Sei sulla pagina 1di 9

I H G

E D C

DALL’AREA ALL’EQUIVALENZA DELLE SUPERFICI PIANE


F
h A b B

Introduciamo il concetto di area di figura piana attraverso 3 postulati.

POSTULATI
L’area di una figura piana è un numero reale non negativo tale che:
a) figure uguali hanno la stessa area
b) se due figure hanno in comune al più punti del bordo allora l’area della
figura unione è data dalla somma delle singole aree
c) L’area di un quadrato di lato a è a2

N.B. Non è detto, invece, che due figure aventi la stessa area siano uguali, quindi non
vale l’inverso del postulato a).

Dai postulati precedenti si ricavano i seguenti teoremi.

TEOREMA

Area del rettangolo

L’area di un rettangolo è uguale al prodotto della base per l’altezza.

Ipotesi ABCD è un rettangolo di base b, altezza h.

Tesi Area del rettangolo è uguale a bh

DIMOSTRAZIONE

Dato il rettangolo ABCD di dimensioni b ed


h si costruisce il quadrato di lato b+h di
area (b+h)2 per l’assioma c). Quindi (b+h)2
= b2+2bh+h2. L’area del quadrato grande
può anche essere vista come somma di aree
(post. b)) dei quadrati ADEF e CGHI e dei
rettangoli ABCD e EDHI. In simboli:
(b+h)2 = b2 + h2 +2bh.
h2 è l’area del primo quadrato, b2 è l’area
EA F b H A3 D
B
h/2
A2CG A3
A2 h/2

del secondo, 2bh è la somma delle aree dei


due rettangoli; ma i due rettangoli sono
uguali per costruzione, quindi l’area di
ciascun rettangolo sarà bh.

TEOREMA

Area del triangolo

L’area di un triangolo è uguale al semiprodotto della base per l’altezza.

Ipotesi ABC è un triangolo di base b e altezza h.

1
Tesi L’area è uguale 2 b · h.
DIMOSTRAZIONE

Dato il triangolo

A1

tracciare un rettangolo con la stessa base b e di altezza h/2.


I triangoli AFE e FGC sono uguali per il 2° criterio di uguaglianza (due angoli e il
lato compreso uguali).
In modo del tutto analogo si dimostra che i triangoli BDH e HCG sono uguali fra
loro.
L’area del rettangolo è uguale alla somma delle tre aree: A1, A2 e A3 , (post. b))

A rettangolo = A1 + A2 + A3

per il teorema precedente l’area del rettangolo è data dal prodotto base per altezza:

h
A rettangolo = b · 2
Osserviamo che l’area del triangolo ABC è uguale alla somma delle stesse aree A1, A2
e A3.
A triangolo = A1 + A2 + A3

h
Possiamo, dunque, concludere che A triangolo =b· 2
TEOREMA

Area del parallelogramma

L’area di un parallelogramma è uguale al prodotto di un suo lato e dell’altezza


relativa ad esso.

Ipotesi ABCD è un parallelogramma di base b e altezza h.

Tesi A=b·h
DIMOSTRAZIONE

Dato il parallelogramma ABCD

la diagonale AC divide il parallelogramma in due triangoli uguali, aventi base b e


altezza h.
Applichiamo il teorema precedente ai triangoli ABC e ACD:

1 1
Area ABC = 2 bh e Area ACD = 2 bh

Per il post. b) => Area ABCD = Area ABC + Area ACD

ossia:

1 1
Area ABCD = 2 bh + 2 bh = bh
A D
Hh b B
B
C

* Ogni quadrilatero avente i lati opposti a due a due paralleli *

** Si dice altezza relativa al lato BC il segmento di perpendicolare AH condotto


dal vertice A alla retta BC **

TEOREMA

Area del trapezio

L’area di un trapezio è uguale al semiprodotto della somma delle basi per l’altezza.

Ipotesi ABCD è un trapezio.

1
Tesi Area = 2 (B + b) h
DIMOSTRAZIONE

Dato il trapezio

La diagonale BD divide il trapezio nei triangoli ABD e BCD.


Si procede in maniera del tutto analoga al teorema precedente ottenendo:

h h 1
AABCD = B 2 + b 2 = 2 (B + b) h
d1 A d
D C 2 B

TEOREMA

Area del rombo

L’area del rombo è uguale al semiprodotto delle diagonali.

Ipotesi ABCD è un rombo di diagonali d1 e d2

1
Tesi Area = 2 d1 d2

DIMOSTRAZIONE

Tracciamo le due diagonali

E otteniamo due triangoli uguali (3° criterio - tre lati uguali)


Per il post. b)
Area ABCD = AABD + ABCD

Per il teorema dell’area del triangolo:

1 1 1 1
AABD = d1 • (d2 2 ) • 2 e ABCD = d1 • (d2 2 ) • 2

Sostituendo, otteniamo:

1 1 1 1 1
Area ABCD = d1 (d2 2 ) • 2 + d1 • (d2 2 ) • 2 = 2 d1 d2
tD z C
A r r xrO r yB

TEOREMA

Area di un poligono circoscritto a una circonferenza

L’area di un poligono circoscritto ad una circonferenza è uguale al prodotto del


semiperimetro del poligono per il raggio della circonferenza.

DIMOSTRAZIONE

Dimostriamo il teorema per un poligono di quattro lati; la dimostrazione per il caso


generale, cioè per un poligono circoscritto con un numero qualsiasi di lati, è del tutto
analoga.

Relativamente al disegno: congiungiamo il centro O della circonferenza con i vertici


del poligono, che resta così scomposto in quattro triangoli di altezza congruente al
raggio della circonferenza.

Sempre per il post. b) si può scrivere:

1 1 1 1 1 1
Area ABCD = 2 x r + 2 y r + 2 z r + 2 t r = 2 r (x + y + z + t) = 2 2 p r = p r

dove indichiamo con 2p il perimetro e con r il raggio.

Vale la seguente
h
A H
B C I L Kh
D bA1 N bA2 M

DEFINIZIONE Due figure con la stessa area si dicono equivalenti.

TEOREMA

Se due parallelogrammi hanno congruenti le basi e le altezze corrispondenti, allora


sono equivalenti

Ipotesi

1. ABCD è un parallelogramma;
2. ILMN è un parallelogramma;
3. CH è altezza di ABCD relativa ad AB;
4. MK è altezza di ILMN relativa a IL;
5. AB è congruente a IL;
6. CH è congruente a MK.

Tesi ABCD è equivalente a ILMN

DIMOSTRAZIONE

Disegniamo il parallelogramma ABCD avente stessa base e altezza di ILMN.


Le loro aree sono:

A1 = b h A2 = b h

TEOREMA

Un triangolo è equivalente ad un parallelogramma che ha altezza congruente a quella


del triangolo e base congruente a metà di quella del triangolo.
A D Hbh b
C B G h
A hB
H C B E K D
G b/2
E FK
F h

Ipotesi
1. ABC è un triangolo;
2. DEFG è un parallelogramma;
3. CH è altezza di ABC relativa ad AB;
4. FK è altezza di DEFG relativa a DE;
5. CH = FK;
6. AB=2DE;

Tesi ABC = DEFG

TEOREMA

Un trapezio è equivalente ad un triangolo se la sua altezza è congruente a quella del


triangolo e la somma delle due basi è congruente alla base del triangolo.

Ipotesi
1. ABCD è un trapezio;
2. EFG è un triangolo;
3. DH è altezza del trapezio;
4. GK è altezza del triangolo;
5. DH = GK;
6. AB+CD=EF;

Tesi ABCD =EFG


h h
A triangolo = EF 2 = (B + b) 2

h
A trapezio = (B + b) 2