Sei sulla pagina 1di 3

HI-END MAGAZINE

SCHEDA D’ASCOLTO di Alberto Guerrini

Sistema di altoparlanti da pavimento

Genesis 7.1f
L’energia attiva
Avevo potuto ascoltare diversi diffusori di questo marchio, in più di qualche sala, in occasione dello scorso C.E.S. di Las
Vegas. Maggiormente avevo posto la mia attenzione sul modello “flagship”, la Genesis 1, che mi aveva colpito sia per
l’imponenza che per l’ottima qualità del suono. Mi ha subito impressionato il fatto che anche in queste 7.1 f sia stato
utilizzato il medesimo tweeter a nastro di forma circolare, nonostante il budget da investire in queste sia molto infe-
riore. Eppure le tecnologie utilizzate in questi full tower è notevole e piuttosto varia, andiamo a vedere nello specifico
di che cosa si tratta.

nnanzitutto mi preme sottolineare un lume dell’ampli in classe “D”

I
L’ASCOLTO
elemento a cui di norma sono partico- del subwoofer attivo; la L'ascolto è stato effettuato
larmente incline, il tweeter a nastro, ed regolazione del li- nella nostra sala d'ascolto
in queste Genesis ce ne sono ben due per vello del tweeter a redazionale inserendo le Pic-
ogni cabinet, uno montato anteriormente nastro anteriore; cole Acoustic Energy nella
ed uno posteriormente, per ottenere l’interruttore per catena di ascolto così costi-
un’emissione dipolare e di conseguenza escludere il tweeter tuita: Sorgente digitale, let-
una scena più profonda ed articolata. posteriore. tore Roxsan Kandy K2
Oltretutto non si tratta di tweeter a nastro Il cabinet è compo- Compact Disc Player CD; let-
classici con forma rettangolare, hanno al- sto da tre elementi tore multistandard CD,
tresì una geometria circolare (2.5 cm di principali, il baffle SACD, DVDA, DVD, Labek
diametro), che ben si presta ad essere inse- anteriore piuttosto Pro-Type; Sorgente Analo-
rita in una cosiddetta configurazione spesso (2 cm di gica giradischi Thesis Audio
“D’Appolito”, dalle notorie ottime caratte- spessore) di forma in marmo; braccio Origin
ristiche di riproduzione delle frequenze rastremata verso il Live; Testina ZYX Bloom
medie e medio alte. basso, montato su con Cablaggio SME; Ampli-
Pensando a quanto appena detto già si può di un corpo di ficatore integrato McIntosh
immaginare la potenzialità nella metà alta forma a parallelepi- MA6900 Limited edition,
dello spettro unendo anche la dolcezza e pedo, piuttosto re- con Stadio Phono MM; Cavi
naturalezza tipiche dei “ribbon”. golare con spigoli di Potenza Shinpy Spheros;
Oltretutto i progettisti non si sono fermati arrotondati il giu- Cavi di segnale Cabless Beta
qui, anzi hanno osato introdurre una se- sto, ed una base in Ultra; Cavi di Alimentazione
zione attiva per il driver delle basse fre- materiale metallico, Max Research; Mobile di
quenze e non contenti dei trasduttori di spessore pari a supporto per l’impianto
classici, hanno optato per un cono in allu- 2,5 cm circa, che Music Tools.
minio rinforzato (da 20 cm circa di diame- sporge lateralmente Burmester test CD II (Burme-
tro), con escursione servoassistita, per (in modo da aumen- ster, CD): da vero “ficchino”
annullare gli effetti deleteri dell’inerzia del tare significativa- (ovvero impiccione, come
cono sulla velocità di riproduzione (ce ne mente la proiezione alle volte mi definiva la mia
vuole moltissima per stare dietro ad un della base di appog- povera mamma), la prima
tweeter a nastro, con la sua tipica risposta gio), formando delle traccia che sono andato ad
al laser). Dulcis in fundo, parliamo dei mid- protrusioni, alle ascoltare è stata inevitabil-
woofer (13,75 cm circa di diametro cia- quali sono avvitate mente quella di organo
scuno), anche questi di livello qualitativo le punte per il disac- (traccia 7), per appurare la
molto alto e con cono sempre metallico, ma coppiamento dal ter- vera possibilità di arrivare ai
in questo caso in titanio. Tutti storceranno reno. La regolazione 22 Hz dichiarati. Beh le fre-
il naso immediatamente, pensando alla in altezza delle quenze in questione ci sono
messe di metallo utilizzata per i poli di punte avviene in eccome, prima di tutto l’am-
emissione, in realtà la progettazione avan- maniera molto age- bienza e una scena sonora
zata ha colpito anche qui, poiché si è stu- vole, infatti alla base imponenti, poi una grande
diata l’azione del complesso della punta è assicu- messe di micro dettagli, re-
materiale-geometria per allontanare di rato un pomello zi- stituiti senza grandi com-
molto il range di azione del woofer, dal- grinato, ruotando il promessi dall’eccezionale
l’unica frequenza critica per quello speci- quale in senso orario Labtek Pro-Type. L’ambiente
fico elemento (che induce distorsione), si otterrà un innalza- è tridimensionale come non
HI-END MAGAZINE®

cosicché si è ottenuta una risposta pratica- mento locale. mai, ampio e risonante, ab-
mente esente da distorsioni, affiancate da La finitura è molto bondantemente riverberato,
una grande tenuta in potenza. accattivante, l’assem- del resto, se non erro, ci si
Sul retro del diffusore, in basso, abbiamo i blaggio è solido e trova in una cattedrale:
post WBT in configurazione monowire impeccabilmente viene quasi il brivido del
semplice (scelta obbligata vista la delica- realizzato, i freddo vista la resa
tezza che impone sulla realizzazione del componenti sia e la veridicità del-
crossover una siffatta organizzazione pro- del crossover che l’ambiente rico-
gettuale), in metallo placcato oro, schermati dell’amplificazione del struito dai
mediante una cuffia di materiale plastico woofer, sono di livello piutto- trasduttori.
trasparente e rigido; la regolazione del vo- sto elevato alto. La classica traccia di Paco De

Fedeltà del Suono n. 168 Dicembre 2009 59


HI-END MAGAZINE
GENESIS 7.1f
zione D’Appolito, in onore del proget- imponga nel solo, che quando si presta a
tista di fama mondiale ed ideatore di mero accompagnatore del resto dell’ensem-
questo accorgimento, ora in forza ble Jazz.
alla Usher). Ancora una chitarra classica bellissima ca-
Le percussioni della traccia 4 sono rica, piena e melodiosa, ricca di dinamica e
fenomenali per realismo e per ve- di complessità armonica, dettagliatissimo il
locità ma soprattutto per la grana passaggio di dita e unghie sulle corde, ec-
finissima con cui vengono ripro- cezionalmente godibile il risultato finale:
dotte, rarissimamente ho sentito l’ambiente si riempie della trama andalusa,
un risultato così buono. ad ogni percussione e ad ogni pizzicata.
Moltissimo di ciò che succede in La traccia 13 di violino e chitarra è vera-
secondo piano rispetto ai musi- mente piacevole, la timbrica dello stru-
cisti viene captato, scricchiolii, mento è limpidissima e riecheggia per la
brusii, sospiri, movimenti rela- sala di registrazione con ottima capacità ri-
tivi degli strumenti, un risul- cognitiva dell’ambiente, naturalezza
tato veramente eccellente. estrema e caratterizzazione ad un livello
La traccia numero 6 ci dona molto… molto alto, si coglie perfettamente
una squisita dimostrazione il respiro del solista mentre passa da un fra-
di efficacia in quanto a ri- seggio all’altro.
costruzione dei fiati, con Massimo Salvagnini Quartet “Felix” (Velut
una tromba bellissima Luna, CD): il sassofono tenore che ho co-
seppur vellutata e con- nosciuto per la prima volta con il magni-
trollata, il pianoforte è fico vinile dell’omaggio alla Pink Panther
asciutto e non prende il di Henry Mancini, si ripete in quest’altro
sopravvento né sulla ottimo CD, anche se solo in formato digi-
batteria né su contrab- tale. Il tenore della riproduzione è costan-
basso, lasciando la temente su livelli altissimi di fedeltà, la
sensazione di equili- sensazione è, senza ombra di dubbio, di
brio e rigore timbrico. trovarsi nel bel mezzo della jam del quar-
Nel momento in cui tetto. Il materiale del sax, la sua “voce” così
l’esecutore abban- calda e avvolgente, direi riscalda con la sua
dona il fioretto ed impostazione tonale, se non ci fossero già
impugna la scia- oltre trenta gradi in saletta di Fedeltà del
bola, lo strumento si Suono (mentre scrivo mi trovo in pieno ri-
carica di un'energia gurgito estivo di questo Settembre, l’am-
in gamma media e biente si fa a dir poco torrido, per fortuna
medio alta di rara ho qui un bel ventilatore ad alleviare le sof-
raffinatezza. ferenze termiche e non certo acustiche!);
Veniamo ad un altro l’ancia è sempre più impregnata di saliva
Particolare del tweeter a nastro con geometria circolare.
punto forte, real- man mano che va avanti il secondo brano,
Lucia con la sua chitarra flamenco e i bal- mente “Killer”, ovvero la voce femminile, e questo fatto è immediatamente percetti-
lerini che vengono sparati proprio lì da- articolatissima e ricca di sfumature, un mi- bile. Secondo strumento, per importanza di
vanti al punto d’ascolto, come se ci si crofono molto vicino alla bocca si intuisce resa in questo bel disco, è la batteria, suo-
trovasse davvero ad assistere all’evento di immediatamente; una serie enorme di det- nata con maestria da Roberto Facchinetti,
fronte ad un palco (discretamente alto e tagli e nuances proviene dal contrabbasso che, sia spazzolata o suonata al limite dello
ben proporzionato, dal pavimento ligneo e che risuona con grande vigore e le cui sfioramento con le bacchette, rimane co-
rimbombante sotto al colpo secco del tacco corde non smettono apparentemente di vi- stantemente un piano sopra al resto degli
degli ospiti danzanti del grande artista e brare attorno alle dita, che vengono colpite strumenti, non ridimensionati ma sempli-
virtuoso). Molto dinamica la risposta ai ripetutamente di ritorno. cemente meno intensi al livello emotivo
colpi testé descritti, molto naturali le mani Una batteria profonda e materica al punto personale. La cosa si differenzia con i
che applaudono a ritmo dell’irrefrenabile e giusto, opportunamente frenata, senza pro- ritmi sudamericani della traccia 6, dove si
seducente danza di tradizione Iberica. durre fastidiose code, merito probabilmente
La traccia 10 di orchestra ci dimostra le po- del cono del woofer con movimento servo-
tenzialità del tweeter a nastro: un'estrema assistito (di reminiscenza Philips), che an-
naturalezza in gamma alta e tanto detta- nulla di fatto i problemi dovuti all’inerzia
glio e micro dettaglio, soprattutto per dello stesso durante le sue escursioni, dive-
quanto riguarda fiati ed archi. nendo coerente con il resto dei trasduttori
Nella traccia di Steve Ray Vaughan, sono a cominciare da quelli a nastro peraltro ve-
venuti fuori grugniti e sussurri che non locissimi.
avevo mai udito, merito della sorgente evo- WLM test CD (WLM loudspeakers, CD):
luzione del mio riferimento personale? Pro- Carmina Burana, danno subito il tenore del
babilmente, ma soprattutto merito del risultato ottenibile anche con voci potenti
diffusore che ha fatto uscir fuori il tutto. ed imponenti, questo è ottimo, nonostante
HI-END MAGAZINE®

“Chesky Ultimate Demonstration Disc 2” la discutibile modernizzazione dell’opera di


(Chesky Records SACD): impressionante la questo CD.
qualità delle voci a cappella della traccia La traccia di batteria caratteristica della re-
numero 3, efficacemente separate e defini- gistrazione test, ci dà di nuovo l’idea della
tissime, per nulla gonfie come riscontrato naturalezza per il garbo con cui tira fuori,
in molti altri casi; il brano abbraccia ed in maniera così chiara, la delicatezza
l’ascoltatore a semicerchio e la sensazione della membrana da una traccia caratteriz-
di distacco dalla posizione di emissione del zata dall’energia estrema e dalla dinamica
diffusore è importante, sicuramente merito prepotente, buona se non molto buona la
della scelta della configurazione midwoo- velocità con cui si è disimpegnata la 7.1f. Il Particolare del complesso magnetico del
fer/tweeter/midwoofer (definita configura- sax è ottimo, coerente e setoso, sia che si tweeter posteriore.

60 Dicembre 2009 Fedeltà del Suono n. 168


HI-END MAGAZINE
GENESIS 7.1f
Il tweeter posteriore. fie: l’emissione dipolare, la sezione bassi
attiva, la configurazione D’Appolito e la
sezione alti a nastro.
Di fronte a cotanto coraggio da parte dei
progettisti ci si può solo togliere il cap-
pello: spesso si vedono listini stracarichi
di configurazioni fin troppo banali e dal
prezzo esorbitante.
Devo ammettere che quando ho letto di
questo diffusore ho avuto più di qualche
dubbio, fugato dall’ascolto.
La finitura è molto accattivante, l’assem-
blaggio è solido e impeccabilmente rea-
lizzato, i componenti di livello molto alto,
favoriranno l’istallazione in ambienti con
architettura moderna.
Il consiglio che mi sento di dare a chi vo-
lesse acquistare le Genesis è di non lesi-
nare sull’acquisto della sorgente che deve
essere realmente ottima, vista la capacità
di non alterare la ricchezza aggiunta do-
vuta alla maggior definizione e alle supe-
fa avanti una chitarra leggera e coinvol- riori caratteristiche di questa. Una
gente appena pizzicata ma molto ricca e dimostrazione rispetto a quanto appena
ritmicamente precisa, un discorso armo- detto mi è stata data, avendo avuto la pos-
nico completo e di senso compiuto, una sibilità in saletta di provare varie sorgenti,
vera delizia mentre duetta col sassofono! dalla più economica alla più costosa, pas-
“The Sampler 2” (Naim Records, CD): si sando per diversi step, ottenendo sempre
comincia con la bella voce di Sabina maggiori prestazioni ogni volta. Il tweeter
Sciubba, perfettamente a fuoco, articolata a nastro così particolare è veramente ec-
e semplice, ma dannatamente efficace! cezionale, un palmo sopra al resto delle Il pannello posteriore dove si può osservare
Tutte le variazioni tonali che ripropone la componenti, in grado di offrire una salita il tweeter posto in alto, mentre in basso vi
cantante sono lì chiare e limpide, come se in alto realmente da primato. sono le regolazioni del crossover e del livello
si fossero appena lavati i vetri dopo una La regolazione che mi è piaciuta di più in dell’amplificatore in classe “D” del subwoo-
terribile pioggia di sabbia, si rimane assoluto (e che è coincisa con quella la- fer, assieme ai post WBT per il collega-
molto focalizzati sull’eleganza di riprodu- sciatami dall’esimio Bruno Fazzini) è stata mento all’ampli o finale che sia.
zione della protagonista dimenticando la seguente: tweeter posteriore attivato,
una folgorante prestazione chitarristica manopola del volume woofer in posizione mente di poter “tunare” queste full tower
da parte del grande Antonio Forcione, il ad ore tre, manopola del livello del twee- in base all’ambiente circostante, garan-
quale si esibisce come accompagnatore, ter anteriore ad ore 12, posizionamento tendo un sicuro successo di inserimento.
che sprizza genialità ad ogni passaggio e dei baffle leggermente convergente. La Sono diffusori evidentemente costosi ma
a ogni accordo. sola possibilità di regolazione così dra- non scandalosamente costosi, “worth
Molto bella è anche Cat’s Cradle di Tom stica ed estesa, nel suo intervento garan- every penny” come direbbero nel paese di
Gullion, dove chitarra e sax si attorci- tisce di venire incontro non solo agli provenienza, ovvero gli Stati Uniti
gliano per fondersi in uno scambio di fra- utenti più smanettoni, ma più efficace- D’America.
seggi piacevoli e in continuo crescendo,
la trama è serrata e c’è molta aria tra gli
strumenti, che non cadono mai nel pen- CARATTERISTICHE TECNICHE
tolone del mischione stile “all in one pot” Tipologia di progetto: Full tower con gruppo bassi servoassistito e attivo laterale,
tipico delle elettroniche e dei diffusori di
configurazione medi D’Appolito, tweeter posteriore;
basso rango.
Imponente il contrabbasso che accompa- Numero di driver: 5;
gna di nuovo Sabina Sciubba, in coppia Tipologia dei driver: 2 x Tweeter a nastro a geometria circolare; (1”, Ø 25mm);
per l’occasione con il compianto Chris 2 x woofer con cono in titanio; (5.5”,Ø 137.5 mm);
Anderson al pianoforte. Lo strumento di 1 x woofer con cono in alluminio; (8”, Ø 200 mm)
Anderson è ben bilanciato ma mai squil- Numero di vie: 3.5, sospensione con basso attivo laterale
lante ed eccessivo, giustamente equili- e tweeter posteriore;
brato nel corpo e nella sostanza, un ideale Impedenza nominale: 8 Ohm;
compagno per la bella voce di Sabina in Potenza amplificatore
evidenza. I piani sonori sono definiti e di- subwoofer integrato: 180 W;
stinti nella tridimensionalità della scena
Sensibilità: 89 dB per 1 Watt ad 1 m di distanza;
di registrazione.
Un ultimo brano da descrivere in maniera Risposta in frequenza: 22Hz-38kHz ± 3dB;
HI-END MAGAZINE®

particolare è questa rivisitazione di “An- Controlli: regolazione livello tweeter frontale (±20dB);
gels”, in chiave Rock/Jazz da parte di Leo Tasto di esclusione tweeter posteriore;
Green (Sassofonista), della canzone can- regolazione livello subwoofer (+6, - dB);
tata da Robbie Williams, degni di nota i Terminali: Mono-wire WBT dorati, con schermatura del corpo
passaggi di chitarra elettrica in solo, in- in materiale plastico trasparente;
cisivi e taglienti, in mezzo ad un sax e un Finiture disponibili: Laccatura di alto spessore, titanio e nero;
sound wall importantissimi. Dimensioni (hxlxp): 122 x 30 x 36 cm;
Peso: 37 Kg cad.
CONCLUSIONI
Prezzo IVA inclusa: euro 10.200 la coppia
Una progettazione che butta molta carne
sul fuoco, unisce quattro differenti filoso- Distributore: Mondo Audio – Tel. 035 56.15.54 - Web: www.mondoaudio.it

Fedeltà del Suono n. 168 Dicembre 2009 61

Potrebbero piacerti anche