimovibile, installate sulla faccia li-
bera del campione in modo da ottenere un quadro completo dello stato deformativo del campio-
ne analizzato.

Fig. 2.11 – Definizione delle basi di misura

Si procede quindi con vari cicli di carico e scarico dei martinetti, misurando deformazioni rile-
vate su ciascuna base. I risultati vengono poi graficizzati come segue.

31 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Prova con martinetti piatti – Diagramma carico-scarico


PROVA MD.2

Fig. 2.12 – Graficizzazione dei risultati (Palazzo Storico Via Belle Torri – Pisa)

Software 32
2. Comportamento di pareti in muratura  Software

Fig. 2.13 – Valori letti durante una prova con martinetti piatti doppi
(Palazzo Storico Via Belle Torri – Pisa)

2.4. Livelli di conoscenza e caratteristiche dei materiali


In sostanza, il livello di conoscenza del manufatto, viene “contabilizzato in termini tecnici”
attraverso l’introduzione di coefficienti più o meno “premianti” detti Fattori di Confidenza.
Vengono distinti tre livelli di conoscenza LC (a cui corrispondono altrettanti fattori di confi-
denza FC) che sinteticamente si possono così riassumere:
– LC1 – conoscenza limitata: rilievo geometrico completo; limitato rilievo materico e de-
gli elementi costruttivi; parametri meccanici desunti dalla letteratura; in assenza di dati
geologici e d’informazioni storiche sulle strutture fondali, limitate indagini sul terreno e
le fondazioni;

33 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

– LC2 – conoscenza adeguata: rilievo geometrico completo di restituzione grafica e quadri fes-
surativi e deformativi; esteso ed esaustivo rilievo materico e dei dettagli costruttivi; estese in-
dagini sui parametri meccanici dei materiali; estese indagini sul terreno e le fondazioni;
– LC3 – conoscenza accurata: rilievo geometrico completo di restituzione grafica e quadri
fessurativi e deformativi; esaustivo rilievo materico e dei dettagli costruttivi; estese ed esau-
stive indagini sui parametri meccanici dei materiali; sul terreno e le fondazioni.
Rimandando alla lettura dell’ordinanza per la corretta individuazione del livello di conoscen-
za attraverso le definizioni e le modalità del rilievo e delle indagini da svolgere, si riporta di segui-
to la tabella che consente di determinare il fattore di confidenza FC:

Tab. 2.2

Noto il livello di conoscenza, risultano definiti i valori medi dei parametri meccanici della
muratura attraverso la seguente tabella.

LC Resistenza (fm ; τo) Modulo elastico (E ; G)


1 – conoscenza limitata Valore minimo della tabella 2.1 Valore medio della tabella 2.1
2 – conoscenza adeguata Valore medio della tabella 2.1 Media delle prove o valore medio
intervallo della tabella 2.1
3 (a) – conoscenza Valore medio dei risultati delle prove Valore medio dei risultati delle prove
accurata con tre valori sperimentali o valore medio della tabella 2.1
sperimentali di resistenza
3 (b) – conoscenza Valore medio della tabella 2.1 se la Valore medio dei risultati delle prove
accurata con due valori media dei risultati sperimentali è o valore medio della tabella 2.1
sperimentali di resistenza compresa nell’intervallo di tab. 2.1
Valore massimo della tabella 2.1 se la
media dei risultati sperimentali è
maggiore del valore massimo di tab.
2.1
Valore medio dei risultati delle prove
se questo è minore del valore minimo
di tab. 2.1
3 (c) – conoscenza Valore medio della tabella 2.1 se il Valore medio dei risultati delle prove
accurata con un valore risultato sperimentale è compreso o valore medio della tabella 2.1
sperimentale di resistenza nell’intervallo di tab. 2.1 o superiore
al valore max
Valore sperimentale se questo è
minore del valore minimo di tab. 2.1

Tab. 2.3

Software 34
2. Comportamento di pareti in muratura  Software
I valori indicati nella tabella 2.1 sono da riferirsi a condizioni di muratura pessime ossia con
malta scadente. Inoltre si assume che, per le murature storiche, queste siano a paramenti scollega-
ti, ovvero manchino sistematici elementi di connessione trasversale (o di ammorsamento per
ingranamento tra i paramenti murari).
Qualora la muratura presenti caratteristiche migliori di quelle sopra esposte, occorrerà tenerne
conto applicando i coefficienti di tabella 2.4.

Giunti Nucleo Iniezione


Ricorsi Connessio-
Malta sottili scadente di Intonaco
Tipologia di muratura buona (< 10
o ne
e/o miscele armato*
listature trasversale
mm) ampio leganti
Muratura in pietrame disordinata
(ciottoli, pietre erratiche e 1,5 – 1,3 1,5 0,9 2 2,5
irregolari)
Muratura a conci sbozzati, con
paramento di limitato spessore e 1,4 1,2 1,2 1,5 0,8 1,7 2
nucleo interno
Muratura in pietre a spacco con
1,3 – 1,1 1,3 0,8 1,5 1,5
buona tessitura
Muratura a conci di pietra tenera
1,5 1,5 – 1,5 0,9 1,7 2
(tufo, calcarenite, ecc.)
Muratura a blocchi lapidei
1,2 1,2 – 1,2 0,7 1,2 1,2
squadrati
Muratura in mattoni pieni e malta
1,5 1,5 – 1,3 0,7 1,5 1,5
di calce
* Valori da ridurre convenientemente nel caso di pareti di notevole spessore (per esempio > 70 cm).

Tab. 2.4

I coefficienti della tabella 2.4 vanno utilizzati con le avvertenze seguenti:


– malta di buone caratteristiche: si applica il coefficiente indicato in Tabella 2.4, diversi-
ficato per le varie tipologie, sia ai parametri di resistenza (fm e τ0), sia ai moduli elastici
(E e G);
– giunti sottili (< 10 mm): si applica il coefficiente, diversificato per le varie tipologie, sia ai
parametri di resistenza (fm e τ0), sia ai moduli elastici (E e G); nel caso della resistenza a
taglio l’incremento percentuale da considerarsi è metà rispetto a quanto considerato per la
resistenza a compressione; nel caso di murature in pietra naturale è opportuno verificare
che la lavorazione sia curata sull’intero spessore del paramento;
– presenza di ricorsi (o listature): si applica il coefficiente indicato in tabella ai soli parame-
tri di resistenza (fm e τ0); tale coefficiente ha significato solo per alcune tipologie murarie,
in quanto nelle altre non si riscontra tale tecnica costruttiva;
– presenza di elementi di collegamento trasversale tra i paramenti: si applica il coefficiente
indicato in tabella ai soli parametri di resistenza (fm e τ0); tale coefficiente ha significato
solo per le murature storiche, in quanto quelle più recenti sono realizzate con una specifi-
ca e ben definita tecnica costruttiva ed i valori in tabella 2.1 rappresentano già la possibile
varietà di comportamento.

35 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Le diverse tipologie di tabella 2.1 assumono che la muratura sia costituita da due paramenti
accostati, o con un nucleo interno di limitato spessore (inferiore allo spessore del paramento);
fanno eccezione il caso della muratura a conci sbozzati, per la quale è implicita la presenza di un
nucleo interno (anche significativo ma di discrete caratteristiche), e quello della muratura in mat-
toni pieni, che spesso presenta un nucleo interno con materiale di reimpiego reso coeso. Nel caso
in cui il nucleo interno sia ampio rispetto ai paramenti e/o particolarmente scadente, è opportuno
ridurre opportunamente i parametri di resistenza e deformabilità, attraverso una omogeneizzazio-
ne delle caratteristiche meccaniche nello spessore. In assenza di valutazioni più accurate è possi-
bile penalizzare i suddetti parametri meccanici attraverso il coefficiente indicato in tabella 2.4

In presenza di murature consolidate, o nel caso in cui si debba valutare la sicurezza dell’edifi-
cio rinforzato, è possibile valutare le caratteristiche meccaniche per alcune tecniche di intervento,
attraverso i coefficienti indicati in tabella 2.4, secondo le seguenti modalità:
– consolidamento con iniezioni di miscele leganti: si applica il coefficiente indicato in tabel-
la, diversificato per le varie tipologie, sia ai parametri di resistenza (fm e τ0), sia ai moduli
elastici (E e G); nel caso in cui la muratura originale fosse stata classificata con malta di
buone caratteristiche, il suddetto coefficiente va applicato al valore di riferimento per malta
di scadenti caratteristiche, in quanto il risultato ottenibile attraverso questa tecnica di con-
solidamento è, in prima approssimazione, indipendente dalla qualità originaria della malta
(in altre parole, nel caso di muratura con malta di buone caratteristiche, l’incremento di
resistenza e rigidezza ottenibile è percentualmente inferiore);
– consolidamento con intonaco armato: per definire parametri meccanici equivalenti è pos-
sibile applicare il coefficiente indicato in tabella, diversificato per le varie tipologie, sia ai
parametri di resistenza (fm e τ0), sia ai moduli elastici (E e G); per i parametri di partenza
della muratura non consolidata non si applica il coefficiente relativo alla connessione tra-
sversale, in quanto l’intonaco armato, se correttamente eseguito collegando con barre tra-
sversali uncinate i nodi delle reti di armatura sulle due facce, realizza, tra le altre, anche
questa funzione. Nei casi in cui le connessioni trasversali non soddisfino tale condizione,
il coefficiente moltiplicativo dell’intonaco armato deve essere diviso per il coefficiente
relativo alla connessione trasversale riportato in tabella;
– consolidamento con diatoni artificiali: in questo caso si applica il coefficiente indicato per
le murature dotate di una buona connessione trasversale.
I valori sopra indicati per le murature consolidate possono essere considerati come riferi-
mento nel caso in cui non sia comprovata, con opportune indagini sperimentali, la reale effica-
cia dell’intervento e siano quindi misurati, con un adeguato numero di prove, i valori da adot-
tarsi nel calcolo. La descrizione dei sistemi di consolidamento è riportata al punto 3.5.

2.5. Comportamento dei maschi murari


Riportando su un grafico i valori V,δ ottenuti calcolando lo spostamento in sommità in fun-
zione del corrispondente valore del taglio, si ottiene la cosiddetta “curva caratteristica” del
maschio murario in oggetto.
La curva reale (andamento parabolico) può essere sostituita da una bilatera (comportamento
elastico-perfettamente plastico) che ne approssima il comportamento reale (fig. 2.15). Il valore
dello spostamento al limite elastico si calcola con:

Software 36
2. Comportamento di pareti in muratura  Software
δe = Vu/K

che corrisponde ad un valore della forza tagliante Vu = Vt (formula 2.2.1 crisi per taglio dovuta al
raggiungimento della massima resistenza a trazione).
L’inclinazione del tratto elastico è tale per cui: tgα = K

Vu

e u

Fig. 2.15

L’analisi statica non lineare consente di sfruttare le riserve plastiche del materiale oltre il limi-
te elastico, attraverso l’introduzione del tratto plastico della bilatera che si estende fino all’ascissa

δu = δe · μ

dove μ è il fattore di duttilità (tab. 2.5) variabile tra 1,5 e 2 in funzione della tipologia della mura-
tura come ricavato sperimentalmente da Turnsek e Cacovic nel 1977 e riportato in [5]:

Tab. 2.5

37 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

La normativa sismica [9] prevede di considerare, per lo spostamento ultimo δu, il valore di
0,4% dell’altezza “h” del pannello.

Esempio 1
Si voglia costruire la curva caratteristica per il pannello di muratura indicato in figura 2.16, rea-
lizzato in muratura di mattoni pieni a tre teste, dotata di buona connessione trasversale, con i
seguenti dati:
– lunghezza pannello l = 4,50 m
– altezza pannello h = 3,00 m
– spessore pannello t = 38 cm
– carico verticale p = 80 KN/m
– peso specifico medio w = 18 KN/m3

Si suppone di non aver effettuato alcuna indagine preliminare cosicché il livello di conoscen-
za attribuito risulta essere LC1.

Fig. 2.16

a) Caratteristiche meccaniche:
Essendo il livello di conoscenza attribuito LC1, i valori medi di riferimento per il calcolo
della resistenza sono quelli minimi di tabella 2.1 mentre quelli relativi ai moduli di elastici-
tà corrispondono ai valori medi della medesima tabella 2.1; i valori di resistenza (fm e τ0) sa-
ranno poi moltiplicati per 1,3 in quanto la muratura è dotata di buona connessione
trasversale.
I valori ricavati dalla tabella 2.1, eventualmente corretti con i coefficienti della tabella 2.4
saranno poi divisi per il fattore di confidenza FC = 1,35.

Pertanto:
G = 500/1,35 = 370,37 N/mm2 = 37,37 KN/cm2
E = 1500/1,35 = 1111,11 N/mm2 = 111,11 KN/cm2
τ0 = 6 x 1,3/1,35 = 5,78 N/cm2
fm = 240 x 1,3/1,35 = 231,11 N/cm2
μ = 1,5 (fattore di duttilità)

Software 38
2. Comportamento di pareti in muratura  Software
b) Calcolo della rigidezza
Dalla formula 2.14 ponendo:
A = 450 x 38 = 17100 cm2
G = 37,37 KN/cm2
E = 1111,11 KN/cm2

Risulta:
GAEl 2
K
((h 3 )G 1, 2 hEl 2 )

K = 37,37*17100*111,11*450^2/(300^3*37,37+1,2*300*111,11*450^2) = 1578,45 KN/cm

c) Calcolo della resistenza


Occorre preliminarmente calcolare la tensione media verticale σ0 sul piano medio del pan-
nello murario. Al carico verticale applicato in sommità occorre aggiungere il peso proprio
di metà pannello murario, pervenendo così alla seguente espressione:
σ0 = (80 x 4,5 + 4,5 x 1,5 x 0,38 x 18)/(4,5 x 0,38) = 237,53 KN/m2 = 23,75 N/cm2
Dalla formula 2.2.1 ponendo:
b = 1 in quanto h/l = 300/450 = 0,67 (pannello tozzo)
si ha:

= 286690 N = 286,69 KN

d) Curva caratteristica
Vu = 286,69 KN
δe = Vu/K = 286,69 /1578,45 = 0,18 cm
δu = δe · μ = 0,18 x 1,5 = 0,27 cm (valore ammesso dalla norma: 0,4% h = 1,2 cm)

V ( KN)
286,69

0,18 0,27 (cm)

Fig. 2.17

39 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Nel caso di parete costituita da più maschi murari, si riportano le curve caratteristiche di cia-
scuno sullo stesso grafico (V – δ).
La curva caratteristica della parete si ottiene dalla somma delle curve di ciascun maschio mura-
rio ossia dalla somma delle ordinate delle curve stesse. Questo in accordo con il principio della
congruenza degli spostamenti ovvero che i maschi murari della stessa parete devono subire il
medesimo spostamento.
La curva caratteristica della parete si arresta all’ascissa corrispondente al valore minimo degli
spostamenti ultimi dei singoli maschi murari:

δu, parete = min (δu,i)

con “i” indice variabile tra 1 ed n dove n = numero di maschi murari.

Sommando le ordinate delle curve caratteristiche in corrispondenza dell’ascissa comune δu,


parete, si trova il valore corrispondente alla resistenza ultima a taglio della parete (Vu, parete – SLU
= stato limite ultimo).

Vu B C
A (1+2)
VA

Vu1 (1)
Vu2
(2)
V2A

e1 e2 u1 u2

Fig. 2.18

Con riferimento alla figura 2.18 si ha:

VA = Vu1 + V2A = Vu1 + K2 · δe1

Vu,parete = VB = VC = Vu1 + Vu2

In questo caso vengono sfruttate al massimo le capacità resistenti dei due maschi murari in
quanto la deformazione ultima della parete (δu1) è tale per cui entrambi i maschi murari si trova-
no in fase plastica. In questo caso la resistenza della parete coincide con la somma delle resisten-
ze ultime dei due maschi murari che la compongono (punto C).

Software 40
2. Comportamento di pareti in muratura  Software
V

B
Vu =VB (1+2)
A
VA

Vu1 (1)

Vu2 (2)

e1 u1 e2 u2

Fig. 2.19

Al contrario, in figura 2.19, non viene sfruttato al massimo il maschio 2 in quanto, al rag-
giungimento della rottura del maschio 1 (punto B), il primo (il maschio 2) si trova ancora in fa-
se elastica.
In questo caso la resistenza della parete è inferiore alla somma delle resistenze dei singoli
maschi murari.
La resistenza al limite elastico della parete (SLD = stato limite di danno), corrisponde all’a-
scissa più piccola tra quelle al limite elastico dei singoli maschi murari:

δe, parete = min (δe,i)

con “i” indice variabile tra 1 e n, dove n = numero di maschi murari.

La rigidezza della parete si può calcolare con la formula (2.1.1.1)1.


Le curve caratteristiche sono molto utili per interpretare il comportamento dell’intera parete e
per calcolare correttamente il valore della resistenza ultima.

Esempio 2
Si voglia determinare la resistenza della parete rappresentata in figura, realizzata in muratura
di pietra squadrata, bene organizzata, con malta buona, soggetta ad un carico uniformemente dis-
tribuito agente in sommità pari a p = 95 KN/m.
Livello di conoscenza attribuito: LC1.

1
Per tener conto della plasticizzazione delle sezioni si può utilizzare, in luogo della rigidezza K elastica, la rigidezza
secante K’ ottenuta per mezzo di: K’ = Vu/δ dove δe < δ < δu è lo spostamento valutato nella fase plastica del maschio
murario.

41 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

0,7m

1,5m
1 2 3 2,4m

prospetto

0,9m 1,1m 1,8m 1,2m 1,2m

sezione Z-Z

pianta 0,4m

Fig. 2.20

La parete risulta essere composta da tre maschi murari.


Poiché il parapetto della finestra presenta una significativa riduzione dello spessore, l’altezza
dei maschi 2 e 3 si considera estesa fino al pavimento.
Lo schema statico cui si perviene è pertanto il seguente:

2,4m 1 2 3

Fig. 2.21

a) Caratteristiche meccaniche
Essendo LC1, i valori medi di riferimento per il calcolo sono quelli minimi di tabella 2.1;
i valori di resistenza (fm e τ0) e quelli di rigidezza (E e G) saranno poi moltiplicati per 1,2
in quanto la muratura è caratterizzata da malta buona e divisi per il fattore di confidenza
FC = 1,35.
Pertanto:
G = 780 * 1,2/1,35 = 693,33 N/mm2 = 69,33 KN/cm2
E = 2400 * 1,2/1,35 = 2133,33 N/mm2 = 2133,33 KN/cm2
τ0 = 9 * 1,2/1,35 = 8 N/cm2

Software 42
2. Comportamento di pareti in muratura  Software
fm = 600 * 1,2/1,35 = 533,33 N/cm2
μ = 1,5 (fattore di duttilità)
w = 22 KN/m3

b) Calcolo della rigidezza

Maschio 1
A1 = 0,9 * 0,4 * 10000 = 3600 cm2
G = 69,33 KN/cm2
E = 213,33 KN/cm2
GAEl 2
K
((h )G 1, 2 hEl 2 )
3

K1 = 69,33*3600*213,33*90^2/(240^3*69,33+1,2*240*213,33*90^2) = 296,19 KN/cm

Maschio 2
A2 = 1,8 * 0,4 * 10000 = 7200 cm2
G = 69,33 KN/cm2
E = 213,33 KN/cm2
GAEl 2
K
((h 3 )G 1, 2 hEl 2 )

K2 = 69,33*7200*213,33*180^2/(240^3*69,33+1,2*240*213,33*180^2) = 1169,96 KN/cm

Maschio 3
A3 = 1,2 * 0,4 * 10000 = 4800 cm2
G = 69,33 KN/cm2
E = 213,33 KN/cm2
GAEl 2
K
((h )G 1, 2 hEl 2 )
3

K3 = 69,33*4800*213,33*120^2/(240^3*69,33+1,2*240*213,33*120^2) = 554,65 KN/cm

La rigidezza della parete pertanto sarà data da:

K = K1 + K2 + K3 = 296,19 + 1169,96 + 554,65 = 2020,8 KN/cm

c) Calcolo della resistenza


Occorre preliminarmente calcolare la tensione media verticale σ0 agente sul piano medio
di ciascun maschio murario.
Al carico verticale applicato in sommità occorre aggiungere la quota di peso proprio della
fascia di piano e il peso proprio di metà maschio murario (figura 2.22).

43 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

i1 i2 i3

Q1 p
Q2 Q3

P1 P2 P3 0,7 m

G1
G2 G3 1,5 m
2,4 m

1 2 3

0,9 m 1,1 m 1,8 m 1,2 m 1,2 m

Fig. 2.22

i1 = 0,9 + 1,1/2 = 1,45 m


i2 = 1,8 + (1,1 + 1,2)/2 = 2,95 m
i3 = 1,2 + 1,2/2 = 1,8 m

Maschio 1
Q = 1,45 x 95 = 137,75 KN
P = 1,45 x 0,7 x 0,4 x 22 = 8,932 KN
G = 0,9 x 2,4 x 0,4 x 22/2 = 9,504 KN
N = Q + P + G = 156,19 KN
A = 0,9 x 0,4 x 10000 = 3600 cm2
σo = N/A = 43,39 N/cm2

Maschio 2
Q = 2,95 x 95 = 280,25 KN
P = 2,95 x 0,7 x 0,4 x 22 = 18,172 KN
G = 1,8 x 2,4 x 0,4 x 22/2 = 19,008 KN
N = Q + P + G = 317,43 KN
A = 1,8 x 0,4 x 10000 = 7200 cm2
σo = N/A = 44,09 N/cm2

Maschio 3
Q = 1,8 x 95 = 171 KN
P = 1,8 x 0,7 x 0,4 x 22 = 11,088 KN
G = 1,2 x 2,4 x 0,4 x 22/2 = 12,672 KN
N = Q + P + G = 194,76 KN

Software 44
2. Comportamento di pareti in muratura  Software
A = 1,2 x 0,4 x 10000 = 4800 cm2
σo = N/A = 40,58 N/cm2

Di seguito si riporta la tabella riepilogativa:

Q P G N A σ0
Maschio
(KN) (KN) (KN) totale (KN) area (cm2) (N/cm2)

1 137,75 8,932 9,504 156,19 3600 43,39

2 280,25 18,172 19,008 317,43 7200 44,09

3 171 11,088 12,672 194,76 4800 40,58

Si passa ora al calcolo delle resistenze ultime di ciascun maschio murario.

Maschio 1
Dalla formula 2.2.1:

ponendo:
b = 1,5 in quanto h/l = 240/90 = 2,7
si ha:
(8 ) ( 43, 39 )
Vt 90 * 40 * 1, 5 1 = 61875,33 N = 61,87 KN
1, 5 (1, 5 * 8 )

Maschio 2
Dalla formula 2.2.1:

ponendo:
b = 1,3 in quanto h/l = 240/180 = 1,3
si ha:
(8 ) ( 44, 09 )
Vt 180 * 40 * 1, 5 1 = 143688,66 N = 143,69 KN
1, 3 (1, 5 * 8 )

45 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Maschio 3
Dalla formula 2.2.1:

ponendo:
b = 1,5 in quanto h/l = 240/120 = 2
si ha:

(8 ) ( 40, 58 )
Vt 120 * 40 * 1, 5 1 = 80380,53 N = 80,38 KN
1, 5 (1, 5 * 8 )

Per calcolare la resistenza complessiva della parete, occorre individuare le curve caratteristi-
che di ciascun maschio murario, riportandole poi sul medesimo grafico cartesiano. Le ordinate
della curva caratteristica della parete saranno ottenute dalla somma delle ordinate della curva
caratteristica di ogni maschio murario.
In questo modo si facilita la comprensione del comportamento meccanico della parete, poten-
done avere una visualizzazione grafica fino a rottura. I parametri meccanici (Vu e δu) riferiti alla
rottura vanno ovviamente calcolati in maniera analitica.

Maschio 1
K1 = 296,19 KN/cm
Vt1 = 61,87 KN
μ = 1,5
δe1 = Vt1/K1 = 61,87/296,19 = 0,21 cm = 2,1 mm
δu1 = δe1 · μ = 2,1 * 1,5 = 3,15 mm

Maschio 2
K2 = 1169,96 KN/cm
Vt2 = 143,69 KN
μ = 1,5
δe1 = Vt2/K2 = 143,69/1169,96 = 0,12 cm = 1,2 mm
δu2 = δe2 · μ = 1,2 * 1,5 = 1,8 mm

Maschio 3
K3 = 554,65 KN/cm
Vt3 = 80,38 KN
μ = 1,5
δe3 = Vt3/K3 = 80,38/554,65 = 0,14 cm = 1,4 mm
δu3 = δe3 · μ = 1,4 * 1,5 = 2,1 mm

Software 46
2. Comportamento di pareti in muratura  Software

281,59

268,81
252,68

Vt2 = 143,69 2

Vt3 = 80,38

V3A

Vt1 = 61,87
V1B
V1A

1,2 1,4 1,8 1,9 2,1 3,15


δ (mm)

– Punto A: raggiungimento limite elastico per il maschio 2 (i maschi 3 e 1 sono ancora in


fase elastica)
VA = Vt2 + V3A + V1A = Vt2 + δe2 x K3 + δe2 x K1
VA = 143,69 + 0,12 * 554,65 + 0,12 * 296,19 = 245,79 KN

– Punto B: raggiungimento limite elastico per il maschio 3 (il maschio 2 è in fase plastica
mentre il maschio 1 è ancora in fase elastica)
VB = Vt2 + Vt3 + V1B = Vt2 + Vt3 + δe3 x K1
VB = 143,69 + 80,38 + 0,14 * 296,19 = 265,54 KN

– Punto C: raggiungimento limite ultimo per il maschio 2 (il maschio 3 è in fase plastica
mentre il maschio 1 è ancora in fase elastica)
VC = Vt2 + Vt3 + δu2 x K1
VC = 143,69 + 80,38 + 0,18 * 296,19 = 277,38 KN

Pertanto si ha:
VU = 277,38 KN
δu = 1,8 mm

47 Software
 Software
Capitolo 3
Realizzazione di nuove aperture

L’allegato 11.E dell’O.PC.M. n. 3274/2003 prevede che la realizzazione di nuove aperture nei
muri portanti sia accompagnata dalla posa in opera di un telaio chiuso, ad esempio in acciaio, di
rigidezza e resistenza tali da ripristinare la condizione preesistente.
Questo concetto viene ripreso anche dalle NTC (punto 8.7.4) e dalla Circolare n. 617/CSLLPP
del 2 febbraio 2009 “Istruzioni per l’applicazione delle nuove norme tecniche per le costruzioni”
dove al punto C8A.5.5 si prevede, per la realizzazione di nuove aperture, l’inserimento di un telaio
chiuso di rigidezza e resistenza tali da ripristinare la condizione preesistente.
Infatti, l’apertura di un varco nella muratura provoca una diminuzione della rigidezza e della
resistenza di quest’ultima, oltre a modificarne il comportamento globale.
Tale diminuzione delle capacità della muratura non sono tanto legate alla geometria della por-
zione che viene asportata, quanto invece alla geometria della parete che rimane ossia quella nello
“stato finale” cioè ad apertura effettuata.
Le perdite di rigidezza e di resistenza dovute alla realizzazione di un varco, si calcolano quin-
di come differenza tra i corrispondenti valori delle pareti calcolati nella situazione iniziale e quel-
li nella situazione finale.
A volte, erroneamente, le perdite di rigidezza e resistenza vengono calcolate prendendo a rife-
rimento la porzione di muratura da asportare, considerandola, al solito, come una parete vincola-
ta alla “Grinter”; questo procedimento non è corretto perché a parità di larghezza del varco da
effettuare, si ha l’assurdo che ad una minore altezza dello stesso corrisponde una maggiore richie-
sta di rinforzo della parete (figura 3.1) ossia ad una minore quantità di parete asportata corrispon-
de un maggior rinforzo da mettere in atto.

Zona da
h1 asportare Zona da
h2 asportare

a a
Fig. 3.1

Infatti: h1 > h2 implica K2 > K1 (dalla formula 2.1.4) dove K1 è la perdita di rigidezza della pare-
te nell’ipotesi di asportare una porzione di altezza h1 (coincidente con la rigidezza della porzione
di muratura di altezza h1 e larghezza a); K2 è la perdita di rigidezza della parete nell’ipotesi di
asportare una porzione di altezza h2 (coincidente con la rigidezza della porzione di muratura di
altezza h2 e larghezza a).

49 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Ne risulta, come già anticipato, che ad una minore asportazione di materiale corrisponderebbe un
maggior indebolimento della parete e quindi un maggior rinforzo da mettere in atto per ripristinare
lo stato preesistente (senza apertura). Per maggiore chiarezza si riporta l’esempio seguente.

Esempio 3
Si deve realizzare un’apertura in una parete in pietra, dello spessore di 45 cm. Sulla sommità
della parete insiste un carico uniformemente distribuito pari a 90 KN/m.
Si procede al calcolo della rigidezza richiesta al rinforzo da mettere in atto, procedendo in due
modi distinti.
Il primo, caso A), prevede di calcolare la perdita di rigidezza nel modo definito “errato” ossia
uguagliando la rigidezza del rinforzo in progetto a quella della porzione di muratura asportata; il
secondo, caso B), prevede invece il calcolo del rinforzo da mettere in atto attraverso la valutazio-
ne della perdita di rigidezza subita dalla parete nel passaggio dalla fase iniziale a quella finale (con
realizzazione della nuova apertura).

Caratteristiche della parete:


G = 780 N/mm2
E = 2400 N/mm2
w = 22 KN/m3

Caso a)
Si calcola la perdita di rigidezza che subisce la parete, valutandola considerando la porzione di
muratura da asportare.

0,7m

2,3m

1,2m 0,9m 1,8m 0,9m 1,2m

Apertura Apertura da
esistente rea lizzare

Calcolo della rigidezza da asportare

G t l h A E K
N/mm 2
m m m m 2
N/mm 2
KN/m
1 780 0,45 0,9 2,3 0,41 2400 41338,3
RIGIDEZZA ASPORTATA (KN/m) 41338,31

Software 50
3. Realizzazione di nuove aperture  Software
Caso b)
Si calcola ora la perdita di rigidezza che subisce la parete, come differenza tra i corrisponden-
ti valori nella situazione iniziale e quelli nella situazione finale.

Stato iniziale

0,7m

1 2 2,3m

1,2m 0,9m 3,9m

Apertura
esistente

Calcolo rigidezza della parete


G t l h A E K
N/mm 2
m m m m 2
N/mm 2
KN/m
1 780 0,45 1,2 2,3 0,54 2400 76498,0
2 780 0,45 3,9 2,3 1,76 2400 453281,4
RIGIDEZZA DELLA PARETE (KN/m) 529779,38

Stato finale

0,7m

2,3m
1 2 3

1,2m 0,9m 1,8m 0,9m 1,2m

Apertura Nuova
esistente apertura

51 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Calcolo rigidezza della parete


G t l h A E K
N/mm2 m m m m2 N/mm2 KN/m
1 780 0,45 1,2 2,3 0,54 2400 76498,0
2 780 0,45 1,8 2,3 0,81 2400 158725,6
3 780 0,45 1,2 2,3 0,54 2400 76498,0
RIGIDEZZA DELLA PARETE (KN/m) 311721,62

La perdita di rigidezza risulta dunque essere:


ΔK = Kin – Kfin = 529779,38 – 311721,52 = 218057,86 KN/m
Risultano evidenti le differenze risultanti dai due metodi di calcolo. Con il primo (metodo della
muratura da asportare) il rinforzo da progettare dovrebbe fornire una rigidezza pari a 41338,31
KN/m mentre con il secondo metodo (differenza tra lo stato iniziale e quello finale) una rigidezza
pari a 218057,86 KN/m, oltre cinque volte!
Quindi, progettare l’intervento di rinforzo considerando la rigidezza da fornire pari a quella
della muratura da asportare è errato non solo per i motivi illustrati in precedenza ma anche perché
conduce a risultati, come in questo esempio, sottostimati.
Un altro aspetto importante da tenere in considerazione è che a parità di superficie del varco
da realizzare, l’indebolimento della parete dipende anche dalla posizione del varco all’interno di
questa (paragrafo 3.3). Questa considerazione risulta utile per determinare quale sia la posizione
dell’apertura che comporta la minima spesa per il committente (in quanto provoca il minimo inde-
bolimento e quindi la minima invasività, in termini economici, dell’intervento).
Le variazioni di rigidezza e di resistenza così calcolate, costituiranno poi i valori di riferimen-
to per il progetto degli interventi di rinforzo o consolidamento (es. cerchiature, iniezioni ecc.)
necessari per ripristinare lo stato preesistente.

3.1. Verifica della rigidezza


La rigidezza iniziale (Kin) si calcola come riportato al punto 2.1., individuando dapprima i
maschi murari, calcolando poi la rigidezza di ciascuno mediante la formula 2.1.4 e poi somman-
do i contributi di tutti i maschi murari attraverso la formula 2.1.1.1.

h1

1 2 h

l1 a1 l2

Fig. 3.2

Software 52
3. Realizzazione di nuove aperture  Software
Kin = K1 + K2 + … = ΣΚi

I valori del modulo elastico normale “E” e di quello tangenziale “G” da inserire nella formula
2.1.4. si ricavano dalla tabella 2.1 in funzione del tipo di muratura e del livello di conoscenza
acquisito.
Occorre osservare che i valori di E e G riportati in tabella si riferiscono a condizioni non fes-
surate, per cui, come suggerisce la Circolare n. 617/2009, tali valori dovranno essere opportuna-
mente ridotti per tener conto delle condizioni fessurate. In analogia a quanto prescritto per le
murature dalle NTC 2008 al punto 7.8.1.5.2 , l’entità della riduzione potrà verosimilmente essere
assunta pari al 50% del valore non fessurato.
A seguito di modifica delle aperture o di inserimento di nuove, la parete assume una configu-
razione diversa da quella iniziale, ad esempio come quella riportata nella figura sottostante, dove
si prevede, a titolo di esempio e con riferimento alla fig. 3.2 rappresentante lo stato attuale, di ridi-
mensionare l’apertura esistente (a1) e di realizzare una nuova apertura (a2).

h1

1 2 3 h

l1 a1 l2 a2 l3

Fig. 3.3

La configurazione modificata è molto probabilmente più debole di quella iniziale: il vantag-


gio ottenuto con la riduzione di larghezza della prima apertura è inferiore allo svantaggio otte-
nuto con la realizzazione di un nuovo varco di larghezza a2. Sommando le rigidezze dei tre ma-
schi murari nella situazione modificata si determina la rigidezza (Kmod) della parete in questa nuo-
va configurazione.
La differenza tra la rigidezza iniziale e quella nella configurazione modificata ci permette di
conoscere la perdita di rigidezza subita dalla parete, perdita che deve essere reintegrata attraverso
l’adozione di opportune misure, ad esempio quella di dotare le due aperture di una cerchiatura
metallica o in c.a. o anche in muratura armata o altro.
Se si vuole sopperire al deficit di rigidezza attraverso tecniche di rinforzo dei maschi murari
(iniezioni, lastre di placcaggio ecc) allora se ne deve tener conto nel Kmod, utilizzando i parametri
meccanici della tabella 2.1 corretti in base ai coefficienti della tabella 2.4.

Esempio 4
Prendiamo in considerazione la parete della fig. 3.2, rappresentante lo stato attuale.

53 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

La parete è realizzata in pietra mista, con tessitura disordinata, con presenza di ciottoli e pie-
tre irregolari.
La parete viene trasformata come raffigurato nella fig. 3.3, rappresentante lo stato modificato.
Si prevede di effettuare il rinforzo mediante applicazione di intonaco armato su entrambe le
facce della muratura (si veda punto 3.5 c).
Supponiamo di poter attribuire un livello di conoscenza LC3.
Sulla sommità della parete agisce un carico uniformemente distribuito:

p = 120 KN/m

STATO ATTUALE
Lo stato attuale è costituito da due maschi murari.
Le caratteristiche geometriche della parete, sono:
l1 = 2 m
a1 = 2 m
l2 = 3 m
h = 2,3 m
h1 = 1,0 m
t = 0,48 m

Le caratteristiche meccaniche sono (tab. 2.1):


G = 350 N/mm2
E = 1050 N/mm2
τo = 3,2 N/cm2
fm = 180 N/cm2
w = 19 KN/m3

Calcolo della rigidezza


G t l h A E K
N/mm 2
m m m m2
N/mm2 KN/m
1 350 0,48 2 2,3 0,96 1050 89032,2
2 350 0,48 3 2,3 1,44 1050 156978,6
RIGIDEZZA DELLA PARETE (KN/m) 246010,73

La rigidezza iniziale risulta:

Kin = 246010,73 KN/m

STATO MODIFICATO
Lo stato modificato è costituito da tre maschi murari. Vista la tessitura incerta e incoerente
della parete, si prevede di rinforzarla mediante intonaco armato, così da formare due fodere in c.a.
dello spessore di 3 cm ognuna, disposte sulle due facce della muratura. Le fodere sono armate con
rete elettrosaldata diam. 5 mm passo 20 x 20 cm. Il collegamento trasversale tra le due fodere in

Software 54
3. Realizzazione di nuove aperture  Software
c.a. è assicurato da perforazioni armate con barre diam. 14 mm, disposte a quinconce (5 collega-
menti/m2) e iniettate con resina epossidica.

Le caratteristiche geometriche della parete, sono:


l1 = 1,5 m
a1 = 1,5 m
l2 = 1,2 m
a2 = 1,5 m
l3 = 1,3 m
h = 2,3 m
h1 = 1,0 m
t = 0,54 m

I parametri meccanici della muratura variano per l’applicazione dei coefficienti riportati in tab.
2.4, (2,5 per l’intonaco armato) assumendo quindi i seguenti valori:
G = 350 * 2,5 = 875 N/mm2
E = 1050 * 2,5 = 2625 N/mm2
τo = 3,2 * 2,5 = 8 N/cm2
fm = 180 * 2,5 = 450 N/cm2

Anche il peso specifico della muratura rinforzata varia, assumendo il valore di:

w = (0,48 * 1 * 1 * 19 + 0,03 * 1 * 1 * 25 * 2)/(0,54 * 1 * 1) = 19,7 KN/m3

Calcolo della rigidezza


G t l h A E K
N/mm2 m m m m2 N/mm2 KN/m
1 875 0,54 1,5 2,3 0,81 2625 155341,8
2 875 0,54 1,2 2,3 0,65 2625 101677,9
2 875 0,54 1,3 2,3 0,7 2625 119045,2
RIGIDEZZA DELLA PARETE (KN/m) 376064,94

La rigidezza nello stato modificato risulta:

Kmod = 376064,94 KN/m

La rigidezza nello stato modificato risulta maggiore di quella nello stato iniziale, pertanto l’in-
tervento proposto è ammissibile.

3.1.1. Dimensionamento della cerchiatura metallica


Nel caso in cui si volesse usare una cerchiatura metallica del vano per rinforzare la parete, il
telaio da realizzare dovrebbe possedere una rigidezza KT pari a:

55 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

KT = Kin – Kmod (3.1.1)

Noto il valore di KT, si calcola la rigidezza che compete a ciascun piedritto, dividendo la rigi-
dezza del telaio KT per il numero dei piedritti costituenti il telaio (di solito 2 o 4). Ottenuta la rigi-
dezza del singolo piedritto, si sceglie il profilato da utilizzare mediante la tabella 3.1 per la serie
IPE o la tabella 3.2 per la serie HEA.
Per la scelta del numero e del tipo di profilati da utilizzare, occorre far riferimento allo spes-
sore del muro, che deve essere superiore all’ingombro del montante del telaio, in modo da inseri-
re la cerchiatura stessa all’interno del vano.

La rigidezza della cerchiatura si calcola con la formula:


3
KT = 12 x E x ∑Jp/H (3.1.2)

dove:
E = modulo elastico del materiale costituente i piedritti;
∑Jp = somma dei momenti d’inerzia dei piedritti (possono essere due o più piedritti);
H = altezza del piedritto.

Telaio Telaio

1 2 3 h

l1 a1 l2 a2 l3

Fig. 3.4

Per dimensionare il telaio metallico in modo che fornisca la rigidezza richiesta, si procede nel
seguente modo:
– si calcola la rigidezza richiesta al telaio mediante la 3.1.1;
– si sceglie il numero dei profilati costituenti il piedritto (1 o più) ed il tipo di profili da uti-
lizzare;
– si divide la rigidezza richiesta KT per il numero totale di profilati costituenti i due piedritti
(2, 4, 6) ottenendo così la rigidezza che deve esplicare ciascun profilato (K’);
– si cerca nelle tabelle 3.1 e 3.2 quale profilo, in funzione dell’altezza stabilita, fornisce il
livello di rigidezza richiesto al singolo profilato (K’).

Si riportano di seguito i valori della rigidezza (K’) corrispondenti ai vari profili metallici (rela-
tivamente ad un solo piedritto), per varie altezze.

Software 56
3. Realizzazione di nuove aperture  Software
Tab. 3.1 – Valori della rigidezza K (KN/cm)
IPE
80 100 120 140 160 180 200 220 240 270 300 330 360 400
J (cm )
X
4
80,1 171 318 541 869 1317 1943 2772 3892 5790 8356 11770 16270 23130
H (m)
1,4 7,4 15,7 29,2 49,7 79,8 120,9 178,4 254,6 357,4 531,7 767,4 1080,9 1494,2 2124,2
1,5 6,0 12,8 23,7 40,4 64,9 98,3 145,1 207,0 290,6 432,3 623,9 878,8 1214,8 1727,0
1,6 4,9 10,5 19,6 33,3 53,5 81,0 119,5 170,5 239,4 356,2 515,1 724,1 1001,0 1423,0
1,7 4,1 8,8 16,3 27,7 44,6 67,6 99,7 142,2 199,6 297,0 428,6 603,7 834,5 1186,4
1,8 3,5 7,4 13,7 23,4 37,5 56,9 84,0 119,8 168,2 250,2 361,1 508,6 703,0 999,4
1,9 2,9 6,3 11,7 19,9 31,9 48,4 71,4 101,8 143,0 212,7 307,0 432,4 597,8 849,8
2,0 2,5 5,4 10,0 17,0 27,4 41,5 61,2 87,3 122,6 182,4 263,2 370,8 512,5 728,6
2,1 2,2 4,7 8,7 14,7 23,6 35,8 52,9 75,4 105,9 157,6 227,4 320,3 442,7 629,4
2,2 1,9 4,0 7,5 12,8 20,6 31,2 46,0 65,6 92,1 137,0 197,8 278,6 385,1 547,4
2,3 1,7 3,5 6,6 11,2 18,0 27,3 40,2 57,4 80,6 119,9 173,1 243,8 337,0 479,1
2,4 1,5 3,1 5,8 9,9 15,8 24,0 35,4 50,5 70,9 105,5 152,3 214,6 296,6 421,6
2,5 1,3 2,8 5,1 8,7 14,0 21,2 31,3 44,7 62,8 93,4 134,8 189,8 262,4 373,0
2,6 1,1 2,5 4,6 7,8 12,5 18,9 27,9 39,7 55,8 83,0 119,8 168,8 233,3 331,6
2,7 1,0 2,2 4,1 6,9 11,1 16,9 24,9 35,5 49,8 74,1 107,0 150,7 208,3 296,1

Tab. 3.2 – Valori della rigidezza K (KN/cm)


HEA
100 120 140 160 180 200 220 240 260 280 300 320 340 360
J (cm )
X
4
349 606 1033 1673 2510 3692 5410 7763 10455 13673 18263 22928 27693 33090
H (m)
1,4 32,1 55,7 94,9 153,6 230,5 339,1 496,8 712,9 960,2 1255,71677,2 2105,6 2543,2 3038,9
1,5 26,1 45,2 77,1 124,9 187,4 275,7 403,9 579,6 780,6 1020,91363,6 1712,0 2067,7 2470,7
1,6 21,5 37,3 63,6 102,9 154,4 227,1 332,8 477,6 643,2 841,2 1123,6 1410,6 1703,8 2035,8
1,7 17,9 31,1 53,0 85,8 128,7 189,4 277,5 392,2 536,3 701,3 936,8 1176,0 1420,4 1697,3
1,8 15,1 26,2 44,6 72,3 108,5 159,5 233,8 335,4 451,8 590,8 789,1 990,7 1196,6 1429,8
1,9 12,8 22,3 38,0 61,5 92,2 135,6 198,8 285,2 384,1 502,3 671,0 842,4 1017,4 1215,7
2,0 11,0 19,1 32,5 52,7 79,1 116,3 170,4 244,5 329,3 430,7 575,3 722,2 872,3 1042,3
2,1 9,5 16,5 28,1 45,5 68,3 100,5 147,2 211,2 284,5 372,1 497,0 623,9 753,6 900,4
2,2 8,3 14,3 24,4 39,6 59,4 87,4 128,0 183,7 247,4 323,6 432,2 542,6 655,4 783,1
2,3 7,2 12,6 21,4 34,7 52,0 76,5 112,1 160,8 216,5 283,2 378,3 474,9 573,6 685,4
2,4 6,4 11,0 18,8 30,5 45,8 67,3 98,6 141,5 190,6 249,2 332,9 418,0 504,8 603,2
2,5 5,6 9,8 16,7 27,0 40,5 59,5 87,3 125,2 168,6 220,5 294,5 369,8 446,6 533,7
2,6 5,0 8,7 14,8 24,0 36,0 52,9 77,6 111,3 149,9 196,0 261,9 328,7 397,1 474,4
2,7 4,5 7,8 13,2 21,4 32,1 47,3 69,3 99,4 133,9 175,1 233,8 293,5 354,6 423,6

Esempio 5
Facendo riferimento all’esempio 4 precedente, supponiamo di voler effettuare il rinforzo della
parete per mezzo di cerchiatura dei vani.

57 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Calcolo della rigidezza nello stato modificato


G t l h A E K
N/mm2 m m m m2 N/mm2 KN/m
1 350 0,48 1,5 2,3 0,72 1050 55232,7
2 350 0,48 1,2 2,3 0,58 1050 36152,1
2 350 0,48 1,3 2,3 0,62 1050 42327,2
RIGIDEZZA DELLA PARETE (KN/m) 133711,98

quindi:
Kmod = 133711,98 KN/m

La rigidezza richiesta al telaio metallico risulta essere:


KT = Kin – Kmod = 246010,73 – 133711,98 = 112298,75 KN/m
Supponendo di realizzare una cerchiatura per ciascuna delle due aperture, utilizzando, per cia-
scuna cerchiatura quattro piedritti tipo HEA (due per lato), si ha che ciascun piedritto deve poter
esplicare una rigidezza pari a:
K’ = KT/8 = 112298,75/8 = 14037,34375 KN/m = 140,37 KN/cm
Dalla tabella 3.2 risulta che, per un altezza di 2,3 m, un profilo HE240A ha una rigidezza pari
a 160,8 KN/cm e quindi è idoneo per ripristinare la perdita di rigidezza della parete.
Posizionando due profili accoppiati HE240A si occupa uno spessore di 48 cm.
Essendo lo spessore della muratura pari a 48 cm, risulta possibile l’inserimento di tale telaio
metallico all’interno del vano.
La luce netta dell'apertura diventa:
aN = 150 – 23 = 127 cm
Utilizzando invece un profilo della serie IPE, dalla tabella 3.1 quello che riesce a fornire la rigi-
dezza richiesta è l’IPE300 (173,1 KN/cm). Lo spessore occupato dal telaio è di 30 cm.
C'è da considerare però che l’apertura si riduce in misura maggiore rispetto al caso dell'utiliz-
zo del profilo HEA.
Infatti la luce netta dell’apertura diventa:
aN = 150 – 30 = 120 cm
La cerchiatura dovrà poi essere verificata nei confronti della resistenza.
In conclusione (fig. 3.4), la rigidezza finale (Kfin), dopo la realizzazione delle nuove aperture
(o la modifica di quelle esistenti) e la posa in opera delle eventuali cerchiature oppure degli even-
tuali rinforzi dei maschi murari, si calcola con:
Kfin = Kmod + KT = ∑Ki + ∑KTi (3.1.3)
dove:
Kmod è la rigidezza della sola muratura nello stato modificato, che si calcola con la stessa for-
mula usata per il calcolo della rigidezza iniziale, tenendo conto di eventuali variazioni dei

Software 58
3. Realizzazione di nuove aperture  Software
parametri meccanici della muratura a seguito di opere di consolidamento (iniezioni, rete
elettrosaldata e betoncino ecc.);
KT è la rigidezza delle cerchiature (telai). La rigidezza di ogni cerchiatura si calcola con la for-
mula 3.1.2 già vista.
Dal momento che l’intervento rientra nella tipologia di “Riparazione o intervento locale”
occorre dimostrare che la rigidezza dell’elemento variato non cambi significativamente e che la
resistenza e la capacità di deformazione, anche in campo plastico, non peggiorino ai fini del com-
portamento rispetto alle azioni orizzontali.
A proposito della rigidezza, la Regione Toscana, con il documento del 28 settembre 2009 pre-
disposto dall’Ufficio del Genio Civile Area Vasta (FI-PO-PT-AR) dal titolo “Orientamenti inter-
pretativi in merito a interventi locali o di riparazione in edifici esistenti” si è pronunciata circa
l’entità del termine “significativamente” quantificandolo in una percentuale di ± 15% rispetto alla
rigidezza iniziale; cioè, si accetta anche che la rigidezza finale possa essere inferiore rispetto a
quella iniziale al massimo del 15%. Allo stesso modo si invita a non esagerare con l’aumento di
rigidezza che potrebbe modificare eccessivamente il comportamento globale della struttura.
In sostanza, secondo l’interpretazione della Regione Toscana, affinché la verifica della rigi-
dezza possa dirsi soddisfatta, dovrà risultare:

0,85 · Kin ≤ Kfin ≤ 1,15 · Kin

Utilizzando questo criterio di verifica, la soluzione indicata nell’esempio 4 (rinforzo dei


maschi murari rimanenti con intonaco armato su ambo le facce della muratura) non sarebbe
ammissibile in quanto provoca un aumento della rigidezza (nello stato finale) di oltre il 15%
rispetto a quella iniziale.
Il criterio di verifica usato invece nell’esempio 5, è quello che prevede la reintegrazione tota-
le della rigidezza perduta; in questo caso, affinché la verifica della rigidezza possa dirsi soddisfat-
ta, dovrà risultare:

Kfin ≥ Kin

Ovviamente la scelta dell’uno o dell’altro criterio è prerogativa del progettista, in base anche
agli orientamenti del locale Genio Civile.
Il software allegato al volume consente di eseguire la verifica della rigidezza con entrambi i
criteri, con la possibilità anche di modificare liberamente le percentuali massime di decremento e
incremento della rigidezza finale rispetto a quella iniziale.

3.2. Verifica della resistenza


Analogamente a quanto detto per la rigidezza, anche per la resistenza occorre confrontare la
prestazione della parete nello stato iniziale (Vt,in) con quella nello stato modificato (Vt,mod).
La resistenza della parete all’azione tagliante si calcola secondo quanto riportato nel paragra-
fo 2.2 per mezzo della formula 2.2.1.
Nel calcolo della resistenza nello stato modificato (Vt,mod), si tiene conto anche di eventuali
opere di consolidamento della parete (iniezioni, intonaco armato ecc.) attraverso i coefficienti cor-
rettivi delle caratteristiche meccaniche della parete riportati in tab. 2.4.

59 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

La differenza Vt,in – Vt,mod è la prestazione aggiuntiva che deve essere fornita alla parete attra-
verso gli interventi di rinforzo mediante cerchiatura.
La verifica viene condotta calcolando la resistenza al taglio della parete prima (Vt,in) e dopo
l’intervento (Vt,fin) e verificando che la resistenza dopo l’intervento risulti superiore a quella che
la parete possedeva prima dell’intervento di miglioramento.

Vt,fin ≥ Vt,in

Occorre, per determinare la resistenza della parete, costruire le curve caratteristiche, sia nello
stato iniziale che in quello finale, tenendo conto anche dell’eventuale telaio metallico di cerchia-
tura. Per quanto riguarda il calcolo della resistenza della cerchiatura metallica si procede nel
seguente modo.
1. si calcola il momento al limite elastico (nella sezione di incastro) del telaio:

Mel = fyk * Wx,el / γm0

dove:
fyk = tensione caratteristica di snervamento dell’acciaio impiegato, ricavabile dalla
seguente tabella:

Tipo di acciaio
S235 S275 S355 S420 S460
N/mm2 N/mm2 N/mm2 N/mm2 N/mm2
fyk 235 275 355 420 460

– γm0 = 1,05 coeff. parziale di sicurezza;


– Wx,el = modulo di resistenza elastico della sezione;

2. si calcola il corrispondente spostamento “d” che determina il momento al limite elastico


(spostamento al limite elastico):

d = Mel * H2 / (6 * E * J)

3. si calcola la forza F che provoca lo spostamento “d”, nota la rigidezza KT del telaio:

F = d * KT

La curva caratteristica del telaio viene costruita in analogia a quanto avviene per i maschi
murari; di solito, per telai metallici, è sufficiente limitarsi al tratto elastico (fig. 3.5).

La resistenza complessiva della parete nello stato finale, comprensiva del contributo dei
maschi murari e del telaio metallico, si calcola in analogia a quanto fatto per lo stato iniziale (fig.
2.18) riportando, sul medesimo grafico, le curve caratteristiche dei maschi murari e del o dei telai
metallici (fig. 3.5).

Software 60
3. Realizzazione di nuove aperture  Software

Fig. 3.5

Esempio 6
In riferimento all’esempio 4 precedente, si effettua ora la verifica di resistenza.
Il carico agente in sommità della parete (dovuto al peso dei solai e della muratura sovrastante) vale:

p = 120 KN/m

STATO ATTUALE
Prima di calcolare il valore della resistenza a taglio della parete, occorre preliminarmente cal-
colare la tensione media verticale agente in ciascun maschio murario.
Si fa riferimento alla simbologia riportata in fig. 2.22.

Maschio 1
– Calcolo della tensione media verticale
Q1 = (2 + 2/2) m * 120 KN/m = 360 KN (peso dovuto al carico distribuito in sommità)
P1 = (2 + 2/2) m * 1 m * 0,48 m * 19 KN/m3 = 27,36 KN (peso della fascia di piano di com-
petenza)
G1 = (2 m * 0,48 m * 2,3 m/2) * 19 KN/m3 = 20,98 KN (peso di metà maschio murario)
N1 = Q1 + P1 + G1 = 360 + 27,36 + 20,98 = 408,34 KN

da cui:
σo,1 = N1/A1 = 408,34/(2 * 0,48) = 425,35 KN/m2

61 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

– Calcolo della resistenza a taglio

b = 1,15 in quanto h/l = 230/200 = 1,15


τo = 3,2 N/cm2 = 32 KN/m2

da cui:

Vt,1 = (2 * 0,48 * 1,5 * 32/1,15) * (1 + 425,35 / (1,5 * 32))^0,5 = 125,83 KN

Maschio 2
– Calcolo della tensione media verticale
Q2 = (3 + 2/2) * 120 = 480 KN (peso dovuto al carico distribuito in sommità)
P2 = (3 + 2/2) * 1 * 0,48 * 19 = 36,48 KN (peso della fascia di piano di competenza)
G2 = (3 * 0,48 * 2,3/2) * 19 = 31,46 KN (peso di metà maschio murario)
N2 = Q2 + P2 + G2 = 480 + 36,48 + 31,46 = 547,94 KN

da cui:
σo,2 = N2/A2 = 547,94/(3 * 0,48) = 380,5 KN/m2

– Calcolo della resistenza a taglio

b = 1 in quanto h/l = 230/300 = 0,77


τo = 3,2 N/cm2 = 32 KN/m2

da cui:
Vt,2 = (3 * 0,48 * 1,5 * 32/1) * (1 + 380,5/(1,5 * 32))^0,5 = 206,5 KN

Curve caratteristiche della parete

Maschio 1
K1 = 89032,2 KN/m
Vt,1 = 125,83 KN
δe,1 = Vt,1/K1 = 125,83 * 1000/89032,2 = 1,4 mm

Maschio 2
K2 = 156978,6 KN/m
Vt,2 = 206,5 KN
δe,2 = Vt,2/K2 = 206,5 * 1000/156978,6 = 1,3 mm

Software 62
3. Realizzazione di nuove aperture  Software
I due maschi murari raggiungono il taglio ultimo con la stessa deformazione, cosicché la resi-
stenza della parete è data dalla somma delle resistenze dei due maschi murari:

Vt,in = 125,83 + 206,5 = 332,33 KN

STATO MODIFICATO
Prima di calcolare il valore della resistenza a taglio della parete, occorre preliminarmente cal-
colare la tensione media verticale agente in ciascun maschio murario.
Si fa riferimento alla simbologia riportata in fig. 2.22.

Maschio 1
– Calcolo della tensione media verticale
Q1 = (1,5 + 1,5/2) * 120 = 270 KN (peso dovuto al carico distribuito in sommità)
P1 = (1,5 + 1,5/2) * 1 * 0,54 * 19,7 = 23,93 KN (peso della fascia di piano di competenza)
G1 = (1,5 * 0,54 * 2,3/2) * 19,7 = 18,35 KN (peso di metà maschio murario)
N1 = Q1 + P1 + G1 = 270 + 23,93 + 18,35 = 312,28 KN

da cui:
σo,1 = N1/A1 = 312,28/(1,5 * 0,54) = 385,53 KN/m2

– Calcolo della resistenza a taglio

b = 1,5 in quanto h/l = 230/150 = 1,53


τo = 80 KN/m2

da cui:

Vt,1 = (1,5 * 0,54 * 1,5 * 80/1,5) * (1 + 385,53/(1,5 * 80))^0,5 = 133 KN

Maschio 2
– Calcolo della tensione media verticale
Q2 = (1,2 + 1,5) * 120 = 324 KN (peso dovuto al carico distribuito in sommità)
P2 = (1,2 + 1,5) * 1 * 0,54 * 19,7 = 28,72 KN (peso della fascia di piano di competenza)
G2 = (1,2 * 0,54 * 2,3/2) * 19,7 = 14,68 KN (peso di metà maschio murario)
N2 = Q2 + P2 + G2 = 324 + 28,72 + 14,68 = 367,4 KN

da cui:

σo,2 = N2/A2 = 367,4/(1,2 * 0,54) = 566,98 KN/m2

63 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

– Calcolo della resistenza a taglio

b = 1,5 in quanto h/l = 230/120 = 1,9


τo = 80 KN/m2

da cui:
Vt,2 = (1,2 * 0,54 * 1,5 * 80/1,5) * (1 + 566,98/(1,5 * 80))^0,5 = 124,04 KN

Maschio 3
– Calcolo della tensione media verticale
Q3 = (1,3 + 1,5/2) * 120 = 246 KN (peso dovuto al carico distribuito in sommità)
P3 = (1,3 + 1,5/2) * 1 * 0,54 * 19,7 = 21,81 KN (peso della fascia di piano di competenza)
G3 = (1,3 * 0,54 * 2,3/2) * 19,7 = 15,90 KN (peso di metà maschio murario)
N3 = Q3 + P3 + G3 = 246 + 21,81 + 15,90 = 283,71 KN

da cui:
σo,3 = N3/A3 = 283,71/(1,3 * 0,54) = 404,14 KN/m2

– Calcolo della resistenza a taglio

b = 1,5 in quanto h/l = 230/130 = 1,77


τo = 80 KN/m2

da cui:
Vt,3 = (1,3 * 0,54 * 1,5 * 80/1,5) * (1 + 404,14/(1,5 * 80))^0,5 = 117,37 KN

– Curve caratteristiche della parete


Maschio 1
K1 = 155341,8 KN/m
Vt,1 = 133 KN
δe,1 = Vt,1/K1 = 133 * 1000/155341,8 = 0,86 mm
Maschio 2
K2 = 101677,9 KN/m
Vt,2 = 124,04 KN
δe,2 = Vt,2/K2 = 124,04 * 1000/101677,9 = 1,22 mm
Maschio 3
K3 = 119045,2 KN/m
Vt,3 = 117,37 KN
δe,3 = Vt,3/K3 = 117,37 * 1000/119045,2 = 0,99 mm

Software 64
3. Realizzazione di nuove aperture  Software
Considerando un fattore di duttilità pari a 2, al raggiungimento dello spostamento limite ulti-
mo per il maschio 1 pari a δu,2 = 2 x δe,2 = 2,74 mm, gli altri due maschi sono in fase plastica e
quindi vengono sfruttate appieno le resistenze di ciascuno, pervenendo così alla resistenza ultima
a taglio attraverso la seguente espressione:
Vt,fin = Vt,1 + Vt,2 + Vt,3 = 133 + 124,04 + 117,37 = 374,41 KN

La verifica di resistenza risulta quindi soddisfatta in quanto:

Vt,fin = 374,41 KN > Vt,in = 332,33 KN

3.3. Posizione dell’apertura nella parete


La realizzazione, a posteriori, di aperture di vani in pareti portanti, che ne sono sprovviste, deter-
mina, come già visto, una “lacuna funzionale” per la parete che deve essere quindi reintegrata.
Come noto, per costruzioni ubicate in zona sismica, la normativa impone che la parete, inde-
bolita per la realizzazione della apertura, sia adeguatamente rinforzata per raggiungere i livelli di
resistenza al taglio e di rigidezza alle azioni orizzontali che possedeva prima della realizzazione
del vano stesso. Occorre perciò reintegrare la lacuna funzionale che si è venuta a creare per effet-
to della realizzazione della apertura.
Come detto in precedenza, l’entità del rinforzo da applicare per ripristinare le condizioni ori-
ginarie, dipende anche dalla posizione dell’apertura all’interno della parete. Questo fatto implica
anche costi diversi per l’intervento.
Nel presente paragrafo si vuole infatti mettere in evidenza il rapporto tra rigidezza della pare-
te forata e posizione del foro, per varie geometrie di parete e per vari materiali costituenti la pare-
te stessa.
Per ciascuna tipologia di parete, si sono poi studiati due possibili interventi di rinforzo per
ripristinare sia la resistenza che la rigidezza della parete. Il primo intervento prevede la realizza-
zione di una cerchiatura del vano mediante un telaio metallico realizzato con profilati HEA men-
tre il secondo riguarda la realizzazione di due paretine in cemento armato dello spessore di 3 cm
sulle due superfici della parete, armate con rete elettrosaldata e con collegamenti tra le due pare-
tine per mezzo di perforazioni ed inserimento di barre in acciaio.

h
h

l l1 a l2

Fig. 3.6 – Stato iniziale Fig. 3.7 – Stato finale

65 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Tab. 3.3

Tab. 3.4

Software 66
3. Realizzazione di nuove aperture  Software

Fig. 3.8a

Fig. 3.8b

I grafici che seguono danno il valore della rigidezza K (espressa in KN/m) della parete forata
in funzione della posizione del foro, individuata dalla distanza “l1”, per murature in pietrame e
mattoni dello spessore di 30 e 75 cm con H = 3 m e h = 2,2 m, valutata per L = 5 m, a = 1 m e per
L = 7 m, a = 2 m.
Per quanto riguarda i parametri meccanici delle murature, sono stati assunti quelli previsti dalla
circolare del Ministero dei lavori pubblici 30 luglio 1981, n. 21745, cioè:
– per la muratura in pietra: G = 77000 KN/m2;
– per la muratura in mattoni pieni: G = 132000 KN/m2.

67 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Dai grafici riportati nelle figure 3.8a e 3.8b, si può notare come la rigidezza della parete fora-
ta dipenda anche dalla posizione del foro; anche se l’entità di tale variazione non è in percentuale
molto elevata, può spesso comportare, nel caso di inserimento di telaio metallico, la scelta di un
profilato di una serie superiore.
Considerando un costo di 90 €/m2 per la realizzazione delle paretine in cemento armato da 3
cm. (comprensivo di rimozione intonaco, esecuzione paretina in c.a., collegamento tra le armatu-
re in ragione di 5 collegamenti al m2, ripristino intonaco) e di 8 €/Kg per la realizzazione di cer-
chiatura del vano con profilati metallici (comprensivo di saldature in opera, ancoraggio alla
muratura con zanche e resina) si ha la valutazione dei costi di cui alla tabella seguente.

Tab. 3.5

I risultati indicano che, per i tipi di pareti analizzate, è conveniente eseguire il miglioramento
di cui alle norme tecniche per le costruzioni in zona sismica, mediante cerchiatura del vano con
profilato metallico per muri in pietrame di piccolo spessore (30 cm), mentre per muri in mattoni
pieni di grande spessore (75 cm) è più conveniente impiegare per il rinforzo due lastre in c.a. dello
spessore di 3 cm, collegate tra loro.
In sostanza la valutazione in termini funzionali di ciascun tipo di intervento, consente di
migliorare la qualità delle funzioni e di ottimizzarne quindi il costo.

3.4. Rinforzo dei maschi murari con FRP


Il rinforzo delle strutture murarie mediante materiali compositi FRP (FRP = Fiber Reinforced
Polymer) sta suscitando, negli ultimi anni, un sempre maggiore interesse per la loro efficacia, rapi-
dità di esecuzione, bassa invasività. Si notano infatti, numerose applicazioni soprattutto nel setto-
re delle opere di valore architettonico e monumentale proprio per le loro caratteristiche sopra
ricordate. Il rinforzo con FRP ha inoltre il pregio di non stravolgere il comportamento strutturale
d’insieme, limitandosi invece ad intervenire quando necessario (ad esempio in caso di sisma).

Software 68
3. Realizzazione di nuove aperture  Software
Le nuove norme tecniche per le costruzioni hanno posto attenzione a tali materiali, nuovi per
il settore dell’edilizia.
Il documento tecnico cui fare riferimento per la progettazione ed esecuzione di rinforzi con
materiali compositi, sono le Istruzioni CNR DT 200/2004 [7] a cui l’Ordinanza n. 3274 rimanda
in caso di interventi dove si faccia uso materiali compositi, essenzialmente fibre di carbonio,
vetro, aramide.
I pannelli di muratura possono essere rinforzati con FRP allo scopo di incrementarne la por-
tanza o la duttilità nei confronti di azioni fuori dal piano ovvero di azioni nel piano del pannello
(punto 5.4.1 DT 200).
In particolare, per le azioni fuori dal piano del pannello murario (fig. 3.9), sono molto efficaci
gli interventi fatti con fasciature in FRP al livello dei solai (fig. 3.10) che impediscono il ribalta-
mento della parete, contrastando il meccanismo di collasso indicato in figura 3.9.

Fig. 3.9

Fig. 3.10
(archivio Maxfor s.r.l. – Quarto d’Altino – VE)

69 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Nel nostro caso invece, assume notevole importanza la valutazione dei sistemi di rinforzo
con FRP per le azioni nel piano del pannello murario, azioni indotte essenzialmente dal sisma e
che possono provocare, come detto in precedenza, crisi dei maschi murari per pressoflessione o
per taglio.
Il rinforzo a pressoflessione consiste essenzialmente nella applicazione di nastri in FRP, spes-
so di carbonio (CFRP), disposti in direzione verticale agli estremi del maschio murario, cioè nelle
zone tese. È bene che tali rinforzi siano disposti simmetricamente sulle due facce della muratura.
Il rinforzo a taglio si ottiene invece disponendo i nastri parallelamente ai ricorsi di malta
(fig. 3.14), ossia in direzione della forza tagliante, in modo da innescare un meccanismo resisten-
te costituito da un traliccio con elementi compressi di muratura ed elementi tesi in FRP.
Un altro modo per ottenere il rinforzo a taglio è quello di disporre i nastri in FRP secondo le
diagonali del pannello murario (fig. 3.11, 3.12, 3.13).
È buona norma però prevedere sempre anche il rinforzo a flessione.
Tali sistemi di rinforzo sono anche suggeriti per edifici a carattere storico artistico dalle appo-
site linee guida del Ministero per i Beni Culturali [8].
I nastri vengono applicati sulla muratura previa realizzazione di appositi “binari” in malta
fibrorinforzata (spessore circa 1-2 cm, larghezza dipendente dalla larghezza del nastro, 10-20 cm)
ad alto potere adesivo sui quali poi vengono incollati i tessuti in composito.

Si riporta di seguito un estratto della tabella presente del DT200/2004, riportante un confron-
to indicativo tra le proprietà delle fibre di rinforzo e dell’acciaio da costruzione.

Tab. 3.6

dove:
E = modulo di elasticità normale;
σr = resistenza di rottura a trazione;
εr = deformazione a rottura;
α = coefficiente di dilatazione termica;
ρ = densità.

Software 70
3. Realizzazione di nuove aperture  Software

Fig. 3.11
(archivio Maxfor s.r.l. – Quarto d’Altino – VE)

Fig 3.12
(archivio Maxfor s.r.l. – Quarto d’Altino – VE)

Anche se la norma considera, per edifici esistenti e per azioni nel piano del pannello, esclusi-
vamente la crisi per taglio, è comunque buona regola tener conto che, specie nei maschi murari
snelli, la crisi per pressoflessione potrebbe anticipare quella per taglio.

71 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Pertanto è conveniente disporre, oltre al rinforzo a taglio, anche un presidio contro la crisi per
pressoflessione.

Fig. 3.13
(archivio Maxfor s.r.l. – Quarto d’Altino – VE)

Il DT 200 [7] fornisce indicazioni circa i metodi per calcolare la resistenza a pressoflessione
ed a taglio nel piano del pannello murario rinforzato per mezzo di strisce di materiale composito.
Di seguito se ne riportano i contenuti.

Pressoflessione nel piano


Allo scopo di incrementare la portanza a pressoflessione nel piano dei pannelli murari, si può
prevedere l’applicazione di rinforzi di FRP verticali disposti simmetricamente sulle due superfici
esterne del pannello, in zona tesa. Tali rinforzi di FRP, salvo diverso provvedimento, devono esse-
re opportunamente ancorati rispetto alle sezioni di estremità del pannello.
In forma semplificata, ipotizzando che, a seguito della deformazione, la generica sezione del
pannello murario si conservi sostanzialmente piana, la verifica a pressoflessione nel piano può
essere condotta assumendo un diagramma costante delle tensioni di compressione nella muratu-
ra, pari a 0.85 fmd, ed esteso su una porzione di sezione profonda 0.6 ÷ 0.8 x, essendo x la distan-
za dell’asse neutro dall’estremo lembo compresso...

Taglio
La resistenza a taglio di un pannello murario consolidato per il tramite di un sistema di rin-
forzi applicati simmetricamente sulle due superfici esterne deriva dalla combinazione di due mec-
canismi resistenti: da un lato, in presenza di compressione, la muratura trasmette taglio per
attrito, dall’altro la presenza degli elementi resistenti a trazione attiva nel pannello un traliccio
reticolare che trasmette taglio per equilibrio interno.
Di norma l’incremento della resistenza a taglio del pannello richiede che siano disposti sulla
parete sia rinforzi capaci di assorbire la trazione generata dalla flessione, sia rinforzi disposti
nella direzione del taglio, atti a generare il comportamento a traliccio. In caso di assenza di rin-

Software 72
3. Realizzazione di nuove aperture  Software
forzi di FRP disposti per la pressoflessione, il rinforzo del pannello a taglio può essere ottenuto
applicando i rinforzi secondo le diagonali del pannello.
Qualora sia garantita la formazione del traliccio resistente, la resistenza di progetto a taglio
della muratura rinforzata, VRd, è calcolata come somma dei contributi della muratura, VRd,m, e del
rinforzo di FRP, VRd,f, fino al valore limite VRd,max che provoca la rottura delle bielle compresse del
traliccio:

Vrd,m = min{VRd,m+VRd,f,VRd,max}

Nel caso in cui il rinforzo a taglio sia disposto parallelamente ai corsi di malta, i contributi
sopra definiti possono essere valutati come segue:

VRd,m = d · t · fvd/γRd

VRd,f = 0,6 · d · Afw · ffd/(γRd · pf)

essendo:
– γRd il coefficiente parziale da assumersi pari a 1.20,
– d la distanza tra il lembo compresso e il baricentro del rinforzo a flessione,
– t lo spessore della parete,
– fvd la resistenza di progetto a taglio della muratura pari a fvk/γM,
– Afw l’area del rinforzo a taglio disposta in direzione parallela alla forza di taglio, con passo
pf misurato ortogonalmente alla direzione della forza di taglio,
– ffd la resistenza di progetto del rinforzo di FRP, definita come il minimo tra la tensione di rot-
tura del composito e la tensione nel composito alla quale si ha la decoesione dalla muratura.
Il valore del coefficiente parziale per la muratura, γM, deve essere fissato in accordo con la
Normativa vigente; quello relativo al modello di resistenza, γRd, nel caso del taglio, è pari a 1.20.
La massima resistenza a taglio del pannello murario, VRd,max, corrispondente allo stato limite
di compressione delle diagonali del traliccio vale:

VRd,max = 0.3 · fmdh · t · d,

dove:
fmdh è la resistenza a compressione di progetto della muratura nella direzione dell’azione agen-
te, cioè parallela ai letti di malta;
h
fmd può assumersi orientativamente pari al 50% della resistenza a compressione verticale.

Nel caso di parete rinforzata con soli elementi longitudinali atti ad assorbire la trazione gene-
rata dalla flessione, l’incremento di resistenza a taglio prodotto dall’incremento della risultante
di compressione agente sulla muratura, può essere calcolato determinando il valore della resi-
stenza fvk associata alla compressione media, comprensiva di quella dovuta alla flessione, agente
sulla muratura.

73 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Fig. 3.14

I nastri di tessuto in fibra di carbonio è bene che siano disposti su entrambe le superfici del
pannello murario; è necessario poi collegare fra loro i nastri posizionati sulle superfici opposte
attraverso opportuni connettori, ad esempio il connettore Armogrip in fibra aramidica della Max-
for dotato alle estremità di una particolare sfioccatura che viene ripiegata ed incollata sulla super-
ficie del nastro da collegare (fig. 3.15).
In questo modo si assicura la completa collaborazione del rinforzo con il pannello in muratura.

Fig. 3.15

Software 74
3. Realizzazione di nuove aperture  Software
Sperimentazioni condotte presso il Laboratorio di Scienza delle Costruzioni dell’Università
IUAV di Venezia, hanno dimostrato l’efficacia di tale sistema di rinforzo ed in particolare è stato
evidenziato il positivo contributo del connettore (in questo caso il connettore Armogrip) nella valu-
tazione della massima forza di distacco (Fmax,c) sopportabile dal nastro in composito. Infatti la ten-
sione di lavoro del nastro è limitata dai fenomeni di delaminazione tra nastro in FRP e muratura.
La forza massima di distacco senza connettore si calcola con:
Fmax = bf(2EftfΓ)1/2
Nel caso invece di presenza di connettore si ha:
Fmax,c = (N02 + 2bf2EftfΓFk)1/2
dove:
N0 è il contributo del connettore;
bf e tf sono la larghezza e lo spessore del rinforzo;
Ef è il modulo elastico del rinforzo;
ΓFk è l’energia specifica di frattura del legame di aderenza rinforzo-muratura calcolabile come:

ΓFk = c1(fmkfmtm)1/2

dove:
c1 è un coefficiente che in mancanza di dati dati sperimentali può essere assunto pari a 0,015;
fmk è la resistenza caratteristica a compressione della muratura (N/mm2);
fmtm è la resistenza media a trazione della muratura che può essere assunta pari al 10% di fmk.

La forza massima di progetto per delaminazione si ottiene applicando il coefficiente parzia-


le 1,2:
Fd,c = Fmax,c/1,2

Esempio 7
Si considera un pannello in muratura in blocchi lapidei squadrati, avente le seguenti caratteri-
stiche.

fm = 400 N/cm2 = 4 N/mm2


τo = 9,2 N/cm2 = 92 KN/m2
E = 2820 N/mm2

Supponiamo:
h = 2,3 m
l = 1,9 m
t = 0,5 m
σo = 350 KN/m2

Senza rinforzo
Calcolo della resistenza a taglio.

75 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

h/l = 2,3/1,9 = 1,21 m da cui b = 1,21


Vt = 1,9 * 0,5 * (1,5 * 92/1,21) * (1+350/(1,5 * 92))^0,5 = 203 KN

La tensione ultima a taglio risulta essere:


fvd = Vt/(l * t) = 203/(1,9 * 0,5) = 213 KN/m2

Con rinforzo
Supponiamo di rinforzare la parete con nastro in tessuto di carbonio avente le seguenti carat-
teristiche (fig. 3.14):
bf = 100 mm
tf = 0,18 mm
d = 1,7 m
Ef = 235GPa = 235000 N/mm2
ffk = 3530 MPa
pf = 300 mm

Il nastro è disposto sulle due facce della muratura, parallelamente ai corsi di malta.
Per il collegamento trasversale dei nastri, si utilizza un connettore con:
N0 = 30 KN
energia specifica di frattura:
ΓFk = c1(fmk * fmtm)1/2 = 0,015 * (4 * 0,1 * 4)^0,5 = 0,019 N/mm2

forza massima di distacco per delaminazione (in presenza di connettore):


Fmax,c = (N02 + 2bf2EftfΓFk)1/2 = (30000^2 + 2 * 100^2 * 235000 * 0,18 * 0,019)^0,5 = 30 KN
per cui, la tensione massima di lavoro del nastro in FRP risulta essere:
ffdd = Fmax,c/(1,2Afw) = 30000/(1,2 * 100 * 0,18) = 1389 N/mm2
Il valore resistenza a taglio del pannello rinforzato è il minimo tra due quantità.
La prima è data dalla somma tra il contributo della muratura (VRd,m) e quello del rinforzo in
FRP (VRd,f); la seconda è data dal valore limite della resistenza per rottura delle bielle compresse
di muratura (VRd,max), generate dal comportamento a traliccio del sistema.
VRd = min {VRd,m + VRd,f ,VRd,max}

dove:
VRd,m = d · t · fvd/γRd = 1,7 * 0,5 * 213/1,2 = 151 KN
VRd,f = 0,6 · d · Afw · ffd/(γRd pf) = 0,6 * 1700 * (18 * 2) * 1389/(1,2 * 300) = 141678 N = 142 KN
VRd,max = 0,3 · fmdh · t · d = 0,3 * (0,5 * 4000 * 0,5 * 1,7) = 510 KN

Software 76
3. Realizzazione di nuove aperture  Software
pertanto:
VRd = min{151 + 142 ; 510} = 293 KN
Risulta quindi un incremento di resistenza, rispetto allo stato non rinforzato, di 90 KN pari al
44% del valore iniziale.

3.5. Rinforzo dei maschi murari con tecniche tradizionali


La circolare 30 luglio 1981, n. 21745 “Istruzioni relative alla normativa tecnica per la ripa-
razione ed il rafforzamento degli edifici in muratura danneggiati dal sisma”, riporta chiaramente
i dettagli esecutivi e le indicazioni generali per gli interventi di rinforzo e consolidamento delle
murature. Tali indicazioni sono riprese dalle nuove NTC e dalla relativa Circolare n. 617/CSLLPP
del 2 febbraio 2009 (punto C8A.5.6).
a) Iniezioni di miscele leganti
Con tale provvedimento si tende a migliorare le caratteristiche meccaniche della muratura.
L’intervento risulta essere poco invasivo e quindi adatto anche per edifici con caratteristiche sto-
riche e architettoniche. Occorre fare attenzione alla capacità “assorbente” della muratura ossia alla
percentuale di vuoti presente nel corpo murario che deve essere preliminarmente valutata al fine
di individuare con correttezza l’interasse dei fori da praticare per saturare in maniera ottimale la
muratura e quindi rendere efficace l’intervento.
È quindi conveniente eseguire preliminarmente una prova di iniezione della muratura.
Con la metodologia comunemente usata per i consolidamenti ad iniezione si esegue un test su
una porzione muraria, generalmente corrispondente ad 1 m2. di parete, sulla quale si praticano 5
fori sino ad una profondità pari al 75% dello spessore murario ove si fissano appositi cannelli di
imbocco; praticamente si misura la quantità effettiva di miscela assorbita da un campione di mura-
tura al fine di verificare l’efficacia del metodo di consolidamento e preventivare quantità e costi.
La prova di iniettabilità si presta a controlli diagnostici pre- e post-consolidamento, con analisi
microsismiche o prove di carico.

Fig. 3.16 – Schema prova di iniezione


(Tecno Futur Service s.r.l. – Modena)

77 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

La miscela da iniettare deve possedere le seguenti proprietà:


– buona fluidità;
– buona stabilità;
– tempo di presa opportuno;
– adeguata resistenza;
– minimo ritiro.

La tecnica operativa si può suddividere nelle seguenti fasi lavorative:


1. definizione del passo delle forature, (effettuato in base alle risultanze della prova di iniet-
tabilità) con disposizione dei fori a quinconce (in genere 2-5 fori per m2);
2. asportazione intonaco lesionato e stuccatura delle lesioni per evitare la fuoriuscita di malta;
3. esecuzione dei fori (fino ad un diametro di 40 mm) con sonde rotative per creare ridotte
vibrazioni alla struttura;
4. posizionamento nei fori degli ugelli di iniezione e successiva sigillatura con malta cemen-
tizia;
5. lavaggio preliminare del corpo della muratura mediante iniezione di acqua a bassa pressione;
6. iniezione vera e propria della miscela, a pressione dipendente dalla situazione della mura-
tura (in genere 2-4 atm), iniziando dalle zone più in basso e procedendo verso l’alto.

Fig. 3.17 – Iniezioni di miscele consolidanti


(Archivio Maxfor s.r.l – Quarto d’Altino – VE)

Le miscele possono essere a base di legante cementizio, di calce e pozzolana, di resina epos-
sidica. In particolare le miscele di calce e pozzolana ben si prestano ad un uso su edifici storici
vista la loro compatibilità con i materiali tradizionali.

b) Iniezioni armate
Quando si vuole dotare la muratura di una certa resistenza a trazione e a taglio, si può ricorre-
re alla tecnica delle perforazioni armate, che, a differenza delle iniezioni semplici, migliora le
caratteristiche globali della struttura, potendo agire anche sui collegamenti tra murature e oriz-
zontamenti e tra murature e murature ortogonali, favorendo il comportamento scatolare dell’edifi-
cio, sempre auspicato.

Software 78
3. Realizzazione di nuove aperture  Software

Fig. 3.18 – Iniezioni armate


(consolidamento fondazioni)

In sostanza la tecnologia di esecuzione è la stessa delle iniezioni semplici, salvo il fatto del-
l’introduzione di barre di vario diametro e materiale (acciaio, acciaio zincato, composito ..), all’in-
terno dei fori. Essenziale è che la malta di sigillatura sia a ritiro compensato per non inficiare il
risultato finale.
I fori generalmente vanno a costituire un reticolo con inclinazioni a 45° alternate con lun-
ghezze e disposizioni da valutarsi caso per caso.
Tale tecnica è molto efficace per migliorare i collegamenti tra le pareti ortogonali.

c) Intonaco armato
Si tratta della esecuzione, su entrambe le facce della muratura, di fodere in calcestruzzo (con
inerti di piccolo diametro = betoncino) armate con reti elettrosaldate, collegate tra loro mediante
barre passanti (diam. 4-8 mm) in ragione di 6-8 barre ogni metro quadrato in modo da garantire la
collaborazione tra le paretine (spessore 3-5 cm) così realizzate e la muratura esistente.
Si tratta di un intervento decisamente invasivo, quindi non applicabile ad edifici storici, a meno
che le condizioni del dissesto non ne giustifichino l’impiego.
Occorre curare con attenzione il collegamento delle reti elettrosaldate con la fondazione e con
i solai. L’estensione su grande scala di questo tipo di intervento può comportare un forte aumento
dei carichi oltre che una modifica sostanziale della rigidezza dell’edificio. Per questo l’intervento
può essere utilizzato per ricalibrare, cercandone la coincidenza, la posizione del baricentro delle
masse e quello delle rigidezze dell’intero fabbricato.
La tecnologia di esecuzione è la seguente.
1. messa a nudo della muratura e lavaggio preliminare;
2. sigillatura di tutte le lesioni;
3. posa in opera delle reti elettrosaldate sulle due facce della muratura;
4. foratura della parete e posa in opera di barre per il collegamento trasversale, opportuna-
mente risvoltate sulle reti elettrosaldate;

79 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

5. posa di distanziatori (2 cm) tra parete e reti elettrosaldate;


6. iniezione dei fori di collegamento e getto delle paretine (previo lavaggio della parete).

Fig. 3.19 – Intonaco armato – pianta

d) Diatoni artificiali
Si tratta di elementi in calcestruzzo armato con barre tradizionali o in composito oppure mas-
selli in pietra naturale o in elementi metallici da inserire in fori opportunamente eseguiti con mac-
chine carotatrici. Il sistema può realizzare un efficace collegamento tra i paramenti murari
(specialmente nel caso di murature a sacco), evitando il distacco di uno di essi o l’innesco di feno-
meni di instabilità per compressione.
L’intervento conferisce alla parete un comportamento monolitico nei confronti delle azioni
ortogonali al proprio piano.
Nel caso di paramenti eccessivamente degradati è opportuno, prima di effettuare tale interven-
to, bonificare i paramenti mediante iniezioni di malta e ristilatura dei giunti.
Per porzioni di muratura limitate, si possono adoperare, in sostituzione dei diatoni artificiali, i
tirantini antiespulsivi, costituiti da sottili barre trasversali imbullonate con rondelle sui paramen-
ti; una leggera presollecitazione dei tirantini può contrastare efficaciemente i rigonfiamenti per
distacco dei paramenti.
Tirantature diffuse, disposte nelle tre direzioni ortogonali, migliorano la monoliticità del corpo
murario, incrementandone la resistenza a taglio e flessione sia nel piano che fuori dal piano.

Fig. 3.20 – Diatoni artificiali – pianta

Software 80
 Software
Capitolo 4
Verifica del telaio metallico di cerchiatura e dell’architrave

Il telaio metallico, i relativi collegamenti e l’eventuale architrave devono essere verificati agli
SLU e SLE rispetto a quanto previsto dalle NTC 2008.
In sintesi, le verifiche da effettuare sul telaio metallico sono:
1. resistenza delle membrature;
2. deformabilità del traverso;
3. collegamento saldato tra piedritto e traverso superiore o inferiore;
4. collegamento saldato tra piedritto e piastra di base;
5. giunto di base.
La verifica di stabilità flesso torsionale può, generalmente, essere omessa perché le ali dei pro-
filati sono di solito collegate efficacemente alla muratura adiacente per mezzo di barre d’acciaio
inghisate nella muratura stessa (fig. 4.1); in questo modo, l’ala compressa è vincolata alla mura-
tura che quindi ne contrasta efficacemente gli spostamenti e le rotazioni, costituendo quindi un
valido vincolo rispetto all’instabilità flesso torsionale.

Fig. 4.1

Nel caso in cui siano presenti i cordoli di piano in c.a. come in fig. 4.1, allora si potrà optare
per una cerchiatura dove il traverso inferiore è costituito dal cordolo stesso; in questo caso i pie-
dritti saranno vincolati al cordolo mediante piastra in acciaio e tirafondi in modo da realizzare un

81 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

vincolo ad incastro. Nel caso invece di assenza del cordolo in c.a., si provvederà a realizzare una
cerchiatura mediante telaio chiuso in acciaio, quindi anche con traverso inferiore in acciaio.
Per quanto riguarda, invece, le verifiche da effettuare sull’architrave, si ha:
1. resistenza delle membrature;
2. deformabilità dell’architrave;
3. verifica della muratura per carichi concentrati (tensioni sull’appoggio).

4.1. Classificazione delle sezioni


Per eseguire le verifiche è necessario, preliminarmente, procedere alla classificazione delle
sezioni dei profili da impiegare secondo quanto riportato al punto 4.2.3.1 delle NTC 2008.
La classe di un profilo, che dipende dalla snellezza dei suoi componenti (ala e anima) e dal
tipo di acciaio, indica la sua capacità di plasticizzare (capacità rotazionale): i profili apparte-
nenti alle classi 1 e 2 sono in grado di sviluppare il momento plastico e sono dette “compatte”;
viceversa, i profili appartenenti alle classi 3 e 4 non riescono a raggiungere il momento plasti-
co perché intervengono fenomeni di instabilità locali; sono dette rispettivamente “moderata-
mente snelle” e “snelle”.
Generalmente, dal momento che usualmente si impiegano profili tipo IPE o HE, ci si trova ad
utilizzare sezioni di tipo compatto ossia di classe 1 o 2.

La classe di un profilo, ad esempio IPE o HE si stabilisce a partire dalla classe dei suoi com-
ponenti compressi (anima e ala), per i quali occorre calcolare la snellezza, intesa come rapporto
tra lunghezza e spessore:
– per l’anima: cw/tw;
– per l’ala: cf/tf.

I valori della snellezza così ottenuti si confrontano con i limiti imposti dalle norme (punto
4.2.3.1. NTC 2008) e quindi è agevole attribuire la classe di appartenenza.

cf

tf

tw

cw

Software 82
4. Verifica del telaio metallico di cerchiatura e dell’architrave  Software
Classe Elemento Flessione Compressione
anima cw/tw ≤ 72 ε cw/tw ≤ 33 ε
1
ala cf/tf ≤ 9 ε cf/tf ≤ 9 ε
anima cw/tw ≤ 83 ε cw/tw ≤ 38 ε
2
ala cf/tf ≤ 10 ε cf/tf ≤ 10 ε
anima cw/tw ≤ 124 ε cw/tw ≤ 42 ε
3
ala cf/tf ≤ 14 ε cf/tf ≤ 14 ε

Tab. 4.1

La tabella 4.1. consente la classificazione delle sezioni per sollecitazioni separate di flessione
e di compressione; nella tabella il coefficiente ε vale: ε = √(235/fyk).
È possibile che anima e ala appartengano a classi diverse: in questo caso la classe del profilo
è la classe maggiore tra quella dell’anima e quella dell’ala.
Nel caso della presso flessione la determinazione della classe di appartenenza del profilo è leg-
germente più complessa: per quanto riguarda l’ala compressa si utilizza la tabella di cui sopra men-
tre per l’anima occorre calcolare la lunghezza della zona compressa come riportato di seguito.

Sezione plasticizzata (classe 1 o 2) Sezione in fase elastica (classe 3 o 4)

fyk fyk

t t
+
+
c

c c
c

-
-
fyk
fyk

(tensioni di compressioni positive) (tensioni di compressioni positive)

Per l’ala del profilato, essendo compressa, può essere classificata mediante le regole riportate
in tab. 4.1.; per l’anima invece, occorre fare riferimento alla tabella 4.2 sotto riportata:

Classe Elemento Altezza zona compressa Pressoflessione


anima α > 0,5 cw/tw ≤ 396ε/(13α–1)
1
α ≤ 0,5 cw/tw ≤ 36ε/α
anima α > 0,5 cw/tw ≤ 456ε/(13α–1)
2
α ≤ 0,5 cw/tw ≤ 41,5ε/α
anima Ψ > –1 cw/tw ≤ 42ε/(0,67+0,33Ψ)
3
Ψ ≤ –1 cw/tw ≤ 62ε(1–Ψ)√(–Ψ)

Tab. 4.2

83 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Per determinare l’altezza della zona compressa dell’anima e quindi il coefficiente α o Ψ, nel
caso della sezione in fase elastica (coefficiente Ψ) basterà calcolare le tensioni di trazione e di
compressione dovute all’azione combinata di N ed M e poi fare il rapporto tra esse; nel caso inve-
ce della sezione in fase plastica (coefficiente α) si propone il seguente metodo.
fyk fyk

a
+
c N

c + +

x
M

- -

fyk fyk

Nota la sollecitazione di compressione N, l’altezza “x” della zona compressa plasticizzata del-
l’anima che deve equilibrare l’azione N vale:
x = N / (tw · fyk)
La restante parte compressa “a” dell’anima che deve equilibrare (insieme alla parte tesa) l’a-
zione flettente M vale:
a = (c-x) / 2
da cui, essendo:
α · c = a + x = (c – x) / 2 + x
si ricava:
α = [(c – x) / 2 + x] / c

4.2. Verifica del telaio

Calcolo delle sollecitazioni


q+g
Schema statico

FT pmax

C Jt E D

Jh Jh h

A B

Fig. 4.2

Software 84
4. Verifica del telaio metallico di cerchiatura e dell’architrave  Software
dove:
q = l’entità dei carichi variabili (KN/m) provenienti dal solaio sovrastante;
g = l’entità dei carichi permanenti (KN/m) provenienti dal solaio sovrastante;
pmax = è il peso del muro contenuto nel triangolo equilatero (KN/m);
FT = è la forza orizzontale che deve fornire il telaio, pari al massimo valore tra quello della forza
sismica orizzontale (FS) calcolata in riferimento alla zona e al carico verticale presente Q:

Q = (q + g) · l + pmax · l / 2

e il valore FT del contributo tagliante offerto dal telaio metallico all’interno della parete; di
solito, tra le due, prevale FT che si calcola come indicato in fig. 3.5 con:
FT = δu · KT se lo spostamento al limite elastico del telaio (d) è maggiore dello spostamen-
to ultimo della parete (δu); in caso contrario FT = F (F = forza tagliante in sommità del telaio
che produce il momento al limite elastico – par. 3.2).

A favore di sicurezza, si considera il carico lineare del solaio sovrastante agente sull’intera lun-
ghezza del traverso superiore (fig. 4.2) e non, come di solito, sulla porzione di lunghezza inter-
cettata dal triangolo equilatero di carico.

Per semplificare, il carico triangolare viene trasformato in un equivalente carico uniforme-


mente distribuito, pervenendo così allo schema statico definitivo utilizzato dal programma per i
calcoli di verifica:

p
FT

C Jt E D

Jh Jh h

XA A B XB

l MB
MA YA YB

Fig. 4.3

85 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

1 – Caso del solo carico verticale

p
k = Jt · h / (Jh · l)
C Jt E D
YA1 = YB1 = pl / 2
Jh Jh h XA1 = XB1 = 3MA / h

MA1 = MB1 = pl2 / (12k + 24)


XA A B XB ME1 = MC1+pl2 / 8

l MB
MC1 = MD1 = – 2MA1
MA YA YB

Fig. 4.4

Grafici delle sollecitazioni

Momento flettente Taglio Sforzo normale

+
- -

+ - -
-

a b c

Fig. 4.5

Software 86
4. Verifica del telaio metallico di cerchiatura e dell’architrave  Software
2 – Caso del solo carico orizzontale

k = Jt · h / (Jh · l)
FT
YA2 = – 2MC2 / l
C Jt E D YB2 = 2MC2 / l

Jh Jh h XA2 = -FT / 2
XB2 = FT / 2
MA2 = – FTh (3k + 1) / (12k + 2)
XA A B XB MB2 = FTh (3k + 1) / (12k + 2)
ME2 = 0
l MB MC2 = 3FThk / (12k + 2)
MA YA YB MD2 = -3FThk / (12k + 2)

Fig. 4.6

Momento flettente Taglio Sforzo normale

- -

+ -
+ +

a b c

Fig. 4.7

Applicando il principio di sovrapposizione degli effetti si calcolano le sollecitazioni nei vari


punti:

ASTA A-C ASTA C-D ASTA B-D


A C C D E B D
M MA1+MA2 MC1+MC2 MC1+MC2 MD1+MD2 ME1+ME2 MB1+MB2 MD1+MD2
T TA1+TA2 TC1+TC2 TC1+TC2 TD1+TD2 TE1+TE2 TB1+TB2 TD1+TD2
N NA1+NA2 NC1+NC2 NC1+NC2 ND1+ND2 NE1+NE2 NB1+NB2 ND1+ND2

87 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

4.2.1. Verifica di resistenza agli SLU dei piedritti e del traverso


Normalmente per la cerchiatura metallica si utilizzano profili IPE o HE e quindi, di solito, di
classe 1 o 2. Sia il piedritto che il traverso sono sollecitati a taglio, sforzo normale e flessione. Nel
caso in cui l’azione tagliante di calcolo VEd sia inferiore al 50% della resistenza di calcolo a taglio
Vc,Rd allora l’azione tagliante è trascurabile e si possono quindi applicare le formule della pres-
so/tenso flessione; altrimenti, si utilizzerà nelle formule, come tensione di snervamento dell’ac-
ciaio, il valore ridotto fy,red per tener conto dell’azione tagliante:

fy,red = fyk · (1 – ρ)

dove ρ = (2VEd / Vc,Rd – 1)2

La resistenza di calcolo a taglio si determina con:

Vc,Rd = Av · fyk / (γM0 · √3)

dove Av è l’area resistente a taglio, che per i profilati IPE o HE caricati nel piano dell’anima vale:

Av = A – 2 · b · tf + (tw + 2 · r) · tf
con:
A = area del profilo;
b = larghezza delle ali;
tf = spessore delle ali;
tw = spessore dell’anima;
r = raggio di raccordo tra anima e ala;
y-y = asse “forte”;
z-z = asse “debole”.
z

y y

Fig. 4.8

Software 88
4. Verifica del telaio metallico di cerchiatura e dell’architrave  Software
La verifica a presso/tenso flessione retta (nel piano dell’anima), per profili IPE o HE di classe
1 o 2, consiste nel controllare che il momento di calcolo MEd sia minore del momento resistente
MN,y,Rd ridotto (rispetto a quello plastico per flessione semplice Mpl,y,Rd) per la presenza dello sfor-
zo normale:
MEd ≤ MN,y,Rd
dove:

MN,y,Rd = Mpl,y,Rd · (1 – n) / (1 – 0,5 · a) ≤ Mpl,y,Rd

n = NEd/Npl,Rd: rapporto tra sforzo normale di progetto e resistenza di calcolo a sforzo normale;
Npl,Rd = A · fyk / γM0;
a = (A – 2 · b · tf) / A ≤ 0,5.

Nel nostro caso l’entità dello sforzo normale è piccola e quindi spesso trascurabile per cui si ha:
MN,y,Rd = Mpl,y,Rd

4.2.2. Verifica di deformabilità del traverso superiore (SLE)

Fig. 4.9

Si indica con:
δc = monta iniziale della trave;
δ1 = spostamento elastico dovuto ai carichi permanenti;
δ2 = spostamento elastico dovuto ai carichi variabili;
δmax = spostamento finale, depurato della monta iniziale = δ1 +δ2 – δc.

A favore di sicurezza si considera il traverso semplicemente appoggiato agli estremi.


Calcolata l’azione flettente (MEd) ed il momento al limite elastico (Mel):
MED = p · l2 / 8
Mel = fyk · Wel/γM0
verificato che il traverso si trova in fase elastica, per mezzo di:
MEd ≤ Mel
si possono calcolare gli abbassamenti in mezzeria con le usuali formule della scienza delle costru-
zioni valide per la fase elastica:

89 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

f = 5 · p · l4 / (384 · E · J)
e confrontare tali valori con quelli limite sotto riportati
δmax,LIM = l / 400
δ2,LIM = l / 500
ricavati dalla tabella seguente:

Limiti superiori
Elementi strutturali per gli spostamenti verticali
δmax/L δ2/L
Coperture in generale 1/200 1/250
Coperture praticabili 1/250 1/300
Solai in genere 1/250 1/300
Solai o coperture che reggono materiali fragili
1/250 1/350
(tramezzi ...)
Solai che supportano colonne (o muri) 1/400 1/500
Casi in cui lo spostamento può compromettere
1/250
l’aspetto dell’edificio

4.2.3. Verifica delle unioni e dei giunti

a) Collegamento saldato piedritto-traverso con cordoni d’angolo

traverso

saldatura
piedritto

Fig. 4.10

Software 90
4. Verifica del telaio metallico di cerchiatura e dell’architrave  Software
b

r r

h1
x x
h

b1

Fig. 4.11

Caratteristiche geometriche della sezione resistente, formata dai cordoni di saldatura, aventi
spessore “a” pari all’altezza di gola del cordone.

VEd

b
a

r r MEd

h1
x x
h

b1

Fig. 4.12

Jx = (a · h13 / 12) · 2 + (b1 · a3 / 12 + b1 · a · (h/2 – tf – a / 2)2 · 4 + (b · a3 / 12 + b · a ·(h / 2 + a / 2)2 · 2;


A = h1 · a · 2 + b · a · 2 + b1 · a · 4;
Wx = Jx / (h / 2 + a);
Sr = b · a · (h / 2 + a / 2) + b1 · a ·(h / 2 – tf – a / 2).

Considerando la sezione di gola in posizione ribaltata, la verifica dei cordoni d’angolo si effet-
tua controllando che siano verificate entrambe le condizioni:
(n⊥2 + t⊥2 + τ||2)0,5 ≤ β1 · fyk

91 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

⏐n⊥⏐+⏐t⊥⏐≤ β2 · fyk
dove:
n⊥ = tensione normale perpendicolare all’asse del cordone;
t⊥ = tensione tangenziale perpendicolare all’asse del cordone;
τ|| = tensione tangenziale parallela all’asse del cordone.
β1 e β2 sono due coefficienti che dipendono dal tipo di acciaio:
S235 S275 – S355 S420 – S460
β1 0,85 0,70 0,62
β2 1,00 0,85 0,75

Si ipotizza che l’azione tagliante venga assorbita per intero dai cordoni d’anima.

Si ha, sui cordoni d’ala:


n⊥ = MEd / Wx + NEd / A;
t⊥ = 0;
τ|| = 0;
mentre sui cordoni d’anima:
n⊥ = MEd·(h1/2)/ Jx + NEd/A;
t⊥ = 0;
τ|| = VEd · Sr / (Jx · 2 · a).
In maniera analoga si verifica la saldatura tra piedritto e piastra di base.

b) Giunto di base
Nel caso di presenza di cordolo in c.a., il piedritto potrà essere vincolato a quest’ultimo
mediante piastra di base e tirafondi inghisati opportunamente nel cordolo per mezzo di resine e più
in generale mediante ancoraggi chimici. Occorre pertanto verificare sia la piastra di base (a fles-
sione e rifollamento) che i tirafondi (a sfilamento e all’azione combinata di trazione e taglio).

NEd
Piastra
TEd di base
Tirafondi MEd

Fig. 4.13

Software 92
4. Verifica del telaio metallico di cerchiatura e dell’architrave  Software
NEd
MEd
TEd

fj Rtd
Rcd
x x1
x2

Fig. 4.14

La pressione che la piastra di base esercita sul cordolo, è distribuita non sull’intera superficie
di contatto ma su quella depurata delle zone non collaboranti.
L’area efficace di contatto è quella di larghezza “c” intorno al profilo (fig. 4.15); la larghezza
“c” viene determinata in modo che la piastra sia automaticamente verificata nei confronti della
flessione provocata dalle tensioni di compressione sul cordolo.

e1 c
e2
p2

beff

area c
efficace

heff

Fig. 4.15

Considerando una striscia di piastra unitaria e indicando con:


c = larghezza addizionale
t = spessore della piastra
fyk = tensione di snervamento dell’acciaio
fj = resistenza di progetto del giunto (resistenza a compressione dell’interfaccia piastra-cordolo)

93 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

si ha (fig. 4.16):
R = fj · c;
MEd = R · c / 2 = fj · c2 / 2;
MRd = fyk · Wel / γM0 (al limite elastico);
MRd = fyk · (1 · t2 / 6) / γM0.

Deve risultare, al limite elastico:


MEd = MRd.

Quindi:
– fj · c2 / 2 = fyk · (1 · t2 / 6) / γM0
da cui:
– c = t · [fyk / (3 · fj · γM0)]0,5

t
fj 1

Fig. 4.16

La resistenza di progetto del giunto “fj” si calcola con:

fj = βj · kj · fcd

dove:
βj = coefficiente di giunto. Può essere assunto uguale a 2/3 se la resistenza caratteristica della
malta è non minore del 20% della resistenza caratteristica del calcestruzzo del cordolo e lo
spessore della malta è non maggiore di 0,2 volte la larghezza minima di base della piastra
di acciaio;
kj = coefficiente di concentrazione, normalmente uguale a 1.

b1) Verifica della capacità portante del giunto di base


Con riferimento alla fig. 4.14, la verifica della capacità portante del giunto di base si intende
soddisfatta se sussiste la relazione:

MRd ≥ MEd

Lo sforzo normale ultimo di trazione (Nu) fornito dai tirafondi è il valore minimo tra la resi-
stenza a trazione del bullone stesso e la resistenza di aderenza con il supporto in cls:
– Rt,Rd = 0,9 · ftb · Ares / γM2 resistenza di calcolo a trazione del singolo bullone, dove:
ftb = tensione di rottura a trazione;

Software 94
4. Verifica del telaio metallico di cerchiatura e dell’architrave  Software
Ares = area resistente;
γM2 = 1,25 coefficiente parziale di sicurezza.
– Ra,Rd = π · Φ · τr · Lb / γM2 resistenza di calcolo per adesione al supporto, dove:
Φ = diametro del bullone;
τr = resistenza di aderenza;
Lb = lunghezza di ancoraggio;
γM2 = 1,25 coefficiente parziale di sicurezza.
Pertanto, noto Nu:
Nu = min (Rt,Rd ; Ra,Rd)
la risultante delle trazioni Rtd si calcola con:
Rtd = Nu · n
dove “n” è il numero di bulloni in zona tesa.

La risultante delle compressioni Rcd si calcola imponendo l’equilibrio alla traslazione vertica-
le (fig. 4.14)
Rcd =Rtd – NEd (NEd positivo se di trazione)
Le tensioni di compressione, di valore massimo “fj” sono distribuite su una lunghezza x pari a:
x = Rcd / (fj · beff)
dove beff = b + 2 · c (fig. 4.15) con b = larghezza ali del profilo.

Il braccio “x1” della risultante delle trazioni rispetto al baricentro della piastra si calcola con:

x1 = (H – 2 · e1) / 2
mentre il braccio x2:
x2 = (H – e1) – (H – heff) / 2 – x / 2
Imponendo l’equilibrio alla rotazione rispetto al baricentro dei bulloni tesi, si ha:
MRd = NEd · x1 + Rcd · x2

b2) Scelta dei tirafondi e verifica del loro posizionamento


Le caratteristiche dei bulloni sono riassunte nella seguente tabella.

Classe 4.6 5.6 6.8 8.8 10.9


2
fyb (N/mm ) 240 300 480 649 900
ftb (N/mm ) 2
400 500 600 800 1000

La resistenza di calcolo a taglio è:


Fv,Rd = 0,6 · ftb · Ares / γM2 per bulloni di classe 4.6, 5.6 e 8.8;
Fv,Rd = 0,5 · ftb · Ares / γM2 per bulloni di classe 6.8 e 10.9.

95 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

La resistenza di calcolo a trazione è:


Ft,Rd = 0,9 · ftb · Ares / γM2

Nel caso di presenza combinata di taglio e trazione, come avviene nel nostro caso avendo ipo-
tizzato un vincolo di incastro al piede, la verifica può essere condotta mediante il criterio:

Fv,Ed / Fv,Rd + Ft,Ed / (1,4 · Ft,Rd) ≤ 1

Ft,Ed / Ft,Rd ≤ 1

dove Ft,Ed e Fv,Ed sono le sollecitazioni di calcolo rispettivamente di trazione e taglio.

L’area resistente, dipende dal diametro del gambo:

Φ (mm) 12 14 16 18 20 22 24 27 30
Ares (mm2) 84 115 157 192 245 303 353 459 561

Per quanto riguarda le distanze (fig. 4.15), occorre rispettare i seguenti limiti:

1,2 · d0 ≤ e1 ≤ 4 · t + 40 mm
1,2 · d0 ≤ e2 ≤ 4 · t + 40 mm
2,4 · d0 ≤ p2 ≤ min (14 · t ; 200 mm)

dove d0 è il diametro del foro, corrispondente al diametro del bullone maggiorato di 1 mm per bul-
loni sino a 20 mm di diametro e di 1,5 mm per bulloni di diametro superiore a 20 mm.

b3) Verifica a flessione della piastra di base


Si conduce la verifica nei confronti della flessione generata dalla trazione nei tirafondi, in
quanto, avendo rispettato la larghezza efficace “c” la piastra risulta automaticamente verificata nei
confronti della flessione generata dalle compressioni nel calcestruzzo.

Calcolo delle sollecitazioni

MEd = Rtd · d Rtd


d
VEd = Rtd

Le resistenze di calcolo sono:


– Mc,Rd = Mpl,y,Rd = Wpl,y · fyk / γM0 Resistenza di calcolo a flessione;
– Vc,Rd = Av · fyk / (√3 · γM0) Resistenza di calcolo a taglio;

Software 96
4. Verifica del telaio metallico di cerchiatura e dell’architrave  Software
dove:
Wpl,y = B · t2 / 4 modulo di resistenza plastico della piastra (B,t = larghezza e spessore piastra);
Av = B · t area resistente al taglio.

Nel caso in cui l’azione tagliante di calcolo VEd sia inferiore al 50% della resistenza di calcolo a
taglio Vc,Rd allora l’azione tagliante può essere trascurata e si possono quindi applicare le formule
della flessione semplice; altrimenti, si utilizzerà nelle formule, come tensione di snervamento del-
l’acciaio, il valore ridotto fy,red per tener appunto conto dell’azione tagliante:

fy,red = fyk · (1 – ρ)

dove ρ = (2VEd / Vc,Rd – 1)2.

La verifica pertanto consiste nel controllare che:

My,V,Rd ≥ MEd

dove My,V,Rd è il valore della resistenza a flessione ridotta per effetto del taglio.

b4) Verifica a rifollamento della piastra


L’azione tagliante sul singolo bullone vale (fig. 4.14):

Fv,Ed = TEd/n

con “TEd” azione tagliante alla base del piedritto e “n” numero dei tirafondi.

La resistenza di calcolo a rifollamento si determina con:

Fb,Rd = k · α ·ftk · d · t/γM2

dove:
d = diametro del bullone;
t = spessore della piastra;
ftk = resistenza a rottura della piastra;
α = coefficiente per bulloni di bordo nella direzione del carico applicato α = min[e1/(3d0); ftb/ft; 1];
k = coefficiente per bulloni di bordo nella direzione del carico applicato k = min(2,8e2/d0 – 1,7; 1).

La verifica risulta soddisfatta se:

Fb,Rd ≥ Fv,Ed

97 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

4.3. Verifica dell’architrave

60° 60°

Fig. 4.17

Calcolo delle sollecitazioni

Schema statico

g+q

pmax

A B
lc

YA YB

Fig. 4.18

dove:
q l’entità dei carichi variabili (KN/m) provenienti dal solaio sovrastante;
g l’entità dei carichi permanenti (KN/m) provenienti dal solaio sovrastante;
pmax è il peso del muro contenuto nel triangolo equilatero (KN/m).

A favore di sicurezza, si considera il carico lineare del solaio sovrastante agente sull’intera lun-
ghezza del traverso superiore (fig. 4.2) e non, come di solito, sulla porzione di lunghezza inter-
cettata dal triangolo equilatero di carico.
Per semplificare, il carico triangolare viene trasformato in un equivalente carico uniforme-
mente distribuito, pervenendo così allo schema statico definitivo utilizzato dal programma per i
calcoli di verifica:

Software 98
4. Verifica del telaio metallico di cerchiatura e dell’architrave  Software
p

A B
lc

YA YB

Fig. 4.19

L’architrave appoggia sul muro per una lunghezza “a”; ipotizzando, allo stato limite ultimo, una
distribuzione delle tensioni di compressioni uniforme (fig. 4.17), di valore pari alla resistenza a com-
pressione della muratura stessa (così che la risultante delle compressioni nella muratura si trovi ad
una distanza pari ad “a/2” dal bordo del muro), si ha che la lunghezza teorica di calcolo è:

lc = l + a

Sollecitazioni di calcolo:

VEd = p · lc/2 MEd = p · lc2 / 8 NEd = 0

4.3.1. Verifica di resistenza allo SLU – collasso per formazione di cerniera plastica
Normalmente per l’architrave metallica si utilizzano profili IPE o HE e quindi, di solito, di
classe 1 o 2.
Nel caso in cui l’azione tagliante di calcolo VEd sia inferiore al 50% della resistenza di calco-
lo a taglio Vc,Rd allora l’azione tagliante è trascurabile e si possono quindi applicare le formule
della flessione semplice; altrimenti, si utilizzerà nelle formule, come tensione di snervamento del-
l’acciaio, il valore ridotto fy,red per tener conto dell’azione tagliante:

fy,red = fyk · (1 – ρ)

dove ρ = (2VEd / Vc,Rd – 1)2.

La resistenza di calcolo a taglio si determina con:

Vc,Rd = Av · fyk / (γM0 · √3)

dove Av è l’area resistente a taglio, che per i profilati IPE o HE caricati nel piano dell’anima vale:

Av = A – 2 · b · tf + (tw + 2 · r) · tf
con:
A = area del profilo;
b = larghezza delle ali;

99 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

tf = spessore delle ali;


tw = spessore dell’anima;
r = raggio di raccordo tra anima e ala;
y-y = asse “forte”;
z-z = asse “debole”.

y y

Fig. 4.20

Nel caso che il taglio non sia trascurabile, la resistenza convenzionale di calcolo a flessione
retta, per sezioni IPE o HE di classe 1 o 2 è:

My,V,Rd = [Wpl.y – ρ · Av2 / (4 · tw)] · fyk / γM0 ≤ My,c,Rd

La resistenza di calcolo a flessione retta vale:


– Mc,Rd = Mpl,y,Rd = Wpl,y * fyk / γM0 per sezioni di classe 1 e 2;
– Mc,Rd = Mel,y,Rd = Wel,min * fyk / γM0 per sezioni di classe 3.

La verifica a flessione retta consiste nel controllare che:

MEd ≤ Mc,Rd

Software 100
4. Verifica del telaio metallico di cerchiatura e dell’architrave  Software
4.3.2. Verifica di deformabilità (SLE)

lc

Fig. 4.21

Si indica con:
δc = monta iniziale della trave;
δ1 = spostamento elastico dovuto ai carichi permanenti;
δ2 = spostamento elastico dovuto ai carichi variabili;
δmax = spostamento finale, depurato della monta iniziale = δ1 + δ2 – δc.

A favore di sicurezza si considera il traverso semplicemente appoggiato agli estremi.


Calcolata l’azione flettente (MEd) ed il momento al limite elastico (Mel):
MED = p · l2 / 8
Mel = fyk · Wel / γM0
verificato che il traverso si trova in fase elastica, per mezzo di:
MEd ≤ Mel
si possono calcolare gli abbassamenti in mezzeria con le usuali formule della scienza delle costru-
zioni valide per la fase elastica:
f = 5 · p · lc4 / (384 · E · J)
e confrontare tali valori con quelli limite sotto riportati
δmax,LIM = l/400
δ2,LIM = l/500

4.3.3. Verifica della muratura per carichi concentrati


Occorre eseguire la verifica della muratura per carichi concentrati, nella zona di appoggio del-
l’architrave. Si ipotizza, allo stato ultimo, una distribuzione delle pressioni di compressione unifor-
me sull’impronta di carico.
La verifica, condotta secondo l’eurocodice 6, consiste nel controllare che il carico verticale di
progetto applicato NEdc sia inferiore al valore di progetto della resistenza della muratura a compres-
sione per carichi verticali concentrati NRdc:
NEdc ≤ NRdc

101 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

muro NEdc

architrave

fd

NRdc

Fig. 4.22

L’impronta del carico sul muro è di solito un rettangolo di area:


Ab = a · b
dove “a” è la lunghezza di appoggio e “b” la profondità, pari alla larghezza dell’ala del (o dei) pro-
filati. Nel caso in cui sia presente una piastra di appoggio (per distribuire maggiormente il carico
concentrato) l’impronta del carico avrà area pari a quella della piastra di appoggio.
Il carico di progetto applicato è uguale alla reazione verticale sull’appoggio:
NEdc = YA
mentre il valore della resistenza di progetto si calcola con:
NRdc = β · Ab · fd
dove:
– fd è la resistenza di progetto a compressione della muratura, che dipende dal tipo di muratura
e dal livello di conoscenza attribuito:
fd = fm/FC

dove il fattore di confidenza FC si ricava dalla tabella 2.2 mentre il valore della resistenza media
a compressione fm dalla tabella 2.1 tenuto conto degli eventuali coefficienti correttivi riportati in
tabella 2.4.

– β è un coefficiente maggiore di 1 (compreso tra 1 e 1,5) che tiene conto della diffusione del
carico concentrato nel corpo della muratura (fig. 4.23) e che si calcola con:
β = (1 + 0,3 · a1 / hc) · (1,5 – 1,1 · Ab / Aef)
con la limitazione
1 ≤ β ≤ min [1,5 ; (1,25 + a1 / hc)]

Software 102
4. Verifica del telaio metallico di cerchiatura e dell’architrave  Software
NEdc NEdc a1

60° 60°

hc/2

hc
lefm lefm

parete

Fig. 4.23

Si suppone che il carico concentrato verticale si diffonda all’interno della muratura secondo un
angolo di 30° rispetto alla verticale; in questo modo è possibile calcolare la lunghezza effettiva
della parte portante lefm (calcolata a metà altezza della parete) e di conseguenza è possibile calco-
lare l’area portante effettiva:

Aef = lefm · t (t = spessore della parete)

– a1 è la distanza dalla fine della parete al bordo dell’impronta di carico più vicino.

Nel caso dell’architrave:


a1 = 0
e quindi:

β = 1,5 – 1,1 · Ab / Aef

Ad esempio, considerando un’impronta di carico di 20 x 20 cm2 , un’altezza hc = 2,30 m ed


uno spessore della parete pari a 30 cm si ha:
Ab = 20 · 20 = 400 cm2;
lefm = 20 + (230 / 2) · tg30° = 86,40 cm;
Aef = 30 · 86,40 = 2591,80 cm2;
β = 1,5 – 1,1 · 400 / 2591,80 = 1,33.

Per praticità e a favore di sicurezza si può considerare nei calcoli β = 1.

103 Software
 Software
Capitolo 5
Esempi applicativi

Si riportano di seguito alcuni casi applicativi, riguardanti il progetto di nuove aperture in muri
portanti, accompagnate da relazione di calcolo certificanti il miglioramento ottenuto sulle pareti
interessate, in termini di rigidezza, di resistenza e di duttilità.
A volte il miglioramento si ottiene anche senza particolari opere, ma solamente mediante una
ridistribuzione delle aperture all’interno della parete. È comunque sempre necessario, trattandosi
di interventi di “riparazione o intervento locale”, dimostrare che la situazione finale (stato di pro-
getto) non è peggiore della situazione iniziale (stato attuale).
Gli esempi sono sviluppati secondo uno schema utile per la redazione della relazione di calcolo
da presentare ai competenti uffici regionali del territorio (Genio Civile); i calcoli sono stati eseguiti
per mezzo di semplici fogli elettronici, che ogni tecnico può confezionare per proprio conto.
Si prende a riferimento il caso della riorganizzazione funzionale di una villetta bi-familiare
costituita da piano terra, piano primo, sottotetto e copertura.
La struttura portante è in muratura di pietra a spacco al piano terra e in mattoni pieni ai piani
superiori; i solai del tetto e del sottotetto sono in profilati di ferro e tavelloni mentre il solaio del
piano primo è realizzato con travetti prefabbricati in latero cemento con interposte pignatte di
alleggerimento.
Di seguito si riporta lo stato iniziale del piano terra e una sezione.

105 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

solaiortura
cope

300
30

piano
sottotetto

300
30

693 182
piano primo

40

300
parete in
oggetto

SEZIONE

5.1. Modifica delle aperture senza necessità di opere di rinforzo/consolidamento


Al piano terra si prevede, nella parete 1, di eliminare la finestra e la porta finestra e fare una
grande apertura (di lunghezza maggiore della somma delle due eliminate), come indicato nello
stato di progetto (stato finale) seguente. Tale parete, nello stato attuale, è formata da tre maschi
murari, individuati con i relativi numeri. L’altezza del piano terra (pavimento-soffitto) è di 3 m.
La parete è portante in quanto tutti i solai dei vari piani si appoggiano su di essa.

Software 106
5. Esempi applicativi  Software
Per quanto riguarda i valori dei parametri meccanici da utilizzare nei calcoli, occorre osserva-
re che, a favore di sicurezza, conviene adottare i valori della tabella 2.1. come se si potesse attri-
buire il livello di conoscenza LC3. Infatti, dal momento che la progettazione del rinforzo si basa
sulla determinazione dell’indebolimento potenziale subito dalla parete per la creazione di nuove
aperture, attribuendo un livello di conoscenza LC3 si calcolerà il massimo indebolimento e quin-
di si progetterà un intervento di rinforzo sicuramente adeguato (perché dimensionato sul massimo
indebolimento subito dalla parete).Viceversa, in caso di assenza di indagini e quindi in LC1, si
dovrebbero utilizzare i valori minimi della tabella 2.1 (divisi poi per il fattore di confidenza) pro-
gettando quindi un intervento di rinforzo minimo, basato cioè su un indebolimento minimo (perché
calcolato con i valori minimi dei parametri meccanici) che potrebbe non risultare adeguato perché
la struttura, non avendola indagata, potrebbe magari essere notevolmente migliore (dal punto di
vista meccanico) di quella ipotizzata. Pertanto, in tali tipi di calcoli, è sufficiente riferirsi ad un
livello di conoscenza ipotizzato LC3 (cui corrisponde FC = 1).
Nel caso della muratura di pietra a spacco di buona tessitura, tenuto anche conto della presen-
za di malta buona (coeff. correttivo pari a 1,3) si ha:
fm = 320 · 1,3 = 416 N/cm2;
τo = 6,5 · 1,3 = 8,45 N/cm2;
E = 1740 · 1,3 · 0,5 = 1131 N/mm2;
G = 580 · 1,3 · 0,5 = 377 N/mm2;
w = 21 KN/m3.
Sia per le resistenze fm e τo che per i moduli elastici E e G si sono presi i valori medi di tabel-
la 2.1. corretti con il coefficiente di tab. 2.4 e divisi per il fattore di confidenza (FC = 1). Inoltre,
i moduli elastici sono stati ridotti del 50% per tener conto di condizioni fessurate.
Per maggiore comodità si riportano i significati dei simboli usati nelle elaborazioni successive.

as = apertura a sinistra
ad = apertura a destra
l = lunghezza maschio murario
h = altezza maschio murario
t = spessore maschio murario
h1 = altezza fascia di piano
i = interasse maschio murario
i = 1 + as/2 + ad/2
as ad

Analisi dei carichi


Solaio di copertura

Elementi strutturali (G1) KN/m2


putrelle in acciaio IPE 200 i (m)= 0,6 p (KN/m)= 0,22 0,37
tavelloni 0,35
soletta cls alleggerito s (m)= 0,17 (KN/m3)= 10 1,70
G1 = 2,42

107 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Elementi non strutturali (G2) KN/m2


tegole 0,60
isolamento termico e impermeabilizzazione 0,30
G2 = 0,90

Carichi variabili (Q) KN/m2


carico di esercizio (qk) 1,00
qk = 1,00

(favorevole) (sfavorevole)
Coefficienti parziali (γ F) per le azioni (verifica SLU) G1 = 1 1,30
G2 = 1 1,50
Q = 0 1,50

Combinazione fondamentale (SLU) q 1 = G 1x G1 + G 2x G2 + qkx Q

(favorevole) (sfavorevole)
G1 x G1 = 2,42 3,14 KN/m2
G2 x G2 = 0,90 1,35 KN/m2
qk x Q = 0,00 1,50 KN/m2
q1 = 3,32 5,99 KN/m2

Solaio di sottotetto

Elementi strutturali (G1) KN/m2


putrelle in acciaio IPE 200 i (m) = 0,6 p (KN/m) = 0,22 0,37
tavelloni 0,35
soletta cls alleggerito s (m) = 0,17 (KN/m3) = 10 1,70
G1 = 2,42

Elementi non strutturali (G2) KN/m2


isolamento termico e impermeabilizzazione 0,20
intonaco 0,30
G2 = 0,50

Carichi variabili (Q) KN/m2


carico di esercizio (qk) 2,00
qk = 1,00

Software 108
5. Esempi applicativi  Software
(favorevole) (sfavorevole)
Coefficienti parziali ( F) per le azioni (verifica SLU) G1 = 1 1,30
G2 = 1 1,50
Q = 0 1,50

Combinazione fondamentale (SLU) q1 = G 1x G1 + G 2x G2 + qkx Q

(favorevole) (sfavorevole)
G1 x G1 = 2,42 3,14 KN/m2
G2 x G2 = 0,50 0,75 KN/m2
qk x Q = 0,00 1,50 KN/m2
q1 = 2,92 5,39 KN/m2

Solaio primo piano

Elementi strutturali (G1) KN/m2


Solaio laterocemento - peso proprio (travetti, pignatte, soletta) 2,50
G1 = 2,50

Elementi non strutturali (G2) KN/m2


pavimento 0,40
isolamento termico e impermeabilizzazione 0,20
intonaco 0,30
incidenza tramezzi 0,80
G2 = 1,70

Carichi variabili (Q) KN/m2


carico di esercizio (qk) 2,00
qk = 2,00

(favorevole) (sfavorevole)
Coefficienti parziali ( F) per le azioni (verifica SLU) G1 = 1 1,30
G2 = 1 1,50
Q = 0 1,50

109 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Combinazione fondamentale (SLU) q1 = G 1xγ G1 + G 2xγ G2 + qkxγ Q

(favorevole) (sfavorevole)
G1 x G1 = 2,50 3,25 KN/m2
G2 x G2 = 1,70 2,55 KN/m2
qk x Q = 0,00 3,00 KN/m2
q1 = 4,20 8,80 KN/m2

Nei calcoli che seguono si utilizzeranno le combinazioni di carico con i coefficienti “favo-
revoli”.

Parete 1 – piano terra – caratteristiche dei setti murari

Carico agente in sommità alla parete dovuto alla porzione di muro sovrastante

γG2 1
coefficiente parziale di sicurezza

H (m) t (m) w (KN/m3) p (KN/m)


muro sovrastante 6 0,3 18 32,40

Carico agente in sommità della parete dovuto all’incidenza dei solai

L(dx) L(sx) q1(dx) q1(sx)


p (KN/m)
m m KN/m2 KN/m2
solaio di copertura 1,82 6,93 3,32 3,32 14,53
solaio sottotetto 1,82 6,93 2,92 2,92 12,78
solaio p. 1 1,82 6,93 4,20 4,20 18,38

Totale carico distribuito (KN/m) 78,08

H = altezza del muro sovrastante (spessore t)


L(dx), L(sx) = luce del solaio a destra e a sinistra
p = carico

Software 110
5. Esempi applicativi  Software
Stato attuale

h1

1 2 3
h

l1 a1 l2 a2 l3

Prospetto della parete in esame

numero di maschi murari 3

Calcolo della tensione normale media verticale (σo) agente in ciascun maschio murario
N. as(m) ad(m) h (m) l (m) h1 (m) i (m) t (m) w (KN/m3) σo (KN/m2)
1 0 1,03 2,3 1,9 0,7 2,415 0,4 21,00 290,93
2 1,03 1,02 2,3 1,5 0,7 2,525 0,4 21,00 377,46
3 1,02 0 2,3 0,88 0,7 1,39 0,4 21,00 355,68

111 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Individuazione del coefficiente “b”

N. h/l b b

1 1,211 1,211 1,5

2 1,533 1,500
3 2,614 1,500 1
0 0 0,000
1 1,5
0 0 0,000 h/l

0 0 0,000

Calcolo rigidezza della parete

G t l h A E K
2 m m m 2 2 KN/m
N/mm m N/mm
1 377 0,4 1,9 2,3 0,76 1131 73779,7
2 377 0,4 1,5 2,3 0,6 1131 49577,9
3 377 0,4 0,88 2,3 0,352 1131 16593,9

RIGIDEZZA DELLA PARETE (KN/m) 139951,4388

Calcolo resistenza dei singoli maschi murari

τo fd σo Vt Vpf Vu δe δu δu,max
tipo di rottura μ
2 2 2 KN KN KN mm mm mm
N/cm N/cm KN/m
1 8,45 416 290,93 144,46 167,62 144,46 1,958 taglio per trazione 1,5 2,94 9,20
2 8,45 416 377,46 101,12 131,94 101,12 2,040 taglio per trazione 1,5 3,06 9,20
3 8,45 416 355,68 58,03 43,08 43,08 2,596 pressoflessione 3 7,79 13,80

dove:
τo = resistenza a taglio della muratura;
fd = resistenza a compressione della muratura;
σo = tensione media verticale nella muratura;
Vt = resistenza a taglio per trazione (fessurazione diagonale);
Vpf = resistenza a taglio per pressoflessione;
Vu = resistenza a taglio del maschio murario (minimo valore tra Vt e Vpf);
δe = spostamento del maschio murario al limite elastico;
δu = spostamento del maschio murario al limite ultimo;
δu,max = valore max = 0,4% * h nel caso di rottura a taglio e 0,6% * h nel caso di rottura per pres-
soflessione.

Software 112
5. Esempi applicativi  Software
Calcolo resistenza della parete

Spostamento della parete al limite di rottura mm 2,94


Contributo al taglio ultimo da parte del maschio 1 KN 144,46
Contributo al taglio ultimo da parte del maschio 2 KN 101,12
Contributo al taglio ultimo da parte del maschio 3 KN 43,08
TAGLIO ULTIMO DELLA PARETE KN 288,66

Valori iniziali della parete:


Kin = 139951,44 KN/m
Vt,in = 288,66 KN
δu,in = 2,94 mm

113 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Stato modificato

h1

1 2
h

l1 a1 l2

Prospetto della parete in esame

numero di maschi murari 2

Calcolo della tensione normale media verticale (σo) agente in ciascun maschio murario
N. as(m) ad(m) h (m) l (m) h1 (m) i (m) t (m) w (KN/m3) σo (KN/m2)
1 0 2,48 2,3 1,35 0,7 2,59 0,4 21,00 426,82
2 2,48 0 2,3 2,5 0,7 3,74 0,4 21,00 338,14

Software 114
5. Esempi applicativi  Software
Individuazione del coefficiente “b”

N. h/l b b

1 1,704 1,500 1,5

2 0,92 1,000

1 1,5
h/l

Calcolo rigidezza della parete

G t l h A E K
N/mm2 m m m m2 N/mm2 KN/m
1 377 0,4 1,35 2,3 0,54 1131 40835,8
2 377 0,4 2,5 2,3 1 1131 110592,6

RIGIDEZZA DELLA PARETE (KN/m) 151428,4435

Calcolo resistenza dei singoli maschi murari

τo fd σo Vt Vpf Vu δe δu δu,max
tipo di rottura μ
N/cm2 N/cm2 KN/m2 KN KN KN mm mm mm
1 8,45 416 426,82 95,36 118,95 95,36 2,335 taglio per trazione 1,5 3,503 9,200
2 8,45 416 338,14 242,74 332,40 242,74 2,195 taglio per trazione 1,5 3,292 9,200

Calcolo resistenza della parete

Spostamento della parete al limite di rottura mm 3,292


Contributo al taglio ultimo da parte del maschio 1 KN 95,36
Contributo al taglio ultimo da parte del maschio 2 KN 242,74
TAGLIO ULTIMO DELLA PARETE KN 338,10

Valori finali della parete:


Kfin = 151428,44 KN/m
Vt,fin = 338,10 KN
δu,fin = 3,29 mm

115 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Verifiche

a) La rigidezza finale della parete non deve cambiare significativamente rispetto a quella
iniziale

Max decremento ammesso della rigidezza finale rispetto a quella iniziale (in percentuale) 15 %

Max incremento ammesso della rigidezza finale rispetto a quella iniziale (in percentuale) 15 %

Kin (KN/m) 139951,4388


Kfin (KN/m) 151428,4435 variazione percentuale: 8,2 %

La verifica è pertanto soddisfatta

b) La resistenza finale della parete non deve essere inferiore a quella iniziale

Vt,in (KN) 288,66


Vt,fin (KN) 338,10

La verifica risulta pertanto soddisfatta

c) Lo spostamento ultimo della parete nello stato finale non deve essere inferiore a quello
nello stato iniziale

δu,in (mm) 2,94


δu,fin (mm) 3,292

La verifica risulta pertanto soddisfatta

Si nota che, pur avendo aumentato la lunghezza complessiva delle aperture nella parete, por-
tandola da 2,05 m (situazione iniziale) a 2,48 m (situazione finale), globalmente la parete non è
stata indebolita (come magari ci si poteva aspettare), anzi è stata migliorata sia dal punto di vista
della rigidezza che della resistenza. Pertanto, per tale tipo di intervento non occorre alcuna opera
di rinforzo/consolidamento, essendo sufficiente, per la formazione della nuova apertura, solo la
progettazione e posa in opera dell’architrave. È invece da curare con attenzione la fase di cantie-
re che riguarda la chiusura delle aperture preesistenti, che deve essere effettuata ammorsando effi-
cacemente i nuovi mattoni con quelli esistenti, attraverso la tecnica dello “scuci e cuci”.

Progetto dell’architrave
– luce architrave “l” = 2,48 m;
– luce di calcolo “lc” = 2,68 m;
– lunghezza di appoggio “a” = 20 cm.

Software 116
5. Esempi applicativi  Software
Analisi dei carichi gravanti sull’architrave
carichi carichi carichi
permanenti variabili lineari
L(dx) L(sx) g (dx) g (sx) q (dx) q (sx) g q
m m 2 2 2 2 KN/m KN/m
KN/m KN/m KN/m KN/m
solaio sovrastante 1,82 6,93 4,2 4,2 2 2 18,38 8,75

spessore massa vol.


pmax (KN/m)
(m) (KN/m3)
muro sovrastante 0,4 21 18,02

Schema statico

g+q

pmax

A B
lc

YA YB

g= 27,38 KN/m γG = 1,5


Totale carichi permanenti coeff. parziale di sicurezza

q= 8,75 KN/m γQ = 1,5


Totale carichi variabili coeff. parziale di sicurezza

Combinazione di carico (gxγG + qxγQ) = 54,20 KN/m

Lo schema di carico triangolare si trasforma in un equivalente carico uniformemente distri-


buito pervenendo al seguente schema:

A B
lc

YA YB

117 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

p (KN/m) 54,20

luce di calcolo “lc” (m) 2,68

YA (KN) 72,63

YB (KN) 72,63

Sollecitazioni di calcolo

MEd 48,66 KNm

VEd 72,63 KN

NEd 0,00 KN

Si utilizzano 2 profilati HE200A

A= 53,8 cm2 area lorda del profilo


valori d el singolo p rofilo

b = 200 mm larghezza delle ali

x x
tf = 10 mm spessore delle ali

tW = 6,5 mm spessore dell'anima

r = 18 mm raggio di raccordo tra anima e ala

h = 190 mm altezza del profilo


y

E= 210000 N/mm2 modulo elastico


Wpl,x = 430 cm 3 modulo di resistenza plastico del singolo profilo
Wel,x = 389 cm 3 modulo di resistenza elastico del singolo profilo
Wel,y = 134 cm3 modulo di resistenza elastico del singolo profilo
Jx = 3692 cm4 momento d'inerzia del singolo profilo
Av = 18,05 cm 2 area resistente al taglio (Av = A-2b * tf + (tw + 2 * r) * tf

Software 118
5. Esempi applicativi  Software
Tipo di acciaio S235

fyk = 235,00 N/mm2 tensione caratteristica di snervamento


ftk = 360,00 N/mm 2 tensione caratteristica di rottura
γM0 = 1,05 coefficiente parziale di sicurezza

Classificazione del profilo ε=1 ε = √(235/fyk)


Azione di flessione
Ala c/t = 7,88 classe 1
Anima c/t = 20,62 classe 1

Classe di appartenenza del profilo: 1


(per profili IPE o HE → per l’ala: c = b–tw–2 · r t = tf; per l’anima: c = h–2 · tf–2 · r t = tw)

Resistenze di calcolo
Mc,Rd = 192,476 KNm Resistenza di calcolo a flessione
Vc,Rd = 466,472 KN Resistenza di calcolo a taglio
Nc,Rd = 2408,19 KN Resistenza di calcolo a sforzo normale

Verifiche di resistenza (SLU): stato limite di collasso per formazione di cerniera plastica

VEd / Vc,Rd = 0,1557 ≤ 0,5: si può trascurare l’influenza del taglio

n = Ned/Npl,Rd Mpl,y,Rd KNm MN,y,Rd KNm MEd KNm MN,y,Rd/MEd esito della verifica
0,00 192,48 192,48 48,66 3,96 verificato

(Mc,Rd = Mpl,y,Rd = Wpl,y*fyk/γM0) Momento resistente a flessione (per sezioni di classe 1 e 2)


(Mc,Rd = Mel,y,Rd = Wel,min*fyk/γM0) Momento resistente a flessione (per sezioni di classe 3)
(Nc,Rd = Npl,Rd = A*fyk/γM0) Resistenza plastica della sezione (per sezioni di classe 1, 2 e 3)
(Vc,Rd = Av*fyk/(√3*γM0) Resistenza di calcolo a taglio

Verifiche allo SLE (deformabilità) dell’architrave

lc

p = 54,20 KN/m
l = 2,68 m
MEd = 48,66 KNm

119 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Mel = 174,124 KNm


Momento al limite elastico (Wel * fyk/γM0)

La trave si trova in fase elastica in quanto Med < Mel

A favore di sicurezza, si considera la stessa combinazione di carico utilizzata per la verifica di


resistenza allo S.L.U.

g= 27,38 KN/m γG = 1,5


Totale carichi permanenti coeff. parziale di sicurezza

q= 8,75 KN/m γQ = 1,5


Totale carichi variabili coeff. parziale di sicurezza

Combinazione di carico (gxγG + qxγQ) = 54,20 KN/m

δc (mm) = 0 monta iniziale della trave


δ1 (mm) = 3,28 spostamento elastico dovuto ai carichi permanenti
δ2 (mm) = 2,09 spostamento elastico dovuto ai carichi variabili
δmax (mm) = 5,37 spostamento nello stato finale depurato della monta iniziale = δtot – δc

Valori limite δmax,LIM = L/400 = 6,7 mm


δ2.LIM = L/500 = 5,36 mm

δmax < del valore limite VERIFICATO


δ2 < del valore limite VERIFICATO

Verifiche sulla muratura per carichi concentrati


Non è presente la piastra di appoggio.
Spessore del muro = 40 cm.

Caratteristiche della muratura


Muratura in pietra da spacco con buona tessitura e presenza di malta con buone caratteristiche.
fm = 416 N/cm2
Resistenza media a compressione

Livello di conoscenza LC1

Coeff. parziale di sicurezza γM 1

Fattore
1,35
di confidenza

Software 120
5. Esempi applicativi  Software

In riferimento a quanto riportato nell’Euroco-


dice 6 al punto 6.1.3., il valore di progetto del muro NEdc
carico verticale NEdc deve essere minore o
uguale al valore della resistenza di progetto a
compressione della muratura per carichi architrave
concentrati verticali NRdc

Deve risultare: NEdc ≤ NRdc fd

NRdc

NRdc = β · Ab · fd

dove:
β = coefficiente di miglioramento per carichi concentrati variabile tra 1 e 1,5: a favore di sicu-
rezza si sceglie β = 1;
Ab = area dell’impronta del carico;
fd = resistenza di progetto a compressione della muratura;

Ab = 20 x 40 = 800 cm2

fd = 308,15 N/cm2
Resistenza di calcolo a compressione della muratura (fd = fm/FC)

NEdc = 72,63 KN
Valore di progetto del carico verticale concentrato sull’appoggio

NRdc = 246,52 KN
Resistenza di calcolo della muratura ai carichi verticali concentrati

NEdc / NRdc = 0,295 ≤ 1 verificato

121 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

5.2. Modifica di aperture con inserimento di telaio metallico


Nella parete 2 sempre al piano terra, si prevede di chiudere l’attuale ingresso all’appartamen-
to e di aprire una nuova porta per accedere al w.c. ricavato nel vano sottoscala.
La scala esterna non si appoggia sulla parete in questione ma è sostenuta da una struttura indi-
pendente; quindi il suo peso non va considerato nel calcolo della tensione media verticale dei
maschi murari.
Per l’analisi dei carichi sui solai si faccia riferimento a quanto riportato al paragrafo 5.1.

Parete 2 – Piano Terra

Carico agente in sommità della parete dovuto alla porzione di muro sovrastante

γG2 1
coefficiente parziale di sicurezza

H (m) t (m) w (KN/m3) p (KN/m)


muro sovrastante 6 0,3 18 32,40

Carico agente in sommità della parete dovuto all’incidenza dei solai

L(dx) L(sx) q1(dx) q1(sx)


p (KN/m)
m m KN/m2 KN/m2
solaio di copertura 2 0 3,32 3,32 3,32
solaio sottotetto 2 0 2,92 2,92 2,92
solaio p. 1 2 0 4,20 4,20 4,20

Totale carico distribuito (KN/m) 42,84

H = altezza del muro sovrastante (spessore t)


L(dx), L(sx) = luce del solaio a destra e a sinistra
p = carico

Nella colonna L(dx) è stato inserito il valore 2 perchè, essendo il solaio ordito parallelamente
alla parete, si considera incidente sul muro, solo una striscia di solaio larga 1 metro (il program-
ma, per default, dimezza sia L(dx) che L(sx).
Nella colonna L(sx) è stato inserito il valore 0 perchè la scala ha una propria struttura portan-
te e non si appoggia alla parete oggetto di intervento.

Software 122
5. Esempi applicativi  Software
Stato attuale

h1

1
h

a1 l1

Prospetto della parete in esame

numero di maschi murari 1

Calcolo della tensione normale media verticale (σo) agente in ciascun maschio murario
N. as(m) ad(m) h (m) l (m) h1 (m) i (m) t (m) w (KN/m3) σo (KN/m2)
1 0,94 0 2,2 5,99 0,8 6,46 0,4 21,00 156,72

123 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Individuazione del coefficiente “b”

N. h/l b b

1 0,37 1 1,5

1 1,5
h/l

Calcolo rigidezza della parete

G t l h A E K
2 m m m 2 2 KN/m
N/mm m N/mm
1 377 0,4 5,99 2,2 2,396 1131 329798,4

RIGIDEZZA DELLA PARETE (KN/m) 329798,3589

Calcolo resistenza dei singoli maschi murari

τo fd σo Vt Vpf Vu δe δu δu,max
tipo di rottura μ
2 2 2 KN KN KN mm mm mm
N/cm N/cm KN/m
1 8,45 416 156,72 454,17 977,08 454,17 1,377 taglio per trazione 1,5 2,07 8,80

dove:
τo = resistenza a taglio della muratura;
fd = resistenza a compressione della muratura;
σo = tensione media verticale nella muratura;
Vt = resistenza a taglio per trazione (fessurazione diagonale);
Vpf = resistenza a taglio per pressoflessione;
Vu = resistenza a taglio del maschio murario (minimo valore tra Vt e Vpf);
δe = spostamento del maschio murario al limite elastico;
δu = spostamento del maschio murario al limite ultimo;
δu,max = valore max = 0,4% * h nel caso di rottura a taglio e 0,6% * h nel caso di rottura per pres-
soflessione.

Calcolo resistenza della parete

Spostamento della parete al limite di rottura mm 2,07


Contributo al taglio ultimo da parte del maschio 1 KN 454,17
TAGLIO ULTIMO DELLA PARETE KN 454,17

Software 124
5. Esempi applicativi  Software
Valori iniziali della parete:
Kin = 329789,36 KN/m
Vt,in = 454,17 KN
δu,in = 2,07 mm

Stato modificato

.
. .

. . .

h1

1 2
h

l1 a1 l2

Prospetto della parete in esame

125 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

numero di maschi murari 2

Calcolo della tensione normale media verticale (σo) agente in ciascun maschio murario
N. as(m) ad(m) h (m) l (m) h1 (m) i (m) t (m) w (KN/m3) σo (KN/m2)
1 0 1,67 2,2 3,56 0,8 4,395 0,4 21,00 176,06
2 1,67 0 2,2 1,7 0,8 2,535 0,4 21,00 207,86

Individuazione del coefficiente “b”


N. h/l b b

1 0,62 1 1,5

2 1,29 1,29

1 1,5
h/l

Calcolo rigidezza della parete

G t l h A E K
2 m m m 2 2 KN/m
N/mm m N/mm
1 377 0,4 3,56 2,2 1,424 1131 183848,5
2 377 0,4 1,7 2,2 0,68 1131 66274,7

RIGIDEZZA DELLA PARETE (KN/m) 250123,1466

Calcolo resistenza dei singoli maschi murari

τo fd σo Vt Vpf Vu δe δu δu,max
tipo di rottura μ
N/cm2 N/cm2 KN/m2 KN KN KN mm mm mm
1 8,45 416 176,06 278,98 385,50 278,98 1,517 taglio per trazione 1,5 2,276 8,800
2 8,45 416 207,86 108,21 102,80 102,80 1,551 pressoflessione 3 4,653 13,200

Calcolo resistenza della parete


Spostamento della parete al limite di rottura mm 2,276
Contributo al taglio ultimo da parte del maschio 1 KN 278,98
Contributo al taglio ultimo da parte del maschio 2 KN 102,80
TAGLIO ULTIMO DELLA PARETE KN 381,78

Software 126
5. Esempi applicativi  Software
Valori finali della parete:
Kmod = 250123,15 KN/m
Vt,mod = 381,78 KN
δu,mod = 2,28 mm

Verifiche

a) La rigidezza finale della parete non deve cambiare significativamente rispetto a quella
iniziale

Max decremento ammesso della rigidezza finale rispetto a quella iniziale (in percentuale) 15 %

Max incremento ammesso della rigidezza finale rispetto a quella iniziale (in percentuale) 15 %

Kin (KN/m) 329798,3589


Kfin (KN/m) 250123,1466 variazione percentuale: – 24,2 %

La verifica NON è soddisfatta; occorre pertanto un intervento di rinforzo

b) La resistenza finale della parete non deve essere inferiore a quella iniziale

Vt,in (KN) 454,17


Vt,fin (KN) 381,78

La verifica non è soddisfatta pertanto occorre un intervento di rinforzo

c) Lo spostamento ultimo della parete nello stato finale non deve essere inferiore a quello
nello stato iniziale

δu,in (mm) 2,07


δu,fin (mm) 2,276

La verifica risulta pertanto soddisfatta

Predimensionamento del telaio metallico

Numero di telai da inserire nella


1
parete

127 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Htelaio (cm) 220 (Altezza media dei telai)


Kric (KN/m) 30205,5 (Rigidezza richiesta ai telai)
Jx,piedr (cm4) 6381,5 (Momento dʼ inerzia minimo di un piedritto)

Legenda
tipo piedritto numero e tipo di profilati con i quali è realizzato ciascun piedritto (due piedritti per ogni
telaio);
H altezza del piedritto in cm;
Wx modulo di resistenza elastico del piedritto;
Jx momento d’inerzia del piedritto;
KT rigidezza del telaio;
Mel momento al limite elastico del piedritto;
d spostamento in sommità al limite elastico del piedritto;
FT contributo tagliante fornito dal telaio in corrispondenza dello spostamento ultimo della
parete;
Fu taglio ultimo del telaio, in corrispondenza della formazione della prima cerniera plastica.

Verifiche finali

a) La rigidezza finale della parete non deve cambiare significativamente rispetto a quella
iniziale

Max decremento ammesso della rigidezza finale rispetto a quella iniziale (in percentuale) 15 %

Max incremento ammesso della rigidezza finale rispetto a quella iniziale (in percentuale) 15 %

Kin (KN/m) 329798,36


Kfin (KN/m) 286967,02 variazione percentuale: – 13 %

La verifica è pertanto soddisfatta

b) La resistenza finale (maschi murari + telai) non deve essere inferiore a quella iniziale

Vt,in (KN) 454,17


Vt,fin (KN) 465,63

La verifica risulta pertanto soddisfatta

Software 128
5. Esempi applicativi  Software
c) Lo spostamento ultimo della parete nello stato finale non deve essere inferiore a quello
nello stato iniziale

δu,in (mm) 2,070


δu,fin (mm) 2,276

La verifica risulta pertanto soddisfatta

Curve caratteristiche

grafico forza – spostamento stato iniziale

500
450
400
maschio 1
350
maschio 2
300
forza (KN)

maschio 3
250 maschio 4
200 maschio 5

150 maschio 6
parete
100
50
0
0 1 2 3 4
spostamento (mm)

grafico forza – spostamento stato finale

500 maschio 1
450 maschio 2
400 maschio 3
350 maschio 4
forza (KN)

300 maschio 5
250 maschio 6
200 telaio 1
150 telaio 2
100 telaio 3
50 telaio 4
0 telaio 5
0 5 10 15 20 telaio 6
spostamento (mm) parete

129 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Verifica del telaio


– luce telaio l = 1,67 m;
– altezza telaio h = 2,20 m.

s235
Tipo di acciaio

fyk = 235,00 N/mm2 tensione caratteristica di snervamento


ftk = 360,00 N/mm 2 tensione caratteristica di rottura
γM0 = 1,05 coefficiente parziale di sicurezza
E= 210000 N/mm 2 modulo elastico

Analisi dei carichi verticali agenti sul telaio

carichi carichi carichi


permanenti variabili lineari
L(dx) L(sx) g (dx) g (sx) q (dx) q (sx) g q
m m 2 2 2 2 KN/m KN/m
KN/m KN/m KN/m KN/m
solaio sovrastante 2 0 4,2 4,2 2 2 4,2 2

spessore massa vol.


pmax (KN/m)
(m) (KN/m3)
muro sovrastante 0,4 21 12,13

Schema statico:

q+g

FT pmax

C Jt E D

Jh Jh h

A B

g= 10,27 KN/m γG = 1,5


Totale carichi permanenti coeff. parziale di sicurezza

Software 130
5. Esempi applicativi  Software
q= 2 KN/m γQ = 1,5
Totale carichi variabili coeff. parziale di sicurezza

Combinazione di carico (gxγG + qxγQ) = 18,40 KN/m

Il carico triangolare si trasforma in un equivalente carico uniformemente distribuito, perve-


nendo così allo schema seguente:

p
FT

C Jt E D p (KN/m) = 18,40
FT (KN) = 83,86
Jh Jh h l (m) = 1,67
h (m) = 2,2
Jt (cm4) = 7784
XA A B XB Jh (cm4) = 7784

l MB
MA YA YB

Reazioni vincolari

dovute a p dovute a FT sovrapp.


XA 1,758 – 41,930 – 40,172 KN
YA 15,364 – 49,034 – 33,669 KN
MA 1,289 – 51,30 – 50,01 KNm

XB 1,758 41,930 43,688 KN


YB 15,364 49,034 64,398 KN
MB 1,289 51,303 52,592 KNm

Sollecitazioni di calcolo

asta AC asta CD asta BD


A C C D E B D
MEd (KNm) – 50,01 38,36 38,36 – 43,52 3,84 52,59 – 43,52
VEd (KN) 40,17 40,17 – 33,67 – 64,40 – 49,03 43,69 43,69
NEd (KN) 33,67 33,67 – 43,69 – 43,69 – 43,69 – 64,40 – 64,40

131 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Il telaio è realizzato mediante 2 profili IPE 240, sia per i piedritti che per il traverso.

A= 39,1 cm2 area lorda del profilo

valori d el singolo p rofilo


b = 120 mm larghezza delle ali

x x
tf = 9,8 mm spessore delle ali

tW = 6,2 mm spessore dell'anima

r = 15 mm raggio di raccordo tra anima e ala

h = 240 mm altezza del profilo


y

E= 210000 N/mm2 modulo elastico


Wpl,x = 366 cm 3 modulo di resistenza plastico del singolo profilo
Wel,x = 324 cm3 modulo di resistenza elastico del singolo profilo
Wel,y = 47,3 cm3 modulo di resistenza elastico del singolo profilo
Jx = 3892 cm 4 momento d'inerzia del singolo profilo
Av = 19,13 cm 2 area resistente al taglio (Av = A-2b * tf + (tw + 2 * r) * tf

s235
Tipo di acciaio

fyk = 235,00 N/mm2 tensione caratteristica di snervamento


ftk = 360,00 N/mm 2 tensione caratteristica di rottura
γM0 = 1,05 coefficiente parziale di sicurezza

Classificazione del profilo ε=1 (ε = √(235/fyk))

Azione di compressione
Ala c/t = 4,28 classe 1
Anima c/t = 30,71 classe 1
Classe di appartenenza del profilo: 1

Azione di flessione
Ala c/t = 4,28 classe 1

Software 132
5. Esempi applicativi  Software
Anima c/t = 30,71 classe 1
Classe di appartenenza del profilo: 1

Azione di presso-flessione
Ala c/t = 4,28 classe 1
Anima c/t = 30,71 classe 1
Classe di appartenenza del profilo: 1

Infatti, per la presso flessione si ha (si veda paragrafo 4.1):


c = 190,4 α = 0,56
x = 22,10 ψ = – 0,82

396 ε /(13α –1) = 63,315 456 ε/(13α–1) = 72,9081


36 ε /α = 64,512 41,5 ε/α = 74,3682

42 ε /(0,67 + 0,33 ψ) = 104,791


62 ε (1–ψ)√(–ψ) = 101,679

verifica la classe 1
verifica la classe 2
verifica la classe 3

Di conseguenza:

Classe di appartenenza del profilo 1


(azione di pressoflessione)

(per profili IPE o HE _ per l’ala: c = b – tw 2 · r; t = tf; per l’anima: c = h – 2 · tf – 2 · r; t = tw)

Anche per il traverso la classe di appartenenza è 1.

Resistenze di calcolo

Piedritti
Mc,Rd = 163,829 KNm Resistenza di calcolo a flessione
Vc,Rd = 494,32 KN Resistenza di calcolo a taglio
Nc,Rd = 1750,19 KN Resistenza di calcolo a sforzo normale

Traverso
Mc,Rd = 163,829 KNm Resistenza di calcolo a flessione
Vc,Rd = 494,32 KN Resistenza di calcolo a taglio
Nc,Rd = 1750,19 KN Resistenza di calcolo a sforzo normale

133 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Verifiche di resistenza (SLU): stato limite di collasso per formazione di cerniera plastica
nella sezione

Piedritti
VEd / Vc,Rd = 0,0884 ≤ 0,5: si può trascurare l’influenza del taglio

esito della verifica


sezione n = Ned/Npl,Rd Mpl,y,Rd MN,y,Rd MEd MN,y,Rd/MEd
MN,y,Rd/MEd ≥ 1
A 0,0192375 163,8285714 163,8285714 – 50,0 3,28 verificato
C 0,0192375 163,8285714 163,8285714 38,4 4,27 verificato
B 0,0367948 163,8285714 163,8285714 52,6 3,12 verificato
D 0,0367948 163,8285714 163,8285714 – 43,5 3,76 verificato

Traverso
VEd / Vc,Rd = 0,1303 ≤ 0,5: si può trascurare l’influenza del taglio

sezione n = Ned/Npl,Rd Mpl,y,Rd MN,y,Rd MEd MN,y,Rd/MEd esito della verifica


C 0,0249618 163,8285714 163,8285714 38,4 4,27 verificato
D 0,0249618 163,8285714 163,8285714 – 43,5 3,76 verificato
E 0,0249618 163,8285714 163,8285714 3,8 42,70 verificato

(Mc,Rd = Mpl,y,Rd = Wpl,y*fyk/γM0) Momento resistente a flessione (per sezioni di classe 1 e 2)


(Mc,Rd = Mel,y,Rd = Wel,min*fyk/γM0) Momento resistente a flessione (per sezioni di classe 3)
(Nc,Rd = Npl,Rd = A*fyk/γM0) Resistenza plastica della sezione (per sezioni di classe 1, 2 e 3)
(Vc,Rd = Av*fyk/(√3*γM0) Resistenza di calcolo a taglio

Verifica di deformabilità del traverso (SLE)

lc

p = 18,40 KN/m
l = 1,67 m
MEd = 6,41 KNm
Mel = 145,03 KNm Momento al limite elastico (Wel * fyk/γM0)
La trave si trova in fase elastica in quanto Med < Mel
A favore di sicurezza, si considera la stessa combinazione di carico utilizzata per la verifica di
resistenza allo S.L.U.

Software 134
5. Esempi applicativi  Software
g= 10,27 KN/m γG = 1,5
Totale carichi permanenti coeff. parziale di sicurezza

q= 2 KN/m γQ = 1,5
Totale carichi variabili coeff. parziale di sicurezza

Combinazione di carico (gxγG + qxγQ) = 18,40 KN/m

δc (mm) = 0 monta iniziale della trave


δ1 (mm) = 0,06 spostamento elastico dovuto ai carichi permanenti
δ2 (mm) = 0,01 spostamento elastico dovuto ai carichi variabili
δmax (mm) = 0,08 spostamento nello stato finale depurato della monta iniziale = δtot – δc

Valori limite δmax,LIM = L/400 = 4,2 mm


δ2.LIM = L/500 = 3,3 mm
δmax < del valore limite VERIFICATO
δ2 < del valore limite VERIFICATO

Verifica del collegamento saldato piedritto-traverso


Verifiche collegamenti saldati in sommità del piedritto e alla base (collegamento piedritto –
piastra di base) saldature con cordoni d’angolo.

a
b = 150 mm
r r b1 = 50 mm

h1 h1 = 200 mm
x x
h = 300 mm
h
s = 7 mm (spessore cordone)
b1 a = 4,95 mm (sezione di gola)

Azioni di calcolo
VEd = 43,69 KN fyk = 235,00 N/mm2 tensione caratteristica di snervamento
NEd = 64,40 KN β1 = 0,85 coefficiente per acciaio S235
MEd = 52,59 KNm β2 = 1 coefficiente per acciaio S235

135 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

VEd

b
a

r r MEd

h1
x x
h

b1

Le caratteristiche geometriche sotto riportate, tengono conto della riduzione dei cordoni di sal-
datura dovuta alla presenza di più profili che ostacolano la realizzazione dei cordoni stessi sul-
l’intero perimetro di ciascun profilo.

Jx = 11701,9 cm4 momento di inerzia della sezione resistente delle saldature;


A = 74,2 cm2 area della sezione resistente delle saldature;
Wx = 755,2 cm3 modulo di resistenza elastico;
Sr = 328,669 cm3 momento statico rispetto all’asse x della parte di sezione staccata dal-
l’asse r.

Cordoni d’anima
Si considera la sezione di gola in posizione ribaltata
n⊥ = 5,362 KN/cm2 tensione normale perpendicolare all’asse del cordone;
t⊥ = 0,000 KN/cm2 tensione tangenziale perpendicolare all’asse del cordone;
τ|| = 1,240 KN/cm2 tensione tangenziale parallela all’asse del cordone.

Per la verifica deve risultare:


(n⊥2 + t⊥2 + τ||2)0,5 ≤ β1 · fyk
/ n⊥ / + / t⊥ / ≤ β2 · fyk

(n⊥2 + t⊥2 + τ||2)0,5 = 5,50 KN/cm2


β1 · fyk = 19,98 KN/cm2 verificato

/ n⊥ / + / t⊥ / = 5,36 KN/cm2
β2 · fyk = 23,5 KN/cm2 verificato

Cordoni d’ala
Si considera la sezione di gola in posizione ribaltata

Software 136
5. Esempi applicativi  Software
n⊥ = 7,831 KN/cm2 tensione normale perpendicolare all’asse del cordone;
t⊥ = 0,000 KN/cm2 tensione tangenziale perpendicolare all’asse del cordone;
τ|| = 0,000 KN/cm2 tensione tangenziale parallela all’asse del cordone.

Per la verifica deve risultare:


(n⊥2 + t⊥2 + τ||2)0,5 ≤ β1 · fyk
/ n⊥ / + / t⊥ / ≤ β2 · fyk

(n⊥2 + t⊥2 + τ||2)0,5 = 7,83 KN/cm2


β1 · fyk = 19,98 KN/cm2 verificato

/ n⊥ / + / t⊥ / = 7,83 KN/cm2
β2 · fyk = 23,5 KN/cm2 verificato

Verifica del giunto di base

c c 2c+tf

area di contatto

b = 120 mm
h = 240 mm
2c+tw
b

tf = 9,8 mm

zona non compresa tw = 6,2 mm


nell'area di contatto

Pisatra di base
Spessore = 20 mm Acciao S235

Tirafondi
Numero: 6 diametro = 20 mm classe 6.8 Area bullone = 245 mm2 diam. foro 21 mm

Caratteristiche dei bulloni


fyb = 480,00 N/mm2 tensione caratteristica di snervamento;
ftb = 600,00 N/mm2 tensione caratteristica di rottura;
γM2 = 1,25 coefficiente parziale di sicurezza;

Fv,Rd = 58,80 KN resistenza di calcolo a taglio del singolo bullone;


Ft,Rd = 105,84 KN resistenza di calcolo a trazione del singolo bullone (per snervamento
dell’acciaio).

137 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Caratteristiche ancoraggio (ancoraggio chimico)


τr = 9,00 N/mm2 adesione resina-cls;
Lb = 200,00 mm lunghezza di ancoraggio;
γm = 1,25 coefficiente parziale di sicurezza;
d0 = 22,00 mm diametro del foro nel cls;

Ft,Rd = 99,48 KN resistenza di calcolo a trazione del singolo bullone (per resistenza del
supporto).

La resistenza a trazione del singolo bullone è rappresentata dal valore minimo tra la resisten-
za per snervamento dell’acciaio e la resistenza per adesione al supporto.
Nud = 99,48 KN resistenza ultima a trazione del bullone

Cordolo in c.a.
Calcestruzzo: C25/30 αcc = 0,85 αc = 1,5

Rck = 30,00 N/mm2 resistenza caratteristica a compressione su cubi;


fck = 24,90 N/mm2 resistenza cilindrica da usare nei calcoli;
fctm = 2,56 N/mm2 resistenza media a trazione semplice;
fctk = 1,79 N/mm2 resistenza caratteristica a trazione semplice;
fcfm = 3,07 N/mm2 resistenza media a trazione per flessione;
fcd = 14,11 N/mm2 resistenza di calcolo (fcd = αcc fck/γc).

Calcolo della resistenza di progetto del giunto

fj = βj · kj · fcd = 0,667 · 14,11 = 9,407 N/mm2

fj = resistenza di progetto del giunto;


βj = coefficiente di giunto. Può essere assunto uguale a 2/3 se la resistenza caratteristica
della malta è non minore del 20% della resistenza caratteristica del calcestruzzo del cor-
dolo e lo spessore della malta è non maggiore di 0,2 volte la larghezza minima di base
della piastra di acciaio;
kj = coefficiente di concentrazione, normalmente uguale a 1.

Calcolo dell’area effettiva di contatto della piastra di base

Larghezza addizionale “c” c = t · (fyk / (3 · fj · γM0))0,5


c = 56,32 mm
Larghezza efficace “beff”
beff = 232,65 mm
Area efficace di contatto “Aeff”
Aeff = 69780,2 mm2

Software 138
5. Esempi applicativi  Software
Verifica della capacità portante del giunto

e1 c

Dimensioni della piastra

e2
B = 300 mm
H = 350 mm
beff = 232,65 mm

p2

beff

B
heff = 352,65 mm
t = 20 mm area c
efficace
beff larghezza efficace
heff altezza efficace heff

Valori limite
min max
e1 = 35 mm valore ammesso e1 = 25,2 mm 120
e2 = 90 mm valore ammesso e2 = 25,2 mm 120
p2 = 60 mm valore ammesso p2 = 50,4 mm 200

I tirafondi si trovano all’interno dell’area efficace di contatto

NEd
MEd
NEd TEd
Piastra
TEd di base
Tirafondi MEd

fj Rtd
Rcd
x x1
x2

139 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Per la verifica deve risultare: MRd ≥ MEd

NEd MEd TEd Rtd Rcd x1 x2 MRd


sezione x
KN KNm KN KN KN mm mm KNm
A 33,67 – 50,01 40,17 298,426 264,76 120,98 140,0 255,8 72,447 verificato
B – 64,40 52,59 43,69 298,426 362,82 165,79 140,0 233,4 75,677 verificato

dove:
– NEd, MEd, TEd = sollecitazioni di calcolo (sforzo normale “N” positivo se di trazione)
– Rtd = risultante delle trazioni (resistenza ultima a trazione dei tirafondi)
Rtd = Nud · n (resistenza di un bullone x numero di bulloni in zona tesa)
– Rcd = risultante delle compressioni (resistenza ultima a compressione sul cordolo in C.A.)
Rcd = Rtd – NEd (per l’equilibrio alla traslazione verticale)
– x = altezza sulla quale sono distribuiti gli sforzi di compressione nel C.A.
x = Rcd / (fj · beff)
– x1 = braccio della risultante delle trazioni rispetto al baricentro della piastra
x1 = (H – 2 · e1)/2
– x2 = braccio della coppia interna
x2 = (H – e1) – (H – heff) / 2 – x / 2
– MRd = momento resistente del giunto
MRd = NEd · x1 + Rcd · x2 (per l’equilibrio alla rotazione attorno baricentro tirafondi)

Verifica a flessione della piastra


Avendo rispettato la larghezza efficace “c”, la piastra risulta automaticamente verificata nei
confronti della flessione generata dalle tensioni di compressione nel C.A. La verifica verrà per-
tanto condotta considerando solamente la flessione generata dalle trazioni nei tirafondi.

d = 20 mm
Wpl = 30000,00 mm3 (modulo di resistenza plastico)
Sollecitazioni Rtd
VEd = 298,43 KN sollecitazione tagliante d
MEd = 5968,51 KNmm sollecitazione flettente

Resistenze di calcolo
Mc,Rd = 6714,29 KNmm Resistenza di calcolo a flessione (Mc,Rd = Mpl,y,Rd = Wpl,y · fyk/γM0)
Vc,Rd = 775,30 KN Resistenza di calcolo a taglio (Vc,Rd = Av · fyk / (√3 · γM0)

Verifiche di resistenza (SLU): stato limite di collasso per formazione di cerniera plastica
VEd / Vc,Rd = 0,3849 ≤ 0,5: si può trascurare l’influenza del taglio
My,V,Rd = 6714,286 KNmm Resistenza a flessione ridotta per effetto del taglio;
MEd = 5968,512 KNmm Sollecitazione flettente.
My,V,Rd ≥ MEd verificato

Software 140
5. Esempi applicativi  Software
Verifica a rifollamento della piastra

Resistenza di calcolo a rifollamento: Fb,Rd = k · α · ftk · d · t / γM2


d = 20 mm diametro del bullone
t = 20 mm spessore della piastra
2
ftk = 360,00 N/mm resistenza a rottura della piastra
coefficiente per bulloni di bordo nella direzione del carico applicato
α = 0,556
α = min[e1/(3d0); ftb / ft; 1]
coefficiente per bulloni di bordo nella direzione del carico applicato
k = 2,5 k = min(2,8e2 / d0 – 1,7; 1)
Fb,Rd = 160,00 KN resistenza di calcolo a rifollamento
Fv,Ed = 7,281 KN sollecitazione tagliante sul singolo bullone
Fb,Rd ≥ Fv,Ed Verificato

Verifica di resistenza dei tirafondi


Verifica per presenza combinata di taglio e trazione

Fv,Ed / Fv,Rd + Ft,Ed / 1,4 · Ft,Rd = 0,785 ≤ 1 verificato

La condizione Ft,Ed / Ft,Rd ≤ 1 è automaticamente soddisfatta

Particolare del telaio metallico

141 Software
APPENDICE LEGISLATIVA
 Software
DECRETO DEL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE 14 GENNAIO 2008
Approvazione delle nuove norme tecniche per le costruzioni (stralcio)
[G.U.R.I 4-02-2008, N. 29 – S.O. N. 30]

(omissis)

8. COSTRUZIONI ESISTENTI

8.1. OGGETTO
Il presente capitolo definisce i criteri generali per la valutazione della sicurezza e per la progetta-
zione, l’esecuzione ed il collaudo degli interventi sulle costruzioni esistenti.
È definita costruzione esistente quella che abbia, alla data della redazione della valutazione di
sicurezza e/o del progetto di intervento, la struttura completamente realizzata.

8.2. CRITERI GENERALI


Per quanto non diversamente specificato nel presente capitolo, le disposizioni di carattere genera-
le contenute negli altri capitoli della presente norma costituiscono il riferimento anche per le
costruzioni esistenti. Nel caso di interventi non dichiaratamente strutturali (impiantistici, di ridi-
stribuzione degli spazi, ecc.) dovrà essere valutata la loro possibile interazione con gli SLU e gli
SLE della struttura o parti di essa.
La valutazione della sicurezza e la progettazione degli interventi su costruzioni esistenti devono
tenere conto dei seguenti aspetti:
– la costruzione riflette lo stato delle conoscenze al tempo della sua realizzazione;
– possono essere insiti e non palesi difetti di impostazione e di realizzazione;
– la costruzione può essere stata soggetta ad azioni, anche eccezionali, i cui effetti non siano
completamente manifesti;
– le strutture possono presentare degrado e/o modificazioni significative rispetto alla situazione
originaria.
Nella definizione dei modelli strutturali, si dovrà, inoltre, tenere conto che:
– la geometria e i dettagli costruttivi sono definiti e la loro conoscenza dipende solo dalla docu-
mentazione disponibile e dal livello di approfondimento delle indagini conoscitive;
– la conoscenza delle proprietà meccaniche dei materiali non risente delle incertezze legate alla
produzione e posa in opera ma solo della omogeneità dei materiali stessi all’interno della costru-
zione, del livello di approfondimento delle indagini conoscitive e dell’affidabilità delle stesse;
– i carichi permanenti sono definiti e la loro conoscenza dipende dal livello di approfondimento
delle indagini conoscitive.
Si dovrà prevedere l’impiego di metodi di analisi e di verifica dipendenti dalla completezza e dal-
l’affidabilità dell’informazione disponibile e l’uso, nelle verifiche di sicurezza, di adeguati “fatto-
ri di confidenza”, che modificano i parametri di capacità in funzione del livello di conoscenza
relativo a geometria, dettagli costruttivi e materiali.

8.3. VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA


La valutazione della sicurezza e la progettazione degli interventi sulle costruzioni esistenti potran-
no essere eseguiti con riferimento ai soli SLU; nel caso in cui si effettui la verifica anche nei con-
fronti degli SLE i relativi livelli di prestazione possono essere stabiliti dal Progettista di concerto

145 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

con il Committente. Le Verifiche agli SLU possono essere eseguite rispetto alla condizione di sal-
vaguardia della vita umana (SLV) o, in alternativa, alla condizione di collasso (SLC).
Le costruzioni esistenti devono essere sottoposte a valutazione della sicurezza quando ricorra
anche una delle seguenti situazioni:
– riduzione evidente della capacità resistente e/o deformativa della struttura o di alcune sue parti
dovuta ad azioni ambientali (sisma, vento, neve e temperatura), significativo degrado e deca-
dimento delle caratteristiche meccaniche dei materiali, azioni eccezionali (urti, incendi, esplo-
sioni), situazioni di funzionamento ed uso anomalo, deformazioni significative imposte da
cedimenti del terreno di fondazione;
– provati gravi errori di progetto o di costruzione;
– cambio della destinazione d’uso della costruzione o di parti di essa, con variazione significati-
va dei carichi variabili e/o della classe d’uso della costruzione;
– interventi non dichiaratamente strutturali, qualora essi interagiscano, anche solo in parte, con
elementi aventi funzione strutturale e, in modo consistente, ne riducano la capacità o ne modi-
fichino la rigidezza.
Qualora le circostanze di cui ai punti precedenti riguardino porzioni limitate della costruzione, la
valutazione della sicurezza potrà essere limitata agli elementi interessati e a quelli con essi intera-
genti, tenendo presente la loro funzione nel complesso strutturale.
La valutazione della sicurezza deve permettere di stabilire se:
– l’uso della costruzione possa continuare senza interventi;
– l’uso debba essere modificato (declassamento, cambio di destinazione e/o imposizione di limi-
tazioni e/o cautele nell’uso);
– sia necessario procedere ad aumentare o ripristinare la capacità portante.
La valutazione della sicurezza dovrà effettuarsi ogni qual volta si eseguano gli interventi struttu-
rali di cui al punto 8.4, e dovrà determinare il livello di sicurezza prima e dopo l’intervento.
Il Progettista dovrà esplicitare, in un’apposita relazione, i livelli di sicurezza attuali o raggiunti con
l’intervento e le eventuali conseguenti limitazioni da imporre nell’uso della costruzione.

8.4. CLASSIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI


Si individuano le seguenti categorie di intervento:
– interventi di adeguamento atti a conseguire i livelli di sicurezza previsti dalle presenti norme;
– interventi di miglioramento atti ad aumentare la sicurezza strutturale esistente, pur senza
necessariamente raggiungere i livelli richiesti dalle presenti norme;
– riparazioni o interventi locali che interessino elementi isolati, e che comunque comportino un
miglioramento delle condizioni di sicurezza preesistenti.
Gli interventi di adeguamento e miglioramento devono essere sottoposti a collaudo statico.
Per i beni di interesse culturale in zone dichiarate a rischio sismico, ai sensi del comma 4 dell’ar-
ticolo 29 del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 “Codice dei beni culturali e del paesag-
gio”, è in ogni caso possibile limitarsi ad interventi di miglioramento effettuando la relativa
valutazione della sicurezza.

8.4.1. INTERVENTO DI ADEGUAMENTO


È fatto obbligo di procedere alla valutazione della sicurezza e, qualora necessario, all’adegua-
mento della costruzione, a chiunque intenda:
a) sopraelevare la costruzione;

Software 146
Appendice legislativa  Software
b) ampliare la costruzione mediante opere strutturalmente connesse alla costruzione;
c) apportare variazioni di classe e/o di destinazione d’uso che comportino incrementi dei carichi
globali in fondazione superiori al 10%; resta comunque fermo l’obbligo di procedere alla veri-
fica locale delle singole parti e/o elementi della struttura, anche se interessano porzioni limita-
te della costruzione;
d) effettuare interventi strutturali volti a trasformare la costruzione mediante un insieme sistema-
tico di opere che portino ad un organismo edilizio diverso dal precedente.
In ogni caso, il progetto dovrà essere riferito all’intera costruzione e dovrà riportare le verifiche
dell’intera struttura post-intervento, secondo le indicazioni del presente capitolo.
Una variazione dell’altezza dell’edificio, per la realizzazione di cordoli sommitali, sempre che
resti immutato il numero di piani, non è considerata sopraelevazione o ampliamento, ai sensi dei
punti a) e b). In tal caso non è necessario procedere all’adeguamento, salvo che non ricorrano le
condizioni di cui ai precedenti punti c) o d).

8.4.2. INTERVENTO DI MIGLIORAMENTO


Rientrano negli interventi di miglioramento tutti gli interventi che siano comunque finalizzati ad
accrescere la capacità di resistenza delle strutture esistenti alle azioni considerate.
È possibile eseguire interventi di miglioramento nei casi in cui non ricorrano le condizioni speci-
ficate al paragrafo 8.4.1.
Il progetto e la valutazione della sicurezza dovranno essere estesi a tutte le parti della struttura
potenzialmente interessate da modifiche di comportamento, nonché alla struttura nel suo insieme.

8.4.3. RIPARAZIONE O INTERVENTO LOCALE


In generale, gli interventi di questo tipo riguarderanno singole parti e/o elementi della struttura e
interesseranno porzioni limitate della costruzione. Il progetto e la valutazione della sicurezza
potranno essere riferiti alle sole parti e/o elementi interessati e documentare che, rispetto alla con-
figurazione precedente al danno, al degrado o alla variante, non siano prodotte sostanziali modifi-
che al comportamento delle altre parti e della struttura nel suo insieme e che gli interventi
comportino un miglioramento delle condizioni di sicurezza preesistenti.
La relazione di cui al par. 8.2 che, in questi casi, potrà essere limitata alle sole parti interessate dal-
l’intervento ed a quelle con esse interagenti, dovrà documentare le carenze strutturali riscontrate,
risolte e/o persistenti, ed indicare le eventuali conseguenti limitazioni all’uso della costruzione.

8.5. PROCEDURE PER LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA E LA REDAZIONE


DEI PROGETTI
Nelle costruzioni esistenti le situazioni concretamente riscontrabili sono le più diverse ed è quin-
di impossibile prevedere regole specifiche per tutti i casi. Di conseguenza, il modello per la valu-
tazione della sicurezza dovrà essere definito e giustificato dal Progettista, caso per caso, in
relazione al comportamento strutturale attendibile della costruzione, tenendo conto delle indica-
zioni generali di seguito esposte.

8.5.1. ANALISI STORICO-CRITICA


Ai fini di una corretta individuazione del sistema strutturale esistente e del suo stato di sollecita-
zione è importante ricostruire il processo di realizzazione e le successive modificazioni subite nel
tempo dal manufatto, nonché gli eventi che lo hanno interessato.

147 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

8.5.2. RILIEVO
Il rilievo geometrico-strutturale dovrà essere riferito sia alla geometria complessiva dell’organi-
smo che a quella degli elementi costruttivi, comprendendo i rapporti con le eventuali strutture in
aderenza. Nel rilievo dovranno essere rappresentate le modificazioni intervenute nel tempo, come
desunte dall’analisi storico-critica.
Il rilievo deve individuare l’organismo resistente della costruzione, tenendo anche presente la qua-
lità e lo stato di conservazione dei materiali e degli elementi costitutivi.
Dovranno altresì essere rilevati i dissesti, in atto o stabilizzati, ponendo particolare attenzione
all’individuazione dei quadri fessurativi e dei meccanismi di danno.

8.5.3. CARATTERIZZAZIONE MECCANICA DEI MATERIALI


Per conseguire un’adeguata conoscenza delle caratteristiche dei materiali e del loro degrado, ci si
baserà su documentazione già disponibile, su verifiche visive in situ e su indagini sperimentali. Le
indagini dovranno essere motivate, per tipo e quantità, dal loro effettivo uso nelle verifiche; nel
caso di beni culturali e nel recupero di centri storici, dovrà esserne considerato l’impatto in termi-
ni di conservazione del bene. I valori delle resistenze meccaniche dei materiali vengono valutati
sulla base delle prove effettuate sulla struttura e prescindono dalle classi discretizzate previste
nelle norme per le nuove costruzioni.

8.5.4. LIVELLI DI CONOSCENZA E FATTORI DI CONFIDENZA


Sulla base degli approfondimenti effettuati nelle fasi conoscitive sopra riportate, saranno individuati
i “livelli di conoscenza” dei diversi parametri coinvolti nel modello (geometria, dettagli costruttivi
e materiali), e definiti i correlati fattori di confidenza, da utilizzare come ulteriori coefficienti par-
ziali di sicurezza che tengono conto delle carenze nella conoscenza dei parametri del modello.

8.5.5. AZIONI
I valori delle azioni e le loro combinazioni da considerare nel calcolo, sia per la valutazione della
sicurezza sia per il progetto degli interventi, sono quelle definite dalla presente norma per le nuove
costruzioni, salvo quanto di seguito precisato.
Per i carichi permanenti, un accurato rilievo geometrico-strutturale e dei materiali potrà consenti-
re di adottare coefficienti parziali modificati, assegnando valori di γG adeguatamente motivati. Nei
casi per i quali è previsto l’adeguamento, i valori di calcolo delle altre azioni saranno quelli pre-
visti dalla presente norma.

8.6. MATERIALI
Gli interventi sulle strutture esistenti devono essere effettuati con i materiali previsti dalle presen-
ti norme; possono altresì essere utilizzati materiali non tradizionali, purché nel rispetto di norma-
tive e documenti di comprovata validità, ovvero quelli elencati al cap. 12.
Nel caso di edifici in muratura è possibile effettuare riparazioni locali o integrazioni con materia-
le analogo a quello impiegato originariamente nella costruzione, purché durevole e di idonee carat-
teristiche meccaniche.

8.7. VALUTAZIONE E PROGETTAZIONE IN PRESENZA DI AZIONI SISMICHE


Nella valutazione della sicurezza o nella progettazione di interventi sulle costruzioni esistenti sog-
gette ad azioni sismiche, particolare attenzione sarà posta agli aspetti che riguardano la duttilità.

Software 148
Appendice legislativa  Software
Si dovranno quindi assumere le informazioni necessarie a valutare se i dettagli costruttivi, i mate-
riali utilizzati e i meccanismi resistenti siano in grado di continuare a sostenere cicli di sollecita-
zioni o deformazioni anche dopo il superamento delle soglie di plasticizzazione o di frattura.

8.7.1. COSTRUZIONI IN MURATURA


Nelle costruzioni esistenti in muratura soggette ad azioni sismiche, particolarmente negli edifici,
si possono manifestare meccanismi locali e meccanismi d’insieme. I meccanismi locali interessa-
no singoli pannelli murari o più ampie porzioni della costruzione, e sono favoriti dall’assenza o
scarsa efficacia dei collegamenti tra pareti e orizzontamenti e negli incroci murari. I meccanismi
globali sono quelli che interessano l’intera costruzione e impegnano i pannelli murari prevalente-
mente nel loro piano.
La sicurezza della costruzione deve essere valutata nei confronti di entrambi i tipi di meccanismo.
Per l’analisi sismica dei meccanismi locali si può far ricorso ai metodi dell’analisi limite dell’e-
quilibrio delle strutture murarie, tenendo conto, anche se in forma approssimata, della resistenza a
compressione, della tessitura muraria, della qualità della connessione tra le pareti murarie, della
presenza di catene e tiranti. Con tali metodi è possibile valutare la capacità sismica in termini di
resistenza (applicando un opportuno fattore di struttura) o di spostamento (determinando l’anda-
mento dell’azione orizzontale che la struttura è progressivamente in grado di sopportare all’evol-
versi del meccanismo).
L’analisi sismica globale deve considerare, per quanto possibile, il sistema strutturale reale della
costruzione, con particolare attenzione alla rigidezza e resistenza dei solai, e all’efficacia dei col-
legamenti degli elementi strutturali. Nel caso di muratura irregolare, la resistenza a taglio di cal-
colo per azioni nel piano di un pannello in muratura potrà essere calcolata facendo ricorso a
formulazioni alternative rispetto a quelle adottate per opere nuove, purché di comprovata validità.
In presenza di edifici in aggregato, contigui, a contatto od interconnessi con edifici adiacenti, i
metodi di verifica di uso generale per gli edifici di nuova costruzione possono non essere adegua-
ti. Nell’analisi di un edificio facente parte di un aggregato edilizio occorre tenere conto delle pos-
sibili interazioni derivanti dalla contiguità strutturale con gli edifici adiacenti. A tal fine dovrà
essere individuata l’unità strutturale (US) oggetto di studio, evidenziando le azioni che su di essa
possono derivare dalle unità strutturali contigue.
L’US dovrà avere continuità da cielo a terra per quanto riguarda il flusso dei carichi verticali e, di
norma, sarà delimitata o da spazi aperti, o da giunti strutturali, o da edifici contigui strutturalmen-
te ma, almeno tipologicamente, diversi. Oltre a quanto normalmente previsto per gli edifici non
disposti in aggregato, dovranno essere valutati gli effetti di: spinte non contrastate causate da oriz-
zontamenti sfalsati di quota sulle pareti in comune con le US adiacenti, meccanismi locali deri-
vanti da prospetti non allineati, US adiacenti di differente altezza.
L’analisi globale di una singola unità strutturale assume spesso un significato convenzionale e per-
ciò può utilizzare metodologie semplificate. La verifica di una US dotata di solai sufficientemente
rigidi può essere svolta, anche per edifici con più di due piani, mediante l’analisi statica non linea-
re, analizzando e verificando separatamente ciascun interpiano dell’edificio, e trascurando la varia-
zione della forza assiale nei maschi murari dovuta all’effetto dell’azione sismica. Con l’esclusione
di unità strutturali d’angolo o di testata, così come di parti di edificio non vincolate o non aderenti
su alcun lato ad altre unità strutturali, l’analisi potrà anche essere svolta trascurando gli effetti tor-
sionali, nell’ipotesi che i solai possano unicamente traslare nella direzione considerata dell’azione
sismica. Nel caso invece di US d’angolo o di testata è comunque ammesso il ricorso ad analisi sem-

149 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

plificate, purché si tenga conto di possibili effetti torsionali e dell’azione aggiuntiva trasferita dalle
US adiacenti applicando opportuni coefficienti maggiorativi delle azioni orizzontali.
Qualora i solai dell’edificio siano flessibili si potrà procedere all’analisi delle singole pareti o dei
sistemi di pareti complanari, ciascuna parete essendo soggetta ai carichi verticali di competenza
ed alle corrispondenti azioni del sisma nella direzione parallela alla parete.

8.7.2. COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO O IN ACCIAIO


Nelle costruzioni esistenti in cemento armato o in acciaio soggette ad azioni sismiche viene atti-
vata la capacità di elementi e meccanismi resistenti, che possono essere “duttili” o “fragili”. I mec-
canismi duttili possono essere attivati in maniera diffusa su tutta la costruzione, oppure in maniera
non uniforme, ad esempio localizzandosi in alcune parti critiche o su un unico piano. La plasti-
cizzazione di un elemento o l’attivazione di un meccanismo duttile in genere non comportano il
collasso della struttura.
I meccanismi fragili possono localizzarsi in qualsiasi punto della struttura e possono determinare
il collasso dell’intera struttura.
L’analisi sismica globale deve utilizzare, per quanto possibile, metodi di analisi che consentano di
valutare in maniera appropriata sia la resistenza che la duttilità disponibile. L’impiego di metodi
di calcolo lineari richiede da parte del progettista un’opportuna definizione del fattore di struttura
in relazione alle caratteristiche meccaniche globali e locali della struttura in esame.
I meccanismi “duttili” si verificano controllando che la domanda non superi la corrispondente
capacità in termini di deformazione. I meccanismi “fragili” si verificano controllando che la
domanda non superi la corrispondente capacità in termini di resistenza.
Per il calcolo della capacità di elementi/meccanismi duttili o fragili si impiegano le proprietà dei
materiali esistenti, determinate secondo le modalità indicate al punto 8.5.3, divise per i fattori di
confidenza in relazione al livello di conoscenza raggiunto.
Per il calcolo della capacità di resistenza degli elementi fragili primari, le resistenze dei materiali
si dividono per i corrispondenti coefficienti parziali e per i fattori di confidenza in relazione al
livello di conoscenza raggiunto.
Per i materiali nuovi o aggiunti si impiegano le proprietà nominali.

8.7.3. EDIFICI MISTI


Alcune tipologie di edifici esistenti possono essere classificate come miste. Situazioni ricorrenti sono:
– edifici i cui muri perimetrali siano in muratura portante e la struttura verticale interna sia rap-
presentata da pilastri (per esempio, in c.a. o acciaio);
– edifici in muratura che abbiano subito sopraelevazioni, il cui sistema strutturale sia, per esem-
pio, in c.a. o acciaio, o edifici in c.a. o acciaio sopraelevati in muratura;
– edifici che abbiano subito ampliamenti in pianta, il cui il sistema strutturale (per esempio, in
c.a. o acciaio) sia interconnesso con quello esistente in muratura.
Per queste situazioni è necessario prevedere modellazioni che tengano in considerazione le parti-
colarità strutturali identificate e l’interazione tra elementi strutturali di diverso materiale e rigi-
dezza, ricorrendo, ove necessario, a metodi di analisi non lineare di comprovata validità.

8.7.4. CRITERI E TIPI D’INTERVENTO


Per tutte le tipologie di costruzioni esistenti gli interventi di consolidamento vanno applicati, per
quanto possibile, in modo regolare ed uniforme. L’esecuzione di interventi su porzioni limitate

Software 150
Appendice legislativa  Software
dell’edificio va opportunamente valutata e giustificata, considerando la variazione nella distribu-
zione delle rigidezze e delle resistenze e la conseguente eventuale interazione con le parti restan-
ti della struttura. Particolare attenzione deve essere posta alla fase esecutiva degli interventi, in
quanto una cattiva esecuzione può peggiorare il comportamento globale delle costruzioni.
La scelta del tipo, della tecnica, dell’entità e dell’urgenza dell’intervento dipende dai risultati della
precedente fase di valutazione, dovendo mirare prioritariamente a contrastare lo sviluppo di mec-
canismi locali e/o di meccanismi fragili e, quindi, a migliorare il comportamento globale della
costruzione.
In generale dovranno essere valutati e curati gli aspetti seguenti:
– riparazione di eventuali danni presenti
– riduzione delle carenze dovute ad errori grossolani;
– miglioramento della capacità deformativa (“duttilità”) di singoli elementi;
– riduzione delle condizioni che determinano situazioni di forte irregolarità degli edifici, in ter-
mini di massa, resistenza e/o rigidezza, anche legate alla presenza di elementi non strutturali;
– riduzione delle masse, anche mediante demolizione parziale o variazione di destinazione d’uso;
– riduzione dell’impegno degli elementi strutturali originari mediante l’introduzione di sistemi
d’isolamento o di dissipazione di energia,
– riduzione dell’eccessiva deformabilità degli orizzontamenti;
– miglioramento dei collegamenti degli elementi non strutturali;
– incremento della resistenza degli elementi verticali resistenti, tenendo eventualmente conto di
una possibile riduzione della duttilità globale per effetto di rinforzi locali;
– realizzazione, ampliamento, eliminazione di giunti sismici o interposizione di materiali atti ad
attenuare gli urti;
– miglioramento del sistema di fondazione, ove necessario.
Interventi su parti non strutturali ed impianti sono necessari quando, in aggiunta a motivi di fun-
zionalità, la loro risposta sismica può mettere a rischio la vita degli occupanti o produrre danni ai
beni contenuti nella costruzione. Per il progetto di interventi atti ad assicurare l’integrità di tali
parti valgono le prescrizioni fornite nei §§ 7.2.3 e 7.2.4.
Per le strutture in muratura, inoltre, dovranno essere valutati e curati gli aspetti seguenti:
– miglioramento dei collegamenti tra solai e pareti o tra copertura e pareti e fra pareti confluen-
ti in martelli murari ed angolate;
– riduzione ed eliminazione delle spinte non contrastate di coperture, archi e volte;
– rafforzamento delle pareti intorno alle aperture.
Per le strutture in c.a. ed in acciaio si prenderanno in considerazione, valutandone l’eventuale
necessità e l’efficacia, anche le tipologie di intervento di seguito esposte o loro combinazioni:
– rinforzo di tutti o parte degli elementi;
– aggiunta di nuovi elementi resistenti, quali pareti in c.a., controventi in acciaio, etc.;
– eliminazione di eventuali comportamenti a piano “debole”;
– introduzione di un sistema strutturale aggiuntivo in grado di resistere per intero all’azione
sismica di progetto;
– eventuale trasformazione di elementi non strutturali in elementi strutturali, come nel caso di
incamiciatura in c.a. di pareti in laterizio;
Infine, per le strutture in acciaio, potranno essere valutati e curati gli aspetti seguenti:
– miglioramento della stabilità locale e flesso-torsionale degli elementi e globale della struttura;
– incremento della resistenza dei collegamenti;

151 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

– miglioramento dei dettagli costruttivi nelle zone dissipative e nei collegamenti trave-colonna;
– introduzione di indebolimenti locali controllati, finalizzati ad un miglioramento del meccani-
smo globale di collasso.

8.7.5. PROGETTO DELL’INTERVENTO


Per tutte le tipologie costruttive, il progetto dell’intervento di adeguamento o miglioramento
sismico deve comprendere:
– verifica della struttura prima dell’intervento con identificazione delle carenze e del livello di
azione sismica per la quale viene raggiunto lo SLU (e SLE se richiesto);
– scelta motivata del tipo di intervento;
– scelta delle tecniche e/o dei materiali;
– dimensionamento preliminare dei rinforzi e degli eventuali elementi strutturali aggiuntivi;
– analisi strutturale considerando le caratteristiche della struttura post-intervento;
– verifica della struttura post-intervento con determinazione del livello di azione sismica per la
quale viene raggiunto lo SLU (e SLE se richiesto).

(omissis)

Software 152
Appendice legislativa  Software
DECRETO DEL MINISTERO
DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI 14 SETTEMBRE 2005
Norme tecniche per le costruzioni (stralcio)
[G.U.R.I 23-09-2005, N. 222 – S.O. N. 159]

(omissis)

9. COSTRUZIONI ESISTENTI

9.1. OGGETTO
Le presenti norme hanno lo scopo di individuare i criteri generali per la verifica della sicurezza ed
il collaudo delle costruzioni esistenti. È definita costruzione esistente quella che alla data di entra-
ta in vigore della presente normativa risulta edificata, collaudata ovvero utilizzata.

9.2. CRITERI GENERALI


Le costruzioni esistenti devono avere i livelli di sicurezza definiti dai principi normativi fonda-
mentali riportati al capitolo 2 e che sono identificati dalle specifiche norme per i diversi materiali
costituenti la costruzione, di cui al capitolo 5.
Quando ricorrono particolari complessità a livello di acquisizione dati e di processo conoscitivo,
come nei casi di edifici storico-monumentali ed artistici di grande significatività e complessità, la
valutazione della sicurezza potrà essere fondata su una accurata anamnesi storica della costruzio-
ne e su processi logico-deduttivi, ed espressa e motivata, con un “giudizio esperto” formulato da
una commissione di tre esperti, di acclarato valore.
Per le strutture per le quali non sia reperibile il progetto esecutivo dell’opera, la relazione di cal-
colo, i disegni costruttivi ovvero le indagini originali sui materiali e sui terreni di sedime, si potrà
impostare una campagna di accertamenti in situ possibilmente mediante prove non distruttive ed
indagini che non alterino il comportamento dei terreni di fondazione.

9.2.1. VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA


La valutazione della sicurezza deve permettere di stabilire se:
– l’uso della costruzione possa continuare senza interventi;
– l’uso debba essere modificato nel verso di un minore cimento statico (declassamento);
– debba essere necessario procedere ad aumentare la capacità portante (consolidamento);
– debba essere necessario procedere a ripristinare la capacità portante preesistente ad un danno
(riparazione);
– debba essere necessario adeguare la sicurezza dell’opera, in tutto od in parte, alle prescrizioni
della presente norma (adeguamento).
Le costruzioni esistenti devono essere sottoposte a valutazione della sicurezza quando ricorrono le
seguenti situazioni:
1. Scadenza della vita di servizio a partire dalla fine della costruzione ovvero dalla data del col-
laudo statico;
2. In caso di evidente riduzione della capacità resistente dei materiali o elementi strutturali nel
loro insieme;
3. A seguito di azioni ambientali (sisma, vento, neve e temperatura) che abbiano compromesso la
capacità resistente della struttura;

153 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

4. Per degrado e decadimento delle caratteristiche meccaniche dei materiali dei componenti strut-
turali della struttura nel suo complesso;
5. In caso di azioni accidentali (urti, incendi, esplosioni), e di situazioni di funzionamento ed uso
anomalo;
6. In presenza di distorsioni significative imposte da deformazioni del terreno di fondazione;
7. Per riscontrati errori di progetto o di costruzione;
8. A seguito di trasformazione delle condizioni d’uso della struttura;
9. A seguito di un cambio della destinazione d’uso della costruzione con variazione dei carichi
variabili sulla costruzione;
10. Per aumentato cimento statico delle strutture.
Nella valutazione della sicurezza degli edifici esistenti, fermo restando l’azione dei carichi, la resi-
stenza ed il comportamento delle strutture potrà essere valutata con i più avanzati metodi dell’in-
gegneria strutturale.
La valutazione di cui al punto 1 sarà la base di riferimento per la compilazione del fascicolo del
fabbricato.
Il committente e/o il proprietario, sotto la loro responsabilità nei riguardi della pubblica incolumi-
tà, secondo i principi del capitolo 2, individueranno il termine della vita di servizio dell’opera.

9.3. INTERVENTI SULLE COSTRUZIONI ESISTENTI

9.3.1. CLASSIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI FINALIZZATI ALL’AUMENTO


DELLA SICUREZZA DELLA COSTRUZIONE
Si individuano le seguenti categorie di intervento:
1. Intervento di consolidamento;
2. Intervento di riparazione.

9.3.1.1. Intervento di consolidamento


L’intervento di consolidamento è l’insieme delle opere ed interventi che conferiscono alla struttu-
ra un grado di sicurezza maggiore di quello preesistente all’intervento.
È obbligo procedere ad intervento di consolidamento quando la struttura ricade nei casi 2, 3, 4 e
6 del punto 9.2.1. Il progetto deve essere riferito all’intera struttura ovvero alla parte strutturale
avente funzionamento autonomo.
Il progetto, sviluppato in relazione alle cause che hanno determinato la non adeguatezza della
struttura, deve comunque prevedere le seguenti attività:
1. Rilievo plano-altimetrico della costruzione;
2. Rilievo strutturale, comprese le strutture di fondazione;
3. Rilievo dello stato fessurativo e/o distorsivo della struttura;
4. Analisi dell’evoluzione storica-costruttiva della costruzione;
5. Studio geologico e analisi geotecnica, ove necessario;
6. Indagine sismica del sito, ove necessario;
7. Indagini sui terreni sulle strutture di fondazione, ove necessario;
8. Indagini sui materiali e valutazione dello stato di conservazione e di resistenza residua, da defi-
nire con prove sperimentali;
9. Rilievo dei dissesti, cause, entità;
10. Valutazione delle condizioni di sicurezza della struttura nello stato ante-intervento;

Software 154
Appendice legislativa  Software
11. Relazione motivata dell’intervento di consolidamento;
12. Verifica della sicurezza della struttura consolidata nello stato di post-intervento e nel corso
delle fasi esecutive; giudizio di incremento della sicurezza.

9.3.1.2. Intervento di riparazione


L’intervento di riparazione e l’insieme degli interventi che riportano la sicurezza dell’opera al
livello precedente al danno od al decadimento.
Il progetto deve essere riferito alle strutture interessate, documentare che non sono prodotte
sostanziali modifiche al comportamento dell’elemento e/o elementi e verificare che viene confe-
rita all’elemento e/o elementi una maggior sicurezza.
L’accertamento dell’aumento della sicurezza potrà avvenire secondo i criteri generali esposti al
precedente paragrafo 2.
Il progetto dovrà prevedere un giudizio finale anche “esperto” sulla sicurezza alla pubblica inco-
lumità dell’intera costruzione.

9.3.2. CLASSIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI CONSEGUENTI A NUOVE ESIGEN-


ZE E/O TRASFORMAZIONI DELLA COSTRUZIONE
Si individuano le seguenti tipologie:
1. Intervento di adeguamento;
2. Intervento di miglioramento.

9.3.2.1. Intervento di adeguamento


L’intervento di adeguamento ha la finalità di adeguare la sicurezza dell’opera nei casi seguenti:
a) per un ampliamento o sopra elevazione della struttura;
b) nel caso di opere di trasformazione della struttura in organismo edilizio diverso dal preceden-
te per uso, e carichi;
c) nel caso di variazioni significative delle destinazioni d’uso che comportano un aumento dei
carichi.
Il progetto deve essere riferito all’intera costruzione e dovrà riportare le verifiche dell’intera strut-
tura post-intervento secondo la normativa vigente.
Il progetto deve comunque prevedere le seguenti attività:
1. Rilievo plano-altimetrico della costruzione;
2. Rilievo strutturale, comprese le strutture di fondazione;
3. Rilievo dello stato fessurativo e/o distorsivo della struttura, ove necessario;
4. Analisi dell’evoluzione storica-costruttiva della costruzione;
5. Studio geologico e analisi geotecnica, ove necessario;
6. Indagine sismica del sito, ove necessario;
7. Indagini sui terreni sulle strutture di fondazione, ove necessario;
8. Indagini sui materiali e valutazione dello stato di conservazione e di resistenza residua, da defi-
nire con prove sperimentali;
9. Rilievo dei dissesti, cause, entità, se esistenti;
10. Valutazione delle condizioni di sicurezza della struttura nello stato ante-intervento;
11. Relazione motivata dell’intervento di adeguamento previsto;
12. Verifica della sicurezza della struttura consolidata nello stato di post-intervento e nel corso
delle fasi esecutive.

155 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

9.3.2.2. Intervento di miglioramento


È l’insieme di opere, riguardanti singole parti della struttura necessarie per conferire all’intera
struttura un maggior grado di sicurezza.
Il progetto dovrà essere riferito alle strutture interessate e documentare che le trasformazioni e/o
variazioni non producono sostanziali modifiche al comportamento globale della struttura e che
conferiscono all’intera struttura un aumento della sicurezza alla pubblica incolumità.
Il progetto deve comunque prevedere le seguenti attività:
1. Rilievo plano-altimetrico della costruzione;
2. Rilievo strutturale, comprese le strutture di fondazione;
3. Rilievo dello stato fessurativo e/o distorsivo della struttura;
4. Analisi dell’evoluzione storica-costruttiva della costruzione;
5. Studio geologico e analisi geotecnica, ove necessario;
6. Indagine sismica del sito, ove necessario;
7. Indagini sui terreni sulle strutture di fondazione, ove necessario;
8. Indagini sui materiali e valutazione de1lo stato di conservazione e di resistenza residua, da
definire con prove sperimentali;
9. Rilievo dei dissesti, cause, entità;
10. Valutazione delle condizioni di sicurezza della struttura nello stato ante-intervento;
11. Relazione motivata dell’intervento di miglioramento previsto;
12. Verifica della sicurezza della struttura consolidata nello stato di post-intervento e nel corso
delle fasi esecutive; giudizio di incremento della sicurezza.

9.4. PROGETTO E COLLAUDO


Analogamente alle nuove costruzioni, gli interventi relativi alle costruzioni esistenti dovranno
essere attuati elaborando un progetto esecutivo redatto secondo le prescrizioni di cui alle presenti
norme tecniche. Tutti gli interventi devono essere sottoposti a collaudo statico secondo quanto
indicato nel capitolo 8.

(omissis)

Software 156
Appendice legislativa  Software
DECRETO DEL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI
16 GENNAIO 1996
Norme tecniche per le costruzioni in zone sismiche (stralcio)
[G.U.R.I 5-02-1996, N. 19 – S.O.]

(omissis)

C.9. INTERVENTI SUGLI EDIFICI ESISTENTI

C.9.0. Gli interventi di adeguamento o di miglioramento di seguito definiti possono essere eseguiti
senza l’obbligo del rispetto di quanto stabilito ai punti precedenti delle presenti norme, relativi alle
nuove costruzioni.
Gli interventi comprendono le riparazioni dei danni prodotti da eventi sismici.

C.9.1. DEFINIZIONI

C.9.1.1. Intervento di adeguamento


Si definisce intervento di adeguamento l’esecuzione di un complesso di opere sufficienti per ren-
dere l’edificio atto a resistere alle azioni sismiche definite ai punti C.9.5.3., C.9.6.3. e C.9.7.3.
È fatto obbligo di procedere all’adeguamento a chiunque intenda:
a) sopraelevare o ampliare l’edificio. Si intende per ampliamento la sopraelevazione di parti del-
l’edificio di altezza inferiore a quella massima dell’edificio stesso. In tal caso non sussiste più
l’obbligo del rispetto delle prescrizioni di cui al punto C.3.;
b) apportare variazioni di destinazione che comportino, nelle strutture interessate dall’intervento,
incrementi dei carichi originari (permanenti e accidentali) superiori al 20%;
c) effettuare interventi strutturali rivolti a trasformare l’edificio mediante un insieme sistematico
di opere che portino ad un organismo edilizio diverso dal precedente;
d) effettuare interventi strutturali rivolti ad eseguire opere e modifiche per rinnovare e sostituire
parti strutturali dell’edificio, allorché detti interventi implichino sostanziali alterazioni del
comportamento globale dell’edificio stesso.
Le sopraelevazioni, nonché gli interventi che comportano un aumento del numero dei piani, sono
ammissibili esclusivamente ove siano compatibili con le larghezze delle strade su cui prospettano;
è altresì ammissibile una variazione di altezza, senza il rispetto delle norme di cui ai punti C.2 e
C.3. qualora sia necessaria per l’abitabilità degli ambienti, a norma dei regolamenti edilizi, sem-
pre che resti immutato il numero dei piani.

C.9.1.2. Intervento di miglioramento


Si definisce intervento di miglioramento l’esecuzione di una o più opere riguardanti i singoli ele-
menti strutturali dell’edificio con lo scopo di conseguire un maggior grado di sicurezza senza
peraltro modificarne in maniera sostanziale il comportamento globale.
È fatto obbligo di eseguire interventi di miglioramento a chiunque intenda effettuare interventi
locali volti a rinnovare o sostituire elementi strutturali dell’edificio.
Tale tipologia d’intervento si applica, in particolare, al caso degli edifici di carattere monumenta-
le di cui all’articolo 16 della legge 2 febbraio 1974, n. 64, in quanto compatibile con le esigenze
di tutela e di conservazione del bene culturale.

157 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

C.9.2. PROGETTO ESECUTIVO

C.9.2.1. Progetto esecutivo degli interventi di adeguamento


Gli interventi di adeguamento antisismico di un edificio devono essere eseguiti sulla base di un pro-
getto esecutivo firmato, ai sensi dell’articolo 17 della legge 2 febbraio 1974, n. 64, da un ingegnere,
architetto, geometra o perito edile iscritto nell’albo, nei limiti delle rispettive competenze. Il proget-
to deve essere completo ed esauriente per planimetrie, piante, sezioni, particolari esecutivi, relazio-
ne tecnica, relazione sulle fondazioni e fascicolo dei calcoli per la verifica sismica. In particolare la
relazione tecnica deve riferirsi anche a quanto indicato nei successivi punti C.9.2.3. e C.9.2.4.
In ogni caso i disegni di progetto devono contenere le necessarie informazioni atte a definire le
modalità di realizzazione degli interventi nonché, ogni qualvolta occorra, la descrizione e la rap-
presentazione grafica delle fasi di esecuzione con le relative prescrizioni specifiche.
Nel caso in cui sia prescritto l’adeguamento ai sensi del precedente punto C.9.1.1., e viceversa, in
relazione allo stato di fatto dell’edificio e sulla base degli accertamenti e delle verifiche eseguite,
risulti che non occorrano provvedimenti di adeguamento, deve essere ugualmente presentata, ai
sensi del citato articolo 17 della legge 2 febbraio 1974, n. 64, la documentazione tecnica sopra
indicata riferita al fabbricato esistente.
La verifica sismica è tassativa per gli edifici con struttura in cemento armato, metallica ed a pan-
nelli portanti. Essa può essere omessa e sostituita da una specifica ed adeguata relazione tecnica
per gli edifici in muratura ordinaria che allo stato di fatto o dopo l’avvenuta esecuzione delle opere
di rinforzo eventualmente progettate, posseggano i requisiti costruttivi di cui al punto C.5.1 e
C.5.2. Se gli edifici in muratura ordinaria non hanno i requisiti citati, la verifica sismica è obbli-
gatoria.
Nelle verifiche sismiche, per gli interventi di adeguamento, si terrà conto dei coefficienti di pro-
tezione sismica I definiti nei punti precedenti.

C.9.2.2. Progetto esecutivo degli interventi di miglioramento


Nel caso di interventi di miglioramento il progetto deve contenere di norma la documentazione
prescritta per gli interventi di adeguamento limitatamente alle opere interessate.
Nella relazione tecnica deve essere dimostrato che gli interventi progettati non producano sostan-
ziali modifiche nel comportamento strutturale globale dell’edificio.

C.9.2.3. Operazioni progettuali


Il progetto di un intervento su di un edificio è basato sulle seguenti operazioni:
a) individuazione dello schema strutturale nella situazione esistente;
b) valutazione delle condizioni di sicurezza attuale dell’edificio e delle caratteristiche di resisten-
za degli elementi strutturali interessati dagli interventi, avuto riguardo alla eventuale degrada-
zione dei materiali e ad eventuali dissesti in atto;
c) scelta progettuale dei provvedimenti di intervento operata sulla base degli elementi come sopra
determinati;
d) verifica sismica, se necessaria, del nuovo organismo strutturale.

C.9.2.4. Criteri di scelta progettuale


I criteri adottati nella scelta del tipo di intervento devono scaturire da uno studio preliminare del-
l’organismo edilizio riguardante in particolare:

Software 158
Appendice legislativa  Software
a) le caratteristiche, nella situazione esistente, sotto il profilo architettonico, strutturale e della
destinazione d’uso;
b) l’evoluzione storica delle predette caratteristiche con particolare riferimento all’impianto edi-
lizio originario ed alle principali modificazioni intervenute nel tempo;
c) l’analisi globale del comportamento strutturale al fine di accertare le cause ed il meccanismo
di eventuali dissesti in atto.

C.9.3. PROVVEDIMENTI TECNICI DI INTERVENTO


I provvedimenti tecnici per interventi di adeguamento o di miglioramento antisismico possono
ottenersi sia mediante la riduzione degli effetti delle azioni sismiche, sia mediante l’aumento della
resistenza dell’organismo edilizio, o di sue parti, a tali azioni.
Provvedimenti tecnici devono altresì essere adottati per consolidare, e se del caso eliminare, ele-
menti non strutturali il cui eventuale crollo può causare vittime e danni.

C.9.3.1. Provvedimenti tecnici di adeguamento o di miglioramento intesi a ridurre gli effetti


sismici
I provvedimenti tecnici di adeguamento o di miglioramento intesi a ridurre gli effetti sismici pos-
sono consistere:
a) nella riduzione delle masse non strutturali;
b) altri provvedimenti tendenti a modificare favorevolmente il comportamento d’insieme del
sistema edilizio, fra i quali:
– creazione ed adeguamento dei giunti;
– riduzione degli effetti torsionali;
– modifica delle rigidezze.

C.9.3.2. Provvedimenti tecnici di adeguamento o miglioramento intesi ad aumentare la resi-


stenza strutturale
I provvedimenti tecnici di adeguamento antisismico intesi ad aumentare la resistenza delle strut-
ture consistono sia nell’aumentare la resistenza di alcuni o di tutti gli elementi costituenti il siste-
ma strutturale esistente, sia nell’inserimento di nuovi elementi o sistemi strutturali collaboranti
con quelli esistenti.
I provvedimenti tecnici di miglioramento antisismico sono indicati al successivo punto C.9.8.
Possono usarsi anche tecniche d’intervento non ivi esplicitamente menzionate purché risultino,
sulla base di adeguata documentazione, di eguale efficacia.

C.9.3.3. Provvedimenti tecnici in fondazione negli interventi di adeguamento


Le verifiche debbono essere eseguite secondo i criteri stabiliti nel decreto ministeriale 11 marzo
1988 ed eventuali sue successive modifiche e integrazioni, riducendo del 20% i coefficienti di
sicurezza ivi prescritti.
Nel caso di edifici situati su o in prossimità di pendii naturali o artificiali, deve essere verificata
anche la stabilità globale del pendio tenuto conto della presenza dell’edificio secondo quanto dis-
posto alla sezione G del sopracitato decreto.
Ove la verifica sopraindicata non risulti soddisfatta, ovvero possano verificarsi nel sottosuolo del-
l’opera fenomeni di liquefazione, si deve stabilizzare la zona mediante idonei interventi, il positi-
vo risultato dei quali deve essere documentato con osservazioni e misure in situ.

159 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Negli interventi di adeguamento i provvedimenti sulle strutture di fondazione e le relative verifi-


che potranno essere omessi, qualora, su motivato giudizio del progettista ed in relazione alle carat-
teristiche dei terreni, come deducibile dalla relazione geotecnica di cui al sopracitato decreto,
siano verificate contemporaneamente tutte le seguenti circostanze:
a) nella costruzione non siano presenti importanti dissesti di qualsiasi natura attribuibili a cedi-
menti delle fondazioni e sia stato accertato che dissesti della stessa natura non si siano prodot-
ti neppure in precedenza;
b) gli interventi di adeguamento non comportino sostanziali alterazioni dello schema strutturale
del fabbricato;
c) gli stessi interventi non comportino rilevanti modificazioni delle sollecitazioni trasmesse alle
fondazioni;
d) siano esclusi fenomeni di ribaltamento della costruzione per effetto delle azioni sismiche valu-
tate assumendo β = 2.

C.9.3.4. Giunti tecnici tra edifici contigui per interventi di adeguamento


Nel caso di giunti non dimensionati in conformità al punto C.4. si deve provvedere, in generale,
al loro adeguamento.
In alternativa si può intervenire:
– o inserendo elementi di protezione al martellamento;
– oppure eliminando il giunto mediante il collegamento delle strutture da esso separate.
In tal caso si deve tener conto di tale nuovo accoppiamento nella verifica dell’edificio.
Qualora l’adeguamento delle dimensioni del giunto risulti tecnicamente molto complesso o parti-
colarmente oneroso, è consentito di non effettuare l’adeguamento nei seguenti casi:
a) il calcolo delle deformazioni relative fra i due corpi di fabbrica, svolto secondo i criteri indi-
cati al punto C.6.3. ma dividendo gli spostamenti sismici ηd per un fattore, pari a 6 nel caso
degli edifici in muratura, e pari a 3 per gli altri tipi di strutture, assicuri la mancanza di effetti
di martellamento;
b) edifici contigui, entrambi in muratura ordinaria ed aventi altezze che rientrino nei limiti di cui
al punto C.2.

C.9.3.5. Aggetti verticali


Gli elementi verticali (quali comignoli, torrini, parapetti ecc.) devono essere opportunamente vin-
colati alle strutture portanti ed essere resi resistenti alle forze sismiche.

C.9.4. COLLAUDO DEGLI INTERVENTI DI ADEGUAMENTO


Gli interventi di adeguamento devono essere sottoposti a collaudo da parte di un ingegnere, archi-
tetto, geometra o perito edile iscritto all’albo, nei limiti delle rispettive competenze.
Il collaudo, da eseguirsi preferibilmente in corso d’opera, deve tendere ad accertare sostanzial-
mente che la realizzazione degli interventi sia avvenuta conformemente alle prescrizioni pro-
gettuali e nel rispetto delle finalità indicate dal progetto, controllando, in particolare,
l’efficienza dei collegamenti, eseguiti tra i nuovi sistemi resistenti, eventualmente inseriti, e le
strutture preesistenti.
Il collaudo dovrà essere basato sulle risultanze di saggi e di prove sia in situ che su campioni, in
laboratorio.

Software 160
Appendice legislativa  Software
C.9.5. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DELLE COSTRUZIONI IN MURATURA
ORDINARIA

C.9.5.1. Schema strutturale


Il progetto degli interventi di adeguamento deve basarsi su uno schema strutturale resistente all’a-
zione sismica che deve ragionevolmente rispettare la situazione effettiva della costruzione, tenuto
conto del suo comportamento globale; deve comunque essere assicurato un comportamento di tipo
scatolare del complesso della struttura.
Debbono inoltre prevedersi incatenamenti perimetrali in corrispondenza di ogni orizzontamento,
compresi quelli a livello di piano terra, di sottotetto e di imposta del tetto stesso.
Infine, per tutte le strutture spingenti deve provvedersi all’assorbimento delle relative spinte.
Si deve accertare l’efficacia dei collegamenti tra solai e pareti e delle pareti tra di loro. Qualora
nello schema si faccia affidamento sulla ripartizione delle forze orizzontali agenti ad un dato
livello tra i diversi setti murari, va accertata l’efficacia dei solai a costituire un diaframma oriz-
zontale rigido.
Per ciascuna parete si considerano in genere separatamente le azioni ad essa complanari e quelle
normali.
Le azioni complanari alle pareti vanno valutate tenendo conto della ridistribuzione operata dai
solai solo se questi presentano adeguata rigidezza nel loro piano e buon collegamento con i muri.
Nei confronti delle azioni ortogonali alle pareti, queste si considerano vincolate ai solai ed alle
pareti trasversali solo se è accertata l’efficacia dei collegamenti.

C.9.5.2. Analisi dei materiali


La resistenza della muratura è calcolata in relazione alla tipologia, alla qualità ed allo stato di con-
servazione del sistema murario.

C.9.5.3. Verifica sismica


La verifica delle strutture in elevazione va eseguita con riferimento alla resistenza a rottura delle
murature, considerando le azioni sismiche definite al precedente punto C.6., ed assumendo, per il
coefficiente di struttura, il valore:
β = β 1 · β2
ove si attribuiscono i seguenti valori:
β1 = 2, coefficiente che tiene conto delle caratteristiche di duttilità delle costruzioni in muratura;
β2 = 2, coefficiente che tiene conto delle modalità di verifica a rottura.
Per la verifica sismica si può adottare una ipotesi di comportamento elasto-plastico con controllo
della duttilità.
Per la valutazione delle azioni sismiche complanari alle pareti si prende in esame l’edificio nella
sua interezza, con i collegamenti operati dai solai in quanto a tale scopo efficaci, considerando la
forza orizzontale di calcolo applicata nel baricentro delle masse presenti.
Si considera trascurabile la rigidezza delle pareti per deformazioni ortogonali al loro piano.
L’azione sismica ortogonale alla parete è rappresentata da un carico orizzontale distribuito, pari a
β · C volte il peso della parete e da forze orizzontali concentrate pari a β · C volte il carico tra-
smesso dagli orizzontamenti che si appoggiano su di essa, se questi non sono efficacemente col-
legati a muri trasversali.

161 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Si terrà conto dei vincoli della parete con i muri trasversali e con i solai solo in quanto efficaci.
L’effetto flessionale dell’azione sismica ortogonale alla parete può essere valutato nell’ipotesi di
comportamento lineare a sezione interamente reagente.
Le verifiche relative alle fondazioni, previste dal decreto ministeriale 11 marzo 1988, vanno ese-
guite secondo i criteri stabiliti in detto decreto; le azioni sismiche sono calcolate assumendo per il
coefficiente β2 il valore β2 = 1.

C.9.6. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DELLE COSTRUZIONI IN CEMENTO


ARMATO

C.9.6.1. Schema strutturale


Lo schema strutturale resistente alle azioni sismiche deve derivare da un’analisi del comporta-
mento globale dell’edificio, tenendo adeguatamente in conto la partecipazione di tutti gli elemen-
ti irrigidenti efficaci. In particolare dovrà essere adeguatamente studiata la modellazione dei
sistemi strutturali più rigidi, quali le scale o altri eventuali nuclei presenti nel fabbricato.
Si deve anche tener conto della presenza di quegli elementi non strutturali che, attese le caratteri-
stiche di rigidezza e di resistenza, possono contribuire in maniera significativa all’assorbimento
delle azioni sismiche o che comunque possono modificare sensibilmente il comportamento glo-
bale della sola ossatura portante. Di tali elementi dovrà essere considerato anche l’eventuale effet-
to locale connesso con il loro collegamento agli elementi strutturali principali.
Qualora lo schema strutturale sia basato sull’ipotesi di infinita rigidezza dei solai nel loro piano,
come previsto al punto C.6.1.2., dovrà essere accertata la effettiva rispondenza di tali ipotesi con
la effettiva configurazione strutturale dei solai stessi.

C.9.6.2. Analisi dei materiali e particolari costruttivi


La resistenza degli elementi strutturali viene stimata avuto riguardo alla qualità e allo stato di con-
servazione del conglomerato e dell’armatura metallica. Opportune indagini sono eseguite per
appurare l’affidabilità dei dettagli costruttivi, in particolare degli ancoraggi delle armature in cor-
rispondenza dei principali nodi trave-pilastro.

C.9.6.3. Verifica sismica


La verifica sismica delle strutture in elevazione ed in fondazione va eseguita considerando le azio-
ni definite ai precedenti punti C.6.1 e C.6.2.

C.9.7. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DELLE COSTRUZIONI CON STRUTTURA


METALLICA

C.9.7.1. Schema strutturale


Lo schema strutturale resistente all’azione sismica deve rispecchiare il comportamento globale
dell’edificio. Va tenuto conto della presenza di elementi anche non strutturali che limitino la defor-
mabilità dell’organismo portante: si valuterà la rigidezza e la resistenza di tali elementi per giudi-
care della loro partecipazione al comportamento d’insieme.
Va accertata altresì l’efficienza degli elementi controventanti costituiti da nuclei in cemento arma-
to oppure da strutture verticali in acciaio o altro, tenendo conto delle effettive condizioni di vin-
colo offerte dalle fondazioni.

Software 162
Appendice legislativa  Software
C.9.7.2. Analisi dei materiali e particolari costruttivi
Le caratteristiche di resistenza degli elementi strutturali sono valutate mediante esame dello stato
di conservazione del materiale metallico e dell’integrità fisica di ogni loro parte.
L’indagine deve essere estesa, a seconda della tipologia strutturale dell’edificio, agli elementi con-
troventanti (nuclei di cemento armato, controventi verticali in acciaio, etc.), agli elementi di col-
legamento di questi ultimi alle piastre ed agli ancoraggi alle fondazioni.

C.9.7.3. Verifica sismica


La verifica sismica delle strutture in elevazione ed in fondazione va eseguita considerando le azio-
ni definite ai precedenti punti C.6.1 e C.6.2.

C.9.8. INTERVENTI TECNICI DI MIGLIORAMENTO PER GLI EDIFICI IN MURATU-


RA ORDINARIA

C.9.8.1. Pareti murarie


Le murature che non presentino gravi sintomi di instabilità quali strapiombi od estese lesioni, pos-
sono essere riparate; nel caso contrario vanno demolite e ripristinate possibilmente con materiali
inerti simili alla muratura preesistente.
Le riparazioni sono in genere effettuate mediante:
– iniezione di miscele leganti;
– applicazione di lastre in cemento armato o reti metalliche elettrosaldate;
– inserimento di pilastrini;
– tirantature orizzontali e verticali.
Indebolimenti locali delle pareti murarie, in prossimità degli innesti e degli incroci per l’eventua-
le presenza di canne fumarie o vuoti di qualsiasi genere, devono essere eliminati.
In caso di irregolare distribuzione delle aperture (vani di finestre o porte nei muri maestri, quan-
do non sia possibile la loro chiusura, con muratura efficacemente immorsata alla esistente, si deve
provvedere alla cerchiatura delle aperture stesse a mezzo di telai in cemento armato o metallici
collegati alla muratura adiacente tramite perforazioni armate.

C.9.8.2. Solai
Ove si proceda alla sostituzione di solai, questi devono essere del tipo in cemento armato ordina-
rio o precompresso o solai misti con blocchi interposti in laterizio od altro materiale, ovvero in
acciaio efficacemente ancorati alle estremità di cordoli. Qualora le murature portanti siano prive
di cordoli armati in corrispondenza degli orizzontamenti, questi devono essere realizzati con altez-
ze non inferiori allo spessore del solaio.
I cordoli possono essere eseguiti – se necessario – a tratti, sovrapponendo le armature ed eventual-
mente con predisposizione di un tubo centrale per l’inserimento di tiranti o cavi di precompressione.
Qualora le murature presentino consistenza e buona fattura i cordoli possono non essere estesi a tutto
lo spessore delle murature ovvero sostituiti con iniezioni di pasta cementizia o miscele sintetiche.
Possono usarsi solai in legno solo ove sia richiesto da particolari esigenze architettoniche.
Nel caso si impieghino travetti prefabbricati, in cemento armato ordinario o precompresso, si deve
disporre un’apposita armatura di collegamento dei travetti alle strutture perimetrali (travi o cordo-
li), in modo da costituire un efficace ancoraggio sia agli effetti della trasmissione del momento
negativo, sia della forza di taglio.

163 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Qualora si usino laterizi, questi devono essere a blocco unico tra i travetti ed essere efficacemen-
te ancorati ad essi ed alla sovrastante soletta.

C.9.8.3. Scale
Le scale in muratura non portante (cosiddette alla romana) devono di regola essere sostituite da
scale in cemento armato o in acciaio.
Possono tuttavia essere conservate soltanto se prive di lesioni, e dopo averne verificata l’efficien-
za a mezzo di prove di carico statico e dinamico. Quando necessità ambientali-architettoniche
richiedano la conservazione di scale a sbalzo staticamente non sicure, possono adottarsi, previo
accurato studio, rinforzi con adeguate strutture metalliche o cementizie.

C.9.8.4. Archi e volte


Gli archi e le volte dei fabbricati, siti negli orizzontamenti fuori terra, devono essere muniti di cin-
ture, chiavi o tiranti, posti convenientemente in tensione, atti ad assorbire integralmente le spinte
alle loro imposte, a meno che le murature di sostegno abbiano spessori sufficienti ad accogliere le
spinte senza che vengano generati sforzi di trazione.
Le eventuali lesioni degli archi e delle volte possono essere risarcite mediante adeguate cucitu-
re ovvero con iniezioni cementizie o di soluzioni di materie sintetiche o altro materiale o siste-
ma idoneo.
Qualora le lesioni siano macroscopiche, o le murature si presentino inconsistenti, gli archi e le
volte devono essere demoliti. Ove lo richiedano esigenze funzionali od estetiche, ovvero il ripri-
stino di condizioni di equilibrio di insieme, possono essere ricostruiti sempre con il criterio di rea-
lizzare sistemi chiusi in se stessi; qualora non sussistano le dette esigenze, le strutture spingenti
vanno sostituite con elementi strutturali non spingenti.

C.9.8.5. Coperture
I tetti, ove sostituiti, debbono essere non spingenti ed efficacemente collegati ad un cordolo di
coronamento.
Nel caso di tetti in legno si deve garantire una adeguata connessione fra i diversi elementi costi-
tuenti l’orditura.

C.9.9. EDIFICI CON STRUTTURA MISTA


Nel caso di edifici le cui strutture resistenti siano realizzate con combinazioni di elementi in mura-
tura, in calcestruzzo armato o metallici, si applicano le prescrizioni di cui alle presenti norme rela-
tive alla tipologia degli elementi strutturali ai quali è prevalentemente affidato il compito di
resistere alle forze orizzontali.
Dovrà essere verificata la compatibilità delle deformazioni dei vari elementi presenti nonché la
validità dei collegamenti fra gli elementi strutturali di diversa tipologia.

C.9.10. COMPLESSI EDILIZI


Nel caso di complessi edilizi privi di giunti tra gli edifici, il progetto esecutivo dell’intervento deve
documentare la situazione statica degli edifici contigui, a dimostrazione che gli interventi previsti
non arrechino aggravi a tale situazione.

(omissis)

Software 164
Appendice legislativa  Software
CIRCOLARE MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI
2 FEBBRAIO 2009, N. 617
Istruzioni per l’applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al Decreto
Ministeriale 14 gennaio 2008 (stralcio)
[G.U.R.I 26-02-2009, N. 47 – S.O. N. 27]

(omissis)

C8.4 CLASSIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI


Indipendentemente dall’appartenenza ad una delle tre categorie individuate dalle NTC, è opportu-
no che gli interventi, anche non sismici, siano primariamente finalizzati alla eliminazione o ridu-
zione significativa di carenze gravi legate ad errori di progetto e di esecuzione, a degrado, a danni,
a trasformazioni, etc. per poi prevedere l’eventuale rafforzamento della struttura esistente, anche
in relazione ad un mutato impegno strutturale.
Per gli interventi finalizzati alla riduzione della vulnerabilità sismica sui beni del patrimonio cul-
turale vincolato, un opportuno riferimento è costituito dalla “Direttiva del Presidente del Consi-
glio dei Ministri per la valutazione e riduzione del rischio sismico del patrimonio culturale con
riferimento alle norme tecniche per le costruzioni” del 12 ottobre 2007. Tale direttiva è adottabile
per le costruzioni di valenza storico-artistica, anche se non vincolate.

C8.4.1. INTERVENTO DI ADEGUAMENTO


Indipendentemente dalle problematiche strutturali specificamente trattate nelle NTC, le sopraele-
vazioni, nonché gli interventi che comportano un aumento del numero di piani, sono ammissibili
solamente ove siano compatibili con gli strumenti urbanistici.
La valutazione della sicurezza, nel caso di intervento di adeguamento, è finalizzata a stabilire se
la struttura, a seguito dell’intervento, è in grado di resistere alle combinazioni delle azioni di pro-
getto contenute nelle NTC, con il grado di sicurezza richiesto dalle stesse. Non è, in generale,
necessario il soddisfacimento delle prescrizioni sui dettagli costruttivi (per esempio armatura
minima, passo delle staffe, dimensioni minime di travi e pilastri, ecc.) valide per le costruzioni
nuove, purché il Progettista dimostri che siano garantite comunque le prestazioni in termini di resi-
stenza, duttilità e deformabilità previste per i vari stati limite.

C8.4.2 INTERVENTO DI MIGLIORAMENTO


La valutazione della sicurezza per un intervento di miglioramento è obbligatoria, come specificato
nel § 8.3 delle NTC, ed è finalizzata a determinare l’entità massima delle azioni, considerate nelle
combinazioni di progetto previste, cui la struttura può resistere con il grado di sicurezza richiesto.
Nel caso di intervento di miglioramento sismico, la valutazione della sicurezza riguarderà, neces-
sariamente, la struttura nel suo insieme, oltre che i possibili meccanismi locali.
In generale ricadono in questa categoria tutti gli interventi che, non rientrando nella categoria del-
l’adeguamento, fanno variare significativamente la rigidezza, la resistenza e/o la duttilità dei sin-
goli elementi o parti strutturali e/o introducono nuovi elementi strutturali, così che il
comportamento strutturale locale o globale, particolarmente rispetto alle azioni sismiche, ne sia
significativamente modificato. Ovviamente la variazione dovrà avvenire in senso migliorativo, ad
esempio impegnando maggiormente gli elementi più resistenti, riducendo le irregolarità in pianta
e in elevazione, trasformando i meccanismi di collasso da fragili a duttili.

165 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

C8.4.3 RIPARAZIONE O INTERVENTO LOCALE


Rientrano in questa tipologia tutti gli interventi di riparazione, rafforzamento o sostituzione di sin-
goli elementi strutturali (travi, architravi, porzioni di solaio, pilastri, pannelli murari) o parti di
essi, non adeguati alla funzione strutturale che debbono svolgere, a condizione che l’intervento
non cambi significativamente il comportamento globale della struttura, soprattutto ai fini della
resistenza alle azioni sismiche, a causa di una variazione non trascurabile di rigidezza o di peso.
Può rientrare in questa categoria anche la sostituzione di coperture e solai, solo a condizione che
ciò non comporti una variazione significativa di rigidezza nel proprio piano, importante ai fini
della ridistribuzione di forze orizzontali, né un aumento dei carichi verticali statici.
Interventi di ripristino o rinforzo delle connessioni tra elementi strutturali diversi (ad esempio tra
pareti murarie, tra pareti e travi o solai, anche attraverso l’introduzione di catene/tiranti) ricadono
in questa categoria, in quanto comunque migliorano anche il comportamento globale della strut-
tura, particolarmente rispetto alle azioni sismiche.
Infine, interventi di variazione della configurazione di un elemento strutturale, attraverso la sua
sostituzione o un rafforzamento localizzato (ad esempio l’apertura di un vano in una parete mura-
ria, accompagnata da opportuni rinforzi) possono rientrare in questa categoria solo a condizione
che si dimostri che la rigidezza dell’elemento variato non cambi significativamente e che la resi-
stenza e la capacità di deformazione, anche in campo plastico, non peggiorino ai fini del compor-
tamento rispetto alle azioni orizzontali.

C8.5 PROCEDURE PER LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA E LA REDAZIONE


DEI PROGETTI

C8.5.1 ANALISI STORICO-CRITICA


Generalmente, quando si trattano costruzioni esistenti, può essere difficile disporre dei disegni ori-
ginali di progetto necessari a ricostruirne la storia progettuale e costruttiva. Per le costruzioni, e in
particolare per gli edifici a valenza culturale, storico-architettonica, è talvolta possibile, attraverso
una ricerca archivistica, raccogliere una documentazione sufficientemente completa sulla loro sto-
ria edificatoria per ricostruire ed interpretare le diverse fasi edilizie.
In ogni caso, soprattutto nel caso di edifici in muratura, sia in assenza sia in presenza di docu-
mentazione parziale, prima di procedere alle indispensabili operazioni di rilevo geometrico, è
opportuno svolgere delle considerazioni sullo sviluppo storico del quartiere in cui l’edificio è
situato (a meno che si tratti di edifici isolati), basandosi su testi specialistici, cercando di acquisi-
re informazioni sugli aspetti urbanistici e storici che ne hanno condizionato e guidato lo sviluppo,
con particolare riferimento agli aspetti di interesse per l’edificio in esame.
La ricostruzione della storia edificatoria dell’edificio, o della costruzione più in generale, consen-
tirà anche di verificare quanti e quali terremoti esso abbia subìto in passato. Questo sorta di valu-
tazione sperimentale della vulnerabilità sismica dell’edificio rispetto ai terremoti passati è di
notevole utilità, perché consente di valutarne il funzionamento, a patto che la sua configurazione
strutturale e le caratteristiche dei materiali costruttivi non siano stati, nel frattempo, modificati in
maniera significativa.
Sulla base dei dati raccolti nella fase di ricerca storica, si possono trarre conclusioni di tipo ope-
rativo per la modellazione meccanica globale dell’edificio.

Software 166
Appendice legislativa  Software
C8.5.2 RILIEVO
Un passo fondamentale nell’acquisizione dei dati necessari a mettere a punto un modello di cal-
colo accurato di un edificio esistente è costituito dalle operazioni di rilievo della geometria strut-
turale. Il rilievo si compone di un insieme di procedure relazionate e mirate alla conoscenza della
geometria esterna delle strutture e dei dettagli costruttivi. Questi ultimi possono essere occultati
alla vista (ad esempio disposizione delle armature nelle strutture in c.a.) e possono richiedere rilie-
vi a campione e valutazioni estensive per analogia. Si noti che, mentre per gli altri due aspetti che
determinano il livello di conoscenza (dettagli costruttivi e proprietà dei materiali) si accettano cre-
scenti livelli di approfondimento dell’indagine, per la geometria esterna, si richiede che il rilievo
sia compiuto in maniera quanto più completa e dettagliata possibile, ai fini della definizione del
modello strutturale necessario alla valutazione della sicurezza per le azioni prese in esame.
La rappresentazione dei risultati del rilievo dovrà essere effettuata attraverso piante, prospetti e
sezioni, oltre che con particolari costruttivi di dettaglio.

C8.5.3 CARATTERIZZAZIONE MECCANICA DEI MATERIALI


Il piano delle indagini fa comunque parte sia della fase diagnostica che del progetto vero e pro-
prio, e dovrà essere predisposto nell’ambito di un quadro generale volto a mostrare le motivazio-
ni e gli obiettivi delle indagini stesse.
Nel caso in cui vengano effettuate prove sulla struttura, attendibili ed in numero statisticamente
significativo, i valori delle resistenze meccaniche dei materiali vengono desunti da queste e pre-
scindono dalle classi discretizzate previste nelle NTC (come ad esempio quelle del calcestruzzo
di cui al § 4.1 delle NTC).
Per quanto riguarda le costruzioni in muratura, le Regioni possono definire, ad integrazione della
Tabella C8B.1 in Appendice C8B, tabelle specifiche per le tipologie murarie ricorrenti sul territo-
rio regionale.
Un aiuto, non esaustivo, ai fini della definizione delle resistenze dei materiali può ricavarsi dalle
norme dell’epoca della costruzione.

C8.5.4 LIVELLI DI CONOSCENZA E FATTORI DI CONFIDENZA


Il problema della conoscenza della struttura e dell’introduzione dei fattori di confidenza è stato
discusso in C8.2. Una guida alla stima dei fattori di confidenza da utilizzare, in relazione ai livel-
li di conoscenza raggiunti, è riportata in Appendice C8A.
Per le costruzioni di valenza storico-artistica potranno essere adottati i fattori di confidenza con-
tenuti nella Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 12 ottobre 2007, utilizzandoli
come in essa illustrato.

(omissis)

167 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI


20 MARZO 2003, N. 3274
Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio naziona-
le e di normative tecniche per le costruzioni in zona sismica
[G.U.R.I 8-05-2003, N. 105 – S.O. N. 72]

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Visto l’articolo 5, comma 3, della legge 24 febbraio 1992, n. 225;


Visto il decreto-legge 7 settembre 2001, n. 343, convertito, con modificazioni, dalla legge 9
novembre 2001, n. 401;
Visto il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112 e, in particolare, l’articolo 93, comma 1, let-
tera g), concernente le funzioni mantenute allo Stato in materia di criteri generali per l’individua-
zione delle zone sismiche ed alle norme tecniche per le costruzioni nelle medesime zone, nonché
l’articolo 94, comma 2, lettera u), recante l’attribuzione di funzioni alle Regioni in materia di indi-
viduazione delle zone sismiche, formazione e aggiornamento degli elenchi delle medesime zone;
Considerata la necessità, nelle more dell’espletamento degli adempimenti previsti dall’articolo
93 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, di fornire alle Regioni criteri generali attinenti alla
classificazione sismica, nonché di predisporre norme tecniche per le costruzioni in zone sismiche;
Visto il decreto del Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri del 4
dicembre 2002, n. 4485, con il quale, in vista del soddisfacimento delle predette necessità, è stato
costituito un gruppo di lavoro incaricato di predisporre tutti gli elementi indispensabili per la suc-
cessiva adozione di un assetto normativo provvisorio per la classificazione, sismica del territorio
nazionale e per la progettazione antisismica;
Visti gli esiti delle attività svolte dal predetto gruppo di lavoro, e ritenuto che gli stessi corri-
spondano alle esigenze riscontrate e possano, conseguentemente, offrire gli elementi di base per
una prima e transitoria disciplina della materia, anche ai fini dei consequenziali adempimenti di
competenza regionale;
Preso atto delle risultanze delle attività svolte dalla Commissione per lo studio della definizio-
ne dei criteri generali per l’individuazione delle zone sismiche, istituita con decreto del Presiden-
te del Consiglio superiore dei lavori pubblici n. 17672 del 30 luglio 2002, e ritenuto che da tali
attività emerga una prospettiva di ricerca di particolare rilievo, da sviluppare e portare a comple-
tamento con il concorso ditutte le componenti istituzionali e scientifiche interessate in vista di una
successiva disciplina organica della materia;
Acquisita l’intesa del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti;
Acquisito l’avviso del Presidente della Conferenza dei presidenti delle regioni e delle provin-
ce autonome di Trento e Bolzano, che si è espresso in conformità;
Su proposta del Capo del Dipartimento della protezione civile della Presidenza del Consiglio
dei Ministri;

Dispone:

Articolo 1
1. Nelle more dell’espletamento degli adempimenti di cui all’articolo 93 del decreto legislati-
vo 31 marzo 1998, n. 112, e ferme restando le competenze delle regioni e degli enti locali di cui

Software 168
Appendice legislativa  Software
all’articolo 94 del medesimo decreto legislativo, sono approvati i “Criteri per l’individuazione
delle zone sismiche individuazione, formazione e aggiornamento degli elenchi nelle medesime
zone” di cui all’allegato 1, nonché le connesse “Norme tecniche per il progetto, la valutazione e
l’adeguamento sismico degli edifici”, “Norme tecniche per progetto sismico dei ponti”, “Norme
tecniche per il progetto sismico delle opere di fondazione e sostegno dei terreni” di cui, rispetti-
vamente, agli allegati 2, 3 e 4 della presente ordinanza, di cui entrano a far parte integrante e
sostanziale.

Articolo 2
1. Le regioni provvedono, ai sensi dell’articolo 94, comma 2, lettera a), del D.Lgs. n. 112 del
1998, e sulla base dei criteri generali di cui all’allegato 1, all’individuazione, formazione ed
aggiornamento dell’elenco delle zone sismiche. In zona 4 è lasciata facoltà alle singole regioni di
introdurre o meno l’obbligo della progettazione antisismica.
2. Per le opere i cui lavori siano già iniziati e per le opere pubbliche già appaltate o i cui pro-
getti siano stati già approvati alla data della presente ordinanza, possono continuare ad applicarsi
le norme tecniche e la classificazione sismica vigenti. Per il completamento degli interventi di
ricostruzione in corso continuano ad applicarsi le norme tecniche vigenti. In tutti i restanti casi,
fatti salvi gli edifici e le opere di cui al comma 3, la progettazione potrà essere conforme a quan-
to prescritto dalla nuova classificazione sismica di cui al comma 1, con la possibilità, per non oltre
18 mesi, di continuare ad applicare le norme tecniche vigenti. I documenti di cui agli allegati 1, 2,
3 e 4 potranno essere oggetto di revisione o aggiornamento, anche sulla base dei risultati della loro
sperimentazione ed applicazione e con particolare riferimento agli interventi di riduzione del
rischio sismico nei centri storici, con il concorso di tutte le componenti istituzionali e scientifiche
interessate.
3. È fatto obbligo di procedere a verifica, da effettuarsi a cura dei rispettivi proprietari, ai sensi
delle norme di cui ai suddetti allegati, sia degli edifici di interesse strategico e delle opere infra-
strutturali la cui funzionalità durante gli eventi sismici assume rilievo fondamentale per le finali-
tà di protezione civile, sia degli edifici e delle opere infrastrutturali che possono assumere
rilevanza in relazione alle conseguenze di un eventuale collasso. Le verifiche di cui al presente
comma dovranno essere effettuate entro cinque anni dalla data della presente ordinanza e riguar-
dare in via prioritaria edifici ed opere ubicate nelle zone sismiche 1 e 2, secondo quanto definito
nell’allegato 1.
4. In relazione a quanto previsto al comma 3, entro sei mesi dalla data della presente ordinan-
za il Dipartimento della protezione civile e le regioni provvedono, rispettivamente per quanto di
competenza statale e regionale, ad elaborare, sulla base delle risorse finanziarie disponibili, il pro-
gramma temporale delle verifiche, ad individuare le tipologie degli edifici e delle opere che pre-
sentano le caratteristiche di cui al comma 3 ed a fornire ai soggetti competenti le necessarie
indicazioni per le relative verifiche tecniche, che dovranno stabilire il livello di adeguatezza di cia-
scuno di essi rispetto a quanto previsto dalle norme.
5. Nel caso di opere progettate secondo le norme vigenti successivamente al 1984 e relative,
rispettivamente, alla prima categoria per quelle situate in zona 1, alla seconda categoria per quel-
le in zona 2 ed alla terza categoria per quelle in zona 3, non è prescritta l’esecuzione di una nuova
verifica di adeguatezza alla norma.
6. La necessità di adeguamento sismico degli edifici e delle opere di cui sopra sarà tenuta in
considerazione dalle Amministrazioni pubbliche nella redazione dei piani triennali ed annuali di

169 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

cui all’articolo 14 della legge 11 febbraio 1994, n. 109, e successive modifiche ed integrazioni,
nonché ai fini della predisposizione del piano straordinario di messa in sicurezza antisismica di cui
all’articolo 80, comma 21, della legge 27 dicembre 2002, n. 289.

Articolo 3
1. Il Dipartimento della protezione civile, d’intesa con le regioni e coinvolgendo gli ordini pro-
fessionali interessati, promuove e realizza, avvalendosi anche delle strutture scientifiche di cui
all’articolo 4, programmi di formazione e di diffusione delle conoscenze volti ad assicurare un’ef-
ficace applicazione delle disposizioni della presente ordinanza.
2. Per le verifiche di cui all’articolo 2, comma 3, potranno utilizzarsi le risorse provenienti
dalle Disposizioni di cui di cui all’articolo 80, comma 21, della Legge n. 289 del 2002, in quanto
applicabili.
3. Per le medesime finalità di cui al comma 2, il Dipartimento della protezione civile prov-
vederà ad individuare, sentite le regioni, ulteriori fonti di finanziamento da rendere disponibili
per lo scopo.

Articolo 4
1. Al fine di assicurare la più agevole ed uniforme applicazione delle disposizioni di cui alla
presente ordinanza, il Dipartimento della protezione civile è autorizzato a promuovere la costitu-
zione di un centro di formazione e ricerca nel campo dell’ingegneria sismica e di una rete dei labo-
ratori universitari operanti nel medesimo settore.
La presente ordinanza sarà pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Allegati
(omissis)

Software 170
 Software
Guida all’installazione ed all’utilizzo del software

Contenuti del CD-ROM


Il CD-ROM allegato alla presente pubblicazione consente l’installazione di un software per
accedere alle seguenti utility:
– APERTURA VANI: foglio di calcolo che consente di:
1. effettuare l’analisi e la combinazione dei carichi sui solai;
2. calcolare il carico agente sulla parete in esame;
3. calcolare la rigidezza e la resistenza ultima della parete nello stato ante-intervento;
4. calcolare la rigidezza e la resistenza della parete nello stato post-intervento, tenendo
conto di eventuali miglioramenti-rinforzi eseguiti (iniezioni, lastre di placcaggio, ecc.);
5. effettuare, se necessario, il predimensionamento della cerchiatura metallica dei vani;
6. dimostrare l’effettivo miglioramento strutturale ottenuto.
– VERIFICA ARCHITRAVE: foglio di calcolo che consente di:
1. effetturare l’analisi e la combinazione dei carichi verticali agenti sull’architrave;
2. classificare le sezioni;
3. effettuare le verifiche di resistenza allo SLU per l’architrave a flessione e taglio;
4. effettuare la verifica di deformabilità dell’architrave;
5. effettuare la verifica sulla muratura per carichi concentrati dovuti alle reazioni scarica-
te dall’architrave sugli appoggi (con o senza piastra di ripartizione).
– VERIFICA TELAIO: foglio di calcolo che consente di:
1. effetturare l’analisi e la combinazione dei carichi verticali agenti sul telaio;
2. classificare le sezioni;
3. effettuare le verifiche di resistenza allo SLU per i piedritti e per il traverso a presso fles-
sione e taglio;
4. effettuare la verifica di deformabilità del traverso;
5. verificare i collegamenti saldati tra piedritto e traverso;
6. dimensionare e verificare il giunto di base, la piastra e i tirafondi sia per quanto riguar-
da le resistenze che il rispetto dei vincoli geometrici imposti dalle norme.
– RELAZIONE INTRODUTTIVA: esempio di relazione illustrativa sulle metodologie di
calcolo e di verifica adottate, da allegare alla relazione di calcolo da presentare all’ufficio
del territorio (ex genio civile).
– ESEMPI: esempi numerici di calcolo.

L’utilizzo del software è semplice e le utility contengono dei commenti in rosso (non visibili
nelle stampe) che servono a guidare l’utente nell’input dei dati. È possibile, pertanto, integrare,
modificare e personalizzare il proprio file di progetto.

171 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Requisiti minimi hardware e software


– Processore ad 1.00 GHz;
– Microsoft Windows XP/Vista/7 (per gli utenti Microsoft Windows Vista e Microsoft Win-
dows 7 sono necessari i privilegi di “amministratore”);
– 10 Mb liberi sull’Hard Disk;
– 256 Mb di RAM;
– Microsoft Office 2003.

Procedura per la richiesta della password utente


L’utilizzo del software è subordinato alla relativa registrazione con la password utente da
richiedere con la procedura di seguito indicata:
1. Collegarsi all’indirizzo internet http://www.grafill.it/pass/415_9.php
2. Nella sezione “attribuzione password” inserire i codici “A” e “B” riportati alla fine del pre-
sente manuale e cliccare sul pulsante [VERIFICA CODICI].
3. Compilare la maschera anagrafica inserendo un indirizzo di posta elettronica al quale Vi
sarà inviata in tempo reale la password utente.

Procedura per l’installazione del software


1. Con l’autorun abitiliato, inserire il cd-rom nell’apposito drive e verrà visualizzata la fine-
stra di Setup di seguito riportata.

Software 172
Guida all’installazione ed all’utilizzo del software  Software
Cliccare su [INSTALLA IL PRODOTTO] e seguire la procedura fino al completamento
dell’installazione.

2. Con l’autorun disabilitato, svolgere la seguente procedura:


a] Cliccare su [Start] di Microsoft Windows e selezionare [Esegui];
b] Nel campo [Apri] digitare
D:\setup\setup.exe
(N.B.: in genere “D” identifica l’unità CD-ROM; verificare il nome della vostra unità
CD-ROM da Gestione Risorse);
c] Confermare cliccando su [OK] e seguire la procedura fino al completamento dell’in-
stallazione.

Primo avvio e registrazione del software


Ottenuta la password utente con le modalità indicate nell’apposito paragrafo, avviare e regi-
strare il software con la seguente procedura:
1. Avviare il software dal seguente percorso di Microsoft Windows:

[Start] > [Programmi] > [Grafill] > [Apertura Vani IV Edizione]

2. Inserire [Cognome], [Nome], [Codice A] e [Password] nella finestra “Registrazione Soft-


ware” e cliccare su [Registra].
3. Verrà visualizzata la finestra principale del software di seguito riportata.

173 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

Guida all’utilizzo del software


La finestra principale del software si compone di tre sezioni con struttura ad albero:
1. Modelli:
– Apertura Vani;
– Verifica architrave;
– Verifica telaio;
– Relazione introduttiva.
2. Esempio con architrave:
– Esempio – Apertura Vani con architrave;
– Esempio – Verifica Architrave.
3. Esempio con telaio:
– Esempio – Apertura Vani con telaio;
– Esempio – Verifica telaio.

Per aprire il documento di proprio interesse cliccare sulla relativa etichetta. Per evitare di
sovrascrivere i file di origine si consiglia di lavorare sempre su una copia dei file, salvabili nella
propria cartella di progetto attraverso il comando Salva con nome….

N.B.: Le celle colorate di turchese chiaro hanno bisogno di un input manuale. Le celle con for-
mule sono protette: per modificarle occorre rimuovere la protezione dal percorso: strumenti >
protezione > rimuovi protezione.

I tre fogli di calcolo disponibili Apertura Vani, Verifica architrave e Verifica telaio sono
indipendenti tra di loro e le celle colorate in turchese chiaro hanno bisogno di input manuale.
Il foglio Apertura_vani costituisce il nucleo principale di tutta la procedura che successiva-
mente si specializza e si completa (eventualmente) con gli altri due fogli di calcolo e consente di:
a) effettuare l’analisi e la combinazione dei carichi sui solai;
b) calcolare il carico agente sulla parete in esame;
c) calcolare la rigidezza e la resistenza ultima della parete nello stato ante-intervento;
d) calcolare la rigidezza e la resistenza della parete nello stato post-intervento, tenendo conto
di eventuali miglioramenti-rinforzi eseguiti (iniezioni, lastre di placcaggio, ecc.);
e) effettuare, se necessario, il predimensionamento della cerchiatura metallica dei vani;
f) dimostrare l’effettivo miglioramento strutturale ottenuto.
Può succedere che, a seconda delle modifiche da fare sulla parete, non sia necessario inserire
alcuna cerchiatura ma solo una o più architravature (per le nuove aperture o la modifica di quelle
esistenti). In questo caso occorrerà utilizzare il foglio Verifica_architavi che consente di:
a) effetturare l’analisi e la combinazione dei carichi verticali agenti sull’architrave;
b) classificare le sezioni;
c) effettuare le verifiche di resistenza allo SLU per l’architrave a flessione e taglio;
d) effettuare la verifica di deformabilità dell’architrave;
e) effettuare la verifica sulla muratura per carichi concentrati dovuti alle reazioni scaricate
dall’architrave sugli appoggi (con o senza piastra di ripartizione).
Il foglio Verifica_telaio deve essere utilizzato solo se c’è necessità di inserire uno o più telai
metallici: tale necessità è indicata nella sezione “stato modificato” del foglio Apertura_vani.

Software 174
Guida all’installazione ed all’utilizzo del software  Software
Il foglio di calcolo Verifica_telaio consente di:
a) effetturare l’analisi e la combinazione dei carichi verticali agenti sul telaio;
b) classificare le sezioni;
c) effettuare le verifiche di resistenza allo SLU per i piedritti e per il traverso a presso fles-
sione e taglio;
d) effettuare la verifica di deformabilità del traverso;
e) verificare i collegamenti saldati tra piedritto e traverso;
f) dimensionare e verificare il giunto di base, la piastra e i tirafondi sia per quanto riguarda le
resistenze che il rispetto dei vincoli geometrici imposti dalle norme.

Si analizzano ora nel dettaglio i singoli fogli di calcolo.

Il foglio di calcolo “Apertura Vani”


Il foglio di calcolo “Apertura Vani” si compone delle seguenti sezioni:
– Dati generali: si inseriscono i dati della proprietà, dell’ubicazione dell’intervento ecc..
– Analisi dei carichi: effettua l’analisi dei carichi su varie tipologie di solaio ed esegue la
combinazione dei carichi per le verifiche agli S.L.U..
– Carichi sulla parete: consente di calcolare il carico distribuito linearmente sulla sommità
della parete oggetto di intervento, dovuto sia al muro sovrastante sia all’incidenza dei solai
che si appoggiano sulla parete in oggetto.
Per quanto riguarda i solai orditi ortogonalmente alla parete oggetto di intervento, il valore
delle luci (L(dx), L(sx) – luce a destra e luce a sinistra) da inserire è quello corrispondenti alla
luce interna netta del solaio, da parete a parete; nel caso invece di solai orditi parallelamen-
te alla parete oggetto di intervento allora l’utente può, per tener conto di un eventuale effet-
to piastra del solaio, inserire il valore 2 per tener appunto conto di una striscia di influenza
pari a 1 m (il programma infatti dimezza automaticamente i valori di L(dx) e di L(sx)).
Per quanto riguarda il carico dovuto al muro sovrastante, occorre inserire il coefficiente
parziale di sicurezza γG2 che potrà essere assunto pari a 1 in quanto il carico verticale è
favorevole alla sicurezza rispetto alla resistenza a taglio dei maschi murari. Se lo spesso-
re del muro sovrastante la parete oggetto di intervento non mantiene il medesimo valore
fino al tetto, allora occorre computare singolarmente le varie altezze del muro a spessore
costante.
– Stato attuale: nello stato ante-intervento, consente di calcolare la tensione media verticale
agente in ciascun maschio murario, la rigidezza e la resistenza (sia a taglio che a presso
flessione) di ogni singolo maschio murario, la rigidezza e la resistenza dell’intera parete.
Inserire il numero di maschi murari (input essenziale per il funzionamento del foglio di cal-
colo) e successivamente le caratteristiche geometriche e meccaniche della parete.
Per quanto riguarda i parametri meccanici occorre riferirsi alla tabella 2.1 ipotizzando, a
favore di sicurezza, un livello di conoscenza pari a LC3: pertanto si assumeranno i valori
medi riportati in tabella 2.1 sia per i moduli elastici E e G che per le resistenze τ0 e fm; non
occorre dividere per il fattore di confidenza in quanto FC = 1 per livello di conoscenza LC3
(tabella 2.2).
Occorre ricordare che i valori riportati in tabella 2.1 si riferiscono a murature in pessime
condizioni e pertanto, nel caso di condizioni migliori, è necessario incrementare tali valori
mediante i coefficienti di tabella 2.4. Inoltre, i moduli elastici E e G si riferiscono a condi-

175 Software
Software  APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA

zioni non fessurate; pertanto, come indica anche la norma al punto C8A.2 della Circolare
n. 617/2009, occorre ridurre opportunamente tali valori; l’entità della riduzione può essere
assunta pari al 50% come suggerito al punto 7.8.1.5.2 delle NTC 2008.
Per quanto riguarda la resistenza a compressione fd della muratura da inserire nella tabella
“calcolo della resistenza dei singoli maschi murari”, può essere assunta pari al valore
medio di fm riportato in tabella 2.1. come indicato al punto C8.7.1.5 della Circolare
n. 617/2009 (non occorre dividere per il fattore di confidenza in quanto FC = 1).
Il valore da assegnare al coefficiente di duttilità μ dipende dal tipo di rottura dei maschi
murari: per rottura a taglio per fessurazione diagonale (tipica dei pannelli tozzi) il coef-
ficiente varia tra 1,5 e 2 mentre per rottura a presso flessione (tipica dei pannelli snelli)
tra 2 e 5.
Nella tabella “calcolo della resistenza della parete” il valore dello spostamento ultimo
della parete è stato volutamente lasciato come input manuale perché l’utente potesse anche
scegliere di sfruttare il limite massimo fissato dalla normativa allo spostamento orizzonta-
le del maschio murario pari allo 0,4% e 0,6% rispettivamente per rottura a taglio e a pres-
so flessione.
– Stato modificato: è simile alla sezione “stato attuale”. Nello stato post-intervento (di pro-
getto), tenuto conto delle variazioni geometriche della parete in conseguenza delle modifi-
che apportate (nuove aperture, modifica di quelle esistenti ecc.), consente di calcolare la
tensione media verticale agente in ciascun maschio murario, la rigidezza e la resistenza di
ogni singolo maschio murario, la rigidezza e la resistenza dell’intera parete. In questa fase
l’utente, nell’inserimento delle caratteristiche meccaniche della muratura (tabella 2.1), può
tener conto di eventuali interventi migliorativi da eseguire sulla parete stessa, come into-
naco armato, iniezioni di malta ecc.; pertanto i valori dei parametri meccanici della mura-
tura da inserire nel foglio di calcolo, dovranno essere corretti, applicando i coefficienti
riportati in tabella 2.4 in base alla tipologia di intervento prevista. Nel caso che, nonostan-
te gli interventi migliorativi previsti, la verifica della parete non fosse soddisfatta, allora il
programma proporrà l’intervento di rinforzo mediante cerchiatura.
Dal momento che occorre dimostrare che “la rigidezza dell’elemento variato non cambi
significativamente…” (punto C8.4.3 della Circolare n. 617/2009) ciascun utente potrà
quantificare il termine “significativamente” attraverso l’introduzione del massimo decre-
mento (e incremento) percentuale consentito della rigidezza finale rispetto a quella ini-
ziale: ad esempio, la Regione Toscana ha indicato, nelle linee guida del 28 settembre
2009 il valore del 15%. Nel caso si volesse progettare l’intervento ripristinando al 100%
la rigidezza iniziale, occorrerà introdurre, come massimo decremento percentuale
ammesso, il valore 0.
– Telaio: consente di predimensionare il telaio metallico necessario e di verificare l’intera
parete nei confronti sia della rigidezza che della resistenza, tenendo conto sia degli inter-
venti migliorativi sulle caratteristiche meccaniche della muratura, sia dell’inserimento
della/e cerchiatura con telaio metallico. Occorre scegliere il tipo di acciaio tra (S235 …) e
il numero di telai da inserire, imputando anche l’altezza del piedritto, il modulo di resi-
stenza elastico e il momento di inerzia. Se il piedritto è formato da due profilati occorre
inserire per Wx e per Jx i valori doppi rispetto a quelli del singolo profilato. Si riportano infi-
ne le curve caratteristiche dei singoli maschi murari e dell’intera parete sia per lo stato ini-
ziale che per quello finale.

Software 176
Guida all’installazione ed all’utilizzo del software  Software
Il foglio di calcolo Verifica_architrave
Il foglio di calcolo consente di eseguire le verifiche previste dalle NTC 2008:
1. Verifica di resistenza allo S.L.U.;
2. Verifica di deformabilità (S.L.E.);
3. Verifica sulla muratura per carichi concentrati (verifica sull’appoggio).
Occorre verificare un’architrave per volta, salvando ogni volta un file. Una volta assegnati i
dati di input, il programma provvede ad eseguire le necessarie verifiche. Per le verifiche di resi-
stenza e di deformabilità si veda quanto detto al punto 2 “Verifica_telaio”; per la verifica sulla
muratura per carichi concentrati occorre inserire il valore della resistenza media a compressione
quale media dei valori riportati in tab. 2.1 eventualmente corretti con i coefficienti di tabella 2.4 .
La resistenza di calcolo a compressione fd viene assunta pari a:

fd = fm / FC

come indicato dalla Circolare n. 617/2009 al punto C8.7.1.5.


Nel caso in cui sia necessario impiegare una piastra di ripartizione del carico sull’appoggio,
occorre indicarne la presenza (cella G220) e le dimensioni.

Il foglio di calcolo Verifica_telaio


Il foglio di calcolo consente di eseguire le verifiche previste dalle NTC 2008:
1. Verifica di resistenza delle membrature allo S.L.U.;
2. Verifica di deformabilità del traverso (S.L.E.);
3. Verifica dei collegamenti saldati tra piedritto e traverso;
4. Verifica del giunto di base e dei tirafondi (se presenti).
Occorre verificare un telaio per volta, salvando ogni volta un file.
Per iniziare l’iter delle verifiche è necessario imputare manualmente il valore della forza oriz-
zontale FT nella cella L68; questo è il valore massimo tra la forza orizzontale che deve fornire il
telaio (riportata nella cella da M26 a M31 della sezione “telaio” del foglio “Apertura vani”) ed
il valore della forza sismica orizzontale, calcolata in base alla zona e relativamente al carico ver-
ticale agente sul telaio stesso. Generalmente, vista l’esigua entità del carico verticale agente sul
telaio, prevale, tra le due, la prima, ossia quella che deve fornire il telaio per ripristinare le condi-
zioni iniziali di resistenza della parete. Occorre poi inserire tipo e numero di profili sia per il pie-
dritto che per il traverso, con le caratteristiche geometriche e meccaniche di questi.
Il programma classifica le sezioni a compressione, a flessione e a presso flessione secondo
quanto riportato al paragrafo 4.1. Se la cerchiatura è costituita da un telaio metallico chiuso, ossia
dotato sia di traverso superiore che inferiore, allora la procedura di verifica del telaio si conclude
con la verifica del collegamento saldato piedritto-traverso. Nel caso in cui sia presente un cordo-
lo in c.a. sul quale vincolare i piedritti del telaio mediante piastra di base e tirafondi, allora, oltre
a verificare il collegamento saldato piedritto-traverso superiore, occorre anche eseguire le verifi-
che sul giunto di base.
Per quanto riguarda il collegamento saldato tra piedritto e piastra di base, può essere realizza-
to con le solite modalità del collegamento piedritto-traverso superiore; definito poi lo spessore
della piastra, il numero e diametro dei tirafondi, la loro lunghezza di ancoraggio, la resistenza di
aderenza con il supporto in c.a., le caratteristiche del c.a. il programma provvede ad eseguire le
verifiche sui vari elementi strutturali.

177 Software
 Software
Bibliografia

AUGENTI N., Il calcolo sismico degli edifici in muratura, UTET, Torino 2004.
BOSCOTRECASE L., PICCARRETA F., Edifici in muratura in zona sismica, Flaccovio, Palermo 2006.
IACOBELLI F., Progetto e verifica delle costruzioni in muratura in zona sismica, EPC Libri,
Roma 2006.
DEL PIERO G. (a cura di), Il consolidamento delle costruzioni, CISM, Udine 1983.
REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA, DT2 – Raccomandazioni per la riparazione struttu-
rale degli edifici in muratura, 1980.
GUZZONI D. (a cura di), Norme Tecniche per le costruzioni, Il Sole 24 Ore, Milano 2006.
CNR DT 200/2004, Istruzioni per la Progettazione, l’Esecuzione ed il Controllo di Interventi di
Consolidamento Statico mediante l’utilizzo di Compositi Fibrorinforzati, CNR, Roma 2004.
DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE, Dipartimento per i Beni Culturali e Paesaggistici, Linee
guida per la valutazione e riduzione del rischio sismico del patrimonio culturale con riferi-
mento alle norme tecniche per le costruzioni, Roma 2006.
Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri 20 marzo 2003, n. 3274.
Norme Tecniche per le Costruzioni, decreto ministeriale 14 gennaio 2008.
CIRCOLARE N. 617/CSLLPP DEL 2 FEBBRAIO 2009: Istruzioni per l’applicazione delle“Norme tec-
niche per le costruzioni” di cui al decreto ministeriale 14 gennaio 2008.

179 Software
Software  ANNOTAZIONI

Software 180
ANNOTAZIONI  Software

181 Software
Software  ANNOTAZIONI

Software 182
S C H E D A D I R E G I S T R A Z I O N E D E L S O F T W A R E A L L E G AT O A L V O L U M E
APERTURA VANI IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA (QUARTA EDIZIONE)

L’adesivo in questo riquadro riporta i codici “A” e “B” necessari per la REGISTRAZIONE DEL SOFTWARE

PER LA REGISTRAZIONE ON-LINE COLLEGARSI ALL’INDIRIZZO INTERNET


http://www.grafill.it/pass/415_9.php

PER LA REGISTRAZIONE A MEZZO FAX, COMPLETARE LA SEGUENTE SCHEDA


E TRASMETTERE LA PAGINA INTERA AL NUMERO 091.6823313

Nome ............................................................................................................................................................................................................................

Cognome .....................................................................................................................................................................................................................

Professione .................................................................................................................................................................................................................

Indirizzo .......................................................................................................................................................................................................................

C.A.P. ................... Città .............................................................................................................................. Prov. ......................................................

Tel. ............................../...................................................... Fax............................../.......................................................

E-Mail ............................................................................................................................................................................................................................

Firma ............................................................................................................................................................................................................................

Il trattamento dei dati che La riguardano è svolto nel rispetto di quanto stabilito dal D.Lgs. n. 196/2003 sulla tutela dei dati personali e nell’ambito della banca dati della GRAFILL S.r.l.. Titolare del tratta-
mento è GRAFILL S.r.l. con sede a Palermo, via P.pe di Palagonia n. 87/91. Per il trattamento dei dati, nel precisarLe che è effettuato da nostro personale con la garanzia della massima riservatezza, Le
garantiamo che lo stesso è effettuato per consentirci di aggiornarLa sulle novità e sulle iniziative della società. I Suoi dati non saranno diffusi o comunicati a terzi e, comunque, Le confermiamo che po-
trà chiedere, in qualsiasi momento, la modifica o la cancellazione degli stessi inviando la sua richiesta all’attenzione del servizio clienti. Le comunichiamo, altresì, che potrà avvalersi in qualsiasi momen-
to, del diritto di recesso previsto dall’articolo 7 del D.Lgs. n. 196/2003 e, comunque, se già da ora decide di non ricevere altre comunicazioni, barri la casella riportata a fianco ®

GRAFILL Editoria tecnica Via P.pe di Palagonia, 87/91 – 90145 Palermo o Telefono 091.6823069 o Fax 091.6823313
o Internet http://www.grafill.it o E-mail grafill@grafill.it
Il volume è rivolto ai progettisti che si occupano di interventi sul patrimonio edi-
lizio esistente, anche sottoposto a vincolo storico-artistico. Si tratta del proble-
ma che nasce con i progetti di ristrutturazione o di riorganizzazioni funzionali di 54
edifici in muratura, che prevedono una diversa distribuzione interna con modi-

CO LL ANA S OFTWARE
fica delle aperture nei muri portanti (spostamento di vani porte, nuove apertu-
re di vani porte o finestre ecc.). L’indebolimento (in termini sia di resistenza che
di rigidezza alle azioni sismiche orizzontali) causato alla struttura da queste
nuove aperture deve essere colmato con la progettazione di opere di rinforzo
e/o consolidamento in modo da ripristinare le condizioni iniziali ante intervento.
Si impone quindi una valutazione analitica che dimostri, nel caso del migliora-
mento sismico, un aumento del coefficiente di sicurezza, in particolare nei con-
fronti delle azioni orizzontali; ciò non si ottiene sempre con il massimo rinforzo.
Infatti, un eccessivo aumento della rigidezza di alcune pareti rispetto ad altre (ad
esempio per effetto di rinforzo mediante lastre di placcaggio in c.a.), può pro-
vocare una variazione del comportamento globale del piano e quindi dell’edifi-
cio, con la nascita di azioni impreviste (ad esempio effetti torcenti a causa del-
l’allontanamento del baricentro delle masse da quello delle rigidezze).
Nel testo vengono presi a riferimento i contenuti delle recenti norme in materia
che, a partire dall’O.P.C.M. n. 3274/2003 fino ad arrivare al decreto ministeria-
le 14 gennaio 2008 e alla relativa Circolare 2 febbraio 2009, n. 617, hanno col-
mato un “silenzio” normativo in materia durato oltre venti anni.
Il testo si propone quindi come una guida operativa per i progettisti ed il softwa-
re allegato consente di accedere alle seguenti utility: esempio di relazione illu-
strativa sulle metodologie di calcolo e di verifica adottate; fogli di calcolo per la
verifica di aperture in pareti portanti, per le verifiche agli SLU sul telaio e relati-
vi collegamenti saldati e sull’architrave; esempi numerici di calcolo.

Requisiti minimi hardware e software


Processore ad 1.00 GHz; Microsoft Windows XP/Vista/7 (per gli utenti Microsoft Windows Vista
e Microsoft Windows 7 sono necessari i privilegi di “amministratore”); 10 Mb liberi sull’Hard
Disk; 256 Mb di RAM; Microsoft Office 2003.

Claudio Ciavattini, ingegnere civile, libero professionista e Dottore di Ricerca in Ingegneria Edile al
Politecnico di Torino e Università di Pisa dove ha svolto ricerca e supporto alla didattica presso la
facoltà di Ingegneria per le cattedre di Architettura Tecnica e Recupero e Conservazione degli Edifici.

Euro 30,00

Potrebbero piacerti anche