Sei sulla pagina 1di 2

SCHEDA DI SICUREZZA

CONFORME DIRETTIVA CEE 98/24/CE del 7 Aprile 1998


REDATTE SECONDO DIRETTIVA 91/155/CE
MODIFICATO DIRETTIVA 2001/58/CE del 27 Luglio 2001
> Revisione 0 - 15 Luglio 2013

200 ml

3. Composizione/Informazione sugli ingredienti

Blond Blu
Folliap Jet
Le composizioni indicate corrispondono a “formule tipo” rappresentative della cate-
goria di prodotti e sono redatte a norma dell'articolo 2, lettera s), del regolamento
(CE) n. 1223. Queste “formule tipo” precisano le tipologie di ingredienti e le loro
POLVERE DECOLORANTE AZZURRO concentrazioni massime, permettendo la rapida identificazione dei prodotti. La lista
SPRAY/LACCHE PER CAPELLI - AEROSOL NO GAS completa degli ingredienti è riportata sulla confezione dei singoli prodotti in confor-
mità al Nuovo Regolamento 1223/2009.
Ingredienti Concentrazione massima
1. Identificazione dei prodotti ( %peso/peso )
Formula tipo numero: 12.8-2011 Etanolo e/o isopropanolo
Nome commerciale del prodotto: Folliap Jet. (alcohol, alcohol denat., isopropyl alcohol) 95
Identificazione del prodotto: soluzioni alcoliche contenenti polimeri fil-
mogeni sotto pressione in bombole con valvole spray. Oli (ad esempio vegetali e/o minerali),
cere e grassi (ad esempio alcool a catena lunga) 50
2. Identificazione dei pericoli
Quando usato secondo le istruzioni fornite dal produttore, il prodotto è Siliconi, inclusi i siliconi volatili
sicuro per l’uomo e l’ambiente. Le seguenti informazioni sono pertinen- (ad esempio cyclopentasiloxane, dimethicone,
ti in caso di uso improprio o incidente. amodimethicone), silani (ad esempio alcossisilani) 50
Il contatto di prodotto non diluito con gli occhi può provocare irritazio-
ne oculare. Paraffin e isoparaffin liquide (ad esempio isoparaffin
L’inalazione può provocare modesta irritazione delle vie respiratorie. a catena ramificata (C11–C16), isododecane, isohexadecane) 40
Rischio di esplosione in caso di incendio. Estremamente infiammabile.
Umettanti (ad esempio glycerin, propylene glycol) 20

Resine, polimeri (ad esempio PVP/VA copolymer,


VA/crotonates copolymer), butyl ester of PVM/MA
copolymer)/agenti neutralizzanti (ad esempio
aminomethyl propanol)/derivati del glucose alcossilato 8

Plastificanti (ad esempio eteri di poliglicole, esteri di alcohol) 2

Altri ingredienti (ad esempio filtri UV, vitamine) 2

Agenti ristrutturanti per capelli (ad esempio silica) 1

Conservanti, antimicrobici 1

Parfum 1

Via Padre Antonio Casamassa, 87 Aqua fino a 100


00119 Ostia Antica - Roma - Italy
Tel. +39 06 5652045/6
Fax +39 06 5652150
4. Misure di primo soccorso
Contatto cute: lavare immediatamente la pelle con abbondante acqua. Se l’irritazio-
ne persiste, consultare un medico.
Contatto occhi: sciacquare immediatamente tenendo gli occhi ben aperti sotto un
getto di acqua corrente per almeno 5' dopo aver rimosso eventuali lenti a contatto.
®
Se il bruciore permane consultare un oculista.
® Ingestione accidentale: non tentare di provocare il vomito e ricorrere ad un pronto
soccorso portando la confezione originale e questa Scheda Informativa.
Inalazione: portare la persona all’aria aperta. Se il malessere persiste, consultare un
www.jalyd.com www.omeorganic.com
info@jalyd.com info@omeorganic.com Centro Anti-veleno o un medico.
5. Misure antincendio 10. Stabilità e reattività
Infiammabilità: estremamente infiammabile; possibile rischio di esplosione in caso Prodotto stabile a temperatura ambiente.
di incendio.
Tipo di estintori: utilizzare estintori a secco o CO2 per piccoli incendi e acqua nebu- 11. Informazioni tossicologiche
lizzata o schiuma per grandi incendi. Raffreddare i contenitori con acqua. Nessuna informazione.
Equipaggiamento
Protettivo speciale: utilizzare guanti, occhiali di protezione, maschera antigas, ecc. 12. Informazioni ecologiche
Nessuna informazione.
6. Misure in caso di fuoriuscita accidentale
Eliminare ogni fiamma libera dalle zone interessate; arrestare le perdite, ventilare la 13. Informazioni sullo smaltimento
zona se l’operazione non presenta pericolo. Raccogliere il prodotto fuoriuscito con Relativamente allo smaltimento dei prodotti cosmetici, la normativa di riferimento è
uno straccio e lavare con molta acqua. In caso di spandimenti massicci, allertare i il D.Lgs. 22/97 (Decreto Ronchi) e successive modifiche.
vigili del fuoco. I contenitori o flaconi vuoti puliti si possono smaltire come rifiuti speciali assimila-
Protezione personale: usare mascherina antigas, guanti, occhiali di protezione, ecc. bili agli urbani quindi vengono smaltiti dal servizio di nettezza urbana comunale. I
residui di prodotto tal quale o in miscela con l’ossidante si smaltiscono come rifiu-
7. Manipolazione ed immagazzinamento ti speciali.
Manipolazione In base al Decreto legislativo 11 Maggio 1999, n.152, da ultimo modificato dal
- Recipiente sotto pressione. Proteggere dai raggi solari e non esporre ad una Decreto Legislativo 18 Settembre 2000, n.258, in materia di tutela delle acque, le
temperatura superiore a 50°C. attività professionali di acconciatura sono qualificate come insediamenti civili, le cui
- Non perforare né bruciare dopo l’uso. acque di scarico possono essere immesse in fognatura come tali, purché osservino
- Non vaporizzare su fiamma o su corpo incandescente. i regolamenti emanati dalle autorità locali (ad es. Comuni e Consorzi) che gestisco-
- Utilizzare e conservare al riparo da qualsiasi fonte di combustione e apparec- no la pubblica fognatura.
chiature elettriche.
- Non fumare. 14. Etichettatura di legge (D.Lgs.50/2005)
- Seguire attentamente le istruzioni riportate sulla confezione o sul Sono prodotti che non contengono sostanze per le quali la legge prevede l’indica-
foglietto/fascetta/cartellino allegato. zione in etichetta oltre alle normali dicitura.
- Evitare qualsiasi tipo di uso non previsto nelle istruzioni. Per tale motivo l’etichettatura segue i criteri dell’articolo 8 del Regolamento Europeo
- Evitare di spruzzare negli occhi o su pelle irritata e di inalare intenzionalmente. 1223/2009.
- Vaporizzare per brevi intervalli di tempo e ventilare adeguatamente dopo l’uso.
- Tenere i prodotti lontano dalla portata dei bambini. 15. Informazioni sulla normativa
- Gettare solo bombole vuote nel contenitore dei rifiuti. “I prodotti cosmetici finiti sono fabbricati e commercializzati in conformità al
Stoccaggio Regolamento Europeo 1223/2009 e successive modifiche”.
- Mantenere i contenitori in posizione verticale e sicura, evitando la possibilità di “I prodotti cosmetici finiti sono specificatamente esclusi dal campo di applicazione
cadute e/o urti. della Legislazione nazionale e comunitaria sui preparati pericolosi.”
- Mantenere in locali asciutti e ben aerati, a temperature non inferiori a 5°C e non La necessità di sottoporre i lavoratori ad un programma di sorveglianza sanitaria
superiori a 50°C, in locali non fumatori e lontano da fiamme, sorgenti di calo- (visite periodiche) dovrà essere valutata dal Medico Competente sulla base del
re o apparecchi elettrici. documento di Valutazione del rischio e delle specifiche conoscenze (art. 38 e 41 del
D.Lgs. 81/08). I lavoratori hanno l’obbligo di sottoporsi alla sorveglianza sanitaria
8. Protezione personale/Controllo dell’esposizione prescritta dal Medico Competente (art.20 D.Lgs. 81/08).
“Nel caso in cui il datore di lavoro identifichi rischi non evitabili con altri mezzi, è
tenuto a mettere a disposizione dei lavoratori adeguati Dispositivi di Protezione 16. Altre informazioni
Individuali (DPI) (art.77 D.Lgs. 81/08). I DPI devono essere conformi alle norme Queste informazioni si riferiscono allo stato attuale delle nostre conoscenze. Tutte le
previste dal D.Lgs.475/92 (art.76 DI.Lgs. 81/08). L’uso dei DPI forniti dal Datore di informazioni riportate sulla scheda riguardanti la composizione e le proprietà chimi-
lavoro è obbligatorio (artt. 20 e 78 del D.Lgs.81/08).” co-fisiche sono fornite esclusivamente per una manipolazione ed un utilizzo corret-
“L’ambiente di lavoro deve essere adeguatamente aerato, eventualmente con ricam- ti del prodotto e per eventuali interventi in caso di emergenza. Esse non indicano la
bio meccanico dell’aria. I punti in cui possono verificarsi emissioni di vapori, gas o composizione completa del prodotto (riportata sulla confezione) né rappresentano
polveri, o spandimenti di sostanze, dovranno essere predisposti in zone distinte, alcuna specifica di vendita.
dotate di impianti di aspirazione localizzata o sistemi di raccolta.”(Titolo II del D.Lgs.
81/08).

9. Proprietà fisiche e chimiche


Stato fisico: Liquido nebulizzato
Odore: Caratteristico, alcolico, pungente
pH: 6-8

QUESTA SCHEDA ANNULLA E SOSTITUISCE OGNI VERSIONE PRECEDENTE.

Potrebbero piacerti anche