Sei sulla pagina 1di 132

The Power of Dreams

impaginato_N05.indd 1 02/02/2006 16.08.43


Sommario
Numero 05
GENNAIO / FEBBRAIO
ANNO 2006

Xtreme stuff

30 68
18

Skipass 2005 WUP BMX


e Meeting
Italian Freestyl ica cresce
Contest 2005
i dedicati
al turismo,
Quattro giorn invernali e al freestyle
La febbre olimp t
tutti gli spor 2006 il piu' impo
rtante
naFiere In dettaglio o a mille per
agli sport ualmente Mode rnali di Torin Adrenalina torio itali
ano
ormato virt Olimpici Inve BMX sul terri
hanno trasf sciistica evento di
una gran de stazione
in

26
CCSBJP
(FOOBJP'F
9.

Xtreme stuff

60
74
CCSBJP
(FOOBJP'F
.

La Ruta Maya
(FOOBJP'F
CCSBJP 33 9.

52
32 (FOOBJP'F
CCSBJP
Alla scoperta Maya,
he vie dei
9.

delle antic dell’ inosp


itale
Xtreme stuf nel cuore ico,

ATMONAUTI
Sud del Mess
Selva del

36
e Belize...
Guatemala bike
in mountain

dell’atmosfera
navigatori

l tetto
$JUZ BMMF

A piedi nudi su
B (VBUFNBMB
4POP TCBSDBUP TDPSTP  BE
 TFUUFNCSF
 MPDBMJ EFM TDJBUB 
DPMMFHB EFMMBNCB
BUUFOEFSNJ JM TVB
DPOEPUUP OFMMB
DIF  EPQP BWFSNJ NJ IB
NPOUBUP MB CJLF 

ro
TFEF  EPWF IP

ne
LN DJSDB

e
BE "OUJHVB  

nt
BDDPNQBHOBUP 

ine
UZ EBEPWFJMNBUUJOP

del Cont
BEPWFTUEJ(VBUF$J MB NJB BWWFOUVSB
JOJ[JBUP
TFHVFOUF BWSFJ 
IPQSFTPEJSF[JPOF
"M[BUPNJEJCVPOPSB EJ "UJUMBO  EB
JM MBHP
OPSEPWFTU WFSTP WFSTP MB
al mondo EPWF NJ TBSFJ
EJSFUUP B OPSE
il primo uomo dal Kilimanjaro

BUBOFTBUUSBWFSTBOEP
Tom Perry, $PSEJMMFSB $IVDIVN 4BOUB
a piedi nudi
$IJDIJDBTUFOBOHP 
MF MPDBMJUË EJ  )VFIVFUF
a scendere $SV[ EFM 2VJDIÒ  4BDBQVMBT
4BOUPT $IVDIVN
BUBOFT
OBOHP F 5PEPT E
JORVJÒUV UUBVOBTBMJUBEVSBF
-BTUSBEBG J
HMJVMUJNJLN GBUUJE
JNQFHOBUJWB USBOOF 
SJEJTDFTF  DIFQFSVOGSFFSJEFS
TQFUUBDPMB  IP
VOB GFTUB 1VSUSPQQP M
DPNF NF TPOP
BWFMPDJUËBDBVTBEF
EPWVUPMJNJUBSNJOFMM
SJPSF
QFTBOUFDBSJDPQPTUF

P/VMMBEJHSBWF NB
& JOGBUUJ TPOPDBEVU
HJUUP BODIFTFWFSB
DIFCPUUB5VUUPJMUSB 
TP ÒTUBUPGBOUBTUJDP
NFOUFEVSPFGBUJDP MB RVJFUF
EFJ MVPHIJ  QFS
QFS MB CFMMF[[B DIF OPO
 EFMMB HFOUF 
F QFS MF BUUFO[JPOJ CJLF  NJ
VO UVSJTUB JO
BWFOEP NBJ WJTUP EB EPWF WFOJTTJ 
DIJFEFWB
GFSNBWB F NJ SBDDPNBO
F GBDFOEPNJ
DPNQJBDFOEPTJ FSB QFSJDPMPTB

MB TUSBEB
EB[JPOJ QFSDIÏ T
DIFEB5PEPT4BOUP
TPQSBUUVUUPJMUSBUUP 
OGJOFDPO JM.FTTJDP
WBBMMB.FTJMMB BMDP EB MÖ F IP
P TPOP QBSUJUP
BNJDJ TJ BCCSBDDJBO *OGBUUJ  RVBOEP
NBUUJOP 0UUP MMFSBDPOVOQBTTBH
0SF TFUUF EFM EFMM"GSJDB  JM
,JMJ
BUUSBWFSTBUPMB$PSEJ 
WFUUB  TVM UFUUP NJTPOP SFTPDPOUP
DPNNPTTJ JO NFUSJ  HJPEJLNDJSDB
JUUB6IVSV1FBLB VPHPBWFWBOPSBHJP
NBOKBSP4PUUPMBTDS HMJFDPO DIFHMJJOEJHFOJEFMM 
MBWJDP 5PN1FSSZTJUP TQJOHFSFMBCJLFQFS
TFEVUPTVVONBTTP JEFMTPMF OFIPEPWVUPTQFTTP DIF MB
TBOUJTDBSQPOJ*SBHH F QFS JM GBOHP
VOHFTUPBCJUVBMFJQF JM UFSNPNFUSP MF JODSFEJCJMJ TBMJUF 
B TDBMEBSF  NB DPNFDPO TVFUVEJOF
DPNJODJBOP BQQFOB WJTUP DPO J NJFJ QJPHHJBBWFWBDSFBUP J
 4F OPO BWFTTJ DRVB[[POJJNQSPWWJT
TFHOB BODPSB EFMDMJNBUSPQJDBMF B EFM HJPSOP 
EFSF EVSBOUF MBSDP
PDDIJ OPOFSBEBDSF DPO MP THVBSEP  TPOP TPWFOUJ MB
QPUVUP TFHVJSF CBTUB QFS SJEVSSF
4F OPO MP BWFTTJ NFUSJEJ CSFWJ  NB RVBOUP
EJOVEJBRVBTJ JOP
NFOUSFDPSSFWBBQJF DIF VO VPNP TUSBEBBEVOBDRVJUS
UF BWSFJ QFOTBUP
RVPUB  EJGGJDJMNFO VJBQJFEJ
BEJTJNJMFy*OWFDFM
QPUFTTFGBSFRVBMDPT EJ QPMWFSF OFMMB CCSBJP 19 9.
EPTJ USB OVHPMJ (FOOBJP'F
OVEJ  JNNFSHFO WFMPDJUË
BMUJTTJNP ÒTDFTPB
SJQJEF[[BEFMDPTUPOF 1FBL GJOP BM
EBMMB WFUUB 6IVSV
JNQSFTTJPOBOUF FMMPFEVOBEJTUBO[B
NUEJEJTMJW
#BSBGV$BNQ  PRVBUUSP
FDIFIBOOPSJDIJFTU
MJOFBSFSBHHVBSEFWPM JODFOEPJM
FFQPNJDFMBWJDP W
PSFEJDPSTB USBSPDD EJQSFTTJP
EFTCBM[PUFSNJDPF
GSFEEPQSJNB JMHSBO QPTTJCJMJUËEJGBSTJ 18
CCSBJP
(FOOBJP'F
BVSBQFSMB 9.
OFQPJ NBBODIFMBQ TBQFOEP
DBEFSF EJSPNQFSTJ
NBMFEJUBHMJBSTJ EJ
JMTPDDPSTPBMQJOP
DIFMBTTáOPOFTJTUF MF TVF JODSFEJCJMJ
BMUSF WPMUF QFS
-BWFWP TFHVJUP BO4BTTP 
FOB MF5PGBOF JM(S
QFSGPSNBODFTJM$BS
116
CCSBJP
(FOOBJP'F
9.

(FOOBJP'F
CCSBJP 11 9.

10
CCSBJP
(FOOBJP'F
9.

Neveplast
Il primo materiale con
la stessa scorrevolezza

44 Lo Skyrunning della neve, che permet-


te di sciare ovunque

10 Freeride, lo sci fuoripista


La nascita di una nuova generazione di competizioni e e tutto l’anno, senza
atleti, che hanno come teatro di prova le meravigliose bisogno di partico-
lare manutenzione.
L’arte di sciare fuori dagli schemi, dai tracciati, dalle montagne di tutto il mondo.
Il tappeto di neve
piste troppo battute. Ne parliamo con Jacopo Bufac- può essere collocato
chi, promessa italiana dello sci freeride.
48 In montagna per riabilitarsi
ovunque.
pag. 21

18 Skipass 2005
I consigli dello specialista dopo un trauma sulla neve.
La neve artificiale
Precauzione e riabilitazione dopo un infortunio. La produzione di
Quattro giorni dedicati al turismo, agli sport invernali neve artificiale avvie-
e al freestyle a ModenaFiere. Tutto l'eccitante panora-
52 Atmonauti
ne “sparando”, dai
ma dell’universo freestyle. cannoni, gocce d’acqua
nebulizzate che, con il
Nel 2000, irrompe sulla scena del paracadutismo freddo, prima di tocca-

26 Coppa del mondo di sci


mondiale una nuova tecnica per volare in caduta libe- re terra, si ghiacciano
ra: inizia la storia del vero volo umano. e si posano sul fondo
Trionfo azzurro sulle piste dell’Alta Badia per la Ski sotto forma di cristalli
World Cup. Primo Blardone, secondo Simoncelli. di neve.

60 La Ruta Maya pag. 23

30 La febbre olimpica cresce


Alla scoperta delle antiche vie dei Maya, nel cuore La Tanzania
dell’inospitale Selva del Sud del Messico, Guatemala e E' uno dei Paesi più
In dettaglio tutti gli sport olimpici invernali di Torino Belize...in mountain bike. poveri al mondo, pur
essendo una delle
2006. E ancora, tutte le date e le località.
regioni piu’ affascinanti

68 Wup Bmx Contest 2005


del continente africano.

36 A piedi nudi sul tetto del


Lo stipendio medio
Adrenalina a mille per il più importante evento di Bmx di un tanzaniano e’
di circa 40 euro al
Continente nero in Italia. Al Grooveskatepark di Sestri Levante, la tappa
mese, mentre la vita
La storia di Antonio Peretti, comunemente conosciuto classica dei circuiti agonistici europei che, giunto alla media non arriva ai
come “l’alpinista scalzo”, l’uomo che sale e scende 4° edizione, ha visto la partecipazione dei più illustri sessant’anni.
dalle montagne senza scarponi. biker del settore. pag. 39

X3M05 2 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 2 02/02/2006 16.08.54


SIGNATURE.......................................

impaginato_N05.indd 3 02/02/2006 16.10.02


Sommario
Numero 05
GENNAIO / FEBBRAIO
ANNO 2006

Xtreme stuff

Xtreme stu

88Matt Pritchard
,

80
indsurf
campione di Wca

74
non per so Dopo Kevi
n,
di campioni! Matt
Una famiglia e il fratello

Eicma,
ti a conoscer
siamo anda

azionale
63°Esposizione Intern
del Motociclo zze e spet
tacolari acro
bazie
belle raga di Milano
Campioni,
della moto
al Salone

05
Motor Show 20 (FOOBJP'F
CCSBJP 45 9.

di pubblico dell’Automobi
le
affluenza
Eccezionale Salone Inter
nazionale
e star al
44
CCSBJP
(FOOBJP'F
9.

(FOOBJP'F
CCSBJP 87 9.
Xtreme stuff

102
86
CCSBJP
(FOOBJP'F
.

Xtreme stu

96
64
CCSBJP
(FOOBJP'F
9.

Nuoto pinnato, veloce


ort d’acqua più
lo sp di raggiung
ere
a consente
re monopinn a quelle
La particola atissime, inferiori solo
he a motore
velocita' elev da discipline acquatic
raggiungibili

zzo al mare
Un sogno in me
in crociera abile...
Un viaggio nza indimentic
per una vaca

(FOOBJP'F
CCSBJP 81 9.

80
CCSBJP
(FOOBJP'F
9.

(FOOBJP'F
CCSBJP 57 9.

56
CCSBJP
(FOOBJP'F
9.

Terre e Zapatisti
Le diverse riforme agra-

102 Un sogno in mezzo al mare rie che si sono succe-


dute nel Chapas e le
Un viaggio in crociera per una vacanza indimenticabi- vere ragioni che hanno

74 Eicma, 63° Esposizione


le. Navi verso destinazioni da sogno. spinto i contadini ad
organizzarsi nell’Ezln,
Esercito Zapatista di
Internazionale del Motociclo
Campioni, belle ragazze e spettacolari acrobazie al 108 Team M6 Liberazione Nazionale,
movimento clandestino
che deve il suo nome a
Salone della Moto di Milano. Dalla pista di supercross Quattro ragazze “estreme” all’Elba Raid, la competi-
e motard, al circuito di prova per moto da strada, alla zione multi disciplina dove un itinerario ben definito si Emiliano Zapata.
pag. 63
zona trial e quad acrobatici. percorre nel minor tempo possibile.
Le origini della

112 ING New York City Marathon


motocicletta
80 Motor Show 2005 Dal primo motociclo
a tre ruote dotato di
Eccezionale affluenza di pubblico e star al Salone Finale al cardiopalma per la 36° edizione della stracitta- propulsione a benzina,
Internazionale dell’Automobile. L’intervista a Massimo dina più famosa del mondo. Colpo di scena al traguar- realizzato in Italia
Bianconcini della Daboot. do per la caduta di Hendrick Ramaala. nel 1884, fino alla
nascita delle più impor-
tanti case automobili-

88 Matt Pritchard, campione di 122 World Series Renault stiche.


pag. 79
Windsurf non per caso Gare, mostre e spettacolo nell’autodromo più famo-
Il Big Game
Una famiglia di campioni! Dopo Kevin, siamo andati so d’Italia. Clio Cup, Eurocup Formula Renault 2.0,
E’ la tecnica più appas-
a conoscere il fratello Matt, un altro grosso nome nel Eurocup Mégane Trophy, Formula Renault 3.5 per un
sionante per il pescato-
panorama mondiale del windsurf. evento particolarmente interessante. re sportivo. Da qualche
anno, il regolamento
del Big Game prevede

96 Nuoto pinnato, lo sport 126 R8, la nuova vettura sportiva il “rilascio” del pesca-
to. In Italia, la cattura
acquatico più veloce della Audi del primo “gigante”
La particolare monopinna consente di raggiungere Presentata come prototipo “Le Mans quattro” all’ del mare, con attrezza-
ture sportive, risale agli
velocita’ elevatissime, inferiori solo a quelle raggiungi- edizione 2003 del Salone dell’Automobile, R8 sarà
anni ’70.
bili da discipline acquatiche a motore. presto una realtà nella produzione di serie. pag. 99

X3M05 4 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 4 02/02/2006 16.10.05


MIRJAM JAEGER / SWITZERLAND /
TEAM NIKE ALL CONDITIONS GEAR /
RIDES IN: BARRIER RIDGE DOWN JACKET &
STORM FIT COMPOSITE PANTS /
SIGNATURE MOVE: FRONTSIDE 180 TAIL GRAB /

impaginato_N05.indd 5 02/02/2006 16.11.00


NOVEMBRE / DICEMBRE
Numero 05
IN COVER
Andrea Binning, freeskier dello staff RedBull, sull’Himalaya.
ANNO 2006

Un ritorno alle radici dello sci, fuori dai terreni addomesticati


e regolati, per assaporare il vero spirito della montagna ed
abbracciare il concetto di libertà.
Photocredit: ©Georg Schantl - www.redbull-photofiles.co

Anno II - Numero 5 - Bimestrale


Gennaio - Febbraio 2006

Editoriale
www.xtremestuff.it

Direttore editoriale
e responsabile
Gian Luca Corona
gianluca@xtremestuff.it Eccoci nuovamente pronti per una grande avventura.
Art Director Un 2006 carico di grandi eventi, imprese, manifestazioni e
Alessandro Cirina tanto altro. Iniziamo con un numero scintillante, tanta adrena-
alessandro@xtremestuff.it
lina e grandi atleti. Un’anteprima su Torino 2006, con il detta-
Responsabile di Redazione glio di tutti gli sport protagonisti dell'evento più atteso degli
Marianna Macis
marianna@xtremestuff.it ultimi anni; finalmente l'Italia ospita la kermesse olimpionica.
Redazione
Patrizia Salaris, Emanuele Concas, Un occhio attento sui nuovi campioni e tanto spazio ai “non conven-
Paolo Gianfanti.
tional sports”, che vedono sempre più in primo piano le nuove gene-
Marketing razioni di sportivi, affascinati dal mondo degli "Street Sports".
Massimo Pieranunzi

Hanno collaborato
Silvana Casetti, Teresa Di Martino, Seguiremo con grande attenzione le imprese degli atleti del
Davide Frana, Gabriela Monti, Riccardo Monti, Team Red Bull e metteremo in evidenza le grandi avventure di
Luca Pellicioli, Massimo Rotondaro.
voi atleti/lettori. Tratteremo con la massima attenzione tutte le
Fotografie nuove attrezzature hi-tech, utili per praticare in totale sicurezza
www.redbull.com, www.terramia.com,
John Carter, Luciano Covolo, Antonio Dalla Stella, le diverse discipline sportive.
Fipsas, Davide Frana, Michele Fontana, Gaastra,
©LaPresse, Riccardo Monti, Luca Pellicioli,
Laura Zampin, WYMS. E voi lettori troverete sempre più spazio nelle nostre pagine,
Ringraziamo per mettere in evidenza le vostre fantastiche esperienze.
Antonio Baldisserotto, Maurizio Bellodi, Buona lettura a tutti e Vi aspetto in edicola.
Manuela Caminada, Fulvia Esposito (Adam&Partner),
Antonio Peretti, Claudia Poscia,
Roberta Ricci (Connexia)

Concessionaria Pubblicità Gian Luca Corona


Il Sole 24 Ore System
Roberto Oldani
Tel. 02.3022.3770
roberto.oldani@ilsole24ore.com
Via Monte Rosa 91
20149 Milano

Distributore per l’Italia


Società Europea di Edizioni SpA
Via G. Negri, 4 - Milano

Stampa
Arti Grafiche Amilcare Pizzi OnLine
Xtremestuff.it
Milano

Editore
Publiteam s.r.l. Il Magazine dedicato a tutti
www.publiteam.com gli sport NON convenzionali
...e non solo
Uffici e sede amministrativa
Zona Industriale Truncu is follas
09032 Assemini (CA)
Tel. 070 9484010 - Fax 070 9484352

Indirizzo Postale:
Publiteam srl - Casella Postale 279 www.xtremestuff.it
09030 Elmas (CA)
Ricco, accattivante e interattivo.
Sede Legale
Via Togliatti, 78 Accedi, registrati e diventa anche
09028 Sestu (Ca)
tu parte attiva del sito...
Non si restituiscono testi e materiali illustrativi non espressa-
mente richiesti. Riproduzione, anche parziale, vietata senza
autorizzazione scritta dell’Editore. L’elaborazione dei testi,
anche se curata con scrupolosa attenzione, non può compor- Nelle sezioni dedicate a Voi lettori, potrete pubblicare le vostre espe-
tare specifiche responsabilità per eventuali involontari errori o
inesattezze. Ogni articolo firmato esprime esclusivamente il
rienze, interagire con il nostro Forum di discussione, lasciare i vostri
pensiero di chi lo firma e pertanto ne impegna la responsabili- messaggi nel Guestbook, scriverci le vostre NEWS che pubblicheremo
tà personale. Le opinioni e più in genere quanto espresso dai
singoli autori non comporta responsabilità alcuna per l’Edito- quotidianamente e tanto altro... Sarete Voi, con le vostre avventure, il
re. Xtremestuff Magazine è registrato presso il Tribunale di
Cagliari al n° 14/05 Codice ISSN 1825-8158 cuore del sito. Venite a trovarci su www.xtremestuff.it

X3M05 6 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 6 02/02/2006 16.11.03


G. Schwienbacher
OFFERTA SPECIALE SUPERSUN 2006: 25/03. – 18/04/2006*

7=6*
UNA GIORNATA DI VACANZA SULLA NEVE IN OMAGGIO
7 = 6 7 GIORNI DI SOGGIORNO AL PREZZO DI 6.
6 = 5 SKIPASS 6 GIORNI AL PREZZO DI 5.
* LA SUPER OFFERTTA VALE dal 25/03 al 18/04/2006 presso gli esercizi che aderiscono
alla promozione nelle zone Dolomiti Superski aperte. Per ottenere la giornata skipass in
omaggio richieda il voucher presso il Suo albergo. L’ offerta non è cumulabile con l’offerta
DolomitiSuperKids.

***ULTERIORI INFORMAZIONI*** presso i Consorzi Turistici/Apt.


***PRENOTAZIONE ONLINE***: www.DolomitiSuperski.com

*CORTINA D’ AMPEZZO Tel. +39 0436 86 62 52 *ARABBA Tel. +39 0436 79 1 30 *S. MARTINO DI CASTROZZA/PASSO ROLLE
*PLAN DE CORONES Tel. +39 0474 55 54 47 *MARMOLADA Tel. +39 0437 72 22 77 Tel. 0439 76 88 67
*ALTA BADIA Tel. +39 0471 83 61 76 *ALTA PUSTERIA Tel. +39 0474 91 31 56 *VALLE ISARCO Tel. +39 0472 80 22 32
*VAL GARDENA Tel. +39 0471 77 77 77 *VAL DI FIEMME Tel. +39 0462 24 11 11 *TRE VALLI/MOENA Tel. +39 0462 57 45 00
*ALPE DI SIUSI / ALTIPIANO DELLO SCILIAR *OBEREGGEN / ROSENGARTEN-LATEMAR *TRE VALLI/FALCADE Tel. +39 0437 59 90 68
Tel. +39 0471 70 70 24 Tel. +39 0471 61 03 10 *CIVETTA Tel. +39 0437 52 32 48
*VAL DI FASSA/CAREZZA Tel. +39 0462 60 24 66

*www.DolomitiSuperski.com *ALTO ADIGE/SÜDTIROL *TRENTINO *VENETO

impaginato_N05.indd 7 02/02/2006 16.11.13


Le informazioni sono suscettibili di variazione. Eventuali modifiche sono di esclusiva responsabilità delle fonti organizzative dell'evento o manifestazione

News Abbiamo scelto per voi i prossimi


eventi del panorama sportivo

100 km del Sahara


Mercoledì 8 marzo 2006. Giunta all’8° edizione, la 100 km del Sahara unisce
la suggestione e la sfida di una corsa nel deserto, con l’assistenza e la cura
dei dettagli che rendono questo evento non solo emozionante ma anche
estremamente sicuro. E’ una gara di Trail-Running-Adventure ed è conside-
rata la gara di contatto con il mondo delle corse estreme: è quella che offre
maggiormente la possibilità di misurarsi in una sfida al deserto di corsa,
godendo contemporaneamente di quel minimo di assistenza necessaria per
agevolare chi si è lanciato in questa impresa. Il deserto, pur pieno di fascino,
è certamente l’ambiente meno idoneo per la corsa e sarà necessario un buon
adattamento psicologico ed un buon allenamento specifico per superare
una distanza impegnativa, un percorso interamente off-road, caldo, vento e
condizioni atmosferiche dure e imprevedibili e una prova notturna emozio-
nante, ma estremamente difficile. Il tutto a vantaggio della sicurezza e del
comfort minimo per chi vuole lanciarsi nella sfida e affrontare l’emozione e
la suggestione di correre a piedi nel deserto.

The X Zone, 10 anni di Winter X Games


L’edizione invernale degli X Games di ESPN ha compiuto dieci anni, ed
ESPN Classic Sport ha offerto una retrospettiva sui momenti migliori della
competizione che riunisce i più spericolati campioni di snowboard, sci, snow
mountain bike e moto X, impegnati ad oltrepassare le barriere dell’estremo.
In onda a gennaio, gli highlights delle edizioni del 1998, 1999, 2000, 2001,
2002 e 2003, con atleti del calibro di Shaun Palmer, Tucker Hibbert, Blair
Morgan e tanti altri. www.espnclassicsport.it

Monviso BackCountry Race 2006


Il 28 e il 29 gennaio a Crissolo sarà di scena l’International Open di
Snowboard Alpinismo. L’MBR 2006 vuole essere la conferma delle gran-
di potenzialità già emerse lo scorso anno e la certezza di poter offrire
allo snowboard italiano una vetrina internazionale di richiamo, riflet-
tendo sulla promozione non solo delle nostre montagne, ma anche di
tutto il territorio provinciale. La gara si svolgerà su percorsi tracciati con
bandierine verdi per la salita e rosse per la discesa, ci saranno control-
li sul tracciato, chi abbandonerà il tracciato di gara sarà squalificato.
Il casco è obbligatorio, mentre l’Arva, l’apparecchio ritrovo valanghe, è forte-
mente consigliato. Info su www.snow-boarder.it

X3M05 8 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 8 02/02/2006 16.11.15


impaginato_N05.indd 9 02/02/2006 16.11.27
Foto di: Paolo Biamonti

Freeride...
lo sci fuoripista
L’arte di sciare fuori dagli schemi,
dai tracciati, dalle piste troppo battute.
Ne parliamo con Jacopo Bufacchi,
promessa dello sci freeride

X3M05 10 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 10 02/02/2006 16.11.29


Xtreme stuff

Lo sci freeride
Un ritorno alle radici dello sci, fuori dai
terreni addomesticati e regolati, per assa-
porare il vero spirito della montagna ed
abbracciare il concetto di libertà. Sciare
fuoripista non significa solo uscire dalla
pista battuta e scendere dove non è
passato nessuno. Significa, soprattutto,
assaporare le splendide emozioni che
la neve vergine può offrire. Ma per fare
questo, occorre conoscerla, e conoscerla
bene. Le condizioni del manto nevoso
sono sempre legate ad alcuni fattori
come l’esposizione del pendio, la tempe-
ratura, il vento, la quota...
Per questo motivo, è necessario analizza-
re questi concetti, che una volta appresi ci
aiuteranno a sciare in sicurezza diverten-
doci. Inoltre, per conoscere il fuoripista,
non occorre essere ottimi sciatori: sarà
sufficiente imparare ad eseguire con sicu-
rezza gli esercizi che già si fanno in pista.
Solamente con la pratica si acquisirà quel-
l’esperienza che ogni buon sciatore deve
possedere, per sciare ovunque e con ogni
mezzo fuori dalle piste battute.

Gennaio - Febbraio 11 X3M05

impaginato_N05.indd 11 02/02/2006 16.11.38


Per te lo sci è un’ossessione?
Certo che si, sono innamorato di questo sport.
E’ tutto un insieme che ti fa sentire bene. Sono
sempre in montagna con gli amici, faccio quello
che più mi piace e provo emozioni indescrivibili.
Dove sei cresciuto? E’ super….
La mia grande fortuna è stata crescere sotto il Monte Bianco.
Come tutti i ragazzini ho iniziato a sciare presto e poi via nello È difficile trovare sponsor come freeride di
sci club, ma i miei sguardi erano sempre rivolti verso i ghiacciai questi giorni?
intorno a me dove non c’erano piste o impianti; una sola funivia Credo sia molto difficile, specialmente in Italia,
che ti porta in cima e poi scegli tu! questo per me è uno dei più dove non c’è una grossa cultura in questo
bei parchi giochi in assoluto. campo. Tutti sono indirizzati nel calcio o in sport
più mediatici, fortunatamente i miei sponsor
Come sei diventato freerider? sono a livello internazionale e mi seguono alla
Dopo anni trascorsi nello sci club mi ero annoiato e in più non mi grande. Comunicano con me in pubblicità e
vedevo bene con la tuta aderente. Alcuni miei amici si sono dedi- abbiamo anche una bella collaborazione nello
cati allo snow, erano i primi che si vedevano, ma costava troppo sviluppo. Credo sia importante questo, in più,
per me, allora li seguivo con i miei sci cercando di andar più veloce ho la possibilità di fare quello che mi piace ed
di loro. Non ho mai avuto rivalità con i surfisti, anzi li prendevo essere incoraggiato positivamente. Però è molto
come esempio, in più hanno dei pantaloni troppo fighi…. dura anche solo avere un paio di sci.

X3M05 12 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 12 02/02/2006 17.00.43


Xtreme stuff

Come controlli i tuoi rischi, hai paura?


Cerco di evitare la pressione degli amici, gli sponsor e la
rivalità con gli altri. Quello che faccio, lo faccio per me, per
divertirmi. Non impongo a nessuno le mie idee e non trasci-
no con me nessuno, il rischio c’è sempre, fa parte di quello
che ci circonda, mentre la paura è la mia migliore amica, mi
evita di fare stupidaggini, è un po’ come il grillo parlante Progetti per il futuro?
che ti sussurra nelle orecchie. Il giorno che non sentirò più Sicuramente la voglia di viaggiare non manca. Insieme a
la vocina, è meglio stare a casa. Baptiste Blanc e grazie ad un altro mio amico, Augusto Gatti,
stiamo organizzando un viaggio in Giappone sul Fuji. Siamo
Le tue prime chiamate dopo una nevicata. riusciti ad ottenere il permesso di salire in inverno e sciare
Bigio Stefano è basso e brutto ma gli voglio bene. Damia- sulla montagna sacra. Poi, andrò in Svezia a sciare per il
no, che oltre ad immortalare le nostre avventure, è un nuovo catalogo di Peak Performance e sono in attesa di gira-
amico. Capo Capozzi che, con la sua tavola, è sempre il re, con Thierry Donard, la “Nuit de la Glisse”, uno tra i film
primo da Luisa al bar. più prestigiosi in Europa sugli sport estremi.

Gennaio - Febbraio 13 X3M05

impaginato_N05.indd 13 02/02/2006 17.01.00


Jacopo sarà tra i protagonisti
del Red Bull Snowthrill Monte-
rosa 2006, dal 26 febbraio al
4 marzo. Con Stefano Bigio e
Lukas Senoner, gli unici italiani
a partecipare al più importante
evento di sci freeride.

H E A
MoJo 90 MoJo 80 Gli attacchi MoJo 15 e MoJo 11
struttutra Twintip con nucleo in legno e Carbon Jacket. Particolarità di hanno un look trendy e giovane per rispettare la filosofia dell’in-
questo modello sono i dettagli: l’asta sinistra è diversa dalla destra, idea- tera categoria, sciare per divertirsi: ABS, talloniera Diagonal per
le per le acrobazie fuoripista, perfetto anche su piste in neve fresca. i 15 e SL per gli 11, puntale AERO con TRP System per i 15 e SL
con TRP System per gli 11

X3M05 14 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 14 02/02/2006 17.01.14


Xtreme stuff

Il Freestyle è, prima di tutto, una filosofia: dare maggior stabilità. HEAD ha voluto creare sci in base a
un freestyler è una persona che deve sentirsi libera, questa filosofia per meglio trasmettere queste sensazioni.
libera da costrizioni. Il Freestyle è quindi una disciplina La larghezza maggiorata permette allo sci di galleggiare
che si trova in vari sport, nello sci è semplicemente il in neve profonda e di subire meno le asperità del terreno,
piacere di sentire la neve fresca scivolare sotto gli sci e allo stesso tempo però rallenta il cambio degli spigoli
questa sensazione la si vuole avere in luoghi dove non rendendolo più adatto ad archi di curva medi e ampi
ci sono tracce, dove altri ancora non hanno lasciato la durante l’uso in campo libero.
propria scia, a stretto contatto con la natura cercando
di isolarsi e di sentirsi una “cosa sola” con la neve.
Talvolta si crede che il Freestyle sia troppo estremo,
ma non è così, anzi gli sci sono sempre più larghi per

E A D Gli scarponi MoJo Heatfit


hanno il sistema FCS (Full Custom System) per la personalizzazione
della misura e posseggono leve Double Power in alluminio, scarpet-
ta Heatfit con puntale morbido e inserti bilaterali sulla caviglia.
Monster i.M 88 e 70 Railflex
Per i freesky, devoti al freestyle skiing, questi
vivaci sci facilitano decisamente discese in neve
fresca e stabilità su piste difficili e ghiacciate.

Gennaio - Febbraio 15 X3M05

impaginato_N05.indd 15 02/02/2006 17.01.41


Chi e'...
Nome:
Jacopo Bufacchi (Jac)
Nato a:
Ad Aosta il 31 dicembre 1977
Vive a:
Courmayeur, a due passi dalla super
funivia del Monte Bianco, con il suo cane
Pumba e Therese, la sua fidanzata.
Sponsor:
Dynastar, Peak Performance, Oakley,
Level, Boeri, Dainese protection, Gabel.
Bevanda preferita:
Cappuccio con la cannella, red bull.
Musica:
Gli piace tutto, non ha problemi ad ascol-
tare qualsiasi genere, ma adora il reggae,
quello anni ’70.

Jacopo Bufacchi

X3M05 16 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 16 02/02/2006 17.02.05


impaginato_N05.indd 17 02/02/2006 17.02.14
Foto di: Michele Fontana

Skipass 2005
Italian Freestyle Meeting
Quattro giorni dedicati al turismo,
agli sport invernali e al freestyle
hanno trasformato virtualmente ModenaFiere
in una grande stazione sciistica

X3M05 18 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 18 02/02/2006 17.02.17


Xtreme stuff

Gennaio - Febbraio 19 X3M05

impaginato_N05.indd 19 02/02/2006 17.02.34


E’ stata senza dubbio l’edizione dei record. Mai, in dodici da Dirt Jump, tre skate contest nel nuovo skatepark gremito
edizioni, si era, infatti, superata la soglia dei centocinquantamila di skaters, animazione nel villaggio freestyle con DJ e speaker
ingressi. Skipass Italian Freestyle Meeting 2005 è sbarcato a d’eccezione, session di hip hop e break dance e la nomina del
ModenaFiere il 29 ottobre scorso e fino al 1° novembre ha aper- Freestyler Of The Year. Le gare di snowboard in programma
to le porte al salone del turismo, degli sport invernali e del free- durante i primi due giorni sulla Spine Jump e nella Da Kine Rail
style. Un intero padiglione e un villaggio esterno hanno ospitato Area hanno offerto grande spettacolo con i riders provenienti
esposizioni, gare e demo degli sport più eccitanti dell’universo dall’America, dalla Russia e da tutta Europa. Da segnalare, il
freestyle: snowboard, ski freestyle, skateboard, bmx, motocross contest più importante dell’evento, il DC Pro Jump Contest con
freestyle, in line, kitesurf e surf. il ricco montepremi di 10.000 €.
Nell’area espositiva i marchi più importanti del settore hanno Dopo una carrellata di trick dei più grandi nomi dello snowboard
presentato il meglio della loro produzione: tavole da snowboard, mondiale, ha vinto il giovanissimo Iouri Podtlachikov, che ha
attacchi e scarponi, skateboard, surf, kitesurf, bmx, mountain impressionato tutti con ampi e perfetti bs7sad, seguito da Marco
bike, abbigliamento tecnico e streetwear, accessori vari e nuovi Concin e Martin Cernik. Nelle demo BetAndWin & Timezone
ritrovati per il divertimento all’aria aperta. di motocross freestyle, la Da Boot Crew ha, come al solito,
Nel villaggio esterno, lo skatepark con la rinnovata grande stupito tutti. In particolare Alvaro Dal Farra, che con il backflip
rampa per lo snowboard e un grande jump che permette salti ha mandato in delirio la folla. Una capriola all’indietro a cinque
molto spettacolari. Sette le gare di snowboard con i più grandi metri di altezza con la moto sotto le gambe.
riders nazionali ed internazionali tra spinejump e rail area; demo
di motocross freestyle dei membri della Da Boot Crew; demo
e contest di bmx con fortissimi bikers nel bellissimo tracciato

HE A D
Tavola force Tavola matrix

Adatta per rider esperti interessati alle Tavola all-mountain consigliata per rider in
performance nei pipe e nei park, costruita evoluzione, adatta per surfare su qualsiasi
con tecnologia intellifiber con soletta velo- tipo di terreno. Soletta veloce e resistente
ce e resistente di facile manutenzione. con alti gradi di trasparenza.

X3M05 20 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 20 02/02/2006 17.02.43


Xtreme stuff

Neveplast,
neve 365 giorni l’anno

D
E’ il primo materiale con la stessa scorrevolezza della neve e
permette di sciare ovunque e tutto l’anno senza bisogno di
particolare manutenzione. Il modulo base di queste piste artifi-
ciali da sci è di forma rettangolare (2 metri di larghezza x 4, ma
può raggiungere una lunghezza di oltre 300m.) ed è composto
Tavola rush da pioli disposti in duplice fila su cerchi di diametro di 45 mm.
32 fori, disposti su quattro file, permettono ai chiodi o alle viti
Tavola consigliata per rider inesperti, doppia di essere ancorati con sicurezza al terreno.
anima in legno e soletta veloce e resistente Il foro centrale libero ha un diametro di 35 mm., mentre i pioli,
di forma conica, sono alti 19 mm. e sono stampati su una base
di facile manutenzione e buona performan-
di supporto di 8,5, che garantisce un’elevata elasticità e una
ce. Elasticità e flessibilità.
perfetta aderenza al terreno, evitando traumi alle articolazioni
delle mani in caso di caduta. Proprio grazie a queste caratte-
ristiche, il “tappeto di neve” può essere collocato su qualsiasi
fondo (erba, pavimentazioni in cemento o legno) e ambiente
(in montagna, in città o al mare). Con le nuove paraboliche,
è possibile, inoltre, realizzare una pista con curve di qualsiasi
ampiezza e pendenza, consentendo così un notevole risparmio
nella produzione della neve e la garanzia di un ottimo funzio-
namento anche in caso di scarsità di precipitazioni nevose.

Gennaio - Febbraio 21 X3M05

impaginato_N05.indd 21 02/02/2006 17.02.53


Nel padiglione dello skate si sono, invece, svolte le
finali del Campionato Italiano di Skateboard che ha
visto protagonista Chris Astrom, seguito da Raffaele
Schirinzi e Francesco Salini. Daniel Cardone si è aggiu-
dicato il Best Trick Contest con un bs flip alley-hoop
transfert da bank a quarter. Il Braun BMX Italian Dirt
Contest ha, invece, visto sul gradino più alto del
podio Alessando Barbero, che si è portato a casa il
primo premio di 1000 €, con trick veramente potenti
come double tailwiph, backflip xup, flipwihp, 360
barspin to xup. Secondo, Alessandro Tisoni, e terzo,
Stefan Lantshner con 360 e tailwhip grossissimi.
Spazio poi all’atleta italiano impegnato nello sport
freestyle e che meglio ne rappresenta lo spirito; in
poche parole, al Freestryler Of The Year, vinto da
Giacomo Kratter che ha superato Alex Barbero per
pochissimi voti, il 20,4% contro un 19,6%. Confe-
riti anche gli Snowbox Awards: Miglior rider: Filippo
Kratter e Tania De Tomas, Manuel Pietropoli nella
categoria under 18. Migliore rivista: Entry. Migliore
snowpark: Livigno. Migliore community: Snowgang.
Miglior contest: Alleghe Memorial Aaron Shoemaker.
E allora arrivederci al prossimo Skipass 2006.

Marianna Macis

X3M05 22 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 22 02/02/2006 17.04.06


Xtreme stuff

La neve artificiale
La produzione di neve artificiale avvie-
ne “sparando” dai cannoni gocce d’acqua
nebulizzate che, con il freddo, prima di
toccare terra, si ghiacciano e si posano sul
fondo sotto forma di cristalli di neve.
Il primo impiego dell’innevamento program-
mato risale all’inverno 1948, in Connecticut
(USA), grazie all’intraprendenza di W. Schoe-
nknecht, gestore di una stazione sciistica,
che, per ovviare alla mancanza di neve, deci-
se di trasportare sulle piste da sci circa 500
tonnellate di ghiaccio che, opportunamente
lavorate, permisero la pratica dello sci per
circa due settimane. I costi si erano rivelati
però elevatissimi e, nell’inverno successivo,
grazie all’aiuto di alcuni amici, Schoenknecht
presentò un primo prototipo di macchinario
per la produzione di neve artificiale che,
dopo numerosi collaudi, diventò perfetta-
mente operativo nel ‘50.
L’umidità dell’aria e l’approvvigionamento
idrico sono due fattori fondamentali per la
produzione di neve artificiale, se si pensa
che in media il consumo specifico d’acqua
impiegata è di 220 litri ogni mq di superficie
innevata. La sua densità è generalmente
elevata e compresa fra 360 e 450 kgm-3
nell’80% dei casi, valori superiori alla densità
media della neve naturale appena caduta,
compresa fra 100 e 200 kgm-3.
Questo perché il cristallo della neve artificia-
le, avendo forma sferica, chiude meglio gli
interstizi fra le particelle e lascia passare poca
aria: si riduce la capacità di isolamento e
quindi il freddo raggiunge il suolo molto più
in fretta, ghiacciando la superficie del manto
erboso e mettendo in forse la sua ricrescita
nella stagione estiva.
Oggi, quasi tutti i territori sciistici sono dota-
ti di impianti di innevamento artificiale, che
possono innevare circa i due terzi delle piste
da sci (3000 ha).

Gennaio - Febbraio 23 X3M05

impaginato_N05.indd 23 02/02/2006 17.04.20


I°Jump Contest Appennino Toscoemiliano

1 Stefan Senfter BURTON


2 Mangstl Stefan NORTH PARK
3 Yuah Kinnunen STATIC
4 Enrico Cavada SALOMON
5 Billy Fresolone BLACH HOLE
6 Joel Strecker F2
7 Thomas Brunner BLACK HOLE
8 Marco Silvestre SALOMON
9 Davide Poli SALOMON
10 Massio Borella SALOMON

JUMP STYLE CONTEST

1 Tresoldi Paolo Burton


2 Marco Silvestre Salomon
3 Mazzoleni Martino Dynastar
4 Cavalli Marco Never Summer
5 Poli Davide Salomon
6 Senfter Stefan Burton
7 Buzzoni Lorenzo Bear
8 Cavada Enrico Salomon

RAIL JAM SESSION by B.P.E.M.

1 Colturi Francesco BURTON


2 Paris Ryan FLOW
3 De Palma David SANTA CRUZ
4 Rossi Denis NIDECKER
5 Tresoldi Paolo BURTON
6 Aacerboni Roberto STATIC
7 Morell Giorgio BLACK HOLE
8 Brunel Cesare ROSSIGNOL

Da Kine Best Trick Rail Contest

1 David De Palma Santa Cruz


2 Giorgio Zanardi Venue
3 Roberto Acerboni Static
4 Paolo Tresoldi Burton
5 Matteo Meneghetti Rome
6 Martino Mazzoleni Dynastar
7 Giorgio Morell Black Hole
8 Austin Volpi Rome
9 Youri Podtlachikov Santa Cruz
10 Davide Vangelisti Static

DC Pro Jump Contest

1 Iouri Podtlachikov Santa Cruz


2 Marco Concin Rossignol
3 Martin Cernik Quiksilver
4 Mateusz Ligocki Volkl
5 Alberto Schiavon Bear
6 Thomas Brunner Nidecker
7 Lauri Heinonen Static
8 Scotty Lago Flow
9 Juha Kinnunen Static
10 Stephan Mangstl North Park

Nitro Rail Contest

1 De Palma David Santa Cruz


2 Meneghetti Paolo Rome
3 Volpi Austin Rome
4 Morell Giorgio Black Hole
5 Acerboni Roberto Static
6 Silvestre Marco Salomon

F2 Best Trick Jump Contest Senfter

1 Fresolone Billy Black Hole


2 Concin Marco Rossignol
3 Macreich Stefan North Park
4 Tresoldi Paolo Burton
5 Silvestre Marco Salomon
6 Cavalli Massimo Never Summer

X3M05 24 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 24 02/02/2006 17.04.35


Piumino
Free 600
di Quechua
Per gli amanti
dello snowboard
PIUMINO FREE 600 DI QUECHUA
Innovazione e tecnologia
nel nuovo piumino Quechua
Chi ha detto che gli snowboarder devono per forza soffrire il
freddo sulle piste? Sicuramente non i tecnici Quechua che
con il nuovo piumino Free 600 hanno ideato la soluzione
migliore per i free styler. Qualunque siano le condizioni
Modello donna
climatiche, gli appassionati di snowboard si lanceranno col
100% di comfort, 100% di calore, 100% di felicità!

Caldo, impermeabile e confortevole, sarà il migliore alleato di tutti i


praticanti di snowboard. Disponibile in versione uomo e in versione
donna, basta provarlo per non separarsene più!

Per il calore: imbottitura 80% piumino e 20% piume, cappuccio spesso


avvolgente per evitare le correnti d’aria: manicotti interni in lycra e
linguetta di protezione della chiusura lampo.

Per l’impermeabilità: tessuto impermeabile per induzione (5000 mm


schmerber) e ghetta paraneve.

Per il comfort: il fianco del piumino è completato da prese d’aria sotto


le braccia e da un tessuto traspirante per limitare il fastidio dovuto alla
sudorazione. Maschera o berretto troveranno posto nella grande tasca
interna, telefono e altri oggetti fragili saranno anch’essi protetti in
una tasca interna in neoprene.

Sul modello donna, il pelo del cappuccio e la ghetta paraneve sono


amovibili. Sulle piste o in città, il piumino Free 600 è la soluzione
ideale.
Modello Uomo
Composizione: tessuto esterno 100% poliammide, imbottitura 80%
piumino e 20% piume, fodera 100% poliammide.
Taglie uomo/donna: dalla S alla XXL
2 colori uomo: rosso & kaki, blu & grigio
2 colori donna: grigio & bianco,
grigio chiaro & panna
Prezzo di vendita: €129,90

In vendita esclusiva presso i negozi

impaginato_N05.indd 25 02/02/2006 17.04.50


Foto di: Michele Fontana

Coppa del mondo di sci


Trionfo azzurro sulle piste dell’Alta Badia
per la Ski World Cup

Si è concluso con una spettacolare vittoria tutta italiana il gigan-


te maschile che si è disputato il 18 dicembre sul tracciato della 1 Massimiliano Blardone Ita 2:27.14
Gran Risa in Alta Badia. Massimiliano Blardone ha vinto la Coppa 2 Davide Simoncelli Ita 2:27.34
del Mondo di Slalom Gigante col tempo di 2’27’’14, mentre alle 3 Francois Bourque Can 2:27.42
sue spalle si è piazzato Davide Simoncelli (2’27’’34), che nella 4 Daron Rahlves Usa 2:27.66
prima manche era risultato primo.
5 Kalle Palander Fin 2:27.96
Terzo posto per il canadese Francois Bourque (2’27’’42), mentre
brutta prova per il campione del mondo uscente, l’americano 6 Hermann Maier Aus 2:28.02
Bode Miller, fuori per una serie di errori. Una gara straordinaria 7 Benjamin Raich Aus 2:28.06
che fa ben sperare in vista delle Olimpiadi di Torino. Già nella 8 Stephan Goergl Aus 2:28.45
prima manche, i due azzurri si erano rincorsi ma a ruoli invertiti, 9 Didier Cuche Svi 2:28.53
Davide primo, Massimiliano secondo. Nella seconda parte del
10 Rainer Schoenfelder Aus 2:28.55
tracciato, però, un paio di errori sono costati cari a Simon-
celli, che ha dovuto lasciare il podio al compagno di squadra 11 Raphael Burtin Fra 2:28.84
per appena venti centesimi di secondo. Solo sesto, il favorito 12 Fredrik Nyberg Sve 2:28.94
Hermann Maier. E si, per una volta lo squadrone austriaco si è 13 Hannes Reichelt Aus 2:29.07
dovuto accontentare di metà classifica: 3 uomini tra i primi dieci 14 Thomas Grandi Can 2:29.09
ma dal sesto all’ottavo posto. Gli altri italiani, invece, finiscono
15 Daniel Albrecht Svi 2:29.23
più indietro: Rieder, ventiquattresimo e Rocca ventiseiesimo.

X3M05 26 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 26 02/02/2006 17.04.51


Xtreme stuff

stato, invece, il prelato Francesco Negri, durante un avventuroso viaggio in


Lapponia nella seconda metà del XV secolo, nel quale raggiunse Capo Nord.
Nel 1888 ebbe grande eco in Europa l’avventura di Fridtjof Nansen, grande
Storia... scienziato ed esploratore norvegese, che attraversò la Groenlandia con gli
sci percorrendo circa 500 chilometri da Umivik a Godthaab, salendo su vette
Gli sci fanno parte della storia dei popoli nordici alte fino a 2700 metri. Nel 1901 nacque il primo sci club Italiano, lo Ski Club
dalla notte dei tempi. Le prime testimonianze di Torino, sostituito più tardi dalla Federazione Italiana dello Sci (FIS), diventata
attrezzi simili, usati come mezzi di locomozione, in seguito Federazione Italiana Sport Invernali. Alla fine del 1800 fu introdotto
si devono a ritrovamenti fossili risalenti a più di l’uso dei bastoncini, che diedero vita alla tecnica detta del passo alternato,
2500 anni a.C. in Siberia, Scandinavia e Lapponia. unica tecnica fondamentale dello sci da fondo fino all’avvento del rivoluziona-
Avvicinandoci ai nostri tempi, intorno al 1590, rio passo pattinato (skating). Fu l’americano Bill Kock ad adottarlo per la prima
Gustav Eriksson Vasa, prigioniero dei danesi duran- volta alle Olimpiadi, nel 1976 a Seefeld in Austria, dove si piazzò secondo.
te l’invasione della Svezia, riuscì a fuggire con gli Proprio in quegli anni comparvero i primi sci da fondo in materiale sintetico:
sci e, tornato in patria, organizzò la sommossa che il minor attrito di questi nuovi materiali portò un enorme miglioramento delle
diede il via alla guerra di liberazione svedese e che prestazioni e della velocità su piste sempre più larghe, battute e levigate. Lo
lo portò sul trono di Svezia col nome di Gustavo sci da fondo però, perfetto per le enormi distese scandinave, non era l’ideale
I. Il primo italiano che ha calzato un paio di sci è per le ripide discese alpine. Nella seconda metà del 1800, Sondre Norheim,

Gennaio - Febbraio 27 X3M05

impaginato_N05.indd 27 02/02/2006 17.05.00


tallone, le curve erano ora condotte con gli sci paralleli. Era nato quello che
un falegname norvegese della regione Telemark, oggi noi chiamiamo sci alpino. L’evoluzione dello sci alpino è legata stretta-
cominciò a sperimentare vari sistemi di curva e mente all’evoluzione dei materiali: i vecchi scarponi di cuoio con le stringhe
frenata usando un unico bastone ed attacchi con sono stati via via sostituiti con calzature sempre più tecniche, che bloccano
il tallone libero. La frenata era quella dei saltatori la caviglia permettendo un perfetto controllo degli sci. Gli sci si sono accor-
nordici per arrestare la corsa dopo il salto. Nel ciati ed alleggeriti, i materiali sempre più sofisticati hanno consentito attrezzi
Telemark si avanza lo sci esterno assumendo la sempre più facili da manovrare. Il Telemark pareva ormai una tecnica superata,
tipica posizione inginocchiata. In quegli anni era ma negli anni ‘70 in Colorado ci si rese conto che essa era perfetta per lo sci
la tecnica migliore per l’attrezzatura disponibile. escursionismo: permetteva, infatti, di avere stabilità anche in discesa. Inoltre ci
Il tallone libero permetteva una grande libertà di si rese conto che, con la stessa attrezzatura, si poteva fare fondo, discesa, sci
movimento sia in pianura che in salita, ma in disce- alpinismo e camminare comodamente. Nel 1983 il telemark fu riproposto dai
sa lo sciatore era piuttosto instabile. ll Telemark maestri americani in Europa e in Italia, dando così un nuovo impulso a questa
fu soppiantato negli anni ‘20 dalla tecnica detta splendida disciplina sportiva.
Cristiania, dal nome della regione di Oslo in cui si
sviluppò. Grazie a nuovi attacchi che bloccavano il Marianna Macis

X3M05 28 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 28 02/02/2006 17.05.11


impaginato_N05.indd 29 02/02/2006 17.05.16
Foto di: ©LaPresse

La febbre olimpica cresce


In dettaglio tutti gli Sport
Olimpici Invernali di Torino 2006

X3M05 30 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 30 02/02/2006 17.05.17


Xtreme stuff

Combinata nordica
Biathlon Prima il brivido del salto poi la fatica dello sci di fondo. Le prove della
combinata nordica sono tre, due individuali e una a squadre. Quelle
Combina lo sci di fondo a tecnica libera e il tiro con una carabina individuali sono il Gundersen, con gara di salto sul trampolino NH
di piccolo calibro. Richiede resistenza e forza, ma anche capacità di abbinata alla prova di sci di fondo sui 15 km, e lo Sprint, con un
concentrazione e abilità tecniche. Le gare si svolgono su anelli di varia solo salto e la prova di fondo sui 7,5 km. La formazione a squadre,
lunghezza (2 km, 2,5 km, 3,3 km, 4 km) a seconda della specialità. Al da Nagano ’98, è composta da 4 atleti. Ogni atleta compie due salti
termine di ogni giro, gli atleti devono effettuare una sessione di tiro, validi ai fini del punteggio. Il metodo di valutazione delle due discipli-
di cinque colpi ognuna, al poligono. Le penalità vengono scontate ne è completamente differente: a punti per il salto e a tempo per lo
percorrendo un anello di 150 metri aggiuntivo per ogni bersaglio sci di fondo. Vince la competizione il primo atleta che taglia la linea
mancato, oppure, ma solo nella gara individuale, con l’aggiunta di un del traguardo nella prova di fondo. A Pragelato Plan dall’11/02.
minuto al tempo totale per ogni bersaglio mancato. Vince chi riesce
a percorrere l’intero percorso facendo registrare il tempo migliore con
l’aggiunta di eventuali penalità. Le gare inserite nel Programma Olim-
pico prendono il via l’11 febbraio a Cesana San Sicario.

Curling
Bob
Per la 1° volta ai Giochi, il curling è un gioco a squadre concettualmente
simile al gioco delle bocce. Consiste nel far scivolare blocchi di pietra dotati
di manico (stone) del peso di 19,96 kg, in modo che si arrestino il più vicino
Le specialità sono il bob a due e a quattro. Alla partenza, tutto possibile al centro di un bersaglio disegnato sul ghiaccio (house). Ogni
l’equipaggio spinge il bob per circa 50 metri, una distanza che squadra è composta da 4 giocatori. Il lead è colui che effettua il primo tiro.
solitamente è coperta in meno di sei secondi ad una velocità Il second è un buon puntista, ma anche un buon bocciatore per eliminare
di circa 40 km/h, poi tutti i membri dell’equipaggio entrano a le pietre avversarie più scomode. Al third toccano le giocate più spinose,
turno nell’abitacolo e si arriva a toccare una velocità massima mentre lo skip è quello con più esperienza che stabilisce la tattica e consiglia
in discesa di circa 135 km/h. L’equipaggio del bob a due è i compagni. A Pinerolo Palaghiaccio dal 13.
composto dal pilota e dal frenatore, ai quali si aggiungono
due laterali, nel bob a quattro. Vince l’equipaggio che ha
totalizzato il tempo più basso al termine delle discese. In caso
di rovesciamento del bob, se tutti i componenti della squadra
superano la linea di traguardo all’interno del bob, la prova è
considerata valida. Cesana Pariol dal 18 febbraio.

Gennaio - Febbraio 31 X3M05

impaginato_N05.indd 31 02/02/2006 17.05.24


Hockey su ghiaccio
Freestyle E’ uno degli sport di squadra più spettacolari, e sicuramente il più velo-
ce. Richiede tecnica, forza fisica e resistenza perché lo scontro fisico è
Gli atleti percorrono la discesa di una ripida pista compiendo,
parte integrante del gioco. Nelle competizioni maschili, le squadre sono
con sci molto corti, evoluzioni aeree e acrobatiche. La spetta-
formate da un max di 20 giocatori più tre portieri, in quelle femminili
colarità è l’elemento che accomuna disciplina e tracciato. Le
da un max di 18 giocatrici più due portieri. Una squadra non può avere
specialità sono due: Gobbe e Salti. La gara di gobbe consiste
più di sei giocatori sul ghiaccio durante lo svolgimento del gioco: un
in una qualificazione e in una finale alla quale accedono i
portiere, due difensori e tre attaccanti. Azioni continue, giocatori che
primi 16 atleti classificati. Sia la qualificazione che la finale
pattinano dall’inizio alla fine e il puck che viaggia così veloce che per
consistono in una discesa su una pista ripida coperta unifor-
gli spettatori è spesso difficile seguirlo. Dall’11 febbraio al Palasport
memente di gobbe, da completare nel minor tempo possibile,
olimpico e a Torino esposizioni.
con la tecnica corretta e presentando due manovre acrobati-
che. Lungo il tracciato vengono costruiti due trampolini (air
bump) per l’esecuzione delle manovre acrobatiche. Dall’11
febbraio a Sauze d’Oulx.

Pattinaggio di velocità
Pattinaggio di figura
E’ lo sport nel quale si raggiunge la velocità più alta, su una
superficie piatta, senza l’ausilio di un mezzo meccanico. I E’ stato il primo sport ad essere inserito nel programma delle Olimpiadi.
pattinatori delle gare di velocità sfrecciano su lame larghe 4 le specialità: l’individuale artistico masch. e femm.; il pattinaggio arti-
appena 1,2 mm, lungo un percorso ovale di 400 metri, stico a coppie; la danza su ghiaccio.
raggiungendo velocità superiori ai 60 km/h. Gli atleti manten- Il pattinaggio a coppie prevede lift (sollevamenti e prese), salti eseguiti
gono un’efficace e aerodinamica posizione rannicchiata, che simultaneamente, salti lanciati, spirali e piroette. La gara a coppie e
permette di raggiungere immediatamente andature veloci e l’individuale hanno un programma corto e un programma libero. La
di scattare nelle curve. Nelle gare su lunga distanza, le braccia danza su ghiaccio si basa sul ritmo, l’interpretazione della musica e la
possono essere appoggiate sulla schiena per aumentare l’ae- precisione nei passi e sui sollevamenti (la donna non può essere solle-
rodinamicità e risparmiare energia. Torino, dall’11. vata oltre la spalla dell’uomo). Una competizione di danza su ghiaccio
comprende le danze obbligatorie, la danza originale e la danza libera.
Torino, dall’11 febbraio.

X3M05 32 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 32 02/02/2006 17.06.12


Xtreme stuff

Salto
La discesa dal trampolino e poi il salto. Le fasi Sci Alpino
essenziali di questa specialità sono, infatti, il lancio,
lo scatto, il volo e l’atterraggio. Un minimo errore Il brivido della discesa, la tecnica dello slalom, lo stile del gigante, la forza del super-
può compromettere in maniera grave il salto ma G e la versatilità della combinata. Questi gli elementi che hanno fatto diventare lo
anche la propria salute. L’atleta scende lungo la sci alpino, e le sue discipline, lo sport invernale più amato dagli appassionati della
pista di lancio e spicca un volo emozionante nel montagna. Per ogni specialità, vince il concorrente che in gara, senza saltare alcuna
vuoto. Il tutto con estrema concentrazione, preci- porta, fa segnare il tempo più basso sul percorso di gara. La discesa libera (DH) è la
sione ed equilibrio. I salti da effettuare in gara sono più spettacolare fra le specialità dello sci alpino. I discesisti, che raggiungono velo-
due e l’atleta che raggiunge il punteggio più alto cità a volte superiori ai 120 km/h, vanno alla ricerca della massima aerodinamicità,
si aggiudica il titolo. La valutazione complessiva è individuando le traiettorie più brevi e lasciando scorrere gli sci per creare il minor
data dalla misura ottenuta e dalla valutazione dello attrito possibile. Sestriere e San Sicario Fraiteve, a partire del 12 febbraio.
stile fornita da 5 giudici di salto. L’ordine di parten-
za si decide in base ai risultati dell’ultima Coppa del
Mondo. A Pragelato, dall’11.

Short Track
Sci di Fondo Rapide e spettacolari. Così si presentano le gare di short track, disciplina
olimpica da Albertville ’92. Le gare si disputano sulle tipiche piste da hockey
5 distanze e 2 tecniche, classica e libera. La tecnica clas-
30 x 60 m, con almeno 4 pattinatori, per le distanze brevi 500 e 1000 m, e 6
sica è la più tradizionale: si gareggia con andatura a sci
per i 1.500 m che gareggiano. La tecnica degli atleti è caratterizzata da una
paralleli, senza mai abbandonare o deviare dagli appo-
posizione del corpo particolare, con inclinazione fino ai 30°: mano che tocca
siti binari tracciati sulla pista. La tecnica libera consente,
terra in curva, ottimo scatto in fase di partenza e avversari da superare evitan-
invece, di scegliere i movimenti da compiere e il tipo di
do collisioni rovinose. Le gare sono divise in individuali e staffetta, maschili e
andatura. Poiché la maggior parte degli sciatori opta
femminili. Dal 12 febbraio a Torino.
per uno stile simile al pattinaggio, spingendo gli sci con
entrambe le gambe, sinonimo di tecnica libera è diven-
tata la tecnica skating. Dall’11 febbraio, a Pragelato.

Gennaio - Febbraio 33 X3M05

impaginato_N05.indd 33 02/02/2006 17.06.28


Slittino
Skeleton Supini, con i piedi a valle e l’unica frenata dopo il traguardo. Le specialità sono
il singolo, maschile e femminile, e il doppio maschile. Nel singolo, gli atleti
A testa in giù, le braccia lungo il corpo e una velocità partono da una posizione seduta in cima ad una rampa, dalla quale si spingono
massima di 130 km/h. La partenza è la stessa del bob. aiutandosi con due maniglie fisse e con le mani provviste di guanti chiodati.
Al verde, lo skeletonista ha un tempo massimo di 30 Arrivare senza lo slittino comporta la squalifica, mentre è concesso fermarsi e
secondi per partire. Dopo una fase di corsa/spinta, che riprendere la gara con una spinta. Nel doppio, l’atleta che si trova in cima alla
varia da 25 a 40 metri, l’atleta prende posto sulla slitta rampa di partenza si spinge da due maniglie fisse, mentre il secondo atleta
ed inizia la sua discesa. La pista, che è la stessa del infila le mani in cinghie che lo collegano all’atleta che lo precede. Per le gare di
bob e dello slittino, deve avere una lunghezza minima doppio sono previste due discese. A Cesana Pariol, dall’11 febbraio.
di 1.200 metri, con un dislivello massimo del 12%
circa. Dopo il traguardo, la pista si sviluppa in salita per
consentire la frenata. A Cesana Pariol dal 16.

Snowboard
Slalom gigante parallelo, Half Pipe e Snowboard
Cross: queste le discipline olimpiche dello sport più
spettacolare dei Giochi. Nello slalom gigante, due
concorrenti che scendono sulla stessa pista affiancati
su due percorsi paralleli, tracciati con porte triangolari
blu e rosse. Nell’Half Pipe, il tracciato è un mezzo tubo
di neve innevato lungo circa 120-130 m, con una
pendenza del 16-17%. Gli atleti devono uscire dai
muri laterali e poi rientrarvi compiendo in aria mano-
vre e acrobazie, attraversando l’Half Pipe da un muro
all’altro per 6-8 volte e sfruttando tutta la lunghezza
a disposizione. Lo Snowboard Cross è la disciplina
che debutterà nel programma olimpico. Il percorso è
composto da: whoops (gobbe), waves (onde), banks
(paraboliche), kicker (salti) e spine (salti con uscita a
90°). A Bardonecchia dal 12.

Cortina Olimpica
Edito da Renografica Edizioni d’Arte

Cinquant’anni dopo le prime Olimpiadi Italiane a Cortina d’Ampezzo, le Olimpiadi invernali tornano in
Italia. Nel libro “Cortina Olimpica - la grande tradizione degli sport invernali tra passato e presente”, l’au-
tore Massimo Spampani, giornalista e cultore degli sport bianchi, racconta il fascino dei Giochi ampezzani
del 1956, i primi in televisione. I Giochi che fecero innamorare gli italiani della montagna e degli sport
invernali, che segnarono l’inizio dello sci di massa e fecero di Cortina, la Regina delle Alpi. Emerge dal libro
un percorso emotivamente coinvolgente, che non si limita al ricordo del passato, a classifiche e vincitori,
ma fa rivivere, anche attraverso 300 foto attuali e storiche, i personaggi, come Sophia Loren attesa da
300 giornalisti, e i racconti di ieri e di oggi. Edito da Renografica Edizioni d’Arte.
Versione base: € 35,00; Versione lusso (brossura cartonato): € 45,00
info: www.cortina.dolomiti.org/gis Mail: giscortina@dolomiti.org

X3M05 34 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 34 02/02/2006 17.06.37


impaginato_N05.indd 35 02/02/2006 17.07.02
Foto di : Luciano Covolo e Antonio Dalla Stella.

A piedi nudi sul tetto


del Continente nero
Tom Perry, il primo uomo al mondo
a scendere a piedi nudi dal Kilimanjaro

X3M05 36 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 36 02/02/2006 17.07.05


Xtreme stuff

Ore sette del mattino. Otto amici si abbracciano


commossi in vetta, sul tetto dell’Africa, il Kili-
manjaro. Sotto la scritta Uhuru Peak a 5895 metri,
seduto su un masso lavico, Tom Perry si toglie con
un gesto abituale i pesanti scarponi. I raggi del sole
cominciano appena a scaldare, ma il termometro
segna ancora -10. Se non avessi visto con i miei
occhi, non era da credere.
Se non lo avessi potuto seguire con lo sguardo,
mentre correva a piedi nudi a quasi 6000 metri di
quota, difficilmente avrei pensato che un uomo
potesse fare qualcosa di simile…Invece lui a piedi
nudi, immergendosi tra nugoli di polvere nella
ripidezza del costone altissimo, è sceso a velocità
impressionante dalla vetta Uhuru Peak fino al
Barafu Camp, 1300 mt di dislivello ed una distanza
lineare ragguardevole che hanno richiesto quattro
ore di corsa, tra rocce e pomice lavico, vincendo il
freddo prima, il grande sbalzo termico e di pressio-
ne poi, ma anche la paura per la possibilità di farsi
male: di tagliarsi, di cadere, di rompersi, sapendo
che lassù non esiste il soccorso alpino.
L’avevo seguito altre volte per le sue incredibili
performances: il Carena, le Tofane, il Gran Sasso,

Gennaio - Febbraio 37 X3M05

impaginato_N05.indd 37 02/02/2006 17.07.22


il Cristallo; erano però tutte discese di un giorno,
realizzate a quote relativamente basse, ma stavolta
si trattava di un colosso, di un immenso gigante
naturale, si trattava del Kilimanjaro.
Avevamo ritrovato le vecchie carte di un grande
amico scomparso, Cesco Zaltron: scampoli di un
sogno non ancora realizzato cui volevamo dar vita
anche per rendere omaggio alla memoria dell’ami-
co e allora eccoci, sotto quest’ara immane, che
vogliamo tentar di salire.
Per salirci dalla via di Machame, buoni camminatori
impiegano 6 giorni. Un trekking impegnativo, che
include le notti in tenda, il cibo locale cucinato in
condizioni igieniche che lasciamo immaginare, con
tutti i rischi che ne conseguono, e poi c’è il tempo:
un’improvvisa burrasca da un giorno all’altro ti
può fermare, com’è successo anche a molti alpini-
sti famosi. Rivisitando la storia alpinistica di questa
montagna potremmo dire che, con l’impresa di
Tom Perry, si chiude un cerchio iniziato nel 1889
dal Meyer, proseguito con le imprese di Pietro
Ghiglione (1937) e di Reinhold Messner (1978) e
che va a chiudersi con questa incredibile perfor-
mance vicentina, che viene a rendere familiare una
montagna altissima e molto faticosa e quasi ne
irride la difficoltà, se è vero, come adesso è vero,
che un uomo la può scendere perfino scalzo.

Bepi Magrin

X3M05 38 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 38 02/02/2006 17.07.46


Xtreme stuff

TOMPERRY
Il Territorio
mondo,
un o de i Pa es i piu' poveri al
La Tanzania e' piu' affascinan
ti
send o un a delle regioni
pu r es ipen o di
l co nt in en te africano. Lo st
e ospitali de euro al mese,
ta nz an ia no e' di circa 40
medio di un ssant’anni.
vi ta m ed ia non arriva ai se
mentre la tto nei villaggi
ta zi on e e' sc arsa, soprattu
L’alimen percorsa
i al to pi an i o nella savana,
gl
che sorgono su dalle jeep dei
turisti
eq ue nt em en te
sempre piu' fr ia di forti
il sa fa ri fo to grafico, a cacc
che praticano di mera
ui la qu ot id ia nita' e' fatta
emozioni. Q , la dura legge
a. S i lo tt a pe r sopravvivere
sussistenz i animali che
na e' qu es ta e vale sia per gl
della sava mini, la cosa
uo m in i. N on sempre, agli uo
per gli un popolo che
vive
Il pa st o gi ornaliero per
riesce. oblema
al gi or no co stituisce un pr
o
con un dollar imago
ib ile . "H om o sine pecunia,
a volte irrisolv iso dei
va no i la tini . Eppure il sorr
mortis" dice dei Masai,
, lo sg ua rd o intenso e fiero
tanzaniani tto.
ddire questo de
sembra contra

Gennaio - Febbraio 39 X3M05

impaginato_N05.indd 39 02/02/2006 17.08.09


Tom Perry Story
“La realtà è che la sensazione di benesse-
re che provo quando tolgo gli scarponi, è
impagabile. Ho capito perchè: a piedi nudi
la terra mi trasmette tutta la sua energia, mi
rigenera spiritualmente, mi sento un altro. Mi
riappacifica col mondo, mi sento testimone di
valori positivi, autentici, senza speculazioni e
intermediazioni”. Eccola, in sintesi, la filosofia
di Antonio Peretti, in arte Tom Perry, comune-
mente conosciuto come “l’alpinista scalzo”,
l’uomo che sale e scende dalle montagne
di mezzo mondo senza scarponi. Succede
un giorno dell’estate del 2002, per caso, sui
canaloni sassosi che percorrono i fianchi del
Carega, montagna teatro di epiche battaglie
durante la Grande guerra e palestra per
tantissimi appassionati di escursionismo. L’ai-
tante guardia forestale si toglie gli scarponi
d’ordinanza e inizia, quasi per scommessa,
a correre a scavezzacollo verso valle, a piedi
nudi. E’ un’azione travolgente la sua, il risul-
tato di un indispensabile atletismo coniugato
alla massima concentrazione mentale.

X3M05 40 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 40 02/02/2006 17.08.38


Xtreme stuff

Antonio Peretti capisce di aver trovato E’ un invito, il suo, alla solidarietà e


il proprio, originalissimo modo di anda- all’altruismo, vuole essere uno stimolo
re per crode. Nasce così il personag- a riflettere sui valori, discutibili, sui
gio di “Tom Perry, l’alpinista scalzo”; quali si basa la moderna società dei
dal battesimo ufficiale, avvenuto il 15 consumi.
agosto di tre anni fa con la discesa Togliersi gli scarponi è il modo che ha
ininterrotta da cima Posta sulle Piccole escogitato per dire proprio questo: Luciano Covolo, mente e regi-
Dolomiti, l’atleta vicentino ha saputo noi occidentali abbiamo molto, spesso sta instancabile della spedizione,
misurarsi in imprese che hanno dell’in- anneghiamo nel superfluo; tantissi- Claudio Tessarolo, giornalista
credibile, via via sempre più impegna- ma gente in gran parte del mondo, professionista e alpinista di gran-
tive: sul monte Cristallo, sul Sinai, sui invece, non ha di che vivere. Ma lo fa de preparazione, Bepi Magrin,
vulcani ecuadoregni, sul Gran Sasso, con molta semplicità, senza ipocrisie o alpinista di lungo corso, Renato
sulle Tofane, lungo le principali ferrate presunzione, per farsi sentire simpa- Baldo, il più anziano della spedi-
delle Dolomiti, percorse tutte rigorosa- ticamente, senza infastidire; quasi in zione con i suoi 66 anni, Antonio
mente a piedi nudi. punta di piedi. Dalla Stella, che ha brillante-
Le inedite sfide di Tom Perry non sono Scalzi, ovviamente. mente coronato un sogno alpi-
però fine a se stesse, semplici esibizioni, nistico, Davide Ferro, giovane e
per quanto ardite e singolari. L’alpinista Claudio Tessarolo capace guida di media montagna
scalzo, infatti, intende trasmettere un e Massimo Belluzzo, che con
messaggio preciso. la sua inseparabile cinepresa ha
documentato giorno per giorno
non soltanto le performances di
Tom Perry, ma lo svolgimento di
tutta la spedizione.

Gennaio - Febbraio 41 X3M05

impaginato_N05.indd 41 02/02/2006 17.08.54


Chi e'...
Nome:
Antonio Peretti
Nato a:
Sovizzo (Veneto) nel 1960
Curiosità:
Fin da giovane rivela una spiccata predi-
sposizione all’attività sportiva, che lo
porterà ad essere calciatore, atleta di
mezzofondo, paracadutista, appassiona-
to escursionista, spericolato campione
di motociclismo. E’, però, in età matura,
che Antonio Peretti scopre la sua partico-
larissima vocazione: correre in montagna
scalzo.
Imprese:
E’ stato il primo uomo al mondo a
cimentarsi nella discesa senza scarpe del
mitico Kilimangiaro. Nel luglio scorso ha
corso a piedi nudi sul salar de Uyuni, in
Sudamerica, e in seguito ha sfidato la
sabbia rovente del deserto di Atacama.
Ha scalato un vulcano di 6000 metri, il
Licancabur, scendendo a piedi nudi, incu-
rante del vento e del termometro a quasi
30 gradi sottozero e quindi raggiunto,
dando così prova di essere un alpinista
completo, la vetta del Nevado Sajama,
che con i suoi 6550 metri è la più alta
vetta andina della Bolivia.

X3M05 42 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 42 02/02/2006 17.09.36


www.landrover.it
LAND ROVER CONSIGLIA

DISCOVERY 3. INESPUGNABILE COME UNA FORTEZZA.


VEICOLO UFFICIALE DELLA SQUADRA DI HOCKEY DI CORTINA.
Solida come la difesa, inarrestabile come l’attacco e con 7 posti veri per adattarsi
ad ogni schema. Discovery 3 è l’auto ufficiale della “Sportivi Ghiaccio Cortina Segafredo Zanetti”.
Due corazzate, insieme. Per vincere su ogni terreno. DISPONIBILE ANCHE NELLA VERSIONE BLINDATA.
SERVIZI • 3 anni di garanzia a chilometraggio illimitato • Road assistance
• 3 anni di manutenzione programmata (a richiesta).
FREEDOM • Scopri l’esclusivo sistema di acquisto a tasso agevolato. SUPERARSI SEMPRE

Discovery 3. Motori Diesel 2.7 V6 190 CV e benzina 4.4 V8 300 CV. Consumi da 9.4 a 15.0 litri/100 Km (ciclo combinato). Emissioni CO2 da 249 a 354 g/Km.

impaginato_N05.indd 43 02/02/2006 17.10.25


Foto di: Luca Pellicioli

Lo Skyrunning
Emozioni, di corsa, tra montagna e cielo!

X3M05 44 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 44 02/02/2006 17.10.29


Xtreme stuff

Alpinia.net è un portale verticale sulla montagna, che ha Skyrunning:


iniziato operativamente la sua attività nel 2002. Alpinismo, disciplina sportiva che consiste nel correre in alta montagna.
Arrampicata, Arr. su ghiaccio, Escursionismo, Mountain Skyrunner:
Bike, Rafting, Scialpinismo, Sci alpino, Sci nordico, Snow letteralmente è il “corridore del cielo”, cioè l’atleta che si impegna e
Board, Speleologia, Torrentismo, Vie ferrate, Volo e Skyrun- pratica la disciplina del correre in alta montagna.
ning sono solo alcuni dei temi che trovano spazio sul sito. Chilometro verticale:
E’, infatti, possibile trovare informazioni utili su natura e è una gara che si sviluppa su un impegnativo percorso di sola salita che
ambiente, con sezioni dedicate, ad esempio, alla cucina, prevede il compimento di un dislivello di 1000 metri in verticale. Gene-
agli hotel e agli agriturismo montani, al soccorso alpino, ai ralmente partenza dai 1500-2000 metri ed arrivo a 2500-3000 metri.
personaggi della montagna e tanto altro ancora. E allora
che aspettate! www.alpinia.net

Negli ultimi dieci anni si è assistito, nel panorama internazionale


della corsa, alla nascita di una nuova generazione di competi-
zioni e atleti, che hanno come teatro di prova le meravigliose
montagne di tutto il mondo. Si è sviluppata e affermata una
nuova disciplina sportiva: lo skyrunning cioè il correre in alta tendo allo skyrunning di acquisire una propria connotazione
montagna o in modo più filosofico “la corsa del cielo”, una specifica con uno statuto, degli obiettivi e un calendario gare
disciplina sportiva ufficialmente nata all’inizio degli anni novan- ufficiale. Questo ha consentito di valorizzare, diffondere e far
ta, anche se tracce di questo modo di interpretare la corsa e la crescere sempre più questa nuova disciplina sportiva, tanto che
montagna si trovano già diversi anni prima. Un tempo, infatti, oggi la Federazione propone ogni anno un Calendario gare che
affrontare di corsa una montagna era una necessità, ed i primi prevede la disputa di una serie di prove che vanno a costituire
inconsapevoli skyrunner sono stati i contrabbandieri, i militari ed il “Campionato Italiano Skyrunning” e la “Skyrunning World
i pastori che sulle montagne vivevano e soprattutto lavoravano. Series”, oltre a diverse prove di skyrace classiche, coinvolgendo
Oggi invece si sale e scende di corsa da una montagna un po’ complessivamente ogni anno migliaia di atleti e semplici appas-
per divertimento e un po’ come forma di antistress ai ritmi che la sionati. Le gare di skyrunning si disputano in meravigliosi scenari
quotidianità delle giornate di lavoro o la città ci impongono. alpini, a quote considerevoli comprese tra i 2000 e i 4000 metri,
Nel 1995 viene quindi fondata ad opera di Marino Giacometti, con notevoli dislivelli in salita e discesa, e con una lunghezza
colui al quale si attribuisce il merito di aver istituzionalizzato del percorso gara che varia dai 25 ai 50 Km. I percorsi possono
questa disciplina, la Federazione Sport Alta Quota (FSA) permet- comprendere tratti innevati o ghiacciati, la cui difficoltà non può

Gennaio - Febbraio 45 X3M05

impaginato_N05.indd 45 02/02/2006 17.10.36


SkyMarathon:
letteralmente è la “maratona del cielo”. La maratona classica in pianu-
ra consiste nel percorrere 42 km e 195 m. Le SkyMarathon sono gare
con distanze analoghe alle maratone che si svolgono in piano, ma che
prevedono dislivelli, in salita e discesa, da compiere durante la gara e
lo sviluppo del percorso a quote superiori ai 2000 metri.
Skyrace:
termine generale che indica le competizioni di corsa in alta quota di
diversa lunghezza.

però superare il secondo grado alpinistico. E’ evidente quindi che tizioni nate negli ultimi anni, che si svolgono lungo itinerari
chi si avvicina a questo genere di competizioni, deve possedere escursionistico-naturalistici di più giorni come il Trofeo 4 Luglio
un’adeguata preparazione psico-fisica, una corretta gestione (Skymarathon: la maratona del cielo) e il Trofeo Scaccabarozzi
dei materiali e dell’alimentazione, ma soprattutto un grande (Skymarathon Sentiero delle Grigne). Lo skyrunning rappresenta
amore e rispetto per la montagna. Aspetto interessante è che quindi l’unione della corsa con la montagna e quindi la massi-
parallelamente ad alcune di queste competizioni è svolta anche ma espressione e sintesi di un’originale filosofia di interpretare
della ricerca scientifica per monitorare alcuni parametri degli queste due specialità. L’amore per la corsa e per la montagna
atleti come lo stress psicologico, l’ipossia, lo sforzo muscolare al accomuna tutti questi “corridori del cielo”, uomini e donne che,
fine di raccogliere dati per lo studio e la ricerca delle variazioni per agonismo e semplice spirito di libertà, sostengono immensi
fisiologiche e biochimiche umane in alta quota. Per tutte queste sforzi comunque ripagati dalle emozioni che gare di questo
caratteristiche, lo skyrunning si differenzia, e non appartiene, genere sono in grado di farti assaporare e che personalmente
alla categoria delle classiche corse in montagna. ho più volte definito, riprendendo una celebre canzone, “uniche
Si è evoluto ed è quindi nato un nuovo concetto di affrontare e ed incredibilmente romantiche!”.
salire la montagna, grazie ad una buona preparazione atletica e
mentale, oggi si affrontano in giornata certe salite estive ai rifugi Luca Pellicioli
o alle cime alpine per le quali sono invece mediamente previste Responsabile comunità skyrunning di Alpinia.net
tempistiche di più giornate. Ne sono da esempio alcune compe- luca.p@alpinia.net

X3M05 46 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 46 02/02/2006 17.10.43


Contributo invisibile. Successo evidente.

Contributo invisibile - Solo pochi esperti sono in grado di valutare a prima


vista le qualità delle corde d'alpinismo. Serve grande resistenza alla rottura
e all'abrasione per affrontare situazioni estreme con la massima sicurezza.
E BASF è presente e fornisce il proprio contributo invisibile alle performance
dei materiali per raggiungere i più elevati livelli di prestazione.

Successo evidente - Insieme ai nostri clienti sviluppiamo e miglioriamo


soluzioni in molti settori dell'industria. I risultati di queste partnership sono
evidenti: processi ottimizzati, qualità superiore e costi ridotti. Collaboriamo
al successo dei nostri clienti, migliorando la qualità della vita di tutti.

www.basf.com/more

PRODOTTI CHIMICI M AT E R I E P L A S T I C H E P R O D O T T I D I N O B I L I TA Z I O N E A G R O FA R M A C I E N U T R I Z I O N E PETROLIO E GAS

impaginato_N05.indd 47 02/02/2006 17.11.02


In montagna per riabilitarsi
I consigli dello specialista dopo un trauma sulla neve

La tendenza all’aumento della velocità è presente in tutte le prevedono l’impianto di protesi articolari nell’anca, nel ginocchio
discipline sportive e ha due importanti conseguenze: 1) gli e nella spalla hanno reso nuovamente possibile il ritorno ad
atleti devono imparare con appositi allenamenti a gestire i nuovi attività sportive amatoriali quali l’alpinismo e la pratica dello sci
attrezzi e devono adattarsi alle maggiori intensità degli sforzi; 2) alpino. In tutti questi casi, i limiti delle possibilità prestative sono
l’incidenza e la tipologia degli infortuni è cambiata, con impor- stati, e saranno, notevolmente spostati, per cui ciò che una volta
tanti ricadute in ambito riabilitativo. era impensabile oggi è possibile, e domani lo sarà ancor di più.
Nello sci alpino, ad esempio, sono frequenti le lesioni dei lega- Anche le continue ricerche, che da più parti vengono svolte per
menti crociati del ginocchio che necessitano di terapia chirurgica innalzare i limiti della prestazione sportiva, hanno comportato,
ed è notevolmente aumentata l’incidenza dei traumi all’arto e continuano a comportare, la messa a punto di attrezzature
superiore per la notevole diffusione dello snowboarding. Un innovative che vengono proposte non solo agli atleti d’elite, ma
aspetto particolare di questa tematica riguarda il ritorno all’at- anche al grande pubblico.
tività fisica ed allo sport di tutti coloro che sono stati colpiti da Negli sport invernali sono almeno due le importanti novità di
malattie croniche più o meno invalidanti. Per molti pazienti affet- questi ultimi anni: l’introduzione dei pattini “Klap” nel pattinag-
ti da cardiopatia ischemica, ipertensione o diabete, è oggi possi- gio di velocità su ghiaccio, dotati di un dispositivo a molla che
bile utilizzare la montagna come luogo per la riabilitazione, con permette un maggior tempo di contatto della lama con il ghiac-
le dovute precauzioni. Anche gli esiti di interventi chirurgici che cio, e la messa in commercio degli sci sciancrati (carving) per lo

X3M05 48 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 48 02/02/2006 17.11.06


INCIDENTISULLANEVEIEINCIDENTISULLANEVEINCIDENTISULLANEVE
Xtreme stuff

INCIDENTISULLANEVEINCIDENTISULLANEVE
I dati:
i ncidenti sulla neve

Sono più di 30 mila gli incidenti


causati ogni anno dallo sci in Italia.
I dati sono emersi dalla prima mappa
sugli incidenti in montagna realizza-
ta dall’Istituto Superiore di Sanità.
Nell’ultima stagione sciistica sono
stati rilevati, dalla Polizia, 12.000
incidenti. L’80% degli infortunati ha
un’età tra i 10 e i 49 anni, con una
media intorno ai 32 anni.
Gli incidenti mortali sono, per fortu-
na, abbastanza rari. Si osserva, infat-
ti, un decesso ogni 1700 interventi,
che, rapportato ai 30.000 incidenti
stimati, indica meno di 20 fatalità
l’anno, alcune delle quali dovute a
malore. Dai dati emerge poi che la
maggior parte degli infortuni avviene
su piste di media difficoltà (il 55.6%)
e in condizioni meteo buone. Ciò
significa che ci si può far male anche
in situazioni “normali”.
Solo il 10% delle cadute è dovuto a
uno scontro. In molti casi si tratta
di una semplice distorsione, tipica di
uno sport che sollecita spesso le arti-
colazioni, soprattutto le ginocchia.
E se le lesioni agli arti inferiori si
osservano nel 47.3% degli infortuna-
ti, quelle agli arti superiori, solo nel
20% dei casi. Il 15% degli incidenti
ha avuto come conseguenza un trau-
ma alla testa, lesione che si sarebbe
potuta evitare utilizzando il casco,
mentre il 3,6% dei casi gravi ha
richiesto l’intervento dell’elicottero.
L’attrezzo utilizzato dagli infortunati
è nel 79,6% dei casi lo sci, nel 15.7%
lo snowboard.

sci alpino. Queste due novità hanno portato a notevoli modificazioni delle
prestazioni sportive, per cui tutti i record di pattinaggio di velocità sono stati
rapidamente superati e gli sciatori alpini sono in grado di raggiungere velocità
assai elevate, mantenendo con maggiore facilità le traiettorie in curva.
Di questi argomenti, e soprattutto delle tecniche riabilitative oggi a disposizio-
ne per il recupero funzionale dopo infortunio di quanti praticano da profes-
sionisti o da amatori gli sport invernali e di montagna, si discuterà a Torino,
presso il Centro Congressi del Lingotto, l’1 ed il 2 aprile 2006 in un congresso
medico-scientifico che ha per tema “La riabilitazione negli sport invernali e
di montagna”. Al congresso parteciperanno i maggiori esperti mondiali del
settore. Info su www.isokinetic.com

Dott. Giulio Sergio Roi


Specialista in Medicina dello Sport
Direttore del Centro Studi Isokinetic di Bologna

Gennaio - Febbraio 49 X3M05

impaginato_N05.indd 49 02/02/2006 17.11.26


Le valanghe...
Quando la neve che si è accumulata sui fianchi di una monta- te di fare una gita in montagna è preferibile spostarsi di mattina
gna si stacca dal piano d’appoggio e precipita a valle, siamo in presto, scegliere i percorsi più alti, evitando il fondo valle e
presenza di una valanga. È un fenomeno simile alle frane, ma si guardare sempre verso l’alto in modo da controllare l’eventuale
differenzia perché si manifesta senza particolari segnali di preav- distacco di una valanga. Se venite travolti da una massa nevosa
viso, in pochi secondi, sviluppando un impressionante potere dovete simulare i movimenti che fareste nuotando per restare a
distruttivo. La potenza di una valanga dipende principalmente galla e cercare di tenere il viso libero dalla neve. Finito il movi-
dall’ampiezza della superficie instabile e dalla natura della neve; mento sarà difficile orientarsi e stabilire qual è l’alto e qual è il
per una neve definita umida, la velocità di discesa può variare basso: in questo caso il consiglio potrà sembrare un po’ strano,
dai 50 ai 100 km/h, mentre per una neve farinosa, in pratica più ma in realtà è molto importante. Vi potete aiutare sputando, la
leggera, la velocità può raggiungere anche i 200 km/h. Prima forza di gravità vi farà capire. Un’ultima informazione che non
cosa da fare, evitare di avventurarsi in zone sconosciute e senza tutti sanno è che sotto la massa nevosa di una valanga si riesce
guida. Le valanghe tendono a verificarsi negli stessi luoghi e a resistere più a lungo di quanto non si pensi, circa 3 ore a un
negli stessi periodi e, pertanto basta consultare una carta di metro di profondità e circa 45 minuti a 3 metri.
rischio dei territori montani soggetti a tale eventualità e prestare
attenzione ai bollettini d’informazione sulle valanghe. Se decide-

X3M05 50 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 50 02/02/2006 17.11.40


Kia Motors consiglia Agip

CULT MOVING.
*Versione Active. I.P.T. esclusa. Consumo combinato (litri x 100 Km) da 7,7 a 8,4. Emissioni CO2 (g/ KM) da 205 a 223.

MARTINELLI
NADLER LARIMER
La foto è inserita a titolo di riferimento.

K IA S ORENTO .
Muoversi, con la più bella espressione di stile. Kia Sorento, la miglior sintesi tra una berlina di prestigio e un
brillante Sport Utility Vehicle. Motori 2.5 CRDI common rail 16V da 140 CV, trazione integrale ad inserimento
e controllo automatico (T.O.D.), marce ridotte, doppio airbag, ABS + EBD, climatizzatore manuale, cerchi in
lega. E in più nella versione Active Class, selleria in pelle, climatizzatore automatico, sedile guida regolabile
elettricamente e vetri posteriori oscurati. A richiesta, anche il cambio automatico sequenziale.

da 28.570,00*€

www.sorento.it Kia Motors Italia SpA. Una Società del Gruppo “Koelliker SpA.” Non seguite la moda, guidatela.

impaginato_N05.indd 51 02/02/2006 17.11.58


ATMONAUTI
navigatori dell’atmosfera
Foto di: Archivio Atmonauti.com

X3M05 52 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 52 02/02/2006 17.12.25


Xtreme stuff

La storia insegna che le grandi rivoluzioni


arrivano all’alba dei nuovi secoli.
E’ proprio nell’anno 2000 che irrompe
sulla scena del paracadutismo mondiale
una nuova tecnica per volare in caduta
libera: con gli Atmonauti inizia la storia
del vero volo umano.
Non bisogna volare negli States e neppure
oltralpe, dove normalmente vede la luce
ogni forma di paracadutismo nascente,
per incontrare gli apostoli di questa vera e
propria way-of-life. Marco Tiezzi e Giglio-
la Borgnis sono italianissimi: il merito del
progetto Atmonauti e della diffusione
planetaria di questa evoluzione del volo
umano è custodito come il fuoco sacro
degli dei. Dopo un successo che li ha
portati in questi anni a girare il mondo
per insegnare il loro nuovo concetto
di volo, gli Atmonauti hanno deciso di
rendere più stabile nel 2006 la loro
permanenza in Italia creando la loro Fly
Zone a Skydive Marche, rinnovato centro
di paracadutismo della provincia fermana
gestito dal bravo Ilario De Marchi.

Gennaio - Febbraio 53 X3M05

impaginato_N05.indd 53 02/02/2006 17.12.37


In cosa si differenzia il sistema Atmonauti dalle altre tecniche
di caduta libera oggi conosciute? Il volo è la parola chiave del
grande successo. Per la prima volta nella storia dello skydiving
vengono introdotte nozioni tipiche del volo e tipiche della
formazione del pilota. Ma il fatto più clamoroso, per cui possia-
mo per la prima volta parlare di vero volo umano, è che gli
Atmonauti sfruttano sul corpo il principio fisico della portanza,
quella forza che in pratica consente alle ali di un aeroplano di
sostenersi in volo. Utilizzando il corpo con un angolo di inci-
denza, il paracadutista si comporta come un profilo alare, la
cui propulsione è costituita dall’angolo di incidenza del corpo
che permette di mantenere la velocità sufficiente ad alimen-
tare l’ala umana. Il risultato? Ci si sente leggeri, sparisce la
sensazione di cadere e si ha un totale controllo ed una estrema

X3M05 54 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 54 02/02/2006 17.12.45


Xtreme stuff

ATMONAUTIATMONAUTIATMONAUTIATMONAUTI
Patrick De Gayardon
Dopo aver studiato per tre anni il volo
di una particolare specie di scoiattoli
del Madagascar che, grazie a una sottile
membrana che collega gli arti anteriori,
quelli posteriori e la coda, planano da un
albero all’altro, nel 1997 Patrick De Gayar-
don inventa la tuta alare (wingsuit). I primi
prototipi della tuta risalgono al 1994,
mentre i primi esperimenti al ‘96. Dotata
di tre superfici alari cucite direttamente
alla tuta stessa per riempire lo spazio
che si crea tra braccia, corpo e gambe
allargate, questa particolare invenzione è
costituita da una doppia membrana, che
si gonfia durante la caduta creando un
effetto portante. Con questa tuta alare, la
velocità di spostamento orizzontale della
caduta libera è di 140/150 km/h, la velo-
cità massima è 180 km/h, mentre quella
verticale di 90 km/h. Con un piano di
caduta di 35° e il corpo inclinato in avanti
di 20-25 gradi, lo spostamento orizzontale
risulta maggiore di quello verticale. Patri-
ck, lanciandosi da 4000 metri, è riuscito a
spostarsi orizzontalmente di 6 chilometri,
in poco più di due minuti, dimostrando
che l’avanzamento orizzontale è molto
di più di quello verticale. In definitiva,
si può parlare di volo planare e della
precisione di volo, ottenendo un'opportunità reale di eseguire
capacità per l’uomo di volare. Con questa
giochi e performances che prima si credevano possibili solo in
caduta verticale nella traiettoria della forza di gravità. Tuttavia impresa, Patrick De Gayardon ha reso
se le spiegazioni tecniche possono risultare ostiche ai più, una possibile il sogno di Icaro. E’ stato poi
delle ragioni del successo del volo Atmonauti, è la facilità di capace, durante una caduta libera senza
apprendimento. Tutti possono imparare rapidamente questa paracadute, di rientrare nello stesso aereo
tecnica, dai più esperti e già specializzati nelle varie discipline da cui si era lanciato chilometri più in alto.
(rw, freefly ecc.), ai debuttanti che hanno appena terminato il Il 13 aprile del 1998, Patrick si trova alle
corso basico di paracadutismo. Una volta appreso correttamente isole Hawaii per tentare alcune migliorie
il concetto e tutte le particolarità che ne derivano, l’evoluzione sulle prestazioni della speciale tuta alare,
diviene rapida e stimolante arrivando a far maturare non solo
ma, durante un lancio di allenamento,
una tecnica sopraffina e una sensibilità eccezionale, ma anche

Gennaio - Febbraio 55 X3M05

impaginato_N05.indd 55 02/02/2006 17.12.50


X3M05 56 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 56 02/02/2006 17.12.55


ATMONAUTIATMONAUTIATMONAUTIATMONAUTI
Xtreme stuff

il meccanismo di apertura del paracadute


applicato alla tuta si inceppa e Patrick De
Gayardon muore tragicamente.
Era lì, anche, per girare il nuovo film di
Patrick Passe: una sequenza di skysurf in
tandem con Wendy Smith e una di freefly
con Adrian Nicholas. Alle Hawaii, Patrick
era arrivato il 12 e aveva provato qualche
salto e fatto alcune modifiche alla sacca
per migliorare il volo della wing suit. Il
giorno dopo, un salto insieme agli altri
per fare le riprese e poi con Adrian, che
ormai aveva imparato ad usare perfetta-
mente la tuta alare. Alla sacca usata per
saltare, Patrick aveva aggiunto una specie
di deflettore applicato sul fondo, costruito
in corda e riempito di gomma piuma, che
doveva servire ad aumentare l’efficien-
za della tuta, eliminando la turbolenza
creata dal vuoto tra la sacca e la schiena.
Patrick, la sera prima, per fare l’ennesima
modifica, aveva smontato e rimontato il
deflettore senza aprire il contenitore. Nel
suo ultimo salto, quando ha tirato l’hand
deploy sotto i 700 metri, la sacca si è
aperta normalmente mentre il pod non
è uscito né si è aperto, ed è rimasto inca-
strato nelle funi di fissaggio del deflettore.
Patrick ha sganciato e aperto la riserva,
ma il pilotino e il pod della riserva si sono
impigliati con il pod del principale. I due
pod sono rimasti così impigliati sopra la
sua testa e Patrick è sparito per sempre
dietro gli alberi di banano.

Marianna Macis

una formazione più amplia che si avvicina a quella dei piloti degli aerei.
Ma gli Atmonauti sono molto di più: esistono competizioni, giochi, show
e addirittura l’Atmonauti Top Patrol, una pattuglia acrobatica in grado di
emulare le gesta delle Frecce Tricolori.
Atmonauti: uniti in aria e nella vita. Marco Tiezzi, 38 anni, oltre 10.000
lanci. Inventore ed istruttore della tecnica Atmonauti. Campione Europeo
di Freestyle e nella selezione dei migliori free-flyers mondiali.
Gigliola Borgnis, 32 anni, 9.000 lanci. Ha contribuito all’idea-
zione del progetto dall’esordio, specializzandosi in Atmonauti
Free Style. Ha partecipato al record mondiale femminile di free-fly.
E’ in possesso della licenza di pilota di aeromobile.

Info Websites:
www.atmonauti.com - www.scuoladiparacadutismo.it

Gennaio - Febbraio 57 X3M05

impaginato_N05.indd 57 02/02/2006 17.13.08


La wingsuit
Questo è coerente con le misure fatte su voli con tute alari,
dove la migliore planata è stata raggiunta ad una velocità di 130
Km/h. A tale velocità il rateo verticale era di 40-50 Km/h. Si può
La tuta alare usa la velocità di caduta generata dalla gravità e volare a velocità verticale più bassa, ma ciò comporta anche una
la converte in volo orizzontale. Lo stesso principio si applica agli minore velocità orizzontale e quindi una planata peggiore. Per
alianti, deltaplani e alle vele dei paracadutisti. E, infatti, la wing- quanto riguarda i tentativi di atterraggio con la tuta, ci sarebbe
suit é un profilo alare, proprio come l’ala di un aereo, una vela bisogno di una superficie alare superiore, per generare una
da lancio o lo Shuttle. Per una persona di taglia media, la tuta maggiore portanza e quindi ridurre la velocità minima. Ma il
ha una superficie di circa 15-16 piedi quadrati ed un peso di ca. corpo umano, per la sua forma, non è concepito per il volo, ed
170-190 libre. Questo comporta un carico alare di 10,5-12,5, occorreranno alcuni milioni di anni di evoluzione per cambiarlo
dieci volte superiore a quello di una vela da lancio. Dai calcoli in una forma più consona.
matematici si evince che per un carico alare 10 volte superiore,
la velocità minima dovrà essere grossomodo 3 volte superiore. M.M.

ATMONAUTIATMONAUTII

X3M05 58 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 58 02/02/2006 17.13.14


impaginato_N05.indd 59 02/02/2006 17.13.42
Foto di: Davide Frana

X3M05 60 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 60 02/02/2006 17.13.46


Xtreme stuff

La Ruta Maya
Alla scoperta
delle antiche vie dei Maya,
nel cuore dell’ inospitale
Selva del Sud del Messico,
Guatemala e Belize...
in mountain bike

Sono sbarcato a Guatemala City alle


16.30 locali del 6 settembre scorso, ad
attendermi il collega dell’ambasciata,
che, dopo avermi condotto nella sua
sede, dove ho montato la bike, mi ha
accompagnato ad Antigua, 40 km circa
ad ovest di Guate City, da dove il mattino
seguente avrei iniziato la mia avventura.
Alzatomi di buonora, ho preso direzione
nord-ovest verso il lago di Atitlan, da
dove mi sarei diretto a nord verso la
Cordillera Chuchumatanes attraversando
le località di Chichicastenango, Santa
Cruz del Quichè, Sacapulas, Huehuete-
nango e Todos Santos Chuchumatanes.
La strada fin qui è tutta una salita dura ed
impegnativa, tranne gli ultimi km, fatti di
spettacolari discese, che per un free rider
come me sono una festa. Purtroppo ho
dovuto limitarmi nella velocità a causa del
pesante carico posteriore.

E, infatti, sono caduto. Nulla di grave, ma


che botta! Tutto il tragitto, anche se vera-
mente duro e faticoso, è stato fantastico
per la bellezza dei luoghi, per la quiete
e per le attenzioni della gente, che non
avendo mai visto un turista in bike, mi
fermava e mi chiedeva da dove venissi,
compiacendosi e facendomi raccoman-
dazioni perché la strada era pericolosa,
soprattutto il tratto che da Todos Santos
va alla Mesilla, al confine con il Messico.
Infatti, quando sono partito da lì e ho
attraversato la Cordillera con un passag-
gio di 120 km circa, mi sono reso conto
che gli indigeni del luogo avevano ragio-
ne: ho dovuto spesso spingere la bike per
le incredibili salite e per il fango che la
pioggia aveva creato; come consuetudine
del clima tropicale, acquazzoni improvvisi
sono soventi durante l’arco del giorno,
brevi, ma quanto basta per ridurre la
strada ad un acquitrino.

Gennaio - Febbraio 61 X3M05

impaginato_N05.indd 61 02/02/2006 17.13.48


Per percorrere quei 120 km mi ci sono volute quasi 10 ore. Il 12 e mi sono diretto a Frontera Corazal, dove, dopo una visita al
ho attraversato il confine tra Guate e Mexico e, percorsi più di sito Maya di Yaxchilan, ho attraversato a bordo di una lancia il
160 km, ho raggiunto il cuore del Chiapas, San Cristobal de Las fiume Usumacinta, che è il confine naturale con il Guatemala.
Casas, dove mi sono fermato un giorno per riposare e per visita- Sbrigate le formalità doganali, mi sono trattenuto con i poliziot-
re la città. Qui tutto sembra tranquillo e la gente è cordiale, ma ti, incuriositi dal fatto di vedere un italiano, per di più in bike, in
non dimentichiamo che ci troviamo in pieno territorio Zapatista, quei luoghi così dispersi. Dopo aver lasciato Bethel, ho percorso
dove sono molto forti i contrasti tra governo messicano e la un tratto di strada di 90 km, tutta sterrata, dove ho incontrato
popolazione locale, lo si nota dal fatto che ci sono militari e posti notevoli difficoltà, per il fatto che la pioggia continua rendeva
di blocco ovunque. Da San Cristobal mi dirigo ad Ocosingo, impraticabile la strada, costringendomi a percorrere lunghi
dopo 85 km. Questa città, nel ’94, vide la repressione della rivol- tratti a piedi spingendo la bici. Ho passato dei brutti momenti,
ta Zapatista con decine di morti. Lasciata Ocosingo, è il turno percorrevo brevi tratti in lungo tempo e la necessità vitale in quei
delle rovine della città Maya di Toninà a 12 km a est e poi di luoghi è di non percorrerli mai se non di giorno, la notte potreb-
Palenque, 130 km a nord, con una sosta alle spettacolari cascate be essere fatale. Mi sono così armato di pazienza e di forza di
dell’Agua Azul. Il giorno successivo ho sostato a Palenque, per volontà, cosa che mi ha aiutato in più momenti, in quanto è
poter ammirare lo splendido sito Maya immerso nella foresta. Il sì importante la preparazione atletica, ma è la testa il fattore
giorno dopo un altro lungo tratto, 160 km, che mi ha portato primario che, mancando, renderebbe vano ogni sforzo. Una
a Bonampak, percorrendo la Carretera Fronteriza, la strada che volta giunto a El Subin ho dovuto cambiare itinerario, dirigendo-
corre lungo il confine con il Guatemala. Ho visitato il sito Maya mi a Sayaxchè, 20 km circa a sud, perchè stava sopraggiungendo
di Bonampak, completamente immerso nella foresta, raggiungi-
bile dopo aver percorso quasi 15 km di sterrato dalla Carretera

X3M05 62 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 62 02/02/2006 17.14.38


Xtreme stuff

Terre e Zapatisti
Sotto il regime dominato per ottant’anni dal
Pri, le diverse riforme agrarie che si sono
succedute hanno sempre avuto un carattere
parziale oltre che ingiusto e spesso assegna-
vano ai contadini poveri le terre più aride e
meno redditizie. I contadini che venivano
espulsi dalle loro terre per debiti venivano
invitati dal governo a emigrare verso le
montagne aride del Chiapas, dove si creò un
gigantesco bacino di manodopera di riserva
che i latifondisti delle regioni del Centro,
di Fraylesca e Soconusco utilizzavano nei
periodi della raccolta. Quando questa fini-
va, i peones sopravvivevano a stento nelle
poverissime terre comunitarie che venivano
assegnate a esclusivo vantaggio dei grandi
proprietari. Fu così che 150 mila contadini,
quasi tutti indigeni, furono costretti a vivere
nelle foreste e nelle montagne. All’inizio
degli anni ’80, ben l’80% degli ejidos erano
costretti per sopravvivere a lavorare nelle
aziende dei grandi proprietari e nelle peri-
ferie delle città. Grazie a questa opera di
supersfruttamento, il Chiapas è diventato il
primo esportatore di caffè e fra i primi tre
stati messicani produttore di mais, banane,
tabacco e cacao. Il 90% dei contadini delle
terre comunitarie tuttora estraggono, dalla
terra, un reddito giornaliero inferiore a
un dollaro. In Ocosingo, Altamirano e las
Margaritas, su 225mila abitanti, il 48% della
popolazione è analfabeta, l’80% delle fami-
glie vive sotto i livelli minimi di sussistenza,
il 75% della comunità non ha elettricità e
oltre la metà non possiede acqua potabile.
Queste sono le vere ragioni che hanno spin-
to i contadini del Chiapas ad organizzarsi
nell’Ezln, Esercito Zapatista di Liberazione
Nazionale, movimento armato clandestino
che deve il suo nome a Emiliano Zapata.

Gennaio - Febbraio 63 X3M05

impaginato_N05.indd 63 02/02/2006 17.15.01


la notte e avevo necessità di trovare riparo. Il mattino seguente avevo già capito cosa mi avrebbe aspettato nei giorni successivi.
ho percorso i 60 km che da Sayaxchè mi conducevano a Flores, Avevamo a disposizione due mule, sulle quali erano caricati i
isola del lago di Peten Itzà, dove ho riposato un giorno intero ed viveri, l’acqua e quanto potesse servirci.
ho iniziato i preparativi per affrontare la Selva del Peten, dove ci Camminavamo dalle 6 alle 8 ore al giorno, in condizioni pazze-
sono i siti Maya più spettacolari, remoti e sperduti. Questo giro sche, che però mi hanno fatto tirar fuori il meglio di me stesso
di più di 200 km, ho dovuto affrontarlo a piedi, visti i sentieri e dato, una volta terminato il viaggio, una serenità e una soddi-
impervi e inaccessibili con la bici. sfazione tali, che solo chi ha avuto l’opportunità di affrontare
Dopo informazioni in loco, ho incontrato il chiclero di 60 anni, di determinate situazioni può capire. Dopo 8 giorni finalmente
nome Don Francisco, che mi avrebbe accompagnato nei 9 giorni ritornavamo a Carmelita e poi a Flores.
successivi per tutto il percorso. Dopo aver lasciato la mia bike Dopo essermi riposato per un giorno, sono partito alla volta
nell’albergo, siamo partiti per Carmelita, l’ultimo paese prima del Belize. Dopo Benque, Viejo del Carmen, il sito Maya di
della Selva, 80 km a nord di Flores. Xunantunich e Burrel Boom, ho finalmente cominciato l’ultima
Da lì, dopo aver dormito una notte in una cabaña sull’amaca, tappa che da Orange Walk, attraverso la New Northern Hwy,
cosa che si sarebbe ripetuta per tutte le notti seguenti, abbiamo mi portava dopo 110 km a Belize City, dove terminavo il giro in
preso direzione nord, verso El Mirador, antico sito Maya ancora bike. Quest’ultima tappa è stata durissima, sia per la stanchezza
completamente ricoperto dalla vegetazione. Dopo la prima
mezz’ora di viaggio, immersi nel fango fin sopra le ginocchia,

X3M05 64 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 64 02/02/2006 17.15.13


Xtreme stuff

sia per la pioggia torrenziale e il vento contro. I km


totali sono stati 1.850, dei quali 200 a piedi. Da Belize
City mi dirigevo in barca, con bike al seguito, all’isola
di San Pedro, dove avrei incontrato amici del luogo,
conosciuti precedentemente e dove mi sarei dilettato
in splendide immersioni. E’ qui che ho incontrato una
coppia di americani di circa 50 anni, che da due anni
sta girando il mondo in bici. Il 13 ottobre ho preso
l’aereo che mi riportava a Guate City, dove ho trovato
ad attendermi il Vicebrigadiere Battani, che mi ha riac-
compagnato in ambasciata, dove abbiamo cenato con
l’addetto dell’ambasciata, il Prof. Angelillo. Il 15 ero
nuovamente in Italia.

Davide Frana

Abbigliamento
e tradizione
Gli abiti degli antichi Maya erano tessuti in cotone o
con fibre di agave. I colori erano naturali e venivano
ricavati da sostanze vegetali, animali o minerali.
Poiché la società preispanica era profondamente
gerarchica, i vestiti riflettevano il potere della perso-
na che li indossava. Oggi, gli abiti hanno subito
parecchi cambiamenti, soprattutto in seguito all’in-
fluenza occidentale, ma nonostante tutto non è
diminuita l’importanza dell’abito tradizionale nelle
comunità indigene dove l’indumento rappresenta
ancora una collocazione all’interno della comunità.
Gli uomini portano generalmente una camisa e un
pantalon (la cui lunghezza varia da mezza coscia,
al ginocchio ed alla caviglia) ed un sobrepantalon
(usato solo a Todos Santos Cuchumatàn), una faja
(cintura di tessuto che serve a reggere i pantaloni), il
saco (giacca di tessuto spesso decorata o ricamata).
Le donne portano un huipil (blusa di stoffa tessuta
a mano o ricamata), la faja (cintura di tessuto), il
tzute (stoffa utilizzata per usi diversi, come copri-
capo, come scialle, per portare oggetti), il corte
(gonna costituita da un unico pezzo di tessuto
adattato dalla donna e fissato in vita con la faja),
il penaje o reboso (scialle rettangolare con frange
laterali usato in varie occasioni).

Gennaio - Febbraio 65 X3M05

impaginato_N05.indd 65 02/02/2006 17.15.16


Chi e'...
Nome:
Davide Frana
Età:
38 anni
Professione:
P.U. Arma dei Carabinieri
Hobby:
Ama le escursioni in mountain bike ed
è appassionato di sci e subacquea. Ha
già compiuto viaggi in solitaria in centro
America: Honduras e Salvador.
Motivazione del viaggio:
Spirito d’avventura, desiderio di provare
a superare i propri limiti fisici e ricer-
ca interiore psichica e spirituale. Spera,
inoltre, di diventare un testimone privi-
legiato delle difficoltà di sopravvivenza
della cultura e della popolazione Maya e
che quello che ha fatto sia di stimolo a
riflessioni profonde in un mondo globa-
lizzato che renderebbe altrimenti inutili
simili imprese.

Davide Frana
X3M05 66 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 66 02/02/2006 17.15.27


impaginato_N05.indd 67 02/02/2006 17.15.38
Foto di: Riccardo Monti

WUP BMX
Contest 2005
Adrenalina a mille per il piu' importante
evento di BMX sul territorio italiano

X3M05 68 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 68 02/02/2006 17.15.40


Xtreme stuff

Sabato mattina mi alzo presto, alle 8, il tempo


non era dei migliori anzi… preparo lo zaino con
l’attrezzatura, sacco a pelo e qualche CD da ascol-
WUP BMX
tare in macchina. Passo a prendere il mio amico
Giorgio, e partiamo per Sestri Levante…
Contest 2005
L’evento è organizzato da WUP, capitanato da Giunto alla 4° edizione, si è svolto nel Groove
Manlio Iaccarino. A metà strada ci troviamo in skatepark di Sestri Levante (Genova) il 10 e
un autogrill con i ragazzi della Nosoccer, Mauro l’11 settembre scorso. E’ considerata la tappa
Argenti, Alessandro Civera, Fabio Limonta ecc… classica dei circuiti agonistici europei e anche
e poi ripartiamo tutti insieme. Arriviamo al Groove quest’anno ha visto la partecipazione dei più
Skatepark, io ero ancora nel mondo dei sogni, illustri biker del settore, giunti da tutta Europa.
anche dopo 2 ore di macchina con la musica a
tutto volume….i ragazzi iniziano a scaricare le bici
e a girare nel park. Oltre ai riders italiani ci sono
svizzeri, francesi, sloveni e tedeschi, il numero dei
partecipanti è veramente alto; vederli girare tutti
insieme è uno spettacolo, gli iscritti sono 58, 35
gli amatori e 23 i pro.

llride"
"manual to wa
fan lantschner
ette, Pa olo Fratagnoli, Ste
rrich Ov
da sinistra: Pie

Gennaio - Febbraio 69 X3M05

impaginato_N05.indd 69 02/02/2006 17.15.52


Qualifiche
Iniziano le qualifiche, il tempo migliora e il nostro Alessandro Barbero è una
macchina di tricks e spiazza tutti, il secondo è Stefan Lantschner e terzo il fran-
cese Julien Buongiorno; nella categoria amatori arriva primo Roberto Bonasso,
secondo il pisano Rocco Marino e terzo il milanese Pier Lofrano.
Il tempo passa velocemente e ci ritroviamo alla sera, dove era stato organizza-
to il Bunny hop contest, saltare un’asticella a partire da una altezza di 50 cm
da terra. La selezione inizia quando si superano gli 80 cm. Alla fine arrivano in
tre, Darrel Hill, speaker ufficiale degli LG a Rimini, Marco Mazzola e Alessandro
Tisoni ad una altezza di 90 cm, ma Darrel vuole esagerare e supera i 96 cm
vincendo il contest, insieme a una forcella nuova del Wethepeople.

ner "Tailwhip"
Stefan Lantsch
rbero "Tailwhip"
Alessandro Ba

Darren Hill
speaker ]
Leoanardo [ the

X3M05 70 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 70 02/02/2006 17.16.07


Xtreme stuff

Finali
La mattina abbiamo avuto tutto il tempo per carburare…e per ice pick sul wall e alla fine della sua run c’è stato un tentativo,
mangiare, grazie all’ospitalità nella tenda della Nosoccer con mancato veramente per poco, di flair dal quarter al bank; al
cuoco Fabio Limonta. Le finali per gli amatori iniziano alle 14.30 quarto e al terzo posto troviamo i due francesi Pierrich Dovette,
dove emerge Gianmarco Moschin, molto sciolto e preciso, che con grande stile chiude abubaca sul wall, hollie fakie turn-
secondo il genovese Roberto Bonasso e terzo il toscano Massi- down, lookback transfer, e Julien Buongiorno che chiudeva tail
miliano Canè, il milanese Pier Lofrano arriva solo quinto, reduce whip ovunque.
di una serata molto allegra. Finite le finali degli amatori si parte Al secondo posto, Stefan Lantschner lascia il pubblico sbalordito
con i pro, il primo a partire è il quindicenne Loris Cangini, che dal suo stile fluido e potente chiudendo trick come wall to whip,
ricordiamo a Rimini aveva fatto una bella run, arriva decimo tail whip, manual to wall, tire slide sul wall ecc…Vince le finali
con i suoi 540 transfer, tailwhip; al nono posto c’è Ivan Piloti Alessandro Barbero, già vincitore della scorsa edizione e vincitore
con un bellissimo wall to whip, mentre Paolo Fratagnoli chiude della tappa di Rimini degli LG, chiudendo qualsiasi trick in qual-
backflip sul quarter e riesce ad arrivare ottavo; lo svizzero Yanni- siasi posto, spaventoso..
ck Wenger con grande stile arriva solo settimo con diversi trick Grazie alla Nosoccer per l’ospitalità e mi congratulo con Manlio
interessanti come transfer turdown da bank a bank. Iaccarino per l’organizzazione.
Il bellunese Alessandro Tisoni, ottimo dirt rider, arriva al sesto
posto con un paio di trick veramente belli come wall to nofoot Riccardo Monti
can can, superman, downside whip transfer; al quinto posto
arriva il bergamasco Fabio Limonta chiudendo smithgrind 180,

BUNNY HOP
RTY !
CONTEST PA

96cm
Darrel Hill
la 92cm
Andrea Mazzo
i 90cm
Alex Tison

noli "Backflip"
Paolo Fratag

Gennaio - Febbraio 71 X3M05

impaginato_N05.indd 71 02/02/2006 17.16.20


WUPBMX FINALE PRO
ALEX BARBERO
STEFAN LANTSCHNER
JULIEN BONGIORNO
Cuneo
Bolzano
FRANCIA
PIERRICH HOVETTE FRANCIA
FABIO LIMONTA Bergamo
ALEX TISONI Belluno

WUPBMX
JANNICK WENGER SVIZZERA
PAOLO FRATAGNOLI Arezzo
IVAN PILOTI Milano
LORIS CANGINI Bellaria

FINALE Amatori
GIANMARCO MOSCHIN Padova
ROBERTO BONASSO Genova
MASSIMILIANO CANE’ Prato
MATTIA ROCCHI Gambettola "Icepick"
Fabio Limonta
ner
PIER LOFRANO Milano Stefan Lantsch

SERGIO SIEPE Arezzo


ROCCO MARINO Pisa
CRISTIAN CARBONE Roma
MIRCO CASUCCIO Sanremo
GIULIO CHIAPELLO Cuneo

ip"
rbero "Tailwh
Alessandro Ba

can"
to doublecan
oni "Wallride
Alessandro Tis

X3M05 72 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 72 02/02/2006 17.17.49


com
psp.
your

PURSUIT FORCE™
Combatti il crimine nei panni di un poliziotto del futuro, salta da un mezzo all’altro
e annienta le bande criminali che tengono in pugno Capital City.
Pursuit Force. Stavolta il crimine la paga.

Pursuit Force™ © 2005 Sony Computer Entertainment Europe. Published by Sony Computer Entertainment Europe. Developed by Bigbig Studios Ltd.
Pursuit Force is a trademark of Sony Computer Entertainment Europe. All rights reserved. “‰” and “ ” are trademarks or registered
trademarks of Sony Computer Entertainment Inc. All other trademarks are property of their respective owners.

impaginato_N05.indd 73 02/02/2006 17.18.36


Eicma,
63°Esposizione Internazionale
del Motociclo
Campioni, belle ragazze e spettacolari acrobazie
al Salone della moto di Milano
Foto di: Riccardo Monti

X3M05 74 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 74 02/02/2006 17.18.40


Xtreme stuff

Fiera di Rho,
15/20 novembre 2005
Sono almeno sei o sette edizioni che
non riesco a non mancare a questo
grande evento e questa edizione a mio
avviso è stata la più ricca di emozioni,
per le moto esposte, per le belle ragazze
presenti negli stand e per gli spettacoli
organizzati.
La zona outdoor della fiera è stata suddivi-
sa in diverse aree, dalla pista di supercross
e motard che inglobava la freestyle area,
al circuito di prova per moto da strada,
alla zona trial e quad acrobatici e tutto
ciò era ovattato dagli spettacoli del palco
Vodafone con i ragazzi di RadioDeeJay e
musica mixata dal dj della RedBull. Era
presente anche un piccolo circuito per i
più piccini, che potevano provare l’emo-
zione di salire su una moto.
Il programma, sempre rispettato negli
orari, differiva da un giorno all’altro per
dare la possibilità di vedere tutti gli show.
Per quanto riguarda il motard, c’era il
Ktm Trophy dove come piloti “vip” c’era-
no il campione di sbk e ora alla motogp
Ruben Xaus, #11, che, con le sue pieghe
da brivido e ginocchio che sfiorava l’asfal-
to, infiammava il folto pubblico e il pilota
dell’Aprilia 250 Alex De Angelis.

Gennaio - Febbraio 75 X3M05

impaginato_N05.indd 75 02/02/2006 17.18.46


Ma a lottare per la classifica del campionato erano il comasco leggenda del supercross e motocross italiano Miki Monti con
Mattia Riva, #86, che con ottimi piazzamenti durante tutto l’an- Honda, che sono riusciti a esaltare il pubblico con serie di trick
no riesce ad arrivare secondo assoluto in campionato e Simone come rocksolid, tsunami, shaolin, seatgrabindian e il famigerato
Girolami, #17, vincitore incontrastato della gara. backflip, dalla distanza di 22 metri, chiuso alla perfezione da
Per quanto riguarda Supercross, gara valida per l’europeo, i Vanni Oddera. Prima e dopo gli spettacoli, la crew gironzolava
protagonisti sono stati Alex Salvini, #919, dominatore all’ IP chi con motorette 4 tempi da cross, chi con scooter. Nella zona
Supercross di Genova del 2005, Angelo Pellegrini, #8, e il folletto Trial acrobatico, c’era lo show dell’Action Group, composto dal
del supercross italiano Davide Degli Esposti, #111. veterano Sergio Canobbio detto “il Canna”, ottimo intratteni-
La pista era ben costruita, con una seria di woops, di doppi e tore del pubblico, Walter Favarin e dal pluricampione italiano
tripli che selezionavano molto e facevano affiorare la tecnica Mirko Re Delle Gandine, che facevano impennate, wheeling e
dei piloti più esperti. A dare un colpo di “pazzia” allo show trick, saltando sulla loro rampa. A lasciare sbigottito il pubblico
era presente la crew di fmx italiana Daboot, capitanata da sono stati anche gli spettacoli dello Stuntman Craig Jones con
Alvaro Dal Farra con la sua Kawa cromata, Max Bianconcini con
Honda black, il simpatico savonese Vanni Oddera con Ktm e la

Mattia Riva

Ruben Xaus
Girolami

Trofeo Ktm
rini
AngeloPelleg

Uno degli attori principali nel marcato degli ATV, ha


presentato all’Eicma 2005 il DS250 X e le versioni omolo-
gate CE dei modelli Rally e Outlander. Il Salone del Moto- Outlander 400 H.0.
ciclo è stato anche l’occasione per annunciare due impor-
tanti novità: la presentazione dell’Outlander 800 H.O. EFI Motore: 400cc, 4Tempi, raffreddato a liquido, 4 valvole OHC
Trasmissione: CVT, sub-trasmissione con marce normale, ridotte, folle, park e
e dell’Outlander Max 800 H.O. EFI. Gli ATV Bombardier
retromarcia, trasmissione ad alberi 2w/4w selezionabile con differenziale.
sono i più potenti della loro classe, dai modelli sportivi a Dimensioni: Lungh. x Largh. x Alt.: 2184 x 1168 x 1143 mm Peso: 276 kg
quelli più ricchi di soluzioni tecniche e innovative. Altezza da terra: 236 mm Altezza sedile: 877 mm Capacità serbatoio: 16 L

X3M05 76 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 76 02/02/2006 17.18.58


Xtreme stuff

le mastodontiche Harley Davidson e Buell, che riusciva ad impennare con un


piede sulla sella o seduto sul serbatoio, burnout e ha proposto un incredibile
wheeling (la ruota posteriore alzata) facendo strisciare il casco del suo compa-
gno, seduto sul parafango anteriore, per una decina di metri.
A far compagnia a Craig Jones è arrivato lo strepitoso Kevin Carmichael con la
sua Triumph color oro, che faceva assaporare il dolce odore di gomma bruciata
riuscendo a fare burnout di trenta metri, cerchi stile Giotto o impennate sedu-
to al contrario. Per fortuna gli show terminavano alle 18.30 perché dal freddo
le mie mani e la macchina fotografica erano diventate una cosa solo.

Riccardo Monti

rra
Alvaro Dal Fa
ab Indian"
rra "Double Gr
Alvaro Dal Fa
acnac"
Miki Monti "N
"
rra "Rocksolid
"Shaolin" Alvaro Dal Fa
Vanni Oddera Alvaro Dal Fa
rra

rra "Rocksolid"
Alvaro Dal Fa
"
cini "Tsunami
Max Biancon

Rally DS650 X

Motore: 4Tempi, monocilindrico, raffreddamento liquido, 4 valvole SOHC Motore: 652cc, 4Tempi, monocilindrico, raff. a liquido, 4 valvole DOCH
Trasmissione: CVT, con avanti. retro e folle, Trasmissione: 5 marce a cambio manuale
Trasmissione secondaria: Catena / asse rigido Meccanismo di trasmissione: a catena
Dimensioni: Lung. x Larg. x Alt.: 2,057 x 1,054 x 1,092 mm Peso: 395 Ibs Dimensioni: Lung x Largh x Alt: 1956 x 1219 x 1194 mm Peso: 225 kg Altez-
Altezza da terra: 229 mm Altezza sella: 838 mm Capacità serbatoio: 18,3 L za da terra: 297 mm Altezza sedile: 857 mm Capacità serbatoio: 12 L.

Gennaio - Febbraio 77 X3M05

impaginato_N05.indd 77 02/02/2006 17.19.29


da strada e fuoristrada, allo stand Ktm erano esposte, oltre ai

Il Salone
modelli nuovi come il bialbero 250 4t, le moto dei campioni del
mondo delle tre classi di enduro, E1, E2, E3 e la moto del vice
campione del mondo 125 Mika Kalio (presente per premiare i
All’interno del salone, veramente enorme anche se è stata usato piloti della Ktm Trophy) e nello stand Husqvarna c’era la moto
neanche la metà dello spazio disponibile, lo stand più affollato del neo campione del mondo di Supermotard, classe S1, Gerald
era quello della Yamaha con esposizione della moto, colorata Delepine.
per il cinquantesimo anniversario della casa, del pluricampione Ovviamente quasi tutte queste moto, tranne quella di Valentino,
del mondo di Motogp Valentino Rossi, che sabato è stata addi- erano cavalcate da bellissime ragazze e tante volte non capivo se
rittura accerchiata dai poliziotti per “proteggerla”. c’era tanta gente per vedere da vicino la moto o solo la ragazza,
Ad ogni stand delle grandi case come Honda, Ducati, Yamaha, da buon italiani…, invece era palese allo stand della Marzocchi,
Aprilia, Ktm, Husqvarna erano esposte le moto ufficiali dei loro quando arrivava la Marzocchi’s girl disponibile a foto e autografi,
piloti: alla Honda c’era la moto di Nicky Hayden, Marco Melan- anche se erano presenti i riders della Daboot, arrivavano migliaia
dri, Chris Vermulen, alla Ducati ovviamente la moto del nostro di persone.
guerriero Loris Capirossi e James Toseland, alla Yamaha le moto
di Valentino Rossi e Colin Edwards, all’Aprilia moto ufficiali R.M.

X3M05 78 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 78 02/02/2006 17.19.55


Xtreme stuff

Le origini della
Motocicletta
Il primo motociclo realizzato in Italia risale
al 1893, grazie a Enrico De Bernardi, che,
nell’84 aveva brevettato un veicolo a tre
ruote dotato di propulsore a benzina. Il
motociclo De Bernardi era, in realtà, una
bicicletta con pneumatici, spinta da un
carrello motorizzato posteriore a ruota
singola e motrice. Questa idea diede l’im-
pulso definitivo ai Werner, due fratelli
russi, per costruire un veicolo a due ruote,
utilizzando l’idea di Bouton, che aveva in
precedenza collegato un piccolo motore
alla ruota anteriore attraverso la forcella che
fungeva da manubrio. I Werner abolirono,
però, una ruota posteriore. La loro idea
funzionò. Ne costruirono alcuni esemplari
e li misero in commercio il 17 gennaio
del 1898. Fu Michele Werner a coniare il
termine Motociclo, o meglio Motociclet-
ta, abbandonando il vecchio “biciclo a
motore”. Al femminile, perchè ormai stava
diventando il vibrante desiderio degli uomi-
ni di ogni ceto sociale. All’inizio del ‘900,
si moltiplicarono i modelli con i francesi
Rivierre, Fournier, De Dion, Rambaud,
Gareau, Gillardot, i tedeschi Hildebrand
e Wolfmuller, gli italiani Figini, Lazzati,
Castellazzi, Rosselli, Bianchi e, infine, con
gli inglesi Goyan e Stevens, che fondarono
la nota AJS, iniziando poi la produzione in
serie. La prima gara assoluta di motoci-
clette si tenne a Richmond, in Inghilterra,
il 29 novembre 1897. Vinse Jarriot su una
Fournier. Il primo Campionato del Mondo
di Motociclismo si corse, invece, nel 1949
con 5 classi: 125, 250, 350, 500 e Sidecar.
La 50 cc. fu, infatti, aggiunta soltanto nel
1962. Intanto erano nate le più importan-
ti case motociclistiche: Gilera nel 1909,
Benelli nel 1911 e Guzzi nel ’21. Seguirono
Morini, Ducati, Laverda, Garelli, Motobi,
Mondial, Agusta e Aermacchi.

Gennaio - Febbraio 79 X3M05

impaginato_N05.indd 79 02/02/2006 17.20.19


Foto di: Riccardo Monti

Motor Show 2005


Eccezionale affluenza di pubblico
e star al Salone Internazionale dell’Automobile

X3M05 80 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 80 02/02/2006 17.20.34


Xtreme stuff

Gennaio - Febbraio 81 X3M05

impaginato_N05.indd 81 02/02/2006 17.20.37


"whip"
kenny bartram
cini
Max Biancon

hand"
"backflip one
Mat Rebeaud

aud
rg & Mat Rebe
ac" Beau Bambue
"backflip nacn
Beau Bamburg

delle quattro, battendo più di una volta il pluricampione italiano


Piero Longhi e il pilota ufficiale WRC Ford, Mark Higgins. Il vinci-
Il Motor Show di Bologna ha compiuto trent’anni. Sono stati tore del Findomestic Memorial Bettega è stato, invece, Gigi Galli.
più di un milione e duecento, i visitatori che sono accorsi ad Il valtellinese della Mitsubishi, con la sua Lancer WRC, ha conqui-
assistere alle novità del Salone Internazionale dell’Automobile stato la sua prima vittoria nella Lonsdale Arena. Un dominio
e della Moto, ma anche per vedere i numerosi ospiti di fama totale, quello di Galli, che non ha concesso davvero nulla a Mark
internazionale del mondo dello sport e dello spettacolo. Higgins, battendolo con un perentorio 3-0 davanti all’ovazione
Grande emozione, nella Lonsdale Arena, per gli assi del Findo- del pubblico. Poi, i cinquantamila spettatori hanno ricevuto un
mestic Memorial Bettega, quando gli assi del volante hanno regalo, il più bello: Gigi Galli, copilota di Valentino Rossi in pista,
tenuto letteralmente inchiodate nelle tribune le migliaia di un fuori programma che ha strappato applausi infiniti.
appassionati venuti apposta per vederli. Grande spettacolo del Non da meno la tripla sfida per il terzo posto tra Valentino Rossi
francese Nicolas Bernardi, che ha modificato ancora la carroz- e Piero Longhi. Il fenomeno del MotoGP e il Campione Italiano
zeria della sua Peugeot 307 WRC ufficiale, mentre l’idolo del di Rally in carica hanno dato vita ad un altro spettacolo unico: il
pubblico, Valentino Rossi su Subaru Impreza WRC, a colpi di primo parziale é stato per Longhi, poi Rossi ha reagito andando
controsterzo e sbandate, ha infiammato il pubblico e ha fatto a vincere di forza la seconda tornata, tra il tripudio del pubblico.
capire di non essere un campione solo delle due ruote ma anche Per Valentino, il terzo posto di questa edizione é il miglior risulta-

X3M05 82 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 82 02/02/2006 17.21.36


Xtreme stuff

ssi
Valentino Ro
tino Rossi )
Subaru ( Valen

gi Galli )
Mitsubishi ( Gi

nghi )
Fiat ( Piero Lo
Higgins)
Ford ( Mark

nac nac, can can, whip di Rebeaud, one hand e altri trick molto
stilosi come la mega whip look down, stile Ronnie Renner, di
to in assoluto al Motor Show da quando si é inventato rallista. Bianconcini, lo Tzunami indian di Taylor e rocksolid di Bartram.
Emozioni a non finire per le esibizioni degli scatenati funamboli Il rider che è cresciuto di più in questi tempi è sicuramente lo
nell’Eastpak Freestyle Contest, con le loro incredibili evoluzioni svizzero Mat Rebeaud: due anni fa non chiudeva nemmeno un
mozzafiato. Fra i riders di freestyle motocross, il Cowboy Kenny backflip, oggi invece è uno dei migliori al mondo ed è quasi
Bartram con Ktm, secondo agli X-Games di questa estate e un’eccezione se non fa una variante di backflip nella sua run.
compagno di “merende” di Travis Pastrana, l’americano Beau Spettacolare, alla fine della run, il trenino dei riders, che parten-
Bamburg con Honda, l’inglese Gary Taylor con Ktm, lo svizzero do uno in fila dietro l’altro e saltando in rampa, hanno lasciato
Mat Rebeaud anche lui con Ktm, terzo ai RedBull X-fighters sbigottito il folto pubblico.
2005 e i due italiani Massimo Bianconcini, membro della Daboot
crew, vincitore indiscusso dei whip, e l’ingegnere volante Stefa- Marianna Macis e Riccardo Monti
no Minguzzi. La rampa di salto era distante 23.5 metri da terra
e i trick fantastici, per la maggior parte varianti di backflip: il Un ringraziamento alla Marzocchi Hospitality,
backflip heelclicker, chiuso con semplicità da Bamburg, backflip in particolare, a Pedro Suspension.

Gennaio - Febbraio 83 X3M05

impaginato_N05.indd 83 02/02/2006 17.22.01


"
m "rock solid
Kenny Bartra
an"
"backflip canc
Mat Rebeaud

cini
Max Biancon
Mat Rebeaud
Beau Bamburg
m
Kenny Bartra

cini
Max Biancon

cini "whip"
Max Biancon

Tu sei il miglior esponente della Daboot per quanto riguarda whip,


Al Motorshow abbiamo incontrato piega, forse il migliore in questa edizione del motorshow, cosa mi
dici di quella di Jeremy “Twich” Stemberg a Genova? perchè ci sono
Massimo Bianconcini... diversi tipi whip…a me viene in mente quella di Ronnie Renner che
però non c’entra nulla con quella di Twich..giusto? spiegami un po’
Ciao Massimo, o come ti chiamano all’estero questa cosa…
“little white”, in poco meno di un mese hai Intanto grazie per il complimento, in effetti, esistono due tipi di whip: quella
partecipato a due mega contest di livello tradizionale “si fa per dire “ che come dicevi tu è quella di Renner e poi invece
europeo, Genova Supercross e Air Style di c’è quella alla Twich che arriva dal mondo della bmx, tutte e due sono molto
Monaco, cosa mi puoi dire? difficili. A Genova di sicuro ho visto la piega di Twich da vicino e devo dire
Cosa ti posso dire… mi sembra di vivere in sogno… che a me personalmente mi fa più impressione di un bachflip, l’altro giorno
no dai a parte gli scherzi sono molto contento di guardavo una sequenza e durante questa manovra a un certo punto il culo
partecipare a queste manifestazioni, anche perché della moto è più avanti di un metro rispetto alla ruota anteriore… incredibile.
il mio livello di rider è cresciuto molto in questi Non sottovalutiamo però quella di Ronny, che tirata all’estremo e fotografata,
ultimi mesi e di conseguenza il migliorare ti porta non riesci a capire se sta facendo un bach flip o una piega. Poco tempo fa
anche a partecipare a questi eventi che fino a poco aveva la copertina di "racer x" e c’era proprio scritto in lettere cubitali “NON
tempo fa sembravano un’utopia. E’ UN BACH FLIP”.

X3M05 84 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 84 02/02/2006 17.22.21


Xtreme stuff

Whip: re la
cerca di porta
Il pilota salta e pi ù or izz on-
sizione
moto nella po cc hi o tra i
Il pi ù ve
tale possibile. una
tura oggetto di
Trick, è addirit W hi p Contest
il Be st
m
competizione:
Kenny Bartra

"
cini "doublegrab
Max Biancon

In questa edizione del Motorshow siete solo due gli italiani, e tu sei
di casa perché abiti poco lontano dalla fiera, giusto? come ci si sente
cini "pinna" a girare con piloti del calibro di Kenny Bartram, 2° agli X-games, Mat
Max Biancon
Rebeaud, Beau Bambuerg e Gary Taylor? Ti confido che quando face-
vate il trenino con una mix di backflip e mega whip era da brivido..
fantastico!
Si, in effetti io abito a Monterenzio, un piccolo paesino vicino a Bologna,
Se non sbaglio sempre a Genova è stata la tua ormai non faccio più caso al fatto di saltare con i rider più forti del mondo,
prima volta, insieme ad Alvaro Dal Farra, a però ammetto che quando facciamo i trenini e vedi che davanti a te sono tutti
chiudere backflip dalla lunga distanza in uno a testa in giù mi faccio addosso … ahahahahah
show? com’è stato? Un tuo trick di punta, come molti sanno, è lo Tzunami e in questa
Ricordiamo che con me e Alve c’era anche Vanni, è edizione l’hai tirato ancor più di Beau Bambuerg, ma perché ci sono
stata una sensazione incredibile, ci siamo allenati trick che a un rider vengono meglio di altri, che magari sono anche più
davvero tanto per fare quel benedetto salto ma facili? solo per un fatto di gusto e scelta o ci sono altri motivi?
alla fine ci siamo riusciti e abbiamo fatto vedere ai E’ una questione molto personale. Ci sono certi movimenti che magari un rider
12000 presenti che oltre agli americani esistiamo li fa come bere un bicchier d’acqua e altri invece che non riesci neanche se ti
anche noi Italiani. tirano con delle molle.

Gennaio - Febbraio 85 X3M05

impaginato_N05.indd 85 02/02/2006 17.22.45


"backflip whip"
Mat Rebeaud
unami indian"
Gary Taylor "tz

m "backflip"
Kenny Bartra

cini
Max Biancon

Ti sono venuti a trovare altri due della Daboot, Vanni cini "tsunami"
Max Biancon
Oddera e Luca Zironi, siete una crew molto unita… cosa
vi tiene così uniti?
Per me sono come fratelli e oltre a loro anche Miki Monti, Fausto
Felcher, Alvaro Dal Farra, Luca Pastorino, Alex Prinzis e Jader Magari in pochi sanno che sei stato un grande a livello
Toninello. La nostra forza è proprio l’essere così uniti, molto europeo nel mondo del supercross… ma quando hai
spesso ci facciamo delle belle litigate ma penso sia normale in capito che bisognava cambiare ed iniziare a fare qualche
una famiglia come la nostra. trick?
Ho notato che hai colorato il telaio della tua Honda di Ho iniziato a pensare di abbandonare il supercross quando ho
bianco e mi dicevi che non è finita così… quali sono le smesso di divertirmi, avevo bisogno di nuovi stimoli e li ho trovati
prossime modifiche per vederla completa? è così impor- proprio nel fmx… Mi ricordo la prima volta che ho provato una
tante lo stile della moto? rampa, ero in Belgio con Miki a casa di Jimbo e ti giuro che me
Si, la moto non è ancora completa, ma non vi dico niente perché la facevo sotto, ma dopo i primi salti è stato un susseguirsi di
altrimenti è gia finita la sorpresa… Comunque Jader, “il mio scariche di adrenalina e da li ho deciso di provarci e ora sono
grafico di fiducia”, sta lavorando su una nuova grafica con degli arrivato a fare il professionista al 100%.
abbinamenti cromatici molto particolari, quindi presto la vedrete
completa… Riccardo Monti

X3M05 86 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 86 02/02/2006 17.23.01


impaginato_N05.indd 87 02/02/2006 17.23.34
Matt Pritchard,
campione di Windsurf
non per caso
Una famiglia di campioni! Dopo Kevin,
siamo andati a conoscere il fratello Matt
Foto di: Courtesy by Gaastra, John Carter e WYMS

X3M05 88 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 88 02/02/2006 17.23.36


Xtreme stuff

Gennaio - Febbraio 89 X3M05

impaginato_N05.indd 89 02/02/2006 17.23.53


Matt Pritchard, un altro grosso nome nel
panorama mondiale del windsurf. Sulla cresta Matt, puoi raccontare qualcosa di te agli amici di Xtreme?
dell’onda fin dai primi anni ‘90, polivalente, ha In generale posso dire di essere una persona molto accomodante, mi piac-
gareggiato praticamente in tutte le discipline ciono le cose semplici. Adoro anche le scariche di adrenalina, mi piacciono le
collezionando un’importante serie di successi: sensazioni che si provano a stare sul filo del rasoio.
Campione del Mondo in Freestyle e 2 volte Il Windsurf è una passione nata per caso o qualcosa che hai
Campione del Mondo in SuperX, neonata disci- sempre amato?
plina del Windsurf, Matt è una persona molto Veramente ho sempre amato il motocross e sognavo di diventare un Campione
cordiale e disponibile a parlare e dare consigli a di Supercross. Da che mi ricordo sono sempre stato su una moto. Poi, improv-
visamente, il windsurf è entrato nella nostra vita ed è diventata una nuova
chiunque glieli chieda. Nato in California, vive
passione. Tutta la famiglia ne è stata contagiata e così abbiamo cominciato
ormai da parecchi anni a Maui, luogo fantastico
a fare windsurf anziché continuare con il motocross. Ci siamo appassionati a
che, come dice lui stesso, è felice di chiamare
questo sport così tanto, che dal 1985 non ci siamo più voltati indietro.
“casa” e dove ci sono moltissime cose da fare Quindi se non avessi fatto il windsurfer…?
e un clima fantastico oltre a condizioni perfette Sarei sicuramente un atleta di motocross…È uno sport che mi prende vera-
per fare windsurf. mente tanto…lo adoro…lo uso anche come allenamento incrociato con il
Potrei raccontarvi moltissime altre cose di lui, windsurf…il motocross ti insegna a prendere decisioni istantanee e a coordi-
ma forse è meglio che ve le racconti lui stesso. nare bene i movimenti…

X3M05 90 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 90 02/02/2006 17.24.03


Xtreme stuff

Pritchard
Matt e Kevin

Il SuperX è una nuova disciplina e tu ne sei il miglior


rappresentante con due titoli mondiali vinti su due
in palio…ce ne puoi parlare?…e’ così divertente come
sembra dalla spiaggia e quali sono le difficoltà maggiori?
Il SuperX è veramente divertente. E’ una nuova disciplina molto
Mi sembra tu abbia fatto una gara all’inizio di eccitante che attrae molti spettatori sulla spiaggia così pure i
quest’anno? Come è andata? Ti ha dato le stesse media. Il Windsurf ha bisogno di questo per crescere. La cosa
emozioni del windsurf? migliore del SuperX è che può succedere qualsiasi cosa, puoi
Yeah… si… io e mio fratello Kevin abbiamo preso parte al passare dall’essere assolutamente ultimo al primo posto nella
Suzuki Crossover Challenge. Siamo stati su una pista di moto- stessa heat. Ci sono un sacco di voli e gli atleti si scontrano
cross con i grandi di questo sport a San Francisco. E’ stato gran- rovinosamente fra loro… questo da veramente un po’ di aria
de… le sensazioni sono state piuttosto simili per me. Quando fresca e divertimento nel nostro sport… Personalmente io adoro
sono in modalità di gara, io sono in un mio mondo… non vedo il SuperX perché sei responsabile di quello che fai e non dipende
e non sento nulla, sono completamente concentrato e pronto dalle condizioni atmosferiche o dai giudici che ti guardano dalla
a partire. spiaggia. Quando tagli il traguardo per primo, sai di essere il
Sei Campione del Mondo in Freestyle e SuperX … l’ultimo vincitore!
titolo proprio lo scorso luglio… che bilancio fai della tua Tu fai anche wave, cosa provi a cavalcare le grandi onde?
vita fino qui? Mi piace il wave. Probabilmente è l’aspetto più frizzante del
Credo di poter fare un buon bilancio della mia vita. Penso anche nostro sport. Mi piace uscire in acqua con buone condizioni
a quello che è stato il segreto del mio successo: amo quello che wave, mi piace fare grandi salti e surfare la cresta dell’onda.
faccio e seguo una scheda di allenamento che per me va bene. Essere travolti da una grande onda ti mette veramente in sinto-
Per vincere ci vuole molto di più del solo talento. E’ una combi- nia con Madre Natura, ti trovi ad andare ad una tale velocità che
nazione di così tante cose che non puoi nemmeno capire fino la scarica di adrenalina è al massimo. Qualche volta ti pesta per
a quando non ci sei in mezzo…e per il futuro ho intenzione di bene e devi trattenere il respiro per un pò, ma la maggior parte
vincere ancora e andare ovunque soffi il vento. delle volte non è un grosso problema.

Gennaio - Febbraio 91 X3M05

impaginato_N05.indd 91 02/02/2006 17.24.10


glie Erin
Matt e sua mo

incho 2005
PWA Wave Gu
Premiazione

Il Waveriding
Surfare onde surfabili, in particolare, front-
side. Quindi jumping, riding front e backsi-
de, condizioni on-shore, side-on...

Raccontaci un giorno perfetto nella vita di Matt Pritchard.


Dunque, fuori dal letto alle 7 circa, bagno caldo e poi sono
pronto ad affrontare la giornata. Lavoro al computer per un paio
d’ore poi mi organizzo per essere in spiaggia intorno a mezzo-
giorno. In acqua per un altro paio d’ore, un pò di allenamento, Come e quanto è cambiata la tua vita in quest’ultimo
qualche test e poi impacchetto tutto. periodo?
Faccio un giretto in paese e rientro a casa per un pò di allena- I tempi sono cambiati, le persone no. Veramente non è
mento in palestra. Mi esercito molto per rimanere in forma e cambiato molto… solo che io e Kevin adesso abbiamo spon-
mantenere il tono muscolare. Io e mia moglie passiamo un pò sor differenti quindi io ho le mie cose da fare e lui le sue…
di tempo insieme lavorando in giardino, cosa particolarmente Siamo comunque sempre molto uniti e ci vediamo per la
piacevole alle Hawaii, dopodichè sono pronto per la cena, maggior parte del tempo.
un’altra oretta al computer e poi, prima di andare a letto, una Sei spesso in Italia per gare o manifestazioni, specialmente
mezz’ora di TV e a quel punto sono completamente COTTO! sul lago di Garda…. Cosa pensi del nostro Paese?
Cosa fai per rilassarti dopo una lunga giornata di lavoro L’Italia è il mio Paese preferito. E’ bello vedere come le persone
e di allenamenti? amano il Windsurf. Il cibo è fantastico e io adoro la PIZZA! Erin
Giardinaggio. Adoro lavorare il mio giardino, io e mia moglie ed io di solito prenotiamo al residence Torbole proprio sul lago
viviamo in mezzo alle palme e ci piace moltissimo curare e ed è stupendo. Alzarsi la mattina presto e vedere quello specchio
migliorare la nostra proprietà. d’acqua è veramente rilassante. Il mountain bike è abbastanza
Hai lavorato a stretto contatto con tuo fratello Kevin per estremo e in più ci sono mille altre cose da fare. Ogni volta che
anni… ora, per scelte diverse, non è più così… c’è la possibilità di andarci, stai sicura che io sono la!

X3M05 92 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 92 02/02/2006 17.25.12


Xtreme stuff

Tavole per fare wave


Rip Line,
Sei sposato da un paio d’anni… tua moglie Erin ti consiglia si trovano a loro agio in tutti i tipi di condizioni wave.
e ti segue durante i tuoi viaggi? Planano velocemente, sono molto sciolte e radicali. Sono
Yeah! Erin è fantastica. Lei viaggia sempre con me e mi sostiene leggermente più larghe e con un maggiore volume sui
sempre in tutto quel che faccio. Mi mantiene sempre concen- bordi. Perfette per i riders più pesanti e per quelli con uno
trato ed insieme facciamo cose che molte persone si sognano. stile di surfata più potente.
Devo dire che abbiamo proprio un’intesa perfetta. Wave Line,
Quando avrai dei figli ed un giorno vorranno magari
sono tavole da onda veloci. Con il loro shape molto fine
seguire le orme del papà, cosa gli dirai?… hai qualche
sembrano molto leggere sotto i piedi fornendo il massimo
consiglio particolare?
controllo. Side Shore, On Shore e Cross Shore, la tavola si
Oh yeah! Sono più che sicuro che vorranno seguire le orme di
mamma e papà visto che, come tu ben sai, Erin è una wind- trova a suo agio in qualsiasi condizione.
surfer molto brava…sta imparando a saltare proprio in questo Wave Special,
periodo… è destinata agli specialisti del Waveriding. Alcuni degli spot
e ora, per concludere, esprimi un desiderio! ideali per queste tavole sono: Hookipa/Hawaii, Namouto/
Ok , fatto… ma non posso dirtelo altrimenti non si avvera… Fiji, Baja California/Messico, Experance/Australia, Canarie
ed Irlanda occidentale.
Silvana Casetti

Gennaio - Febbraio 93 X3M05

impaginato_N05.indd 93 02/02/2006 17.25.30


Matt Pritchard

Chi e'...
Nome:
Matt Pritchard
Nato:
in California il 29 luglio 1973
Professione:
Windsurfer
Palmares:
King of the Lake 2001
Campione del Mondo Freestyle 2002
Campione del Mondo SuperX 2004 e 2005
Disciplina preferita:
Wave e SuperX
Spot preferiti:
Maui, Baja, Costa California e Gorge.
Altri sport praticati:
Motocross
Hobby:
Giardinaggio

X3M05 94 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 94 02/02/2006 17.25.39


impaginato_N05.indd 95 02/02/2006 17.25.51
Nuoto pinnato,
lo sport d’acqua più veloce
La particolare monopinna consente di raggiungere
velocita' elevatissime, inferiori solo a quelle
raggiungibili da discipline acquatiche a motore
Foto di: Federazione Fipsas

X3M05 96 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 96 02/02/2006 17.25.53


Xtreme stuff

Gennaio - Febbraio 97 X3M05

impaginato_N05.indd 97 02/02/2006 17.25.59


TOPINNATO
NUOTOPINN
NUONUOTOPINNATO

A TO
Vi è mai capitato di vedere degli esseri nuotare in un lago o al
mare e chiedervi: “Ma sono pesci o persone?”. No? Beh, allora
vi siete persi un vero spettacolo! Se invece questa domanda svoltisi a Shangay nel 2004, il russo Skorjenko ha nuotato i
ve la siete posta almeno una volta, è giunto il momento di 50 metri apnea ottenendo il nuovo record mondiale con 14
svelare il trucco. Avete assistito allo sport più veloce in acqua: secondi e 18 centesimi, raggiungendo quindi una velocità di
il nuoto pinnato. Per definizione, il nuoto pinnato si differenzia 3,53 metri al secondo: traguardo eccezionale per le caratteri-
dal nuoto puro per l’utilizzo di pinne, in particolare di uno stru- stiche dell’uomo! Nella nuotata, il corpo è in posizione prona
mento inventato dai Russi negli anni Settanta: la monopinna, con gli arti superiori fermi “in assetto”, posizione che si assume
inizialmente formata da una lastra in fibra di vetro e da una sovrapponendo le mani così da formare il vertice di un triangolo
scarpetta. Il gesto tecnico del nuoto pinnato si realizza grazie la cui base è data dalle spalle. Il tubo areatore, altro strumento
al movimento propulsivo degli arti inferiori, i quali compiono del nuoto pinnato, permette di mantenere la posizione senza
un’azione simultanea e simmetrica simile al delfino, ma la resi- obbligare il soggetto ad emergere con il capo per inspirare.
stenza che l’acqua oppone alla pala della monopinna rallenta Le distanze che si coprono in piscina sono le stesse del nuoto
il movimento rendendolo più armonioso e simile a quello della puro, dai 50 ai 1500 metri; ma con il nuoto pinnato vengono
pinna caudale dei pesci o dei mammiferi marini come i delfini. introdotte le nuotate in immersione che, grazie alla maggiore
La spinta ottenibile con la monopinna consente di raggiungere spinta che la monopinna permette sott’acqua, sono più veloci di
velocità elevatissime, inferiori solo a quelle raggiungibili nelle quelle in superficie. Le distanze in immersione sono i 50 metri,
discipline in acqua a motore. che si praticano in apnea, sicuramente la distanza più veloce e
Pensate che in occasione degli ultimi Campionati del Mondo, spettacolare in assoluto tra le gare di questo sport; i 100, 400

X3M05 98 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 98 02/02/2006 17.26.04


Xtreme stuff

Il Big Game
E’ la tecnica più appassionante per il pesca-
tore sportivo. In Italia, risale agli anni ‘70 la
cattura del primo “gigante” del mare con
attrezzature sportive. Un medico bologne-
se, Adamo Benfenati, con attrezzature di
fortuna, riuscì a catturare un tonno rosso
di ben 281 kg, nell’Adriatico. Oggi, il tonno
si cattura con attrezzature leggere, anche
20 e 30 libre grazie soprattutto a materiali
all’avanguardia e ad una diminuita misura
dei pesci presenti. Si conoscono circa una
decina di specie, alcune delle quali vivono
nell’Oceano Atlantico, altre nel Mediterra-
neo. Yellofin, Big Eyes, Alalunga e Tonno
Rosso sono solo le principali e le più
conosciute, anche se il “rosso”, stanziale
nel Mediterraneo, rimane il più grosso e il
più ricercato dal punto di vista alieutico. Di
solito gregario, il tonno viene denominato
da branco, intermedio e gigante. I primi
sono pesci sino ai 35 kg. di peso, gli inter-
medi arrivano a pesare 100 kg e i giganti
più di 100 kg. Il record sul tonno catturato
con canna e mulinello è di 670 kg. La pesca
professionale al tonno rosso, soprattutto
ad opera di grandi navi giapponesi, sta
portando ad un impoverimento dello stock
ittico nel Mediterraneo, tanto da poter defi-
nire questa specie a rischio di estinzione.
In questo senso, muove passi importanti,
per la sua protezione, la F.I.P.S.A.S, Fede-
razione Italiana Pesca Sportiva ed Attività
Subacquee, che organizza annualmente il
Campionato Italiano di Drifting (pesca al
ed 800 metri con l’utilizzo di autorespiratori ad aria (disciplina denominata tonno gigante in deriva), il cui regolamento
Velosub). Ma la piscina non è l’unico ambiente del nuoto pinnato. Nei mesi prevede il “rilascio” del pescato. Ma vedia-
più caldi viene praticato in acque libere (mare, fiumi, laghi), dimostrandosi mo in dettaglio come si pratica quest’af-
uno sport ancora più affascinante, dal momento che si possono osservare in fascinante tecnica di pesca, destinata alla
acqua esseri che somigliano a pesci e si muovono come loro. In Italia, la gara
cattura o al rilascio del tonno. Ci si dispone
in una zona dove è presente un fondale
di questo tipo che più affascina è la Traversata dello Stretto di Messina, che
medio tra i 100 e i 200 metri, e il primo
ha luogo ogni anno la prima domenica d’agosto e che porta moltissimi atleti
passo è “la strisciata”. La barca, in naviga-
di tutto il mondo sulle coste calabre. Per info su normative e circolari ufficiali
zione e risalendo la corrente, rilascia in mare
www.fipsas.it; per curiosità e approfondimenti, www.nuotopinnato.it. un’abbondante quantità di sardine, al fine di
richiamare i tonni nella scia della barca.
Teresa Di Martino

Gennaio - Febbraio 99 X3M05

impaginato_N05.indd 99 02/02/2006 17.26.08


Un po’ di storia...
Nel ’76 il trionfo della monopinna è
completo: in occasione del primo Campio-
nato Mondiale in piscina, nella Germania
La nascita ufficiale del nuoto pinnato, dell’Est, la monopinna prende il soprav-
come disciplina, risale al 1972, quando vento sulle bipinne in tutte le gare. Con
la C.M.A.S. (Confederazione Mondia- il nuovo secolo il settore cambia volto. Le
le delle Attività Subacquee), prende le novità sono molte, ma la più rilevante è
prime decisioni regolamentari: le apnee del 2000, quando i Russi introducono la
non devono durare più di 15 metri a carenatura per la monopinna, rendendola
vasca; si consente l’uso di pinne di gran- uno strumento ancor più competitivo.
dezza e flessibilità libere, ma senza alcun Con la monopinna carenata, crollano
accessorio ad eccezione del tubo areato- tutti i records del mondo e si assiste ad
re. Fino al ’67, anno in cui iniziano i primi una nuova epoca del nuoto pinnato. Ma
esperimenti sulle pinne allungate e in cui accanto alla nuova monopinna si sono
compare anche il tubo areatore, le gare fatte strada, negli ultimi anni, le gare
vedono tutti i nuotatori con ai piedi delle “pinne” nei Campionati Istituzionali: la
piccole pinne commerciali. E’ nel ’70, a Federazione ha aumentato il peso delle
Barcellona, che viene usata per la prima distanze riservate allo stile “pinne”, che
volta la monopinna in occasione dei permette prestazioni di grande velocità,
Campionati Europei; quattro anni dopo, di molto superiori al nuoto puro.
nella Germania dell’Est, la monopinna In questo sport, l’Italia è una delle nazio-
sostituisce completamente le bipinne ni ai vertici, insieme a Russia e Cina, veri e
nella velosub, rendendo tale specialità propri colossi del nuoto pinnato.

T O
molto più veloce delle gare di superficie,

I N N A O
dove le bipinne sopravvivono ancora. T.Di M.

NUONUTOTO P
OPI TOPIN
N N A T O N A T
UO N

X3M05 100 Gennaio - Febbraio


NU
impaginato_N05.indd 100 02/02/2006 17.26.13
Xtreme stuff

Nel frattempo vengono posizionate le


esche, sardine intere o a pezzo, a coprire
potenti ami al carbonio. Le lenze verranno
calate a diverse profondità, distanziandole
dalla barca per mezzo di un piccolo galleg-
giante. Bisognerà accuratamente calcolare
la profondità delle esche per far si che la
pasturazione vada a finire proprio nella
loro scia. Così facendo, il tonno intercetta
la scia di sardine, le mangia e risale sino
alla barca e quindi sino alle esche. E’ qui
che, se tutto va per il verso giusto, inizia
il Big Game. Il tonno mangia la sardina
con l’amo e, appena accortosi del filo
che lo trattiene, inizia una velocissima e
intrattenibile fuga. Basti pensare che un
tonno è in grado di raggiungere velocità
sino ad 80 km/h e a percorrere in un gior-
no anche centinaia di chilometri. L’angler,
ovvero il pescatore che mantiene la canna,
indosserà un “harness”, un giubbetto da
combattimento, al quale sono collegati due
moschettoni che aiuteranno lo sportivo
a mantenere la canna. Il combattimento
si può effettuare seduti su una sedia o
anche in piedi, “stand-up”. Quando dopo
interminabili minuti, a volte ore, si scorge
la sagoma scura ed argentea fare capolino
dal profondo blu, significa che il gigante
del mare si sta arrendendo esausto. A volte,
quando il tonno giunge sottobordo, si ha
l’impressione che ci veda con i suoi grandi
occhi, quasi sbarrati dalla paura. E la sensa-
zione più bella per un pescatore sportivo
è quella di tagliare il finale sotto bordo e
rilasciare al suo ambiente naturale il gigante
del mare. Oggi, la tendenza della pesca
sportiva, ed in particolare della FIPSAS, è
quella di ridurre drasticamente il numero di
pesci pescati.
Questo almeno per il tonno rosso, le cui
catture si sono notevolmente ridotte. Nelle
competizioni nazionali, la Federazione
premia il pescatore che utilizza fili più sotti-
li, a volte anche con un carico di rottura di
5 volte inferiore al peso del pesce (ad es.
con un filo da 15 Kg si cattura un pesce da
80 kg) e ciò per dare maggior senso e spor-
tività alla competizione sportiva. Un modo
per salvaguardare, da parte degli sportivi,
il futuro del Big Game, considerando che
negli ultimi tempi i tonni giganti sono
quasi scomparsi. E la Federazione Italiana
Pesca Sportiva ed Attività Subacquee con
i suoi Istruttori Federali di scuola pesca,
organizza Corsi per i ragazzi avvicinandoli
all’ambiente, al mare e a questa fantastica
attività sportiva che è la pesca, iniziando
a costruire i nuovi angler del domani, in
attesa che venga il giorno per il loro grande
ed atteso Big Game.

NUOTOPINN
Massimo Rotondaro

ATO Angler e Capitano del Team Campione

TO
NUOTOPINNATO
Italiano Dritfing 2005 Giulianova

P I N N A
(6 tonni catturati di cui 2 tonni sulle 30 lb,

NUO T O
2 sulle 50 lb e 2 rilasci)

Gennaio - Febbraio 101 X3M05

impaginato_N05.indd 101 02/02/2006 17.26.21


X3M05 102 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 102 02/02/2006 17.26.48


Xtreme stuff

Un sogno in mezzo al mare


Un viaggio in crociera
per una vacanza indimenticabile...

Gennaio - Febbraio 103 X3M05

impaginato_N05.indd 103 02/02/2006 17.27.02


Una cena in un’atmosfera irripetibile, un’escursione al tramonto nel deserto,
un concerto in una cornice spettacolare o una serata di folclore locale. Sono
solo alcune delle magiche emozioni che si possono vivere a bordo di lussuose
navi da crociera verso destinazioni da sogno: Mediterraneo, Sud America,
Amazzonia, Africa, Oceano Indiano, Estremo Oriente, Australia e Caraibi.

In suite
La cura dei dettagli rende ogni ambien-
te esclusivo e raffinato. Buongusto ed
eleganza sono le parole chiave sia per
l’arredamento che per il servizio. Mini
appartamenti con zona relax, veranda
privata attrezzata con sdraio e tavolino e
Per info: www.silversea.com la possibilità di aprirsi all’oceano con una
Materiale fornito gentilmente da Silversea. grande finestra panoramica.

X3M05 104 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 104 02/02/2006 17.27.12


Xtreme stuff

A lume di candela
Tanto divertimento
Tenersi in forma
Bicchieri di cristallo, argenteria, preziosa
Un vero e proprio Casinò galleggiante. biancheria da tavola e una carta di vini
Roulette, blackjack e slot machine sono a internazionali provenienti dalle migliori
disposizione degli ospiti maggiorenni pur Piscine, vasche idromassaggio, un centro cantine. Nella propria suite o in uno
nel rispetto delle norme vigenti nei Paesi fitness dotato delle più moderne attrez- dei ristoranti di bordo è possibile fare
ospitanti. Mentre, per chi non è alla ricer- zature e un centro benessere. Ogni ospite la colazione, il pranzo e la cena avvolti
ca di emozioni forti, una ricca biblioteca può dedicarsi alla cura del proprio corpo da un’atmosfera romantica e accogliente.
raccoglie una selezione di libri e video anche in crociera. Aerobica, jogging, Dalle specialità italiane ai ricchi buffet e
in diverse lingue. E per finire il teatro a acquagym e pallavolo, ma anche corsi grigliate, dai fragranti tartufi alla pasta
bordo, che propone serate sempre diver- mirati per apprendere i primi rudimenti o fresca, dal foie gras ai frutti di mango della
se: balletti, spettacoli, musica e cabaret. perfezionare le tecniche del golf. Thailandia: tanti menù per tutti i gusti.

Gennaio - Febbraio 105 X3M05

impaginato_N05.indd 105 02/02/2006 17.27.21


11 itinerari fantastici cabili, tutti da vivere circondati dal calore e dalla raffinatezza
dello stile All-Inclusive Silversea.
Fino al 27 aprile 2006, Silver Shadow, una delle quattro navi Escursioni su misura ed estensioni di itinerario a terra, per
della ‘flotta d’argento’, salperà per 11 itinerari alla scoperta rendere ancora più intensa la permanenza in queste terre
delle destinazioni più affascinanti dell’Estremo Oriente e degli lontane con uno speciale evento a terra. Presso Ha Long By in
angoli più incantevoli del Sud Pacifico. Dalle spiagge d’oro Vietnam sarà possibile rilassarsi di fronte allo spettacolo della
dell’Australia ai templi scintillanti e ai palazzi di Bangkok, alla leggendaria terra dei draghi con un’escursione su una caratte-
famosa Piazza Tienanmen… i paesaggi cambiano con l’avvi- ristica giunca locale.
cendarsi delle ore in un caleidoscopio di orizzonti indimenti-

X3M05 106 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 106 02/02/2006 17.27.33


www.zenith.it DAL 1924 INNAMORATI DELLA QUALITÀ.

impaginato_N05.indd 107 02/02/2006 17.27.56


Foto di: Laura Zampini - Paolo Libertini

Team M6
Quattro ragazze "estreme" all' Elba Raid

X3M05 108 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 108 02/02/2006 17.27.58


Xtreme stuff

...Eccomi...! Sono Gabriela (Ela) e faccio


parte del Team M6, interamente femmini-
le, che ha partecipato alla prima edizione
dell’ElbaRaid.
Una gara avventura... più avventura che
gara! Non c’è l’atmosfera della competizione
come si può percepire in una maratona, nel
triathlon o altro ancora in quanto lo spirito
di tutte noi è molto avventuroso e lo scopo
principale è quello di arrivare alla meta!
...cosa dire della prima edizione dell’Elba-
Raid? Beh... per chi ci si cimenta per la prima
volta come noi, è un’avventura indimentica-
bile che dà tanta soddisfazione e gratificazio-
ne se si riesce ad arrivare alla fine!
“Si corre su e giù” per questa splendida isola,
passando dal mare alla montagna, in canoa
o mountain bike... si corre, si cammina, ci si
arrampica e ci si cala con corde... si dà un
morso alla barretta energetica, una sorsata di
acqua e via che si riparte senza tregua verso
la meta. La gara dura tre giorni e si snoda per
quasi tutto il territorio elbano per un totale
di c.a. 100 km con un dislivello altimetrico
positivo di 4.000 mt.
L’avventura comincia già da Milano quando
incontrate le mie compagne Friz, Furia e
Laura ...ci accorgiamo che, siamo in ritardo!

Gennaio - Febbraio 109 X3M05

impaginato_N05.indd 109 02/02/2006 17.28.04


C’è traffico e rischiamo di perdere il traghetto. Ma fortunata- questo tipo di gare è di fondamentale importanza... se non c’è
mente alla guida c’è Furia (un nome, una garanzia!)... e riuscia- un esperto nel team, la gara diventa un inferno e le lanterne
mo ad arrivare con un anticipo di ben 5 minuti!! un incubo!
Da giorni, ormai, nelle nostre vene non scorre sangue ma adre- Abbiamo attraversato l’isola d’Elba in lungo e in largo, in alto e
nalina! in basso! Lunghi tratti in canoa, “ovviamente” con mare mosso;
I nostri sguardi si incrociano freneticamente forse per capire se salite e ripide discese in mountain bike... di notte! Passaggi di
condividiamo gli stessi pensieri. Pensieri che si rincorrono uno ferrata in cresta e discese in corda doppia, una prova di arram-
dopo l’altro: ci siamo allenate abbastanza, abbiamo portato picata di grado identico per tutte le squadre, stabilito dall’or-
tutta l’attrezzatura, siamo pronte per affrontare questa avven- ganizzazione; attraversamento di un ponte tibetano; sentieri
tura piena di incognite?? A notte fonda arriviamo al Villaggio di corsa, cosa non sempre fattibile vista la presenza di parecchi
Costa dei Gabbiani a Capoliveri, giusto il tempo di augurarci un tratti scivolosi, ripidi, con ostacoli naturali come “muri” di rovi,
buono e necessario riposo e via sotto le coperte! pietraie, piccoli smottamenti ecc.
... e’ arrivata l’ora X che sognavo da anni!...panico organizza- L’importante è saper scegliere la strada giusta in base alle proprie
tivo pre-gara, giga colazione e poi il briefing con la consegna capacità e al proprio stato fisico in quel momento... un buon
dei pettorali, mappe e coordinate per trovare le lanterne (dette corridore sceglie una strada lunga in piano piuttosto che una
anche balise) e check point e... Pronti via! Partite! più corta ma più ripida e impervia, un buon arrampicatore può
La prima cosa da fare è inserire con calma (impossibile!) e con permettersi di affrontare anche percorsi un pò più tecnici con
molta attenzione le coordinate sul gps poichè l’inserimento tratti di arrampicata e disarrampicata... sta al capo squadra valu-
errato di una sola di queste porta fuori rotta. L’orientamento in

SPIA 2004,
sa italiana BX ppo.
de ric a Fr iz, ex-campiones l’a cc om pagnatore del gru
a, Fe ini,
ap pa ss ion ata di montagn Sp ort wo ma n, Laura Zamp
briela Monti, , ca t.
TEAM M6: Ga downhill 2004
essa italiana
sa, ex-campion
Federica Ro

X3M05 110 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 110 02/02/2006 17.28.11


Xtreme stuff

tare le capacità del proprio team e scegliere di conse-


L’Elbaraid ve il principio
è
ti disciplina do
guenza, fermo restando che alcuni passaggi sono
ti zi on e m ul
obbligatori per le squadre. Sicuramente ogni tipo di Una compe ito nel minor
tempo
competizione dà le sue soddisfazioni ma credo che
re un it in er ario ben defin
percorre mane
lla gara, che ri
so completo de
avventure di questo genere sono uniche: perchè oltre
. Il pe rc or
possib ile ente natu-
svolge in ambi
a essere coinvolti e stravolti i 5 sensi entra in gioco il
la pa rt en za , si
segreto fino al costituiti da
“6° senso”. 6° sesto che è determinante per instau-
rare l’affiatamento con le compagne, per sopportare
nt i di pa ss ag gio obbligati
pu
rale e con dei 05 le principa
li
r l’edizione 20
la fatica, per osservare ciò che ti sta attorno senza
ec k Po in t. Pe
perdere mai la concentrazione, per adattarsi a tutte Lanterne e Ch Mountain bike
,
le condizioni e riuscire a trarre dei vantaggi quando è or ti ve so no state Kayak,
discipline sp tre a queste di
sci-
ientamento. Ol
possibile, per mantenere lo spirito di gruppo che nei
Ru nn in g, Or
tanti momenti “critici” è vitale... Mountain ti in prove sp
eciali
nc or re nt i si sono cimenta
ersamento
Se pensate di avere tutto ciò iniziate ad allenarvi e
pline, i co
a sognare... VOLERE E’ POTERE! ...ritornate a casa! es a in co rd a doppia, attrav
disc
(arrampicata, si partecipa
a). All’Elbaraid
ripreso il lavoro e l’allenamento per il prossimo
be ta no , fe rr at
Adventure Raid! di un ponte ti che fa sempre
Ah dimenticavo, l’avventura come è iniziata, è anche le ti e 1 ac co mpagnatore,
in team di 3 at ente dell’assi-
finita e cioè con la corsa per prendere il traghetto del
, m a si oc cu pa esclusivam
ritorno! Come avrete capito la nostra vita è una corsa parte del team e zone e non
può
lla lo gi st ic a in determinat
stenza e de
senza arrivo, perchè “non ci accontentiamo mai”!
a alimentare,
Un ringraziamento a: www.shplus.com, www.colum-
La ga ra è in autosufficienz
gareggiare . gni alimen-
bia.com, www.topcanyon.com, negozi Sportland
ve pr ov ve de re ai suoi biso
am de
Company di Brescia. quindi ogni te
.elbaraid.it
la gara. www
Gabriela Monti tari durante

Gennaio - Febbraio 111 X3M05

impaginato_N05.indd 111 02/02/2006 17.28.16


Foto di: ©Terramia

ING New York City


Marathon
Finale al cardiopalma per la 36a edizione
della stracittadina piu' famosa del mondo

X3M05 112 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 112 02/02/2006 17.29.46


Xtreme stuff

Finale emozionante per l’edizione 2005 La stracittadina più famosa del mondo
della ING New York City Marathon, che si ha visto la partecipazione di oltre 37.000
è svolta il 6 novembre scorso nella Gran- concorrenti, professionisti e non, prove-
de Mela. Dopo 42 chilometri e 195 metri nienti da oltre 180 nazioni. Il Paese più
di corsa, il keniano Paul Tergat ha battuto rappresentato è stato l’Italia, con circa
di un solo secondo il sudafricano Hendri- 3000 partecipanti al via. Paul Tergat si
ck Ramaala, caduto proprio sulla linea del è portato a casa 200.000 dollari e una
traguardo. Terzo classificato, l’americano Cadillac.
Meb Keflezighi a 40 secondi dal vincitore. Una delle più belle edizioni della marato-
Primo tra gli italiani e 6° assoluto, Alberi- na più importante del mondo, caratteriz-
co Di Cecco, vincitore della maratona di zata da forti emozioni. Dalla partenza sul
Roma 2005. Nella gara femminile, vittoria Verrazzano Bridge all’arrivo a Columbus
della lettone Jelena Prokopcuka, che per Circle in Central Park, in poco più di 2
pochi secondi ha superato Susan Chepke- ore, in un clima caldo-umido che ha reso
mei e l’etiope Derartu Tulu. Quinto posto ancora più faticosa la gara.
per la trevigiana Bruna Genovese, che ha
saputo tener testa alle tre vincitrici per
oltre trenta chilometri.

Gennaio - Febbraio 113 X3M05

impaginato_N05.indd 113 02/02/2006 17.30.40


Il percorso di gara
La maratona di NY attraversa tutti e cinque i quartieri che
compongono la metropoli: Staten Island, Brooklyn, Queens,
Manhattan e Bronx. La corsa parte dal ponte di Verrazzano
e il primo miglio è tutto in leggera salita, mentre quello
successivo è tutto in leggera discesa e conduce direttamente
alle porte di Brooklyn. Il primo punto veramente impegnativo
si incontra, però, al 23° chilometro, quando si devono salire
le rampe del Queensboro Bridge, il ponte che collega il quar-
tiere del Queens a quello di Manhattan. I primi seicento metri
sono abbastanza ripidi e poi, per altri quattrocento, la salita
risulta meno faticosa. Alla fine del ponte s’imbocca la First
Avenue, un rettilineo lungo 6 km, caratterizzato da numerosi
saliscendi abbastanza impegnativi. Dal 32° al 35° chilometro
si percorre il Bronx per rientrare poi nuovamente a Manhat-
tan, attraverso il sobborgo di Harlem, e dopo un paio di
chilometri, si entra al Central Park. Al quarantesimo chilome-
tro, una lunga e piacevole discesa di 400 metri conduce fuori
dal parco, fino a Columbus Circle con gli ultimi quattrocento
metri e finalmente il tanto agognato traguardo.

Marianna Macis

CLASSIFICA MASCHILE CLASSIFICA FEMMINILE


1 Paul Tergat 2:09:30 KENYA 1 Jelena Prokopcuka 2:24:41 LETTONIA
2 Hendrick Ramaala 2:09:31 SUD AFRICA 2 Susan Chepkemei 2:24:55 KENYA
3 Meb Keflezighi 2:09:56 USA 3 Derartu Tulu 2:25:21 ETIOPIA
4 Robert Kipkoech Cheruiyot 2:11:01 KENYA 4 Salina Kosgei 2:25:30 KENYA
5 Abdihakim Abirahman 2:11:24 USA 5 Bruna Genovese 2:27:15 ITALIA
6 Alberico Di Cecco 2:11:33 ITALIA 6 Ludmila Petrova 2:27:21 RUSSIA
7 Viktor Roethlin 2:11:44 SVIZZERA 7 Gete Wami 2:27:40 ETIOPIA
8 Simon Wangai 2:13:19 KENYA 8 Lidiya Grigoryeva 2:27:48 RUSSIA
9 Jon Brown 2:13:29 GRAN BRETAGNA 9 Lyubov Denisova 2:28:18 RUSSIA
10 Isaac Macharia 2:14:21 KENYA 10 Lornah Kiplagat 2:28:28 OLANDA

X3M05 114 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 114 02/02/2006 17.31.10


IL SOLE 24 ORE VENTIQUATTRO RADIO 24 INTERNET VENTIQUATTRORE.TV FAMIGLIA CRISTIANA SPORTS XTREMESTUFF

Diamo i giusti spazi alla vostra pianificazione, senza limitarci mai.

Qualsiasi siano le vostre esigenze, sappiamo sempre offrirvi le soluzioni migliori, grazie alla versatilità, duttilità e creatività dei nostri
veicoli di comunicazione. Potrete così raggiungere target diversi, o lo stesso in momenti differenti, affidandovi a Il Sole 24 ORE - SYSTEM
Comunicazione Pubblicitaria, il sistema di comunicazione integrato che si avvale dei mezzi più adeguati: Il Sole 24 ORE, quotidiano nazionale
economico-finanziario più letto in Europa; Ventiquattro, magazine mensile de Il Sole 24 ORE; Radio 24-Il Sole 24 ORE, emittente seguita da
oltre un milione e mezzo d’ascoltatori; i Siti Web, tra i migliori per qualità di contenuti e di informazioni; Ventiquattrore.tv, canale satellitare
in chiaro; Famiglia Cristiana, news magazine più letto in Italia; Club 3, mensile di attualità e cultura; Sports, free press sportiva e XtremeStuff,
magazine per gli sportivi non convenzionali. In poche parole, con noi potrete spaziare ben oltre i limiti di una tradizionale pianificazione.

Il Sole 24 ORE SpA SYSTEM Comunicazione Pubblicitaria, Via Monte Rosa, 91 - 20149 Milano - Ph +39 02 3022.1 - Fax +39 02 3022.3214 e-mail: direzionegeneralesystem@ilsole24ore.com

www.ilsole24ore.com

impaginato_N05.indd 115 02/02/2006 17.31.43


M

X3M05 116 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 116 02/02/2006 17.31.46


Xtreme stuff

Il bomber con cappuccio Bomb Boogie

MODA&FASHON
MODA&FASHON
MODA&FASHON
Il giubbino con applicazioni
Bomb Boogie

MODA&FASHON
MODA&FASHON Il bomber argentato con cappuccio in pelo
di Bomb Boogie, per l’uomo sempre al
passo con le tendenze.

MODA&FASHON
MODA&FASHON
MODA&FASHON
MODA&FASHON
MODA&FASHON
La giacchina in piuma d’oca impre-
ziosita dalla cintura in vita e il collo
importante: Bomb Boogie

Per l’uomo con l’argento vivo addosso! La


proposta più originale e versatile per l’inverno
di Bomb Boogie. Silver, il piumino semi-tecni-
co con cappuccio, imbottito in piuma d’oca, e
tasche-manicotto in lana brevettate.

Gennaio - Febbraio 117 X3M05

impaginato_N05.indd 117 02/02/2006 17.31.47


M

X3M05 118 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 118 02/02/2006 17.32.00


Xtreme stuff

Giacca in tweed con applicazione in


stile british Bomb Boogie

Il cappello texano in stoffa con


l’interno a quadrettoni Levi’s.

MODA&FASHON
MODA&FASHON
MODA&FASHON
Gli stivali in pelle, stile camperos, di

MODA&FASHON
Levi’s con pendagli per la donna trendy.

MODA&FASHON Il basco della Levi’s

Tacco vertiginoso, colori abbaglianti e


pellame di primissima scelta, per lo stiva-

MODA&FASHON
le trendy, sexy e divertente della Levi’s.
Da indossare sotto i jeans o con una
semplice minigonna.

MODA&FASHON
MODA&FASHON
MODA&FASHON Il giubbino in stile motociclista, con applicazioni,

MODA&FASHON
di Bomb Boogie per i tipi sportivi e non

Gennaio - Febbraio 119 X3M05

impaginato_N05.indd 119 02/02/2006 17.32.02


X3M05 120 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 120 02/02/2006 17.32.09


Xtreme stuff

Gennaio - Febbraio 121 X3M05

impaginato_N05.indd 121 02/02/2006 17.32.11


World Series Renault
Gare, mostre e spettacolo nell’ autodromo
piu' famoso d' Italia

sicura offerti dagli istruttori-piloti professionisti mentre un


centro Make-Up è stato messo a disposizione del pubblico
femminile.
Si sono tenute a Monza a fine ottobre le finali della prima Non poteva, poi, certamente mancare il test drive della New
edizione dei World Series by Renault. Clio in un contesto del tutto particolare: la parabolica dell’au-
Clio Cup, Eurocup Formula Renault 2.0, Eurocup Mégane todromo è stata appositamente allestita in pista di prova e
Trophy e Formula Renault 3.5 hanno reso il programma inter- aperta a tutti.
nazionale di World Series by Renault particolarmente intri- Spettacolare l’esposizione dei gioielli della Collezione storica di
gante. Ma oltre alle gare automobilistiche, l’evento sportivo Renault: dalla K- Parigi Vienna del 1902 al Concept-Car Laguna
completamente gratuito si è presentato anche particolarmente del 1990, passando per la 4 CV Le Mans del 1951.
ricco di iniziative. Ai bambini è stato offerto un minicorso di Tutto ciò ha permesso di ricordare alcuni tra i più grandi
guida e sono stati predisposti oltre 400 mq di aree speciali successi e ha fatto scoprire anche ai più giovani i bolidi del
dedicate ai piccoli e alle loro famiglie. Tutte le animazioni e passato. Erano presenti anche le auto da competizione, con
le attività ludiche organizzate da Renault hanno avuto come l’Alpine A442 e la R20 Parigi-Dakar, e gli ex-piloti che hanno
focus la sicurezza stradale, un tema su cui la casa francese è corso su auto Renault come Jean Ragnotti, René Arnoux, Patri-
sempre stata molto attenta. ck Tambay, Jean-Pierre Jaussaud, Alain Serpaggi, Emmanuel
I più grandi, invece, hanno potuto beneficiare di corsi di guida Guigou e tanti altri...

X3M05 122 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 122 02/02/2006 17.43.26


Xtreme stuff

La storia del circuito


I lavori iniziarono il 15 maggio 1922 con
l’impegno che fossero ultimati entro il 15
agosto: furono impegnati 3500 operai, 200
carri, 30 autocarri ed una ferrovia Decauville
di 5 chilometri con 2 locomotori e 80 vagoni.
L’autodromo fu costruito nel tempo record
di centodieci giorni e la pista fu percorsa per
la prima volta il 28 luglio da Pietro Bordi-
no e Felice Nazzaro a bordo di una Fiat
570. Il circuito ideato dall’architetto Rosselli
comprendeva un anello per l’alta velocità della
lunghezza complessiva di 4,5 km, caratterizza-
to da due curve sopraelevate su un terrapieno
che si elevava di 2,60 metri dal livello del
terreno. Le curve avevano un raggio di 320
metri e consentivano una velocità massima
teorica di 180/190 km/h; erano raccordate da
due rettifili lunghi 1070 metri ciascuno, mentre
la pista stradale aveva uno sviluppo di 5 km e
mezzo e comprendeva curve di diverso raggio
- da un massimo di 600 metri ad un minimo
di 90 metri, con larghezza massima della sede
stradale di 12 metri. La pavimentazione dei
rettifili era stata realizzata in macadam catra-
mato, mentre quella di tutte le curve era in
calcestruzzo, anch’esso catramato. Il pubblico
era ospitato in due zone distinte: la tribuna
d’onore con una capienza di 3000 posti e sei
tribune laterali da 1000 posti ciascuna, tutte
costruite in legno e muratura. L’apertura uffi-
ciale dell’impianto avvenne il 3 settembre 1922
in una giornata di pioggia, alla presenza del
Presidente del Consiglio Facta, con la disputa
di una gara per vetturette che fu vinta da
Pietro Bordino su una Fiat 501 modello corsa.
L’8 settembre seguì il Gran Premio motocicli-
stico delle Nazioni, conclusosi con la vittoria
assoluta di Amedeo Ruggieri su Harley Davi-
dson 1000, mentre il 10 settembre si gareggiò
per il secondo Gran Premio automobilistico
d’Italia che fu appannaggio ancora di Bordino
sulla Fiat 804 a 6 cilindri. Anno tragico, invece,
il 1933, anno in cui sulla curva sopraelevata
Sud perdettero la vita, a causa di una macchia
d’olio, Campari, Borzacchini e Czaykowski. Il
triplice incidente mortale portò ad una serie di
scelte alternative: sul circuito furono inserite
due “chicanes” artificiali, con il risultato che
le medie furono estremamente modeste. Da
allora, 84 anni di interventi e ammoderna-
menti che lo portano ad essere oggi tra i più
importanti autodromi del mondo.

Gennaio - Febbraio 123 X3M05

impaginato_N05.indd 123 02/02/2006 17.43.56


Formula 3.5 Formula 2.0
Queste gare, riservate alle monoposto Questo trofeo permette ai giovani piloti
equipaggiate con un motore V6 3.5 litri che si sono già fatti conoscere nel loro
da 425cv, costituiscono l’ultimo stadio paese, di confrontarsi a livello europeo.
prima di accedere alla Formula 1. Equipaggiate con motore Renault 2 litri
da 196cv, le monoposto sono in grado di
raggiungere i 250 km/h.

X3M05 124 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 124 02/02/2006 17.44.07


impaginato_N05.indd 125 02/02/2006 17.44.26
R8 la nuova vettura
sportiva della Audi
E’ ufficiale: la nuova vettura sportiva della Casa dei quattro “Con la R8 intentiamo ricollegarci ai successi ottenuti nelle atti-
anelli si chiamerà R8. Presentata come prototipo “Le Mans vitˆ sportive e applicarli alla produzione di serie. Questo modello
quattro” all’edizione 2003 del Salone dell’Automobile di Fran- rappresenta l’interpretazione della sportività da parte della
coforte, l’Audi ha ora deciso di intraprenderne la produzione Audi”, ha commentato il Dr. Martin Winterkorn, Presidente del
di serie. Nello stabilimento di Neckarsulm fervono i preparativi Consiglio di Amministrazione della AUDI AG, riguardo all’intro-
affinchè si possa iniziare la costruzione della vettura entro la duzione di questo nuovo modello nella gamma Audi.
fine del 2006. La commercializzazione è prevista nel secondo Audi punta sulle strutture intelligenti in materiale leggero che
trimestre del 2007. Il reparto quattro GmbH sarà responsabile è una delle competenze primarie dello stabilimento di Neckar-
per la produzione della vettura per la quale saranno investiti 28 sulm. Nell’“Aluminium-Zentrum”, infatti, sono già state svilup-
milioni di euro. Al momento si stanno svolgendo a ritmo serrato pate, usando questa tecnologia, la A2, la A6 e la A8.
i test di sviluppo della carrozzeria e della tecnica, rispettivamen-
te alla quattro GmbH e alla AUDI AG. Nella produzione della R8
saranno impiegate 250 persone.

X3M05 126 Gennaio - Febbraio

impaginato_N05.indd 126 02/02/2006 17.44.29


Xtreme stuff

Alcuni dati tecnici


Sistema frenante:
quattro dischi in materiale ceramico
Interni:
sportivi, quasi da monoposto di F1.
Posto guida:
ritagliato su misura da due paratie
verticali e da un volante asimmetrico,
dotato di una miriade di pulsanti.

La fabbrica
di Neckarlsum
Fondato dieci anni fa, l’”Alluminium and
lightweight Design Centre” di Neckarl-
sum è diventato la culla della leadership
della Audi nella costruzione di vettu-
re leggere. Auto come l’ammiraglia A8
e la A2 sono state create e vengono
tuttora prodotte nello stabilimento di
Neckarlsum, che è il quartier generale
del sapere Audi in materia di alluminio
e realizzazioni in materiale leggero. Il
decennio trascorso ha permesso alla Audi
di affinare la sua tecnologia produttiva
riuscendo a raggiungere un livello di
automazione pari all’80%, eguagliando
il valore ottenibile nella realizzazione di
scocche tradizionali in acciaio.

Gennaio - Febbraio 127 X3M05

impaginato_N05.indd 127 02/02/2006 17.44.36


BMW e . Incontro al vertice della tecnologia. BMW Financial Services: la più avanzata realtà nei servizi finanziari vi invita a scoprire i vantaggi del Value Lease.

impaginato_N05.indd 128
VirtualCenter Rider’s Point
www.bmw-motorrad.it

BMW K 1200 R. LA NUOVA GENERAZIONE È ARRIVATA.

02/02/2006 17.45.18