Sei sulla pagina 1di 17

25/02/15

Economia  Politica  
1  –  Che  cos’è  l’economia  
Prof.  Raffaele  Scuderi  

Prof.  Raffaele  Scuderi.  Tu7  i  diri7  riserva:.    

Bibliogra>ia  
•  Lieberman  M.,  Hall  R.  (2015).  Economia.  
Principi  e  applicazioni.  Apogeo  

Prof.  Raffaele  Scuderi.  Tu7  i  diri7  riserva:.  

1  
25/02/15  

Che  cosa  è  l’economia?  


•  E’  una  scienza  sociale  
 
L’economia   è   lo   studio   delle   scelte   in   condizioni  
di  scarsità  
•  Tempo  e  capacità  di  spesa  
 

Prof.  Raffaele  Scuderi.  Tu7  i  diri7  riserva:.  

Risorse  
•  In  generale,  scarsità  di  risorse  
–  Lavoro,  tempo  impiegato  nella  produzione  di  beni  e  servizi  
–  Capitale,   insieme   dei   beni   durevoli   utilizzati   per   produrre   altri  
beni  e  servizi    
•  Durevole:  dovrebbe  durare  almeno  un  anno  
•  Capitale  Aisico  VS  Capitale  umano  
•  Stock   di   capitale:   quantità   complessiva   di   capitale   a   disposizione   di   una  
nazione  in  qualsiasi  momento  (=  tutto  il  capitale  >isico  e  umano  realizzato  
nei  periodi  precedenti  che  risulta  ancora  utile  in  termini  produttivi)  
–  Terra:  spazio  >isico  in  cui  ha  luogo  la  produzione  
–  Capacità  imprenditoriale  
•  Produzione:  combinazione  di  queste  risorse  (scarse)  

•  Tali   risorse   sono   insufAicienti   a   produrre   tutti   i   beni   e   i  


servizi  che  possiamo  desiderare  

Prof.  Raffaele  Scuderi.  Tu7  i  diri7  riserva:.  

2  
25/02/15  

Alcune  de>inizioni  
Grandezze  
•  Stock:  misurabili  in  un  determinato  istante  di  tempo  (es.:  quanti  soldi  
ho  nel  portafoglio  adesso?)  
•  Flussi:   misurabili   in   un   determinato   intervallo   di   tempo   (es.:   quanto  
ho  guadagnato  nel  2014,  cioè  dal  1  gennaio  al  31  dicembre?)  

Produzione  
•  Input:   qualsiasi   cosa   utilizzata   per   produrre   un   bene   o   un   servizio  
(incluse  le  risorse)  
•  Risorse:   input   particolare   che   rientra   nelle   categorie   di   lavoro,   terra,  
capitale  e  capacità  imprenditoriale  
–  Sono  la  fonte  ultima  di  tutto  ciò  che  viene  prodotto  
–  Es.:   l’automobile   è   prodotta   da   un   input   quale   l’acciaio;   quest’ultimo   può  
essere  ricondotto  alle  risorse  utilizzate  per  produrlo.  

Prof.  Raffaele  Scuderi.  Tu7  i  diri7  riserva:.  

Alcune  classi>icazioni  
Microeconomia  
•  Studia   il   comportamento   dei   singoli   soggetti   della   scena  
economica  (es.:  consumatori,  imprese,  organismi  governativi).  
•  Esempi  
–  Quanto  deve  produrre  un’impresa?    
–  Quanto   consumerà   un   individuo,   dati   i   prezzi   dei   beni   e   il   suo  
reddito?  
 
Macroeconomia  
•  Visione  d’insieme  del  sistema  economico  
•  Esempi  
–  Quanto  produce  in  totale  un’economia?  
–  Da  cosa  dipende  il  consumo  della  collettività?  

Prof.  Raffaele  Scuderi.  Tu7  i  diri7  riserva:.  

3  
25/02/15  

Alcune  classi>icazioni  
Economia  positiva  
•  Come  funziona  l’economia?  
 
Economia  normativa  
•  Come  dovrebbe  essere  l’economia?  

Prof.  Raffaele  Scuderi.  Tu7  i  diri7  riserva:.  

Il  metodo  dell’economia  
Modello  
•  Rappresentazione  astratta  della  realtà  
–  Sempli>ica  la  realtà  
–  Es.:  carta  stradale  
 
Ipotesi  
•  Una  ipotesi  sempliAicatrice  è  un  modo  per  rendere  
un  modello  più  semplice.    
–  Elimina  dal  modello  i  dettagli  super>lui  
•  Una   ipotesi   critica   in>luisce   in   modo   signi>icativo  
sulle  conclusioni  del  modello.  

Prof.  Raffaele  Scuderi.  Tu7  i  diri7  riserva:.  

4  
25/02/15  

Due  ipotesi  fondamentali  


Quali  sono  gli  agenti  economici?  
Quattro   grandi   gruppi   di   agenti:   famiglie,   imprese,   operatori   della  
pubblica  amministrazione,  resto  del  mondo.  
-­‐  Microeconomia:  presi  singolarmente  
-­‐  Macroeconomia:  raggruppati  in  settori    
 
Ipotesi  1  
•  Ogni  attore  economico  cerca  di  ottenere  il  massimo  da  ogni  situazione  
–  Obiettivi  limitati  e  ben  de>initi:  decisioni  “fredde”  e  consciamente  calcolate  
–  Non  necessariamente  ciò  implica  egoismo  degli  agenti  economici  
 
Ipotesi  2  
•  Ogni  agente  economico  è  soggetto  a  delle  limitazioni  
–  Scarsità  delle  risorse,  vincoli  degli  agenti  economici  

Prof.  Raffaele  Scuderi.  Tu7  i  diri7  riserva:.  

Principi  fondamentali  dell’economia  


(1)  
Massimizzazione  soggetta  a  vincoli  
 
L’approccio  economico  per  la  comprensione  di  un  
problema  consiste  nell’identi>icare  gli  agenti  economici  e  
determinare  poi  che  cosa  essi  massimizzino  e  a  quali  
vincoli  siano  soggetti.  

Prof.  Raffaele  Scuderi.  Tu7  i  diri7  riserva:.  

5  
25/02/15  

Economia  Politica  
2  –  Scarsità,  scelta    
e  sistemi  economici  

Prof.  Raffaele  Scuderi.  Tu7  i  diri7  riserva:.    

Il  costo  opportunità  
Quando  effettuiamo  una  scelta,  lo  facciamo  in  quanto  i  bene>ici  che  
ne  deriveremo  sono  superiori  ai  costi  totali.  
 
Ma  per  “costi”  intendiamo  soltanto  l’  esborso  monetario?  
 
Costo   opportunità   di   una   scelta   è   ciò   a   cui   rinunciamo  
compiendo  quella  scelta.  
 
E’   la   traslazione   di   tutti   sacriAici   che   dobbiamo   compiere   per  
una  data  scelta.  
 
E’  un  concetto  più  accurato  e  completo  del  solo  esborso  monetario.  

Prof.  Raffaele  Scuderi.  Tu7  i  diri7  riserva:.  

6  
25/02/15  

Il  costo  opportunità  
Per   compiere   un’azione   rinunciamo   a   tempo   e   denaro   che  
avremmo  potuto  impiegare  per  fare  altro.  
-­‐  Costi   monetari   (in   termini   di   denaro):   facilmente   misurabili   –  
costi  espliciti  
-­‐  Costi  non  monetari  (es.,  tempo  impiegato):  gli  economisti  usano  
comunque  misurarli  in  termini  monetari!  –  costi  impliciti  

Quindi:  
Costo  opportunità  =  costi  espliciti  +  costi  impliciti  
 
E  se  avessimo  rinunciato  a  diverse  alternative?    
-­‐  Il   costo   opportunità   si   riferisce   alla   migliore   di   tutte   le  
alternative  cui  abbiamo  rinunciato.    
 
 
Prof.  Raffaele  Scuderi.  Tu7  i  diri7  riserva:.  

Un  esempio  
Cfr.  Tabella  1,  Cap.  2,  Lieberman  e  Hall  (2015)    

Costo  esplicito    
-­‐  frequentare  l’università  pubblica  (4  anni):  $20.339  
 
Costo  implicito:    
-­‐  Il  reddito  totale  medio  di  un  ragazzo  americano  di  età   compresa  tra  i  
18  e  24  anni  in  possesso  di  un  diploma  di  scuola  superiore  e  impiegato  
a  tempo  pieno  ammonta  all’incirca  a  $24.000.    
-­‐  Tuttavia  per  frequentare  l’università  si  rinuncia  solamente  a  nove  mesi  
di  lavoro  (durante  l’estate  si  potrebbe  lavorare  a  tempo  pieno):  quindi  
il  reddito  sacri>icato  ammonta  a  circa  9/12  di  $24.000,  ossia  $18.000.    
-­‐  Quindi,  costo  opportunità:  $20.339  +  ($18.000*4)  =  $92.339  
 
Prof.  Raffaele  Scuderi.  Tu7  i  diri7  riserva:.  
 

7  
25/02/15  

Ma  questo  è  tutto?  
Sinora  abbiamo  parlato  soltanto  di  costi  …  
 
…   ma   le   scelte   in   economia   si   fanno  
considerando  anche  altre  cose,  ad  esempio  …  
-­‐  I   beneAici   attesi   di   un’azione   (in   media   un  
laureato   guadagna   di   più   di   un   non  
laureato)  
-­‐  L e   p r e f e r e n z e   ( m i   p i a c e   s t u d i a r e  
all’università)  
Prof.  Raffaele  Scuderi.  Tu7  i  diri7  riserva:.  

E  nella  produzione?  
Sinora   abbiamo   parlato   di   individui   che   devono  
prendere   scelte   sulla   base   di   scarsità   di   tempo   e   di  
denaro.  
 
E  la  produzione?  
-­‐  tutti   i   tipi   di   produzione   hanno   un   costo  
opportunità̀:   per   produrre   qualcosa   in   maggior  
quantità̀,   la   società̀   deve   sottrarre   risorse   alla  
produzione  di  qualcos’altro.  

Costi  contabili  ≠  costi  economici  

Prof.  Raffaele  Scuderi.  Tu7  i  diri7  riserva:.  

8  
25/02/15  

Principi  fondamentali  dell’economia  


(2)  
Il  costo  opportunità  
 
Tutte  le  decisioni  economiche  prese  dagli  individui  o  dalla  
società  nel  suo  complesso  hanno  un  costo.  La  corretta  
misura  del  costo  di  una  scelta  è  il  suo  costo  opportunità,  
cioè  ciò  a  cui  si  rinuncia  quando  si  opera  tale  scelta.    

Prof.  Raffaele  Scuderi.  Tu7  i  diri7  riserva:.  

Una  parentesi  (fondamentale):    


i  gra>ici  
Salario   Ore  di  
24  
mensile   tempo  
libero   18  
1800  
giornaliero  
12  
900  

0   6   12  
24  
0   45   90   Ore  di  lavoro  
Ore  di  lavoro  
mensili   giornaliere  
Proporzionalità  dire/a:  pendenza   Proporzionalità  inversa:  pendenza  
posi2va  (e  costante  in  ogni  punto)   nega2va  (e  costante  in  ogni  punto)  

Prof.  Raffaele  Scuderi.  Tu7  i  diri7  riserva:.  

9  
25/02/15  

La  frontiera  delle  possibilità    


di  produzione  
Frontiera   delle   possibilità   di   produzione  
(PPF):   combinazioni   di   beni   che   si   possono  
produrre   con   le   risorse   e   la   tecnologia  
disponibili.  
 
Ci   consente   di   dire   qualcosa   in   più   sul   costo  
opportunità.  
 
Ha   un   andamento   concavo   (la   pendenza   varia   da  
punto  a  punto).  
 
Prof.  Raffaele  Scuderi.  Tu7  i  diri7  riserva:.  

La  frontiera  delle  possibilità    


di  produzione:  un  esempio  
Asse   orizzontale:   misuriamo   la  
produzione   di   assistenza   sanitaria   Cfr.  Figura  1,  Cap.  2,  
in  numero  di  vite  salvate     Lieberman  e  Hall  (2015)    
 
Asse   verticale:   tutti   gli   altri   beni  
( s u p p o n i a m o   c h e   v e n g a n o  
raggruppati  in  un’unica  categoria)  
 
Mostra  la  quantità   massima  di  tutti  
gli   altri   beni   che   possono   essere  
prodotti   per   ogni   determinato  
numero   di   vite   salvate,   o   la  
quantità   massima   di   vite   salvate  
per   ogni   determinato   ammontare  
di  altri  beni.    

Prof.  Raffaele  Scuderi.  Tu7  i  diri7  riserva:.  

10  
25/02/15  

La  frontiera  delle  possibilità    


di  produzione:  un  esempio  
Partiamo  da  A:    
n o n   p r o d u c i a m o   a s s i s t e n z a  
Cfr.  Figura  1,  Cap.  2,  
sanitaria,  ma  1.000.000  beni   Lieberman  e  Hall  (2015)    
 
Da  A  a  B:    
+100.000  vite  
-­‐50.000  beni  
 
Da  B  a  C:    
+100.000  vite  
-­‐100.000  beni  
 
Da  C  a  D:  
+100.000  vite  
-­‐150.000  beni  
Prof.  Raffaele  Scuderi.  Tu7  i  diri7  riserva:.  

PPF  e  costo  opportunità  


Legge   del   costo   opportunità   crescente:   maggiori   quantità  
produciamo   di   un   determinato   bene,   maggiore   è   il   costo  
opportunità̀  di  produrne  ancora  di  più.  
 
Tale  legge  conferisce  alla  PPF  una  forma  concava,  poiché  la  curva  
diventa  sempre  più̀  ripida  mano  a  mano  che  si  scende  verso  destra.  
 
PPF   ha   pendenza   negativa:   una   variazione   positiva   del   numero  
delle   vite   salvate   implica   una   variazione   negativa   della  
produzione  degli  altri  beni.    
 
Pendenza:   rapporto   fra   la   variazione   del   numero   degli   altri   beni  
(asse   verticale,   Y)   e   la   variazione   del   numero   di   vite   salvate   (asse  
orizzontale,  X).  
 
 
Prof.  Raffaele  Scuderi.  Tu7  i  diri7  riserva:.  

11  
25/02/15  

PPF  e  costo  opportunità  


Il   valore   assoluto   della   pendenza   misura   il   costo   opportunità   (CO)   di   salvare  
una  vita  in  più̀.  
La  PPF  è  concava:  la  pendenza  varia  da  punto  a  punto  e  il  suo  valore  assoluto  
cresce   man   mano   che   diminuisce   il   numero   di   beni   prodotti   e   aumenta   il  
numero  delle  vite  salvate  
 
Da  A  a  B:  ΔY=-­‐50.000  beni;  ΔX=+100.000  vite.  
Pendenza  =  ∆Y/∆X  =  -­‐50.000/100.000  =  -­‐0,5.    
CO  =  |-­‐0,5|  =  0,5  
 
Da  B  a  C:  ΔY=-­‐100.000  beni;  ΔX=+100.000  vite.  
Pendenza  =  ∆Y/∆X  =  -­‐100.000/100.000  =  -­‐1.    
CO  =  |-­‐1|  =  1  
 
Da  C  a  D:  ΔY=-­‐150.000  beni;  ΔX=+100.000  vite.  
Pendenza  =  ∆Y/∆X  =  -­‐150.000/100.000  =  -­‐1,5.    
CO  =  |-­‐1,5|  =  1,5  
 
“Non  esistono  pasti  gratuiti”  (M.  Friedman)  
  Prof.  Raffaele  Scuderi.  Tu7  i  diri7  riserva:.  

Operare  all’interno  della  PPF  


Cfr.  Figura  1,  Cap.  2,  
Punto  W:  interno  alla  PPF   Lieberman  e  Hall  (2015)    
-­‐  Inef>icienza   produttiva:   un’impresa,   un   settore   o   un  
intero   sistema   economico   potrebbero   produrre  
quantità̀  maggiori  di  almeno  un  bene  senza  sottrarre  
risorse  alla  produzione  di  alcun  altro  bene    
-­‐  Provoca  un  aumento  dei  costi  e  una  riduzione  del  pro>itto    
-­‐  Recessione:   rallentamento   dell’attività   economica  
complessiva.    
-­‐  Molte  risorse  sono  inattive:  vi  è  una  disoccupazione  diffusa    
-­‐  Fine   di   una   recessione:   spostamento   del   sistema   economico  
da   un   punto   all’interno   della   sua   PPF   a   un   punto   su   di   essa,  
utilizzando   risorse   inattive   per   produrre   più   beni   e   servizi  
senza  sacri>icare  nulla.    

Prof.  Raffaele  Scuderi.  Tu7  i  diri7  riserva:.  

12  
25/02/15  

Crescita  economica  
Se  il  sistema  economico  sta  già  operando  sulla  sua  PPF,  non  
si  può  sfruttare  l’opportunità̀  di  ottenere  quantità  maggiori  
di  tutto  spostandoci  verso  la  curva.    
Non  si  possono  raggiungere  punti  al  di  fuori  della  PPF!  
-­‐  Ma  se  fosse  la  PPF  stessa  a  spostarsi?  Certo!  Quali  i  
motivi?  
-­‐  Incrementi  delle  quantità  delle  risorse  disponibili  (stock  di  
capitale)  
-­‐  Innovazione  tecnologica  
 
Ma  non  esistono  i  pasti  gratuiti:  per  produrre  quantità  
maggiori  di  beni  e  servizi  nel  futuro  è  necessario  sottrarre  
risorse  alla  produzione  di  beni  e  servizi  che  ci  piacerebbe  
avere  nel  presente  per  dirottarle  verso  la  ricerca  e  sviluppo  
e  la  produzione  di  capitale.    
Prof.  Raffaele  Scuderi.  Tu7  i  diri7  riserva:.  

Crescita  economica  

Cfr.  Figura  3,  Cap.  2,  


Lieberman  e  Hall  (2015)    

Prof.  Raffaele  Scuderi.  Tu7  i  diri7  riserva:.  

13  
25/02/15  

Principi  fondamentali  dell’economia  


(3)  
La  specializzazione  e  lo  scambio  
 
La  specializzazione  e  lo  scambio  ci  consentono  di  ottenere  
una  produzione  maggiore  e  un  tenore  di  vita  più  elevato  di  
quanto  non  sia  altrimenti  possibile.  Di  conseguenza,  tutti  i  
sistemi  economici  presentano  un  alto  livello  di  
specializzazione  e  di  scambio.    
 

Prof.  Raffaele  Scuderi.  Tu7  i  diri7  riserva:.  

Perché  non  siamo  totalmente  


autosuf>icienti!  
Capacità  umane:  in  una  vita  possiamo  imparare  
solo  una  quantità  limitata  di  cose.    
Tempo  necessario  per  passare  da  una  attività  
all’altra:  se  ci  si  specializza,  e  si  spende  più  tempo  
svolgendo  un’unica  attività,  si  riduce  il  tempo  di  
inattività  che  deriva  dal  cambio  di  mansione.  
Vantaggio  comparato:  un  individuo  ha  un  
vantaggio  comparato  nella  produzione  di  un  bene  
se  può  produrlo  con  un  minor  costo  opportunità̀  
rispetto  ad  altri  individui.    
 
 
Prof.  Raffaele  Scuderi.  Tu7  i  diri7  riserva:.  
 

14  
25/02/15  

Vantaggio  comparato  
Cfr.  Tabella  2,  Cap.  2,  
Lieberman  e  Hall  (2015)    

Francesca  ha  un  vantaggio  assoluto  in  ambedue  le  attività  rispetto  a  
Piero  (può  farlo  con  meno  risorse).  
 
Pesce  
Francesca:  costo  opportunità  di  un  pesce  =  2  chili  di  bacche.  
Piero:  costo  opportunità  di  un  pesce  =  3  chili  di  bacche.  
 
Bacche  
Francesca:  costo  opportunità  di  un  chilo  di  bacche  =  1/2  pesce.    
Piero:  costo  opportunità  di  un  chilo  di  bacche  =  1/3  di  pesce.    
 
 
  Prof.  Raffaele  Scuderi.  Tu7  i  diri7  riserva:.  

 
 
 
 
 
 

Vantaggio  comparato  
Cfr.  Tabella  2,  Cap.  2,  
Lieberman  e  Hall  (2015)    

Pesce  
Francesca:  costo  opportunità  di  un  pesce  =  2  chili  di  bacche.  
Piero:  costo  opportunità  di  un  pesce  =  3  chili  di  bacche.  
 
Bacche  
Francesca:  costo  opportunità  di  un  chilo  di  bacche  =  1/2  pesce.    
Piero:  costo  opportunità  di  un  chilo  di  bacche  =  1/3  di  pesce.    
 
Specializzazione  
Piero:  -­‐3  pesci,  +  9kg  bacche  
Francesca:  +4  pesci,  -­‐9kg  bacche  
 
 
  Prof.  Raffaele  Scuderi.  Tu7  i  diri7  riserva:.  
 
 
 
 

15  
25/02/15  

Allocazione  delle  risorse  


•  Quali  beni  e  servizi  dovrebbero  essere  prodotti  con  le  risorse  della  società?    
•  Come  bisognerebbe  produrli?    
•  A  chi  si  dovrebbero  destinare?    
 
Modo  di  allocazione  
Economia  tradizionale  –  Si  osserva  la  consuetudine  e  la  tradizione.  Svantaggio:  
stagnazione  e  assenza  di  sviluppo,  innovazioni,  progresso  tecnologico.  
Economia  pianiAicata  –  Esplicite  istruzioni  impartite  da  un’autorità  superiore.    
Economia  di  mercato  –  Le  persone  sono  ampiamente  libere  di  utilizzare  come  
meglio  preferiscono  le  risorse  a  loro  disposizione,  che  vengono  quindi  allocate  
sulla  base  del  processo  decisionale  individuale.  
•  La  libertà  di  scelta  è  limitata  dalle  risorse  a  disposizione  
•  Alcune  restrizioni  sono  imposte  dallo  Stato  per  assicurare  alla  società  ordine,  
giustizia  e  produttività  
•  L’allocazione  delle  risorse  avviene  attraverso  i  mercati  e  i  prezzi.    

Prof.  Raffaele  Scuderi.  Tu7  i  diri7  riserva:.  

Allocazione  delle  risorse  


Mercato  -­‐  Insieme  degli  acquirenti  e  dei  venditori  che  possono  commerciare  tra  
loro.    
Prezzi  -­‐  Quantità  di  moneta  che  un  acquirente  deve  pagare  a  un  venditore  per  un  
bene  o  un  servizio.    
-­‐  Non  equivale  al  costo.  In  economia  “costo”  signi>ica  costo  opportunità,  cioè  
tutto  ciò  che  sacri>ichiamo  per  acquistare  qualcosa.    
-­‐  Il  prezzo  di  un  bene  è  parte  del  suo  costo  opportunità,  ma  non  corrisponde  al  
costo  complessivo.    
-­‐  Tuttavia,  nella  maggior  parte  dei  casi  il  prezzo  di  un  bene  è  una  parte  considerevole  del  
suo  costo  opportunità.    
-­‐  Per  questo  motivo  che  i  prezzi  sono  così  importanti  per  il  funzionamento  complessivo  
dell’economia:  pongono  i  singoli  individui  di  fronte  al  costo  delle  loro  scelte.    
 
Quando  le  risorse  vengono  allocate  dal  mercato,  e  gli  individui  devono  pagare  i  
propri  acquisti,  essi  sono  costretti  a  considerare  il  costo  opportunità  che  la  
società  deve  sostenere  per  le  loro  azioni.  In  questo  modo  i  mercati  sono  in  
grado  di  portare  a  un’allocazione  intelligente  delle  risorse.  

Prof.  Raffaele  Scuderi.  Tu7  i  diri7  riserva:.  

16  
25/02/15  

Allocazione  delle  risorse  


Proprietà  delle  risorse  
-­‐  Collettiva  (socialismo,  
comunismo)  
-­‐  Privata  (capitalismo)  
  Cfr.  Figura  4,  Cap.  2,  
Sistema  economico   Lieberman  e  Hall  (2015)    
Costituito  da  due  fattori:  
un  meccanismo  di  
allocazione  delle  risorse  e  
una  modalità  di  proprietà̀  
delle  risorse.    
 

Prof.  Raffaele  Scuderi.  Tu7  i  diri7  riserva:.  

17  

Potrebbero piacerti anche