Sei sulla pagina 1di 8

Machine Translated by Google

L'architettura
Rilevanza di Gordon Pask
Usman Haque esamina il contributo di Gordon Pask, il cibernetico residente al Fun Palace di Cedric
Price. Descrive perché nel 21° secolo il lavoro di questo primo sostenitore e praticante della
cibernetica ha continuato a crescere in rilevanza per architetti e designer interessati all'interattività.

Mi sembra che la nozione di macchina che era corrente nel corso della
Rivoluzione Industriale – e che potremmo aver ereditato – sia,
essenzialmente, una nozione di macchina senza scopo, non aveva scopo
'di', aveva un obiettivo 'per'. E questo gradualmente si è sviluppato nella
nozione di macchine con obiettivi "di", come i termostati, a cui potrei iniziare
a oppormi perché potrebbero competere con me. Ora abbiamo la nozione di
una macchina con un obiettivo non specificato, il sistema che si evolve.
Questa è una nozione nuova, niente a che fare con la nozione di macchine
che era in uso durante la Rivoluzione Industriale, assolutamente niente di
simile. È, se vuoi, una nozione molto più biologica, forse sbaglio a chiamare
una cosa una macchina; Gli ho dato quell'etichetta perché mi piace realizzare
le cose come artefatti, ma potresti non chiamare il sistema una macchina,
potresti chiamarlo qualcos'altro.
Gordon Pask1

Gordon Pask (1928–96), scienziato inglese, designer, ricercatore,


accademico, drammaturgo, è stato uno dei primi sostenitori e
praticanti della cibernetica, lo studio del controllo e della
comunicazione nei sistemi di animali e macchine guidati da obiettivi.
Originariamente formato come ingegnere minerario, ha proseguito
per completare il suo dottorato in psicologia. Il suo contributo
particolare è stato una formulazione della cibernetica di secondo
ordine come struttura che rende conto di osservatori, conversazioni
e partecipanti ai sistemi cibernetici.
Pask è stato uno degli espositori della mostra 'Cybernetic
Serendipity' allestita all'ICA, Londra, nel 1968, a cura di Jasia Reichardt,
una mostra che è diventata l'ispirazione per molti futuri designer
dell'interazione. I circuiti di interazione dei sistemi cibernetici, come il
Gordon Pask, cibernetico.
Colloquio dei cellulari di Pask (1968), in cui le azioni portano a impatti
sull'ambiente che portano al rilevamento e all'ulteriore modifica delle azioni,
sono alla base della nozione di ambiente paskiano. È anche noto per la sua l'Architecture Machine Group al MIT (poi diventato il Media Lab).
Teoria della conversazione, una teoria dell'interazione particolarmente Si può obiettare che queste collaborazioni erano troppo in anticipo
coerente e potenzialmente la più produttiva che comprende le configurazioni sui tempi e non sono state pienamente comprese dalla più ampia
da uomo a uomo, da uomo a macchina e da macchina a macchina in un comunità architettonica, ma hanno contribuito a gettare le basi per
quadro comune. ambienti dinamici, reattivi e autenticamente interattivi.

Di recente c'è stata un'ondata di interesse per Pask's La portata della ricerca, delle teorie e della progettazione/
opera di architetti, artisti e designer2, anche se il suo costruzione di manufatti di Pask è stata enorme.3 In quanto tali,
sodalizio con gli architetti risale agli anni Sessanta, fino ai diversi gruppi di persone trovano tratti del suo catalogo
primi anni Novanta, con collaborazioni intraprese in particolare completamente diversi rilevanti per il proprio lavoro. Negli anni '60
presso l'Architecture Association, Londra, e con ha collaborato con l'architetto Cedric Price al progetto Fun Palace come

54
Machine Translated by Google

esseri umani, dispositivi e i loro ambienti condivisi potrebbero


coesistere in una relazione reciprocamente costruttiva. Se pensiamo
di avere conversazioni con i nostri ambienti in cui ognuno di noi deve
imparare gli uni dagli altri, allora i primi esperimenti di Pask con i
sistemi meccanici ed elettrochimici forniscono una struttura
concettuale per la costruzione di artefatti interattivi che affrontano la
naturale complessità dinamica che gli ambienti devono avere senza
diventare prescrittivo, restrittivo e autocratico.
In questo contesto, le sue macchine didattiche e conversazionali
dimostrano sistemi autenticamente interattivi che sviluppano profili
di interazione unici con ogni partecipante umano. Questo approccio
contrasta nettamente con l'approccio "Star Trek Holodek" spesso
tentato nei cosiddetti intelligenti

'A rch itectu re of Conversations', schizzo di Gordon Pask per annotare una
conversazione tra due individui (designer e co-designer) che dà origine a un ambiente;
un osservatore esterno può attribuire intelligenza a questo ambiente.

Ora, all'inizio del 21° secolo,


la Teoria della Conversazione
di Pask sembra particolarmente
importante perché suggerisce
come, nel campo crescente
dell'ubiquitous computing, gli
Una foto di quello che si crede sia l'ultimo frammento rimasto di una macchina
esseri umani, i dispositivi e i SAKI. Le query e le risposte corrette sono definite da "bit" metallici posizionati in un
array, proprio come le schede perforate venivano utilizzate nei primi computer.
loro ambienti condivisi
potrebbero coesistere in una
ambienti, che presuppone che tutti noi vediamo tutte le cose allo
relazione reciprocamente costruttiva.
stesso modo e che nega il ruolo creativo-produttivo del partecipante
nelle interazioni con tali ambienti. Pask ha riconosciuto, ad esempio,
che l'interpretazione e il contesto sono elementi necessari nel
cibernetico residente, introducendo il concetto di linguaggio – in opposizione alla localizzazione del significato stesso
obiettivi sottospecificati ai sistemi di architettura. Negli anni '70, nel linguaggio – che è particolarmente importante da considerare per
il contributo di Pask alla filosofia dell'Architecture Machine Group qualsiasi processo di progettazione, non ultima la costruzione
del MIT era incentrato sulla nozione di architettura come fattore dell'esperienza architettonica.
abilitante della collaborazione.4 E negli anni '80 e all'inizio degli anni Le sue teorie sugli obiettivi sottospecificati e costruiti
'90, architetti come John Frazer dell'Architecture Association erano dall'osservatore hanno avuto una grande influenza sul mio lavoro.
particolarmente interessati a come I sistemi adattivi di Pask Nel 1996, sotto la guida di Ranulph Glanville, ex studente e
potrebbero essere applicati al processo di progettazione architettonica collaboratore di Pask, e Stephen Gage, anche lui appassionato di
al fine di evolvere forme e comportamenti degli edifici. Pask, il mio ultimo progetto di scuola di architettura, Moody Mushroom
Ora, all'inizio del 21° secolo, la Teoria della Floor, era un sistema interattivo a pavimento di suono, odore e luce
Conversazione di Pask sembra particolarmente importante perché che ne determinava i risultati in relazione a obiettivi fluttuanti e
suggerisce come, nel campo crescente dell'ubiquitous computing, risposte percepite: nessun comportamento era preprogrammato.

55
Machine Translated by Google

Una delle prime macchine paskiane. Gordon Pask e Robin McKinnon-Wood, MusiColour, 1953 Il sistema di performance
è stato installato in diverse località del Regno Unito.
Questa immagine mostra il sistema di controllo installato alla Mecca Locarno a Streatham.
MusiColour è apparso per l'ultima volta nel 1957.

Più recentemente, Open Burble (2006) è stato un tentativo di La MusiColour Machine,6 costruita nel 1953, era un
costruire un sistema costruttivo interattivo, nel senso che i sistema performativo di luci colorate che si illuminavano di
partecipanti hanno sia influenzato la struttura, spostandola concerto con l'input audio di un esecutore umano (che
all'interno di un parco, sia costruito il modo in cui la struttura ha potrebbe utilizzare uno strumento musicale tradizionale).
risposto ad essi progettando e assemblando struttura modulare MusiColour non deve essere confuso con le luci da discoteca
loro stessi come hanno scelto. Infine, i progetti in corso Paskian multicolori di oggi che rispondono direttamente al volume e alla
Environments (con Paul Pangaro, altro ex studente e collaboratore frequenza in modo deterministico/preprogrammato. Piuttosto, con
di Pask) ed Evolving Sonic Environment (con Robert Davis, i suoi due input (frequenza e ritmo) MusiColour manipola le sue
Goldsmiths' College) mirano a fornire strategie concrete e uscite di luce colorata in modo tale da diventare un altro interprete
pragmatiche per implementare le teorie di Pask in un contesto in una performance, creando un output unico (sebbene non
architettonico. casuale) ad ogni iterazione.
Quello che segue è una comprensione di come il lavoro di La sequenza delle emissioni luminose potrebbe dipendere
una vita di Pask possa essere reso ancora più rilevante che mai in qualsiasi momento dalle frequenze e dai ritmi che può ascoltare,
per la pratica dell'architettura. Pask ha sicuramente pensato e ma se l'input diventa troppo continuo, ad esempio il ritmo è troppo
scritto molto sul campo, ma alcuni dei concetti qui descritti si statico o la gamma di frequenze è troppo coerente, MusiColour si
basano sulla mia interpretazione dei suoi progetti, che anche lui annoierà e inizierà per ascoltare altre gamme di frequenza o ritmi,
potrebbe non aver considerato architettonico. In alcuni luoghi accendendosi solo quando li incontra. Questa non è una
cerco semplicemente di estendere al campo dell'architettura gli traduzione diretta: ascolta determinate frequenze, risponde e poi
approcci da lui inventati; in altri uso concetti che ha costruito per si annoia e ascolta altrove, produce e stimola l'improvvisazione e
considerare alternative alle nostre attuali ipotesi sull'architettura. riassembla il suo linguaggio proprio come farebbe un musicista
Quattro dei progetti di Pask, in particolare, danno suggerimenti jazz conversando con altri membri della band. I musicisti che
su come creare ambienti interattivi più ricchi, coinvolgenti e hanno lavorato con esso negli anni '50 lo hanno trattato in modo
stimolanti. Vale la pena ricordare che ognuno di questi è molto simile a un altro partecipante sul palco.
antecedente al comune computer digitale ed è stato quindi
costruito principalmente utilizzando componenti analogici. Le L'innovazione in questo progetto è che i dati (la luce
descrizioni seguenti sono state semplificate, il che è in qualche output pattern) è provocato e prodotto dai partecipanti
modo in contrasto con lo spirito di un approccio paskiano – spesso (altri musicisti) e nulla esiste finché uno di loro non entra in
necessariamente complesso – ma si spera che inducano il lettore conversazione con l'artefatto progettato. In questo approccio
a seguire gli scritti di Pask, che coprono sia le teorie che i risultati costruttivo incentrato sui partecipanti, i dati evocati non hanno
del progetti che ha effettivamente costruito.5 limiti.

56
Machine Translated by Google

Pask ha costruito un sistema che aspira a fornire abbastanza In primo luogo, viene tenuta una registrazione per ogni singolo
varietà per mantenere una persona interessata e coinvolta senza elemento studiato per quanto riguarda la quantità di tempo che uno studente
diventare così casuale che il suo output sembri privo di senso. impiega per completare questo elemento; uno studente è in grado di tornare
Il modo in cui questi criteri (novità vs noia) vengono misurati è fondamentale più frequentemente su quei problemi che trova più difficili.
per il sistema.7 Questo calcolo viene costantemente riformulato sulla base In secondo luogo, viene fornito un periodo di tempo limitato per rispondere
di come la persona risponde alla risposta. A differenza dell'approccio di a una domanda. Se uno studente risponde correttamente a una domanda,
ottimizzazione dei modelli orientato all'efficienza adottato da molti sistemi la prossima volta che l'elemento viene testato, lo studente ha meno tempo
ambientali reattivi, un'architettura costruita sul sistema di Pask incoraggerebbe per rispondere. Se, tuttavia, la risposta non è corretta, il tempo di risposta
continuamente la novità e provocherebbe relazioni conversazionali con i consentito per quell'elemento viene successivamente aumentato. Terzo, viene
partecipanti umani. dato un segnale dopo un certo periodo di tempo se non c'è stata risposta da
parte dello studente. Il ritardo per la visualizzazione di questo segnale aumenta
Il Self-Adaptive Keyboard Instructor (SAKI), progettato da Pask e Robin la prossima volta che questo elemento viene visualizzato quando uno studente
McKinnon-Wood nel 1956, era essenzialmente un sistema per insegnare restituisce risposte corrette e diminuisce quando restituisce risposte errate.
alle persone come aumentare la velocità e la precisione nella digitazione Ad un certo punto, quando uno studente è sufficientemente abile con un
di simboli alfabetici e numerici utilizzando una tastiera a 12 tasti. le singolo oggetto, questo periodo sarà maggiore del periodo di risposta
macchine didattiche hanno seguito un modello di apprendimento a consentito e allo studente non verrà più fornito un segnale.
memoria, in cui uno studente tenta di emulare e viene quindi valutato
per i successi, SAKI imita la possibile relazione tra un insegnante umano e Il risultato è che, mentre inizia la presentazione degli elementi di prova
uno studente. Un insegnante è in grado di rispondere direttamente ai fuori alla stessa velocità per ogni elemento con informazioni
bisogni apparenti di uno studente concentrandosi a volte su aspetti particolari tempestive sui segnali, gradualmente, man mano che lo studente migliora,
del materiale da studiare se si misurano le debolezze in queste aree. Ciò si il ritmo viene aumentato e i segnali vengono ritirati per elementi particolari.
ottiene nel sistema costruito da Pask tramite la modulazione dinamica di tre Se uno studente ha difficoltà con un singolo elemento, manifestato
variabili. commettendo un errore o rispondendo lentamente, il ritmo viene ridotto solo
per quell'elemento e le informazioni sul segnale vengono reintrodotte in modo
selettivo.
In qualsiasi momento, la macchina risponde non solo all'input effettivo
dello studente, ma cambia anche il modo in cui risponde sulla base delle
interazioni passate (a volte fornendo informazioni di spunto, a volte no; a
volte concedendo tempo sufficiente per rispondere, altre volte riducendolo ).
Lo studente risponde alla macchina proprio come la macchina sta rispondendo
allo studente e la natura dei suoi obiettivi in qualsiasi momento dipende dalla
particolare storia di risposta che l'altro ha fornito.

Per un'architettura basata su sensori e attuatori, SAKI fornisce una


strategia pragmatica per la costruzione di algoritmi che hanno molteplici
input e output ambientali dinamici, ma

Ritenuto un pannello della strumentazione del progetto Eucrates (1955), Gord on Gordon Pask e Robin McKinnon-Wood, Self-Adaptive Keyboard
Pask ha sviluppato il sistema con Robin McKinnon-Wood e CEG Bailey per Instructor (SAKI), 1956 L'unità di calcolo è a sinistra, il riquadro centrale
simulare la relazione tra insegnante e studente. Il suo uso di variabili per concetti è la tastiera che l'allievo usa per inserire le voci e l'unità a destra mostra i prompt
come 'consapevolezza', 'ostinazione' e 'oblio' sono fondamentali per il sistema. e informazioni di spunto.

57
Machine Translated by Google

uno che è ancora in grado di rendere conto di un contributo cosa importante però, modificando i criteri di input, ad esempio utilizzando
esplicitamente umano. Fornisce un modello di interazione in cui un campi elettromagnetici anziché vibrazioni, il sistema potrebbe far crescere
individuo può regolare direttamente il modo in cui una macchina risponde a dinamicamente un nuovo tipo di sensore.
lui o lei in modo che possano convergere su una natura di feedback Il ragionamento alla base dell'interesse di Pask per obiettivi
reciprocamente gradevole: un'architettura che impara dall'abitante proprio sottospecificati è che se un designer specifica tutte le parti di un progetto
come l'abitante impara dall'architettura . e quindi tutti i comportamenti che le parti costituenti possono avere
I computer chimici sono assemblaggi costruiti plausibilmente all'inizio, l'eventuale identità e funzionamento di quel progetto
elettrochimicamente, in grado di calcolare un'uscita elettrica sulla sarà limitato da ciò che il progettista può prevedere. È quindi chiusa alla
base dell'ingresso elettrico. Nel 1958 Pask era particolarmente novità e può rispondere solo a preconcetti che in essa sono stati
interessato a come questi potessero essere utilizzati per costruire esplicitamente o implicitamente incorporati.9 Se, invece, un costrutto
sistemi analogici che emulassero reti neurali biologiche nella loro progettato può scegliere ciò che percepisce, o disponendo di sensori mal
mancanza di specificità: nel tempo evolvevano comportamenti a seconda definiti o determinandone dinamicamente proprie categorie percettive, quindi
di come venivano addestrati. Tali sistemi possono modificare le loro si avvicina di un passo alla vera autonomia che sarebbe richiesta in un
interconnessioni sistemiche man mano che crescono al fine di migliorare la sistema autenticamente interattivo. In senso ambientale, la componente
competenza nel calcolo o nel riconoscimento di schemi. In effetti, Pask ha umana dell'interazione diventa quindi cruciale perché una persona coinvolta
scoperto che possono far crescere i propri sensori. nella determinazione dei criteri di input/output è impegnata in modo produttivo
in conversazioni con il proprio ambiente.
Ha raggiunto questo obiettivo coltivando fili utilizzando una
tecnica nota di inserimento di elettrodi alimentati in soluzioni
alcoliche di stagno e argento. I viticci crescerebbero da un elettrodo In effetti, se tale incarnazione ha obiettivi sottospecificati, ci consente di
all'altro, oa diversi se fossero alimentati più elettrodi. Una volta spezzato collaborare e convergere su obiettivi condivisi. Siamo in grado di influenzare
un filo, si ricostruiva e si riconfigurava spontaneamente, con la rottura che sia la risposta dell'incarnazione che il modo in cui viene calcolata la risposta.
risaliva il corso del filo. Un elettrodo sensore è stato inserito nella filettatura
per misurare la forma d'onda di uscita generata da questa disposizione. Questa è una nozione di interazione completamente diversa da quella
utilizzata in molti dei cosiddetti sistemi interattivi odierni, che si basano
su reazioni circolari e deterministiche improduttive e predefinite. In questi
L'affascinante innovazione fatta da Pask è stata quella di premiare il sistemi, la macchina contiene una quantità limitata di informazioni e
sistema con un afflusso di ioni metallici liberi – che consentono la l'essere umano naviga semplicemente attraverso un paesaggio emergente
crescita dei fili – quando sono stati soddisfatti determinati criteri di uscita per scoprirlo tutto. Faccio qualcosa, il dispositivo/oggetto/ambiente mi
(misurati all'elettrodo). La disposizione era così delicata che è stata influenzata restituisce qualcosa; Faccio qualcos'altro, l'ambiente mi restituisce
da tutti i tipi di input comprese, ma non limitate a, vibrazioni fisiche. Sebbene qualcos'altro. L'essere umano è alla mercé della macchina e del suo
siano stati impiegati diversi metodi, uno in particolare è interessante per la sistema logico intrinseco e preconfigurato. C'è poco della conversazione
sua potenziale applicazione architettonica come sistema di rilevamento che dovrebbe avere un ambiente veramente interattivo, soprattutto nel
dell'ambiente adattivo. È stato emesso un segnale acustico. Al momento del senso che non può emergere nulla di nuovo perché tutte le possibili risposte
suono, se la frequenza del cicalino appariva sull'elettrodo del sensore, il sono già programmate.
sistema veniva ricompensato con i suoi ioni metallici. Particolari disposizioni
del filo rilevavano occasionalmente il cicalino e replicavano la frequenza
elettrica sull'elettrodo del sensore. L'approccio di questi lavori è in realtà radicato in una filosofia causale
e deterministica del XIX secolo che è facile da comprendere a breve
termine (perché si basa su una relazione causale tra uomo e macchina –
Come risultato del sistema di ricompensa - la fornitura di ioni metallici io faccio X, quindi la macchina Y torna da me) , ma è insostenibile a lungo
- a questi tipi di reti è stato permesso di sopravvivere e prosperare mentre termine perché incapace di rispondere a situazioni nuove o imprevedibili.
quelle che non rispondevano al segnale acustico erano affamate di ioni e Pask era più interessato a creare interazioni in evoluzione e variabili la cui
tendevano a estinguersi. In altre parole, misurando i criteri di uscita (la somma totale è conversazionale in un senso valido. Non si tratta di
forma d'onda generata) e premiando il sistema quando questi criteri di nascondere e poi rivelare, ma piuttosto di creare informazioni, proprio come
uscita erano correlati a criteri di ingresso specifici (il suono del cicalino), il Wikipedia consente nel contesto del Web.
sistema è migliorato nel riconoscere il cicalino.

Il sistema è stato quindi in grado di evolvere il proprio sensore In un contesto architettonico, questo approccio ci consente di
sonoro, cosa che non sarebbe stata possibile se tutti i componenti del convergere, concordare e quindi condividere i reciproci modelli concettuali
sistema fossero stati ben specificati all'inizio dell'esperimento perché la di uno spazio e gli adattamenti che riteniamo necessari.
progettazione e la costruzione di tali strutture chimiche sarebbe stata Con questa concezione condivisa siamo in grado di agire meglio in base
proibitiva. La sottospecifica dei fili significava che un sensore del suono ai dati di uno spazio insieme a un manufatto, e farlo in modo costruttivo,
molto migliore poteva essere sviluppato e costruito. Di più coinvolgente e in definitiva soddisfacente. Un tale sistema deve funzionare
con sottospecificato

58
Machine Translated by Google

Parte del Colloquio di Mobiles di Gordon Pask, che mostra le due figure "maschili" sul lato sinistro e due delle tre figure "femminili"
sulla destra. L'opera sul retro è Music Computer di Peter Zinovieff.

59
Machine Translated by Google

quali sono i 21°C, che non sentiamo le fluttuazioni dell'isteresi termica entro
limiti di 3°C al minuto.
Questo ha senso per qualcosa di facile da imparare e
comprendere come un termostato, in cui esiste un intervallo finito di condizioni
di ingresso e un intervallo finito di condizioni di uscita e il sistema tenta di
mappare dagli ingressi alle uscite in modo lineare-causale. Tuttavia, diventa
problematico in sistemi ambientali complessi come quelli che tengono conto
delle previsioni meteorologiche, dei prezzi dell'energia e delle condizioni
interne, che sono in grado di influenzare direttamente i percorsi della luce
solare, la temperatura e l'umidità, l'ombreggiatura e altre entità di gestione
degli edifici senza comprendere veramente come le conversazioni paskiane
può essere utile. Eppure questo è l'approccio adottato dall'ubiquitous
computing contemporaneo. Conosciuto anche come approccio del "computer
che scompare", questa disciplina mira a nasconderci le complessità della
tecnologia, ma in realtà rimuove quel poco controllo che avremmo potuto
Gordon Pask, Colloquio di Mobiles, ICA, Londra, 1968 Il
sistema è stato installato alla mostra seminale 'Cybernetic Serendipity'; le forme avere sulle nostre condizioni ambientali e ci richiede di riporre tutta la fiducia
bulbose "femminili" qui sono state progettate da Yolanda Sonnabend. nelle presunzioni dell'originale progettisti di sistemi.

sensori – o un'intera collezione di essi, ogni singolo sensore può essere Tali sistemi ambientali devono contenere metodi per garantire che i
o meno eventualmente determinato come utile per calcolarne l'output e risultati proposti del sistema siano effettivamente accettabili per l'uomo.
quindi premiato dal sistema – o, meglio ancora, può evolvere i propri sensori, La notevole complessità e le dimensioni del sistema devono essere in
attraverso criteri di input determinati dinamicamente .10 Nel suo progetto grado di migliorare i risultati senza confondere una persona con troppi
Colloquy of Mobiles (1968),11 a fisicamente risultati inappropriati o incomprensibili. Inoltre, lui o lei deve avere un modo
per rifiutare l'inappropriatezza e premiare quei criteri che sono utili. Una
incarnazione costruita della Teoria della Conversazione, Pask ha persona deve essere in grado di costruire un modello di azione in
sospeso una collezione di manufatti meccanici appositamente costruiti in collaborazione con l'ambiente.
grado di muoversi e ruotare, alcuni dirigendo fasci di luce ("femmine") e
altri utilizzando una combinazione di servi e specchi per riflettere la luce Ciò rende chiaro che dobbiamo essere in grado di stabilire
("maschi"). connessioni coerenti con i nostri sistemi ambientali. Piuttosto che
Il movimento era inizialmente casuale fino a quando un raggio di luce semplicemente fare esattamente quello che diciamo loro (che si basa sul
di una femmina non è stato catturato da un maschio e riflesso al sensore di fatto che sappiamo esattamente cosa vogliamo entro i termini delle macchine,
luce della femmina. A questo punto, il movimento cesserebbe e i raggi di termini che sono predeterminati dal progettista originale) o in alternativa i
luce furono bloccati in posizione mentre i maschi iniziavano a far oscillare i sistemi ci dicono esattamente di cosa pensano che abbiamo bisogno (che si
loro specchi. Dopo un po' i cellulari riprendevano a muoversi, alla ricerca di basa sull'ambiente che interpreta i nostri desideri, portando alla consueta
nuovi equilibri. disuguaglianza uomo-macchina), un sistema paskiano ci fornirebbe un
Se lasciati soli, i maschi e le femmine continuerebbero a metodo per confrontare la nostra concezione delle condizioni spaziali con la
coreografia elaborata e complessa di conversazioni attraverso il concezione dello spazio della macchina progettata.
mezzo della luce – che non era necessario o addirittura possibile
preprogrammare – trovando coerenza ogni tanto quando un raggio di luce È fondamentale in questa fase dello sviluppo di interattivi e
veniva condiviso tra i membri di una conversazione. Il punto più interessante media basati sul tempo per riconsiderare il modello di interazione di Pask,
è arrivato quando i visitatori sono entrati in scena. Alcuni hanno bloccato i soprattutto perché non siamo più ingenui nel trattare le nostre interfacce
percorsi di luce mentre altri hanno utilizzato torce portatili per sincronizzare i tecnologiche. Ora ci aspettiamo di più da loro e siamo in grado di
dispositivi. I maschi e le femmine non erano in grado di distinguere tra la luce comprendere meglio le strutture dietro di loro. Un approccio paskiano
creata da un visitatore e la luce riflessa da una femmina, e non ne avevano all'architettura non richiede necessariamente complessità di interazione: si
bisogno. Sono stati ancora in grado di trovare coerenza all'interno dei propri basa sulla creatività della persona e della macchina che negoziano attraverso
termini di riferimento. un'interfaccia, tecnologica o meno.

Il colloquio ci ricorda quel sensore/attuatore ambientale Nei suoi progetti, teorie e costruzioni, Pask fornisce una guida
i sistemi (raggi di luce in questo caso) risponderanno al loro rigorosa su come costruire tali sistemi, con definizioni rigorose di
ambiente esclusivamente alle proprie condizioni. Ad esempio, la "prestazioni", "conversazione", "interazione", "ambiente" e "partecipazione".
misurazione e l'azione di un termostato sulla temperatura è predeterminata
dalle concezioni del progettista e si basa quindi su vari presupposti, Ammetto che semplici dispositivi reattivi progettati per soddisfare il
presupposti del nostro desiderio di una temperatura ambiente costante - che comfort delle nostre creature sono utili per obiettivi funzionali. Questi
sappiamo includono sistemi come quelli impiegati in Bill Gates'

60
Machine Translated by Google

Questo è un requisito cruciale per creare spazi e ambienti che


promuovano il coinvolgimento con i loro occupanti.
I sistemi architettonici costruiti con strategie paskiane ci consentono di
sfidare il tradizionale modello architettonico di produzione e consumo che
pone una netta distinzione tra progettista, costruttore, cliente, proprietario
e semplice occupante.
Possiamo invece considerare sistemi architettonici in cui l'occupante
assume un ruolo di primo piano nella configurazione e nell'evoluzione
dello spazio che abita, un approccio dal basso verso l'alto che consente una
relazione più produttiva con i nostri ambienti e tra di noi. L'approccio di Pask,
se implementato, fornirebbe un contrappunto cruciale all'attuale approccio di
calcolo pervasivo che si basa su circuiti di interazione che sono stati fissati
dal progettista e, se implementato, avrebbe un impatto positivo sulla
progettazione degli ambienti futuri.

Questa interpretazione del modo di pensare di Pask


Pask è stato rigoroso nell'uso di parole come "concetto", "coerenza" e "analogia", spesso utilizzando
schizzi di forme toroidali 3-D per rappresentarle nel contesto dell'interazione, dell'evoluzione e della i sistemi interattivi non si traducono necessariamente in
conversazione. soluzioni tecnologiche. Non si tratta di progettare rappresentazioni
estetiche di dati ambientali, o migliorare l'efficienza online o rendere più
palazzo tecnologicamente saturo, che tiene traccia delle posizioni dei spettacolari le strutture urbane. Né si tratta di creare un altro pezzo di arte
visitatori per fornire loro temperature ottimizzate preimpostate in ogni stanza della lobby high-tech che risponda ai flussi di persone che si muovono
in cui entrano. Includono anche sistemi di gestione degli edifici che attraverso lo spazio, che è altrettanto rappresentativo, gravato da metafore
ottimizzano la distribuzione della luce solare, stanze che cambiano colore e incontrastato come un educato paesaggio ad acquerello.
quando le persone vi entrano e facciate che rappresentano le condizioni
ambientali o interne sulle loro superfici. Questi soddisfano criteri di efficienza Si tratta di progettare strumenti che le persone stesse possano utilizzare
molto particolari che sono determinati durante e limitati dal processo di costruire – nel senso più ampio del termine – i propri ambienti e,
progettazione. di conseguenza, costruire il proprio senso dell'agire.
Tuttavia, la chiave per i sistemi innovativi sottospecificati di Pask è che i Si tratta di sviluppare modi in cui le persone stesse possono diventare più
criteri di input sono determinati dinamicamente; a volte, come MusiColour, coinvolte e, in definitiva, responsabili degli spazi che abitano. Si tratta di
regolando la ponderazione di particolari criteri di input – variando quanto investire la produzione dell'architettura con le poesie dei suoi abitanti. 4
siano importanti nel calcolo generale – ea volte, come il computer chimico,
consentendo al sistema di selezionare o costruire i propri criteri di input. Vorrei ringraziare il dottor Paul Pangaro per aver fornito commenti durante la preparazione
di questo articolo.

Appunti Cybernetics, Art and Ideas, Studio Vista (Londra), 1971, pp 76–99, fornisce una buona descrizione
1 Citato in Mary Catherine Bateson, Our Own Metaphor: A Personal Account of a Conference on del progetto. 7 ibid.
the Effects of Conscious Purpose on Human Adaptation, Alfred A Knopf (New York), 1972.
8 Vedi Gordon Pask, 'SAKI: 25 years of adaptive training into the micro p rocessor era', in International
2 Si vedano, ad esempio, i recenti tentativi di replicare gli esperimenti elettrochimici Journal of Man-Machine Studies, Vol 17, 1982, pp 69–74.
di Gordon Pask di Peter Cariani, Tufts Medical School; collaborazioni di Jon Bird, Università 9 «I sensori e gli effettori determinano in che modo gli eventi nel mondo in generale sono correlati agli
del Sussex e dell'artista Andy We bster ; Dendrite dell'architetto Pablo Miranda, Royal Institute of stati informativi interni degli organismi e dei dispositivi robotici. I sensori determinano quali tipi di
Tech nology, S to ckholm; la professoressa della Cornell University Maria Fernández, che scrive ,
distinzioni (categorie percettive, caratteristiche primitive) possono essere fatte sull'ambiente. Attraverso
della mostra "Cybernetic Serendipity" di R eich a rdt all'ICA di Londra con particolare attenzione l'evoluzione del sensore, i repertori percettivi possono essere modificati e/o ampliati in modo adattativo.
alle installazioni di Pask; Andrew Pickering, storico della scienza dell'Università dell'Illinois, che Nella misura in cui i dispositivi possono scegliere in modo adattativo le proprie caratteristiche primitive
prepara un libro sui cibernetici inglesi; collaborazione tra Omar Khan, Buffalo University e Raoul per se stessi, ottengono una maggiore misura di "autonomia epistemica" rispetto ai loro progettisti.
Bunsch oten A rch itectu re Association, Londra.
, Tali dispositivi sono utili in situazioni mal definite in cui il progettista non sa a priori quali
caratteristiche primitive siano adeguate o ottimali per risolvere un particolare compito. Da Peter
3 Anche ora i suoi archivi (sia in Europa che in Nord America) non sono stati completamente Cariani, 'Autonomia epistemica attraverso il rilevamento adattivo', Atti della conferenza congiunta
classificati, sebbene il suo archivio nel Regno Unito sia stato recentemente trasferito a Vienna. IEEE ISI C / CR A /IS AS del 1998, IEEE (G aithersbu rg, MD), 1998, pp 718–23. Esperto di sistemi
4 Nicholas Negroponte, Soft Architecture Machines, MIT Press (Cambridge, MA), 1976. paskiani, Cariani ha ricostruito il computer chimico sensoriale di Pask.

5 In questo contesto è importante notare l'enorme contributo che Robin McKinnon-Wood, amico, 10 Per ulteriori informazioni su questo, vedere 'Distinguished Concepts: Lessicos of Interactive Art
collaboratore e socio in affari, ha dato al lavoro di Pask; costruì e aiutò a progettare molte delle e Architettura' anche in questo volume.
macchine paskiane qui descritte. Per ulteriori informazioni su questa collaborazione, vedere Ranulph 11 Cfr. Jasia Reichardt, Cybernetic Serendipity, numero speciale Studio International ,
Glanville, "Robin McKinnon Wood and Gordon Pask: a lifelong conversation", originariamente Londra, 1968.
pubblicato sul Journal of Cybernetics and Human Learning, Vol 3, No 4, 1996, ora disponibile
online su www.imprint.co .uk/C&HK/vol3/v3-4rg.htm. Testo © 2007 John Wiley & Sons Ltd. Immagini: pp 54, 56(l), 57(r), 60 - 61 © Gord on Pask Archive,
Università di Vienna, Austria; pp 55, 56(r), 57(l) © Pask Archive North America; p 59 J Reichardt

6 Gordon Pask, 'A Comment, a case history, a plan', in Jasia Reichardt,

61

Potrebbero piacerti anche