Sei sulla pagina 1di 3

6.

I NERVI CRANICI
I nervi cranici sono 12 paia, di cui il I e il II paio , in realtà rappresentano vie nervose centrali in
quanto sono rivestiti da oligodendrociti e non da cellule di Schawn come nel sistema nervoso
periferico e non appartengono al tronco encefalico. Vengono numerati con numeri romani da 1 a 12,
10 di questi emergono dal tronco encefalico e 2 dai centri sovrassiali. Procedendo in senso infero-
superiore, i numeri maggiori vengono assegnati ai nervi che emergono dal basso. La coppia che
emerge per prima, quindi più in basso, è proprio la dodicesima. Nel bulbo risiede l’origine
apparente di questi nervi. Quasi tutte le coppie di nervi cranici che emergono dal tronco (tranne
una) hanno origine apparente sulla faccia VENTRALE del tronco cerebrale.

I nervi cranici possono essere :


 Motori somatici : il N. Trocleare ( IV paio) , il N .abducente ( VI paio) , il N.
Accessorio del Vago ( XI paio) e il N. Ipoglosso ( XII paio)
 Motori viscerali : Il N. Oculomotore ( III paio) ( presenta sia una componente somatica
che viscerale)
 Sensitivi somatici : il N. Vestibolococleare ( VIII paio), il N. Trigemino ( V paio, ha
una grossa componente sensitiva somatica, ma anche una piccola componente motoria in
quanto va a innervare i muscoli masticatori)
 Sensitivi viscerali
 Misti : il N. Facciale ( VII paio) , il N. Glosso faringeo ( IX paio) e il N. Vago ( X paio)
sono considerati misti puri perché presentano tutte le componenti

I nuclei dai quali si originano sono delle colonne che si estendono, a volte addirittura il nucleo può
estendersi dal bulbo fino al mesencefalo.

55
56
ORIGINE APPARENTE DEI NERVI CRANICI

Dal tronco encefalico abbiamo detto che originano la maggior parte dei nervi cranici, ovvero
10/12, tranne la prima e la seconda coppia di nervi che hanno origine dai centri sovrassiali
(telencefalo il primo e diencefalo il secondo). Procedendo in senso infero-superiore, i numeri
maggiori vengono assegnati ai nervi che emergono dal basso. La coppia che emerge per prima,
quindi più in basso, è proprio la dodicesima. Quasi tutte e 10 le coppie di nervi che si staccano
dal tronco, si staccano dalle porzioni antero-laterali, tranne il quarto paio (il nervo trocleare) la
cui origine apparente è situata posteriormente al tronco encefalico inferiormente ai tubercoli
quadrigemini inferiori. Infatti antero-lateralmente si staccano la maggior parte delle radicole dei
nervi cranici. A livello della metà inferiore del bulbo, dal solco laterale anteriore
(continuazione del solco collaterale anteriore del midollo spinale) emergono le radicole
anteriori del I nervo spinale che si stacca dal primo neuromero cervicale del midollo. Sempre
lungo il solco laterale anteriore, nella sua metà superiore, lateralmente alle piramidi emergono
le radicole del XII nervo cranico (nervo ipoglosso). Se seguiamo le piramidi esse terminano
superiormente dove il bulbo si continua con il ponte, il passaggio è individuato dal solco
bulbo-pontino. A livello del solco, in corrispondenza delle piramidi emergono le radicole del
VI paio di nervi cranici (nervo abducente). Lateralmente, sempre dal solco,a livello delle
olive bulbari, emergono le radicole di altri 2 nervi cranici:
1. VII paio nervi cranici (nervo facciale), a sua volta formato da 2 componenti:
 nervo facciale propriamente detto: più grande;
 nervo intermedio: più piccolo.
2. VIII paio di nervi cranici (nervo acustico o vestibolo cocleare).
Nel midollo spinale, oltre al solco collaterale anteriore abbiamo anche il solco collaterale
posteriore lungo il quale emergono le radicole di altri nervi cranici (elencati dal basso verso
l’alto):
 XI paio (nervo accessorio);
 X paio (nervo vago);
 IX paio(nervo glosso-faringeo);

57

Potrebbero piacerti anche