Sei sulla pagina 1di 1

- 800: primi esempi di elaborazione polifonica del canto gregoriano (polifonia = sovrapposizione di

linee melodiche differenti)


- Le prime forme polifoniche si chiamano organum (organa al plurale = organizzare, mettere
insieme): organum parallelo: la voce aggiunta (vox organalis) procede per moto parallelo al canto
gregoriano (vox principalis); discanto: la voce aggiunta procede per moto contrario, obiquo e
parallelo al canto gregoriano nota contro nota (punctum contra punctum, da cui contrappunto);
organum melismatico: il canto gregoriano è al basso, ogni nota assume valori lunghi (tenor =
tenere) e su ogni nota tenuta del basso la voce aggiunta esegue un vocalizzo (melisma)
- Per il moto delle parti, vedi https://it.wikipedia.org/wiki/Moto_contrappuntistico
- 1100-1200 a Parigi presso la cattedrale di Notre-Dame si sviluppa una scuola (Scuola di Notre-
Dame) che dà grande sviluppo all’organum melismatico grazie all’opera di due maestri: Leoninus e
Perotinus. Gli organa di Leoninus e Perotinus si trovano nel Magnus Liber Organi sono composti da
un’alternanza di sezioni melismatiche e sezioni in canto gregoriano; alla fine è collocata la clausola
che è una sezione melismatica in cui anche le note del tenor entrano nella polifonia in
contrappunto, come nel discanto
- Ascolto: Perotinus, Sederunt principes https://www.youtube.com/watch?v=EMyWnCf2Anc

- I teorici iniziano a studiare come indicare la durata delle note e si definisce la forma della longa (–)
e della brevis () come note singole o legate a gruppi di due, tre o più note (neumi); l’effettivo
valore non dipende però dalla forma della nota ma dalla sua posizione all’interno di un
raggruppamento di note (ordo) che viene eseguito secondo un determinato modo ritmico; per
esempio: lunga-breve (– ); breve-lunga ( –); lunga-breve-breve (–  ); breve-breve-lunga (
 –) ecc. (notazione modale)

- Nel 1200 nasce il mottetto dalla clausola dell’organum melismatico con l’aggiunta di un testo (mot
in francese significa parola, da cui mottetto): il tenor, al basso, è la melodia gregoriana di solito
eseguita da uno strumento mentre sopra due o tre voci cantano testi differenti a volte anche nella
lingua, per esempio una voce canta in latino e l’altra in francese (mottetto politestuale)
- Il conductus è una forma polifonica simile al mottetto con alcune differenze importanti: è in latino,
non si fonda sul canto gregoriano, procede in modo omoritmico (omoritmia = stesso ritmo = tutte
le voci procedono con lo stesso ritmo)

Potrebbero piacerti anche