Sei sulla pagina 1di 8

HOUSING SOCIALE PER

PERSONE FRAGILI
Bando senza scadenza

BANDI 2021. SERVIZI ALLA PERSONA

Pagina 1 di 8
Indice

1. PREMESSA ....................................................................................................................................................... 3
2. IL CONTESTO ................................................................................................................................................... 3
3. GLI OBIETTIVI .................................................................................................................................................. 4
4. LINEE GUIDA ................................................................................................................................................... 5
4.1 Soggetti destinatari .................................................................................................................................. 6
4.2 Progetti ammissibili .................................................................................................................................. 6
4.3 Criteri ........................................................................................................................................................ 7
4.4 Progetti non ammissibili ........................................................................................................................... 8
5. BUDGET DISPONIBILE, SPESE AMMISSIBILI E/O INAMMISSIBILI ..................................................................... 8
6. COMUNICAZIONI E INFORMAZIONI ................................................................................................................ 8
7. SINTESI* .......................................................................................................................................................... 8

Pagina 2 di 8
Housing sociale per persone fragili

residenziale e rinviano a soluzioni caratterizzate da


1. PREMESSA
uno o più dei seguenti elementi:
Il bando Housing per persone fragili è un bando
• l’offerta di alloggi adeguati ma anche di servizi
senza scadenza che si inserisce nell'obiettivo
flessibili di accompagnamento a intensità
strategico Abitare sociale: promuovere il welfare
variabile;
abitativo, l'housing sociale e la rigenerazione
• la temporaneità della risposta, che implica
urbana.
accoglienze con tempi definiti in partenza (brevi
o medi) e forme di ospitalità che escludono la
2. IL CONTESTO locazione e rinviano a formule diverse2;
• l’adattabilità della risposta, che mette al centro
La casa e l’abitare sono dimensioni fondamentali la persona perché l’obiettivo di potenziare,
per la qualità della vita di ognuno di noi e lo sono sperimentare o mantenere le sue abilità – in
ancora di più per le persone che affrontano una evoluzione nel tempo – passa anche dalla
particolare fragilità, come chi sta cercando di versatilità adattiva del servizio residenziale
riconquistare una piena autonomia (per esempio stesso;
dopo percorsi di accoglienza protetti o partendo da • la capacità di collocarsi in modo intermedio
condizioni di forte marginalità)1, chi vuole nella gamma di soluzioni esistenti tipicamente
sperimentare le proprie possibilità di vita polarizzate tra il proprio domicilio / il libero
indipendente (come persone con disabilità), o chi mercato (privo di presidi) e le risposte ad alta
invece sta perdendo progressivamente la propria protezione (spesso eccessiva in partenza o che
autosufficienza (una quota crescente di persone lo diventa a un certo punto del percorso
anziane) o ancora chi ha un’esigenza alloggiativa individuale).
temporanea e vincoli di reddito (si pensi al
fenomeno della migrazione sanitaria, ai lavoratori Tutte soluzioni che - soprattutto in questa fase
temporanei, ai separati...). La dimensione abitativa storica - devono avere una forte tensione verso
rappresenta uno spazio cruciale sia per recuperare, efficacia ed efficienza: possono quindi rispondere in
mettere alla prova, mantenere la capacità di vita modo più adeguato ai singoli bisogni e con costi
autonoma di chi è fragile sia per affrontare fasi inferiori per la collettività e la persona stessa.
anche molto transitorie di difficoltà, e – se
declinata in modo mirato - può migliorare Pur avendo sostenuto numerosi interventi3, le
in modo determinante la condizione di risposte di “abitare sociale” sono attualmente
benessere delle persone. ancora insufficienti in molti dei territori ove
interviene Fondazione Cariplo. Si registrano
Tali bisogni abitativi richiedono attenzioni difficoltà da parte degli enti, che operano o
particolari che vanno al di là della semplice risposta intendono operare in tale ambito, nel disporre

1 A titolo esemplificativo e non esaustivo: neomaggiorenni in


3 Dal 2000 Fondazione Cariplo ha sostenuto 347 progetti
uscita da comunità, nuclei mamma-bambino, persone in uscita attraverso le varie versioni del bando “Housing sociale”,
da strutture terapeutiche e riabilitative per disturbi di salute deliberando contributi per oltre 64 milioni di euro (dati
mentale o problemi di dipendenza, vittime di tratta o violenza, al 31/12/2020).
rifugiati, o detenuti in misura alternativa-ex detenuti, rom e sinti,
persone senza fissa dimora...
2 Come per esempio accordi di ospitalità che richiedono una
responsabilizzazione e una compartecipazione graduale
dell’utenza, convenzioni che prevedono rette a carico degli enti
pubblici o delle famiglie, donazioni libere o rimborsi spese con
accordi di comodato...

Pagina 3 di 8
stabilmente di alloggi, sia nel reperirli a condizioni non disponibili. Nel concreto, il Bando intende
agevolate sia nel trovare risorse per gli eventuali sostenere interventi che dimostrino di:
adeguamenti. Gli enti affrontano problematiche
anche nella fase di avvio gestionale e di 1. aumentare l’offerta di alloggi sociali e di
strutturazione del servizio, prima che le diverse attivare, ove necessario, percorsi di
componenti operative entrino a pieno regime. Allo accompagnamento e di sostegno all’autonomia
stesso tempo, esistono opportunità di delle persone accolte, nonché di integrarsi nella
valorizzazione a scopi sociali di patrimonio rete dei servizi;
immobiliare inutilizzato o sottoutilizzato insieme a 2. massimizzare l’accessibilità economica dei
possibilità di riqualificazione energetica dello servizi di ospitalità favorendo così le categorie
stesso, che permetterebbero un contenimento dei più deboli;
costi a regime e un minor impatto ambientale4. 3. porre attenzione al risparmio energetico e
all’abbattimento dei gas serra e contenere i
Fondazione Cariplo è ben consapevole che negli costi gestionali a regime (concretamente
ultimi anni il disagio abitativo si è acuito in significa che i progetti che prevedono interventi
generale, estendendosi a fasce sempre più di ristrutturazione di immobili o porzioni di
ampie di popolazione a causa dell’evoluzione immobili - dotati di impianto termico autonomo
di alcune dinamiche sociali ed economiche – devono avere come obiettivo anche una
(carriere lavorative discontinue, percorsi riduzione dei consumi di energia da fonti fossili
migratori, indebolimento delle reti primarie, pari ad almeno il 20% rispetto alla situazione di
crescita del costo degli immobili e degli affitti...). Il partenza del bene6).
sempre più elevato bisogno di alloggi in locazione
permanente a costi calmierati, per quelle persone Contemporaneamente agli obiettivi legati
che non riescono ad accedere né al libero all’aumento e all’accessibilità di opportunità
mercato né all’edilizia sovvenzionata, sarà in abitative, il bando può sostenere, ove opportuno,
parte soddisfatto attraverso i programmi varati anche la realizzazione di “sistemi territoriali” di
mediante il Piano Casa nazionale. Fondazione housing sociale, che mirino a mettere in rete
Cariplo sostiene tali interventi attraverso il l’offerta abitativa esistente e gli attori coinvolti, e a
Fondo Immobiliare di Lombardia - Comparto favorire percorsi di miglioramento e integrazione
Uno (già Fondo Immobiliare Etico Abitare Sociale gestionale; tutto ciò al fine di rendere le comunità
1) gestito da REDO SGR e attraverso locali maggiormente pronte a intercettare e a
Fondazione Housing Sociale5. Tali forme di risposta rispondere alle varie forme di domanda abitativa,
non sono quindi oggetto del presente bando. garantire maggiore sostenibilità economica ai
servizi realizzati nonché ottimizzare i tassi di turn
over e saturazione dei posti disponibili.
3. GLI OBIETTIVI
A partire da un’analisi del bisogno e dell’offerta
Attraverso questo Bando Fondazione Cariplo sceglie esistente sul territorio di riferimento, che sarà
quindi di sostenere, con contributi a fondo perduto, compito dell’ente proponente fornire in sede di
l’avvio di nuovi interventi di abitare sociale, richiesta di contributo, il bando intende
promossi da soggetti non-profit, capaci di rivolgersi promuovere e quindi sostenere le seguenti tipologie
in modo mirato alle categorie sociali più bisognose di risposta:
e di mobilitare e catalizzare risorse locali altrimenti

4 Si ritiene che la riqualificazione energetica sia un processo Gli obiettivi della strategia sono stati fissati dai leader dell’UE nel
virtuoso che non può più essere evitato nel momento in cui si va 2007 e sono stati recepiti nelle legislazioni nazionali nel 2009.
a intervenire su un edificio. Da un lato abbattere i consumi di Sono anche i principali obiettivi della strategia “Europa 2020” per
energia (elettrica e termica) permette di ridurre una parte dei una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva e l’UE ha avviato
costi gestionali ordinari e migliora le prospettive di sostenibilità iniziative in diversi settori per raggiungerli. Nel settore
del servizio di accoglienza a regime. Dall’altro una riduzione dei dell’housing sociale, dove la componente di hardware dei servizi
consumi energetici comporterebbe sia l’abbattimento di è cruciale, questi temi devono essere ben presenti con un’ottica
emissioni inquinanti, con conseguenti effetti benefici sulla salute che combini in modo virtuoso sfide sociali e ambientali.
umana, sia un contributo al raggiungimento degli obiettivi 5 Per approfondimenti: www.fhs.it/fondo-immobiliare-di-
previsti dall’Unione Europea nel cosiddetto “pacchetto Clima – lombardia-comparto-uno/
Energia 2020”. Si sottolinea che il pacchetto definisce tre obiettivi 6 Questo obiettivo può essere perseguito aumentando

principali: l’efficienza energetica o mediante l’utilizzo di impianti per la


• riduzione del 20% delle emissioni di gas a effetto serra produzione di energia da fonte rinnovabile.
(rispetto ai livelli del 1990);
• 20% del fabbisogno energetico ricavato da fonti rinnovabili;
• miglioramento del 20% dell'efficienza energetica.

Pagina 4 di 8
1. alloggi per l’autonomia e l’inclusione sociale7, 4. LINEE GUIDA
rivolti a persone o nuclei in condizione di
fragilità socio-abitativa per le quali è possibile Il Bando intende sostenere interventi:
ipotizzare un’autonomia nel breve-medio
periodo; le persone, seguite da figure • su unità immobiliari chiaramente identificate,
educative, sono inserite all’interno di un più che l’ente proponente dimostri di avere in
ampio percorso di accompagnamento disponibilità con un titolo e per un periodo di
individuale e di reinserimento sociale; tempo congrui rispetto agli obiettivi previsti e
2. alloggi per l’autonomia “potenziale”, rivolti a agli investimenti preventivati; non sono
persone per le quali si ritengono necessari ammessi interventi di nuova costruzione che
percorsi graduali di avvicinamento alla vita prevedono consumo di suolo ma solo interventi
indipendente, in particolare alle persone con di valorizzazione a costo contenuto di
disabilità che sperimentano percorsi di “dopo di patrimonio immobiliare inutilizzato o
noi – durante noi” (palestre di autonomia, sottoutilizzato8;
scuole di vita autonoma, ma anche soluzioni più • con un chiaro modello gestionale che identifichi
stabili come microcomunità, appartamenti i beneficiari, gli enti coinvolti (proprietario,
protetti...); gestore, invianti, risorse utili per l’uscita
3. alloggi per l’autonomia “residua”, rivolti a dall’accoglienza...) e i possibili servizi di
persone anziane che si trovano ad affrontare accompagnamento ipotizzati.
forme di fragilità connesse all’invecchiamento e
che necessitano di risposte a prevalente Unitamente all’accurata compilazione online del
contenuto abitativo che si pongano a un livello Modulo progetto e all’invio dei documenti standard
di protezione intermedio tra il sostegno al richiesti dalla Guida alla Presentazione, i proponenti
domicilio e l’inserimento in RSA; dovranno fornire un quadro esaustivo in merito alle
4. strutture di ricettività temporanea rivolte a due componenti progettuali - immobile e gestione -
destinatari con esigenze abitative a basso nella sezione Allegati del Modulo on line, come di
costo, di natura temporanea, anche di seguito specificato.
brevissima durata (come parenti di degenti
ospedalieri, lavoratori temporanei da fuori La proposta dovrà quindi contenere, da un lato,
Regione...); non è necessario, nella documentazione e chiare informazioni rispetto alla
maggioranza dei casi, alcun tipo di percorso di componente immobiliare del progetto, e in
accompagnamento socio-educativo dedicato. particolare:

Sono possibili progetti che contemplino una o più • titolo di disponibilità dell’immobile oggetto
delle tipologie di risposta sopra indicate, dell’intervento (documento che specifichi
eventualmente inseriti in interventi più ampi, ma natura e durata del titolo: proprietà, diritto di
coerenti, integrabili e fattibili nel loro insieme; ciò al superficie, comodato, locazione,…) e garanzie
fine di realizzare, ove possibile, forme miste e sulla destinazione d’uso vincolata alle finalità
integrate di offerta, che rispondano a diverse progettuali9;
esigenze abitative in termini di durata, • planimetria con chiara indicazione del numero
accompagnamento, spazi e quindi a diverse fasce di di posti attivabili attraverso l’intervento e della
bisogno (come ad esempio alloggi per l’autonomia distribuzione degli spazi con specifica dei metri
per neomaggiorenni combinati con posti di quadri (evidenziando l’esistente e le modifiche
ricettività temporanea per padri separati, palestre prospettate);
di autonomia per persone con disabilità intellettiva • eventuale progettazione tecnica (relazione
medio-lieve affiancate da alloggi per persone o tecnica, elenco opere da realizzare...);
famiglie con limitata capacità reddituale per motivi • eventuali preventivi delle spese ammortizzabili
contingenti...). (computo metrico, preventivi arredi...);

7 Tale tipologia include anche risposte


attualmente normate quali patrimonio destinato a Edilizia Residenziale Pubblica allegando
alloggi per l’autonomia di nuclei mamma-bambino, alloggi per anche specifiche delibere dell’Ente proprietario e di Regione
l’autonomia di neomaggiorenni in uscita da comunità, alloggi di Lombardia o Regione Piemonte, oltre al nuovo vincolo di
residenzialità leggera per persone con problemi di salute destinazione per housing sociale con durata congrua agli
mentale. investimenti ipotizzati.
8 Sono ammessi anche interventi radicali di recupero di

volumetrie esistenti con demolizione e ricostruzione.


9 Nel caso di interventi che coinvolgano uno o più immobili di

proprietà pubblica è necessario garantire lo scorporo dal

Pagina 5 di 8
• cronoprogramma degli eventuali lavori di abitazione o in convitti/pensionati. In linea
ristrutturazione e previsione dei primi ingressi; generale, piuttosto che soluzioni individuali (un
• materiale fotografico; appartamento per persona o nucleo), Fondazione
• documentazione a supporto dell’obiettivo predilige soluzioni di co-housing tra beneficiari
minimo di risparmio energetico, vale a dire fragili, che pur garantendo spazi di privacy, offrano
quante più informazioni possibili per calcolare i spazi comuni, al fine di stimolare forme di
consumi attuali e futuri dell’immobile (bollette condivisione e socialità, aumentare l’accessibilità
energetiche, certificazione energetica pre e economica e incoraggiare – in prospettiva - anche
post-intervento, diagnosi energetica pre e post- l’uscita dal servizio, laddove prevista. Nel caso di
intervento10 o altra documentazione che l’ente soluzioni miste o di progetti di ‘sistema territoriale’,
ritiene utile allo scopo). che contemplino più tipologie di risposta tra quelle
finanziabili, sarà necessario articolare un modello di
Dall’altro lato, la proposta dovrà contenere dettagli gestione che tenga in adeguata considerazione la
sulla gestione del servizio, in relazione alla diversa compresenza di target con esigenze diverse,
tipologia di intervento scelta e ai possibili evitando di proporre un’impostazione generica che
destinatari, e nello specifico: non offre garanzie di governo della complessità
anticipata.
• modalità di compartecipazione degli ospiti e/o
degli enti invianti;
• strumenti gestionali (carta del servizio, 4.1 Soggetti destinatari
regolamento degli alloggi, accordo/contratto
tipo di ospitalità, ...) anche in forma di bozza che Le regole relative all'ammissibilità degli enti
specifichino ad esempio i target, i criteri di richiedenti sono illustrate nei Criteri generali per
accesso e le condizioni/tempi di ospitalità, i l’ammissibilità ai Contributi, comune a tutti i bandi
servizi offerti e la loro modularità (in senso della Fondazione.
decrescente o incrementale a seconda della
fase del percorso), il personale coinvolto...;
• i compiti dell’ente gestore e di eventuali altre 4.2 Progetti ammissibili
organizzazioni del territorio e, ove presenti,
convenzioni o accordi con altri enti (es. Per essere considerati coerenti e ammissibili alla
proprietari, enti invianti, soggetti rilevanti della valutazione, i progetti dovranno:
filiera dei servizi di presa in carico, attori del
mondo dell’abitare che sono al di fuori dei • prevedere l’oggetto dell’intervento all’interno
‘circuiti protetti del mercato sociale’ utili per dell’area che comprende la Lombardia e le
l’uscita dall’accoglienza...); province di Novara e del Verbano-Cusio-Ossola;
• “Documento pluriennale costi-ricavi” (format • formulare una richiesta di contributo alla
disponibile online) in cui inserire una previsione Fondazione Cariplo non inferiore a euro 25.000
triennale dell’impianto costi-ricavi che avrà il e non superiore a euro 350.000;
servizio di housing sociale. • formulare una richiesta di contributo non
superiore al 50% dei costi di progetto;
In caso di partenariato, i documenti previsti dalla • riguardare l’avvio di un nuovo servizio o il
Guida alla presentazione. potenziamento di uno esistente e non la
Nel rispetto e coerentemente con le peculiarità gestione o il semplice rilancio di un servizio già
delle tipologie finanziabili (alloggi per l’autonomia o operativo;
l’inclusione sociale, alloggi per l’autonomia • imputare quindi nel costo totale
“potenziale”, alloggi per l’autonomia “residua”, esclusivamente i costi incrementali legati
alloggi di ricettività temporanea, soluzioni miste), all’attivazione di nuovi posti, siano essi di
l’ospitalità potrà essere individuale o in natura ammortizzabile (per es. ristrutturazione,
condivisione, in alloggi indipendenti e autonomi o in riqualificazione energetica11, arredo, …) o
camere con servizi comuni, in appartamenti di civile

10 La diagnosi energetica è considerata obbligatoria per i progetti e di illuminazione; impianti di micro-cogenerazione, sistemi
che prevedono costi di ristrutturazione superiori a 100mila euro. di gestione dell’energia e di telecontrollo;
11 In particolare saranno ammessi i seguenti interventi: • integrazione di fonti rinnovabili nell’ambiente costruito –
• riqualificazione energetica degli edifici e degli impianti ad esempio collettori solari termici, moduli fotovoltaici,
termici – ad esempio riqualificazione degli involucri edilizi pompe di calore, impianti a biomassa (scarti vegetali o
per la riduzione delle dispersioni termiche, impianti biomassa prodotta con coltivazioni energetiche sostenibili
efficienti di riscaldamento, raffrescamento, di ventilazione locali).

Pagina 6 di 8
gestionale al massimo dei primi 12 mesi di avvio • ipotesi di sostenibilità futura (sociale,
(per es. selezione-formazione operatori, economica, organizzativa);
sensibilizzazione enti invianti, famiglie e • qualità ed efficacia della gestione sociale degli
comunità, prime accoglienze…); alloggi, coerentemente con i destinatari e le
• imputare nel costo totale esclusivamente i costi tipologie di risposta attivate;
maturati dopo l’invio del progetto; • ove necessario, qualità ed efficacia dei percorsi
• valorizzare patrimonio immobiliare esistente; di accompagnamento individuale, in termini di
• nel caso di contributi destinati a coprire capacità di promuovere un reale protagonismo
interventi su beni immobili, riguardare edifici il delle persone ospitate nella scelta del loro
cui proprietario (se non coincide con il percorso di autonomia e di attivare altri servizi
richiedente) garantisca al richiedente la e strumenti fuori progetto (es. fruizione di
disponibilità dell’immobile con un titolo che servizi diurni, formazione o inserimento
abbia natura e durata congrua rispetto agli lavorativo, mediazione culturale, orientamento
investimenti e alle prospettive di stabilità del alle opportunità del territorio, riattivazione
servizio; della sfera relazionale...), rendendo credibile il
• nel caso di progetti inseriti in interventi più raggiungimento, la sperimentazione effettiva o
ampi, includere nel costo totale unicamente i il mantenimento dell’autonomia possibile di
costi direttamente imputabili alle tipologie di ciascun ospite;
intervento ammissibili con il presente bando, • pianificazione della fase di sgancio dei
evidenziando chiaramente i criteri di beneficiari, ove la risposta abitativa sia
attribuzione in quota parte; temporanea;
• nel caso di contributi destinati a coprire • capacità di valorizzare le risorse (immobiliari,
interventi su beni immobili, documentare servizi, volontariato,..) già presenti sul
l’obiettivo di ridurre i consumi di energia da territorio;
fonti fossili di almeno il 20% rispetto alla • fruibilità ed apertura del progetto/servizio
situazione di partenza del bene. verso il condominio, il quartiere e il territorio
locale;
• capacità di sensibilizzare, coinvolgere e
4.3 Criteri responsabilizzare adeguatamente la comunità
locale e il vicinato attivo, soprattutto in termini
Saranno privilegiati i progetti che dimostrino: di potenziamento della componente
relazionale del servizio di ospitalità offerto;
• qualità e pertinenza dell’analisi del contesto • capacità di innovazione nel disegno di risposte
(fotografia qualitativa, quantitativa e residenziali multi-beneficiario e attenzione più
contestualizzata nel territorio di riferimento dei generale al tema della mixitè funzionale e
servizi residenziali e non legati al target, sociale dei contesti in cui si promuovono gli
descrizione delle carenze e dei bisogni scoperti interventi (condomini solidali, forme di
cui si intende rispondere, oltre che del percorso cohousing anche con famiglie residenti
che ha portato al progetto); vicine...);
• fattibilità e rapida cantierabilità dell’iniziativa • capacità di coinvolgere imprese sociali, e in
sia dal punto di vista immobiliare che di particolare cooperative di tipo B12, impegnate
gestione sociale; nell’inserimento lavorativo di persone
• grado di massimizzazione dell’accessibilità svantaggiate, nelle azioni di progetto, ad
economica dei servizi di ospitalità, da evincersi esempio affidando loro i lavori di
soprattutto all’interno di documenti quali carta ristrutturazione (in tutto o in parte) o altre
dei servizi, regolamento e criteri di accesso, forniture (per esempio l’arredo);
convenzioni o altri accordi; • capacità di inserirsi in modo stabile nella filiera
• completezza e congruità del piano economico dei servizi del territorio, connettendosi con il
di spesa, anche in termini di costo-opportunità sistema di programmazione degli interventi e
dell’intervento immobiliare; integrandosi fortemente con le altre politiche e
• credibilità del piano di copertura, con misure di intervento esistenti;
particolare riferimento alla capacità di • credibilità degli strumenti di monitoraggio dei
individuare nuovi attori e altre forme di percorsi individuali e del servizio nel suo
finanziamento degli interventi; complesso, con l’indicazione quantitativa dei

12 Sia in qualità di fornitori che di partner.

Pagina 7 di 8
risultati attesi (persone accolte e • già realizzati in tutto o nella quasi totalità al
accompagnate con successo all’autonomia momento della domanda di contributo (ad es.
possibile, tasso di saturazione dei posti, tempi ripianamento di debiti e mutui);
medi di permanenza...); • coincidenti con la gestione ordinaria delle
• nel caso di servizi residenziali per persone attività usualmente svolte dall’organizzazione
anziane o persone con disabilità, richiedente.
sperimentazione dell’applicazione di tecnologie
domotiche, con l’obiettivo di promuovere il 5. BUDGET DISPONIBILE, SPESE
mantenimento o il potenziamento delle AMMISSIBILI E/O INAMMISSIBILI
autonomie e migliorare la sicurezza e la qualità
della vita; Il budget a disposizione per il 2021 è di €3.000.000.
• chiara quantificazione del risparmio economico
generato dagli interventi di riqualificazione
6. COMUNICAZIONI E INFORMAZIONI
energetica;
• riduzione dei consumi di energia da fonte
La Fondazione, in quanto soggetto privato, non è
fossile superiore al 20% minimo richiesto dal
tenuta all’osservanza di procedure di evidenza
bando.
pubblica e ha la facoltà di non assegnare in tutto o
in parte il budget previsto. Il presente testo del
Saranno fortemente privilegiati i progetti che
bando è scaricabile dal sito web di Fondazione
prevedono in capo all’ente che sostiene costi di
Cariplo (www. fondazionecariplo.it).
ristrutturazione un diritto reale sull’immobile
oggetto dell’intervento e che, in presenza di costi
ammortizzabili (significativi), garantiscano
l’ottimizzazione fiscale. 7. SINTESI*

Bando Housing sociale per persone fragili


4.4 Progetti non ammissibili Tipo Senza scadenza
Budget
Saranno considerati non ammissibili i progetti: € 3.000.000
disponibile
Sostenere l’avvio di nuovi interventi
• che non prevedano un aumento dell’offerta
di abitare sociale, promossi da
abitativa esistente all’interno delle categorie
soggetti non-profit, capaci di
previste dal bando (alloggi per l’autonomia o
Obiettivi rivolgersi in modo mirato alle
l’inclusione sociale, alloggi per l’autonomia
categorie sociali più bisognose e di
“potenziale”, alloggi per l’autonomia “residua”,
mobilitare e catalizzare risorse locali
alloggi di ricettività temporanea);
altrimenti non disponibili
• che prevedano interventi di nuova costruzione
con consumo di suolo; Destinatari privati nonprofit o enti pubblici
• per la realizzazione di case famiglia o di alloggi Principali Contributo minimo €25.000 e
per famiglie aperte all’accoglienza; limiti di massimo di €350.000, non superiore
• per la realizzazione di strutture comunitarie finanziamento al 50% dei costi totali
protette, con presenza educativa continua;
Area Servizi alla Persona
• per la realizzazione di alloggi di pronto Riferimenti Contatti staff disponibili sul sito web
intervento e/o di sollievo;
www.fondazionecariplo.it
• per la realizzazione di alloggi o pensionati per * I dati riportati al paragrafo “Sintesi” hanno mera valenza
studenti; riassuntiva delle condizioni e clausole riportate nel testo del
• per la realizzazione di unità di offerta socio- bando, alle quali si rinvia per una descrizione integrale.
sanitarie (Residenze Sanitarie Assistenziali per
anziani-RSA, per persone con disabilità-RSD,
Comunità Socio-Sanitarie per disabili-CSS,
hospices, strutture di riabilitazione);
• volti a offrire alloggi in vendita o in locazione,
anche se a condizioni vantaggiose;
• rivolti a soggetti che non versano in condizioni
di elevato bisogno socio-abitativo;

Pagina 8 di 8

Potrebbero piacerti anche