Sei sulla pagina 1di 18

PSICOFARMACI

AI BAMBINI
— dott.ssa Mitzi Plavier —

Edizioni Senza Guinzaglio 2007


“Il Ministero per la Salute vuole creare una ‘rete di controllo’ sui bambini, che verranno
inquadrati e schedati per questi presunti problemi comportamentali, e poi verranno
sottoposti a terapie a base di psicofarmaci stimolanti. Poi compileremo la lista dei morti
come negli Stati Uniti. Lo voglio dire chiaramente: il Ministero non sa quello che fa ed a
cosa andrà incontro.”
— prof. Giorgio Antonucci, medico e psicoanalista,
già collaboratore di Franco Basaglia.

Agli inizi degli anni ‘80, alcuni Nel DSM è enumerata una lista di
psichiatri riaffermarono con decisione comportamenti o atteggiamenti
l’esistenza di una malattia mentale differenti: per perfezionare una
dell’infanzia, della quale troviamo le diagnosi di ADHD è sufficiente che
prime tracce già nel lontano 1845 in un chiunque ne abbia interesse riempia
trattato del medico Heinrich Hoffman. con delle crocette le caselle degli
appositi questionari. Sono sufficienti
Questo disturbo — a loro dire —
sei risposte affermative su nove — su
colpisce i bambini, e consiste
una di due diverse liste — e la diagnosi
essenzialmente nel fatto che questi (i
è perfezionata.
bambini etichettati come “malati”) sono
marcatamente distratti, disattenti e Le domande (riferite anche a bambini
troppo vivaci, agitati ed ingestibili, a della scuola materna) sono del tipo:
volte irrispettosi con l’insegnante o
ƒ “muove spesso le mani o i piedi o si
violenti nei confronti dei propri
agita sulla sedia?”
compagni di classe.
ƒ “è distratto facilmente da stimoli
La “malattia”, dopo i primi tentativi di
esterni?”
catalogazione diagnostica degli anni
’50, fu successivamente inserita – ƒ “ha difficoltà a giocare quietamente?”
nonostante il parere contrario di
autorevoli ricercatori e specialisti — ƒ “spesso chiacchiera troppo?”
nel “Manuale Diagnostico e Statistico” ƒ “spesso origina delle risposte prima
(DSM, “Diagnostic and Statistical che abbiate finito di fare la
Manual”), testo di riferimento per la domanda?”
psichiatria mondiale, con il nome
“Disturbo da Deficit dell’Attenzione e ƒ “spesso sembra non ascoltare quanto
Iperattività” (Attention gli viene detto?”
Deficit Hyperactivity ƒ “spesso interrompe o si
Disorder – siglato comporta in modo
“ADHD”). invadente verso gli
altri, per esempio
irrompe nei giochi di
altri bambini?”
…e altre di questo tenore.
Psicofarmaci e bambini

— a cura della dott.ssa Mitzi Plavier, psicologa clinica —


— con la collaborazione del dott. Claudio Ajmone —

“I medici sono chiamati ad una piena responsabilizzazione ed a tutelare davvero il diritto alla salute
dei pazienti, specie se minorenni. Non si può pensare di risolvere tutto con l’apertura di un
registro, e si può continuare a prescrivere psicofarmaci contestati ed a rischio di abuso:
questo atteggiamento ormai, come dimostrano anche le cronache giornalistiche, è definitivamente
sul banco degli imputati.”
— prof. Claudio Ajmone, psicoterapeuta, membro dell’Associazione Europea di Psicoanalisi.

“Il Ministero per la Salute vuole creare una ‘rete di controllo’ sui bambini, che verranno
inquadrati e schedati per questi presunti problemi comportamentali, e poi verranno sottoposti a
terapie a base di psicofarmaci stimolanti. Poi compileremo la lista dei morti come negli Stati
Uniti. Lo voglio dire chiaramente: il Ministero non sa quello che fa ed a cosa andrà incontro.”
— prof. Giorgio Antonucci, psicoanalista, già collaboratore di Franco Basaglia.

Agli inizi degli anni ‘80, alcuni psichiatri ne abbia interesse riempia con delle crocette le
riaffermarono con decisione l’esistenza di una caselle degli appositi questionari. Sono
malattia mentale dell’infanzia, della quale sufficienti sei risposte affermative su nove - su
troviamo le prime tracce già nel lontano 1845 in una di due diverse liste - e la diagnosi è
un trattato del medico Heinrich Hoffman. perfezionata.
Questo disturbo - a loro dire - colpisce i Le domande (riferite anche a bambini della
bambini, e consiste essenzialmente nel fatto che scuola materna) sono del tipo:
questi (i bambini etichettati come “malati”)
sono marcatamente distratti, disattenti e troppo ƒ “muove spesso le mani o i piedi o si agita
vivaci, agitati ed ingestibili, a volte irrispettosi sulla sedia?”
con l’insegnante o violenti nei confronti dei ƒ “è distratto facilmente da stimoli esterni?”
propri compagni di classe. La “malattia”, dopo i ƒ “ha difficoltà a giocare quietamente?”
primi tentativi di catalogazione diagnostica
ƒ “spesso chiacchiera troppo?”
degli anni ’50, fu successivamente inserita –
nonostante il parere contrario di autorevoli ƒ “spesso origina delle risposte prima che
ricercatori e specialisti - nel “Manuale abbiate finito di fare la domanda?”
Diagnostico e Statistico” (DSM, “Diagnostic ƒ “spesso sembra non ascoltare quanto gli viene
and Statistical Manual”), testo di riferimento detto?”
per la psichiatria mondiale, con il nome ƒ “spesso interrompe o si comporta in modo
“Disturbo da Deficit dell’Attenzione e invadente verso gli altri, per esempio irrompe
Iperattività” (Attention Deficit Hyperactivity nei giochi di altri bambini?”
Disorder – siglato “ADHD”). Nel DSM è
enumerata una lista di comportamenti o …e altre di questo tenore
atteggiamenti differenti: per perfezionare una Si noti l’assoluta assenza di scientificità di
diagnosi di ADHD è sufficiente che chiunque definizioni come “spesso” e frequentemente”

—1—
nonché la genericità di altre significative esperienza, tolleranza, stato emotivo etc
variabili del comportamento quali il contesto, la dell'intervistatore non vengono tenute in alcun
durata, l’intensità e la forma del disturbo. conto, e nonostante questa vaghezza e
Inoltre, secondo gli attuali protocolli nonostante il fatto che le scale di valutazione
diagnostici: utilizzate non soddisfino i criteri psicometrici di
base, i sostenitori di questo approccio
ƒ alcuni dei sintomi di iperattività e pretendono che questi questionari forniscano
disattenzione devono essere presenti prima una diagnosi accurata" .
dei 7 anni d’età. Ci chiediamo: perché non
tutti i sintomi? E quali di essi? Per quale La “malattia” (ADHD) si è “diffusa” come
durata temporale devono aver persistito? un’epidemia. Nei soli USA i bambini etichettati
come malati erano 150.000 nel 1970, mezzo
ƒ una certa menomazione, a seguito dei sintomi, milione nel 1985, un milione nel 1990, oltre 8
deve essere presente in due o più contesti milioni ad inizi 2003 e circa 11 milioni oggi: il
sociali (scuola/lavoro/casa) “Certa” perchè 18-20% dell’intera popolazione infantile
“presente con certezza” o “certa” perchè scolastica di quella nazione pare soffrire di
“identificabile per intensità e tipo”? E quale questa “sindrome”, che peraltro, continua a non
menomazione in particolare? avere una definizione di carattere clinico
ƒ deve essere presente una evidente sufficentemente precisa da non generare
compromissione - clinicamente significativa - polemiche.
del livello di sviluppo e del funzionamento I farmaci più utizzati come terapia per l’ADHD
sociale, scolastico, o lavorativo. Chi può sono a base di metilfenidato (derivato
valutarla retrospettivamente a distanza di dell’anfetamina), un eccitante che fino a pochi
anni? Ci si basa solo sui ricordi di genitori e anni or sono era inserito nella stessa tabella in
insegnanti? Cosa si intende per “normale cui ritroviamo eroina e cocaina. Per un effetto
livello di sviluppo”? Esiste una soglia per la “paradosso” -contrario a quanto ci si
“normale” impulsività? Quanto è disattento aspetterebbe, in virtù del particolare
un soggetto considerato “nella norma”? metabolismo dei bimbi - questi eccitanti
A queste e ad altre simili domande non viene derivati dell’anfetamina “tranquillizzano” i
normalmente fornita un’adeguata risposta. bambini, permettendo agli stessi una diversa e
Ovvio quindi che i fautori della soluzione più mirata gestione del proprio livello di
psicofarmacologica siano sempre più attenzione nei confronti degli stimoli esterni
frequentemente accusati di imperdonabile (p.es. la lezione dell’insegnante a scuola, od i
superficialità nelle diagnosi, tanto più in compiti a casa).
considerazione dell’estrema delicatezza della Questi farmaci sono in teoria somministrabili
fascia d’età sulla quale tali diagnosi insistono. solo sotto stretto controllo medico, e
Desta inoltre stupore che i criteri diagnostici tassativamente non a minori di età inferiore ai 7
siano sempre i medesimi, a prescindere dall’età anni.
dei soggetti diagnosticati.
In realtà sono acquistabili su internet anche
Il dott. prof. William Carey, laureato senza ricetta, e vengono comunque
all'Università di Harvard e Clinical Professor di correntemente prescritti anche a bambini di 2/3
Pediatria presso l'Università della Pennsylvania, anni; sono state registrate prescizioni anche nel
esperto riconosciuto a livello internazionale periodo neonatale (meno di un anno di età). Tra
nella misurazione della variazioni di i numerosi effetti collaterali, è segnalata con
temperamento dell'infanzia, afferma senza alcun frequenza non trascurabile anche la “sindrome
dubbio che "il corrente sistema diagnostico di Gilles de la Tourette”: una serie di tic nervosi
ignora il ruolo dell'ambiente ed ignora anche incontenibili, grossolani e gravemente
ogni prospettiva evolutiva”. invalidanti, estesi a tutto il corpo, che non
Tornando ai questionari utilizzati per regrediscono neanche con l’eventuale
diagnosticare l'ADHD essi sono altamente interruzione della somministrazione del
soggettivi ed impressionistici. Le differenze di farmaco. Numerosi potenziali effetti collaterali
—2—
– anche gravi, dalle convulsioni al coma epatico psichiatri, così come le relative terapie, che
– rilevati durante le sperimentazioni successive garantirebbero probabilmente un’efficace
alla messa in commercio del farmaco, non risoluzione del problema senza necessità di
figurano inoltre sui foglietti illustrativi che terapie psicofarmacologiche invasive. Anche i
accompagnano le confezioni in commercio. problemi di relazione con il prossimo, con i
Diverse centinaia di bambini sono deceduti docenti o con i familiari (problematiche antiche
mentre erano sotto terapia con questi come il mondo e non necessariamente correlate
medicinali, la maggioranza per impiccagione, ad alcun tipo di “sindrome”) sono quasi sempre
alcuni con l’ossido di carbonio, un numero ignorate da molti esperti, i quali privilegiano al
rilevante per attacco cardiaco, in quanto l’uso dialogo soluzioni più “facili” quali quella della
prolungato di questo tipo di anfetamine “pillola miracolosa” che pare risolvere tutto.
danneggia il miocardio. Anche la Food & Drug È evidente che questo approccio “disinvolto” ad
Administration (il Ministero della Sanità in un problema così delicato ha generato un acceso
USA, ndr) riporta per cause direttamente dibattito nel mondo scientifico ed accademico,
imputabili all’uso di psicofarmaci - solo nel contrapponendo la classe medica e buona parte
territorio americano e solo fino all’anno 2000 - degli psichiatri ad una minoranza di sostenitori
186 bambini ed adolescenti morti, e 569 della soluzione farmacologica ad oltranza.
ricoveri d’urgenza, dei quali 36 attualmente a Come spesso accade in questi casi, troviamo su
rischio di morte; queste statistiche escludono questo argomento “tutto ed il contrario di
ovviamente tutti gli effetti collaterali di lungo tutto”.
periodo.
Possiamo però sollecitare alcune riflessioni,
Tuttavia i derivati anfetaminici non sono prendendo spunto dalla posizione di alcune
l’unico tipo di psicofarmaci prescritti in questi associazioni italiane “sponsor” della soluzione
casi: diversi psicofarmaci “di nuova farmacologica.
generazione” stanno venendo immessi sul
mercato, apparentemente con effetti collaterali Criticando aspramente ogni tentativo di
meno distruttivi, ma ancora tutti da “collaudare” promuovere una serena riflessione
alla prova dei fatti: l’atomoxetina ad esempio, sull’argomento, queste associazioni si
“venduta” come la nuova soluzione priva o schermano dietro il paravento del “diritto alla
quasi di effetti collaterali, che è in realtà un cura”: il loro punto di vista in sintesi è “chi non
vecchio antidepressivo, mai autorizzato al somministra psicofarmaci ai bambini con questi
commercio a causa della sua pericolosità, e disagi li priva della cura, quindi non ha a cuore
“riciclato” oggi come farmaco-prodigio per i la salute dei bambini stessi”, quasi che la
bambini. Ricordiamo peraltro come anche i somministrazione di potenti psicofarmaci sia
derivati dell’anfetamina furono immessi sul l’unica soluzione efficace percorribile.
mercato “sicuri al 100%”, sulla base delle Cerchiamo dunque di prendere in esame alcune
risultanze di ricerche scientifiche spesso affermazioni che caratterizzano questa presa di
finanziate dalle stesse case farmaceutiche posizione, ricca di apparenti certezze quanto di
produttrici, mentre oggi come oggi la clamorose inesattezze:
pericolosità di queste soluzioni farmacologiche ƒ “la prima, iniziale descrizione di questi
è sotto gli occhi di tutti, dimostrata disturbi psichiatrici dell’infanzia risale ad
scientificamente grazie a numerose ed inizio ‘900”
accreditate ricerche indipendenti. Quest’affermazione dimostra una notevole
Inoltre, le altre ragioni mediche che superficialità, ed è inesatta, dal momento che
spiegherebbero un atteggiamento di iperattività questi disturbi vennero descritti la prima volta
e disattenzione del bambino (alto livello di già nel 1845 dal medico Heinrich Hoffman in
piombo nell’ambiente, alto livello di mercurio una pubblicazione intitolata “The story of
nel corpo, eccesso di pesticidi, coloranti, Fidgety Philip”, e solo in un secondo momento
additivi o di zuccheri nel cibo, carenze nutritive, riconosciuti come un problema psichiatrico, in
etc), sono sistematicamente ignorate da molti seguito ad una serie di conferenze tenute da Sir

—3—
George Still per il Royal College of Physicians, non sono infatti quasi mai distinguibili dalle
in Inghilterra nel 1902; normali variazioni del temperamento3, e
ƒ "tutta la comunità scientifica è concorde sostenere a priori l'origine biologica dell'ADHD
nell'affermare che l'ADHD e gli altri disturbi ha quindi più a che fare con un sorprendente
comportamentali dell'infanzia sono di origine "pregiudizio" che non con un approccio
biologica" scientifico basato sulle evidenze.
Questa affermazione è falsa, in quanto il ƒ “l’origine strettamente biologica dell’ADHD
dibattito nella comunità scientifica è tutt'ora sarà forse controversa clinicamente, ma ciò è
aperto, in Italia ed all'estero, ed anzi la maggior vero anche per altre malattie quali
parte degli specialisti indipendenti nega che l’Alzheimer, le convulsioni od il diabete,
l'ADHD in particolare sia una vera e propria patologie per le quali non esisteva alcun
malattia e che abbia origini biologiche. esame clinico affidabile che ne permettesse la
diagnosi o delle quali non si conosceva la
Le prove scientifiche in tal senso sono parziali causa, eppure nessuno si sognerebbe di
ed insufficenti, ed anche gli studi effettuati con negare l’esistenza di queste malattie”.
la tecnica della neuroimmagine - a seguito dei
quali si affermò la "possibilità" (mai la Questa affermazione è spesso citata dai
certezza) dell'origine biologica del disturbo, sostenitori dell’origine strettamente biologica
sono stati messi in discussione: recenti ricerche dell’ADHD, per giustificare l’inesistenza di
scientifiche affermano che "l'iperattività e la esami medici di laboratorio atti a diagnosticare
disattenzione possono essere causati da diversi l’ADHD e gli altri disturbi del comportamento
fattori nocivi cerebrali non riconducibili dell’infanzia. Queste affermazioni sono
all'ADHD, come un basso peso prenatale, scientificamente del tutto infondate e sintomo di
l'intossicazione da piombo, la sindrome feto- mala fede. Già nel 1940, venivano infatti
alcolica, etc"1 e che "nei bambini diagnosticati identificate con un metodo detto di
ADHD non sono stati riscontrati indicatori “Bielschowski” le placche senili che nella
neurologici particolari, né strutturali, né corteccia cerebrale causano la malattia
funzionali, né chimici"2. I dati scientifici non dell’Alzheimer4, al giorno d’oggi chiaramente
depongono a favore di un'anomalia cerebrale, diagnosticabile con metodi moderni quali la
ma suggeriscono invece che i comportamenti risonanza magnetica e la tomografia ad
dei bambini presentino variazioni nella emissione di positroni. Le crisi epilettiche,
popolazione generale, e non già secondo dei comunemente dette “convulsioni” non sono una
picchi specifici con variazioni tali da malattia, ma un insieme di sintomi ricorrenti e
evidenziare un preciso disturbo. I periodici dovuto ad una scarica simultanea ed
comportamenti "anormali" propri dell'ADHD eccessiva da parte di una popolazione di
neuroni cerebrali5, e possono essere imputabili
alle cause le più varie (traumi cerebrali,
1
Max, J. E., Arndt, S., Castillo, C. S., Bokura, H., avvelenamenti, disfunzioni neurologiche, etc), e
Robin, D. A., Lindgren, S. D., Smith, W. L. Jr., per tanto non costituiscono un’entità patologica
Sato,Y, & Mattheis, P. J. "Attention deficit a se stante. Sono cioè “l’effetto”, un sintomo
hyperactivity symptomatology after traumatic brain che evidenzia una problematica dell’area del
injury: a prospective study" (Journal of the American sistema nervoso, e non una malattia vera e
Academy of Child and Adolescent Psychiatry, 37)
2
Peterson B. S.: "Neuroimaging in child and 3
adolescent neuropsychiatric disorders" (Journal of the Carey William B., Clinical Professor of Pediatrics,
American Academy of Child and Adolescent University of Pennsylvania: "ADHD, la sindrome da
Psychiatry, 34) deficit di attenzione con iperattività: gli interrogativi
non risolti" (Civic Research Institute. 2002)
Zametkin, A. J., Ernst, IA., & Silver, R.: "Laboratory 4
and diagnostic testing in child and adolescent Manuale di Psichiatria, prof. dott. Guido Moglie,
psychiatry: a review of the past 10 years" (Journal of Università di Roma, Luigi Pozzi Editore, 1940.
5
the American Academy of Child and Adolescent Manuale di Neurologia, prof. Fazio e prof Loeb,
Psychiatry, 37) Universo Edizioni, Roma.

—4—
propria. Per il diabete, la situazione è ancor più stato abbastanza sorprendente che tutti i
evidente, dal momento che è da tempo bambini che assumevano metilfenidato
misurabile con appositi test clinici e presenta manifestassero un aumento di anormalità
una sua precisa anatomia patologica. genetiche in un così breve periodo di tempo”,
Se l’ADHD fosse una malattia di origine afferma il dott. Randa A. El-Zein, Professore di
biologica, inoltre, dovrebbe afferire al campo Epidemiologia al M.D. Anderson. L’uso - non
della neurologia (la scienza che studia i danni e l’abuso -di metilfenidato (principio base del
le patologie del sistema nervoso centrale e Ritalin e di altri psicofarmaci somministrati ai
periferico) e non della psichiatria: perchè i minori) può causare quindi una maggiore
neurologi invece non si occupano di ADHD? esposizione al rischio di cancro e di mutazioni
genetiche per i bambini.
La contraddizione in termini è quindi evidente.
In definitiva, tutte le malattie sono “tracciabili” ƒ “Una recente ricerca coincide con ogni altra
mediante esami di laboratorio - che si conosca precedente nell’affermare che non sussiste
la causa remota della malattia o meno - evidenza che il trattamento con psicofarmaci
mediante disamina delle variazioni nei valori nella fanciullezza e/o adolescenza sia
fisici di riferimento o delle alterazioni dei associato al rischio di abuso – o ad una
tessuti (prelievo in vita o post-mortem), od maggiore frequenza nell’uso - di sostanze
anche mediante esami a livello cellulare o stupefacenti nell’adolescenza ed in età
molecolare. Tutte tranne l’ADHD e gli altri adulta”
disturbi del comportamento dell’infanzia, tanto Quest’affermazione è falsa, dal momento che
che la circostanza pare suggerire che queste non diverse accreditate ricerche scientifiche7
siano “malattie” vere e proprie, ma bensì provano il contrario, ovvero che l’assunzione di
“sintomi” - reali anch’essi, ovviamente - che questi potenti psicofarmaci incide sensibilmente
evidenziano un ben preciso disagio del sulla capacità di reazione neuronale agli stimoli
bambino. Catalogando invece questi disturbi esterni, con effetti che persistono nei periodi di
come malattie di per se (e non come sintomi), vita successivi, inclusa la predisposizione
rifiutiamo quasi sempre di indagare a fondo il all’abuso di sostanze stupefacenti in
disagio del minore e di porvi rimedio. adolescenza e nell’età adulta. Questa evidenza
ƒ "L’abuso di psicofarmaci potrà forse scientifica è riscontrabile anche in ricerche
generare qualche problema, ma l’uso corretto analoghe svolte in Florida8 nonchè in altri
secondo prescrizione medica assolutamente esperimenti9 svolti presso ospedali e cliniche
no, è sufficiente rispettare le regole". universitarie.
Ecco un’ennesima affermazione contestabile ed ƒ “la somministrazione di psicofarmaci
indice di probabile mala fede. Un recente studio nell’infanzia ed adolescenza non è alla causa
scientifico del Dipartimento di Medicina di alcuna apprezzabile modifica nel
dell’Università del Texas6, che è seguito ad altri comportamento in età adulta”
studi dello stesso tipo giunti alle medesime Anche quest’affermazione è falsa, dal momento
conclusioni, ha infatti fatto chiarezza su questo che diverse ricerche scientifiche dimostrano
punto. La ricerca - effettuata non su cavie ma esattamente il contrario. Una recente ricerca10
direttamente su bimbi in normale cura con
metilfenidato - conferma infatti un
7
triplicamento delle anomalie nei cromosomi dott. Cindy Brandon e dott. Frank White, Chicago
dopo soli 3 mesi di terapia, associata ad un Medical School.
aumento del rischio tumore oltre la norma. “È dott. Susan Andersen ed altri, Mc Leal Hospital.
8
dott. Mendes e dott. Anderson, Dipartimento di
Psichiatria dell’Università di Miami (USA)
6 9
dott.ri Randa A. El-Zein, Matthew J. Hay, Mirtha S. dott. sa Nadine Lambert e dott. sa Carolyn
Lopez, Melissa L. Bondy, Debra L. Morris, Sherif Z. Hartsoungh, Journal of Learning Disabilities
Abdel-Rahman e Marvin S. Legator (University of 10
dott. Carlos Bolanos, dott. Michel Barrot, dott.
Texas, Medical Branch). Oliver Berton, dott. Deanna Wallace Black, dott. Eric
—5—
dimostra ad esempio - oltre ogni ragionevole giunte diverse altre ricerche scientifiche: alcune
dubbio - che il trattamento con questo tipo di hanno provato che la somministrazione
psicofarmaci altera in misura significativa in età quotidiana di psicofarmaci ai bambini è
adulta la risposta comportamentale alle direttamente la causa di modificazioni di alcuni
emozioni. Sono infatti ormai sempre più geni a livello di sistema nervoso centrale13,
numerosi gli esperimenti che dovrebbero altre hanno per la prima volta accertato
indurre gli operatori sanitari ad una ben “cambiamenti duraturi - e persistenti molto
maggiore prudenza. dopo il termine dei trattamenti - nello sviluppo
ƒ “la somministrazione di psicofarmaci di parti del sistema nervoso centrale, causati
nell’infanzia ed adolescenza non altera in dalla somministrazione precoce di psicofarmaci
alcun modo la struttura del cervello” stimolanti durante la fase giovanile”14.
Stesso dicasi per questa affermazione, ƒ “non è assolutamente dimostrato che la
“venduta” come una granitica certezza, e che somministrazione di psicofarmaci stimolanti
invece è per lo meno scientificamente nell’infanzia sia la causa di disfunzioni
discutibile. I ricercatori sanno già da tempo che cardiache”
alcuni tipi di esperienze, come quelle coinvolte Questa circostanza è invece più che dimostrata,
nell'apprendimento, possono modificare dal momento che la continua somministrazione
fisicamente la struttura del cervello e di questo tipo di farmaci può danneggiare
influenzare il comportamento. irreversibilmente il miocardio (una zona
Per contro, i più recenti studi dimostrano che specifica del muscolo cardiaco). Richiamiamo a
l'esposizione a psicofarmaci stimolanti può tal proposito una nota ricerca scientifica15:
ridurre la capacità di specifiche cellule cerebrali “…cambiamenti patologici ed una vasta catena
di mutare come conseguenza dell'esperienza. di alterazioni furono osservate dopo 14
"La capacità delle esperienze di alterare la settimane di sperimentazione, sia in soggetti
struttura del cervello - spiega infatti la dott. sa sottoposti a somministrazione di psicofarmaci a
Nora Volkow11 - è forse uno dei meccanismi mezzo iniezione, che in soggetti sottoposti a
principali con cui la rielaborazione del somministrazione per via orale. Le osservazioni
“passato” può influire sul comportamento e la mostrano definitivamente che nei soggetti
cognizione nel futuro. Tuttavia, quando queste trattati con dosi terapeutiche si presentavano
alterazioni vengono prodotte da psicofarmaci, la lesioni cardiache, e che esse persistevano anche
situazione cambia”. In un’altra ricerca dopo la sospensione delle somministrazioni.
scientifica12, gli esperti hanno effettuato una Degno di nota fu anche il rapido sviluppo dei
serie di esperimenti per studiare come gli cambiamenti patologici (a volte entro sole 3
psicofarmaci interagissero per produrre settimane). La possibilità d’irreversibilità e i
cambiamenti nella struttura del cervello, profondi cambiamenti strutturali osservati in un
scoprendo che questi psicofarmaci aumentano paziente in terapia a lungo termine con
la ramificazione e la densità dei neuroni in psicofarmaci stimolanti, suggerisce che queste
alcune regioni, riducendola però in altre, e scoperte possono avere conseguenze cliniche
causando quindi una diversa reazione ai delle quali i medici dovrebbero essere
cambiamenti strutturali indotti dall'ambiente e coscienti…”
dall'esperienza. A conclusioni simili sono
13
dott. ri Chase, Brown, Carrey e Wilkinson del
Dipartimento di Fisiologia e Biopsichiatria
Nestler ed altri, Dipartimento di Psichiatria e dell’Università di Halifax (Canada)
Neuroscienze dell’Università del Texas 14
dott. ri Moll, Hause, Ruther, Rothenberger ed
11
National Istitute on Drug Abuse (NIDA), Stati Uniti Huether, del Dipartimento di Psichiatria dell’Infanzia
12
dott. Bryan Kolb ed altri colleghi dell'Università di e dell’Adolescenza dell’Università di Gottingen
Lethbridge in Canada e dott. Terry Robinson e (Germania)
colleghi dell'Università del Michigan in USA, ricerca 15
dott. ri Henderson e Fischer, The American Journal
finanziata dal National Istitute on Drug Abuse (USA) of Cardiovascular Pathology

—6—
ƒ “la somministrazione di psicofarmaci ai effetti dello psicofarmaco sul disordine di
bambini non ne riduce la crescita, se non attenzione furono interpretati come fossero
marginalmente e con effetti destinati a «paradossali.» Nondimeno, un’autorevole
riassorbirsi nel tempo” ricerca19, svolta anche su bambini, adolescenti e
Anche quest’affermazione è superficiale ed giovani adulti “normali”, ha indicato
errata. Gli stessi ricercatori che hanno affermato chiaramente come questi psicofarmaci
che gli effetti degli psicofarmaci nell’inibire la stimolanti “hanno effetti comportamentali simili
crescita dei bambini erano tenui e passeggeri, si sia in bambini iperattivi che in bambini
stanno ricredendo. In una recente ricerca16, normali”. Anche in questo caso quindi, la non
consistente in due grandi studi pediatrici univocità del parere degli esperti deve
professionali di lungo periodo, gli esperti hanno suggerirci perlomeno la necessità di prestare
affermato che “l’uso quotidiano di psicofarmaci una grandissima attenzione prima di procedere
stimolanti rallenta significativamente la crescita alla somministrazione di psicofarmaci ad un
dei bambini”. La scoperta ha indicato minore.
inequivocabilmente che “l’effetto riduttivo della ƒ “la terapia a base di psicofarmaci, come
crescita derivante dalla somministrazione di dimostrato da numerose ricerche, è
questi psicofarmaci è ben più elevato di quanto assolutamente quella più efficace nella cura
precedentemente sospettato”. Queste risultanze di questi disagi dei bambini”
sono state confermate anche da analoghi studi Ecco un’altra affermazione che sembra a prima
pediatrici17 e da altre autorevoli ricerche vista indiscutibile (il farmaco agisce in modo
universitarie18, le quali hanno dimostrato casi di più rapido che ogni altro tipo di terapia), ma che
“arresto quasi completo dello sviluppo in ad un approfondimento rivela – come tutte le
bambini sottoposti a terapie con psico-farmaci precedenti – evidenti punti di debolezza.
stimolanti”. Anche tenendo ben conto delle L’affermazione è infatti basata su una ricerca
ricerche i cui risultati tendono a minimizzare del 1999, la quale tuttavia è stata
questo rischio, lo scenario è sufficientemente successivamente criticata da diversi esperti in
poco chiaro da suggerire grande prudenza. quanto viziata da rilevanti carenze metodologi-
ƒ “I farmaci stimolanti agiscono sul particolare che. Successivamente, un’equipe di specialisti20
metabolismo dei soli bambini malati di ha fornito informazioni dettagliate sulla
ADHD grazie ad un effetto paradosso, per il riduzione dei sintomi del disordine da
quale lo psicofarmaco calma l’iperattività del disattenzione ed iperattività, comparando un
bimbo migliorandone l’attenzione” programma di addestramento dei genitori con
Quest’affermazione dimostra ancora una terapia cognitivo-comportamentale (senza
superficiale preparazione scientifica, non attenta l’ausilio di psicofarmaci), con un esperimento
alle più recenti scoperte. È certamente vero che, clinico con psicofarmaci stimolanti: “entrambi i
poiché queste sostanze erano viste come gruppi mostrarono un miglioramento nei loro
stimolanti nel loro effetto sul sistema nervoso sintomi, ma non ci fu differenza in efficacia nei
centrale ma erano invece calmanti nel loro due gruppi di trattamento”. L’efficacia delle
effetto terapeutico su bambini disagiati, gli terapie cognitivo-comportamentali e di
pedagogia clinica non supportate da
psicofarmaci è stata anche confermata da altri
16
dott. Lisska e dott. Rivkees, Dipartimento di
Pediatria della Scuola di Medicina dell’Università di
Yale (USA)
17
dott. Poulton e dott. Cowell, Dipartimento di
19
Pediatria del Nepean Hospital, Australia dott. Rapoport e dott. Inoff, Divisione di Psichiatria
18
dott. ri Holtkamp, Peters Wallraf, Wuller, Pfaaffle dell’Infanzia del National Institute of Mental Health
ed Herpertz Dahlmann, del Dipartimento di (USA)
20
Psichiatria e Psicoterapia dell’Infanzia e dott. ri Montiel Nava, Pena, Espina Marines, Ferrer-
dell’Adolescenza dell’Università di Aachen Hernandez, Lopez-Rubio, Puertas Sanchez e Cardozo
(Germania) Duran, Università di Maracaibo, (Venezuela)

—7—
studi21, e da successivi esperimenti, perfezionati determinata dai tempi ma anche dai modi in cui
anche in Italia, di imminente pubblicazione22. i bambini delle società cosiddette avanzate sono
Molti operatori continuano a pensare che, se gli immersi: l’uso di strumenti tecnologici (dalla
stimolanti portano ad un miglioramento nel play station alla televisione) determina in
comportamento del bambino, questa é di per se buona parte quell’iperattività che sempre più
una buona ragione per persistere con la diagnosi frequentemente insegnanti e genitori
ADHD e proseguire nella somministrazione dei riscontrano. In ultimo, ma non per importanza,
farmaci. Ciò che viene trascurato è che tutti gli l’aspetto ambientale: l’inquinamento,
stimolanti cerebrali, inclusi quelli di origine l’assunzione di cibi con presenza di sempre più
naturale come la caffeina, ottengono il risultato sostanze nocive, l’aumento di sostanze
di migliorare le prestazioni cognitive di tutti i potenzialmente allergiche, produce
soggetti, inclusi quelli normali. Ma a quale conseguenze che a volte sono alla base
prezzo le prestazioni vengono migliorate dell’iperattività e/o dei disturbi
utilizzando psicofarmaci? dell’apprendimento.
Lo scopo della nostra iniziativa non è tuttavia Molti a questo punto chiedono: ma cos’è
quello di entrare nel merito della “disputa dunque questa malattia?
scientifica”, promuovendo una battaglia “pro o Perché si “diffonde” così rapidamente? Secondo
contro” l’opportunità di sottoporre i bambini a le fonti più critiche nei confronti della soluzione
cure a base di psicofarmaci, oppure arrivando a psicofarmacologica - tra i quali autorevoli
pretendere di valutare l’efficacia di questa o medici, pediatri, psicologi e stampa di settore -
quella terapia, farmacologica od “alternativa”. È le principali multinazionali del farmaco (i cui
il metodo di approccio etico che deve cambiare esperti sono spesso anche consulenti dei
radicalmente, dal momento che le certezze Ministeri per la Sanità dei vari paesi e delle
incrollabili di oggi possono tramutarsi stesse commissioni governative che dispongono
rapidamente in dubbi od in certezze opposte la messa in commercio dei farmaci) procedono
domani. Gli esami di laboratorio sui topi non come segue:
possono da soli continuare ad essere una valida
guida, tanto più quando è in gioco la salute e la 1. iniziano a comparire sui media servizi che
vita dei nostri bambini, che sono il nostro informano che tale sindrome esiste e che
futuro. occorre fare qualcosa al riguardo. I pareri
degli esperti sono tutti improntati alla
Non si può inoltre non riprendere e ribadire gli prudenza, trattandosi di bambini, e si afferma
aspetti sociali, culturali ed ambientali alla base che per la nazione in questione sono state
di molte delle espressioni di disagio dei bambini rilevate inizialmente alcune centinaia di casi;
( e, spesso, degli adulti); i bambini vivono dei
ritmi di vita che non sono i loro ma che 2. i genitori e gli insegnanti vengono informati,
dipendono solo ed esclusivamente dal contesto con messaggi sempre più continui e pressanti
adulto, soprattutto nei contesti urbani: otto ore attraverso i media, che se un bambino è
di scuola, e poi attività varie, il tempo libero distratto, scatenato, ingestibile o violento,
viene cancellato. A tutto questo occorre questi in realtà è malato di ADHD o di altre
aggiungere una riflessione sull’iperstimolazione sindromi dell’infanzia;
3. il farmaco per curare la sindrome, se non già
in commercio, riceve rapidamente le
21
dott. ri Frolich, Dopfner, Berner e Lehmkuhl, Prax opportune autorizzazioni per la vendita; ma
Kinderpsycol Kinderpsychiatric attenzione prima di procedere alla
22
diversi protocolli diagnostici e di intervento su somministrazione di psicofarmaci ad un
bambini iperattivi sono stati applicati nel nostro minore.
paese, specie a cura di pedagogisti clinici, ma non 4. gli articoli dei media aumentano, e gli esperti
solo. Gli esiti di questi interventi, positivi anche in
nelle loro dichiarazioni incominciano a
assenza di supporto far-macologico, sono in fase di
compilazione e verranno pubblicati non appena parlare di “migliaia di casi”.
disponibili Progressivamente il numero dei bambini

—8—
malati si attesta intorno al 4-6% della sviluppo sereno della personalità del bimbo –
popolazione infantile; i genitori acconsentono alla
5. si formano associazioni di familiari di somministrazione di psicofarmaci, informati
bambini “sofferenti” di ADHD, che “offrono che quella soluzione “è la migliore per la
aiuto” e contemporaneamente promuovono tutela della salute del bambino”, e che il
con vigore la soluzione farmacologica; piccolo, avendo diritto ad essere “curato”,
non potrà che trarre giovamento nel lungo
6. le scuole vengono coinvolte in “progetti periodo da tale trattamento. Quanto sopra è
pilota” atti a valutare l’efficacia dello evidenziato al lettore sempre cercando di
strumento dello “screening” (questionari a evitare di entrare nel merito delle soluzioni
risposte chiuse) al fine di identificare fin farmacologiche proposte, a detta di molti
dall’esordio i “disturbi comportamentali” esperti in larga misura destinate a lasciare
dell’infanzia. La diagnosi deve essere pesanti tracce sul lungo periodo in termini di
secondo gli esperti effettuata in tenera età - dipendenza ed effetti collaterali.
entro i 7/8 anni al massimo - altrimenti i
sintomi “scompaiono” (in questo modo pochi Questo è quanto avvenuto negli USA ed in altri
possono sfuggire dall’essere sottoposti al paesi. Lo scopo - a detta di molti medici - è
trattamento, considerato che, com’è noto ed piuttosto quello di “vendere prestazioni e
evidente, i bambini crescendo tendono a prescrizioni sanitarie” sottoponendo a terapia
tranquillizzarsi); psicofarmacologica milioni di pazienti in
tenerissima età. Ma anche supponendo – e così
7. i risultati dello screening mostrano che la non è – univocità di pareri circa l’opportunità
percentuale di bambini affetti dalla sindrome clinica di sottoporre a somministrazione coatta
è ancora maggiore (ciò è naturale, considerati di psicofarmaci ampi strati della popolazione
i criteri poco scientifici adottati nella fase di under 18 (i minorenni non hanno ovviamente
rilevamento), e quindi si approvano decreti potere di scelta nel merito, dipendendo dalla
per lo screening di massa indifferenziato in potestà dei genitori), restano evidentemente
tutte le scuole. La diagnosi viene ancora aperti tutti i problemi di carattere etico
perfezionata direttamente a scuola, dallo che queste terapie sui soggetti in giovane età
“psichiatra di quartiere”, oppure sono comportano. Ricordiamo – a puro titolo di
addirittura gli insegnanti a compilare le liste esempio – le vivaci polemiche suscitate anni fa
e a segnalare i casi ai servizi psichiatrici di per la proposta di rendere obbligatorio il test
zona; contro l’AIDS al fine di “schedare” i portatori
8. se una famiglia dubita della diagnosi e rifiuta di virus HIV: dove finisce il “diritto alla
di sottoporre il proprio bambino alla terapia, tranquillità” della popolazione, e dove inizia la
si procede attraverso il Tribunale dei Minori medicalizzazione di massa e quello che
mediante il ricorso all’istituto giuridico del un’autorevole psichiatra americano ha definito
Trattamento Sanitario Obbligatorio, “lo Stato Terapeutico”? Nonostante alcune
sottraendo il bambino alla tutela della dichiarazioni improntate alla prudenza rilasciate
famiglia stessa, al fine di somministrargli le da esperti del settore, c’è il timore che accada
cure farmacologiche coattivamente. Oppure, anche in Italia quanto è già avvenuto negli USA
più semplicemente, la famiglia viene e in altre nazioni europee. L’europa pareva
informata che – non acconsentendo infatti “lontana” dagli abusi d’oltre oceano, ma
spontaneamente alla somministrazione del è di pochi mesi fa la notizia di un’indagine ad
farmaco – la direzione didattica non avrà ampio spettro in 609 scuole francesi: il 12%
altra scelta se non quella di relegare il della popolazione studentesca oltralpe ha già
bambino in “classi speciali” – su modello di fatto uso di psico-farmaci. È interessante notare
quelle predisposte per i bimbi disabili o come in Italia, i punti (1) e (2) dello schema di
mentalmente ritardati – con tutti i problemi cui sopra sono stati portati a buon fine, ed è
conseguenti a tale isolamento e stato dato recentemente il via libera
ghettizzazione. Pur di non sottoporre il all’approvazione ed alla commercializzazione
proprio figlio a tale stress – un danno per lo
—9—
dei farmaci (punto n° 3); da poco sono stati il Procuratore della Repubblica di Torino
portati a buon fine i punti (4), (5) e (6), essendo Raffaele Guariniello ha recentemente iscritto
iniziati e terminati i primi progetti pilota di sul registro degli indagati 74 medici che
screening nelle scuole in molte regioni della prescivevano con frequenza psicofarmaci che
penisola, gestiti in autonomia da numerose ASL inducevano i bambini al suicidio. Il primo
direttamente presso le singole scuole. In maggio del 2000, negli USA è stata presentata
un’incredibile confusione di cifre, secondo i un’importante denuncia (nel Texas) contro
ricercatori dell’Istituto Mario Negri di Milano il l’Associazione Psichiatrica Americana, contro
disturbo colpirebbe non più del 7 per mille della l’Associazione per il Disturbo da Deficit di
popolazione scolastica; secondo il Dipartimento Attenzione e Iperattività (che riunisce famiglie
di neuropsichiatria infantile dell’Università di favorevoli alla scelta farmacologica) e contro le
Roma, il 3% dei bambini in età scolare; secondo aziende farmaceutiche che producono questi
una circolare dell’ASL di Nuoro tra il 5 ed il psicofarmaci (che risulta dagli atti abbiano
10% dei bimbi tra i 6 ed i 10 anni, e secondo finanziato in misura massiccia le attività della
infine l’ASL di Oristano circa il 20% (un prima e della seconda associazione citate). Sono
bambino su cinque dell’intera popolazione tutte accusate (riportiamo testualmente dai capi
scolastica!). d’imputazione) “di aver pianificato, cospirato e
Il “Progetto Prisma”, ricerca nazionale essere colluse, al fine di creare, sviluppare,
finanziata con fondi del Ministero per la Salute, promuovere e confermare la diagnosi della
ha recentemente presentando le proprie malattia ADHD, all’unico fine di vendere i
conclusioni: secondo questa indagine, 10 prodotti farmaceutici denominati … (segue
bambini su 100 in Italia presenterebbero i elenco)”. Nel settembre del 2000, altre cinque
sintomi del disagio mentale, ed andrebbero denunce similari sono state presentate nello
quindi sottoposti a terapie a base di Stato della California. Diversi esposti sono stato
psicofarmaci. Precisiamo inoltre che gli ritirati, altri archiviati, e di nuovi ne sono stati
screening vengono sovente presentati come recentemente presentati, ma al di là delle
indagini di carattere puramente statistico, ma modalità di conclusione di queste vertenze
hanno invece potenzialmente tutte le legali, ciò che emerge è un grande disagio su
caratteristiche della “schedatura” dei piccoli questo soggetto: negli ultimi 4 anni, 20 Stati
soggetti, in quanto riportano anche degli USA hanno approvato leggi che cercano
un’anagrafica del bambino (nome, data di di limitare il fenomeno, impedendo lo screening
nascita, scuola e classe, etc). In effetti presso indifferenziato dei bambini nelle scuole, fino
l’Istituto Superiore di Sanità è in corso di all’approvazione di un provvedimento Federale
predisposizione il “Registro nazionale dei di tutela dei bambini, recentemente votato con
bambini affetti da ADHD”, apparentemente allo 435 voti a favore ed uno solo contrario, il quale
scopo di garantire un’adeguata attenzione permette ai genitori di non sottoporre i propri
terapeutica a bimbi sofferenti di questa bambini a terapie a base di psicofarmaci, dal
“sindrome”. Diverse associazioni di genitori – i momento che fino all’approvazione di questa
cui figli paiono affetti da questi problemi legge coloro che si rifiutavano di somministrare
comportamentali e che hanno trovato nelle il farmaco potevano essere citati in giudizio per
terapie a base di psicofarmaci la soluzione ai negligenza, e la terapia poteva essere sommini-
disagi propri e dei propri bambini – strata coattivamente nonostante l’opposizione
promuovono intense campagne finalizzate ad sia dei genitori che dei figli. I soggetti
orientare l’opinione pubblica creando favorevoli alla somministrazione di
accettazione per la soluzione farmacologica, a psicofarmaci ai bambini sono passati però al
loro dire “l’unica soluzione efficace per questo ”contrattacco”, distribuendo in USA giornali a
genere di problema dei bambini, e comunque la fumetti che invitano bambini e ragazzi a
più rapida negli effetti”. richiedere loro stessi lo psicofarmaco in
famiglia, al fine di “non far preoccupare papà e
Per contro, la stessa giustizia ordinaria si sta mamma e non recare pregiudizio al lavoro della
occupando di questi sempre più frequenti abusi: insegnante ed al sereno svolgersi delle lezioni
— 10 —
agli altri alunni”. Questi libretti a fumetti sono appartiene Tuo figlio, Tuo fratello, il Tuo
stampati anche in Europa, e stanno venendo alunno? La realtà deludente, appena 5 anni
distribuiti massicciamente ad esempio in dopo l’intruduzione di questi “miracolosi
Germania, dove la stampa del fumetto in psicofarmaci di nuova generazione” è che i
questione è finanziata dalla casa farmaceutica farmaci anti-depressivi “…hanno una minima o
che produce lo psicofarmaco di elezione per nessuna efficacia sulla depressione infantile od
queste terapie. Un’ultima annotazione di adolescenziale”, come afferma la ricercatrice
carattere storico: il progetto dello screening dott.ssa Garland24. Inoltre gli effetti avversi agli
psicologico di massa dei bambini nelle scuole psicofarmaci spesso vengono confusi con un
venne ideato dal professor Goering (cugino del peggiorare della malattia, con il risultato che i
più noto gerarca nazista) nella Germania negli medici quasi sempre aumentano il dosaggio del
anni ‘30, e poi ampliamente applicato - in tempi farmaco anziché diminuirlo. Per tacere poi delle
successivi -nella Russia di Stalin. La medesima complicazioni di carattere giudiziario, con una
prudenza che deve animare gli operatori quando grande multinazionale del farmaco sotto accusa
si discute di sindrome da iperattività e deficit a New York, per aver deliberatamente per anni
dell’attenzione, dovrebbe animarli riguardo a occultato quattro importanti studi scientifici che
qualunque disagio di carattere psichico di provavano che un noto psicofarmaco per
bambini ed adolescenti, specie quando le terapie bambini induceva al suicidio, in quanto
prevedono l’uso massiccio di psicofarmaci, il (dichiaravano in circolari aziendali interne)
cui abuso nella somministrazione (o la “pubblicare tali ricerche avrebbe nuociuto al
repentina interruzione, che causa astinenza al profilo commerciale del prodotto”. La vertenza
pari di una comune droga da strada) è da verrà certamente “sistemata”
sempre più addetti ai lavori posta in relazione extragiudizialmente con il pagamento di multe
diretta con gli improvvisi ed imprevedibili ed indennizzi, ma è ormai sotto gli occhi di tutti
eccessi di violenza incontrollata – a volte che gli sforzi per stabilire una base scientifica
omicida od autodistruttiva – da parte di un per questi fenomeni e per i disagi propri dell’età
numero crescente di adolescenti. Per fenomeni dell’infanzia e dell’adolescenza sono
quali ad esempio la depressione, nella seconda seriamente compromessi dalla mole di ricerca
metà degli anni ’90 si abbandonarono gli non pubblicata, e dall’accettazione non critica
psicofarmaci di “vecchia generazione” e si dei dati pubblicati. La Food & Drug
incominciò a prescrivere entusiasticamente i Administration (il Ministerò della Sanità in
cosiddetti “inibitori della ricaptazione della USA) ha recentemente disposto che su tutte le
serotonina” (farmaci in grado di bloccare la confezioni di antidepressivi per uso pediatrico
ritrasmissione di un particolare neurotra- venga riportato in appositi riquadri (i cosiddetti
smettitore nel cervello, migliorando i sintomi “black box”) che tali prodotti possono indurre i
nei casi di depressione). Paroxetina, Fluoxetina, bambini al suicidio: basterà questa misura di
Sertralina, entrarono nel vocabolario di medici e sicurezza per limitare le prescrizioni
famiglie, fino alla pubblicazione delle più indiscriminate di psicofarmaci?
recenti ricerche scientifiche, che hanno Inoltre: chi assicura l’obiettività delle ricerche
dimostrato che se solamente 1 bimbo su 10 quando ad esempio il presidente
risponde in qualche modo al farmaco, per i dell’organizzazione inglese che recluta i
restanti 8 non c’è alcun miglioramento, mentre volontari per gli studi scientifici (mr. John Bell)
un altro bimbo su 10 ha reazioni avverse è anche direttore della casa farmaceutica
gravissime, che vanno dalla labilità emotiva al
tentativo di suicidio23. A quale categoria
New Drugs: An Analysis of Antidepressant
23
Medication Data Submitted, U.S. Food and Drug
prof. Irving Kirsch, University of Connecticut; dott. Administration; Prevention & Treatment, Volume 5,
Thomas J. Moore, The George Washington Article 23, 15/07/2002
University School of Public Health and Health 24
Services; prof. Alan Scoboria e prof. ssa Sarah S. prof. Jane Garland, ordinaria di Psichiatria Clinica
Nicholls, University of Connecticut; The Emperor's all’Università di British Columbia (Canada)

— 11 —
Roche? Con questo livello di coinvolgimento, si numero due nelle vendite.
sentirà veramente obbligata una casa Si invitano tutti i genitori, gli insegnanti e gli
farmaceutica a pubblicare informazioni sulla operatori che hanno quotidianamente a che fare
inefficacia o sulla pericolosità di uno dei propri con bambini e ragazzi, a riflettere e ad
prodotti? informarsi attentamente sulle vere origini di
Il fatto è che il farmaco è ridotto a mera merce, questa “sindrome” e di altre “malattie mentali”
e proprio questa riduzione a merce è stata dell’infanzia e dell’adolescenza. Una diagnosi
denunciata qualche anno fa dal Guardian a di “ADHD” troppe volte ha significato: “Tuo
proposito di uno psicofarmaco che non trovava figlio sembra vivace e scatenato come tutti i
uno sbocco commerciale adeguato. Come si fa bambini della sua età, a volte è davvero
per un prodotto qualsiasi, la ditta in questione ingestibile…in realtà è un malato di mente”.
(GlaxoSmithKline) ha affidato ad una agenzia Soluzioni forse appropriate per dei “casi
competente in pubbliche relazioni, la Cohn & estremi” rischiano quindi di venir esportate su
Wolfe, la promozione del prodotto,. “Il modus di una quota veramente significativa della
operandi della GlaxoSmithKline – scrive il popolazione studentesca. Ma quale base
Guardian – è decisamente tipico: promuovere il scientifica può avere la diagnosi di una malattia
mercato di una malattia piuttosto che vendere ottenuta grazie alla compilazione di questionari,
un farmaco”. Attraverso campagne volte ad basati su opinioni, ricordi ed interpretazioni del
attirare persone insicure ed in crisi a comportamento di un bambino, spesso rilevate
riconoscersi in una nuova malattia, il considetto da parte di un estraneo che non conosce nei
“disturbo d’ansia generalizzato”, con l’ausilio dettagli il suo ambiente familiare e sociale?. Il
di pubblicità ma anche con partecipazione a nostro è un invito alla riflessione ed alla
trasmissioni televisive di grande ascolto è stata discussione animate dal buon senso, un invito
creata nel pubblico l’attesa per una risposta alla prudenza ed un appello a rivolgersi a due o
farmacologica a tale “disturbo”. Una volta più specialisti, per verificare con puntiglio ogni
preparato il terreno ed ottenuta l’approvazione eventuale diagnosi e per non restare - magari in
da parte delle autorità, il farmaco è stato gettato tutta buona fede - vittima delle apparenze. È in
sul mercato, ovviamente preparando anche gli gioco il futuro e la salute dei nostri coetanei,
specialisti a prescriverlo. Il Guardian, che figli, allievi, nipoti.
riprende un articolo del periodico USA “Mother Per un’analisi esaustiva di tutti gli aspetti
Jones”, cita con nome e cognome i ricercatori scientifici e bioetici del problema è opportuno
che, pur essendo sul libro paga della casa rimandarvi alla navigazione del portale
farmaceutica produttrice, si spacciavano per www.giulemanidaibambini.org da cui abbiamo
esperti indipendenti. Risultato: nel giro di due liberamente attinto il materiale necessario per la
anni il farmaco in questione (il Paxil, ndr) aveva costruzione di questo piccolo opuscolo
soppiantato un altro farmaco concorrente come informativo.

IL NIDO DEL CUCULO


www.nido-del-cuculo.anti-psichiatria.com
Trasmissione radiofonica antipsichiatrica a cura di Tristano Ajmone e Paola Peste.

OGNI GIOVEDÌ // ORE 16:00—17:00


su Radio Blackout 105.250 FM (Torino)
www.radioblackout.org
Ascoltabile via internet streaming:
http://stream.radioblackout.org/blackout.mp3

— 12 —
Appendice 1
Patologie e condizioni che possono mimare l'ADHD
IMPORTANTE: CI SONO TUTTA UNA SERIE DI VERE PATOLOGIE PEDIATRICHE CHE
POSSONO "MIMARE" L'ADHD, OVVERO CHE PRESENTANO CARATTERISTICHE E
SINTOMI DEL TUTTO SIMILI E SOVRAPPONIBILI. ETICHETTARE COME "ADHD" UN
BAMBINO, SIGNIFICA SPESSO METTERSI IN CONDIZIONE DI NON POTER
IDENTIFICARE IL VERO MOTIVO DEL DISAGIO E POI RISOLVERLO.....
«PSEUDO ADHD», ovvero patologie e condizioni che possono mimare l'ADHD (a cura del dott.
Claudio Ajmone):

www.pseudo-adhd.oism.info

1. Abusi Sessuali e fisici 19. Autismo infantile


2. Ansia da separazione 20. Sindrome di Rett
3. Ansia generalizzata 21. Disturbo disintegrativo dell'infanzia
4. Bambini prodigio 22. Sindrome di Asperger
5. Bambini viziati 23. Disturbi generalizzati dello sviluppo non
6. Bambini indisciplinati altrimenti specificati (comprendenti
l'autismo atipico dell'ICD-1O)
7. Bulimia
24. Sindrome iperattiva associata a ritardo
8. Depressione mentale e movimenti stereotipati (ICD-
9. Disordine da stress post traumatico 10).
10. Disturbo Oppositivo-provocatorio 25. Enuresi
11. Disturbi dell'Adattamento con sintomi di 26. Encopresi
Disturbo della condotta 12.Disturbo della 27. Fobia sociale
Condotta
28. Gioco d'azzardo
13. Disturbi dell'Umore
29. Problemi situazionali, ambientali,
14. Disturbo ossessivo compulsivo familari, scolastici, qualità dellavita

A — Problematiche Psicologiche Psicosi:


30. Dissociativi
Disturbi specifici dell'apprendimento:
31. Disturbo bipolare
15. Disturbo del Calcolo
32. Disturbi di personalità
16. Disturbo della Coordinazione Motoria
(DSM-IV), Disturbo evolutivo specifico 33. Mania
della funzione motoria (ICD- 10) 34. Schizofrenia
17. Disturbo della Lettura 35. Ritardo mentale ambientale
18. Disturbi Specifici della scrittura o 36. Sindrome di Gilles de la Tourette
dell'espressione scritta Disturbo pervasivo 37. Tics
dello sviluppo:

— 13 —
B — Patologie Mediche 73. Meningite
38. Accesso subclinico post traumatico 74. Tonsillite
39. Akatisia 75. Streptococco Beta-Emolitico (infezione
da)
40. Allergie 41. Anemia
76. Integrazione sensoriale (disfunzione)
42. Ascessi del Lobo frontale
77. Ipersensibilità elettrica
43. Asma bronchiale
78. Ipertiroidismo
44. Cardiache (malattie e disfunzioni)
79. Ipotiroidismo
45. Celiachia
80. Ipoglicemia
46. Cisti cerebrali
81. Ipossia (malattia cardiaca congenita,
47. Corea
disordine del sonno, asma, deterioramento
48. Diabete precoce ventilatorio cronico, instabilità
49. Emicrania respiratoria)
50. Epilessia 82. Lesioni del sistema colinergico corticale
51. Ferite e danni alla testa della porzione basale del cervello
anteriore
52. Fibromialgia Genetiche:
83. Lupus Eritematoso Sistemico
53. Deficienza della CoA-transferasi dei 3-
oxoacidi 84. Malattia di Legg-Calvé-Perthes
54. Disordine primario di vigilanza (sindrome 85. Metabolici (disordini)
di Weinberg) 86. Monossido di carbonio (avvelenamento
55. Distrofia miotonica congenita o giovanile da)
56. Emofilia 87. Obesità
57. Fenilchetonuria 88. Otite media
58. Incrementata attività nucleotidase 89. Parassiti intestinali (infestazione)
cellulare 90. Parto (complicazioni da)
59. Lunghezza del cromosoma Y 91. Perinatali (fattori sfavorevoli)
60. Malattia di Wilson 92. Porfiria
61. Mosaicismo trisomia 17 93. Prenatali (scarsa salute e malnutrizione
62. Sindrome cromosoma 8 ad anello della madre, uso di droghe)
63. Sindrome di Dubowitz 94. Problemi spinali
64. Sindrome di Down 95. Ritardo mentale biologico e genetico
65. Sindrome di Prader-Willi 96. Rene (malattia renale cronica)
66. Sindrome di Rett 97. Sindrome delle gambe irrequiete
67. Sindrmome velo-cardio-facciale 98. Sindrome da stanchezza cronica
68. Sindrome X fragile 99. Sonno (disturbi del)
69. Inalamento volontario o involontario di 100. Sistema di complemento (deficit nel
sostanze sangue di proteine di difesa contro le
infezioni virali e batteriche, es. proteina
Infezioni: C4B)
70. Adenoidite 101. Tossine (esposizione alle)
71. Candida Albicans Tumori:
72. Encefalite virale 102. Cerebrali incipienti
— 14 —
103. Neoplasie del Lobo frontale 135. Dieta errata
104. Neuroepiteliale disembrioplastico 136. Ferro (carenza di)
105. Neurofibromatosi tipi 137. Iodio (carenza di)
106. Udito (disordine dei processi centrali 138. Magnesio ionico (carenza di Mg(2+)
auditivi) 139. Malnutrizione
107. Vasculopatia lenticolostriata 140. Manganese (alto livello di)
Vista 141. Magnesio (carenza di)
108. Acuità visiva lontano 142. Omega 3 (carenza di)
109. Acuità visiva vicini 143. Rame (carenza di)
110. Convergenza 144. Vitamine (eccesso di)
111. Disfunzione accommodativa 145. Vitamina B (carenza di)
112. Inseguimento 146. Zinco (carenza di)
113. Integrazione visuomotoria
114. Iperopia E — Situazioni Sfavorevoli
115. Stereopsi 147. Affaticamento
116. Visione del colore 148. Chemioterapia per il cancro
117. Vivacità fisiologica 149. Dolore fisico
150. Fame
C — Sostanze psicotrope
Medicinali (principi attivi)
118. Acido d-lisergico (LSD) 151. Antiallergici da banco che contengono
119. Alcool antistaminici o stimolanti
120. Caffeina 152. Antibiotici
121. Cocaina 153. Sinusite: medicinali da banco che
122. Colle e aerosol (inalazione) contengono antistaminici o stimolanti
123. Eroina 154. Raffreddore: medicinali da banco che
contengono antistaminici o stimolanti
124. Fenilciclidina (PCP)
155. Sonniferi che compromettono la
125. Marijuana concentrazione e vigilanza
126. Nicotina
Antiasmatici
D — Alimentazione 156. Antistaminici
157. Ephedrine
Amminoacidi (carenza):
158. Pseudoephedrine
127. Fenilalanina
159. Teofillina
128. Tirosina
Antidepressivi
129. Triptofano
160. Citalopram
130. Istidina
161. Escitalopram
131. Isoleucina
162. Fluoxetina
132. Calcio (carenza di)
163. Fluvoxamina
133. Conservanti alimentari
164. Paroxetina
134. Coloranti sintetici alimentari
165. Sertralina

— 15 —
Antiepilettici 198. Nuove tecnologie (uso intensivo e/o
166. Carbamazepina precoce del computer, videogiochi,TV)
167. Divalprex Sodio Steroidi
168. Fenitoina 199. 4-chlorodehydromethyltestosterone
169. Gabapentin 200. Boldenone Undecilenato
Antipsicotici 201. Fluossimesterone
170. Aloperidolo 202. Mesterolone
171. Clorpromazina 203. Metandrostenolone/ metandienone
172. Flufenazina 204. Metenolone Enantato
173. Olanzapina 205. Mibolerone
174. Proclorperazina 206. Nandrolone Decaonato
175. Quetiapina 207. Nandrolone Fenilpropionato
176. Risperidone 208. Ossimetolone
177. Tioridazina 209. Ossandrolone
178. Tioxanteni 210. Stanozololo
Barbiturici 211. Trenbolone
179. Amobarbital 212. Testosterone (variamente esterificato)
180. Butabarbital 213. Prednisone
181. Fenobarbital
F — Inquinamento Ambientale
182. Pentobarbital
214. Alluminio (alti livelli)
183. Secobarbital
215. DDT
Stimolanti del SNC, inclusi gli stessi
216. PCB (policlorobifenili)
farmaci usati per curare l'ADHD
217. Piombo (moderati o alti livellidi)
184. Desossiefedrina
218. Mercurio (alto livello di)
185. Destroamfetamine
186. Metilfenidato
187. Pemolina
Tranquillanti minori, sedativi, sonniferi
188. Alprazolam
189. Clonazepam
190. Clordiazepossido
191. Diazepam
192. Flurazepam
193. Lorazepam
194. Triazolam
Stabilizzanti dell'umore
195. Litio carbonato
196. Verapamil
197. Movimento (mancanza di esercizio)

— 16 —