Sei sulla pagina 1di 25

FLAUTO

Sciarrino

ord.
= soffio ordinario, molto tagliente e risonante. A labbra aperte, con-
centrare il fiato dentro il foro come pronunciando una a; in realtà
si pronuncia una i aprendo la bocca, a maschera rilassata. Arro-
tondare e amplificare con il cavo orale (altezza reale).

1 1 1 1 1 1

5 5
7 7 8 5 6 6
9

= bicordi impastati di soffio.

= bande di armonici naturali (clusters diatonici), girando in fuori lo


strumento, con suono più ricco e sporco del normale. Le posizio-
ne sopracute in particolare richiedono un attacco violento.

= come sopra, stringendo le labbra (shadow cluster). Il suono viene


sottratto e resta un sibilo.

Re - Re (altern.)

= mescolanza di trilli con note estranee. Sovrapporre alle note (suo-


nate dalla mano sinistra) un trillo continuo e fitto di Re e Re#, da
eseguirsi a dita distese e leggere (mano destra), in modo che si
alternino i due movimenti di ciascuna chiave. Ne risulta una mi-
scela di suoni discontinui di estrema fluidità. La causa di questo
fenomeno è nella doppia velocità di frammentazione prodotta dal
doppio movimento meccanico combinato all’alta velocità del tril-
lo.

= inspirando ( = espirando). Tali respiri andranno eseguiti dentro


alla testata, a boccola coperta.
= ruotare in dentro il flauto, la boccola tra i denti più interna-
mente possibile. Come si usa per scaldare lo strumento, im-
mettere molto fiato. Intonazione del fondamentale una setti-
ma maggiore sotto.

R
( ) = rullare la lingua, quasi senza emettere aria, per produrre un
ruggito gravissimo: intonato una settima sotto.

= colpo di lingua (tongue ram); solo percussivo e senza aria. A


boccola coperta, ottenuto con l’occlusione decisa del foro
con la lingua, si può produrre sia aspirando sia espirando.
Suona una settima maggiore sotto.

Manzoni


 frullato
 suono multiplo omogeneo, registro ad lib. (più di due note simul-

tanee, con esclusione dell’ottava; massima omogeneità, timbrica e
dinamica, tra i suoni prodotti; non utilizzare possibilmente lo stesso
multiplo più di una volta)
 suono multiplo omogeneo, registro medio
 
suono multiplo disomogeneo, registro ad lib. (più di due note simul-

 tanee, con esclusione dell’ottava; massima differenziazione possi-
bile, timbrica e dinamica, con battimenti, interferenze, irregolarità
varie tra i suoni prodotti; non utilizzare possibilmente lo stesso mul-
tiplo più di una volta)
Fedele

portamenti (“lip glissato”)

suoni eolici / aeolian sounds

trillo di altezze uguali prodotto da fondamentali diverse / trill between equal sounds
produced by different fundamentals

imboccatura aperta, chiusa, interna / embouchure open, closed and tongue in the
mouthpiece

transizione da imboccatura aperta a imboccatura chiusa / transition from open embou-


chure to closed embouchure

“pizzicato”

tongue-ram
w. t.

whistle tones

jet-whistle

“clusters” di armonici / harmonics sound “clusters”

Nono

$OWHUD]LRQL  3/4 1/2 1/4 1/8 1/16 1/16 1/8 1/4 1/2 3/4

  DULDLQWRQDWDSUHYDOHQ]DGHOUXPRUHG¶DULDFRQSRFDRQHVVXQDSUHVHQ]DGLVXRQRDGDOWH]]DGHWHUPLQDWD

  PHVFRODQ]DGLVXRQRDGDOWH]]DGHWHUPLQDWDHUXPRUHG¶DULDGRVDWLLQSURSRU]LRQLGL൵HUHQWLDVHFRQGDGHOOD
SURVVLPLWjDOO¶HPLVVLRQH R 

  VXRQRLQHPLVVLRQHRUGLQDULD

  WUDQVL]LRQHJUDGXDOHGDOO¶XQRDOO¶DOWURPRGRG¶HPLVVLRQH

  LOFRQWRUQRWUDWWHJJLDWRGHOODWHVWDGHOODQRWDLQGLFDVXRQRQRQVWDELOHÀXWWXDQWHQHOFDVRGLELFRUGLQRQ
SUDWLFDELOLDOWHUQDUHOHQWDPHQWHOHGXHQRWH
  HVSLUD]LRQH

  LQVSLUD]LRQH

  WUDQVL]LRQHÀXLGDGDHVSLUD]LRQHDLQVSLUD]LRQH

  HFDVLVLPLOL IUXOODWRFRPELQDWRDGDOWHUQDQ]DLUUHJRODUHGLVXRQRRUGLQDULRHVXRQRFRQVR൶
R

 IUXOODWR GLWUHWLSLDVHFRQGDGHOPRGRLQFXLYLHQHSURGRWWR ODEEUDJRODOLQJXD LOWHUPLQH³DSHULRGLFR´ULIHULWRDO


IUXOODWRVLJQL¿FDFKHLOIUXOODWRYLHQHLQWHUURWWRGDEUHYLVVLPHFHVXUHDGLQWHUYDOOLLUUHJRODUL

  HFDVLVLPLOL LOELFRUGRGLDUPRQLFLYDH൵HWWXDWRFRQGLVFRQWLQXLWjDOWHUQDQGRQH
DSHULRGLFDPHQWHOHGXHFRPSRQHQWLSXUVHQ]DVHSDUDUOHO¶XQDGDOO¶DOWUD VLVXFFH
con suono ombra GRQRFRQEUHYLVRYUDSSRVL]LRQL FRPHVXJJHULVFHODOLQHDLUUHJRODUPHQWHWUDWWHJ
JLDWDO¶HVSUHVVLRQH³FRQVXRQRRPEUD´SRVWDLQFRUULVSRQGHQ]DGLDOFXQLELFRUGL
GLDUPRQLFLLQGLFDXQDSUHVHQ]DLQWHUPLWWHQWHGHOIRQGDPHQWDOHGDWR4XHVW¶XOWL
PRVHPSUHLQGLFDWRFRQXQDQRWDURPERLGDOHGHYHDSSDULUHHVFRPSDULUHFRQOD
GLVFRQWLQXLWjGLXQ¶RPEUD

 ³VXRQLHROLHQ´ LOWHUPLQH³HROLHQ´YLHQHLPSLHJDWRQHOVHQVRGL³ZKLVWOHWRQHV´*OLHROLHQVRQRGXQTXHSDU]LDOLVRYUDFXWL
LVRODWLHULQIRU]DWLHQWURXQGDWRVSHWWURVRQRUR9DULDUHRYHSUHVFULWWRODYHORFLWjGLVXFFHVVLRQH GDVXRQL
UDGLDVXRQLSL¿WWLHYHORFLHYLFHYHUVD 3HUO¶HVSUHVVLRQH³FRQVXRQRRPEUD´FKHDFFRPSDJQDWDOYROWD
TXHVWDHPLVVLRQHVLYHGDO¶LQGLFD]LRQHSUHFHGHQWH

 ³¿VFKLR´ YDHPHVVRRYHSUHVFULWWRLQFRQFRPLWDQ]DDLVXRQLSURGRWWLGDOORVWUXPHQWR5LFRUUHLQSLVLWXD]LRQL
HVSUHVVHQHLPRGLVHJXHQWL
  PHGLDQWHODVHPSOLFHLQGLFD]LRQH³FRQ¿VFKLR´LQTXHVWRFDVRO¶HVHFXWRUHUDGGRSSLD¿VFKLDQGRLO
VXRQRSURGRWWRGDOORVWUXPHQWR RLQFDVRGLELFRUGRXQRDVFHOWDGHLVXRQL QHOUHJLVWURDFXWRGHO
¿VFKLR/DGXUDWDGHO¿VFKLRqSDULDTXHOODGHOVXRQRGLÀDXWRUDGGRSSLDWRLOVXRQR¿VFKLDWRQRQ
GHY¶HVVHUHWHQXWREHQVuYDLQWHUURWWRFRQSRFKHHEUHYLVVLPHSDXVH(V
con fischio

  3URORJRE

  PHGLDQWHQRWHVFULWWHLQFRUSRLQIHULRUHDOO¶RUGLQDULRHSULYHGLFRQWHQXWRULWPLFRWDORUDDFFRP
SDJQDWHGDOO¶LQGLFD]LRQH³FRQ¿VFKLR´WDOLQRWLQHQRQYDQQRWUDVSRUWDWHHVSULPRQRDOWH]]HUHDOL

/DORURGXUDWDqOLEHUDWHQGHQ]LDOPHQWHPROWREUHYHHLVLQJROLVXRQL¿VFKLDWLVRQRVHSDUDWLO¶XQR
GDOO¶DOWURDQGDPHQWRWUDQTXLOOR(V
con fischio
  3URORJREE

  ³FRQ¿VFKLR¿VVR´VHJQDODFKHLOVXRQR¿VFKLDWRYDWHQXWRSHUXQDGXUDWDFRUULVSRQGHQWHDTXHOOD
GHOVXRQRGLÀDXWRFRQWHPSRUDQHDPHQWHSURGRWWR
  O¶HPLVVLRQHGLVXRQL¿VFKLDWLVLFRPELQDWDOYROWDDWHFQLFKHSDUWLFRODUL
  D ³FRQVXRQRRPEUD´GXUDQWHO¶HPLVVLRQHGHOELFRUGRGLDUPRQLFLHGHOIRQGDPHQWDOHFRUULVSRQGHQWH
FIUSLVRSUDLOUHODWLYRSDUDJUDIR O¶HVHFXWRUH¿VFKLDVHFRQGROHPRGDOLWjVRSUDGHVFULWWHOHQRWHLQ
FRUSRSLFFROR
  E FRQSDU]LDOLVRYUDFXWLUDSLGLSRLOHQWLSRLUDSLGL ³DFXWLVVLPLPLNURUDSLGLoOHQWLoUDSLGL´ 
³FRQ¿VFKLRURWWR´DLSDU]LDOLVRYUDFXWLO¶HVHFXWRUHPHVFROD¿VFKLGLDOWH]]Dad libitumOLEHUDPHQWH
VSH]]DWLHWURQFDWL
con fischio interrotto

  ,VRODVHFRQGDE

con suono ombra


ALTRI LEGNI

Sciarrino

T
2

= questi soffusi bicordi richiedono molta aria e pressione quasi nulla.


Clarinetto

= trillo rapidissimo della mano destra sulle chiavi alte del trillo, men-
tre la mano sinistra agisce per produrre le posizioni scritte. È una
miscela anomala, conseguente alla rapida interferenza di suoni dal
timbro tra loro estraneo e di frequenza lievemente differente.

Clarinetto

Clarinetto basso

Manzoni

LEGNI

36 - = frullato d’aria

37 - = soffio misto a pochissimo suono sulla nota scritta (ovvero con diteg-
giatura ad lib. nel registro approssimativamente indicato)
38 - = colpo di lingua (slap tongue) sulla nota scritta (ovvero come sopra),
con l’imboccatura dello strumento tra le labbra
39 - = chiave battuta
40 - = soffio (frullato d’aria) con chiavi battute rapidamente ad lib.

41 - = colpo col palmo della mano sull’imboccatura del tubo (senza


bocchino)
42 - e sim. = diteggiare rapidamente ad lib., soffiando direttamente nel tubo (senza
bocchino) e nel registro approssimativamente indicato
43 - R = frullato di gola

44 - = inspirazione

45 - , , ecc. = valori relativi a suoni doppi e multipli

46 - , , = due note simultanee, con esclusione dell’ottava, nel registro rispetti-


vamente medio-acuto, medio, medio-grave

47 - = due note simultanee, con esclusione dell’ottava, in registro ad lib.

48 - = frullato su due note simultanee ad lib.

49 - , , = suono multiplo omogeneo (più di due note simultanee, con esclusio-


ne dell’ottava; massima omogeneità, timbrica e dinamica, tra i suoni
prodotti), con prevalenza del registro rispettivamente medio-acuto, me-
dio, medio grave

50 - , , = suono multiplo disomogeneo (più di due note simultanee, con esclusio-


ne dell’ottava; massima differenziazione possibile, timbrica e dinamica,
con battimenti, interferenze, irregolarità varie tra i suoni prodotti), con
prevalenza come sopra

51 - = suono multiplo omogeneo ad lib.

52 - = suono multiplo disomogeneo ad lib.

53 - = suono multiplo acutissimo, disomogeneo, stridente, intermittente


54 - = frullato su suono multiplo ad lib.

55.0 - = tremolo tra due suoni multipli ad lib.

55.1 - e sim. = passaggio dalla nota singola a un suono multiplo contenente possibil-
mente la nota stessa; molto legato

56 - = trillo d’unisono (produrre la stessa nota con posizioni diverse, anche


arm.)

Nono

Clarinetto

  DULDLQWRQDWDTXDVLQHVVXQDYLEUD]LRQHGHOO¶DQFLDDOOLPLWHGHOODSRVVLELOLWjGLRWWHQHUHVXRQRVRQRSRVVLEL
OLWXWWHOHJUDGD]LRQLGLQDPLFKH

  PHVFRODQ]DGLVXRQRDGDOWH]]DGHWHUPLQDWDHUXPRUHG¶DULDGRVDWLLQSURSRU]LRQLGL൵HUHQWLDVHFRQGDGHOOD
SURVVLPLWjDOO¶HPLVVLRQH R 

  VXRQRLQHPLVVLRQHRUGLQDULD

  WUDQVL]LRQHJUDGXDOHGDOO¶XQRDOO¶DOWURPRGRG¶HPLVVLRQH

 ³VR൶
R´ PDQWHQHUHOHODEEUDFRPSOHWDPHQWHULODVFLDWHHSURGXUUHXQJUDQGHÀXVVRG¶DULDO¶LQWRQD]LRQHQHULVXOWD
SUHVVRFKpVRSUD൵DWWD

 ³VXRQRHVR൶
R´ YLEUDXQDSDUWHGLDQFLDPHQWUHXQDSDUWHGLVR൶
RSDVVDVHQ]DFRQVXPDUVLQHOODYLEUD]LRQHnon qXQVRI
¿DWRGLWLSRMD]]

 ³FDPELDWLPEUR´ VLRWWLHQHFROODEEURRPHGLDQWHFKLDYLFKHLQWHUIHULVFRQRFRQODGLWHJJLDWXUDRUGLQDULDRSSXUHFRQODFRP
ELQD]LRQHGLHQWUDPEHOHWHFQLFKH9DFDPELDWRWLPEURFRQFDOPDSHUWXWWDODGXUDWDGHOODQRWD7DOYROWDq
LQGLFDWRFRQFURFHWWH(V
cambia timbro

  ,VRODVHFRQGDD EE
 ³VXRQLHROLHQ´ LOWHUPLQH³HROLHQ´LQGLFDSDU]LDOLVRYUDFXWLLVRODWLHULQIRU]DWLHQWURXQGDWRVSHWWURVRQRUR,OVXRQRIRQ
GDPHQWDOHqLQGLFDWRQHOODPDJJLRUDQ]DGHLFDVLFRQXQDQRWDURPERLGDOHWDORUDFRQXQDQRWDGLIRUPD
QRUPDOH/DVXFFHVVLRQHGHJOLHROLHQqSLRPHQRUDSLGDVHFRQGROHLQGLFD]LRQLHWDOLVXRQLSRVVRQRHVVH
UHDFFRPSDJQDWLGDUXPRUHGLVR൶ R(V

eolien lenti eolien rapidi eolien lenti


con pause brevissime

  ,VRODVHFRQGDD EE
 ³FOXVWHU´ FRQTXHVWRWHUPLQHYHQJRQRLQGLFDWLSLRPHQRGHQVLDJJUHJDWLGLDUPRQLFLVYLOXSSDWLGDXQVXRQRIRQ
GDPHQWDOHGDWR7DOLDJJUHJDWLVLSURGXFRQRLQIRUPDGLHVFXUVLRQLIUDVWDJOLDWHHLUUHJRODULOXQJRODIDVFLD
DFXWDGHOORVSHWWUR ³FOXVWHUDFXWR´ RPHGLDQD ³FOXVWHUPHGLR´ RSSXUHJUDYH ³FOXVWHUEDVVR´ VHFRQGR
ODSUHVVLRQHHVHUFLWDWDGDOOHODEEUDHO¶HYHQWXDOHD]LRQHFRQFRPLWDQWHGHLGHQWL,OVXRQRIRQGDPHQWDOHq
UDSSUHVHQWDWRGDXQDQRWDURPERLGDOHRGLIRUPDQRUPDOH

 ³WUDQVL]LRQH´ DSDUWLUHGDOSULPRVXRQRIRQGDPHQWDOH UHDOHRDSSDUHQWH LQGLFDWRSHUFRUUHUQHLUUHJRODUPHQWHHFRQ


DQGDPHQWRWUDQTXLOORORVSHWWURDUPRQLFRVLQRJLXQJHUHDOVXFFHVVLYRVXRQRLQGLFDWRLYDULDUPRQLFLVL
RWWHQJRQRPHGLDQWHO¶D]LRQHFRPELQDWDGLODEEUD¿DWRHJROD

Durieux

Saxofono

  VODSFKLXVR³RUGLQDULR´
slap fermé, “ordinaire”

  VODSDSHUWRGLWHJJLDWXUDHVDWWDDOWH]]DUHODWLYD
slap ouvert ; doigté exact, hauteur relative

  ³¿W´FRPHXQVXRQREUHYHDVFROWDWRDOODURYHVFLD
“¿t” comme un son bref écouté à l’envers

  WUHPROLHWLOOLVHPSUHYHORFHGLUHWWDPHQWHVHQ]DDFFHOHUD
UHRUDOOHQWDUH
trémolos et trilles toujours rapides, directement, sans
accélérer ou ralentir
  OHDFFLDFFDWXUHFRPLQFLDQRDOO¶LQL]LRGHOODPLVXUDPDIXRUL
3
WHPSRODYHUDPLVXUDFRPLQFLDVXOEDWWHUHFRPHGDHVHPSLR
VHJXHQWH
les petites notes (grace notes) commencent au début de la
mesure mai sont en plus de celle-ci. La véritable mesure com-
mençant sur les rythmes précis qui se trouvent après. Un peu
de cette manière:
3

 

[+ voce + growl]

  WULOORYRFHJURZOIRUWLVVLPRSHURWWHQHUHXQDVRQRULWj
DJJUHVVLYDHLQVWDELOH
trille + voix + growl fortissimo pour obtenir une sonorité
agressive et instable

[+ voce]

  VODSDSHUWRXQJULGRFRQODYRFH
slap ouvert + un cri avec la voix

[+ flatt.]
  ÀDWWHU]XQJHHWULOORLQVLHPH
Àatterzunge et trille simultanés

[+ flatt.]
  WUHPRORÀDWWHU]XQJHLQVLHPH
trémolo et Àatterzunge simultanés

 [+ voce]
 WULOODUHVXOODQRWDDFFHQWXDWDSRLJOLVVDUHODQRWDYHUVRLOJUDYH
LQPDQLHUDLUUHJRODUHFRQIUHQHVLDRLVWHULD$FFRPSDJQDWHLO
JOLVVDQGRGHOODQRWDFRQXQJOLVVDQGRLUUHJRODUHGHOODYRFHSHU
RWWHQHUHXQDVRQRULWjVDWXUDWDLQVWDELOHHJUDQXODWD
triller la note accentuée puis glisser la note vers le grave de
manière irrégulière avec frénésie et hystérie. Accompagner le
glissando de la note avec un glissando irrégulier de la voix
pour obtenir une sonorité saturée, instable e granulée.
OTTONI

Sciarrino

= soffio. È necessario che le labbra dell’esecutore siano rilas-


sate, ma aderiscano al bocchino in modo da immettere tutto
il fiato nello strumento, senza dispersione alcuna.

= Flatterzunge

Le sordine prescritte devono essere wa-wa di metallo:

= chiuso.

= aperto.

= oscillazione rapida chiuso-aperto.

Manzoni

57 - = suono d’eco (corni)

58 - = frullato d’aria

59 - = nota gravissima ad lib.

59a - = frullato per la durata approssimativamente indicata dalla disposizione


grafica
59b - c.s., s.s. = con sordina, senza sordina
Nono

Tuba
 DULDLQWRQDWDSUHYDOHQ]DGHOUXPRUHG¶DULDFRQSRFDRQHVVXQDSUHVHQ]DGLVXRQRDGDOWH]]DGHWHUPLQDWD
3RLFKpODVHPSOLFHGLWHJJLDWXUDQRQqVX൶ FLHQWHDGRWWHQHUHO¶DULDLQWRQDWDRFFRUUHVR൶DUHPRGL¿FDQGRLO
FDYRRUDOHHODSRVL]LRQHGHOODOLQJXDLQPRGRGDSURGXUUHXQVR൶ RFKHVLDJLjLQWRQDWRSULPDGLSDVVDUH
DWWUDYHUVRORVWUXPHQWR

 PHVFRODQ]DGLVXRQRDGDOWH]]DGHWHUPLQDWDHUXPRUHG¶DULDGRVDWLLQSURSRU]LRQLGL൵HUHQWLDVHFRQGDGHOOD
SURVVLPLWjDOO¶HPLVVLRQH R 

 VXRQRLQHPLVVLRQHRUGLQDULD

 WUDQVL]LRQHJUDGXDOHGDOO¶XQRDOO¶DOWURPRGRG¶HPLVVLRQH

 OHQRWHLQFRUSRPLQRUHYDQQRFDQWDWHFRQWHPSRUDQHDPHQWHDOO¶HPLVVLRQHGHOVXRQRVWUXPHQWDOH

³WLEHWDQR´ VXRQRPRGXODWRQHOWLPEURPHGLDQWHXQDWHFQLFDGLPRGL¿FD]LRQHGHOFDYRRUDOHVLPLOHDTXHOODGHOORVFDF
FLDSHQVLHULRGHOGLGMHULGRRDXVWUDOLDQR

³HROLHQDFXWLVVLPLPRELOL´ LQGLFD]LRQHPXWXDWDGDL/HJQLFDQWDUHLQIDOVHWWRVXRQLDFXWLVVLPLVXOVXRQREDVHLQGLFDWR
Francesconi
estratto concerto per tromba (non c’è alcuna legenda)
ARPA

Manzoni
ARCHI

Sciarrino

= armonico (indica la nota sfiorata).

A causa del fenomeno della disarmonicità gli armonici sovracuti richiedono un aumento di pressione della mano
sinistra, proporzionale all’altezza richiesta. Quando si inizia a studiare, l’altezza si controlla soprattutto con l’orec-
chio, perché anche a lievissimi movimenti di rotazione del dito corrisponde una grande variazione in frequenza.
Crine a contatto col ponticello, trovare la giusta pressione d’arco un po’ flautando.

= glissando d’armonici naturali. Suoni metallici, arco sempre vi-

cino al ponticello.

= tremolo.

= soffio del crine (strisciato sul legno della cassa). Tale lieve feno-
meno ha risonanze diverse a seconda dei punti di contatto fra arco
e strumento. Il fruscìo sovracuto che io chiedo si produce lungo il
bordo superiore (esterno) del piano armonico. Per interventi iso-
lati non staccare ma appoggiare ( ).

= id., tremolando.

pizz. al pont.
, = rumore poco risonante e inarmonico, mix di diverse componenti
sonore. Quella base è data dalla posizione sfiorata.

flaut. alto sul tasto = sulla IV corda, tenendo l’arco in posizione diagonale assai vicino
alla mano sinistra. Alterare la voce dello strumento, quello che altre
volte ho chiamato “suono di vetro”.
(multifonico)
, = data la posizione sfiorata della mano sinistra sulla corda indicata,
bisogna trovare uno dei punti dove l’arco emetta più sonoramente
il multifonico. Esercitare pressione e scorrimento: arco lento e ade-
rente. Col mutare della dinamica il multifonico deve apparire o
lasciare un’ombra.

PER LO STUDIO DEI MULTIFONICI


8 15
VIOLINO

posizione su cui
scorre l’arco
II I
IV III
posizione
ossia ossia ossia ossia
sfiorata

VIOLA 8
15

posizione su cui
scorre l’arco
III II I
IV
posizione
ossia ossia ossia ossia
sfiorata

VIOLONCELLO 8

posizione su cui
scorre l’arco
I
III II
IV
posizione
ossia ossia ossia ossia
sfiorata

CONTRABBASSO 8

posizione su cui
scorre l’arco
II I
IV III
posizione
ossia ossia ossia ossia
sfiorata
Manzoni

95 - c.l. = col legno

96 - clb = col legno battuto (solo legno)

97 - c. sm. = corde smorzate con la mano sinistra

98 - SR = azione rapida Suono/Rumore sullo strumento: battuto col legno e con


le mani sulle corde smorzate, tamburellato con le dita sulla tavola e si-
mili

99 -
A = arco rovesciato sotto le corde

100 - , = sfiorato come per armonico su altezza ad lib. nel registro approssima-
tivamente indicato

100.1 = sempre sfiorato come per armonico, indipendentemente dalla sonorità


risultante

101 - = armonico acutissimo ad lib., al limite della producibilità, non temperato

102 - = oltre il pont.

103 - = “spazzolato” con l’arco tra tastiera e pont.

104 - c.s., s.s. = con sordina, senza sordina

104.1 - csp = con sordina di piombo (a tre punte)

105 - A = arco

106 - T = tastiera

107 - Pz = pizz.

108 - PN = posizione normale

109 - = esagerare la pressione dell’arco

110 - = pizz. alla Bartók


110.1 e sim. = sul ponticello

110.2 e sim. = batt. rapido con l’osso (punta dell’arco) su una o più corde ad lib.; evi-
tare le corde vuote

111.0 - AN = arco normale (cessa il tremolo)

111.1 - MV = molto vibrato

111.2 - flaut. = flautato, flautando (movimento dell’arco molto rapido e leggero)

112.0 - = pizz. rapido regolare in su e in giù sulla nota o l’accordo indicati

112.1 - e sim. = non pizz.

113.0 - = gliss. distribuito sull’intero valore della nota da cui ha inizio:

a- e sim. = durata del gliss.: tre ottavi

b- e sim. = durata del gliss.: un ottavo

c- e sim. = gliss. istantaneo

113.1 - = gliss. fino a nota acuta ad lib.

113.2 - gliss.: ord. o con tremolo e sim., in relazione alla nota d’inizio

113.3 - 1
2 = trillo di semitono per tutta la durata del gliss.

113.4 - , e sim. = gliss. istantaneo (quasi acciaccatura) di circa un semitono verso il bas-
so o l’alto

114.0 - Nei gliss. utilizzare per quanto possibile una sola corda
114.1 - = tremolo per la durata approssimativamente indicata dalla disposizio-
ne grafica
114.2 -T____pont. = spostare l’arco dalla tast. al pont.
115 - , ecc. = altezza orientativa; non interrompe il gliss.

116 - , , e sim. = nota tra le più acute producibili, ad lib.

117 - , = crescente, calante un quarto di tono

118 - = premere la corda il più vicino possibile al capotasto


118.1 = quando riferito a corda vuota, significa “premere la corda il più vici-
no possibile al capotasto”

119 - , = , pochissimo crescenti

120 - , = , pochissimo calanti

121 - la si e sim. = successione approssimativamente per ottavi di tono

122 - = arpeggiato continuo in su e in giù, il più rapido possibile

123.0 - e sim. = arpeggiato continuo in su e in giù, il più rapido possibile, unitamente


a tremolo

123.1 - , = nota superiore, inferiore, del tricordo o quadricordo relativo

124 - = battuto col polpastrello (mano sinistra)

124.05 polp. = batt. col polpastrello

124.1 - = trillo con polpastrelli (mano sinistra), altezze ad lib.


,
Nono

arco mobile mediante la rotazione del polso, far basculare l’arco, passando da poco crine a crine ordinario a poco
crine (da un lato all’altro dell’arco); allo stesso tempo, tirare l’arco spostandosi con movimento
ellittico dal tasto al ponte e viceversa. Tutte queste azioni devono essere lente e continue, anche se non
necessariamente uniformi. Esse sono intese ad ottenere il massimo di varietà timbrica.

crini-rumore arco molto lento, perpendicolare alle corde, verso il tasto: mediante un’opportuna pressione, produrre
un rumore intermittente.

“saltato”, “balzato” e “gettato” sempre aperiodico.

Di Bari

 pizzicato oltre il ponticello sulle corde indicate


pizzicato beyond the bridge on the strings indicated

 oltre il ponticello senza pressare le corde; ovviamente tale simbolo non è mai riferito al “pizzicato”
0
beyond the bridge, without pressing the strings; never used with “pizzicato”

 emissione di “aria” con le dinamiche e le durate indicate nel “fischietto” che produce “suono bianco”
production of “air”, with dynamics and durations indicated, through the whistle, obtaining a sort of “white
noise”

MC sul ponticello, producendo un suono simile al suono bianco; si consiglia di stoppare le corde con la mano sinistra
on the bridge, producing a sort resembling white noise; we recommend the strings are stopped with the left
hand

colpo con la punta delle dita, con le nocche o col palmo della mano sullo strumento, ottenendo un suono asciutto
% e il più profondo possibile. Sempre preciso nel ritmo e nelle dinamiche indicate
hitting with fingertips, knuckles, or the palm of the hand on the instrument, to obtain a sound as dry and
deep as possibile. Always following the indicated dynamics and rhythm
glissato su due corde contigue, con le durate indicate. Il criterio geometrico che sta alla base di tale procedimento
è quello del “parallelismo interrotto”. Si immaginino con precisione due aerei in volo parallelo, di cui uno che
 
periodicamente scompare dietro le nuvole per poi riapparire sempre senza alcuna modificazione dell’assetto di
  volo.
glissato on two adjacent strings, with the duration indicated. The geometrical criterion wich underlies this
procedure is that of “broken parallelism”. Imagine two aircrafts in parallel flight, one of them periodically
disappearing behind the clouds and then reappearing with no modifications of the flight path.

fruscìo ottenuto strisciando l’arco sulle corde in senso longitudinale per circa 5/10 cm. e con una riduzione gradua-
 le dell’oscillazione fino alla sparizione. Tale procedimento va realizzato con l’étouffée (;)
 rustling obtained by scraping the bow longitudinally for about 5/10 cm. and with a gradual reduction of
the oscillation until it disappears. This procedure is realized with the étouffée (;)
Gervasoni

Potrebbero piacerti anche