Sei sulla pagina 1di 12

C’ERA UNA VOLTA …

STORIA INVENTATA E ILLUSTRATA DAI BAMBINI DI ANNI 4


DELLA SEZ “D”

a.s. 2010/2011
I bambini han bisogno d'amore, del bacio al
mattino, di sicurezza, di abbracci, di coccole
tutto il giorno, bisogna seguirli nel crescere,
prenderli per mano e non farli sentire mai
soli.

I sentimenti dei bambini aiutano i grandi.


C’era una volta una farfalla triste che volando smarrì la strada
Volando andò a sbattere contro un fiore che era cattivo (lei non lo sapeva).
Il fiore con voce cattiva disse: “Che fai qua! Vattene altrimenti ti mangio …”
La farfalla impaurita scappò via e ritornò per la sua strada in
cerca della mamma
“ Ma dov’è la mia mamma?” disse la farfalla tutta arrabbiata
Vola vola andò a posarsi su un fiore che era buono.
Il fiore buono le disse; “Cosa ti è successo?”
La farfalla rispose: “Non trovo la mia mamma e poi un fiore cattivo mi voleva mangiare!”
“ Ci penso io a trovare la tua mamma”-rispose il fiore buono
E così chiama in raccolta tutte le api e le farfalle : “Andate a cercare la
mamma della farfallina”
Tutte le api e le farfalle vanno in giro per il mondo in cerca della
mamma della farfallina triste
Dopo tanto girare le api e le farfalle la trovano in un campo di indiani
“ Perché stai qui?” – le chiedono-”Non sai che la tua figliola ti sta cercando?”
La farfalla mamma saluta i suoi amici indiani e va con le api e le farfalle dalla figlia
Così la farfalla triste ritrovò il sorriso, perché aveva ritrovato la sua
mamma, e per ringraziare tutti organizza una bella festa nel prato e così
vissero …. felici e contenti
Ringraziamo i bambini che attraverso la loro fantasia, la collaborazione, la cooperazione, hanno dato vita a
questa semplice storia e sono riusciti a rappresentarla graficamente con semplici disegni . Tutti hanno dato il
loro contributo, chi nella elaborazione del testo e chi nel disegno e nella coloritura , si è visto un lavoro di
cooperazione e di responsabilità nel dover eseguire il proprio compito con impegno.
Questa storia inventata “C’era una volta …” e il risultato di un percorso didattico sulle “Emozioni” programmato
per aiutare i bambini a “gestire le proprie emozioni”.

A. H. Almaas dice: "Per prima cosa le persone devono imparare a sentire se stessi, a prestare attenzione a se
stessi, affinché le necessarie informazioni siano disponibili. La maggior parte delle persone vivono la vita senza la
necessaria consapevolezza perché cercano di evitare di sentire il vuoto, la falsità, la sensazione che ci-sia-
qualcosa-di-sbagliato. Non si può evitare l'autoconsapevolezza e compiere il Lavoro" (Lavoro di crescita in
consapevolezza, umana e spirituale).