Sei sulla pagina 1di 31

SALUTE E BENESSERE

LE DIPENDENZE
CONOSCERE PER PREVENIRE
DIPENDENZE
ASSUNZIONE DI SOSTANZE COMPORTAMENTALI GIOCHI
VIDEOGIOCHI
UTILIZZO CELLULARE
GIOCO D’AZZARDO

2 TIPI:

FISICA E PSICHICA
DIPENDENZA: alterato stato fisiologico provocato dalle
ripetute assunzioni di una sostanza, la cui privazione provoca
disturbi organici noti come sindrome da astinenza.

Il consumo di sostanze che producono dipendenza, a cominciare


dall’alcol, riguarda fasce di popolazione di diversa età ed
estrazione sociale; in particolare è diffuso tra i giovani che
hanno abbassato l’età del primo contatto con esse.

Consumo periodico: nel fine settimana e accompagnato


dall’illusione del controllo.
USO, ABUSO E DIPENDENZA
USO NON DIPENDENTE: utilizzo controllato e limitato nel tempo e
nelle quantità; il soggetto può interrompere il suo legame con la sostanza

ABUSO: si verifica quando la persona crea un rapporto stabile con la


sostanza; di solito l’uso è correlato all’insorgere dell’incapacità di
adempiere ai principali compiti connessi alla propria vita sociale; l’abuso si
differenzia dalla dipendenza perché non si è ancora giunti alla fase in
cui bisogna aumentare il dosaggio

DIPENDENZA: l’individuo non può far a meno della sostanza a causa del
fenomeno dell’assuefazione
IL FUMO DA SIGARETTA:TABACCO
! tumore ai polmoni, bronchite cronica;
! enfisema polmonare;
! nel mondo ci sono circa un miliardo di fumatori
SOSTANZE TOSSICHE
! Nicotina: contenuta nel tabacco; è una droga(SNC). Dai polmoni
passa nel sangue e raggiunge il cervello.
! Catrame: si concentra nell’ultima parte della sigaretta; le
particelle condensandosi si depositano nei polmoni
! Ossido di carbonio: gas incolore che si crea dalla combustione
del tabacco; nel sangue si fissa all’emoglobina sostituendosi
all’O2= diminuzione capacità respiratorie e resistenza allo forzo
La nicotina è un alcaloide naturalmente presente nella
pianta del tabacco.
La nicotina, se fumata, viene assorbita dai polmoni a livello
alveolare, passa nel sangue e, in pochi secondi, arriva al cervello dove
imita l’azione del neuro-trasmettitore acetilcolina (ACh)
per interagire con i recettori per l’ACh che sono appunto stati
chiamati nicotinici.

Le concentrazioni di nicotina nel cervello raggiungono il picco


circa 5 minuti dopo la somministrazione.
Tuttavia esse calano rapidamente, ridistribuendosi verso altri
tessuti e azzerandosi nel giro di 30 minuti.
Questa caratteristica predispone alla dipendenza in due modi:
innanzitutto il veloce raggiungimento del cervello procura un
effetto rapido e potente; in secondo luogo, la rapida
ridistribuzione nel corpo, implica che il cervello è “pronto”
per un’altra sigaretta poco dopo la fine di quella precedente.
E-CIGARETTE
SIGARETTA ELETTRONICA
Dispositivo che permette di inalare vapore aromatizzato e
contenete percentuali variabili di nicotina.
Progettato per simulare e sostituire i sistemi tradizionali che
consentono di fumare i derivati del tabacco.

Ogni dispositivo contiene una soluzione liquida, una cartuccia,


un atomizzatore e una batteria.

Metodo per smettere di fumare??

Sana alternativa al fumo????

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha preso posizione in


merito, dichiarando che non sono ancora stati condotti studi
rigorosi per determinare se le sigarette elettroniche sono
realmente efficaci per aiutare le persone a smettere di
fumare.
ETANOLO O ALCOL ETILICO
E’ un liquido incolore; si ricava dalla fermentazione e distillazione degli
zuccheri presenti nella frutta, nei cereali e alcuni semi vegetali.
E’ una sostanza legale ma va introdotta nell’organismo con moderazione; è
vietata la vendita e la somministrazione ai minori di 18 anni.
L’alcol è una molecola facilmente solubile in acqua, penetra rapidamente nel
flusso sanguigno.
Nel giro di pochi minuti dall’assunzione le molecole raggiungono il fegato
dove vengono metabolizzate (eccesso-cirrosi epatica).
La parte non metabolizzata resta in circolo e raggiunge le cellule del SNC.
Viene eliminato attraverso le vie respiratorie, i reni e la traspirazione.
LIMITE MASSIMO PERMESSO PER METTERSI ALLA GUIDA
ALCOL E FEGATO
! Il circolo sanguigno conduce l’alcol al fegato e le cellule
epatiche attraverso le deidrogenasi lo ossidano velocemente.
! Nell’epatocita l’alcol etilico viene ossidato e i prodotti
dell’ossidazione si riversano nel circolo sanguigno per
raggiungere i vari tessuti e organi.
! Se al fegato giunge con il sangue una quantità di alcol
superiore a quella che esso può smaltire nell’unità di tempo
mediante l’azione enzimatica l’alcol in eccesso resta in circolo.
LA DONNA DI FRONTE ALL’ALCOL

! La donna presenta minor capacità di assorbimento dell’alcol rispetto


all’uomo.
! Questa capacità dipende dal peso, che normalmente nella donna è
inferiore, e dalla quantità di enzimi in grado di metabolizzare
l’etanolo.
! Inoltre è bene sottolineare il fatto che prima del ciclo e durante
l’ovulazione il corpo femminile è più sensibile all’alcol e i suoi effetti
si fanno sentire più rapidamente.
ALCOL E GIOVANI

! BISOGNO NEL GRUPPO DI SENTIRSI


RICONOSCIUTI COME INDIVIDUI?

! Alcol e droghe costruiscono illusioni, non abituano


a riconoscere e vivere le emozioni, espongono a
enormi fattori di rischio.
FALSI MITI SULL’ALCOL
1) L’alcol è un nutriente come tutti gli altri? No, anzi: è un antinutriente, cancerogeno e
non è utile al funzionamento, al mantenimento o alla preservazione della salute di organi
e apparati 

2)L’ALCOL AIUTA LA DIGESTIONE?Non è vero. Chi consuma bevande alcoliche,


registra un rallentamento dei processi digestivi, dovuto a un alterato svuotamento dello
stomaco 

3) Il vino «fa buon sangue»? No, perché l’etanolo è una sostanza tossica che il sangue
veicola al fegato e agli altri organi. Ci vogliono tre ore per «digerire» un bicchiere e, se si
eccede, la concentrazione di grassi nel sangue aumenta e i nutrienti non vengono assorbiti
al meglio 
FALSI MITI SULL’ALCOL
4) Le bevande alcoliche sono dissetanti? L’alcol non serve a dissetare, anzi il suo metabolismo
ha bisogno di acqua. Gli alcolici aumentano la diuresi e di conseguenza la sensazione di sete

5) L’alcol aiuta a riscaldarci? L’alcol produce una momentanea sensazione di calore dovuta alla
vasodilatazione, che è però al contempo responsabile di una maggiore velocità di dispersione del
calore

6) L’alcol fa bene al cuore? L’alcol non è «amico» di cuore, cervello e arterie. Basta superare
un bicchiere per incrementare il rischio di attacco cardiaco, ictus e intaccare
complessivamente la salute cardio e cerebrovascolare 

7) L’alcol ci rende più sicuri? L’alcol disinibisce, eccita e aumenta il senso di socializzazione


anche nelle persone timide. Ma dopo l’euforia iniziale, agisce come un potente depressivo del
sistema nervoso centrale 
FALSI MITI SULL’ALCOL
8) Bere tanto, ma occasionalmente, non è dannoso. Il «binge drinking» consiste nel
consumare quantità di alcol superiori ai sei bicchieri, a digiuno e in un arco temporale
inferiore o limitato alle 2-3 ore. Se protratto nel tempo, questo comportamento abbassa la
percezione del rischio e può portare all’intossicazione alcolica 

9) L’alcol aiuta a dimagrire? L’alcol apporta 7 chilocalorie per grammo. Bevendo un


bicchiere ai pasti (12 grammi di alcol), si arriva a circa 200 chilocalorie al giorno. Inoltre le
persone che bevono paiono più portate a consumare alimenti calorici e a volte di scarsa
qualità nutrizionale

10) La birra aumenta la produzione di latte nelle donne incinte? La donna che deve
allattare per produrre latte deve introdurre molti liquidi (almeno 2 litri al giorno). Se la
mamma assume alcolici durante l’allattamento, questi passano attraverso il latte e arrivano
al bambino, con il rischio di danneggiare la formazione di diversi organi
DROGHE
MINISTERO DELLA SALUTE

Per DROGA deve intendersi “qualsiasi sostanza che


introdotta in un organismo vivente ne modifica il
funzionamento e/o gli atteggiamenti sia fisici che
psichici”.
ESISTONO VARI TIPI DI DROGHE:
numerose sono le modalità di classificazione

! DROGHE DEPRIMENTI: OPPIACEI (OPPIO,MORFINA, EROINA,


METADONE)-BARBITURICI-TRANQUILLANTI

! DROGHE STIMOLANTI: AMFETAMINE-COCAICA- CRACK


DERIVATI AMFETAMINICI-SMART DRUGS

! DROGHE ALLUCINOGENE: CANAPA INDIANA E DERIVATI-L.S.D.-


MESCALINA-KETAMINA-PSILOCIBINA, ECSTASY O M.M.D.A
OPPIO
! Ottenuto dal Papaver Somniferum (foglie ondulate verdi con fiori
rosa, bianchi o purpurei.
! In commercio ne esistono di diverse varietà e viene confezionato
in flaconi;
! Può essere mangiato o fumato
MORFINA METADONE
2 TIPI: STUPEFACENTE
CLORIDATO DI MORFINOSIMILE;
MORFINA USATA IN TERAPIA DI
MEDICINA E MORFINA MANTENIMENTO
GREZZA TOSSICOMANI DA
EROINA
ORALE O INIEZIONI
INTRAMUSCOLO- ORALE O INIEZIONI
ENDOVENOSA INTRAMUSCOLO-
SOTTOCUTANEE
EROINA
! Derivato della morfina, alcaloide principe dell’oppio.
! Sostanza semisintetica ottenuta per reazione della morfina con
l’anidride acetica.
! Era usata in medicina per le sue proprietà sedative e analgesiche;
oggi vietata.
! Effetti: inizialmente senso di benessere, analgesici, costrizione
pupille, nausea, vomito, morte.
COCAINA
! Sostanza estratta da una pianta- Erythroxylum Coca - che
cresce in America meridionale;
! Le sue foglie lavorate danno origine a una polvere cristallina
biancastra (neve)
! Assunzione generalmente per via nasale ma anche spacciata in
scaglie (flake cocaina)
EFFETTI
Stimola le strutture del cervello, aumento di dopamina;
Aumento energia fisica e mentale con aumento di possibilità
d’azione del soggetto Fase Up
Uso continuo: Fase down = stanchezza e depressione,
diminuzione quantità fisiologica di dopamina
Intossicazione: tachicardia, tremore, pupille dilatate,
collasso, infarto, ictus, perforazione setto nasale
CRACK-CRISTALLI DI COCAINA
Sostanza derivata dalla cocaina nata in America
Si ottiene aggiungendo alla cocaina in polvere bicarbonato
di sodio e acqua.
Sostanza granulare e di colore biancastro che tende ad
ingiallire con elevata esposizione all’aria.

Generalmente fumato in pipa con eventuale aggiunta di


tabacco e/o marijuana.

Effetti: euforia alternata a forti forme di depressione


AMFETAMINE
Farmaci ad azione eccitante usati sotto controllo
medico nelle malattie nervose.

Sotto forma di polvere, fiale o pasticche.

Effetti simili a quelli della cocaina: eccitazione,


potenziamento capacità intellettive, diminuzione di
fame, dolore e sforzo fisico.
CANNABIS
CANAPA INDIANA - ASIA CENTRALE, SI OTTIENE: MARIJUANA, HASHISH,GANJA

! Condizione euforica;
! A volte però anche depressione, ansia, diminuzione della memoria,
! Crisi asmatiche;
! Canna= danni pari a quelli di quattro sigarette;
! Minor efficienza sistema immunitario;
MARIJUANA
Ricavata dalle infiorescenze e dalle foglie della pianta
della Cannabis.
Appare come mistura somigliante al tabacco o all’origano.
Solitamente inalata-spinello.
Effetti: euforia, aumento sensibilità visiva e uditiva,
sensazione di benessere e rilassamento.
BARBITURICI

Derivati dall’acido barbiturico.

In medicina usati come sedativi, ipnotici e


antiepilettici.

Senso di benessere, piacevole rilassamento


HASHISH

Sostanza stupefacente il cui nome arabo significa erba.


Prodotta dalla resina della Cannabis.
Si presenta in forma solida e di colore marrone; viene assunta
fumandola.
Effetti: euforia, disinibizione, rilassamento, aumento appetito,
disorientamento, allucinazioni.
ECSTASY-MDMA
Composto chimico derivato dall’amfetamina.
La droga da discoteca; prodotti diversi venduti sotto forma di pillole,
pastiglie, capsule

• Agisce su SNC impedendo il riassorbimento di serotonina;

• Alterazione percezione del tempo, eccitamento e benessere, capacità di


ampliare la sfera vitale del soggetto

• Permette di superare i limiti di resistenza fisica e psichica

• Danni irreversibili

https://youtu.be/FqRT8nEaZe0
L.S.D.
Prodotto sintetico; è il più potente allucinogeno.
Pillole di varie dimensioni.
Intensificazione esperienze sensoriali: colore, suono, tatto,
allucinazioni, visive e uditive, alterata perticone di tempo e
spazio.
MESCALINA
E’ il principio attivo della prima pianta magica studiata in
laboratorio all’inizio del secolo il Peyote messicano.
Polvere più o meno bianca, virante sul marrone, solubile in
acqua.

Fumata, ingerita, masticata lentamente.

Potrebbero piacerti anche