Sei sulla pagina 1di 181

lOMoARcPSD|8323897

Paniere (Fondamenti di Informatica 30 lode)

Fondamenti Di Informatica (Università telematica e-Campus)

StuDocu non è sponsorizzato o supportato da nessuna università o ateneo.


Scaricato da max dam (secofr@libero.it)
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande
FONDAMENTI DI INFORMATICA
INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Indice
Indice Lezioni ........................................................................................................................ p. 2
Lezione 002 ........................................................................................................................... p. 4
Lezione 003 ........................................................................................................................... p. 6
Lezione 009 ........................................................................................................................... p. 7
Lezione 011 ........................................................................................................................... p. 8
Lezione 013 ........................................................................................................................... p. 11
Lezione 014 ........................................................................................................................... p. 12
Lezione 016 ........................................................................................................................... p. 13
Lezione 017 ........................................................................................................................... p. 15
Lezione 018 ........................................................................................................................... p. 22
Lezione 019 ........................................................................................................................... p. 26
Lezione 020 ........................................................................................................................... p. 36
Lezione 021 ........................................................................................................................... p. 38
Lezione 022 ........................................................................................................................... p. 39
Lezione 023 ........................................................................................................................... p. 43
Lezione 024 ........................................................................................................................... p. 44
Lezione 025 ........................................................................................................................... p. 50
Lezione 026 ........................................................................................................................... p. 52
Lezione 027 ........................................................................................................................... p. 57
Lezione 028 ........................................................................................................................... p. 63
Lezione 029 ........................................................................................................................... p. 68
Lezione 030 ........................................................................................................................... p. 77
Lezione 031 ........................................................................................................................... p. 82
Lezione 033 ........................................................................................................................... p. 86
Lezione 034 ........................................................................................................................... p. 88
Lezione 035 ........................................................................................................................... p. 89
Lezione 036 ........................................................................................................................... p. 90
Lezione 037 ........................................................................................................................... p. 91
Lezione 038 ........................................................................................................................... p. 92
Lezione 039 ........................................................................................................................... p. 93
Lezione 040 ........................................................................................................................... p. 94
Lezione 041 ........................................................................................................................... p. 98
Lezione 042 ........................................................................................................................... p. 99
Lezione 043 ........................................................................................................................... p. 100
Lezione 044 ........................................................................................................................... p. 101
Lezione 045 ........................................................................................................................... p. 102
Lezione 046 ........................................................................................................................... p. 103

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:25 - 2/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 047 ........................................................................................................................... p. 104


Lezione 048 ........................................................................................................................... p. 105
Lezione 049 ........................................................................................................................... p. 108
Lezione 051 ........................................................................................................................... p. 112
Lezione 053 ........................................................................................................................... p. 115
Lezione 054 ........................................................................................................................... p. 116
Lezione 055 ........................................................................................................................... p. 118
Lezione 059 ........................................................................................................................... p. 121
Lezione 060 ........................................................................................................................... p. 124
Lezione 061 ........................................................................................................................... p. 126
Lezione 062 ........................................................................................................................... p. 129
Lezione 063 ........................................................................................................................... p. 131
Lezione 064 ........................................................................................................................... p. 132
Lezione 074 ........................................................................................................................... p. 133
Lezione 075 ........................................................................................................................... p. 140
Lezione 077 ........................................................................................................................... p. 143
Lezione 078 ........................................................................................................................... p. 144
Lezione 080 ........................................................................................................................... p. 152
Lezione 081 ........................................................................................................................... p. 157
Lezione 082 ........................................................................................................................... p. 161
Lezione 084 ........................................................................................................................... p. 162
Lezione 085 ........................................................................................................................... p. 163
Lezione 086 ........................................................................................................................... p. 165
Lezione 089 ........................................................................................................................... p. 167
Lezione 090 ........................................................................................................................... p. 169
Lezione 091 ........................................................................................................................... p. 170

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:25 - 3/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 002
01.   Quale delle seguenti definizioni è corretta? Un linguaggio di programmazione è:

 Sequenza di istruzioni

 Linguaggio utilizzato per descrivere la sequenza di istruzioni che il computer deve eseguire

 I vari dispositivi (dischi, memoria, tastiera) di cui è composto un computer

 Le persone che programmano un computer

02.   Come sono chiamati i programmi che eseguono direttamente, senza compilare, i programmi scritti con un linguaggio di alto livello?

 Compilatori

 Assemblatori

 Interpreti

 Traduttori

03.   Quali delle seguenti frasi è corretta?

 Le istruzioni dei linguaggi macchina sono molto simili al linguaggio naturale

 L’hardware è la parte intangibile del computer

 Il software istruisce il computer su come eseguire delle azioni e prendere delle decisioni

 L’hardware controlla il software

04.   Un computer può comprendere direttamente il suo proprio:

 Linguaggio di alto livello

 Linguaggio assemblatore

 Nessuna delle precedenti

 Linguaggio macchina

05.   Quale delle seguenti affermazioni è corretta? I compilatori e gli interpreti:

 Convertono un linguaggio ad alto livello nel linguaggio macchina

 Convertono il linguaggio assemblatore nel linguaggio macchina

 Convertono il linguaggio assemblatore in un linguaggio ad alto livello

 Convertono il linguaggio macchina in un linguaggio ad alto livello

06.   Indicare la descrizione corretta riguardo gli assemblatori.

 Convertono il linguaggio assemblatore nel linguaggio macchina

 Convertono linguaggi ad alto livello nel linguaggio assemblatore

 Convertono il linguaggio macchina in un linguaggio ad alto livello

 Convertono un linguaggio ad alto livello nel linguaggio macchina

07.   Quale dei seguenti non è una classe di linguaggi di programmazione?

 Linguaggi naturali (inglese)

 Linguaggi di alto livello

 Linguaggi macchina

 Linguaggi assemblatori

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 4/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

08.   I programmi sono:

 Sequenza di istruzioni

 Le persone che programmano un computer

 I vari dispositivi (dischi, memoria, tastiera) di cui è composto un computer

 Linguaggio utilizzato per descrivere la sequenza di istruzioni che il computer deve eseguire

09.   Quale delle seguenti frasi è vera?

 Nessuna delle precedenti

 I compilatori traducono i programmi dai linguaggi di alto livello nel linguaggio macchina

 I programmi interpretati sono più veloci dei programmi compilati

 Gli interpreti hanno in input il linguaggio macchina

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 5/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 003
01.   Cosa avviene durante la fase di linking?

 Il programma è eseguito una istruzione alla volta

 Il codice oggetto è collegato al codice delle funzioni presenti in altri file

 Il programma è salvato in memoria

 Il programma C è tradotto nel codice in linguaggio macchina

02.   Cosa avviene durante la fase di compilazione?

 Il programma è eseguito una istruzione alla volta

 Il programma C è tradotto nel codice in linguaggio macchina

 Il programma è salvato in memoria

 Il codice oggetto è collegato al codice delle funzioni presenti in altri file

03.   Cosa crea il linker?

 Una direttiva per il preprocessore

 Il codice oggetto

 Un’immagine eseguibile

 Uno stream di input

04.   Quali sono le caratteristiche del linguaggio C?

05.   Cosa sono gli errori di compilazione e quando avvengono?

06.   Indicare le fasi di esecuzione di un programma C.

4) dimensioni ridotte
utilizzo frequente di chiamate
linguaggio struttura
programmazione a basso livello sempre disponibile
implementazione dei puntatori

5) Gli errori di compilazione sono errori di sintassi, ciò avviene quando il compilatore non riconosce un'istruzione

6) Editing
pre elaborazione
compilazione
linking
loading
esecuzione

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 6/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 009
01.   Quale dei seguenti frammenti di codice deve essere necessariamente presente in ogni programma C?

  /*

 #include

 <stdio.h>

 Main

02.   Quale delle seguenti stringhe NON è una sequenza di escape valida?

 \n

 \”

 \\

 \~

03.   Quale delle seguenti frasi è falsa?

 I programmatori inseriscono i commenti per documentare e migliorare la leggibilità dei programmi

 I commenti cominciano con /* e terminano con */ rispettivamente

 I commenti non vengono eseguiti

 Commenti lunghi possono ridurre le performance di esecuzione di un programma

04.   Ogni istruzione in C deve terminare con:

 Punto e virgola(;)

 Due punti ( : )

 punto (.)

 backslash (/)

05.   Cosa si ottiene in output dal seguente frammento di codice?

06.   Cosa si ottiene in output dal seguente frammento di codice?

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 7/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 011
01.   Quale dei seguenti simboli non è un operatore relazionale in C?

 >

 =

 <

 >=

02.   Quale dei seguenti simboli in C indica l’operatore relazionale maggiore?

 =

 >

 ==

 >=

03.   Siano a=1, b=2 e c=5 tre variabili.

Quale delle seguenti affermazioni è falsa?

 ((a<c) != (b<c)) restituisce come risultato true

 (c+4 > a*b) restituisce come risultato true 

 (a*c)<(c+1) restituisce come risultato true

 ((a+c) != 5) restituisce come risultato true

04.   In C l’espressione ( b c )*a può essere scritta come:

 b*a c

 b*a c*a

 (b*a ) c

 ba ca

05.   Siano a=1, b=2 e c=5 tre variabili.

Quale delle seguenti affermazioni è falsa?

 ((b-1) != a) restituisce come risultato false 

 ((a+b) > c) restituisce come risultato true

 (a == 5) restituisce come risultato false

 (a*b <= c) restituisce come risultato true 

06.   Quale delle seguenti frasi è falsa?

 Lettere maiuscole e minuscole sono differenti in C

 Un identificatore può avere una lunghezza qualsiasi

 Le stringhe “identifier” e “IdEnTiFiEr” sono identificatori identici in C

 C è case sensitive.

07.   Completare correttamente la seguente frase: “Una _______ è una locazione di memoria in cui un valore può essere memorizzato per essere utilizzato in un
programma.”

 Dichiarazione

 Nome

 Variabile

 Funzione

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 8/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

08.   Quale delle seguenti affermazioni è falsa in C?

 6 % 3 restituisce 0

 7 % 3 restituisce 0

 10 / 2 restituisce 5

 9 / 3 restituisce 3

09.   Quale simbolo è utilizzato per l’operatore di assegnamento?

 *

 =

 ==

10.   Quale delle seguenti stringhe non è un identificatore (nome di una variabile) valido?

 test1

 5test

 TEST

 _Test

11.   Quali dei seguenti valori non è un valore intero valido?

 1.1

 2134859

 -3

 0

12.   Sia data l'istruzione

diff = (integer2 – integer1);

Quale delle seguenti frasi è falsa?

 E’ un esempio di istruzione di assegnamento

 “=” è un operatore binario

 L’espressione sottrae i valori nelle variabili integer2 e integer1 e memorizza il risultato nella variabile diff

 “-” è un operatore unario

13.   Quale delle seguenti stringhe non è un identificatore valido?

 a_valid_identifier_

 a1_valid_identifier

 1_valid_identifier

 a_valid_identifier

14.   I nomi di variabili corrispondono a:

 Locazioni nella memoria del computer

 Tipi di dato

 Operatori

 Interi

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 9/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

15.   Quale dei seguenti non è un attributo di una variabile?

 Nome

 Tipo

 Alias

 Valore

16.   In C le stringhe “variabile” e “Variabile” sono identificatori identici? Motivare la risposta.

No, perché il linguaggio C è un case sensitive in quanto distingue lettere maiuscole da lettere
minuscole.

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 10/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 013
01.   Cosa specifica un algoritmo?

 Il flusso e l’inizio delle attività

 Il flusso e l’ordine del flusso

 Le azioni e l’ordine delle azioni

 Le azioni e l’inizio delle attività

02.   Quale delle seguenti affermazioni riguardo lo pseudocodice è vera?

 Tutte le precedenti affermazioni sono false

 Include le definizioni di variabili e tutti I tipi di istruzioni in C

 E’ eseguito dal computer

 Aiuta il programmatore a ‘ragionare’ sulla risoluzione di un problema

03.   Quale delle seguenti affermazioni sullo pseudocodice è falsa?

 Può essere scritto con un qualsiasi programma di scrittura

 E’ scritto in linguaggio naturale

 Aiuta a pensare ad un programma prima di implementarlo in un linguaggio di programmazione

 E’ molto difficile scrivere un programma in un linguaggio di programmazione a partire dal suo pseudocodice

04.   Scrivere l’algoritmo per la preparazione di un piatto di pasta con il sugo.

05.   Scrivere l’algoritmo che descrive le azioni da compiere per andare a letto.

4)
Cucinare il sugo
riempire la pentola d'acqua
fare bollire l'acqua
mettere la pasta dentro l'acqua
scolare la pasta
mettere la pasta nel piatto
aggiunge il sugo

5)
lavarsi i denti
lavarsi la faccia
mettersi il pigiama
leggere un libro
impostare la sveglia
addormertarsi

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 11/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 014
01.   Le istruzioni in un programma normalmente sono eseguite una dopo l’altra nell’ordine in cui appaiono. Come è chiamata questo tipo di esecuzione?

 Sequenziale

 Ricerca

 In linea

 Ordinata

02.   Quale simbolo flowchart è chiamato simbolo di Input/Output?

 Rettangolo arrotondato

 Rettangolo

 Cerchio piccolo

 Rombo

03.   Quale simbolo di un flowchart è chiamato simbolo di azione?

 Rettangolo

 Cerchio piccolo

 Rettangolo arrotondato

 Rombo

04.   Molte istruzioni in C permettono di specificare che la prossima istruzione da eseguire non è la successiva in sequenza a quella attuale. Questo comportamento
è chiamato:

 Reindirizzamento

 Cambio di ordine

 Trasferimento del controllo

 Istruzioni di salto

05.   Quale delle seguenti strutture comprende le rimanenti tre?

 Struttura di selezione

 Struttura di sequenza

 Struttura di controllo

 Struttura di iterazione

06.   In un flowchart di un algoritmo, qual’è il simbolo di decisione?

 Cerchio

 Rombo

 Rettangolo

 Rettangolo arrotondato

07.   Indicare quali simboli sono utilizzati in un flowchart e il loro significato.

08.   Disegnare il flowchart della sottrazione tra due interi

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 12/170
lOMoARcPSD|8323897

7 8

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 016
01.   Quale delle seguenti affermazioni sul costrutto di selezione singola è falsa?

 Verifica il valore di una condizione ed esegue un’azione se la condizione è vera

 Verifica il valore di una condizione e procede con l'istruzione successiva al blocco di selezione se la condizione è falsa

 In figura è mostrato un blocco di selezione singola:

 Verifica il valore di una condizione ed esegue un’azione se la condizione è vera , o un'altra se la condizione è falsa

02.   Quale delle seguenti affermazioni sul costrutto di selezione doppia è falsa?

 La seguente sintassi C permette di implementare il costrutto di selezione doppia:

 Esegue un blocco di istruzioni finchè la condizione è vera

 Il seguente algoritmo in pseudo-codice implementa un costrutto di selezione doppia:

Se sesso= 'F'

    scrivi "donna"

altrimenti

    scrivi "uomo"

 Viene verificata una condizione, ed eseguita un’azione se la condizione è vera , un’altra azione se la condizione è falsa

03.   Disegnare il flow-chart del programma che legge in input due interi e stampa il massimo.

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 13/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

04.   Disegnare il flow-chart del programma che legge in input due interi e stampa il minimo .

05.   Scrivere l'algoritmo per determinare  se una persona ha la febbre o no.

Utilizzare lo pseudocodice per descrivere i passi dell'algoritmo.

NB. Assumiamo che un umano abbia la febbre  se la temperatura corporea è superiore a 37.

06.   Scrivere l'algoritmo per determinare se una persona ha la febbre o no.

Utilizzare il flowchart per descrivere i passi dell'algoritmo.

NB. Assumiamo che un umano abbia la febbre se la temperatura corporea è superiore a 37.

5) Prendi il termometro
Inseriscilo sotto l'ascella
Attendi 5 minuti
Riprendi il termometro
Visualizza il valore riportato
Se temperatura è maggiore di 37 stampa "hai la febbre"
Altrimenti stampa "non hai la febbre"

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 14/170
lOMoARcPSD|8323897

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 017
01.   Si voglia assegnare ad una variabile di nome esito la stringa "promosso" se uno studente ha superato l'esame (votazione maggiore o uguale a 60), "bocciato"
altrimenti.

Quale delle seguenti affermazioni è falsa?

 Il seguente frammento di codice C risolve il problema nella traccia:

 Il seguente frammento di codice C risolve il problema nella traccia:

 Il seguente frammento di codice C risolve il problema nella traccia:

 Il seguente frammento di codice C risolve il problema nella traccia:

02.   Sia dato il seguente frammento di codice C.

Quale delle seguenti affermazioni è falsa?

 Il seguente frammento di codice è equivalente a quello nella traccia:

 La sintassi dell'operatore ternario condizionale utilizzato nel frammento di codice C è la seguente:

 L'istruzione mostrata nella traccia stampa il messaggio "febbre" seguito dal messaggio "sfebbrato" su una nuova riga

 E' stato utilizzato l'operatore ternario condizionale ?:

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 15/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

03.   Si voglia scrivere un frammento di codice C che valuti il valore della variabile temperatura e assegni alla variabile esito la stringa "febbre" se la temperatura
è superiore o pari a 37, "sfebbrato" altrimenti.

Quale delle seguenti affermazioni è falsa?

 Il seguente frammento di codice C risolve il problema nella traccia:

 Il seguente frammento di codice C risolve il problema nella traccia:

 Il seguente frammento di codice C risolve il problema nella traccia:

 Il seguente frammento di codice C risolve il problema nella traccia:

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 16/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

04.   Si supponga che i valori delle variabili int1, int2 e int3 siano i seguenti:

int1= 30, int2=50, int3=10

Seguendo il flusso di controllo delle operazioni indicate nel flowchart, quale dei tre interi verrà stampato?

 50

 10

 30

 nessuno dei precedenti

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 17/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

05.   Si supponga che lo studente abbia ottenuto all'esame di Fondamenti di Informatica una votazione pari a 69. 

Utilizzando l'algoritmo mostrato in figura (flow-chart) indicare il voto in lettere che sarà stampato.

 B

 D

 A

 C

06.   Sia dato il seguente frammento di codice C:

Quale delle seguenti affermazioni è falsa?

 E' utilizzato l'operatore condizionale ?:

 L'istruzione è equivalente alla seguente:

 L'istruzione è errata

 L'istruzione valuta il valore della variabile voto e assegna alla variabile esito la stringa "promosso" se voto assume un valore maggiore o uguale a 60, "bocciato",
altrimenti

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 18/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

07.   Si voglia risolvere il problema: "stampare il messaggio "promosso" se lo studente ha ottenuto una votazione maggiore o uguale a 60, bocciato, altrimenti".

Quale delle seguenti affermazioni è falsa?

 Il seguente frammento di codice C risolve il problema nella traccia:

 Il seguente frammento di codice C risolve il problema nella traccia:

 Il seguente frammento di codice C risolve il problema nella traccia:

 Il seguente frammento di codice C risolve il problema nella traccia:

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 19/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

08.   Si voglia risolvere il problema: "stampare il messaggio "febbre" se la temperatura corporea è superiore o pari a  37, "sfebbrato" altrimenti".

Quale delle seguenti affermazioni è falsa?

 Il seguente frammento di codice C risolve il problema nella traccia:

 Il seguente frammento di codice C risolve il problema nella traccia:

 Il seguente frammento di codice C risolve il problema nella traccia:

 Il seguente frammento di codice C risolve il problema nella traccia:

09.   Cosa calcola l'algoritmo descritto dal seguente flow-chart?

il maggiore tra tre numeri interi

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 20/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

10.   Si supponga che lo studente abbia ottenuto all'esame di Fondamenti di Informatica una votazione pari a 69.
Utilizzando l'algoritmo mostrato in figura (flow-chart) indicare il voto in lettere che sarà stampato.

11.   Scrivere un algoritmo utilizzando lo pseudocodice che verifichi la temperatura di un individuo e stampi :
● "Sfebbrato" se la temperatura è < 37
● "Decimi" se la temperatura è >= 37 e < 37.5
● "Febbre alta" se la temperatura è >= 37.5 e < 39
● "Febbre molto alta" se la temperatura è >= 39

11.
Se la temperatura è <37 stampa "Sfebbrato"
altrimenti
se la temperatura è >=37.5 e <39 stampa "Decimi"
altrimenti
se la temperatura è >=37.5 e <39 stampa "Febbre alta"
altrimenti
se la temperatura è >39 stampa febbre molto alta

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 21/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 018
01.   Quale delle seguenti affermazioni sul costrutto di selezione multipla switch è falsa?

 In C è implementato mediante l'istruzione switch

 La sintassi dell'istruzione switch è la seguente:

 Effettua una selezione tra varie azioni al verificarsi di una delle condizioni

 Si utilizza quando si vuole eseguire un'azione finchè una certa condizione è vera

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 22/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

02.   Quale delle seguenti affermazioni sull'istruzione C switch è falsa? 

 E' utilizzata la parola chiave default per gestire il caso speciale da eseguire se nessuna delle condizioni è soddisfatta

 La sintassi è la seguente:

 E' utilizzata la parola chiave break per far uscire il flusso di controllo dal blocco switch

 E' utilizzata la parola chiave continue per far continuare il flusso di controllo del programma quando la condizione verificata è falsa

03.   Quale costrutto di selezione in C esegue un’azione se la condizione è vera e un’altra se la condizione è falsa?

 if…else

 When

 If

 switch

04.   Quale costrutto è chiamato selezione singola?

 switch

 When

 If

 if…else

05.   Quale costrutto di selezione in C esegue un’azione se la condizione è vera o passa il controllo all’istruzione successiva al blocco?

 switch

 If

 When

 if…else

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 23/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

06.   Se la variabile grade ha valore 60, cosa stamperà il seguente frammento di codice C?

if (grade >= 60)

{ printf(”%s”, “Passed"); }

 60

 printf(”%s”,”Passed");

 Nulla

 Passed

07.   Quale costrutto di selezione in C esegue azioni differenti dipendentemente dal valore di un’espressione?

 switch

 When

 if…else

 If

08.   Quale costrutto è chiamato selezione doppia?

 if…else

 switch

 When

 If

09.   Se la variabile grade ha valore 50, cosa stamperà il seguente frammento di codice C?

if (grade >= 60) {

printf(”%s”, “Passed");

 Passed

 printf(”%s”,”Passed");

 60

 Nulla

10.   Quale costrutto è chiamato selezione multipla?

 When

 switch

 if…else

 If

11.   Quale dei seguenti NON è un costrutto valido di iterazione?

  while

 do…while

 do…for

 for

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 24/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

12.   Quante volte il seguente frammento di codice C stamperà la stringa hello?

  i = 1;

while (i <= 10) {

puts("hello");

Stamperà hello 10 volte

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 25/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 019
01.   Quale delle seguenti affermazioni sul costrutto di ripetizione è falsa?

 Si utilizza il costrutto di ripetizione controllato da sentinella quando non è noto a priori il numero massimo di iterate da compiere

 Si utilizza il costrutto di ripetizione quando si vuole eseguire un'azione finchè una certa condizione rimane vera

 Si utilizza il costrutto di ripetizione controllato da contatore quando è noto a priori il numero massimo di iterate da compiere

 Nel costrutto di ripetizione controllato da sentinella, quando il valore della variabile sentinella diventa falso, è possibile uscire dal ciclo di ripetizione

02.   Si voglia risolvere il seguente problema: "Sommare i numeri interi pari da 2 a 100 . Stampare il totale ottenuto ".

Quale delle seguenti affermazioni è falsa?

 L'algoritmo per la risoluzione del problema descritto nella traccia utilizzerà una variabile contatore per tenere traccia del numero di iterate compiute

 Il flow-chart mostrato in figura risolve il problema descritto nella traccia: 

 L'algoritmo per la risoluzione del problema descritto nella traccia presenterà un ciclo di ripetizione. Poichè il numero di iterate da compiere non è noto a priori, si
utilizzerà una struttura di ripetizione while controllata da sentinella.

 L'algoritmo per la risoluzione del problema descritto nella traccia presenterà un ciclo di ripetizione. Poichè il numero di iterate da compiere è noto a priori, è possibile
quindi utilizzare una struttura di ripetizione for .

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 26/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

03.   Quale delle seguenti affermazioni sull'istruzione C while è falsa?Permette di specificare un’azione che deve essere ripetuta mentre una condizione rimane vera

 Il seguente flow-chart implementa un costrutto di ripetizione

 Permette di specificare un’azione che deve essere ripetuta mentre una condizione rimane vera

 Quando la condizione verificata dall'istruzione C while diventa vera è eseguita la prima istruzione che segue il ciclo

 La sintassi dell'istruzione while è la seguente:

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 27/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

04.   Si supponga di voler risolvere il seguente problema: "Trovare la prima potenza di 3 maggiore di 100".

Quale delle seguenti affermazioni è falsa?

 L'algoritmo espresso in pseudo-codice per risolvere il problema enunciato nella traccia è il seguente:

Inizializza prodotto a 3

Finchè (prodotto <=100)

    prodotto=prodotto*3 

 Per risolvere il problema enunciato nella traccia è necessario utilizzare un ciclo di ripetizione controllato da contatore

 Per risolvere il problema enunciato nella traccia è necessario utilizzare un ciclo di ripetizione come mostrato in figura:

 Il frammento di codice C che risolve il problema enunciato nella traccia è il seguente:

05.   Si voglia risolvere il seguente problema:

“Leggere in input gli esiti di 10 studenti prenotati all’ esame.

I possibili esiti sono due:

–il valore 1 indica che lo studente è stato promosso

–il valore 2 indica che lo studente è stato bocciato.

Contare

– il numero di studenti promossi all’esame

– il numero di studenti bocciati all’esame

– Stampare questi due valori”

Quale delle seguenti affermazioni è falsa?

 Il flow-chart mostrato in figura risolve il problema descritto nella traccia

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 28/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

 Per risolvere il problema descritto nella traccia, è necessario utilizzare un ciclo di ripetizione che acquisisca l'esito di dieci studenti, e per ciascuno di questi un blocco di
selezione doppia verificherà che tipo di esito è stato conseguito (promosso/bocciato) e incrementerà il corrispondente contatore.

 L’algoritmo in pseudo-codice mostrato in figura risolve il problema descritto nella traccia 

 Il flow-chart mostrato in figura risolve il problema descritto nella traccia

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 29/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 30/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

06.   Si voglia risolvere il problema: "Scrivere un programma che calcoli la media di 10 numeri letti in input da tastiera ".

Quale delle seguenti affermazioni è falsa?

 L'algoritmo mostrato in figura risolve il problema enunciato nella traccia.

 Il frammento di codice C mostrato in figura risolve il problema enunciato nella traccia:

 L'algoritmo mostrato in figura risolve il problema enunciato nella traccia.

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 31/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

 L'algoritmo mostrato in figura risolve il problema enunciato nella traccia.

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 32/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

07.   Quale delle seguenti affermazioni sul flow-chart in figura è falsa?

 Finchè la condizione espressa nel blocco a forma di rombo è soddisfatta, l'azione associata al ramo vero è eseguita

 L'azione specificata nel blocco rettangolare viene eseguita finché il valore della variabile c è inferiore al numero massimo di iterate

 In figura è mostrato un ciclo di ripetizione controllato da contatore

 La variabile N inclusa nel blocco condizionale ha il compito di contare il numero di iterate effettuate, viene perciò incrementata ad ogni iterata

08.   Quale delle seguenti affermazioni sul ciclo di ripetizione for è falsa?

 L’istruzione di incremento del ciclo for può procedere a step maggiori di uno e negativi. 

 L’istruzione di incremento del ciclo for può procedere a step negativi, se il valore finale del contatore è superiore al suo valore iniziale. 

 L’istruzione di incremento del ciclo for può procedere a step negativi, se il valore iniziale del contatore è superiore al suo valore finale . 

 L’istruzione di incremento del ciclo for può procedere a step maggiori di uno. 

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 33/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

09.   Quale delle seguenti affermazioni sulla ripetizione controllata da sentinella è falsa?

 Si usa quando non è noto a priori il numero massimo di iterate da compiere 

 E’ utilizzato un valore sentinella che indica l’uscita dal ciclo 

 Il frammento di flow-chart mostrato in figura contiene un ciclo di ripetizione controllata da sentinella:

 Si usa quando è noto a priori il numero massimo di iterate da compiere 

10.   Quale delle seguenti affermazioni sulla struttura di ripetizione while è falsa?

 Quando il numero massimo di iterate da compiere è fissato è utilizzata una variabile contatore che ha il compito di contare il numero di volte in cui l’insieme di istruzioni
è eseguito. Ad ogni iterata il contatore è incrementato di una unità

 L'istruzione while permette di specificare un’azione che deve essere ripetuta mentre una condizione rimane falsa, quando la condizione diventa vera è eseguita la prima
istruzione che segue il ciclo while

 L'istruzione while permette di specificare un’azione che deve essere ripetuta mentre una condizione rimane vera, quando la condizione diventa falsa è eseguita la prima
istruzione che segue il ciclo while

 Se si rappresenta un ciclo di ripetizione mediante flow-chart la condizione da verificare è inserita nel simbolo di decisione

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 34/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

11.   Quale struttura di controllo è rappresentata in figura?

 struttura di selezione doppia

 struttura di selezione multipla

 struttura di selezione singola

 struttura di ripetizione

12.   Descrivere l'algoritmo per calcolare la media di dieci interi letti in input da tastiera utilizzando un lo pseudocodice.

13.   Descrivere l'algoritmo per calcolare la somma di venti interi letti in input da tastiera utilizzando un flowchart.

14.   Descrivere l'algoritmo per calcolare la somma di venti interi letti in input da tastiera utilizzando lo pseudocodice.

15.   Descrivere l'algoritmo per calcolare la media di dieci interi letti in input da tastiera utilizzando un flowchart.

12) contatore=1
somma=0
finche contatore<=10
leggi intero
somma=somma+intero
contatore=contatore + 1
media=somma/10
stampa media

14) contatore=1
somma=0
finche contatore<=20
leggi intero
somma=somma+intero
contatore=contatore + 1
stampa somma

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 35/170
lOMoARcPSD|8323897

13

14

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 020
01.   Si voglia risolvere il seguente problema: "calcolare la media di 10 interi letti in input da tastiera".

Quale delle seguenti affermazioni è falsa?

 Si utilizza un costrutto di ripetizione che permette di acquisire i 10 interi da tastiera

 Si utilizza un costrutto di ripetizione per aggiungere, ad ogni iterata, il valore letto da tastiera alla media

 All'esterno del ciclo di ripetizione viene calcolata la media dei numeri acquisiti

 Si utilizza un costrutto di ripetizione per aggiungere, ad ogni iterata, il valore letto da tastiera al totale

02.   Si voglia scrivere un programma che acquisisca 10 interi da tastiera.

Quale delle seguenti affermazioni è falsa?

 Utilizziamo un ciclo di ripetizione controllato da contatore

 Utilizzo un ciclo di ripetizione per acquisire i 10 interi da tastiera

 E' possibile utilizzare l'istruzione C for per acquisire i 10 interi da tastiera

 Non è possibile utilizzare l'istruzione C while per acquisire i 10 interi da tastiera poichè il numero di iterazioni da compiere è noto

03.   Il flowchart mostrato in figura rappresenta una struttura di controllo, quale?

 Struttura di selezione doppia

 Struttura di ripetizione controllata da sentinella

 Struttura di ripetizione controllata da contatore

 Struttura di selezione multipla

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 36/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

04.   Quale delle seguenti affermazioni riguardo il frammento di codice C in figura è falsa?

 E' implementato un ciclo di ripetizione controllato da contatore

 Si sarebbe potuto risolvere lo stesso problema utilizzando l'istruzione for

 E' implementato un ciclo di ripetizione controllato da sentinella

 Il frammento di codice mostrato somma i voti ottenuti da 10 studenti, immessi da tastiera

05.   Indicare l'algoritmo che calcola la media di un numero non definito (a priori) di interi letti in input.
6)
somma=0
Utilizzare il flowchart. contatore=0
media=0
leggi intero
NB. Utilizzare il valore "-1" come sentinella se intero !=-1
somma=somma+intero
06.   Indicare l'algoritmo che calcola la media di un numero non definito (a priori) di interi letti in input. leggi intero
contatore=contatore+1
media=somma/contatore
Utilizzare lo pseudocodice.
stampa media

NB. Utilizzare il valore "-1" come sentinella

07.   Sia dato il seguente codice C, cosa calcola? Si supponga che la variabile grade assuma i valori: 2, 3, 1, -1, quale sarà il valore della variabile total al termine del
ciclo while?

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 37/170
lOMoARcPSD|8323897

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 021
01.   L’iterazione controllata da contatore è chiamata anche iterazione_____ perchè il numero di iterate è noto prima che il ciclo inizi la sua esecuzione.

 Sentinella

 Determinata

 Definita

 Indefinita

02.   Quale delle seguenti affermazioni è vera?

 Le sentinelle devono avere valori distinti dagli elementi del programma

 I valori sentinella sono usati per controllare l’iterazione quando il numero preciso di iterazioni è noto a priori

 In un loop controllato da contatore, questo non può contare in maniera decrescente

 L’iterazione controllata da sentinella è chiamata iterazione definita

03.   L’iterazione indefinita è controllata da un_______.

 Contatore

 Valore sentinella

 Istruzione

 Una condizione non costante

04.   Scrivere un frammento di codice C che stampi 10 volte la stringa hello .

i=1;
while (i<=10)
{ puts("hello");}

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 38/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 022
01.   Cosa non è specificato nel seguente frammento di codice?

for (c = 1; c <= 10; c )

 Il corpo del ciclo

 Il valore iniziale del contatore

 La condizione per continuare il ciclo

 L’incremento del contatore

02.   Per permettere al ciclo di iterare 10 volte che operatore relazionale è necessario specificare?

for (c = 1; c <???>11; c )

 >=

 <=

 >

 <

03.   Che valori assume il contatore i nella seguente intestazione del ciclo for?

for (i = 1; i < 100; i)

 Valori da 0 a 99 con incrementi di 1

 Valori da 0 a 100 con incrementi di 1

 Valori da 1 a 100 con incrementi di 1

 Valori da 1 a 99 con incrementi di 1

04.   Quale dei seguenti valori è necessario indicare nell'intestazione del ciclo di ripetizione mostrata se si vogliono ottenere 11 iterate?

for (i = 7; i <= <???>; i = 7) 

 13

 72

  77

 33

05.   Quale dei seguenti valori è corretto indicare nell'intestazione del ciclo for se si vogliono ottenere 10 ripetizioni?

for (i = 6; i <= <???>; i = 6)

 6

 66

 54

 60

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 39/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

06.   Quale delle seguenti affermazioni sull'utilizzo delle parole chiave break e continue nei cicli di ripetizione è corretta?

 L'output del seguente frammento di codice C è: 1 2 4 5 6 7

 L'output del seguente frammento di codice C è: 1 2 3 4 5 6 7 9 10

 L'output del seguente frammento di codice C è: 1 2 3 4 5 6 7

 L'output del seguente frammento di codice C è: 1 2 3 4 5 6 7 9 10

07.   Quale delle seguenti affermazioni sull'utilizzo delle parole chiave break e continue nei cicli di ripetizione è falsa?

 L'output del seguente frammento di codice C è 1 2 3 4 5 6 7.

 La parola chiave continue se utilizzata in una struttura di ripetizione salta le istruzioni rimanenti nel corpo e fa eseguire l’iterazione successiva 

 La parola chiave break è utilizzata per uscire da un ciclo prima del termine 

 La parola chiave break se utilizzata in una struttura di ripetizione salta le istruzioni rimanenti nel corpo e fa eseguire l’iterazione successiva 

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 40/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

08.   Quale delle seguenti affermazioni sull'utilizzo delle parole chiave break e continue nei cicli di ripetizione è corretta?

 L'output del seguente frammento di codice C è: 1 2 4 5 6 7 

 L'output del seguente frammento di codice C è: 1 2 4 5 6 7

 L'output del seguente frammento di codice C è: 1 2 3 4 5 6 7 9 10

 L'output del seguente frammento di codice C è: 1 2 3 4 5 6 7 

09.   Quale delle seguenti affermazioni sull'utilizzo delle parole chiave break e continue nei cicli di ripetizione è corretta?

 L'output del seguente frammento di codice è 12345678910

 L'output del seguente frammento di codice è 1 2 3 4 5 6 7

 L'output del seguente frammento di codice è 1234567

 L'output del seguente frammento di codice è 1234567

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 41/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

10.   Quale delle seguenti affermazioni sull'utilizzo delle parole chiave break e continue nei cicli di ripetizione è corretta?

 L'output del seguente frammento di codice C è: 1 2 3 4 5 6 7 9 10

 L'output del seguente frammento di codice C è: 1 2 

 L'output del seguente frammento di codice C è: 1 2 3 4 5 6 7

 L'output del seguente frammento di codice C è: 1 2

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 42/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 023
01.   Se la variabile x ha valore pari a 3, che istruzione devo utilizzare perchè assuma il valore 12?

 x = 4;

 x 4 = x;

 x *= 4;

 x = 4;

02.   Quali delle seguenti espressioni di assegnazione è equivalente a c = c / 2 ?

 c / c = 2

 c := 2

 c /= 2

 c =/ 2

03.   Quali delle seguenti espressioni di assegnazione è equivalente all'istruzione c = c * 2 ?

 c * c = 2

 c =* 2

 c *= 2

 c = c x 2

04.   Se la variabile x ha valore 3, che istruzione devo utilizzare perchè assuma il valore 7?

 x = 4;

 x = 4;

 x 4 = x;

 x *= 4;

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 43/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 024
01.   Quale delle seguenti istruzioni NON decrementa la variabile c di una unità?

 --c;

 c – 1;

 c -= 1;

 c--;

02.   Indicare l'output del seguente frammento di codice C:

 nessuna delle precedenti

 5

 5

 5

03.   Indicare l'output del seguente frammento di codice C:

 5

 5

 nessuna delle precedenti

 5

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 44/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

04.   Indicare l'output della seguente funzione C:

 Ciclo: 1 

Ciclo: 2 

Ciclo: 3

Cicli: 3 i: 4 

 Ciclo: 0 

Ciclo: 1 

Cicli: 2 i: 4 

 Ciclo: 1 

Ciclo: 2 

Cicli: 2 i: 3 

 Ciclo: 1 

Ciclo: 2 

Cicli: 2 i: 4 

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 45/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

05.   Indicare l'output della seguente funzione C:

 Vi è un errore di sintassi. Non viene restituito alcun output

 Ciclo: 1 

Ciclo: 2 

Ciclo: 3 

Cicli: 3 i: 5

 Ciclo: 0 

Ciclo: 1 

Ciclo: 2 

Cicli: 3 i: 5 

 Ciclo: 0 

Ciclo: 1 

Ciclo: 2 

Ciclo: 3

Cicli: 4 i: 5 

06.   Quale delle seguenti istruzioni NON incrementa la variabile c di una unità?

 ++c;

 c+=1;

 c+1;

 c++;

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 46/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

07.   Indicare l'output della seguente funzione C:

 nessuna delle precedenti

 a=6 

b=7 

c=13 

 a=6 

b=8 

c=14 

 a=5 

b=7 

c=13 

08.   In quale delle seguenti istruzioni la variabile y NON assume un valore pari a 5 dopo l’esecuzione? Si supponga che la variabile x inizialmente sia avvalorata a
4.

 y=x=5;

 y=5;

 y=x++;

 y=++x;

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 47/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

09.   Indicare l'output della seguente funzione C:

 nessuna delle precedenti

 a=6 

b=7 

c=12 

 a=5 

b=7 

c=12 

 a=5 

b=7 

c=13 

10.   Qual è l’output del seguente frammento di codice?


10
c=++a+b
int a,b,c;
a=2
a=1;
b=2
b=2;
c=4
c= a b;

println(“a=%d \n”,a);

println(“b=%d \n”,b);

println(“c=%d \n”,c);

11.   Qual è l’output del seguente frammento di codice?


11
                j=0; for (i=1; j++<=3)
                for (i=1; i <=3) iterata n. 1 i=1
                        printf(“Iterata n= %d, i= %d \n”, j, i); iterata n. 2 i=2
                printf(“n.ro iterate= %d, i= %d\n”, j, i ); iterata n. 3 i=3
n. iterate n. 3 i=5

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 48/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

12.   Qual è l’output del seguente frammento di codice? 12


                int a,b,c; c=a++ +b
                a=1; a=2
                b=2; b=2
                c=a b;
c=3
                println(“a=%d \n”,a);

                println(“b=%d \n”,b);

                println(“c=%d \n”,c);

13.   Qual è l’output del seguente frammento di codice?

                j=0;
13
                for (i=1; i<=3)
for (i=1; ++j<=3)
iterata n. 1 i=1
                        printf(“Iterata n= %d, i= %d \n”, j, i);
iterata n. 2 i=2
                printf(“n.ro iterate= %d, i= %d\n”, j, i );
iterata n. 3 i=3
n. iterate n. 3 i=5

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:26 - 49/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 025
01.   Indicare l’output del seguente frammento di codice:

        x=12;

                if (x = 3) {   

                        printf("%i", x);

                               }

 Viene generato un errore di sintassi

 3

 Nessuno

 12

02.   Indicare l’output del seguente frammento di codice:

        x=3;

        if (x == 6) {

                 printf("%i", x);

                        }

 Viene generato un errore di sintassi

 3

 Nessuno

 6

03.   Quale delle seguenti affermazioni riguardo la valutazione della condizione 4 > y > 1 nel linguaggio C è corretta?

 Non è valutata correttamente e deve essere sostituita da (4 > y & y > 1)

 Non è valutata correttamente e deve essere sostituita da (4 > y && y > 1)

 Non è valutata correttamente e deve essere sostituita da (4 > y || y > 1)

 È valutata correttamente

04.   Indicare l’output del seguente frammento di codice:

        x=12;

        if (x = 6) { 

             printf("%i", x);

                      } 

  Nessuno

 Viene generato un errore di sintassi

 12

 6

05.   Quale delle seguenti affermazioni sull’operatore OR (||) nel linguaggio C è corretta?

 È un operatore ternario

 Ha precedenza superiore rispetto all’operatore AND (&&)

 Associa da destra verso sinistra

 Termina la valutazione se trova una condizione vera

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 50/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

06.   Quale delle seguenti condizioni non può sostituire la condizione num != 65 ?

 !(num – 65)

 !(num == 65)

 num > 65 || num < 65

 num – 65

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 51/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 026
01.   Si voglia risolvere il seguente problema: 

"Scrivere un programma che legga un numero in input da tastiera, determini se è pari o dispari e stampi il risultato (numero pari o numero dispari)"

Quale delle seguenti affermazioni è corretta?

 L'algoritmo di risoluzione del problema conterrà una struttura di selezione doppia che permetta la stampa del messaggio "numero pari" o "numero dispari"

 L'algoritmo di risoluzione del problema conterrà una struttura di selezione singola che permetta la stampa del messaggio "numero pari" o "numero dispari"

 L'algoritmo di risoluzione del problema conterrà una struttura di ripetizione che permetta la stampa del messaggio "numero pari" o "numero dispari"

 L'algoritmo di risoluzione del problema conterrà una struttura di selezione multipla che permetta la stampa del messaggio "numero pari" o "numero dispari"

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 52/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

02.   Si voglia risolvere il seguente problema

"Scrivere un programma che determini se un numero è pari o dispari e stampi il risultato "

Quale dei seguenti frammenti di codice C è corretto?

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 53/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

03.   Si voglia risolvere il seguente problema: 

"Scrivere un programma che legga un numero in input da tastiera, determini se è pari o dispari e stampi il risultato (numero pari o numero dispari)"

Quale delle seguenti affermazioni è falsa?

 L'algoritmo di risoluzione del problema conterrà una struttura di selezione doppia che permetta di stampare il messaggio "numero dispari" o "numero pari"

 L’operatore resto permette di determinare se un numero è pari o dispari

 Il seguente flow-chart rappresenta l'algoritmo di risoluzione del problema descritto nella traccia:

 Un numero pari  se la divisione del numero per due da resto zero, è dispari  se il resto non è zero

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 54/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

04.   Si voglia risolvere il seguente problema:

"Leggere due numeri in input da tastiera, determinare se il primo è un multiplo del secondo e stampare il risultato".

Quale delle seguenti affermazioni è falsa?

 L'algoritmo seguente, descritto in pseudo-codice, risolve il problema nella traccia:

Leggere due interi  int1 e int2 da tastiera

Finchè int1%int2 == 0

    Stampa ‘il numero int1 è multiplo di int2’

Stampa ‘il numero int1 non è multiplo di int2’

 Un costrutto di selezione doppia permette di stampare il messaggio "multiplo" o "non multiplo" se i numeri sono tra loro multipli o no.

 Per determinare se un numero è multiplo dell'altro è possibile utilizzare l’operatore resto

 Il flow-chart che descrive l'algoritmo di risoluzione del problema nella traccia è il seguente:

05.   Indicare quale delle seguenti è l'istruzione C permette di acquisire due interi da tastiera.

 scanf( "%s%s", &integer1, &integer2 ); 

 L'istruzione C che permette l'acquisizione di due numeri da tastiera è la seguente:

scanf( "%d%d", @integer1, @integer2 );

 scanf( "%d%d", &integer1, &integer2 ); 

 scanf( integer1, integer2 ); 

06.   Scrivere un frammento di codice C per risolvere il seguente problema:

“Leggere in input gli esiti di 10 studenti prenotati all’ esame.

I possibili esiti sono due:

–il valore 1 indica che lo studente è stato promosso

–il valore 2 indica che lo studente è stato bocciato

Contare

– il numero di studenti promossi all’esame

– il numero di studenti bocciati all’esame

– Stampare questi due valori”

07.   Indicare la differenza tra il ciclo di ripetizione controllato da contatore e il ciclo di ripetizione controllato da sentinella. Mostrare un esempio di ciascuno.

08.   Mostrare con un esempio l'equivalenza tra il costrutto for e il costrutto while.

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 55/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

09.   Scrivere l'algoritmo per risolvere il seguente problema: "trovare la prima potenza di 3 maggiore di 100 ".

Utilizzare la rappresentazione grafica flow-chart.

10.   Scrivere un frammento di codice C per risolvere il seguente problema: "trovare la prima potenza di 3 maggiore di 100 ".

11.   Indicare l'output del seguente frammento di codice C:

124567

12.   Indicare l'output del seguente frammento di codice C:

12

13.   Disegnare il flow-chart dell'algoritmo risolutivo del seguente problema:"Scrivere un programma che legga due numeri in input da tastiera, determini se il
primo è un multiplo del secondo e stampi il risultato "

14.   Scrivere un programma che legga due numeri in input da tastiera, determini se il primo è un multiplo del secondo e stampi il risultato .

15.   Scrivere il flow-chart dell'algoritmo risolutivo del seguente problema:"Scrivere un programma che legga un numero in input da tastiera, determini se è pari o
dispari e stampi il risultato "

16.   Scrivere un programma che legga un numero in input da tastiera, determini se è pari o dispari e stampi il risultato

17.   Scrivere un frammento di codice C che calcoli la somma di 20 interi letti in input 

18.   Scrivere l'algoritmo che calcoli la somma di 20 interi letti in input utilizzando la rappresentazione grafica flow-chart.

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 56/170
lOMoARcPSD|8323897

10
int main(void)
{ int product=1;
while (product<=100)
{ product=3*product;}
printf("%d",product);
system("PAUSE");
return 0;
}
13

14
#include <stdio.h>
#include <stdlib.h>
int main(void)
{ int a,b;
printf("%s","Inserisci il primo numero");
scanf("%d",&a);
printf("%s","Inserisci il secondo numero");
scanf("%d",&b);
if(a%b == 0)
{ printf("%s","A multiplo di B"); }
else
{ printf("%s","A non multiplo di B"); }
system("PAUSE");
return 0;
}
15

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


lOMoARcPSD|8323897

16
#include <stdio.h>
#include <stdlib.h>
int main(void)
{ int a,b;
printf("%s","Inserisci ilnumero");
scanf("%d",&a);
if(a%2 == 0)
{printf("%s","A pari");}
else
{ printf("%s","A dispari ") ; }
system("PAUSE");
return 0;
}
17
#include <stdio.h>
#include <stdlib.h>
int main(void)
{ int a,somma=0;
for (i=0;i<20;i++)
{ scanf("%d",&a);
somma+=a;}
printf("%d",somma);
system("PAUSE");
return 0;
}
18

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 027
01.   Sia dato il seguente frammento di codice C per calcolare il massimo tra 10 valori letti in input da tastiera.

Quale istruzione è necessario inserire nella riga celeste per risolvere il problema?

 while (counter<=10)

 for (int counter=2; counter <= 10; ++counter)

 for (int counter=1; counter <= 10; ++counter)

 for (int counter=0; counter <= 9; ++counter)

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 57/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

02.   Sia dato il seguente codice C per calcolare il massimo di dieci valori letti in input.

Quale istruzione è necessario inserire nella riga celeste per risolvere il problema?

 for (int counter=0; counter < 10; ++counter)

 for (int counter=2; counter < 10; counter++)

 for (int counter=2; counter <= 10; counter++)

  for (int counter=1; counter <= 10; ++counter)

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 58/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

03.   Sia dato il seguente frammento di codice per calcolare il massimo di 10 valori letti in input.

Quali istruzioni è necessario inserire nella riga celeste per risolvere il problema?

 if (number > largest) {

               largest = number;

   }

 if (number < largest) {

               largest = number;

   }

 if (number < largest) {

                number=largest;

   }

 if (number > largest) {

                number=largest;

   }

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 59/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

04.   Sia dato il seguente frammento di codice, e siano 1,1,1,1,2,2,3,2,7 i numeri inseriti da tastiera. Indicare quale sarà l'output del programma.

 Largest is 20

 Largest is 7

 Largest is 1

 Largest is 2

05.   Sia dato il seguente frammento di codice, e siano 3,10,7,4 i numeri inseriti da tastiera. Indicare quale sarà l'output del programma.

 smaller is 24

 smaller is 10

 smaller is 6

 smaller is 3

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 60/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

06.   Cosa viene calcolato nel seguente frammento di codice?

 La somma di 4 numeri letti in input

 Il minimo tra 4 numeri letti in input

 Il massimo tra 4 numeri letti in input

 La media di 4 numeri letti in input

07.   Cosa viene calcolato nel seguente frammento di codice?

 La media di 10 numeri

 Il massimo tra dieci numeri

 La somma di 10 numeri

 Il minimo tra dieci numeri

08.   Disegnare il flow-chart dell'algoritmo risolutivo del seguente problema:"Scrivere un programma che determini il massimo di 10 numeri letti in input e stampi
il risultato "

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 61/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

09.   Scrivere un programma che determini il massimo di 10 numeri letti in input e stampi il risultato .

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 62/170
lOMoARcPSD|8323897

08

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 028
01.   "Scrivere un frammento di codice C richieda all'utente l'inserimento di un intero positivo finché questo non viene inserito."

Es. 

Enter a positive integer: -1

Enter a positive integer: -5

Enter a positive integer:2

Quale dei seguenti frammenti di codice C permette di risolvere il problema descritto?

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 63/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 64/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

02.   "Scrivere un frammento di codice C che chieda all'utente l'inserimento di un numero intero negativo finché questo non viene inserito".

Es.

Enter a negative integer: 3

Enter a negative integer: 2

Enter a negative integer: -1

Quale dei seguenti frammenti di codice risolve il problema descritto?

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 65/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 66/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

03.   Scrivere la funzione ricorsiva per il calcolo del fattoriale di un numero intero.

04.   Scrivere un programma che

- Acquisisca un numero intero non negativo da tastiera

- Verifichi che tale numero sia positivo

- Calcoli il fattoriale di questo numero 

03.
int fattoriale(int n)
{ if (n<0) return -1;
if (n==0) return 1;
else return n*fattoriale(n-1);
}

04.
#include <stdio.h>
int fattoriale(int n)
{ if (n<0) return -1;
if (n==0) return 1;
else return n*fattoriale(n-1);
}
int main(void)
{ int numero;
printf("%s","Inserire un intero >=0:");
scanf("%d",&numero);
printf("Il fattoriale di %d e %d\n", numero, fattoriale(numero));
return 0;
}

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 67/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 029
01.   Quale dei seguenti frammenti di codice C risolve il problema:

"Calcolare la somma dei numeri dispari da 1 a 10"?

02.   Quale dei seguenti frammenti di codice calcola la somma di 10 interi letti in input?

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 68/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 69/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 70/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

03.   Quale dei seguenti frammenti di codice C risolve il problema:

"Calcolare la somma dei numeri pari da 2 a 10"?

04.   Quale dei seguenti frammenti di codice C calcola la media di 10 interi letti in input?

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 71/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 72/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 73/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

05.   Quale dei seguenti frammenti di codice C calcola il prodotto di 10 interi letti in input?

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 74/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 75/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

06.   Scrivere un programma che acquisisca 10 interi da tastiera e per ciascuno di essi valuti se è pari o dispari e stampi il messaggio "pari" o "dispari",
rispettivamente.

07.   Disegnare il flow-chart dell'algoritmo risolutivo del seguente problema: "Acquisire 10 interi da tastiera e per ciascuno di essi valutare se è pari o dispari:
 stampare il messaggio "pari" o "dispari", rispettivamente."

08.   Scrivere un programma calcoli la somma di n numeri aquisiti da tastiera Anche il valore n è acquisito da tastiera.

09.   Scrivere un programma calcoli la somma dei numeri pari da 2 a 30 .

10.   Disegnare il flow-chart dell'algoritmo risolutivo del seguente problema: "scrivere un programma calcoli la somma di n numeri aquisiti da tastiera Anche il
valore n è acquisito da tastiera"
8
06
#include <stdio.h>
#include <stdio.h>
int main(void) int main(void)
{ { int iterazioni; //andranno il numero di processi
int a,i; int numero;
for (i=0;i<10;i++) int somma;
{ scanf("%d",&a);
if(a%2==0)
int i;
{ printf("pari\n");} printf("%s","Inserire quanti nuneri sommare");
else scanf("%d",&iterazioni);
{printf("dispari\n");} for (i=1; i<=iterazioni; ++i)
} {printf("%s","Inserire il valore");
}
scanf("%d", &numero);
somma +=numero;
}
printf("La somma dei %d valori e' %d\n", iterazioni, somma);
}

9
#include <stdio.h>
int main(void)
{ int somma;
int i;
for (i=2 ; i<=30; i +=2)
{
somma +=i;
}
printf("La somma dei pari da 2 a 30 e' %d\n", somma);
}

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 76/170
lOMoARcPSD|8323897

7 10

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 030
01.   Quale dei seguenti frammenti di codice C risolvono il problema:

"Scrivere un programma che legga in input una sequenza di interi, calcoli la somma dei numeri pari inseriti e la stampi.

Utilizzare una sentinella per interrompere l’inserimento dei numeri da sommare ."

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 77/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

02.   Quale delle seguenti funzioni C risolve il problema:

"Calcolare la somma di una sequenza di interi letti in input. Utilizzare una sentinella per interrompere l’inserimento dei numeri da sommare "?

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 78/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 79/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

03.   Quale dei seguenti frammenti di codice C risolvono il problema:

"Scrivere un programma che legga in input una sequenza di interi, calcoli la somma dei numeri dispari inseriti e la stampi.

Utilizzare una sentinella per interrompere l’inserimento dei numeri da sommare ."

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 80/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

04.   Cosa calcola la seguente funzione C?

 La somma dei numeri dispari in una sequenza di numeri interi inseriti da tastiera

 La somma dei primi 9999 interi

 La somma dei numeri pari in una sequenza di numeri interi inseriti da tastiera

 La somma di una sequenza di numeri interi inseriti da tastiera

05.   Scrivere un programma calcoli la media di una sequenza di interi letti in input. Utilizzare una sentinella per interrompere l’inserimento dei numeri da
sommare .

06.   Disegnare il flow-chart dell'algoritmo risolutivo del seguente problema: " calcolare la media di una sequenza di interi letti in input. Utilizzare una sentinella
per interrompere l’inserimento dei numeri da sommare "

#include <stdio.io>
int main (void)
{ int mean=0;
printf("%s","Scrivi un intero (9999 per terminare): ");
int value;
int c=0;
scanf("%d", &value);
int total=0;
while (value!=9999)
{ mean+=value;
printf("%s","Scrivi un intero (9999 per terminare): ");
int value;
c+=1;}
mean /=c;
printf(" la media è ", mean);}
Scaricato da max dam (secofr@libero.it)
© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 81/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 031
01.   Si vuole scrivere un programma che legga in input il voto di uno studente in lettere (A,B,C,D,E) stampi il giudizio corrispondente:

A=ottimo

B=buono

C=sufficiente

D=insufficiente

E=gravemente insufficiente

Quale struttura di controllo bisogna utilizzare per verificare il valore del voto letto in input e stampare il corrispondente giudizio?

 struttura di ripetizione controllata da sentinella

 struttura di selezione doppia

 struttura di selezione multipla

 struttura di selezione singola

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 82/170
lOMoARcPSD|8323897

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

02.   Si vuole scrivere un programma che legga in input il voto di uno studente in lettere (A,B,C,D,E) stampi il giudizio corrispondente:

A=ottimo

B=buono

C=sufficiente

D=insufficiente

E=gravemente insufficiente 

Quale dei seguenti frammenti di codice C è corretto?

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 83/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

03.   Disegnare il flow-chart dell'algoritmo risolutivo del seguente problema:

"Leggere in input un voto (A,B,C,D,E) e stampare il corrispondente giudizio:

A=ottimo

B=buono 

C=sufficiente

D=insufficiente

E=gravemente insufficiente "

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 84/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

04.   Scrivere un programma che legga in input un voto e ne stampi il significato:

A=ottimo

B=buono

C=sufficiente

D=insufficiente

E=gravemente insufficiente

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 85/170
lOMoARcPSD|8323897

03

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 033
01.   Scrivere un programma che legga in input un carattere e stampi il messaggio “Carattere valido” se il carattere letto è una lettera dell’alfabeto (maiuscola o
minuscola), altrimenti stampi il messaggio “carattere non valido”.

Quale dei seguenti frammenti di codice C è corretto?

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 86/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

02.   Si voglia scrivere un programma che legga in input un carattere e stampi il messaggio “Carattere valido” se il carattere letto è una cifra numerica o una
lettera dell’alfabeto (maiuscola o minuscola), altrimenti stampi il messaggio “carattere non valido”.

Quale condizione bisogna inserire nel blocco di selezione doppia if affinché il programma C in figura sia corretto?

 (c >= '0' || c <= '9') || (car >= 'A' || car <= 'Z') || (car >= 'a' || car <= 'z')

 (c >= '0' && c <= '9') && (car >= 'A' && car <= 'Z') && (car >= 'a' && car <= 'z')

 (c >= '0' && c <= '9') || (car >= 'A' && car <= 'Z') || (car >= 'a' && car <= 'z')

 (car >= 'A' && car <= 'Z') || (car >= 'a' && car <= 'z')

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 87/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 034
01.   Cosa indicano i quantificatori ‘long’ e ‘short’?

02.   Che specificatore di formato è utilizzato per il tipo unsigned long int?

03.   Che tipo di errore si riscontra se si prova a memorizzare in un int un valore esterno all'intervallo [-231, 231-1] ?

04.   Che specificatore di formato è utilizzato per il tipo signed short int?

05.   Quanti byte sono occupati dal tipo di dato long int?

06.   Quanti byte sono occupati dal tipo di dato short int?

07.   Cosa indica il qualificatore ‘unsigned’?

1) Short indica una codifica su 2 byte mentre long indica una codifica su 4 byte

2) %lu

3) Errore integer overflow

4) %hi

5) una variabile di tipo long occupa 4 byte

6) una variabile di tipo short occupa 2 byte

7) si associano al tipo di intero solo valori positivi

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 88/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 035
01.   Mostrare un esempio di utilizzo delle funzioni printf() e putchar() .

02.   Che simboli è possibile rappresentare con una variabile di tipo char?

03.   Quali funzioni della libreria standard di I/0 permettono di stampare a video un carattere?

04.   I numeri in virgola mobile da quali parametri sono caratterizzati? Dettagliare la risposta.

05.   Di che tipo sarà l'output dell’espressione a*b, in cui a è una variabile di tipo unsigned long e b è una variabile di tipo double?

06.   Descrivere cosa accade nel seguente frammento di codice. Che valore assumerà la variabile b al termine dell'esecuzione?

        double a = 2.5;

        int b;

        b = (int) a; 

07.   Come è rappresentato il tipo di dato float? Motivare la risposta.

08.   Che specificatore di formato è utilizzato per il tipo float?

09.   Cos’è il costrutto di cast?

1) printf("hai digitato: ")


putchar(x)
putchar (y)
putchar(\n)

2) numeri caratteri e caratteri speciali

3) putchar per gestire la stampa del singolo carattere mentre printf per gestire più caratteri

4) i numeri in virgola mobile sono caratterizzati da due parametri:


1) precisione: numero di cifre significative rappresentabili in notazione decimale
2) intervallo: minimo e massimo rappresentabili

5) double

6) a viene convertito in int e perde la parte decimale 0,5 e viene assegnata alla variabile intera b

7) il tipo float è utilizzato per rappresentare i numeri reale a singola precisione, occupa 4 byte e la
precisione è di 6 cifre significative

8) %f

9) il costrutto di cast, la cui sintesi è (<tipo>)<espressione>, è utilizzato per imporre il tipo specificato tra
parentesi all'espressione che segue. Tale costrutto può provocare perdita di informazioni

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 89/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 036
01.   Quali funzioni della libreria standard di I/0 permettono di acquisire un carattere? Mostrare un esempio di utilizzo di tali funzioni.

02.   Che valore di verità restituisce l’espressione ‘a’ < ‘A’ ? Giustificare tale risposta.

1) getchar permette di acquisire un solo carattere mentre scanf né può acquisire di più ed
è pensato per ricevere un input formattato

scanf("%c",&c)

getchar( )

2) il carattere a corrisponde alla notazione ASCII 98 , il carattere A corrisponde alla


notazione ASCII 65, quindi l'espressione 'a'<'A' restituirà valore false

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 90/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 037
01.   Riempire gli spazi vuoti con la parola corretta.

Le funzioni sono__________ da una chiamata di funzione .

 invocate

 adescate

 internalizzate

 invertite

02.   L’esperienza ha mostrato che il modo migliore di programmare è per piccoli pezzi. Come è chiamata tale modalità di programmazione?

 bottom up

 ricorsione

 divide and conquer

 L’intero è maggiore della somma delle parti

03.   Quali sono i vantaggi della modularizzazione?

04.   Riempire correttamente gli spazi vuoti.

Il frammento di codice che demanda lo svolgimento di un’attività alla funzione è denominato __________.

La funzione che esegue il compito è detta ____________.

Quando la funzione termina il suo compito restituisce ( _______________) il controllo al chiamante. 

3)
- semplificazione della verifica della correttezza di un programma
- facilità di isolare un errore in un programma modularizzato
- possibilità di testare i diversi moduli indipendentemente uno dall'altro
- riusabilità del software
- leggibilità del codice
- semplificazione attività di manutenzione

4) chiamante
funzione chiamata
torna

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 91/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 038
01.   Siano a,b e c tre variabili avvalorate come segue: a = 7.0, b = 7.0 e c = 6.0.

Cosa stamperà la seguente istruzione?

                               printf("%.2f", sqrt(a b * c)); 

 7

 49

 49.00

  7.00

02.   Che tipo di dato restituiscono tutte le funzioni nella libreria Math?

  Float

  Int

  Long

 Double

03.   Indicare il valore restituito dalla seguente istruzione:

                        fabs(-5.0)

 -5.0

  5

 -5

 5.0

04.   Quale delle seguenti funzioni NON è inclusa nella libreria <math.h>?

 Floor

 Ln

 Pow

  log10

05.   Siano c1, d ed f delle variabili avvalorate come segue: c1 = 13.0, d = 3.0 e f = 4.0.

Indicare l'output della seguente funzione:

                                printf("%.2f", sqrt(c1 d * f)); 

 25

 5.00

 5

 -5

06.   Indicare l'output della seguente istruzione:

                        fabs(-4.0)

 -4.0

 4.0

 2.0

 16.0

07.   Descrivere la funzione fabs(). Cosa calcola? Che tipi di dati può avere in input? Che tipo di dato restituisce in output?

la funzione fabs( ) calcola il valore assoluto di un numero. In input legge dati di tipo double , in output
restituisce dati di tipo double

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 92/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 039
01.   Indicare la notazione più concisa per definire i parametri di una funzione a e b di tipo double.

 a, b

 double a, double b

 a, double b

 double a, b

02.   Nella definzione di una funzione cosa si intende per:


● tipo del valore di ritorno
● nome della funzione
● lista dei parametri
● corpo di una funzione

Mostrare un esempio di funzione.

03.   Descrivere la sintassi della definizione di una funzione in C.

Mostrare un esempio di funzione.

2)
- tipo di risultato restituito alla funzione chiamante
- elenco dei parametri che la funzione legge in input separati da virgole,
- qualsiasi identificatore valido
- l'insieme di istruzioni e definizioni racchiuse tra parametri

int square(int y) {return y*y}

3)
<tipo_valore_ritorno> <nome_funzione> ( <lista_parametri>)
{ <definizioni> <istruzioni>}

int square( int y)


{ return y*y }

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 93/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 040
01.   Si vuole scrivere una funzione che calcoli il massimo tra tre valori .

Quale frammento di codice C è necessario inserire nello spazio celeste?

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 94/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

02.   Si vuole calcolare il minimo di tre interi utilizzando la funzione minimo() in figura.

Quale delle seguenti funzioni main richiama correttamente la funzione minimo()?

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 95/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

03.   Si vuole scrivere una funzione che calcoli il massimo tra tre valori .

Quali segmenti di codice C è necessario inserire negli spazi celesti?

● int maximum(int x,int y, int z)


● return max

● int maximum(x,y,z)
● return x

● maximum(int x,int y, int z)


● return max

● int maximum(int x,int y, int z)


● nulla

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 96/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

04.   Si scriva una funzione che calcoli il minimo tra tre interi.

Quale delle seguenti funzioni C è corretta?

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 97/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 041
01.   Quale delle seguenti operazioni è possibile eseguire su una pila?

 Insert

 Push

 Switch

 Merge

02.   Completare la seguente frase.

Un prototipo di funzione NON deve ____________

 Essere conforme alla definizione di funzione

 Terminare col ‘;’

 Includere i nomi dei parametri

 Essere conforme alla chiamata della funzione

03.   Che tipo di errore viene generato quando si termina l’intestazione di una funzione con il punto e virgola?

 Syntax error

 Nonfatal runtime error

 Fatal runtime error

 Logic error

04.   Quale delle seguenti affermazioni sull'acronimo LIFO è errata?

 Il primo elemento inserito sarà il primo ad essere letto

 I dati vengono estratti (letti) in ordine inverso rispetto a quello di inserimento (scrittura)

 Indica la modalità di accesso ai dati contenuti nella pila. 

 LIFO è l’acronimo di Last In First Out.

05.   Sia data la seguente pila contenente interi.

                                    

Indicare la sequenza con cui le cifre sono lette dalla pila.

 4,5,23,30,85

 30,5,23,85,4

 4,85,23,5,30

 85,30,23,5,4

06.   Cos’è la pila delle funzioni? Di cosa si occupa?

Si occupa della chiamata delle funzioni e del meccanismo di ritorno

Si occupa della creazione, mantenimento e distruzione delle variabili dichiarate all'interno della funzione (variabili locali)

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 98/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 042
01.   Sia data la seguente pila contenente interi. 

30 5 23 85 4

il meccanismo della pila prevede che l'ultimo valore inserito sia il primo
ad essere letto in uscita

                                 

Indicare la sequenza con cui le cifre sono lette dalla pila e motivare il perchè.

02.   Date le funzioni main e square nell’esempio di seguito, descrivere come varia il flusso di controllo del programma e come viene utilizzatala pila delle chiamate
a funzione.
la funzione main è la prima funzione inserita nella pila, quando
terminerà la sua esecuzione il controllo del programma ritornerà
al sistema operativo. La funzione main, prima di ritornare il
controllo al sistema operativo, chiama la funzione square. Il
record di attivazione square è inserito in cima alla pila. Quando
square termina l'esecuzione delle istruzioni contenute nel suo
corpo restituisce il controllo alla funzione (main) chiamante,
ritornando alla locazione r2. Il record di attivazione e le variabili
automatiche vengono rimosse. La funzione mostra il risultato
square. L'esecuzione di main termina e il controllo del
programma ritorna al sistema operativo

03.   Quando si ha un errore ‘stack overflow’?

Avviene quando è richiamato l'uso di una quantità di memoria troppo elevata nello stack

Si ottiene un errore fatale di stack overflow quando è richiesto più spazio in memoria per i record di attivazione di quanto
ne sia stato destinato

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 99/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 043
01.   Quale libreria standard contiene prototipi di funzioni per la conversione di numeri in testo e viceversa, allocazione di memoria generazione di numeri
random, ecc...?

 <stdutl.h>

 <stddef.h>

 <stdlib.h>

 <stdarg.h>

02.   Quale dei seguenti header non è una libreria standard di C?

 <string.h>

 <stdio.h>

 <square.h>

 <stdlib.h>

03.   Completare correttamente la frase.

Ogni libreria standard ha il/la corrispondente __________.

 cd-rom

 Funzione

 header file

 Tipo di variabile

04.   Cosa indica l’istruzione #include "stdio.h” ?

05.   Indicare il tipo di funzione i cui prototipi sono contenuti nell’header <math.h>.

06.   Cosa indica l’istruzione #include "square.h”  ?

4) include le librerie standard di input e output

5) funzioni matematiche

6) legge il prototipo della funzione square definita dall'utente nel file di intestazione della funzione

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 100/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 044
01.   Quale delle seguenti affermazioni è vera?

 Quando un argomento è passato per riferimento, una copia del valore dell’argomento è passata alla funzione chiamata.

 Le chiamate per valore devono essere usate ogni qual volta la funzione non necessita di modificare I valori delle variabili nella funzione chiamante.

 Le chiamate per valore devono essere usate se la funzione chiamata modifica I valori delle variabili nella funzione chiamante.

 Nella chiamata per riferimento, modifiche ai valori passati non hanno effetto sulle variabili originarie nella funzione chiamante

02.   Completare correttamente la seguente frase:

Quando gli argomenti di una funzione sono passati per __________, la funzione chiamante permette alla funzione chiamata di modificare i valori originali delle
variabili

 Sia per valore che per riferimento

 Per riferimento

 Nessuna delle precedenti

 Per valore

03.   Completare correttamente la seguente frase.

Quando gli argomenti di una funzione sono passati per __________, la funzione chiamata non modifica i valori originali delle variabili. 

 Per valore

 Nessuna delle precedenti

 Sia per valore che per riferimento

 Per riferimento

04.   Descrivere la differenza tra parametri formali e attuali di una funzione .

05.   Come avviene il passaggio di parametri per valore? Cosa accade ai parametri formali e attuali?

06.   Descrivere la differenza tra parametri formali e attuali di una funzione .

07.   Dato il seguente frammento di codice indicare parametri attuali e formali. Intestazione e prototipo di funzione.

intestazione 4-6) i parametri formali sono quelli definiti nella dichiarazione


della funzione. Indicano il tipo, il numero e l'ordine in cui
prototipo devono comparire. I parametri attuali sono passati alla
funzione al momento della chiamata della funzione stessa.
Contengono i valori di ingresso della specifica chiamata della
funzione.
parametri
attuali 5) al momento del richiamo della funzione dei parametri
attuali sono ricopiate nelle celle di memoria dei corrispondenti
parametri formali. I parametri formali vengono modificati dalla
funzione chiamata e alla fine dell'esecuzione vengono
parametri formali rimossi. I parametri attuali non vengono modificati

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 101/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 045
01.   Cosa calcola la seguente istruzione C?

n= 1+ rand() % 6

 Permette di generare un intero casuale nell’intervallo [1,6]

 Permette di generare un intero casuale nell’intervallo [0,1]

 Calcola il prodotto di b interi casuali

 Calcola i multipli dell'intero b

02.   Quale istruzione in C permette di calcolare un numero casuale intero nell'intervallo [1,6]?

 n= 1 +6* rand() 

 n= 1 + rand() % 6

 n= 1+ r / 6;

 n=  rand()

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 102/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 046
01.   Si vuole scrivere un programma che simula il lancio di un dado con 6 facce per 6000000 di volte, calcoli la frequenza con cui ciascuna faccia compare e stampi i

risultati in forma tabellare:

Si utilizzino sei diversi contatori per tener traccia della frequenza di ciascuna faccia:
● frequency1= conta il numero di volte che compare la faccia del dado col numero 1
● frequency2= conta il numero di volte che compare la faccia del dado col numero 2
● frequency3= conta il numero di volte che compare la faccia del dado col numero 3
● ...

Quale struttura di controllo è preferibile utilizzare per verificare il valore sulla faccia ottenuto in ciascun lancio di dadi e aggiornare il corrisponde contatore?

 Una struttura di selezione doppia

 Una struttura di ripetizione

 Una struttura di selezione multipla

 Una struttura di selezione singola

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 103/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 047
01.   Si vuole scrivere una funzione isMultiple() che determini, data una coppia di interi, se il secondo intero sia multiplo del primo.

La funzione restituisce 1 (vero) se il secondo numero è multiplo del primo, 0 (falso) altrimenti .

Quale delle seguenti affermazioni è falsa?

 Il frammento di codice C in figura mostra un esempio di chiamata della funzione isMultiple()

 Il seguente blocco di istruzioni è un possibile corpo per la funzione

{ if ( b % a == 0 )

{ return 1; }

else

{ return 0; } }

 Il seguente blocco di istruzioni è un possibile corpo per la funzione isMutiple()

{ return (b % a); }

 L'intestazione della funzione è la seguente: int isMultiple(int a, int b)

02.   Siano b e a due interi. Cosa viene valutato dalla seguente espressione C?

!(b % a);

 L'espressione assume valore 1 se il numero b è multiplo di a, 0 altrimenti

 L'espressione valuta il complemento a 2 del resto della divisione tra a e b

 L'espressione valuta il complemento a 2 della divisione tra a e b

 L'espressione assume valore 0 se il numero b è multiplo di a, 1 altrimenti

03.   Scrivere una funzione ‘isOdd’ che dato un intero in input determini se è dispari .La funzione deve ricevere un argomento intero e restituisce 1 (vero) se è
dispari, 0 (falso) se è pari.

04.   Scrivere una funzione ‘isEven’ che dato un intero in input determini se è pari La funzione deve ricevere un argomento intero e restituisce 1 (vero) se è pari, 0
(falso) se è dispari .

05.   Scrivere una funzione ‘isMultiple’ che determini, data una coppia di interi, se il secondo intero sia multiplo del primo. La funzione deve ricevere due
argomenti interi e restituire 1 (vero) se il secondo numero è multiplo del primo, 0 (falso) altrimenti .

3 4 5
int odd(int a) int iseven(int a) int ismultiple(int a, int b)
{ if (a%2!=0) { if (a%2==0) { if (b%a==0)
{ return 1; } { return 1; } { return 1; }
else else else
{ return 0; } { return 0; } { return 0; }
} } }

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 104/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 048
01.   Si vuole scrivere una funzione isOdd() che dato un intero in input determini se è dispari.

La funzione deve ricevere un argomento intero e restituire 1 (vero) se è dispari, 0 (falso) se è pari.

Quale dei seguenti frammenti di codice è corretto?

02.   Sia a un numero intero. Cosa valuta la seguente espressione C?

!(!(a % 2));

 L'espressione calcola il complemento a 2 della divisione per 2 del numero a

 L'espressione restituisce il resto della divisione per 2 del numero a

 L'espressione restituisce 1 se a è un numero dispari, 0 altrimenti

 L'espressione restituisce 0 se a è un numero dispari, 1 altrimenti

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 105/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

03.   Si vuole scrivere una funzione isEven() che dato un intero in input determini se è pari.

La funzione deve ricevere un argomento intero e restituire 1 (vero) se è pari, 0 (falso) se è dispari .

Quale dei seguenti frammenti di codice è corretto?

04.   Si vuole scrivere una funzione isEven() che dato un intero in input determini se è pari

La funzione deve ricevere un argomento intero e restituire 1 (vero) se è pari, 0 (falso) se è dispari .

Quale delle seguenti affermazioni è falsa?

 Il seguente frammento di codice C è un blocco corretto per la funzione isEven:

if ( a%2== 0 )

{ return 1; }

else { return 0; } }

 Il seguente frammento di codice C è un blocco corretto per la funzione isEven:

{ return !(a % 2); } 

 L'intestazione della funzione è la seguente:

int isEven(int a)

 Il prototipo della funzione è il seguente:

int isEven(int, int)

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 106/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

05.   Sia a un numero intero. Cosa valuta la seguente espressione C?

!(a % 2);

 L'espressione calcola il complemento a 2 della divisione per 2 del numero a

 L'espressione restituisce 0 se a è multiplo di 2, 1 altrimenti

 L'espressione restituisce 1 se a è multiplo di 2, 0 altrimenti

 L'espressione restituisce il resto della divisione per 2 del numero a

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 107/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 049
01.   Si vuole scrivere una funzione ‘integerPower’ che dati due interi: base ed esponente restituisca in output il valore baseesponente .

Si vuole calcolare la potenza di un numero come prodotto della numero, tante volte quante indicato nell'esponente (senza utilizzare le librerie matematiche fornite
dal C). 

Esempio:

integerPower(3,4)=3*3*3*3=81 

Quale istruzione è necessario inserire nel riquadro celeste affinché la seguente funzione risolva il problema?

 for (int i = 1; i >= e; ++i)

 for (int i = 1; i <= e; ++i)

 for (int i = 1; i <= 10; ++i)

 while ( i <= e)

02.   Si vuole scrivere una funzione ‘integerPower’ che dati due interi: base ed esponente restituisca in output il valore baseesponente .

Si vuole calcolare la potenza di un numero come prodotto della numero, tante volte quante indicato nell'esponente (senza utilizzare le librerie matematiche fornite
dal C). 

Esempio:

integerPower(3,4)=3*3*3*3=81

Quale delle seguenti affermazioni è corretta?

 Il prototipo della funzione è il seguente:

int integerPower(int,int);

 L'intestazione della funzione può essere la seguente:

int integerPower(int a)

 L'intestazione della funzione può essere la seguente: 

int integerPower(int b, int e)

 Il prototipo della funzione è il seguente:

int integerPower(int);

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 108/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

03.   Si vuole scrivere una funzione ‘integerPower’ che dati due interi: base ed esponente restituisca in output il valore baseesponente.

Si vuole calcolare la potenza di un numero come prodotto della numero, tante volte quante indicato nell'esponente (senza utilizzare le librerie matematiche fornite
dal C). 

Esempio:

integerPower(3,4)=3*3*3*3=81

Quale delle seguenti funzioni è corretta?

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 109/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

04.   Si vuole scrivere una funzione ‘integerPower’ che dati due interi: base ed esponente restituisca in output il valore baseesponente.

Si vuole calcolare la potenza di un numero come prodotto della numero, tante volte quante indicato nell'esponente (senza utilizzare le librerie matematiche fornite
dal C). 

Esempio:

integerPower(3,4)=3*3*3*3=81

Quale delle seguenti funzioni è corretta?

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 110/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

05.   

1: int integerPower(int a, int b)


2: { int product=1;
3: int counter;
4: for (counter=1; counter<=b;++counter)
5: { product *=a;
6: }
7: return product;
8: }

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 111/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 051
01.   Scrivere una funzione prime() che determini se un numero è primo .

La funzione ha in input il numero di cui vuole determinare se sia primo o no, e in output restituirà 1 se è primo, o 0 altrimenti.

Che istruzione è necessario inserire nel riquadro celeste affinché la funzione sia corretta?

 if (n % loop == 0) 

 if (n / loop == 0) 

 if (n % loop !=0) 

  if (n % loop) 

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 112/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

02.   Scrivere una funzione prime() che determini se un numero è primo .

La funzione ha in input il numero di cui vuole determinare se sia primo o no, e in output restituirà 1 se è primo, o 0 altrimenti.

Quale delle seguenti funzioni C è corretta?

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 113/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

03.   Sia prime() la seguente funzione.

Quale delle seguenti affermazioni è falsa?

 La funzione prime() ha in input un intero e in output restituisce un intero

 La variabile n è il parametro formale della funzione prime()

 La variabile n è il parametro attuale della funzione prime()

 La variabile loop è visibile solo per il tempo di esecuzione della funzione prime()

04.   Scrivere una funzione ‘prime’ che determini se un numero è primo .

int prime(int a)
{ for (int d=2; d<a; ++d)
{ if (a%d==0)
{ return 1; }
else
{ return 0;}
}
}

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 114/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 053
01.   Quale dei seguenti specificatori non è utilizzato in C per indicare il modo in cui una variabile è allocata in memoria?

 Intern

 Extern

 Auto

 Static

02.   Indicare quale dei seguenti non è un tipi di visibilità di una variabile.

 Visibilità a livello di blocco

 Visibilità a livello di prototipo

 Visibilità a livello di funzione

 Visibilità a livello di variabile

03.   Quale delle seguenti affermazioni riguardo la classe di memoria di un identificatore è falsa?

 Specifica il tipo dell'identificatore: il range di valori che possono essere rappresentati dall'identificatore

 Specifica il  campo di azione dell'identificatore: dove, all’interno di un programma, un’identificatore è utilizzabile (visibile)

 Specifica il  collegamento dell'identificatore: In presenza di diversi file, determina il campo di azione dell’identificatore nei diversi file

 Specifica la permanenza in memoria di un identificatore: il periodo durante il quale l’identificatore esiste in memoria

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 115/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 054
01.   Completare correttamente la seguente frase.

La ricorsione richiede spazio in memoria perchè ________. 

 Sono create molte copie del codice in memoria

 E' eseguita diverse volte prima di terminare

 Richiede valori molto grandi per i dati

 Le chiamate precedenti alla funzione rimangono aperte mentre la funzione chiama se stessa e gli argomenti di queste chiamate occupano spazio nello stack

02.   Indicare il valore restituito in output dalla funzione mystery quando chiamata con il parametro number avvalorato a 5.

int mystery (int number) {

         if (number <= 1) {

                     return 1; }

         else {

         return number * mystery(number – 1);} 

 150

 120

 2

 1000

03.   Completare correttamente la seguente frase.

Una funzione ricorsiva è una funzione che ________. 

 Ha in input 3 argomenti

 Si trova all’interno di un’altra funzione

 Chiama se stessa

 Restituisce un argomento di tipo double

04.   Indicare il valore restituito in output dalla funzione mystery quando chiamata con il parametro number avvalorato a 4.

int mystery (int number) {

         if (number <= 1) {

                     return 1; }

         else {

         return number * mystery(number – 1);} 

 24

 1

 0

 4

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 116/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

05.   Indicare il valore restituito in output dalla funzione mystery quando chiamata con il parametro number avvalorato a 3.

int mystery (int number) {

         if (number <= 1) {

                     return 1; }

         else {

         return number * mystery(number – 1);} 

 6

 3

 24

 nessuna delle precedenti

06.   Calcolare il fattoriale di 5, 5! Mostrare l’elenco delle chiamate ricorsive e i risultati restituiti.

07.   Definire ricorsivamente la funzione fattoriale.

06. 120 6
Il fattoriale di 5=5*4*3*2*1=120
int factorial (int n) {
Per calcolarlo può essere usata una funzione come la seguente
if (number<01){ int fattoriale(int n)
return 1; {
} printf("Il fattoriale di %d e' %d\n", n, fattoriale(n));
else { if (n < 0) return -1; /* Fattoriale non e' definito per interi negativi! */
if (n == 0) return 1;
return (n*factorial(n-1));
else
} return n*fattoriale(n-1);
}
07. fattorial(n)=n*factorial(n-1) }
La funzione richiamerà se stessa per
fatt(4)
fatt(3)
fatt(2)
fatt(1)
fatt(0)
In totale 5 chiamate ricorsive più quella del programma rincipale .

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 117/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 055
01.   Definire una funzione ricorsiva factorial() per il calcolo del fattoriale .

Si ricordi che dato n un numero intero:

n! = 1  se n<=1

n! = n*n-1 se n>1

Quale delle seguenti funzioni è corretta?

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 118/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

02.   Si vuole calcolare la somma tra due interi ricorsivamente.

Quale delle seguenti funzioni è corretta?

Si ricordi che:

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 119/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

03.   Sia data la seguente funzione ricorsiva factorial() per il calcolo del fattoriale di un numero intero number.

Quale delle seguenti funzioni è falsa?

 All'interno del passo ricorsivo di una funzione ricorsiva si effettua una chiamata alla funzione stessa

 Il caso base della ricorsione si ha quando il parametro number assume un valore minore o uguale a 1

 All'interno del passo base di una funzione ricorsiva si effettua una chiamata alla funzione stessa

 Nel passo ricorsivo si valuta il fattoriale del numero come prodotto del numero stesso per il fattoriale del precedente numero

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 120/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 059
01.   Completare correttamente la seguente frase.

Gli array sono dati strutturati contenenti dati correlati dello stesso________.

 Elemento

 Indice

 Tipo di ordinamento

  Tipo

02.   Completare correttamente la seguente frase.

Un array NON è________.

 Basato su puntatori

 Un’entità dinamica

 Un gruppo di locazioni di memoria consecutive

 Indicizzato da interi

03.   Completare correttamente la seguente frase.

Gli array sono entità __________ : la loro dimensione non varia durante l’esecuzione del programma .

 automatiche

 dinamiche

 di memoria

 statiche

04.   Quale delle seguenti affermazioni è falsa?

 Il numero di posizione indicato tra parentesi quadre è chiamato indice

 Il primo elemento di un array è indicizzato con 0

 L’ultimo elemento di un array è in posizione size – 1

 Un indice non può essere un’espressione

05.   Sia c l'array mostrato in figura. Qual'è la dimensione dell'array?

 96

 Nessuna delle precedenti

 6

 7

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 121/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

06.   Completare correttamente la seguente frase.

Un array è un gruppo di locazioni di memoria collegate dal fatto che hanno_________ nome array e ______ tipo .

  Differente, lo stesso

 Lo stesso, lo stesso

 Differente, differente

 Lo stesso, differente

07.   Quale delle seguenti affermazioni è falsa ?

 Per riferirci ad un particolare elemento in un array specifichiamo il nome dell’array e l’indice dell’elemento

  “Array di 7 elementi” e “settimo elemento dell’array” non significano la stessa cosa

 Le parentesi utilizzate per racchiudere l’indice di un array non sono un operatore in C

 Il numero che indica la posizione di un elemento nell’array è chiamato indice

08.   Sia c l'array mostrato in figura. Come è possibile accedere all'elemento con valore 10?

 c[10]

 c[0]

 c[1]

 c(0)

09.   Sia c l'array mostrato in figura. Come è possibile accedere all'elemento con valore 5?

 c(3)

 c[5]

 c[4]

 c[3]

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 122/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

10.   Sia c l'array mostrato in figura. Indicare il valore dell'elemento c[7].

 Sia 96 che 7

 7

 Nessuna delle precedenti

 96

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 123/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 060
01.   Selezionare la frase si ritiene corretta.

La seguente definizione di un array

                int n[5] = {32, 27, 64, 18, 95, 14}; 

 È corretta

 Causa errore di sintassi perchè ci sono 6 inizializzatori ma solo 5 elementi nell’array

 Causa errore logico perchè vi sono solo 5 elementi dell’array ma 6 inizializzatori

 Causa errore di sintassi perchè vi sono solo 5 inizializzatori e 6 elementi nell’array

02.   Quale istruzione è utilizzata per definire un array di 10 elementi di tipo double di nome c?

 double Array c[10];

 Array c = double [10];

 double c[10];

 c = double[10];

03.   Quale istruzione è utilizzata per definire un array di 10 interi di nome c?

 int Array c[10];

 c = int[10];

 Array c = int[10];

 int c[10];

04.   Cosa non è specificato nella dichiarazione di un array?

 Il nome dell’array

 La dimensione a cui deve essere sottratto uno

 La dimensione

 Il tipo degli elementi

05.   Quale istruzione è utilizzata per creare un array di 12 elementi di tipo intero?

 c[11] int;

 int c [11];

 int c[12];

 c[12] int;

06.   Quale delle seguenti istruzioni non è una corretta inizializzazione di una variabile di tipo array in C?

 int n[5] = {6, 6, 6};

 int n[5] = {7};

 int n[] = {0, 7, 0, 3, 8, 2};

 int n[5] = {0, 7, 0, 3, 8, 2};

07.   Quale tra le seguenti istruzioni permette di definire un array di 5 interi di nome vet?

 int vet[5];

 vet = int[5];

 int Array vet[5];

 Array vet = int[5];

08.   Dichiarare un array di 10 elementi e inizializzare i suoi elementi con i primi 10 numeri pari: 2,4,6,8,…

int c[10]={2,4,6,8,10,12,14,16,18,20}

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 124/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

09.   Dichiarare un array di 10 elementi e inizializzare i suoi elementi con gli interi da 1 a 10.

int c[10]={1,2,3,4,5,6,7,8,9,10}

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 125/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 061
01.   Quale delle affermazioni sulla seguente istruzione è vera?

frequency[responses[answer]];

 Incrementa il contatore delle frequenze appropriato dipendentemente dal valore di responses[answer].

 Incrementa di una unità il valore del vettore frequency

 Incrementa l'indice del vettore responses di una unità

 Incrementa il contatore delle frequenze appropriato dipendentemente dal valore di frequency[responses].

02.   Quale delle seguenti affermazioni sul seguente frammento di codice è falsa?

 Il frammento di codice calcola la somma degli elementi presenti nell'array a e memorizza il totale nella variabile total

 Gli elementi dell'array sono inizializzati con i valori 0.

 E' necessario inizializzare la variabile total a 0 prima dell'inizio del ciclo for.

  La dimensione dell'array è 12

03.    Quale delle seguenti frasi è corretta?

 Una costante simbolica è un identificatore che è sostituito con il valore ad esso associato dal preprocessore C dopo che il programma è compilato

 La direttiva per il preprocessore #define deve terminare col ‘;’

 Usare costanti simboliche per specificare la dimensione dell’array rende il programma più veloce

 Le direttive per il preprocessore in C non sono istruzioni

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 126/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

04.   Si voglia calcolare la somma degli elementi dell'array.

Quale delle seguenti istruzioni è necessario inserire all'interno del ciclo for?

 a[i] =a[i];

 total[i] =a[i];

  a=a[i];

 total =a[i];

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 127/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

05.   Sia dato il seguente codice C.

Quali istruzioni è necessario inserire nella funzione main per calcolare la somma degli elementi dell'array?

 for (size_t i =0; i< SIZE-1; i){

        total = a[i];

 for (size_t i =1; i<= SIZE; i){

 total = a[i];

 }

 for (size_t i =0; i< SIZE; i){

    total = a[i];

 for (size_t i =1; i< SIZE; i){

    total = a[i];

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 128/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 062
01.   Quale delle seguenti affermazioni è falsa?

 La stringa “string” occupa 7 caratteri in memoria

 Un array di caratteri rappresentante una stringa può essere dichiarato grande quanto la stringa più grande che memorizzerà. Il C provvederà automaticamente ad inserire
il carattere nullo.

 Il carattere di terminazione delle stringhe è chiamato carattere nullo

 Il simbolo per rappresentare l’ultimo carattere di una stringa è ‘\0’.

02.   Data la stringa ‘hello’ rappresentata mediante un array di caratteri c, come mostrato in figura, qual è la dimensione di c?

 nessuna delle precedenti

 6

 5

 1

03.   Sia data la seguente la stringa ‘hello’ rappresentata mediante un array di caratteri c, come indicato in figura.

Quale degli elementi dell'array è accessibile con l'istruzione c[4]?

 il carattere speciale '\0'

 Poichè c non è un array numerico l'istruzione c[4] restituisce un errore di sintassi

 il carattere 'o'

 Nessuno degli elementi nell'array. Il numero 4 non è presente nell'array.

04.   Dato il seguente frammento di codice


 for (i = 1; i < = 10; i ) {

        n[i] = 0;

 }

Quale delle seguenti affermazioni è vera?

 Inizializza gli elementi dell’array con i numeri da 1 a 10

 Inizializza gli elementi 10 11 e 12 di un array

 Contiene un errore sintattico

 Inizializza i primi 10 elementi di un array

05.   Si assuma che la variabile string1 sia un array di caratteri.

Quale delle seguenti operazioni non permette di creare una stinga?

 string1[] = "test";

 string1[] = " ”;

 string1[] = {'t', 'e', 's', 't', '\0'};

 string1[] = {'t', 'e', 's', 't'};

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 129/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

06.   Completare correttamente la seguente frase.

Le stringhe non possono___________.

 Terminare con un carattere diverso dal carattere nullo

 Essere trattate come array di caratteri

 essere inizializzate usando stringhe di caratteri

 Essere inizializzate con liste di inizializzazione

07.   Sia data la seguente la stringa ‘hello’ rappresentata mediante un array di caratteri c, come indicato in figura.

A che carattere corrisponde l'elemento c[2]?

 e

 nessuna delle precedenti

 la prima l

 Non è possibile accedere ad alcun elemento dell'array, poichè la sintassi c[2] è errata

08.   Indicare qual è l'errore presente  nel seguente frammento di codice.

int[] = (1, 2, 3, 4, 5);

 Le parentesi tonde devono essere graffe

 Le parentesi quadre devono essere tonde

 La dimensione dell’array deve essere specificata tra le parentesi quadre

 Le parentesi tonde devono essere quadre

09.    Quale delle seguenti istruzioni è equivalente a:

         char string1[] = "hello";

 char string1[] = {'h', 'e', 'l', 'l', 'o', '\0'};

 char string1 = {'h', 'e', 'l', 'l', 'o', '\0'};

 char string1[] = {'h', 'e', 'l', 'l', 'o'};

 character string1[] = {'h', 'e', 'l', 'l', 'o', '\0'};

10.   Quale delle seguenti istruzioni è equivalente a:

char string1[] = "first";

 char string1 = {'f', 'i', 'r', 's', 't', '\0'};

 char string1[] = {'f', 'i', 'r', 's', 't'};

  char string1[] = {'f', 'i', 'r', 's', 't', '\0'};

 character string1[] = {'f', 'i', 'r', 's', 't', '\0'};

11.   Completare correttamente la seguente frase.

Se vi sono meno inizializzatori degli elementi in un array, i rimanenti elementi sono __________.

 Inizializzati a uno

 Inizializzati a zero

  ignorati

  cancellati

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 130/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 063
01.   Completare correttamente la seguente frase.

Per passare un array ad una funzione bisogna specificare_______________.

 Il nome dell’array preceduto da parentesi vuote

 Il nome dell’array seguito da parentesi che specificano la dimensione dell’array

 Il nome dell’array seguito da parentesi che specificano la dimensione dell’array – 1

 Il nome dell’array senza alcuna parentesi

02.   Quale delle seguenti affermazioni sul passaggio di array nelle funzioni è falsa?

 La funzione chiamata può modificare i valori nell’array

 E’ passato l’indirizzo del primo elemento dell’array

 Tutte le precedenti sono vere

 Non è necessario specificare la dimensione di un array passato

03.   Completare correttamente la seguente frase.

Lo specificatore di conversione speciale per stampare indirizzi è __________.

 %m

 %loc 

 %p

 %a

04.   Completare correttamente la seguente frase.

A meno che diversamente specificato, gli array interi sono passati per _______ e i singoli elementi di un array sono passati per__________.

 valore, riferimento

 riferimento, riferimento

 riferimento, valore

 valore, valore

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 131/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 064
01.   Completare correttamente la seguente frase.

L’ordinamento di un vettore di 1000 elementi mediante l’algoritmo bubble sort richiede al più__________ passi.

 999

  998

 1001

 1000

02.   Quale affermazione riguardante il bubble sort è vera?

 Lo scambio di valori richiede due assegnamenti

 Sono necessari al più n passi per ordinare un array di n elementi

 Massimizza le performance

 L’algoritmo è molto semplice se paragonato ad altre procedure di ordinamento

03.   Quale affermazione sul bubble sort è falsa?

 E’ un algoritmo di ordinamento altamente performante

 Confronta coppie successive di elementi

 E’ facile da implementare.

 Confronta gli elementi adiacenti l’uno con l’altro

04.   Descrivere in pseudocodice l’algoritmo di ordinamento bubble sort.

05.   Qual è l’idea alla base dell’algoritmo bubble sort?

4)
bubblesort (a)
for i=1 to a.lengh-1
for j=a.lengh downto i+1
if a[j]<a[j-1]
exchange a[j] with a[j-1]

5) si analizzano gli elementi dell'array: quelli più piccoli salgono verso la cima, mentre quelli più
grandi scendono verso il fondo dell'array

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 132/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 074

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 133/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

01.   Sia data la seguente funzione C:

Indicare quale è l'output della funzione.

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 134/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

02.   Sia a un vettore di 10 elementi. Si vogliano scandire tutti gli elementi del vettore per popolarlo con i numeri da 1 a 10, come mostrato in figura:

  Quale dei seguenti frammenti di codice è corretto?

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 135/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

03.   Sia a un vettore di 10 elementi interi da cui sono stati eliminati i duplicati.

Tale vettore presenterà nelle prime posizioni gli elementi distinti, seguiti da tanti zeri quanti erano gli elementi duplicati. Ad esempio in figura dal vettore sono
stati eliminati 5 elementi.

Si stampino tutti gli elementi distinti del vettore:

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 136/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

04.   Sia a un vettore di 10 elementi. Si vogliano scandire tutti gli elementi del vettore per stamparne il contenuto. Quale dei seguenti frammenti di codice è
corretto?

05.   Si voglia popolare un vettore a di 10 elementi con i numeri pari da 2 a 20, come mostrato in figura:

Quale dei seguenti frammenti di codice C sono corretti?

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 137/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

06.   Sia data la seguente funzione C:

Indicare quale è l'output della funzione.

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 138/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

07.   Indicare l'output della seguente funzione C:


elemento[0]=50
elemento[1]=51
elemento[2]=52
elemento[3]=53
elemento[4]=54
elemento[5]=55
elemento[6]=56
elemento[7]=57
elemento[8]=58
elemento[9]=59

08.   Indicare l'output della seguente funzione C:


elemento[0]=100
elemento[1]=101
elemento[2]=102
elemento[3]=103
elemento[4]=104
elemento[5]=105
elemento[6]=106
elemento[7]=107
elemento[8]=108
elemento[9]=109

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 139/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 075
01.   Sia testPalindrome() la funzione C ricorsiva che verifica se una stringa è palindroma.

Quale istruzione è necessario inserire nel riquadro celeste affinchè la funzione sia corretta?

 (left==right || left<right)

 (left==right || left>right)

 (left!=right || left<right)

 (left==right && left>right)

02.   Sia testPalindrome() la funzione C ricorsiva che verifica se una stringa è palindroma.

Quale istruzione è necessario inserire nel riquadro celeste affinchè la funzione sia corretta?

 array[left]==array[right]

 left!=right

 left<right

 array[left]!=array[right]

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 140/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

03.   Sia testPalindrome() la funzione C ricorsiva che verifica se una stringa è palindroma.

Quale istruzione è necessario inserire nel riquadro celeste affinchè la funzione sia corretta?

 testPalindrome(array, left, right)

 testPalindrome(array, left-1, right+1)

 testPalindrome(array, left+1, right-1)

 testPalindrome(array)

04.   Sia testPalindrome() la seguente funzione che verifica se una stringa è palindroma.

Quale delle seguenti affermazioni è falsa?

 La funzione restituisce vero se si è terminata la scansione della stringa dall'esterno verso l'interno

 La funzione richiama ricorsivamente se stessa

 La funzione restituisce vero se i due valori confrontati sono differenti

 La funzione confronta i due valori più esterni della stringa

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 141/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

05.   Si voglia popolare un vettore a con dei numeri pseudo-random. Si inizializzi la funzione C che genera i numeri casuali con l'orologio di sistema.

Quale dei seguenti frammenti di codice è corretto?

06.   Si voglia popolare un vettore a con dei numeri casuali.

Quale dei seguenti frammenti di codice C sono corretti?

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 142/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 077
01.   Si voglia calcolare il prodotto matriciale (righe per colonne) tra due vettori a e b e memorizzare il risultato in una terza matrice c come mostrato in figura:

Quale dei seguenti frammenti di codice calcola correttamente il prodotto matriciale c=a*b ?

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:27 - 143/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 078
01.   Sia a una matrice di interi di dimensione 3x2.

La si voglia popolare con i numeri da 1 a 6 come mostrato in figura:

Quale dei seguenti frammenti di codice C è corretto?

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:28 - 144/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

02.   Siano a e b due matrici di dimensioni rispettivamente NxP e PxM.

Si voglia calcolare il prodotto matriciale tra a e b e memorizzarne il risultato nella matrice c di dimensioni NxM.

Ad esempio:

Quale dei seguenti frammenti di codice C è corretto?

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:28 - 145/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

03.   Sia a una matrice di interi di dimensione 3x2.

La si voglia popolare con i numeri da 1 a 6 come mostrato in figura:

Quale dei seguenti frammenti di codice C è corretto?

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:28 - 146/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

04.   Siano a e b due matrici di dimensioni rispettivamente NxP e PxM.

Si voglia calcolare il prodotto matriciale tra a e b e memorizzarne il risultato nella matrice c di dimensioni NxM.

Ad esempio:

Quale istruzione è necessario inserire nel riquadro celeste del seguente frammento di codice C affinchè calcoli correttamente il prodotto matriciale?

05.   Dichiarare una costante N che assume valore 10.

Quale dei seguenti frammenti di codice C è corretto?

 #define N=10

 int N=10

 #define N 10

 const N 10

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:28 - 147/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

06.   Sia c una matrice di dimensioni NxM.

Si vogliano stampare i suoi elementi per colonne.

Per esempio:

=> 

Quale dei seguenti frammenti di codice C è corretto?

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:28 - 148/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

07.   Sia c una matrice di dimensioni NxM.

Si vogliano stampare i suoi elementi per colonne.

Per esempio:

=> 

Quale dei seguenti frammenti di codice C è corretto?

08.   Dichiarare una variabile a come array bidimensionale di interi di dimensioni 3x4.

Quale dei seguenti frammenti di codice C è corretto?

 int a[3;4];

 int a[3,4];

 int a[3][4];

 int a=[3][4];

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:28 - 149/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

09.   Sia c una matrice di dimensioni NxM.

Si vogliano stampare i suoi elementi per righe.

Per esempio:

=> 

Quale dei seguenti frammenti di codice C è corretto?

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:28 - 150/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

10.   Utilizzare la funzione rand() per popolare una matrice di dimensioni NxP con dei numeri pseudorandom.

Inizializzare la funzione rand() utilizzando l'orologio di sistema.

Quale dei seguenti frammenti di codice C è corretto?

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:28 - 151/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 080
01.   Scrivere un frammento di codice C che scandisca gli elementi di un vettore di nome interi, e copi tutti gli elementi pari in un vettore di nome pari, e gli
elementi dispari in un vettore di nome dispari.

Quale dei seguenti frammenti di codice C è corretto?

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:28 - 152/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

02.   Scrivere un frammento di codice C che popoli gli elementi di un vettore di dimensione 10 con dei numeri interi letti in input da tastiera.

Quale dei seguenti frammenti di codice C è corretto?

03.   Sia dato il seguente frammento di codice C:

Quale delle seguenti affermazioni è falsa?

 Viene utilizzato un unico vettore freqAss di dimensione 6 in cui sono memorizzate le frequenze assolute dei voti 1,2,3,4,5,6

 Vengono scanditi tutti gli elementi del vettore voti

 Vengono utilizzate sei variabili distinte per memorizzare le frequenze assolute dei voti 1,2,3,4,5,6

 Il costrutto di selezione multipla switch valuta il valore di ciascun elemento del vettore

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:28 - 153/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

04.   Si vuole scrivere un programma che copi gli elementi di un vettore a in un vettore b delle stesse dimensioni.

Quale dei seguenti frammenti di codice C è corretto?

05.   Scrivere una funzione stampaElem() che stampi gli elementi di un vettore.

Quale delle seguenti funzioni è corretta?

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:28 - 154/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

06.   Scrivere una funzione vetElem() che popoli un vettore con interi letti in input da tastiera.

Quale delle  seguenti funzioni è corretta?

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:28 - 155/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

07.   Scrivere una funzione stampaElem() che stampi gli elementi di un vettore.

Quale delle seguenti funzioni è corretta?

11. #include <stdio.h>


#define SIZE 10
int main (void)
 
{
int interi[SIZE]={1,2,3,4,5,6,7,8,9,10}
int temp;
size_t low=0, high=SIZE-1;
while (low<high)
{
temp=interi[low];
 
interi[low]=interi[high];
interi[high]=temp;
low++;
high--;
}
}

08.   Scrivere una funzione che stampi gli elementi di una stringa (array di caratteri) carattere per carattere .

09.   Scrivere un programma che copi una stringa (array di caratteri) in un’altra stringa. Verificare che la dimensione del secondo array sia sufficiente per
contenere i caratteri della prima .

10.   Scrivere un programma che inizializza un vettore di interi e ne copia gli elementi in un altro vettore della stessa dimensione.

10
11.   Scrivere un programma che inverta gli elementi di un vettore .
#include <stdio.h>
08. void stampaStringa (char s[]){ #define dim 10
size_t i=0; int main (void)
while (s[i]!='\0'){ { int a[dim];
int b[dim];
putchar (s[i++]); int i;
} for (i=0; i<dim; ++i)
} { a[i]=2+i*2;
09. #include <stdio.h> b[i]=1;}
#include <string.h> for (i=0; i<dim; ++i)
{ printf("elemento a[%d] = %d \n", i, a[i]);
main () printf("elemento b[%d] = %d \n", i, b[i]);}
{ for (size_t i=0; i<dim; ++i)
char sorgente [20], destinazione [20]; { b[i]=a[i];}
printf ("inserisci una stringa:"); printf("Scambio effettuato \n");
scanf ("%s", sorgente); for (size_t i=0; i<dim; ++i)
{ printf("elemento a[%d] = %d \n", i, a[i]);
strcpy (destinazione, sorgente); printf("elemento b[%d] = %d \n", i, b[i]);}
printf ("destinazione = %s", destinazione); }
}
Scaricato da max dam (secofr@libero.it)
© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:28 - 156/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 081
01.   Scrivere una funzione che stampi gli elementi di una stringa (array di caratteri) carattere per carattere .

Quale delle seguenti funzioni è corretta?

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:28 - 157/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

02.   Cosa viene valutato nella seguente funzione?

 Somma gli elementi di un vettore in una variabile temporanea

 Vengono invertiti gli elementi di un vettore

 Valuta se una stringa è palindroma

 Viene popolato un vettore di nome interi con dei valori pseudo-casuali.

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:28 - 158/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

03.   Scrivere una funzione che determini la lunghezza di un array di caratteri passato come argomento di input .

Quale delle seguenti funzioni è corretta?

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:28 - 159/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

04.   Si voglia scrivere un programma che inverta gli elementi di un vettore .

Quale dei seguenti frammenti di codice è necessario inserire nel riquadro celeste?

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:28 - 160/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 082
01.   Completare correttamente la seguente frase.

L’operazione di far riferimento ad un valore attraverso un puntatore è chiamata __________.

 Redirezione

  indirezione

 interdizione

  intermediazione

02.   Completare correttamente la seguente frase.

Una variabile non-puntatore fa riferimento __________ ad un valore. Una variabile puntatore fa riferimento __________ ad un valore.

 indirettamente, direttamente

 direttamente, direttamente

 indirettamente, indirettamente

 direttamente, indirettamente

03.   Quale affermazione sui puntatori è falsa?

 NULL è una costante simbolica definita nella libreria <stdio.h>

 I valori 0 and 1 sono i soli valori che possono essere assegnati direttamente ad una variabile di tipo puntatore

 Un puntatore con valore NULL non punta a nulla

 Inizializzare un puntatore a 0 equivale ad inizializzarlo a NULL, ma quest’ultimo è preferibile

04.   Tre delle seguenti espressioni hanno lo stesso valore. Quale delle seguenti ha valore differente dalle altre?

  *Ptr

 &*Ptr

 *&Ptr

  Ptr

05.   Completare correttamente la seguente frase.

I puntatori sono variabile che contengono __________ come valori.

 Indirizzi di memoria

 stringhe

 Direzioni

 Diagrami di flusso

06.   Quale delle seguenti frasi riguardanti l’istruzione int *count; è corretta?

 Provoca un errore di compilazione

 Provoca un errore logico

 E’ una definizione corretta di un puntatore ad intero

 E’ un errore di sintassi perchè solo i puntatori e possono essere definiti con la notazione *

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:28 - 161/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 084
01.   Completare correttamente la seguente frase.

Se il nome di un array arrayName viene passato ad una funzione, il C passa automaticamente______.

 arrayName[0]

 &arrayName[0]

 arrayName[1]

 *arrayName

02.   Completare correttamente la seguente frase.

Quando il__________ di una variabile è passato ad una funzione, l’operatore di indirezione (*) deve essere usato nella funzione per modificare il __________ a
quella locazione di memoria.

 valore, indirizzo

 indirizzo, valore

 valore, valore

 indirizzo, indirizzo

03.   Quali delle seguenti affermazioni è falsa?

 La chiamata per valore è sempre più efficiente della chiamata per riferimento

 Tutte le chiamate a funzioni in C passano gli argomenti per valore

 La chiamata per riferimento permette alla funzione chiamata di modificare le variabili della funzione chiamante

 In C, I programmatori usano I puntatori e l’operazione di indirezione per simulare la chiamata per riferimento

04.   Completare correttamente la seguente frase.

Per fare in modo che gli argomenti passati in una funzione possano essere modificati, il/la __________ di questi argomenti deve essere .

  indirizzi

  memoria

 complementi

  valori

05.   Completare correttamente la seguente frase.

Quando un compilatore incontra un array come parametro di funzione int a[], converte il parametro in _______________.

 int a

 int * a

 int * const a

 int &a

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:28 - 162/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 085
01.   Completare correttamente la seguente frase.

Una stringa in C è__________.

 Una sequenza di caratteri contenuti tra apici singoli ‘ ‘

 Un array di caratteri che terminano con il carattere nullo

 Una sequenza di caratteri preceduti da un campo lunghezza

 Un array di caratteri che termina con una stringa vuota

02.   Completare correttamente la seguente frase.

Le funzioni fornite dal C per gestire le stringhe, tipicamente trattano i caratteri come ___________.

  long

 int

  Bit

 float

03.   Quale funzione fornita dal C per gestire le stringhe restituisce vero se il suo argomento è una lettera dell’alfabeto e 0 altrimenti?

  isalpha

 isalphanumeric

  isalphabetic

  isletter

04.   Quale funzione fornita dal C per gestire le stringhe converte le lettere minuscole in maiuscole?

 touppercase

  toupper

 lowertoupper

  isupper

05.   Completare correttamente la seguente frase.

I simboli , \ and $ tutti sono tutti esempi di__________.

 operatori

 Lettere alfabetiche minuscole

 Caratteri speciali

 cifre

06.   Completare correttamente la seguente frase.

Il carattere '\n' rappresenta il valore intero di___________.

 nextline

 La stringa n

 Il carattere n

 newline

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:28 - 163/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

07.   Quale delle seguenti affermazioni è falsa?

 Una stringa in C è un array di caratteri che termina col carattere nullo (‘\0’).

 Una stringa potrebbe essere assegnata in una definizione ad un array di caratteri o ad una variabile di tipo char *

 Una stringa può includere lettere, cifre e vari caratteri speciali (i.e., , -, * )

 Le stringhe sono specificate tra apici singoli ‘ ’

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:28 - 164/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 086
01.   Si consideri la seguente funzione

void reverse (char * string1, const char * string2) {

         int stringsize = sizeof(string1)/sizeof(char);

         *(string1 stringsize – 1) = '\0';

         string1 = string1 stringsize – 2;

         for (; *string2 != '\0'; --string1, string2) {

                *string1 = *string2; }

Che metodo utilizza la funzione per riferirsi agli elementi dell’array?

 puntatori/notazione con offset

 array/notazione con offset

 array/notazione con indici

 puntatori/notazione con indici

02.   Completare correttamente la seguente frase.

Un puntatore NON può essere assegnato a ____________.

 Un altro puntatore dello stesso tipo

 Un puntatore a void

 Un puntatore ad un tipo diverso dal proprio e void

 Qualsiasi altro puntatore usando l’operatore di cast

03.   Quale delle seguenti affermazioni è falsa?

 Un puntatore non dovrebbe essere aggiunto ad un altro puntatore

 Tutti gli operatori aritmetici, relazionali, e di assegnamento sonoutilizzabili con variabili di tipo puntatore

 Un puntatore può essere incrementato o decrementato

 Un intero può essere aggiunto ad un puntatore

04.   Sia t un array e tPtr un puntatore ad array. Quale espressione fa riferimento all’indirizzo dell’elemento 3?

  &t[3]

 tPtr[3]

 *(tPtr 3)

 *(t 3)

05.   Quale dei seguenti può avere un puntatore come operando?

  ++

 *=

 %

 /

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:28 - 165/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

06.   Sia k un array di interi il cui primo elemento è posto nella locazione di memoria 2000, kPtr è un puntatore a k, e ogni intero è memorizzato in 4 bytes. A che
locazione punta kPtr 3?

 2012

 2003

 2024

 2006

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:28 - 166/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 089
01.   Che tipi di dati contiene la variabile array deck[52] nella seguente istruzione?

struct card a, deck[52], *cPtr;

 Elementi di una struttura

 elementi della struttura card

 Nessuna delle precedenti

 Elementi *cPtr 

02.   Completare correttamente la seguente frase.

La parola chiave __________ introduce la definizione di una struttura .

 str

 strdef

 struct

 structure

03.   Completare la seguente frase.

Due variabili struttura con gli stessi membri ___________.

 A volte possono essere uguali

 Sono uguali solo se entrambe le strutture contengono valori nulli

 Non sono mai uguali

 Sono sempre uguali

04.   Completare correttamente la seguente frase.

Variabili struttura non possono essere inizializzate da _________.

 Nessuna delle precedenti.

 Liste di inizializzatori come per gli array

 Variabili di default definite dall’utente nella definizione di una struct

 Istruzioni di assegnamento

05.   Completare correttamente la seguente frase.

Una struttura contenente un membro che è un puntatore a allo stesso tipo struttura è chiamata struttura _______ .

 auto-ricorsiva

 auto-descrittiva

 auto-elementare

 auto-referenziale

06.   Completare correttamente la seguente frase.

Le strutture possono contenere variabili di tipi differenti al contrario di ___________ che possono contenere solo elementi dello stesso tipo

 array

  file

 funzioni

 costanti

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:28 - 167/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

07.   Completare correttamente la seguente frase.

________ possono contenere tipi di dati differenti .

 Strutture

 Sia a che b

 Nessuna delle precedenti

 Array

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:28 - 168/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 090
01.   Completare correttamente la seguente frase.

L’espressione aptr->suit è equivalente a __________.

 (*aptr).suit

 *aptr.(suit)

 aptr.suit

 *aptr.suit

02.   Completare correttamente la seguente frase.

Creando un nuovo nome con typedef si _________.

 Si crea il nome di una nuova variabile

 Crea una nuova variabile

 Crea un nuovo tipo

 Crea il nome di un nuovo tipo

03.   Completare correttamente la seguente frase.

La parola chiave typedef è utilizzata per __________.

 Effettuare il cast da struttura ad un altro tipo

 Inizializzare i membri della struttura

 Creare un nuovo tipo di dato

 Creare un nome che è un alias per un tipo di dato precedentemente definito

04.   Completare correttamente la seguente frase.

L’________ accede ai membri della struttura mediante il nome della variabile struttura .

 Operatore freccia

 Nessuna delle precedenti

 Operatore di membro di struttura

 Operatore di puntatore a struttura

05.   Completare correttamente la seguente frase.

Se nella listavi sono meno __________ dei membri della struttura, I membri rimanenti sono automaticamente inizializzati a 0 o NULL.

 quantificatori

 variabili

 inizializzatori

 numeratori

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:28 - 169/170
lOMoARcPSD|8323897

Set Domande: FONDAMENTI DI INFORMATICA


INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04)
Docente: Casalino Gabriella

Lezione 091
01.   Quale affermazione è falsa?

 Assegnare un valore ad una costante enumerativa dopo che è stata definita è un errore di sintassi

 I valori delle costanti enumerative possono essere settati automaticamente

 Un’enumerazione è un’insieme di costanti intere rappresentate da identificatori

 Assegnare un valore ad una costante enumerativa quando si crea un tipo enumerativo causa un errore di sintassi

02.   Quale delle seguenti affermazioni è vera?

 I valori in un’enumerazione, se non specificato diversamente, partono da 1

 I valori costanti assegnati ai membri di un’enumerazione devono essere unici

 Gli identificatori in un’enumerazione devono essere unici

 I nomi delle costanti enumerative devono essere scritti con lettere maiuscole dell’alfabeto

03.   Completare correttamente la seguente frase.

Costanti enumerative all’interno di un’enumerazione _____________.

 Devono avere un identificatore unico

 Possono essere assegnati diversi valori dopo che sono stati definiti

 Sono definite usando la parola chiave const

 Devono avere valori interi unici

04.   Qual è la sintassi per definire un tipo enumerativo?

05.   Cosa indica il seguente frammento di codice?

enum sex {Female=1, Male=2};

06.   Scrivere un esempio di variabile di tipo enumerativo .

4) enum <nome>{<caso1>,<caso2>,......}
enum mesi{gen,feb,mar,apr,mag,giu,lug,ago,set,ott,nov,dic}

5)definisce un tipo per enumerazione chiamato sex costituito da due elementi: female inizializzato a 1 e male
inizializzato a 2

6) enum mesi{gen,feb,mar,apr,mag,giu,lug,ago,set,ott,nov,dic}

Scaricato da max dam (secofr@libero.it)


© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 15/12/2016 17:58:28 - 170/170

Potrebbero piacerti anche