Sei sulla pagina 1di 90

U NIVERSIT À DEGLI S TUDI DEL S ANNIO

D IPARTIMENTO DI I NGEGNERIA

Lo stato superconduttivo della materia:


teoria fisica ed applicazione in ingegneria
T ESI DI L AUREA
IN
I NGEGNERIA E NERGETICA

DI
Adriano Greco
864/410

8 Giugno 2020

R ELATORE
prof. Arturo Stabile

Anno Accademico

2018 - 2019
Alla mia famiglia
Indice

Abstract iii

Introduzione v

1 Conduzione elettrica ed elettromagnetica 1


1.1 L’elettromagnetismo di Maxwell . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
1.2 Legge di Ohm . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
1.3 Modello di Drude ed effetto Hall . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
1.4 Conducibilitá elettrica e concetto di plasmoni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
1.5 Conduttivitá termica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
1.6 Interpretazione microscopica della costante dielettrica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8

2 Meccanica quantistica 13
2.1 La crisi della fisica classica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
2.2 Le differenze tra meccanica classica e meccanica quantistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
2.3 Significato di Ψ e |Ψ|2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
2.4 Particella libera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
2.5 Strumenti matematici della meccanica quantistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
2.6 Stati stazionari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
2.7 Buca di potenziale infinita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
2.8 Effetto tunnel . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
2.9 Modello di Sommerfeld . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
2.10 Potenziale periodico e teorema di Bloch . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
2.11 Modello di Krönig e Penney . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28

3 Superconduttivitá e sue teorie 33


3.1 La fenomenologia e le proprietá macroscopiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
3.2 Proprietá critiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
3.2.1 Campo critico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
3.2.2 Corrente critica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
3.2.3 Frequenza critica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
3.3 Trasformata di Legendre . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
3.4 Analisi termodinamica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
3.5 Modello a due fluidi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
3.6 Modello di London . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
3.7 Teoria Ginzburg e Landau . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48

i
ii INDICE

3.8 Teoria BCS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48

4 Lo stato superconduttivo 51
4.1 Lo stato intermedio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
4.2 Superconduttori di tipo II . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
4.2.1 Stato misto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
4.2.2 Le forze di pinning . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
4.2.3 Influenza pinning-corrente di trasporto e resistenza apparente . . . . . . . . . . . . . . . . 56
4.3 Ossidi superconduttori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
4.3.1 I materiali con proprietá superconduttive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
4.3.2 La struttura perovskitica dei superconduttori ceramici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
4.3.3 Tecniche di preparazione dei superconduttori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
4.3.4 Powder in tube . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60

5 Cavi superconduttori e applicazioni 65


5.1 Cavi LTSC e HTSC, principali differenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
5.2 Struttura e configurazione dei cavi LTSC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
5.3 Cavi HTSC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
5.3.1 Isolamento elettrico e termico dei cavi HTSC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
5.4 Perdite nei cavi superconduttori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
5.4.1 Impianto criogenico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
5.5 Applicazioni ingegneristiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
5.5.1 SMES . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
5.5.2 Alternatori, motori elettrici e trasformatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71
5.5.3 Altre applicazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72

Conclusioni e prospettive 75

Ringraziamenti 77
Abstract

In questo elaborato di fine percorso accademico si intende analizzare lo stato superconduttivo della materia, anche
in vista dei futuri studi che prevedono una specializzazione in ingegneria elettrica.
Nel tentativo di generare un lavoro di tesi completo e rigoroso, in principio si discuterá della conduzione elettrica
e della sua fenomenologia. Per introdurre lo stato superconduttivo, sono date le basi teoriche che permettono di
fornire una spiegazione degli effetti macroscopici, caratteristici della superconduttivitá. Sono stati individuati ed
affrontati anche argomenti di meccanica quantistica e i modelli alla base della teoria della superconduzione. Nei
capitoli centrali, viene trattato lo stato superconduttivo, con una particolare accezione sull’aspetto applicativo.
Infine, nell’ultimo capitolo sono stati garantiti alcuni esempi di applicazioni dei superconduttori per i sistemi
elettrici.

iii
Introduzione

Seguendo la scia di molte innovazione legate al campo della fisica e, piú in generale della scienza, lo stato su-
perconduttivo é stato scoperto casualmente. Nei primi anni del 900, molti scienziati stavano investendo energie e
risorse per portare l’elio dalla fase gassosa a quella liquida.
Nel 1908 fu H. Kamerling Onnes a riuscirci, presso i laboratori di Leiden. Questo risultato portó Onnes a scoprire
la superconduzione, studiando la conduzione del mercurio a basse temperature scoprendo un vero e proprio nuovo
stato della materia. I suoi studi e le sue ricerche furono consacrate con il conferimento del premio Nobel. Nel
corso degli anni gli studi sulla superconduzione non si sono fermati, giungendo, di volta in volta, a comprendere
sempre piú caratteristiche peculiari, ma anche l’elaborazione e l’utilizzo di teorie di livello sempre piú avanzato
e complesso. I fisici che hanno dato il loro contributo elaborando modelli teorici sono citati e riportati nel corso
dell’elaborato.
Nel primo capitolo é affrontata la tematica della conduzione elettrica nella fase normale riportando le teorie che
ne spiegano il comportamento.
Nel secondo capitolo si affrontano i principali argomenti della meccanica quantistica, fondamentali per la com-
prensione dei modelli e delle teorie (terzo capitolo) utili a comprendere gli aspetti dello stato superconduttivo.
Nel quarto capitolo sono trattati i superconduttori di tipo I e II, riportando le caratteristiche, le differenze e le
tecniche necessarie per la loro realizzazione.
Nel quinto capitolo sono poste in evidenza le differenze tra i due cavi superconduttori (LTSC e HTSC), eviden-
ziando i pro e i contro. Infine, si riportano alcuni casi nei quali l’applicazione dei superconduttori é cruciale per il
raggiungimento degli scopi prefissati.

v
Capitolo 1

Conduzione elettrica ed elettromagnetica

1.1 L’elettromagnetismo di Maxwell

I fenomeni elettromagnetici nella loro vastitá di applicazione e nel loro smisurato campo di validitá sono riassu-
mibili in pochissime leggi matematiche. In particolare le cosiddette leggi di Maxwell (contraltare della legge di
Newton per i fenomeni meccanici) sono la base dell’elettromagnetismo per come oggi lo conosciamo fin dalla
metá del secolo XIX. In formule abbiamo

∂B
∇ · D = ρ (a) ∇×E+ = 0 (b)
∂t
(1.1)
∂D
∇ · B = 0 (c) ∇×H− = J (d)
∂t

dove i cosiddetti campi fisici sono il campo di induzione elettrica D ed il campo magnetico H che sono connessi
 alle sorgentidensitá di carica ρ (1.1-a) e densitá di corrente J (1.1-d). L’operatore nabla é l’usuale
rispettivamente
∂ ∂ ∂
vettore ∇ = ∂x , ∂y , ∂x . Ai campi D, H sono associati il campo elettrico E e quello di induzione magnetica
B che non sono indipendenti ma sono legati dall’equazione (1.1-b) ed infine l’equazione (1.1-c) che assicura la
non esistenza dei monopoli magnetici.
Al set di equazioni differenziali alle derivate parziali bisogna aggiungere ancora quattro equazioni. Le prime
due sono equazioni costitutive che legano il campo elettrico a quello di induzione elettrica e quello magnetico
a quello di induzione magnetica. In queste relazioni compaiono le proprietá della materia in cui le equazioni di
Maxwell vengono studiate

B − µ0 M
D = 0 E + P, H = (1.2)
µ0

dove 0 e µ0 sono rispettivamente la costante dielettrica del vuoto e la permeabilitá magnetica del vuoto. I campi
P ed M sono la polarizzazione e la magnetizzazione del materiale. Nel caso di materiali isotropi le relazioni (1.2)
divengono

B
D =  E, H = (1.3)
µ

1
2 Capitolo 1 Conduzione elettrica ed elettromagnetica

dove  e µ sono relative al materiale.


La terza equazione determina per la conservazione della carica elettrica

∂ρ
∇·J+ = 0 (1.4)
∂t

e per concludere resta l’equazione di forza che accoppia i campi elettromagnetici alla materia. Questa é la cosid-
detta forza di Lorentz per la quale ogni particella dotata di una carica q ed immersa in un campo elettromagnetico
ne risente. In formula abbiamo

FLorentz = q (E + v × B) (1.5)

da cui l’accelerazione subita dalla carica q (essendo dodata di massa mi ) é la seguente

q
a = (E + v × B) (1.6)
mi

Nel caso in cui l’analisi avviene nel vuoto (P = 0, M = 0) le equazioni (1.1) collassano nelle piú note
espressioni

ρ ∂B
∇·E = (a) ∇×E+ = 0 (b)
0 ∂t
(1.7)
1 ∂E
∇·B = 0 (c) ∇×B− 2 = µ0 J (d)
c ∂t

dove abbiamo introdotto la velocitá della luce c nel vuoto come c = √ 1


0 µ0 .

1.2 Legge di Ohm


Si consideri un conduttore alla quale applicata, ai suoi capi, una differenza di potenziale. La tensione é diretta-
mente proporzionale alla corrente che scorre nel conduttore

V = RI (1.8)

L’equazione empirica descrive la conduttivitá ed é valida per la maggior parte dei materiali conduttori, ovvero i
materiali ohmici (in caso contrario, il materiale é definito non-ohmico).
1.3 Modello di Drude ed effetto Hall 3

É possibile esprimere l’equazione in forma locale

~ = ρJ~
E (1.9)

~ si esprime il campo elettrico e con J~ la densitá di corrente, mentre ρ esprime la resistivitá del materiale.
dove con E
Analizzando la fenomenologia dal punto di vista microscopico, le cariche libere del conduttore si muovono in un
mezzo viscoso. Ció comporta, per le cariche, il raggiungimento della velocitá di deriva. Analizzando la dinamica
del punto materiale, possiamo esprimere questo fenomeno con l’espressione

~− m~vd
qE =0 (1.10)
τ

~ la forza di trascinamento, ~vd la velocitá di deriva, m la


Dove q rappresenta i portatori di carica, il prodotto q E
massa dei portatori di carica, τ il tempo medio tra gli urti e il prodotto −m~vd /τ la forza di attrito viscoso.
J~
Per la definizione di densitá di corrente abbiamo che ~vd = nq e sostituendo otteniamo

~ = m J~ = ρJ~
E (1.11)
nq 2 τ
m
definendo ρ = nq 2 τ resistivitá elettrica.
Questa quantitá é fortemente influenzata dalla temperatura e si puó esprimere in prima approssimazione con la
legge

ρ = ρ0 (1 + αT ) (1.12)

Dove α é definito coefficiente di temperatura e ρ0 é la resistivitá calcolata a una temperatura di riferimento.

Figura 1.1: rappresentazione della legge di Ohm. Il coefficiente angolare é proprio la resistenza R ed é dipendente dalla
resistivitá ρ e quindi dal coefficiente di temperatura α.

1.3 Modello di Drude ed effetto Hall


Il modello di Drude ha come obiettivo quello di spiegare le proprietá della materia, partendo da alcune ipotesi su
cui si fonda la teoria.

• Gli elettroni sono liberi, indipendenti, non interagiscono tra loro e sono immersi in un background positivo.
Le cariche positive sono presenti affinché la materia sia elettricamente neutra.
4 Capitolo 1 Conduzione elettrica ed elettromagnetica

• Il moto degli elettroni é descritto dalla meccanica classica

• Gli elettroni, nel loro moto, possono urtarsi tra loro. La probabilitá che l’urto avvenga in un certo tempo
∆t
∆t é dato da τ . τ é definito tempo di rilassamento. Inoltre, si definisce cammino libero medio l = vτ
e rappresenta lo spazio percorso tra due urti successivi.

• La velocitá media degli elettroni é < ~v >= 0, mentre la velocitá del singolo elettrone é v =< v(x) > é
funzione di dove avviene l’urto. L’elettrone dopo l’urto non ha memoria di ció che é avvenuto prima.
Troviamo adesso una relazione che descriva interamente il moto degli elettroni. Ricordando che

d~
p
F~ = p = F~ dt
⇒ d~ (1.13)
dt
PN p
~i (t)
sapendo che p̄~(t) é una media: p̄~(t) = i=1 N

p~(t + ∆t) − p~(t) = F~ ∆t + o(∆t)2 (1.14)

∆t ∆t
Come detto prima, le probabilitá che l’elettrone urti é τ , mentre la probabilitá che non urti é 1 − τ
All’istante t abbiamo:

∆t
p(t) + F~ext ∆t + o(∆t)2 ](1 −
p~(t + ∆t) = [~ ) (1.15)
τ

da cui otteniamo:

∆t ~
p~(t + ∆t) = p~(t) − p~(t) + Fext (∆t) + o(∆t)2 (1.16)
τ

quindi:

p~(t + ∆t) − p~(t) p~(t) ~


=− + Fext + o(∆t) (1.17)
∆t τ

passando per il limite per ∆t → 0 otteniamo:

p~(t + ∆t) − p~(t) d~


p p~
lim = = − + F~ext (1.18)
∆t→0 ∆t dt τ

Si consideri ora il caso in cui venga applicato un campo elettrico esterno, omogeneo nello spazio e indipendente
dal tempo. Sapendo che F~ext = −eE ~ otteniamo:

d~
p ~ − p~
= −eE (1.19)
dt τ
d~
p
Supponendo che il nostro sistema abbia raggiunto uno stato stazionario, quindi dt = 0 e quindi p~ = cost
otteniamo

~− p~ ~ = − p~
−eE =0⇒E (1.20)
τ eτ

Dato che p~ = m~v e introducendo il vettore densitá di corrente ~j = −ne~v otteniamo:


2
~j = ne τ E
~ (1.21)
m
1.3 Modello di Drude ed effetto Hall 5

ne2 m
Definito τ = σ0 otteniamo la Prima legge di Ohm

~
~j = σ0 E (1.22)

dove σ0 é definita conduttivitá statica. Per avere una stima del valore di τ dovremmo eseguire delle misure, ma
queste risulterebbero molto complicate. Un valido confronto si puó avere tra la conducibilitá elettrica sperimentale
e quella teorica. Una volta eseguite, si otterrebbero delle discordanze tra le misura attese e quelle ottenute. Da
questi risultati giá si puó intuire la poca affidabilitá del modello di Drude.

Si consideri il caso in cui siano presenti sia un campo elettrico, sia un campo magnetico. La F~ext dovrá tener
conto dei due contributi. L’equazione diviene:
 
d~
p p~ ~ + ~v × H
~
=− −e E (1.23)
dt τ c

~ eH
tenendo conto che i due campi E ~ siano omogenei, indipendenti dal tempo e applicati su una sbarretta: il
primo é diretto lungo la sbarretta, il secondo é perpendicolare ad essa. Nell’ipotesi stazionaria abbiamo:
 
p~ ~ ~v ~
− −e E+ ×H =0 (1.24)
τ c

~ parallelo all’asse x e H
Se consideriamo E ~ parallelo all’asse z, gli elettroni saranno soggetti ad una forza di
Lorentz lungo l’asse y negativo. Questo comporta una separazione di cariche e quindi la formazione di un campo
elettrico negativo, diretto verso −y. Ora scomponiamo l’equazione ... sull’asse x e sull’asse y e otteniamo:

px


 0 = −eEx − ωc Py − τ

(1.25)


0 = −eE − ω P −
 py
y c x τ

eH mji
con ωc = mc detta frequenza ciclotronica. Considerando che pi = ne con i = x, y otteniamo il sistema

 σ E = ωc τ jy + jx
 0 x


(1.26)


σ E = −ω τ j + j

0 y c x y

Essendo una sbarretta di dimensione finita, é ragionevole imporre jy = 0. Sostituendo nella seconda
equazione ωc e τ con le loro espressioni otteniamo il coefficiente di Hall ed Ey rappresenta il campo di
Hall.

eH ne2 τ Ey 1
− τ Jx = Ey ⇒ RH = =− (1.27)
mc m jx H nec

La stima teorica di RH é in forte contrasto con i dati sperimentali. Dal grafico infatti si puó notare che per
certi valori di H i portatori di carica cambino di segno. Il modello di Drude é incompleto. Infatti, la spiegazione
di questo fenomeno é possibile solo con la meccanica quantistica.
6 Capitolo 1 Conduzione elettrica ed elettromagnetica

1.4 Conducibilitá elettrica e concetto di plasmoni


Si consideri che il nostro sistema sia perturbato da un campo elettromagnetico. La forza é influenzata maggior-
mente dal campo elettrico. L’influenza del campo magnetica é nettamente minore poiché presenta il prodotto
v ~ = E~0 (~r)e−iωt e p~(t) = p~0 e−iωt otteniamo:
<< 1. Si supponga un campo elettrico del tipo E
c

d~
p p~
= −eE~0 (~r)e−iωt − (1.28)
dt τ

e che la risposta in regime armonico sia p~(t) = p~0 e−iωt

p~0
−iω p~0 e−iωt = −eE~0 (~r)e−iωt − e−iωt (1.29)
τ


p~0 = − E~0 (~r) (1.30)
1 − iωτ

da cui
2 ~
~j = ne τ E0 (t) ⇒ ~j = σ(ω)E~0 (t) (1.31)
m 1 − iωt

σ(ω) é definita conduttivitá dinamica. Per ottenere la conduttivitá statica dobbiamo porre ω → 0 nell’espres-
sione di σ(ω):

ne2 τ 1 σ0
σ(ω) = = = σ0 (1.32)
m 1 − iωt 1 − iωt

Relazione valida se ... Adesso abbiamo la legge di Ohm e le leggi di Maxwell:

~
~j = σ(ω)E (1.33)

~ ·E
~ = 4πρ ∇
~ ×H
~ = ~
1 ∂E 4π ~
∇ c ∂t + c j
(1.34)
~ ·H
~ =0 ~ ×E ~
~ = − 1 ∂H
∇ ∇ c ∂t

Supponendo che la materia sia neutra (ρ = 0) si ottiene:


 ~ 
~ ~ ~ ~ ~ ~ 2~ 2~ 1 ∂ ∂E 4π ~
∇ × (∇ × E) = ∇(∇ · E) − ∇ E = −∇ E = − + j (1.35)
c ∂t ∂t c

~ otteniamo:
sostituendo l’equazione ~j = σ(ω)E

1 ∂2E~ 4π ~
∂E
~ =
∇2 E + 2 σ(ω) (1.36)
2
c ∂t2 c ∂t

~ r,~ t) = E
Ipotizzando una soluzione armonica E( ~ 0 (~r)e−iωt

~ = ω2 ~ 4πωi 2
~ r) = − ω (ω)E(~
~ r) ⇒ ∇2 E(~ ~ r)
∇2 E E(~
r ) − σ(ω) E(~ (1.37)
c2 c2 c2
4πiσ(ω)
Dove (ω) = 1 + ω é la costante dielettrica.
1.4 Conducibilitá elettrica e concetto di plasmoni 7

~ r) = E
Supponendo una soluzione di tipo onda piana per E(~ ~ 0 eik~r otteniamo la relazione di dispersione nella
materia

ω2 ω2
 
4πi σ0
k2 = (ω) = 1 + (1.38)
c2 c2 ω 1 − iωτ

4π σ0
con (ω) = (1 + ω i 1−iωτ ).
se ωτ >> 1 l’equazione diviene:

4π 6 i σ0 4πσ0 4πne2 6 τ ωp2


(ω) ' 1 − =1− 2 =1− = 1 − (1.39)
ω 6 iωτ ω τ mω 2 6 τ ω2

4πne2
indipendente da τ , imponendo ωp2 = m definita frequenza di plasma.

La dipendeza di  da ω evidenzia il fenomeno dell’effetto soglia, ovvero che il comportamento di  cambia


a seconda del valore di ω:

• ω < ωp : soluzione che decade esponenzialmente nello spazio quindi non si manifesta la propagazione.

• ω > ωp : soluzione oscillante nello spazio quindi otteniamo il fenomeno della propagazione.

Da qui si puó notare che la costante dielettrica svolge un ruolo di schermatura nel materiale.
Si supponga ora il caso in cui ρ 6= 0. Dall’equazione di continuitá ∇ ~ · ~j + ∂ρ = 0 e della legge di Ohm
∂t
~j = σ(ω)E ~ si ottiene:

σ(ω)∇ ~ + ∂ρ = 0 ⇒ 4πσ(ω)ρ + ∂ρ = 0
~ ·E (1.40)
∂t ∂t

e supponendo ancora una dipendenza armonica con ρ = ρ0 e−iωt si ottiene

4πσ(ω)ρ0 e−iωt − iωρ0 e−iωt = 0 ⇒ ρ0 [4πσ(ω) − iω] = 0 (1.41)

Che é definita relazione di consistenza. Vi sono due casi:

• ρ0 = 0 che é la soluzione appena discussa

• 4πσ(ω) − iω = 0 dalla quale otteniamo

4πne2 τ
   
σ0 σ0
4πσ(ω) = iω ⇒ 4π = iω ⇒ ω = 4π = (1.42)
1 − iωτ i + ωτ m(i + ωτ )

Se ci troviamo nel caso di ωτ >> 1 otteniamo ω = ωp , quindi la soluzione proposta é valida ed oscilla con la
frequenza di plasma:

ρ(t) = ρ0 (ω)e−iωp t (1.43)

Quindi si ha una densitá di elettroni che oscilla in modo coerente e ció avviene solo con frquenza pari a quella di
plasma. Si definisce plasmone il quanto delle oscillazioni collettiva degli elettroni liberi nel reticolo del materiale.
In definitiva, quando la frequenza dell’onda é ωp e vi é una ρ 6= 0 il gas di elettroni oscilla in fase con l’onda
incidente.
8 Capitolo 1 Conduzione elettrica ed elettromagnetica

1.5 Conduttivitá termica


La conducibilitá elettrica é strettamente legata agli effetti termici. Si consideri una sbarretta di metallo di lunghezza
finita, avente agli estremi le temperature T1 e T2 > T1 . Sperimentalmente sono state osservate le seguenti
proprietá:

 ~
~j = −k ∇T Legge di Fuorier
 q


(1.44)


 k = αT

Legge Wiedmann-Franz
σ

dove k é il coefficiente di conducibilitá, α é una costante universale, ~jq la densitá di calore per unitá di tempo e di
superficie.
Si calcoli ~jq nel caso monodimensionale. In un punto generico x abbiamo che

Jq (x) = n(x)v(x) (1.45)

dove n é la densitá di numero di elettroni, (x) l’energia per particella e v(x) la velocitá. Nel modello, gli elettroni
si spostano da sinistra a destra e posseggono diverse energie a seconda della loro posizione. Ipotizziamo che nel
punto x gli elettroni abbiano contributi uguali da entrambi i lati, in questo modo si ha che

n n
jq (x) = v(x − vτ ) − v(x + vτ ) (1.46)
2 2

e applicando uno sviluppo in serie intorno a vτ che rappresenta il cammino libero medio, si ottiene che

d
(x ± vτ ) = (x) ± vτ (1.47)
dx

e quindi

n d d dT
jq (x) = − v 2̄vτ = −nv 2 τ (1.48)
2̄ dx dT dx
1 dE d
dato che l’energia totale per unitá di volume é pari a n e che la definizione di calore specifico é cv = V dT = n dT
si ottiene:

dT
jq (x) = −v 2 τ cv (1.49)
dx

1.6 Interpretazione microscopica della costante dielettrica


La differenza tra un materiale conduttore e uno isolante, risiede nel reticolo cristallino. Nei primi, vi é la presenza
di elettroni liberi (uno o due generalmente) che sono definiti elettroni di conduzione e posseggono energia di
legame inferiore all’energia di agitazione termica. Nei secondi, i dielettrici, al contrario, l’energia di legame é
elevata e non consente il libero spostamento degli elettroni.
Nonostante i dielettrici siano neutri, se viene applicato un campo elettrico, si puó assistere a uno momento di
dipolo indotto, che si traduce in un campo macroscopico. Quando il dielettrico acquista tale momento di dipolo,
si parla di polarizzazione e puó avvenire per deformazione e per orientamento.
In merito alla polarizzazione per deformazione, si consideri un atomo elettricamente neutro, costituito da un nucleo
centrale avente carica positiva Ze ( dove Z é il numero atomico), circondato da una nube elettronica negativa Sotto
1.6 Interpretazione microscopica della costante dielettrica 9

Figura 1.2: rappresentazione di un atomo dotato di nucleo e nube elettronica

Figura 1.3: nucleo sotto l’azione di un campo elettrico locale

l’azione di un campo elettrico locale E~ l , l’atomo acquista un momento di dipolo p~. Il nucleo, quindi, subisce una
forza f~ = ZeE~ l mentre il baricentro subisce una −f~ = −ZeE ~ l . Pertanto, il momento di dipolo vale

~l
p~ = αd E (1.50)

~ l che agisce sulla molecole deriva dall’azione delle cariche


dove α é definita polarizzabilitá elettronica. Il campo E
esterne e da tutti i dipoli delle molecole del dielettrico. Il campo macroscopico E, ~ che si misura internamente al
dielettrico, tiene conto anche del campo locale.
Nella polarizzazione per orientamento, le molecole posseggono momenti di dipolo p~0 diversi tra loro. A livello
macroscopico non é evidente il loro orientamento casuale e quindi risulta nullo il valor medio < p~0 >. Sotto
l’azione di un campo elettrico esterno, i momenti di dipoli tendono ad orientarsi parallelamente ad esso all’au-
mentare dell’intensitá del campo stesso. Il calcolo del valor medio del momento di dipolo deve essere eseguito in
termini statistici.
Si supponga di avere un insieme di dipoli ove siano trascurabili le mutue interazioni (come avviene nei gas).
~ = p~0 × E
Quando vi é l’azione di un campo, il dipolo subisce un momento meccanico M ~ l che tende ad orientare
il dpolo nel verso del campo, mentre l’agitazione termica favorisce l’orientamento casuale. L’equilibrio statistico
tra queste due tendende é descritta dalla funzione di Boltzman:

U
P (U ) = Ae− KT (1.51)

dove A rappresenta una costante di normalizzazione, U l’energia del dipolo ( pari a U = −~ ~ l = −p0 El cosφ),
p0 · E
K la costante di Boltzman e T la temperatura del materiale.
10 Capitolo 1 Conduzione elettrica ed elettromagnetica

Figura 1.4: rappresentazione grafica del momento di dipolo e del campo elettrico

La probabilitá che un dipolo sia orientato entro un angolo solido dΩ = 2πsenφdφ é data da

U p0 El cosφ
dP = P (U (φ))dΩ = Ae KT dΩ = Ae KT 2πsenφdφ (1.52)
R 4π
La costante á si determina imponendo la condizione 0
P dΩ = 1. Per temperature non prossime allo zero
1
assoluto e sviluppando l’esponente fino al primo ordine, si ottiene che A = 4π e , quindi
   
1 p0 El 1 p0 El
dP = 1+ cosφ senφdφ = 1+ x dx (1.53)
2 KT 2 KT

avendo posto che x = cosφ e sviluppandone la derivata. Poicheé l’orientamento di p~0 deve possedere simmetria
~ l , la componente ortogonale al campo sará mediamente nulla. Si ottiene quindi il valor medio
cilindrica intorno a E
Z π Z +1  
p0 x p0 El
| < p~ > |El = p0 cosφdP = 1+ x dx (1.54)
0 −1 2 KT

risolvendo l’integrale

p20 El
< p~ > |El = (1.55)
3KT

e quindi

~l
< p~ >= α0 E (1.56)

Le equazioni dei momenti di dipolo delle due equazioni sono identiche, ma nel caso della polarizzazione per
orientamento si parla di valor medio di dipolo. Partendo dalle considerazioni precedenti, si puó trattare l’aspetto
fisico della costante dielettrica  e la sua interpretazione.

dN
P~ = < p~ > (1.57)
dV

ove P~ é il vettore polarizzazione, dN


dV il numero di dipoli per unitá di volume e < p~ > il dipolo elettrico medio. Si
dimostra che al vettore polarizzazione si puó associare una densitá di cariche di polarizzazione con l’espressione
~ · P~ = −ρpol . A questo punto, é lecito esprimere che la densitá di cariche totali di un sistema é esprimibile come

somma della densitá di cariche libere e di polarizzazione ρ = ρlib + ρpol . Pertanto si possono applicare queste
considerazioni alla legge prima legge di Maxwell:

∇ ~ = 1 (ρlib + ρpol ) = 1 (ρlib − ∇


~ ·E ~ · P~ ) (1.58)
0 0
1.6 Interpretazione microscopica della costante dielettrica 11

da cui segue che

~ · (0 E
∇ ~ + P~ ) = ρlib (1.59)
~ ·D
∇ ~ = ρlib (1.60)

~ é definito spostamento elettrico. Dalle equazioni precedenti e nelle ipotesi di materiale omogeneo e
dove D
isotropo possiamo imporre che

P~ = 0 χE
~ (1.61)

dove χ é la suscettivitá dielettrica ed’ é legata alla costante dielettrica del materiale. Di conseguenza, possiamo
definire costante dielettrica del materiale  (omogeneo e isotropo) il coefficiente di proporzionalitá tra i campi D~
~
ed E

~ = E
D ~ (1.62)

Affinché sia tutto coerente otteniamo

~ + 0 χ E
0 E ~ = E
~ (1.63)

da cui si evince

 = 0 (χ + 1) (1.64)

La quantitá χ + 1 che corrisponde al rapporto /0 é definita costante dielettrica relativa del materiale. Appa-
re, dunque, evidente che la costante dielettrica rappresenta macroscopicamente i meccanismi microscopici della
polarizzazione.
Capitolo 2

Meccanica quantistica

2.1 La crisi della fisica classica


La meccanica quantistica é un insieme di strumenti fisici e matematici volti a interpretare i fenomeni quantistici,
ovvero del mondo atomico.
Alcuni fenomeni che possiamo spiegare grazie alla teoria quantistica sono la struttura cristallina, il comportamento
degli elettroni nei materiali conduttori e semiconduttori, il laser. Un esperimento significativo nel mondo della
meccanica quantistica é l’esperimento di Young, noto anche come ”esperimento della doppia fenditura”.
Esso consiste in una singola sorgente che illumina uno schermo opaco con due fenditure parallele di larghezza
sufficientemente piccola in confronto alla lunghezza d’onda della luce incidente. Le fenditure diventano due
sorgenti lineari di luce coerente che generano su uno schermo posto a una certa distanza, una figura di interferenza.
Quest’esperimento, avvenuto nel 1806, riveló la natura ondulatoria della luce. Successivamente, M.Planck e
A.Einstein, ipotizzarono che la luce potesse essere trattata anche come un flusso di pacchetti di energia, ovvero
i fotoni. Infatti, rielaborando l’esperimento di Young, si é notato che se si abbassa l’intensitá luminosa, la figura
d’interferenza non é piú uniforme ma costituita in una distribuzione casuale di ”puntini”. Nel momento in cui
si aumenta l’intensitá luminosa della sorgente, gli spazi vuoti si vanno a riempire e vanno a formare la figura
d’interferenza uguale a quella dell’originale esperimento di Young.
Sembrerebbe dunque che il fotone abbia un comportamento duale, puó essere trattato sia come un’onda che come
una particella. Infatti il fotone interferisce con se stesso quando passa tra le fenditure, ma sullo schermo appare
come un puntino, quindi come una particella. Si puó ripetere l’esperimento utilizzando in questo caso della
particelle. Come risultato si ottiene la stessa figura d’interferenza e si puó concludere che anche le particelle
dotate di massa hanno un comportamento ondulatorio.


E = h ν = ~ ω (ipotesi di Planck)
(2.1)
~ = h ⇒ p~ = ~ ~u (ipotesi di De Broglie)
|p|
λ

dove ν é la frequenza e ~k é il vettore d’onda.

2.2 Le differenze tra meccanica classica e meccanica quantistica


Considerando una particella libera dotata di energia E e impulso p~, nella meccanica quantistica si puó associare,
a tale particella, un’onda di frequenza ν e vettore d’onda ~u. Si evidenziano le differenze tra la meccanica classica

13
14 Capitolo 2 Meccanica quantistica

e quantistica sotto vari aspetti.


In primo luogo, lo stato di un corpuscolo é caratterizzato da una funzione d’onda Ψ(~r, t) che contiene le informa-
zioni riguardanti il corpuscolo stesso. La funzione d’onda, poi, non fornisce informazioni sulla posizione esatta,
ma rappresenta una densitá di probabiitá di presenza, o meglio il suo modulo quadro |Ψ(~r, t)|2 . Si puó dunque
definire una probabilitá che una particella si trovi, in un tempo t, in un volume infinitesimo d3~r, ovvero

dP(~r, t) = |Ψ(~r, t)|2 d3~r (2.2)

pertanto la probabilitá che il corpuscolo si trovi nel volume totale dev’essere pari uno

Z Z
P = dP(~r, t) = |Ψ(~r, t)|2 d3~r = 1 (2.3)
V V

Nella teoria quantistica si puó applicare il principio i sovrapposizione a qualunque grandezza fisica A, quindi:

• il risultato trovato appartiene necessariamente all’insieme dei cosiddetti autovalori di A, cioé i possibili
valori della misura di A

• a ciascun autovalore di A corrisponde un autostato Ψa (~r, t). Se Ψ(~r, t0 ) = Ψa (~r) la misura che possiamo
compiere all’istante t0 deve dare necessariamente l’autovalore a.

• Se la funzione d’onda é arbitraria, la probabilitá Pa di trovare, effettuando la misura al tempo t0 , l’autovalore


a, si ottiene decomponendo lo stato quantistico Ψ(~r, t0 ) rispetto alle autofunzioni Ψa (~r):

X |Ca |2
Ψ(~r, t0 ) = Ca Ψa (~r) ⇒ Pa = P 2
(2.4)
a a |Ca |

Si deduce che se la misura per la grandezza A da il valore a, la funzione d’onda subito dopo la misura deve essere
Ψ(~r, t0 ) = Ψa (~r) Per descrivere l’evoluzione della Ψ(~r, t) associata a una particella si utilizza l’equazione di
Schrödinger e se agisce anche un potenziale esterno, si puó scrivere l’equazione:

~2 ∂ Ψ(~r, t)
− 4Ψ(~r, t) + V (~r, t) Ψ(~r, t) = i~ (2.5)
2m ∂t

che é un equazione differenziale del secondo ordine a derivate parziali. Questa equazione, facendo un parallelismo
della meccanica classica, ha la stessa importanza del secondo principio della dinamica F~ = d~p . dt

2.3 Significato di Ψ e |Ψ|2


Si consideri l’equazione di Schröedinger precedentemente illustrata moltiplicandola per Ψ ∗ (~r, t):

~2 ∗ ∂ Ψ(~r, t)
− Ψ (~r, t) ∆Ψ(~r, t) + Ψ∗ (~r, t) V (~r, t) Ψ(~r, t) = i~ Ψ∗ (~r, t) (2.6)
2m ∂t

otteniamo due equazioni

~2 ∗ ∂Ψ
− Ψ ∆Ψ + Ψ∗ V Ψ = i~ Ψ ∗ (2.7)
2m ∂t
2.4 Particella libera 15

~2 ∂ Ψ∗
− Ψ∆Ψ∗ + Ψ V Ψ∗ = −i~ Ψ (2.8)
2m ∂t

sottraendo membro a membro otteniamo

~2 ∂Ψ ∂Ψ∗
− (Ψ∗ ∆Ψ − Ψ∆Ψ∗ ) = i~ (Ψ∗ +Ψ ) (2.9)
2m ∂t ∂t

~ · (Ψ∗ ∇
matematicamente si ha che Ψ∗ ∆Ψ − Ψ∆Ψ∗ = ∇ ~ Ψ − Ψ∇
~ Ψ∗ ) e quindi

2 ∗
 
~ · −i ~ (Ψ∗ ∇
∇ ~ Ψ∗ ) + ∂ (Ψ Ψ) = 0
~ Ψ − Ψ∇ (2.10)
2m ∂t

~2
Se definiamo le grandezze J~ = −i 2m ~ Ψ − Ψ∇
(Ψ∗ ∇ ~ Ψ∗ ) e ρ = Ψ Ψ∗ si ottiene

~ · J~ + ∂ρ = 0
∇ (2.11)
∂t

che rappresenta un’equazione di continuitá, dove J~ é un vettore denstiá di corrente e ρ una grandezza assimilabile
a una densitá. Definiamo ora un elemento di superficie dσ individuato da ~r e il versore n̂ normale alla superficie.
~ r, t) · n̂ dσ rappresenta una grandezza connessa all’attraversamento dell’elemento di superficie dσ
Il prodotto J(~
in un tempo dt. Si puó, quindi, considerare l’integrazione, su un volume finito, dell’equazione (2.11)

~ · J)
~ dV + ∂ρ
J~ · dS
~ +
R R R R
V
(∇ V ∂t
dV = 0 ⇒ S V
ρ dV = 0 (2.12)

~ vadano a zero abbastanza rapidamente


dove S é la superficie che racchiude il volume V . Si supponga che Ψ e ∇Ψ
per |~r| → ∞ aumentando il volume V l’integrale di volume si annulla mentre il secondo resta convergente. Quindi
Z Z

ρ dV = 0 ⇒ ρ dV = costante (2.13)
∂t V V

si pu ó dedurre che ρ = Ψ Ψ∗ = |Ψ|2 deve essere indipendente dal tempo nel volume V . La grandezza ρ detta
densitá di probabilitá per la presenza della particella deve ovviamente soddisfare le condizioni di normalizzazione

Z
dV Ψ∗ Ψ = 1 (2.14)
V

2.4 Particella libera

Si consideri il potenziale V (~r, t) nullo. In questo caso una particella é libera di muoversi. Si supponga, per
semplicitá di calcolo, che il moto avvenga lungo l’asse x e quindi Ψ(~r, t) = Ψ(x, t). L’equazione (2.5) si riscrive
come segue

~ ∂ 2 Ψ(x, t) ∂Ψ(x, t)
− = i (2.15)
2m ∂x2 ∂t
16 Capitolo 2 Meccanica quantistica

Utilizzando il metodo della separazione delle variabili per ottenere la soluzione dell’equazione differenziale,
esprimendo Ψ(x, t) = φ(x) γ(t) si ottiene

~ ∂ 2 φ(x) ∂γ(t)
− γ(t) 2
= i φ(x) (2.16)
2m ∂x ∂t

Supponendo φ γ 6= 0 si puó dividere la (2.16) per φ γ

1 ∂ 2 φ(x) 2mi 1 ∂γ(t)


= − (2.17)
φ(x) ∂x2 ~ γ(t) ∂t

Si ottiene un primo membro dipendente dalla sola coordinata spaziale x e un secondo membro dipendente dalla
sola coordinata temporale t. L’equazione deve essere valida per un qualunque valore di queste due coordinate. Ne
segue che ambo i membri debbano essere uguali a una costante. Sia −k 2 < 0 tale costante

 2
1 ∂ φ(x)
 ikx −ikx


 φ(x) ∂t2 = −k 2  φ(x) = A e + B e

→ (2.18)
1 ∂γ(t) ~k2
 
 − 2mi

= −k 2 
γ(t) = C e 2mi t
~ γ(t) ∂t

dove A, B e C sono arbitrarie costanti d’integrazione. La soluzione per Ψ(x, t) puó essere espressa

 
~k2
−ikx
ikx
Ψ(x, t) = A e + B e C e −i 2m t (2.19)

si deduce da quest’ultima che C deriva dalle altre due costanti

~k2 ~k2
Ψ(x, t) = A ei(kx− 2m t) + B e−i(kx+ 2m t) (2.20)

~k2
Introducendo la grandezza ω = 2m (che ha le dimensioni di una pulsazione) otteniamo

Ψ(x, t) = A ei(kx−ωt) + B e−i(kx+ωt) (2.21)

si ottiene un primo termine rappresentante un’onda piana progressiva e un secondo termine da considerarsi un’on-
da piana regressiva. la soluzione dell’equazione di Schrödinger (2.5) calcolata per V (~r, t) = 0 (particella libera)

Ψ(x, t) = A ei(kx−ωt) (2.22)

associabile a un’onda che si muove di moto rettilineo da sinistra verso destra. Poicheé si é definito che ρ =
ΨΨ∗ = |Ψ|2 , nel caso di una particella libera ρ equivale a

ρ = A ei(kx−ωt) A∗ e−i(kx−ωt) = A A∗ = |A|2 (2.23)

Il modulo quadro della funzione d’onda, per una particella libera, é costante. Ció implica che da +∞ a −∞ in
ogni punto é equiprobabile trovare la particella. Si osservi, inoltre, che in questo caso l’impulso risulta noto perché
é univocamente definita la lunghezza d’onda p = h/λ. Dunque si puó determinare l’ energia della particella pur
non avendo alcuna informazione riguardo la sua posizione.
2.5 Strumenti matematici della meccanica quantistica 17

Il vettore densitá di corrente di probabilitá J~ diviene

~2 ∂Ψ∗ (x, t) ~2 k
 
∂Ψ(x, t)
J~ = Jx x̂ = −i Ψ∗ (x, t) −Ψ x̂ = |A|2 x̂ (2.24)
2m ∂x ∂x m

che é indipendente dallo spazio e dal tempo. Calcolando il flusso di J~ attraverso una superficie chiusa si otterrebbe
un valore nullo e, dunque, la densitá di probabilitá si conserva.

2.5 Strumenti matematici della meccanica quantistica


La meccanica quantistica interpreta statisticamente i fenomeni fisici, ottenendo dei valori medi delle grandezze
fisiche. Per ottenere un vero e proprio significato fisico alla grandezza misurata, si avvale di strumenti matematici
quali operatore e commutatore da associare alle grandezze fisiche d’interesse. Si puó esprimere F̂ l’operatore
corrispondente alla grandezza fisica F e dal punto di vista matematico l’operatore F̂ applicato alla funzione
Ψ(~r, t) genera il valore fisicamente misurabile connesso all’operatore. Matematicamente abbiamo un’equazione
agli autovalori

F̂ Ψ(~r, t) = a Ψ(~r, t) (2.25)

dove la funzione d’onda Ψ rappresenta l’autofunzione e a l’autovalore. Tutti gli operatori che rappresentano
grandezze fisiche devono soddisfare le seguenti proprietá matematiche

F̂ (bΨ) = bF̂ Ψ F̂ (Ψ1 + Ψ2 ) = F̂ Ψ1 + F̂ Ψ2 (2.26)

per garantire il principio di sovrapposizione degli stati. Gli operatori che soddisfano queste condizioni sono
definiti operatori lineari. Se F̂ esprime l’operatore connesso ad una grandezza fisica, l’autovalore deve essere
necessariamente reale (cioé sperimentalmente misurabile):
Z Z
< F̂ > = < F̂ >∗ ⇒ d3~r Ψ∗ (~r, t) F̂ Ψ(~r, t) = d3~r [F̂ Ψ(~r, t)]∗ Ψ(~r, t) (2.27)

Un operatore che soddisfa questa condizione é definito Hermitiano o anticoniugato. In generale la condizione di
Hermitianitá si puó esprimere come

(Ψ1 , F̂ Ψ2 ) = (F̂ Ψ1 , Ψ2 ) (2.28)

Nella meccanica quantistica, quindi, per ogni grandezza fisica osservabile corrisponde un operatore lineare her-
mitiano, affinché sia verificato il principio di sovrapposizione e le medie siano reali. Esistono operatori di grande
importanza.
Uno di questi é l’operatore quantitá di moto. Per farlo, si consideri una particella libera rappresentata dalla
funzione d’onda (2.22) la cui quantitá di moto é data dall’ipotesi di De Broglie p = h/λ = ~k. Partendo
dall’impostazione del problema agli autovalori l’operatore quantitá di moto p̂ deve soddisfare l’equazione

p̂ Ψ(x, t) = ~k Ψ(x, t) (2.29)


18 Capitolo 2 Meccanica quantistica

L’operatore p̂ applicato alla funzione Ψ deve restituire l’autovalore ~k. Sostituiamo nell’equazione 2.29 l’espres-
sione di Ψ e otteniamo


p̂ A ei(kx−ωt) = ~k A ei(kx−ωt) → −i~ Ψ(x, t) = ~ k Ψ(x, t) (2.30)
∂x

ottenendo, cosı́, la rappresentazione operatoriale della quantitá di moto p̂ = −i~ ∂x . Nel caso tridimensionale
cioé quando la funzione d’onda dipende da ~r otteniamo:

 
∂ ∂ ∂
p~ˆ = −i~ , , ~
= −i~ ∇ (2.31)
∂x ∂y ∂z

Altro operatori d’interessere sono l’operatore energia e l’operatore Hamiltoniano.


Per il primo, si consideri l’energia associata alla particella. Per la legge di Plank vale E = h ν = ~ω. Definendo
l’operatore energia Ê tale che

Ê Ψ(x, t) = ~ω Φ(x, t) (2.32)

e considerando lo stato di particella libera (2.22) si ha


Ê A ei(kx−ωt) = ~ ω A ei(kx−ωt) → i~ Ψ(x, t) = ~ ω Ψ(x, t) (2.33)
∂t

ottenendo Ê = i~ ∂t .
Si consideri, ora, l’Hamiltoniana H = T + V dove T é l’energia cinetica e V l’energia potenziale. Espri-
mendo l’energia cinetica in termini della quantitá di moto p~ possiamo ottenere facilmente l’equivalente operatore
Hamiltoniano

p~2 p̂ · p̂ ~2 2
H = T +V = +V → Ĥ = +V =− ∇ +V (2.34)
2m 2m 2m

Applicando l’operatore Hamiltoniano alla funzione Ψ otteniamo l’equazione (2.5) riscritta in termini dell’opera-
tore hamiltoniano

∂Ψ(~r, t)
Ĥ Ψ(~r, t) = i~ (2.35)
∂t

A differenza della meccanica classica, le grandezze fisiche osservabili sono rappresentate, nella meccanica quanti-
stica, da operatori. Generalmente, tali operatori non sono commutativi. A tal proposito, si definisce commutatore
l’operazione:

[â, b̂] = âb̂ − b̂â (2.36)


2.6 Stati stazionari 19

2.6 Stati stazionari

Nella maggior parte dei sistemi fisici, il potenziale é indipendente dal tempo. Con questa considerazione e con il
metodo della separazione delle variabili, l’equazione di Schröedinger diviene

~2 ∆ϕ(~r) ∂t Φ(t)
− + V (~r) = i~ (2.37)
2m ϕ(~r) Φ(t)

ove il primo membro é dipendente dalla posizione e il secondo dal tempo. L’equazione, per essere valida,
dev’essere uguale ad una costante generica E. Quindi
  
~2 ∆ϕ(~r) ~2

 − 2m + V (~r) = E − ∆ + V (~
r ) ϕ(~r) = Eϕ(~r)


 ϕ(~
r) 
 2m
→ (2.38)
∂t Φ(t)
 
i~ =E
 
Φ(t)  ∂ Φ(t) = −i E Φ(t)

t ~

La seconda equazione vale

E
Φ(t) = Φ0 e−i ~ t (2.39)

con Φ costante d’integrazione. La prima equazione dipende fortemente dal potenziale V (~r), notando inoltre che
2
− 2m
~
∆ + V (~r) rappresenta l’operatore Hamiltoniano. É intuibile che la costante E rappresenti proprio l’energia.
La soluzione dell’equazione, nel caso di stato stazionario, vale

E
Ψ(~r, t) = ϕ(~r)e−i ~ t = ϕ(~r)e−iωt (2.40)

dove la parte spaziale della funzione d’onda deve soddisfare l’equazione

~2
− ∆ϕ(~r) + V (~r) ϕ(~r) = Eϕ(~r) ⇒ Ĥϕ(~r) = Eϕ(~r) (2.41)
2m

Cosı́ scritta l’equazione di Schrödinger é un’equazione agli autovalori, dove l’autovalore é l’ energia dello stato,
l’autofunzione é ϕ(~r).
Gli stati stazionari godono di alcune proprietá:

1. La dipendenza dal tempo della funzione d’onda di uno stato stazionario é definita univocamente dal valore
dell’energia in questo punto.

2. La densitá di probabilitá e la densitá di corrente di probabilitá in uno stato stazionario non dipendono dal
tempo. |Ψ(~r, t)|2 = |ϕ(~r)|2

3. In uno stato stazionario la media di ogni grandezza fisica, il cui corrispondente operatore non dipende
esplicitamente dal tempo, é costante
Z
< F̂ >= d3~r Ψ∗ F̂ Ψ = costante (2.42)
20 Capitolo 2 Meccanica quantistica

Figura 2.1: buca di potenziale a pareti infinite

2.7 Buca di potenziale infinita

Si consideri il caso monodimensionale e una buca di potenziale infinita, ovvero un V (x) per il quale
(
V (x) = 0 per |x| < a
(2.43)
V (x) = ∞ per |x| > a

Fisicamente, si ha l’annullamento della funzione d’onda oltre le pareti e, quindi, la particella non puó superare la
buca di barriera energetica infinita. Possiamo riscrivere l’equazione 2.41 e definire le condizioni a contorno:

2mE
∂x2 ϕ(x) + ~2 ϕ(x) =0 (2.44)

dividendo il sistema in tre zone si ha



 ϕ(x) = 0
 per |x| > a
(2.45)

∂x2 ϕ(x) 2
+ k ϕ(x) = 0 per |x| < a

2mE
avendo posto k 2 = ~2 . La soluzione é del tipo

ϕ(x) = C1 eikx + C2 e−ikx (2.46)


   
1 B 1 B
Per semplicitá, poniamo le costanti d’integrazione come C1 = 2 A+ i ; C2 = 2 A− i . Sostituendo le
costanti e utilizzando le formule di Eulero si ottiene

eikx + e−ikx eikx + e−ikx


   
1 B ikx 1 B −ikx
ϕ(x) = A+ e + A− e =A +B
2 i 2 i 2 2i
(2.47)
ϕ(x) = A cos(kx) + B sin(kx)

Nel punto |x| = a si ha che

ϕ(−a) = A cos(ka) − B sin(ka) = 0


(2.48)
ϕ(+a) = A cos(ka) + B sin(ka) = 0

Escludendo la soluzione banale A = B = 0, che renderebbe soddisfatte le condizioni (2.48), restano le seguenti
due alternative
2.8 Effetto tunnel 21

1. A = 0 ; sin(ka) = 0 ⇒ ka = nπ ⇒ k = n πa = 2n 2a
π π
= N 2a (N pari)

2. B = 0 ; cos(kx) = 0 ⇒ ka = (2n + 1) π2 ⇒ k = (2n + 1) 2a


π π
= N 2a (N dispari )
2mE
ed evidenziando la che k 2 = ~2 con L la larghezza della buca di potenziale tale che L = 2a si hanno gli
autovalori dell’energia

~2 kN 2 ~2 π 2 2
EN = = N (2.49)
2m 2mL2

Si possono rappresentare i vari livelli schematizzando

Figura 2.2: Autovalori dell’energia per una particella in una buca di potenziale a pareti infinite.

2.8 Effetto tunnel


Si consideri una barriera di potenziale tale che
(
V (x) = 0 per x 6 0 ; x > L
(2.50)
V (x) = V0 per 0 < x < L

Figura 2.3: Barriera di potenziale di altezza V0 .

anche qui si possono evidenziare tre zone



 zona I
 x60
zona II 0<x<L (2.51)

zona III x>L

22 Capitolo 2 Meccanica quantistica

e possiamo esplicitare l’equazione di Schröedinger nelle tre zone

∂x2 ϕ(x) + k 2 ϕ(x) = 0 x60 e x>L

∂x2 ϕ(x) − q 2 ϕ(x) = 0 0<x<L

2m(V0 −E) 2mE


avendo posto q 2 = ~2 > 0 e k2 = ~2 . Anche per la barriera di energia consideriamo il caso in cui
l’energia della particella sia minore dell’energia della barriera. Supponendo che la particella giunga da −∞ le
soluzioni sono immediatamente ottenute


ikx −ikx
 ϕI (x) = A e + B e

ϕII (x) = F e−qx + G eqx (2.52)

ϕIII (x) = C eikx

Analizzando il sistema senza risolverlo, possiamo determinarne il significato fisico. Nella prima zona sono pre-
senti un’onda piana progressiva ed una regressiva. Esse possono essere associate a un fascio di particelle, in parti
incidenti sullo scalino e in parte riflesse da esso. Nella seconda zona abbiamo le particelle che hanno superato lo
scalino in x = 0 e quelle che sono state riflesse in x = L. Le loro funzioni d’onda ”evanescenti” sono smorzate
esponenziamente in quanto il termine q é reale. Non raggiungendo mai il valore di zero, si ha una piccola pro-
babilitá che la particella si trovi al di lá della barriera dopo un tempo t. Nella terza ed ultima zona si ha un’onda
piana progressiva, rappresentativa della particelle che hanno superato la barriera.
Si puó evidenziare, dunque, la possibilitá che le particelle possano superare spontaneamente una barriera con una
certa energia potenziale. Questo fenomeno é definito effetto tunnel.
Si puó esprimere la frazione di particelle incidenti che superano la barriera, attraverso il coefficiente τ
√ 
2 2m(V0 −E)

C
 V02 sinh ~ L −1
τ = = 1 + (2.53)
A 4E(V0 − E)

2.9 Modello di Sommerfeld


Il modello prende il nome dal suo sviluppatore Arnold Sommerfeld che, unendo il modello di Drude e la statistica
di Fermi-Dirac, descrive il comportamento degli elettroni di valenza nella struttura cristallina di un metallo. Si
considera un gas di elettroni liberi, con potenziale nullo, all’interno di un volume V . La struttura geometrica é
costituita da celle elementari di dimensioni L1 , L2 , L3 che si ripetono periodicamente nello spazio, formando il
reticolo. Rievocando l’equazione del moto degli elettroni nel caso stazionario con l’equazione di Schröedinger

~2
− ∆Ψ(~r) = EΨ(~r) (2.54)
2m

d3~r |Ψ(~r)|2 = 1 richiedendo che la Ψ si annulli al di fuori del volume


R
Per risolvere l’equazione si impone V
V. Anche se con questa ipotesi si rompe l’invarianza traslazionale, per un sistema macroscopico il volume a
disposizione per ogni cella é sufficientemente grande da non consentire alla superficie di influenzare le proprietá
globali del sistema. Si possono, dunque, delle condizioni sulla superficie comode dal punto di vista matematico,
tali da accordare la Ψ tra un volumetto e l’altro. Tali condizioni al contorno dette di Born-von Karman sono di
tipo periodico
2.9 Modello di Sommerfeld 23

~ = Ψ(~r) ⇒ Ψ(~r + Li î) = Ψ(~r) ∀i


Ψ(~r + L) (2.55)

dove î rappresenta il generico versore della terna cartesiana. La soluzione dell’equazione é un’onda piana

1 ~
Ψ(~r) = √ eik·~r (2.56)
V

Il coefficiente √1 é il valore della costante di integrazione che si ricava facilmente applicando le condizioni al
V
contorno dette precedentemente. Il vettore d’onda ~u é determinato applicando le condizioni periodiche

1 ~ 1 ~ 2π
√ eik·(~r+Li î) = √ eik·~r ∀i ⇒ eiki Li = 1 ∀i ⇒ ki = ni (2.57)
V V Li

2π 2π
I vettori d’onda permessi non variano con continuitá ma variano su un reticolo di passo L1 sull’asse x, L2
2π ~ |~
2
k| 2
sull’asse y e L3 sull’asse z. L’energia é fornita dalla formula E = , che é simile all’energia cinetica se
2m
~
interpretiamo ~k come l’impulso dell’elettrone. Alla luce delle condizioni (2.57) sui ki l’energia si trova pari a

2π 2 ~2 n21 n22 n23


 
En1 , n2 , n3 = + + (2.58)
m L21 L22 L23

Studiando il sistema alla temperatura di zero assoluto, si puó individuare lo stato quantico del sistema attraverso
tre numeri quantici n1 , n2 , n3 ∈ Z e con il numero quantico di spin ms . Gli N elettroni si disporranno nello stato
di minima energia ma, per il principio di esclusione di Pauli, le coppie di elettroni si troveranno in livelli energetici
sempre piú elevati. Il livello con maggiore energia, occupato dagli elettroni, é definito livello di Fermi e l’energia
ad esso associato é l’energia di Fermi. Associando a questo livello un vettore d’onda ~kF e passando dallo spazio
delle configurazione a quello dei momenti ~k attraverso la trasformata di Fourier, si ottiene una superficie sferica
dove tutti gli stati quantici sono entro il raggio ( che é proprio il vettore d’onda di Fermi ~kF . Definendo Ωk il
volume di una singola cella e ΩF il volume della superficie di Fermi, il numero dei vettori ~k possibili si ottiene
dalla relazione

4 3
ΩF 3 πkF N 4πkF3 V kF3 V . N k3
= 3 = ⇒ ⇒ =N ⇒ n= = F2 (2.59)
Ωk (2π) 2 3(2π)2 3π 2 V 3π
L1 L2 L3

L’energia di Fermi é quindi ottenuta

~2 kF2 ~2 (3π 2 n)3/2


EF = = ∝ n3/2 (2.60)
2m 2m

da cui si evidenzia la dipendenza dell’energia di Fermi dalla densitá di elettroni. Si introduce, ora, una lunghezza rs
rappresentativa del volume a disposizione per ogni elettrone. Si ha che 4/3 π rs3 N = V da cui rs = (3/4πn)1/3 .
Per la maggior parte dei materiali si ottiene rs ' (2 ÷ 6) a0 dove a0 = ~2 /mc2 é il raggio di Bohr (raggio
dell’orbita dell’elettrone nell’atomo di idrogeno nello stato fondamentale). Dunque si ottiene una stima del vettore
24 Capitolo 2 Meccanica quantistica

di Fermi

3.63
kF = ∗ 1010 m−1 (2.61)
rs /a0

e di conseguenza

~kF 4.2 50
vF = = ∗ 10−8 cm/s, EF = eV (2.62)
m rs /a0 rs /a20

EF
Si puó fare un confronto con la fisica classica introducendo la temperatura di fermi TF = KB dove KB é la
costante di Boltzman. Classicamente, per T = 0K gli elettroni hanno velocitá nulla e sono nello stato energetico
piú basso. Se si aumenta la temperatura, queste due grandezze aumentano secondo la relazione

f
E= KB T (2.63)
2

dove f rappresenta i gradi di libertá.


Nella meccanica quantistica, per il principio di Pauli, le particelle non possono disporsi tutte allo stesso livello
energetico e posseggono velocitá diversa da zero ( per il principio di indeterminazione di Heisenberg). La tem-
peratura di Fermi é una grandezza quantistica e non é una reale temperatura. Se si considera una T > 0 per un
sistema reale e si supponga una scambio di energia con un serbatoio termico. Gli elettroni, a causa dell’eccitazione
termica, andranno ad occupare livelli energetici superiori a quello di Fermi, lasciando vuoti quelli energeticamente
inferiori. Per descrivere questo sistema, si puó utilizzare la statistica di Fermi-Dirac, con l’ipotesi di particelle a
spin semi intero

1
f (Ek ) = (2.64)
eβ(Ek −µ) +1

dove f (Ek ) dEk rappresenta la probabilitá che ci sia uno stato occupato tra i livelli di energia [Ek , Ek + dEk ]. µ
é il potenziale chimico definito come l’energia che aggiungo ad un gas quando si aggiunge un’ulteriore particella.
Infine β = (KB T )−1 . Si valuti il caso T → 0

per T → 0 ; (β → ∞) abbiamo due soluzioni

(2.65)
E<µ : eβ(Ek −µ) → 0 ⇒ f → 1
E>µ : eβ(Ek −µ) → ∞ ⇒ f → 0

Figura 2.4: Rappresentazione di f (E) per T = 0.


2.9 Modello di Sommerfeld 25

In questo caso il potenziale chimico coincide con l’energia di Fermi. Inoltre, tutti gli Ek hanno probabilitá
uno di essere inferiori all’energia di fermi e probabilitá zero di essere maggiori. Ció significa che tutti gli stati
energetici al di sotto del mare di Fermi sono occupati, mentre quelli al di sopra sono vuoti.
Si valuti il caso per T > 0. Il comportamento sará diverso rispetto a quello in figura 2.4 per quei valori della
temperatura che soddifsano la relazione E − µ ≈ KB T . Infatti l’esponenziale dá contributo nell’ordine dell’unitá,
mentre se (E − µ ≥ KB T ) o (E − µ ≤ kB T ) l’esponenziale é rispettivamente ∞ o 0. Quindi la funzione é
diversa da zero e da uno in una regione dell’ordine di KB T , come illustrato in Fig.2.5.

Figura 2.5: Rappresentazione di f (E) per T > 0.

L’intervallo di energia [0, µ] é circa pari a KB TF (perché µ ≈ EF ), mentre il segmento in cui f (E) va a zero
T
é circa pari a KB T . La cauta a zero della curva é data da TF . La f (E) rappresenta un gradino di poco differente
dallo stato a T = 0K. Questo perché le fluttuazioni termiche influenzano solo gli elettroni vicini al livello di
Fermi.
Si calcoli, ora, lo stato fondamentale del sistema a T > 0. Non conoscendo quali sono gli stati fondamentali al di
sopra di EF , si devono integrare tutti i possibili valori dei vettori d’onda ~u pesati con l’espressione 2.64. L’energia
totale del gas di elettroni vale
X
E=2 E(~k) f (E(~k)) (2.66)
k

dove il fattore 2 é legato ai due possibili valori di spin. Introducendo la densitá di energia u = E/V e passando al
caso continuo abbiamo

d3~k
Z
u=2 E(~k) f (E(~k)) (2.67)
(2π)3

L’integrazione deve essere calcolata imponendo che le particelle del gas siano fissate. In particolare bisogna avere

d3~k
Z
n=2 f (E(~k)) (2.68)
(2π)3

che é la condizione di normalizzazione per la distribuzione f (Ek ). Si ottiene cosı́ un’espressione che lega il
potenziale chimico alla temperatura e alla densitá di elettroni. Supponendo una distribuzione isotropa1 dei vettori
d’onda, si puó semplificare il problema poiché sia E(~k) che f (E(~k)) dipendono da |~k|. Utilizzando il passaggio
alle coordinate sferiche nello spazio ei momenti, gli integrali (2.67) e (2.68) sono
1 tutte le direzioni nello spazio dei momenti sono equiprobabili
26 Capitolo 2 Meccanica quantistica

Z ∞ Z ∞
1 1
u= d|~k| |~k|2 E(|~k|) f (E(|~k|)) , n= d|~k| |~k|2 f (E(|~k|)) (2.69)
π2 0 π2 0

si puó passare dall’integrazione sui moduli del vettore d’onda ad un’integrazione sui valori di energia , ottenendo

~2 k 2 2mε 2m dε 2mε m dε m√
ε= ⇒ k= ⇒ dk = √ ⇒ k 2 dk = √ = 2mε dε (2.70)
2m ~ ~ 2mε ~2 ~ 2mε ~3

L’espressione per il calcolo della densitá di energia di u vale


1 2m ∞ √
Z
u= 2 3 ε ε f (ε) dε (2.71)
π ~ 0

Introducendo la funzione g(ε) come


2m √

1

 π2 ~3 ε ε>0
g(ε) = (2.72)

0 ε<0

le espressioni (2.67) e (2.68) si possono riscrivere nel seguente modo

Z +∞ Z +∞
u= ε g(ε) f (ε) dε ; n= g(ε) f (ε) dε (2.73)
−∞ −∞

g(ε) dε esprime quanti sono, per unitá di volume gli stati con energia tra [ε, ε + dε] ed é detta densitá di stato,
1
mentre f (ε) risulta essere f (ε) = eβ(ε−µ) +1
.
omettendo la risoluzione degli integrali, che si risolvono con lo sviluppo di Sommerfeld, otteniamo

EF  4
π2
Z
T
n= ε g(ε) dε + (KB T )2 g(EF ) + o (2.74)
0 6 TF

2 
π 2 (KB T )2 π T2
   
π KB T
µ = EF − = EF 1 − = EF 1 − (2.75)
6 2EF 12 EF 12 TF2

2.10 Potenziale periodico e teorema di Bloch

Si consideri un potenziale periodico, cioé

V (x + a) = V (x) (2.76)

2
Mostriamo che l’Hamiltoniano Ĥ = − 2m
~
∂x2 + V (x) commuta con l’operatore traslazione T̂ (a) che é definito
dalla relazione
2.10 Potenziale periodico e teorema di Bloch 27

Figura 2.6: Rappresentazione di g(ε)

T̂ (a) ϕ(x) = ϕ(x + a) (2.77)

Ricavando la formula analitica di T̂ (a) sviluppando in serie di Taylor la funzione ϕ nel punto x + a

∞ ∞  n
X 1 n n X 1 ia iap̂
ϕ(x + a) = a ∂x ϕ(x) = p̂n ϕ(x) = e ~ ϕ(x)
n=0
n! n=0
n! ~

l’operatore traslazione risulterá

iap̂
T̂ (a) = e ~ (2.78)

Si valuti, ora, il commutatore tra l’operatore traslazione T̂ (a) e l’hamiltoniano Ĥ (2.34) nell’ipotesi del potenziale
periodico. Utilizzando le proprietá del commutore si ottiene

p̂2 p̂2
     
iap̂ iap̂
[T̂ (a), Ĥ]ϕ(x) = T̂ (a), ϕ(x) + [T̂ (a), V̂ (x)]ϕ(x) = e ~ , ϕ(x) + e ~ , V̂ (x) ϕ(x) =
2m 2m
   
= [T̂ (a), V̂ (x)]ϕ(x) = T̂ (a) V̂ (x)ϕ(x) −V (x) T̂ (a)ϕ(x) =

= V (x + a)ϕ(x + a) − V (x)ϕ(x + a) = (2.79)


= V (x + a)ϕ(x + a) − V (x + a)ϕ(x + a) = 0

Le soluzioni dell’equazione di Schoedringer in presenza di potenziale periodico sono anche soluzione del-
l’equazione agli autovalori per l’operatore traslazione (2.78) in quanto l’operatore Hamiltoniano e quello di
traslazione commutano

[T̂ (a), Ĥ] = 0 (2.80)

Il Teorema di Bloch afferma che: l’autofunzione dell’iperatore Hamiltoniano, in presenza di un potenziale perio-
dico, é esprimibile nella forma
28 Capitolo 2 Meccanica quantistica

ϕ(x) = ϕk (x) = eikx φk (x)


(2.81)
dove k ∈ < e φk (x + a) = φk (x)

Si noti che é φk (x) la funzione periodica e non ϕk (x). Se vogliamo che anche φk (x) sia periodica, bisogna porre
delle condizioni al vettore d’onda k. Infatti

ϕ(x + a) = ϕ(x) ⇒ eik(x+a) = eikx ⇒ eika = 1 (2.82)



⇒ ka = 2nπ ⇒ kn = n con n ∈ N
a

2.11 Modello di Krönig e Penney

Il modello prevede una catena di buche di potenziale di profonditá Vo , di larghezza a e passo b, come illustrato in
Fig. 2.7.

Figura 2.7: Rappresentazione schematica di una catena di buche di potenziale.

L’equazione di Schröedinger agli stati stazionari, nel caso di −V0 < E < 0, vale

 
2m
∂x2 ϕ(x) + 2 E − V (x) ϕ(x) = 0 (2.83)
~

essendo periodico il potenziale V (x), possiamo utilizzare il teorema di Bloch (2.81) ottenendo che deve essere
soddisfatta l’equazione

   
2m
∂x2 e ikx
φk (x) + 2 E − V (x) eikx φk (x) = 0 (2.84)
~

Calcolando la derivata prima e seconda del termine eikx φk (x)


2.11 Modello di Krönig e Penney 29

 
∂x eikx φk (x) = ik eikx φk (x) + eikx ∂x φk (x)
(2.85)
 
∂x2 eikx φk (x) = −k 2 eikx φk (x) + ik eikx ∂x φk (x) + ik eikx ∂x φk (x) + eikx ∂x2 φk (x)

ed inserendo il tutto nell’equazione (2.84) otteniamo nella zona in cui vi é il potenziale l’equazione differenziale
per φk (x)

~2 k 2
 
(1) (1) 2m (1)
∂x2 φk (x) + 2ik ∂x φk (x) + 2 E− − V (x) φk (x) = 0 (2.86)
~ 2m

ed in assenza di potenziale

~2 k 2
 
(2) (2) 2m (2)
∂x2 φk (x) + 2ik ∂x φk (x) + E − φk (x) = 0 (2.87)
~2 2m

Al di fuori della buca (0 < x < b), la soluzione puó essere posta nella forma

(2)
φk (x) = C e(β−ik)x + D e−(β+ik)x (2.88)
q
2m|E|
ponendo β = ~2 . Nella regione della buca (−a < x < 0) abbiamo

~2 k 2
 
(1) (1) 2m (1)
∂x2 φk (x) + 2ik ∂x φk (x) + −|E| − + V0 φk (x) = 0 (2.89)
~2 2m

la cui soluzione invece vale

(1)
φk (x) = A ei(α−k)x + B e−i(α+k)x (2.90)
q
2m(V0 −|E|)
dove α = ~2 . Le costanti A, B, C e D vanno calcolate imponendo le condizioni di continuitá delle
φk (x) e delle derivate prime nei punti di discontinuitá del potenziale x = 0 e x = b e imponendo la condizione di
periodicitá delle φk (x)

 (1) (2)

 φk (0) = φk (0)
 φ(1) (0) = φ(2)0 (0)
0


k k
(1) (2) (2.91)

 φ k (−a) = φ k (b)
 φ(1) (−a) = φ(2)0 (b)
0


k k

ottenendo un sistema omogeneo di quattro equazioni in quattro incognite


30 Capitolo 2 Meccanica quantistica




 A+B =C +D

 i(α − k)A − i(α + k)B = (β − ik)C − (β + ik)D
(2.92)
 A e−i(α−k)a + B ei(α+k)a = C e(β−ik)b + D e−(β+ik)b


 i(α − k)A e−i(α−k)a − i(α + k)B e+i(α+k)a = (β − ik)C e(β−ik)b − (β + ik)D e−(β+ik)b

che ammette una soluzione non banale solo se il determinante dei coefficienti é nullo. Cioé se é l’equazione

β 2 − α2
sinh βb sin αa + cosh βb cos αa = cos k(a + b) (2.93)
2αβ

che é l’equazione (implicita) per gli autovalori dell’energia E.


Nel caso in cui Eq> 0, bisogna effettuare
q una posizione per tener conto del passaggio da −|E| a |E| = E.
2mE 2m
Infatti ponendo γ = ~2 e α= ~2 (V0 + E) si ottengono le stesse soluzioni del caso precedente con la
sostituzione β = iγ. Quindi l’equazione agli autovalori per l’energia diventa

γ 2 + α2
cos γb cos αa − sin γb sin ka = cos k(a + b) (2.94)
2αγ

Le condizioni (2.93) e (2.94) sono riassumibili in una sola equazione

F (E) = cos k(a + b) (2.95)

dove F (E) rappresenta i membri a sinistra delle due condizionii per l’energia tenendo conto che le due funzioni
si accordino in E = 0, cosı́ che una sola funzione é richiesta per tutto l’intervallo E > −V0 .
L’aspetto notevole dell’equazione (2.95) é che non ammette soluzioni per certi intervalli di valori dell’energia.
Infatti poiché k é reale, abbiamo | cos k(a + b)| ≤ 1 cosı́ che i valori di E per cui |F (E)| > 1 sono inaccessibili.
Ne risulta che i valori permessi di E cadono in bande di energia che soddisfano la condizione |F (E)| ≤ 1. Queste
bande sono quindi separate da bande di energia proibite.
Si puó dimostrare che se il periodo l = a + b aumenta, lasciando invariato a e V0 , cioé aumenta la distanza tra
le buche, le bande di energia per −V0 < E < 0 si restringono e si contraggono nei livelli discreti di una buca di
potenziale isolata per l → ∞. Questo comportamento é illustrato in Fig. 2.8.

Figura 2.8: Rappresentazione delle bande di energia al variare del periodo l .


2.11 Modello di Krönig e Penney 31

Infatti, aumentando la distanza tra gli ioni, il moto di un elettrone intorno ad uno ione risentirá sempre meno
dell’azione degli altri atomi, cosı́ che ciascun atomo si comporterá come se fosse isolato.
Una caratteristica dei potenziali periodici che si estendono su tutto l’asse reale é che lo spettro risulta puramente
continuo all’interno di ciascuna banda permessa ed é formato da una serie di intervalli, tra loro separati, definiti
banda di energia permessa. L’insieme di queste bande si estende tipicamente da un valore minimo di energia −V0
fino all’infinito; in generale la larghezza della banda cresce al crescere dell’energia, mentre la loro separazione
diminuisce rapidamente.
Nel caso in cui il potenziale periodico sia definito su un intervallo, allora, l’imposizione delle condizioni al
contorno, ma non di periodicitá, determinano uno spettro discreto all’interno di ciascuna banda che conterá un
numero di livelli pari al numero di atomi costituenti la catena. Le condizioni al contorno piú semplici sono le
condizioni al contorno periodiche, cioé che la funzione d’onda assume agli estremi della catena di atomi lo stesso
valore: ϕ(x + N l) = ϕ(x). Ció significa che l’elettrone che lascia un estremo rientra dall’altra estremitá, oppure
anche che stiamo considerando un reticolo unidimensionale formato da N atomi disposti su una circonferenza.
Valutando la condizione al contorno periodica


ϕ(x + N l) = ϕ(x) ⇒ eiN kl = 1 ⇒ k = n (2.96)
Nl

si nota che la funzione d’onda ϕ(x) e gli autovalori dell’energia non cambiano se k é aumentata o diminuita di un

multiplo intero di di l . Si puó, dunque, assumere che k vari nell’intervallo (−k/l, k/l) e quindi ci saranno N
valori distinti di k. In corrispondenza a ciascun valore distinto di K, in ogni banda ci sará un valore possibile per
l’energia per cui ciascuna banda conterá N autovalori possibili per l’energia.
Capitolo 3

Superconduttivitá e sue teorie

La trattazione dello stato superconduttivo é basata su modelli e teorie. Queste riescono a fornire le basi per la
spiegazione di ció che manifesta un superconduttore a livello macroscopico. A seguire saranno trattate le proprietá
macroscopiche, la teoria e i modelli.

3.1 La fenomenologia e le proprietá macroscopiche


Consideriamo un materiale superconduttore impiegato in un circuito chiuso ad anello. Tale circuito ha resistenza
nulla e il campo magnetico concatenato all’anello non varia. Se viene applicato un campo magnetico esterno si
modifica il campo magnetico concatenato e, per la legge di Lenz, si creano, all’interno delle circuito, delle correnti
che si oppongono alla causa che le ha generate.
In un qualunque circuito, tali correnti decadono esponenzialmente a causa della resistenza. In questo caso, ció
non avviene in quanto la resistenza é nulla e le correnti permangono all’interno del circuito, permettendo la
circolazione della corrente senza l’impiego di un generatore.

Figura 3.1: Circuito ad anello con resistenza nulla

Consideriamo ora il caso di un solenoide superconduttore all’interno di un circuito. Applicando una d.d.p.
tramite un generatore, si crea un campo magnetico. Tale campo permane anche nel momento in cui viene
cortocircuitato il solenoide. Si ottiene, cosı́, un accumulo di energia magnetica.

33
34 Capitolo 3 Superconduttivitá e sue teorie

Figura 3.2: Solenoide superconduttore

Il campo magnetico concatenato all’anello é quantizzato e puó assumere valori multipli del quanto di flusso.
Un’applicazione di questo principio é alla base dello SMES (Superconducting Magnet Energy Storage) che ha
un’efficienza di circa il 95% ed é di gran lunga superiore a tutti gli altri sistemi di accumulo. Da tali considerazioni

Figura 3.3: In questa immagine viene riportato il principio di funzionamento di uno SMES. Il circuito é composto da un
convertitore AC/DC e da un elettromagnete superconduttore.

si evince che un superconduttore ha un comportamento diamagnetico, cioé ”impermeabile” alle linee di flusso.
Tale fenomeno é noto come effetto Meissner-Ochsenfeld.
3.2 Proprietá critiche 35

Figura 3.4: Distribuzione delle linee di flusso di campo magnetico intorno a un materiale diamagnetico.

Come conseguenza si ottiene la levitazione magnetica, ovvero che il superconduttore, tramite l’azione repul-
siva delle linee di flusso, rimane sospeso sopra la sorgente del campo magnetico.

Figura 3.5: In figura é presente un esempio di levitazione magnetica.

3.2 Proprietá critiche


Come si vedrá successivamente, le proprietá che caratterizzano lo stato superconduttivo, ovvero il campo criti-
co, la temperatura critica e la corrente critica, sono legate tra loro. Dalle relazioni, osservazioni sperimentali ed
espressioni che legano queste grandezze, si puó determinare un grafico tridimensionale (nel piano H,T,I) ed indi-
viduare una superficie dello spazio individuato da Hc , Tc , Ic dove avviene la separazione tra stato normale e stato
superconduttivo.
36 Capitolo 3 Superconduttivitá e sue teorie

Figura 3.6: Nel grafico viene riprodotta la superficie ideale che separa lo stato normale dallo stato superconduttivo, ottenuta
attraverso i valori critici di densitá di corrente, temperatura e campo magnetico.

3.2.1 Campo critico


Lo stato superconduttivo é alterato in funzione del campo magnetico esterno applicato, anche con temperature
inferiori alla temperatura critica. Piú il campo esterno é intenso, piú le linee di flusso penetrano all’interno del ma-
teriale. Raggiunto un valore, ossia il campo magnetico critico Hc , si ha il passaggio dallo stato superconduttivo
allo stato normale. L’andamento puó essere espresso mediante il diagramma delle fasi di un superconduttore, che
mostra la relazione tra campo magnetico e temperatura. Si puó esprimere il tutto mediante l’espressione

Figura 3.7: nella figura a) é riportato il diagramma della fase di un superconduttore in funzione del campo e della temperatura,
in b) vi sono esempi di materiali.

  2 
T
Hc (T ) = Hc (0) 1 − (3.1)
Tc
3.2 Proprietá critiche 37

dimostrata nel capitolo precedente.


Si puó determinare sperimentalmente il valore Hc (0), che é caratteristico di ogni materiale.

3.2.2 Corrente critica

La corrente critica é il limite del valore d’intensitá di corrente da non superare per non compromettere lo stato
superconduttivo del materiale. Si considerano due contributi della densitá di corrente. Prendendo come esempio
un circuito superconduttore collegato a un generatore, si puó osservare che all’interno di esso circola una corrente
di trasporto, legata al trasporto delle cariche. Si fará riferimento a tale corrente attraverso la densitá di corrente
di trasporto J~t . Si considera, inoltre, l’azione di un campo magnetico esterno. Tale campo creerá, per la legge di
Lenz, delle correnti di schermo che si opporranno al campo stesso, la cui densitá di corrente sará J~sc . La densitá
di corrente totale é data dalla somma di questi due contributi

J~ = J~t + J~sc (3.2)

Se si verifica il caso in cui J~ > J~c allora si ha la perdita delle proprietá dello stato superconduttivo.
Per trovare il valore critico della corrente, si deve considerare anche il campo magnetico. Infatti, la corrente di
trasporto stessa genera un campo magnetico. Per un superconduttore cilindrico di raggio r vale la relazione

2πrHi = iµ0 (3.3)

Se non viene applicato un campo magnetico esterno otteniamo che

Ic = 2πrHc /µ0 (3.4)

~ 0 e parallelo all’asse del supercondut-


Si prenda ora in considerazione l’azione di un campo magnetico esterno H
tore. La relazione precedente sará modificata nel seguente modo
 2
Ic
Hc2 = H02 + (3.5)
2πrµ0

Si consideri adesso la direzione del campo esterno, perpendicolare all’asse del filo superconduttore. In questo
caso, il campo magnetico totale H, considerato sulla superficie del filo, é dato dalla somma dei due contributi di
H0 e Hi i quali da un lato si sommano e dall’altro lato si sottraggono. Otteniamo che

i
H = 2H0 + Hi = 2H0 2 + (3.6)
2πrµ0

Ponendo H = Hc otteniamo la corrente critica

2πr(Hc − 2H0 )
Ic = (3.7)
µ0

Da tali considerazioni si nota che il valore della corrente critica dipenda dal campo magnetico. Ma il campo
magnetico é un vettore, quindi dipenderá anche dalla sua direzione e dal suo verso.
38 Capitolo 3 Superconduttivitá e sue teorie

3.2.3 Frequenza critica

Questa proprietá riguarda i campi elettromagnetici tempo-varianti. La resistivitá di un materiale, infatti, varia
anche con la frequenza del materiale stesso (come accennato nel primo capitolo). Si puó fornire una spiegazione
fenomenologica.
Gli elettroni di superconduzione sono caratterizzati da stati a bassa energia e non interagiscono con il reticolo cri-
stallino. Quando viene applicato un campo ad elevata frequenza, i fotoni del campo magnetico stesso posseggono
un’energia tale da poter eccitare i superelettroni, facendoli passare ad uno stato energetico piú elevato e facendo
decadere il loro stato superconduttivo.
Il valore della frequenza critica é anch’esso caratteristico per ogni materiale, ed é circa pari a ωc ∼ 1011 Hz, cifra
non paragonabile alle applicazioni pratiche.

3.3 Trasformata di Legendre


La trasformata di Legendre é un algoritmo matematico ausiliario che consiste nel passaggio da funzione definite
in uno spazio lineare a funzione definite in uno spazio duale

dy
Ψ(p) = y(x(p)) − x(p)p dove p = (3.8)
dx

differenziando otteniamo che

dΨ = dy − xdp − pdx (3.9)

dy dΨ
siccome p = dx si ottiene che dΨ = −xdp ⇒ −x = dp Si puó applicare tale algoritmo alla termodinamica.
Applicando la trasformata di Legendre alla funzione energia interna U , introducendo la variabile temperatura T
∂U
definita come ∂S , dove S é l’entropia, otteniamo la cosı́ detta energia libera di Helmotz (F):

S → T ⇒ U (S, V, N ) → F (T, V, N ) (3.10)

dove V ed N rappresentano rispettivamente volume e numero di particelle.

∂U
S→T ; T = |V → S = S(T, V, N ) (3.11)
∂S
F (T, V, N ) = U (S(T, V, N ), V, N ) − T S(T, V, N ) (3.12)
dF = dU − T dS − SdT = T ¯dS − P dV − T ¯dS − SdT + µdN = −SdT − P dV + µdN (3.13)

dove P e µ sono rispettivamente la pressione e il potenziale chimico. Quindi si ottiene

∂F ∂F ∂F
−S = ; −P = ; µ= (3.14)
∂T ∂V ∂N
F = U − TS (3.15)

Si applica, adesso, la trasformata di Legendre due volte alla funzione energia interna, introducendo la temperatura
∂U
(come sopra) e la pressione come P = − ∂V , si ottiene l’energia libera di Gibbs (G)

U = U (S, V, N ) (3.16)
(3.17)
3.4 Analisi termodinamica 39

G(T, P, N ) = U (S(T, P, N ), V (T, P, N ), N ) − T S(T, P, N )P V (T, P, N ) (3.18)


G = U − TS + PV = F − TS (3.19)

Partendo dal primo principio della termodinamica dU = dQ − dL e considerando l’interazione del magnetico si
ha che dL = −H ~ · dM~ dove H ~ é l’azione del campo magnetico e M
~ la magnetizzazione del sistema preso in
considerazione. Possiamo considerare che P dV sia trascurabile in quanto non vi é variazione di volume, quindi

~ · dM
dU = T dS + H ~ (3.20)
~) ⇒ T = ∂U ~ = ∂U
U = U (S, M |~ H | (3.21)
∂S M ∂M~ S

~ ):
In questo caso, T dS = dQ il calore infinitesimo, la funzione di Helmotz diventa F = F (T, M

dF = dU − T dS − SdT = T ¯dS + H ~ − T ¯dS − SdT = H


~ · dM ~ · dM
~ − SdT (3.22)

da cui ottieniamo che

∂F ~ = ∂F |T
−S = |~; H (3.23)
∂T M ~
∂M

3.4 Analisi termodinamica

Per lo studio dello stato superconduttivo della materia si devono introdurre le variabili termodinamiche ed elettro-
magnetiche entrano in gioco. Si considerino

~ · dM
δL = P dV − H ~ = −H
~ · dM
~

dU = δQ − δL (3.24)

~ · dM
dU = T dS + H ~

Non essendoci variazioni di volume, il prodotto pdV é pari a zero.


Dall’applicazione della trasformata di Legendre all’energia interna si ottiene che
 ∂F
 S = − ∂T |H
 ~
~ · dM
dF = dU − T dS − SdT = −SdT + H ~ ⇒ (3.25)
 ~
 ∂F
H= ~ |T
∂M

~ =H
e siccome B ~ + 4π M
~ e dB
~ = 4π M
~ abbiamo
 ∂F
1 ~  S = − ∂T |B~

dF = −SdT + ~ ⇒
H · dB (3.26)
4π  ~

H = 4π ∂∂F
~ |T
B

Introducendo l’energia libera di Gibbs

1 ~ ~
G=F − H ·B (3.27)

40 Capitolo 3 Superconduttivitá e sue teorie

e differenziandola si ottiene:
 ∂G
1 ~  S = − ∂T |H
 ~
dG = dF − ~− 1 B
H · dB ~ · dH
~ ⇒ (3.28)
4π 4π  ~

B = −4π ∂∂G
~ |T
H

~ 0 vari tra 0 e H
Si consideri ora una trasformazione isoterma tale che il campo magnetico H ~

Z H
1 ~ ~ ⇒ G(T, H) − G(T, 0) = − 1 ~ H~ 0 ) · dH
~0
dG = − B · dH B( (3.29)
4π 4π 0

e si considerino due sistemi, uno in fase normale e l’altro in fase superconduttiva:

H H
H2
Z Z
1 ~ H ~0 =− 1
~ 0 ) · dH
Gn (T, H) − Gn (T, 0) = − B( H 0 dH 0 = (3.30)
4π 0 4π 0 8π

Gs (T, H) − Gs (T, 0) = 0 (3.31)

~ si annulla per l’effetto Meissner e le due energie sono uguali tra loro se
il campo di induzione magnetica B
H~ =H ~ c:

Gn (T, Hc ) = Gs (T, Hc )
(3.32)
Hc2 (T )
Gn (T, 0) − 8π = Gs (T, 0)

~ = 0 l’energia di Helmotz e Gibbs coincidono, quindi


Per H

Hc2 (T ) Hc2 (T )
Fn (T, 0) − = Fs (T, 0) ⇒ Fn (T, 0) − Fs (T, 0) = >0 (3.33)
8π 8π

Dall’equazione si evince che in caso non vi sia l’azione di un campo esterno e la temperatura sia inferiore a quella
critica, l’energia della fase superconduttiva é inferiore rispetto a quella normale, dunque il sistema si pone nello
stato superconduttivo. Considerando che Gs (T, H) = Gs (T, 0) e le equazioni precedenti, possiamo ottenere che

2 Hc2 (T )
Gn (T, H) − Gn (T, 0) + Gn (T, 0) − Gs (T, 0) = − H
8π + 8π
(3.34)
1 2
Gs (T, H) − Gn (T, H) = 8π (H − Hc2 (T ))

~ per il valore H
evidenziando che al variare del campo H, ~ c abbiamo fase normale e superconduttiva. Il tutto puó
essere rappresentato graficamente Dalle definizioni di energia di Helmotz e Gibbs, si nota che sono legate tra loro,
ottenendo che

1 ∂Hc2 (T ) 1 ∂Hc (T )
Ss (T, H) − Sn (T, H) = = Hc (T ) (3.35)
8π ∂T 4π ∂T
  2 
e ricavando dal punto di vista sperimentale che Hc (T ) = Hc (0) 1 − TTc otteniamo

  2 
1 T 2T 1 T
Ss (T, H) − Sn (T, H) = Hc (0) 1 − Hc (0)(− 2 ) = − Hc (0) Hc (T ) 2 < 0 (3.36)
4π Tc Tc π Tc
3.5 Modello a due fluidi 41

Figura 3.8: Andamento di Gn (T, H) in funzione del campo esterno applicato H.

dall’espressione si puó evidenziare che la fase superconduttiva possiede un’entropia minore rispetto la fase nor-
male. Si procede, ora, con il calcolo del calore specifico delle due fasi:

∂Q ∂S
c= =T (3.37)
∂T ∂T

cs − cn = T [− H c (0)
2πT 2 ] −

∂T [Hc (T ) T ] = − H2π
c (0) T
Tc2 {Hc (T ) +T ∂
∂T Hc (T )} =
c

2
= − H2π
c (0) T 2T Hc (0)
T 2 {Hc (T ) + T [Hc (0)(− T 2 )]} = − 2π
T
Tc2 {Hc (T ) − 2Hc (0) TT 2 }
c c c

(3.38)
T2 T2 Hc2 (0) 1 T3 3
= − H2π
c (0) T
Tc2 {Hc (0) [1 − Tc2 ] − 2Hc (0) Tc2 } = − 2π T
Tc { Tc − Tc3 − 2 TT 3 } =
c

Hc2 (0) 1 T 3 Hc2 (0) 1 T3


− 2π Tc { Tc − 3 TT 3 } = 2π Tc {3 Tc3 − T
Tc }
c

ottenendo che

Hc2 (0) 1
 3 
T T
cs − cn = 3 3− (3.39)
2π Tc Tc Tc

Conoscendo la differenza tra cs e cn possiamo quantificare il salto nell’andamento del calore specifico per T = Tc

Hc2 (0) 1
cs − cn = ∆c|T =Tc = (3.40)
π Tc

3.5 Modello a due fluidi


Lo stato superconduttivo é stato scoperto nel tentativo di portare l’elio a una temperatura prossima allo zero as-
soluto. Questo ha portato non solo alla scoperta dello stato superconduttivo, ma anche dello stato superfluido,
il quale é uno stato della materia caratterizzato da assenza di viscositá, di entropia e con conducibilitá termica
infinita.
In base a queste caratteristiche é impossibile impostare un gradiente di temperatura per un superfluido. Similmen-
te, per un superconduttore é impossibile impostare una differenza di potenziale per un superconduttore.
42 Capitolo 3 Superconduttivitá e sue teorie

Figura 3.9: Calore specifico per un materiale superconduttore cs e per un materiale normale cn .

Il modello a due fluidi, noto anche come modello Gorter-Casimir, va a postulare due classi di componenti di un
superfluido, la componente normale e la componente superfluida.
Analogo ragionamento, puó essere applicato allo stato superconduttivo della materia. Con il modello a due fluidi
andiamo a suddividere gli elettroni di conduzione in due classi: elettroni normali ed elettroni di superconduzione,
noti anche come superelettroni. I primi incontreranno la resistenza del reticolo cristallino del materiale, i secondi
potranno muoversi liberamente senza subire collisioni con esso e, quindi, senza incontrare resistenza.
Possiamo dunque considerare n = ns + nN come numero di elettroni totale, composto dai contributi del numero
di elettroni normali (nN ) e il numero di elettroni superconduttivi (ns ).
Introduciamo parametro χ(T ) rapresentativo della frazione degli elettroni superconduttivi, che soddisfi le condi-
zioni: 
1 se T = 0K
χ (T ) =
0 se T = T
c

dove Tc é la temperatura critica.


Introduciamo l’energia libera di Helmotz come trasformata di Legendre dell’energia interna U = U (S, N, V )
Consideriamo ora, per una T < Tc , sia gli elettroni normali sia quelli superconduttivi:

Fs (T ) = χ(T )Fs (0) + [1 − χ(T )]FN (T ) (3.41)

dove Fs (0) é l’energia di Helmotz a T = 0, FN (T ) é l’energia di Helmotz per gli elettroni normali e Fs (T ) é
l’energia di Helmotz nella fase superconduttiva.
Dobbiamo determinare le espressioni di Fs (0) e FN (T ). Dunque, consideriamo il calore specifico per gli elettroni
é cv = γT , attinto dal modello di Sommerfeld. Dalle relazioni termodinamiche otteniamo che:

dQ dS ∂2G ∂2F
cv = =T = −T = −T (3.42)
dT dT ∂T ∂T 2

Dall’equazione ottenuta si evince che

∂ 2 FN (T )
cv = γT = −T |V (3.43)
∂T 2

cioé a volume costante

1
FN (T ) = − γT 2 (3.44)
2
3.5 Modello a due fluidi 43

Consideriamo adesso la differenza di energia di Gibbs tra elettroni di conduzione normali e superconduttivi

1
GN (T, H) − Gs (T, H) = − [(H 2 − Hc2 (T )] (3.45)

Se H = 0 e, quindi, F = G otteniamo

1 2
FN (T, 0) − Fs (T, 0) = H (T ) (3.46)
8π c

Imponendo l’equazione ottenuta per T = 0 si giunge a

Hc2 (0)
FN (0, 0) − Fs (0, 0) = (3.47)

ma per T = 0 abbiamo che FN (0, 0) = 0 e quindi si determina che

Hc2 (0)
Fs (0, 0) = − (3.48)

Ottenuto questo risultato, dobbiamo ricavare l’espressione per χ(T ), possibile andando a minimizzare l’espres-
sione di Fs (T ) e quindi imporre che

∂Fs (T )
=0 (3.49)
∂χ

L’espressione di Fs (T ), peró, non da alcuna interazione tra Fs (0) e FN (T ). Dobbiamo andare a modificarla con
introducendo dei parametri. Consideriamo dunque che

Fs (T ) = χα Fs (0) + [1 − χ(T )]β FN (T ) (3.50)

con α, β parametri liberi.


Introducendo gli andamenti sperimentali di Hc (T ), cv ∼ T 3 , α = 1 e β = 21 :

T2
 
Hc (T ) = Hc (0) 1 − 2 (3.51)
Tc
1
Fs (0) = χ(T )Fs (0) + [1 − χ(T )] 2 FN (T ) (3.52)
∂Fs (T ) 1 1
= Fs (0) − [1 − χ(T )]− 2 FN (T ) = 0 (3.53)
∂χ 2
1 1
Fs (0) − p FN (T ) = 0 (3.54)
2 1 − χ(T )
FN2 (T )
χ(T ) = 1 − (3.55)
4Fs2 (0)

Riprendendo le valutazioni precedenti per i valori di χ in funzione della temperatura otteniamo due risultati:
per χ(0) = 1 → FN (0) = 0
per χ(Tc ) = 0 → FN2 (Tc ) = 4Fs2 (0)
Andando a sostituire l’espressione di FN (Tc ) si puó determinare il valore di γ ottenendo:
2 2
H 2 (0)
 
1
− γTc2 = 4 − c (3.56)
2 8π
H 2 (0)
γ= c 2 (3.57)
2πTc
44 Capitolo 3 Superconduttivitá e sue teorie

Otteniamo dunque l’espressione di χ(T ):


 2
2
1 Hc (0)
− 2 2πT 2 T
c
χ(T ) = 1 −  2 (3.58)
Hc2 (0)
4 − 8π
 4
T
χ(T ) = 1 − (3.59)
Tc

T
Imponendo Tc = t otteniamo:

χ(T ) = 1 − t4 con 0 < t < 1 (3.60)

Da tale espressione possiamo dedurre che lo stato superconduttivo scompare con una potenza del tipo t4 in prossi-
mitá della temperatura critica. Per completare l’equazione si deve determinare la funzione Fs (T ). La ricaveremo
in funzione di Hc (0) e T :

H 2 (0) H 2 (0)
 
1
Fs (T ) = (1 − t4 ) − c − t2 γT 2 = − c [1 + t4 ] (3.61)
8π 2 8π

Da queste equazioni possiamo dedurre anche l’andamento di Hc (T ):

Hc2 (T )
= FN (T, 0) − Fs (T, 0) (3.62)

2
T2

Hc (T ) = Hc (0) 1 − 2 (3.63)
Tc

Da questo risultato si ottiene l’espressione per il calore specifico cs :


 
Hc2 (0)
∂ 2 − 8π (1 + t4 )
∂ 2 Fs (T )
cs = −T =T ∼ T3 (3.64)
∂T 2 ∂T 2

Dalle relazioni ottenute possiamo quindi andare a stabilire un rapporto tra le due classi di elettroni, a partire dalla
temperatura:

• Per T ≥ Tc abbiamo la sola presenza di elettroni normali di conduzione.

• Per T < Tc abbiamo la presenza dei superelettroni. Il loro numero aumenta all’avvicinarsi allo 0 assoluto.

• Per T = 0K otteniamo la sola presenza di elettroni di superconduzione.

Poiché é impossibile per il III principio della termodinamica raggiungere la temperatura dello 0 assoluto, il com-
portamento dello stato superconduttivo puó essere descritto dal comportamento della sovrapposizione di due ”flui-
di” di elettroni, da qui il nome di modello a due fluidi.
Bisogna infine andare a discutere cosa avviene nei casi di corrente continua ed alternata.

• Corrente continua: poiché all’interno del materiale non vi é la presenza di campo elettrico, la corrente é
trasportata dai superelettroni. Infatti se ci fosse la presenza del suddetto campo, gli elettroni sarebbero ac-
celerati indefinitamente, non incontrando alcuna opposizione al loro moto, e quindi anche aumenterebbe
egualmente la corrente, ma questo é impossibile in quanto essa risulta costante. Rappresentando il su-
perconduttore con un circuito equivalente formato da due rami in parallelo, uno di resistenza nulla in cui
3.6 Modello di London 45

scorrono i superelettroni, l’altro con resistenza diversa da zero percorso dagli elettroni normali, il ramo dei
superelettroni cortocircuita quello degli elettroni normali.

• Corrente alternata: qui abbiamo la presenza di un campo elettrico, poiché gli elettroni devono essere acce-
lerati in quanto il loro moto é alterato continuativamente.
Il suddetto campo agisce sia sui superelettroni, sia sugli elettroni normali. Sperimentalmente si osserva un
ritardo dei primi nel seguire le variazioni del campo. Ció é causato dalla loro inerzia. Ne consegue l’ori-
ginarsi di una reattanza di tipo induttivo. Per gli elettroni normali, invece, la componente reattiva risulta
trascurabile rispetto alla componente resistiva prodotta dalla loro interazione con il reticolo cristallino. La
rappresentazione in circuito equivalente puó essere formata da due rami. Il rappresentativo dei superelettroni
ha un’induttanza perfetta ed’é in parallelo ad una resistenza, rappresentativa degli elettroni normali.

Possiamo concludere che il trasporto di corrente continua avviene senza perdite, mentre quello in alternata presenta
delle perdite. Tuttavia, tali perdite risultano trascurabili per frequenze elevate.

3.6 Modello di London


Fritz London e Heinz London esaminarono come un metallo, nello stato superconduttivo, non possedesse campo
magnetico al suo interno (effetto Meissner). Basandosi sul ”modello a due fluidi” di Gorter e Casimir, assumendo
la temperatura del superconduttore T < Tc , possiamo esprimere la densitá di corrente in un superconduttore come
somma di due contributi, quello della corrente normale J~N e quello della supercorrente J~s :

J~ = J~N + J~s (3.65)

Nelle prossime equazioni sará utilizzato il simbolo Ȧ per indicare Ȧ = dA


dt .
~ ~
La corrente normale obbedisce alla legge di Ohm JN = σ E mentre per la supercorrente, il moto dei superelettroni,
accelerati da un campo elettrico E, é regolato dalla seconda legge della dinamica:

d~vs ~
ms = es E (3.66)
dt

Dove ms e es rappresentano rispettivamente la massa e la carica (considerata col segno negativo) del superelettro-
ne. Possiamo ora rappresentare la densitá di supercorrente considerando il numero ns di superelettroni per unitá
di volume:

J~s = ns es~vs (3.67)

Ricaviamo quindi vs per poi sostituirla nell’equazione precedente. In questo modo otteniamo

˙ e2 ns ~
J~s = s E (3.68)
ms

Questa equazione mostra come, sotto l’azione di un campo elettrico costante, si ha una densitá di corrente
crescente nel tempo. Risultato evidente se si integrano rispetto al tempo ambo i membri

ns e2s ~
J~s = Et + cost (3.69)
ms

Da questa espressione si puó notare come non sia soddisfatta la legge di Ohm. Infatti, per gli elettroni normali di
conduzione vi é presente il tempo di rilassamenteo τ , dovuto alla loro collisione con il reticolo cristallino. per cui
46 Capitolo 3 Superconduttivitá e sue teorie

l’espressione risulta:

nN e2 τ
J~n = E (3.70)
m

Andiamo a discutere ora le equazioni di Maxwell riguardanti il legame tra il campo elettromagnetico e la corrente:

~ ×E
∇ ~˙ ∇
~ = −B; ~ ×H ~˙
~ = J~ + D (3.71)

Sotto l’ipotesi di comportamento amagnetico (µr = 1), flusso magnetico interno al superconduttore prodotto da
supercorrenti e derivata dello spostamento elettrico trascurabile rispetto alla densitá di corrente, otteniamo:

~ ×B
∇ ~ = µ0 J~s (3.72)

~ e J~s dalle equazioni precedenti otteniamo che:


Ricavando E

~˙ = − ms ∇
B ~ × J~˙s (3.73)
ns e2s
~˙ = − ms ∇
B ~ ×∇ ~ ×B ~˙ (3.74)
µ0 ns e2s
ms
Imponiamo a = µ0 ns e2s e otteniamo

~˙ = −a∇
B ~ ×∇ ~˙
~ ×B (3.75)

Dall’analisi matematica sappiamo che

~ ×∇
∇ ~˙ = ∇(∇ · B)
~ ×B ~ − ∇2 B
~ (3.76)

E otteniamo

~˙ = a∇2 B
B ~˙ = 1 B
~˙ ⇒ ∇2 B ~˙ (3.77)
a

Questa espressione offre la possibilitá di comprendere come all’interno del superconduttore, la densitá del flusso é
costante per qualsiasi campo applicato esternamente. Risulta ancora piú evidente il tutto se si va a fare un’analisi
monodimensionale:

∂ 2 Ḃ 1
= Ḃ (3.78)
∂x2 a

La soluzione di questa equazione differenziale risulta

− √xa x

Ḃ(x) = C1 e + C2 e a (3.79)

Per determinare le costanti d’integrazione C1 e C2 bisogna fornire le condizioni al contorno. Risulta evidente che,
per quanto riguarda la costante C2 , é fisicamente impossibile l’aumento esponenziale della variazione di campo B
al crescere della distanza. Per tale ragione possiamo imporre C2 = 0. Per quanto riguarda C1 , imponendo x = 0
otteniamo Ḃ = Ḃa , per cui risulta:

− √xa
Ḃ(x) = Ḃa e (3.80)
3.6 Modello di London 47

Da questa equazione é noto che sulla superficie del materiale superconduttore, la densitá di flusso magnetico vale
Ba per poi decrescere all’interno del materiale fino ad annullarsi. Dalle equazioni precedenti si é visto come B ~

Figura 3.10: Andamento della densitá di flusso all’interno di un superconduttore

sia proporzionale a ∇ × J~s . Quindi sostituendo questa equazione otteniamo la seguente

1~
∇2 J~s = Js (3.81)
a

Abbiamo cosı́ ottenuto le equzioni di London:

~˙ = 1 B
∇2 B ~˙ (3.82)
a
2~ 1~
∇ Js = Js (3.83)
a

che descrivono come variano la densitá del flusso del campo magnetico e la densitá di supercorrente, all’interno
di un superconduttore. Inoltre possiamo introdurre una grandezza definita come profonditá di penetrazione di
London che equivale a:


r
ms
λL = a= ∼ 10−8 m (3.84)
µ0 ns e2s

L’ultima considerazione da fare é quella di determinare il comportamento della densitá di corrente per il super-
conduttore. Considernado che:
     
~ ~ ∂Bz ∂By ∂Bx ∂Bz ∂By ∂Bx
∇ × B = x̂ − + ŷ − + ẑ − (3.85)
∂y ∂z ∂z ∂x ∂x ∂y

e nell’ipotesi in esame in cui Bx = By = 0 otteniamo:

∂B
− = µ0 Js,y (3.86)
∂x

Andando a derivare l’equazione di flusso di campo ottenuta precedentemente, rispetto a x, otteniamo che:

∂Bz Ba − x
= − e λL (3.87)
∂x λL
48 Capitolo 3 Superconduttivitá e sue teorie

sostituendo tale risultato otteniamo l’espressione per la densitá di corrente di superconduzione:

Ba − λx − x
Js,y = e L = Ja e λL (3.88)
µ0 λL

Dalle equazioni ottenute da London abbiamo ottenuto un modello fisico-matematico, descrittivo di ció che accade
per il flusso di campo magnetico e la densitá di supercorrente, per quanto riguarda i superconduttori. Si evince
che le supercorrenti scorrono in prossimitá della superficie esterna ad esso. Questo risultato é in accordo con i dati
e le osservazioni sperimentali. Le equazioni e quindi il modello di London, fornisce il comportamento di queste
due grandezze, ma esenta dalla spiegazione del perché il campo magnetico e la densitá di supercorrente, abbiano
tale comportamento.

3.7 Teoria Ginzburg e Landau


La teoria di Ginzburg e Landau é una teoria di tipo fenomenologico. Partendo dall’energia libera di Gibbs,
introducendo un parametro d’ordine complesso Ψ(r, T ), sotto l’ipotesi che per T → Tc si abbia un Ψ(r, T ) → 0
e che |Ψ(r, T )|2 sia proporzionale alla densitá di superelettroni vale la relazione in forma semplificata

β 1 ~ 2
|B|
F = Fn + α|Ψ|2 + |Ψ|4 + ~
|(−i~∇ − 2eA)Ψ| 2
+ (3.89)
2 2m 2µ0

dove Fn rappresenta l’energia libera della fase normale, i parametri α e β sono dei parametri fenomenologici
~ il potenziale vettore e B
dipendenti dalla temperatura, m la massa, e la carica dell’elettrone, A ~ il campo d’indu-
zione magnetica. Dall’equazione, attraverso l’utilizzo di strumenti matematici, si possono dedurre due lunghezze
caratteristiche in un superconduttore.
La prima é la lunghezza di coerenza ξ che ha due espressioni.
q
~2
• T > Tc ⇒ ξ = 2m|α|
q
~2
• T < Tc ⇒ ξ = 4m|α|

Questa lunghezza é importante perché, nel caso in cui il sistema venga perturbato, la perturbazione si attenua
esponenzialmente con la distanza della lunghezza di coerenza.
La seconda lunghezza é la lunghezza di penetrazione giá ottenuta dalla teoria di London. Riscrivendola con i
parametri di Ginzburg-Landau vale
r
m
λ= (3.90)
4µ0 e2 Ψ20

Dove Ψ0 é il valore di equilibrio della funzione Ψ, in assenza di campo elettromagnetico. Tale lunghezza evidenzia
la diminuzione esponenziale del campo magnetico all’interno di un superconduttore.

Dalla teoria si evince anche il parametro di Ginzburg-Landau, definito come κ = λξ . Per valori di 0 < κ < 1/ 2,

si hanno superconduttori di tipo I, per κ > 1/ 2 si hanno superconduttori di tipo II.

3.8 Teoria BCS


Tale teoria vuole descrivere ció che accade all’interno di un superconduttore. I superelettroni non si scontrano con
il reticolo cristallino, a differenza degli elettroni di conduzione normale. Appare evidente che il reticolo stesso, a
temperatura minore di quella critica, giochi un ruolo fondamentale per la superconduzione elettrica.
3.8 Teoria BCS 49

In condizioni normali, con il passaggio dell’elettrone nel reticolo, si ha lo spostamento degli ioni positivi costi-
tuenti il reticolo stesso. Questo comporta un addensamento di carica positiva verso l’elettrone, per l’azione della
forza attrattiva tra cariche opposte. Ne consegue che, poiché l’elettrone é in movimento, la zona a maggior densitá
di carica positiva si muove come un’onda elastica all’interno del reticolo, possedendo una certa quantitá di moto
e quindi di energia. Al passaggio di un secondo elettrone, questo sará sottoposto alla forza attrattiva dovuta

Figura 3.11: il passaggio dell’elettrone provoca uno spostamento di cariche positive.

all’addensamento di carica positiva. I due elettroni sono soggetti ad una forza attrattiva che compete con la forza
di repulsione elettrostatica. Questo é dovuto alla differenza tra l’inerzia degli ioni del reticolo e quella degli elet-
troni. Infatti gli ioni si muovono molto piú lentamente rispetto agli elettroni e permangono nella nuova posizione,
dovuta al passaggio dell’elettrone, per piú tempo.
Con il diminuire della temperatura si ha un aumento della probabilitá che si generi una forza attrattiva superiore a
quella repulsiva. Gli elettroni, in questo caso, creano uno stato di legame, definito coppia di Cooper. Affinché si
manifesti la superconduttivitá, si deve avere un numero sufficiente di questo doppietto, il quale aumenta al dimi-
nuire della temperatura. Raggiunta la temperatura critica, la forza attrattiva riesce a superare la forza repulsiva tra
gli elettroni.
Il motivo per il quale tali elettroni non si scontrano con il reticolo, dando origine alle dissipazioni e quindi all’ef-
fetto Joule, é che gli elettroni del doppietto hanno spin opposto, quindi posseggono spin totale nullo e non devono
rispettare il principio di esclusione di Pauli.
A livello di stato quantico, le coppie di Cooper occupano uno stato quantico separato dagli stati ad energia piú
elevata, nella quale si trovano gli elettroni normali. Tale livello energetico non é tra i livelli energetici del reticolo
e questo impedisce le collisioni.

L’energia di gap (∆), che separa lo stato quantico degli elettroni di superconduzione da quelli degli elettroni
normali, é pari all’energia necessaria per scindere la coppia di Cooper. Inoltre, in presenza di un campo magnetico
applicato, risulta piú difficile la formazione delle coppie in quanto tale campo tende ad orientare gli elettroni e
quindi lo spin. Si puó associare un’energia a questo campo. Se questa energia raggiunge valori prossimi all’energia
di gap, allora si parla di campo critico.
Anche l’aumento della temperatura gioca un ruolo fondamentale. Dall’espressione, valida in caso di temperature
prossime a quella critica, possiamo evincere alcune informazioni
 1
∆(T ) T 2
= 1, 74 1 − (3.91)
∆(0) Tc

A un aumento di temperatura corrisponde un aumento dell’energia termica di vibrazione. Quest’ultima riduce il


numero dei doppietti. Raggiunto il valore di temperatura critica si ottiene un gap pari a 0, quindi il numero di
doppietti sará nullo.
50 Capitolo 3 Superconduttivitá e sue teorie

Figura 3.12: in figura é mostrato il gap energetico che sussiste tra le coppie di Cooper e i livelli energetici del materiale

Figura 3.13: Nella figura é riportato l’andamento teorico insieme e la conferma dei dati sperimentali.
Capitolo 4

Lo stato superconduttivo

4.1 Lo stato intermedio


Quanto detto in precedenza fa riferimento ad un comportamento ideale dello stato superconduttivo. Nella realtá,
invece, si é osservato che su un superconduttore non vi é una distribuzione uniforme delle linee di campo magne-
tico. Alcune regioni, nonostante abbiano valori di campo inferiori a quello critico, presentano un comportamento
normale, mentre altre sono effettivamente superconduttive. A livello macroscopico si osserva uno stato interme-
dio, dove quello normale e quello superconduttivo sono in equilibrio. Come esempio di questa fenomenologia, si

Figura 4.1: Esempio dello stato intermedio di una sfera di stagno. Le zone con le linee tratteggiate sono le regioni di spazio
dove il materiale ha un comportamento normale.

puó considerare l’equilibrio tra un liquido e il vapore, grazie all’azione della pressione esterna. Analogamente,
anche qui vi é un parametro che determina l’equilibrio tra i due stati, ovvero il campo magnetico. Di particolare
interesse sono le zone di confine, dove vi é la separazione tra i due stati. Consideriamo le regioni normali. Queste
hanno un campo H ~ non nullo e, di conseguenza, anche valori di B ~ non nulli. Nelle regioni superconduttive, inve-
~ che B
ce, sia H ~ sono nulli. Poiché il campo é continuo e la componente perpendicolare del campo deve risultare
nulla, nelle zone di confine si ha solo la componente tangenziale. Inoltre, il suo valore é pari a quello del campo
critico.
Si deve ora comprendere come variano le dimensioni delle regioni normali. La spiegazione viene fornita intro-
ducendo l’energia superficiale tra le due zone d’interesse. Se questa é positiva si ha una diminuzione delle zone
normali, in caso contrario ne sará favorito l’aumento.
Si deve introdurre il concetto di lunghezza di coerenza ξ. Il numero di superelettroni non puó variare apprezza-
bilmente in una certa distanza, appunto la lunghezza di coerenza.

51
52 Capitolo 4 Lo stato superconduttivo

Figura 4.2: rappresentazione della lunghezza di coerenza e profonditá di presentazione nella regione di confine tra zona
normale e zona superconduttiva

Questa dipende dalla purezza del materiale e dalla temperatura. Di conseguenza, considerando la zona di
confine tra stato normale e stato superconduttivo, il numero di superelettroni non puó variare velocemente, ma
aumenta in questa zona con un andamento proporzionale a ξ.
Esprimendo con λ la distanza della densitá di flusso magnetico, possiamo esprimere l’energia superficiale come

1
Ξs = µ0 Hc2 (ξ − λ) (4.1)
2

4.2 Superconduttori di tipo II


Si possono individuare due classi di superconduttori, in base al comportamento che hanno al variare del campo
esterno applicato. Infatti, i superconduttori di tipo I hanno passaggio netto tra stato normale e stato supercondut-
tivo. I superconduttori di tipo II, invece, hanno una transizione tra i due stati che passa attraverso uno stato misto.
Un comportamento del tipo I si ha prevalentemente negli elementi, mentre un comportamento del tipo II lo si os-
serva nelle leghe particolari. Nei superconduttori del secondo tipo, si puó individuare il valore del campo critico

Figura 4.3: Comportamento al variare del campo magnetico esterno applicato dei superconduttori di tipo-II: a) andamento
della densitá di flusso nel materiale; b) andamento della magnetizzazione, c) comportamento superconduttore tipo-I.
4.2 Superconduttori di tipo II 53

inferiore HcI nel quale inizia la transizione allo stato misto. Si osserva la formazione di nuclei normali (i normal
cores), ovvero zone attraversate dal flusso magnetico. Poiché vi é interazione elettromagnetica tra i nuclei, essi si
dispongono ”a vertici esagonali centrati”. L’aumentare del valore di campo favorisce l’aumento dei nuclei. Arri-
vati al valore del campo critico superiore HcS si ha una distanza tra i nuclei inferiore alla lunghezza di coerenza
ξ e si ha la transizione allo stato normale. Nel grafico H(T ) si possono quindi individuare tre stati della materia

Figura 4.4: all’aumentare del campo magnetico, si ha un aumento del numero dei normal cores, rappresentato nelle figure a,
b, c

per i superconduttori di tipo II (superconduttivo, misto e normale) e due stati per quelli di tipo I (superconduttivo
e normale).

4.2.1 Stato misto


Per la trattazione dello stato misto si introduce il flussoide. Esso é per definizione:
I Z
m
∆Φ = J~s · dl + ~ · dS
B (4.2)
ns e γ S

equazione ottenuta considerando un superconduttore che contiene una superficie non conduttrice, delimitata da
una linea chiusa. Si puó notare che il primo addendo dell’equazione é trascurabile ed inoltre che il flussoide non
é altro che un normal core. Le supercorrenti della regione normale danno origine a una densitá di flusso, insieme
al vettore campo magnetico. Si é dimostrato che il flussoide é quantizzato e, quindi, proporzionale a una quantitá
54 Capitolo 4 Lo stato superconduttivo

Figura 4.5: in a) é riportato il diagramma delle fasi di un superconduttore di tipo II alla temperatura critica, in b) il diagramma
di un superconduttore di tipo I alla stessa temperatura critica.

Figura 4.6: nella figura é mostrato un superconduttore (S) che racchiude un flussoide (N)

definita flussone che vale

h
Φ0 = = 2, 07 · 10−15 W b = 2.07 · 10−7 Gauss · cm2 (4.3)
2e

dove h é la costante di Planck ed e é la carica dell’elettrone. Quindi si ha che:

∆Φ = nΦ0 (4.4)

La formazione delle regioni normali comporta delle modifiche di carattere energetico, riguardanti l’energia
libera di Gibbs, attraverso un contributo dovuto alla zona interna del normal core e un altro contributo dovuto
all’energia superficiale. La differenza tra i superconduttori di tipo I e II é data proprio dal secondo contributo.
Quest’ultimo, per la prima categoria, é un termine positivo, in quanto ξ > λ. Di conseguenza, si ha che la
formazione delle zone normali é energeticamente sfavorita e il materiale ha un comportamento superconduttivo,
fin quando non si supera il valore di campo critico.
Per la seconda categoria, il contributo dell’energia superficiale é negativo, quindi si ha ξ < λ a cui é associata una
diminuzione dell’energia libera. In tale caso, la formazione delle regioni normali é energeticamente favorita e tali
regioni occuperanno un volume tale da ottenere il massimo rapporto tra superficie e volume della zona normale.
Si é osservato sperimentalmente che le zone normali sono di forma cilindrica. In ognuno dei cilindri é presente
un flusso parallelo al campo esterno. Tale flusso é sostenuto da un vortice di supercorrenti che interagisce con
4.2 Superconduttori di tipo II 55

quello degli altri cilindri, creando una repulsione reciproca. Per tali motivi le zone normali tendono a formare
una struttura ad esagoni centrati. All’aumentare del campo magnetico applicato, non si otterrá un aumento delle

Figura 4.7: in figura si evidenziano le linee verticali dei flussi dei normal cores, paralleli al campo esterno. Tali flussi sono
sostenuti da vortici di supercorrente che scorre attorno ai nuclei. Il moto di queste supercorrenti é opposto a quello della
corrente di schermo.

dimensioni dei normal core, bensı́ un aumento del loro numero. Infatti, il flusso generato dai vortici dei nuclei
normali é pari a un flussone Φ0 . In questo modo si formeranno piú nuclei con le minori dimensioni possibili.
Queste sono paragonabili a quelle della lunghezza di coerenza ξ e la densitá di flusso al suo interno decresce
fino a valori bassi per distanze pari a λ. In conclusione, vi é solo un’apparente somiglianza tra lo stato misto dei

Figura 4.8: nella figura a) sono rappresentati la disposizione dei nuclei e i vortici di supercorrente, in b) e c) le corrispondenti
variazioni di concentrazione dei superelettroni con la posizione e le variazioni d’intensitá di flusso.

superconduttori di tipo I e II. Infatti, per quelli del primo tipo, non si puó parlare di vero e proprio stato misto,
ma di uno stato intermedio o di coesistenza e le regioni normali hanno forma irregolare e grandezza variabile.
Oltretutto é uno stato che é sfavorito in termini energetici.
Al contrario, per i superconduttori di tipo II, lo stato misto é una caratteristica intrinseca del materiale stesso ed’é
energeticamente favorito.
56 Capitolo 4 Lo stato superconduttivo

4.2.2 Le forze di pinning


Tale fenomeno si manifesta con la disomogeneitá del materiale, riguardante il reticolo cristallino. Con l’appli-
cazione di un campo magnetico, superiore al campo critico Hc1 si generano i normal cores. Nel caso in cui
all’interno del superconduttore vi scorra una corrente di trasporto perpendicolare ai nuclei, vi sará la presenza di
una forza di Lorentz dovuta all’interazione tra densitá di corrente e campo applicato

F~L = J~ × B
~ (4.5)

perpendicolare al piano d’interazione dei due vettori. Tale forza movimenta i nuclei normali, o meglio il loro
flussoide, mentre la struttura cristallina del materiale rimane inalterata. Lo spostamento, peró, comporta delle
dissipazioni in quanto vi é una perturbazione dovuta alle interazione tra gli elettroni interni al nucleo e il reticolo
cristallino e gli elettroni di superconduzione che non interagiscono con il reticolo stesso. Conseguenza di ció, la
formazione di gradienti termici tra le zone a diversa temperatura.
L’interazione tra i nuclei e le disomogeneitá del reticolo comporta un ”ancoraggio” tra i due. Se questa interazione
é maggiore alla forza di Lorentz, non si ha la movimentazione dei nuclei e, di conseguenza, assenza di fenomeni
dissipativi. I superconduttori di tipo II si possono quindi ulteriormente classificare nelle sottoclassi soft e hard, se
vi sono deboli o forti forze di pinning.

4.2.3 Influenza pinning-corrente di trasporto e resistenza apparente


Si prenda in esame un filo di materiale superconduttore (tipo II) sotto l’azione di un campo magnetico perpendico-
lare al suo asse e che si trovi nella condizione di stato misto. Al suo interno scorre una corrente i < ic e quindi non
vi sará alcuna resistenza del materiale (R = 0) e la d.d.p. ai capi del provino sará nulla. Aumentando la corrente
al di sopra del valore critico si ottiene un aumento della tensione. Rappresentando la curva nel piano (V, i) si nota

Figura 4.9: é rappresentata la curva caratteristica tensione-corrente di un superconduttore II alla quale é stato applicato un
campo magnetico trasversale di intensitá compresa tra Hc1 e Hc2

che la sua pendenza é meno accentuata rispetto al caso di un conduttore allo stato normale. Inoltre, considerando 3
superconduttori di medesime caratteristiche ma con impuritá differenti, si ottiene la stessa pendenza ma aumenterá
il valore della corrente critica al diminuire della purezza del materiale. La pendenza risulta essere caratteristica
intrinseca del materiale stesso. Essa, peró, aumenterá all’aumentare del campo esterno applicato, fino a raggiun-
gere le condizioni di stato normale della materia. Si puó dunque esprimere tale pendenza attraverso la resistenza
4.2 Superconduttori di tipo II 57

Figura 4.10: sono rappresentate le curve caratteristiche di un campione di superconduttore di tipo II. All’aumentare delle
impuritá aumenta il valore della corrente critica.

di scorrimento e si esprime come:

dV
R0 = (4.6)
di

ovvero una resistenza dinamica. La manifestazione di tale resistenza é legata all’interazione tra le forze di pinning
e la corrente di trasporto.
Considerando lo stesso superconduttore, nello stato misto, si prendano in esame la sua densitá di corrente di
trasporto e i nuclei normali. Questi ultimi generano, attraverso i vortici di corrente attorno ai flussoidi, che attra-
verseranno il provino stesso. Si origina una forza di Lorentz e considerando un campo perpendicolare alla corrente
di trasporto, si puó relazionarla al singolo flussoide mediante l’espressione:

FL = JΦ0 (4.7)

Tale forza provoca la movimentazione dei flussoidi. Questi, peró, rimangono ancorati alle impuritá del materiale.
Oltretutto, anche l’ancoraggio di pochi nuclei puó impedire, per le interazioni repulsive che tra loro, i loro sposta-
menti e garantire una rigiditá tra le loro posizioni. Quando si verifica la condizione J > Jc si ha sempre la loro
movimentazione. Quindi si puó formulare la forza di pinning come:

FP = Jc Φ0 (4.8)

Superato tale valore, si ha il moto dei flussoidi ed’è proprio questo la causa della d.d.p. che si manifesta ai capi
del provino. Infatti, al movimento dei dei flussoidi possiamo associarne un velocitá e, poiché vi é anche l’azione
di un campo magnetico, avremo un campo elettrico:

~ =B
E ~ × ~v (4.9)

con la stessa direzione della corrente di trasporto, causa appunto della tensioni ai capi del provino.
Possiamo considerare una potenza da spendere per mantenere costante la circolazione della corrente, tenendo
58 Capitolo 4 Lo stato superconduttivo

conto del fenomeno di pinning, la velocitá dei nuclei e il loro numero:

P = nFP v (4.10)

Tale spesa energetica andrá a contrastare la resistenza di scorrimento.


I flussoidi sono da considerarsi all’interno di una buca di potenziale, dalla quale possono uscire solo se la forza di
Lorentz supera quella di pinning. Il movimento dei flussoidi é definito flux flow. Inoltre, possiamo distinguere il
flux-creep quando il movimento dei nuclei é locale e non collettivo, causa imputabile ad una attivazione termica
ed é un importante fenomeno per i superconduttori dotati di elevata temperatura critica; il flux-jump si ottiene in
presenza di cause di natura meccanica, termica ed elettrica che movimenta i nuclei collettivamente ma a scatti,
fenomeno d’importante rilevanza nei materiali di tipo hard perché puó riportare il materiale a uno stato normale
(tale fenomeno é chiamato quench).
La considerazione importante é che la nostra densitá di corrente critica (e quindi la corrente critica) cresce
linearmente all’aumentare della forza di pinning

FP
Jc = (4.11)
Φ0

si puó quindi ottenere il valore della corrente desiderata alterando il materiale e aumentandone le impuritá. Altro
fattore importante da considerare é l’irreversibilitá della magnetizzazione. Per i fenomeni di pinning, i nu-
clei rimangono ancorati alle impuritá del materiale e quindi non possono muoversi liberamente. Facendo variare
il campo, il flusso puó rimanere intrappolato a causa dell’ancoraggio nei nuclei stessi. Si puó osservare speri-
mentalmente che il comportamento magnetico é isteretico e si possono avere valori di magnetizzazione diversi,
dipendenti dalle variazioni di campo. Vi é una dissipazione di energia, esprimibile come:
I
W = ~ · dB
H ~ (4.12)

4.3 Ossidi superconduttori

4.3.1 I materiali con proprietá superconduttive


Esaminando la tavola periodica degli elementi, solo alcuni di essi godono delle proprietá superconduttive. La
ragione riguarda le interazioni degli elettroni nella banda di conduzione, come detto nella teoria B.C.S. Nella
ricerca si é partiti con lo studio di materiali con basse temperature critiche ( inferiori a 10K) per poi raggiungere
le ”alte” temperature, come per esempio, il materiale YBCO che presenta temperature critiche intorno ai 93K
e di fatto, quando é stato sintetizzato é stato il primo a rientrare nella categoria dei ”superconduttori ad alta
temperatura critica” (comunemente definiti come HTSC). Sono anche definiti superconduttori ceramici in base
alle lavorazioni effettuate per ottenerli. Essendo la loro temperatura critica molto elevata, per il raffreddamento di
questi materiali puó essere impiegato l’azoto liquido, che gode di proprietá molto piú convenienti rispetto all’elio
liquido. infatti il maggiore ostacolo nell’utilizzo dei superconduttori consiste nel raffreddamento dell’impianto e
nel dispendio economico ed energetico per ottenerlo.

4.3.2 La struttura perovskitica dei superconduttori ceramici


I materiali ceramici sono composti da elementi metallici e non metallici legati tra loro con una particolare struttura
atomica ( appunto la struttura perovskitica). Il rapporto stechiometrico degli elementi é di tipo ABX3 . In tale
struttura, i componenti A e B sono i cationi metallici e X é l’anione non metallico. La struttura cristallina prevede
4.3 Ossidi superconduttori 59

Figura 4.11: nella figura sono evidenziati gli elementi della tavola periodica che mostrano proprietaá superconduttive e i
corrispondenti valori critici di campo e temperatura. Gli elementi con l’asterisco mostrano proprietá superconduttive solo sotto
forma di film sottile o ad elevate pressioni.

Figura 4.12: nella tabella sono messi a confronto varie caratteristiche di due tipici refrigeranti per superconduttori metallici e
ceramici.

il catione piú grande (A) al centro di un cubo, dove i cationi B occupano i vertici e gli anioni X si trovano in punti
medi tra gli spigoli Nel caso in cui A sia piccolo, si ottiene una struttura perovskitica deformata e i materiali con
la stessa formula chimica possono avere proprietá diverse a causa di questa peculiare deformazione Prendendo in
esame il primo superconduttore ceramico sintetizzato, l’YBCO ( la cui formula stechiometrica é Y Ba2 Cu3 O7
si puó notare come la sua formula sia diversa da quella ideale (ABX3 ) ma possiede comunque una struttura
perovskitica. Il catione centrale é occupato da due atomi di bario e uno di ittrio e vi sono piani paralleli composti
da rame e ossigeno. Tali piani, favoriscono la superconduzione. Si evince che gli ossidi conduttori sono materiali
anisotropi, formati da uno strato isolante e uno strato conduttore, che comporta delle conseguenze riguardo le
caratteristiche elettromagnetiche del materiale e, quindi, allo stato superconduttivo.

4.3.3 Tecniche di preparazione dei superconduttori


Le ceramiche superconduttrici sono definite tali in quanto i metodi di preparazione sono molto simili alle lavora-
zioni delle ceramiche. Si possono distinguere tre principali metodi:

• Reazione allo stato solido: attraverso questo processo si eliminano le sostanze volatili (calcinazione) dei
componenti superconduttori. Vengono utilizzati dei sali (ossidi, nitrati o carbonati), ridotti in polvere e
calcinati per ore a temperature di circa 900 C. Volendo si puó ripetere questo processo piú volte, prima di
effettuare una ricottura in atmosfera di ossigeno e, infine, il raffreddamento a temperatura ambiente.
60 Capitolo 4 Lo stato superconduttivo

Figura 4.13: tipica struttura delle pervoskiti.

• Coprecipitazione: i sali vengono prima disciolti in una soluzione e successivamente fatti precipitare, ot-
tenendo una polvere piú uniforme. Dopo averla essiccata si procede con la reazione allo stato solido.
Tale tecnica richiede un controllo costante del pH durante il processo e quindi una maggiore abilitá nella
realizzazione.

• Sol-Gel:attraverso una soluzione di acqua contenente alcuni nitrati in proporzione stechiometrica, i com-
ponenti vengono emulsionati in una fase organica. Si procede, poi, con la sinterizzazione per rendere le
polveri ottenute utili alla fase superconduttiva.

Si possono proporre come esempi di preparazione, gli ossidi super conduttori BSCCO 2212e BSCCO 2223. Per
il primo, la lavorazione é suddivisa in tre parti. Si inizia riscaldando attraverso un gradiente termico di 100 C/h
il materiale per raggiungere una temperatura di 915 C. Dopo aver realizzato una parziale fusione a temperatura
costante, si procede con la ricottura in atmosfera a 840 C per periodi che vanno dalle 80 alle 120 ore. Viene ese-
guito un ulteriore raffreddamento in atmosfera di azoto per circa 20 ore e infine, una raffreddamento a temperatura
ambiente. Per il BSCCO 2223 si effettuano sinterizzazione e ricottura a circa 825 C. Il riscaldamento avviene con
un gradiente termico di 100 C/h e il raffreddamento con un gradiente di 150 C/h. Il processo puó essere ripetuto
fino a tre volte.

4.3.4 Powder in tube


Nelle applicazioni, si realizzano ossidi superconduttori di forma cilindrica e nastriforme; tale operazione é definita
powder in tube. La polvere ottenuta dalle lavorazioni, viene inserita in tubetti di argento purissimo, la cui lun-
ghezza che varia tra 100 e 150mm, diametro interno tra 5 e 8 mm e diametro esterno tra 8 e 12 mm. Si pressano
e poi trafilano i tubetti, in modo da ottenere un diametro esterno di circa 1,5 mm e uno interno di 0,8mm. Que-
st’ultimo é proprio quello superconduttore. Dopo ulteriori lavorazioni di tagli, pressature e ricotture, si effettuano
anche trattamenti meccanici per aumentare la fase superconduttiva. Il rivestimento di argento serve poi, in caso
di quench, a prendere in carico la corrente di trasporto fino all’intervento dei sistemi di protezione. Oltre alla fase
superconduttiva, all’interno dei nastri, dunque, sono presenti altri materiali che conferiscono funzioni elettriche o
strutturali. Tali materiali sono identificati come matrice, in quanto non si trovano nello stato superconduttivo. La
fase superconduttiva, dunque, é inserita all’interno della matrice. Il motivo dell’impiego dell’argento nei materiali
superconduttivi é giustificato principalmente da tre aspetti. Da un punto di vista chimico, l’argento non si fonde
nei trattamenti di preparazione in quanto ha un punto di fusione prossimo ai 960 C. Inoltre, si deve considerare
la sua resistenza agli agenti corrosivi e la propria trasparenza all’ossigeno. É impiegato per le sue note proprietá
4.3 Ossidi superconduttori 61

Figura 4.14: rappresentazione di una perovskite deformata.

conduttrici, fornendo cosı́ un percorso alternativo alla corrente in caso di quench. In un superconduttore i proble-
mi principali derivano dalle sollecitazioni meccaniche che possono portare alla rottura del materiale. Sfruttando
l’argento e la sua duttilitá, si puó ovviare a tale problema.
62 Capitolo 4 Lo stato superconduttivo

Figura 4.15: struttura cristallina dell’YBCO

Figura 4.16: in un HTSC si alternano strati di conduttore e strati di isolante


4.3 Ossidi superconduttori 63

Figura 4.17: trattamento del BSCCO 2212 con i vari livelli termici

Figura 4.18: trattamento termico del BSCCO 2223

Figura 4.19: in figura é riportato un esempio di superconduttore composito e la struttura interna.


Capitolo 5

Cavi superconduttori e applicazioni

5.1 Cavi LTSC e HTSC, principali differenze


La principale distinzione nell’utilizzo dei cavi superconduttori risiede nella temperatura di utilizzo. I cavi LTSC
(Low Temperature Super Conductor) operano a temperature prossime allo zero assoluto e sono principalmente i
superconduttori di tipo I. I cavi HTSC operano a temperature piú alte e sono superconduttori di tipo II.
Il perché utilizzare questa tecnologia é fornita dalle sue potenzialitá. La potenza trasmissibile per un cavo super-
conduttori puó essere doppia rispetto ai cavi isolati a gas e fino a 10 volte superiore rispetto a cavi con isolante
solido. In una prima analisi, si puó affermare che i LTSC non presentano perdite in corrente continua (DC), mentre
in corrente alternata (AC) presentano sia perdite per isteresi, sia per correnti parassite. Nonostante tali perdite, si
preferisce un’alimentazione AC, poiché la distribuzione e la trasmissione dell’energia elettrica avviene in corrente
alternata. É evidente, peró, che l’ostacolo piú importante per l’impiego di conduttori LTSC consiste nel sistema di
raffreddamento per mantenere la temperatura di esercizio e lo stato superconduttivo. Tale problematica ha portato,
come un soluzione, l’utilizzo di un uno schermo a temperature intorno ai 77 K, utilizzando l’azoto liquido, po-
sto all’esterno del cavo superconduttore, mantenuto alla temperatura di 4 K. Inoltre, viene realizzato un ulteriore
schermo termico tra l’ambiente e il primo schermo, ottenendo in questo modo un doppio isolamento termico. Tale
soluzione é non solo complessa ma anche dispendiosa e, nonostante i vantaggi, lascia trasparire l’impossibilitá
di impiegare i LTSC, se non nel campo della ricerca o per applicazioni che richiedono elevati campi magnetici
(acceleratori di particelle).
Con la scoperta e il successivo progresso tecnologico dei cavi HTSC, si possono accedere le stesse potenzialitá,
ma con un sistema piú semplificato che non prevede uno schermo intermedio tra cavo e ambiente esterno.

5.2 Struttura e configurazione dei cavi LTSC


Nella realizzazione dei cavi LTSC, si deve tener conto dei bassi valori della profonditá di penetrazione λ e di una
densitá di corrente critica sufficientemente alta, nonchédei campi magnetici e delle correnti parassite.
Come soluzione di progetto, i cavi LTSC si configurano con un film sottile ( dai 25 ai 50 µm) di materiale su-
perconduttore, che avvolge un substrato di materiale conduttore. In tale modo, si tiene conto del fattore λ. Per
aumentare il valore della densitá di corrente critica, si é optato anche per un film multistrato di superconduttore,
per ottenere dei buoni valori di pinning. Per far fronte ai problemi dei forti campi magnetici agenti sulle fasi,
scaturiti dagli elevati valori della corrente circolante, si é realizzato uno schermo per la fase, anch’esso di mate-
riale superconduttore. Con questo modello, il campo magnetico rimane confinato tra i due superconduttori e si
risolvono i problemi delle correnti parassite. Con questa configurazione peró, appare evidente il limite principale

65
66 Capitolo 5 Cavi superconduttori e applicazioni

Figura 5.1: Sono rappresentate varie strutture dei superconduttori LTSC

é il mantenimento della temperatura criogenica non solo per per i superconduttori, ma anche per l’isolamento,
frapposto tra i due, che deve essere in grado di operare a temperature cosı́ basse.
Oltre la tenuta criogenica, per i sistemi di energia che utilizzano i cavi LTSC si devono limitare le perdite ( per
minimizzare il dispendio energetico giá elevato per il sistema di raffreddamento), aumentare l capacitá di trasporto
e, infine, sostenere correnti di guasto anche di 10 volte rispetto alla corrente nominale.
La soluzione ottimale per far fronte a queste esigenze é realizzare un sistema trifase. All’interno del cavo super-
conduttore sono presenti tre conduttori coassiali, che formano il sistema trifase, avvolti da un involucro termico.
Si possono elencare alcune differenze tra i cavi LTSC in corrente continua e in corrente alternata. I principali
vantaggi dei cavi in DC sono l’assenza di perdite nei superconduttori e di perdite dielettriche, oltre a una buona
rigiditá dielettrica1 . Vi sono perdite termiche inferiori e non presentano correnti capacitive, il che non pone limiti
alla distanza di trasmissione.
Per quanto riguarda l’isolante, le condizioni di lavoro sono molto pretenziose. Il sistema di isolamento deve essere
realizzato ad hoc. Come opzioni si puó optare per l’utilizzo del vuoto, o un fluido (gas o liquido) o un nastro poli-
merico lappato2 impregnato nel liquido. I parametri che si prendono in considerazione per la scelta del dielettrico
sono il tanφ3 minore di un valore dell’ordine di 10−5 ( in condizioni di temperatura e tensione di esercizio) e la
rigiditá dielettrica. L’utilizzo dell’elio liquido comporta problemi per via della sua bassa rigiditá dielettrica e, in
generale, l’impiego di isolanti liquid comportano problemi nella realizzazione del sistema isolante. La soluzione
piú ottimale sembrerebbe quella del nastro polimerico lappato, in particolare il polietilene PE, che gode di valori
di tanφ < 10−4 e di buona rigiditá elettrica.

5.3 Cavi HTSC


L’utilizzo di questi cavi é di notevole interesse poiché, utilizzando come fluido criogenico l’azoto liquido, si ha
un notevole risparmio energetico nell’asportazione del calore. In piú, questa tecnologia consente di trasmettere
potenze che comprese tra i 500 e i 1000 MW. Il sistema di isolamento risulta semplificato in quanto non presenta
1 massimocampo che un dielettrico é in grado di sopportare senza rompersi.
2 la
”lappatura” é una processo di lavorazione del materiale che lo rende extra fine.
3 Le perdite elettromagnetiche sotto forma di calore sono identificate come perdite dielettriche. Per parametrizzare tali perdite si utilizza

come grandezza ”l’angolo di perdita φ o la tangente di perdita tanφ


5.3 Cavi HTSC 67

Figura 5.2: In figura sono rappresentati gli andamenti della corrente di andata sul superconduttore interno, di ritorno sul
superconduttore esterno. I campi magnetici ed elettrici sono nel dielettrico compreso i due superconduttori.

Figura 5.3: In figura é schematizzato un cavo superconduttore dove i tre conduttori coassiali costituiscono il sistema trifase.

un secondo schermo, evitando cosı́ la struttura coassiale e un ulteriore spesa di materiali e quindi un dispendio
economico. Per i limitati valori della corrente, le perdite per correnti parassite e i campi magnetici che agiscono
sulle altre fasi risultano accettabili. Il dielettrico criogenico é, dunque, sostituito con un dielettrico a temperatura
ambiente (RTD), come ad esempio carta e olio. La differenza tra un conduttore normale e un HTSC consiste,
tenendo conto del sistema criostatico, nell’utilizzo del materiale e non nella struttura. Quindi é possibile sostituire
i due, qualora si optasse per questa tecnologia. Oltretutto, rispetto a un cavo LTSC, sono drasticamente ridotte le
potenze richieste dall’impianto refrigerante e quindi i costi di esercizio.
La potenza trasmissibile con i cavi HTSC risulta essere prossima a quella caratteristica, poiché si opera con portate
di corrente fino a 3500A e si possono applicare tensioni anche fino a 230KV. Per potenze superiori, si utilizza una
configurazione coassiale criogenica (CD), simile a quella utilizzata nei cavi LTSC ma, in questo caso, il dielettrico
lavora alla temperatura dell’azoto liquido. Quindi i CD hanno prestazioni migliori rispetto agli RTD, ma utilizzano
una tecnologia differente e richiedono una quantitá doppia di superconduttore.
68 Capitolo 5 Cavi superconduttori e applicazioni

Figura 5.4: Rappresentazione di un generico cavo HTSC con RTD

5.3.1 Isolamento elettrico e termico dei cavi HTSC


. Per l’isolamento elettrico sono presi in esame tre materiali che possono operare alle temperature criogeniche
richieste: la carta Kraft (KP), il polietilene (PE) e il laminato composito di carta e polipropilene (PPL). Essenzial-
mente, la KP presenta un elevato valore di fattore di perdita, mentre il PE mostra problemi dovuti alla contrazione
termica (micro e macrofessurazioni e conseguente cedimento del dielettrico). La soluzione ottimale sembrerebbe
l’impiego del PPL, date le sue buone prestazioni dielettriche e contrazione termica uguale a quella di due condut-
tori coassiali.
Per l’isolamento termico si possono realizzare tre diverse modalitá, legate alla coibentazione della linea, al man-
tenimento delle proprietá isolanti e deterioramento del materiale. Le possibili scelte sono riportate in figura con le
rispettive conducibilitá termiche espresse in W/mK. Analizzando caso per caso, il super isolamento multistrato

Figura 5.5: Isolanti termici

é il migliore isolante, data la sua conducibilitá termica, ma richiede un raffinato impianto di depressurizzazione.
5.4 Perdite nei cavi superconduttori 69

L’isolamento con schiume polimeriche, con conducibilitá di 2 · 10−2 W/mK, ha prestazioni inferiori rispetto al
caso precedente ma gode di bassi costi e facilitá d’installazione. Inoltre, presenta l’inconveniente del deteriora-
mento delle schiume con l’avanzare del tempo.
Le polveri evacuate sono una soluzione intermedia tra le due opzioni precedenti, avendo una conducibilitá di
6 · 10−4 W/mK e un livello di vuoto piú basso rispetto al multi strato. La problematica é legata alle eccessi-
ve dimensioni volumetriche e, quindi, all’ingombro dell’isolamento termico (problematica presente anche per le
schiume).

5.4 Perdite nei cavi superconduttori


Per il corretto dimensionamento del sistema elettrico e dell’impianto di raffreddamento, é necessario un calcolo
di tutte le perdite che avvengono nel cavo superconduttore.
In primo luogo, si devono considerare le perdite nel conduttore, considerando le perdite per correnti indotte nel
substrato d’argento e le perdite nel superconduttore ( dovute all’isteresi magnetica). Utilizzando il modello di
Bean dello Stato Critico, le perdite nel conduttore sono esprimibili come

H3
Pc = 3πµ0 f d[W/m] (5.1)
Jc

dove f é la frequenza di alimentazione e d é il diametro del condotto superconduttore.


Le perdite dielettriche sono calcolate con l’espressione:

D
Pd = 3π 2 · f · 0 ·  · tanφ · E 2 · d2 · ln [W/m] (5.2)
d

Dove E rappresenta il valore efficace del campo elettrico massimo nel quale opera il materiale, d il diametro
interno e D il diametro esterno. Si considerano le perdite termiche con la relazione:

2π∆Top λT
PT = (5.3)
ln De
Di

si associa a ∆Top la differenza di temperatura tra l’esterno del cavo e la temperatura di lavoro di esso, λT la
conducibilitá termica in W/mK, De il diametro esterno dell’isolante e Di quello interno.
Si deve tener conto anche delle dissipazioni che hanno luogo nei terminali e nei giunti del cavo in relazione alla
corrente nominale di lavoro del superconduttore. Queste sono definite perdite negli accessori e si ottengono con
l’equazione:

I
Pat = 50( )n[W/m] (5.4)
Inom

dove si considera n come il numero di fasi.


Infine si hanno le perdite varie, dove si considerano delle perdite termiche aggiuntive in funzione del carico:

I
Pvar = 0, 05( ) + 0, 5[W/m] (5.5)
Inom

5.4.1 Impianto criogenico


Per il dimensionamento dell’impianto di raffreddamento, si considera il cavo come uno scambiatore in contro
corrente con resistenza termica trasversale non trascurabile. Dal grafico si mostra come la temperatura massima
di un superconduttore si verifica in una sezione intermedia del cavo e non agli estremi di esso. Anche se modeste,
70 Capitolo 5 Cavi superconduttori e applicazioni

Figura 5.6: In figura é rappresentata la curva di distribuzione della temperatura per un cavo raffreddato in controcorrente.
A e B sono le caratteristiche del canale di andata e di ritorno, ∆T la differenza di temperatura tra l’ingresso e l’uscita del
refrigerante, ∆Tmax é la massima sovratemperatura nel cavo.

si deve tener conto delle perdite nel canale di raffreddamento. Esse sono costituite da perdite di carico dovute alla
viscositá del fluido, dal suo moto turbolento, dalla rugositá del condotto, dalla differenza di pressione tra ingresso
ed uscita, dalla massima temperatura ammessa e dalle proprietá del refrigerante.

5.5 Applicazioni ingegneristiche


5.5.1 SMES
Lo SMES (Superconducting Magnet Energy Storage) ha lo scopo di ottimizzare l’utilizzo dell’energia elettrica,
immagazzinandone l’eccesso sotto forma di energia magnetica da utilizzare in caso vi sia un eccesso di produzione
rispetto alla domanda. Gli avvolgimenti superconduttori immagazzinano energia magnetica prodotta dall’elevata

Figura 5.7: in figura é schematizzato uno SMES. Con SC si indica l’avvolgimento superconduttivo, T l’interruttore di corto
circuito.

portata di corrente che scorre al loro interno. Possiamo esprimere tale energia con:

1 2
W = LI (5.6)
2

esprimendo con L l’induttanza del magnete e I l’intensitá di corrente.


In caso di chiusura dell’interruttore e quindi di interruzione dell’alimentazione del magnete, la corrente scorrerá
nel circuito dewar, dove i tempi di decadimento sono elevati. L’efficienza dello SMES é del 95%, molto al
di sopra degli altri sistemi. Sul piano economico, peró, é conveniente il suo impiego per potenze superiori al
5.5 Applicazioni ingegneristiche 71

GW ed energie superiori a 1GWh. Per ottenere tali quantitá di potenza ed energia, sono necessari avvolgimenti
superconduttivi con diametri di centinaia di metri, i quali devono essere ancorati a rocce sotterranee che devono
sostenere imponenti pressioni elettromagnetiche. Per tali problematiche e anche a causa dei forti campi magnetici
dispersi all’esterno dell’impianto, lo SMES deve essere costruito in zone deserte e lontane dalle aree urbane.
Oppure, si puó provvedere ad ulteriori avvolgimenti che schermino i campi magnetici dall’esterno.

5.5.2 Alternatori, motori elettrici e trasformatori


Anche per tecnologie giá comprovate, l’impiego dei superconduttori comporterebbe alcuni vantaggi. Seppure il
rendimento di alternatori, trasformatori e motori elettrici e giá di per se elevato, un minimo miglioramento delle
prestazioni porterebbe a enormi vantaggi a livello economico. Tali vantaggi porterebbe a un recupero dell’esborso
iniziale per l’utilizzo dei cavi superconduttori.
L’utilizzo di alternatori a superconduttori prevede un aumento delle prestazioni di circa l’1% e una riduzione
fino al 50% del peso e delle dimensioni. Consente, inoltre, di produrre tensioni piú elevate. L’alternatore raffred-
dato ad elio liquido risulta competitivo rispetto ai quelli tradizionali per taglie superiori a 500 MVA.
Per i motori elettrici industriali a superconduttori si incrementerebbe l’efficienza, rispetto a quelli standard, e
un risparmio energetico che consentirebbe di recuperare economicamente l’investimento iniziale nel corso della
vita utile della macchine. Si aggiungono anche una riduzione delle dimensioni e, quindi, un risparmio dei materia-
li. Nei trasformatori a superconduttori si otterrebbero dei vantaggi per potenze superiori ai 30 MVA. L’utilizzo

Figura 5.8: In figura é mostrato un confronto tra le perdite di un motore convenzionale e uno che impiega i superconduttori.

dei HTSC, in particolare, comporterebbe una limitazione delle sovracorrenti di guasto e, come conseguenza, una
semplificazione nella progettazione meccanica, elettrica, riduzioni di peso e dimensioni. Da non trascurare é l’a-
spetto ambientale, poiché, sfruttando le proprietá dielettriche dell’azoto liquido, si andrebbero ad eliminare gli
olii isolanti dei trasformatori convenzionali e il loro impatto ambientale. Anche se tali macchine elettriche pre-
sentano rendimenti che possono raggiungere il 99,7%, per le grandi potenze in gioco anche un piccolo aumento
in prestazioni consentirebbe a risparmi energetici che ripagherebbero l’esborso iniziale.
72 Capitolo 5 Cavi superconduttori e applicazioni

Figura 5.9: In figura é illustrato lo schema di un prototipo di motore sincrono con avvolgimenti BSCCO

5.5.3 Altre applicazioni


Un dispositivo che potrebbe trovare in tempi brevi un suo impiego commerciale é il limitatore di corrente, che
puó avere una configurazione resistiva, induttiva o ibrida. Questo dispositivo é dotato di un impedenza variabile,
la quale risulta bassa in condizioni operative ma assume valori elevati in caso di guasti e correnti di corto circuito,
evitando cosı́ il deterioramento o la sostituzioni di altri apparecchi sensibili.
5.5 Applicazioni ingegneristiche 73

Figura 5.10: A sinistra é rappresentato un trasformatore tradizionale, al centro un trasformatore a superconduttori con
criostato, a destra un trasformatore a superconduttori con serbatoio di azoto liquido.

Altra interessante tecnologia é rappresentata dagli SQUID (dispositivi superconduttori a interferenza quan-
tistica). Tali dispositivi potrebbero trovare una prima applicazione nel campo medico, poiché sono in grado di
rilevare deboli campi magnetici, come quelli emessi dal cuore e dal cervello, e potrebbero essere utilizzati per le
diagnosi non invasive per molte patologie. Queste apparecchiature vanno a sfruttare l’effetto Josephson.
74 Capitolo 5 Cavi superconduttori e applicazioni

Figura 5.11: In figura é mostrato un prototipo di limitatore di corrente della Lockheed Martin, di tipo induttivo, che utilizza
gli HTSC

Figura 5.12: Schema di funzionamento di uno SQUID a effetto Josephson

Oltre per le applicazioni come lo SMES, sono stati impiegati gli LTSC per la realizzazione di acceleratori di
particelle, raggiungendo campi magnetici anche di 8,65 T.
Un ulteriore applicazione riguarda il campo dei sistemi di trasporto. L’utilizzo di magneti superconduttori andreb-
be a sfruttare la levitazione magnetica, andando ad eliminare problematiche come l’attrito tra la ruota e la rotaia,
ottenendo cosiı́ elevate forze di propulsione, bassi costumi, elevate velocitá e un discreto comfort di viaggio. Chia-
ramente, il grande limite di questa tecnologia risiede nel creare nel veicolo il sistema per produrre la levitazione
magnetica.

Figura 5.13: Principio di funzionamento di un treno a levitazione magnetica.


Conclusioni e prospettive

Alla luce di quanto esposto in questo lavoro di tesi, appare evidente che la tecnologia dei superconduttori necessita
ancora di essere migliorata e non é ancora affidabile rispetto alle tecnologie comprovate. Le problematiche per
l’utilizzo dei LTSC sono molteplici e per ora le loro applicazioni sono molto limitate. Discorso diverso é per
l’impiego dei HTSC, il cui utilizzo puó migliorare le applicazioni odierne.
La tecnologia dei SC é ancora da migliorare e necessita di ulteriori studi e ricerche, poicheé il loro utilizzo rimane
una delle poche alternative valide al miglioramento tecnologico. Basti pensare che nei prossimi anni il fabbisogno
energetico derivante dai carburanti sará sostituito da una maggiore quantitá di energia sulle reti elettriche. L’u-
tilizzo dei superconduttori potrebbe ovviare alle problematiche di trasmissione e trasporto di ingenti quantitá di
energia elettrica.
Le applicazioni dei superconduttori riguardano il trasporto di energia ad altissima tensione. Anche nelle aree
urbane, con il problema dell’inquinamento dei campi elettromagnetici ambientale, nonché di ragioni estetiche,
l’utilizzo di cavi superconduttori potrebbe ovviare a queste problematiche. Oltretutto, questa tecnologia consen-
tirebbe il trasporto di energia per lunghe distanze, che ovvierebbe alle impedenze dei cavi tradizionali. Infine,
l’impatto ambientale, derivante dai fluidi di dielettrico dei cavi convenzionali, verrebbe risolto con la sostituzione
dei cavi superconduttori.

75
Ringraziamenti

Si conclude ora il lavoro di tesi con i ringraziamenti. Per semplicitá di esposizione, si passerá da un sistema di
riferimento in coordinate impersonali ad uno in coordinate personali.

Ringrazio i miei genitori. Il mio é stato un percorso lungo, fatto di alti e molto bassi. Ma soprattutto é stato
lungo, troppo lungo. Nonostante questo, mi hanno sempre sostenuto e spronato, anche nell’ultimo periodo. An-
che se non ve lo dico, siete comunque la mia fonte di ispirazione. Che altro posso dire? Scusate il ritardo, non
commetteró piú questi errori e daró il massimo. Vi voglio bene.

Ringrazio il mio relatore Arturo Stabile. Il mondo della fisica mi ha da sempre destato interesse, ma mai quanto
le sue lezioni, tra le poche che sono riuscito a seguire con interesse. Ho tanta stima di lui sia come persona, sia
1
come professore universitario e vorrei tanto avere 10 delle sue conoscenze.

Ringrazio Giorgia. L’ultimo anno é stata una crescita personale e il merito é tutto suo. Senza di lei non so
cos’altro NON avrei combinato. La devo ringraziare per avermi spronato a dare il massimo e a farmi credere nelle
mie capacitá. Nel mio (troppo) lungo percorso universitario, sei, con la stessa probabilitá di trovare una particella
all’interno del volume totale (spero che ti sia letta la tesi, altrimenti non puoi capire la citazione), l’unica motiva-
zione valida che giustifica questo ritardo nei miei studi.
Grazie λ.

Dovrei ringraziare anche te, che hai letto fin qui e so che l’hai fatto perché mi vuoi bene. Ma devi capire che
nel corso di questa ”carriera universitaria” ho incontrato troppe persone e la lista sarebbe lunghissima. Quindi
riassumo tutti in un unico insieme. Grazie a tutti quelli che mi hanno accompagnato in questo percorso, a chi mi
ha supportato, a chi mi vuole bene, a chi mi ha chiesto consigli (non so perché), a chi se n’é andato via ma che
alla prima occasione utile non perde tempo a volermi rivedere.

Ció che sappiamo, una goccia. Ció che ignoriamo, un oceano.

77
Bibliografia

[1] Mencuccini C., Silvestrini V. Fisica I - Meccanica Termodinamica, Liguori editore

[2] Mencuccini C., Silvestrini V. Fisica II - Elettromagnetismo Ottica, Liguori editore

[3] Jackson J.D., Elettrodinamica classica, Zanichelli

[4] Aschroft Mermin, ”Solid state physics”. Thomson Press (India) Ltd; 1st edizione (1 dicembre 2003)

[5] Davydov, ”Fisica dello stato solido”, Editori Riuniti.

[6] Mark W. Zemansky, ”Calore e termodinamica”, Zanichelli.

[7] H. K. Onnes, ”The resistence of pure mercury at helium temperature”Comm. Phys.Lab. Univ. Leinden 120b,
1911.

[8] W. Meissener, R. Ochsenfeld, ”Ein neur Effekt bei Entritt der Supraleitfahigkeit”, Naturwissenschaften 21.

[9] F. B.Silsbee, ”Electric conduction in metals at low temperatures”, J.Wash. Acad. Sci. Vol. 6.

[10] A. C. Rose-Innes, E. H. Rhoderick, ”Introduction to superconductivity”, Pergamon.

[11] A. B. Pippard, ”The coerence concept in superconductivity”.

[12] A. A. Abrikosov, Theoret. Phys. (U.S.S.R.), 32, 1442 , 1442.

[13] V. L. Ginzburg, L. D. Landau, ”On the theory of superconductivity”, Zh. Ehsp. Teor. Fiz. 20.

[14] F .London, H. London, ”The electromagnetic equations of the supraconductors”.

[15] J. Bardeen, L. N. Cooper, J. R. Schrieffer, ”Theory of superconductivity”

[16] E. Maxwell, ”Isotope effect in the superconductivity of mercury”.

[17] C.A.Reynolds et al., ”Superconductivity of the isotopes of mercury”.

[18] L. N. Cooper, ”Bound electron pairs in degenerate Fermi gas”.

[19] R. D. Park, ”Superconductivity”.

[20] P. W. Anderson, ”Theory of flux creep in hard superconductors”.

[21] Y. B. Kim, C. F. Hempstead, A. R. Strnad, ”Flux creep in hard superconductors”.

[22] J. G. Bednorz, K. A. Muller, ”Possible high-Tc superconductivity in the Ba-La-Cu-O system”.

[23] C. W. Chu et al., ”Superconductivity at 93 K in a new mixed-phase Y-Ba-Cu-O compound System at ambient
pressure”.

79
80 BIBLIOGRAFIA

[24] P. Caracino, L. Gherardi, G. Coletta, S. Speafico, ”Investigation cf Jc versus field dipendence in BSCCO-
2223 types what different structures”.

[25] G. Szabo-Miszenti et al., ”Preparation of high quality HTSC powders: a breakthrouh approach in the citrare
route”, Gottingen, Oct. 1993.

[26] I. Ghinello, Tesi di Laurea, Facoltá di Ingegneria, Università di Bologna, A.A.1994/95.

[27] M. Murakami, ”Flux pinning of melt processed YBCO superconductors”, Studies of high-Tc
superconductors, vol.9 . ed. A.V.Narlikar, Nova Science Publishers.

[28] L. Pancaldi, ”Superconduttori ad alta temperatura: caratteristiche e potenzialitá per i sistemi di trasmissione
dell’energia”, Tesi di Laurea, anno accademico 1991/92.

[29] F. Faella, ”Superconduttori ad alta temperatura critica: misure per la diagnosi dell’invecchiamento”, Tesi di
Laurea, anno accademico 1992/93.

[30] G. C. Montanari, I. Ghinello et al., ”Characterization of monofilamentary and multifilamentary 2223-BSCCO


tapes by magnetic loss measurements” In fase di stampa.

[31] T. Tanaka, A. GreenWood, ”Advanced power cable technology volumeII” CRC press

[32] D. W. VonDollen, N. G. Hingorani, R. W. Samm, ”High temperature superconducting cable technology”


Power cables and Accessories 10KV-500KV, 23-25 Novembre 1993

[33] J. S. Engelhardt et al., ”Application consideration for HTSC power transmission cables”, presentata alla V
conferenza annuale sulla superconduttività e le sue applicazioni.

[34] M. Rechnwicz, ”Electric Power at low temperature”, Clarendon Press, 1975 Oxford.

[35] P.Metra, S. Ashworth, ”Draft article for Power Tecnology International”, 1994.

[36] A. Bolza, P. Metra, M. Nassi, M. Rahman, ”Recent developments in HTS Power Cable Applications”, 10th
Anniversary HTS Workshop on Physics Materials and applications, 12-16 March 1996, Huston.

[37] C. P. Bean, ”Magnetization of hard superconductor”, Phys. Rev. Let., Vol.8, Num.6, pag 250-253, Marzo
1962.

[38] K. Edney, M. Fox, G. Gilbert, ”Longitudinal temperature distribution in low temperature cables with
counterflow cooling”, Cryogenics.

[39] D. Forbes ”The U.S. market for high temperature superconducting wire in transmission cable application”
U.S. Department Of Energy.

[40] R. D. Blaugher ”Low calorie, high energy generators and motors” IEEE Spectrum, Giugno 1997.

[41] S. P. Mehta, N. Aversa, M. S. Walker ”Transforming transformers” IEEE Spectrum, Giugno 1997.

Potrebbero piacerti anche