Sei sulla pagina 1di 17

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI

SALERNO
Corso di Laurea in Ingegneria
w3.unisa.it

Impianti di Trattamento delle


Acque Reflue

prof . ing. Rodolf o M.A . NA POLI r.napoli@ unisa.it

dott. ing. Gi ovanni DE FEO g.defeo@ unis a.it

a.a. 2002/03

Sommario

Richiami di chimica

1. Modi di esprimere le 2. La costante di


concentrazioni equilibrio
1 .1 . Percentuali in massa
1 .2 . Percentuali in volume 3. Il pH
1 .3 . Concentrazioni in massa
4. Reazioni acido/base
1 .4 . Parti per milione e parti per
miliardo
5. Solubilità e prodotto
1 .5 . Frazioni molari
di solubilità
1 .6 . M olalità
1 .7 . M olarità
1 .8 . N ormalità

1
Richiami di chimica

La tavola periodica

Richiami di chimica

Numero Atomico e di Massa


! Numero atomico: Numero dei protoni
contenuti nel nucleo atomico: è il
parametro che identifica un elemento. Si
indica con la lettera Z.

! Numero di massa: Numero totale dei


nucleoni (protoni più neutroni) presenti
nel nucleo di un dato atomo: è il
parametro che identifica i vari isotopi di
uno stesso elemento. Si indica con la
lettera A.

2
Richiami di chimica

La Mole
! Una MOLE e’ la quantità di sostanza
che contiene tante unità elementari
quanti sono gli atomi contenuti in 12 g
dell’isotopo 12 del carbonio.

! Gli atomi contenuti in 12 g di 12C


sono:
6.022x10+23 = Numero di Avogadro
5

Richiami di chimica

Multipli delle Unità SI


Fattore Prefisso Simbolo
! 1018 Exa E
! 1015 Peta P
! 1012 Tera T
! 109 Giga G
! 106 Mega M
! 103 Chilo K
! 10-3 milli m
! 10-6 micro µ
! 10-9 nano n
! 10-12 pico p
! 10-18 atto a
6

3
Richiami di chimica

Peso Atomico e Mole


! Il peso di una mole di qualunque
elemento è pari al suo peso
atomico espresso in grammi.

! Analogamente il peso di una mole di


molecole di qualunque sostanza è
pari al peso in grammi
corrispondente al peso molecolare.
7

Esempio

Massa Atomica
! Il c loro è presente in natura c ome miscela degli is otopi 35Cl (34 ,9689
uma, 75 ,770 % ) e 37Cl (36 ,9659 uma, 24 ,230 % ). Calcolare la massa
atomica del cloro naturale.

Consideriamo un c ampione di cloro c ostituito, ad esempio, da 100 ’000


atomi. Di questi,

75,770 x 100’000/100 = 75’770 sono at omi di 35 Cl e


24,230 x 100’000/100 = 24’230 sono at omi di 37 Cl

L a massa totale del c ampione è data dalla s omma delle masse dei due tipi
di atomi, cioè:

75’770 x 34,9689 uma + 24’ 230 x 36,9659 uma = 3,5453 106 uma
x at omi

L a massa atomic a media si ottiene dividendo questo valore per il numero


di atomi c ontenuti nel c ampione:

3,5453 106 uma x atomi / 100’ 000 at omi = 35,453 uma


8

4
Esempio

Massa molecolare
!Determinare la massa molecolare di
H2SO4 (acido solforico)
Consultando la Tavola Periodica troviamo le
seguenti masse atomiche relative:
! Massa atomica di H = 1,008 uma
! Massa atomica di S = 32,064 uma
! Massa atomica di O = 15,9994 uma
Massa molecolare (H 2SO4) =
1,008 uma x2+32,064 uma x1+15,9994
uma x 4 = 98,078 uma
9

Esempio

Moli
! Calcolare le moli corrispondenti a 180,0 g di
carbonio, sapendo che la massa atomica relat iva
di C è 12,011.

moli (C) = 180,0 g /12,011 g mol-1 = 14,99


mol

! Calcolare la massa in grammi corrispondente a


2,00 moli di NaOH.

Massa molecolare NaOH = 40,0 uma = 40,0 g/mol

Per 2 moli g = 2,00 mol x 40,0 g mol-1 = 80,0 g 10

5
Esempio

Composizioni relative
! Calcola i grammi di ossigeno e di idrogeno
contenuti in 10 g di H2 O.

Impostando una proporzione per ogni elemento,


mettendo in relazione le masse molari con le masse
e tenendo conto del numero di atomi di ogni tipo
che compaiono nella formula:

H (2 x 1,008) : 18,015 = x : 10 x = 1,12 g di H


O 15,9994 : 18,015 = x : 10g x = 8,88 g di O

11

Esempio

Composizione percentuale
! C alcolare i grammi di ossigeno e di ferro contenuti in 50 g
di Fe 2O 3 (ossido di ferro) e la sua composizione
percentuale.

! Massa molare (Fe ) = 55,85 g mol-1


! Massa molare (O ) = 15,9994 g mol-1
! Massa molare (Fe 2O 3) = 159,7 g mol-1

Fe (2 x 55,85) : 159,7 = x : 50 x = 34,97 g di Fe


O (3 x 15,999) : 159,7 = x : 50 x = 15,03 g di O

Per calcolare la composizione percentuale, impostiamo un


calcolo analogo considerando 100 g di sostanza:

Fe (2 x 55,85) : 159,7 = x : 100 x = 69,94 % di Fe


O (3 x 15,999) : 159,7 = x : 100 x = 30,06 % di O
12

6
Richiami di chimica

Modi di esprimere le concentrazioni


Soluzione:
una miscela omogenea di due o più sostanze, che
possono essere mescolate in rapporti non definiti a priori.

Nel caso delle soluzioni liquide:


Solvente:
il componente più abbondante (frequentemente esso è
anche il meno pregiato, in molti casi è l'acqua).
Soluti:
gli altri componenti.

Concentrazioni:
esprimono la composizione della miscela definendo i
rapporti tra i soluti, il solvente e la soluzione. 13

Richiami di chimica

La concentrazione
! La CONCENTRAZIONE indica la
quantità di soluto presente in una
certa quantità di soluzione e può
essere espressa in vari modi;
! una soluzione CONCENTRATA
contiene una quantità relativamente
alta di soluto,
! presente in quantità inferiore se la
soluzione è DILUITA.
14

7
Richiami di chimica

Unità di concentrazione
! Massa/Volume
! mg/L (ppm)
! µg/L (ppb)

! Molarità
! mol/L
! Concentrazioni in fase gassosa
! Pressione parziale (atm)

15

Richiami di chimica

Modi di esprimere le concentrazioni


Percentuale in massa:
esprimono le frazioni in massa dei vari componenti.
Percentuale in volume:
esprimono le frazioni in volume dei vari componenti.

Concentrazione in massa:

a b
massa di soluto, g massa di soluto, mg
conc, g m 3 = conc, mg L =
1,0 m3 di soluzione, m3 1,0 L di soluzione, L

E’ da notare che:
1,0 g/m3 = 1,0 mg/L.
16

8
Richiami di chimica

Definizioni
! La MOLA RITA’ (M): esprime le moli di soluto
presenti in 1 litro di soluzione ed è data dal Moli
rapporto tra il numero di moli di soluto ed il M=
volume in litri di soluzione in c ui sono disciolte.
L
! La NORMALITA’ (N): esprime gli equivalenti di eq
soluto presenti in un litro di soluzione ed è data
dal rapporto tra il numero di equivalenti di soluto
N =
ed il volume in litri di soluzio ne. L
! Gli EQUIVALENTI si ottengono dividendo il peso g
di soluto per il peso equivalente (espresso in
g/eq), secondo la relazione:
eq =
PE
! Il peso equivalente, a volte chiamato anche
grammo-equivalente, può essere riferito a varie
reazioni ed è definito come: la quantità in grammi
di sostanza che può cedere o acquistare una mole
di elettroni (reazioni di ossido-riduz ione), oppure
fornire in soluzione acquosa una mole di H + o di 17
OH - (reazioni acido-base).

Richiami di chimica

Definizioni
! La MOLALITA’ (m): esprime le moli di soluto
presenti in 1 kg di SOLVENT E PURO ed è data Moli
dal rapporto tra il numero di moli di soluto ed il m=
peso in kg di solvente in cui sono disciolte; kg solvente
! Composizioni percentuali (% p/p e %p/v)
! percentuale in peso (% p/p): esprime i
grammi di soluto contenuti in 100 g d i
soluzione. molii
χi =
! percentuale in volume (% p/v): esprime i molitot
grammi di soluto contenuti in 100 cm 3 di
soluzione.
! La FRAZIONE MOLA RE (χ): esprime il rapporto
tra le moli di un componente e la somma delle
moli di tutti i compo nenti della soluzione per il
componente i-esimo.
18

9
Richiami di chimica

Esempio
! Una soluzione contie ne 8 µg/L di piombo (Pb, massa atomica
207). Esprimere questa concent razione come moli per litro,
ppm e ppb. Assumere che questa soluzione ha una densità di
1g/mL.
8 µ g / L Pb
= 3. 86 ⋅10 −8 M
207 ⋅ 10 µ g Pb / mol Pb
6

1 µg/L = 1 ppb = 0.001 ppm

8 ⋅ 10 − 6 g Pb / L
= 0. 008 ⋅ ppm = 8 ⋅ ppb
10 3 g / L
19

Richiami di chimica

Modi di esprimere le concentrazioni


Parti per milione e parti per miliardo:

massa di soluto, g conc, g m3


ppm = ppm =
10 g di soluzione
6
peso specifico del liquido

massa di soluto, g
ppb =
10 g di soluzione
9

Nel caso di soluzioni diluite può essere lecito confondere


il peso specifico della soluzione con quello del solvente
puro:

ppm = mg/L, ppb = µg/L


20

10
Richiami di chimica
Concentrazioni in fase
gassosa
! Sotto le condizioni ambientali, virtualmente tutti i gas
hanno un comportamento molto vicino a quello ideale.
! Per alcuni gas, la pressione, il volume, e la temperatura
sono legate dalla legge dei gas perfetti:

ni ni
Pi = RT = c g ,i RT Vi = RT
V tot Ptot
dov e:
Pi, Vi = pressione parziale e v olume parziale della specie i
•ni =numero di moli della specie i nella f ase gassosa
•Ptot, Vtot = pressione totale e v olume totale della f ase gassosa
•cg,i =concentrazione della fase gassosa di i, espressa come moli per volume
•R= costante univ ersale dei gas (8.31451 J mol -1 K -1 = 0.0820578 L atm mol -1 K -1)
•T = temperatura assoluta
21

Richiami di chimica

Legge di Henry.
! La solubilità di un gas in un liquido è
proporzionale alla sua pressione
parziale.

! All’aumentare della temperatura la


solubilità diminuisce.

22

11
Richiami di chimica
Il concetto di equilibrio
chimico
! Lo stato di EQUILIBRIO chimico sussiste
quando la velocità di reazione di formazione dei
reagenti è uguale ed opposta a quella di
formazione dei prodotti.

! Se l’equilibrio è raggiunto, la concentrazione di


tutte le specie rimane costante fino a che non si
alterino le condizioni al contorno.

! Queste concentrazioni sono chiamate


concentrazioni di equilibrio

23

Richiami di chimica
Principio di Le Chatelier
o Legge delle azioni di massa
a A + bB ↔ dD + eE
Costante di equilibrio:
K=
[C] [D ]
c d

[A]a [B]b
! Un valore elevato di K corrisponde indica che
all’ equilibrio la miscela di reazione contiene
molti più prodotti che reagenti.
! Un piccolo valore di K indica, invece, che
all’equilibrio la miscela di reazione contiene più
reagenti che prodotti.
24

12
Richiami di chimica

Il pH

+ −
Reazione di ionizzazione dell’acqua: H2O ⇔ H + OH

H+  OH− 
   
Costante di equilibrio: =K
[H2 O]

H+ OH− = K
“K water”:     W

Principio di H+  = OH−   +


2
H = KW
elettroneutralità:      

25

Richiami di chimica

Il pH

+ 2 + + 1
log H  = log KW ⇒ 2 log H  = logKW ⇒ − log H  = − logKW
      2

Convenzione di tipo chimico:

pK = − logK

Definizione di pH:

pH = − log H + [ ]
Il pH di equilibrio dell’acqua distillata sarà quindi:
+ 1 1 − 14 14
pH = − log H  = − log K W = − log 10 = log 10 = 7
  2 2 2 26

13
Richiami di chimica

Reazioni acido/base
Formulazione di BRÖNSTED-LOWRY
! Un ACIDO è un dona tore di protoni, ad esempio:
HCl + H2 O " H3O + + Cl-

! Una BASE è un accettore di protoni, ad esempio:


NH3 + H2 O " NH4+ + OH -

! Quando un acido cede H+ si trasforma nella sua base coniugata, e


analogamente quando una base acquista H+ genera il suo acido
coniugato; ad esempio:
! C l- è la base coniugata di HC l (e viceversa)
! NH 4+ è l’acido coniugato di NH3 (e viceversa).
! L’acqua può comportarsi sia da acido che da base a seconda delle
reazioni, si dice, infatti, che essa ha comportamento anfipro tico, in
quanto può cedere o acquistare un protone; per la dissociazione
27
dell’acqua.

Richiami di chimica

Reazioni acido/base

1) CH 3COOH + H 2O ⇔ H3O+ + CH3COO-


acido base acido base
coniugati

2) NH3 + H2O ⇔ OH +
-
NH 4
+

base acido base acido


coniugati
28

14
Richiami di chimica

Reazioni acido/base

HClO2 + H 2O ⇔ H3O+ + ClO2-


acido base acido base
coniugati

 3 
[
H O+  CO −
2] −3
[HClO2 ]
=
Ka
(Ka = 1,1 × 10 a 25 °C)

CH 3 NH 2 + H 2O ⇔ OH - + C H 3 NH 3 +
ba se acid o ba se acid o
con iu ga ti

OH−  CH NH+ 


   3 3  −4

[CH3NH2 ]
=
K
b
(Kb = 4,4 × 10 a 25 °C)
29

Richiami di chimica

Solubilità e prodotto di solubilità

CaCO 3(s) ⇔ Ca++(aq) + CO 3–(aq) MgCO 3(s) ⇔ Mg++(aq) + CO 3 –(aq)

Kps (CaCO 3) = [Ca ++] [CO 3–] Kps (MgCO 3) = [Mg++] [CO 3–]

Prodotti di solubilità (Kps ):


dipendono dalla natura del sale e dalla temperatura,
sono tanto più piccoli quanto meno solubili sono i
rispettivi sali.
Solubilità:
esprime la quantità di sale disciolto in mol/L,
dipende dalla Kps e dall'eventuale presenza in soluzione
di altre sostanze. 30

15
Richiami di chimica

Solubilità e prodotto di solubilità


In acqua pura :

PbI 2(s) = Pb++ (aq) + 2 I - (aq) Kps(PbI 2, 25 °C) = 1,39×10 -8

Kps (PbI 2) = [Pb++] [I -]2 = s × (2s)2 = 4s 3 s = (Kps/4)1/3 = 1,51 × 10 -3 mol/L

Soluzione contenente altri elettroliti aventi ioni in


comune con quelli prodotti dal sale (es. acqua
contenente KI):
Se la concentrazione iniziale di ioni I- è nota ed è superiore in ordine di
grandezza a quella che può produrre il sale in acqua pura (2×1,51×10-3
mol/L nell'esempio di PbI 2) il calcolo della solubilità nelle nuove condizioni è
facilitato perché possiamo trascurare il contributo che da alla [I -] la minima
quantità di PbI2 che si scioglie. Dalla relazione:

[Pb++] [I -]2 = 1,39×10-8

si ricava [P b++] come Kps/[I -]2 e da questa la nuova solubilità. 31

Richiami di chimica

Solubilità e prodotto di solubilità

soluzione contenente 0,1 mol/L di KI;

si ha [Pb++] = 1,39×10-8/(0,1)2 = 1,39×10-6 mol/L;

poiché [Pb++] corrisponde alle mol/L di PbI2 che si


sciolgono, avremo la nuova solubilità:

s' = 1,39×10-6 mol/L

circa la millesima parte del valore precedente!!

32

16
Richiami di chimica
Solubilità e prodotto di solubilità
(applicazione)
Lavaggio di precipitati solidi nell'analisi quantitativa.
• Quando si ottiene un sale poco solubile e lo si raccoglie
filtrando via il solvente, conviene lavare il precipitato non con
acqua pura, che ne asporterebbe una frazione, ma con
soluzioni di un elettrolita con uno ione in comune e che sia
nello stesso tempo volatile in modo da essere eliminato quando
il solido venga asciugato.
• Seguendo questo principio:
– un precipitato di AgCl (Kps = 1,56×10-10) viene lavato con
acido cloridrico diluito
– un precipitato di BaSO4 (Kps = 0,87×10-10) con acido
solforico diluito
• A lavaggio compiuto sarà facile eliminare HC l o H2SO4 per
essiccamento in stufa.
33

17

Potrebbero piacerti anche