Sei sulla pagina 1di 66

Appunti del corso di

METODI MATEMATICI DELLA FISICA

Guido Cognola

anno accademico 2006-2007

Questi appunti sono essenzialmente la trascrizione, in maniera schematica e concisa, del le lezioni svolte nel corso di Metodi Matematici della Fisica – Prima Unit`a – nell’anno accademico 2006-2007.

Il materiale `e preso dai libri di testo consigliati e non deve assolutamente diventare un sostituto degli stessi.

e-mail: cognola@science.unitn.it

Indice

1 Numeri complessi

 

4

2 Funzioni di variabile complessa

 

4

2.1

Alcune funzioni importanti

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

7

3 Funzioni analitiche

 

8

3.1

Condizioni di Cauchy-Riemann

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

8

4 Integrazione nel campo complesso

 

9

4.1 Teorema di Cauchy .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

9

4.2 Rappresentazione integrale di Cauchy

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

11

5 Sviluppi in serie di Taylor e Laurent

 

13

5.1 Singolarit`a isolate .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

15

5.2 Singolarit`a all’infinito

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

16

6 Classificazione delle funzioni

 

17

7 Residui

 

17

7.1 Teorema dei residui .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

19

7.2 Indicatore logaritmico

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

20

7.3 Sviluppo di Mittag-Leffler

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

20

8 Prolungamento analitico

 

21

8.1 Metodo di Weierstrass

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

22

8.2 Punti di diramazione e funzioni polidrome

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

22

8.3 Funzioni con bordo naturale .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

24

9 Funzioni speciali

 

24

9.1 Funzione Gamma di Eulero

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

25

9.2 Funzione Zeta di Riemann .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

26

10 Complementi

 

27

10.1 Lemma di Jordan .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

27

10.2 Somma di serie numeriche

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

28

10.3 Integrazione di funzioni trigonometriche

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

31

10.4 Valore principale di Cauchy

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

31

10.5 Trasformate di Hilbert

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

31

 

i

11

Applicazioni

32

11.1 Integrali di Fresnel

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

32

11.2 Sviluppi di Mittag-Leffler

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

33

11.3 Quantizzazione secondo Bohr-Sommerfeld

 

34

12 Spazio Euclideo (complesso)

 

39

12.1 Esempi di spazi euclidei

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

40

12.2 Sistemi ortonormali chiusi

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

41

12.3 Teorema di Riesz-Fisher

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

43

12.4 Lo spazio L 2

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

43

12.5 Basi ortonormali in L 2

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

44

 

12.5.1

Sistema trigonometrico

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

44

12.6 Forma complessa della serie di Fourier

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

45

13 Serie di Fourier

 

46

13.1

Convergenza della serie di Fourier

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

46

13.1.1

Convergenza puntuale

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

46

14 Integrale di Fourier

 

48

Esempi

14.1 .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

48

14.2 Alcune importanti propriet`a della trasformata di Fourier

 

49

14.3 Trasformata di Fourier in pi`u variabili

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

50

14.4 Soluzione di equazioni differenziali mediante la trasformata di Fourier

 

50

14.5 Trasformata di Fourier in L 2 (−∞, )

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

52

14.6 Esempi

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

52

15 Trasformata di Laplace

 

55

15.1 Propriet`a della trasformata di Laplace

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

55

15.2 Esempi

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

57

15.3 Applicazioni .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

58

 

ii

Testi consigliati

E.C. Titchmarsh, The Theory of Functions, second editions, Oxford U.P. (1968). A.N. Kolmogorov and S.V. Fomin. Elementi di teoria delle funzioni e di analisi funzionale. Edizioni MIR 1980. M.R. Spiegel, Teoria ed Applicazioni delle Variabili Complesse, Collana Schaum, Etas Libri, Milano

(1985).

G.Arfken, H. Weber, Mathematical Methods for Physicists, Harcourt Academic Press (2001).

iii

PRIMA PARTE

Definizioni e richiami

Un insieme si dice semplicemente connesso se ogni curva chiusa contenuta al suo interno `e con- trattibile ad un punto. Di seguito, se non specificato diversamente, con D si indicher`a sempre un insieme semplicemente connesso.

IR e CI rappresentano i campi dei numeri reali e complessi rispettivamente. Se non specificato altrimenti, x,y,ϑ saranno variabili reali, z = x + iy sar`a una variabile complessa, z z¯ = x iy la sua variabile coniugata, |z | il modulo, x = Re z , y = Im z e ϑ = arg z la parte reale, la parte immaginaria e l’argomento rispettivamente.

Con γ, Γ si indicheranno curve generiche nel piano complesso e con C curve chiuse. Il verso di percorrenza di una curva chiusa si dir`a positivo se lungo il cammino la regione interna rimane sempre a sinistra della curva stessa. Di fatto, se la regione interna contiene solo punti al finito, allora il verso di percorrenza positivo coincide con il verso antiorario, mentre coincide con il verso orario se la regione interna contiene l’infinito.

Di norma, con f (z ) si indicher`a una funzione ad un solo valore definita in un dominio semplicemente connesso D .

Sviluppi in serie

serie esponenziale:

e x =

n=0

x

n

n! ,

serie iperbolica:

cosh x =

n=0

(|x| < ) ;

x

2

n

(2n)! ,

serie trigonometrica:

cos x =

n=0

x

2 n

(1) n (2n)! ,

serie logaritmica:

log(1 + x) =

n

(1) n x n ,

n=1

2

x

n=0

n+1

sinh x =

(2n + 1)! ,

n=0

x

2 n+1

sin x =

(1) n (2n + 1)! ,

(|x| < 1) ;

serie geometrica:

1

1 x =

n=0

x n ,

(|x| < 1) ;

1

1 x =

n=1

1

x n ,

1

(|x| < ) ;

(|x| < ) ;

(|x| > 1) ;

derivata della serie geometrica:

1

(1 x) 2 =

n=0

(n + 1)x n ,

radice quadrata:

1 + x 1 + x x 8 2 +

2

,

(|x| < 1) ;

1

1 + x

2

1

1 x =

n=2

1 x

2

+ 3x 2

8

+

n 1

x n

,

,

(|x| > 1) ;

(|x| < 1) ;

1

Numeri complessi

I numeri complessi emergono in modo naturale come soluzione delle equazioni algebriche di grado supe-

riore al primo 1 e si trovano nelle opere di alcuni matematici del XVI secolo come Girolamo Cardano e Rafael Bombelli. Quest’ultimo in particolare studi`o le loro propriet`a. Il termine “immaginari”, dovuto a Ren´e Descartes (1596-1650), viene introdotto per indicare delle soluzioni a quel tempo considerate fittizie

e irreali. Come conseguenza di questa terminologia, i numeri “non immaginari” vengono chiamati “reali” nel IXX secolo.

Da un punto di vista formale, un numero complesso z `e definito come una coppia ordinata di numeri reali z (x,y ) e con tale notazione, l’unit`a reale e immaginaria sono rappresentate risp ettivamente dalle

coppie 1 (1, 0) e 1 i (0, 1).

Dal punto di vista del calcolo `e molto pi`u utile usare la notazione algebrica z = x + iy a cui corrisponde un’intuitiva rappresentazione grafica (geometrica) 2 . In questa notazione x = Re z e y = Im z sono dette rispettivamente parte reale e parte immaginaria del numero complesso z .

Dalla rappresentazione geometrica `e immediato ottenere la rappresentazione polare (o trigonometrica)

z = ρ(cos ϑ + i sin ϑ ) ,

ρ = |z | ,

tan ϑ = y

x ,

dove ρ = x 2 + y 2 e ϑ = arg z sono detti rispettivamente modulo e argomento di z . La rappresentazione polare pu`o essere scritta usando la formula di Eulero 3

e iϑ = cos ϑ + i sin ϑ

=

e iπ = 1 ,

che si dimostra rapidamente confrontando gli sviluppi di Taylor delle funzioni trigonomatriche e dell’e- sponenziale. In questo modo si ottiene

z = ρ(cos ϑ + i sin ϑ ) = ρe iϑ

e questa espressione permette di ricavare rapidamente le formule

z 1 z 2 = ρ 1 ρ 2 e i( ϑ 1 + ϑ 2 ) ,

z

n)

(

k

= e 2 πik/n ,

k = 0, 1, 2,

,n

1 ,

dove z

z = ρe iϑ sono

(

n)

k

sono le n radici n esime dell’unit`a, ossia [z

n)

(

k

] n = 1, mentre le radici di un numero qualsiasi

z

n)

(

k

=

ρe i( ϑ +2 πk ) /n ,

n

[z

n)

(

k

] n = z ,

k = 0, 1,

,n

1 .

2 Funzioni di variabile complessa

L’estensione dei concetti di funzione, limite e continuit`a dal campo dei numeri reali a quello dei numeri complessi non presenta particolari difficolt`a in quanto una funzione complessa f (z ) si pu`o vedere come somma di due funzioni reali (di due variabili), vale a dire

f (z ) = u (x,y ) + iv (x,y ) ,

u (x,y ) = Re f (z ) ,

v (x,y ) = Im f (z ) .

1 Teorema fondamentale dell’algebra: ogni equazione algebrica di grado arbitrario ha almeno una r adice nel campo complesso, sia che i coefficienti siano reali o complessi (Car l Friedrich Gauss, 1799). 2 Questa rappresentazione era usata da Gauss nelle dimostraz ioni, ma non compariva nelle pubblicazioni ufficiali in quant o “non ortodossa”. 3 Leonhard Eulero (1707-1783).

4

Im z z Im z z 2 z 1 y θ x z 3 z
Im z
z
Im z
z
2 z
1
y
θ
x
z 3
z 0
0
0
Re
z
Re
z
z
z 4
5
6
Figura 1: rappresentazione geometrica (a sinistra) —— √ 1 (a destra)

Ad esempio f (z ) si dir`a continua nel punto z 0 se fissato ε > 0 esiste δ > 0 per cui

|f (z ) f (z 0 )| < ε,

z tale che |z z 0 | < δ .

Usando la disuguaglianza triangolare si verifica facilmente che f (z ) `e continua in z 0 = x 0 + iy 0 se e solo se u (x,y ) e v (x,y ), come funzioni di due variabili, sono continue nel punto P 0 (x 0 ,y 0 ).

L’estensione del concetto di derivata `e pi`u “problematica” in quanto il rapporto incrementale in generale ha un limite che dipende da come tendono a zero gli incrementi che lo definiscono. Per chiarire meglio questo concetto si consideri la funzione complessa di variabile complessa

f (z ) = z + 2¯z = u (x,y ) + iv (x,y )

=

u (x,y ) = 3x ,

e il rapporto incrementale

f (z ) f (z ) f (z 0 ) = u (x,y ) + iv (x,y ) = 3∆ x iy

z

z z 0

x + iy

x + iy

.

v (x,y ) = y

Nel limite in cui ∆ z 0 questo dovrebbe definire la derivata della funzione in z 0 , ma si vede chiaramente che questo limite non `e unico. Esistono infatti infiniti limiti corrispondenti agli infiniti modi di far tendere ∆ z = z z 0 0. Ad esempio, facendo tendere a zero prima ∆ x e successivamente ∆ y si ottiene

x0 3∆ x iy

lim

x + iy

lim

y 0 ∆

= 1 .

Viceversa, scambiando l’ordine si ricava

0 3∆ x iy

lim

x + iy

lim

x0 ∆ y

= 3 .

Pi`u in generale si pu`o porre ∆ y = α x e quindi

x0 3∆ x iy

lim

x + iy

= lim

x0 3∆ x x

x + x

= 1 +

4

1 + ,

da cui segue che il limite dipende dal rapporto α = ∆ y/x.

5

La funzione f (z ) si dir`a differenziabile in z 0 quando il limite del rapporto incrementale esiste ed `e unico

e pi`u precisamente, se e solo se esiste un numero λ CI e una funzione ω (z,z 0 ) tali che

f (z ) f (z 0 ) = λ (z z 0 ) + ω (z,z 0 ) ,

lim

z

z 0

(z,z 0 ) z z 0

ω

= 0 .

(2.1)

In tal caso λ = df/dz | z = z 0 si dir`a derivata di f (z ) in z 0 . Per quanto visto sopra, la derivabilit`a di u (x,y )

e v (x,y ) non `e sufficiente a garantire la derivabilit`a di f (z ). Una funzione f (z ) differenziabile in z 0 e in

un suo intorno sar`a detta analitica in z 0 . (a volte viene usato anche il termine olomorfa). Una funzione differenziabile in tutti i punti z D si dir`a analitica in D .

Teorema – Ogni serie di potenze in z definisce una funzione differenziabile nel dominio di convergenza della serie.

Dimostrazione – Si consideri una serie di potenze con raggio di convergenza uguale a r . Allora

f (z ) a n z n < per ogni z tale che |z | < r = lim

n→∞

n

|a n |

|a n+1 | ,

g (z ) na n z n 1 < per ogni z tale che |z | < r .

n

Per dimostrare il teorema basta verificare che g (z ) `e la derivata di f (z ) secondo la definizione data sopra, ossia che

lim

h0

ω (z + h,z )

h

= 0 ,

ω (z + h,z ) = f (z + h ) f (z ) hg (z ) .

A tale scopo sia ρ < r , |z | < ρ e |z + h | ≤ |z | + |h | < ρ. Poich´e la serie converge deve esistere K tale che

|a n ρ n